Sei sulla pagina 1di 3

Quarto Concilio di Costantinopoli

Dal 5 ottobre 869 al 28 febbraio 870


Sessione X, 28 febbr. 870: Canoni (Originali greci smarriti. Versione del bibliotecario Anastasio)

a tradi!ione come criterio della fede

Can. ". #er camminare sen!a into$$i s%lla &ia dritta e regale della di&ina gi%sti!ia, noi dobbiamo c%stodire le $rescri!ioni e il $ensiero dei nostri santi $adri come lam$ade s$lendenti c'e ill%minano i nostri $assi conformi a (io. #erci) noi, stimandoli, secondo del grande e sa$iente (ionigi, come %na seconda $arola di (io, canteremo sen!a ind%gio con il di&ino (a&ide: *i comandi del Signore sono lim$idi. danno l%ce agli occ'i* (Sal "+,+, &engono citati anc'e: Sal ""+,"0-, #ro .,2/, 0s 2.,+: Se$t.) 1Con &erit2 infatti le esorta!ioni e i di&ieti dei sacri canoni sono $aragonati alla l%ce, $erc'3 gra!ie ad essi si discerne il meglio dal $eggio, e si disting%e ci) c'e 4 &antaggioso e $rofic%o da ci) c'e non 4 %tile, ma addiritt%ra dannoso. #erci) $romettiamo di osser&are e c%stodire i canoni c'e sono stati trasmessi alla c'iesa santa cattolica e a$ostolica sia dai santi e gloriosi a$ostoli, sia dai concili %ni&ersali e locali dei &esco&i ortodossi, sia da ogni $adre, $ortatore della $arola di (io e dottore della c'iesa. Secondo 5%esti canoni noi regoliamo i nostri com$ortamenti e la nostra &ita e stabiliamo c'e t%tti i membri del clero, come anc'e t%tti coloro c'e $ortano il nome di cristiani, siano soggetti, secondo la legge ecclesiastica, alle $ene e alle condanne, come $%re alle condi!ioni di gi%stifica!ione e assol%!ione stabilite dai canoni. 6 infatti il grande a$ostolo #aolo ci amnonisce c'iaramente a conser&are le tradi!ioni, c'e abbiamo a$$reso cos7 dalla $arola come dalla lettera (cf 28s 2,"-) dei santi c'e brillarono nel $assato. A V696:A;0O96 (6 6 0<<A=090 SAC:6

9oi stabiliamo c'e la sacra immagine di nostro signor =es> Cristo, liberatore e sal&atore di t%tti gli %omini debba essere &enerata con altrettanto onore c'e il libro dei santi e&angeli. #erc'3 nello stesso modo in c%i, gra!ie alle $arole conten%te nel libro t%tti otterranno la sal&e!!a, cosi?, gra!ie all?infl%sso c'e esercitano 5%este immagini con i loro colori, t%tti, sa$ienti e ignoranti, rice&eranno sen!a ind%gio %n %tile $rofitto. Ci) c'e ci &iene com%nicato con le $arole, l?immagine ce lo ann%ncia e ce lo consegna mediante i colori. 6? d%n5%e con&eniente, in conformit2 alla ragione e alla tradi!ione $i> antica c'e, $oic'3 l?onore 4 riferito al soggetto $rinci$ale, le immagini siano onorate e &enerate con %n c%lto secondario come il libro sacro dei santi &angeli e come l?immagine della $re!iosa croce. Se d%n5%e 5%alc%no non &enera l?immagine di Cristo sal&atore, non Solo non &edr2 il s%o &olto 5%ando &err2 nella gloria del #adre $er essere glorificato e glorificare i s%oi santi (cf. 28s "."0@, ma sia escl%so dalla S%a com%nione e dalla s%a l%ce. 9oi diciamo la stessa cosa $er coloro c'e non &enerano l?immagine di <aria, s%a madre immacolata e madre di (io. 9oi di$ingiamo anc'e le immagini dei santi angeli, come sono descritti nelle $arole della di&ina Scritt%ra. Onoriamo e &eneriamo inoltre le immagini degli a$ostoli cos7 degni di lode, dei $rofeti, dei martiri, dei santi $ersonaggi ill%stri come 5%elle di t%tti i santi. 6 coloro c'e non ass%mono 5%esto atteggiamento, siano maledetti dal #adre, dal Aiglio e dallo S$irito Santo. Bnicit2 dell?anima %mana

Can. "". <entre l?Antico e il 9%o&o 8estamento insegnano c'e l?%omo 'a %na sola anima ra!ionale e intellett%ale e t%tti i $adri e dottori della c'iesa di&inamente is$irati sostengono la stessa dottrina, alc%ne $ersone, dedite all?in&en!ione del male, arri&arono a %n tal grado di em$iet2 da affermare s$%doratamente come dogma l?esisten!a di d%e anime nell?%omo, cercando di $ro&are la $ro$ria eresia ... #erci) 5%esto santo concilio ec%menico ... col$isce a gran &oce con l?anatema gli a%tori e i fa%tori di %na tale em$iet2 e i loro seg%aci. 0noltre stabilisce e $rom%lga c'e ness%no de&e $i> a&ere o conser&are in alc%n modo le afferma!ioni scritte degli a%tori di 5%esta em$ia dottrina. Se 5%alc%no oser2 agire in o$$osi!ione a 5%esto grande e santo Concilio sia condannato e escl%so dalla fede e dal c%lto cristiano. a libert2 nel go&erno della c'iesa Can."2. C8esto greco assente@ 0 canoni a$ostolici e sinodali &ietano nella maniera $i> assol%ta le nomine e le consacra!ioni di &esco&i fatte sotto la $ressione o $er ordine delle a%torit2 secolari, in accordo con tali canoni anc'e noi stabiliamo e decidiamo c'e, se %n &esco&o 'a rice&%to la consacra!ione a tale dignit2 $er ast%!ia o im$osi!ione dei $otenti, de&e essere assol%tamente $osto in 5%anto, non dalla &olont2 di (io e secondo la disci$lina e la legge della c'iesa, 'a &ol%to o 'a accettato di $ossedere la casa CCO(: il (ono) di (io, ma $i%ttosto dalla &olont2 della carne, dagli %omini e $er la media!ion degli %omini. Can. "7 Clat.D (?altra $arte non abbiamo nemmeno &ol%to ascoltare l?abomine&ole afferma!ione fatta da gente ignorante secondo la 5%ale il Sinodo non $%) essere celebrato sen!a la $resen!a dell?a%torit2 secolare, mai fino ad oggi i sacri canoni 'anno $rescritto la con&oca!ione dei $rinci$i secolari ai sinodi, bens7 soltanto 5%ella dei &esco&i. Cos7 noi costatiamo c'e essi non f%rono mai $resenti ai sinodi, sal&o c'e non si trattasse di concili ec%menici: infatti non 4 con&eniente c'e le a%torit2 secolari siano testimoni di ci) c'e tal&olta $%) accadere ai sacerdoti di (io. 0l $rimato romano tra le sedi $atriarcali Can. 2". C8esto greco assente@ a $arola di (io c'e Cristo 'a ri&olto ai santi a$ostoli e ai s%oi disce$oli: *C'i accoglie &oi accoglie me* C<t "0,E0D, e *c'i dis$re!!a &oi dis$re!!a me* C e "0,".D, noi crediamo sia stata ri&olta anc'e a t%tti coloro c'e, do$o di loro e a loro somiglian!2, sono di&en%ti sommi $ontefici e $rinci$i dei $astori nella c'iesa cattolica. #ertanto ordiniamo c'e ness%no dei $otenti di 5%esto mondo oltraggi o tenti di rim%o&ere dalla $ro$ria sede coloro c'e occ%$ano la carica di $atriarca, ma al contrario accordino loro onore e ris$etto: in $rimo l%ogo al santissimo $a$a dell?antica :oma, $oi al $atriarca di Costantino$oli, e infine a 5%elli di Alessandria, Antioc'ia e =er%salemme. 6 ness%no altro rediga scritti o discorsi contro il santissimo $a$a dell?antica :oma, sotto il $retesto di crimini da l%i commessi, come 'a fatto recentemente Ao!io e molto $rima di l%i (ioscoro. C'i%n5%e si com$orter2 con tanta insolen!a e a%dacia da recare ingi%ria $er scritto o a &oce, seg%endo l?esem$io di Ao!io e (ioscoro, contro la sede di #ietro, il $rinci$e degli a$ostoli, rice&er2 %na condanna %g%ale e identica alla loro. Se $oi 5%alc'e a%torit2 ci&ile o 5%alc'e $otente tentasse di cacciare il $a$a dalla sede a$ostolica o 5%alc%no degli altri $atriarc'i, sia col$ito da anatema. 0noltre se sar2 con&ocato %n concilio ec%menico e &i sar2 5%alc'e sos$etto o contro&ersia nei rig%ardi della santa c'iesa di :oma, con&err2, con il do&%to ris$etto e deferen!a, informarsi s%l $%nto contro&erso e accogliere %na sol%!ione c'e gio&i a s3 o agli altri, ma mai a&ere l?a%dacia di $ron%nciare %na senten!a contro i sommi $ontefici dell?antica :oma. C:eda!ione greca abbre&iataD ". Volendo $ercorrere irre$rensibilmente la &ia diritta e regale della di&ina gi%sti!ia, dobbiamo mantenere 5%ali fiaccole sem$re s$lendenti le defini!ioni dei santi $adri, $erci) $rofessiamo di c%stodire e di seg%ire gli stat%ti trasmessi nella c'iesa cattolica e a$ostolica sia dai santi e da t%tti lodati a$ostoli, sia dai sinodi ec%menici e locali, o$$%re anc'e da %n 5%alc'e $adre maestro della c'iesa c'e 'a $arlato da (io, infatti #aolo, il grande a$ostolo, raccomanda es$ressamente di mantenere le tradi!ioni c'e abbiamo rice&%to sia con la $arola c'e con le lettere Ccf. 28s 2,"-@ dai santi, c'e 'anno rif%lso in $receden!a.

/. Stabiliamo c'e la sacra immagine del Signore nostro =es> Cristo &enga &enerata con onore eg%ale (a 5%ella) del libro dei santi &angeli. Come infatti attra&erso le $arole conten%te in esso t%tti conseg%iamo la sal&e!!a, cos7 attra&erso l?o$era iconica dei colori sia t%tti i sa$ienti c'e i sem$lici traggono fr%tto dell?%tilit2 di 5%anto 4 alla $ortata di mano, 5%anto infatti il discorrere (fa) in $arole, ci) (l?)ann%ncia e (lo) $resenta anc'e la scritt%ra in colori. Se 5%alc%no $erci) non &enera l?immagine del Sal&atore Cristo, non &eda ne$$%re la s%a fig%ra nel s%o secondo a&&ento. Similmente $oi onoriamo e &eneriamo anc'e l?immagine della s%a immacolata <adre e le immagini dei santi angeli cos7 come li ra$$resenta con le $arole la Scritt%ra santa, e inoltre (l?immagine) di t%tti i santi, e coloro c'e non $ensano cosi, siano anatema. "0. #%r insegnando l?Antico e il 9%o&o 8estamento c'e l?%omo 'a %na sola anima ragione&ole e intelligente e a&endo confermato t%tti i $adri e i maestri c'e 'anno $arlato da (io 5%esto stesso gi%di!io, ci sono alc%ni c'e re$%tano c'e egli abbia d%e anime, e con alc%ni sfor!i illogici raffor!ano la $ro$ria eresia, $erci) 5%esto concilio ec%menico anatemati!!a ad alta &oce gli a%tori di %na tale em$iet2 e coloro c'e sentono come loro, e se 5%alc%no in f%t%ro tollerer2 di dire il contrario, sia anatema. "2. Cgr.D F $er&en%ta ai nostri orecc'i (l?afferma!ione) c'e %n sinodo non $%) a&er l%ogo sen!a la $resen!a dei go&ernanti. 0n ness%n $asso $er) i canoni di&ini stabiliscono c'e i go&ernanti secolari con&engano nei sinodi, ma i soli &esco&i, $erci) non riscontriamo ne$$%re c'e ci sia stata la loro $resen!a, eccetto nei concili ec%menici. 0n realt2 non 4 $er n%lla gi%sto c'e i go&ernanti secolari siano testimoni di fatti c'e son di com$eten!a dei sacerdoti di (io. "/. Se 5%alc%no %sasse %na tale temerariet2 da solle&are secondo (il modo di) Ao!io e (ioscoro $er scritto o &erbalmente rea!ioni eccessi&e contro la cattedra di #ietro, il $rinci$e degli a$ostoli, rice&a la stessa condanna (es$ressa) a 5%elli, se $oi, essendo stato con&ocato %n concilio ec%menico, 4 ris%ltato %n 5%alc'e d%bbio circa la c'iesa dei romani, si $%) con $r%den!a e con la do&%ta modestia $orre domande intorno alla 5%estione in ballo e accogliere la sol%!ione e o essere ai%tati o ai%tare, non t%tta&ia al!are a%dacemente acc%se contro i sommi sacerdoti della :oma $i> antica.