Sei sulla pagina 1di 24

ITALIANO

Lei ha acquistato un prodotto di alta qualit prodotto interamente in Italia.


La lettura di questo manuale molto importante per garantire il buon funzionamento del prodotto per quanto riguarda la sicurezza e la prestazione dellapparecchio. Una corretta installazione e impostazione iniziale dei parametri di utilizzo fondamentale ed quindi riservata ad un tecnico autorizzato dal costruttore cos come la manutenzione periodica. Elemento indispensabile per il mantenimento della sicurezza e della funzionalit del prodotto la pulizia che deve essere eseguita periodicamente per garantire una lunga durata di funzionamento e per non mettere in pericolo le persone e lapparecchio. Questo manuale stato realizzato per tutti i modelli di termostufa Hydra CS THERMOS Srl.

INDICE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Avvertenze sulla sicurezza ................................................................................................2 Descrizione .........................................................................................................................3 Qualit del pellet.................................................................................................................3 Dati dimensionali................................................................................................................4 Dati tecnici ...........................................................................................................................5 Installazione ........................................................................................................................6 Canna fumaria .....................................................................................................................8 Scarico fumi .........................................................................................................................9 Presa aria ...........................................................................................................................10 Collegamenti elettrici .................................................................................................... 11 Prima accensione ..............................................................................................................13 Pannello di controllo ........................................................................................................14 Programmazione...............................................................................................................15 Segnalazione allarmi........................................................................................................ 17 Cura e manutenzione .......................................................................................................21 Collegamento con serbatoio esterno ............................................................................ 24

CODICE 6118105

ITALIANO

1. AVVERTENZE SULLA SICUREZZA


NON utilizzare combustibili diversi dal pellet (tronchetti di legno pressato aventi diametro di 6-8mm e una lunghezza di 520 mm vedi relativo capitolo) NON utilizzare alcun liquido infiammabile per accendere la termostufa NON accendere la termostufa se il vetro danneggiato e non aprire la porta focolare durante il funzionamento per nessun motivo Effettuare la pulizia del vetro solo a stufa fredda utilizzando un detergente specifico con un panno di cotone o carta da cucina NON utilizzare prodotti abrasivi per la pulizia delle superfici NON togliere tensione elettrica staccando la spina con presenza di fiamma nel crogiolo Prestare attenzione con la termostufa in funzione: le parti calde (vetro, maniglia ecc.) possono provocare ustioni. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Togliere tensione elettrica prima di effettuare qualsiasi manutenzione o pulizia NON introdurre le mani allinterno del serbatoio durante il funzionamento. Non gettare mai pellet incombusto nel serbatoio: c il rischio di incendio Non gettare mai pellet manualmente nel crogiolo specialmente con presenza di braci o fiamme Possibili cattivi odori durante il funzionamento possono essere causati dalla tipologia del pellet Possibili rumorosit durante il funzionamento sono normali, in quanto sono assestamenti delle parti assemblate Assicurare che ci sia sempre la giusta aerazione del locale dinstallazione dellapparecchio (norma UNI10683 e UNI7129)

AVVERTENZA: (vedere norma UNI10683) Deve essere sempre garantito un tiraggio naturale nella canna fumaria compreso tra 10 e 15 Pa per evitare che lassenza improvvisa di tensione elettrica o le condizioni avverse ambientali, facciano fuoriuscire il fumo allinterno dellambiente o che ne surriscaldino i componenti elettrici.

ITALIANO

2. DESCRIZIONE PRODOTTO
Tutti i modelli di termostufa HYDRA sono adatti per qualsiasi tipo di riscaldamento (radiatori, pavimento ecc..) e per la produzione di acqua calda sanitaria. La termostufa dotata di una scheda elettronica di funzionamento e controllo combustione e pu modulare la sua potenza a seconda delle richieste di riscaldamento e delle impostazioni fatte tramite il display, per potersi meglio adattare ad ogni esigenza. Durante la fase iniziale di accensione (circa 10 min) il crogiolo si riempie automaticamente di combustibile mentre le resistenze surriscaldandosi lo incendiano. Successivamente, dopo che stata rilevata la presenza di fiamma tramite il sensore fumi di combustione, si avvia il normale funzionamento che, grazie al microprocessore, ne permette di variare lapporto di combustibile agendo sul motore della coclea e ottenendo la modulazione di fiamma. In ogni momento la scheda elettronica controlla i sensori di temperatura e i dispositivi di sicurezza e, in caso di qualsiasi anomalia, ne bloccher il funzionamento segnalandolo tramite il display (vedi paragrafo codici allarmi). Il riscaldamento dellambiente viene garantito da un circolatore montato allinterno della termostufa che, al raggiungimento della temperatura dellacqua di caldaia pari a 50C verr messo in funzione. Al di sotto di tale temperatura la termostufa attiva la funzione di anti-condensa bloccando cos il circolatore dellimpianto di riscaldamento. La produzione di acqua calda sanitaria garantita da un valvola deviatrice motorizzata, montata anchessa allinterno della termostufa, e gestita dalla sonda bollitore che ne commuter la posizione dando sempre la precedenza al bollitore sanitario. La caldaia puo essere dotata del serbatoio esterno di caricamento (opzionale) dalla capacit di circa 0,38 m3 con funzionamento in automatico grazie ai due sensori in dotazione, uno di riserva e uno di carico, si otterr il continuo ripristino del serbatoio della caldaia per una maggiore autonomia. (vedi capitolo relativo)

3. QUALITA DEL PELLET


In commercio esistono svariate qualit e tipologie di pellet quindi importante scegliere quello che non sia di pessima qualit. Un pellet infatti economico e non di alta qualit contenente magari collanti, resine o sostanze chimiche rischia di compromettere notevolmente le prestazioni e la sicurezza del prodotto provocando lintasamento precoce del braciere e dello scarico fumi, la formazione di gas corrosivi, la diminuzione del rendimento, lemissione in atmosfera di sostanze inquinanti e le incrostazioni sul vetro. Le normative in merito hanno infatti stabilito che i prodotti funzionanti con questo combustibile debbano essere alimentati con pellet di buona qualit, ben compatto e poco farinoso. Le raccomandiamo di chiedere al suo rivenditore il tipo di pellet adeguato, rispondente alle normative di riferimento DIN51731 oppure -Norm M7135 ed aggiornamenti. Le caratteristiche del pellet di legno da utilizzare sono: diametro 68 mm, lunghezza di 520 mm circa, umidit 8% e un potere calorifico di 18200 kJ/kg. Il costruttore non si assume alcuna responsabilit per lutilizzo di pellet di qualit non adeguata e non ne risponde per il conseguente cattivo funzionamento della stufa. Accatastare i sacchi di pellet ad una distanza di almeno 1 metro dalla termostufa in una zona asciutta e riparata dellabitazione.

ITALIANO

4. DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI VISTA POSTERIORE

12345678910-

Presa aria comburente Scarico fumi 80mm Riempimento caldaia-impianto 1/2" Ritorno impianto 3/4" Ritorno bollitore 3/4" Opzionale Mandata bollitore 1/2" Mandata impianto 1/2" Ispezione vaso espansione Scarico valvola di sicurezza 3bar

DIMENSIONI ESTERNE
HYDRA HYDRA STAR

HYDRA PLUS

MODELLO HYDRA HYDRA STAR HYDRA PLUS


L

L 580mm 630mm 700mm

P 670mm 670mm 670mm

H 1300mm 1320mm 1350mm

ITALIANO

5. DATI TECNICI
MODELLO POTENZA TERMICA FOCOLARE POTENZA TERMICA NOMINALE RENDIMENTO EMISSIONI DI CO COMBUSTIBILE UNITA' DI MISURA kW kW % ppm PELLET

HYDRA 25 21,2 89 max 600 68mm x 520mm max 4,5**

HYDRA STAR 25 19,6 89 max 600 68mm x 520mm max 4,5**

HYDRA PLUS 25 19,6 89 max 600 68mm x 520mm max 4,5**

CONSUMO ALLA MASSIMA POTENZA AUTONOMIA MASSIMA CON FUNZIONAMENTO IN CONTINUO ALLA POTENZA 1 CAPACITA' STIVA PELLET VOLUME RISCALDABILE DIAMETRO USCITA FUMI DIAMETRO CONDOTTO ASPIRAZIONE TEMPERATURA FUMI ALIMENTAZIONE ELETTRICA MASSIMO ASSORBIMENTO ASSORBIMENTO MEDIO IN FUNZIONAMENTO ASSORBIMENTO IN ACCENSIONE PRESSIONE MASSIMA ESERCIZIO CONTENUTO ACQUA CALDAIA PESO NETTO RIVESTIMENTO

Kg/h

ORE

max 45** ore

max 45** ore

max 45** ore

Kg m3 mm mm C V A W W bar lt Kg

53 380 max 80 80 120190 V230~ / 50Hz 3 190 max 600 3 20 180 metallo

53 380 max 80 80 120190 V230~ / 50Hz 3 190 max 600 3 20 200 metallo

53 380 max 80 80 120190 V230~ / 50Hz 3 190 max 600 3 20 220 ceramica

* rendimento misurato alla massima potenza da prova di laboratorio in condizioni ottimali di installazione ** Il dato stato rilevato da prova di laboratorio in condizioni ottimali. Il consumo orario pu variare in base al tipo di pellet utilizzato e all'installazione eseguita

ITALIANO

6. INSTALLAZIONE
La termostufa Hydra, per poter funzionare correttamente, deve essere opportunamente collegata ad un impianto di riscaldamento. Si raccomanda che la termostufa sia ben fissata per evitare qualunque spostamento ed installata da un tecnico abilitato (L46/90) in modo che sia garantito il buon funzionamento dellapparecchio, la sicurezza delle persone e il rispetto alle normative nazionali vigenti. Raccordare allesterno della stufa lo scarico della valvola di sicurezza (3 bar)

SCHEMA N1 Schema di impianto uso riscaldamento con compensatore idraulico e collegamento a pi zone

7 M. R.

6 5 4 9 15 9 11 9 9 13 9 14 INGRESSO ACQUEDOTTO

12 10

R. R.

SCHEMA N2 Schema di impianto uso riscaldamento e produzione di acqua sanitaria con compensatore idraulico e collegamento a pi zone

7 M. R. MANDATA BOILER 5 4 9 15 9 11 9

9 13 9 14 ingresso acquedotto

12 10 RITORNO BOILER 2

R. R. A. S.

9 10 BOILER ESTERNO

ITALIANO SCHEMA N3 Schema di impianto uso riscaldamento integrato ad un altro generatore esistente con produzione di acqua sanitaria. Sistema con compensatore idraulico e collegamento a pi zone (fino a 35kW)
8

7 M. R.

GENERATORE ESISTENTE

5 9 4

15 9 11 9

9 13 9 14 INGRESSO ACQUEDOTTO 16

12 10

R. R. A. S.

9 3

BOLLITORE ACQUA SANITARIA 9

9 10

LEGENDA SIMBOLI 1- Pompa anticondensa 2- Pompa impianto 3- vaso espansione 8lt 4- Valvola di sicurezza 3bar 5- Trasduttore di pressione 6- Tappo 7- Valvola di sfiato aria 8- Impianto esistente 9- Valvola di intercettazione 10- Rubinetto di scarico caldaia/impianto 11- Valvola di non ritorno 12- Valvola deviatrice a 3 vie 13- Addolcitore 14- Filtro 15- Manometro stabilizzatore di pressione 16- Valvola deviatrice manuale M.R. Mandata impianto di riscaldamento R.R. Ritorno impianto di riscaldamento

Si ricorda che linstallazione idrica dellimpianto deve essere eseguita a regola darte da persona o ditta abilitata secondo quanto stabilito dalla Legge 46/90. Il costruttore declina ogni responsabilit per installazioni non eseguite correttamente o nel caso in cui non vengano eseguite da persona tecnica competente. Per linstallazione far riferimento alle norme UNI7129 e UNI10412 (e relativi aggiornamenti) Al termine dellinstallazione, chi avr eseguito la posa in opera rilascer la dichiarazione di conformit dellimpianto allutente finale cos come stabilito dalle normative vigenti. Per avere informazioni dettagliate su normative locali necessario sempre rivolgersi al comune della zona o agli enti preposti. Per sfiatare limpianto utilizzare lo sfiato aria posto in alto sul compensatore allinterno della caldaia. 7

ITALIANO

7. NORME GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA CANNA FUMARIA


Si illustrano alcune semplici ma importanti norme da seguire per una costruzione sicura della canna fumaria (leggere, per ulteriori informazioni, la norma UNI 10683). Il corretto e sicuro funzionamento della termostufa a pellet assicurato dal suo collegamento ad una canna fumaria unica ed indipendente. Nessun altro caminetto, stufa, caldaia, cappa aspirante, etc, dovranno essere collegati alla stessa canna fumaria (vedi fig.3). Questo apparecchio deve evacuare i prodotti della combustione tramite una canna fumaria verticale avente una depressione compresa tra 10 e 15 Pa, in modo da garantire sempre lespulsione dei fumi, anche in assenza di corrente elettrica o condizioni ambientali avverse. Il tratto di canna fumaria che fuoriesce dal tetto o che rimane a contatto con lesterno deve essere rivestito con tavelle o comunque ben isolato. Il comignolo deve essere antivento, avere sezione interna uguale a quella del camino, sezione utile almeno due volte quella del camino, impedire lentrata di pioggia. Eventuali fabbricati, piante od altri ostacoli che superano laltezza del tetto dovranno essere posizionati ad una distanza minima di 3 m dal comignolo (vedi fig.4). Qualora si utilizzino canne fumarie ad uscite parallele, si consiglia di alzare di un elemento la canna controvento (vedi fig. 5). La sezione della canna fumaria deve essere uniforme, con le pareti il pi possibile lisce e senza restringimenti, le curve regolari e senza discontinuit. E consigliato che il condotto fumario sia dotato di una camera di raccolta di materiali solidi ed eventuali condense situata sotto limbocco del canale da fumo, in modo da essere facilmente apribile ed ispezionabile da sportello a tenuta daria.

SI

NO

Fig.3

Fig.4

SI

NO

Fig.5

ITALIANO

8. ESECUZIONE SCARICO FUMI


Lo scarico dei fumi deve essere eseguito in conformit alle norme vigenti quindi portato sopra il tetto. Il tubo di scarico deve essere di acciaio tipo liscio con guarnizioni siliconiche e non di tipo flessibile corrugato. Inoltre deve essere convogliato allesterno e non in spazi chiusi o semichiusi come: autorimesse, corridoi stretti, sotto tettoie chiuse o qualsiasi altro luogo dove si possano concentrare i fumi in caso di fuoriuscita. Collegando la termostufa ad una canna fumaria, assicurarsi, tramite uno spazzacamino professionista, che la canna fumaria sia perfettamente integra. In caso contrario assolutamente obbligatorio intubare la canna fumaria esistente con materiale adatto per un corretto funzionamento (vedi fig.7). La canna fumaria non deve appoggiare sul ventilatore. E necessario analizzare la composizione e la struttura della casa nel momento in cui sinstalla il tubo di uscita dei fumi attraverso pareti e tetti, in modo che linstallazione sia fatta a regola darte e rispetti le norme di sicurezza in materia di prevenzione incendi. In particolare va valutata la sezione interna del camino, lassenza di ostruzioni e il materiale in cui costruita, laltezza del camino, lidoneit del comignolo e la possibilit di realizzare prese daria esterne. TIPOLOGIA DI TUBI PER SCARICO FUMI I tubi che possono essere utilizzati sono quelli rigidi in acciaio verniciato (1.5mm di spessore minimo) o in acciaio inox (spessore minimo 0.5mm). I collari dinnesto maschio/femmina si devono sovrapporre per almeno 40mm. DIAMETRI DEI TUBI DI SCARICO FUMI Il diametro dei tubi dipende dalla tipologia dellimpianto. La termostufa stata progettata per tubi di diametro 80mm ma, come riportato in tabella, in alcuni casi consigliato lutilizzo del diametro 100 mm. Nel caso si debbano utilizzare tubi di diametro100mm, collegarsi alla stufa con un raccordo a T di diametro 80mm utilizzando un raccordo 80 - 100. (vedi fig. 8) CANNA FUMARIA Lunghezza tubo minore di 5 mt Lunghezza tubo maggiore di 5 mt Installazioni situate oltre i 1200 mt s.l.m. DIAMETRO 80 mm 100 mm 100 mm GIUDIZIO Corretto Obbligatorio Raccomandato

Nota: per ogni curva a 90 aggiungere 1 m e per ogni curva a 45 aggiungere m. Le lunghezze riportate in tabella sono intese del solo tratto verticale.

I tratti orizzontali non devono superare i 2 m di lunghezza. VIETATO installare serrande o valvole che possano ostruire il passaggio dei fumi di scarico. E obbligatorio utilizzare un raccordo a T (vedi fig. 8) con tappo dispezione come raccordo tra termostufa e canna fumaria che permetta sia la raccolta della cenere che si deposita allinterno del tubo sia la pulizia periodica della canna fumaria, senza che ci comporti lo smontaggio dei tubi. Essendo i fumi in leggera pressione obbligatorio verificare che il tappo per la pulizia della canna fumaria sia perfettamente ermetico e che rimanga tale anche dopo ogni ispezione. Ricordarsi di rimontarlo sempre come in origine e controllare le condizioni della guarnizione. Verificare il corretto collegamento tra i vari tubi come indicato dal costruttore. Si sconsiglia vivamente di non fare tratti orizzontali ma se fosse necessario, accertarsi sempre che ci sia una pendenza verso lalto almeno del 5%. Se si utilizza una canna fumaria tradizionale ci si pu allacciare senza raccordo a T ma bisogna verificare che la canna fumaria sia provvista di cassetta per la raccolta delle ceneri. Si consiglia di collegarsi direttamente alla termostufa con un tratto orizzontale non superiore a 1 m. Avendo rispettato la lunghezza dei tubi, la canna fumaria dovr avere un tiraggio compreso tra 10 e 15 Pa. Non effettuare variazioni di sezione del tubo uscita fumi a met percorso e soprattutto dopo una curva o in un tratto orizzontale. Verificare che non ci siano restringimenti nel condotto di scarico o nella canna fumaria. 9

ITALIANO ISOLAMENTO E DIAMETRO DEI FORI SULLA PARETE O SUL TETTO Una volta stabilita la posizione della termostufa e verificato che il luogo di installazione sia idoneo necessario eseguire il foro per il passaggio del tubo di scarico fumi. Questo pu variare a seconda del tipo di installazione, del diametro del tubo di scarico, e del tipo di parete o tetto da attraversare. N.B.: se il solaio non sopporta il peso della termostufa, interporre sul fondo una piattaforma in lamiera della giusta dimensione con isolante da applicare sul solaio di derivazione minerale (lana di roccia) avente una densit nominale maggiore di 80 Kg/mc.

100 Raccordo 80-100 80

Raccordo a "T"

Fig.7

DIREZIONE DI PULIZIA

Fig.8

PARTE TERMINALE DELLIMPIANTO DI SCARICO Il comignolo non deve essere installato in aree chiuse, poco ventilate o, in generale, in luoghi dove i fumi si possono concentrare. E necessario verificare che intorno allo scarico dei fumi per un raggio di 3m non esistano elementi combustibili (piante,combustibili) o elementi che possano essere danneggiati dal punto di vista estetico. ATTENZIONE: Poich le normative riguardanti linstallazione delle termostufe a pellets sono in continua evoluzione, chieda al suo installatore di fiducia eventuali aggiornamenti.

9. PRESA DARIA COMBURENTE


Laria di combustione pu essere prelevata dallambiente se aerato a sufficienza, altrimenti necessario prolungare allesterno il tubo della presa aria: in questo modo si garantisce una combustione ottimale evitando lapertura di ripresa aria nellambiente. In entrambi i casi fare riferimento alle normative di installazione vigenti (UNI 10683 e UNI7129) per evitare rischi relativi alla salute di chi soggiorna nellambiente dove installato lapparecchio. Non utilizzare tubi flessibili e prevedere nella parte iniziale della presa daria (allesterno) una griglietta per evitare lingresso di corpi estranei che possano compromettere il buon funzionamento dellapparecchio.

10

ITALIANO DISTANZE MINIME PER IL POSIZIONAMENTO DELLA PRESA DARIA

Fig. 9

Per un posizionamento corretto e sicuro della presa daria vedere il disegno (vedi fig. 9) dove sono indicate le distanze minime da qualsiasi altra apertura. E importante tenere conto di eventuali scarichi a parete di altri apparecchi o di cappe daspirazione per cucina.

10. COLLEGAMENTI ELETTRICI


Tutti gli apparecchi sono equipaggiati con cavo di alimentazione elettrica che in caso di sostituzione (es. se danneggiato) bisogner rivolgersi ad un nostro tecnico autorizzato. Prima di effettuare lallacciamento elettrico accertarsi che: limpianto elettrico sia dotato di un interruttore magnetotermico da 6A le caratteristiche dellimpianto siano tali da soddisfare quanto indicato sulla targa caratteristiche applicata allapparecchio (potenza elettrica, tensione nominale,etc..) limpianto sia munito di un efficace collegamento di terra secondo le norme e le disposizioni di legge in vigore (la messa a terra obbligatoria a termini di legge) il cavo di alimentazione in nessun punto dovr raggiungere una sovratemperatura di 50C rispetto a quella ambiente. Desiderando un collegamento diretto alla rete, necessario interporre un interruttore onnipolare, con apertura minima tra i contatti di 3mm, dimensionato per il carico elettrico riportato in targa caratteristiche e rispondente alle norme in vigore; il cavo di terra giallo/verde non deve essere interrotto dallinterruttore. La presa o linterruttore onnipolare devono essere facilmente raggiungibili quando lapparecchiatura stata installata In caso di non utilizzo prolungato dellapparecchio, staccare lalimentazione elettrica. Il costruttore declina ogni responsabilit se quanto sopra descritto e le usuali norme antinfortunistiche non vengano rispettate.

11

ITALIANO

SCHEMA ELETTRICO INTERNO

SONDA ACQUA CALDA

TERMOSTATO AMBIENTE

TRASDUTTORE PRESSIONE ACQUA

MARRONE

BIANCO

BLU

TERM

S.BIOL

DISPLAY
FUSIBILE 0,8A

SONDA FUMI

NON UTILIZZATO

SONDA CALDAIA

S.AMB T.AMB - FUMI +

MODULO OROLOGIO

FUSIBILE 3,15A

T.COC T.CALD

RISCBOIL N

COCLEA

PRESS

FUMI

SCAMB

RICIR

POMPA

MARRONE

BIANCO

GRIGIO

MARRONE

MARRON

MARRONE

BIANCO

GRIGIO

ROSA

ROSA

NERO

BLEU

BLU

NON UTILIZZATO
MARRONE BLU

MARRONE BLU

PRESSOSTATO

MARRONE

TERMOSTATO DI SICUREZZA CALDAIA

TERMOSTATO DI SICUREZZA COCLEA

VALVOLA A 3 VIE MOTORE COCLEA

NERO

BLU

BLU

ALIMENTAZIONE 230V - 50Hz~

CIRCOLATORE IMPIANTO CIRCOLATORE CALDAIA

VENTILATORE DI COMBUSTIONE

RESISTENZA DI ACCENSIONE

SE NON SI UTILIZZA LA SONDA BOLLITORE PONTICELLARE IL RELATIVO MORSETTO FARE ATTENZIONE AL COLLEGAMENTO DEL TERMOSTATO AMBIENTE CHE DOVR ESSERE CON CONTATTO PULITO PER NON DANNEGGIARE LA SCHEDA ELETTRONICA

12

ITALIANO

11. CONTROLLI PRELIMINARI ALLA PRIMA MESSA IN FUNZIONE


PRESCRIZIONI OBBLIGATORIE PER LA SICUREZZA DELLE PERSONE, ANIMALI E COSE. Si informa qui di seguito linstallatore di alcune norme generali da seguire obbligatoriamente per una corretta installazione. Nel caso in cui la termostufa venga installata su di un pavimento in legno si consiglia un isolamento preventivo della base di appoggio con una lamiera dello spessore di 2 millimetri e delle dimensioni superiori a 50mm tutto intorno allapparecchio. Il tubo duscita dei fumi non pu essere inferiore agli 80 mm di diametro. Lasciare uno spazio minimo di 50 mm tra la lamiera posteriore della termostufa e la parete posteriore in modo da permettere la corretta ripresa dellaria Lasciare uno spazio minimo di 70 cm sui lati della caldaia per permettere una agevole manutenzione. In caso di installazione vicino a pareti infiammabili o combustibili mantenere una distanza di sicurezza di almeno 30 cm su entrambi i lati e posteriormente. Evitare di lasciare qualsiasi tipo di materiale combustibile e infiammabile nel raggio di 1 metro dalla zona di irraggiamento del vetro nella parte anteriore dellapparecchio. In caso di installazione su pavimento in materiale infiammabile posizionare una lamiera di 3mm minimo di spessore che fuoriesca dallapparecchio nella parte anteriore almeno di 30cm e 10 cm lateralmente. Verificare il corretto livello di carico del combustibile allinterno del crogiolo. Alla prima accensione durante i primi minuti di funzionamento si potrebbe sentire un leggero odore di vernice: questo normale. Arieggiare bene il locale lasciando in funziona la termostufa.

13

ITALIANO

12. PANNELLO DI CONTROLLO DISPLAY

DESCRIZIONE PULSANTIERA DISPLAY Tasto 1- incrementa la temperatura di caldaia, visualizza la temperatura dei fumi e dellacqua calda sanitaria Tasto 2- decrementa la temperatura di caldaia, visualizza lora impostata e la pressione dellimpianto Tasto 3- multifunzione: per accedere alla programmazione al livello utente finale e livello tecnico, imposta e conferma i dati Tasto 4- funzione di ON-OFF manuale ed uscita dalla programmazione Tasto 5- diminuisce la potenza di funzionamento e, dopo aver premuto SET, commuta il funzionamento tra estate e inverno Tasto 6- aumenta la potenza di funzionamento e, dopo aver premuto SET, commuta il funzionamento da modulazione a spegnimento
c

SIGNIFICATO LUCI LED

Il led acceso indica che si in modalit di variazione velocit del ventilatore fumi
Set

Set

Il led lampeggiante indica che la caldaia sta ripristinando la temperatura dellacqua sanitaria Il led acceso fisso indica che si sta programmando la temperatura dellacqua sanitaria Il led acceso fisso indica che si in modalit di variazione del tempo di funzionamento del motore coclea Il led lampeggiante indica il tempo di funzionamento del motore coclea Il led acceso indica che si in modalit di programmazione degli orari
Set

Il led acceso indica che il circolatore di riscaldamento in funzione Il led acceso indica laccensione automatica ad orario Il led acceso indica che si in modalit estate

Il led acceso indica che il termostato ambiente in richiesta di calore Il led lampeggiante indica che la caldaia in modalit inverno con funzione di spegnimento al raggiungimento della temperatura Il led acceso fisso indica che la caldaia in modalit inverno con funzione di modulazione al raggiungimento della temperatura

14

ITALIANO

53 C FirE

DISPLAY MULTI CIFRA visualizza le fasi di funzionamento in corso, gli allarmi in corso, le informazioni di temperatura, i dati orologio, i dati parametri. Durante il normale funzionamento viene indicato in alternanza la fase Fire e la temperatura dellacqua sanitaria

18
3

DISPLAY DUE CIFRE visualizza la temperatura di caldaia, se c presente un allarme o il numero del parametro prescelto DISPLAY UNA CIFRA visualizza la potenza di funzionamento

LETTURE DINFORMAZIONE - Temperatura fumi di combustione: tenere premuto il Tasto 1 (esempio 145F) - Temperatura acqua sanitaria: tenere premuto il Tasto 1 (esempio 52C) - Pressione acqua caldaia: tenere premuto il Tasto 2 (esempio 1.5b) - Orario impostato: tenere premuto il Tasto 2 (esempio 8:15)

13. PROGRAMMAZIONE
- Impostazione della temperatura di caldaia: premere il tasto SET e regolare con i tasti la

temperatura desiderata, visualizzata sul display a 2 cifre. Il valore ammesso compreso tra 50C e 75C. - Impostazione della potenza di funzionamento: premere ripetutamente i tasti potenza desiderata, visualizzata nel display a 1 cifra. - Impostazione della temperatura acqua sanitaria: premere il tasto SET verde e regolare con i tasti
1
2

per determinare la

pi volte finch si accende il led

la temperatura desiderata, visualizzata sul display multi cifra.

Il valore ammesso compreso tra 50C e 65C. - Commutazione ESTATE/INVERNO: premere una volta il tasto SET e poi il tasto

- Impostazione a SPEGNIMENTO (il led inverno lampeggia): premere una volta il tasto SET e poi il tasto
6

- Impostazione a MODULAZIONE (il led inverno fisso): premere una volta il tasto SET e poi il tasto

- Impostazione del programma di accensione automatico: premere il tasto SET pi volte finch si accende il led verde
Set

e compare sul display a 2 cifre la scritta alternata UT 01.

N.B.: Per spostarsi da un parametro di programmazione settimanale ad un altro premere sempre il tasto SET, mentre per modificare un parametro agire sui tasti 1 e 2. Una volta impostato un nuovo parametro premere sempre SET e il dato verr confermato e rimarr memorizzato automaticamente fino a nuove modifiche. 15

ITALIANO PARAMETRI PROGRAMMAZIONE OROLOGIO E ACCENSIONE AUTOMATICA La programmazione non possibile se quella settimanale risulta in OFF. possibile effettuare un massimo di 2 accensioni e 2 spegnimenti al giorno.

UT01:

visualizza il giorno della settimana. Day1...Day7 oppure OFF ad indicare il disinserimento

della

programmazione. Day 1 quello che viene assunto per convenzione come luned; a seguire il day2 sar marted, day3 mercoled, ecc

UT02: UT03: UT04: UT05: UT06: UT07:

modifica ora corrente visualizzata nel display. modifica dei minuti. chiave di accesso parametri tecnici. imposta orario della prima accensione del giorno in automatico, con step di 10 min. imposta orario del primo spegnimento del giorno in automatico, con step di 10 min. sceglie i giorni in cui questa prima accensione viene effettuata. Premendo il tasto 1 si sceglie il giorno della settimana, mentre con il tasto 2 si attiva (ON sul display) o disattiva (OFF sul display). Una volta impostati tutti i giorni della settimana, confermare con il tasto 3.

UT08: UT09: UT10:

imposta orario della seconda accensione del giorno in automatico, con step di 10 min. imposta orario del secondo spegnimento del giorno in automatico, con step di 10 min. vedere stessa procedura della UT07 per la seconda accensione del giorno.

N.B.: In qualunque momento possibile uscire dalla programmazione premendo il tasto 4. Gli orari di accensione/spegnimento impostati nel primo e nel secondo programma giornaliero non si devono accavallare.

FASI DI FUNZIONAMENTO
DISPLAY SIGNIFICATO Stato di spegnimento permanente Fase di controllo funzionamento del ventilatore di combustione tramite il pressostato aria Fase di accensione della durata di max 15 minuti, con caricamento di combustibile nel crogiolo contemporaneamente allalimentazione elettrica delle resistenze Fase di stabilizzazione fiamma durante la quale la temperatura dei fumi di combustione deve superare i 60 Fase di funzionamento regolare, avvio del circolatore di riscaldamento e possibilit di impostazione della potenza di funzionamento. In questa fase viene sempre data la precedenza alla produzione dellacqua sanitaria Funzione speciale per la pulizia del crogiolo che si ripete in automatico ad intervalli regolari durante il funzionamento Fase di raffreddamento durante lo spegnimento Fase di spegnimento per raggiunta temperatura

oFF on FAn LoAd Wood on FirE FirE StoP FirE CooL FirE Eco StoP

La velocit del ventilatore fumi di combustione alle diverse potenze nonch le fasi che precedono e seguono il normale funzionamento dellapparecchio, sono parametri impostabili esclusivamente da un tecnico autorizzato CS THERMOS.

16

ITALIANO

14. SEGNALAZIONE ALLARMI


Lapparecchio progettato per bloccarsi automaticamente in caso di pericolo o mal funzionamento (es.: temperature troppo elevate, scarico o aspirazione ostruiti, mancanza combustibile, ecc...) segnalandone il guasto sul display. E vietato per chiunque, se non autorizzati, intervenire sui dispositivi di sicurezza. Allarme mancata accensione: si verifica dopo il primo tentativo fallito di accensione, quando la temperatura della camera di combustione non oltrepassa i 60C nel tempo di 15 minuti. A display appare NO FIRE e il ventilatore fumi funziona per 10 min per evacuare il residuo di fumo. Allarme ventilatore fumi: In caso di depressione insufficiente (ostruzione scarico fumi superiore al 50%) il pressostato aria blocca il funzionamento e compare la scritta NO ASP Allarme sovratemperatura fumi: se la temperatura dei fumi troppo elevata interviene il termostato di sicurezza (a riarmo manuale) e viene visualizzata la scritta HOT PEL. Allarme sovratemperatura coclea: se la temperatura del tubo di discesa coclea troppo elevata interviene il termostato di sicurezza (a riarmo manuale) e viene visualizzata la scritta OFF SIC Allarme sonda fumi: in caso di guasto della sonda viene visualizzata la scritta SOND FUMI, ed attivato sia il ventilatore di riscaldamento che laspiratore fumi con linterruzione dellalimentazione pellet. Allarme temperatura fumi: se la temperatura dello scarico fumi oltrepassa il limite a display appare la scritta

HOT TEMP ed il ventilatore fumi viene spinto al massimo finch la temperatura risulter inferiore a 60C. Allarme sonda di caldaia: in caso di guasto della sonda viene visualizzata la scritta Sond H2O
Allarme pressione acqua: in caso non corretta pressione dellacqua di impianto, troppo elevata oppure troppo bassa, viene visualizzata la scritta PrES H2O Allarme mancanza pellet: se durante il funzionamento il serbatoio si svuota oppure qualcosa ne blocca il passaggio del pellet, lapparecchio si blocca e il display visualizza la scritta NO PEL Allarme motore coclea: in caso di anomalia del motore coclea compare la scritta LOAD PEL

ELENCO CODICI ERRORE


Ai fini della vostra sicurezza non manomettere o modificare nessun componente della termostufa. Se accade quanto sopra il costruttore non garantisce il normale funzionamento dellapparecchio che pu risultare molto pericoloso. In caso di malfunzionamento, difficolt o qualora intervenisse una sicurezza importante chiamare il personale autorizzato. Tutte le operazioni comunque devono essere eseguite a freddo, e in assenza di tensione elettrica.

Problema

Allarme evidenziato

Motivo
Utente

Soluzione

Nessuno

17

Centro assistenza

Non acceso nessun segmento del display

La spina scollegata Il flat che collega il pannello alla scheda risulta danneggiato Il cavo di alimentazione risulta danneggiato Sovraccarico di corrente alla scheda

Verificare che la spina sia inserita correttamente Verificare lo stato dei fusibili della scheda e se necessario sostituirli Sostituire la scheda elettronica o il pannello di controllo o il flat di collegamento con ricambi originali Sostituire il cavo di alimentazione con ricambi originali

ITALIANO Allarme evidenziato

Problema

Motivo

Soluzione

La stufa si accende ma dopo circa 20 si spegne

AL NO FIRE

Centro assistenza

Il serbatoio del pellet risulta essere vuoto Il crogiolo o le pareti della camera di combustione non sono state pulite adeguatamente La resistenza di accensione non funziona La sonda che rileva la temperatura dei fumi non inserita correttamente o non risulta collegata correttamente La qualit del pellet non buona o il pellet non quello iniziale verificato dal tecnico autorizzato nella fase di accensione o quello raccomandato dal rivenditore o dalla casa costruttrice La temperatura non sufficientemente alta

Riempire il serbatoio: possibile che ci vogliano 2 accensioni manuali per attivare la fiamma perch in questo caso la coclea era vuota. Pulire il crogiolo verificando che i fori non siano otturati e/o pulire le pareti della camera di combustione e i relativi passaggi dei fumi Se si accende e poi si spegne, ripetere loperazione manualmente perch il pellet pu essere umido o di scarsa qualit Aspirare bene linterno del tubo della resistenza di accensione e pulire il condotto di scarico

Utente

Verficare lalimentazione della candeletta e se necessario sostituirla con ricambi originali Collegare correttamente la sonda o inserirla nellapposita sede o eventualmente sostituirla con ricambi originali Sostituire la scheda situata in basso alla termostufa con ricambi originali Aumentare del tempo necessario la fase di accensione Riempire il serbatoio: possibile che ci vogliano 2 accensioni manuali per attivare la fiamma perch in questo caso la coclea era vuota. Pulire il crogiolo verificando che i fori non siano otturati e/o pulire le pareti della camera di combustione e i relativi passaggi dei fumi Modificare i parametri relativi al carico pellet al minimo portandoli ad un valore leggermente superiore Modificare il parametro relativo alla pulizia intermedia o accorciandone il tempo e la frequenza di lavaggio Vuotare la coclea e verificare che giri correttamente allinterno della sua sede Sostituire la coclea con ricambi originali e misure corrette Sostituire il motore della coclea con ricambi originali Sostituire la scheda situata in basso alla termostufa con ricambi originali Aspirare la segatura in modo da liberare la coclea

(visualizzazione fire ) non

stop sono

corrette Bloccato il motore della coclea Nel fondo del serbatoio si formato uno strato di segatura che impedisce lingresso del pellet

18

Centro assistenza autorizzato

La stufa accesa ma dopo diverso tempo si spegne

AL NO PEL

Il serbatoio del pellet risulta essere vuoto Il crogiolo o le pareti della camera di combustione non sono state pulite adeguatamente La temperatura del minimo non risulta sufficientemente elevata Le fasi di pulizia intermedia

Utente

ITALIANO Allarme evidenziato

Problema

Motivo

Soluzione
Far verificare la corretta installazione delle termostufa (vedere capitolo relativo all installazione) Verificare le guarnizioni della porta Controllare che la porta si chiuda correttamente Controllare che il cassetto cenere sia inserito correttamente e chiuso dallapposito dado Pulire accuratamente il condotto fumi Controllare che il foro del pressostato non sia otturato Verificare la corretta installazione delle stufa (vedere capitolo relativo all installazione) Sostituire le guarnizioni della porta con ricambi originali Pulire il tubetto di silicone del pressostato o sostituire lo stesso con ricambi originali Sostituire il motore di aspiratore fumi con ricambi originali chiamare il centro assistenza autorizzato collegare opportunamente la sonda alla scheda sostituire la sonda con ricambi originali Sostituire la scheda situata in basso alla stufa con ricambi originali Controllare la corretta connessione alla scheda verificando la polarit del cavetto chiamare il centro assistenza autorizzato

Intervento del pressostato fumi

AL NO ASP

Aspiratore fumi bloccato o danneggiato Scarico ostruito o fortemente intasato Percorso fumi esteso, orizzontale o con un numero elevato di curve Guarnizioni di tenuta della porta deteriorate o prive Porta aperta Cassetto cenere non inserito correttamente Tubetto siliconico del pressostato danneggiato o intasato

Utente

Centro assistenza

Guasto alla sonda fumi

AL SOND FUMI

cattivo collegamento della sonda alla scheda sonda danneggiata

Utente

Centro assistenza

Utente

Centro assistenza

Guasto alla sonda acqua di caldaia

AL Sond H2O

cattivo collegamento della sonda alla scheda sonda danneggiata

collegare opportunamente la sonda alla scheda sostituire la sonda con ricambi originali Sostituire la scheda situata in basso alla stufa con ricambi originali Controllare la corretta connessione alla scheda Pulire accuratamente il condotto fumi Far verificare la corretta installazione delle stufa Verificare la corretta installazione delle stufa (vedere capitolo relativo all installazione) Verificare la corretta impostazione dei parametri relativi Verificare la corretta posizione del cassetto cenere e la sua chiusura ermetica Sostituzione della sonda di temperatura con ricambi originali Sostituire la scheda situata in basso alla stufa con ricambi originali

19

Centro assistenza

Intervento del termostato di sicurezza fumi

AL HOT TEMP

condotto fumi ostruito o fortemente intasato impostazione parametri non corretta sede della sonda di controllo temperatura non corretta o sonda danneggiata

Utente

ITALIANO Allarme evidenziato

Problema

Motivo
Utente

Soluzione

chiamare il centro assistenza autorizzato Caricare acqua nellimpianto e verificare eventuali perdite Verificare il vaso despansione dellimpianto Se limpianto del tipo a vaso aperto intervenire sui parametri per escludere il controllo della pressione Chiamare il centro assistenza autorizzato

Anomalia sonda caldaia

AL TO

La sonda caldaia guasta La scheda non rileva la sonda caldaia

Centro assistenza

Pressione acqua impianto non corretta

AL PrES H2O

La pressione dellimpianto scesa sotto 0,5bar La pressione dellimpianto aumentata oltre i 2,8bar

Controllare la corretta connessione alla scheda Sostituire la sonda con ricambi originali Sostituire la scheda con ricambi originali
Utente

chiamare il centro assistenza autorizzato

Centro assistenza

Anomalia del motore coclea

AL LoAd PEL

Il motore coclea ha funzionato in continuo per pi di 20 sec

Verificare i parametri impostati Verificare luscita di tensione nella scheda Verificare il collegamento elettrico del motore coclea alla scheda

Utente

chiamare il centro assistenza autorizzato verificare la corretta installazione della stufa e la pulizia del condotto fumi Verificare la corretta impostazione dei parametri relativi Verificare la pulizia di tutte le parti sensibili Verificare la corretta posizione del cassetto cenere e la sua chiusura ermetica Verificare e/o sostituire lisolante tra la camera di combustione e la coclea Riarmare o sostituire il termostato Sostituire la scheda situata in basso alla stufa con ricambi originali

N.B.: Per ripristinare il funzionamento spegnere e riaccendere la termostufa con il tasto 20

Centro assistenza

Intervento termostato di sicurezza acqua caldaia a riarmo manuale

AL HOT PEL

Fascio tubiero dei fumi fortemente intasato Possibili bolle daria allinterno della caldaia termostato difettoso o non posizionato correttamente

Utente

Centro assistenza

Intervento termostato di sicurezza a riarmo manuale sulla coclea

AL OFF SIC

condotto fumi ostruito o fortemente intasato impostazione parametri non corretta termostato difettoso o non posizionato correttamente crogiolo sporco

chiamare il centro assistenza autorizzato Verificare la pulizia del passaggio fumi Sfiatare la caldaia Riarmare il termostato Sostituire il termostato

ITALIANO

15. CURA E MANUTENZIONE


Per assicurare il corretto funzionamento e la massima efficienza della termostufa eseguire settimanalmente le seguenti operazioni di manutenzione.
LE OPERAZIONI DI SEGUITO RIPORTATE DOVRANNO ESSERE ESEGUITE A FREDDO

CONDOTTO FUMI E CANNA FUMARIA Il condotto dei fumi di combustione nonch il tratto orizzontale con il T di ispezione e lintera canna fumaria devono essere controllati e puliti almeno due volte lanno (vedi relativo capitolo). Le raccomandiamo di contattare un tecnico specializzato per una pulizia accurata e professionale.

FASCIO TUBIERO A SCAMBIO DI CALORE La termostufa a pellet Hydra stata studiata per rendere veloci e facili le pulizie dello scambiatore fumi. E consigliato, almeno una volta al giorno a caldaia fredda, movimentare in entrambi i sensi le tre leve (vedi figura) poste ai lati della termostufa che collegate ai pettini faranno cadere nel cassetto cenere tutti i residui di combustione presenti nei passaggi fumi dello scambiatore.

CROGIOLO PELLET Per un buon funzionamento dellapparecchio importante che il crogiolo (vedi figura) sia mantenuto costantemente pulito. Ogni tre utilizzi consigliabile toglierlo (a caldaia fredda) e aspirare al suo interno la cenere ed il residuo di pellet incombusto avendo laccortezza di riposizionarlo correttamente nella sua sede. In dotazione viene fornita anche una griglia forata da posizionare allinterno del crogiolo che potr essere utilizzata solo con pellet certificato e di ottima qualit.

21

ITALIANO FOCOLARE E PERCORSO FUMI DI COMBUSTIONE Una volta alla settimana procedere come di seguito descritto, dopo aver lasciato raffreddare la caldaia: - Aprire la porta della camera di combustione e rimuovere il crogiolo dalla propria sede. - Togliere il tappo di ispezione posto alla base del focolare ed inserire lapposito raschiatore (come indicato in figura) agitandolo allinterno della fessura in modo da far cadere la cenere accumulata durante il funzionamento. Aspirare ora accuratamente tutta la cenere presente tra le intercapedini e i passaggi. - Scovolare energicamente con lapposito attrezzo (in dotazione) tutti i tubi dello scambiatore fumi, posto sopra il focolare, cercando di salire il pi possibile finch non si noter pi la fuoriuscita della fuliggine.

CASSETTO CENERI Almeno una volta alla settimana procedere come di seguito descritto, a caldaia fredda: Aprire la porta sotto al focolare, svitare il pomello ed estrarre il cassetto cenere con cautela. Vuotare oppure aspirare tutta la cenere facendo attenzione che non vi siano braci nelle ceneri. Reinserire il cassetto nella sua sede e riavvitare il pomello, assicurandosi che la guarnizione aderisca su tutto il bordo della battuta.

22

ITALIANO INGRESSO DARIA PER LA COMBUSTIONE Durante la pulizia settimanale ricordarsi dispezionare il tubo d ingresso aria (vedi figura) posto sotto le resistenze di accensione per assicurarsi che non sia ostruito da alcun corpo estraneo. Se necessario rimuovere la sporcizia con le dita oppure aspirare.

VETRO PORTA FOCOLARE Il vetro montato sulle porte focolare del tipo ceramicato resistente cio alle alte temperature. Per la pulizia utilizzare un panno non abrasivo inumidito con un prodotto liquido specifico per vetri. Nel caso in cui sia stato danneggiato (es. scheggiato) Le raccomandiamo di farlo sostituire immediatamente da un tecnico autorizzato prima di mettere in funzione nuovamente lapparecchio. NON tentare di riparare il vetro danneggiato: c pericolo di scoppio durante il funzionamento!

GUARNIZIONE PORTA FOCOLARE

Verificare periodicamente lo stato di usura della guarnizione fissata sul bordo interno della porta focolare in quanto essa ne assicura una chiusura ermetica. Nota: verificare la tenuta della guarnizione interponendo un foglio di carta tra la porta in chiusura e la sua battuta, provando ad estrarlo assicurandosi che sia fattibile con una certa difficolt. In caso contrario contattare un Centro Tecnico autorizzato per la sostituzione della guarnizione.

PULIZIA GENERALE E DI FINE STAGIONE Provvedere ogni due mesi a svuotare il serbatoio del pellet ed aspirare dal fondo la polvere di segatura formatasi. Terminato lutilizzo, a fine stagione, pulire e verificare tutte le parti sopra indicate ricordandosi di scollegare elettricamente la stufa togliendo la spina dalla presa elettrica per una maggiore sicurezza. E consigliato far verificare e pulire lapparecchio almeno una volta lanno da un tecnico autorizzato al fine di accertarne il buon funzionamento. Si consiglia di controllare e alloccorrenza lubrificare le bronzine della coclea pellet.

23

ITALIANO

16. COLLEGAMENTO CON IL SERBATOIO ESTERNO


Nellinstallazione assicurarsi che il tubo spiralato di discesa pellet non presenti curve verso il basso altrimenti c il rischio di intasamento. Tagliare a misura il tubo in eccesso. Fissare accuratamente il tubo spiralato sul serbatoio della caldaia. Tenere una distanza minima del serbatoio dai fianchi della caldaia di almeno 50cm. NON introdurre le mani allinterno del serbatoio durante il funzionamento. Togliere tensione elettrica prima di effettuare qualsiasi manutenzione.
1600mm

1900mm

1270mm

APERTURA PER ISPEZIONE E PULIZIA SERBATOIO

850mm
CONNETTORI ELETTRICI APERTURA PER ISPEZIONE SCATOLA ELETTRICA

650mm

MOTORE COCLEA

FASCETTA IN METALLO TUBO SPIRALATO AUTOESTINGUENTE FISSARE IL TUBO AL SERBATOIO

INTERRUTTORE ON/OFF

min. 50cm

SENSORE CAPACITIVO DI CARICO

MOTORE COCLEA 230V~ - 50Hz ALIMENTAZIONE ELETTRICA 230V~ - 50Hz SENSORE CAPACITIVO DI RISERVA

DA INSTALLARE NEL SERBATOIO DELLA CALDAIA

24