Sei sulla pagina 1di 234

FRANCESCO RESTA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA
Anno Accademico 1998/99
PREFAZIONE
SOMMARIO
PARTE I:
ELEMENTI DI GEODESIA
CAPITOLO 1: GENERALITA' E DEFINIZIONIELEMENTI DI GEODESIA
OPERATIVA
1. Problemi della Topografia..................................................................................... 3
1.1. Definizione della Topografia............................................................................. 3
1.2. Procedimento teorico per rappresentare il terreno........................................... 3
1.3. Procedimento pratico ........................................................................................ 4
2. Definizione della superficie di riferimento........................................................... 5
2.1. Equazione del geoide......................................................................................... 5
2.2. Ellissoide di rotazione ....................................................................................... 7
3. L'ellissoide terrestre............................................................................................... 8
3.1. Dimensioni dell'ellissoide.................................................................................. 8
3.2. Coordinate curvilinee sullellissoide................................................................. 8
3.3. Sezioni normali e raggi di curvatura............................................................... 11
4. Definizioni e misure di angoli e distanze............................................................ 12
4.1. Generalit........................................................................................................ 12
4.2. Definizione di distanza .................................................................................... 12
4.3. Definizione di angolo....................................................................................... 12
4.4. Un teorema sulle geodetiche ........................................................................... 12
4.5. Misure effettuabili sul terreno ......................................................................... 13
4.6. Differenze fra misure sullellissoide e misure sul geoide................................ 14
4.7. Teoremi della geodesia operativa ................................................................... 14
5. Campo geodetico e campo topografico............................................................... 15
5.1. Considerazioni generali................................................................................... 15
Sommario
VI
5.2. Campo geodetico o di Weingarten................................................................... 16
5.3. Campo topografico .......................................................................................... 17
5.4. Risoluzione di triangoli sferici. Teorema di Legendre .................................... 18
CAPITOLO 2: DETERMINAZIONE DELLE COORDINATE DI PUNTI SULLA
SUPERFICIE DI RIFERIMENTO
1. Coordinate geodetiche polari e rettangolari ...................................................... 21
1.1. Coordinate geodetiche polari .......................................................................... 21
1.2. Coordinate geodetiche rettangolari................................................................. 21
1.3. Passaggio da coordinate geodetiche rettangolari a polari e viceversa .......... 21
2. Determinazione delle coordinate geografiche ellissoidiche .............................. 22
2.1. Generalit ........................................................................................................ 22
2.2. Trasporto delle coordinate geografiche: problema diretto............................. 23
2.3. Trasporto delle coordinate geografiche: problema inverso............................ 24
3. Coordinate astronomiche e loro determinazione .............................................. 24
3.1. Generalit ........................................................................................................ 24
3.2. Sfera celeste ..................................................................................................... 25
3.3. Sistemi di riferimento....................................................................................... 26
3.3.1. Coordinate equatoriali .............................................................................. 26
3.3.2. Coordinate ecclittiche................................................................................ 27
3.3.3. Coordinate equatoriali locali .................................................................... 27
3.3.4. Coordinate altazimutali ............................................................................. 27
3.3.5. Coordinate geografiche astronomiche ...................................................... 28
3.4. Tempo sidereo, tempo solare ........................................................................... 28
PARTE II:
ELEMENTI DI CARTOGRAFIA
CAPITOLO 1: GENERALITA' E DEFINIZIONI ELEMENTI DI TEORIA DELLE
CARTE
1. Rappresentazione dell'ellissoide sul piano......................................................... 33
1.1. Generalit ........................................................................................................ 33
1.2. Modulo di deformazione lineare...................................................................... 34
1.3. Modulo di deformazione areale....................................................................... 34
1.4. Modulo di deformazione angolare................................................................... 35
1.5. I diversi tipi di rappresentazioni...................................................................... 35
1.6. Definizione analitica di una rappresentazione................................................ 36
2. I sistemi di proiezione cartografica..................................................................... 36
Sommario
VII
2.1. Generalit........................................................................................................ 36
2.2. Proiezioni prospettiche pure............................................................................ 37
2.3. Proiezioni cilindriche pure.............................................................................. 38
2.4. Proiezioni coniche pure................................................................................... 40
2.5. Proiezioni geometriche modificate.................................................................. 41
3. I sistemi di rappresentazione cartografica......................................................... 41
3.1. Generalit........................................................................................................ 41
3.2. Equazioni differenziali delle rappresentazioni ................................................ 41
3.3. La rappresentazione conforme di Gauss ......................................................... 42
4. Nozioni di base sulle carte ................................................................................... 43
4.1. Generalit........................................................................................................ 43
4.2. L'allestimento delle carte................................................................................. 43
4.3. Denominazione delle carte .............................................................................. 44
4.4. Carte regolari. Precisione di una carta. Errore di graficismo. ...................... 44
4.5. Carte praticamente equidistanti ...................................................................... 45
4.6. L'aggiornamento delle carte............................................................................ 46
4.7. Il taglio delle carte........................................................................................... 46
5. I sistemi cartografici pi noti .............................................................................. 47
5.1. Carta di Mercatore.......................................................................................... 47
5.2. Proiezione stereografica polare ...................................................................... 48
5.3. Proiezione conica conforme di Lambert.......................................................... 49
CAPITOLO 2: LA CARTOGRAFIA UFFICIALE DELLO STATO ITALIANO
LA CARTOGRAFIA CATASTALE
1. La cartografia ufficiale dello Stato Italiano....................................................... 51
1.1. Proiezione di Sanson-Flamsteed. La prima cartografia ................................. 51
1.2. La cartografia universale UTM e UPS............................................................ 53
1.3. La nuova cartografia italiana.......................................................................... 57
1.4. Orientamento dell'ellissoide ............................................................................ 59
1.5. Esempi di tavolette........................................................................................... 59
1.6. La rappresentazione dell'altimetria................................................................. 65
1.7. La convergenza e la declinazione magnetica .................................................. 65
1.8. L'ultima cartografia prodotta dall'IGMI ......................................................... 67
2. La cartografia del Catasto Italiano .................................................................... 71
3. La Carta Tecnica della Regione Sardegna (C.T.R.) ......................................... 73
Sommario
VIII
PARTE III:
TEORIA DEGLI ERRORI
CAPITOLO 1: ELEMENTI DELLA TEORIA DELLE PROBABILTA
1. Eventi aleatori e loro probabilit matematica................................................... 81
2. Probabilit e frequenza. Legge empirica del caso............................................. 82
3. Postulati fondamentali del calcolo delle probabilit......................................... 84
4. Il problema delle prove ripetute ......................................................................... 86
4.1. La probabilit nell'esperienza delle prove ripetute......................................... 86
4.2. La probabilit normale.................................................................................... 87
4.3. Il diagramma delle probabilit nel problema delle prove ripetute. ................ 88
4.4. La probabilit dello scarto .............................................................................. 89
5. La funzione () .................................................................................................... 90
6. Formula semplificata della probabilit degli scarti .......................................... 90
CAPITOLO 2: MISURE DIRETTE ED INDIRETTE
1. Misura diretta di una grandezza......................................................................... 93
1.1. Definizione ....................................................................................................... 93
1.2. Classificazione degli errori.............................................................................. 93
1.3. Legge sulla distribuzione degli errori.............................................................. 94
1.4. Il principio dei minimi quadrati....................................................................... 95
1.5. Errore quadratico medio ................................................................................. 96
1.6. Errore temibile................................................................................................. 97
1.7. Errore quadratico medio della media.............................................................. 97
1.8. Calcolo dello scarto quadratico medio tramite gli scarti................................ 97
1.9. Applicazione dei concetti esposti ad un caso concreto.................................... 99
2. Misura indiretta di una grandezza ................................................................... 100
PARTE IV:
STRUMENTI ED OPERAZIONI DI MISURA
CAPITOLO 1: STRUMENTI E OPERAZIONI DI MISURA DEGLI ANGOLI AZIMUTALI
E ZENITALI
1. Premesse sulle misure angolari ......................................................................... 103
1.1. Misura analitica di un angolo........................................................................ 103
1.2. Misure geometriche di un angolo .................................................................. 104
Sommario
IX
2. Generalit sul teodolite...................................................................................... 106
3. Il cannocchiale.................................................................................................... 108
4. Mezzi di lettura ai cerchi ................................................................................... 111
4.1. Generalit...................................................................................................... 111
4.2. Errore di eccentricit .................................................................................... 111
4.3. Sistemi di misura non micrometrici ............................................................... 113
4.4. Sistemi di lettura micrometrici ...................................................................... 115
5. Strumenti per la determinazione di rette verticali e di rette e piani orizzontali.
.................................................................................................................................. 118
5.1. Filo a piombo................................................................................................. 118
5.2. Le livelle......................................................................................................... 118
5.2.1. Livella torica ........................................................................................... 118
5.2.1.1. Livella per rendere assi o piani orizzontali ....................................... 119
5.2.1.2. Livella per rendere verticale unasse ................................................ 121
5.2.2. Livella a coincidenza............................................................................... 123
5.2.3. Livella sferica.......................................................................................... 124
5.3. Messa in stazione........................................................................................... 124
6. Errori sistematici del teodolite.......................................................................... 127
6.1. Generalit sugli errori di rettifica................................................................. 127
6.2. Errore di verticalit....................................................................................... 127
6.3. Errore di inclinazione.................................................................................... 128
6.4. Errore di collimazione................................................................................... 128
6.5. Indipendenza dei residui di rettifica.............................................................. 129
7. Verifica e rettifica del teodolite......................................................................... 130
7.1. Asse di collimazione ...................................................................................... 130
7.2. Asse di rotazione del cannocchiale................................................................ 131
7.3. Un metodo empirico per la verifica delle condizioni di rettifica................... 132
7.4. Asse principale del teodolite.......................................................................... 132
8. Misura degli angoli azimutali............................................................................ 132
8.1. Regola di Bessel............................................................................................. 132
8.2. Errori delle graduazioni dei cerchi ............................................................... 133
8.3. Metodo della reiterazione.............................................................................. 134
8.4. Metodo della ripetizione................................................................................ 134
8.5. Misura simultanea di pi angoli da una stazione.......................................... 137
8.5.1. Generalit su direzioni ed angoli osservati ............................................ 137
Sommario
X
8.5.2. Misura di pi angoli tramite il metodo ad angoli semplici a giro
d'orizzonte.......................................................................................................... 138
8.5.3. Misura di pi angoli tramite il metodo a strati ....................................... 139
8.5.4. Misura di pi angoli tramite il metodo della direzione isolata............... 139
9. Misura degli angoli zenitali ............................................................................... 140
9.1. Generalit ...................................................................................................... 140
9.2. Determinazione di una distanza zenitale ....................................................... 140
9.3. Zenit strumentale (Errore d'indice) ............................................................... 141
9.4. Influenza degli errori residui di rettifica e di verticalit............................... 142
9.5. Indice zenitale automatico............................................................................. 144
10. Esempi di Teodoliti........................................................................................... 145
11. Goniometri speciali .......................................................................................... 151
12. Segnalizzazioni dei punti sul terreno, collimatori. ........................................ 152
12.1. Segnalizzazioni permanenti ......................................................................... 152
12.2. Segnalizzazioni temporanee......................................................................... 155
CAPITOLO 2: STRUMENTI E OPERAZIONI DI MISURA DELLE DISTANZE
1. Generalit sulle misure di distanze................................................................... 157
1.1. Distanza topografica...................................................................................... 157
1.2. Allineamenti ................................................................................................... 157
1.3. Riduzione della distanza alla superficie di riferimento................................. 158
1.4. Classificazione delle misure di distanze ........................................................ 159
2. Misura diretta delle distanze............................................................................. 159
3. Misura indiretta delle distanze.......................................................................... 160
3.1. La lettura alla stadia...................................................................................... 163
4. Misura mediante onde (Distanziometri) .......................................................... 164
4.1. Richiami sulla teoria delle onde .................................................................... 164
4.2. Equazione caratteristica del distanziometro ................................................ 165
4.3. Precisione dei distanziometri......................................................................... 167
4.4. Determinazione del numero intero n di mezze lunghezze donda.................. 168
4.5. Caratteristiche delle onde.............................................................................. 169
4.6. Caratteristiche dei riflettori ........................................................................... 170
4.7. Alcuni esempi di distanziometri ..................................................................... 171
4.7.1. Distanziometri a differenza di fase.......................................................... 171
4.7.2. Distanziometri ad impulsi........................................................................ 171
4.7.3. Un piccolo distanziometro tascabile ....................................................... 174
Sommario
XI
CAPITOLO 3: STRUMENTI ED OPERAZIONI DI MISURA DEI DISLIVELLI
1. Generalit e definizioni...................................................................................... 175
1.1. Definizione di quota....................................................................................... 175
1.2. Quota dinamica ............................................................................................. 176
1.3. Metodi di misura dei dislivelli ....................................................................... 177
2. Misure dirette di dislivelli.................................................................................. 177
2.1. Generalit...................................................................................................... 177
2.2. Principio della livellazione geometrica......................................................... 178
3. Il livello................................................................................................................ 179
3.1. Il livello con vite di elevazione ...................................................................... 179
3.2. Caratteristiche del livello .............................................................................. 180
3.3. Esecuzione di una battuta di livellazione ...................................................... 181
3.4. Precisione di una battuta di livellazione ....................................................... 182
3.5. Accessori per aumentare la precisione.......................................................... 182
3.6. Verifica e rettifica di un livello...................................................................... 185
3.7. Esecuzione di una linea di livellazione.......................................................... 186
3.8. Precisione di una linea di livellazione........................................................... 187
3.9. Il mareografo................................................................................................. 188
3.10. Autolivelli..................................................................................................... 188
3.11. Il livello digitale........................................................................................... 189
3.12. La rete altimetrica di Stato.......................................................................... 189
3.13. Esempi di livelli ........................................................................................... 191
PARTE V:
RILIEVI TOPOGRAFICI
CAPITOLO 1: DETERMINAZIONI PLANIMETRICHE
1. Generalit e definizioni sulle operazioni topografiche ................................... 197
1.1. Punti di inquadramento e di dettaglio........................................................... 197
1.2. Angolo di direzione e distanza....................................................................... 197
1.3. Trasporto di un angolo di direzione .............................................................. 199
1.4. Irradiamento.................................................................................................. 199
1.5. Poligonali non controllate............................................................................. 201
1.6. Poligonale controllata................................................................................... 202
Sommario
XII
1.7. Poligonale chiusa........................................................................................... 205
1.8. Intersezione in avanti ..................................................................................... 206
1.9. Intersezione multipla...................................................................................... 207
1.10. Intersezione inversa ..................................................................................... 208
1.11. Triangolazione ............................................................................................. 210
1.12. Reti geodetiche rilevate mediante tirangolazione........................................ 211
1.13. Dimensionamento della rete. Base misurata e base calcolata .................... 212
1.14. Le stazioni astronomiche ............................................................................. 213
1.15. La rete del primo ordine della Sardegna..................................................... 213
CAPITOLO 2: DETERMINAZIONI ALTIMETRICHE
1. Generalit sulle operazioni altimetriche .......................................................... 215
1.1. Livellazione trigonometrica con osservazioni simultanee e reciproche........ 215
1.2. Livellazione trigonometrica da un estremo ................................................... 217
1.3. Influenza della rifrazione atmosferica........................................................... 217
1.4. Determinazione del coefficiente di rifrazione................................................ 219
1.5. Precisione della livellazione trigonometrica................................................. 219
CAPITOLO 3: RILIEVO DI DETTAGLIO
1. Generalit sul rilievo di dettaglio...................................................................... 221
1.1. La fotogrammetria ......................................................................................... 221
1.2. La celerimensura ........................................................................................... 222
1998/99 F.Resta 1
PARTE I
ELEMENTI DI GEODESIA
1998/99 F.Resta
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 3
CAPITOLO 1
GENERALITA' E DEFINIZIONI ELEMENTI DI GEODESIA
OPERATIVA
1. Problemi della Topografia
1.1. Definizione della Topografia
La complessa attivit delluomo sulla Terra richiede un documento che per-
metta di conoscere in modo sintetico e metricamente valido la superficie fisica su cui
egli vive ed opera.
Questo documento nella maggior parte dei casi una carta ad una scala conve-
niente anche se oggi si tende spesso a rappresentare il terreno per via puramente nu-
merica ottenendo il cosiddetto terreno digitale.
La Topografia, traendo le basi scientifiche da varie discipline, definisce un
complesso di tecniche di misura, di calcolo e di disegno che permette di definire me-
tricamente e di rappresentare il terreno in maniera conveniente ai vari scopi.
1.2. Procedimento teorico per rappresentare il terreno
Difficolt:
- la superficie fisica del terreno ha una forma molto irregolare;
- la superficie su cui sarebbe naturale rappresentare il terreno non piana;
- dimensioni eccedenti quelle delluomo.
La superficie su cui rappresentare il terreno dovrebbe essere il geoide, superfi-
cie normale in ogni punto della terra alla verticale (filo a piombo), materializzabile
con la superficie dei mari idealmente prolungata sotto le terre emerse.
Il procedimento si pu, schematicamente, indicare col seguente percorso (Fig.
1):
a) individuazione del terreno con un numero discreto di punti, funzione ovvia-
mente della scala della carta: pi grande la scala della carta (1:500, 1:1000,
1:2000) maggiore il numero di punti;
b) proiezione dei punti sul geoide secondo la verticale e determinazione della
quota ortometrica di ciascuno (la quota ortometrica la distanza tra il punto
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
4
sulla superficie terrestre e la sua proiezione sul geoide presa lungo la verti-
cale);
c) misurazione sul geoide di angoli e distanze per definire la posizione relativa
di ciascun punto. Trattandosi di superficie curva necessario definire sia gli
angoli che le distanze;
d) determinazione, sulla base delle misure fatte, della posizione dei punti e ci
mediante coordinate curvilinee (u, v). A tal scopo necessario definire
lequazione del geoide, un sistema di coordinate curvilinee ed eseguire i do-
vuti calcoli sulle misure per ricavare le coordinate di ciascun punto;
e) costruzione, in scala opportuna, della porzione di geoide interessata al rilie-
vo, riporto su di essa del sistema di coordinate curvilinee e quindi di tutti i
punti rilevati tramite le relative coordinate. A questo punto, congiungendo
opportunamente con linee i punti proiettati, si possono evidenziare tutte le
particolarit del terreno. Per evidenziare landamento altimetrico, a fianco di
ciascun punto si riporta la sua quota: punti di eguale quota uniti danno luogo
alle curve di livello; un esempio di ci il mappamondo;
f) se per si vuole un supporto piano si deve ricorrere ad una rappresentazione
cartografica. Per far ci si deve stabilire una corrispondenza biunivoca tra le
coordinate curvilinee u e v e le coordinate cartesiane del piano x ed y:
( )
( ) u,v g y
u,v f x
=
=
(1)
che si definiscono equazioni della carta. Poich il geoide non una superficie
sviluppabile sul piano la rappresentazione piana che si ottiene sar deformata.
1.3. Procedimento pratico
I punti b) e c) non possono, in pratica, essere effettuati in quanto noi eseguiamo
le misure sul terreno; la difficolt si supera perch, lo dimostreremo, i metodi di mi-
Fig. 1
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 5
sura di angoli e distanze che usiamo forniscono gli stessi angoli e distanze che si sa-
rebbero misurati sul geoide.
Anche le quote non possono essere misurate: noi misuriamo solo dislivelli per
cui baster collegarsi ad un punto situato sul geoide per avere le quote di tutti i punti
misurati.
Ci detto per risolvere i problemi detti occorre:
1) definire lequazione del geoide;
2) definire il sistema di coordinate curvilinee;
3) definire la natura degli angoli e delle distanze da misurare;
4) definire i calcoli che permettono di ricavare le coordinate dalle misure;
5) specificare le equazioni della carta.
Difficolt enormi: per fortuna esistono delle semplificazioni che possono sin-
tetizzarsi in:
a) per piccoli intorni la superficie del geoide pu considerarsi piana;
b) per intorni di qualche centinaio di chilometri pu considerarsi sferica;
c) differenziazione tra punti di inquadramento e punti di dettaglio.
I punti di inquadramento vengono effettuati con operazioni geodetiche e sono
distribuiti sul territorio a distanze di tre-quattro chilometri.
I punti di dettaglio si appoggiano a questi e sia per le misure che per i calcoli
possono intendersi come effettuati sul piano.
Tutto ci vale solo per la planimetria non per le quote che debbono sempre es-
sere riferite al geoide.
2. Definizione della superficie di riferimento
2.1. Equazione del geoide
Il campo di forza della gravit un campo conservativo, ammette cio poten-
ziale.
Nel campo si individuano le linee di forza, tangenti in ogni punto alla direzione
della forza; nella fattispecie queste linee sono curve gobbe e prendono il nome di
verticale (la direzione della gravit in un punto tangente cio alla linea verticale
che vi passa).
Punti di eguale potenziale definiscono una superficie equipotenziale che ha la
caratteristica di essere normale alle linee di forza del campo.
Nel campo della gravit esistono infinite superfici equipotenziali: una di que-
ste, cio quella passante per un punto di posizione planimetrica nota posto sul livello
medio del mare, dicesi geoide. Tutti i punti situati sul geoide avranno, ovviamente,
quota nulla.
Si riferisca il corpo terrestre ad un sistema di coordinate cartesiane OXYZ
avente lorigine O nel baricentro della Terra, lasse Z coincidente con lasse di rota-
zione e gli assi X ed Y coincidenti con gli assi principali dinerzia (Fig. 2).
Il vettore gravit g in un punto generico P funzione della posizione del
punto, cio
) Z , Y , X ( g g =
e si pu considerare, fondamentalmente, composto da due forze:
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
6
a) la forza f di attrazione newtoniana che ogni elemento della massa della
Terra esercita sulla massa unitaria posta in P;
b) la forza centrifuga sullunit di massa dovuta alla rotazione della Terra in-
torno allasse Z (con velocit angolare pari a 7,29x10
-5
rad/sec)
2 2 2
Y X r con r c + = =
Il potenziale in un punto funzione della posizione del punto
) Z , Y , X ( W W =
per la quale si verifica che
Z Y X
g
Z
W
g
Y
W
g
X
W
= = =

che sinteticamente si possono esprimere con la notazione


gradW g =
ovvero: le derivate parziali del potenziale danno le componenti della gravit secon-
do i tre assi.
Ricordiamo che in generale indicando con dP uno spostamento infinitesimo si
ha:
dP g dW =
cio la derivata del potenziale secondo la direzione dP d la componente del vettore
gravit in quella direzione; in particolare se la direzione individuata da dP tangente
alla superficie equipotenziale passante per P risulta ovviamente
0 dP g cio 0 dW = =
da cui si deduce lortogonalit di g rispetto alla superficie equipotenziale.
Ci detto il potenziale W la somma del potenziale V relativo alla forza di at-
trazione newtoniana e del potenziale relativo alla forza centrifuga.
Il potenziale di immediata deduzione
) Y X (
2
1
r
2
1
) Y , X (
2 2 2 2 2
+ = =
Fig. 2
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 7
Per il potenziale V si consideri (Fig. 2) un elemento della Terra di massa dm
posto nel punto Q di coordinate generiche a,b,c; se (a,b,c) la densit in tale punto
si ha
dc db da ) c , b , a ( dm =
Questo elemento determina sulla massa unitaria posta in P una forza di attra-
zione di modulo
) PQ l (
l
dm
G
) c Z ( ) b Y ( ) a X (
dm
G dF
2 2 2 2
= =
+ +
=
e diretta da P verso Q (G costante di attrazione universale).
Il potenziale dV dovuto a tale massa dm vale
l
dm G
) c Z ( ) b Y ( ) a X (
dc db da ) c , b , a ( G
dV
2 2 2
=
+ +
=

ed il potenziale dovuto a tutte le masse della Terra

=
l
dm
G ) Z , Y , X ( V (2)
ove lintegrale esteso a tutto il volume della Terra.
Il geoide ha quindi equazione
t cos ) Y , X ( ) Z , Y , X ( V = + (3)
Per rendere esplicita tale equazione sarebbe necessario eseguire lintegrale tri-
plo della (2) che esprime il potenziale della forza di attrazione newtoniana; per far
ci occorrerebbe conoscere la densit della Terra in ogni suo punto, cio la funzione
(a,b,c).
Tale conoscenza piuttosto vaga: se ne conoscono solo valori approssimati e
globali; si sa infatti che la densit media di 5,52 gr/cm
3
e che nello strato superfi-
ciale della Terra di 2,67 gr/cm
3
.
Per tale motivo diviene impossibile determinare rigorosamente lequazione del
geoide.
2.2. Ellissoide di rotazione
Nella impossibilit di scrivere lequazione del geoide gli studi dei geodeti si
sono rivolti alla determinazione di una superficie che meglio approssimasse la forma
della Terra e fosse matematicamente gestibile per gli usi geodetici.

Fig. 3
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
8
Si giunti cos alla definizione di un ellissoide di rotazione (Fig. 3) di semiassi
equatoriale a e polare c di equazione
1
c
Z
a
Y X
2
2
2
2 2
= +
+
(4)
Di esso si definiscono le due grandezze caratteristiche:
lo schiacciamento
a
c
1
a
c a
=

= (5)
e leccentricit
2
2
2
2 2
2
a
c
1
a
c a
e =

= (6)
3. L'ellissoide terrestre
3.1. Dimensioni dell'ellissoide
Diversi geodeti hanno lavorato per determinare i parametri che pi si addices-
sero allellissoide da assumere come riferimento; se ne citano alcuni che hanno preso
il nome dai geodeti che li hanno calcolati:
Bessel (1841) a = 6.377.397m = 1/299,2
Clarke (1880) a = 6.378.243m = 1/293,5
Helmert (1906) a = 6.378.140m = 1/298,3
Hayford (1909) a = 6.378.388m = 1/297,0
Krassovsky (1942) a = 6.378.425m = 1/298,3
WGS84 a = 6.378.137m = 1/298,257
Al Congresso della Unione Geodetica e Geofisica Internazionale (UGGI), te-
nuto a Madrid nel 1924, si stabilito di assumere come ellissoide internazionale di
riferimento quello proposto da Hayford che pertanto si caratterizza con i seguenti pa-
rametri
a = 6.378.388 = 1/297,0
Al Congresso dellUGGI di Mosca nel 1971 stato consigliato di adottare
nuovi parametri per lellissoide e precisamente
a = 6.378.140 = 1/298,257
3.2. Coordinate curvilinee sullellissoide
In generale per individuare un sistema di coordinate curvilinee su una superfi-
cie di equazione
( ) 0 Z , Y , X f = (7)
occorre scegliere due parametri u e v e determinare le equazioni parametriche della
superficie
( )
( )
( ) v , u Z Z
v , u Y Y
v , u X X
=
=
=
(8)
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 9
Dando un valore costante u
o
al parametro u e facendo variare l'altro parametro
si determina sulla superficie una linea individuata dalle equazioni
( )
( )
( ) v , u Z Z
v , u Y Y
v , u X X
o
o
o
=
=
=
(9)
Dando ad u
o
valori diversi si individua una famiglia di curve.
Ripetendo lo stesso procedimento con il parametro v si ottiene un'altra famiglia
di curve.
Le due famiglie di curve individuano sulla superficie un sistema di coordinate
analogo al sistema formato sul piano dalle rette x = cost. ed y = cost..
Conviene scegliere i parametri u e v in modo tale che le linee coordinate u =
cost e v = cost siano ortogonali, si incontrino cio sulla superficie formando un an-
golo retto.
Vediamo come si pu specificare questo procedimento per l'ellissoide di rota-
zione.
Ricordiamo dalla geometria analitica che in un ellissoide di rotazione i piani
contenenti lasse Z sono detti piani meridiani; tali piani intersecano lellissoide se-
condo ellissi, dette meridiani, tutte uguali e di equazione (Fig. 4)
1
c
z
a
r
2
2
2
2
= + (10)
La (10) si ottiene dalla (4) ricordando che in ogni punto della superficie ellis-
soidica vale la relazione
X
2
+ Y
2
= r
2
.
Ricordiamo ancora che le intersezioni
dellellissoide con piani normali allasse Z so-
no circonferenze, dette paralleli, di raggio
nullo ai poli e pari al semiasse maggiore a sul
piano equatoriale (contenente il centro
dellellissoide); questo parallelo di raggio
massimo si dice equatore.
Ci detto possiamo definire due angoli
caratteristici di un punto P dellellissoide, e
precisamente (Fig. 5):
- l'angolo
e
, che langolo acuto che la
normale n allellissoide nel punto P forma con
il piano equatoriale (Fig. 4);
- l'angolo
e
, che langolo minore di
180 che il semipiano meridiano passante per
P forma con un semipiano origine.
In funzione di
e
e
e
, con opportuni calcoli, si possono determinare le equa-
zioni parametriche dell'ellissoide:
Fig. 4
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
10
( )
W
sen e 1 a
Z
W
sen cos a
Y
W
cos cos a
X
e
2
e e
e e

=
=
=
(11)
avendo posto
e
2 2
sen e 1 W =
I due angoli
e
e
e
possono
pertanto essere presi come coor-
dinate di un punto P sulla superfi-
cie ellissoidica (Fig. 5) e si indi-
cano col nome generico di co-
ordinate geografiche ellisoidiche
e col nome specifico di
- latitudine ellissoidica
e
: si
specifica in latitudine nord e
latitudine sud a seconda che il
punto giaccia nellemisfero
boreale o australe;
- longitudine ellissoidica
e
, che
langolo minore di 180 che
il semipiano meridiano pas-
sante per P forma con un se-
mipiano origine, assunto come
il semipiano passante per la planimetria sullellissoide di un punto G (osservato-
rio di Greenwich) della superficie terrestre: si specifica in longitudine est o lon-
gitudine ovest a seconda che il punto sia ad est o a ovest del meridiano di Gre-
enwich.
Alle linee
e
= cost. corrispondono i meridiani, luogo dei punti che hanno la
stessa longitudine; alle linee
e
= cost. corrispondono i paralleli, luogo dei punti che
hanno la stessa latitudine. Queste due famiglie di curve sono tra di loro ortogonali.
E importante osservare che i parametri
e
e
e
individuano sia la direzione di
una normale allellissoide che la posizione del punto per cui passa (coordinate curvi-
linee).
Se misurassimo direttamente i valori di
e
e
e
per tutti i punti della superficie
terrestre da rilevare avremmo con un solo atto realizzato tutte le operazioni descritte
nei punti a), b), c) e d) del par. 1.2..
Queste misure in effetti si possono eseguire con stazioni astronomiche, come si
vedr in seguito, ma richiederebbero complesse apparecchiature e lunghe e raffinate
osservazioni per ottenere la precisione necessaria per cui si ritengono inapplicabili
allo scopo.
Fig. 5
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 11
3.3. Sezioni normali e raggi di curvatura
Si consideri un punto P
sullellissoide e la sua nor-
male n; tutti i piani passanti
per n, aventi cio n come co-
stola, intersecano lellissoide
secondo linee piane dette se-
zioni normali che hanno raggi
di curvatura diversi.
Si dimostra che tali
raggi variano con continuit
da un minino (curvatura 1/
massima) ad un massimo N
(curvatura 1/N minima) detto
gran normale; le sezioni
normali che hanno detti raggi,
dette sezioni normali princi-
pali, sono fra di loro ortogo-
nali ed i loro raggi sono detti
raggi principali di curvatura.
Sullellissoide il raggio di curvatura minimo si verifica sul meridiano pas-
sante per P; per conseguenza il raggio di curvatura massimo N si verifica sulla sezio-
ne normale perpendicolare al meridiano che si indica come primo verticale (N
uguale al segmento della normale n compreso tra il punto P e lintersezione Q con
lasse di rotazione Z) (Fig. 6). Non si confonda il primo verticale con il parallelo il
cui piano parallelo all'equatore ed il cui raggio vale p = Ncos
e
.
Il raggio di curvatura di una sezione normale che forma un angolo (azimut)
con il meridiano dato dalla formula di Eulero in funzione di ed N
N
sen cos
R
1
2 2

+ =
I valori di ed N sono dati, per conseguenza, dalla seguenti espressioni:
W
a
N
W
) e 1 ( a
3
2
=

=
avendo, come al solito, posto
e
2 2
sen e 1 W =
Si definisce infine raggio medio di curvatura dellellissoide in un punto P la
media geometrica dei raggi minimo e massimo
N R = (12)
R pu considerarsi come il raggio di una sfera che oscula lellissoide nel punto
P e che viene detta sfera locale.
Fig. 6
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
12
4. Definizioni e misure di angoli e distanze
4.1. Generalit
Al punto c) del par. 1.2. abbiamo visto che, dopo aver proiettato i punti sulla
superficie di riferimento, necessario poter misurare angoli e distanze fra i punti in
modo da poterne determinare la posizione reciproca.
Diviene quindi fondamentale definire gli angoli e le distanze che poi potremo
realmente misure.
4.2. Definizione di distanza
E noto che fra due punti di una superficie curva possono essere tracciate varie
linee di natura geometrica diversa.
Se la linea che a noi interessa deve rappresentare la distanza tra i due punti,
valutata ovviamente sulla superficie, chiaro che tra tutte le linee deve essere scelta
quella che abbia minor lunghezza: tale linea, nota in geometria, la geodetica.
Essa si definisce come quella linea sulla superficie che gode della propriet di
avere la normale in ogni suo punto coincidente con la normale alla superficie.
Per meglio chiarire quanto detto si tenga presente che, secondo la definizione
data, le rette sono le geodetiche del piano (qualsiasi altra curva del piano ha la nor-
male giacente sul piano stesso) e che sulla sfera gli archi di geodetica sono archi di
cerchio massimo.
Dal punto di vista della loro misura le geodetiche presentano per il difetto di
essere curve gobbe, non sono cio contenute in un piano; tale particolarit che ne
rende difficile la loro determinazione metrica, non fosse altro che per la difficolt di
individuarle, viene per facilmente superata come vedremo in seguito.
4.3. Definizione di angolo
Per ovvia estensione dei concetti gi noti sul piano se per un punto P si consi-
derano uscenti due geodetiche definiremo angolo tra le stesse langolo formato dalle
tangenti in P alle due linee.
4.4. Un teorema sulle geodetiche
Si consideri un triangolo
infinitesimo sullellissoide
(Fig. 7), che si pu considerare
piano in quanto infinitesimo,
dove si indicato con
langolo formato nel punto P,
di coordinate X, Y e Z, fra la
tangente alla geodetica e la
tangente al meridiano (r il
raggio del parallelo e il rag-
gio del meridiano).
Tale angolo viene defi-
nito come azimut della geode-
tica, computato a partire dal
meridiano in senso orario e pu
assumere valori compresi tra 0
Fig. 7
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 13
e 2.
Ci posto si richiama il teorema di Clairaut espresso dalla formula
t cos sen r =
e dallenunciato: sulle superfici di rotazione costante per ogni punto della geodeti-
ca il prodotto del raggio del parallelo per il seno dellazimut della geodetica.
Tale teorema molto importante in quanto ci permette di definire con sempli-
cit le linee geodetiche di una superficie di rotazione e di individuarne il percorso.
Per es. una geodetica che esce da P con un angolo di 50 avr il suo azimut
sempre crescente mano a mano che si allontana da P in quanto il raggio del parallelo
andr diminuendo.
4.5. Misure effettuabili sul terreno
a) Distanza tra due punti
Se consideriamo due punti A e B sulla superficie terrestre gli strumenti ed i
metodi di misura utilizzati permettono di misurare la lunghezza l dellarco di sezione
normale che congiunge le proiezioni A
o
e B
o
; in effetti le sezioni normali che con-
giungono questi due punti sono due: una quella che contiene la verticale per A
o
ed il
punto B
o
e da luogo allarco l, laltra quella che contiene la verticale per B
o
ed il
punto A
o
e da luogo allarco l. La lunghezza l, o l, la distanza che si pu effettiva-
mente misurare sul terreno (Fig. 8).
b) Azimut di un punto
Sempre considerando i due punti anzidetti lazimut di B rispetto ad A che si
pu misurare sul terreno con osserva-
zioni astronomiche langolo che la
sezione normale che contiene la verti-
cale per A
o
ed il punto B
o
forma con la
tangente al meridiano in A
o
diretta ver-
so Nord: come gi detto tale angolo si
valuta partendo dal meridiano in senso
orario e pu assumere tutti i valori
compresi tra 0 e 2 (Fig. 8).
c) Angolo azimutale tra due
punti
Considerando un terzo punto O
insieme agli anzidetti A e B, langolo
azimutale AOB che si pu misurare sul
terreno langolo diedro formato dalle
sezioni normali O
o
A
o
e O
o
B
o
cio
langolo diedro tra il piano che contiene la verticale per O ed il punto A ed il piano
che contiene la verticale per O ed il punto B (Fig. 8).
d) Distanza zenitale
Considerati due punti A e B sulla superficie terrestre, intervisibili, si definisce
distanza zenitale z
AB
langolo che la verticale in A forma con la congiungente AB; tale
angolo si pu effettivamente misurare sul terreno con gli strumenti a nostra disposi-
zione.
e) Dislivello
Fig. 8
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
14
Considerati due punti A e B sulla superficie terrestre, intervisibili, si definisce
dislivello
AB
fra i due punti la differenza fra la quota Q
B
di B e la quota Q
A
di A; tale
dislivello si pu misurare sul terreno:

AB
= Q
B
- Q
A
La distanza zenitale ed il dislivello sono stati indicati solo per dare un quadro
completo delle misure che si possono effettuare sulla superficie terrestre ma non
hanno alcuna attinenza col discorso attuale.
4.6. Differenze fra misure sullellissoide e misure sul geoide
Le misure indicate nel paragrafo precedente fanno riferimento sempre alla ver-
ticale, cio la normale al geoide.
In seguito per alla posizione fatta di assumere come superficie di riferimento
lellissoide le misure andrebbero fatte con riferimento alla normale allellissoide.
Ci non possibile in quanto la normale allellissoide non fisicamente defi-
nibile.
Tale situazione, nelleffettuare un rilievo per punti di inquadramento, si po-
trebbe realizzare in un solo punto nel quale facciamo coincidere la verticale con la
normale allellissoide ma in tutti gli altri punti saremmo sempre costretti ad orientare
gli strumenti secondo la verticale.
Si pu quindi dire: si misurano angoli e distanze con riferimento al geoide
(verticale) ma i risultati delle misure si trattano con riferimento allellissoide.
4.7. Teoremi della geodesia operativa
Chiarita la incongruenza indicata al par. 4.6. resta il fatto che si misurano (Fig.
9) lunghezze di archi di sezioni normali (s) e angoli tra sezioni normali (A), fra
laltro non univocamente
definite, mentre si dovreb-
bero misurare lunghezze di
archi di geodetiche (s) ed
angoli fra le tangenti alle
geodetiche ().
Si pu, per, dimo-
strare che considerando una
geodetica di lunghezza s =
1000 km la differenza fra la
lunghezza dellarco di se-
zione normale e la lun-
ghezza dellarco di geode-
tica non supera il centime-
tro, ovvero 10
-8
della di-
stanza considerata.
Ove si consideri che le
precisioni di misura sulla
distanze non vanno oltre
una precisione relativa di 10
-6
si pu concludere che: perfettamente lecito il ritenere
che le misure effettuate lungo sezioni normali diano gli stessi risultati di misure ese-
guite lungo archi di geodetiche.
Fig. 9
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 15
Analogamente si pu dimostrare che la differenza fra lazimut individuato dal
piano meridiano e dalla tangente alla geodetica e lazimut individuato dal piano me-
ridiano e la sezione normale varia con la latitudine essendo massima allequatore e
minima ai poli.
Alle nostre latitudini tal differenza di 0,01" per una distanza di 100 km e sale
a 0,13" per una distanza di 300 km.
Ove si consideri che la precisione massima raggiungibile nella misura di un
angolo non va oltre 0,1" 0,2" e che la massima distanza collimabile, a causa della
curvatura terrestre, non supera i 200 km, si pu concludere che: una misura di azimut
anche se effettuata con riferimento ad una sezione normale pu sempre considerarsi
riferita ad una geodetica.
Analoga considerazione si pu trarre per le misure di angoli azimutali in
quanto gli stessi possono considerarsi come ottenuti per differenza di due azimut.
Quanto detto costituisce la sostanza dei teoremi della geodesia operativa, ov-
vero in sintesi il fatto che qualunque misura di azimut, angolo o distanza eseguita
dal topografo pu ritenersi eseguita con riferimento ad archi di geodetica sulla su-
perficie di riferimento.
5. Campo geodetico e campo topografico
5.1. Considerazioni generali
Stabilito che le misure di angoli e distanze possono considerarsi riferite
allellissoide ne deriva che qualsiasi calcolo per risolvere triangoli, quadrilateri, poli-
goni pu essere effettuato utilizzando la trigonometria ellissoidica; tale trigonometria
per piuttosto complessa per cui conviene esaminare la possibilit di eseguire i cal-
coli in maniera pi semplice in considerazione del fatto che i triangoli, o le figure
che si devono risolvere, hanno lati che non eccedono 50-60 km e che tali lati sono
molto piccoli in relazione ai raggi di curvatura dellellissoide che sono dellordine
dei 6300 km.
Vedremo che se si lavora nellintorno di un raggio di 100-120 km utilizzando
nei calcoli la trigonometria sferica si ottengono risultati praticamente uguali a quelli
che si otterrebbero utilizzando la trigonometria ellissoidica; se si lavora nellintorno
di un raggio di 20-25 km si pu addirittura utilizzare la trigonometria piana ottenen-
do risultati praticamente uguali.
Va chiarito cosa si intende per "praticamente uguali".
Quando sul terreno si eseguono misure di angoli e distanze, queste non posso-
no mai considerarsi esatte; per cui le posizioni dei punti rilevati sono affette da
unincertezza pi o meno alta a seconda degli strumenti e dei metodi di rilievo utiliz-
zati.
Ne consegue che:
possono reputarsi praticamente uguali i risultati di due calcoli effettuati con
algoritmi diversi tutte le volte che le differenze sono decisamente inferiori alle in-
certezze derivanti dalle misure.
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
16
5.2. Campo geodetico o di Weingarten
Si consideri (Fig. 10) la terna cartesiana ortogonale P
o
XYZ avente il piano XY
tangente allellissoide nel
punto P
o
, di coordinate geo-
grafiche
P
e
P
, lasse Z di-
retto secondo la normale
allellissoide, lasse Y tan-
gente al meridiano e diretto
verso Nord e lasse X diretto
verso Est (terna euleriana);
sia g una geodetica uscente da
P
o
secondo lazimut ed s la
lunghezza dellarco di geode-
tica compreso tra lorigine ed
un punto generico Q.
Attraverso formule al-
quanto complesse si possono
determinare le coordinate
cartesiane X, Y e Z del punto
Q.
Si consideri ora nello stesso punto P
o
la sfera di raggio
N R =
tangente allellissoide.
Anche in questo caso, utilizzando le stesse formule, si possono determinare le
coordinate X
S
, Y
S
e Z
S
del punto Q.
Ci fatto si possono calcolare le differenze tra le coordinate X ed Y e le coordi-
nate X
S
ed Y
S
(quelle che rappresentano la posizione planimetrica del punto Q) al va-
riare di , ed s.
Si trova che per s = 100 km tali differenze hanno un massimo di 27 mm, deci-
samente inferiore alle incertezze delle misure.
Se ne conclude che, lavorando nellintorno di un raggio di 100 km, si pu uti-
lizzare la trigonometria sferica su una sfera del raggio soprascritto.
Tale sfera viene detta sfera locale.
Il campo cos individuato viene detto campo geodetico o campo di Weingarten.
Per le quote il discorso diverso. La differenza Z
S
- Z, per = 45, assume i
valori assoluti massimi (per = 0 ed = 90) riportati nella seguente tabella al va-
riare della distanza s:
s (in km) 1 10 20 50 100
|Z
s
- Z| 0,13 mm 1,3 cm 5,4 cm 0,33 m 1,3 m
Per le quota, quindi, i limiti entro i quali si pu assumere come superficie di ri-
ferimento la sfera sono molti pi ristretti.
Tenendo conto della precisione con cui si possono ottenere i dislivelli con una
livellazione trigonometrica tale limite si pu stabilire sui 20 km.
Fig. 10
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 17
5.3. Campo topografico
Se, sempre riferendosi al punto P
o
ed alla figura del paragrafo precedente, i
valori di s non superano qualche decina di km si pu fare una successiva approssi-
mazione.
Considerando il piano tangente allellissoide in detto punto i calcoli possono
essere eseguiti utilizzando la trigonometria piana.
La zona, allinterno della quale si pu utiliz-
zare la trigonometria piana, viene detta campo to-
pografico.
E bene avvertire per che non si pu fissare
un limite ben definito per individuare questo cam-
po in quanto fortemente dipendente dalla precisio-
ne delle misure delle distanze, che varia notevol-
mente in funzione degli strumenti di misura utiliz-
zati.
Si consideri (Fig. 11) il piano tangente alla
sfera locale in P
o
( inessenziale per quanto dire-
mo considerare la sfera locale invece
dellellissoide).
La differenza s tra la distanza s = P
o
Q e la
distanza s' = P
o
Q' (con Q' proiezione di Q sul pia-
no tangente) vale
) (tan R R tan R s ' s s = = =
Sviluppando tan in serie e trascurando i
termini del 5 ordine e superiori si ottiene
2
3 3 3
R 3
s
3
R )
6
2
( R s = = + =


ricordando che s = R.
Il rapporto
2
2
R 3
s
s
s
=

rappresenta lerrore relativo che si commette nel sostituire s con s'.


Ricavando s si ottiene
s
s
3 R s

=
Assegnando a s/s il valore della precisione della misura ed assegnando ad R il
valore massimo 6378 km si ricava il massimo valore di s, cio della distanza entro la
quale si pu lavorare sul piano tangente.
Per esempio, con
6
10 . 2
s
s

=

si ottiene s = 15,6 km
Il problema per le quote, anche in questo caso, si pone in modo diverso.
Si noti in Fig. 11 che il sostituire Q con Q significa commettere un errore
) 1
R
s
1 ( R R s R R ' CQ Q
2
2
2 2
+ = + = =
Fig. 11
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta
18
avendo sostituito s con s in quanto ci si riferisce al campo topografico.
Sviluppando in serie il radicale e trascurando il termine -s
4
/8R
4
e quelli di ordi-
ne superiore in quanto molto piccoli si ottiene
R 2
s
) 1
R 2
s
1 ( R Q
2
2
2
= + =
Tale grandezza, sempre positiva, viene detta correzione di sfericit ed assume i
seguenti valori:
s (km) 0,1 0,5 1,0 5,0 10,0
Q (m) 0,0008 m 0,02 m 0,08 m 2,0 m 7,8 m
Poich si possono misurare differenze di quota tra punti distanti 100 m con la
precisione del decimo di mm, con livellazione geometrica di alta precisione, si pu
constatare che non mai lecito sostituire il piano tangente nelle misure delle quote.
5.4. Risoluzione di triangoli sferici. Teorema di Legendre
Si consideri sulla sfera locale un triangolo i cui lati siano tre geodetiche, cio
tre archi di cerchio massimo, contenuti ovviamente nel campo geodetico.
Siano a, b e c le lunghezze di tale geode-
tiche (che, come detto, possiamo misurare sul
terreno) ed , e gli angoli corrispondenti
(Fig. 12). Tali angoli sono, come visto, corri-
spondenti agli angoli azimutali che noi misu-
riamo sulla superficie terrestre.
La geometria sferica ci insegna che la
somma dei tre angoli , e superiore a di
una quantit, che denoteremo con 3, chiamata
eccesso sferico
+ + = + 3
Tale quantit, dal teorema di Cavalieri, si
calcola con la formula
2
R
S
3 =
dove S indica larea del triangolo ed R il raggio della sfera.
Ci detto, la risoluzione di tale triangolo si semplifica notevolmente utilizzan-
do il teorema di Legendre (Fig. 13) che, in forma semplificata, si pu cos enunciare:
Fig. 12
Fig. 13
Parte I Capitolo 1
1998/99 F.Resta 19
un triangolo sferico pu essere risolto come un triangolo piano avente i lati della
stessa lunghezza del triangolo sferico e gli angoli uguali ai corrispondenti del trian-
golo sferico, diminuiti ciascuno di un terzo delleccesso sferico.
1998/99 F.Resta
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta 21
CAPITOLO 2
DETERMINAZIONE DELLE COORDINATE DI PUNTI SULLA
SUPERFICIE DI RIFERIMENTO
1. Coordinate geodetiche polari e rettangolari
1.1. Coordinate geodetiche polari
Le coordinate geografiche ellissoidiche,
e
e
e
, definiscono la posizione as-
soluta di un punto P sullellissoide.
Analogamente a come si fa
sul piano si pu definire un sistema
di coordinate locali.
Preso sullellissoide un punto
O come origine, detto polo, un
qualsiasi altro punto P pu essere
individuato dalla lunghezza s della
geodetica OP e dallazimut che
detta geodetica forma in O (Fig.
14).
1.2. Coordinate geodetiche ret-
tangolari
Sempre con riferimento alla
Fig. 14 si possono definire le coordinate Y, come larco di geodetica PQ passante per
P e normale al meridiano, ed X, come larco di meridiano OQ .
1.3. Passaggio da coordinate geodetiche rettangolari a polari e viceversa
Il problema viene risolto applicando il teorema di Legendre al triangolo sferico
OPQ (Fig. 14).
Si ottengono le relazioni
( )
( )

2 cos s X
sen s Y
=
=
e le inverse
Fig. 14
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta
22
X 2 Y
Y X
tan
) X 2 Y ( ) Y X ( s
2 2

+
=
+ + =
2. Determinazione delle coordinate geografiche ellissoidiche
2.1. Generalit
Consideriamo un insieme di punti di inquadramento P
i
(Cap.1 par. 1.3.) sull'el-
lissoide congiunti a due a due da archi di geodetica in modo da formare una rete di
triangoli e supponiamo di aver eseguito tutta una serie di misure di angoli e distanze
(Fig. 15).
Si determinino le coordinate
a0
e
a0
di in punto P
0
, opportunamente scelto,
con una stazione astronomica (vedi seguito) e l'azimut
a0
di una geodetica uscente
da P
0
e passante per uno dei punti P
i
, nel nostro esempio sia P
1
, e si assumano tali
misure come riferite all'ellissoide; ci vale a dire che in tale punto si far coincidere
la verticale, individuata dalle coordinate astronomiche, con la normale all'ellissoide,
ovvero che in tale punto si render l'ellissoide osculante (tangente) al geoide.
In tale operazione consiste il cosiddetto "orientamento dell'ellissoide" che per
va completata bloccando la possibilit che l'ellissoide ha di ruotare intorno alla nor-
male; ci viene fatto facendo coincidere l'azimut
a0
con l'azimut ellissoidico.
In sintesi possiamo dire che in tale punto si avr
0 e 0 a 0 e 0 a 0 e 0 a
= = =
Fig. 15
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta 23
Si pone ora il problema di come calcolare le coordinate del punto P
1
.
2.2. Trasporto delle coordinate geografiche: problema diretto
Il problema, noto col nome di trasporto delle coordinate geografiche, o come
primo problema fondamentale della geodesia si pone nel seguente modo:
supposte note in un punto O dell'ellissoide la latitudine
O
, la longitudine
O
e
l'azimut
O
dell'arco di geodetica OP, anch'essa nota, determinare la latitudine
P
,
la longitudine
P
e l'azimut
P
della stessa geodetica in P.
Sia dato, sulla superficie
di riferimento, un punto O di
coordinate ellissoidiche note
o
e
o
e si consideri un altro punto
P e siano note le sue coordinate
polari s ed
o
(Fig. 16).
Tutto ci noto, si possono
determinare le coordinate ellis-
soidiche, e , di P e lazimut
che la geodetica OP forma in
P.
Le formule che si otten-
gono, molto complesse, esulano
da questo corso e sono riportate
alla fine del presente paragrafo
per bibliografia; di seguito viene
solo riportata una formula ap-
prossimata per il calcolo di ,
dopo aver calcolato e :
2
con sen ) (
o
m m o o


+
= + =
La differenza
m o o
sen ) ( = =
viene detta convergenza dei meridiani
relativa allarco di geodetica OP e rappre-
senta l'angolo formata dalle tangenti ai
meridiani nei punti O' e P' giacenti sul pa-
rallelo di latitudine media
m
(Fig. 17).
Le formule per determinare , e
, fermando gli sviluppi in serie ai termi-
ni in s
3
, sono:
Fig. 16
Fig. 17
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta
24
( )
( )
|
|
.
|

\
|
+ + + =
|
|
.
|

\
|
+ + + + =
+
)
`

+ + =
0
0
2
0 0
0 0
2
0
1 0
0
0
0 0
2
0
0 0
0
2
0
3
0
2 2
0
0 0
2
0 0
0
0
0
2
3
0
0 0
2 3
0
2 2
0
0
2
0
2
0 0
0
2
0
0
2
0
0
0
N
tan
2
1
N
cos sen
2
s
N
sen tan s
N
3 sen tan 2 cos 2 sen
cos N 6
s
cos N 2
2 sen sen s
cos N
sen s
tan 3 1
6
cos sen s
sen e 1
cos cos e 3
cos N
sen
2
sen s cos s



2.3. Trasporto delle coordinate geografiche: problema inverso
Il problema inverso del trasporto delle coordinate geografiche consiste nel de-
terminare le coordinate geodetiche polari del punto P
2
rispetto al punto P
1
note che
siano le coordinate (Fig. 18)
1
e
1
,
2
e
2
.
3. Coordinate astronomiche e loro determinazione
3.1. Generalit
Gli argomenti trattati in questo capitolo sono utili al topografo quando esso
opera in zona totalmente prive di rilievi ma, fondamentalmente quando in tale zona
necessario istituire una rete di punti di inquadramento.
Si gi visto come, operando sulla superficie terrestre, mediante misure di an-
goli e distanze e relativi calcoli con riferimento allellissoide, si pu determinare la
posizione di un punto mediante le sue coordinate geografiche ellissoidiche,
e
e
e
,
che, come gi detto, danno la direzione della normale allellissoide in corrispondenza
del punto rilevato, con riferimento al piano dellequatore ed al piano del meridiano
fondamentale di riferimento.
Le osservazioni astronomiche conducono invece alla determinazione delle co-
ordinate geografiche astronomiche o geoidiche,
a
e
a
, del punto in cui si sono
eseguite le osservazioni degli astri che differiscono dalle precedenti in quanto defini-
scono la direzione della verticale nel punto.

Fig. 18
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta 25
Avendo gi visto che la verticale (normale al geoide) non coincide con la nor-
male allellissoide se non in punti molto particolari, se ne conclude che le due coppie
di coordinate differiscono da punto a punto.
3.2. Sfera celeste
Il cielo ha laspetto di una sfera enormemente grande, sfera celeste, sulla quale
si vedono proiettati gli astri (posizioni apparenti); rispetto al raggio di tale sfera la
terra pu considerarsi puntiforme e posta nel centro C (Fig. 19).
Con ci ogni punto pu essere individuato dalla direzione della verticale pas-
sante per esso che interseca la sfera celeste in un punto chiamato zenit
dellosservatore; il piano normale alla verticale detto piano orizzontale
dellosservatore.
Le posizioni apparenti relative delle stelle possono considerarsi immutabili
perch il loro moto apparente, data la loro enorme distanza dalla terra, si pu consi-
derare trascurabile nel volgere anche di molti anni; esse, ad un osservatore terrestre,
appaiono dotate di un moto di rotazione da est ad ovest intorno ad un asse, chiamato
asse del mondo, ottenuto prolungando lasse terrestre fino a definire sulla volta cele-
ste due punti, P
N
e P
S
, polo nord e polo sud.
I piani che contengono lasse del mondo determinano sulla sfera celeste delle
curve detti meridiani, mentre i piani perpendicolari a tale asse determinano delle cur-
ve detti paralleli.
Lequatore celeste il parallelo di raggio massimo, contenente il centro della
sfera celeste.
Contrariamente alle stelle, i componenti del sistema solare (sole, luna, pianeti,
satelliti, etc.), data la loro vicinanza alla terra, non possono considerarsi immutabili;
essi variano la loro posizione sensibilmente da un giorno allaltro.
Fig. 19
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta
26
Lecclittica un cerchio massimo nel quale si svolge il cammino del Sole sulla
sfera celeste; il piano dellecclittica inclinato di 2327 sul piano dellequatore e
interseca tale piano in due punti, e , detti punti equinoziali ( equinozio di prima-
vera, equinozio di autunno).
Il punto si sposta lungo lecclittica poich lasse terrestre, pur rimanendo
sempre inclinato rispetto al piano dellecclittica, descrive ogni 26.000 anni un cono
di 2 x 2327 47 (precessione degli equinozi).
Oltre a questo movimento lasse terrestre descrive nel periodo di circa 19 anni
un altro cono di apertura molto pi piccola (nutazione) che determina spostamenti
del punto molto pi piccoli di quelli dovuti alla precessione.
A parte questi movimenti, ben noti, il punto pu considerarsi fisso sulla sfera
celeste.
Nelle considerazioni che seguono considereremo la sfera celeste di raggio uni-
tario poich sono implicate soltanto direzioni e si possono applicare le formule della
trigonometria sferica; ogni punto sulla sfera individua con il centro una direzione e,
viceversa, ogni direzione uscente dal centro individua un punto sulla sfera.
3.3. Sistemi di riferimento
Ogni direzione pu essere individuata sulla sfera da due angoli una volta che
sia definito il sistema di riferimento.
I sistemi di riferimento si possono dividere in due categorie: quelli che sono
fissi rispetto alle posizioni apparenti delle stelle, utili agli astronomi per determinare
e studiare i movimenti relativi degli astri sulla sfera celeste (coordinate equatoriali e
coordinate ecclittiche) e quelli che sono fissi rispetto alla terra, utili in particolare per
la determinazione delle coordinate geografiche (coordinate altazimutali e coordinate
equatoriali locali).
3.3.1. Coordinate equatoriali
Si consideri un astro S (Fig. 20) ed il meridiano che lo contiene, detto anche
cerchio di declinazione.
Tale meridiano interseca
lequatore celeste in un punto R.
Ci detto le due coordinate equa-
toriali sono:
- lascenzione retta AR pari allangolo
tra Il punto ed il punto R;
- la declinazione pari allangolo fra
lastro S ed il punto R.
Lascenzione retta pu assumere
valori tra 0 e 360 e si conta positiva-
mente a partire dal punto verso est.
La declinazione pu assumere
valori tra 0 e 90 contata positiva-
mente nellemisfero nord e negativa-
mente nellemisfero sud.
Langolo complementare p della
declinazione (p = 90- ) si chiama distanza polare.
Fig. 20
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta 27
Le coordinate equatoriali di un astro a causa dei movimenti di precessione, di
nutazione e del movimento di traslazione del sistema solare verso la costellazione di
Ercole subiscono lentissime variazioni.
Per tener conto di ci vengono pubblicate ogni anno delle tavole numeriche,
dette Effemeridi, che contengono le coordinate degli astri a cadenze temporali co-
stanti: maggiori per gli astri lontani, minori per quelli vicini (sole, luna, etc.).
3.3.2. Coordinate ecclittiche
Tali coordinate sono definite in maniera analoga alle precedenti con la sola dif-
ferenza che si riferiscono al piano dellecclittica anzich al piano equatoriale.
3.3.3. Coordinate equatoriali locali
Si consideri (Fig. 21) il piano equatoriale ed un piano meridiano passante per
un punto P della superficie terrestre: tale piano meridiano conterr ovviamente la
verticale in P, il cui prolungamento
individuer sulla sfera celeste un
punto Z , detto Zenit; lopposto dia-
metrale di tale punto, Z, detto Na-
dir.
Il meridiano individuato da tale
piano si considera composto da due
semimeridiani detti:
- meridiano superiore quello con-
tenente lo Zenit ed individuato
dalla semicirconferenza P
N
ZP
S
;
- meridiano inferiore quello conte-
nente il Nadir ed individuato
dalla semicirconferenza P
N
ZP
S
.
Ci posto le due coordinate
equatoriali locali sono:
- la declinazione definita come nel caso precedente;
- langolo orario t, cio langolo che il piano meridiano contenente lastro forma
col meridiano superiore del punto; l'angolo si computa a partire dal meridiano
superiore in direzione est.ovest e pu assumere valori da 0 a 360. Tale angolo
si pu anche esprimere in ore, minuti e secondi secondo le equivalenze
1
h
= 1 1
m
= 15 1
s
= 15
Il piano meridiano corrispondente a Greenwich si chiama primo meridiano.
Langolo orario si indica con la lettera t se riferito al meridiano di un generi-
co punto P mentre si indica con T se riferito al primo meridiano.
3.3.4. Coordinate altazimutali
Si consideri (Fig. 22) la verticale in un punto P ed il piano ad essa normale,
detto orizzonte astronomico locale.
Fig. 21
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta
28
Si definiscono come coordinate altazimutali di un astro:
- lazimut a cio langolo
compreso tra 0 e 360 che
il piano verticale conte-
nente lastro forma con il
piano meridiano contenente
P, contato in senso orario a
partire dalla direzione
Nord. La definizione
analoga a quella
dellazimut di una sezione
normale (assimilabile come
si visto a quello di una
geodetica) uscente dal
punto P;
- la distanza zenitale z cio
langolo che la congiun-
gente il punto P con lastro
forma con la verticale per
P. Il complemento di tale angolo, = 90 - z, si indica come angolo daltezza.
Tutti i cerchi massimi passanti per lo zenit si chiamano brevemente verticali e
primo verticale quello normale al meridiano.
3.3.5. Coordinate geografiche astronomiche
Tali coordinate definiscono sulla sfera celeste la direzione dello Zenit in un si-
stema che ha come piani fondamentali lequatore celeste e il primo meridiano (pas-
sante per Greenwich).
Si definiscono pertanto:
- la latitudine astronomica
a
come langolo che la direzione Z (la verticale) forma
con il piano equatoriale computato da 0 a 90 a partire dallequatore in senso
positivo verso Nord, negativo verso Sud.
- la longitudine astronomica
a
come langolo diedro fra il piano meridiano per il
punto P ed il primo meridiano computato da 0 a 180 a partire da Greenwich in
senso positivo verso Est, negativo verso Ovest.
3.4. Tempo sidereo, tempo solare
Si chiama tempo sidereo locale (TSL) di un punto P della superficie terrestre
(Fig. 23), rappresentato dallo Zenit Z, langolo orario del punto valutato con riferi-
mento al meridiano superiore di P; il tempo sidereo riferito al primo meridiano, ov-
vero al meridiano di Greenwich, viene indicato con TSG.
Il punto non osservabile ma, ricordando quanto detto sui sistemi di riferi-
mento, si pu constatare che (Fig. 23)
TSL = t
*
+ AR
*
dove con t
*
si indica langolo orario, rispetto al meridiano per P, di un qualsiasi astro
e con AR
*
la sua ascensione retta.
Lintervallo, praticamente costante, fra due passaggi del punto , o di una stella
qualsiasi, al meridiano superiore di P si chiama giorno sidereo.
Fig. 22
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta 29
Pi conveniente luso del tempo solare
dato che le azioni delluomo si ricollegano alla po-
sizione del Sole; la definizione potrebbe essere
uguale a quella del tempo sidereo facendo assume-
re al Sole il ruolo del punto se non fosse per il
fatto che il Sole non dotato di un moto uniforme.
Si definisce allora un Sole fittizio, detto Sole
medio, il quale partendo dal punto allistante
dellequinozio si muove sullequatore celeste (non
sullecclittica) con moto uniforme impiegando lo
stesso tempo che impiega il Sole vero (anno tropi-
co) per ritornare al punto .
Si definisce come giorno solare medio
lintervallo di tempo fra due passaggi del Sole me-
dio su uno stesso meridiano.
Convenendo che lascensione retta
del Sole medio vari in modo uniforme, il
giorno medio ha durata costante.
Nellintervallo di tempo che trascor-
re fra due passaggi del Sole al punto ,
questultimo compie 366,2422 rivoluzioni
diurne o giorni siderei, mentre, per il moto
del Sole sullecclittica, lascensione retta
del Sole varia di 360 in senso contrario;
pertanto nello stesso intervallo il Sole
compie 365,2422 rivoluzioni e quindi il
giorno sidereo 3
m
55
s
,91 piu breve del
giorno solare medio.
Per meglio chiarire ci si consideri il
Sole fisso (Fig. 24). La Terra, oltre che
ruotare su se stessa, si muove
sullecclittica in senso antiorario. Si consi-
deri ora una stella (punto allinfinito)
che passa su un meridiano nello stesso
istante del Sole Dopo un giro completo
su se stessa (passaggio della stella sul
meridiano = giorno sidereo) la terra si
spostata in una nuova posizione a causa
del movimento in senso antiorario intor-
no al Sole (circa 1) per cui sar neces-
saria unulteriore rotazione affinch il
Sole passi nuovamente sullo stesso me-
ridiano.
Si chiama tempo medio (solare)
locale (TML) langolo che il cerchio di
declinazione del Sole medio forma con
il meridiano inferiore dellosservatore;
cio il tempo medio locale uguale
Fig. 23
Fig. 24
Fig. 25
Parte I Capitolo 2
1998/99 F.Resta
30
allangolo orario del Sole medio diminuito o aumentato di 12
h
.
Il tempo medio locale di Greenwich chiamato Tempo Universale (TU).
Da notare che la longitudine di un punto uguale alla differenza, nel medesimo
istante, fra il tempo medio locale ed il tempo universale
= TML - TU
oppure in termini di tempo sidereo (Fig. 25)
= TSL - TSG
ove con TSG si indica il tempo siderale di Greenwich.
Infine per avere lora solare vera (TVL) necessario apportare al tempo medio
solare una correzione che rappresenta langolo fra il cerchio di declinazione del
Sole medio e quello del Sole vero ed chiamato equazione del tempo:
TVL = TML + .
L'angolo dato dalle effemeridi in funzione del tempo medio solare di Gre-
enwich (TU).
998/99 F.Resta
PARTE II
ELEMENTI DI CARTOGRAFIA
998/99 F.Resta
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 33
CAPITOLO 1
GENERALITA' E DEFINIZIONI ELEMENTI DI TEORIA DELLE CARTE
1. Rappresentazione dell'ellissoide sul piano
1.1. Generalit
Si consideri sulla superficie di un cilindro un triangolo ABC i cui lati a, b e c
siano archi di geodetiche (in questo caso archi di eliche cilindriche); i corrispondenti
angoli , e saranno gli angoli formati dalle tangenti alle geodetiche (Fig. 1).
Se ora tagliamo il cilindro secondo una generatrice e lo distendiamo sul piano
noteremo che il triangolo geodetico si deforma, nel senso che da figura spaziale di-
viene piana, per i lati, anche trasformandosi da archi di geodetiche a segmenti di
retta (geodetica del piano), mantengono la stessa lunghezza; analogo discorso vale
per gli angoli che mantengono inalterato il loro valore.
Il cilindro infatti, come anche il cono, sono figure sviluppabili sul piano; cio si
possono distendere sul piano senza che gli angoli o lati di figure tracciate su di essi
subiscano deformazioni.
L'ellissoide invece, o nel caso pi semplice la sfera, non una superficie svi-
luppabile sul piano, nel senso che non possibile distenderla sul piano senza che gli
angoli e i lati subiscano delle deformazioni.
Fig. 1
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
34
Di conseguenza qualsiasi rappresentazione dell'ellissoide sul piano, cio una
carta, risulta deformata.
Le deformazioni che devono essere apportate all'ellissoide per stenderlo su di
un piano variano in infiniti modi e quindi si possono ottenere varie rappresentazioni
in funzione degli stiramenti o contrazioni che saranno applicati; inoltre queste de-
formazioni non risulteranno uguali per tutta la superficie, nel senso che una figura
ellissoidica identica ma posta in due posizioni diverse risulter diversamente defor-
mata sulla carta.
Ovviamente per poter disegnare su una carta la rappresentazione dell'ellissoide
dovremo opportunamente rimpicciolire le lunghezze di un coefficiente n, il cui inver-
so 1/n viene indicato come scala della carta.
Per definire le deformazioni in un punto della rappresentazione si prendono in
considerazione tre moduli, lineare, areale e angolare.
1.2. Modulo di deformazione lineare
Se indichiamo con ds
e
un archetto infinitesimo di geodetica sull'ellissoide e con
ds
r
il corrispondente nella rappresentazione (Fig. 2), il rapporto
e
r
l
ds
ds
m =
dicesi modulo di deformazione lineare.
Esso varia con continuit da punto a punto della rappresentazione, perch nel
caso contrario si avrebbe una rappresentazione priva di deformazioni; si pu mante-
nere uguale all'unit solo in particolari linee della rappresentazione.
1.3. Modulo di deformazione areale
Se indichiamo con d
e
un elemento di area infinitesimo sull'ellissoide e con
d
r
il corrispondente elemento sulla rappresentazione (Fig. 3) il rapporto
e
r
d
d
m

=
dicesi modulo di deformazione areale.
Fig. 2
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 35
1.4. Modulo di deformazione angolare
Se consideriamo un meridiano sull'ellissoide e la linea che gli corrisponde
nella rappresentazione (trasformata del meridiano) ed inoltre l'azimut di un gene-
rico arco di geodetica sull'ellissoide e l'azimut ' della corrispondente linea sulla
rappresentazione (Fig. 4), la differenza

= ' m
dicesi modulo di deformazione angolare.
La deformazione di un angolo risulta anche dalle deformazioni delle due dire-
zioni che lo formano.
1.5. I diversi tipi di rappresentazioni
Abbiamo visto che la rappresentazione piana dell'ellissoide comporta sempre
delle deformazioni definite dai tre moduli anzidetti.
La teoria delle carte studia diversi sistemi per la formazione di rappresentazioni
che approssimino quanto meglio possibile la planimetria del terreno sull'ellissoide.
Tra tutte queste rappresentazioni se ne possono definire alcune chiamate isogo-
ne o conformi che mantengono l'uguaglianza tra gli angoli, nelle quali cio il modulo
di deformazione angolare nullo (m

= 0).
Fig. 3
Fig. 4
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
36
Analogamente si possono definire rappresentazioni che risultino equivalenti,
cio mantengano inalterato il rapporto tra elementi areolari corrispondenti; in tali
rappresentazioni il modulo di deformazione areale risulta uguale all'unit (m

= 1).
Per quanto detto, non si possono avere invece rappresentazioni equidistanti
cio con modulo di deformazione lineare uguale all'unit, in quanto ci implichereb-
be la realizzazione di rappresentazioni senza deformazioni.
Le rappresentazioni che invece presentano tutte le deformazioni ognuna delle
quali per mantenuta nel limite pi ristretto possibile si indicano con il nome di afi-
lattiche.
Tutti questi tipi di rappresentazioni presentano ciascuna dei vantaggi per speci-
fici usi; per es. una rappresentazione conforme particolarmente utile per la naviga-
zione, una rappresentazione equivalente per gli usi catastali, etc.
1.6. Definizione analitica di una rappresentazione
Per stabilire la rappresentazione dell'ellissoide sul piano quindi necessario
definire:
a) le due funzioni che esprimono la corrispondenza biunivoca fra la posizione
di un punto P sull'ellissoide, data dalle coordinate geografiche e , e la po-
sizione del corrispondente punto P' sul piano, data dalle coordinate piane
ortogonali N ed E (nel sistema cartografico si usa indicare con N l'asse delle
ordinate e con E l'asse delle ascisse, ossia con le iniziali dei punti cardinali
Nord ed Est cui sono orientati i versi positivi di tali assi rispettivamente),
dette equazioni della carta o equazioni di corrispondenza
( )
( )

, E E
, N N
=
=
e le relative funzioni inverse
( )
( ) E , N
E , N


=
=
;
b) i moduli di deformazione in funzione di e , o meglio in funzione di N ed
E;
c) il reticolato geografico ovvero la determinazione delle linee che sulla rap-
presentazione indicano le trasformate dei meridiani e dei paralleli ed in par-
ticolare la definizione dell'angolo che la tangente alla trasformata del meri-
diano in un punto P forma con l'asse N.
2. I sistemi di proiezione cartografica
2.1. Generalit
Le equazioni di corrispondenza possono ottenersi per via geometrica, cio pu-
ramente proiettiva, eseguendo da un opportuno centro P la proiezione dei punti del-
l'ellissoide su una superficie sviluppabile convenientemente disposta e ricavando poi
le deformazioni della rappresentazione sulla superficie spianata; si ottengono in tal
modo i sistemi di proiezione cartografica.
Le superfici sviluppabili sono il piano, il cilindro ed il cono che danno luogo a
diversi sistemi cartografici appresso indicati.
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 37
2.2. Proiezioni prospettiche pure
Si in presenza di una proiezione prospettica quando la proiezione avviene su
di un piano tangente all'ellisoide, o alla sfera locale, in un punto C.
A seconda della posizione del centro di proiezione P si avranno (Fig. 5):
- proiezioni centrografiche con P posto al centro della terra;
- proiezioni stereografiche con P in posizione diametrale rispetto a C;
- proiezioni scenografiche con P ad una distanza maggiore del diametro sempre
sulla direzione diametrale;
- proiezioni ortografiche con P all'infinito sempre sulla direzione diametrale.
A seconda della posizione del punto C di tangenza si avranno:
- proiezioni polari col piano tangente al polo;
- proiezioni azimutali col piano tangente in un punto qualunque della superficie
della sfera;
- proiezioni meridiane col piano tangente in un punto dell'equatore.
Tutte le proiezioni prospettiche sono afilattiche ad eccezione della stereografi-
ca che conforme. La centrografica possiede il pregio di far corrispondere rette agli
archi di cerchio massimo, cio alle geodetiche.
E' evidente come le deformazioni aumentino
allontanandosi dal punto C di tangenza; per conte-
nerle entro limiti accettabili necessario limitare,
intorno al punto C, la zona della Terra da rappre-
sentare.
Per rappresentare zone molto ampie si ricor-
re alle rappresentazioni policentriche in cui si ese-
guono varie proiezioni spostando il piano di tan-
genza in modo opportuno.
A parit di deformazioni, si pu aumentare il
raggio della zona della terra da cartografare ricor-
rendo all'artifizio di rendere il piano secante anzi-
ch tangente (Fig. 6).
Fig. 5

Fig. 6
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
38
2.3. Proiezioni cilindriche pure
Si in presenza di una proiezione cilin-
drica quando il cilindro viene posto, in gene-
rale, tangente all'ellissoide ed il centro di
proiezione al centro dell'ellissoide o in un
punto all'infinito in direzione normale alla li-
nea di tangenza.
Le pi note sono:
- la proiezione cilindrica diretta in cui il ci-
lindro tangente all'equatore ed il centro
di proiezione P situato al centro dell'el-
lissoide (Fig. 7);
- la proiezione cilindrica inversa in cui il
cilindro tangente lungo un meridiano ed
in centro di proiezione P situato al cen-
tro dell'ellissoide (
- Fig. 8).
Le proiezioni cilindriche dette sono afi-
lattiche; la diretta equidistante soltanto lun-
go l'equatore; l'inversa soltanto lungo il meri-
diano di tangenza.
In Fig. 9 indicato lo sviluppo sul piano di una proiezione cilindrica diretta li-
mitata ad una ampiezza di latitudine di 60; si pu notare che le immagini sia dei
meridiani che dei paralleli costituiscono due fasci di rette parallele fra loro ortogona-
li. Le distanze fra i meridiani risultano proporzionali alle differenze delle loro longi-
tudini mentre la distanza fra i paralleli funzione della latitudine e le deformazioni
della carta crescono rapidamente con la latitudine.
Fig. 7
Fig. 8
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 39
In Fig. 10 indicato lo sviluppo sul piano di una proiezione cilindrica inversa
relativamente al semiellissoide compreso fra le longitudini di 90 ; da notare in
particolare che i meridiani di latitudine 90 si scindono in due semirette parallele
all'asse delle E.
I meridiani risultano fortemente deformati all'aumentare delle differenze di
longitudine dal meridiano di tangenza; cos pure i paralleli all'aumentare della latitu-
dine.
Fig. 9
Fig. 10
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
40
Per ridurre queste notevoli deformazioni la proiezione cilindrica inversa viene
limitata ad un fuso di ampiezza = 6 di longitudine ed estesa in latitudine non oltre
80.
Per rappresentare tutta la terra si ricorre ad un sistema policilindrico formato da
pi fusi ottenuti ruotando l'ellissoide ogni volta di 6; ogni fuso quindi avr un suo
meridiano di tangenza, cio l'asse N varier da fuso a fuso mentre l'asse E sar sem-
pre rappresentato dall'equatore.
Anche nelle proiezioni cilindriche, per aumentare la zona da cartografare, si ri-
corre all'artifizio di rendere il cilindro secante alla superficie ellissoidica.
2.4. Proiezioni coniche pure
Si in presenza di una proiezione conica quando si dispone un cono tangente
lungo un parallelo ed il centro di proiezione si pone al centro della terra oppure al
centro del parallelo su cui giace il punto da proiettare; in quest'ultimo caso il centro
di proiezione varia da punto a punto.
Il cono, tagliato lungo una generatrice (un meridiano), viene poi sviluppato sul
piano (Fig. 11).
Le proiezioni coniche sono afilattiche, mantenendo l'equidistanza solo sul pa-
rallelo di tangenza.
Per contenere le deformazione necessario limitare in latitudine la fascia della
Terra che si pu restituire; anche in questo caso si pu aumentare la zona da carto-
grafare rendendo il cono secante secondo due paralleli lungo i quali la proiezione,
ovviamente, diviene equidistante.
Per la rappresentazione di vasti territori si ricorre ad una proiezione policonica;
cio a proiezioni coniche ottenute con coni di apertura variabile; ad esempio su coni
tangenti a paralleli che differiscono di 4 di latitudine.
Come casi limite la conica diviene prospettica ai poli (apertura 180) e cilin-
drica (apertura 0) all'equatore.
Fig. 11
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 41
2.5. Proiezioni geometriche modificate
Le rappresentazioni ottenute per via puramente geometrica, descritte nei para-
grafi precedenti, sono oggi in totale disuso con l'esclusione della stereografica polare
ancora usata per cartografare le calotte polari.
Sono invece ampiamente utilizzate rappresentazioni ottenute modificando in
maniera opportuna i criteri delle proiezioni pure in modo da contenere le deforma-
zioni in valori pi piccoli o in modo da renderle conformi, o equivalenti.
Accenneremo nel seguito a qualcuna di queste rappresentazioni.
3. I sistemi di rappresentazione cartografica
3.1. Generalit
Le equazioni di corrispondenza indicate nel par. 1.6. possono essere stabilite
per via puramente analitica, e con ampia arbitrariet, senza alcun riferimento ad una
proiezione geometrica.
Approfittando di tale arbitrariet si possono imporre alla corrispondenza le
propriet desiderate, cio la conformit o l'equivalenza, ed insieme la equidistanza
lungo una linea o la rettilineit di tutti i meridiani o paralleli oppure di un assegnato
meridiano o parallelo.
La flessibilit dello strumento analitico permette anche di creare corrisponden-
ze afilattiche con moduli di deformazione molto piccoli realizzando un compromesso
ottimale fra le varie deformazioni.
Le realizzazione di carte con questo metodo danno luogo ai cosiddetti sistemi
di rappresentazione cartografica.
Il termine rappresentazione viene quindi usato in cartografia per indicare corri-
spondenze per via analitica, in alternativa a corrispondenze ottenute per via pura-
mente geometrica; in questo senso le proiezioni geometriche modificate dovrebbero
essere considerate delle rappresentazioni in quanto le modifiche apportate alle proie-
zioni derivano da condizioni imposte analiticamente.
3.2. Equazioni differenziali delle rappresentazioni
Le equazioni di una rappresentazione conforme sono del tipo
0
N N E E
=


ovvero, introducendo la latitudine ridotta u legata alla dalla relazione

d
r
du =
con ed r rispettivamente raggio del meridiano e del parallelo
u
E N E
u
N


Le equazioni di una rappresentazione equivalente sono del tipo


r
N E E N
=

ovvero, introducendo la latitudine ridotta,


2
r
N
u
E E
u
N
=


Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
42
3.3. La rappresentazione conforme di Gauss
Un rappresentazione attualmente molto usata dovuta a Gauss che la formul
nel 1820 con l'assunto che fossero rispettate le seguenti condizioni:
1) la carta doveva essere conforme;
2) le immagini di un meridiano, detto meridiano centrale, e dell'equatore fos-
sero rette (assi N ed E della rappresentazione);
3) la rappresentazione fosse equidistante sul meridiano centrale.
La rappresentazione, puramente analitica, detta pi completamente rappre-
sentazione conforme cilindrica inversa di Gauss per il fatto che la proiezione geo-
metrica cilindrica inversa, che per non conforme ma afilattica, la approssima no-
tevolmente; per tale motivo anche nota come proiezione trasversa di Mercatore.
Con tali presupposti Gauss giunse alle seguenti equazioni di corrispondenza:
( ) ( )
( )
4 2 2 3 4 2
2 2 2 4 2 5 5 2 2 3 3
4 9 t 5 cos sen N
24
1
cos sen N
2
1
l N
t 58 14 t t 18 5 cos N
120
1
t 1 cos N
6
1
cos N E




+ + + + =
+ + + + + + =
dove la latitudine, la differenza tra la longitudine di un punto e la longitudine
del meridiano centrale, N

la grannormale alla latitudine , l

la lunghezza del-
l'arco di meridiano compreso tra l'equatore ed il generico punto P di latitudine e
longitudine rispetto al meridiano centrale, ed avendo posto


tan t cos
c
c a
N
2
2
2 2
2
=

=
Le formule suddette derivano da sviluppi in serie che, limitati ai termini ripor-
tati, portano ad errori relativi massimi su N ed E di 2,5.10
-5
quando || 3.
Il modulo di deformazione lineare, trascurando i termini in
4
, assume la for-
ma

N 2
E
1 m
2
l
+ =
da cui si vede che esso vale 1 solo sul meridiano centrale e cresce rapidamente al-
l'allontanarsi dall'asse N (cresce col quadrato di E).
Nelle formule ponendo = cost si ottengono le equazioni parametriche dei me-
ridiani, mentre ponendo = cost le equazioni parametriche dei paralleli.
Le trasformate dei meridiani e dei paralleli sono curve alquanto complesse; le
prime volgono la concavit verso il meridiano centrale e sono simmetriche rispetto
allo stesso, le seconde sono molto prossime ad archi di parabola con la convessit
verso l'equatore ed anch'esse simmetriche rispetto ad esso.
In Fig. 12 riportato il reticolato geografico relativo al semiellissoide compre-
so tra le longitudini 90 e +90 considerando come meridiano centrale quello di
Greenwich dove si possono notare le notevole deformazioni che subiscono i meridia-
ni ed i paralleli allontanandosi dal meridiano centrale e dall'equatore; si noti che i
meridiani alle latitudini 90 e +90 si scindono in due semirette parallele all'asse E.
Volendo ridurre le fortissime deformazioni necessario limitare notevolmente
il valore della differenza di longitudine tra il meridiano centrale e le zone da carto-
grafare.
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 43
Per ottenere deformazioni accettabili la parte di ellissoide da rappresentare vie-
ne limitata ad un fuso di ampiezza pari a 6 posto a cavallo del meridiano centrale;
per rappresentare vaste zone si avranno quindi pi fusi per ognuno dei quali si assu-
me un diverso meridiano di riferimento.
Con tale limitazione, alle nostre latitudini, le distanze subiscono una deforma-
zione massima dello + 0,8 (80 cm/km) agli estremi del fuso (3).
Si noti la notevole somiglianza con la proiezione cilindrica inversa che per
afilattica mentre la rappresentazione di Gauss conforme.
4. Nozioni di base sulle carte
4.1. Generalit
Una carta una rappresentazione sul piano della crosta terrestre secondo nor-
me e segni convenzionali assegnati; per tutti gli usi cui destinata ogni carta deve
contenere la possibilit di misurare, entro tolleranze stabilite, distanze, angoli e disli-
velli fra due punti qualunque in essa rappresentati.
Un carta pu essere formata da un unico elemento (foglio) o pi elementi che
non debbono presentare soluzioni di continuit; ovvio che ci dipende dalla scala
che si adotta per rappresentare la superficie terrestre: una scala piccolissima permette
la rappresentazione di tutta la Terra in un unico foglio, mentre scale grandi necessi-
tano di molti fogli per rappresentare tutto il territorio.
4.2. L'allestimento delle carte
L'allestimento di una carta deriva da una serie di rilevamenti eseguiti, nel pas-
sato, in campagna dal topografo, oggi pi speditamente con metodi fotogrammetrici;
tali rilevamenti hanno lo scopo di dare una rappresentazione del terreno sia planime-
trica che altimetrica che porter alla costruzione di una carta topografica ad una de-
terminata scala.
Fig. 12
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
44
In tale procedimento implicito il problema che la precisione e la minuziosit
del rilievo direttamente dipendente dalla scala della carta che si vuole ottenere; in
una scala grande si dovranno rilevare molti pi particolari e con pi elevata precisio-
ne che in una scala molto piccola.
Tutti gli elementi osservati e rilevati su terreno saranno riportati in carta secon-
do segni convenzionali, in genere indicati su ogni foglio, ampiamente assistiti da to-
ponimi e quote scritti per esteso.
Le carte cos ottenute prendono il nome di carte rilevate.
Da tali carte si possono ottenere, riducendo opportunamente la scala e spo-
gliandole di molti particolari, carte a scala pi piccola dette carte derivate (Per es. la
cartografia italiana stata allestita con una carta rilevata in scala 1:25.000; da essa
sono state derivate le carte alle scale 1:50.000, 1:100.000, 1:200.000).
Si tenga presente che l'ingrandimento di una carta rilevata operazione non le-
cita in quanto si otterrebbero carte di precisione non adeguata alla nuova scala e
molto povere di particolari rispetto ad una genesi rilevata; in altre parole se, per es.,
si ingrandisce una carta in scala 1:25.000 per portarla in scala 1:10.000 si otterr una
carta fittizia che non ha la precisione che gli compete per la scala ma conserva quella
della carta da cui deriva, quindi precisione inferiore, ed inoltre priva di molti parti-
colari che una carta rilevata alla scala 1:10.000 dovrebbe possedere.
In generale le carte si distinguono in due grandi categorie:
- carte generali che hanno lo scopo di dare una rappresentazione del terreno com-
pleta di tutti i particolari di interesse generale per tutti i possibili utilizzatori delle
carte: quindi orografia, morfologia, idrografia, gli elementi antropici, vegetazio-
ne, etc.;
- carte tematiche che sono allestite per particolari scopi: in linea di massima, sono
ottenute dalle carte generali, opportunamente spogliate di particolari non necessa-
ri, in cui vengono introdotti i tematismi che interessano, rilevati sul terreno; si
hanno cosi carte geologiche, magnetiche, pedologiche, statistiche, amministrati-
ve, stradali, forestali, archeologiche, turistiche, etc..
Esamineremo alcune tra le pi note proiezioni e rappresentazioni usate per
cartografie destinate a usi diversi.
Di ciascuna si daranno nozioni di carattere generale e fondamentalmente qua-
litativo senza addentrarci nella teoria analitica che le ha generate.
4.3. Denominazione delle carte
In termini generali le carte assumono nomi specifici in funzione della scala; si
hanno cos:
- carte geografiche per scale da 1:1.000.000 in gi;
- carte corografiche per scale da 1:1.000.000 fino a scale minori di 1:100.000;
- carte topografiche distinte in carte a piccola scala (da 1:50.000 ad 1:100.000), a
media scala (da 1:10.000 ad 1:25.000), a grande scala (da 1:5.000 ad 1:10.000);
- mappe per scale da 1:5.000 fino a scale minori di 1:1.000;
- piani per scale maggiori di 1:1.000.
4.4. Carte regolari. Precisione di una carta. Errore di graficismo.
Una carta si dice regolare quando contiene:
- tutti i particolari del terreno, interessanti il rilevamento in campagna o fotogram-
merico, che la scala consente di inserire;
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 45
- il reticolato geografico e/o la quadrettatura del sistema di coordinate piane adot-
tato (vedi seguito);
- quando rispetta geometricamente delle tolleranze assegnate.
Per indicare la precisione di una carta in generale ci si riferisce a due coeffi-
cienti:
- m
p
detto errore medio planimetrico;
- m
a
detto errore medio altimetrico,
che indicano gli errori medi nella posizione di un punto della carta ricavato da una
copia stampata della stessa.
Tali errori medi (che sono inversamente proporzionali alla precisione, come si
vedr nella teoria degli errori) vengono stabiliti dagli Enti che sovrintendono alle
cartografie dei vari Stati o dai Capitolati di particolari rilevamenti e sono ovviamente
dipendenti dalla scala della carta.
In linea generale l'errore medio planimetrico m
p
viene stabilito in un valore
compreso tra 0,2 e 0,5 mm, alla scala della carta; per es. in una carta in scala
1:25.000 risulterebbe 5,0 12,5 m, mentre in una carta in scala 1:1.000 si avrebbe
0,2 0,5 m.
Tale errore tiene anche conto dell'errore di graficismo, ossia dell'errore massi-
mo che un buon disegnatore cartografo pu commettere nel tracciamento di una li-
nea, errore che per prassi si considera pari a 0,2 mm effettivi; per meglio chiarire il
concetto ci significa che qualunque punto tracciato dal disegnatore sulla carta non
sar mai nella sua posizione vera ma sar, con elevata probabilit (68,3%), contenuto
in un cerchio del diametro di 0,4 mm.
L'errore medio altimetrico m
a
viene fissato in un valore compreso tra 0,02 e
0,2 mm, alla scala della carta, per le quote numeriche scritte per esteso sulla carta
rilevata in corrispondenza di particolari del terreno (alla scala 1:25.000 si avrebbe
0,5 5,0 m, mentre alla scala 1:1.000 si otterr 0,02 0,2 m), mentre per le
quote ricavate dalle curve di livello viene fissato un valore compreso tra 0,1 0,5
mm, sempre alla scala della carta, (alla scala 1:25.000 si avrebbe 2,5 12,5 m
mentre alla scala 1:1.000 si otterr 0,1 0,5 m).
Stabiliti gli errori medi si individuano le tolleranze delle carte tramite le se-
guenti relazioni:
t
p
= 2 m
p
tolleranza planimetrica;
t
a
= 2 m
a
tolleranza altimetrica.
Le tolleranze indicano i valori che non debbono mai essere superati.
4.5. Carte praticamente equidistanti
Nell'introduzione dei concetti di moduli di deformazione ed in tutti gli esempi
di proiezioni e rappresentazioni si visto come gli stessi tendano ad aumentare al-
lontanandosi dalla zona di tangenza dell'ellissoide, sia esso una linea o un punto. Li-
mitando allora convenientemente il raggio della zona da cartografare (il campo della
rappresentazione) si pu fare in modo che le deformazioni rientrino in limiti prefis-
sati, per esempio entro il limite rappresentato dall'errore di graficismo introdotto al
paragrafo precedente.
In tali situazioni si produrranno carte in modo tale che su ogni foglio le defor-
mazioni generino errori massimi che divisi per il denominatore della scala risultino
minori del graficismo; i fogli di tali carte possono allora considerarsi, agli effetti
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
46
pratici, equidistanti e quindi conformi ed equivalenti e si parler di carte pratica-
mente equidistanti.
Per altre carte il campo della rappresentazione cos esteso da non poter tra-
scurare gli effetti della deformazione lineare rispetto all'errore di graficismo, per il
modulo di deformazione lineare pu ritenersi costante per qualsiasi distanza all'inter-
no di ogni singolo foglio; quindi ogni foglio pu considerarsi, agli effetti pratici, con-
forme e di modulo di deformazione lineare costante, come se si trattasse di una carta
equidistante a scala poco diversa dalla scala della carta; ci avviene per le tavolette
della cartografia ufficiale dello Stato Italiano (vedi seguito).
Per altre carte infine il campo della rappresentazione cos esteso e a scala di
rappresentazione cos piccola da doversi considerare il modulo di deformazione li-
neare non pi costante nemmeno all'interno di ogni singolo elemento che quindi si
presenter a scala variabile pur mantenendo intatte le caratteristiche di conformit, di
equivalenza o di afilatticit che gli derivano dal procedimento costruttivo (vedi Carta
del Mercatore).
4.6. L'aggiornamento delle carte
Ogni carta porta scritto l'anno in cui stata allestita ed eventualmente l'anno
del suo ultimo aggiornamento, elementi molto importanti per determinare l'attendibi-
lit delle informazioni che ci vengono fornite tramite essa.
Una carta infatti tende ad invecchiare e tanto pi rapidamente quanto pi
grande la sua scala; e ci non nella morfologia e l'idrografia del terreno, che hanno
tempi di modifica geologici, quanto nei manufatti creati dall'uomo quali viabilit,
edifici, coltivazioni, etc.
Si rendono pertanto necessari periodici aggiornamenti per mantenere una carta
sempre conforme alla realt con opportuni scadenzari : molto brevi per carte a grande
scala (una carta in scala 1:1.000 di un centro urbano molto dinamico dovrebbe essere
aggiornata ogni 2-3 anni), pi diradati per carte a piccola scala ( una carta in scala
1:25.000 dovrebbe essere aggiornata ogni 15-20 anni)
4.7. Il taglio delle carte
Le carte geografiche, data la loro piccolissima scala, sono in genere contenute
in un solo foglio e per esse non si pongono problemi di taglio.
Le carte corografiche, topografiche ed anche le mappe sono invece contenute
in pi fogli che vengono ottenuti tagliando la carta, salvo rarissime eccezioni, secon-
do meridiani e paralleli; il taglio in genere avviene considerando come origine dei
paralleli l'equatore e come origine dei meridiani il meridiano di Greenwich o un altro
meridiano ben definito.
Lungo i meridiani ed i paralleli di taglio i fogli componenti una carta debbono
attaccarsi senza soluzione di continuit nel terreno.
Il collegamento di tutti i fogli componenti una carta risulta dal cosiddetto qua-
dro d'unione che, in forma molto schematica, viene riportato su ogni foglio.
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 47
5. I sistemi cartografici pi noti
5.1. Carta di Mercatore
Si consideri la proiezione cilindrica diretta, gi descritta nel par. 2.3. Proiet-
tando i meridiani ed i paralleli dal centro della Terra sulla superficie cilindrica e svi-
luppando questa sul piano si noter che le trasformate sia dei meridiani che dei pa-
ralleli sono delle rette.
Pi in particolare i meridiani si trasformano in rette parallele all'asse N le cui
distanze reciproche sono proporzionali alle differenze delle loro longitudini, mentre i
paralleli si trasformano in rette parallele all'asse E ma la cui distanza varia al variare
della latitudine; cio a parit di la distanza tra due paralleli aumenta all'aumentare
della latitudine.
Il Mercatore (1569) pens di modificare tale proiezione, che come noto afi-
lattica, per renderla conforme.
La modifica introdotta dal Mercatore consiste nel fatto di ottenere le trasfor-
mate dei paralleli non per via puramente proiettiva ma fissando la loro distanza dal-
l'equatore tramite una relazione analitica, funzione della sola latitudine, capace di
rendere la carta conforme.
Con tale modifica i paralleli continuano a restare rettilinei a paralleli all'asse E
ma la loro distanza da tale asse molto minore (Fig. 13). Nella figura i paralleli della
proiezione pura, alle latitudini di 20, 40 e 60, sono riportati in tratteggio.
Fig. 13
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
48
L'importanza di questa carta, ancora oggi largamente usata per le carte nautiche
e per la navigazione aerea, deriva dall'essere conforme e da avere meridiani e paral-
leli rettilinei.
In conseguenza di ci se tracciamo sulla carta una retta che congiunge due
punti P e Q essa incontra sia i meridiani che i paralleli secondo angoli costanti; in
marina l'angolo pi usato l'angolo che tale retta forma con i meridiani e che, es-
sendo la carta conforme, coincide con l'angolo che la linea corrispondente tracciata
sull'ellissoide forma con i meridiani.
Questa linea viene indicata con il nome di lossodromia e rappresenta il percor-
so che bisogna fare sulla Terra per andare da un punto P ad un punto Q mantenendo
una angolo di rotta costante (mediante la bussola); sulla carta del Mercatore si de-
termina semplicemente congiungendo i due punti con una retta e misurando con un
goniometro l'angolo che essa forma con i meridiani.
Si noti per che la lossodromia, sulla Terra, non rappresenta la rotta di minor
percorso coincidente con la geodetica PQ e detta ortodromia, la quale interseca i me-
ridiani secondo angoli sempre variabili (si ricordi il teorema di Clairaut Parte I Cap.1
par. 4.4.).
Per distanze PQ non troppo elevate la differenza tra le due rotte trascurabile,
per cui si naviga secondo la lossodromia, di pi facile ed immediata determinazione;
per distanze PQ elevate (attraversamenti di oceani) conviene percorrere una spezzata
di lossodromie che approssimi quanto meglio la ortodromia. Per il tracciamento della
ortodromia sulla carta del Mercatore necessario l'ausilio di una carta realizzata in
proiezione centrografica in cui, come detto, la retta congiungente i due punti P e Q
rappresenta la geodetica.
Un altro pregio notevole della carta del Mercatore che con essa si rappre-
senta con continuit tutta la Terra in un unico sistema di coordinate piane N ed E.
Lo svantaggio della carta del Mercatore deriva dal rapido accrescimento del
modulo di deformazione lineare con l'aumentare della latitudine; in conseguenza di
ci la scala della carta, all'interno di ogni foglio, non costante ma variabile da pa-
rallelo a parallelo e viene indicata per fasce di latitudini (Fig. 13).
In conseguenza di ci la misura delle distanze sulla carta del Mercatore scar-
samente precisa ma per l'uso che se ne fa ci ha poca importanza.
Al disopra e al disotto di 80 di latitudine, a causa delle notevoli deformazioni,
la carta del Mercatore non viene praticamente usata.
La proiezione del Mercatore viene usata per allestire le carte nautiche e nella
Carta Aeronautica di Navigazione (plotting Cart) alla scala 1:2.000.000.
5.2. Proiezione stereografica polare
E' gi stata definita al par. 2.2. e si visto che l'unica proiezione pura che
mantiene la conformit.
Il suo utilizzo cartografico si manifesta nelle realizzazione della cartografia
delle calotte polari, ponendo quindi il piano tangente ai poli, da cui prende il nome di
stereografica polare.
In tale proiezione i meridiani sono rappresentati da rette uscenti dall'origine
delle coordinate cartografiche N ed E formanti tra loro angoli uguali alle rispettive
differenze di longitudine, mentre i paralleli si trasformano in circonferenze concen-
triche con il centro nell'origine degli assi; i raggi di queste circonferenze sono ov-
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta 49
viamente maggiori dei raggi dei rispettivi paralleli e tale diseguaglianza aumenta al-
l'allontanarsi dall'origine degli assi a causa dell'aumento delle deformazioni.
Il modulo di deformazione pu considerarsi uguale ad 1 nei dintorni del polo e
tende ad aumentare col diminuire della latitudine.
Per mantenere le deformazioni in limiti accettabili tale proiezione si estende
non oltre i paralleli di 70 di latitudine. All'interno di tali limiti il modulo di defor-
mazione cos piccolo che ogni foglio della carta da ritenersi a scala costante.
Un pregio fondamentale di tale carta che la ortodromia tra due punti rap-
presentata dalla retta congiungente; unendo cos i due punti sulla carta con una retta
si possono misurare gli angoli di rotta da tenere per seguire il percorso minimo e so-
no gli angoli, sempre diversi, che la retta forma con i meridiani.
5.3. Proiezione conica conforme di Lambert
Nella proiezione conica pura descritta al par 2.4. i meridiani si trasformano in
rette formanti tra di loro angoli proporzionale alle rispettive differenze di longitudi-
ne, mentre i paralleli si trasformano in circonferenze concentriche il cui raggio fun-
zione della sola latitudine.
Abbiamo visto che la proiezione pura afilattica.
Lambert (1770) pens di modificarla, in modo da ottenere una carta conforme,
lasciando inalterata la generazione proiettiva dei meridiani e modificando i raggi
delle circonferenze, immagini dei paralleli, tramite una relazione analitica funzione
della sola latitudine.
In Fig. 15 sono riportate a tratto continuo la circonferenze generate dalla proie-
zione e tratteggiate dopo la modifica apportata da Lambert.
Fig. 14
Parte II Capitolo 1
1998/99 F.Resta
50
Il modulo di deformazione in tale carta funzione solo della differenza di lati-
tudine dal parallelo di tangenza, che equidistante, per cui costante su ogni paral-
lelo.
Per contenere le deformazioni all'interno del graficismo per ogni elemento
della carta necessario che l'ampiezza della latitudine della carta non superi 4.
Quindi per cartografare vaste zone della Terra, a latitudini molto differenziate,
necessario ricorrere a pi sviluppi conici che hanno l'inconveniente di essere indi-
pendenti l'uno dall'altro, cio hanno sistemi di coordinate N ed E diversi. Per tale
motivo questa proiezione si presta meglio per cartografare Stati che si estendono in
longitudine pi che in latitudine.
I pregi di tale proiezione sono i medesimi messi in evidenza per la stereografi-
ca polare: grande approssimazione nella costanza della scala e nella rettilineit del-
l'ortodromia all'interno di ogni elemento.
E' una proiezione molto utilizzata; di essa sono note:
- la Carta Internazionale del mondo in scala 1:1.000.000 in fogli di 6 di longitudi-
ne per 4 di latitudine estesa tra + 4 e + 72 di latitudine Nord e 4 e 72 di
latitudine Sud ed integrata dalla carta del Mercatore tra 4 e + 4 di latitudine e
dalla stereografica polare tra 72 e 90la carta Aeronautica del Mondo OACI-
WAC in scala 1:1.000.000;
- la carta Aeronautica del Mondo in scala 1:1.000.000 allestita dalla Coast and
Geodetic Survey degli USA; la proiezione di Lambert stata usata per le qua-
ranta fasce di ampiezza di 4 comprese fra 80 e + 80 di latitudine integrata
dalla stereografica polare per le calotte polari;
- la Carta Aernautica regionale d'Italia in scala 1:500.000 in 11 fogli;
- la carta degli USA.
Fig. 15
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 51
CAPITOLO 2
LA CARTOGRAFIA UFFICIALE DELLO STATO ITALIANO
LA CARTOGRAFIA CATASTALE
1. La cartografia ufficiale dello Stato Italiano
1.1. Proiezione di Sanson-Flamsteed. La prima cartografia
La prima cartografia ufficiale dello Stato Italiano, affidata per legge nel 1878
all'Istituto Geografico Militare Italiano (IGMI), stata elaborata utilizzando la
proiezione (termine improprio) di Sanson-Flamsteed.
Si tratta di una carta ottenuta per via analitica imponendo l'equidistanza sia
lungo un meridiano scelto al centro della zona da rappresentare che lungo tutti i pa-
ralleli; essa risulta quindi praticamente equivalente.
La sua genesi la dovrebbe porre fra le rappresentazioni, ma viene comune-
mente indicata col nome di proiezione in quanto pu ritenersi ottenuta col seguente
procedimento:
- si inscrive l'ellissoide in un poliedro le cui facce, a forma di trapezio isoscele, gli
sono tangenti in punti distribuiti ad intervalli regolari di latitudine e longitudine;
Fig. 16
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
52
- si proiettano i punti dell'ellissoide su tali facce dal suo centro (proiezione centro-
grafica).
Ogni faccia rappresenta quindi una carta a se stante con un proprio centro C
(punto di tangenza) diverso da quello delle altre carte del sistema e per tale motivo la
proiezione viene detta policentrica.
L'asse N corrisponde al meridiano centrale e l'asse E al parallelo per C.
I pregi di questa proiezione derivano dal fatto che, limitando opportunamente
gli intervalli di latitudine e di longitudine da cartografare, essa, oltre che equivalente,
risulta anche praticamente equidistante e quindi anche praticamente conforme nel-
l'ambito di ogni carta.
L'inconveniente principale consiste nel fatto che i sistemi di coordinate piane N
ed E sono diversi da carta a carta; pertanto se si vuol calcolare la distanza fra due
punti appartenenti a carte diverse, anche contigue, bisogna ricorrere alle loro coordi-
nate geografiche.
Per la cartografia Italiana gli intervalli di longitudine e latitudine sono stati fis-
sati in 30' e 20' rispettivamente; in tal modo si sono ottenuti i 284 fogli che coprono
tutto il territorio italiano.
Ulteriori suddivisioni dei fogli in quattro parti, denominate quadranti, e dei
quadranti in quattro parti, denominate tavolette, hanno portato alla seguente organiz-
zazione della cartografia italiana (Fig. 17):
- Fogli che coprono una porzione di
territorio di 30' di longitudine e 20'
di latitudine, sono restituiti in scala
1:100.000 ed indicati con un nu-
mero arabo da 1 a 284;
- Quadranti, ottenuti dalla suddivi-
sione di un foglio in quattro parti,
che coprono una porzione di terri-
torio di 15' di longitudine e 10' di
latitudine, sono restituiti in scala
1:50.000 ed indicati con un nu-
mero romano, I quello ad orienta-
mento NE e gli altri tre numerati in
senso orario;
- Tavolette, ottenute dalla suddivi-
sione di un quadrante in quattro
parti, che coprono una porzione di
territorio di 7'30'' di longitudine e 5' di latitudine, sono restituiti in scala 1:25.000
e denominati con l'orientamento cardinale (NE, SE, SO, NO) ed il nome della lo-
calit pi caratteristica in esse cartografata.
L'origine delle longitudini, che determina il taglio geografico delle carte, il
meridiano astronomico di Roma M. Mario (passante per un punto dell'Osservatorio
Astronomico di Roma M. Mario) mentre l'origine delle latitudini stato assunto dal-
l'equatore.
Come ellissoide di riferimento fu assunto l'ellissoide di Bessel orientato in un
punto situato presso l'Osservatorio di Genova.
Fig. 17
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 53
Tale cartografia stata rilevata considerando come scala di base la scala
1:25.000, e quindi le tavolette sono carte rilevate mentre i quadranti ed i fogli sono
stati da esse derivati.
I segni convenzionali utilizzati per il disegno sono tutti riportati in calce a cia-
scuna carta con indicate anche le date del primo rilievo e le date degli eventuali ag-
giornamenti.
Le altimetrie sono evidenziate tramite punti quotati e curve di livello (curve
che uniscono punti di egual quota) che hanno la seguente simbologia:
- curve fondamentali indicate a tratto continuo in colore seppia con dislivello pari
ad 1 mm alla scala della carta (nelle tavolette si avranno quindi curve fondamen-
tali ogni 25 m di dislivello);
- curve direttrici indicate a tratto continuo in grassetto sempre colore seppia, poste
ogni quattro curve fondamentali (quindi nelle tavolette ogni 100 m di dislivello);
- curve ausiliarie indicate a tratteggio in colore seppia e con dislivello pari ad 1/5
delle curve fondamentali (nelle tavolette ogni 5 m).
1.2. La cartografia universale UTM e UPS
Durante l'ultima guerra mondiale si decise di istituire una cartografia di base
Fig. 18
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
54
per tutta la Terra adottando la rappresentazione conforme di Gauss tra 80 e +80 di
latitudine e la proiezione stereografica polare per le calotte polari ed adottando come
ellissoide quello di Hayford, da allora indicato come ellissoide internazionale.
I sistemi cartografici ottenuti vengono denominati UTM (Universal Transverse
Mercator) la prima per la nota similitudine detta, ed UPS (Universal Polar Stereo-
grafic) la seconda.
Nel sistema UTM la Terra divisa in 60 fusi (Fig. 18) di 6 di longitudine nu-
merati da 1 a 60 procedendo da Ovest verso Est e dando il numero 01 al fuso com-
preso fra 180 e 174 ovest da Greenwich; con tale numerazione il fuso 31 compre-
so tra 0 e 6 est di Greenwich, il 32 tra 6 e 12 ed il 33 tra 12 e 18 (questi due ul-
timi sono quelli interessanti l'Italia che sborda anche nel 34 fuso per parte della peni-
sola salentina).
Per identificare in modo rapido un punto sulla superficie terrestre si seguita la
seguente procedura:
- ogni fuso stato suddiviso in 20 zone di 8 di latitudine ciascuna, individuate da
una lettera maiuscola (l'Italia fa parte delle zone S e T tratteggiate in Fig. 18);
- ciascuna zona stata suddivisa in quadrati di 100 Km di lato con rette parallele
agli assi N ed E individuati da due lettere maiuscole.
Un punto viene identificato dal numero del fuso, dalla lettera della zona, dalla
coppia di lettere del quadrato ed infine dalle sue coordinate piane.
Ricordiamo che nella rappresentazione di
Gauss le coordinate piane di un punto sono in-
dividuate con riferimento ai due assi N ed E in
cui l'asse N individuato dal meridiano cen-
trale di ciascun fuso, mentre l'asse E indivi-
duato dall'equatore.
Nella cartografia UTM la coordinata N ha
origine dall'equatore mentre alla coordinata E si
aggiunge sempre la quantit di 500 km esatti
per renderla positiva comunque; in pratica ci
equivale a far corrispondere al meridiano cen-
trale la coordinata E
0
= 500 km (Fig. 19) o, co-
me suol dirsi, ad avere un falso Est pari a 500
km (500.000 m).
Si gi detto che nella rappresentazione di Gauss il modulo di deformazione
lineare uguale ad 1 sul meridiano centrale e cresce rapidamente con l'allontanarsi
dall'asse N (par. 5.3.) e che, per limitare le fortissime deformazioni, si limita la zona
da cartografare ad un fuso di ampiezza pari a 6.
Con tale limitazione, alle nostre latitudini si ottiene una deformazione massima
(dilatazione) delle distanze ai bordi del fuso pari a 80 cm/km ( 0,8 ). Ricordando
che le tolleranze grafiche ammissibili su una tavoletta in scala 1:25.000 sono pari a 5
m (par. 6.4.) e che su tale carta, per l'Italia, si possono misurare distanze massime di
14 km, si pu notare che la deformazione massima, pari a circa 11 m, notevolmente
superiore alla tolleranza.
Per ridurre tale problema, nella cartografia UTM viene applicata una contrazio-
ne a tutto il piano della rappresentazione, ottenuta moltiplicando tutte le coordinate
per la costante 0,9996, detta coefficiente di contrazione; in tal modo le deformazioni
lineari, invece di essere sempre dilatazioni comprese tra 0 sul meridiano centrale e +
Fig. 19
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 55
0,8 al margine del fuso, risultano sempre comprese tra 0,4 (contrazione mas-
sima sul meridiano centrale) e +0,4 (dilatazione massima al margine del fuso) e
quindi sempre assorbite dal graficismo (la deformazione massima risulta di 5,6 m su
una tavoletta).
Con tale artifizio il modulo di deformazione lineare (compreso tra i limiti
0,9996 e 1,0004 all'interno di un fuso) all'interno di ogni tavoletta ha delle variazioni
talmente piccole da poterle considerare nulle e quindi tale da poter considerare la
carta, all'interno di ogni tavoletta, praticamente equidistante.
Un'altra caratteristica fondamentale della cartografia UTM la presenza su
ogni carta di un reticolato a maglie quadrate di 1 Km di lato sul terreno; le rette che
formano questo reticolato sono tracciate parallelamente agli assi N ed E per valori
tondi alle unit del Km e sono numerate di Km in Km sui bordi della carta.
Ricordando come si deformano i meridiani ed i paralleli nella rappresentazione
di Gauss rispetto al meridiano di tangenza ne risulta che il reticolato chilometrico ri-
sulta disorientato rispetto al reticolato geografico e tale disorientamento tende ad
aumentare allontanandosi dal meridiano centrale.
In Fig. 20 stato indicato, solo in parte, il reticolato chilometrico sovrapposto
al reticolato geografico; lo schema ha solo una funzione didattica per chiarire l'an-
damento dei due reticolati.
Nelle carte in generale il reticolato geografico non viene mai disegnato per in-
tero ma viene solo riportato sui bordi di primo in primo sessagesimale e vengono in-
dicate sui quattro vertici le relative latitudine e longitudine.
Fig. 20
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
56
Il reticolato chilometrico consente di ricavare le coordinate N ed E di ogni
punto misurando semplicemente l'ascissa e l'ordinata all'interno del quadrato cui si
trova e sommando, o sottraendo, detti valori (dopo averli moltiplicati per la scala
della carta) alle coordinate chilometriche del reticolato.
Il vantaggio di tale reticolato sta nel fatto che le operazioni ora dette non ri-
sentono delle deformazioni irregolari che i fogli subiscono dopo la stampa in quanto,
all'interno di una sola maglia, le variazioni di grandezza possono considerarsi trascu-
rabili.
La distanza D tra due punti P
1
e P
2
della carta pu calcolarsi dalle loro coordi-
nate N
1
, E
1
, N
2
, ed E
2
cos dedotte, con vantaggio per la precisione, specialmente se
i due punti sono molto distante o appartengono a due fogli distinti. Naturalmente la
distanza cos ottenuta non rappresenta la distanza effettiva sul terreno; per ottenerla
si dovr dividere tale valore per il modulo di deformazione lineare medio tra i moduli
nei due punti. Il risultato ovviamente sempre e comunque affetto dall'errore dovuto
alla determinazione grafica dei due punti.
Nella Fig. 21 riportata una tavoletta in scala 1:25.000 della cartografia italia-
na dove si notano:
- il reticolato geografico indicato solo sui bordi con tratti bianchi e neri dell'am-
piezza di 1';
Fig. 21
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 57
- il reticolato chilometrico tracciato per esteso con indicata la coordinata corri-
spondente a ciascun tratto in chilometri: si noti a tale proposito che la coordinata
riportata solo con le ultime due cifre significative mentre le altre cifre, una per
la E e due per la N, sono solo indicate saltuariamente per non appesantire la carta.
Nell'esempio evidenziato chiaramente il disorientamento tra il reticolato chi-
lometrico e quello geografico rappresentato dai bordi della carta che, ricordiamo,
tagliata secondo meridiani e paralleli.
Volendo determinare le coordinate del un punto P indicato si misurano le di-
stanze dai pi vicini tratti del reticolo, si trasformano tali distanze in metri-terreno
tramite la scala della carta e si aggiungono o sottraggono alle coordinate di ciascun
tratto.
Nell'esempio in Fig. 21, essendo la tavoletta in scala 1:25.000, si avr:
N = 4.299.000 1,2*250 = 4.298.700 m;
E = 603.000 1,7*250 = 602.575 m.
1.3. La nuova cartografia italiana
Nel 1942, in concomitanza con l'adozione dell'ellissoide internazionale e della
rappresentazione di Gauss, anche in Italia si decise di abbandonare la proiezione po-
licentrica e l'ellissoide di Bessel per adeguarsi alla nuova realt.
La cartografia prodotta stata impostata secondo i seguenti criteri:
a) il taglio rimasto identico a quello
in vigore cio secondo meridiani e
paralleli intervallati rispettiva-
mente di 30' e 20' denominati fogli
(indicati con un numero arabo e ri-
portati in Fig. 22 solo per la Sarde-
gna) e cartografati in scala
1:100.000, a loro volta suddivisi in
quadranti (denominati con un nu-
mero romano) di 15' e 10' e carto-
grafati in scala 1:50.000, suddivisi
ancora in tavolette (denominate
con l'orientamento cardinale) di
7',30 e 5' e cartografate in scala
1:25.000;
b) l'origine delle longitudini si con-
servata sul meridiano di M. Mario
(Roma) la cui longitudine da Gre-
enwich stata fissata in 12 27'
08",40;
c) per la rappresentazione si sono adottati due fusi, detti fuso ovest o primo fuso
e fuso est o secondo fuso, corrispondente con i fusi 32 e 33 dell'UTM; ci ha
facilitato l'inserimento della nostra cartografia in tale sistema mondiale.
L'ampiezza del primo fuso stata incrementata di 30' passando da 6 a 6 30'
per creare una zona di sovrapposizione con il secondo fuso e ridurre in parte
l'inconveniente derivante dal passaggio fra i sistemi di coordinate dei due fu-
si (nelle zone cartografate ricadenti nella zona di sovrapposizione vengono
inseriti sulle carte entrambi i reticolati). L'ampiezza del secondo fuso stata
Fig. 22
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
58
anch'essa incrementata di 30' per includervi la penisola salentina che altri-
menti cadrebbe nel fuso 34(Fig. 23);
d) ai meridiani centrali dei due
fusi (asse N) sono state attri-
buite rispettivamente le coor-
dinate E di 1500 km e 2520 km
(anzich 500 km come nel-
l'UTM); in tal modo la prima
cifra esprime inequivocabil-
mente l'appartenenza del
punto al primo fuso (1) o al
secondo fuso (2) e la cifra
delle decine evita possibili er-
rori grossolani dovuti a scam-
bi delle coordinate E di uno
stesso punto nella zona di so-
vrapposizione(Fig. 23);
e) purtroppo esistono in com-
mercio diversi tipi di carte ma,
in linea generale, si pu af-
fermare che il reticolato chi-
lometrico relativo alla carto-
grafia italiana non mai trac-
ciato per esteso ma solo indi-
cato sui bordi con dei simboli
diversi per i due fusi; per utilizzarlo si rende necessario il suo tracciamento
congiungendo con una riga i riferimenti corrispondenti destra-sinistra e alto-
basso. Le coordinate di ciascun riferimento, espresse in un numero intero di
km, vengono ricavate consultando le coordinate chilometriche dei quattro
vertici della carta indicate in uno specchietto posto fuori margine o in alto a
destra o in basso a sinistra ed espresse in metri;
f) in molte tavolette, ma non in tutte, riportato per esteso il reticolato UTM
(in viola o in nero);
g) come ellissoide di riferimento stato assunto l'ellissoide internazionale
orientato a M. Mario;
h) a tutto il piano della rappresentazione stata applicata la contrazione otte-
nuta moltiplicando le coordinate di tutti i punti per la costante 0,9996, come
nell'UTM;
i) la simbologia adottata per rappresentare i diversi particolari del terreno sono
sempre indicate in basso o sul lato destro della carta;
j) la carta rilevata (la tavoletta) viene prodotta con l'utilizzo di cinque colori
secondo il seguente utilizzo:
- il verde per la vegetazione;
- il nero per tutti i manufatti;
- l'azzurro per l'idrografia;
- il seppia per l'altimetria (curve di livello);
- il rosso per la viabilit statale.
Fig. 23
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 59
1.4. Orientamento dell'ellissoide
Un discorso approfondito merita l'orientamento dell'ellissoide che spesso inge-
nera molta confusione.
Si gi detto nella Parte I della necessit di utilizzare una superficie matemati-
ca che meglio approssimi il geoide individuandola in un ellissoide di rotazione.
Si anche detto che, rendendo le due superfici (geoide ed ellissoide) tangenti
in un punto, i limiti da non superare per restare all'interno delle precisioni delle misu-
re non devono superare un raggio di 500-600 km dal punto di tangenza.
Nella costruzione della cartografia UTM per rappresentare tutta l'Europa stato
scelto un orientamento medio posto nelle vicinanze di Bonn in Germania; in tale
punto l'ellissoide viene orientato sul geoide cio si fanno coincidere la verticale
(normale al geoide) e la normale all'ellissoide ed un azimut su una direzione prefis-
sata. A tale punto sono collegate le coordinate di tutti i punti di inquadramento delle
varie reti locali (quella italiana inclusa).
Tale orientamento noto con la sigla E.D.50 (European datum 1950), reso vali-
do per tutta l'Europa, supera di molto i limiti suddetti in particolare per tutta l'Italia
meridionale (la zona estrema della Sicilia dista da Bonn circa 1700 km) per cui l'Ita-
lia nell'eseguire la sua cartografia ha preferito orientare l'ellissoide a M. Mario (Ro-
ma) ed a tale punto ha collegato tutti i vertici di inquadramento del primo ordine:
l'orientamento a M. Mario noto con la sigla Roma40.
Da tale differenziazione nell'orientamento dell'ellissoide ne deriva che il reti-
colato chilometrico dell'UTM risulta sfalsato rispetto a quello italiano o, a dir meglio,
che uno stesso punto della rete italiana, o comunque qualsiasi punto del territorio
italiano, ha coordinate diverse nei due sistemi pur se derivanti dalla stessa rappre-
sentazione (nella coordinata E ovviamente eliminando la falsa origine); ci vale sia
per le coordinate N ed E che per le coordinate geografiche latitudine e longitudine
(per la longitudine ci vale ovviamente riportandola a Greenwich).
In sintesi si pu dire che uno stesso punto del terreno indicato da coppie di
coordinate diverse nei due sistemi o che le stesse coordinate indicano punti diversi.
Il sistema italiano e le sue coordinate sono note col nome "Gauss-Boaga" in
onore del prof. Boaga che ne ha calcolato tutti i parametri.
1.5. Esempi di tavolette
In Fig. 25 riportato un esempio di tavoletta edita dall'IGMI in cui sono stati
evidenziati:
- il reticolato dell'UTM in colore viola tracciato per esteso;
- il reticolato Gauss-Boaga indicato solo sui bordi col segno
convenzionale relativo al fuso ovest (Fig. 24).
Quindi se si vogliono determinare le coordinate Gauss-
Boaga di un punto P nello stesso modo in cui si fatto nell'esem-
pio indicato in Fig. 21 per il reticolato UTM necessario, tramite un righello, traccia-
re il relativo reticolato e misurare le distanze del punto dalle linee pi prossime; tali
distanze, moltiplicate per la scala della carta, vanno poi sommate, o sottratte, alle co-
ordinate dei contrassegni presenti sui bordi.
Fig. 24
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
60
Per determinare le coordinate dei contrassegni del sistema Gauss-Boaga, non
evidenziate direttamente come invece avviene per il reticolato UTM, bisogna fare ri-
ferimento alla tabella presente sul lato destro della carta in cui sono indicate le coor-
dinate, in detto sistema, dei quattro vertici della tavoletta espresse in metri in quanto i
vertici non coincidono con i contrassegni le cui coordinate sono espresse da un nu-
mero intero di chilometri. Le coordinate dei contrassegni pi vicini al vertice preso in
considerazione sono quindi espresse dal numero intero di km pi prossimo (per di-
fetto o per eccesso a seconda che il vertice sia in avanti o indietro rispetto al verso
degli assi) al numero che esprime la coordinata del vertice.
Nella tavoletta indicata in Fig. 25 in corrispondenza del vertice NE leggiamo
nella tabella le seguenti coordinate:
E = 1453880 m N = 4529730 m
per cui il primo contrassegno Gauss-Boaga che incontriamo nella direzione delle E
avr coordinata 1453 km e quindi dister dal vertice 880 m, mentre nella direzione N
Fig. 25
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 61
il primo contrassegno avr coordinata 4529 km e dister quindi dal vertice 730 m.
Tutti gli altri contrassegni si determineranno per conseguenza sapendo che distano
tra di loro 1 km.
Si noti che i due contrassegni del reticolato Gauss-Boaga hanno le stesse coor-
dinate chilometriche dei contrassegni del reticolato UTM immediatamente vicini
(ovviamente per la E ci vale a meno di 1000 km in quanto all'origine stata data
una coordinata di 1500 km contro i 500 km dell'UTM) per cui nelle tavolette che pre-
sentano il reticolato UTM sono di immediata lettura le coordinate del reticolato
Gauss-Boaga.
Lo sfasamento esistente tra i due reticolati deriva, come detto nel paragrafo
precedente, dal diverso orientamento dell'ellissoide e quindi la stessa coordinata de-
scrive punti diversi.
Sulla tavoletta anche presente il reticolato geografico nel sistema Gauss-
Boaga rappresentato dalla latitudine e dalla longitudine ellissoidiche e tracciato solo
sui bordi a tratti bianchi e neri di ampiezza pari ad 1'; sui vertici sono indicate per
esteso le relative coordinate geografiche: la latitudine a partire dall'equatore, la lon-
gitudine da M. Mario.
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
62
La tavoletta di Fig. 26 una edizione che contiene anche le coordinate geo-
grafiche nel sistema UTM e viene presentata per evidenziare che anche tali coordi-
nate seguono l'andamento delle coordinate chilometriche, sono cio diverse nei due
sistemi.
Nel caso evidenziato il vertice SO risulta avere le seguenti coordinate:
latitudine UTM 3905'06" longitudine UTM 919'41"
latitudine Gauss-Boaga 3905'00" longitudine Gauss-Boaga 919'38"
Si noti che per comparare la longitudine si reso necessario riportarla a Gre-
enwich in quanto nel sistema Gauss-Boaga riferita a M. Mario che ha longitudine
1227'08",40 EG.
Fig. 26
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 63
La tavoletta indicata in Fig. 27 un'altra edizione ancora che contiene per este-
so il reticolato UTM in colore nero; in essa sono stati evidenziati i reticolati geogra-
fici che si riferiscono, come nelle due tavolette precedenti, sempre al sistema Gauss-
Boaga.
Fig. 27
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
64
Nell'ultima tavoletta che si presenta in Fig. 28 totalmente assente il reticolato
UTM; in questo caso per determinare le coordinate dei riferimenti reticolari nel solo
reticolo presente , cio Gauss-Boaga, bisogna ricorrere all'ausilio della tabella conte-
nente le coordinate dei vertici e seguire il procedimento indicato pi sopra.
Fig. 28
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 65
1.6. La rappresentazione dell'altimetria
Si gi detto della simbologia adottata per le curve di livello a proposito della
prima cartografia italiana; tale simbologia stata mantenuta nella nuova cartografia.
Ne viene indicato un esempio in Fig. 29 in cui sono state evidenziate tre giaci-
ture di curve fondamentali che, si ricorda, sono poste ogni 25 m di dislivello (in ge-
nere per l'altimetria si utilizza sempre una scala pari ad 1/1000 della scala delle di-
stanze), due giaciture di curve direttrici, poste ogni 100 m di dislivello e due giacitu-
re di curve ausiliarie, poste ogni 5 m di dislivello.
Si noti che nelle tavolette non mai indicata la quota relativa a ciascuna curva
di livello, mentre sono indicate le quote di una serie di punti particolari del terreno
(cime di montagne, incroci, zone caratteristiche, etc.); tali punti, denominati punti
quotati (P.Q.in sintesi), sempre distribuiti con notevole densit, sono di ausilio per
determinare le quote delle curve di livello.
Per esempio la curva fondamentale evidenziata a sinistra nella figura, posta so-
pra il toponimo "Serra de Mesu", avr quota di 75 m in quanto rappresenta il multi-
plo di 25 pi prossimo a 93 che rappresenta la quota della cima della collinetta; ana-
logamente le altre due evidenziate avranno, rispettivamente prese in senso antiorario,
quote di 75 m e 125 m.
Analogamente le curve direttrici, dovendo essere multiple di 100, avranno en-
trambe quote di 100 m, mentre le curve ausiliarie, prese da sinistra a destra, avranno
quote di 80 m e 65 m.
1.7. La convergenza e la declinazione magnetica
Si pi volte detto che il taglio delle carte avviene secondo meridiani e paral-
leli e che nella rappresentazione di Gauss le trasformate di questi sono delle curve
(vedi Fig. 20); orbene in molti casi diviene utile conoscere l'angolo che in un punto P
della rappresentazione la tangente alla trasformata del meridiano forma con la paral-
lela all'asse delle N ( che individuato dal meridiano centrale del fuso), uguale al-
l'angolo che la tangente alla trasformata del parallelo forma con la parallela all'asse E
in quanto, trattandosi di rappresentazione conforme, le trasformate del meridiano e
del parallelo passanti per un punto formano un angolo di 90 (Fig. 30).
Fig. 29
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
66
Questo angolo in definitiva l'angolo tra due meridiani, quello centrale del fu-
so e quello passante per il punto considerato ed stato gi indicato nel par.1.1.1.
della parte I col nome di convergenza.
La formula semplificata per il suo calcolo, che si richiama,
sin . =
dove indica la differenza di longitudine tra il meridiano passante per il punto ed
il meridiano centrale e la latitudine del parallelo passante per il punto.
Su molte tavolette dell'IGMI (Fig. 25) viene indicato il valore di tale angolo al
centro della carta (Fig. 31) in una apposita tabella, posta in genere sul lato destro,
dove viene riportato anche il valore della declinazione magnetica al centro della
carta e l'andamento delle linee di uguale declinazione.
Come si noter,
nella tabella sono indicati
il Nord geografico (N)
che individuato dalla
direzione dei meridiani,
il Nord reticolato (Nr)
che individuato dalla
direzione del reticolato, il
Nord magnetico (Nm)
che individuato dalla
bussola; quest'ultimo non
costante nel tempo per
cui il valore della decli-
nazione magnetica, cio
dell'angolo che tale dire-
zione forma col Nord
geografico, indicato nella tabella (332') definito temporalmente (1 gennaio 1959)
e viene anche indicata la sua variazione annuale (7') ed il suo verso (Est); volendone
Fig. 30
Fig. 31
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 67
conoscere il valore oggi (1999) bisogner sottrarre al valore indicato il valore 7'.40 =
280' ottenendo 1 08' a destra del Nord geografico.
In molte tavolette il valore della declinazione non viene riportato e la tavoletta,
o parte di essa, viene riportata in tratteggio con la scritta "Z.A." ci che sta a signifi-
care che si in presenza di una zona anomala magneticamente; per esempio la pre-
senza di rocce ferrose che impedisce l'uso della bussola.
La convergenza, all'interno di una ta-
voletta, si pu anche determinare in modo
approssimato facendo uso della tabella delle
coordinate dei vertici e considerando i meri-
diani come delle rette (in ci sta l'approssi-
mazione).
Sempre riferendosi alla tavoletta rap-
presentata in Fig. 25 si considerino i due
vertici NE e SE di cui sono note le coordi-
nate (Fig. 32): l'angolo si ricava semplice-
mente da
' 22 0
100
60
36 , 0 cui da
9251
58
N
E
tan = = = =

Ripetendo lo stesso calcolo per i verti-


ci NO e SO si ottiene
' 26 0 cui da
9251
71
tan = =
La media di tali valori fornisce il valore della convergenza al centro della carta
= 024'
cio lo stesso valore indicato nella apposita tabella.
1.8. L'ultima cartografia prodotta dall'IGMI
La nuova cartografia dell'Italia prodotta dall'IGMI, l'unica oggi in commercio,
ha introdotto notevoli variazioni rispetto alla cartografia descritta nei paragrafi pre-
cedenti che, per chi si trovi ad operare con entrambe le edizioni, pu ingenerare so-
stanziali errori interpretativi.
Il taglio delle carte
Il taglio viene sempre effettuato secondo il reticolato geografico, meridiani e
paralleli, per dell'UTM; vale a dire che non si usano pi le coordinate geografiche
di Gauss-Boaga con origine delle longitudini a M. Mario (orientamento dell'ellis-
soide Roma40), ma le coordinate UTM (orientamento dell'ellissoide ED50) con
origine delle longitudini a Greenwich: ci significa che un punto rilevato nelle vec-
chie tavolette in coordinate geografiche (Gauss-Boaga) non corrisponde ad un punto
sulle nuove che abbia le stesse coordinate geografiche.
La suddivisione e la scala delle carte prodotte
Si abbandonata la suddivisione dei fogli in 30' di longitudine e 20' di latitudi-
ne, cartografati in scala 1:100.000, e si adottata la suddivisione in 20' di longitudi-
ne e 12' di latitudine con produzione di una carta che ha sempre mantenuto la deno-
Fig. 32
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
68
minazione di "foglio" ma in scala 1:50.000 sempre indicato con un numero arabo ed
anche con il toponimo della localit pi rappresentativa della zona.
La suddivisione del foglio in quattro parti da luogo alle "sezioni" indicate con
un numero romano a partire dall'orientamento NE e con il toponimo pi caratteristico
della zona; le sezioni coprono un intervallo di longitudine di 10' e di latitudine di 6' e
sono prodotte in scala 1:25.000.
In Fig. 33 indicata la nuova numerazione dei fogli per la Sardegna mentre in
Fig. 34 riportata la suddivisione completa della Sardegna con indicate tutte le Se-
zioni.
Fig. 33
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 69
Fig. 34
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
70
Le caratteristiche delle carte
Tutte le nuove carte hanno tracciato per esteso il reticolato UTM, mentre hanno
solo sui bordi il reticolato geografico che, si ribadisce, afferisce a coordinate geogra-
fiche UTM (orientamento E.D.50).
Il reticolato Gauss-Boaga viene mantenuto sui bordi con la stessa simbologia
delle vecchie carte e la relativa tabella sul lato destro con indicate le coordinate dei
vertici espresse in metri (Fig. 35). Su ogni sezione indicato il modulo di deforma-
zione al centro della stessa.
Fig. 35
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 71
Si notino le coordinate di Roma M.Mario riportate che, per essere riferite al-
l'orientamento medio europeo (E.D.50), differiscono dalle precedenti riportate nelle
vecchie tavolette; in particolare la longitudine risulta di 1227'10'',93, diversa da
quella indicata nel par. 1.3. e pari a 1227'08'',40.
2. La cartografia del Catasto Italiano
Il Catasto Italiano fin dal 1886 ha adottato la rappresentazione di Cassini-
Soldner per disegnare le mappe catastali.
Preso sull'ellissoide un punto di riferimento O' di coordinate geografiche
0
e

0
le coordinate cartografiche di un punto generico P' di coordinate geografiche e
si fanno coincidere con le coordinate geodetiche rettangolari x
p
ed y
p
di P' rispetto ad
O' (Fig. 36).
Nelle carte catastali l'asse X (cos denominato invece di N) corrisponde sull'el-
lissoide al meridiano, detto centrale, passante per il punto O', detto centro di svilup-
po; l'asse Y risulta perpendicolare ad X in O.
Le coordinate piane del punto P (corrispondente di P' sull'ellissoide) sono
quindi:
- y
p
che corrisponde all'arco di geodetica P'Q' passante per P' e che interseca il me-
ridiano centrale perpendicolarmente nel punto Q';
- x
p
che corrisponde all'arco di geodetica O'Q', presa sul meridiano centrale.
La rappresentazione di Cassini-Soldner afilattica; riducendo per la distanza
dal centro di sviluppo entro un raggio di 70 km la rappresentazione si pu considera-
re praticamente equivalente, cio con modulo di deformazione areale pari a 1; a tale
distanza la deformazione lineare raggiunge il valore massimo di 6 cm per chilometro
nelle direzione del meridiano, cio dell'asse delle X, mentre nullo nella direzione
del parallelo. All'interno di tale zona si pu sostituire all'ellissoide la sfera locale e
quindi i due archi di geodetiche P'Q' ed O'Q' divengono archi di cerchio massimo
con notevole semplificazione nei calcoli.
Il Catasto Italiano ha quindi suddiviso il territorio nazionale in 35 zone omo-
genee per ognuna delle quali stato definito un centro di sviluppo, in generale coin-
cidente con un punto trigonometrico del primo ordine (non sempre).
Fig. 36
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
72
Il Catasto produce le mappe alle scale 1:4000, 1:2000 ed 1:1000 e su di esse
sono tracciati i parametri del sistema piano x ed y: sono cio indicati con una crocetta
i vertici dei quadrati ottenuti con rette parallele agli assi x ed y e distanti tra di loro
10 cm che alle scale suddette corrispondono rispettivamente a 400 m, 200 m e 100 m.
Le coordinate sono espresse in metri assegnando all'origine la coordinata 0,0.
Le mappe catastali si presentano con un contenuto fortemente teso allo scopo
della determinazione dei confini proprietari, quindi non hanno ne altimetria ne tutte
le informazioni presenti in una normale sezione ma l'essenziale per la individuazione
dei lotti di terreno, detti mappali.
Nell'esempio stralcio indicato in Fig. 37 si nota la parametratura; le coordinate
riportate in corrispondenza di un parametro, x = -93700 m ed y = 11800 m, permet-
tono di ricavare le coordinate di tutti gli altri semplicemente aggiungendo o togliendo
200 m secondo quanto detto sopra.
Si noti l'essenzialit delle informazioni: i confini delle propriet, dei numeri o
lettere per la loro individuazione, alcuni toponimi fondamentali.
Altra caratteristica delle mappe catastali che le informazioni contenute non si
estendono a tutto il foglio ma si interrompono su di un confine ben delimitato (una
Fig. 37
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 73
strada nel caso in fig.) che sar riportato anche nel foglio adiacente (F 22 nel caso in
Fig. 37).
In Sardegna vi un solo centro di sviluppo, pur se le dimensioni eccedono i li-
miti anzidetti; tale centro non coincide con un punto trigonometrico del primo ordine,
come di solito avviene, ma un punto virtuale situato all'intersezione del meridiano
passante per il punto trigonometrico del primo ordine situato sulla Torre di San Pan-
crazio a Cagliari ed il parallelo situato alla latitudine di 40, secondo l'ellissoide di
Bessel orientato a Genova.
3. La Carta Tecnica della Regione Sardegna (C.T.R.)
La Regione Autonoma della Sardegna ha prodotto una sua cartografia in scala
1:10.000 il cui primo impianto risale agli anni 1968-69; era prevista la realizzazione
in tre lotti, meridionale, centrale e settentrionale.
Il primo lotto, relativo alla zona meridionale, fu realizzato negli anni 1970-71
mentre il secondo, relativo alla zona centrale, negli anni 1978-79; il terzo lotto, per
varie vicissitudini, non fu mai realizzato dalla Regione ma, per un terzo della sua
estensione (la zona comprendente Sassari) e nel 1989, dal Casmez che vi incluse an-
che una zona cartografata in scala 1:5000.
La cartografia prodotta fu inquadrata nel sistema UTM; ogni sezione in scala
1:10000 rappresentava 1/16 di un foglio dell'IGM in scala 1:50000.
Nel 1995 la Regione ha deciso di rifare tutte la cartografia iniziando dalla zona
della Gallura che ne era totalmente sprovvista.
La situazione nel 1999 si presenta in questi termini:
- la zona della Gallura gi stata realizzata;
- le altre zone, ad esclusione della zona coperta dalla cartografia realizzata dal Ca-
smez, sono state appaltate in diversi lotti e sono in fase di esecuzione pi o meno
avanzate.
Di seguito si riportano le descrizioni delle carte e le loro specificit.
Il taglio delle carte
Il taglio del 10000 avviene, come detto, secondo il reticolato geografico UTM e
quindi secondo l'ultima cartografia pubblicata dall'IGMI, gi definita fin dagli anni
60.
In Fig. 38 riportato uno schema della suddivisione del foglio in scala 1:50000
adottato dalla Regione con indicata la denominazione di ciascuna Sezione, in scala
1:10000, e le successive suddivisioni per scale pi grandi fino al 1000 con le relative
denominazioni.
Lo schema si riferisce alla cartografia prodotta, o che si sta producendo, dal
1995 ad oggi; per la prima produzione cartografica si erano adottate delle denomina-
zioni diverse per le Sezioni, pur restando uguale il taglio, indicando le Sezioni della
prima riga dello schema presentato in fig., partendo da sinistra verso destra, con le
lettere A1, A2, A3 ed A4; a seguire nella seconda riga con le lettere B1, B2, B3 e B4;
nella terza riga C1, C2, C3 e C4 ed infine nella quarta riga D1, D2, D3 e D4. Le let-
tere erano precedute dal numero del foglio.
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
74
La prima cartografia prodotta
L'esempio di Fig. 39 si riferisce ad una sezione del secondo lotto prodotta nel
1978.
Come si pu notare la carta non ha n il reticolato geografico n il reticolato
UTM ma solo il reticolato chilometrico Gauss-Boaga indicato sui bordi con lo stesso
simbolo utilizzato nelle carte dell'IGMI.
La carta in scala 1:10.000 in genere sempre parametrata (come le mappe
catastali); con delle crocette vengono indicati i vertici dei quadrati ottenuti dalle in-
tersezioni del reticolato chilometrico: in fig. sono indicate con tratto leggermente pi
spesso dal reale per motivi di chiarezza esplicativa.
Si noti il quadro d'unione in cui evidenziata in nero la posizione della Sezione
all'interno del foglio contornato da tutti i fogli adiacenti; ci si dimostra molto utile
Fig. 38
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 75
quando si lavora ai confini della Sezione per ritrovare immediatamente le sezioni ne-
cessarie.
A fianco del quadro d'unione anche riportato l'inquadramento della Sezione
nella tavoletta corrispondente della cartografia dell'IGMI.
La nuova cartografia
L'esempio indicato in Fig. 40 si riferisce ad una Sezione della Gallura e, ri-
spetto alla precedente, riporta tutti i reticolati, geografico e chilometrico UTM, chi-
lometrico Gauss-Boaga; pu ingenerare confusione il fatto che il reticolato chilome-
trico UTM stato indicato con il simbolo generalmente usato per indicare il retico-
lato chilometrico Gauss-Boaga.
Il reticolato chilometrico Gauss-Boaga, come per la precedente, indicato in
tutta la Sezione con i relativi parametri (in fig. sempre indicati a tratto pi spesso).
Nel riquadro sono indicati anche i parametri per convertire coordinate chilo-
metriche UTM in Gauss-Boaga, e viceversa.
Fig. 39
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta
76
Fig. 40
Parte II Capitolo 2
1998/99 F.Resta 77
Nella Fig. 41, sempre riferita alla sezione precedente, si pu notare la simbolo-
gia utilizzata per l'altimetria che prevede curve fondamentali ogni 10 m, curve diret-
trici ogni 50 m e curve ausiliarie ogni 5 m; la differenza fondamentale rispetto alla
cartografia IGMI consiste nel fatto che le curve direttrici hanno indicata la quota re-
lativa che gli compete.
Fig. 41
998/99 F.Resta
998/99 F.Resta
PARTE III
TEORIA DEGLI ERRORI
998/99 F.Resta
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 81
CAPITOLO 1
ELEMENTI DELLA TEORIA DELLE PROBABILTA
1. Eventi aleatori e loro probabilit matematica
Si definisce evento aleatorio o casuale un evento di cui non possibile preve-
dere le modalit con cui si verifica e che quindi rientra nel novero dei fenomeni il cui
manifestarsi comunemente viene attribuito al caso.
Tipici esempi dei fenomeni aleatori sono i giochi dazzardo (roulette, dadi,
etc.).
Chiamasi evento le diverse forme sotto cui pu presentarsi un fenomeno aleato-
rio e prova latto che decide di tale evento.
Ci limiteremo a considerare quei fenomeni aleatori che possono dar luogo ad
un numero finito di eventi, detto numero dei casi possibili (per es. gettando un dado
possono presentarsi 6 casi possibili).
Allatto di una prova pu verificarsi uno qualunque dei casi possibili; alcuni di
questi saranno favorevoli ad una certa aspettativa, altri contrari: il numero dei primi,
anchesso intero e finito, viene indicato come numero dei casi favorevoli (per. es.
gettando un dado il numero dei casi favorevoli che esca un numero pari 3).
Ci detto, si definisce probabilit matematica di un evento il rapporto p tra il
numero m dei casi favorevoli allevento considerato ed il numero n dei casi possibili
n
m
p= (1)
(per. es. la probabilit che, gettando un dado, esca un numero pari 3/6).
La probabilit cosi definita si pu quindi calcolare quando sono determinabili
a priori i valori di m ed n: in tal senso la probabilit sopra definita viene anche spesso
indicata come probabilit a priori.
Essendo sempre m n sar
0 p 1
corrispondendo a 0 (m = 0) limpossibilit che levento atteso si manifesti e ad 1 (m
= n) la certezza che levento si realizzi.
Levento atteso non si manifesta soltanto quando si presenta uno dei casi sfavo-
revoli che sono evidentemente in numero di n - m; in tal caso si dice che si manife-
stato levento contrario e la sua probabilit q vale
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
82
n
m n
q

= (2)
Ovviamente si deduce che la somma delle probabilit dellevento atteso e di
quello contrario uguale allunit
p + q = 1 (3)
come del resto appare logico in quanto si ha "a priori" la certezza che allatto di una
prova si presentino luno o laltro dei due eventi.
Si consideri, per es., una prova costituita dal lancio di due dadi: in tale prova i
casi possibili sono 36 in quanto ad ogni faccia del primo dado si pu associare una
qualsiasi faccia del secondo. Se si vuole conoscere la probabilit che la somma dei
numeri usciti valga, ad esempio, 2 o 4 si deve contare il numero dei casi favorevoli
che vale 1 nel primo caso (levento si verifica solo se su entrambi i dadi appare il
numero 1) e 3 nel secondo (levento si verifica con le seguenti combinazioni 1+3,
2+2 e 3+1): la probabilit degli eventi detti vale quindi 1/36 e 3/36.
Da quanto detto, e dallesempio sopra riportato, sembra che la misura della
probabilit sia estremamente semplice richiedendo al pi una certa accuratezza nella
determinazione dei casi possibili e di quelli favorevoli.
Le cose in effetti non stanno in questa maniera in quanto la definizione ha una
sua validit a condizione che i casi possibili siano tutti ugualmente probabili.
La definizione di probabilit matematica ha quindi una sua validit quando ci
si possa ridurre ad una enumerazione di casi ugualmente probabili e presuppone la
formulazione "a priori" di un giudizio di uguale probabilit.
Questo evidentemente possibile in molti eventi aleatori riportabili a schemi
di giochi dazzardo o di estrazioni da urne (che anzi tali eventi sono proprio basati su
tale principio); diviene invece estremamente difficile e per lo pi impossibile in tutti
quei fenomeni aleatori che interessano la scienza e la tecnica e che ovviamente rive-
stono un interesse prevalente.
In tali casi la definizione classica "a priori" cade in difetto e sta in ci la ragio-
ne della limitata applicabilit e dello scarso sviluppo che ebbe il calcolo delle proba-
bilit classico che su tale definizione si basava.
2. Probabilit e frequenza. Legge empirica del caso
La constatata impossibilit di enumerare in molti fenomeni fisici il numero dei
casi possibili e di valutare quindi la probabilit a priori di un evento ha portato a
considerare la possibilit di dare di essa una valutazione "a posteriori" su base spe-
rimentale, legandola alla frequenza relativa con cui levento stesso si manifestato in
una determinata serie di prove, intendendo per frequenza relativa il rapporto f fra il
numero di prove m in cui si verifica levento ed il numero totale n delle prove ripe-
tute
n
m
f = (4)
La frequenza relativa cos definita acquista una sua rilevanza anche quando sia
possibile una valutazione a priori della probabilit dellevento nel caso in cui tale
valutazione voglia avere contenuto fisico e verificabile quindi con lesperienza.
Infatti, escludendo i casi in cui la probabilit molto prossima a 0 (evento pra-
ticamente impossibile) o ad 1 (evento praticamente certo), evidente che la misura
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 83
della probabilit acquista un significato fisico solamente se ci si riferisce non alla
singola prova bens ad un insieme numeroso di prove.
Per esempio l'affermazione che nel lancio di una moneta la probabilit
dellevento "testa" vale 1/2 non suscettibile di verifica in un solo lancio n permette
di fare nessuna previsione del risultato.
Se invece si eseguono n lanci, con n sufficientemente grande, la frequenza
dellevento "testa" non differir di molto dal valore 1/2 della probabilit matematica;
se si eseguisse una serie di n lanci e si manifestasse uno scostamento notevole e di
segno costante della frequenza dal valore di 1/2 dovremmo dedurne che la valutazio-
ne "a priori" della probabilit in tal caso errata e che i due casi possibili allatto di
una prova non sono ugualmente probabili.
Tutte le volte che si eseguono serie di prove ripetute si osserva che la fre-
quenza relativa dellevento atteso varia da serie a serie, assumendo valori molto vici-
ni fra loro ed oscillanti intorno ad un valore centrale e che lampiezza di tale oscilla-
zione tende a diminuire con laumentare del numero di serie. Tale valore centrale
pu essere assunto come misura approssimata della probabilit che levento atteso ha
in quella determinata categoria di prove; qualora sia realizzabile una valutazione "a
priori" della probabilit matematica, possibile una valutazione della correttezza di
tale valutazione in quanto il valore centrale deve praticamente coincidere con quello
della probabilit.
E' di fatto questo il legame tra realt fisica e valutazione "a priori" della proba-
bilit che giustifica l'uso di cos fatte valutazioni nell'indagine della natura.
Chi dunque ammette la definizione di probabilit "a priori" deve anche espli-
citamente ammettere un postulato, noto come legge empirica del caso, che con-
sente di dare una valutazione "a posteriori" della probabilit e che si pu, sostanzial-
mente, cos enunciare:
in una successione di prove ripetute un numero di volte molto grande ognuno degli
eventi possibili si manifesta con una frequenza relativa che approssimativamente
uguale alla probabilit che levento ha allatto di ogni prova, lapprossimazione
crescendo allaumentare del numero delle prove.
In tale postulato colpisce la parola "approssimativamente", certamente fuori
dalluso del linguaggio matematico, la quale d luogo ad una indeterminazione che
nessuno penserebbe mai di introdurre, per es., in un postulato di geometria.
Al postulato enunciato infatti, in quanto risultato di una sintesi induttiva che
lega la realt fisica ad un ente astratto costruzione della nostra mente, non affidato
il fondamento logico del calcolo della probabilit; esso, ad es., non paragonabile ad
un postulato del tipo di quello che stabilisce che per due punti passa una sola retta, o
che un piano determinato da tre punti, ma, se mai, ad un postulato che stabilisca la
possibilit di applicare le propriet geometriche di un segmento di retta o di un cer-
chio ad enti aventi realt fisica come un filo teso o il bordo di una ruota rispettiva-
mente.
Di fatto la applicabilit di propriet geometriche ad oggetti fisici d sempre
luogo ad un "approssimativamente", nel senso che le condizioni di applicazione non
sono mai soddisfatte con assoluto rigore, ma entro certi prefissabili limiti derrore.
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
84
3. Postulati fondamentali del calcolo delle probabilit
Quanto sopra detto mostra chiaramente che impossibile una definizione
esplicita della probabilit che sia soddisfacente dal punto di vista logico e dalla sua
aderenza alla realt fisica.
Conviene quindi rinunciare ad una sua definizione logica e stabilire invece al-
cuni postulati e principi fondamentali che ne costituiscono un definizione implicita e
che consentono di costruire in maniera logica il calcolo delle probabilit.
Il primo di tali assiomi il cosiddetto assioma di univocit che si pu cosi
enunciare: in una determinata classe di prove il valore della misura della probabilit
unico.
Il secondo va sotto il nome di assioma di normalizzazione e si pu cosi enun-
ciare: in una determinata classe di prove la misura della probabilit di un evento
un numero reale compreso nellintervallo chiuso 0 - 1.
A tali assiomi bisogna aggiungere alcuni principi o regole che consentano di
studiare eventi aleatori derivanti dalla combinazione qualsiasi di altri eventi (somma
logica e prodotto logico).
Prima di esporre tali principi bisogna definire il concetto di eventi stocastica-
mente dipendenti o indipendenti in senso aleatorio.
Se allatto di una prova possono presentarsi due o pi eventi ci pu avvenire
con due distinte modalit: la prima avviene quando il manifestarsi di un evento mo-
difica la probabilit che si manifesti laltro , o gli altri, e, in tal caso, gli eventi si di-
cono dipendenti; la seconda quando il manifestarsi di un evento non modifica la pro-
babilit che si manifesti laltro, o gli altri, e, in tal caso, gli eventi si dicono indipen-
denti.
Se, per es., la prova consiste nell'estrazione di due palle ciascuna da un'urna di-
versa contenenti palle bianche e nere la probabilit dell'estrazione di una palla bianca
dalla seconda urna non dipende minimamente dal fatto che dalla prima urna sia stata
estratta una palla bianca o nera.
Se invece la prova consiste nell'estrazione di due palle dalla stessa urna senza
che la prima palla estratta sia stata rimessa nell'urna l'estrazione di una palla bianca
nella seconda estrazione non pi indipendente dalla prima che modifica, in maniera
diversa a seconda dell'evento presentatosi, la composizione dell'urna.
Ci detto, possiamo enunciare il principio delle probabilit composte: se
allatto di una prova un evento E si produce solo se si sono verificati, contempora-
neamente o successivamente, due altri eventi E
1
ed E
2
(o pi) tra loro indipendenti,
la probabilit dellevento composto E vale il prodotto delle probabilit degli eventi
componenti E
1
ed E
2
:
2 1
E E E
p * p p = (5)
Se invece gli eventi sono da considerarsi dipendenti lenunciato si modifica nel
seguente modo: se un evento E risulta dal concorso di due eventi aleatori E
1
ed E
2
fra loro dipendenti, la sua probabilit data dal prodotto della probabilit
dellevento E
1
per la probabilit che, essendosi verificato E
1
, si verifichi E
2
.
Nellesempio citato, se in ogni urna vi sono tre palle bianche e due nere, la
probabilit di estrarre due palle bianche, ciascuna da un'urna diversa essa sar
25
9
5
3
*
5
3
P = =
La probabilit di estrarre due palle bianche dalla stessa urna senza rimettere la
palla prima estratta nell'urna sar
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 85
10
3
4
2
*
5
3
P = =
Stabilita la regola valida per eventi che discendano per prodotto logico da al-
tri eventi aleatori, rimane da considerare quelli derivanti da somma logica.
Per tale problema vale il principio delle probabilit totali che cos pu enun-
ciarsi: la probabilit totale di un evento E che allatto di una prova pu presentarsi
secondo due o pi modalit, E
1
E
2
E
n
, tra loro diverse ed escludentesi vale la som-
ma delle probabilit che a ciascuna di tali modalit compete:
n 2 1
E E E E
p .... p p p + + = (6)
Come esempio consideriamo unurna che contenga n
B
= 20 palline bianche, n
R
= 50 palline rosse ed n
N
= 30 palline nere: vogliamo sapere quale la probabilit che
venga estratta una pallina non nera. Levento atteso si manifesta sia che venga
estratta una pallina rossa sia che venga estratta una pallina bianca, modalit distinte
ed escludentesi, per cui la sua probabilit vale (20/100) + (50/100) = 70/100.
Il principio ora enunciato si presta ad alcune contraddizioni se non si tiene bene
a mente che la sua applicazione possibile solo se le modalit con cui si presenta
l'evento si escludano mutuamente, e ci comporta una analisi molto approfondita
della prova e dell'evento atteso.
Si consideri, per es., di lanciare due dadi e si voglia calcolare la probabilit che
esca almeno una volta il numero 5 su uno o sull'altro dei due dadi; ad una analisi su-
perficiale sembrerebbe di essere in presenza di un evento cui poter applicare il prin-
cipio delle probabilit totali ed ottenere quindi
3
1
6
1
6
1
p = + =
Ad una pi attenta riflessione per si pu constatare che le due modalit con
cui l'evento si pu presentare non si escludono in quanto il 5 pu presentarsi sia sul-
l'uno che sull'altro dei due dadi.
In questo caso preferibile calcolare la probabilit q che si verifichi l'evento
contrario e quindi risalire alla probabilit p dell'evento atteso dall'equazione
q 1 p =
L'evento contrario si verifica quando contemporaneamente su entrambi i dadi
si presentano numeri diversi da 5 per cui si tratta di una probabilit composta e vale
36
11
q 1 p cui per
6
5
*
6
5
q = = =
Il problema si risolve anche dando una definizione pi generale del principio
delle probabilit totali nel seguente modo: la probabilit di un evento E che pu pre-
sentarsi in due modalit E ed E tra loro non escludentisi vale la somma delle proba-
bilit che competono a ciascuna delle due modalit diminuita della probabilit com-
posta delle due modalit stesse supposte stocasticamente indipendenti
2 1 2 1
E E E E E
p * p p p p + = (7)
Nell'esempio sopra riportato si avrebbe
36
11
36
1
6
1
6
1
p = + =
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
86
4. Il problema delle prove ripetute
4.1. La probabilit nell'esperienza delle prove ripetute
Una applicazione classica dei principi delle probabilit totali e delle probabilit
composte si ha nel problema delle prove ripetute, studiato da Bernouilli, si che esso
da luogo al cos detto schema bernoulliano.
Si definiscono prove ripetute una serie di u prove in cui un evento atteso di
probabilit p conservi sempre la stessa probabilit.
Per es. da unurna contenente b palle bianche ed n palle nere, tutte uguali ad
eccezione del colore, si estragga una palla, si prenda nota del colore e poi la si ripon-
ga nellurna. Eseguendo tale prova u volte si ottiene una serie di u prove ripetute.
Levento atteso sia lestrazione di una palla bianca di probabilit
n b
b
p
+
=
Levento contrario, estrazione di palla nera, avr probabilit
n b
n
q
+
=
Proponiamoci ora di calcolare la probabilit che in una serie di u prove
lestrazione della palla bianca avvenga i volte senza far caso allordine, con i varia-
bile da 0 a u.
La probabilit che la palla bianca non venga mai estratta nelle u prove (i=0)
equivale ad estrarre u volte la palla nera; trattasi quindi di una probabilit composta e
vale
u
0
q P =
che, ricordando che per definizione
|
|
.
|

\
|
0
u
= 1, si pu scrivere
u
0
q
0
u
P
|
|
.
|

\
|
= .
La probabilit che la palla bianca venga estratta una sola volta vale
1 u
1
q p u P

=
che, essendo
|
|
.
|

\
|
=
1
u
u , si pu scrivere
1 u
1
q p
1
u
P

|
|
.
|

\
|
=
Tale probabilit si ricava tenendo presente che la probabilit che la palla bianca
venga estratta al primo colpo e poi di seguito u-1 palle nere si tratta come una proba-
bilit composta e vale
1 u
q p

; ma la palla bianca pu essere estratta anche al secondo
colpo, o al terzo, fino alluesimo, sempre verificando il nostro evento atteso, che, ri-
cordiamo, luscita di una palla bianca senza far caso allordine: in questo caso si
deve applicare il principio delle probabilit totali e si ottiene la formula detta.
Proponiamoci ora il problema di calcolare la probabilit che la palla bianca
venga estratta due volte: la probabilit composta che la serie delle u estrazioni dia
luogo ad una configurazione formata dalle prime due palle bianche e dalle successive
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 87
u-2 nere vale
2 u 2
q p

; ma di configurazioni che contengono due palle bianche co-
munque disposte ce ne sono
|
|
.
|

\
|
2
u
, per cui la probabilit totale varr
2 u 2
2
q p
2
u
P

|
|
.
|

\
|
= .
In generale la probabilit che si presenti la configurazione con i palle bianche
ed u-i palle nere vale
i u i
i
q p
i
u
P

|
|
.
|

\
|
= (8)
con
( )! i u ! i
! u
i
u

=
|
|
.
|

\
|
(9)
Infine la probabilit che si presentino solo palle bianche (i=u) vale
u
u
p
u
u
P
|
|
.
|

\
|
=
Eseguendo una serie di u prove la probabilit che si presenti una qualunque
delle configurazioni dette (0 palle bianche, 1 palla bianca, .......u palle bianche) una
probabilit totale
u i 1 0
P ..... P .... P P P + + + =
che deve valere 1 in quanto rappresenta la certezza; ed infatti se sostituiamo ai valori
delle probabilit le formule trovate riscontriamo che il secondo membro della for-
mula rappresenta lo sviluppo del binomio di Newton che vale
( )
u
q p+
ed essendo p + q = 1 si ottiene
P = 1
Ovviamente da quanto detto ne consegue che la probabilit che levento atteso
sia luscita di una qualunque delle configurazioni comprese tra due limiti -l e +l sar
i u i
l i
l i
l
l
q p
i
u
P

+ =
=
+

|
|
.
|

\
|
=

(10)
4.2. La probabilit normale
Si pu dimostrare che dei termini P
i
della probabilit totale P soprascritta uno
maggiore, o almeno non minore, di ogni altro.
Se indichiamo tale termine con P
r
ci vuol dire che levento di estrarre r palle
bianche ed u-r nere il pi probabile: tale evento si indica col nome di probalit
normale.
Si pu altres dimostrare che in una serie di u prove la configurazione di proba-
bilit normale quella in cui levento atteso e quello contrario si presentano un nu-
mero di volte proporzionale alle rispettive probabilit, cio
r = pu
u-r = qu.
Se ad esempio in unurna ci sono 15 palle bianche e 35 nere, in una serie di 50
prove la configurazione di probalit normale sar quella che presenta
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
88
nere palle 35 50 *
50
35
e bianche palle 15 50 *
50
15
= =
Se la serie di prove fosse di 80 si avrebbe la configurazione normale di
24 palle bianche e 56 nere.
Ricordando la legge empirica del caso ci significa che se eseguiamo
lesperienza (consistente in una serie di 50, o 80, estrazioni) un numero di volte
molto elevato e prendiamo nota della frequenza con cui si presentano le varie confi-
gurazioni, la configurazione corrispondente alla frequenza massima dovrebbe rappre-
sentare la configurazione di probabilit normale; si noti che avendo, nel primo esem-
pio, preso in esame unesperienza consistente in una serie di estrazioni pari al nume-
ro totale di palle bianche e nere, ci ci permetterebbe di conoscere il numero di palle
bianche e nere contenute nellurna.
4.3. Il diagramma delle probabilit nel problema delle prove ripetute.
Si consideri per semplicit il caso in cui lurna contenga un egual numero di
palle bianche e nere, avendosi in tal caso:
p = q = 1/2.
In tal caso la probabilit di estrarre i palle bianche ed u-i nere vale
u i
2
1
i
u
P
|
|
.
|

\
|
=
Consideriamo ora una serie di esperienze prima con u = 4, poi con u = 5 ed in-
fine con u = 6 e calcoliamo, nelle diverse ipotesi, i valori della probabilit. I risultati
sono riportati nella tabella seguente:
u = 4 u = 5 u = 6
P
o
6,25% 3,13% 1,56%
P
1
25,00% 15,63% 9,38%
P
2
37,50% 31,25% 23,44%
P
3
25,00% 31,25% 31,35%
P
4
6,25% 15,63% 23,44%
P
5
3,13% 9,38%
P
6
1,56%
Con tali valori si possono costruire i relativi istogrammi riportando in ascisse le
i ed in ordinate i valori della probabilit (Fig. 1).
Fig. 1
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 89
Si noti che per u dispari si hanno due massimi; ci vuol dire che le configura-
zioni corrispondenti hanno uguale probabilit.
4.4. La probabilit dello scarto
Consideriamo, come gi detto, la configurazione di probabilit normale in cui
si hanno
r = pu palle bianche
u-r = qu palle nere.
Si definisce scarto di una configurazione generica con i palle bianche rispetto
alla configurazione normale con r palle bianche la differenza i - r; lo indicheremo
con
v = i r (11)
La probabilit p
v
che si presenti lo scarto v ovviamente la stessa che si pre-
senti la configurazione con i palle bianche e vale pertanto:
i u i
v
q p
i
u
p

|
|
.
|

\
|
= .
Essendo
i = v+ r = v+ pu
u i = r + qu i = qu v
si pu scrivere
( ) ( )
v qu v pu
v
q p
! v qu ! v pu
! u
p
+
+
= (12)
Questa formula importantissima permette di calcolare la probabilit dello
scarto v in funzione di v, u, p e q senza passare per il calcolo del valore di r.
Se agli istogrammi primo e terzo indicati nel precedente paragrafo, diamo
allorigine una traslazione lungo lasse delle ascisse pari a +2 e +3 (cio in generale
pari al numero r corrispondente alla probabilit normale) avremo in ascisse lo scarto,
restando in ordinate le relative probabilit (Fig. 2):
La formula (12), ove u sia molto grande talch i rapporti v/up e v/uq risultino
minori dellunit, si pu, con opportuni passaggi, trasformare nella formula semplifi-
cata
upq 2
v
v
2
e
upq 2
1
p

=

(13)
Fig. 2
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
90
La (13) d la probabilit dello scarto in modo approssimato, e tanto meno ap-
prossimato quanto pi grande u.
Per avere unidea circa lapprossimazione, nella tabella seguente stata calco-
lata la probabilit nel caso di u = 10 e p = q = 1/2:
Scarto v p
v
esatta p
v
approssimata differenza
0 0,2460 0,2523 - 0,0063
1 0,2051 0,2066 - 0,0015
2 0,1172 0,1134 + 0,0038
3 0,0439 0,0417 + 0,0022
4 0,0098 0,0103 - 0,0005
5 0,0010 0,0017 - 0,0007
Si noti che la probabilit che si presenti lo scarto 0, cio la configurazione cor-
rispondente alla probabilit normale, la massima.
5. La funzione ()
Come si vedr in seguito nei problemi del calcolo delle probabilit e della teo-
ria degli errori ricorre spesso l'integrale

0
x
dx e lim F
2
(14)
Tale integrale, sviluppando i calcoli, risulta
2
F

= (15)
Consideriamo ora la funzione
( )


=


0
x
dx e
2 2
(16)
Essa si annulla per = 0 e cresce al crescere di e tende al limite
( ) 1 lim =

La funzione () varia dunque da 0 ad 1 quando varia da 0 all'infinito; essa


pu pertanto essere assunta per rappresentare la probabilit.
I valori di tale funzione sono tabulati in opportune tavole.
6. Formula semplificata della probabilit degli scarti
Nella (5) ponendo
upq 2
1
h=
si ottiene
2 2
v h
v
e
h
p

=

(17)
Tale formula esprime in modo approssimato la probabilit dello scarto.
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta 91
Volendo conoscere la probabilit che lo scarto sia compreso tra due limiti -a
e +a si applicher il principio delle probabilit totali ottenendo

+ =
=
+

=
a
a
h a
a
2 2
e
h
p

Introducendo la variabile x = h si potr considerare lincremento x come


lincremento al quale corrisponde un incremento di , cio ; ma poich lo scarto
rappresenta un numero di prove, lincremento sar rappresentato dallunit e
quindi si avr
x = h
Sostituendo, e ponendo = ha si avr

+ =
=
+

x
x
x a
a
2
e x
1
p
Aumentando sempre il numero delle esperienze, la sommatoria pu essere so-
stituita con lintegrale, ed allora si avr
( )

= = =


+

dx e
2
dx e
1
p
0
x x a
a
2 2
(18)
Quindi la probabilit che lo scarto sia compreso entro i limiti a rappresen-
tata dalla funzione () assumendo per il valore ha. Il valore ottenuto rappresenta
anche la probabilit che la configurazione con i palle bianche sia compresa nell'inter-
vallo pu-a e pu+a.
Tutte le considerazioni fatte ci permettono di fare il passo successivo conside-
rando la funzione probabilit dello scarto come una funzione continua nel campo dei
numeri reali.
Se si riportano in ascisse gli scarti ed in ordinate le relative probabilit la fun-
zione si presenta nel seguente modo, detta curva a campana,
Tale curva presenta le seguenti caratteristiche:
Fig. 3
Parte III Capitolo 1
1998/99 F.Resta
92
a) tutta nel semipiano delle ordinate positive;
b) simmetrica rispetto allasse delle ordinate;
c) tende asintoticamente allasse delle ascisse;
d) presenta due flessi.
La curva presenta un solo massimo per v = 0 cui corrisponde il valore della
probabilit normale

h
p
0
= (19)
e due flessi corrispondenti al valore degli scarti
2 h
1
m = (20)
di probabilit
e
h
p
m

= (21)
L'integrale esteso tra sar, come detto, uguale ad 1 esprimendo la certezza
che lo scarto sia compreso tra detti limiti.
La probabilit che lo scarto sia compreso nellintervallo m, e quindi
2
1
= ,
vale 0,683;
la probabilit che lo scarto sia compreso nellintervallo 3m, e quindi
2
3
= , vale
0,997.
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta 93
CAPITOLO 2
MISURE DIRETTE ED INDIRETTE
1. Misura diretta di una grandezza
1.1. Definizione
Si definisce misura diretta di una grandezza il numero reale che esprime il rap-
porto della grandezza da misurare rispetto ad unaltra assunta come unit di misura.
Esempio classico la misura di una lunghezza che si ottiene comparandola col
metro campione, assunto come unit di misura.
La definizione data si riferisce per a modelli astratti di grandezze misurate in
quanto, andando ad eseguire la misura reale di una grandezza nella realt fisica, ci
rendiamo conto dellimpossibilit di determinare la grandezza vera ( per es. il punto
non pi unentit astratta ma concreta dotata di dimensioni, etc.).
Diremo che, misurando una grandezza varie volte, ne otterremo sempre valori
leggermente diversi tra i quali scegliere il valore che pi sia rappresentativo della
grandezza misurata.
Nei prossimi paragrafi si esporr il procedimento per effettuare tale scelta ma
prima daremo una rapida descrizione degli errori che si possono commettere quando
si esegue una misura.
1.2. Classificazione degli errori
Quando si esegue una misura, come detto, non si potr mai raggiungere
lesattezza assoluta in quanto essa soggetta ad inevitabili errori dipendenti sia dalle
imperfezioni dei sensi dellosservatore, sia dai difetti degli strumenti impiegati, sia
infine da unaltra grande quantit di cause perturbatrici di origine diversa e che
allosservatore, anche il pi diligente, sfuggono.
Questi errori di osservazione possono dividersi in tre classi:
a) errori grossolani;
b) errori sistematici;
c) errori accidentali.
Gli errori grossolani provengono dalla distrazione dellosservatore e si posso-
no scoprire ripetendo pi volte le stesse operazioni o misurando altre quantit che
con le prime abbiano una semplice ed immediata relazione. Ad esempio misurando
tre angoli di un triangolo, ove la loro somma si discosti da 200
g
di una quantit note-
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta
94
volmente diversa dalle precisioni degli strumenti usati, si sicuramente in presenza
di un errore grossolano.
Gli errori sistematici hanno la caratteristica di presentarsi sempre con lo stesso
segno e derivano da cause di natura fisica o da difetti strumentali. Appartengono alle
prime, per es., gli errori personali, la rifrazione atmosferica, la dilatazione dei corpi
per effetto della variazione di temperatura, mentre ai secondi la non perfetta rettifica
degli strumenti, gli errori di graduazione dei cerchi, etc.
Questi errori, conoscendone le cause, si attenuano con opportune procedure di
misura (per es. reiterazioni, letture coniugate, etc.)
Gli errori accidentali sono caratterizzati dalla loro variabilit senza alcuna suc-
cessione e provengono da un gran numero di cause perturbatrici di difficile caratte-
rizzazione. Essi non si possono eliminare; se ne possono attenuare gli effetti sottopo-
nendo le misure a metodi speciali di compensazione che vedremo nei prossimi para-
grafi.
1.3. Legge sulla distribuzione degli errori
Per studiare il problema faremo le ipotesi che
- la misura sia stata depurata dagli errori grossolani;
- gli errori strumentali siano stati eliminati con opportuni metodi di misura;
- le cause perturbatrici producano ciascuna un errore accidentale indipendente
dalle altre cause coesistenti.
Ci posto, se si esegue la misura di una grandezza un certo numero di volte si
noteranno valori, X
1
,X
2
....,X
i
... X
n
, sempre diversi tra di loro.
Supponendo di conoscere il valore vero X della grandezza misurata possiamo
determinare gli errori di osservazione x
i
X X x
i i
= (22)
Consideriamo ora degli intervalli uguali x e riportiamo tali intervalli in ascis-
se; in ordinate, in corrispondenza di ciascun intervallo, riportiamo la frequenza con la
quale gli errori si sono presentati in ciascun intervallo (cio numero di errori presenti
nellintervallo diviso numero di errori totali).
Si otterr un istogramma del tipo indicato in Fig. 4
Fig. 4
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta 95
Se listogramma si inviluppa con una curva (tratteggiata in fig.) noteremo che
la stessa assume la forma della classica curva a campana.
Studiando varie esperienze del tipo detto si giunge alla conclusione che la di-
spersione di frequenza degli errori risulta in generale simmetrica rispetto allasse
delle ordinate, ammette in genere un massimo per x = 0 e tende ad intersecare lasse
delle ascisse a breve distanza dallorigine.
Ci prova che:
a) gli errori positivi si presentano con uguale frequenza di quelli negativi;
b) gli errori piccoli sono pi frequenti di quelli grandi;
c) gli errori sono sempre compresi entro due determinati limiti.
Studiando tali comportamenti Gauss giunse a formulare unequazione mate-
matica che potesse meglio rappresentare i risultati di esperienze di questo tipo: tale
equazione della forma
2 2
x h
x
e
h
f

=

(23)
e rappresenta la legge di frequenza degli errori o legge di Gauss.
La formula, come si vede, simile alla formula ricavata alla fine del capitolo
precedente, luna ricavata a priori tramite il concetto di probabilit, questa ricavata a
posteriori sulla base dei risultati sperimentali tramite la frequenza: le due sono legate
concettualmente dalla legge empirica del caso che, ricordiamo, tende a far coincidere
la frequenza alla rispettiva probabilit allaumentare del numero di prove.
A tale formula si possono applicare tutte le considerazioni fatte al capitolo pre-
cedente; in particolare si ricordi che larea sottesa rappresenta la probabilit che un
dato errore sia compreso nellintervallo preso in considerazione sullasse delle ascis-
se.
La formula scritta contiene la sola costante h al cui aumentare la curva tende a
restringersi attorno allasse delle ordinate, indicando con ci unesperienza dove la
dispersione degli errori minore. Per tale motivo la costante h viene indicata come
misura di precisione del sistema di osservazioni.
1.4. Il principio dei minimi quadrati
Si considerino gli errori x
i
di unesperienza in cui si sono misurate n grandezze
X
i
; la probabilit che si presenti l'errore x
i
vale
2
i
2
i
x h
x
e
h
P

=

(24)
La probabilit che si presentino contemporaneamente tutti gli n errori deve in-
tendersi come una probabilit composta, quindi
( )
2
i
2
n 2 1
x h
n
x ,... x , x
e
h
P


|
|
.
|

\
|
= (25)
Il valore pi probabile della grandezza osservata sar quello che render mas-
sima la (25); tale probabilit risulter massima se
min x
n i
1 i
2
i
=

=
=
e sostituendo agli x
i
i relativi valori
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta
96
( ) min X X
2
n i
1 i
i
=

=
=
(26)
Si giunge cos allenunciazione del principio dei minimi quadrati: il valore pi
probabile di una grandezza osservata quello che rende minima la somma dei qua-
drati degli errori.
Il valore di X che rende minima tale funzione quello che ne annulla la deri-
vata prima.
Derivando ed annullando si trova
n
X .... X X
X X
n 2 1
m
+ +
= = (27)
che effettivamente un minimo in quanto la derivata seconda positiva.
Si pu quindi dire che: il valore pi probabile di una serie di osservazioni atto
a rappresentare il valore di una grandezza fisica dato dalla media aritmetica delle
singole osservazioni.
Si noti che il valore di X
m
oltre che rendere minima la somma dei quadrati degli
scarti, rende nulla la somma degli errori
0 x
n i
1 i
i
=

=
=
come si deduce semplicemente esplicitando la sommatoria.
1.5. Errore quadratico medio
Abbiamo visto che la costante h da unindicazione della precisione del sistema
di osservazioni: al suo aumentare cresce lesattezza delle osservazioni.
Ne consegue che lincertezza, o limprecisione, del sistema di osservazioni sar
data da una grandezza inversamente proporzionale ad h.
Gauss individu detta grandezza in una funzione del tipo
2 h
1
m =
partendo da una funzione del tipo
n
x .... x x
m
2
n
2
2
2
1
+ +
= (28)
Ad esso viene dato il nome di errore quadratico medio di una serie di osserva-
zioni (In effetti storicamente la denominazione di m sarebbe errore medio lasciando
quella di errore quadratico medio alla quantit m
2
).
Se eseguiamo lintegrale della funzione di Gauss tra i limiti +m e -m otteniamo
la probabilit che uno scarto qualsiasi, ottenuto dallesperienza, sia compreso entro
detti limiti.
Tale probabilit, indipendente da h, sempre uguale a 0,683; ci significa che,
qualsiasi sia la serie di osservazioni (caratterizzata dal parametro h) la probabilit che
uno scarto qualsiasi, preso ad arbitrio tra quelli calcolati, cada nellintervallo detto
sempre del 68,3%.
Per meglio chiarire: al variare della serie di osservazioni lintervallo m varie-
r, aumentando per serie meno precise e diminuendo per quelle pi precise, mentre il
parametro h diminuir per serie meno precise ed aumenter per serie pi precise: si
otterranno cio curve a campana pi o meno schiacciate sullasse delle ascisse, ma
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta 97
larea sottesa dalla curva e lasse delle ascisse -entro i limiti m sar sempre uguale a
0,683(Fig. 5).
1.6. Errore temibile
Si definisce come errore temibile (o tolleranza) il valore
2 h
3
m 3 t = = (29)
La probabilit che uno scarto qualsiasi, ottenuto dallesperienza, sia interno
allintervallo t pari a 0,997.
Praticamente la probabilit di ottenere errori esterni allintervallo t quasi
nulla, si da attribuire a cause probabilmente non accidentali la eventuale presenza di
scarti superiori alla tolleranza. In tale evenienze buona norma eliminare tale valore
e ricalcolare la media.
1.7. Errore quadratico medio della media
Abbiamo prima definito lo errore quadratico medio di una serie di osservazio-
ni, indicandolo con m; vogliamo ora definire un parametro che caratterizzi
limprecisione dellassunzione del valor medio delle grandezze osservata come valo-
re pi probabile della misura.
Tale parametro, indicato con M, si dimostra essere inversamente proporzionale
ad m tramite la radice quadrata del numero delle osservazioni eseguite:
n
m
M = (30)
1.8. Calcolo dello scarto quadratico medio tramite gli scarti
Nei paragrafi precedenti abbiamo introdotto il concetto di errore quadratico
partendo dal presupposto teorico di conoscere gli errori veri, il che nella pratica os-
servazione di una serie di misure di una grandezza fisica , come detto, concettual-
mente impossibile.
Fig. 5
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta
98
Nell'esecuzione di una serie di misure di una grandezza fisica, avendo elimi-
nato tutte le cause di errore sistematico, come detto si otterr una serie di valori X
1
,X
2
....,X
i
... X
n
, che possono considerarsi come un campione di n elementi prelevati
da un insieme aleatorio.
Si pone quindi il problema della determinazione del valore da assegnare defi-
nitivamente alla grandezza misurata e quello di individuare dei parametri che caratte-
rizzino il grado di fiducia da attribuire ai risultati delle singole osservazioni ed il gra-
do di fiducia da attribuire al valore assunto come definitivo.
Indicando con X
m
il valore assunto come definitivo si definisce scarto di ogni
singola osservazione il valore
i m i
v X X = (31)
Ad esso si possono applicare tutte le considerazioni gi fatte e quindi la proba-
bilit che si presenti lo scarto v
i
sar
2
i
2
i
v h
v
e
h
P

=

(32)
mentre la probabilit che si presenti la configurazione formata dagli v
1
, v
2
,..v
n
scarti sar (probabilit composta)
2
i
2
i 2 1
v h
n
) v ...... v , v (
e
h
P


|
|
.
|

\
|
= (33)
Tale funzione, come gi detto, diviene massima per il valore di X
m
che rende
minima la funzione
( )

=
=
=
=
=
n i
1 i
n i
1 i
2
m i
2
i
X X v
e cio per il valore
n
X .... X X
X
n 2 1
m
+ +
=
che rappresenta la media aritmetica degli n valori ottenuti dalle misure.
Il parametro che caratterizza il grado di fiducia da attribuire a ciascuna misura
si deriva dall'errore quadratico medio individuato da Gauss.
Indicando con X l'ipotetico valore vero e con lo scostamento incognito X
m
-X ,
che si pu porre approssimativamente uguale a
n
m
, si avr
i
2 2
i
2
i i m m i i i
v 2 v x quadrando cui da v X X X X X X x + + = + = + = =
Sommando n volte l'espressione predetta si otterr
0 v che ricordando n v x
n i
1 i
i
2
n i
1 i
2
i
n i
1 i
2
i
= + =

=
=
=
=
=
=

Ricordando la (10) avremo
2
n i
1 i
2
i
2
m v m * n + =

=
=
da cui infine
1 n
v
m
n i
1 i
2
i

=

=
=
(34)
Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta 99
e di conseguenza
( ) 1 n n
v
M
n i
1 i
2
i

=

=
=
(35)
La quantit m suole definirsi come scarto quadratico medio di ogni singola os-
servazione (s.q.m.) o come standard deviation nella letteratura anglossassone (devia-
zione standard).
La quantit M suole definirsi come scarto quadratico medio della media.
Nel seguito di questo testo si user m per indicare l's.q.m. della media ora indi-
cato con M.
1.9. Applicazione dei concetti esposti ad un caso concreto
Si siano eseguite misure per la determinazione della latitudine di un sito tramite
collimazioni di diverse stelle ottenendo i seguenti risultati
Lat. scarto Lat. scarto
452420,80 +0,55 19,83 -0,42
20,44 +0,19 19,49 -0,76
20,03 -0,22 20,77 +0,52
20,31 +0,06 19,72 -0,53
20,60 0,35 20,58 +0,33
20,12 -0,13 19,19 -1,06
19,47 -0,78 20,87 +0,62
20,35 +0,10 20,93 +0,68
20,96 +0,71 19,98 -0,27
La media di tali valori risulta essere:
25 , 20
18
52 , 364
" "
m
= =
Con tale valore si possono calcolare gli scarti di ogni singola osservazione (so-
no stati riportati nella tabella).
Si calcola ora m
55 , 0
17
11 , 5
m
"
= =
Questa grandezza calcolata a posteriori assume il significato che preso a caso
un qualunque scarto di quelli calcolati ed indicati in tabella esso avr la probabilit
del 68,3% di cadere nell'intervallo 0",55 e +0",55.
Si pu infine calcolare M
13 , 0
18
55 , 0
M
"
"
= =
Potremo pertanto scrivere il risultato finale nel seguente modo
13 , 0 25 , 20 24 45
" " '
=
Ci significa che, ove le misure effettuate siano solo affette da errori acciden-
tali, il valore vero della grandezza, con la probabilit del 68,3%, cade nellintervallo
38 , 20 24 45 12 , 20 24 45
" ' " '

Parte III Capitolo 2
1998/99 F.Resta
100
e con la probabilit del 99,7% in un intervallo pari a 3m.
Si noti che nessuno scarto eccede il valore 3m.
2. Misura indiretta di una grandezza
Tutta la trattazione fatta si riferisce al caso di grandezza misurate direttamente.
Avviene spesso che una grandezza, o per convenienza o per impossibilit, non
venga misurata direttamente ma derivata da una relazione matematica che la lega ad
altre grandezze, queste misurate direttamente.
Esempio classico in topografia potrebbe essere quello di una distanza misurata
indirettamente tramite misure di due angoli ed una distanza in un triangolo.
La distanza in questione si otterrebbe dal teorema dei seni in funzione dei due
angoli e della distanza misurati direttamente.
Si pone, in questi casi il problema di sapere quale valore dare a questa gran-
dezza e quale sia il suo s.q.m.
In termini generali quando una grandezza funzione di altre misurate diretta-
mente
( )
i 2 1
A ,..... A , A F X=
indicando con
mi 2 m 1 m
A ,..... A , A
i valori pi probabili, ricavati come detto precedentemente, dalle grandezza misurate
e con
i 2 1
m ,..... m , m
i loro scarti quadratici medi delle medie (prima indicati con M), il valore pi proba-
bile di X sar
( )
mi 2 m 1 m m
A ,..... A , A F X = (36)
ed il suo s.q.m.
2
i
2
m
2
2
2
m
2
2
1
2
m
1
x
m
Ai
F
..... m
A
F
m
A
F
m
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
=

(37)
1998/99 F.Resta
PARTE IV
STRUMENTI ED OPERAZIONI DI MISURA
1998/99 F.Resta
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 103
CAPITOLO 1
STRUMENTI E OPERAZIONI DI MISURA DEGLI ANGOLI AZIMUTALI E
ZENITALI
1. Premesse sulle misure angolari
1.1. Misura analitica di un angolo
Su una circonferenza di raggio r siano s ed s' le lunghezze di due archi, ed '
i rispettivi angoli al centro; nota la relazione
s s

=

Se poniamo ' uguale a due angoli retti s' risulter uguale a mezza circonfe-
renza ( r), perci si avr
r
retti angoli 2
s

= (1)
Se ora poniamo s = r ed indichiamo con
r
il rispettivo angolo al centro si
avr
r
retti angoli 2
r
r

=
cio

retti angoli 2
r
= (2)
Questa importantissima relazione dimostra che langolo al centro relativo
allarco lungo quanto il raggio costante, cio indipendente dal raggio stesso.
Il valore costante di
r
si chiama radiante e, per la propriet ora detta, pu
assumersi come unit di misura degli angoli.
Se nella (1) sostituiamo il valore della (2) si avr
r s
r

=
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
104
e ponendo radiante 1
r
=
r
s
= (3)
si ottiene la misura di un angolo in radianti come rapporto tra la lunghezza
dellarco di circonferenza corrispondente ed il relativo raggio.
La (3), esprimendo un angolo come rapporto tra due lunghezze, rende questa
misura adimensionale, quindi di uso comune nelle formule matematiche, e per ci
detta misura analitica di un angolo.
Dalla (3), se poniamo s = 2 r, s = r, s = r/2, otteniamo rispettivamente le
espressioni analitiche di un angolo giro (2 ), un angolo piatto ( ) ed un angolo retto
(/2).
1.2. Misure geometriche di un angolo
Dalla relazione generale indicata nel paragrafo precedente risulta una corri-
spondenza tra archi di circonferenza ed angoli al centro, per cui se si suddivide la
circonferenza in n parti uguali anche i corrispondenti angoli al centro risulteranno
uguali.
La circostanza individua il criterio seguito per definire i vari sistemi di unit
di misura angolari, fondamentalmente due di uso corrente, quello sessagesimale e
quello centesimale.
Sistema sessagesimale
Si suddivide la circonferenza in 360 parti ed allangolo sotteso da ciascuna
parte si da il nome di grado sessagesimale; a sua volta il grado si divide in 60 primi,
il primo in 60 secondi; il successivo frazionamento avviene per decimali.
Il grado viene indicato col simbolo , il primo con un apice ', il secondo con
due apici '', per cui langolo
372835,165
si legge: 37 gradi, 28 primi, 35 secondi e 165 millesimi.
Nelle calcolatrici tascabili tale unit di misura indicata spesso col simbolo
HMS (ore, minuti, secondi) in quanto usa la stessa suddivisione in sessantesimi della
unit di tempo.
Sistema centesimale
Si suddivide la circonferenza in 400 parti ed allangolo sotteso da ciascuna
parte si da il nome di grado centesimale; a sua volta il grado si suddivide in 100 pri-
mi, il primo in 100 secondi; il successivo frazionamento avviene ovviamente per de-
cimali
Il grado viene indicato col simbolo
g
, il primo col simbolo
c
, il secondo col
simbolo
cc
per cui langolo
28
g
12
c
38
cc
,125
si legge 28 gradi 12 primi 38 secondi e 125 millesimi.
Trattandosi per di un sistema di unit di misura a frazionamento decimale, lo
stesso angolo si pu esprimere come un normale numero decimale con apice
g
(modo
pi semplice e pi usato) e cio
28
g
,1238125.
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 105
Per indicare il grado centesimale si utilizza anche un altro simbolo il gon e
come sottomultiplo il milligon, simbolo mgon, pari alla millesima parte del gon:
1 gon = 1
g
= 1000 mgon
1 mgon = 0
g
,001 = 10
cc
Tale unit di misura nelle calcolatrici tascabili indicato con la lettera G
(Grad).
Entrambi i sistemi di unit di misura visti, il sessagesimale ed il centesimale,
sono usati negli strumenti di misura; il primo, noto da tempi antichissimi, viene per
sempre meno usato a favore del centesimale, introdotto dopo la Rivoluzione France-
se con luso del sistema metrico decimale, in particolare per la facilit con cui si pu
manipolare matematicamente.
Sistema sessadecimale
Ha come unit fondamentale la stessa definita per il sistema sessagesimale,
cio il grado sessagesimale.
La differenza consiste nei sottomultipli che si presentano come suddivisione
decimale del grado: cio il primo sessadecimale la centesima parte del grado ed il
secondo sessadecimale la centesima parte del primo (o la decimillesima parte del
grado), per cui un angolo sessadecimale si scrive
38,378546
Questo sistema fu proposto dalling. Salmoiraghi, intorno al 1930, per sostitui-
re il sistema sessagesimale nella graduazione degli strumenti topografici ma non eb-
be molto seguito.
Nella calcolatrici tascabili viene indicato con la lettere D (degree).
Sistema millesimale esatto
Si definisce come unit di misura langolo al centro sotteso da un arco pari alla
millesima parte del raggio e si chiama millesimo esatto; come sottomultipli si usano
le frazioni decimali.
E chiaramente una unit di misura 1000 volte pi piccola del radiante perch
deriva dal dividere la circonferenza in 6.280 parti (21000).
Si indica col simbolo ed in gradi sessagesimali equivale a
1,00 = 326,265
Veniva usato in artiglieria per graduare lalzo del cannone.
Sistema millesimale convenzionale
Si definisce come unit di misura langolo al centro sotteso da un arco pari alla
6400
ma
parte dellintera circonferenza e si chiama millesimo convenzionale; come
sottomultipli si usano le frazioni decimali.
Per indicarlo si usa lo stesso simbolo del millesimo esatto ed in gradi sessage-
simali vale
1,00 = 322,500
Viene usato in artiglieria per graduare lalzo del cannone.
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
106
2. Generalit sul teodolite
Il tedolite lo strumento fondamentale della Topografia ed utilizzato per mi-
surare angoli. Prima di introdurlo definiamo quali angoli devono essere operativa-
mente misurati sul terreno.
Per definire langolo azimutale e langolo zenitale si considerino tre punti O,
A e B sulla superficie terrestre (Fig. 1).
Langolo azimutale fra A e B misurato in O la sezione normale dellangolo
diedro formato dal piano contenente la verticale per O ed il punto A e dal piano con-
tenente la verticale per O ed il punto B; questo angolo coincide, a meno di correzioni
trascurabili rispetto ai minimi errori di misura, con langolo tra le due sezioni nor-
mali O
o
A
o
e O
o
B
o
dove con O
o
, A
o
e B
o
si indicano le proiezioni dei punti O, A e B
sulla superficie di riferimento.
Langolo zenitale z
OA
o distanza zenitale langolo che la direzione OA forma
con la verticale in O; il suo complemento langolo daltezza
OA
.
Il teodolite, come detto, lo strumento che essenzialmente misura angoli azi-
mutali e zenitali dopo essere stato opportunamente sistemato su un treppiede.
La sua struttura visibile in Fig. 2 dove si possono notare:
- una base dotata di tre viti calanti che permettono lorientamento dellasse prima-
rio a
1
secondo la verticale (operazione detta messa in stazione dello strumen-
to);
- unalidada che pu ruotare intorno allasse primario a
1
ed dotata di un asse se-
condario a
2
;
Fig. 1
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 107
- un cannocchiale che ruota intorno allasse secondario a
2
e che definisce un terzo
asse a
3
detto asse di collimazione.
Lo strumento si dice rettificato se lasse secondario a
2
normale allasse pri-
mario a
1
e se lasse di collimazione a
3
normale allasse secondario; in sintesi:
a
1
a
2
e

a
2
a
3
Quando uno strumento rettificato
viene messo in stazione con lausilio
delle viti calanti di conseguenza lasse
secondario a
2
si dispone orizzontale e
lasse di collimazione a
3
descrive un
piano verticale.
Si noti la differenza tra la messa in
stazione che unoperazione duso, cio
deve essere eseguita ogni volta che si
utilizza lo strumento in campagna per
effettuare misure, e la condizione di ret-
tifica che una condizione intrinseca
dello strumento cio posseduta dallo
stesso in qualunque suo stato.
Le misure degli angoli vengono
eseguite con due cerchi graduati, quasi
sempre in gradi centesimali:
- il cerchio per le misure azimutali
perpendicolare allasse a
1
e solidale
alla base durante le misure mentre
lindice di lettura posto
sullalidada che ruota;
- il cerchio per le misure zenitali
normale allasse a
2
e fisso ad esso
per cui ruota insieme al cannoc-
chiale mentre lindice di lettura
fisso allalidada.
Si noti la differenza tra i due meccanismi di misura;
- il cerchio zenitale funziona come uno strumento dindice (o di zero); sono tali
tutti gli strumenti di misura che possiedono uno zero, cio in condizioni di riposo
indicano zero (il voltmetro, il tachimetro dellauto, la bilancia, etc.) mentre in
condizione di misura con una sola lettura danno il valore cercato; nel nostro caso
la condizione di riposo rappresentata dalla lettura a cannocchiale verticale che
dovrebbe essere zero mentre quando si collima un punto e quindi si ruota il can-
nocchiale insieme al cerchio la lettura che si effettua sul cerchio indica diretta-
mente la distanza zenitale;
- il cerchio azimutale funziona invece come un normale goniometro da disegno; la
lettura che si fa collimando un punto (detta direzione azimutale) non ha nessun
valore numerico per la topografia in quanto rappresenta un angolo con la direzio-
ne dello zero che non nota; se si vuole determinare un angolo bisogna collimare
due direzioni e poi fare la differenza delle due letture. Si potrebbe, anche in que-
sto caso, ottenere langolo con una sola lettura ma ci comporterebbe la necessit
Fig. 2
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
108
di far coincidere con la prima collimazione il valore zero; loperazione, anche se
possibile, si usa raramente in topografia in quanto introduce errori supplementari.
Nei teodoliti il cannocchiale pu ruotare liberamente sul suo asse: ci permette
di poter collimare un punto in due situazioni diverse dello strumento ruotando sia il
cannocchiale che lalidada. Queste due posizioni di collimazione, molto importanti
come vedremo nel seguito, si indicano brevemente con C.D. e C.S. (cerchio a destra,
cerchio a sinistra) intendendo con ci la posizione del cerchio zenitale nei riguardi
dellosservatore anche conosciute con il nome di letture coniugate.
Analizzeremo in dettaglio nei prossimi paragrafi le parti principali del teodolite
e le varie operazioni da eseguire per misurare correttamente gli angoli azimutali e le
distanze zenitali.
Restano da aggiungere alcune considerazioni sulla precisione strumentale dei
teodoliti.
Lo scarto quadratico medio strumentale della misura di un angolo azimutale
varia entro limiti molto ampi da 0,3
cc
a 5
c
.
Non si confonda tale precisione con lo scarto quadratico medio di un angolo
nelle misure effettive che dipende oltre che dalla precisione strumentale anche
dallambiente in cui si lavora, dai segnali che si collimano, etc.
In linea generale si pu dire che per misure effettuate con strumenti poco preci-
si i due scarti coincidono mentre per misure effettuate con strumenti di elevata preci-
sione il secondo sempre pi alto non scendendo mai al disotto di 1
cc
.
Infine una considerazione sul nome dello strumento; ancora in uso, ma in via
di eliminazione, la distinzione tra teodoliti e tacheometri riservando il secondo nome
per gli strumenti meno precisi. La tendenza, usata in questi appunti, quella di usare
il nome di teodolite affiancandogli il suo s.q.m..
3. Il cannocchiale
Il mezzo migliore per realizzare unasse di collimazione un cannocchiale
dotato di reticolo.
Il tipo pi in uso quello astronomico o di Keplero che analizzeremo nella sua
struttura elementare utilizzata nel passato.
Esso costituito da una lente, detta obbiettivo (Fig. 3) di distanza focale f
1
montata allestremit di un tubo cilindrico e da una lente, detta oculare, di distanza
focale f
2
montata su un secondo tubo, movibile con un bottone, interno e coassiale al
primo.
Fig. 3
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 109
Lo schema ottico del cannocchiale visibile in Fig. 4
Dicesi asse ottico di una lente la congiungente i centri di curvatura delle super-
fici ottiche di separazione.
Diconsi punti nodali, P
1
e P
2
, di un obbiettivo quei due punti, appartenenti al
suo asse ottico, che godono della propriet che qualsiasi raggio incidente nelluno
emerge dallaltro parallelamente alla sua direzione.
Se la distanza tra loggetto ed il primo punto nodale d limmagine si forma ad
una distanza q dal secondo punto nodale data dalla prima equazione fondamentale
delle lenti
1
f
1
q
1
d
1
= +
Se consideriamo loggetto puntiforme e posto ad una distanza H dallasse otti-
co la distanza h dellimmagine dallo stesso asse data dallequazione
E
d
q
H
h
= =
dove con E si indica lingrandimento trasversale della lente.
Dalle equazioni scritte si desume che se un
oggetto posto ad una distanza maggiore del
doppio della distanza focale dellobbiettivo (d
2f
1
), come in genere avviene in condizioni d'uso,
si ottiene una immagine reale, capovolta e rim-
picciolita.
Limmagine viene fatta cadere tra il fuoco
F
1
'
ed il primo punto nodale delloculare per cui
ne risulta una immagine (indicata a tratteggio
grosso nella fig.) virtuale, diritta ed ingrandita
(rispetto alla prima) che pu essere osservata po-
nendo locchio dietro loculare.
Il reticolo costituito da un vetrino con li-
nee incise (alcuni esempi ne sono dati in Fig. 5) che individuano un punto centrale
Fig. 4
Fig. 5
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
110
chiamato centro del reticolo; esso va posto nello stesso piano in cui si forma
limmagine data dallobbiettivo.
Si definisce come asse di collimazione di un cannocchiale la congiungente il
centro del reticolo con il secondo punto nodale dellobbiettivo.
Tale asse, per eventuali operazioni di rettifica, deve avere la possibilit di su-
bire piccoli spostamenti; il problema si risolve dotando il reticolo di viti a contrasto
che ne permettono piccoli
spostamenti sia in orizzon-
tale che in verticale (Fig. 6).
Da quanto detto ri-
sulta evidente che per col-
limare punti posti a distanze
diverse necessario poter
variare la distanza q tra
lobbiettivo ed il reticolo,
con che si realizza il cosid-
detto adattamento alla di-
stanza che, si ribadisce,
consiste nel far coincidere il
piano in cui si forma
limmagine con il piano in cui posto il reticolo.
Questa immagine viene osservata tramite loculare che quindi deve possedere
la caratteristica di potersi muovere rispetto al reticolo per adattarsi alla vista
dellosservatore; in questultima operazione consiste ladattamento alla vista.
Uno dei meccanismi costruttivi con cui si realizzava tale necessit nei tempi
passati indicato in Fig. 3.
Per collimare un punto sono quindi necessari due adattamenti che vanno ese-
guiti in un ordine ben definito:
1) si esegue sempre per prima cosa ladattamento alla vista che consiste nel muove-
re loculare fino ad avere una visione nitida e distinta del reticolo; questo adatta-
mento conviene sia eseguito orientando il cannocchiale al cielo in modo da vede-
re ben chiaro il reticolo su sfondo bianco;
2) successivamente si esegue ladattamento alla distanza muovendo relativamente i
due tubi fino ad avere una visione nitida e distinta delloggetto sullo stesso piano
del reticolo. Per controllare che tale adattamento sia stato ben eseguito si muove
leggermente locchio controllando che loggetto collimato ed il reticolo rimanga-
no solidali tra di loro; ove ci non avvenga vuol dire che si in presenza di un
errore di parallasse cio che loggetto ed il reticolo giacciono su due piani di-
stinti. Per eliminarlo si procede per tentativi con piccoli aggiustamenti
delladattamento alla distanza.
Negli strumenti moderni ladattamento alla distanza non avviene pi muoven-
do lobbiettivo relativamente al reticolo (con ci causando la variabilit della lun-
ghezza del cannocchiale) ma utilizzando il cannocchiale a lunghezza costante che
contiene al suo interno un complesso di lenti mobili che provvedono a far s che le
immagini di oggetti collimati a varie distanze si formino sempre sul piano del reti-
colo.
Una variante che presentano molti teodoliti moderni l'aggiunta di una lente
supplementare all'interno del cannocchiale con il compito di raddrizzare l'oggetto
Fig. 6
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 111
perci nell'oculare si vede un'immagine virtuale, ingrandita e dritta anzich capo-
volta come nei cannocchiali astronomici classici.
4. Mezzi di lettura ai cerchi
4.1. Generalit
Nei teodoliti moderni i cerchi graduati sono sempre costruiti in vetro ottico ed
hanno sulla periferia una finissima graduazione direttamente incisa con una macchi-
na a dividere (negli strumenti antichi erano costruiti in ottone).
Lincisione dei cerchi deve essere eseguita con elevata precisione anche se so-
no destinati a strumenti di scarsa precisione; basta osservare che 1
c
la quaranta-
millesima parte dellangolo giro e che alla periferia di un cerchio, avente un diametro
di 80 mm, 1
c
corrisponde ad un intervallo di circa 6 m; ci significa che anche in un
teodolite da 1
c
i tratti debbono essere tracciati con la precisione di pochi m.
La presenza di graduazioni con tratti cos sottili impone lutilizzo di un micro-
scopio semplice ( o lente di ingrandimento) come ausilio per le letture da effettuare
sui cerchi; lo schema ottico lo stesso delloculare del cannocchiale con ingrandi-
menti pari a 10 volte (Fig. 8).
Per effettuare una lettura con il microscopio semplice necessario predisporre
un indice di lettura, meglio se dotato di un nonio, sullo stesso piano della graduazio-
ne ed affiancato sul bordo.
Tale sistema veniva utilizzato negli strumenti antichi; lindice di lettura veniva
posto sullalidada.
Negli strumenti moderni si usa un microscopio composto il cui schema ottico
essenzialmente identico a quello del cannocchiale; lunica differenza consiste nel
fatto che loggetto da osservare (la graduazione) posto poco al di l del primo fuoco
per cui lobbiettivo d una immagine reale ed ingrandita sul piano del reticolo;
loculare a sua volta ingrandisce ulteriormente limmagine per cui si possono rag-
giungere da 30 a 80 ingrandimenti.
Lo strumento di lettura viene posto vicino al cannocchiale per cui losservatore
con un leggero movimento della testa passa direttamente dalla collimazione alla let-
tura; in genere nel campo delloculare compaiono contemporaneamente i due cerchi
(azimutale e zenitale). Per realizzare questa configurazione si rendono necessari op-
portuni veicoli ottici, in genere prismi rettangolari, che trasportino le immagini dei
cerchi nelle posizioni volute.
4.2. Errore di eccentricit
Tale errore, presente sia nelle letture azimutali che in quelle zenitali, si verifica,
nelle prime, quando lasse principale dello strumento non interseca il cerchio azi-
mutale nel suo centro e nelle seconde quando lasse secondario (asse di rotazione del
cannocchiale) non interseca in cerchio zenitale nel suo centro.
Si consideri in Fig. 7 il cerchio azimutale e sia C il suo centro ed A il punto in
cui lasse principale lo interseca dove per semplicit espositiva si supposto che
leccentricit AC = e sia nella stessa direzione dellindice di lettura L
0
. Se ora si ruota
lalidada, e con essa lindice di lettura, di un angolo la differenza di lettura L
1
-L
0
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
112
fornisce un angolo diverso da di una quantit pari ad . Se r il raggio del cer-
chio tale valore si pu ricavare dal triangolo ACL
1
applicando il teorema dei seni:
sen
r
e
sen =
Da questa formula risulta variabile con
legge sinusoidale in funzione dellangolo
che lindice di lettura forma con la direzione
delleccentricit.
Se poniamo r = 50 mm ed e = 5 m ot-
teniamo per un valore massimo di circa 20"
che per i teodoliti meno precisi risulta inferio-
re alla precisione strumentale e pu quindi es-
sere trascurato; non cos per i teodoliti pi
precisi per i quali si rende necessaria
ladozione di un procedimento di eliminazio-
ne.
Il procedimento consiste nel disporre
sullalidada un secondo indice di lettura dia-
metralmente opposto al primo ed eseguendo
per ogni punto collimato le due letture.
Si avr:
200 200 2 L
L
2
1
+ + = + + =
= =


Eseguendo la media aritmetica, a meno di un angolo piatto, si ottiene il valore
dellangolo di rotazione effettivo:
2
200 L L
2 1
+
=
Nei teodoliti antichi si ponevano effettivamente due indici di lettura sia per il
cerchio azimutale che per quello zenitale (Fig. 8) mentre negli strumenti moderni si
utilizza un sistema pi sofisticato che analizzeremo parlando dei sistemi di misura
micrometrici in uno dei prossimi paragrafi.
Fig. 7
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 113
4.3. Sistemi di misura non micrometrici
Gli intervalli di graduazioni incisi sui cerchi, per le difficolt dette, non supe-
rano certi limiti (10
c
, al massimo 5
c
per i teodoliti pi precisi, il limite estremo). Ne
consegue che la lettura al cerchio viene fatta leggendo su di esso i gradi e le parti di
grado incise e valutando la frazione di intervallo tra il tratto di lettura precedente
lindice e lindice stesso con mezzi diversi che si possono distinguere in due gruppi:
1) valutando la frazione con un semplice conteggio o a stima;
2) misurando la frazione con un metodo micrometrico.
Esempi del primo gruppo sono:
a) il microscopio a stima: in esso si valuta a stima la frazione dellintervallo
di graduazione; a seconda dellingrandimento del microscopio si possono
stimare da 1 a 2 decimi della graduazione.
Fig. 8
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
114
In Fig. 9 riportata una let-
tura su graduazione centesimale
suddivisa in decimi di grado: da
notare che nelle lettura azimutale
(H) riportata anche la mezzeria
della tacca principale, in alto per
non appesantire la scala principale,
per favorire la stima.
b) il microscopio a nonio: il
nonio, associato allindice di lettura,
viene costruito dividendo in n parti
una lunghezza pari ad n-1 intervalli
della graduazione del cerchio;
lindice di lettura in genere la
prima tacca del nonio.
Se d il valore
dellintervallo della graduazione
principale lintervallo d del nonio vale:
d
n
1 n
' d

=
Lapprossimazione del nonio, cio la differenza tra i valori degli intervalli
della graduazione principale e del nonio, vale
n
d
' d d = (4)
In genere nei noni n = 10, raramente n = 20, per cui se il valore della gradua-
zione principale 10
c
lapprossimazione del nonio vale 1
c
.
Per capire il funzionamento del nonio si consideri la Fig. 11 in cui la gradua-
zione principale suddivisa in 10
c
, il nonio diviso in 10 parti e lo zero del nonio
stato portato in coincidenza con la tacca relativa a 18 gradi. Lapprossimazione del
nonio vale 1
c
per cui la prima tacca del nonio si discoster dalla prima tacca della
graduazione principale di 1
c
, la seconda tacca del nonio si discoster dalla seconda
tacca della graduazione principale di 2
c
, la terza di 3
c
e cosi via.
Pensiamo ora di dover fare una lettura
Fig. 9
Fig. 10
Fig. 11
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 115
con lo zero posizionato come in Fig. 10. Lintervallo tra lo zero ed il 18 si potrebbe
apprezzare a stima; con lausilio del nonio andiamo a vedere quale tacca del nonio
coincide con una tacca della graduazione principale; per valutare esattamente la tacca
coincidente possiamo aiutarci controllando che le tacche del nonio precedente e se-
guente quella coincidente devono risultare interne allintervallo rappresentato dalle
tacche precedente e seguente sulla graduazione principale.
Nellesempio risulta coincidente la quarta tacca per cui lintervallo cercato
vale 4
c
e quindi la lettura risulta di 18,04 gradi centesimali.
Quando l'indice di lettura organizzato con un nonio bisogna pertanto in pri-
mo luogo contare le tacche del nonio, poi verificare quanto vale la minima gradua-
zione della scala principale, indi calcolare l'approssimazione del nonio tramite la (4).
Spesso nei noni utilizzati nei teodoliti il valore della approssimazione gi indicato
su alcune tacche per cui la lettura diviene immediata.
Due esempi di letture sessagesimale e centesimale sono indicate in Fig. 12.
4.4. Sistemi di lettura micrometrici
Tutti i metodi di lettura descritti non
consentono unelevata precisione perch al
massimo si riesce ad apprezzare 0,5
c
corri-
spondenti a circa 15"; nei teodoliti di ele-
vata precisione si deve ricorrere a sistemi
di lettura pi sofisticati.
Il metodo pi usato prevede lutilizzo
di una lamina piano-parallela che si basa
sullutilizzo della legge della rifrazione.
Si consideri una lamina a facce piane
e parallele di spessore s (Fig. 13).
E noto dallottica che un raggio di
luce che incide ortogonalmente una super-
ficie di separazione tra due mezzi (nel no-
stro caso aria-vetro e poi vetro-aria) li at-
traversa senza subire alcuna deviazione.
Fig. 12
Fig. 13
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
116
Nel caso il raggio incida la superficie con un angolo i subisce il fenomeno della
rifrazione cio il raggio subisce una deviazione seguendo la legge di Snellius
1
2
21
n
n
n
r sen
i sen
= = (5)
dove con n
21
si indica lindice di rifrazione relativo del mezzo 2 rispetto al mezzo 1
(nel nostro caso vetro-aria) dato dal rapporto dellindice di rifrazione assoluto n
2
del
mezzo 2 (vetro) con lindice di rifrazione assoluto n
1
del mezzo 1 (aria).
Nello schema indicato il raggio passando dallaria al vetro si avvicina alla
normale formando con essa un angolo r minore di i in quanto passa da un mezzo ot-
ticamente meno denso (aria) ad un mezzo otticamente pi denso (vetro).
Continuando il suo percorso nel vetro il raggio incide la superficie di separa-
zione vetro-aria con un angolo r (trattasi di angoli alterni interni) e la attraversa su-
bendo nuovamente una deviazione secondo lequazione
21 2
1
n
1
n
n
i sen
r sen
= =
In questo secondo passaggio il raggio si allontana dalla normale in quanto pas-
sa da un mezzo pi denso ad un mezzo meno denso.
Nel suo percorso il raggio riemerge quindi nellaria con lo stesso angolo di in-
cidenza ma subendo una traslazione pari a d.
Per ricavare il valore di d notiamo che dal triangolo BDC si ha
r cos
s
BC =
mentre dal triangolo ABC
) r i sen(
d
BC

=
Dalle due relazione si ricava
) r i sen(
r cos
s
d =
Per angoli di incidenza molto piccoli si pu porre cos i = cos r = 1 per cui
sviluppando sen(i-r) si ottiene
) r sen i (sen s d =
da cui, dividendo e moltiplicando il termine entro parentesi per sen r e ricordando
che seni/senr=n
21
, si ottiene
) 1 n ( r sen s d
21
=
da cui ancora moltiplicando e dividendo per sen i e ponendo sen i = i essendo i pic-
colo si ottiene
i
n
1 n
s d
21
21

=
In definitiva d risulta proporzionale allangolo di incidenza e tale
proporzionalit si pu ritenere valida per angoli di incidenza anche di parecchi gradi.
Nei teodoliti si pone una lamina piano-parallela in posizione opportuna lungo il
cammino dei raggi ottici dal cerchio al reticolo, girevole intorno ad un asse ortogo-
nale alla direzione dei raggi, e si fa in modo che nel campo dell'oculare si possa leg-
gere in una opportuna finestra, in frazioni dellintervallo della graduazione principa-
le, la rotazione della lamina.
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 117
Nell'esempio riportato in Fig. 14 il
reticolo consiste in un semplice doppio
tratto; nel campo dell'oculare sono ri-
portate le letture sia al cerchio azimutale
(rettangolo intermedio evidenziato da
una A) sia quelle al cerchio zenitale
(rettangolo inferiore) mentre la piccola
finestra superiore indica gli spostamenti
dovuti alla rotazione della lamina.
Ruotando con un opportuno bot-
tone la lamina, limmagine del cerchio
viene spostata fintanto che un tratto
della graduazione viene bisecato dal re-
ticolo (in Fig. 14 ci avviene per il cer-
chio zenitale); la rotazione ha quindi
determinato uno spostamento che pro-
porzionale alla frazione di intervallo che si vuole misurare e che si legge direttamente
nella finestra superiore.
Nellesempio riportato in figura il costruttore ha suddiviso lo spostamento (do-
vuto ad una rotazione completa della lamina) pari ad 1
g
in 50 parti; infatti nel rettan-
golino superiore la minima graduazione pari a 2
c
: in questo modo si pu spingere
la precisione della lettura fino a 50
cc
, equivalente ad di tacca.
Una variante molto pi precisa il microscopio a coincidenza di immagini: at-
traverso un sistema ottico si portano le immagini dei due lembi diametralmente op-
posti a contrapporsi sul piano del reticolo di un microscopio semplice (Fig. 15).
Prima della coincidenza i tratti del cerchio immediatamente prima dellindice
distano da questo di due quantit a e b generalmente diverse tra loro per effetto
dellerrore di eccentricit.
Sul percorso dei raggi ottici sono inserite due lamine piano-parallele collegate
con un bottone esterno che ne permette la simultanea rotazione di quantit uguali e
contrarie. Con tale bottone si portano quindi a coincidere i due tratti contrapposti del
cerchio realizzando con ci una media ottica in quanto ognuna delle immagini ha tra-
slato di una quantit pari ad (a+b)/2 ; lo spostamento effettuato si legge in una fine-
strella che appare nel campo dell'oculare in frazioni dellintervallo da misurare.
Fig. 14
Fig. 15
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
118
Questo metodo oltre a fornire la massima precisione nelle letture elimina an-
che lerrore di eccentricit in modo automatico.
5. Strumenti per la determinazione di rette verticali e di rette e piani orizzontali.
5.1. Filo a piombo
E lo strumento classico ed il pi semplice per
materializzare la direzione della verticale.
In topografia viene utilizzato per rendere verti-
cale una palina o una stadia oppure pi spesso per
centrare lasse principale del teodolite, reso verticale,
sul punto materializzato a terra (
Fig. 16).
5.2. Le livelle
I dispositivi fondamentali che si applicano in topografia per verificare la verti-
calit di unasse, lorizzontalit di unasse e lorizzontalit di un piano sono le li-
velle.
5.2.1. Livella torica
La livella torica una fiala di vetro riempita parzialmente di un liquido poco
viscoso e congelabile solo a bassissime temperature ( alcool, etere, etc.), avente la
superficie interna a forma di toro (Fig. 17).
Tale superficie, come noto dalla
geometria, si ottiene facendo ruotare
una circonferenza intorno ad una retta
del suo piano non passante per il centro.
Il liquido riempie solo parzial-
mente la fiala per cui nella parte alta si
forma sempre una bolla formata preva-
lentemente dai vapori del liquido.
La superficie del liquido che de-
limita i vapori si dispone sempre oriz-
zontale per cui la tangente al toro nel
punto di mezzo della bolla sempre
orizzontale.
Sulla fiala incisa una graduazio-
ne i cui tratti distano 2 mm; la tangente
alla fiala nel punto centrale della gra-
duazione dicesi tangente centrale della
livella.
Da quanto detto risulta che se si
porta la mezzeria della bolla a coincide-
re con la tacca centrale della graduazione la tangente centrale della livella si dispone
orizzontale.
Fig. 16
Fig. 17
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 119
Questa operazione, detta centramento della bolla (o mettere in bolla la livella),
non avendo la bolla un suo centro materializzato, viene eseguita osservando i meni-
schi laterali e ponendoli in modo simmetrico rispetto al centro della graduazione.
Si definisce sensibilit di una livella langolo di cui deve ruotare la livella af-
finch la bolla si sposti di 1 mm
1 arc
1
R
mm 1

=
dove R il raggio della sezione mediana del toro.
Si definisce anche un altro angolo, detto valore angolare della parte, come
langolo di cui deve ruotare la livella affinch la bolla si sposti di 2 mm cio di una
tacca della graduazione, detta parte
1 arc
1
R
mm 2

=
Ovviamente pi piccolo il numero che esprime in secondi la sensibilit mag-
giore la sensibilit di una livella in quanto riesce a percepire spostamenti della bolla
pi piccoli.
Ci detto, a seconda delluso cui destinata, la livella viene inserita in una op-
portuna struttura.
5.2.1.1. Livella per rendere assi o piani orizzontali
Nella livella per assi la fiala racchiusa in un cilindro metallico a sua volta
vincolato ad un supporto con una cerniera da un lato e con delle opportune viti di
rettifica dallaltro; tali viti servono per consentire di variare lassetto della fiala ri-
spetto alla retta dappoggio.
Tale supporto viene dotato di opportuni incastri quando la livella debba essere
utilizzata per rendere orizzontale unasse, in quanto lo stesso si presenta sempre in
forma cilindrica (Fig. 18) oppure avr la base dappoggio piana se lutilizzo quello
di rendere orizzontale un piano (Fig. 19).
Fig. 18
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
120
La livella cos costruita si dice rettificata quando la sua tangente centrale pa-
rallela alla retta o al piano dappoggio.
La condizione di rettifica molto importante in quanto solo se essa verificata
si pu rendere orizzontale un asse appoggiando su di esso la livella e ruotandolo fino
a centrare la bolla.
Per verificare la perfetta efficienza della livella si opera nel seguente modo:
- si consideri una livella non rettificata, la si poggi su di un asse e si ruoti tale asse
fino a centrare la bolla. La tangente centrale si disporr orizzontale ma lasse su
cui poggia la livella, causa la non rettifica, former con lorizzonte un angolo
(Fig. 20);
- si tolga ora la livella dallasse, che rester fermo nella sua posizione, si ruoti la
livella di 180 e la si poggi nuovamente sullasse. In questo nuovo assetto la
bolla si disporr in una posizione non centrale subendo una rotazione pari a 2,
misurata contando il numero delle tacche incise sulla livella di cui si spostata la
bolla (Fig. 21) (si noti che la tangente centrale continuer a formare un angolo
con lasse e che le perpendicolari alla tangente centrale ed allorizzontale forme-
ranno un angolo pari a 2, cio lo stesso angolo formato dalla tangente centrale e
lorizzontale).
Fig. 19
Fig. 20
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 121
Se, messa cos in evidenza la non rettifica della livella, la si vuole rettificare
baster agire sulla vite di rettifica W della stessa spostando la bolla verso il centro di
un angolo pari ad , cio alla met del numero di tacche.
Per rendere invece orizzontale un piano baster rendere orizzontali due rette
del piano, in genere tra di loro perpendicolari per poter condurre le operazioni senza
compromettere nelluna quanto gi raggiunto nellaltra.
Questa operazione in topografia non viene mai usata in quanto non esistono
piani da rendere orizzontali.
5.2.1.2. Livella per rendere verticale unasse
Nella livella utilizzata per rendere verticale un asse la fiala deve essere montata
in unarmatura che le permetta di ruotare insieme allasse; per es. larmatura pu es-
sere costituita da un supporto a squadra il
cui lato pi lungo possa essere poggiato
sullasse e ruotare insieme ad esso. In questo
modo vengono realizzate tali livelle impie-
gate in meccanica.
Negli strumenti topografici invece si
usa disporre il tubo che contiene la fiala
sulla parte girevole intorno allasse che deve
essere reso verticale: nei teodoliti essa si di-
spone sullalidada (Fig. 22).
Tale livella si dice rettificata quando
la tangente centrale normale allasse da
rendere verticale.
Per rendere verticale un asse si rendo-
no verticali due piani che lo contengono, po-
sti, per lo stesso motivo detto per il piano
orizzontale, perpendicolari tra di loro: in tal
modo lasse, essendo comune a due piani
verticali che lo contengono , verticale .
Fig. 21
Fig. 22
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
122
Negli strumenti topografici loperazione di rendere verticale lasse deve essere
eseguita ogni volta che in campagna si devono misurare degli angoli ed una opera-
zione fondamentale per la correttezza delle misure. Viene comunemente indicata col
nome di "messa in stazione" dello strumento e si esegue nel seguente modo:
1) si supponga che la livella sia rettificata, cio la sua tangente centrale sia
perpendicolare allasse di rotazione dello strumento, e fissiamo la nostra
attenzione al piano che contiene tale asse ed perpendicolare alla tan-
gente centrale (Fig. 23 pos. A);
2) in una condizione generica di asse non verticale si ruoti lalidada e si di-
sponga la livella parallelamente a due viti calanti della base dappoggio
dello strumento;
3) agendo su tali viti con rotazioni simultanee, uguali ma contrarie, si centri la
bolla: con tale operazione il piano stato reso verticale nella posizione
1
(Fig. 23 pos. B) in quanto perpendicolare alla tangente centrale che stata
resa orizzontale ma non per questo perpendicolare l'asse di rotazione a
che gli appartiene;
4) si ruoti ora lalidada di 100
g
(Fig. 23 pos. C) e si centri la bolla con la terza
vite calante: con tale operazione il piano suddetto viene reso verticale nella
posizione
2
(Fig. 23 pos. D);
5) in tale situazione lasse essendo comune ai due piani
1
e
2
, entrambi ver-
ticali, verticale (Fig. 23 pos. D).
Loperazione descritta per rendere verticale lasse del teodolite, la cui precisio-
ne dipende, ovviamente, dalla sensibilit della livella che si utilizzata, vale, come
detto, nel caso in cui la livella sia rettificata; ci viene messo in evidenza dal fatto
che, dopo aver eseguito le operazioni anzidette, ruotando lalidada in qualsiasi posi-
zione la bolla resta sempre centrata. Nel caso ci non avvenga il fatto un indice che
pos. A pos. B pos. C pos. D
Fig. 23
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 123
la livella non rettificata: si pone allora il problema di conoscere langolo di srettifi-
ca per poter, eventualmente, rettificare la livella.
Si supponga la livella non rettificata, cio la sua tangente centrale formi un an-
golo v con la normale allasse intorno a cui ruota:
1) in una condizione generica di asse non verticale si ruoti lalidada e si di-
sponga la livella parallelamente a due viti calanti della base dappoggio dello stru-
mento;
2) agendo su tali viti con
rotazioni simultanee, uguali ma
contrarie, si centri la bolla (Fig.
24 1
a
posizione). In tale posi-
zione la tangente centrale
orizzontale ma lasse non ap-
partiene ad un piano verticale
ma ad un piano inclinato
dellangolo v;
3) si ruoti lalidada di
200
g
: con ci la tangente cen-
trale descriver un cono por-
tandosi nella posizione opposta
rispetto alla normale allasse
(Fig. 24 2
a
posizione) e for-
mando quindi con la posizione
precedente un angolo pari a 2v.
La bolla non sar pi centrata
ma spostata di un numero di
tacche equivalente allangolo
suddetto.
Pertanto, volendo rettificare la livella, si dovr agire sulla vite di rettifica ri-
portando la bolla verso il centro di un numero di tacche pari alla met di quelle os-
servate.
5.2.2. Livella a coincidenza
Le livelle toriche, in topografia, vengono
usate anche per rendere orizzontale lasse del
cannocchiale di un livello oppure per eliminare
lerrore di verticalit nelle letture zenitali; in
questi casi la bolla deve essere centrata con no-
tevole precisione.
Per tale caso sono state costruite delle li-
velle, dette a coincidenza, nelle quali, attraverso
un opportuno sistema di prismi (Fig. 25), ap-
paiono affiancate le due estremit della bolla.
La livella sar centrata quando le due
immagini della bolla appariranno raccordate.
Con tale la sensibilit della livella di par-
tenza risulta aumentata di cinque, intendendo con ci che la livella 5 volte pi sen-
sibile (una livella torica con una sensibilit " = 25" raggiunge una sensibilit di 5").
Fig. 24
Fig. 25
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
124
5.2.3. Livella sferica
La livella sferica consi-
ste in una fiala di vetro avente
la superficie interna superiore
a forma di calotta sferica in-
castonata in una armatura
metallica; nella parte superio-
re di tale calotta inciso un
circoletto di qualche mm di
diametro intorno ad un punto
detto polo (Fig. 26).
Centrare la bolla signi-
fica portarla allinterno del circoletto; in tale situazione lasse polare della calotta sfe-
rica si dispone verticale per le note condizioni di equilibrio della superficie libera di
un liquido e quindi il piano tangente alla li-
vella nel punto centrale del circoletto si di-
spone orizzontale.
Per centrare una livella sferica di un
teodolite (Fig. 27), in genere poggiata sul-
l'alidada, si ruotano le due viti calanti V1 e
V2 sino a portare la bolla nella direzione a-a
e successivamente con la vite V3 si porta nel
circoletto; tutto ci senza ruotare minima-
mente l'alidada.
Sono livelle molto meno precise delle
toriche (la loro sensibilit quasi sempre
minore di 10
c
) e si utilizzano in topografia
per rendere verticale lasse di un teodolite in
prima approssimazione oppure per rendere
verticali paline, stadie, etc. .
5.3. Messa in stazione
Nei paragrafi precedenti si rilevata l'importanza dell'operazione di "messa in
stazione" di un teodolite. In questo paragrafo ne analizzeremo pi a fondo le moda-
lit operative.
Come gi detto, quando si utilizza un teodolite in campagna per eseguire delle
misure, esso viene posto su di un apposito treppiede e fissato allo stesso tramite un
opportuno vitone.
Il treppiede (Fig. 28) un accessorio fondamentale per il topografo; in genere
costruito in legno e dotato di tre gambe allungabili e terminanti con una base metalli-
ca a punta in modo da poterla infiggere nel terreno in modo stabile.
I treppiedi sono incernierati su una struttura, pure essa metallica, con una faccia
piana e rettificata su cui si fissa il teodolite.
In tale assetto, "mettere in stazione il teodolite" significa non solo rendere il
suo asse principale verticale ma fare in modo che esso intercetti il punto segnaliz-
zato a terra.
Fig. 26
Fig. 27
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 125
L'operazione di
rendere l'asse verticale
viene effettuata con l'au-
silio della livella posta
sull'alidada, come visto
nel precedente paragrafo,
mentre il riporto a terra
sul punto segnalizzato si
realizza tramite un sem-
plice filo a piombo fis-
sato ad un gancio pre-
sente all'interno del vi-
tone e, costruttivamente,
in asse con l'asse princi-
pale dello strumento.
L'operazione, dopo
aver fissato il teodolite ed
il filo a piombo al trep-
piede, si effettua cer-
cando di centrare il punto
a terra con leggeri movi-
menti del treppiede; dopo
tale centramento si rende
l'asse verticale tramite la livella con che, per, perdendo il centramento a terra. Si
svita, allora, leggermente il vitone di fissaggio e, con piccoli spostamenti del teodo-
lite sulla base del treppiede, si centra nuovamente col filo a piombo il punto a terra;
con tali movimenti si per perso il centramento della bolla e quindi la verticalit
dell'asse che deve nuovamente con le solite manualit essere ripristinata. L'operazio-
ne si ripete con successivi piccoli aggiustamenti fino ad ottenere la completa messa
in stazione cio asse verticale e passante per il punto a terra.
Questa operazione,
lunga e fastidiosa, pu esse-
re notevolmente sveltita se
lo strumento possiede un
piombino ottico, basato sul
principio della riflessione
totale.
Come noto una raggio
di luce incidente una super-
ficie di separazione tra due
mezzi, nel nostro caso vetro-
aria (Fig. 29 a)), con un an-
golo i subisce il fenomeno della rifrazione viene cio deviato formando con la nor-
male alla superficie di separazione un angolo r che soddisfa la legge di Snellius
va
n
r sen
i sen
=
dove con n
va
indicato l'indice di rifrazione relativo dell'aria rispetto al vetro (prati-
camente l'inverso dell'indice indicato al par. 4.4.).
Fig. 28
Fig. 29
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
126
E' noto che l'angolo i ha un limite oltre il quale il raggio non attraversa pi la
superficie di separazione ma viene riflesso. Tale valore limite i
L
si ottiene facilmente
dalla legge di Snellius ponendo r = 90
= 90 sen n i sen
va L
Per l'accoppiamento vetro-aria tale angolo ha il valore di
' 48 41 i
L
=
Su tale principio si realizza il prisma
rettangolare (Fig. 29 b)), con la sezione a for-
ma di triangolo rettangolo isoscele; un raggio
di luce proveniente dall'aria, che incontra la
prima superficie di separazione (rappresentata
da un cateto del triangolo) perpendicolar-
mente, la attraversa senza subire deviazioni e ,
nel suo cammino, incontra la superficie di se-
parazione vetro-aria (rappresentata dall'ipote-
nusa del triangolo) con un angolo di incidenza
pari a 45, cio superiore all'angolo limite, su-
bendo la riflessione totale; dopo tale riflessio-
ne il raggio, proseguendo nel suo cammino,
incontra la seconda superficie di separazione
vetro-aria (rappresentata dall'altro cateto del
triangolo) perpendicolarmente e quindi la at-
traversa senza subire deviazioni.
In Fig. 30 indicata schematicamente la struttura con cui viene realizzato il
piombino ottico, quasi sempre incor-
porato nella basetta dotata delle viti
calanti (In molti teodoliti la base pu
materialmente essere svincolata dallo
strumento tramite una opportuna chia-
ve).
Il prisma viene opportunamente
sistemato nella basetta e, tramite un
microscopio composto (rappresentato
dalle lenti L
1
ed L
2
), permette all'os-
servatore di vedere il punto a terra con
l'ausilio di una terza lente L
3
.
In Fig. 31 indicato un classico
esempio costruttivo di una basetta di
un teodolite.
In tali casi la messa in stazione
si realizza secondo le seguenti ma-
nualit:
- si fissa la basetta al treppiede;
- tenendo il treppiede sollevato e ponendo l'occhio nel cannocchialino si cerca di
individuare il punto segnalizzato a terra;
- individuato il punto, purch sia nel campo del cannocchialino, si poggia il trep-
piede a terra e si fissa nel terreno;
Fig. 30
Fig. 31
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 127
- muovendo le viti della basetta si centra perfettamente nel mirino ottico il punto a
terra;
- si centra la livella torica sollevando o abbassando i piedi del treppiede;
- si controlla nel piombino ottico che il punto a terra sia centrato;
- se necessario, sbloccando leggermente il vitone, si sposta il teodolite per perfe-
zionare il centramento del punto a terra;
- si perfeziona la verticalit dell'asse tramite la livella torica.
6. Errori sistematici del teodolite
6.1. Generalit sugli errori di rettifica
Le condizioni cui devono soddisfare i tre assi a
1
, a
2
ed a
3
del teodolite per la
corretta misura degli angoli azimutali e zenitali sono state indicate nel par.2.; si deve
ora osservare che, nonostante i pi sofisticati metodi di costruzione, tali errori non
possono mai essere eliminati da uno strumento per cui si rende necessario un loro ac-
curato studio per ridurne le conseguenze.
Tutti gli strumenti possiedono degli organi meccanici che consentono piccoli
spostamenti relativi degli assi per rettificarli; tale rettifica per non pu mai essere
spinta fino alla completa eliminazione di tali errori, per cui si sempre in presenza di
piccoli residui.
In linea generale si pu dire che in strumenti poco precisi le rettifiche possono
essere spinte fino a ritenere lo strumento privo di errori, cio rendere i residui di ret-
tifica inferiori alla precisione strumentale, mentre in teodoliti da 1
cc
non si possono
mai ridurre i residui di rettifica allordine di grandezza di 1
cc
.
6.2. Errore di verticalit
Lerrore di verticalit si veri-
fica ogni volta che, ponendo in sta-
zione lo strumento, lasse principale
non si dispone secondo la verticale;
tale errore sempre presente e, si
badi, non deriva da errata messa in
stazione ma intrinseco al metodo
che si usa per effettuare tale opera-
zione ( non si pu andare sotto la
sensibilit della livella che si usa).
Per studiarne linfluenza si
consideri la sfera delle direzioni
(sfera di raggio unitario su cui sono
riportate le varie direzioni che inte-
ressano il problema da esaminare)
in Fig. 32 dove il punto O indica il
centro dello strumento, OV la dire-
zione della verticale, OB la direzione dellasse a
1
formante langolo con la direzio-
ne OV ed OP la direzione del punto P da collimare, inclinata di rispetto
allorizzonte.
Fig. 32
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
128
Si assuma come piano di riferimento per definire la direzione azimutale della
retta OP il piano verticale BOV; se collimiamo un punto Q giacente in tale piano non
si ha nessun errore nella lettura: infatti, se a collimazione avvenuta, si dispone lasse
a
1
sulla verticale OV con una rotazione dello strumento nel piano BOV, il punto si
pu ricollimare con una semplice rotazione del cannocchiale pari a , senza cio ef-
fettuare rotazioni dellalidada.
Per collimare invece il punto P fuori dal piano BOV lalidada dovrebbe ruotare
dellangolo A mentre ruota effettivamente dellangolo A; si commette pertanto un
errore

=
A-A
Utilizzando le formule della trigonometria sferica si ricava:
A sen tan

=
6.3. Errore di inclinazione
Si in presenza di un errore di inclinazione quando lasse secondario a
2
non
perpendicolare allasse primario a
1
.
Per studiarne linfluenza si consideri la solita sfera delle direzioni in Fig. 33 nel
caso in cui si debba collimare un punto P.
Se lasse a
2
fosse normale allasse a
1
lasse di collimazione, al ruotare del can-
nocchiale, descriverebbe larco di cerchio massimo VP che incontra il piano del cer-
chio in S.
Se il punto P fosse
sullorizzontale di O, cio avesse la
direzione OS, una eventuale rotazio-
ne i dellasse a
2
non produrrebbe va-
riazioni di letture, poich lasse di
collimazione ruoterebbe su se stesso.
Si supponga ora, in presenza di
i, di ruotare, partendo dalla direzione
OS che rappresenta la lettura corret-
ta, lasse di collimazione a
3
per col-
limare il punto P; lasse di collima-
zione descrive un piano ST inclinato
di i rispetto alla verticale e perpendi-
colare ad a
2
che incontra il parallelo
per P in un punto P; per collimare il
punto P quindi occorre ruotare
lalidada intorno ad a
1
dellangolo
i
che lerrore di lettura cercato.
Dalla trigonometria, e ponendo sen
i
=
i
e tan i = i per la piccolezza degli an-
goli in gioco, si ottiene:
tan i
i
=
6.4. Errore di collimazione
Si in presenza dellerrore di collimazione a
3
quando lasse di collimazione
non risulta ortogonale allasse secondario a
2
.
Fig. 33
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 129
Per studiarne linfluenza si consideri la solita sfera della direzioni in Fig. 34 in
cui lasse a
3
ruotato di c ri-
spetto alla normale per a
2
(rap-
presentata dalla direzione OS); c
si assume positivo quando, ri-
spetto allosservatore, lasse di
collimazione giace alla sinistra
della normale ad a
2
(OS in Fig.).
Se, in assenza di errore,
lalidada orientata in modo da
poter collimare P, lasse di col-
limazione, quando orizzontale,
diretto secondo OS e per col-
limare P ruota di nel piano del
cerchio massimo SVP.
In presenza dellerrore c
lasse di collimazione nella di-
rezione OT e ruotando intorno ad
a
2
descrive sulla sfera il cerchio minore TP' per cui per collimare P necessaria una
rotazione
c
che rappresenta lerrore di lettura.
Dalla trigonometria, e ponendo sen
c
=
c
e sen c = c data la piccolezza degli
angoli in gioco, si ottiene:
sec c
c
=
6.5. Indipendenza dei residui di rettifica
Nei paragrafi precedenti per calcolare l'errore di verticalit e gli errori di ret-
tifica abbiamo presupposto la loro piccolezza; ci implica la possibilit di poterne
trascurare i quadrati e le potenze superiori.
La conseguenza fondamentale di tale ipotesi che linfluenza degli errori , i e
c pu essere determinata separatamente per ognuno di essi.
Infatti indichiamo con L la lettura che si farebbe al cerchio azimutale quando si
collima un punto P in assenza di residui di rettifica e di verticalit e con L' la lettura
che si farebbe collimando lo stesso punto in presenza di , i e c; l'errore di lettura che
si commette una funzione dei tre errori e della giacitura dell'asse di collimazione
definita dall'angolo azimutale A e dall'angolo d'altezza , cio
( ) , A , c , i , f L ' L =
Sviluppando in serie di MACLAURIN questa funzione e trascurando i quadrati
e le potenze superiori di , i e c si ottiene, poich f
0
= 0,
c
c
f
i
i
f f
L ' L
0 0 0
|
.
|

\
|

+
|
.
|

\
|

+
|
.
|

\
|

ove le derivate sono funzioni di A ed e sono calcolate per = i = c = 0.


Come si vede, eliminando i termini superiori misti si elimina l'influenza reci-
proca dei vari errori.
Le derivate della formula non sono altro che i valori degli errori calcolati pre-
cedentemente per cui si pu scrivere
sec c tan i tan A sen L ' L + + =
Fig. 34
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
130
Resta da analizzare il comportamento di tali errori nelle letture coniugate C.S.
e C.D.
E' facile constatare che gli errori
i
ed
c
cambiano di segno passando da C.S. a
C.D.; infatti l'asse a
2
in Fig. 33 si dispone, nelle due situazioni, simmetrica rispetto
all'orizzontale e cos pure l'asse a
3
in Fig. 34 si dispone in posizione simmetrica ri-
spetto alla normale OS all'asse a
2
.
L'errore di verticalit

conserva lo stesso segno in quanto il passaggio da C.S.


a C.D. non comporta alcuna variazione nella posizione dell'asse a
1
.
Si pu quindi scrivere
sec c tan i tan A sen L ' L = (6)
dove ovviamente i doppi segni si riferiscono agli errori nelle due posizioni coniugate
C.S. e C.D.
7. Verifica e rettifica del teodolite
7.1. Asse di collimazione
Per verificare se l'asse di collimazione rettificato bisogna ricorrere a misure
azimutali che per, come visto nei paragrafi precedenti, sono influenzate anche dal-
l'errore di inclinazione; si pu tuttavia notare che se nella formula (6) del paragrafo
precedente poniamo = 0, cio cannocchiale orizzontale, otteniamo
c L ' L =
cio l'unico errore presente l'errore di collimazione.
In queste condizioni possiamo quindi controllare se esiste un eventuale errore
di collimazione e come rettificare lo strumento.
Fig. 35
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 131
Si sceglie un punto P in modo che il cannocchiale sia circa orizzontale e si ese-
gue la lettura azimutale L
S
(Fig. 35) con cerchio a sinistra (posizione C.S.); in questa
configurazione avremo
L
S
= L + c
avendo indicato con L la lettura che si sarebbe fatta in assenza di errore di collima-
zione.
Si collima di nuovo il punto P nella posizione coniugata C.D.; per effettuare
questa operazione si deve ruotare di 200
g
il cannocchiale intorno all'asse a
2
, quindi
esso si disporr nella nuova posizione tratteggiata in Fig. 35 nello schema a sinistra,
e successivamente ruotare l'alidada di un angolo pari a 200 2c.
In questa nuova posizione, indicata nello schema a destra, si esegue una nuova
lettura L
D
che risulter
c 2 200 L L
g
S D
+ =
cio
( )
2
200 L L
c
g
D S

= (7)
In conclusione si pu dire che se eseguiamo le due letture nelle posizioni co-
niugate di un punto posto all'orizzonte e la loro differenza diversa da 200
g
lo stru-
mento possiede un errore di collimazione la cui entit data dalla (7).
Per rettificare lo strumento, mantenendolo nella posizione C.D., basta ruotare
l'alidada fino a fare la lettura L
D
+ c; ovviamente il punto P non sar pi collimato
(cio non sar al centro del reticolo) per cui si sposter il reticolo con le sue viti di
rettifica fino a che la collimazione non sar ristabilita. Praticamente con questa ope-
razione abbiamo ruotato l'asse di collimazione di un angolo pari a c.
7.2. Asse di rotazione del cannocchiale
Nei moderni teodoliti l'asse di rotazione del cannocchiale non pu essere ret-
tificato dagli utenti data la complessit dell'operazione; buona norma tuttavia veri-
ficare di tanto in tanto lo strumento per constatarne il perfetto funzionamento.
Per verificare l'eventuale presenza di un errore di inclinazione i si collima, do-
po aver corretto con molta attenzione l'eventuale errore di collimazione, un punto P
molto alto sull'orizzonte; in tal modo, ricordando dalla (6) che i dipende da tan, si
amplifica notevolmente il suo valore.
Dopo aver eseguito le due letture C.S. e C.D., ripetendo il ragionamento fatto
per l'errore di collimazione, si ottiene
( )
2
200 L L
tan i
g
D S

=
da cui si determina i dopo aver letto sul cerchio zenitale la distanza zenitale z e rica-
vato ( = 100
g
z).
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
132
7.3. Un metodo empirico per la verifica delle condizioni di rettifica
Il metodo consiste nel disporre un filo a piombo in posizione ben riparata, op-
pure nel rintracciare sul terreno una direzione verticale e, dopo aver messo in stazio-
ne il teodolite, collimare con il centro del reticolo tale direzione.
Successivamente si ruota il cannocchiale sia in elevazione che in depressione
verificando il percorso che segue il centro del reticolo.
Se tale percorso coincide perfettamente con la direzione verticale il teodolite
rettificato; in caso contrario, a seconda del percorso seguito dal centro del reticolo, si
avranno i tre casi indicati in Fig. 36.
7.4. Asse principale del teodolite
Come gi detto, nei teodoliti normalmente usati l'errore di verticalit non pu
mai essere verificato (si noti che nella (6) esso non cambia segno nell'esecuzione
delle letture coniugate) ne essere eliminato con opportune procedure.
Ci implica che l'operazione di messa in stazione deve essere eseguita con
molta attenzione e con una livella perfettamente rettificata (par. 5.1.2.1.).
8. Misura degli angoli azimutali
8.1. Regola di Bessel
Con un teodolite perfettamente rettificato ed opportunamente messo in stazione
la misura di un angolo azimutale tra due piani verticali che contengono due punti P
1
e P
2
ed il punto di stazione consisterebbe nel collimare i due punti ed effettuare le
relative letture L
1
ed L
2
sul cerchio azimutale; l'angolo sarebbe semplicemente dato
dalla differenza L
2
- L
1
.
Questo modo di procedere viene effettivamente usato solo nelle misure di non
elevata precisione (rilievi di dettaglio) perch presenta due notevoli inconvenienti:
- non consente di rilevare la presenza di errori grossolani in quanto le letture ven-
gono eseguite una sola volta;
- non permette l'eliminazione di eventuali errori residui di rettifica.
Fig. 36
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 133
Il metodo di norma utilizzato quello di eseguire le letture prima nella posi-
zione C.S. e poi nella posizione C.D. (la sequenza C.S. C.D. non obbligatoria; si
pu anche invertire); ne deriva che la media delle due letture a meno di 200
g
non
affetta dai residui degli errori di rettifica ed in pi permette di tutelarsi da eventuali
errori grossolani.
Tale modo di procedere nella effettuazione delle misure angolari va sotto il
nome di Regola di Bessel (dal nome del geodeta che per primo la formul) che si pu
cos enunciare: misurando un angolo azimutale nelle due posizioni coniugate dello
strumento la media, a meno di 200
g
, dei valori ottenuti non influenzata dalla pre-
senza degli errori residui di collimazione e di inclinazione.
Si osservi che tale metodo non elimina l'eventuale errore di verticalit in
quanto nella (6) tale errore conserva lo stesso segno per cui, nel caso delle due letture
coniugate, esso vale
( )
1 1 2 2
tan A sen tan A sen

=
dove A
1
ed A
2
sono gli angoli azimutali tra il piano verticale che contiene l'asse a
1
del
teodolite e rispettivamente i piani verticali che contengono P
1
e P
2
mentre
1
ed
2
sono gli angoli di altezza di tali punti rispetto al punto di stazione.
8.2. Errori delle graduazioni dei cerchi
La graduazione di un cerchio presenta sempre piccoli errori di costruzione do-
vuti al fatto che ogni tratto non viene tracciato esattamente nella posizione teorica
che dovrebbe avere.
Questi errori possono essere considerati come risultanti da una componente ac-
cidentale, propria di ciascun tratto, avente origine in varie cause intervenute a pertur-
bare la sua incisione, e da una componente sistematica, dipendente dalla non perfetta
posizione reciproca delle parti costituenti la macchina che ha effettuato l'incisione
dei tratti (ad esempio a causa di ci pu risultare che su un certo diametro del cerchio
le parti della graduazione sono tutte pi grandi di quelle diametralmente opposte,
mentre sul diametro ad esso perpendicolare sono corrette).
A causa di questi errori di graduazione, la determinazione di ogni direzione os-
servata, azimutale o zenitale, porta inevitabilmente in s l'errore da cui affetto il
tratto della graduazione cui viene riferita la sua lettura.
Tali errori non sono affatto trascurabili se si considera che i cerchi dei teodoliti
moderni sono di piccolo diametro; ad esempio l'errore di 1m nella incisione di un
tratto provoca un errore nella sua posizione di 12
cc
se il diametro del cerchio di 10
cm.
Gli effetti di questi errori sulla misura di una direzione possono essere note-
volmente attenuati ripetendo la misura in diversi settori del cerchio; i procedimenti
usati sono due, detti rispettivamente di reiterazione e di ripetizione, a seconda di co-
me costruito il teodolite.
Questi procedimenti si usano solo per le misure azimutali in quanto in tali mi-
sure si pretendono precisioni elevatissime. Non si applicano nelle letture zenitali in
quanto la precisione delle graduazioni si ritiene sufficiente per tali letture; infatti,
come si vedr, le letture zenitali sono fortemente perturbate dalla rifrazione atmosfe-
rica da poter considerare che, per i teodoliti di elevata precisione, sono gli errori di
graduazione del cerchio ad essere trascurabili rispetto a quelli provenienti dalla ri-
frazione , e non il contrario.
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
134
8.3. Metodo della reiterazione
I teodoliti utilizzati sono detti reiteratori: in essi il cerchio azimutale non fis-
so alla base, ma ad essa collegato con un sistema a frizione che ne permette rotazioni
relative tramite un bottone detto bottone di reiterazione.
In Fig. 37 riportato un accoppiamento base-alidada che mostra chiaramente il
dispositivo di rotazione del cerchio.
La misura di un angolo viene eseguita nel seguente modo:
- si collimano i punti P
1
e P
2
e si esegue la lettura dell'angolo, applicando natural-
mente la regola di Bessel (con ci si eseguita la prima reiterazione);
- fissato il numero di reiterazioni n che si vogliono eseguire si ricollima il punto P
1
nella stessa posizione iniziale (C.S. o C.D.) e con il bottone di reiterazione si
ruota il cerchio di un angolo pari a
n
200
g
e si esegue una seconda lettura dell'an-
golo, sempre applicando la regola di Bessel (con ci si eseguita la seconda re-
iterazione);
- si prosegue al solito modo tenendo presente che ad ogni ulteriore reiterazione il
cerchio va preventivamente ruotato di un angolo pari a
n
200
g
.
Si noti che per determinare l'angolo di rotazione del cerchio si preso in consi-
derazione un angolo pari a 200
g
in quanto l'altra met del cerchio viene coperta ese-
guendo le letture coniugate.
Quando non erano disponibili le raffinate macchine a dividere odierne la possi-
bilit di ridurre gli errori di graduazione per mezzo della reiterazione era assai ap-
prezzabile; oggi lo molto meno, ma si continua ad utilizzare il metodo della reitera-
zione, in particolare per le misure di elevata precisione, perch la distribuzione re-
golare delle letture sul cerchio quella che d maggiori garanzie di precisione ed
inoltre la ripetuta lettura di un angolo serve a mediare i vari errori accidentali pre-
senti.
I teodoliti moderni, in particolare quelli di elevata precisione, sono sempre re-
iteratori.
8.4. Metodo della ripetizione
Nel teodolite ripetitore il cerchio graduato pu essere fissato o alla base o al-
l'alidada; uno schema indicato in Fig. 38 dove si notano le viti V e v (rispettiva-
mente dei grandi e dei piccoli spostamenti) che permettono il fissaggio del cerchio
all'alidada e le viti W e w (rispettivamente dei grandi e dei piccoli spostamenti) che
Fig. 37
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 135
permettono il fissaggio del cerchio alla base. Si noti che in tale strumento l'alidada
pu essere fissata alla base solo tramite il cerchio.
La misura con ripetizione dell'angolo azimutale tra due punti P
1
e P
2
si esegue
nel seguente modo:
1) la vite W bloccata e tiene il cerchio fisso alla base; si sblocca la vite V e,
ruotando l'alidada, si collima il punto P
1
con l'ausilio della vite dei piccoli
spostamenti v e si esegue la lettura L
1
;
2) sempre lasciando il cerchio fisso alla base, con l'ausilio delle viti V e v si
collima il punto P
2
senza effettuare alcuna lettura (la lettura L
2
, per diffe-
renza con la L
1
, darebbe la misura dell'angolo cercato);
3) tenendo bloccato il cerchio all'alidada tramite la vite V, si sblocca il cer-
chio dalla base tramite la vite W e, ruotando insieme alidada e cerchio, si
collima nuovamente il punto P
1
perfezionando la collimazione con la vite
dei piccoli spostamenti w (cos facendo abbiamo portato la lettura L
2
nelle
direzione di P
1
);
4) adesso si blocca nuovamente il cerchio alla base e, sbloccando V, si ricol-
lima il punto P
2
con l'ausilio delle viti V e v;
5) si ripete l'operazione indicata al punto 3);
6) si ripete l'operazione del punto 4);
7) si prosegue con le stesse modalit per il numero n previsto di ripetizioni;
8) quando si collima per l'ennesima volta il punto P
2
si esegue la lettura fi-
nale L
n+1
;
9) l'angolo richiesto sar
n
L L
1 1 n

=
+

Teoricamente la ripetizione dell'angolo dovrebbe essere pi precisa della reite-


razione poich si eliminano tutte le misure intermedie ed inoltre aumenta la rapidit
delle operazioni.
Si per constatato
che nelle operazioni di
blocco del cerchio all'ali-
dada si possono avere dei
leggeri scorrimenti del
cerchio stesso che infirma-
no la precisione delle mi-
sure in modo sensibile per
cui tale metodo stato per
lungo tempo abbandonato
almeno nei teodoliti di
elevata precisione.
Da notare che con
questo procedimento le
letture non sono distribuite
regolarmente lungo tutta la
graduazione e che quindi
la eliminazione degli errori di graduazione meno efficace che con il metodo della
reiterazione. Va per detto che anche con lo strumento ripetitore si possono eseguire
Fig. 38
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
136
le reiterazioni, cio si possono eseguire le letture angolari distribuendole in vari set-
tori del cerchio.
Il vantaggio che offre il teodolite ripetitore rispetto a quello reiteratore rap-
presentato dalla possibilit di poter impostare, su di un punto collimato, la lettura che
si desidera con la stessa precisione offerta dallo strumento; potrebbe essere utile, per
esempio, impostare la lettura 0 sul primo punto collimato per leggere direttamente
l'angolo sul secondo punto. Si tenga presente che invece nel reiteratore ci non
possibile in quanto la lettura viene impostata tramite il bottone di reiterazione che
non possiede la precisione della vite dei piccoli spostamenti utilizzata nel ripetitore.
Questo vantaggio, utile per rilievi speditivi, consente, ancora oggi, di costruire,
per strumenti di non elevata precisione (20
cc
, 1
c
, etc.), teodoliti ripetitori.
In Fig. 39 ne sono indicati due esempi; il modello T1 A segue la costruzione
canonica spiegata nel testo ed era il modello classico del passato; il modello T 16 se-
gue la tecnica costruttiva moderna che tende a sostituire il sistema di bloccaggio cer-
Fig. 39
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 137
chio-alidada con una molla comandata all'esterno da una chiavetta D a due posizioni
che permette il fissaggio del cerchio o al basamento o all'alidada: dei bottoni prece-
denti ne resta solo una coppia che permette il collegamento alidada-base (come per i
reiteratori).
Tale strumento funziona nel seguente modo:
- con la chiavetta D si blocca il cerchio al basamento;
- si collima il punto utilizzando le viti W e w;
- oppure, sempre utilizzando le due viti, si impone la lettura desiderata (0, per es.);
- con la chiavetta D si sblocca il cerchio dalla base e lo si fissa all'alidada (l'opera-
zione si fa con un semplice movimento della chiavetta);
- ruotando l'alidada si collima il punto nuovamente con le viti W e w che non alte-
rano la lettura imposta.
8.5. Misura simultanea di pi angoli da una stazione
8.5.1. Generalit su direzioni ed angoli osservati
Collimando un generico punto P con un teodolite di precisione in stazione sul
punto P
s
e ripetendo varie volte la misura si noter che i risultati variano in modo ca-
suale (vedi teoria degli errori) per cui, con le note regole, si potr definire una lettura
media
m
su P ed uno scarto quadratico medio (s.q.m.) m.
A provocare la dispersione delle letture sul punto P intervengono principal-
mente tre fattori:
a) l'errore di puntamento propriamente detto, causata dal fatto che il segnale sul
punto P non viene centrato con i fili del reticolo sempre nella stessa maniera
(in ci influisce oltre l'operatore anche lo stato dell'atmosfera e l'illuminazio-
ne del segnale sempre diversa);
b) l'errore di lettura sul cerchio dovuto alla imperfetta coincidenza dei tratti
realizzata dall'operatore (nei teodoliti di precisione la dispersione delle lettu-
re causata dall'errore di lettura per sempre minore della dispersione do-
vuta al puntamento);
c) piccoli movimenti delle varie parti dello strumento che intervengono tra un
puntamento e l'altro.
A questi effetti accidentali si potrebbe aggiungere un effetto sistematico dovuto
essenzialmente a piccoli spostamenti della base dello strumento che determinano un
variazione della giacitura dell'asse a
1
; tali spostamenti vengono evidenziati da un de-
centramento della livella torica. Da notare, per, che anche brusche variazioni termi-
che possono decentrare la bolla della livella creando cos dei dubbi sulle effettive
cause di tale fenomeno; quindi buona norma, nei rilievi di elevata precisione, l'uso
di un ombrello per coprire lo strumento quando si opera sotto il sole.
In conclusione si pu dire che, ripetendo varie volte la misura su un punto P, si
ha una dispersione accidentale dei risultati caratterizzata da un s.q.m. m ed una
eventuale variazione sistematica della lettura media dovuta a piccoli movimenti della
base dello strumento.
Ci posto si consideri il caso in cui dal punto di stazione P
s
si siano collimati
ripetutamente i punti P
1
, P
2
.. P
n
; se i valori medi delle letture a tali punti sono
caratterizzati da un s.q.m. sensibilmente uguale e pari a m e si ha motivo di ritenere
che durante le operazioni di misura non sono intervenuti movimenti della base dello
strumento, l'angolo fra una qualsiasi coppia di punti pu essere ottenuto come diffe-
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
138
renza tra le letture medie ed caratterizzata da un s.q.m. pari a 2 m ; le letture me-
die rappresentano in tal caso le direzioni osservate rispetto ad una qualunque delle di-
rezioni P
s
P
i
scelta come origine.
Se fra i punti collimati ve ne uno P
*
che, per essere segnalizzato con un se-
gnale migliore o meglio illuminato o meglio visibile, caratterizzato da un s.q.m.
sensibilmente minore di quello che caratterizza tutti gli altri punti si potr dire che le
direzioni osservate rispetto a P
s
P
*
(ovvero gli angoli tra una direzione qualsiasi su-
gli altri punti e la direzione P
s
P
*
) sono praticamente caratterizzate da un s.q.m. pari
a m, mentre rimane invariato il fatto che l'angolo tra due direzioni generiche P
s
P
i
- P
s
P
k
caratterizzato da un s.q.m. 2 m .
Da quanto detto risulta evidente che le modalit operative necessarie per misu-
rare una direzione devono essere tali da escludere variazioni sistematiche nei risultati
dovute a movimenti della base dello strumento.
Si supponga ora che durante le operazioni di misura, dopo aver collimato alcu-
ni punti e prima di aver concluso le collimazioni su tutti i punti, si renda necessario o
si voglia effettuare un nuovo centramento della bolla della livella torica; ci com-
porter un nuovo assetto dell'asse a
1
e quindi l'introduzione di una variazione siste-
matica delle letture non tollerabile: in pratica non si potr considerare un angolo
compreso tra due direzioni collimate l'una prima e l'altra dopo il centramento della
bolla in quanto tale angolo conterr una componente sistematica non nota.
Quanto detto sopra ha importanza fondamentale nell'esecuzione delle misure e
permette di comprendere le differenze tra le varie modalit operative di seguito de-
scritte.
8.5.2. Misura di pi angoli tramite il metodo ad angoli semplici a giro d'oriz-
zonte
Siano P
1
, P
2
.. P
n
(Fig. 40)i punti che si devono osservare da P
s
; le misure
vengono effettuate nel seguente modo:
1) si misura l'angolo P
1
P
2
eseguendo le
collimazioni con il C.S. e C.D. e, se
richiesto, reiterando le misure un
certo numero n di volte: tra una reite-
razione e l'altra si pu ripetere la mes-
sa in stazione;
2) si misura con le stesse modalit l'an-
golo P
2
P
3
;
3) quindi, sempre con le stesse modalit,
si misurano i restanti angoli fino a
P
n
P
1
.
Gli angoli vengono misurati tutti in manie-
ra indipendente, ma nel loro complesso non sono
indipendenti in quanto sono legati dalla condi-
zione
P
1
P
2
+ P
2
P
3
+ P
n-1
P
n
+ P
n
P
1
= 400
g
Le misure vanno compensate ripartendo in parti uguali l'errore di chiusura.
Fig. 40
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 139
Non conveniente usare nei calcoli angoli diversi da quelli misurati, risultanti
cio da somme di due o pi angoli misurati, perch avrebbero evidentemente degli
s.q.m. maggiori dello s.q.m. di un singolo angolo.
8.5.3. Misura di pi angoli tramite il metodo a strati
Le misure vengono effettuate nel seguente modo:
1) si collimano successivamente i punti P
1
, P
2
, P
n
con il C.S.;
2) si ripetono le misure con il C.D..
Con ci si eseguito il cosiddetto strato di osservazione; si tenga presente che
durante l'esecuzione di tutto lo strato lo strumento deve restare, per quanto possibile,
immobile, cio non si pu variare l'assetto dell'asse a
1
.
Successivamente si ripetono altri strati con C.S. e C.D. reiterando (ruotando di
200
g
/n) il cerchio azimutale ed eventualmente centrando nuovamente la bolla.
Se in ogni strato sottraiamo alle letture su tutti i punti la lettura su P
1
e poi ese-
guiamo la media dei valori ottenuti su ogni punto otteniamo le direzioni finali riferite
a P
1
; queste direzioni hanno s.q.m. che, a causa del procedimento di calcolo, conglo-
bano sia le fluttuazioni accidentali delle collimazioni su P
1
che quelle negli altri pun-
ti; se m mediamente lo s.q.m. di una lettura indipendente, le direzioni rispetto a P
1
hanno un s.q.m. mediamente uguale a 2 m .
8.5.4. Misura di pi angoli tramite il metodo della direzione isolata
Le misure vengono effettuate nel seguente modo:
1) si sceglie un punto P
0
, che non coincide con nessuno dei punti interessati alle os-
servazioni angolari, in modo tale che la sua collimazione sia caratterizzata da un
s.q.m. pi piccolo di quello che caratterizza le collimazioni sugli altri punti; per-
ch sia verificata questa caratteristica il punto P
0
deve essere stabile, nitidamente
visibile, uniformemente illuminato e ben collimabile;
2) si misura l'angolo P
0
P
1
in maniera indipendente, ovviamente con C.S. e C.D. ed
eventualmente reiterando;
3) si misura successivamente l'angolo P
0
P
2
, eventualmente ricentrando la bolla
della livella di messa in stazione, con le medesime modalit dell'angolo prece-
dente;
4) si prosegue misurando tutti gli angoli P
0
P
i
ciascuno in maniera indipendente.
Poich la collimazione su P
0
caratterizzata da fluttuazioni accidentali di mi-
sura pi piccole di quelle che caratterizzano le collimazioni ai punti P
1
, P
2
, P
i
,
P
n
, si pu dire che questo metodo quello che meglio realizza la misura di una di-
rezione (rispetto a P
0
).
Mediamente a tale direzione si pu assegnare uno s.q.m. uguale a quello che si
realizza collimando indipendentemente un punto, e cio m.
L'angolo tra due punti qualunque, ovviamente essendo dato dalla differenza
delle relative direzione, avr un s.q.m. pari a 2 m .
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
140
9. Misura degli angoli zenitali
9.1. Generalit
Nella misura degli angoli zenitali si richiede una precisione minore di quella
degli angoli azimutali, come gi detto; pertanto negli strumenti moderni i cerchi ze-
nitali sono generalmente di diametro minore di quelli azimutali e non sono reiterabili,
sicch gli errori di graduazione non sono eliminabili.
D'altronde non avrebbe molto senso procedere alla eliminazione dei piccoli er-
rori del cerchio perch le distanze zenitali per effetto della rifrazione atmosferica e
dell'impossibilit di tenerne perfettamente conto risultano in genere di precisione in-
feriore agli angoli azimutali.
Tuttavia la ripetizione delle misure, anche se eseguita nelle stesse condizioni,
serve a ridurre l'influenza degli errori accidentali di puntamento e di centramento
della livella zenitale
9.2. Determinazione di una distanza zenitale
Il cerchio zenitale ha nella maggior parte dei casi una graduazione oraria ed
solidale al cannocchiale mentre gli indici di lettura sono fissi all'alidada (Fig. 41).
Nello schema indicato in Fig. 41
sono riportati due indici diame-
trali; le letture ai due indici ven-
gono effettuate per eliminare l'er-
rore di eccentricit e, costruttiva-
mente, si usa il metodo indicato
nel par. 4.4. alla Fig. 15.
Per determinare con un teo-
dolite la distanza zenitale z di un
punto A rispetto al centro O dello
strumento, che si suppone messo
in stazione e rettificato, si collima
il punto nella posizione C.S. e si
esegue la lettura S (Fig. 42 a)) sul
cerchio in corrispondenza dell'indice I .
Questa lettura rappresenta l'angolo che l'asse di collimazione forma con l'asse
a
1
, e quindi con la verticale, e cio la distanza zenitale z.
Si ruota ora l'alidada di 200
g
: l'asse di collimazione si dispone in posizione
simmetrica rispetto all'asse a
1
e la lettura S non cambia (Fig. 42 b)).
Si ruota il cannocchiale fino a collimare nuovamente il punto A: l'angolo di
cui ruotato il cannocchiale, e quindi il cerchio verticale, evidentemente 2z.
Indicando con D la lettura nella posizione C.D., l'angolo 2z dato dalla diffe-
renza delle letture, cio S-D, poich, come mostra la figura, al ruotare del cannoc-
chiale e del cerchio che gli solidale dalla posizione 1 alla posizione 2 la lettura sotto
l'indice diminuisce.
Si avr pertanto
2
D S
z

= (8)
Fig. 41
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 141
Generalmente S appartiene al 1 o 2 quadrante e D al 4 o al 3 (vedi Fig. 41)
per cui nell'applicare la (8) occorre aggiungere 400
g
ad S che pertanto diviene:
2
D S 400
z
g
+
= (9)
Molto grossolanamente per dare un'indicazione delle letture che si farebbero
nell'esempio riportato in Fig. se per S si legge 48
g
per D si dovrebbe leggere 352
g
e
quindi, applicando la formula si otterrebbe z = 48
g
.
Se la graduazione fosse antioraria nella formula in luogo di S-D si avrebbe D-S.
9.3. Zenit strumentale (Errore d'indice)
Si noti (Fig. 42) che la media delle due letture S e D (ovviamente a meno di
400
g
), cio
2
400 D S
Z
g
+
= (10)
rappresenta la lettura che si farebbe quando l'asse di collimazione diretto secondo
la bisettrice dell'angolo 2z, cio secondo l'asse a
1
, ovvero, per l'ipotesi di perfetta
messa in stazione, secondo la verticale.
Tale lettura Z prende il nome di zenit strumentale ed in perfetta condizione di
rettifica dovrebbe valere 0.
In genere ci non avviene a causa di piccoli spostamenti relativi dell'indice do-
vuti all'uso quotidiano dello strumento in campagna; nel qual caso la lettura zenitale,
per esempio S, non darebbe a distanza zenitale corretta ma andrebbe aumentata o di-
minuita di una quantit pari a Z .
Per tale motivo lo zenit strumentale viene spesso indicato col nome di errore
d'indice; vale a dire che in condizione di partenza, cio a cannocchiale verticale, l'in-
dice non segna 0 ma un valore diverso Z ( come se una bilancia in condizione di ri-
poso non segnasse 0 ma una valore p per cui in condizione d'uso al valore indicato
dall'indice andrebbe sottratto o sommato p per ottenere il peso esatto).
Fig. 42
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
142
La conoscenza dello zenit strumentale risulta inessenziale quando si eseguono
le letture nelle due posizioni coniugate in quanto applicando la (9) si ottiene sempre e
comunque la distanza zenitale z (Z compare con lo stesso segno sia nella lettura S che
nella D e quindi si elimina nella semidifferenza), ma acquista rilievo quando si ese-
guono misure speditive delle distanze zenitali consistenti nella sola lettura S; per tale
motivo tutti i teodoliti permettono la rettifica dello zenit strumentale con opportuni
piccoli spostamenti degli indici procedendo nel seguendo modo: si collima un punto
e si eseguono le due letture S e D nelle posizioni coniugate; applicando la (9) si de-
termina il valore corretto z; si ricollima il punto nella posizione C.S. e si spostano gli
indici fino ad eseguire una lettura pari a z.
Abbiamo quindi due metodi per la misura di una distanza zenitale, ma quello
speditivo si applica solo per misure di scarsa precisione, perch la correzione dello
zenit strumentale non mai esatta e non si pu avere la garanzia della conservazione
della rettifica nel tempo; un errore residuo di zenit strumentale produce in questo casi
un errore sistematico in tutti gli angoli misurati.
Una distanza zenitale eseguita con una sola lettura si potrebbe anche corregge-
re dell'eventuale errore d'indice conoscendo il valore dello zenit strumentale e sot-
traendolo (se positivo) o sommandolo (se negativo) alla lettura fatta. La cono-
scenza dello zenit strumentale si pu desumere effettuando una serie di letture in po-
sizione C.D. e C.S. e facendone la media a meno di 400, applicando la (10).
Questo modo di procedere descritto molto applicato con l'avvento dei distan-
ziometri ad onde (strumenti per misurare le distanze) che, montati sul cannocchiale
del teodolite, ne impediscono la rotazione e quindi l'esecuzione delle letture coniu-
gate.
9.4. Influenza degli errori residui di rettifica e di verticalit
Determinando le influenze che l'errore dell'asse di collimazione e l'errore del-
l'asse di rotazione hanno sulle misure delle distante zenitali si trova che queste sono
proporzionali ai quadrati ed ai prodotti di i e c; tali influenze sono pertanto trascura-
bili, purch il teodolite sia rettificato in maniera soddisfacente.
L'errore residuo di verticalit v provoca invece un errore sulle distanze zenitali
dello stesso ordine di v per cui in tutti gli strumenti in cui la precisione di misura
superiore al prevedibile errore di verticalit occorre predisporre dei mezzi per elimi-
narne l'influenza.
Nel paragrafo 9.2, nello spiegare come si determina la distanza zenitale, si
supposta la perfetta coincidenza dell'asse primario a
1
con la verticale; si supponga
ora che, a causa della presenza di un errore di verticalit, l'asse a
1
sia inclinato di un
angolo v nel piano verticale che contiene il punto collimato (Fig. 43 a)).
Collimato il punto A l'asse di collimazione forma con l'asse primario un angolo
uguale a z-v, se l'asse inclinato dalla parte del punto; si indichi con S la lettura che
si esegue nella posizione C.S..
In seguito alla rotazione dell'alidada di 200
g
intorno all'asse a
1
l'asse di colli-
mazione assume una posizione simmetrica della prima rispetto ad a
1
, cio forma an-
cora con quest'asse l'angolo z-v.
Per ricollimare il punto occorre ruotare il cannocchiale, e con esso il cerchio, di
un angolo pari a 2(z-v) per cui si ha ovviamente
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 143
( )
2
D S 400
v z ovvero D S 400 v z 2
g
g
+
= + =
La semidifferenza non da quindi la distanza zenitale z ma la quantit z-v; se
l'asse a
1
fosse inclinato dalla parte opposta la semidifferenza delle letture darebbe
z+v.
L'esempio descritto rappresenta la situazione in cui l'errore di verticalit si tra-
smette alla distanza zenitale in tutta la sua grandezza; nel caso in cui l'asse a
1
non sia
inclinato nel piano verticale che contiene il punto collimato ma in una direzione
qualunque si deve considerare la componente dell'errore di verticalit nel piano di
collimazione.
Per eliminare tale errore si ricorre
ad una livella, in generale a coincidenza
d'immagine, posta in prossimit del cer-
chio zenitale, con la tangente centrale
parallela al piano di questo, quindi pra-
ticamente parallela al piano verticale di
collimazione durante le due collimazioni
del punto A.
Questa livella detta livella zeni-
tale ed collegata agli indici di lettura;
il complesso indici-livella pu essere
ruotato per mezzo di una apposita vite S
a piccolo passo (Fig. 44).
Centrando questa livella la sua
tangente, e quindi gli indici, si dispon-
gono orizzontali e ci indipendente-
mente dalla posizione dell'asse a
1
(si
tenga presente che costruttivamente gli
indici sono resi perpendicolari ad a
1
).
Fig. 43
Fig. 44
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
144
Eseguendo prima di ogni lettura il centramento della bolla si ottiene che la se-
midifferenza d il valore della distanza zenitale depurato dall'errore di verticalit.
Infatti sia S la lettura nella posizione C.S. dopo il centramento della livella che
ha quindi tangente orizzontale; ruotando l'alidada di 200
g
(Fig. 43 b)) la tangente
centrale si inclina di 2v e si indichi con D la lettura che si farebbe dopo aver ricolli-
mato il punto; se adesso centriamo la livella, l'indice, come si vede in fig., si sposta
in senso tale da far diminuire la lettura di 2v; indicando con D' questa nuova lettura si
avr perci D' = D-2v e quindi, facendo la semidifferenza, si avr:
z v v z v
2
D S 400
2
v 2 D S 400
2
' D S 400
g g g
= + = +
+
=
+ +
=
+
Poich la livella viene centrata subito prima di ogni lettura ed essendo inoltre a
coincidenza d'immagine, quindi di elevata sensibilit, la precisione che si ottiene nel-
l'eliminazione di v superiore a quella con cui si pu rendere verticale l'asse a
1
.
Resta da vedere cosa succede quando si in presenza dell'errore di verticalit v
e lo zenit strumentale Z non rettificato, precisando che con Z si intende la lettura
che si fa al cerchio quando l'asse di collimazione diretto secondo la verticale.
In questo caso la semisomma delle due letture non da lo zenit strumentale Z ma
la lettura corrispondente all'asse di collimazione diretto secondo l'asse primario
g
a
1
;
indicata con Z' questa lettura si ha dunque
v Z
2
400 D S
' Z
g
+ =
+
=
Eseguendo invece le letture a bolla centrata si ha
Z v v Z v ' Z v
2
400 D S
2
400 v 2 D S
2
400 ' D S
g g g
= + = =
+
=
+
=
+
ottenendo cio il vero zenit strumentale.
9.5. Indice zenitale automatico
In molti strumenti moderni l'eliminazione dell'errore di verticalit viene resa
automatica mediante un sistema a pendolo.
Il principio del dispositivo che prende il nome di indice zenitale automatico
molto semplice: si rendano solidali gli indici di lettura ad un pendolo che abbia l'asse
di oscillazione sull'asse di rotazione del cannocchiale; poich l'asse del pendolo si di-
spone sempre secondo la verticale, indipendentemente dall'inclinazione dell'asse
primario, l'insieme equivale ad una livella zenitale che si centri sempre automatica-
mente.
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 145
10. Esempi di Teodoliti
In questo paragrafo vengono riportati alcuni esempi di Teodoliti in possesso
della Sezione di Topografia; molti di essi verranno usati nelle esercitazioni pratiche.
T2 Leica
E' un teodolite reiteratore da 1
cc
, dotato di livella zenitale, piombino ottico, ba-
setta smontabile ed immagine del cannocchiale rovescia.
La lettura degli angoli avviene con il sistema micrometrico descritto al par. 4.4.
e quindi con correzione automatica dell'erro-
re di eccentricit
Nella finestra del microscopio di lettu-
ra, dopo aver portato in coincidenza le tac-
che dei due lembi diametrali del cerchio tra-
mite l'opportuno bottone (indicato con il n.
16 nella legenda allegata alla Fig. 45), si pre-
senta la visione indicata in Fig. 46.
Nella scala principale, in corrispon-
denza dell'indice si leggono numeri interi
corrispondenti alla minima graduazione trac-
ciata (nel nostro caso si leggono i gradi ed i
Fig. 45
Fig. 46
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
146
primi in multipli di 10 in quanto l'indice pu indicare la mezzeria della tacca); nella
scala inferiore del micrometro, che tramite una lamina pianoparallela ha suddiviso
una mezza tacca della graduazione principale (pari a 10
c
) in cinquecento parti, si leg-
gono tre cifre che rappresentano il numero di primi centesimali da sommare alla let-
tura precedente.
Theo 080A Zeiss Jena
E' un teodolite ripetitore con sistema a chiavetta da 20
cc
con basetta smontabile
e immagine del cannocchiale diritta. La lettura degli angoli viene effettuata a stima
(Fig. 47).
Nel microscopio per la lettura ai cerchi si pre-
sentano direttamente i lembi dei due cerchi indicati
con V, il zenitale, ed Hz l'azimutale; la visione ri-
portata in Fig. 48.
Fig. 47
Fig. 48
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 147
Tg3b Galileo
E' un teodolite reiteratore da 50
cc
dotato di micrometro ottico (Fig. 49).
La lettura delle direzioni viene effettuata portando all'interno dell'indice, for-
mato da due tacche parallele, una tacca della gradua-
zione principale ruotando il bottone relativo (N. 16 in
Fig. 49).
Si legger quindi (Fig. 50) il numero di gradi
indicato sulla graduazione principale ed i primi diret-
tamente nella finestrella superiore dove riportata la
graduazione del micrometro; qui ogni tacca vale 2
c
per cui a stima si raggiungono i 50
cc
(1/4 di tacca).
Tg4br Galileo
Fig. 49
Fig. 50
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
148
E' un teodolite ripetitore da 2
c
,5 dotato anche di una livella a cavaliere del can-
nocchiale che ne permette l'utilizzo come livello per la determinazione delle diffe-
renze di quota (Fig. 51)
La lettura viene effettuato con un indice dotato di nonio (vedi par. 4.3.) le cui
tacche sono gi graduate.
Nell'esempio di Fig. 52 si hanno le seguenti
letture:
cerchio zenitale 299
g
,75;
cerchio azimutale 397
g
,75
4150 Salmoiraghi
Fig. 51
Fig. 52
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 149
E' un teodolite reiteratore da 20
cc
dotato di livella zenitale e piombino ottico
(Fig. 53).
La lettura ai cerchi avviene direttamente leggendo i gradi sulla graduazione
principale ed i primi sulla scaletta secondaria in corrispondenza dell'indice (Fig. 54).
DK 2 Kern
Fig. 53
Fig. 54
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
150
E' un teodolite reiteratore da 50
cc
dotato di livella zenitale e piombino otti-
co(Fig. 55).
Il sistema di lettura ha il
pregio di indicare direttamente la
media aritmetica delle due posi-
zioni diametrali dei cerchi, elimi-
nando cos in modo diretto l'errore
di eccentricit.
Il metodo di lettura consente
di leggere direttamente sulla scala
principale i gradi e le decine di
primi.
Per la successiva lettura si
fa uso della scala secondaria indi-
cata da piccole tacche poste al di-
sopra della scala principale in V e al disotto in Az.
Fig. 55
Fig. 56
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 151
Queste tacche rappresentano l'indice di lettura di una scala decimale per i primi
centesimali che individuata dai tratti lunghi della scala principale che cadono a ca-
vallo dell'indice di lettura (Fig. 56).
11. Goniometri speciali
Un piccolo goniometro di bassa precisione (10
c
) ma utilizzabile nei rilievi di
dettaglio, o per eseguire allineamenti in direzioni variabili, lo squadro graduato
(Fig. 57) costituito da un cilindro fisso su cui montato il cerchio graduato ed un ci-
lindro mobile che realizza un piano verticale di collimazione mediante due fenditure,
una delle quali attraversata da un filo verticale, che costituiscono un piano di tra-
guardo; si mette in stazione, mediante una livella sferica, su un treppiede
molto leggero o anche su un bastone da infiggere nel terreno.
Lo squadro semplice (Fig. 58) non ha parti ruotanti e serve solo per tracciare
allineamenti sul terreno a 200
g
, 100
g
e 50
g
con la precisione di 20
c
30
c
.
Fig. 57 Fig. 58
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
152
12. Segnalizzazioni dei punti sul terreno, collimatori.
I punti che sono stati rilevati sul terreno debbono essere segnalizzati; ci pu
avvenire sia in modo permanente, se il punto si considera fondamentale per futuri
usi, sia in modo temporaneo, se il suo utilizzo limitato nel tempo, ad esempio per il
periodo entro il quale avviene il rilievo.
12.1. Segnalizzazioni permanenti
Per la planimetria sufficiente che sia definito lasse di collimazione del pun-
to; essendo tale asse sempre verticale, basta un punto per definirlo, il
che pu essere fatto marcando un centrino metallico orizzontale
(Fig. 59) che viene posizionato sul terreno tramite una piccola fon-
dazione in calcestruzzo, o infisso in un manufatto gi esistente o
scolpito sulla viva roccia: ovvio che in tal caso quando si dovr
collimare il punto con il teodolite esso andr opportunamente segna-
lizzato con un collimatore temporaneo.
In altri casi tale punto viene fatto coincidere con manufatti gi esi-
stenti di non dubbia identificazione: vertice di un campanile (Fig. 60), base di un pa-
rafulmine, asse di un traliccio dantenna, etc.
Per laltimetria necessario che sia ben de-
finita una retta, o un piano, orizzontale, che viene
denominato piano di paragone ed indicato con la
sigla p.p..
Ove non occorra elevata precisione il p.p.
viene individuato facendolo coincidere con una
retta orizzontale su un manufatto esistente: corni-
cione sotto una finestra (Fig. 60), sommit di una
ringhiera, etc..
E questo, in generale, il caso quando si se-
gnalizza unasse di collimazione associando ad es-
sa sempre un p.p. per rendere la determinazione
del punto plano-altimetrica.
Ove invece occorra
unelevata precisione il p.p.
viene individuato in modo diverso.
Per la sua segnalizzazione si pu utilizzare una targhetta
disposta verticalmente con individuato il p.p. tramite un punto o
un piccolo cilindro (Fig. 61) oppure una piccola calotta sferica
infissa orizzontalmente sul terreno su una fondazione di calce-
struzzo opportunamente protetta (Fig. 62): tale segnali vengo-
no detti caposaldi di livellazione.
I punti trigonometrici della rete nazionale ed i capisaldi
della livellazione dello Stato, trattandosi di punti di elevata
importanza e destinati ad un utilizzo pluriennale, sono segna-
lizzati con pi accuratezza.
Per esempio i punti trigonometrici sono segnalizzati con due centrini, uno di
profondit ed uno di superficie (Fig. 63A); spesso, sui punti del primo ordine, viene
innalzato un pilastrino su cui poggiare il teodolite (Fig. 63B). Intorno ad essi si col-
locano sempre altri riferimenti che possono presentarsi sotto forma di piastrine me-
Fig. 59
Fig. 60

Fig. 61
Fig. 62
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 153
talliche con una freccia incisa (Fig. 63C) o come croci scolpite sulla roccia; di tali ri-
ferimenti viene eseguita una piantina con indicate le distanze dal centro e vengono
utilizzati per ricostruire il punto quando esso venisse danneggiato o asportato.
I capisaldi di livellazione invece vengono collocati in un pozzetto (Fig. 64 a)),
spesso accompagnati da un caposaldo verticale (Fig. 64 b)) a forma di mensola posto
nelle vicinanze sulla parete di un edificio(sono visibili entrambi sul lato destro
dellingresso della sezione di topografia).
La stadia, dopo aver
aperto il pozzetto, viene po-
sta sul caposaldo e sorretta
dal portastadia in posizione
verticale; il caposaldo verti-
cale richiede invece una
particolare stadia che abbia
lo 0 in corrispondenza del
piano di riferimento e che
viene appesa alla mensoli-
na, oppure l'utilizzo di una
stadia di cui sia nota con
elevata precisione la sua
lunghezza.
Tutti questi punti ri-
vestono una importanza
fondamentale per qualsiasi
lavoro di topografia in
quanto permettono, aggan-
ciando ad essi i rilievi, la
esatta posizione planimetri-
ca dei punti rilevati e/o la
loro quota assoluta.
Fig. 63
Fig. 64
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
154
Per tutti questi punti viene sempre redatta una opportuna monografia con tutti i
riferimenti necessari per ritrovarli (Fig. 65 e Fig. 66) e i dati per il loro utilizzo; sono
reperibili a pagamento presso la sede dell'IGMI a Firenze.
Fig. 65
Fig. 66
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta 155
12.2. Segnalizzazioni temporanee
I punti la cui individuazione necessaria per un tempo relativamente breve,
come la durata di un rilievo ed il suo collaudo, sono segnalizzati con picchetti in le-
gno o in ferro infissi nel terreno oppure, se in presenza di terreno roccioso, con inci-
sioni fatte con lo scalpello e dipinte con minio.
Collimatori
Quando i punti, siano essi da determinare o gi determinati, debbono essere os-
servati con il teodolite vanno segnalizzati con opportuni collimatori.
Esistono vari tipi di collimatori in funzione della recisione del rilievo e della
distanza a cui sono collocati.
Il pi comune la classica palina, unasta di legno o di metallo dipinta a fasce
di 20 cm verniciate alternativamente di bianco e rosso e terminante con una punta
metallica, di altezza standard di 1,60 m; a volte, per individuarle meglio, si pone su-
periormente uno scopo dipinto a scacchi (Fig. 67).
Per collimazioni di alta
precisione si utilizzano scopi
metallici con parti in vetro opaco
che vengono posizionati sul
punto tramite un treppiede ed
una basetta intercambiabile con
il teodolite; hanno in genere la
caratteristica di poter essere il-
luminati da dietro per collima-
zioni notturne (Fig. 68).
Infine per collimazioni a
grandissima distanza (50-60Km)
si costruiscono opportuni colli-
matori in legno o ferro (Fig. 69).
Fig. 67
Fig. 68
Parte IV Capitolo 1
1998/99 F.Resta
156
Fig. 69
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
157
CAPITOLO 2
STRUMENTI E OPERAZIONI DI MISURA DELLE DISTANZE
1. Generalit sulle misure di distanze
1.1. Distanza topografica
Ricordiamo che per distanza fra due punti A e B della superficie terrestre si in-
tende la lunghezza dellarco di geodetica che congiunge le proiezioni A
0
e B
0
dei due
punti sullellissoide di riferimento; abbiamo anche visto che anche per distanze di pa-
recchie centinaia di chilometri la lunghezza dellarco di geodetica praticamente
uguale alla lunghezza di una delle due sezioni normali che li congiunge.
Se la distanza fra i punti non eccede i 150 km, come avviene in tutti i rilievi to-
pografici, si pu assimilare lellissoide alla sfera locale di raggio R = N ; ci vuol
dire che sempre consentita lipotesi di assimilare la distanza ad un arco di cerchio
massimo sulla sfera locale.
Ci detto, per misurare una distanza necessario stabilire:
a) le modalit per individuare sulla superficie terrestre la traccia corrispon-
dente ad una sezione normale;
b) le modalit per riportare una misura effettivamente eseguita sul terreno
alla superficie di riferimento.
In merito al punto a) va notato che quando con uno strumento (per es. un teo-
dolite ed un distanziometro) si misura una distanza entro la portata dello strumento di
fatto si sta eseguendo la misura secondo la traccia di una sezione normale, in quanto
la misura viene eseguita in un piano contenente la verticale sul punto di stazione ed il
punto collimato.
1.2. Allineamenti
Se si vuole misurare una distanza che eccede la portata dello strumento, per in-
dividuare la traccia corrispondente a una sezione normale sulla superficie del terreno
si deve eseguire una operazione chiamata allineamento e facilmente eseguibile con
uno squadro (Cap. 1 par. 10.) o meglio ancora con un teodolite.
Di fatto, dovendo misurare la distanza tra due punti A e B che eccede la portata
dello strumento, si pone in A il teodolite ed in B un segnale; collimato il punto B e
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
158
fissata lalidada, il piano descritto dallasse di collimazione al ruotare del cannoc-
chiale un piano verticale contenente la verticale in A ed il punto B ed interseca la
superficie terrestre secondo una traccia corrispondente alla sezione normale A
o
B
o
; sui
punti del terreno individuati dal centro del reticolo si pongono quindi dei picchetti a
distanze opportune che consentono di eseguire la misura della distanze secondo tratte
inferiori alla portata dello strumento.
1.3. Riduzione della distanza alla superficie di riferimento
Sia d
m
la distanza misurata sul terreno secondo la congiungente i due punti A e
B (Fig. 70), z la distanza zenitale
del punto B rispetto al punto A
misurata anchessa sul terreno e Q
la quota nota del punto A.
Si indichi con d
a
la distanza
AB valutata secondo il piano oriz-
zontale di A, detta distanza oriz-
zontale (segmento AC in Fig. 70),
e con d
o
la distanza sulla superfi-
cie di riferimento, detta, nel lin-
guaggio topografico comune,
semplicemente distanza.
Il calcolo rigoroso di d
o
a
partire da d
m
, z e Q molto sem-
plice; si ha (dal triangolo ABC,
retto in C)
z sen d d
m a
=
quindi, indicando con la corre-
zione di convergenza, ovvero la
differenza fra d
a
e la lunghezza
del tratto di distanza orizzontale
compreso tra le verticali per A e B
(segmento DC in Fig.1), dal
triangolo AOD, retto in A, si ot-
tiene
R Q
d
tan arc R
AO
AD
tan arc R R d
a
o
+

= = =

(11)
Per il calcolo di si ha dal triangolo BDC retto in C
R Q
d
z cos d tan BC
a
m
+

= =

(12)
notando che langolo DBC uguale ad in quanto alterno interno e ricavando BC
dal triangolo ABC.
Dalla (12) si ricava quindi:
R z cos d Q
z cos d d
m
m a
+ +
=
Sostituendo nella (11) si ottiene infine
Fig. 70
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
159
R z cos d Q
z sen d
tan arc R d
m
m
o
+ +
= (13)
che la formula finale che cercavamo.
E necessario osservare che la riduzione delle distanze alla superficie di riferi-
mento deve essere eseguita solo per rilievi a scopo cartografico mentre la riduzione
all'orizzonte deve sempre essere eseguita.
Quando le misure hanno come scopo lesecuzione di lavori quali il traccia-
mento di gallerie, funivie, canali ,ecc., la riduzione non deve essere effettuata poich
interessano in effetti le distanze orizzontali con riferimento al piano orizzontale in un
determinato punto del rilievo.
1.4. Classificazione delle misure di distanze
Le misure di distanze vengono suddivise in:
a) misure dirette: un campione di lunghezza nota viene riportato lungo
lallineamento e si valuta quante volte il campione, o un suo sottomulti-
plo, contenuto nella distanza da misurare;
b) misure indirette: vengono misurate direttamente delle grandezze (distanze
ed angoli) legate da una relazione funzionale alla distanza da misurare,
che viene quindi dedotta indirettamente; ovvio che tra le grandezze da
misurare deve sempre esserci almeno una lunghezza;
c) misure mediante onde: si sfruttano i principi della propagazione delle on-
de elettromagnetiche.
E consuetudine indicare per le misure di distanze lo scarto quadratico medio
non in valore assoluto ma relativo; per es., una misura di una distanza di 1 km effet-
tuata con un s.q.m. di 0,5mm si indica con il valore relativo 0,5.10
-6
(cio
0,5mm/d = 0,5/1.000000 = 0,5.10
-6
); la stessa distanza misurata con un s.q.m. di
10mm si indica con il valore relativo di 10
-5
ecc.
2. Misura diretta delle distanze
La misura diretta, con lintroduzione dei distanziometri, viene oggi utilizzata
raramente nei rilievi topografici e comunque sempre per distanze molto brevi; trova
ancora largo impiego per semplici operazioni di cantiere.
Gli strumenti utilizzati sono i classici nastri metrici centimetrati, di acciaio op-
pure di anima in fili di acciaio ricoperta di tessuto o materiale plastico, di lunghezza
di 10m, 20m o 50m (noti anche col nome di rollette metriche).
Con tali strumenti si possono ottenere misure di distanze con un s.q.m. di 10
-4
Altri strumenti ancora utilizzati per semplici operazioni di cantiere sono le
canne metriche di bambu ed i triplometri in legno; sono entrambi centimetrati di
lunghezza costante di 3m fra le loro testate metalliche piane e parallele e sempre da
impiegare in coppia. Per effettuare la misura vengono disposti testa contro testa se il
terreno piano ed orizzontale, oppure ogni estremit viene riportata secondo lo
schema di Fig. 71 tramite il filo a piombo.
Il metodo viene anche utilizzato per il rilievo delle sezioni del terreno, ad uso
quasi sempre per progettazioni stradali, con il nome di coltellazione.
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
160
3. Misura indiretta delle distanze
Col nome di misura indiretta di una distanza di solito in topografia si intende
una misura eseguita con un teodolite, o un tacheometro, ed una mira graduata detta
stadia (nella sua veste pi semplice la stadia unasta di legno graduata in centimetri
e lunga 2,3 o 4 m) (Fig. 74)
Il procedimento, molto usato in topografia fino allavvento dei distanziometri
ad onde ed ora praticamente in disuso, si basa in linee essenziali sulla misura di una
grandezza lineare sulla stadia e sulla misura di un determinato angolo con il teodoli-
te.
Langolo misurato quello sotto cui si vede il tratto di stadia e viene indicato
con il nome di angolo parallattico.
Il procedimento si articola in vari metodi di misura, pi o meno precisi, a se-
conda dei procedimenti che si usano: si hanno cos metodi ad angolo parallattico
variabile o costante se tale angolo varia o meno al variare della distanza e metodi a
stadia verticale o orizzontale in funzione di come posizionata la stadia.
Analizzeremo solo il metodo ad angolo parallattico costante e stadia verticale.
Fig. 71
Fig. 72
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
161
Supponiamo che nel cannocchiale del teodolite, oltre lasse di collimazione, si
realizzino altre due visuali, passanti per un punto O, che formino con questo un an-
golo pari ad ; collimando la stadia, posta verticalmente in B, le tre visuali determi-
nano su di essa tre letture l
1
, l
2
ed l
3
(Fig. 72).
Per il calcolo della distanza, come vedremo, la lettura l
2
non necessaria, ma
viene sempre fatta sia per controllo di eventuali errori grossolani (la media di l
1
ed l
3
in genere prossima a l
2
) sia perch permette la valutazione del dislivello tra A e B.
Per determinare la distanza d tra A e B, indicando con l
0
lipotetica lettura che
si farebbe sulla stadia a cannocchiale orizzontale, si ha
( ) ( ) + = = tan d l l tan d l l
0 3 0 1
Sottraendo membro a membro si ottiene
( ) ( ) | | + = tan tan d l l
1 3
quindi
(

+
+ +
=
(

+
+
=
) cos( ) cos(
) cos( ) sen( ) cos( ) sen(
d
) cos(
) sen(
) cos(
) sen(
d l l
1 3






da cui, esplicitando d, si ottiene
( ) ( ) ( )


2 sen
cos cos l l
d
1 3
+
=
Sviluppando si ottiene
| |




2 sen
) sen sen cos )(cos l l (
2 sen
) sen sen cos )(cos sen sen cos (cos ) l l (
d
2 2 2 2
1 3
1 3

=
=
+
=
e quindi, con evidenti semplificazioni
( ) ( )
2
tan sen
l l
tan 2
cos
l l d
2
1 3
2
1 3

=
Tenendo presente che 2 langolo costante sotto cui dal punto O si vede
lintervallo di stadia H, la quantit
tan 2
1
una costante strumentale, detta costante
distanziometrica; si indica in genere con C e, scegliendo opportunamente , si fa in
modo che assuma valori semplici come 50, 100 o 200.
Si ha quindi
|
|
.
|

\
|
= =
2
2
2
2
2
C 4
tan
1 cos CH
C 4
sen H
cos CH d

Trascurando infine il secondo termine tra parentesi in quanto molto piccolo (al
massimo 1/40.000 se C = 100) si ottiene la formula finale della distanza

2
cos CH d = (14)
Se invece dellangolo daltezza nota la distanza zenitale z la formula assu-
me la forma
z sen CH d
2
= (15)
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
162
Resta da vedere come si possano realizzare le due visuali che formano langolo
con lasse di collimazione.
Nel cannocchiale di tipo astronomico sul vetrino del reticolo vengono incisi
altri due fili ad una distanza h (Fig. 73) ed il reticolo prende il nome di reticolo di-
stanziometrico.
Ricordando come si forma limmagine notiamo in primo luogo che il punto O
descritto precedentemente coincide col fuoco anteriore dellobbiettivo per cui la di-
stanza d indicata dalla formula soprascritta rappresenta la distanza dal punto F
1
indi-
cato in Fig. 73 fino alla stadia: per ottenere la distanza effettiva dal punto di stazione,
indicato dal centro dello strumento E, alla stadia occorre aggiungere una costante
strumentale a; in secondo luogo, indicando con h la distanza fra i due tratti del reti-
colo, si ottiene
h
f
C e
f 2
h
tan = =
da cui si pu determinare h in modo che C risulti uguale a 100 (o 50).
In conclusione la distanza tra il centro del cannocchiale ed il punto in cui viene
messa la stadia, quando lasse di collimazione inclinato di vale
cos a cos CH d
2
+ = (16)
oppure se, come spesso avviene, si legge z
z sen a z sen CH d
2
+ = (17)
I cannocchiali moderni sono tutti costruiti in modo da rendere la costante ad-
ditiva a = 0 e vengono detti centralmente anallattici; ci si realizza aggiungendo
allobbiettivo una lente convergente (lente anallattica) che ha lo scopo di far coinci-
dere il fuoco anteriore con il centro dello strumento.
Per analizzare la precisione di questo metodo consideriamo il caso semplice di
una misura effettuata a cannocchiale orizzontale.
Le letture che eseguiamo alla stadia hanno un loro s.q.m. che possiamo quanti-
ficare in 1mm, quando la stessa posta ad una distanza di 100m, ricordando che le
stadie sono graduate in centimetri e quindi il millimetro viene stimato; ovviamente se
la stadia fosse posta ad una distanza superiore ls.q.m. della lettura tenderebbe ad
aumentare in quanto la stima diverrebbe pi grossolana.
Dalla teoria degli errori, ricordando che si in presenza di una misura indiretta,
si ottiene ls.q.m della distanza
Fig. 73
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
163
mm 140 2 100 m m C m
2
l
2
l d
2 1
= + =
Come si vede ci troviamo di fronte ad un metodo di scarsa precisione e di por-
tata molto modesta; ci nonostante, fino allavvento dei distanziometri ad onde,
stato lunico metodo largamente utilizzato nei rilievi topografici in cui non era ri-
chiesta unelevata precisione.
3.1. La lettura alla stadia
In Fig. 74 sono riportati due esempi di stadie di 4 m di
altezza per cannocchiali ad immagine dritta; l'unica differenza
tra le due consiste nel materiale essendo in alluminio quella di
sinistra, mentre in legno quella di destra.
Nell'ingrandimento di Fig. 74 si pu notare la gradua-
zione centimetrica ed un'altra particolarit che hanno tutte le
stadie: il numero scritto nel campo del decimetro. Tale numero
indica il numero di decimetri da terra, cio dallo zero, ed di
notevole utilit per determinare la lettura in quanto nel campo
dell'obbiettivo del cannocchiale si vedr solo una porzione
molto limitata di stadia.
Un esempio di visione nel cannocchiale riportato in
Fig. 75.
Le lettura
alla stadia in corri-
spondenza di ogni
filo del reticolo si
faranno leggendo
direttamente le
prime due cifre,
che rappresentano
il numero di deci-
metri, poi contando
le tacche che indi-
viduano il numero
di centimetri ed in-
fine stimando all'interno della tacca cen-
timetrica il millimetro; si daranno quindi
quattro cifre le prime tre lette, l'ultima
stimata.
Nell'esempio in Fig. 75 le letture
che si faranno sono:
filo inferiore 1332;
filo medio 1402;
filo superiore 1472.
La lettura al filo medio non ne-
cessaria per la determinazione della di-
stanza ma viene spesso eseguita per un
Fig. 74
Fig. 75
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
164
controllo in quanto dovrebbe rappresentare la media delle letture ai due fili inferiore
e superiore: esatta, se si lavora a cannocchiale orizzontale, con notevole approssima-
zione, se si lavora a cannocchiale inclinato.
Tale lettura inoltre necessaria quando si vuole determinare il dislivello tra il
punto di stazione ed il punto in cui posta la stadia, come si vedr in seguito.
4. Misura mediante onde (Distanziometri)
4.1. Richiami sulla teoria delle onde
Si in presenza di unonda quando in un punto A dello spazio si produce un
fenomeno oscillatorio che si riproduce nei punti contigui con un ritardo proporzio-
nale alla loro distanza da A (Fig. 76).
Se la grandezza fisica oscilla in A con legge sinusoidale il fenomeno rappre-
sentato da unequazione del tipo:
(

+
|
.
|

\
|
=
0 0
v
x
t sen V ) x , t ( V (18)
dove
V
0
= ampiezza delloscillazione;

0
= fase iniziale = t
0
(con t
0
tempo iniziale);
= pulsazione = 2 f = 2 / T;
T = periodo;
f = frequenza.
Lequazione (18) indica che la grandezza fisica allorigine oscilla con legge si-
nusoidale secondo la funzione
( )
0 0
t sen V ) 0 , t ( V + = (19)
(indicata in Fig. 77) e che si propaga nello spazio (indicata in Fig. 76) con velocit
v = c/m
dove c la velocit dellonda nel vuoto (circa 3.10
8
m/sec) ed m lindice di rifrazione
dellaria.
Allistante t, in un punto di ascissa x, essa assume il valore dato dalla (18), cio
il valore che aveva allorigine x/v secondi prima.
Ci significa che lungo tutti i punti della traiettoria, fissato un determinato
istante t, i valori di V sono ancora rappresentati da una sinusoide (Fig. 78).
Fig. 76
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
165
Se consideriamo un punto C distante da A (Fig. 78), tale che in esso la gran-
dezza V assuma il valore che aveva in A a meno di 2, cio
( )
0 0 0 0
2 t sen V
v
t sen V

+ =
|
.
|

\
|
+
si avr

2
T
2
cio 2
v
= =
quindi
f
v
Tv = =
La grandezza detta lunghezza donda.
4.2. Equazione caratteristica del distanziometro
Consideriamo il caso di dover misurare una distanza mediante unonda di lun-
ghezza e che tale distanza, D = AB, sia inferiore a /2 (Fig. 79).
In Fig. 79, per non appesantire il disegno, stato riportato il punto A simme-
trico di A rispetto a B, per cui londa riflessa, rappresentata dal percorso BA, risulta
ribaltata.
Londa uscente da A allistante t avr equazione
( )
0 0 u
t sen V V + =
Fig. 77
Fig. 78
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
166
mentre londa rientrante sar stata emessa t secondi prima, essendo t = 2D/v il
tempo impiegato per andare da A a B e rientrare in A, e quindi avr equazione
( ) | |
0 0 r
t t sen V V + =
La differenza di fase tra londa uscente e la rientrante sar
( ) ( ) | |
0 0
t t t + + =
t =
Con chiare sostituzioni avremo



D 2 2
v
D 2
T
2
= =
Da cui, ricavando D, si ottiene lequazione
2 2
D


= con 1
2
0


( pu assumere valori compresi tra 0 e 2).
Da tale equazione, nel caso semplice esaminato, la distanza risulta essere una
frazione di met della lunghezza donda impiegata e si pu ottenere misurando lo
sfasamento tra londa uscente e londa rientrante.
Se ora il punto B si sposta di un numero intero di mezze lunghezze donda (A
Fig. 79
Fig. 80
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
167
si sposta di un numero intero di lunghezze donda) evidente che lo sfasamento non
cambia in quanto lungo il percorso 2D si inserito un numero intero di lunghezze
donda (Fig. 80)
Si pu pertanto scrivere in generale
2
n L
2
n
2 2
D


+ = + = (20)
che rappresenta lequazione fondamentale dei distanziometri ad onde.
Risulta quindi evidente che per determinare la distanza D occorrer misurare lo
sfasamento e valutare, senza errore, il numero intero n di mezze lunghezze
donda.
4.3. Precisione dei distanziometri
La precisione della misura di una distanza effettuata con il distanziometro di-
pender dalla precisione con cui si riesce a misurare la differenza di fase e dalla pre-
cisione con cui si realizza la lunghezza donda.
Nei moderni distanziometri lo sfasamento viene misurato con uno strumento
detto discriminatore di fase, o comparatore di fase, la cui precisione risulta compresa
tra
2000
1
e
1000
1
di 2 : ci equivale a considerare sulla misura della distanza un
errore variabile tra
2 2000
1
2 1000
1
; ad es. utilizzando unonda con =20 m si ot-
terrebbe un s.q.m. sulla distanza dipendente dalla precisione del discriminatore di fa-
se compreso tra 10 mm e 5 mm.
La precisione relativa con cui si realizza la lunghezza donda pu ritenersi
uguale alla precisione relativa con cui si realizza la frequenza che, nei moderni
oscillatori al quarzo termostatizzati, compresa tra 10
-6
e 10
-7
; tale precisione sulla
per anche influenzata dalla precisione con cui si riesce a determinare la sua velo-
cit di propagazione nellaria che a sua volta dipendente dalle incertezze nella de-
terminazione dei parametri atmosferici, temperatura pressione e tensione di vapore,
necessari per determinare lindice di rifrazione dellaria. Queste ultime cause di in-
certezze si fanno sentire maggiormente sulle onde elettromagnetiche centimetriche
(onde radio) rispetto alle onde luminose per cui usando apparecchiature che utilizza-
no onde e.m. centimetriche in cattive condizioni atmosferiche ci si deve aspettare un
notevole calo sulla precisione della misura.
In linea di massima, ed in buone condizioni atmosferiche, lerrore relativo sulla
misura della distanza dovuto alla lunghezza donda si pu considerare pari a 10
-6
.
In conclusione la precisione sulla misura della distanza caratterizzata da un
s.q.m. che consta di una parte indipendente dalla distanza e deriva dal discriminatore
di fase e di una parte dipendente dalla distanza che deriva dalle incertezze con cui si
realizza la lunghezza donda; si ha pertanto
( ) D 10 k m m
6
c D

+ =
I distanziometri in commercio hanno un s.q.m. variabile tra
( ) D 10 . 3 cm 5 , 1 m
6
D

+ =
e
( ) D 10 . 1 mm 5 m
6
D

+ =
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
168
4.4. Determinazione del numero intero n di mezze lunghezze donda
Nella variet dei distanziometri in commercio si riscontrano vari procedimenti
per la determinazione del numero intero n di mezze l.d.o.:
a) utilizzazione di l.d.o. crescenti per multipli di 10m;
b) utilizzazione di tre l.d.o. di cui due poco diverse tra loro;
c) utilizzazione di una l.d.o. variabile in modo continuo tra due limiti prefis-
sati.
Ci limiteremo a descrivere il metodo a) con lausilio di un esempio numerico
che meglio si presta ad un suo chiarimento.
Si voglia misurare una distanza di 41489,20m che corrisponde ad un percorso
dellonda di 82978,40m.
Se iniziamo la misura utilizzando una l.d.o. di 20m otterremo un valore L
10
,
compreso tra 0 e 10m, corrispondente allo sfasamento misurato, che rappresenta il
valore della distanza a meno di un numero intero di decametri; otterremo cio una
misura del tipo
D = (L
10
+ n.10)m = (9,20 + n.10)m
con n incognito.
Ricordando la precisione del discriminatore, su tale misura avremo un s.q.m.
dovuto allo stesso di 510mm.
Ripetiamo la misura utilizzando una l.d.o. di 200m ottenendo un valore L
100
,
compreso tra 0 e 100m, con un s.q.m. dovuto al discriminatore di 50100mm,che
rappresenta il valore della distanza a meno di un numero intero di ettometri
D = (L
100
+ n.100)m = (89 + n.100)m
con n incognito.
Gi da queste due misure si evince come pu funzionare il metodo: con la pri-
ma misura avremo sicuramente con certezza il numero di metri (9m) e non il numero
di decimetri in quanto il 2 potrebbe essere 1 se si avesse 19 (si tenga presente che lo
s.q.m. su questa misura varia tra 0,005 e 0,01 m).
Con la seconda misura avremo sicuramente il numero di decametri (8).
La misura quindi continua usando onde con l.d.o. crescenti: 2000n, 20.000m,
200.000m.
In conclusione tale misura si presenter con la seguente sequenza di osserva-
zioni (le quantit sono tutte espresse in m):
2


2 2 2


)
2
n
2 2
( D


+ =
s.q.m. Valore di
n
10 0,920 9,20 9,20 + n.10 0,0050,01 4148
100 0,892 89,2 89,2 + n.100 0,050,1 414
1000 0,489 489 489 + n.1000 0,51 41
10.000 0,148 1480 1480 + n.10.000 510 4
100.000 0,414 41400 41400 + n.100.000 50100 0
Da tale sequenza si pu senzaltro risalire alla misura della distanza conside-
rando per ogni l.d.o. la cifra sicuramente non affetta da errori (sottolineata in colonna
3): otterremo in conclusione una misura di
D = 41489,20m 0,0050,01m
tenendo presente che lo s.q.m. indicato solo quello riferito al discriminatore di fase.
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
169
Va detto che per ottenere una precisione elevata sulle cifre decimali la misura
con una l.d.o di 20m viene ripetuta varie volte per calcolare in modo corretto, appli-
cando la teoria degli errori, il relativo s.q.m..
Questo metodo, utilizzato in uno dei primi distanziometri prodotti, veniva rea-
lizzato variando manualmente la lunghezza d'onda e quindi con notevole allunga-
mento dei tempi di misura.
Il metodo fu, per tale motivo, abbandonato a favore dei metodi b) e c) ma, con
il progredire dell'elettronica, stato successivamente ripreso ed oggi tutti i moderni
distanziometri lo utilizzano, ovviamente in variante pi sofisticata con la realizzazio-
ne di tutto il processo di misura in maniera automatica.
4.5. Caratteristiche delle onde
Lo schema che abbiamo descritto implica ovviamente che londa rientrante ab-
bia sufficiente energia per determinare il corretto funzionamento dello strumento.
E noto infatti che lenergia prodotta da un fenomeno oscillatorio si propaga
nello spazio in tutte le direzioni e si distribuisce su una superficie sferica che cresce
con il quadrato della distanza dalla sorgente; tale energia inoltre si dissipa perch il
mezzo in cui si propaga non perfettamente elastico (in un mezzo perfettamente
elastico lenergia ricevuta da ogni punto oscillante verrebbe totalmente trasmessa al
punto contiguo) e per i noti fenomeni di diffusione per cui le particelle presenti nel
mezzo ed aventi dimensioni prossime alla lunghezza donda diventano sede di rifles-
sioni e rifrazioni disordinate che disperdono lenergia.
Ad evitare limpiego di potenze che diventerebbero proibitive sulle lunghe di-
stanze necessario impiegare onde di cui riesca facile la convogliabilit in stretti an-
goli solidi per evitare di far propagare lenergia in tutte le direzioni.
Le onde che meglio si prestano a questa coercizione sono quelle elettromagne-
tiche mediante opportune antenne, ed anzi tale opportunit cresce con laumentare
della frequenza; quantitativamente si pu dire che da questo punto di vista vanno
usate onde di lunghezza compresa tra 1 e 3 cm cui corrispondono frequenze tra
30.000 e 10.000 MHz (La frequenza si misura in Hz, cio 1 Hz equivale al tempo di 1
sec per compiere un ciclo; 1000 Hz = 1 KHz = 1 KiloHertz equivale al tempo di
1/1000 di sec; 1000000 Hz = 1 MHz = 1 MegaHerz equivale al tempo di 1/1000000
di sec).
Ancora pi facile diviene il problema della convogliabilit se si usano onde
luminose, o di frequenza vicina alle luminose, usando un semplice sistema ottico.
Le piccole lunghezze donda che saremmo costretti ad usare per superare il
problema detto renderebbero per problematico il calcolo del numero n di mezze
lunghezze donda ed il funzionamento del discriminatore di fase. Per queste ultime
esigenze servirebbero lunghezze donda dellordine della decina di metri (f =
30MHz).
Questa contraddizione si risolve usando onde di facile convogliabilit (onde
e.m. centimetriche, onde luminose o paraluminose) ma facendone variare nel tempo
una loro caratteristica in modo da riprodurre unonda di lunghezza decisamente pi
elevata.
Il metodo pi usato quello di modularle in ampiezza: si fa variare nel tempo
con legge sinusoidale lampiezza V
0
dellonda che quindi avr unequazione del tipo
) t sen( V V V
m m 01 0
+ + =
Per conseguenza londa avr unequazione del tipo:
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
170
| | ) t sen( ) t ( sen V V V
0 m m 01
+ + + =
rappresentata graficamente in Fig. 81.
Ci equivale fisica-
mente a far propagare
unonda di lunghezza
m
corrispondente alla pulsa-
zione
m
, sul

supporto di
unonda di lunghezza
minore corrispondente alla
pulsazione .
Londa di lunghezza

m
viene detta modulante
ed quella che viene usata per la misura della distanza, mentre londa di lunghezza
detta portante e viene scelta con le caratteristiche utili per risolvere i problemi della
propagazione.
Un diverso metodo per risolvere il problema si ottiene facendo variare con leg-
ge sinusoidale la pulsazione dellonda emessa, ottenendo in tal modo unonda mo-
dulata in frequenza, rappresentata in Fig. 82.
Tale metodo presenta le stesse caratteristiche di adattabilit al metodo di misu-
ra delle onde modulate in ampiezza .
Unaltra possibilit rappresentata dalla generazione di un fenomeno periodico
tramite la produzione di battimenti, cio dalla somma di due onde sinusoidali isodi-
rette di frequenza poco diversa tra loro. Il risultato unoscillazione con una fre-
quenza media delle due componenti ed ampiezza che varia nel tempo sinusoidal-
mente; quindi lo stesso della modulazione di ampiezza anche se diversa ne la ge-
nerazione del fenomeno.
4.6. Caratteristiche dei riflettori
Londa emessa dal distanziometro, giunta allestremo della distanza da misura-
re, dovr opportunamente essere riflessa per ritornare allo strumento con energia suf-
ficiente per permettere il funzionamento dellapparato di lettura.
Per questo scopo negli strumenti che usano onde luminose o paraluminose si
usa un riflettore nel vero senso della parola; esso costituito da un prisma trirettan-
golo o retrodirettivo (detto comunemente prisma catarifrangente) che ha la propriet
di riflettere londa nella stessa direzione di provenienza anche se la sua faccia ante-
riore risulta ruotata rispetto alla direzione dellonda purch tale rotazione si manten-
ga in un limite di 20.
Fig. 81
Fig. 82
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
171
Tali prismi (Fig. 83 a)), di ridotte dimensioni,
hanno una loro portata, cio una massima distanza en-
tro la quale hanno la capacit di rinviare allo strumento
una quantit di energia sufficiente per il corretto fun-
zionamento; tale portata, funzione sia del tipo di onda
usata che della sua convogliabilit e della purezza del
cristallo usato, risente notevolmente delle condizioni
atmosferiche e varia da strumento a strumento (attual-
mente compresa nei limiti 26 km).
Ove la distanza da mi-
surare superi la portata di un
singolo prisma si aumenta il
numero; per questo scopo
esistono opportuni supporti
che permettono lutilizzo di
un singolo prisma, di tre pri-
smi, fino a undici prismi per
le massime distanze misu-
rabili dallo strumento (Fig. 83 b), c), d) e Fig. 84).
I supporti leggeri (da 1 a 3 prismi) si innestano su
una palina, in genere estensibile (Fig. 83 e)) mentre i supporti pesanti (11 prismi) si
montano su un treppiede tramite una basetta.
4.7. Alcuni esempi di distanziometri
4.7.1. Distanziometri a differenza di fase
Si riportano di seguito in Fig. 85 alcuni esempi di distanziometri con le relati-
ve precisioni e portate.
Viene anche riportato il posizionamento sul teodolite (Fig. 86) che necessita di
un contrappeso per stabilizzare le rotazioni del cannocchiale.
4.7.2. Distanziometri ad impulsi
L'idea concettuale di misurare una distanza determinando il tempo che un se-
gnale di brevissima durata impiega partendo da un'emittente e ritornandovi dopo es-
sere stato riflesso risale addirittura a Galileo Galilei.
In tempi moderni all'inizio dell'era dei distanziometri l'idea era subito stata
scartata per l'impossibilit di misurare il tempo con la necessaria precisione per otte-
nere s.q.m. accettabili sulla misura della distanza.
Infatti per ottenere uno s.q.m. centimetrico sulla distanza D, ottenibile tramite
la formula
2
t v
D =
con v velocit della radiazione nell'aria, approssimativamente uguale a 3
.
10
10
cm/sec,
si sarebbe dovuto misurare il tempo con una precisione di 10
-10
sec; improponibile
con i mezzi a disposizione necessari per realizzare un semplice distanziometro topo-
grafico.
Fig. 83
Fig. 84
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
172
Intorno agli anni ottanta l'idea stata ripresa e risolta dalla Leica che ha lan-
ciato sul mercato un distanziometro, denominato Distomat DI 3000S (Fig. 87), che
ha avuto subito rapido successo commerciale per la notevole portata che si raggiun-
geva con un solo prisma (7000 m).
A grandi linee il principio su cui si basa tale distanziometro il seguente:
- nel momento in cui lo strumento emette il segnale questi apre un circuito elettro-
nico che viene successivamente chiuso al rientro del segnale riflesso;
- questo circuito emette una serie di impulsi che vengono conteggiati da un adatto
"clock" e che costituiscono la scala per la valutazione del tempo di andata e ritor-
no.
Indicando con T la durata di un impulso ed n il numero di impulsi, il tempo t di
andata e ritorno sar semplicemente
t = nT
A tale tempo dovranno per essere aggiunti dei residui derivanti dai segnali di
inizio e fine che vengono determinati tramite un meccanismo di variazioni di tensio-
ne dei segnali.
Si otterr infine
t = nT + t
1
t
2
da cui si risale alla distanza.
La stessa Ditta ha anche prodotto con lo stesso principio un distanziometro
identico al precedente ma che utilizza una radiazione Laser e pu essere utilizzato su
qualunque superficie riflettente, quindi senza l'uso di un prisma, con portate fino a
100 m; ovviamente con l'uso di un prisma raggiunge le stesse portate del modello
precedente.
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
173
Fig. 85
Fig. 86
Parte IV Capitolo 2
1998/99 F.Resta
174
4.7.3. Un piccolo distanziometro tascabile
Basati sul metodo indicato al paragrafo
precedente esistono sul mercato dei piccoli di-
stanziometri funzionanti con segnali Laser che
permettono la misura di piccole distanze, intorno
ai 100 m, senza l'utilizzo di alcun prisma con
precisioni di 3-5 mm (Fig. 88).
Si rivelano molto utili per le misure di abi-
tazioni e possiedono molte funzioni per il calcolo
di aree, volumi, sottrazioni di vuoti (per es. fine-
stre) etc.
Molto maneggevoli pesano intorno ai 600-700 gr.
Fig. 87
Fig. 88
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
175
CAPITOLO 3
STRUMENTI ED OPERAZIONI DI MISURA DEI DISLIVELLI
1. Generalit e definizioni
1.1. Definizione di quota
Nel procedimento indicato nel par.1.2. del Capitolo 1 Parte I si visto come
si renda necessaria la proiezione di un punto situato sulla superficie terrestre sul
geoide.
In tale procedimento schematicamente la proiezione veniva effettuata lungo la
verticale ottenendo con ci la planimetria del punto.
In effetti la planimetria di un punto P situato sulla superficie terrestre andrebbe
fatta secondo la linea di forza del campo
gravitazionale passante per P (Fig. 89)
ottenendo cos sul geoide il punto P
o
che
si indica col nome di planimetria di P.
La distanza di P da P
o
, misurata
lungo tale linea di forza viene detta quota
ortometrica di P.
L'arco PP
o
in generale molto pic-
colo rispetto al raggio terrestre per cui si
ritiene lecito considerare tale arco coinci-
dente con la verticale passante per P (che gli tangente in P) e che questa coincida
con la normale al geoide passante per P
o
.
In tal senso la planimetria di P risulta come la proiezione di P sul geoide ed il
segmento PP
o
, considerato come tratto di verticale, rappresenta la quota ortometrica
di P ed indicata come Q
P
.
Ricordando che il geoide si pu materializzare con il livello medio marino la
quota ortometrica , come dianzi definita, quella che comunemente si indica come
quota di un punto (in Italia spesso si aggiunge al numero il riferimento s.l.m.); nel
linguaggio scientifico, specie anglossassone, si indica anche come quota geoidica.
In tali appunti, quando non altrimenti specificato, per quota di un punto si in-
tende sempre la quota ortometrica.
Fig. 89
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
176
In realt, ricordando che la posizione dei punti definita dalla latitudine e lon-
gitudine sull'ellissoide scelto, la definizione pi razionale di quota di un punto do-
vrebbe essere rappresentata dalla sua distanza dall'ellissoide presa lungo la normale
allo stesso; tale quota si indica col nome di quota ellissoidica.
La quota ellissoidica richiesta per svariate applicazioni ma la quota orto-
metrica che ha valenza pi generale ed pi largamente usata.
1.2. Quota dinamica
La definizione di quota ortometrica (geoidica) data nel paragrafo precedente
genera una complicazione in quanto le
superfici equipotenziali del campo
gravitazionale, o superfici di livello,
non sono tra di loro parallele; ne ri-
sulta che tutti i punti di medesima
quota ortometrica non giacciono su di
una superficie di livello di potenziale
W costante.
Analiticamente se consideriamo
la superficie di livello corrispondente
ad un valore W del potenziale su cui
giacciono due punti P
1
e P
2
e la superficie infinitamente vicina corrispondente ad un
valore del potenziale di W-dW si avr
dW dh g dh g
2 2 1 1
= = (21)
avendo indicato con g
1
e g
2
i valori della gravit in P
1
e P
2
e con dh
1
e dh
2
gli archi
infinitesimi delle linee di forza passanti per questi punti o, ci che lo stesso, le dif-
ferenze di quota ortometrica tra le due superfici per P
1
e P
2
.
La (21) deriva dalla relazione
dW gdh = (22)
gi indicata nel par. 2.1 del Cap.1 parte I che esprime la costanza del lavoro in oppo-
sizione alla gravit per portare l'unit di massa da W a W-dW.
Essendo g funzione di punto sar in generale g
1
g
2
e per conseguenza dh
1

dh
2
da cui si deduce che le superfici di livello non sono parallele.
Consideriamo ora due punti A e
B appartenenti alle superfici equipo-
tenziali W
A
e W
B
. Per andare da A a B
si potranno in generale seguire percor-
si differenti sempre comunque lungo
linee di forza; siano per es. AA'B,
AB'B, ACDEFMNB (Fig. 91).
Seguendo il primo percorso
AA'B si ottiene come risultato (diffe-
renza di quota ortometrica tra A e B) il
tratto di linea di forza AA' in quanto il
tratto A'B giacendo su una superficie
di livello non da alcun contributo.
Con il secondo percorso AB'B
il risultato rappresentato dal tratto di
linea di forza B'B.
Fig. 90
Fig. 91
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
177
Con il terzo percorso il risultato rappresentato dalla somma dei tratti CD,
EF,MN.
Matematicamente ci si esprime dicendo che
g
dW
dh =
non un differenziale esatto in quanto g non funzione di W e che quindi l'integrale
degli incrementi infinitesimi di quota lungo un percorso che congiunge due punti
sulla superficie terrestre

=
s s
g
dW
dh (23)
dipende dal percorso s effettivamente seguito.
E' stata quindi introdotta una definizione di quota che permettesse il supera-
mento di questa complicazione. Tale definizione parte dalla considerazione che inte-
grando la (22) lungo un percorso qualunque s che colleghi i punti A e B si ottiene

=
s
B A
W W gdh (24)
che si pu cos enunciare: la somma dei prodotti dei relativi dh per il valore della
gravit nei singoli punti eguaglia la differenza di potenziale delle due superfici pas-
santi per A e B.
Se la superficie passante per A si fa coincidere con il geoide all'integrale (24)
viene dato il nome di quota dinamica.
Se la gravit espressa in kilogals (1 gal equivale all'accelerazione di 1cms
-2
. 1
kgal = 1000 gal = 10 ms
-2
. Mediamente la gravit al livello del mare vale 980 gal) ed
h in metri l'unit di misura della quota dinamica, detta unit geopotenziale, indicata
con la sigla GPU, dove
1 GPU = 1kgal.metro = 100000 cm
2
s
-2
= 10 m
2
s
-2
1.3. Metodi di misura dei dislivelli
In topografia esistono fondamentalmente due metodi per determinare i disli-
velli: le livellazioni geometriche e le livellazioni trigonometriche.
Le livellazioni geometriche, inserite nel campo delle misure dirette, si eseguo-
no con una particolare strumentazione e procedura e sono analizzate in questa Parte
IV mentre le livellazioni trigonometriche rientrano nel novero delle operazioni topo-
grafiche in quanto eseguite con la strumentazione propria dei rilievi topografici e sa-
ranno trattate nella Parte V.
2. Misure dirette di dislivelli
2.1. Generalit
In topografia la quota assoluta di un punto non si riesce a determinare; quello
che riusciamo a determinare la differenza di quota, meglio nota come dislivello fra
punti della superficie fisica del terreno.
La misura diretta di una quota non in genere possibile per cui, definito un
punto di quota nulla e partendo da esso, con successive misure di dislivelli si possono
ottenere le quota assolute di tutti i punti della terra.
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
178
Il punto di quota nulla, corrispondente al livello medio marino, viene determi-
nato con opportuni strumenti detti mareografi.
La misura diretta, anche se a rigore di logica si tratta di una misura indiretta,
dei dislivelli in topografia viene effettuata con un'operazione detta livellazione geo-
metrica (spirit levelling nella bibliografia anglosassone).
2.2. Principio della livellazione geometrica
Per chiarire il principio della livellazione geometrica si consideri lo schema di
Fig. 92
Sui due punti A e B del terreno sono poste due stadie ed accanto ad esse due
bicchieri contenenti acqua e collegati tra di loro tramite un tubo.
Le superfici del liquido in ogni bicchiere si dispongono secondo una superfi-
cie equipotenziale del campo della gravit che, data la vicinanza dei punti A e B, pu
ritenersi parallela al geoide.
Indicando con l
A
ed l
B
le letture fatte sulle stadie in corrispondenza della su-
perficie del liquido si avr
B B A A
l Q l Q + = +
da cui
B A A B AB
l l Q Q = = (25)
Questa operazione viene denominata battuta di livellazione e permette di ri-
cavare il dislivello tra i due punti A e B; lo strumento utilizzato va sotto il nome di li-
vello ad acqua di portata limitata a qualche decina di metri.
Volendo determinare dislivelli tra punti distanti si ricorre a pi battute fra
punti disposti lungo una linea, detta linea di livellazione.
Il livello ad acqua ha per un limitato campo d'uso, quasi esclusivamente per
collaudi di particolari manufatti; nella pratica topografica lo strumento utilizzato il
livello a cannocchiale (semplicemente livello nell'uso comune).
Fig. 92
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
179
Il livello uno strumento il cui asse di collimazione pu essere disposto su un
piano orizzontale, per cui posto il livello in un punto M intermedio tra A e B (Fig. 93)
la differenza l
A
l
B
delle letture fatte alle stadie fornisce ancora il dislivello Q
B
Q
A
dato che le due lettura differiscono da quelle individuate dalla superficie equipoten-
ziale di un'identica quantit h, peraltro piccolissima data la portata del livello che in
genere non eccede i 100m.
3. Il livello
3.1. Il livello con vite di elevazione
L'unico tipo di livello largamente utilizzato nei rilievi moderni il livello con
vite di elevazione.
Schematicamente esso costituito da una traversa T (Fig. 94) girevole intorno
ad un asse a ed imperniata su di una base dotata di viti calanti o di uno snodo sferico
che permettono di rendere verticale l'asse a.
Il cannocchiale viene collegato alla traversa tramite una cerniera O ed una vite
E, detta vite di elevazione che ne permette rotazioni zenitali in un piccolo settore (2
g
) intorno al suo asse passante per O.
Rigidamente collegata al cannocchiale vi una livella torica, generalmente del
tipo a coincidenza di immagine di elevata sensibilit (10
cc
2
c
) utilizzata per rendere
orizzontale l'asse di collimazione.
Una livella sferica di non elevata sensibilit, circa 30
c
, collegata alla traversa
e viene utilizzata per rendere verticale l'asse principale.
Fig. 93
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
180
Il livello si dice rettificato quando la tangente centrale della livella parallela
all'asse di collimazione.
Con un livello rettificato, dopo aver reso verticale l'asse a tramite la livella
sferica, si rende facilmente orizzontale l'asse di collimazione semplicemente centran-
do la livella torica tramite la vite di elevazione E.
Quando si ruota il livello per effettuare altre letture la bolla della livella torica
tende a spostarsi a causa dell'errore di verticalit, peraltro notevole dato l'utilizzo di
una livella sferica di non elevata sensibilit per la messa in stazione, per cui si rende
necessario un nuovo centramento della livella con la vite E per riportare l'asse di col-
limazione in posizione orizzontale.
Quindi il centramento della livella torica deve essere eseguito sempre prima
di ogni lettura alla stadia.
Si noti che tutti i teodoliti che possiedono una livella posta a cavaliere sul can-
nocchiale possono essere utilizzati come livelli (vedi il teodolite rappresentato in
fig.51 al Capitolo 1 ); in tal caso la vite micrometrica degli spostamenti zenitali funge
da vite di elevazione.
Il cannocchiale dei livelli sempre dotato di reticolo distanziometrico in
quanto spesso, per i motivi che saranno spiegati nel prossimo paragrafo, si rende ne-
cessaria la misura della distanza dello strumento dalle stadie.
3.2. Caratteristiche del livello
Le caratteristiche fondamentali di un livello sono:
- l'ingrandimento del cannocchiale;
- il diametro dell'obbiettivo del cannocchiale;
- la sensibilit della livella torica.
L'ingrandimento del cannocchiale determina la grandezza apparente del tratto
di stadia che si collima e quindi la capacit di apprezzamento della frazione di centi-
metro che si riesce a stimare.
Fig. 94
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
181
Tale capacit per anche dipendente dal potere risolutivo del cannocchiale
che esprime la minima distanza di due punti sul reticolo per averne la visione distinta
ed inversamente proporzionale al diametro del cannocchiale.
Le due caratteristiche devono essere armonicamente bilanciate in un livello;
variano in un campo di 15-60 per gli ingrandimenti e di 20mm-50mm per i diametri.
Dalla terza caratteristica dipende la precisione con cui si realizza l'orizzontalit
dell'asse di collimazione ed ha un campo di variazione da 10
cc
a 2
c
.
3.3. Esecuzione di una battuta di livellazione
Durante l'esecuzione di una battuta di livellazione la condizione fondamentale
che l'asse di collimazione del livello giaccia su un piano orizzontale.
Tale condizione si realizza , dopo aver posto l'asse principale del livello verti-
cale con l'ausilio della livella sferica, semplicemente centrando la bolla della livella
torica tramite la vite di elevazione purch il livello sia rettificato.
Infatti in condizione di non rettifica centrando la bolla si rende la tangente
centrale della livella orizzontale ma non l'asse di collimazione non esistendo paralle-
lismo tra le due rette; l ' asse di collimazione former in tal caso un angolo con
l'orizzontale e le letture alle stadie non porteranno a misure corrette.
Nell'esecuzione di una battuta di livellazione quindi molto importante avere il
livello perfettamente rettificato. Si vedr nel prossimo paragrafo come ci possa es-
sere fatto.
Nonostante ci per sempre difficile che la condizione di rettifica sia mante-
nuta in uno strumento che viene utilizzato spesso in campagna in condizioni disage-
voli; permarrano sempre dei piccoli errori detti errori residui di rettifica per cui si
pone il problema di utilizzare un metodo di misura che tenda ad eliminarli.
Il metodo, molto semplice ed intuitivo, consiste nel porre il livello in posizione
equidistante dalle due stadie (Fig. 95).
In tale assetto, in condizione di livello rettificato , le letture alle stadie porte-
ranno alla determinazione del dislivello
B A A B AB
l l Q Q = = (26)
In assenza di rettifica l'asse di collimazione risulter inclinato di un angolo ri-
spetto alla tangente centrale, inclinazione che permarr in qualunque direzione es-
sendo i due assi solidali tra di loro.
Tale inclinazione provoca sulle due stadie due errori uguali e dello stesso segno
tan d x x
B A
= =
che nel calcolo del dislivello si eliminano.
Si otterr
AB B A B B A A
'
B
'
A
'
AB
l l x l x l l l = = + = =
Questo metodo noto come livellazione geometrica dal mezzo presenta anche
altri vantaggi:
- evita la messa a fuoco del cannocchiale su ogni stadia;
- consente di determinare il dislivello indipendentemente dalla curvatura del geoi-
de;
- elimina eventuali piccoli errori dovuti alla rifrazione atmosferica che tende ad in-
curvare i raggi luminosi verso il basso.
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
182
Nella battuta dal mezzo non importante che il livello sia posto lungo l'alli-
neamento AB ma in qualunque posizione purch equidistante dalle due stadie; n
importante che tale equidistanza sia realizzata con elevata precisione: si pu tollerare
una differenza di 4-5 m.
3.4. Precisione di una battuta di livellazione
In una battuta di livellazione le uniche grandezze che vengono misurate sono i
tratti di stadia tra il punto a terra e l'asse di collimazione per cui l's.q.m. del dislivello
dipende dall's.q.m. delle misure eseguite sulle stadie.
Indicando con m l's.q.m. di ogni misura eseguita alle stadie, posto uguale per
entrambe le misure, per ottenere l's.q.m. del dislivello si applicher la formula indi-
cata al par. 10. del Cap.2, Parte III.
Si avr, ricordando la (26)
2 m m
l
m
l
m
2
2
B
AB 2
2
A
AB
AB
=
|
|
.
|

\
|

+
|
|
.
|

\
|

(27)
Il valore di m, oltre che dalla bont del livello, fortemente influenzato dalla
distanza a cui sono poste le stadie aumentando notevolmente all'aumentare della di-
stanza.
Per le normali stadie in legno centimetrate, con d=50m, si pu porre m=1mm.
3.5. Accessori per aumentare la precisione.
Lamina piano-parallela
Per aumentare la precisione delle misure di dislivelli gli strumenti pi precisi
sono dotati di un accessorio che consente di trasformare la lettura che si esegue alla
stadia da lettura a stima a lettura a coincidenza.
L'accessorio una semplice lamina piano-parallela posta, in alcuni livelli, di-
rettamente nel cannocchiale davanti all'obbiettivo, in altri in una struttura separata
che si innesta in caso d'uso sul livello.
Sono note le propriet ottico-geometriche della lamina (Parta IV- Cap.1-
par.4.4.); in questo particolare uso quando la lamina, posta davanti all'obbiettivo, ha
Fig. 95
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
183
le facce perpendicolari all'asse di collimazione essa viene attraversata dal raggio lu-
minoso senza che questo subisca alcuna traslazione ne deviazione; alla stadia quindi
la lettura al filo medio del reticolo la stessa fatta in assenza di lamina: nel caso in-
dicato in Fig. 96 a). la lettura al filo medio sar 1142 mm.
Ruotando la lamina con un opportuno bottone si realizza una traslazione t
i
del-
l'immagine del reticolo fino a far coincidere il filo medio esattamente con la tacca
centimetrica pi prossima (Fig. 96 b)).
La rotazione della lamina comandata da un tamburo graduato, in genere, in
100 divisioni che coprono l'intervallo di 1 cm; cio ruotando la lamina da 0 a 100 il
filo medio subisce una traslazione di 1 cm. Quindi la traslazione t
i
subita dal filo nel-
l'esempio in figura si legge direttamente sul tamburo in decimi di mm e si giunge a
stimare i centesimi di mm.
Fig. 96
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
184
Stadia in invar
Per misure di elevata precisione anche le stadie do-
vranno essere di elevata precisione; si usano per tale eve-
nienza stadie in invar.
Queste sono costituite da un'armatura in legno cui
opportunamente fissato un nastro in invar (Fig. 98) su cui
sono tracciate due graduazioni con tratti di spessore non su-
periore ad 1 mm.
I tratti (Fig. 98)sono tracciati con grande cura in modo
che gli errori di graduazione siano inferiori a poche centesimi
di mm.
Le due graduazioni sfalsate di una determinata quantit
detta costante della stadia servono a migliorare a precisione
della lettura; infatti effettuando le letture alle due graduazioni
e verificando che, a meno delle fluttuazioni accidentali, la lo-
ro differenza rientri nella costante della stadia si eliminano
eventuali errori grossolani e si ottengono due misure della
stessa grandezza.
La parte termi-
nale delle stadie in in-
var, costituita da una
struttura metallica ter-
minante a piano rettifi-
cato, viene sempre
poggiata su una basetta
metallica terminante
con un perno cilindrico
a testa semisferica..
In tal modo viene
assicurato l'appoggio
puntuale e la perfetta
rotazione della stadia
senza movimenti verti-
cali.
Data la loro
struttura le stadie invar
non sono pieghevoli
come le normali stadie
in legno ed hanno lun-
ghezze variabili fino ad un massimo di 3 m
(Fig. 97).
Fig. 97
Fig. 98
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
185
Reticolo a cuneo
Per leggere sulle stadie invar viene utilizzato un reticolo particolare detto re-
colo a cuneo o reticolo a coda di rondine.
E' visibile in Fig. 99 dove si pu notare
come viene utilizzato per collimare una tacca
della stadia.
3.6. Verifica e rettifica di un livello
Come detto al par.3.3. importante veri-
ficare saltuariamente il livello per controllare il
suo stato di rettifica ed eventualmente rettificarlo.
La verifica si pu eseguire in modo abba-
stanza semplice eseguendo dapprima una battuta
dal mezzo e determinando il relativo dislivello e
poi, sempre tenendo ferme le stadie sugli stessi
punti, una battuta ponendo il livello eccentrico in
una posizione S.
In questo secondo caso, in assenza di srettifica, si avrebbe sempre il dislivello
esatto (Fig. 100 )pari a
"
B
"
A A B
l l Q Q

= (28)
per cui se i due dislivelli, quello determinato dal centro e quello determinato con il
livello eccentrico, sono uguali si pu considerare il livello rettificato.
In presenza di un angolo di srettifica , nel caso di livello eccentrico si otterr
il dislivello
"
B
"
A
"
B
"
A
"
B
"
A A B
l l D l d l l l Q Q

+ = =
per cui se i due dislivelli, quello con battuta dal mezzo e quello con battuta eccentri-
ca, sono diversi si deduce che il livello non rettificato.
Si noti che in fig. gli errori di lettura alle stadie dovuti alla presenza dell'an-
golo sono stati indicati sostituendo l'angolo alla sua tangente.
Per rettificare il livello si procede nel seguente modo:
- si considera come esatta la lettura eseguita in A, data la piccolezza del tratto d;
Fig. 99
Fig. 100
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
186
- muovendo la vite di elevazione si impone in B la lettura che darebbe il dislivello
esatto pari a
( )
A B
"
A
"
B
Q Q l l =

dove il dislivello quello determinato con la battuta dal mezzo;
- con questa operazione la bolla della livella torica non risulta pi centrata per cui
la si riporta al centro agendo sulla piccola vite di rettifica della livella;
- si esegue infine una lettura alle stadie per verificare che il dislivello sia uguale a
quello determinato con la battuta dal centro;
- se esistono ancora piccole differenze si ripete tutta l'operazione una seconda vol-
ta.
L'operazione di rettifica si pu anche eseguire in altro modo imponendo in B
la lettura voluta tramite lo spostamento del reticolo del cannocchiale che come noto
modifica l'asse di collimazione.
3.7. Esecuzione di una linea di livellazione
Con una battuta di livellazione si riesce a misurare il dislivello tra punti distanti
qualche centinaio di metri; se, come spesso si presenta nella pratica, si vogliono de-
terminare dislivelli tra punti molto distanti, necessario eseguire una linea di livella-
zione che consiste nell'esecuzione di pi battute collegate tra di loro secondo lo
schema indicato in Fig. 101.
Il rilievo si esegue con due stadie ed un livello con la seguente procedura:
- si dispongono le stadie sui punti CS1 ed A ed il livello al centro;
- si eseguono le letture alle stadie;
- quindi la stadia che era in CS1 si sposta in B, il livello si pone al centro tra A e B,
mentre la stadia che era in A viene fatta ruotare su se stessa per permetterne la
lettura ( si nota in questa operazione l'importanza della basetta su cui poggiare la
stadia: essa permette la rotazione della stadia su di un punto senza nessun movi-
mento verticale, cosa che invece si avrebbe se la stadia ruotasse sul terreno per
ovvi motivi);
- si prosegue quindi nello stesso modo per le tratte B-C e C-CS2.
Il dislivello tra i punti CS1 e CS2 sar ovviamente dato dalla somma dei disli-
velli parziali delle varie battute.
In genere se si individua un verso di percorrenza e si indica con i la lettura in-
dietro e con a la lettura in avanti il dislivello della battuta k-ma sar
k k k
a i =
per cui il dislivello complessivo tra i due capisaldi sar
Fig. 101
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
187
( )

=
=
=
=
=
=
= =
n k
1 k
k
n k
1 k
k
n k
1 k
k k
a i a i
si pu cio ottenere come differenza fra la somma di tutte le letture indietro e la
somma di tutte le letture in avanti.
3.8. Precisione di una linea di livellazione
Nel par.3.4. si visto come si calcola la precisione di una battuta; in presenza
di una linea di livellazione costituita da n battute, considerando l's.q.m. delle letture
sempre uguale e pari ad m, con evidente estensione, si otterr l's.q.m. del dislivello
n 2 m m =

(29)
La formula (29), si badi bene, puramente teorica, anche se nello s.q.m. di
una lettura si considerano conglobati l's.q.m. di lettura propriamente detto, l's.q.m. di
centramento della livella, l's.q.m. derivante dalla non perfetta verticalit della stadia e
quello derivante dalla non perfetta graduazione della medesima. Non tiene per es.
conto dei, sia pur piccoli, spostamenti verticali che potrebbe avere la stadia nelle ro-
tazioni che subisce nel passare da una battuta alla successiva.
Nella pratica topografica una linea di livellazione deve sempre essere con-
trollata e ci si ottiene semplicemente eseguendo la linea dal caposaldo iniziale a
quello finale e poi ritornando sul caposaldo iniziale in genere per via diversa sempre
tramite livellazione.
Il metodo, concettualmente lo stesso, si distingue dicendo che si effettua una
livellazione in andata e ritorno se lo scopo il collegamento altimetrico tra due capi-
saldi oppure che si effettua una linea di livellazione chiusa se si segue un percorso
anulare che ritorna sul punto di partenza.
In tali casi, se si considerano complessivamente n battute, la differenza della
somma delle letture indietro e delle letture in avanti, non dar mai 0 a causa degli
inevitabili errori di misura ma indicher un valore detto errore di chiusura della li-
vellazione:

=
=
=
=
=
n k
1 k
k
n k
1 k
k
a i
Tale errore di chiusura dovr verificare la condizione
t
dove con t viene indicata la tolleranza assegnata in base allo scopo per cui la livella-
zione richiesta ed espressa generalmente nella forma
D c t =
dove con D viene indicata la lunghezza della linea di livellazione espressa in Km
mentre c una costante espressa in mm.
In funzione dei valori assunti da c le livellazioni si dividono in:
- livellazioni di alta precisione se c 1mm;
- livellazioni di precisione se c 3mm;
- livellazioni tecniche se c 2030mm.
Nelle livellazioni di alta precisione e di precisione si user strumentazione di ele-
vata qualit quindi livelli dotati di lamina piano-parallela, stadie in invar e basetta di
appoggio ed in genere le battute non supereranno mai gli 8090 m, mentre nelle li-
vellazioni tecniche si useranno normali livelli con stadie in legno avendo l'accortezza
di poggiarle su terreno non cedevole.
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
188
La precisione di un livello che dipende dalle caratteristiche indicate nel par. 3.2.
viene in genere espressa globalmente con l's.q.m. ottenibile su una linea di livella-
zione di 1 km eseguita in andata e ritorno e si indica come errore medio chilometri-
co.
3.9. Il mareografo
Il livello medio del mare che rappresenta il punto di quota 0 il livello che cor-
risponde alla media delle altezze dell'acqua (variabili per una serie di cause quali
moto ondoso, azione delle correnti, del vento delle variazioni termiche e delle maree)
rispetto ad un punto fisso.
Il livello medio viene determinato tramite il mareografo che costituito da un
galleggiante posto in un pozzo in comunicazione con il mare, i cui movimenti ven-
gono registrati da una punta scrivente su un foglio che trasla con velocit costante; il
mareografo viene posto all'interno di un porto ed al riparo da eventuali azioni pertur-
batrici.
Si determina in tal modo la posizione nel tempo del livello del mare rispetto ad
una retta tracciata sulla carta che rappresenta il riferimento.
Il mareografo viene quindi collegato con una livellazione di alta precisione ad
un caposaldo costruito con particolare cura che si chiama punto di derivazione delle
quote.
In Sardegna il mareografo situato nel porto di Cagliari presso la sede della
Capitaneria di Porto mentre il punto di derivazione delle quote situato sul lato de-
stro del portone di ingresso del Convento attaccato alla Basilica di Bonaria.
3.10. Autolivelli
E' stato osservato che con il livello con vite di elevazione, gi messo in stazio-
ne, bisogna centrare la livella torica ogni volta che si legge alla stadia.
Ci richiede una allungamento del tempo di misura tanto pi elevato quanto
pi sensibile la livella ed inoltre l'eventuale dimenticanza di tale centramento, non
cos rara quando si eseguono decine di misure, introduce un errore grossolano nella
misura del dislivello.
Per ovviare a tali inconvenienti sono stati progettati dei livelli autolivellanti
medianti sistemi a pendolo detti compensatori.
In tali livelli l'orizzontalit dell'asse di collimazione viene realizzata automati-
camente senza eseguire alcuna manovra non appena l'asse di rotazione della traversa
sia stato posto verticale con l'ausilio della livella sferica e delle tre viti calanti; essi
quindi non sono dotati ne di livella torica ne di vite di elevazione.
Essendo tali autolivelli basati su un sistema a pendolo sono dotati di un siste-
ma, di solito pneumatico, che ne smorza rapidamente le oscillazioni e ci sia per non
avere disturbi nelle letture sia per non dover attendere troppo tempo per ottenere la
stabilizzazione del pendolo.
Il campo di oscillazione del pendolo ha una ampiezza molto limitata, in genere
appena maggiore della sensibilit della livella sferica applicata al livello; quando il
livello non perfettamente messo in stazione in modo che venga superato il campo
di oscillazione il compensatore non agisce e quindi si eseguono letture ad asse di
collimazione non orizzontale.
Per avvertire la presenza di tale situazione molti autolivelli sono dotati di un
opportuno segnale che compare nel campo del cannocchiale per indicare che il si-
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
189
stema sospeso non in libera oscillazione oppure hanno un pulsante esterno che
permette di dare piccoli colpi al sistema e di controllarne nel cannocchiale la libera
oscillazione.
In questo tipo di livelli la condizione di rettifica assume una diversa definizio-
ne; la si pu enunciare nel seguente modo: quando l'autolivello in stazione il suo
asse di collimazione deve essere orizzontale.
La verifica si esegue nello stesso modo detto per il livello con vite di elevazio-
ne; l'eventuale rettifica si esegue spostando il reticolo e quindi l'assetto dell'asse di
collimazione.
3.11. Il livello digitale
Intorno agli anni 90 la societ Leica ha lanciato sul mercato un nuovo livello,
Wild NA 2000, che automatizza completamente la livellazione geometrica.
Da un punto di vista ottico-meccanico questo livello ha una struttura identica
ad un tradizionale autolivello; in pi dotato di tutta una serie di componenti elettro-
nici necessari per eseguire la lettura alla stadia.
La stadia, sempre in invar, si presenta come in Fig. 102 dotata di un codice a
barre.
Nel livello l'immagine del codice a barre viene inviata ad un
gruppo di diodi rilevatori per mezzo di un divisore di fascio. La luce
ricevuta viene divisa in una componente infrarossa ed in una visibile;
ne risulta che la luce visibile che raggiunge l'osservatore resta inalte-
rata mentre i diodi ricevono una sufficiente radiazione infrarossa a
cui sono particolarmente sensibili.
L'apertura angolare del sistema ottico nel livello di 2 gradi:
ne risulta che 70 mm di stadia possono essere rappresentati sul rile-
vatore ad una distanza minima di 1,8 m, mentre una stadia di 2 m
viene rappresentata a circa 60 m.
All'interno del livello un complesso sistema trasforma l'imma-
gine del codice a barre in unit di misura attraverso un principio
detto di correlazione.
Lo strumento permette anche la lettura automatica della distan-
za livello-stadia.
Tutti i dati di lettura sono visibili su un display a cristalli liqui-
di ma possono anche essere memorizzati su un opportuno modulo che si scarica suc-
cessivamente sul computer.
Allo stato attuale la Leica ha prodotto la nuova serie 3000 ed altre due ditte,
Zeiss e Topcon, hanno prodotto livelli analoghi.
La precisione di tali livelli per livellazioni in andata e ritorno permette il rag-
giungimento di un errore di chiusura di 1,5 mm/km; permette quindi l'esecuzione di
livellazioni di alta precisione con il vantaggio di un risparmio in tempo di 1,5 volte
rispetto ad una livellazione eseguita con un autolivello tradizionale.
3.12. La rete altimetrica di Stato
L'Istituto Geografico Militare Italiano (I.G.M.I.) ha eseguito lungo tutto il ter-
ritorio dello Stato delle linee di livellazione di altissima precisione con lo scopo di
determinare le quote assolute di una serie di punti uniformemente distribuiti.
Fig. 102
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
190
Queste linee corrono in genere su strade di grande comunicazione e collegano
tra di loro una serie di capisaldi posti ad una distanza media di 1 km.
A secondo della cura posta nella loro costruzione ed ubicazione (vedi Fig. 64
del par.12.1. Capitolo 1)si distinguono in tre specie:
- capisaldi di linea disposti ad una distanza media di 1 km;
- capisaldi principali disposti ad una distanza di circa 3 km;
- capisaldi fondamentali distanti in media 25 km.
Le linee di livellazione sono indicate con un numero e di ciascuna linea sono
pubblicati dei fascicoli che contengono le accurate monografie di tutti i capisaldi con
le relative quote(vedi Fig. 66 par. 12.1. Capitolo 1).
Nella Fig. 103 riportato il grafico della rete altimetrica in Sardegna.
Fig. 103
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
191
3.13. Esempi di livelli
Wild NA2
E' un autolivello dotato di lamina piano-parallela di elevata precisione (Fig.
104).
Utilizzato con una stadia in invar permette l'esecuzione di livellazioni di alta
precisione.
Errore medio chilometrico di 0,30,7
mm.
Dopo aver centrato, con l'ausilio della la-
mina, una tacca della stadia, sulla stessa si leggo-
no direttamente i centimetri mentre nell'oculare
della lamina si leggono i millimetri ed i decimi e
si stimano i centesimi.
Nell'esempio di Fig. 105 si legger 77,556
cm.
Fig. 104
Fig. 105
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
192
Kern GK 1
E' un livello (Fig. 106) con vite di elevazione, dotato di livella torica a coinci-
denza, di livella sferica, con innesto a baionetta sull'apposito treppiede.
La sensibilit della livella torica di 20".
L'errore medio chilometrico di 34 mm.
Salmoiraghi L 5150-A
E' un livello da cantiere con vite di elevazione dotato di cannocchiale anallat-
tico.
La livella torica ha sensibi-
lit di 15".
L'errore medio chilometrico
di 5 mm.
Fig. 106
Fig. 107
Parte IV Capitolo 3
1998/99 F.Resta
193
Jena NI 040 A
E' un autolivello con errore medio chilometrico di 4.
Leica Wild NA3000
Livello elettronico con errore medio chilometrico di 1,5.
Fig. 108
Fig. 109
1998/99 F.Resta
1998/99 F.Resta
PARTE V
RILIEVI TOPOGRAFICI
1998/99 F.Resta
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
197
CAPITOLO 1
DETERMINAZIONI PLANIMETRICHE
1. Generalit e definizioni sulle operazioni topografiche
1.1. Punti di inquadramento e di dettaglio
Nella Parte I si spiegato che il rilievo topografico consiste nella determina-
zione plano-altimetrica di un considerevole numero di punti che ci consentano di ri-
costruire tutti i particolari del terreno. Si anche detto che tutti questi punti si posso-
no suddividere in due grandi categorie: punti di inquadramento e punti di dettaglio.
I punti di inquadramento sono in numero notevolmente inferiore ai punti di
dettaglio ma costituiscono l'elemento fondamentale di tutto il rilievo; sono perci
determinati con le pi raffinate operazioni topografiche e con elevata precisione.
I punti di dettaglio, in numero nettamente superiore, servono per definire tutte
le particolarit del terreno e vengono determinati con misure e metodi pi speditivi
partendo quasi sempre da punti di inquadramento, che in tale evenienza sono consi-
derati privi di errori.
Di seguito vengono descritte le pi comuni operazioni topografiche per le de-
terminazioni plano-altimetriche di punti del terreno.
1.2. Angolo di direzione e distanza
Si considerino due punti A e B di coordinate note nel piano NE (Fig. 1).
Si definisce angolo di direzione della direzione AB presa da A verso B l'angolo
di cui la parallela all'asse N condotta per A deve ruotare in senso orario per sovrap-
porsi alla direzione orientata AB e si indica con la notazione (AB).
L'angolo di direzione si calcola facilmente note le coordinate dei due punti A e
B con
A B
A B
N N
E E
) AB tan(

= (1)
L'angolo di direzione pu assumere tutti i valori compresi tra 0 e 400
g
per cui
quando se ne calcola il valore con la (1) occorre poter stabilire in quale quadrante si
trova; per tale evento vale la regola che l'angolo di direzione appartiene al 1, 2, 3
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
198
o 4 quadrante a seconda che i segni del numeratore e del denominatore sono rispet-
tivamente + , +; + , ; , ; , +.
In altre parole dopo aver calcolato (AB) con la (1) se i segni del numeratore e
del denominatore sono entrambi positivi l'angolo quello risultante dal calcolo
(AB);
se il numeratore positivo ed il denominatore negativo l'angolo sar uguale a
200
g
(AB);
se sono entrambi negativi l'angolo sar uguale a
200
g
+ (AB);
se il numeratore negativo ed il denominatore positivo l'angolo sar uguale a
400
g
(AB)
L'angolo di direzione (BA) si chiama reciproco di (AB) e vale ovviamente
(BA) = (AB) 200
g
dove il segno va usato quando (AB) maggiore di 200
g
.
Dopo aver calcolato l'angolo di direzione (AB) la distanza AB pu calcolarsi
con le seguenti formule
) AB cos(
N N
) AB sen(
E E
AB
A B A B

=

= (2)
La distanza AB si pu anche calcolare con la formula
( ) ( )
2
A B
2
A B
E E N N AB + = (3)
nel qual caso potrebbe essere pi conveniente determinare l'angolo di direzione suc-
cessivamente utilizzando la formula (la cui semplice dimostrazione si lascia al letto-
re)
( )
A B
A B
N N AB
E E
2
AB
tan
+

= (4)
Fig. 1
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
199
che ha il pregio di dare il valore di (AB) senza l'indeterminazione del quadrante come
invece avviene per la (2).
1.3. Trasporto di un angolo di direzione
Quando si in presenza di una spezzata di vertici, P
1
P
2
P
i-1
P
i
P
i+1
P
n
, di
cui sono noti gli angoli A
1
A
2
.A
i-1
A
i
A
i+1
A
n
e un angolo di direzione, (P
i-1
P
i
)
(Fig. 2), i successivi angoli di direzione possono determinarsi calcolando il reciproco
dell'angolo di direzione precedente, aggiungendo l'angolo noto nel vertice e toglien-
do 400
g
quando il risultato del calcolo eccede 400
g
, cio secondo la seguente relazio-
ne
( ) ( )
i
g
i 1 i i 1 i i 1 i i
A 200 ) P P ( A P P P P + + = + =
+
(5)
Questa regola presuppone che nella spezzata si sia individuato un verso di per-
correnza e che gli angoli A
i
siano sempre quelli che permettono di sovrapporre un
lato al successivo con una rotazione oraria.
1.4. Irradiamento
L'irradiamento uno schema di rilievo molto semplice e pratico che con l'av-
vento dei distanziometri ha notevolmente incrementato la sua portata si da farlo di-
ventare lo schema pi usato da tutti i rilevatori.
Per determinare la posizione di un punto basta avere a disposizione due punti
di coordinate note, uno su cui fare stazione ed il secondo per orientarsi.
Lo schema indicato in Fig. 3 dove A e B indicano i punti di coordinate note
ed il punto P quello di cui si vogliono determinare le coordinate.
Messo in stazione lo strumento sul punto A si misura l'angolo e la distanza d
dal punto incognito P avendosi cos tutti i dati necessari per determinarne le coordi-
nate.
Fig. 2
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
200
Infatti, essendo l'angolo di direzione (AB) noto e ricavabile con la (1), si deter-
mina l'angolo di direzione (AP) con la relazione
(AP) = (AB) + (6)
Applicando quindi le (2) si ottengono immediatamente le coordinate del punto
P
) AP cos( d N N
) AP sen( d E E
A P
A P
+ =
+ =
(7)
Volendo determinare l's.q.m. della posizione di P si considerano prive di errore
le coordinate dei punti noti A e B e quindi dell'angolo di direzione (AB). Le coordi-
nate di P essendo funzioni di quantit osservate avranno un s.q.m. pari a
2 2 2 2
d
2
N
2 2 2 2
d
2
E
m ) AP ( sen d m ) AP ( cos m
m ) AP ( cos d m ) AP ( sen m
P
P

+ =
+ =
(8)
L's.q.m. della posizione planimetrica di P risulter
2
N
2
E P
P P
m m m + = (9)
per cui sostituendo le espressioni date dalle (8) si otterr
2 2 2
d P
m d m m

+ = (10)
Quando si esegue un irradiamento buona norma non limitarsi ad un solo
orientamento(Fig. 4)
Nell'esempio indicato in Fig. 4 collimando da A pi punti di coordinate note e
determinando gli angoli
1

2

3
che le direzioni AB, AC e AD formano con AP,
nonch ovviamente misurando la distanza d, si avranno a disposizione tre possibilit
per calcolare le coordinate incognite di P.
In tal modo ci si tutela da eventuali errori grossolani nella individuazione dei
punti noti ed in pi si hanno diversi valori delle coordinate di P da cui trarre i valori
pi probabili (le medie aritmetiche).
Fig. 3
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
201
1.5. Poligonali non controllate
Le poligonali non sono altro che irradiamenti successivi: infatti ovvio che
dopo aver determinato le coordinate di un punto P
0
per irradiamento da un punto
noto A, tale punto pu considerarsi di coordinate note e quindi essere assunto come
stazione per determinare un successivo punto P
1
assumendo come orientamento la
precedente stazione di partenza A.
Tale metodo si pu ripetere a catena come indicato in Fig. 5
Il metodo molto utile per determinare le coordinate di punti situati in posti di-
sagiati da cui non si ha visibilit; fondi-valle, zone fortemente alberate, gallerie.
La sua precisione per molto scadente giacch gli effetti degli errori di misu-
ra si accumulano di vertice in vertice divenendo rapidamente intollerabili; per tale
motivo nessuna normativa di rilevamento ammette l'utilizzo di poligonali non con-
trollate. Quando la necessit oggettiva le impone (per esempio in galleria), vanno
Fig. 4
Fig. 5
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
202
eseguite con molta accuratezza utilizzando tutti i metodi disponibili per migliorarne
la precisione: reiterazioni degli angoli, stazioni con centramento forzato, etc.).
Per il calcolo delle coordinate dei punti, dopo aver misurato in campagna gli
angoli
0

1

2
e le distanze d
0
d
1
d
2
d
3
si determinano gli angoli di direzione con
la (5) e le coordinate dei punti con le (7).
1.6. Poligonale controllata
Il metodo della poligonale descritto al paragrafo precedente aumenta notevol-
mente di precisione se si opera in modo che l'ultimo vertice sia anche esso un punto
di coordinate note e da tale vertice se ne possa collimare un altro anch'esso noto.
Si parla in tal caso di poligonale aperta appoggiata agli estremi (Fig. 6).
Il vantaggio di tale modo di procedere consiste nel fatto che si hanno misure
sovrabbondanti, rappresentate dalle due coordinate note del punto P
n
e dall'angolo
n
e ci permette di eseguire un controllo su tutte le misure eseguite, verificarne la con-
gruit e quindi eseguire la compensazione.
Il calcolo e la compensazione possono essere eseguiti con metodi matematici
rigorosi (minimi quadrati) per spesso per poligonali tecniche si preferisce eseguire
una compensazione empirica i cui risultati non differiscono eccessivamente da quelli
ottenuti con un calcolo rigoroso.
La compensazione empirica viene eseguita prima sugli angoli (compensazione
angolare) e poi sulle distanze (compensazione lineare).
Dopo aver misurato in campagna tutte le distanze d
i
e gli angoli
i
si calcolano
con la (1) gli angoli di direzione (P
1
A) e (P
n
B), noti in quanto noti i punti P
1,
A, P
n
e
B
N
n
1
1
P B
P B
n
P A
P A
1
N N
E E
) B P tan(
N N
E E
) A P tan(

= (11)
Si calcolano quindi, facendo uso della (5) tutti gli angoli di direzione
Fig. 6
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
203



+ =
+ =
+ =
+ =
+ =


n n 1 n n
1 n 1 n 2 n n 1 n
3 3 2 4 3
2 2 1 3 2
1 1 2 1
) P P ( ) B P (
) P P ( ) P P (
.. .......... .......... .......... ..........
) P P ( ) P P (
) P P ( ) P P (
) A P ( ) P P (
(12)
Sommando i primi ed i secondi membri delle (12) ed uguagliando si perviene
infine alla
k ) A P ( ) B P (
n i
1 i
i 1 n
+ + =

=
=
(13)
dove k un numero intero che si individua facilmente in sede di calcolo.
Sostituendo nella (13) i valori degli angoli di direzione noti (P
n
B) e (P
1
A), sup-
posti privi di errori, a causa degli inevitabili errori accidentali di misura, si otterr un
residuo , detto errore di chiusura angolare:

=
=
= + +
n i
1 i
n 1 i
k ) B P ( ) A P ( (14)
L'errore di chiusura angolare , perch la poligonale sia considerata valida, do-
vr risultare in valore assoluto inferiore alla tolleranza; cio

t (15)
La tolleranza angolare t

viene assegnata a priori in base alla precisione richie-


sta alla poligonale; ad essa si d l'espressione
n c t =

(16)
con n numero di angoli misurati e c un coefficiente che, per esempio, per i lavori ac-
cettati dal catasto vale 4
c
. Per poligonali di precisione pi elevata pu valere anche
15
cc
.
Se la (15) non verificata bisogna ripetere tutta la poligonale in campagna; se
invece la (15) verificata si pu procedere alla compensazione, cio alla distribuzio-
ne dell'errore di chiusura angolare tra i vari angoli misurati talch il secondo membro
della (14) vada a 0.
La compensazione viene effettuata distribuendo l'errore di chiusura in parti
uguali tra tutti gli angoli misurati. Per comodit di calcolo si preferisce compensare
direttamente gli angoli di direzione calcolati con le (12), cio a ciascuno degli angoli
di direzione si sottrae (se positivo) o si somma (se negativo) la quantit
n

(17)
Questo modo di compensare gli angoli assegnando a ciascuno di essi una
quantit uguale dell'errore di chiusura parte dal presupposto che la stessa sia stata ri-
levata sempre nelle medesime condizioni, cio utilizzando sempre lo stesso stru-
mento e le identiche condizioni di lettura degli angoli. Ove ci non si verifichi per-
ch, per esempio, in una poligonale molto lunga e di precisione non elevata, si lavora
con due squadre di rilevatori in possesso di strumenti di precisione differente, evi-
dente che l'errore di chiusura non pu essere suddiviso in parti uguali in quanto gli
angoli misurati con lo strumento meno preciso saranno portatori di un errore maggio-
re e quindi gli dovr essere assegnata una quantit maggiore dell'errore di chiusura
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
204
che non per gli angoli misurati con lo strumento pi preciso. In tal caso la distribu-
zione del viene effettuata empiricamente per esempio assegnando a ciascun angolo
una correzione inversamente proporzionale allo s.q.m. dello strumento utilizzato per
la loro misura.
Dopo aver compensato gli angoli di direzione si hanno tutti gli elementi per
determinare le coordinate incognite di tutti i punti tramite le (7).
Si avr:
) P P sen( d E E ) P P cos( d N N
......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........
) P P sen( d E E ) P P cos( d N N
) P P sen( d E E ) P P cos( d N N
n 1 n 1 n P P n 1 n 1 n P P
3 2 2 P P 3 2 2 P P
2 1 1 P P 2 1 1 P P
1 n n 1 n n
" 3 2 3
1 2 1 2

+ = + =
+ = + =
+ = + =

(18)
Sommando i primi membri ed i secondi membri di queste relazioni ed egua-
gliando si otterr:

=
=
+
=
=
+
+ = + =
1 n i
1 i
1 i i i P P
1 n i
1 i
1 i i i P P
) P P sen( d E E ) P P cos( d N N
1 n 1 n
(19)
Se ora nelle (19) si pongono i valori delle coordinate dei punti noti P
1
e P
n
,
supposte prive di errori, gli angoli di direzione gi compensati e quindi anche essi
supposti privi di errori, ed infine le distanze misurate si otterranno degli errori di
chiusura dovuti solo agli errori di misura delle distanze.
Si avr pertanto
( )
( )

=
=
+
=
=
+
=
=
1 n i
1 i
P P 1 i i i
1 n i
1 i
P P 1 i i i
E E E ) P P sen( d
N N N ) P P cos( d
1 n
1 n

(20)
Alla quantit
2 2
E N L + = (21)
si da il nome di errore di chiusura lineare della poligonale.
Anche per tale errore vale lo stesso discorso fatto per gli angoli; esso deve ri-
sultare in valore assoluto inferiore ad una tolleranza assegnata
L
t L (22)
Alla tolleranza viene assegnata l'espressione
L p t
L
= (23)
dove L esprime la lunghezza complessiva della poligonale espressa in metri e p un
coefficiente, anche esso espresso in metri, che qualifica la precisione richiesta alla
poligonale. Misurando le distanze con un distanziometro p pu assumere valori com-
presi tra 0,0010,002 m.
Ove la (22) sia verificata si pu procedere alla compensazione dei lati, cio di-
stribuire l'errore di chiusura tra tutti i lati, o ci che lo stesso tra le componenti dei
lati, in modo che i secondi membri delle (20) vadano a 0.
Questa distribuzione non avviene per come per gli angoli in parti uguali in
quanto gli errori commessi sulle misure delle distanze sono proporzionali alle lun-
ghezze delle stesse: naturale quindi distribuire l'errore di chiusura in parti propor-
zionali alla lunghezza di ciascun lato.
Si calcolano quindi le correzioni unitarie con
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
205

=
=
= = =
1 n i
1 i
i E N
d L con
L
E
u
L
N
u

(24)
e si ricavano le componenti compensate di ciascun lato con le
| |
| |
i E 1 i i i c 1 i i i
i N 1 i i i c 1 i i i
d u ) P P sen( d ) P P sen( d
d u ) P P cos( d ) P P cos( d
+ =
+ =
+ +
+ +
(25)
Con le componenti compensate si determinano infine le coordinate dei punti
applicando le (18).
1.7. Poligonale chiusa
La poligonale chiusa pu considerarsi a tutti gli effetti come un caso particola-
re della poligonale aperta quando l'ultimo vertice P
n
coincide col primo vertice P
1
(Fig. 7)
Nell'esempio indicato in fig, che rappresenta il caso pi generale, si tratta di
poligonale orientata per cui sono noti sia il punto P
1
che il punto A esterno alla poli-
gonale.
La condizione cui devono soddisfare gli angoli misurati si deriva immediata-
mente dalla condizione cui devono soddisfare gli angoli interni di un poligono di n
lati
( ) =

=
=
g
n i
1 i
i
200 2 n (26)
L'errore di chiusura , se inferiore alla tolleranza, si distribuisce, cambiato di
segno, tra tutti gli angoli misurati in parti uguali.
Le componenti dell'errore di chiusura lineare si calcolano con le
Fig. 7
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
206

=
=
+
=
=
+
=
=
1 n i
1 i
1 i i i
1 n i
1 i
1 i i i
E ) P P sen( d
N ) P P cos( d

(27)
L'errore di chiusura lineare L, calcolato tramite la (21), se inferiore alla tolle-
ranza, si distribuisce tra tutti i lati misurati in parti proporzionali alle loro relative
lunghezze dopo aver calcolato tramite le (24) le correzioni unitarie.
1.8. Intersezione in avanti
L'intersezione in avanti era un metodo molto utilizzato nel passato quando non
avendosi a disposizione i distanziometri permetteva la determinazione della plani-
metria di un punto con sole osservazioni angolari.
Il metodo (Fig. 8) prevede lo stazionamento su due punti, A e B, di coordinate
note da cui si possa collimare il punto P incognito e misurare i relativi angoli e .
Essendo nota la distanza AB, calcolabile con la (2) o la (3), ed applicando al
triangolo ABP il teorema dei seni si ottiene
sen
BP
sen
AP
) sen(
AB
= =
+
(28)
da cui si possono calcolare le distanze AP ed BP.
L'angolo di direzione (AP) si ricava immediatamente con
(AP) = (AB)-
essendo l'angolo (AB) noto e calcolabile tramite la (1).
Applicando infine le formule dell'irradiamento (7) si determinano le coordinate
incognite del punto P.
Il rilievo si pu anche eseguire stazionando nei punti A e P, oppure B e P, nel
qual caso prende il nome di intersezione laterale. La scelta dell'uno o dell'altro meto-
do dipende solo da considerazioni pratiche sulle possibilit, o sulla convenienza, di
fare stazione sui punti.
Il metodo, come si pu notare applicando le (28), si utilizza anche per la de-
terminazione indiretta di una distanza quando, per esempio materialmente impossi-
Fig. 8
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
207
bile raggiungere il punto P o quando la distanza da misurare eccede la portata del di-
stanziometro.
1.9. Intersezione multipla
Il metodo dell'intersezione descritto nel paragrafo precedente trova sola appli-
cazione nei rilievi di non elevata precisione. Nella pratica operativa di rilievi di pre-
cisione il punto P viene rilevato facendo stazione su pi punti noti (Fig. 9) avendo
cos a disposizione varie possibilit di calcolo delle coordinate incognite.
Nello schema indicato in Fig., dopo aver fatto stazione sui punti noti P
i
e misu-
rato gli angoli
i
, applicando il teorema dei seni si determinano le distanze P
i
P,
quindi si calcolano gli angoli di direzione (P
i
P) e successivamente le coordinate del
punto incognito P.
Si avranno in tal modo tre valori delle coordinate di P e si potr constatare la
eventuale presenza di errori grossolani e, ove non presenti, assumere la media dei
valori come valore pi probabile delle coordinate di P.
Ove si voglia un valore pi pertinente delle coordinate di P bisogner far ricor-
so ad un metodo di compensazione pi rigoroso basato sul principio dei minimi qua-
drati.
Fig. 9
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
208
1.10. Intersezione inversa
Un altro metodo di intersezione, noto come intersezione inversa o problema di
Snellius, detto anche problema di Pothenot, permette la determinazione delle coordi-
nate del punto incognito P facendo stazione solo su di esso e misurando gli angoli
e a tre punti incogniti A, B e C (Fig. 10).
La soluzione numerica dell'intersezione inversa pu essere ottenuta con diversi
schemi di calcolo; quello che si propone dovuto a V. Galkiewictz (1936).
Si considerino gli angoli di direzione
(PA) =
(PB) = (PA) + = +
(PC) = (PA) + + = + +
Applicando la (1) si otterr
) tan( ) N N ( E E
) tan( ) N N ( E E
tan ) N N ( E E
P C P C
A B P B
P A P A

+ + =
+ =
=
cio un sistema di tre equazioni in tre incognite, E
P
, N
P
e che risolto porta alle se-
guenti soluzioni
( ) ( )
( ) ( ) ( )
( )
( )
( )



tan N N E E
tan tan
tan N tan N E E
N
E E cot N N cot N N
N N cot E E cot ) E E (
tan
A P A P
B A A B
P
B C A C B A
C B A C B A
+ =
+
+ +
=
+ + +
+ + +
=
(29)
Del problema esiste anche una soluzione geometrica che meglio mette in evi-
denza i grossi limiti del metodo.
Dopo aver riportato su un foglio in scala opportuna i segmenti AB e BC (Fig.
11)si manda per il punto A una retta che formi un angolo col segmento AB; quindi
per A si manda la normale a tale retta sino ad intersecare nel punto O
1
la normale alla
mezzeria del segmento AB. Si ripete analoga operazione per il punto B riportando
l'angolo sino a determinare il punto O
2
.
Fig. 10
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
209
Con centro in O
1
si traccia la circonferenza che passa per A, B e P e con centro
in O
2
la circonferenza che passa per B, C e P.
Il punto P risulta quindi dall'intersezione delle due circonferenze.
Il metodo cade in difetto tutte le volte che il punto P appartiene alla circonfe-
renza che passa per A, B e C (Fig. 12 a)) perch in tal caso tutti i punti appartenenti
all'arco APC soddisferebbero il problema
E' questo il caso di indeterminatezza del problema che rigorosamente si pre-
senta quando la somma degli angoli misurati e dell'angolo noto a loro opposto nel
quadrilatero ABCP, cio l'angolo , uguale a 200
g
g
200 = + + (30)
La (30) rappresenta infatti la condizione che un quadrilatero sia inscrittibile in
una circonferenza.
Naturalmente rarissimo nella pratica che la (30) sia esattamente verificata;
avviene per spesso che il risultato sia molto prossimo a 200
g
. In questo caso il pro-
blema, nonostante non sia indeterminato, presenta una grande imprecisione in quanto
piccoli errori nella misura di e provocano grandissimi errori nella posizione di P.
Nella Fig. 12 b) si pu notare che se le due circonferenze sono distinte, ma di
centri molto prossimi e raggi quasi uguali, il punto d'intersezione P risulta non net-
tamente definito dall'intersezione dei due archi in quanto le loro tangenti formano un
angolo troppo piccolo.
Il metodo di Snellius pu pertanto presentare casi di criticit che ne ridimen-
sionano il grande vantaggio che consente di determinare la planimetria di un punto
semplicemente stazionandovi sopra e misurando gli angoli a tre punti noti visibili.
Fig. 11
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
210
Per questo motivo il Catasto non lo accetta tra i metodi di rilievo validi per la
determinazione delle coordinate di punti.
Data la sua praticit il metodo viene per spesso utilizzato dai topografi che si
tutelano contro i casi di criticit collimando pi di tre punti noti e possibilmente a gi-
ro d'orizzonte; in genere conviene collimare tutti i punti noti visibili dal punto P. Si
hanno cos a disposizione
( ) ! 3 ! 3 n
! n
3
n

=
|
|
.
|

\
|
coppie di coordinate del punto P incognito, con n numero di punti noti collimati.
L'esame della serie di coordinate permette facilmente di individuare le terne
che creano condizioni di criticit in quanto scartano notevolmente dalla media (si
manifestano alla stessa stregua degli errori grossolani); tali terne si eliminano dalla
serie di coordinate e si assume come valore delle coordinate il valor medio.
Nei casi in cui i punti noti visibili siano pochi (come minimo almeno quattro)
la situazione ideale si presenta quando il punto P situato all'interno del quadrilatero
formato dai punti noti perch in questo caso si sicuri di non incappare nelle condi-
zioni di criticit.
1.11. Triangolazione
Da quando Snellius l'ha impiegata per la prima volta nel 1672, e prima della
comparsa dei distanziometri, stato l'unico metodo usato per la determinazione dei
punti di inquadramento o di punti di elevata precisione.
Lo schema identico a quello dell'intersezione in avanti; l'unica, e sostanziale,
differenza consiste nel fatto che bisogna fare stazione su tutti i punti (Fig. 13) e misu-
rare i tre angoli del triangolo.
Avendo misurato i tre angoli si pu determinare l'errore di chiusura
= + +
g
200
che, se inferiore alla tolleranza assegnata, si distribuir, cambiato di segno, in parti
uguali ai tre angoli.
La triangolazione quindi, contrariamente a quanto accade per l'intersezione in
avanti, permette di eseguire la compensazione delle misure.
Fig. 12
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
211
Dopo aver eseguito la compensazione le coordinate di P si calcolano nello
stesso modo che per l'intersezione inversa.
1.12. Reti geodetiche rilevate mediante tirangolazione
E' stato gi detto sull'importanza dei punti di inquadramento, in particolare di
quelli di primo impianto riguardanti un vasto territorio, come per es. uno Stato o un
gruppo di Stati.
Compito di rilevare e gestire tali punti in genere demandato ad appositi Enti,
spesso di derivazione militare. In Italia l'Ente demandato a tale compito l'Istituto
Geografico Militare Italiano con sede in Firenze, in sigla "I.G.M.I."
Il rilievo dei punti di inquadramento viene sempre effettuato tramite triangola-
zioni che formano una maglia regolare, denominata rete geodetica, cercando di avvi-
cinare il pi possibile la forma dei triangoli a quella equilatera.
Data la necessit di ottenere i punti di inquadramento con una densit media di
uno ogni 9 km
2
, per un corretto utilizzo degli utenti, le reti geodetiche vengono sud-
divise in diversi ordini partendo da una rete fondamentale di inquadramento di tutto
il territorio, detta rete geodetica del primo ordine, con triangoli che hanno lati di lun-
ghezza variabile da 30 a 50 km.
La rete geodetica del primo ordine in assoluto quella che garantisce le mas-
sime precisioni; gli angoli vengono misurati col metodo delle direzioni isolate ese-
guendo 24 reiterazioni e gli errori di chiusura angolare dei triangoli non devono su-
perare 1",5 secondi sessagesimali. Essa viene compensata in blocco unico per tutto il
territorio.
Successivamente al centro dei triangoli formati dai vertici del primo ordine si
dispongono altri vertici che andranno a costituire la rete geodetica del secondo ordi-
ne. In questo caso i triangoli saranno formati da due vertici del primo ordine, consi-
derati noti e privi di errore, ed uno del secondo, gli angoli saranno misurati con 12
reiterazioni e gli errori di chiusura non dovranno superare i 3",5 secondi sessagesi-
mali. La loro compensazione sar effettuata considerando, come detto, i vertici del
primo ordine privi di errore.
Il raffittimento successivo determina una serie di vertici che vanno a costituire
la rete geodetica del terzo ordine; i vertici sono determinati appoggiandosi ai vertici
Fig. 13
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
212
del 1 e 2 ordine, considerati noti e privi di errori, sempre tramite triangolazioni i
cui angoli sono misurati con 6 reiterazioni ed i cui errori di chiusura non devono su-
perare i 6".
Infine l'ultimo raffittimento porta alla disseminazione sul territorio di tutti quei
vertici che costituiscono la rete geodetica del quarto ordine. Tutti i vertici del 4 or-
dine vengono determinati appoggiandosi ai vertici di ordine superiore, supposti noti e
privi di errore, e sono determinati anch'essi per triangolazione ma spesso anche per
intersezioni multipla in avanti, specie quando sono materializzati da manufatti gi
esistenti, come campanili.
Tutti insieme i vertici del 1, 2, 3 e 4 ordine, indicati anche col nome di
punti trigonometrici, costituiscono la rete geodetica dello stato Italiano. Essi vengono
segnalizzati sul terreno con molta cura: quelli del 1 e 2 ordine con un pilastrino in
calcestruzzo recante due centrini uno in sommit ed uno in profondit; quelli del 3 e
4 senza pilastrino ma sempre con un centrino a livello terreno ed uno in profondit.
Di tutti i punti vengono redatte opportune monografie con i dati necessari al lo-
ro ritrovamento e con le loro coordinate plano-altimetriche.
Sulla cartografia ufficiale dello Stato Italiano, anch'essa redatta dall'I.G.M.I.,
sono riportati con un triangolino con la punta all'ins ().
Per raffittire ancora di pi la rete di punti trigonometrici l'I.G.M.I. ha dissemi-
nato sul territorio un'altra serie di punti, detti punti topografici, determinati quasi
sempre per intersezione multipla in avanti appoggiandosi ai punti della rete geodeti-
ca, supposti noti e privi di errore. In generale essi sono rappresentati da manufatti,
quali campanili, antenne, serbatoi d'acqua, torri, fumaioli, fari, etc. Nella cartografia
sono indicati con un triangolino con la punta all'ingi (). Sono ovviamente i punti
di pi scarsa precisione.
1.13. Dimensionamento della rete. Base misurata e base calcolata
Le reti di triangoli descritte al paragrafo precedente ottenute con misure di soli
angoli non risultano dimensionate in quanto noto che avendo a disposizione tre an-
goli si possono costruire infiniti triangoli che li soddisfino.
Si rende quindi necessario il dimensionamento delle reti per il quale scopo ba-
sterebbe la misura di un solo lato in un solo triangolo; applicando il teorema dei seni
si potranno facilmente determinare gli altri due lati del triangolo che diventeranno
lati noti dei triangoli adiacenti, e cos via.
La misura di una lato della rete,
dovendo essere eseguito con una pre-
cisione elevatissima pari ad 1 mm/km,
stato uno dei problemi pi delicati
affrontato dai rilevatori, in particolare
tenendo presente il periodo in cui la
rete Italiana stata impostata (alla fine
del 1800).
La difficolt materiale di misura-
re un lato di un triangolo del 1 ordine
con i vertici sempre posizionati su ci-
me di montagne ha condotto ad esco-
gitare un metodo indicato col nome di
base misurata. Si cio scelta una ba-
Fig. 14
Parte V Capitolo 1
1998/99 F.Resta
213
se in una zona opportuna, in genere pianeggiante, non eccessivamente lunga, varia-
bile dai 3 ai 9 km, che stata misurata con opportuni apparati fino al raggiungimento
della precisione voluta.
Dalla base misurata, mediante una triangolazione di sviluppo eseguita con la
massima precisione (per ogni angolo si eseguivano fino a 36 reiterazioni) si giungeva
ad inglobare un lato della triangolazione del primo ordine che diveniva cos la base
calcolata.
Nel passaggio dalla base misurata alla base calcolata si perdeva una unit in
precisione passando da 10
-6
a 10
-5
.
In una rete geodetica di estese dimensioni, come quella italiana, le basi misu-
rate sono pi d'una distribuite in maniera strategica su tutto il territorio; si hanno 8
basi misurate.
1.14. Le stazioni astronomiche
Le reti di cui si parlato nei paragrafi precedenti vengono previste e calcolate
sull'ellissoide il quale per deve essere orientato rispetto al geoide.
Si rende quindi necessaria la conoscenza delle coordinate astronomiche e di un
azimut di almeno un punto della rete (vedi Parte I -Capitolo 2- par.1.2.) ci che vie-
ne fatto eseguendo una stazione astronomica sul punto.
In Italia, come pi volte detto, tale punto situato a Roma presso l'Osservatorio
Astronomico di M.Mario.
Nella rete geodetica Italiana, per un maggior controllo, si fanno pi stazioni
astronomiche su punti della rete, quasi sempre punti del 1 ordine, opportunamente
distribuiti.
1.15. La rete del primo ordine della Sardegna
Si riporta di seguito lo sviluppo della rete del primo ordine in Sardegna(Fig.
15).
Come si pu notare la Sardegna stata collegata alla Penisola passando per la
Corsica, utilizzando quindi anche la rete Francese istituita in quell'isola; nel primo
impianto invece il collegamento con la penisola italiana era stato fatto in modo auto-
nomo passando per l'isola di Montecristo.
La rete indicata in Fig. 14 stata ricalcolata nel 1983 misurando anche i quat-
tro lati indicati in rosso (pi marcati in bianco e nero) con i distanziometri.
Nel primo impianto la base misurata, della lunghezza di circa 3 km, stata si-
tuata nella piana di Chilivani a ridosso della stazione ferroviaria
Parte V Capitolo 1
1998/99 F. Resta
214
Fig. 15
Parte V Capitolo 2
1998/99 F.Resta
215
CAPITOLO 2
DETERMINAZIONI ALTIMETRICHE
1. Generalit sulle operazioni altimetriche
1.1. Livellazione trigonometrica con osservazioni simultanee e reciproche
La differenza di quota tra due punti A e B, reciprocamente visibili, si pu rica-
vare indirettamente misurando le distanze zenitali reciproche e conoscendo, o misu-
rando, la distanza AB.
Il nome "trigonometrica" le de-
riva dall'essere stata, nel passato, uti-
lizzata fondamentalmente per quotare i
punti delle reti trigonometriche gi
noti in planimetria, e quindi essendo
nota la distanza tra di loro.
Oggi con l'utilizzo dei distan-
ziometri largamente utilizzata per le
determinazioni plano-altimetriche di
qualsiasi punto del territorio.
Poich la distanza AB in genere
non eccede i 10 km le formule per la
determinazione del dislivello possono
essere dedotte considerando la sfera
locale di raggio N R = dove il rag-
gio del meridiano e la grannormale
vanno calcolati per una latitudine in-
termedia tra A e B.
Con riferimento alle notazioni
della Fig. 16, applicando la formula di
Nepero al triangolo OAB, si ha
Fig. 16
Parte V Capitolo 2
1998/99 F. Resta
216
) B

(
2
1
tan
) B

(
2
1
tan
) R Q ( ) R Q (
) R Q ( ) R Q (
A B
A B
+

=
+ + +
+ +
ed essendo
= +
= =
g
A B B
g
A
g
200 ) B

(
Z Z ) Z 200 ( ) Z 200 ( ) B

(
(31)
con evidenti sostituzioni si ottiene
2
tan ) Z Z (
2
1
tan )
R 2
Q Q
1 ( R 2
)
2
100 tan(
) Z Z (
2
1
tan
) R 2 Q Q ( Q Q
A B
B A
g
A B
A B A B


+
+ =

+ + =
(32)
Tenendo presente che
R
D
=
sviluppando in serie
2
tan

si avr
)
R 12
D
1 (
R 2
D
R 2
D
tan
2
2
+ =
e potremo pertanto porre
R 2
D
R 2
D
tan =
in quanto il secondo termine dello sviluppo in serie si pu trascurare data la recisione
ottenibile dalla misura; per D = 30 km esso vale 2.10
-6
.
Dalla (31) si otterr in definitiva
) Z Z (
2
1
tan )
R
Q
1 ( D Q Q
A B
m
A B
+ = (33)
avendo posto
2
Q Q
Q
B A
m
+
= (34)
La (32) la formula che fornisce il dislivello tra i centri dei teodoliti posti in A
e B per cui volendo il dislivello tra i punti A e B al suolo a detta formula va aggiunta
l'altezza strumentale h
A
dello strumento posto in A e tolta l'altezza strumentale h
B
dello strumento posto in B.
Conoscendo la quota di uno dei due punti si pu quindi determinare la quota
dell'altro.
Non deve meravigliare il fatto che nel secondo membro della (32) sia presente
il termine Q
m
dato dalla (33) che contiene l'incognita. Esso si pu determinare in
prima approssimazione assegnandogli il valore della quota nota, per es., Q
A
; quindi
calcolare un valore approssimato di Q
B
da utilizzare per determinare nuovamente il
valore di Q
m
da introdurre nella (32) per il calcolo definitivo del dislivello.
Il procedimento ha una sua validit in quanto Q
m
, salvo casi eccezionali,
molto piccolo rispetto al raggio R per cui la quantit
Parte V Capitolo 2
1998/99 F.Resta
217
) Z Z (
2
1
tan
R
Q
D
A B
m

interviene nel calcolo del dislivello per una frazione molto piccola e quindi tolleran-
do su Q
m
un errore di circa 30 m si avrebbe sul dislivello un errore del centimetro
ininfluente se si tiene conto che l's.q.m del dislivello tra punti distanti qualche chilo-
metro dell'ordine di alcuni centimetri.
Quando non siano necessarie elevate precisioni, o non si operi in condizioni
estreme (elevato dislivello a quote molto alte) il termine entro parentesi si trascura
per cui la (32) assume la forma semplificata
) Z Z (
2
1
tan D Q Q
A B A B
= (35)
1.2. Livellazione trigonometrica da un estremo
La livellazione trigonometrica, ed il caso pi comune, si pu eseguire anche
misurando una sola distanza zenitale.
Supponendo di aver misurato la distanza zenitale Z
A
dalla seconda delle (31) si
avr
A
g
B
g
B A
g
B
g
A
g
Z 200 Z quindi e 200 Z Z cio 200 Z 200 Z 200 + = + = + = +
Sostituendo il valore di Z
B
cos ottenuto nella (33) si otterr
)
R 2
D
Z cot( )
R
Q
1 ( D
2
Z 100 tan )
R
Q
1 ( D Q Q
A
m
A
m
A B
+ =
(

|
.
|

\
|
+ =

(36)
La formula semplificata risulter per conseguenza
)
R 2
D
Z cot( D Q Q
A B A
= (37)
1.3. Influenza della rifrazione atmosferica
La schematizzazione fatta nei para-
grafi precedenti per ricavare le formule
della livellazione trigonometrica prevedeva
un percorso rettilineo del raggio luminoso
da A verso B; ci pu avvenire solo in as-
senza di atmosfera.
Sulla terra il raggio luminoso si muo-
ve attraverso l'aria la cui densit diminuisce
all'aumentare della quota e di conseguenza
diminuisce l'indice di rifrazione. I raggi
luminosi quindi muovendosi in un mezzo
avente un indice di rifrazione variabile su-
biscono delle rifrazioni e tendono ad incur-
varsi con la concavit rivolta verso la Ter-
ra.
In tale situazione il cannocchiale po-
sto in A per poter osservare B deve essere
posto nella direzione della tangente alla
traiettoria curva indicata in fig; ne conse-
Fig. 17
Parte V Capitolo 2
1998/99 F. Resta
218
gue che la distanza zenitale misurata z
A
, detta apparente, sempre minore di quella
teorica Z
A
di una quantit z detta angolo di rifrazione. Lo stesso fenomeno si pro-
porr in B.
L'angolo di rifrazione, secondo studi dovuti a Gauss, stato posto uguale a
2
k z

= (38)
dove k un coefficiente di proporzionalit detto coefficiente di rifrazione.
Se le due collimazioni sono eseguite contemporaneamente i due angoli di rifra-
zione possono ritenersi uguali; si avr quindi
z z Z e z z Z
B B A A
+ = + =
Sostituendo nella (35) otterremo infine
) z z (
2
1
tan D Q Q
A B A B
= (39)
che permette la determinazione del dislivello tra A e B tramite le distanze zenitali mi-
surate eliminando le cause perturbatrici dovute alla rifrazione atmosferica.
A tale metodo, che prevede la simultanea presenza di due osservatori in A e B,
si ricorre solo in casi in cui sia necessaria una elevata precisione ma non nei casi cor-
renti di rilevamento che risulterebbero attardati e pi costosi.
Il metodo correntemente usato invece quello della livellazione da un estremo
per cui sostituendo nella (37) il nuovo valore di Z
A
si avr
) D
R 2
k 1
z cot( D )
R 2
D
R 2
D
k z cot( D Q Q
A A A B

= + = (40)
Sviluppando in serie la cotangente e trascurando i quadrati e le potenze supe-
riori si ottiene
D
R 2
k 1
z sen
1
z cot ) D
R 2
k 1
z cot(
A
2
A A

+ =

(41)
e quindi
2
A
2
A A B
D
R 2
k 1
z sen
1
z cot D Q Q

+ = (42)
Nella (42) si pu porre anche 1 z sen
A
2
= in quanto nelle ordinarie condizioni
di lavoro l'angolo z molto prossimo a 100 e quindi, nei limiti di approssimazione di
tale formula, si ottiene
B s
2
A A B
L H D
R 2
k 1
z cot D Q Q +

+ = (43)
che rappresenta la formula finale per il calcolo
del dislivello avendo indicato con H
s
l'altezza
strumentale in A e con L
B
l'altezza del segnale
sul punto B.
Nella (43) il termine
A
z cot D rappresenta
il dislivello che si avrebbe tra i punti A e B se la
terra fosse piana ed in assenza di atmosfera(Fig.
18).
Il secondo termine composto da due
componenti: la prima D
2
/2R rappresenta la cor-
rezione di sfericit che abbassa il punto B e
Fig. 18
Parte V Capitolo 2
1998/99 F.Resta
219
quindi aumenta il dislivello; la seconda kD
2
/2R rappresenta l'effetto della rifrazione
che tende ad alzare il punto B e quindi a diminuire il dislivello.
1.4. Determinazione del coefficiente di rifrazione
Il coefficiente di rifrazione k ha avuto varie determinazioni sperimentali; esso
varia fondamentalmente con le condizioni atmosferiche ma anche con la latitudine, la
quota, l'ora e le microcondizioni locali.
La sua determinazione sperimentale si ottiene misurando il dislivello di due
punti A e B tramite livellazione geometrica e la distanza con un distanziometro; fa-
cendo stazione con un teodolite su uno dei due punti si leggono le distanze zenitali
all'altro punto ad un intervallo di tempo prestabilito, per es. ogni 15' ed applicando la
(43) si determinano i valori di k. Si pu cos costruire un grafico che esprime l'anda-
mento di al variare del tempo.
Le varie esperienze fatte hanno dimostrato una andamento tipico del coeffi-
ciente k al variare del tempo: esso risulta massimo alle prime ore dell'alba, decresce
presentando un minimo nelle ore centrali della giornata durante le quali si mantiene
presso a poco stabile e torna a risalire fino al tramonto del Sole senza mai raggiunge-
re il valore che aveva all'alba.
In Fig. 19 sono riportati due grafici che indicano l'andamento del coefficiente k
nel Sud dell'Italia e nel Sud della Francia.
L'andamento di k dimostra che le ore migliori per effettuare una livellazione
trigonometrica sono quelle centrali della giornata in cui la curva presenta un basso
gradiente.
In Italia mediamente si pu assumere il valore di 0,12 0,13.
1.5. Precisione della livellazione trigonometrica
L'errore medio m

sul dislivello determinato tramite la (43) si calcola al solito


modo utilizzato per le misure indirette.
Fig. 19
Parte V Capitolo 2
1998/99 F. Resta
220
Esso dipender dagli errori medi m
D
, relativo alla misura della distanza D, m
z
,
relativo alla misura della distanza zenitale z
A
ed m
k
, relativo al valore adottato per il
coefficiente k in quanto possono considerarsi trascurabili gli errori medi di H
s
ed L
B
.
Eseguendo le derivate si otterr
2
k
2
4
2
z
A
4
2
2
D
2
2 2
2
D A
2
m
R 4
D
m
z sen
D
m
R
D ) k 1 (
m z cot m + +

+ =

(44)
Il secondo termine entro la radice una quantit molto piccola (per D=6 km
vale circa 10) per cui si pu trascurare, si pu porre 1 z sen
A
4
= ; data la prossimit
di z
A
a 100
g
e si pu introdurre lo s.q.m. relativo della distanza pari a
D
m
s
D
D
= ; si
ottiene cos
2
k
2
2
2
z
2
D A
2
m
R 4
D
m s z cot D m + + =

(45)
Analizzando la (45) e sostituendo opportuni valori numerici si pu constatare
che fino ad una distanza di 10.000 m l'influenza di m
k
, nonostante sia proporzionale a
D
2
, bassa; entro tale limite prevale in modo preponderante l'errore sulla distanza
zenitale e si pu ritenere che lo s.q.m. del dislivello sia approssimativamente propor-
zionale alla distanza secondo la
D 2 , 1 m

dove m

espresso in centimetri e D in chilometri.


Parte V Capitolo 3
1998/99 F. Resta
221
CAPITOLO 3
RILIEVO DI DETTAGLIO
1. Generalit sul rilievo di dettaglio
Il rilievo di dettaglio di vaste aree del territorio viene oggi sempre effettuato
con la fotogrammetria, mentre resta ancora largamente usato il metodo topografico
(celerimensura) per rilievi di piccole zone o di particolari di cantiere.
1.1. La fotogrammetria
La fotogrammetria, allo stato attuale dell'arte, pu considerarsi il metodo pi
largamente diffuso per il rilievo di dettaglio di vaste aree del territorio. Si pensi al
contenuto di una qualsiasi carta, sia a piccola che a grande scala; esso va considerato
tutto come rilievo di dettaglio e mentre all'inizio del secolo quando furono impostate
e rilevate tutte le cartografie dei grandi Stati esso era ottenuto con metodi topografici,
oggi totalmente rilevato tramite rilievo fotogrammetrico.
La fotogrammetria una tecnica complessa ed articolata che si presta ad un
corso universitario a se stante.
In termini molto sintetici si basa sull'esecuzione di fotogrammi che riprendono
una determinata porzione del terreno da due punti di vista diversi in modo che si pos-
sa realizzare un modello stereoscopico della zona interessata.
I fotogrammi possono essere ripresi sia da terra (fotogrammetria terrestre) sia
dall'aereo (aerofotogrammetria).
Per poter essere utilizzati essi debbono avere almeno quattro particolari del ter-
reno comuni di cui si possiedano le coordinate plano-altimetriche nel sistema di rife-
rimento della carta che si vuole produrre. In genere tali punti si rilevano in campagna
dopo aver effettuato la ripresa e sono indicati col nome di punti di appoggio.
Con tutti questi dati a disposizione i fotogrammi vengono montati in particolari
strumenti, detti apparecchi restitutori, che con determinate operazioni (orientamento
relativo ed assoluto) permettono all'operatore di vedere la porzione di terreno inte-
ressata in stereoscopia.
L'operatore, aiutandosi con opportuni volantini, pu esplorare tutto il modello
aiutandosi con un reticolo dotato di una piccola marca presente nell'oculare; tutto il
complesso collegato ad un pantografo dotato di punta scrivente che traccia su un
foglio di carta tutti i particolari seguiti dall'operatore.
Parte V Capitolo 3
1998/99 F. Resta
222
Tutti i particolari disegnati vengono anche memorizzati in un file tramite tri-
plette di coordinate; si ottiene cos la cartografia numerica, gestibile con qualsiasi
CAD, che ha acquistato negli ultimi tempi una importanza fondamentale per moltis-
simi utilizzi nel campo ingegneristico.
Si pensi all'utilizzo nella progettazione stradale, nella redazione di strumenti
urbanistici, nella gestione di sistemi informativi territoriali (SIT o GIS), nei progetti
di recupero di beni architettonici o monumenti archeologici ed in qualsiasi altro in-
tervento che riguardi il territorio per cui se ne consiglia agli studenti l'apprendimento,
pur se da molti sottovalutato.
1.2. La celerimensura
Su molti testi di Topografia si parla ancora della celerimensura come metodo
fondamentale del rilievo di dettaglio.
Esso si basava sul rilievo dei particolari con l'utilizzo di un teodolite di bassa
precisione (1
c
) dotato di reticolo distanziometrico utilizzando il metodo dell'irradia-
mento con l'aggiunta delle letture alla stadia effettuate ai tre fili e della lettura del-
l'angolo zenitale.
Con la comparsa dei distanziometri, o meglio delle stazioni totali, si pu ancora
assegnare il nome di celerimensura al tipo di rilievo in cui, ovviamente scompare la
stadia.
Ponendosi quindi in stazione su un punto di inquadramento ed orientandosi su
un altro, entrambi noti, si collimano i vari punti di dettaglio misurando l'angolo azi-
mutale, l'angolo zenitale e la distanza; si hanno cos, con l'aggiunta dell'altezza stru-
mentale e dell'altezza della palina, tutti gli elementi per calcolare le coordinate plano-
altimetriche di tutti i punti di dettaglio collimati. utilizzando le formule dell'irradia-
mento e quelle della livellazione trigonometrica.
Si tratta ovviamente di un rilievo speditivo per cui le letture agli angoli, sia
azimutali che zenitali, saranno eseguite in una sola posizione del strumento (CD o
CS); diviene importante pertanto conoscere l'entit dello zenit strumentale prima del-
l'inizio di ogni serie di misure.