Sei sulla pagina 1di 11

Dina e Michele Dicorato Mary e Gigi Besana

$
/ 0
. . ''
. 1 2! '
+ 3 $
! 4
*&
" # $ %
" $ $ % &
# !

$ $ # $
' $ $ / 5' + * *
( ' ) *6 5 '.* & 7 8 * + " *0 ! 9
" $ % * &
* % 4 %
$ 4 $
$ " % / *&
$ $
+
% $ .
, - 0
. " %
" -
! ''
$ 3 4
&
$ #
$ $
. $ $ # #
. $ $ %
$
-
. / 0 *
$ $ $ :

1
END Milano Giugno 2005

; $
$ %
*&
+ $ :
+ $
* << . = $
$ ; &
$
. $
> $
* #
* $
$ $ $ $
$
7 $ , '

$
% .
$
$
$ %

/ 0
$ #
%
" $

! "
#$% &

Avviso per tutti


" ?

Ricordiamo l’importanza
di consegnare alle coppie
responsabili quanto è
emerso dalla riunione di
bilancio della propria
equipe.

2
Giugno 2005 End Milano

VITA DEI SETTORI

di Luisa e Francesco Banfi

Carissimi co-equipiers, coppie e consiglieri, Siamo diventati mestieranti, abitudinari,


siamo Luisa e Francesco Banfi, dal mese di dell’END? Organizzatori, efficientisti?
settembre 2004 siamo stati chiamati a svolgere il
servizio di responsabili regionali END. Servizio In questi ultimi mesi ci stanno inquietando due
che abbiamo accolto con trepidazione e con gioia. letture : la prima è di Don Tonino Bello che nel
Vi chiediamo il permesso di partecipare, con piano pastorale del 1989 scrive : “ Cristiano non è
questa lettera, alla vostra riunione d’equipe, nel colui che celebra riti, ma colui che si fa trovare in
momento della vostra compartecipazione. casa dal Signore che lo interpella, e gli risponde di
Vorremmo mettere in comune con voi un po’ si. Non basta strutturare un gruppo famiglia, se chi
della nostra vita, le speranze e le preoccupazioni ne fa parte non si sente provocato a riscoprirsi
di questo nostro servizio. costruttore del Regno….Non conta gran cosa che
Quando, circa 25 anni fa, ci siamo accorti che il una associazione scoppi di iniziative, se poi è
nostro rapporto di coppia aveva bisogno di essere anemica di parola vissuta”
approfondito per scoprire il valore del matrimonio Tradotto: un equipier non è uno che fa, anche
cristiano che avevamo celebrato, ci siamo anche diligentemente tutti i punti concreti di sforzo, ma
resi conto che da soli non sapevamo cosa fare. uno che attraverso questi strumenti accoglie
La stessa esigenza di alcuni amici ci ha portato ad dentro di sé Cristo e si lascia sconvolgere
incontrare la proposta END. La seconda lettura : Ap 3,20 “ Ecco, sto alla porta
Pensiamo che la nostra storia, tra momenti di e busso, se uno ascolta la mia voce e mi apre, io
entusiasmo e momenti di stanchezza, sia una verrò da lui e cenerò con lui ed egli con me”.
storia molto comune a tanti di voi.
La scoperta della ricchezza che dona a noi coppie Ci troviamo disarmati, queste parole ci fanno
vivere i vari momenti proposti dal metodo: rileggere tutta la nostra vita passata e soprattutto
preghiera, dovere di sedersi, regola di vita, questo attuale. Siamo entrati in equipe perché abbiamo
momento della compartecipazione che ci rende sentito bussare alla nostra coscienza e abbiamo
intimi agli altri, tema di studio, vita nel aperto al Signore. Oggi il Signore tutti i giorni
movimento e l’entusiasmo generato da questo bussa, a noi, a voi, a ogni persona nel mondo.
modo di vivere ci hanno permesso e ci permettono Quanto e quale rumore nella nostra vita ci
di vedere i passi avanti fatti da noi e come noi da impedisce di sentir bussare? E, quand’anche
tutta la nostra equipe. sentiamo bussare, abbiamo di nuovo il coraggio di
aprire e di far entrare Gesù come all’inizio del
Ci sono stati e ci sono momenti in cui il nostro nostro cammino END ?
carattere ci porta a lasciarci sopraffare
dall’abitudine, dalla pigrizia. Ci viene facile Sappiamo già che con questa accoglienza non
autogiustificarci quando facciamo fatica a sapremo più dire di no alla Sua presenza e la
rimetterci in discussione, in coppia e in equipe. nostra vita avrà dei ritmi, delle richieste non
Sono i momenti in cui, nella nostra vita, invece di calibrate sulle nostre scelte di comodo ma su
alzare lo sguardo abbiamo abbassato il tiro, quelle che Lui ritiene utili alla nostra conversione.
abbiamo abbassato l’obiettivo da raggiungere. Noi sentiamo che Gesù sta di nuovo bussando
Ci viene anche un dubbio : il nostro modo di nella nostra vita, si presenta col volto di tante
essere in equipe, il nostro modo di vivere il persone, anche con il vostro volto. Lo fa per
metodo, la disponibilità, il nostro fare ricondurci all’ Amore che ci unisce come coppia e
servizio………..abbiamo forse perso l’obiettivo che ci invita ad una disponibilità senza calcoli.
del nostro essere in equipe ?
Conoscendo le nostre miserie abbiamo deciso di
Le motivazioni che ci avevano spinto a cercare il riaprire la porta, ed è un invito che facciamo
Signore nella nostra vita, nel modo di scambiarci anche a voi, come coppia, come equipe, perché
il nostro amore, nell’essere pronti e disponibili si Lui cenerà con noi e noi con Lui
sono offuscate, si sono perse ?
3
END Milano Giugno 2005

di Loris e Anna Rizzo


(Monza 4)

“Questa sessione è riuscita a ingenerare nella testimonia un modo, quel modo, in cui è
nostra coppia un po’ di inquietudine, di avvenuto il suo incontro con Gesù.
insoddisfazioni salutari? E riuscita in minima Si sono susseguite testimonianze toccanti , molto
parte a far ardere il cuore?”, questa una delle diverse tra loro, di coppie di équipiers e non , che
domande proposte per la riflessione a fine hanno risposto alla chiamata del Signore ed hanno
sessione. dato secondo i talenti ricevuti da Dio. Perché la
Pensiamo proprio di sì, anche se non ce ne siamo missione, la conversione è anche restituzione del
accorti immediatamente, ma solo dopo essere frodato, la restituzione di quanto preso in
rientrati a casa ed aver ripreso la quotidianità di precedenza.
sempre.
Ogni coppia innanzitutto ha la sua missione verso
Questa per noi è stata la prima Sessione sé stessa: la missione coniugale è quello che ci
Nazionale, non ci abbiamo pensato troppo prima testimoniamo a vicenda, la testimonianza della
di decidere di partire. Quando ci è arrivato il speranza della salvezza, dell’accoglimento della
volantino di iscrizione insieme alla LETTERA diversità uomo-donna.
END abbiamo pensato che capitava proprio a
fagiolo per risolvere una questione che si
trascinava da un paio di mesi: “ I figli tardano ad
arrivare e ci chiediamo qual è il nostro progetto di Questa sessione, da cui, per il momento, abbiamo
coppia. Loris parla di conversione, ma forse senza solo rubato, non è riuscita a dare una risposta
comprenderne a pieno il significato; Anna non chiara ai nostri interrogativi, non ci ha mostrato
capisce cosa lui vuole intendere, non avrebbe una strada ben precisa da seguire, ma ci ha
voluto che Loris diventasse un fraticello tranquillizzati e rassicurati e siamo più che mai
costantemente in preghiera “ convinti che:
La parola conversione scritta sull’opuscolo ci fa Dio ha già tracciato una strada per tutti noi che
rizzare le antenne e subito capiamo che è non possiamo conoscere a priori. Voltandoci a
l’occasione per chiarire la questione. guardare la vita trascorsa la vedremo. Dobbiamo
essere sempre pronti a rispondere alla chiamata
In molti ci avevano detto che solo a questi incontri del Signore, senza disperarci perché non abbiamo
così allargati si poteva respirare a pieno il senso un progetto… il progetto c’è da sempre. Nella
del movimento ed è proprio vero. Ci sembrava di nostra quotidianità, nelle piccole cose, c’e la
essere in un’altra dimensione, lontani dal lavoro, nostra conversione e missione.
dalla solita routine, ma soprattutto più vicini a
Dio. Tornati alla nostra Gerico abbiamo visto tutto con
Particolarissima e molto profonda la relazione di occhi diversi….una sana inquietudine, che
Mons. Francesco Beschi che ci fa riflettere sul inizialmente sembrava non averci intaccati, è
passo del Vangelo riferito a Zaccheo. arrivata a sostenerci per non ricadere
Ogni uomo, come Zaccheo, è un cercatore (di nell’indifferenza.
Dio) e allo stesso tempo Gesù è venuto a cercarci
per salvarci; così nasce la missione di ognuno: la Un grazie agli organizzatori , ai relatori, a tutti
costante ricerca di Dio ed alla fine ognuno trova il coloro che abbiamo incontrato alla Sessione ed
suo sicomoro, l’incontro con Gesù, il punto di in particolare un sentito grazie alle coppie della
conversione che ti rimette sulla strada giusta. nostra équipe di formazione che ci hanno dato
Zaccheo era un peccatore, era uno scandalo che tantissimo, sostenuti ed incoraggiati ; ed un
Gesù lo incontrasse, ma Zaccheo è un testimone. invito a tutti coloro che non hanno ancora
Uno degli aspetti su cui ci si è soffermati è che partecipato a una Sessione Nazionale ad
nessuno è un modello da seguire, ma bensì un andarci … perché chi non prova non crede.
testimone. Ognuno ha la sua via e con la sua vita

4
Giugno 2005 End Milano

8 maggio 2005 Ha un impianto storico, la Pasqua è la festa


Dalla giornata di settore di Cormano principale, l’uomo si è divinizzato
(CRISTOLOGIA ASCENDENTE), la Chiesa
raccoglie il testimone di questo fatto, lo
Spirito santo sostiene tutta la vicenda. La
teologia che ne discende è secondaria agli
avvenimenti, la filosofia è un aiuto alla
ragionevolezza del tutto.
Appunti liberi dalla relazione di Padre
Il fuoco dell’evangelizzazione è nel testimone
P.Ottaviano di Gesù.
Premessa: FEDE è accettare una Oggi è subentrata una terza modalità di
affermazione per noi non evidente, sulla evangelizzare: il metodo antropologico.
fiducia di testimoni giudicati attendibili, Si cattura l’attenzione dell’uomo con proposte
nell’impossibilità di poter controllare di che possano incontrarne il favore (gioco,
persona. Abbiamo una quantità di indizi, ma feste, iniziative varie) e poi si tenta di parlargli
non abbiamo prove! di Dio, quasi sempre nella “modalità
Il problema è: qual è il modo migliore per alessandrina”. E’ un po’ un “metodo da
trasmettere la fede (cristiana) oggi! venditore”, che temendo di aver un pessimo
prodotto da piazzare, ricorre alle promozioni
e agli sconti.
QUATTRO COSE FONDAMENTALI Il fuoco dell’evangelizzazione pare centrato
1) Se credo è perché ho accettato nelle iniziative organizzate.
liberamente il dono di Dio (il dono
precede la mia volontà, che si Il vantaggio della scuola di Antiochia è quello
sviluppa dentro un altro dono: la di parlare della sorgente, lasciando
libertà di accogliere o rifiutare Dio!) all’interlocutore di approfondire. Invece il
2) Il cristianesimo non si fonda sui libri (è metodo di Alessandria dà le ragioni per dover
l’errore di Lutero nel fondare tutto accettare la sorgente. Inutile criticare oltre il
sulla sola scrittura), ma su una catena metodo più moderno.
di testimoni credibili. Le prime comunità adottarono quello che poi
3) La cosa fondamentale attestata dai diventerà il metodo di Antiochia. La
testimoni è la resurrezione di Gesù, successiva ellenizzazione del cristianesimo
crocifisso e sepolto: è la garanzia che farà propendere per la modalità alessandrina.
Gesù, uomo straordinario, è anche
(Figlio di) Dio. Il metodo antropologico maschera l’atto di
4) Non posso trasmettere la mia fede. fede (in Gesù), mentre il metodo alessandrino
Posso solo trasmetterne i contenuti lo piazza come condizione previa (Dio c’è, in
(se li so). più te lo rivela Gesù): solo il metodo di
Antiochia si limita a raccontare un fatto,
Gesù, lasciando all’interlocutore di incuriosirsi
La scuola di Alessandria di Egitto ha il ed approfondire. La nostra epoca ha poca
merito di aver propagato il cristianesimo dal II dimestichezza con la VERITA’ ed è satura di
secolo a oggi. Ha un impianto filosofico, propaganda: forse è l’ora di riconsiderare il
transita per la storia, il Natale è la festa che metodo di Antiochia come via preferibile per
ne rappresenta la logica, cioè Dio che si fa l’evangelizzazione. I punti chiave del metodo
uomo. Questo passaggio, da “Dio esiste” a sono la storicità e la misericordia (di Dio) che
“Dio si è incarnato”, (CRISTOLOGIA emerge dalla storia. Nella vicenda di Gesù
DISCENDENTE) spiega la teologia di questa non conta tanto l’ideale e l’assoluto filosofico,
scuola, che tra l’altro fa dello Spirito santo quanto la realtà del quotidiano, con tutte le
un personaggio abbastanza secondario. sue contraddizioni. Nel vangelo si svela come
Il fuoco dell’evangelizzazione è nella logica un’intenzione giusta possa comportare opere
della ragione. cattive e viceversa opere buone possano
discendere da moventi criticabili. Per Gesù
La scuola di Antiochia ha visto il suo apice conta l’intenzione! Le opere dell’uomo sono
tra il III e il IV secolo, per poi eclissarsi. orientate sia alla carità/gratuità che

5
END Milano Giugno 2005

all’interesse e all’egoismo: la stessa azione Spirito santo. Lo Spirito santo svela la Verità
può essere farisaica o cristiana e la verità è dove c’è falsità. La bestemmia contro lo
tutta nel cuore di chi la compie e non si può Spirito santo, dice Gesù nel vangelo, è la sola
giudicarla! Di fatto, chi pecca, tra se stesso e bestemmia, se consapevole, che non può
Gesù sceglie se stesso. Il peccato è tutto lì. Il essere perdonata. La salvezza è
peccato non è l’azione, ma la sua intenzione: intrinsecamente legata alla buona fede di chi
può esserci peccato senza azione, può vive e alla “verità” che conosce: ma se
esserci peccato nella buona azione. Capire conosce la Verità e c’è malafede, allora potrà
questo è un buon modo per accostarsi al non esserci il perdono!
sacramento della riconciliazione. Capire e
credere la Pasqua è il solo modo per fidarsi
della vita eterna. Di fronte al dubbio o all’inganno di chi parla a
vanvera di Dio, abbiamo da giocare la carta
della domanda (su Gesù) che spiazza: chi si
arrabbia non discute, ma chi si interroga
Lo Spirito santo è il grande sconosciuto
approfondirà… Per evangelizzare basta
della nostra formazione cristiana.
arrivare qui. Cristiani non si nasce ma si
Noi crediamo una Trinità monca.
diventa. Ogni generazione va evangelizzata,
Lo Spirito santo c’entra nell’ispirare i
ma per passare i contenuti della fede bisogna
patriarchi, i profeti e chi ha scritto l’Antico
essere preparati. La fede è l’unica cosa che
testamento; c’entra nell’annunciare la nascita
non posso dare per acquisita o previa: se uno
di Gesù a Maria e in diversi momenti dei
dice “no”, amici come prima. Ma se dice “si”
vangeli;
bisogna saper accompagnare alle
c’entra nella Pentecoste: è grazie allo Spirito
conseguenze. Fortunatamente lo Spirito
santo che accettiamo che il nuovo
santo agisce anche negli errori pastorali e se
Testamento è Parola di Dio, un’attendibile
oggi ci sono ancora tanti veri credenti, vuol
attestazione dei fatti, risurrezione compresa!
dire che lo Spirito agisce prima, meglio e
E’ lo Spirito che accompagna la Chiesa nel
malgrado noi! Dice San Paolo: se Cristo non
cammino progressivo di disvelamento della
fosse risorto, vana è la nostra fede (I Cor
rivelazione. Quella che è una “parola di
15,14). Ma è solo grazie allo Spirito santo che
uomini”, scrittori di testi, diventa Parola di
possiamo dire che Gesù è Signore! (I Cor.
Dio grazie allo Spirito santo.
12,3)
Nella messa, il pane e il vino, diventano
presenza corporea di Gesù grazie allo Spirito
santo (non è l’uomo, il sacerdote, a compiere
la misteriosa trasformazione, anche se è la
fede dell’uomo e in particolare la figura
sacerdotale di Cristo a permettere di fare il
sacramento del memoriale della Pasqua).
Se la Chiesa, con tutti i suoi errori, è
comunque portatrice di Verità, è solo grazie
all’incessante azione dello Spirito santo, il
consolatore, l’accompagnatore, l’aiutante,
l’avvocato difensore, promesso da Gesù in
persona ai discepoli.
Lo Spirito santo è l’energica persona divina,
soffio d’amore e di fede, energia spirituale di
Dio Padre Creatore e della sua rivelazione
umana nel Figlio Gesù: tutto offerto all’uomo
per rinnovare l’alleanza e la promessa di
salvezza, nonché il senso della vita.
I salti di qualità richiesti a chi dalla ragione ! "
passa alla fede sono tutti sostenuti dallo
Spirito santo, ma anche l’intelligenza, la
sapienza, la saggezza, la scienza, la pietà, la
fedeltà, la nostalgia di Dio, sono prerogative
della ragione, donate “in modo laico” dallo

6
Giugno 2005 End Milano

importante per ridurre il rischio di cadere


nella convivialità durante i nostri incontri.
Il tema di studio chiudeva una trilogia durata
dalla Sessione Nazionale Primaverile tre anni su “Comunicare il vangelo della
di Roberto e Susanna Gardella coppia in un mondo che cambia” con base
(Milano 9) l’episodio di Zaccheo. In particolare
quest’anno partendo da “In fretta lo accolse
Mentre scorrevano i titoli di coda della
pieno di gioia” ci si è interrogati sulla
sessione nazionale primaverile, con
missionarietà propria della coppia.
l’assemblea finale e i vari saluti a
Il tema è stato introdotto con una
coppie,poche, magari già incontrate e ad
brillantissima relazione dal vescovo ausiliario
altre,molte, viste per la prima volta, ma che ci
di Brescia, mons.Beschi che varrebbe la pena
sembrava di conoscere da sempre, avevamo
contattare per una futura giornata di settore.
ben chiara la percezione che era valsa
assolutamente la pena di staccare per alcuni
La prima considerazione è di carattere
giorni dal lavoro e da tutta la quotidianità per
generale: il modo con cui si raccontano le
avere un momento per noi e sfruttare la
storie fa venire la voglia di sentirle raccontare
ricchezza che il movimento offre a chi riesce a
ancora. E nei vari incontri abbiamo avuto
cogliere queste opportunità di incontro.
modo di raccontarci qualcosa delle nostre
Non a caso abbiamo parlato di titoli di coda,
storie. E’ sempre bene non presentare dei
perché il rientro da Ciampino sta avvenendo
modelli, che possono far sorgere sentimento
a singhiozzo tra una coda e l’altra e
di inadeguatezza; molto meglio presentare
cerchiamo di utilizzare questo tempo per
dei testimoni: nei tre giorni abbiamo
restituire un poco di quello che abbiamo
incontrato varie coppie che sia nei momenti
ricevuto e ci ha fatto ardere il cuore.
“istituzionali” che non, ci hanno offerto delle
Perché poi alla fine è proprio questo calore
grandi testimonianze e dimostrato che
nel cuore che ci è rimasto al termine della
effettivamente il nostro è un movimento di
sessione e che è difficile descrivere.
attivi (e il sentimento della nostra
E’ la prima volta che riusciamo a organizzarci
inadeguatezza ci è comunque venuto…)
per partecipare ad un evento nazionale:
quest’anno abbiamo avuto qualche difficoltà
La seconda considerazione l’abbiamo trovata
a seguire la vita del movimento al di fuori
molto tagliata per il nostro particolare
della nostra equipe e inoltre all’interno della
momento,ci è stata sicuramente di stimolo e
nostra coppia si stava un po’ alzando il livello
in estrema sintesi è che la missione di ognuno
della tensione conseguente al susseguirsi e
di noi nei confronti del proprio coniuge è il
sovrapporsi di impegni di lavoro, trasloco,
dono e la testimonianza della speranza.
attività dei bambini che via via che crescono
Infine una considerazione più autobiografica:
aumentano.
qualche anno fa abbiamo per il lavoro abitato
E’ stato il momento giusto per fermarsi a
per un anno e mezzo a L’Aquila e abbiamo
riprendere fiato e fare una pausa che ha
fatto diverse volte la strada che in occasione
contribuito alla nostra serenità nonostante
del rientro stiamo percorrendo. Nel tratto
tutto, consapevoli comunque che i nostri
Lazio e Toscana è vivo l’interesse per il
sforzi da soli non bastano.
paesaggio che ci circonda. Avvicinandosi
verso casa invece lo diamo più per scontato e
La sessione era organizzata come una
già visto.
riunione di equipe lunga tre giorni, con una
E’ come per l’equipe: quelle degli altri
chiara scansione dei vari momenti:
sembrano più belle. Allora vogliamo
l’accoglienza, il tema di studio, il dovere di
ricordarci che, come Zaccheo, ognuno prima
sedersi, il lavoro in coppia e in equipe di
o poi cerca il suo sicomoro: noi adesso lo
formazione, la preghiera, la
stiamo cercando nell’equipe.
compartecipazione.
E’ stata quindi anche un’occasione di scuola
sul metodo, il cui ripasso è sempre

7
END Milano Giugno 2005

“Se Noemi non avesse toccato il fondo


esistenziale della solitudine non avrebbe sentito la
!" # " $ voce di Dio che la invitava ad alzarsi e a tornare
Di Biagio e Marina Savarè alla terra promessa. La fede addormentata in lei da
(Milano 10) dieci anni le dà la luce per discernere i segni di
Dio nella propria storia. Rialzarsi per tornare è il
Il movimento ci offre saggiamente ogni anno cammino della conversione……..Lì dove non c’è
diverse occasioni per incontrare coppie di équipe speranza interviene Dio e mostra la sua gloria
diverse dalla nostra, conoscere nuove persone e incominciando una storia nuova.”
condividere il desiderio di tutti di vivere Noemi decide così di tornare nella sua terra e
profondamente la fede pur in mezzo a tante cerca di convincere le nuore a fare ritorno nelle
difficoltà. rispettive famiglie. Orpa ragionevolmente se pur
La riunione delle équipe miste è una di queste dispiaciuta parte, Rut invece, guidata dall’amore
occasioni. per la suocera, va oltre la sensatezza e decide di
Quest’anno la nostra équipe non è riuscita a seguirla. “Il tuo Dio sarà il mio Dio”, dice Rut a
trovare una data libera per aggiungere una Noemi e con Lui entra nell’oscurità del futuro:
riunione in più nel mese di aprile ed è stato così Dio le offre un cammino di povertà, senza marito,
deciso di dare la precedenza alla partecipazione né discendenza. Ma il Dio di Israele è il Creatore
alle équipe miste, e “saltare” per una volta la che suscita la vita dal nulla. L’amore vince la
nostra normale riunione. Siamo contenti di questa morte e Rut rinunciando a tutti i suoi beni per
scelta perché tutti abbiamo potuto essere presenti amore entra a far parte del popolo dell’alleanza e
e la nostra équipe ne ha certamente tratto sarà benedetta con un figlio dal quale nascerà
vantaggio. Davide e il figlio di Davide, il Messia.
Rut come Abramo esce dalla sua terra senza
Il tema di quest’anno, il Libro di Rut, era stato sapere dove va, ma per lei camminare verso ciò
presentato e spiegato durante l’incontro di settore che è sconosciuto, trascinata dall’amore, è
a Pavia, nel mese di Febbraio, ma non avendo noi camminare verso la luce. La fatica che questa
potuto partecipare quella domenica, confessiamo giovane donna è disposta a sopportare pur di non
che l’impatto non è stato inizialmente molto abbandonare la suocera, il suo profondo affetto e
positivo. Non tanto perché fosse difficile il testo la dedizione totale sono per noi esempio di una
quanto perché, apparentemente, non ci sembrava vita che ha al centro il bene dell’altro.
di trovare spunti per la nostra vita. E’ un libro che apre alla speranza perché intende
Per fortuna abbiamo avuto l’occasione di leggere riportare il popolo di Dio, quindi tutti noi, a
un commento al Libro di Rut che ci è stato molto credere nell’azione di Dio dentro la nostra vita
utile. Ancora una volta ci siamo resi conto di quotidiana, fra le vicende liete e tristi della nostra
quanto sia importante essere accompagnati e vita familiare. Dio si serve di avvenimenti, tempi
guidati alla lettura della Parola di Dio per e persone che contribuiscono a portare a
coglierne tutta la ricchezza e il significato. Ecco compimento i suoi disegni con una pedagogia
qualche appunto di ciò che ci ha fatto riflettere meravigliosa, con la quale conduce l’uomo alla
maggiormente. certezza che i suoi piani, nonostante le apparenze,
sono piani di amore e di vita.
Il libro di Rut si situa verso l’anno 1020 a.C. Gli
Ebrei, giunti nella terra promessa ai loro padri,
vivono il compimento della promessa. Ad un certo
momento irrompe la carestia. Elimelech, che era #$
un uomo ricco, con la moglie Noemi e i due figli
abbandona Betlemme a causa della carestia, % &$ "
invece di rimanere con la sua famiglia e il suo ' (
popolo. Abbandonando la terra promessa smette
di riconoscere Dio come suo re e accetta il modo
di vivere dei moabiti e i loro idoli. Nella nuova ) * *
terra i due figli si sposano, ma presto Elimelech +
muore e dopo poco muoiono anche i suoi figli.
Noemi rimane sola, in terra straniera, con le mogli ,) - # . ,
dei figli, Orpa e Rut.

8
Giugno 2005 End Milano

RADUNO INTERNAZIONALE DI LOURDES 2006


“Ma voi chi dite che io sia?” (Mc 8,27-29)

Quando?
Dalla sera di sabato 16 settembre a giovedì 21 settembre 2006.

Quanto costa?
La quota di partecipazione è di 330,00 a persona, come per Santiago 2000 (a giugno 2005
dovrà essere versato il primo acconto del 10%).
Le spese di trasporto sono a carico dei singoli partecipanti e saranno definite all’interno di ogni
Super Regione, secondo le specifiche necessità.

Come iscriversi?
Entro e non oltre il 10 giugno 2005 mediante la compilazione della scheda di iscrizione.

Per avere ulteriori informazioni e per scaricare la scheda di iscrizione potete


collegarvi al sito END nazionale www.equipes-notre-dame.it

RITIRO DEI SETTORI


Rel. Mons. Buzzi

Quando?
Dalla mattinata di sabato 8 ottobre al pomeriggio di domenica 9 ottobre
Dove?
A Rota Imagna (BG) presso la Casa Stella Mattutina della Azione Cattolica di Bergamo
Quanto costa?
La quota complessiva per ogni coppia dovrebbe essere di 80 (due giorni) e di 30 per ogni
figlio tra i 4 e i 12 anni; gratuito per bambini di età minore ai 4 anni.
I settori interverranno al fine di diminuire il più possibile la quota per i bambini.
Come si può verificare la quota è molto ridotta rispetto all’ anno scorso; ci sarà richiesto un
minimo di autogestione nel preparare e sparecchiare la tavola. Tutte le camere sono con bagno.
Come iscriversi?
Sarebbe opportuno comunicare la propria adesione alle coppie responsabili dei settori al
massimo entro al prima settimana di settembre.

! " #

9
END Milano Giugno 2005

NUOVE EQUIPE SI PRESENTANO

% & '% ( ) * & +


di Gerardo e Paola Ferrari

Il bello della nostra equipe - lo dico subito ed è un Gerardo e Paola: entrambi over 30, una figlia per ora:
parere piuttosto personale - è il fatto che da piccoli e lei medico, lui lavora all’ ufficio stampa
da giovani abbiamo fatto tutti cose parecchio diverse. dell’ Università Cattolica. A vent’ anni giravano
Qualcuno di noi faceva il boy scout, altri il "gruppo" ancora vestiti da cretini. Si sono conosciuti facendo
in parrocchia, c’ è pure chi ha fatto la Gioc e poi c’ è attraversare la strada a una vecchietta.
anche qualcuno che ancora adesso non si sa bene
cosa faceva da giovane. Ci sono altre cose divertenti, Massimiliano e Anna: due figlie, sindacalista lui,
da guinness. Quale equipe, se non la nostra, può impiegata da un notaio lei; lui si ammala se non
vantare due ex seminaristi? O ancora: chi potrebbe lavora, lei si esalta quando c’ è da fare ordine. Si sono
mettere in campo sei mogli tutte belle, che ogni volta conosciuti nella Gioc.
che si fa la riunione sembra di essere a miss Italia?
Quest’ ultima, naturalmente, è la ragione per cui i due
Alberto e Marta: due figli, un maschio e una
seminaristi sono adesso degli ex. A proposito di
femmina; hanno una caldaia che li fa impazzire. Lei
varietà, e per chiudere con le battute, abbiamo anche per ora fa la mamma. Lui è un chimico geniale che ha
una celiaca (glutine, no grazie), un sindacalista, un inventato i cerotti per la depilatura maschile. Anche
aspirante palazzinaro, un medico, due sorelle ex
nei tempi più bui non hanno mai abbandonato
contadine, e via di questo passo: insomma, abbiamo
l’ oratorio.
gente che produce Pil e gente invece che lo consuma
a scrocco.
Claudio e Stefania: quattro figli tutti maschi. Lei
maestra, lui aclista palazzinaro. Da sempre in
A tenere insieme questo gruppo così variegato sono
oratorio.
riuscite cinque persone a cui va dato qui,
pubblicamente, un elogio. La prima è don Titta,
parroco di sant’ Eusebio a Cinisello. Da buon pastore Alelabo e Lele: sono gli zii dei quattro nipoti appena
ha dato la scossa e ha detto: "è ora che vi date una citati. Si godono ancora la vita senza figli. Lei
mossa… ". Claudio e Stefania (Palmerini) hanno il formatrice (?), lui fa cose strane tra l’ informatica e la
difetto che non riescono a dire di no alle tentazioni telefonia.
(hanno quattro pargoli) e quindi hanno sospinto
cinque giovani coppie verso l’ èquipe, Silvia e Aurelio: due pargoli, residenza in Brianza ma
abbandonando invece altre coppie di veterani della cuore a Cinisello. Lei teoricamente è una prof, lui è
parrocchia al loro destino autonomista. Affiliati ricercatore in un’ azienda momentaneamente in crisi.
all’ equipe senza una precisa consapevolezza del Si sono conosciuti alla GMG di Roma 2000. È stato
nostro destino siamo stati plasmati dalle sapienti amore a prima vista (hanno entrambi gli occhiali… ).
mani di Ruggero e Nicoletta da Cormano, che dal Complice Woytjla
tardo inverno del 2004 hanno iniziato a organizzarci
la vita, insegnandoci come si fa un riunione, cos’ è il Don Titta: parroco tuttofare di sant’ Eusebio. Onora
tema di studio e tutte quelle cose lì che voi lettori gli impegni e si prepara le prediche. Efficienza
sapete già molto meglio di noi. brianzola. Timido ma vero.

L’ unica cosa che sapevamo già era come si mangia e Dopo aver imparato da Ruggero e Nicoletta cos’ è
si beve insieme, ma anche qui Ruggero e Nicoletta l’ equipe, da qualche settimana siamo stati
hanno provveduto a farci capire che la convivialità accolti ufficialmente nel movimento non so ancora
non dura più di mezz’ ora. bene in quale zona. Prossimo obiettivo: decidere il
tema di studio per l’ anno prossimo prima dell’ estate.
Ora la nostra coppia tutor ci ha lasciato al nostro
destino e noi, per cominciare, le siamo grati. Coppia responsabile: Gerardo e Paola. Se il gruppo
funzionerà malgrado questi due responsabili, è la
Quanto a noi ecco chi siamo, schematicamente: prova che la Trinità esiste e che le preghiere di
Ruggero e Nicoletta non sono state vane

10
Giugno 2005 End Milano

VITA DI EQUIPIERS

% )" , - "% & ( )


ISCRIZIONI NELLA SALA DI ATTESA DI UN OSPEDALE DI NEW YORK

Ti ho chiesto, Signore, la forza in vista del successo:


Tu mi hai reso debole perché imparassi ad obbedire.
Ti ho chiesto la salute per fare delle grandi cose:
ho ricevuto l'infermità per fare delle cose migliori.
Ti ho chiesto la ricchezza per essere felice:
ho ricevuto la povertà per essere saggio.
Ti ho chiesto il potere per essere apprezzato dagli uomini:
ho ricevuto la debolezza per avere bisogno di te.
Ti ho chiesto l'amicizia per non vivere solo:
Tu mi hai dato un cuore per amare tutti i fratelli.
Ti ho chiesto tutte le cose che avrebbero potuto rallegrare la mia vita:
Tu mi hai dato la vita perché mi rallegrassi di tutte le cose.
Non ho avuto nulla di quello che avevo chiesto.
Ho ricevuto tutto quello che avevo sperato.
Quasi mio malgrado
le mie preghiere non formulate sono state esaudite.

SOMMARIO ) $

Editoriali..............................................................1 + " "


- Ogni volta il volto nuovo di Maria, nostra
Signora
"
- In Comunione "
Vita dei settori #/ )
- Ecco sto alla porta............................................3 0
- Una strana inquietudine ...................................4
- Una riflessione sull’evangelizzazione…… ……5
- “In fretta lo accolse pieno di gioia”… ………….7
- Le equipe miste e il Libro di Rut ……………….8
Appuntamenti………………………………………9
Nuove equipe si presentano
La nuova equipe Cinisello 1…………………….10
Preghiera in equipe ……………………………..11

11