Sei sulla pagina 1di 71

ALBERTO BIANCHI

BONIFICA E DRENAGGIO DEL TERRENO

2014
INDICE
1. Bonifica integrale........................................................................................................................................................ 4
1.1 Opere di Bonifica e Consorzi di bonifica............................................................................................................ 5
1.2 Opere di miglioramento fondiario e Consorzi di miglioramento fondiario ........................................................ 5
1.3 Il concetto di bonifica in altri paesi..................................................................................................................... 5
1.4 Scopo della bonifica idraulica - Bonifica per colmata e per prosciugamento..................................................... 6
1.5 Comprensorio di bonifica ................................................................................................................................... 7
2. Rilievi, indagini ed elaborati preliminari. Individuazione del recipiente o emissario................................................. 9
2.1 Rilievo topografico e piano quotato.................................................................................................................... 9
2.2 Indagini geologiche e terebrazioni...................................................................................................................... 9
2.3 Indagini pedologiche........................................................................................................................................... 9
2.4 Vincoli .............................................................................................................................................................. 12
2.5 Indagini idrologiche.......................................................................................................................................... 12
2.6 Rilievi freatimetrici........................................................................................................................................... 12
2.7 Permeabilit ...................................................................................................................................................... 12
2.8 Livelli idrometrici del recipiente o emissario ................................................................................................... 13
2.9 Abbassamento o costipamento o calo del terreno di bonifica. Bradisismi........................................................ 13
2.10 Franco di coltivazione di bonifica, di sicurezza o di piena e zero di bonifica e di valle ................................... 15
3. Opere di risanamento dei terreni e drenaggio del terreno ......................................................................................... 18
3.1 Calcolo della portata di drenaggio .................................................................................................................... 18
3.1.1 Contributo unitario di pioggia................................................................................................................... 18
3.1.1.1 Esempio ................................................................................................................................................ 19
3.1.2 Contributo della falda ............................................................................................................................... 19
3.1.3 Contributo dellirrigazione........................................................................................................................ 20
3.1.3.1 Esempio ................................................................................................................................................ 21
3.1.4 Contributo specifico totale e portata di dimensionamento........................................................................ 21
3.2 Drenaggio a cielo aperto del terreno ................................................................................................................. 22
3.2.1 Affossatura................................................................................................................................................ 22
3.2.2 Baulatura e sistemazioni ad ados e billon. ......................................................................................... 26
3.2.3 Mazzuolatura ............................................................................................................................................ 28
3.2.4 Pozzi perdenti o assorbenti o fognatura verticale...................................................................................... 28
3.3 Drenaggio sotterraneo....................................................................................................................................... 29
3.3.1 Disposizione planimetrica......................................................................................................................... 29
3.3.2 Profondit dei dreni elementari................................................................................................................. 30
3.3.3 Portata, diametro e pendenza dei dreni elementari e velocit dellacqua al loro interno .......................... 30
3.3.4 Distanza o interasse dei dreni elementari.................................................................................................. 33
3.3.5 Lunghezza dei dreni elementari ................................................................................................................ 36
3.3.6 Drenaggio tubolare sotterraneo................................................................................................................. 37
3.3.6.1 Manufatti e pezzi speciali ..................................................................................................................... 37
3.3.6.2 Materiali e tecniche di posa in opera dei dreni...................................................................................... 37
3.3.7 Drenaggio talpa......................................................................................................................................... 37
3.3.8 Fognatura campestre ................................................................................................................................. 38
3.3.9 Tecniche di drenaggio sotterraneo combinate o associate ........................................................................ 38
3.4 Metodi fisico-chimici di miglioramento del terreno ......................................................................................... 38
3.4.1 Metodi fisici.............................................................................................................................................. 38
3.4.1.1 Alleggerimento ..................................................................................................................................... 38
3.4.1.2 Dissodamento profondo ........................................................................................................................ 39
3.4.1.3 Riempimento......................................................................................................................................... 40
3.4.1.4 Stabilizzazione ...................................................................................................................................... 40
3.4.2 Metodi chimici.......................................................................................................................................... 40
3.4.2.1 Calcinatura e fertilizzazione ................................................................................................................. 40
3.4.2.2 Gesso..................................................................................................................................................... 40
4. Acque e terre alte, medie e basse e la rete dei canali di bonifica .............................................................................. 41
4.1 Planimetria della rete ........................................................................................................................................ 41
4.2 Rete stradale...................................................................................................................................................... 42
5. Calcolo delle portate nella rete dei canali di bonifica ............................................................................................... 44
5.1 Piogge di progetto............................................................................................................................................. 44
5.2 Calcolo della portata di progetto col metodo antico o cinematico o della corrivazione o di Turazza (1879) ... 45
5.2.1 Coefficienti di deflusso mensili e ragguagliati.......................................................................................... 46

2
5.2.2 Calcolo del tempo di corrivazione tc ......................................................................................................... 47
5.2.3 Coefficiente udometrico............................................................................................................................ 49
5.3 Calcolo della portata di progetto col metodo moderno o dellinvaso o di Puppini ........................................... 50
5.4 Altri modelli e codici di risoluzione automatici................................................................................................ 52
5.5 Valori e formule empiriche del coefficiente udometrico .................................................................................. 52
6. I canali di bonifica .................................................................................................................................................... 53
6.1 Sezione idraulicamente pi vantaggiosa e sezioni pratiche .............................................................................. 53
6.1.1 Pendenza delle sponde .............................................................................................................................. 53
6.2 Pendenza longitudinale e velocit..................................................................................................................... 54
6.3 Opere darte, manufatti e rete stradale .............................................................................................................. 54
6.4 Impianti idrovori............................................................................................................................................... 54
7. Bonifica per colmata................................................................................................................................................. 55
7.1 Bonifica per colmata naturale ........................................................................................................................... 55
7.1.1 Indagini preliminari .................................................................................................................................. 55
7.1.2 Opera di presa, diversivo e canali colmatori............................................................................................. 55
7.1.3 Comprensorio di bonifica e casse di colmata............................................................................................ 55
7.1.4 Durata della colmata ................................................................................................................................. 56
7.1.5 Colmata di foce......................................................................................................................................... 58
7.2 Bonifica per colmata artificiale......................................................................................................................... 58
8. Manutenzione dei dreni e dei canali di bonifica ....................................................................................................... 59
8.1 Manutenzione dei dreni .................................................................................................................................... 59
8.1.1 Rigurgito degli sbocchi ............................................................................................................................. 59
8.1.2 Occlusioni ................................................................................................................................................. 59
8.1.3 Prevenzione e rimedi, spurghi................................................................................................................... 59
8.2 Manutenzione dei canali ................................................................................................................................... 60
8.2.1 Interrimento .............................................................................................................................................. 60
8.2.2 Spurgo....................................................................................................................................................... 60
8.2.2.1 Draghe natanti a secchie ....................................................................................................................... 60
8.2.2.2 Draghe natanti a refluimento ................................................................................................................ 60
8.2.2.3 Escavatori semoventi a benna trascinata (drag-line)............................................................................. 61
8.2.2.4 Escavatori semoventi a cucchiaia rovescia o a pala.............................................................................. 61
8.2.2.5 Attrezzature leggere per trattori ............................................................................................................ 62
8.2.3 Diserbo...................................................................................................................................................... 62
8.2.3.1 Diserbo meccano e chimico .................................................................................................................. 62
8.2.3.2 Falciatrici natanti con lame a cesoie ..................................................................................................... 62
8.2.3.3 Falciatrici natanti con lame radenti....................................................................................................... 62
8.2.3.4 Fresatrici natanti ................................................................................................................................... 62
8.2.3.5 Gru semoventi con lame estirpanti........................................................................................................ 63
8.2.3.6 Falciatrici semoventi o trattori con falciatrici ....................................................................................... 63
8.2.3.7 Diserbanti chimici................................................................................................................................. 63
8.2.3.8 Raccolta e smaltimento ......................................................................................................................... 63
8.2.3.9 Gru semoventi con forconi e benne ...................................................................................................... 63
8.2.3.10 Elevatori per erbe fissi o mobili ........................................................................................................ 64
8.2.3.11 Sgrigliatori fissi o mobili .................................................................................................................. 64
9. Simboli...................................................................................................................................................................... 65
10. Bibliografia............................................................................................................................................................... 66
11. Indice delle figure ..................................................................................................................................................... 67

3
1. BONIFICA INTEGRALE
I primi quattro articoli del Testo delle norme sulla bonifica integrale annesso al Regio Decreto 13 febbraio 1933, n.
215 (Figura 1.1), delineano appieno il significato del concetto di bonifica integrale e la struttura fisica ed amministrativa
attraverso la quale il concetto si realizza.

Figura 1.1 Regio Decreto 13 febbraio 1933, n. 215 "Testo delle norme sulla bonifica integrale
In particolare larticolo 1, articolo unico del Titolo 1 Della bonifica integrale, ne definisce scopi e mezzi:

4
1. gli scopi sono il pubblico interesse ed
2. i mezzi sono:
a) le opere di bonifica e
b) le opere di miglioramento fondiario.
In generale le opere di bonifica sono interventi pi impegnativi ed estesi delle opere di miglioramento fondiario.

1.1 Opere di Bonifica e Consorzi di bonifica


In quanto interventi pi impegnativi ed estesi richiedono la redazione di un Piano generale di lavori e di attivit.
I vantaggi che si conseguono sono rilevanti e riguardano laspetto:
- igienico,
- demografico,
- economico e
- sociale.
I territori nei quali si eseguono le opere di bonifica sono detti Comprensori di bonifica e si distinguono in comprensori
di prima e di seconda categoria. Sono classificati di prima categoria quelli che hanno uneccezionale importanza
specialmente ai fini della colonizzazione e richiedono, a tale effetto, opere molto onerose per i proprietari interessati.
Nei Comprensori di bonifica sono di competenza dello Stato, che ne sostiene in tutto o almeno in parte rilevante le
spese, i seguenti interventi:
a) i rimboschimenti e le sistemazioni idrogeologiche dei bacini montani,
b) la bonifica di laghi, stagni e paludi,
c) il consolidamento delle dune,
d) lapprovvigionamento di acqua potabile per le popolazioni rurali,
e) la difesa dalle acque e la provvista e lutilizzazione agricola di esse (irrigazione),
f) la fornitura dellenergia elettrica,
g) le opere stradali, edilizie o di altra natura di interesse comune e
h) la riunione di appezzamenti.
Dal punto di vista amministrativo, allentit geografica del Comprensorio di bonifica corrisponde lente amministrativo
del Consorzio di bonifica. Pi precisamente in un Comprensorio possono costituirsi, tra i proprietari degli immobili che
traggono benefici dalla bonifica, uno o pi Consorzi; in questo secondo caso pu essere costituito un consorzio di
secondo grado, che assicuri la coordinata attivit dei consorzi di primo grado.

1.2 Opere di miglioramento fondiario e Consorzi di miglioramento fondiario


In quanto interventi pi circoscritti ed economici
- vanno a vantaggio solo di uno o pi fondi e
- non richiedono un piano generale di bonifica.
Ricevono sussidi statali i seguenti interventi:
- le opere di sistemazione idraulica o idraulico agraria dei terreni,
- la provvista di acqua potabile e ad uso irriguo,
- la viabilit ed i trasporti,
- ledilizia rurale,
- i dissodamenti,
- la fornitura di energia elettrica per gli impianti idrovori e
- le opere di miglioramento fondiario in genere.
Per lesecuzione, la manutenzione e lesercizio delle opere di miglioramento fondiario possono costituirsi consorzi di
miglioramento fondiario con le forme indicate per i consorzi di bonifica.

1.3 Il concetto di bonifica in altri paesi


Nel mondo anglofono le espressioni che descrivono il medesimo concetto sono [ 1]:
- land reclamation,
- land drainage e
- land improvement,
dove:
- to reclaim = to bring back land suitable for human use to service by draining or irrigation, = per mezzo di opere di
drenaggio e irrigue,
- to drain = to conduct water away from land by means of drain, conduits, canals, etc. = allontanare lacqua dal
terreno mediante dreni, tubi canali ecc. e
- to improve = to make more productive = rendere pi produttivo.
In particolare, il termine reclamation negli stati occidentali degli U.S.A. per molto tempo stato sinonimo di irrigation
of desert lands for purpose of agriculture (= irrigazione di zone desertiche a fini agricoli) [ 2]. In una ristretta zona degli
stati nordoccidentali sul Pacifico e negli stati meridionali, reclamation ha significato the conversion of cutover

5
timberlands for cultivation or the removal of excess water from agricultural lands by drainage (la trasformazione di
foreste disboscate a fini agricoli o leliminazione delleccesso idrico dai terreni agricoli mediante dreni). La Presidents
Water Resources Policy Commission nel 1950 consider la reclamation come an over-all water-conservation activity
coordinating irrigation, drainage, flood control, land clearing, and sound farm practices (= unattivit generale di
conservazione della risorsa idrica che coordini irrigazione, drenaggio, controllo delle piene, bonifica dei suoli e corretto
gestione aziendale).
Nella lingua tedesca, infine, i vocabolari porgono le seguenti espressioni: Urbarmachung, Trockenlegung [ 3],
Urbarmachung, Verbesserung, Entwsserung [ 4] contenenti i concetti di rendere coltivabile (urbar = coltivabile),
prosciugare (trocknen = asciutto, entwassern = drenare) e migliorare (verbessern).

1.4 Scopo della bonifica idraulica - Bonifica per colmata e per prosciugamento
Da quanto esposto nei precedenti paragrafi emerge un significato assai ampio ed articolato del concetto di bonifica,
allinterno del quale numerosi sono gli aspetti idraulici. Una classificazione organica e rigorosa di questi ultimi potrebbe
distinguerli in:
- drenaggio delleccesso idrico,
- difesa dalle piene
- irrigazione,
- approvvigionamento idrico ad uso potabile
Sebbene tutti abbiano per oggetto lacqua, spesso si identifica con lespressione di bonifica idraulica solo il primo,
quello cio legato al prosciugamento di terreni paludosi o infrigiditi.
Scopo della bonifica idraulica di attuare una modificazione nei rapporti altimetrici tra superficie del terreno e
superficie libera dellacqua che ristagna su di essa o poco sotto, per migliorare la qualit dellambiente. Infatti, il
ristagno di acqua superficiale o subsuperficiale ha una serie di effetti negativi sulle caratteristiche del terreno, sulle
attivit agricole, sulle colture e sulla salubrit dallambiente. Il ristagno pu essere dovuto sia allinsufficienza del
sistema di drenaggio degli afflussi meteorici, sia alla dinamica della falda superficiale.
La modificazione nei rapporti altimetrici tra superficie del terreno e superficie libera dellacqua si pu attuare sia con
linnalzamento della superficie del terreno, sia con labbassamento della superficie dellacqua. Il primo detto bonifica
per colmata ed il secondo bonifica per prosciugamento. Una soluzione intermedia detta bonifica per colmata parziale
o mazzuolatura (Figura 1.2).

BONIFICA IDRAULICA

PER COLMATA PARZIALE


PER PROSCIUGAMENTO O PER COLMATA
MAZZUOLATURA

Pozzi assorbenti
o Naturale
Fognatura verticale

A scolo naturale Artificiale

Per sollevamento

Figura 1.2 Schema dei metodidi bonifica idraulica

6
La colmata pu essere naturale, se ottenuta grazie al trasporto solido dei corsi dacqua naturali, o, altrimenti, artificiale.
Nelle bonifiche per prosciugamento, lallontanamento delle acque in eccesso pu avvenire attraverso pozzi assorbenti,
detta anche fognatura verticale, o a scolo naturale o per sollevamento meccanico.

1.5 Comprensorio di bonifica


Il Comprensorio di bonifica lentit topografica costituita dallinsieme dei terreni che beneficiano delle opere di
bonifica e per quanto riguarda la bonifica idraulica, come pocanzi definita, delle opere intese ad eliminare leccesso di
acqua presente nel terreno (Figura 1.3). Esso delimitato dal perimetro di bonifica.

Figura 1.3 Schema di comprensorio di bonifica


Spesso si provvede a delimitare fisicamente tale entit territoriale con un argine circondariale o di cintura ed un fosso
circondariale o di cintura che hanno lo scopo di isolare le acque superficiali esterne al comprensorio dalle acque interne.
Questo al triplice scopo di:
- mantenere separate le prime, che spesso possono defluire a gravit in un adeguato recipiente, dalle seconde che,
invece, devono essere appunto raccolte e spesso anche sollevate con limpianto di bonifica,
- controllare lapporto di materiale solido trasportato dalle acque esterne e
- semplificare il calcolo degli afflussi nel comprensorio di bonifica altrimenti complicato e reso pi incerto
dallapporto dei bacini esterni.

7
Questultima circostanza facilita e rende pi preciso il dimensionamento della rete idraulica interna. La limitazione del
trasporto solido tassativa nelle bonifiche per sollevamento meccanico, consigliata in quelle a scolo naturale, non
necessaria in quelle per colmata.
Nella planimetria devono essere rappresentate la rete idrografica e le opere e le infrastrutture esistenti quali centri
abitati, strade e ferrovie, reti irrigue ecc.

8
2. RILIEVI, INDAGINI ED ELABORATI PRELIMINARI. INDIVIDUAZIONE DEL RECIPIENTE O
EMISSARIO
Per la redazione del progetto di un impianto di bonifica necessario eseguire una serie di rilievi e di indagini e
predisporre alcuni elaborati preliminari.
Per la bonifica per prosciugamento , inoltre, preliminare ad ogni altra attivit anche lindividuazione del corpo idrico,
fiume, lago, mare o anche acquifero sotterraneo, nel quale versare le acque drenate. Questo corpo dacqua detto
recipiente o emissario.

2.1 Rilievo topografico e piano quotato.


E necessario innanzi tutto eseguire un rilievo topografico ed una livellazione dei corsi dacqua, compreso il recipiente,
interessanti le opere di bonifica al fine di realizzarne il piano quotato. Il rilievo pu essere eseguito coi metodi della
topografia tradizionale o con tecniche aerofotogrammetriche o, infine, con gli strumenti GPS.
Il grado di dettaglio e di risoluzione in funzione dei diversi tipi di elaborato si ricava dalla (Tabella 2.1) [ 5].
Tabella 2.1 Grado di dettaglio e di risoluzione dei rilievi topografici
Tipo di elaborato Punti /ha Scala Equidistanza delle isoipse
[m]
Piani dinsieme 1:10 000 1
Progetti esecutivi di canali a 2050 1:2 000 0.5
cielo aperto 0.10.5 [ 6]
Progetti esecutivi di 60100* 1:500* 0.25
drenaggio sotterraneo 1520** 1:1 0001:2 000
* **
valori ideali; valori pratici

2.2 Indagini geologiche e terebrazioni


Le indagini geologiche hanno la scopo di individuare:
- lesatta natura del sottosuolo in generale,
- lesistenza di falde acquifere superficiali e
- la profondit del primo strato impermeabile
e sono funzionali al fine di stabilire lentit di alcuni fenomeni tipici del processo di bonifica come labbassamento dei
terreni bonificati.

2.3 Indagini pedologiche


Le indagini pedologiche mirano ad identificare le caratteristiche chimiche e fisiche dei terreni consentendo di stabilire
se il terreno pi o meno adatto alle colture agricole.
Si osservano:
- la granulometria,
- il pH,
- la sostanza organica,
- la conduttivit elettrica dellestratto saturo,
- la capacit di scambio cationico,
- le principali basi di scambio, incluso il sodio e
- il ferro totale e libero
La granulometria ha influenza sulla permeabilit e sullabbassamento del terreno oltre che sulla sua vocazione agricola.
La 4 classi granulometriche principali utilizzate nella classificazione U.S.D.A. hanno le caratteristiche dimensionali di
Tabella 2.2.
Tabella 2.2 Caratteristiche dimensionali delle principali classi granulometriche
Classe Diametro [mm]
Sabbia grossa 2.00.2
Sabbia fina 0.20.05
Limo 0.050.002
Argilla <0.002
Il pH indica il grado di reazione del terreno e in base ad esso pu essere classificato (Tabella 2.3).

9
Tabella 2.3 Classificazione del terreno in base al Ph
Tipo di terreno pH
Fortemente acido <5.5
Acido 5.56.0
Sub-acido 6.06.8
Neutro 6.87.3
Sub-basico 7.38.0
Basico molto basico 8.08.5
8.5
La presenza di sostanza organica di grande rilevanza dal punto di vista del fenomeno dellabbassamento
congiuntamente alla tessitura del terreno. Una classificazione per un terreno di media tessitura data in Tabella 2.4.
Tabella 2.4 Classificazione di un terreno di media tessitura in ase al contenuto di sostanza organica (S. O.)
Tipo di terreno Sostanza organica (humus) [% volumetrica]
Molto povero <1
Povero 12
Mediamente dotato 23
Ricco 310
Molto ricco >10
La conduttivit dellestratto saturo Ece correlata da un lato alla concentrazione salina di una soluzione (Figura

2.1) e dallaltro alla pressione osmotica (


Figura 2.2) e fornisce quindi unimportante indicazione sulla possibilit delle colture di attingere acqua dal suolo in
funzione della sua salinit (tab. Tabella 2.5).

10
Figura 2.1Relazione tra conduttivit dell'estratto saturo e concentrazione salina di una soluzione

Figura 2.2 Relazione tra conduttivit dell'estratto saturo e pressione osmotica

Tabella 2.5 Classificazione del terreno in base alla conduttivit dell'estratto saturo
Tipo di terreno ECe [mmhos/cm]
Non salino <4

11
Salino 48
Molto salino >8
La capacit di scambio cationico importante nel condizionare la struttura del terreno. Particolare importanza riveste in
questambito la quantit di sodio scambiabile misurata attraverso lindice Excengeable Sodium Percentage:
Na
ESP 100 [%]
CSC
dove:
Na+ il Sodio scambiabile in milliequivalenti1 per 100 g di terreno e
CSC la Capacit di Scambio Cationica pure espressa in milliequivalenti per 100 g di terreno
Tenuto conto delle tre ultime grandezze i terreni sono classificati come riportato in Tabella 2.6.
Tabella 2.6 Classificazione del tipo di terreno in base alla Conduttivit dell'estratto saturo, dell'ESP e del pH
Tipo di terreno ECe [mmhos/cm] ESP [%] pH
Normale <4 <15 <8.5
Salino >4 <15 <8.5
Salino-alcalino <4 >15 <8.5
Alcalino >4 >15 >8.5
Gli ultimi due tipi di terreno sono problematici per il drenaggio sotterraneo tubato.
Infine, un elevato contenuto di ferro nel terreno, di derivazione organica, pu dare luogo ad intasamento dei dreni.
La densit e la frequenza delle osservazioni dipendono dalla variabilit nello spazio e nel tempo della grandezza
osservata, la numerosit delle ripetizioni dalla affidabilit del metodo di misura; di norma si eseguano 0.52
osservazioni per ettaro aumentando il numero delle osservazioni delle grandezze maggiormente soggette a variazione.

2.4 Vincoli
E necessario accertare lesistenza di vincoli di qualsiasi tipo, di progetti, di piani di trasformazione fondiari e di
particolari destinazioni colturali riguardanti il territorio da bonificare

2.5 Indagini idrologiche


Le indagini idrologiche hanno lo scopo di individuare:
- il regime freatimetrico,
- il coefficiente di permeabilit K (mm/giorno),
- i livelli idrometrici del recipiente e
- la torbidit delle acque esterne.

2.6 Rilievi freatimetrici


importante conoscere landamento cronologico dei livelli della falda freatica poich, come si detto, da esso pu
dipendere il nocivo ristagno dellacqua superficiale o subsuperficiale. Bisogna predisporre una rete di freatimetri o di
piezometri, concentrati soprattutto nelle zone di maggiore ristagno ed effettuare una campagna di osservazioni di durata
almeno annuale o, in subordine, estesa ai soli periodi pi piovosi. Losservazione della piovosit contemporanea pu
consentire di stabilire relazioni tra i livelli freatici e la piovosit che a loro volta potrebbero consentire estrapolazioni dei
livelli corrispondenti ad altre circostanze meteoriche. Dalle misure freatimetriche e dalle loro elaborazioni si dovrebbero
ricavare i valori massimo e minimo di progetto del campo di oscillazione della falda.

2.7 Permeabilit
Di fondamentale importanza per gli aspetti idraulici della bonifica la conoscenza del coefficiente di permeabilit K del
terreno.
Linfiltrometro a doppio cilindro consente di misurare la velocit di infiltrazione, dalla quale con la formula di Darcy, si
pu ricavare il valore della permeabilit. Esso costituito (Figura 2.3) da due cilindri (h = 0.25 m, Di = 0.112 m e De =
0.340 m) infissi concentrici nel terreno per 2/3 della loro altezza.

1
1 meq = 1 millesimo del peso atomico diviso per la valenza.

12

H
Figura 2.3 Schema di infiltrometro a doppio cilindro
Si immette acqua sia nel cilindro interno sia nella corona circolare tra i due cilindri, per eliminare leffetto di
infiltrazione laterale nel cilindro interno nel quale si esegue la misura, sino a creare in entrambi un certo battente idrico
(H 0.03 m) e mediante successivi rabbocchi o, meglio, grazie ad un sistema di alimentazione continua si porta il
sistema a regime. In questa condizione il coefficiente di permeabilit dato da:
VL
K
HS
Dove:
V il volume dacqua infiltrata nellunit di tempo,
L la lunghezza della parte di cilindro infissa nel terreno,
H =H+L il carico idraulico ed
S larea della sezione del cilindro interno (0.01 m2)
Per assicurarsi che il sistema sia a regime necessario eseguire almeno tre misure, verificando che il volume V che si
infiltra nellunit di tempo sia costante.
In base alla permeabilit i terreni si possono classificare come indicato in tab. mm.
Tabella 2.7 Classificazione del terreno in base alla permeabilit [ 5[ [ 6]
Tipo di terreno K [ 5] Classi granulometriche [ 6]
[mm/h] [cm/s] [ 6]
Molto permeabile >150 >0.0042 Sabbia fine
Permeabile 50150 0.00140.0042 Sabbia fine
Mediamente permeabile 1550 0.00040.0042 Sabbia limosasabbia fine
Mediocremente permeabile 515 0.00010.0004 Sabbia limosa
Poco permeabile 1.55 0.000040.0001 LimoSabbia limosa
Pochissimo permeabile <1.5 <0.00004 Limo

2.8 Livelli idrometrici del recipiente o emissario


Sia che si tratti di un fiume, sia che si tratti di un lago o del mare, il livello del recipiente soggetto ad escursioni
verticali dovute al suo regime idrologico, in particolare alle piene ed alle magre, alle sesse, alle maree ed al moto
ondoso a seconda dei casi. Lelaborazione statistica del diagramma cronologico di questi livelli o della loro serie storica
consente di stabilire una curva cronologica annua con un opportuno tempo di ritorno Tr ed in particolare il massimo ed
il minimo livello annuo da assumere come dati di progetto.

2.9 Abbassamento o costipamento o calo del terreno di bonifica. Bradisismi


Nelle bonifiche per prosciugamento, la superficie del terreno subisce un abbassamento dovuto (Figura 2.4):
- al costipamento dello strato di terreno precedentemente immerso e prosciugato, di spessore s, a causa della
scomparsa delle pressioni interstiziali,

13
- al costipamento degli strati sottostanti per il ricarico prodotto dal soprastante strato prosciugato e
- alla parziale e progressiva distruzione dello strato prosciugato se vi abbondano le sostanze organiche come il caso
di terreni torbosi o cuorosi di fondi di precedenti laghi o stagni.

Figura 2.4 Abbassamento del terreno in seguito a bonifica per prosciugamento


Se labbassamento fenomeno limitato nel tempo, di esso si tiene conto, tracciando, sulla scorta di questi dati, il piano
quotato quale si prevede che sar ad assestamento avvenuto e basando su di esso lo studio altimetrico della rete drenante
(Figura 2.5). Se, invece, il fenomeno continuo, esso costringer a periodici adeguamenti della rete e, in alcuni casi, al
passaggio dal sistema a scolo naturale al sollevamento meccanico delle acque o infine, limitatamente alle zone pi
depresse del comprensorio, dalla bonifica per prosciugamento a quella per colmata naturale.

14
Figura 2.5 Piano quotato con anche le isoipse previste ad assestamento avvenuto
Fenomeni di variazione della quota della superficie del terreno di origine diversa, quali i bradisismi di varia natura, sono
di difficile previsione ed il loro manifestarsi pu mutare a tal punto laltimetria del comprensorio da richiedere il
rifacimento anche totale della rete di bonifica.
Per lentit dellabbassamento i diversi autori forniscono i valori contenuti in Tabella 2.8.

15
Tabella 2.8 Valori dell'abbassamento del terreno secondo diversi autori
Tipo di terreno Sostanze organiche [% di Abbassamento [m] [ 8] Abbassamento [ 6] [ 9]
volume][ 5]*
Sabbioso 0.150.25 = 1/41/3 s
Con argilla 0.250.40
Comune, non Molto poveri: <1 % 0.400.60 Continuo
eccessivamente ricco di
sostanze organiche Poveri: 12 %
Mediamente dotati: 23 %
Con prevalenza di sostanze Ricchi: >3 % 1.001.20
organiche

Torboso e cuoroso Molto ricchi: >10 % >1.50


*valori validi per terreno di grana media

2.10 Franco di coltivazione di bonifica, di sicurezza o di piena e zero di bonifica e di valle


Lo sviluppo, il benessere e la resa di una coltura dipendono dalla profondit alla quale si trova la falda. Se troppo
superficiale o addirittura affiorante, la coltura ne risente negativamente o non pu affatto esistere; se troppo profonda
perde leffetto benefico di assicurare il soddisfacimento del fabbisogno idrico delle piante (Tabella 2.9).
Tabella 2.9 Resa di alcune colture in funzione della profondit costante della falda [ 5]
Resa [% del valore massimo]*
Profondit della falda costante[m]
Coltura 0.40 0.60 0.80 1.00 1.20
Bietola 30 55 80 90 100
Cereali autunno-vernali 50 70 90 100 100
Erba medica 55 70 85 95 100
Fagioli, patate, pisello 50 75 95 100 100
Graminacee foraggiere da prato 80 100 100 100 100
Mais, soia, sorgo 40 60 90 100 100
pomodoro 40 65 85 100 100
* Valori validi per terreno a grana media e rifornimento idrico ottimale.
Se ne deduce lesistenza di una profondit ottimale della falda per le diverse colture e per i diversi tipi di terreno
(Tabella 2.10) anche se per brevi periodi le colture possono tollerare livelli superiori.
Tabella 2.10 Profondit ottimale [m] della falda per diversi tipi di colture e di tereno[ 5]
colture Tipo di terreno
Sabbioso Grana media Argillosi e torbosi
Cereali autunno-primaverili 0.60.7 0.70.8 0.80.9
Mais, soia e sorgo 0.60.9 0.81.0 0.91.1
Bietola e medica 0.81.0 0.91.1 0.91.1
Altri prati 0.50.7 0.60.8 0.60.8
Frutteti 0.81.0 1.01.2 1.01.2
Con riferimento alla Figura 2.6, si definisce franco di coltivazione Fc il dislivello minimo ammissibile tra la superficie
del terreno e la falda, perch siano garantite in tutto il terreno le condizioni ottimali di umidit per ogni coltura presente.
Si definisce franco di bonifica Fb il dislivello che in condizioni normali deve esistere tra la superficie del terreno ed il
pelo libero della acqua nei fossi perch nel terreno sia garantito il franco di coltivazione Fc. Esso in generale maggiore
di qualche decimetro del franco di coltivazione Fc, essendo questa lentit approssimativa dellabbassamento della falda
freatica tra la mezzaria dei campi ed i fossi drenanti. Dovendo rispettare in tutto il comprensorio, salvo in periodi di
breve durata, il franco di coltivazione Fc, bisogna assegnare al franco di bonifica Fb un valore unico superiore, ma il pi
prossimo possibile, al massimo dei valori del franco di coltivazione Fc.

16
Figura 2.6 Franco di coltivazione Fc, di bonifica Fb e di piena o di sicurezza Fp e zero di bonifica Zb e di valle Zv
Si definisce franco di piena o di sicurezza Fp il minimo dislivello tra la superficie del terreno ed il pelo libero dellacqua
nei fossi, che si ammette che possa verificarsi per un breve periodo in occasione della massima piena di progetto.
E opportuno inserire nella rete drenante ture e paratoie, che consentano di sostenere il livello delle acque nei fossi
quando esso si deprime al punto che la falda scenda troppo sotto il franco di coltivazione Fc e quindi minacci lo
sviluppo ottimale delle colture.
Di queste grandezze i diversi autori forniscono i valori contenuti in Tabella 2.11.
Tabella 2.11 Valori del franco di coltivazione Fc, di bonifica Fb e di piena o di sicurezza Fp
Autore Tipo di coltura Tipo di terreno Fc [m] Fb [m] Fp [m]
[ 9] 0.61.2** 1
F p Fb 1
2
1
Fp Fb 1
2

[ 8] 0.60.81.0* Fb = Fc + 0.30.4 1
F p Fb
2
F p 0* * * *
[ 6] Prati naturali e cereali 0.50.6
Mais 0.7
Colture legnose 1.0
[ 10]*** Prati Leggero, permeabile, minerale 0.50.7
pesante, permeabile, minerale 0.60.8
Paludi prosciugate 0.50.7
Pascoli Leggero, permeabile, minerale 0.70.9

17
pesante, permeabile, minerale 0.81.0
Paludi prosciugate 0.70.9
Campi Leggero, permeabile, minerale 0.81.0
pesante, permeabile, minerale 1.01.2
Paludi prosciugate 0.81.0
[ 5] Cereali autunno Sabbioso 0.60.7
primavera A grana media 0.70.8
Argilloso e torboso 0.80.9
Mais, soia, sorgo Sabbioso 0.60.9
A grana media 0.81.0
Argilloso e torboso 0.91.1
Bietola, medica Sabbioso 0.81.0
A grana media 0.91.1
Argilloso e torboso 0.91.1
Altri prati Sabbioso 0.50.7
A grana media 0.60.8
Argilloso e torboso 0.70.9
Frutteti Sabbioso 0.81.0
A grana media 1.11.2
Argilloso e torboso 1.01.2
* A seconda del tipo di coltura. Minore nei terreni leggeri, maggiore nei terreni forti.
** Valori minori in inverno, per colture erbacee e terreni sciolti; maggiori in estate, per colture arboree e terreni a
contenuto argilloso.
*** Valori validi per lEuropa centrale.
****Se, come avviene in Italia, le piene si verificano con maggiore frequenza in inverno, quando le colture erbacee
sono poco sensibili alleccesso di umidit e quelle arboree non lo sono affatto, e se le esondazioni sono al massimo di
uno o due giorni e sulle porzioni di comprensorio meno redditizie.

Inoltre, nelle bonifiche per prosciugamento con sollevamento meccanico delle acque di scolo, si definiscono zero di
bonifica Zb il livello massimo ammesso nella vasca di aspirazione delle idrovore, affinch in virt dei profili di moto nei
canali sia rispettato in tutta la rete del comprensorio il franco di bonifica Fb e zero di valle Zv il livello minimo che pu
verificarsi nella vasca di aspirazione delle idrovore. Al di sotto di tale livello si ritiene inutile il loro funzionamento e si
stabilisce in modo tale che permetta il prosciugamento di tutti i canali secondari per agevolarne lo spurgo e la
manutenzione.

18
3. OPERE DI RISANAMENTO DEI TERRENI E DRENAGGIO DEL TERRENO
A scala locale la bonifica si realizza sotto forma di opere di risanamento dei terreni volte a favorire il corretto
movimento delle acque sulla superficie del terreno ed al suo interno e alla loro captazione ed allallontanamento di
quelle in eccesso.
La captazione e lallontanamento delleccesso di acqua a livello locale pu avvenire sia con opere a cielo aperto sia con
opere sotterranee. Alle opere a cielo appartengono: i pozzi perdenti o fognatura verticale e le fosse campestri, proprie
dallaffossatura, alle opere sotterranee appartengono il drenaggio tubolare sotterraneo, il drenaggio talpa e la fognatura
campestre. I vantaggi delle prime rispetto alle seconde sono:
- la rapidit di raccolta e smaltimento delle acque superficiali in occasione di piogge intense e della fusione della
neve,
- la maggior capacit di raccolta e smaltimento dei canali a cielo aperto,
- la minore pendenza minima richiesta da questi ultimi,
- lirrilevanza della profondit di congelamento del terreno,
- la facilit di individuazione e ricognizione dei guasti della rete,
- la facilit di realizzazione, manovra e manutenzione di paratoie,
- la fattibilit anche in presenza di terreni difficili e boscati e
- il costo dimpianto generalmente basso.
Viceversa esse comportano:
- loccupazione fino al 15 % della superficie coltivabile utile,
- intralcio allaccessibilit e di conseguenza alla lavorabilit dei campi,
- un maggior numero di opere darte per tombini, ponti, passi carrabili,
- una manutenzione assidua dei fossi e delle opere darte,
- lo sviluppo di erbe infestanti e di parassiti,
- il disturbo alla corrente dovuta al ghiaccio e
- disuniformit di drenaggio.

3.1 Calcolo della portata di drenaggio


Leccesso dacqua nel terreno pu essere causato dalla pioggia, dalla falda e dallirrigazione. Generalmente per
calcolare la portata che affluisce in rete, si passa attraverso il calcolo di una grandezza specifica detta portata specifica
di smaltimento o coefficiente udometrico o contributo unitario, espressa in l/s ha o in m3/s km2 o anche in mm/g o in
m/g2 se intesa come laltezza di una lama dacqua nellunit di tempo. Perci si ha che:
hd hdp hdf hdi [mm / g ]
dove:
hd il contributo unitario complessivo di acqua da drenare,
hdp il contributo unitario dovuto alla pioggia,
hdf il contributo unitario dovuto alla falda e,
hdi il contributo unitario dovuto allirrigazione.

3.1.1 Contributo unitario di pioggia


Non tutta lacqua che cade al suolo affluisce ai dreni, siano essi superficiali o interrati; parte dellacqua evapotraspira,
parte pu scorrere in superficie, parte pu percolare in strati profondi del terreno dove non interferisce con la coltura.
Trascurando la parte che evapotraspira e indicata con hp laltezza di pioggia caduta in un evento meteorico, si pu
stimare che circa il 5 % di essa scorra superficialmente e circa il 25 % si infiltri in profondit, sicch lafflusso specifico
efficace da drenare o contributo unitario di pioggia pu esprimersi come (Figura 3.1) MANCA FIG DRENAGGIO
SUPERFICIALE:

2
1 l/s ha =0.1 m3/s km2; 1 mm/g = 0.11571 l/s ha.

19
Figura 3.1Contributo di pioggia al drenaggio interrato

'
hdp 0.75h p [mm / g ]
e
''
hdp 0.70h p [mm / g ]
rispettivamente nel caso di drenaggio superficiale e interrato. Valori comuni sono: hdp = 625 mm/g (0.70 3 l/s) ma si
pu arrivare a valori notevolmente maggiori [ 6].
In alternativa si potrebbe anche procedere a partire da unanalisi statistica del regime pluviometrico della zona di studio
sintetizzato dalla sua curva segnalatrice di possibilit pluviometrica, generalmente espressa nella forma monomia.
h p at n [mm]
dove:
hp laltezza di pioggia caduta nel tempo t espressa in questo contesto in mm,
t la durata della pioggia espressa in questo contesto in giorni (g),
a unintensit di pioggia, che dipende dal luogo e dal tempo di ritorno Tr, in questo contesto espressa in mm/g ed
n un parametro adimensionale, che dipende dal luogo e dal tempo di ritorno Tr.
Scelto poi il tempo di ritorno Tr in base al quale calcolare la portata di progetto si pu investigare quale sia la durata
dellevento critico per larea in studio. Si noti per che nel caso di un impianto di drenaggio, a dispetto del fatto che le
aree siano molto piccole, gli eventi molto brevi e molto intensi non sono pericolosi, mentre lo sono quelli di pi lunga
durata poich producono estesi e durevoli fenomeni di ristagno. In questottica valori ragionevoli del tempo di ritorno
sono Tr = 510 anni e le durate da considerarsi dellordine di t =1g.

3.1.1.1 Esempio
La curva segnalatrice di possibilit pluviometrica di Cremona per Tr=10 anni [ 6]:
h p 86.7t 0.3 [mm]
per t=1 g, risulta:
hdp 0.70 86.7 10.3 60.7 []mm / g ]
valore pi che doppio di quelli indicati precedentemente, ma non del tutto esagerato in considerazione del tempo di
ritorno.

3.1.2 Contributo della falda


Gli apporti della falda, a seconda delle caratteristiche geologiche del sottosuolo e del terreno, del regime pluviometrico
e delle circostanze topografiche, possono o meno essere determinanti. In ogni caso sono molto diversi e specifici dei
singoli luoghi e devono perci essere determinati caso per caso con le apposite indagini preliminari, freatimetriche ed

20
idrologiche. Situazioni in cui la falda si avvicina alla superficie del terreno si verificano nelle zone depresse di pianura,
in quelle in adiacenza ai corsi dacqua, naturali o artificiali, con argini non rivestiti e pensili. Per quanto riguarda la
filtrazione attraverso le arginature, in condizioni normali il contributo si aggirerebbe sui 2550 l/s km [ 8] (Figura 3.2).

Figura 3.2 Contributo di falda in prossimit di arginature

3.1.3 Contributo dellirrigazione


Esistono situazioni in cui, pur in presenza di una falda relativamente superficiale, tuttavia necessario lintervento
irriguo. E il caso di terreni grossolani in climi aridi. La pratica irrigua, specialmente ad espansione, inevitabilmente
soggetta a perdite dacqua che si infiltra ed impingua la falda sottostante sollevandola fino al punto che minacci
lallagamento delle colture e lasfissia gli apparati radicali (Figura 3.3). Le perdite dacqua irriga per infiltrazione
dipendono dal metodo dirrigazione e dal tipo di terreno ed il loro contributo alle portate da drenare hdi si calcola con
lespressione:

Figura 3.3 Contributo irriguo al drenaggio interrato

pi hi
hdi [mm / g ]
100 Ti
dove:
pi la percentuale dacqua irrigua persa per infiltrazione rispetto allaltezza dadacquamento desumibile dalla Tabella
3.1, [ 6],
hi laltezza dacqua dadacquamento, in questo contesto espressa in mm, e
Ti il turno ossia il tempo tra due adacquamenti successivi, in questo contesto espresso in giorni.

Tabella 3.1 Percentuali pi di perdite dacqua in irrigazione


Tipo di terreno Metodo dirrigazione
Scorrimento su spianata Infiltrazione da solchi
Terreni leggeri 60 40
Terreni pesanti 40 20

21
3.1.3.1 Esempio
Per hi = 100 mm, Ti = 10 giorni e terreno leggero irrigato a scorrimento su spianata (pi = 60 %), si ottiene:
60 100
hdi 6 mm / g
100 10

3.1.4 Contributo specifico totale e portata di dimensionamento


Oltre ai valori che si ottengono attraverso il procedimento analitico, esistono in letterature valori pi o meno empirici
del contributo specifico complessivo e formule che ne consentono il calcolo
Per sistemi di drenaggio superficiali in Europa centrale, esiste la formula di Uhden per il calcolo del coefficiente
udometrico ua dellanno piovoso da porre alla base del dimensionamento [ 10]:
7
ETa ha
ua 6 [l / s ha]
3150
dove:
ETa levapotraspirazione media annua, in questo contesto espresso in mm e
ha laltezza di pioggia media annua, in questo contesto espresso in mm.
Da esso si passa agli analoghi coefficienti udometrici di piena umax e di magra umin con le formule rispettivamente:
u max a u
ed
u min b u
dove a e b sono coefficienti i cui valori sono dati in Tabella 3.2
Tabella 3.2 Coefficienti a e b di piena e di magra
Ambiente a b
Pianura 410 1/3
Collina 1030 1/4
Media montagna 3060 1/5
Alta montagna 60150 1/6
Esistono, inoltre, in letterature valori pi o meno empirici del contributo specifico complessivo
In Tabella 3.3 si riportano i valori proposti dai diversi autori, insieme con i loro ambienti e campi di applicazione ed ai
parametri da cui possono dipendere, accompagnati dai valori calcolati con la formula di Uhden per i valori dei suoi
fattori riportati in tabella
Tabella 3.3 Coefficienti udometrici u in l/s ha
Autore Ambiente Campo di ha [mm] ETa [mm] a b u [l/s ha] umax [l/s ha] umin [l/s ha]
e fonte impiego
[ 11] Pianura Drenaggio < 900 0.65
interrato > 900 0.80
Montagna 0.80
[ 5] Drenaggio 700 0,90
interrato 800 1,00
900 1,10
1000 1,30
1200 1,70
1500 2,20
[ 6] Drenaggio 0.703.00
interrato
[ 10] Europa Drenaggio < 600 0.80*
centrale interrato 600100 1.00*
> 1000 2.00*
Drenaggio 500 600 4150 1/61/3 0 0 0,00
superficiale 600 600 0,03 0,134.76 0,01
700 600 0,07 0,2810.32 0,010.02
800 600 0,11 0,4215.87 0,020.04
900 600 0,14 0,5721.43 0,020.05
1000 600 0,18 0,7226.98 0,030.06

22
1200 600 0,25 1,0238.10 0,040.08
1500 600 0,37 1,4654.76 0,060.12
*Valori contenuti nella DIN 1185 e validi per lottenimento dellaccesso al credito agevolato per la costruzione di
impianti di drenaggio in alcuni paesi europei.
Raddoppiare i valori in presenza di forte fusione nivale o di drenaggio intensivo.
Infine, si ottiene la portata Q di dimensionamento, che affluisce in un determinato condotto e che vi deve essere
convogliata, con una delle due relazioni:
Q uA [l / s ]
h A
Q d [l / s ]
0.11571
dove:
Q la portata di dimensionamento, espressa in questo contesto in l/s,
u il coefficiente udometrico, espresso in questo contesto in l/s ha,
A larea della superficie di competenza del condotto, espressa in questo contesto ha ed
hd il contributo specifico complessivo, espresso in questo contesto in mm/g.

3.2 Drenaggio a cielo aperto del terreno

3.2.1 Affossatura
Classica sistemazione superficiale laffossatura consistente nella realizzazione di opportune pendenze longitudinali e
trasversali della superficie dei campi, nella sua modellazione e nella realizzazione di fossi di raccolta e di scolo per
assicurarvi un corretto regime delle acque meteoriche, esente dal ristagno nei terreni in piano e dallerosione in quelli in
pendio.
Lo schema generale (Figura 3.4) prevede campi di sezione trasversale leggermente convessa, di larghezza 2050 m,
delimitati da fosse campestri di sezione trapezoidale, le cui dimensioni sono riportate in Tabella 2.1. Nei terreni in
pendio si cerca generalmente di orientarle in direzione trasversale a quella del flusso sotterraneo per aumentarne la
capacit drenante.

Figura 3.4 Affossatura

Tabella 3.4 Dimensioni geometriche delle fosse campestri


Autore Campo di Profondit H [m] Larghezza B[m]
applicazione
[ 10] Campi 1.01.3* 0.25.0.*4
Prati 0.60.9* 0.51.0*
[ 6] 0.41.2
*Valori minori riferiti a terreni pesanti e valori maggiori riferiti a terreni leggeri
Schemi tipici italiani di affossatura dei terreni non irrigui in piano sono illustrati nelle Figura 3.5, Figura 3.6, Figura 3.7
e Figura 3.8 [ 11].

23
Figura 3.5 Sistemazione per terreni asciutti di medio impasto, profondi e con facile scolo

Figura 3.6 Sistemazione per terreni asciutti poco permeabili

24
Figura 3.7 Sistemazione "Del Pelo Pardi"

Figura 3.8 Sistemazione "Del Pelo Pardi"

25
Per i terreni non irrigui in pendio si usano la sistemazione a rittochino FIGURA MANCANTE, a girapoggio

(Figura 3.9) a cavalcapoggio (

Figura 3.10), a spina FIGURA MANCANTE, il ciglionamento (Figura 3.11) ed il terrazzamento

(
Figura 3.12).

Figura 3.9 Sistemazione a girapoggio

26
Figura 3.10 Sistemazione a cavalcapoggio

Figura 3.11 Ciglionamento [ 12]

Figura 3.12 Terrazzamento [ 12]

3.2.2 Baulatura e sistemazioni ad ados e billon.


La baulatura consiste nel profilare la sezione trasversale o longitudinale del campo ad archi affiancati in modo che si
formino una serie di colmi ed una serie di avvallamenti a decorso rettilineo e parallelo (Figura 3.13) che favorisce il
movimento in superficie dellacqua in eccesso dai colmi verso gli avvallamenti. Lequivalente francese la
sistemazione ad ados [ 13].

27
Figura 3.13 Profilo tipo di baulatura o sistemazione ad "ados"

Linterasse tra i colmi variabile; se molto piccolo, in francese si dice sistemazione a billon (Figura 3.14 e

Figura 3.15). La lunghezza degli ados dipende dalla natura del terreno e dei mezzi di coltivazione utilizzati; ma si
consiglia che non sia inferiore a 200 m per non costringere i mezzi ad inversioni di marcia troppo frequenti. Se la
profondit dellaratura costante su tutto il terreno, si realizza anche una baulatura profonda che favorisce il movimento
dellacqua in eccesso anche allinterno del terreno. La baulatura e gli ados, assicurano la rapida evacuazione

28
delleccesso dacque meteoriche senza recare soverchio intralcio alle lavorazioni meccaniche del terreno e si applicano
dove il terreno ed il regime pluviometrico favoriscono il frequente ristagno superficiale.

Figura 3.14 Baulatura o"ados" e "billons"

29
Figura 3.15 Sistemazione ad "ados"

3.2.3 Mazzuolatura
Nei terreni soggetti ad impaludamento si scavano fosse parallele larghe 2 m, profonde 1m e distanti 710 m e si utilizza
la terra risultata dallo scavo per innalzare la superficie del terreno limitato delle fosse e detto presa (Figura 3.16). Le
prese cos rialzate sono dette mazzuoli. Le fosse sono cave di prestito di una colmata parziale e servono ad
immagazzinare le acque che non hanno un recipiente di scarico.

30
Figura 3.16 Mazzuolatura
La configurazione che si ottiene quella di campi fortemente baulati e piuttosto stretti separati da ampi e profondi
fossati
Anche la mazzuolatura quindi una affossatura e rappresenta una forma ibrida di bonifica idraulica, infatti, vi si
riconosce un aspetto proprio della bonifica per colmata, la realizzazione del franco di coltivazione Fc grazie
allinnalzamento della superficie del terreno, ma anche uno pi prossimo alla bonifica per prosciugamento, la raccolta
delle acque eccedenti in appositi recapiti, le fosse.
La mazzuolatura assai dispendiosa sia per limpianto, sia per la manutenzione sia per la superficie sottratta alla
coltivazione. I terreni cos riscattati sono spesso coltivati con ortaggi, coltura ad alto reddito che pu giustificare
lelevato costo dellimpianto.

3.2.4 Pozzi perdenti o assorbenti o fognatura verticale


La tecnica applicabile se, sotto lo strato superficiale di terreno agrario poco permeabile, o sotto un primo strato
impermeabili di modesto spessore, si trova terreno permeabile privo di falda freatica. La tecnica consiste nel praticare,
con trivelle o appositi pali infissi mediante battipalo o berta, fori che attraversano lo strato poco o nientaffatto
permeabile; nei fori si inseriscono pertiche o tubi che terminano superiormente ad una profondit di 0.4 m dalla
superficie del terreno e li si circonda di pietrame perch disperdano nel sottosuolo le acque superficiali in eccesso
convogliatevi (Figura 3.17). La densit dei pozzi varia da 1000 a 6000 per ettaro. Se la permeabilit dello strato
permeabile molto elevata, come in ambiente carsico, lacqua superficiale in eccesso pu anche essere raccolta ed
inviata a doline ed inghiottitoi naturali o realizzati con scavi spinti fino alla profondit dello strato permeabile.

Figura 3.17 Pozzi perdenti o fognatura verticale


Controindicazioni allapplicazione di questa tecnica sono costituite dalla possibilit che, impinguandosi con esso falde
acquifere esistenti o formandosene di nuove, queste affiorino in altre localit meno elevate impaludandole e di
inquinamento della falda specie se questa utilizzata a scopo potabile. Inoltre lefficienza dei pozzi tende a ridursi,
finanche ad annullarsi, col tempo a meno che non si provveda alla preventiva chiarificazione, per sedimentazione, delle
acque drenate prima della loro immissione negli scarichi; tale operazione risulta particolarmente onerosa. Sia per questo
motivo sia per il costo di impianto pure elevato in caso di alta densit dei pozzi, questa tecnica trova limitate
applicazioni in alcune regioni collinose o in depressioni carsiche coperte da materiali alluvionali impermeabili.

31
3.3 Drenaggio sotterraneo
Consiste nel realizzare una rete sotterranea di condotti drenanti di varia natura che, richiamando acqua dalla falda
circostante e conferendola a collettori, interrati o a cielo aperto, ne deprime il livello.
Il progetto della rete comporta la definizione della disposizione planimetrica, della distanza o interasse, della profondit
del diametro, della pendenza e della lunghezza dei dreni elementari e, nel caso di collettori pure tubolari, nella
definizione della disposizione planimetrica, della profondit del diametro, della pendenza e della lunghezza anche di
questi ultimi. Tutte queste caratteristiche e grandezze dellimpianto sono interdipendenti e la loro definizione
progettuale un processo iterativo per successive approssimazioni a partire da valori suggeriti dallesperienza.

3.3.1 Disposizione planimetrica


Per quanto lo consentono il rilievo, le disomogeneit geopedologiche e la distribuzione del ristagno del terreno da
risanare e la presenza di altre infrastrutture, si cerca di assegnare alla rete una planimetria regolare con i dreni
elementari equidistanti, della stessa lunghezza e con la stessa pendenza, che confluiscono in un collettore, sotterraneo o
a cielo aperto (Figura 3.18); nel primo caso, per evitare possibili intasamenti, necessario che il dreno elementare
confluisca nel collettore con un angolo di incidenza diverso da 90, consigliato un angolo di 60, o altrimenti con un
curva circolare di raccordo di piccolo raggio.

Figura 3.18 Planimetria di un impianto di drenaggio sotterraneo [ 14]


In presenza di superficie regolari e di pendenze del terreno it uniformi e modeste (it <0.3 %), si orientano i dreni
elementari nel verso della massima pendenza (drenaggio longitudinale) cos che corrano ad una profondit quasi
costante sotto la superficie del terreno. Nei terreni in pendio (it0.30.5 %), invece, opportuno che i dreni siano
disposti a girapoggio (drenaggio trasversale) per limitarne la pendenza i entro 25 %; di conseguenza i collettori sono
orientati a rittocchino. Esiste poi una soluzione intermedia coi i dreni elementari disposti diagonalmente rispetto alle
curve di livello ed alle linee di massima pendenza.

3.3.2 Profondit dei dreni elementari


Dipende principalmente dalle propriet fisiche del terreno, dalle condizioni ambientali, quale la possibilit di gelo nei
climi freddi, dal franco di coltivazione che si vuole ottenere e dalla profondit delle lavorazioni agricole. I dreni devono
essere collocati ad una profondit Hd tale da assicurare una distanza sufficiente dallestremit inferiore dellapparato
radicale delle colture; ma in ogni caso sopra lo strato impermeabile (Tabella 3.5).

32
Tabella 3.5 Profondit consigliate dei dreni elementari [ 5]
Autore Tipo di coltura Tipo di terreno Profondit Hd [m]
[[ 11] Prati 1.00
Terreni aratori 1.25
Colture a radici 1.50
fittonate
[ 15] Cereali 0.901.20*
Girasole 0.901.05*
Barbabietole 1.051.50*
Mais 1.201.50*
Biedica e ladino 1.501.80*
Ortaggi 0.751.20*
[ 5] Minima=0.60
Normale=0.801.00
Massima=1.30
[ 10] Poco permeabile 0.801.00
Pesante, medio 1.001.20
Mediamente permeabile, argilloso 1.201.40
profondo e ricco di nutrienti
Colture perenni con Medio 1.401.80
radici profonde
*Valori minori nei terreni meno permeabili e maggiori in quelli pi permeabili.

3.3.3 Portata, diametro e pendenza dei dreni elementari e velocit dellacqua al loro interno
Nei dreni elementari si ipotizza linstaurarsi di moto uniforme sicch le relazioni che legano le quattro grandezze,
portata Q, diametro D, pendenza i e velocit v sono riconducibili, trattandosi di dreni con sezione circolare, alle
relazione:
D
vC i
4
ed alla scala delle portate:
D 2 D
Q Ad v C i
4 4
dove:
C il coefficiente di attrito,
D
il raggio idraulico di un dreno circolare ed
4
Ad larea del dreno.
Il coefficiente di attrito C pu essere espresso con la formula di Strickler per il cui coefficiente di scabrezza, nel caso di
tubi in plastica corrugata, stato proposto il valore k = 71(m1/3/s).
In Tabella 3.6 sono raccolte alcune espressioni per il calcolo della velocit dellacqua nei dreni e del loro diametro.

33
Tabella 3.6 Formule per il calcolo della velocit e del diametro dei dreni
Autore e Formula Simboli Unit di
fonte misura
[ 11] v = velocit nel dreno m/s
Di
v 3.59a [m / s ] D = diametro del dreno m
2 D i = pendenza o cadente piezometrica del dreno %
a = coefficiente
D 0 ,0 4 0 ,0 5 0 ,0 7 0 ,0 8 0 ,1 0 0 ,1 3 0 ,1 6
a 0 ,7 1 0 ,7 5 0 ,7 8 0 ,8 0 0 ,8 3 0 ,8 6 0 ,8 8

Visser D 0.0209(hd A) 0.375 i 0.206 D = diametro interno del dreno m*


[ 6] e [ 15] hd = contributo unitario complessivo di acqua da drenare mm/g
0.0209Q 0.375 i 0.206 [ m] * A = area della superficie di competenza del dreno m2
i = pendenza o cadente piezometrica del dreno %
Q = portata del dreno l/s
Wessling e Per tubi in plastica corrugati: v = velocit nel dreno m/s
Homma 23 D = diametro del dreno m
D
[ 5] v 71 i [m / s] i = pendenza o cadente piezometrica del dreno
4
32
0.0571v
D [ m]
i
*Nelle fonti espresso in cm, ma si ritiene che ci sia errato
Le velocit dellacqua nei dreni elementari, le loro pendenze ed i loro diametri devo rispettare valori minimi e massimi
interdipendenti fra loro, in particolare tali da non favorire la sedimentazione dei materiali in sospensione, per i quali i
diversi autori hanno proposto i valori di Tabella 3.7
Tabella 3.7 Valori limite e consigliati di velocit v, pendenza i e diametro D
Autore Diametro [m] i consigliate imin vmin [m/s] imam vmax [m/s]
[ 11] 0.04 0.0032 0.20 0.20 1.58
0.05 0.0023 0.14
0.065 0.0019 0.10
0.08 0.0013 0.08
0.10 0.0009 0.06
0.13 0.0007 0.043
0.16 0.0005 0.034
[ 6] e [ 15] 0.050.06 0.002 >0.20
0.080.12 0.001
>0.12 0.0005
[ 5] 0.0020.003 0.160.20 1.50
Infine, in Figura 3.19 si procede ad un confronto fra i valori porti dalle formule di Tabella 3.6 e dallabaco proposto in [
5].

34
Diametri-Portate

10000

1000
Portate [m3/g]
[6] e [15]
[11]
100
[5]
Abaco [5]

10

1
0,010 0,100 1,000
Diametri dreni [m]

Figura 3.19 Confronto fra le formule di Tabella 3.6 e valori ricavati dall'abaco proposto in [ 5] per pendenza i
=0.001

35
D 0,04 0,05 0,06 0,065 0,07 0,08 0,1 0,12 0,13 0,14 0,16 0,18 0,2 0,21
i a 0,71 0,75 0,77* 0,78 0,79* 0,8 0,83 0,85* 0,86 0,88 0,88 0,90* 0,91* 0,92*
0,05 0,15 0,28 0,46 0,57 0,69 0,97 1,76 2,82 3,48 4,26 5,95 8,13 10,69 12,13
0,10 0,22 0,40 0,65 0,80 0,97 1,38 2,48 3,99 4,93 6,03 8,41 11,49 15,12 17,16
0,15 0,27 0,49 0,79 0,98 1,19 1,69 3,04 4,89 6,03 7,39 10,30 14,08 18,52 21,01
0,20 0,31 0,57 0,92 1,13 1,38 1,95 3,51 5,65 6,97 8,53 11,89 16,25 21,38 24,26
0,25 0,35 0,64 1,03 1,27 1,54 2,18 3,93 6,32 7,79 9,54 13,30 18,17 23,91 27,13
0,30 0,38 0,70 1,12 1,39 1,68 2,39 4,30 6,92 8,53 10,45 14,57 19,91 26,19 29,71
0,35 0,41 0,75 1,21 1,50 1,82 2,58 4,65 7,47 9,21 11,28 15,73 21,50 28,29 32,10
0,40 0,44 0,80 1,30 1,60 1,94 2,75 4,97 7,99 9,85 12,06 16,82 22,99 30,24 34,31
0,45 0,46 0,85 1,38 1,70 2,06 2,92 5,27 8,47 10,45 12,79 17,84 24,38 32,08 36,39
0,50 0,49 0,90 1,45 1,79 2,17 3,08 5,56 8,93 11,01 13,49 18,81 25,70 33,81 38,36
0,55 0,51 0,94 1,52 1,88 2,28 3,23 5,83 9,37 11,55 14,14 19,72 26,96 35,46 40,23
0,60 0,53 0,98 1,59 1,96 2,38 3,37 6,09 9,78 12,06 14,77 20,60 28,15 37,04 42,02
0,65 0,56 1,02 1,65 2,04 2,48 3,51 6,33 10,18 12,56 15,38 21,44 29,30 38,55 43,74
0,70 0,58 1,06 1,72 2,12 2,57 3,64 6,57 10,57 13,03 15,96 22,25 30,41 40,01 45,39
0,75 0,60 1,10 1,78 2,20 2,66 3,77 6,80 10,94 13,49 16,52 23,03 31,48 41,41 46,98
0,80 0,62 1,14 1,84 2,27 2,75 3,90 7,03 11,30 13,93 17,06 23,79 32,51 42,77 48,52
0,85 0,64 1,17 1,89 2,34 2,83 4,02 7,24 11,65 14,36 17,58 24,52 33,51 44,08 50,02
0,90 0,65 1,21 1,95 2,41 2,92 4,13 7,45 11,98 14,78 18,09 25,23 34,48 45,36 51,47
0,95 0,67 1,24 2,00 2,47 3,00 4,25 7,66 12,31 15,18 18,59 25,92 35,43 46,61 52,88
1,00 0,69 1,27 2,05 2,54 3,07 4,36 7,86 12,63 15,58 19,07 26,60 36,35 47,82 54,25
1,25 0,77 1,42 2,29 2,84 3,44 4,87 8,78 14,12 17,41 21,32 29,74 40,64 53,46 60,65
1,50 0,85 1,56 2,51 3,11 3,77 5,33 9,62 15,47 19,08 23,36 32,57 44,52 58,56 66,44
1,75 0,91 1,68 2,71 3,36 4,07 5,76 10,39 16,71 20,60 25,23 35,18 48,08 63,26 71,77
2,00 0,98 1,80 2,90 3,59 4,35 6,16 11,11 17,86 22,03 26,97 37,61 51,40 67,62 76,72
2,50 1,09 2,01 3,24 4,01 4,86 6,89 12,42 19,97 24,63 30,15 42,05 57,47 75,61 85,78
3,00 1,20 2,20 3,55 4,39 5,33 7,54 13,61 21,88 26,98 33,03 46,07 62,95 82,82 93,97
3,50 1,29 2,38 3,84 4,74 5,75 8,15 14,70 23,63 29,14 35,68 49,76 68,00 89,46 101,50
4,00 1,38 2,54 4,10 5,07 6,15 8,71 15,71 25,26 31,15 38,14 53,19 72,69 95,63 108,50
4,50 1,46 2,69 4,35 5,38 6,52 9,24 16,67 26,80 33,04 40,46 56,42 77,10 101,43 115,08
5,00 1,54 2,84 4,59 5,67 6,88 9,74 17,57 28,25 34,83 42,65 59,47 81,27 106,92 121,31
6,00 1,69 3,11 5,03 6,21 7,53 10,67 19,24 30,94 38,15 46,72 65,15 89,03 117,13 132,89
7,00 1,83 3,36 5,43 6,71 8,14 11,52 20,79 33,42 41,21 50,46 70,37 96,16 126,51 143,54
8,00 1,95 3,59 5,80 7,17 8,70 12,32 22,22 35,73 44,05 53,94 75,23 102,80 135,25 153,45
9,00 2,07 3,81 6,16 7,61 9,22 13,07 23,57 37,90 46,73 57,21 79,79 109,04 143,45 162,75
10,00 2,18 4,02 6,49 8,02 9,72 13,77 24,85 39,95 49,25 60,31 84,11 114,94 151,21 171,56
Campo di valori non utilizzabile perch le pendenze e quindi le velocit dell'acqua sono troppo piccole
In grassetto i valori calcolati con i valori di a forniti dall'autore
* Valori di a stimati

36
3.3.4 Distanza o interasse dei dreni elementari
Per terreni con falda alta e relativamente stabile, con riferimento alla

Figura 3.20 ed ai simboli in essa contenuti, la distanza o interasse L tra due dreni elementari adiacenti pu calcolarsi
con la formula di Hooghouldt-Donnan [ 5] o di Hooghould [ 10] 3:
8K 2 H 1 H 2 4 K 1 H 22
L [ m]
h h

K1
H1

H2 D
K2 Himp
Strato impermeabile

Figura 3.20 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella
formula di Hooghouldt-Donnan o di Hooghould
dove:
L la distanza o linterasse tra due dreni elementari adiacenti espressa in m,
hd il contributo specifico complessivo, espresso in questo contesto in mm/g,
K1 il coefficiente di permeabilit orizzontale o conducibilit idrica del terreno sopra il piano di posa dei dreni,
espressa in mm/g,
K2 il coefficiente di permeabilit orizzontale o conducibilit idrica del terreno sotto il piano di posa dei dreni, espresso
in mm/g,
H1 il massimo dislivello tra la quota del piano di posa dei dreni e la falda a regime dopo labbassamento operato dal
drenaggio espresso in m e
H2 la potenza equivalente dello strato permeabile, espressa in m, che dipende dalla distanza L stessa ,
dallaffondamento H3 dello strato impermeabile al di sotto del piano di posa dei dreni e dal diametro D dei dreni
elementari (Tabella 3.8).
Uno strato pu considerarsi impermeabile se la sua permeabilit non supera il 10 % di quella dello strato sovrastante e
nella formula precedente si trascura il termine contenente K2, se i dreni poggiano sullo strato impermeabile.

8 KH 1 H imp 4 KH 12
3
In [ 6] si riporta la formula L dove K semplicemente il coefficiente di permeabilit del
h h
18KH 1 H imp 4 KH 12
terreno, espresso in mm/g,; in [ 15], infine, si riporta la formula L .
h h
37
Tabella 3.8 Valori della potenza equivalente H2 in m dello strato permeabile per D = 0.1 m(*)
Himp [m] L [m]
10 15 20 25 30 35 40 45 50
0.5 0.45 0.46 0.47 0.47 0.48 0.48 0.49 0.49 0.49
1.0 0.71 0.78 0.83 0.86 0.88 0.89 0.91 0.92 0.92
2.0 0.91 1.11 1.25 1.35 1.43 1.50 1.55 1.59 1.62
3.0 0.94 1.24 1.46 1.63 1.76 1.88 1.97 2.05 2.12
4.0 0.94 1.28 1.56 1.87 1.96 2.11 2.26 2.37 2.48
5.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.09 2.28 2.45 2.60 2.73
6.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.17 2.39 2.58 2.76 2.92
7.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.21 2.46 2.68 2.87 3.06
8.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.21 2.53 2.75 2.96 3.17
9.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.21 2.53 2.79 3.02 3.24
10.0 0.94 1.28 1.61 1.90 2.21 2.53 2.82 3.09 3.31
(*) H2 varia poco con D

Di norma gli interassi variano da 8 a 30 m; nei terreni infrigiditi o allagati, nei quali le precipitazioni stentano a
percolare, la scelta degli interassi particolarmente problematica.
Se la differenza di permeabilit lungo il profilo verticale del terreno notevole, si adotta la formula di Ernst [ 5]:
Hv hL2 hL 2tH o
H1 h ln [ m]
K 1 8K 1 H ' K 2 H ' ' K 1 D
dove, oltre ai simboli usati nella precedente formula e con riferimento alla

Figura 3.21:
H lo spessore, espresso in m, dello strato pi superficiale con permeabilit K1,
H lo spessore, espresso in m, dello strato pi profondo con permeabilit K2,
Hv = H1 D,
Do = H Hd + D, con Hd profondit del piano di posa dei dreni espressa in m, e
T = t(Jr) un coefficiente che dipende dalla resistenza radiale Jr.

Fc
K1 H Hd
Hv
H1
Ho

D
K2 H
Strato impermeabile

Figura 3.21 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella
formula di Ernst

38
Nel caso invece di falda in condizioni di moto vario e quindi con oscillazioni nel tempo t legate o al regime meteorico o
ad adacquamenti irrigui con scarsa efficienza di campo, si pu utilizzare la formula di Glover-Dumm:

4 1 n 2t
H 1 (t )

H0
n 1; 3.5 n
e

dove, oltre ai simboli usati nelle precedenti formule e con riferimento alla Figura 3.22:

Ha
Ht

K D
Himp
Strato impermeabile

Figura 3.22 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella
formula di Glover-Dumm e posizioni della superficie della falda in istanti diversi
H1(t) il dislivello tra la quota del piano di posa dei dreni e la falda allistante generico t, espresso in m,
H0 = Ha/ e
2 KH imp

L
nelle quali ancora:
Ha laltezza dacqua che alimenta istantaneamente la falda, espressa in m, e
Vv Wuc
la porosit efficace del terreno data dal rapporto tra la differenza del volume dei suoi vuoti Vv ed il
Vv
volume dacqua Wuc trattenutovi alla capacit di campo ed il volume dei vuoti stesso.
Per una valutazione approssimata si pu utilizzare lequazione di Dumm semplificata ottenuta troncando la serie della
formula completa dopo il primo termine:
4
H 1 (t ) H0 [ m]

La Tabella 3.9 mostra i valori della distanza o interasse fra due dreni elementari adiacenti proposti dai diversi autori.
Tabella 3.9 Distanze o interassi fra dreni elementari adiacenti
Autore Tipo di terreno Percentuale di argilla Distanza o interasse
[%] L [m]
[ 11] Argilloso 5075 12*
Compatto 4050 1214*
Ordinario 3040 1416*
Sabbioso 2030 1620*
Sabbioso 1020 2024*
Sabbioso <10 2430*
[ 6] argilloso 8
sabbioso 50
[ 10] 830
*Per terreni con i>0.3 %, aumentare i valori del 20 %

39
3.3.5 Lunghezza dei dreni elementari
Se si suppone che la superficie di competenza di ogni dreno elementare abbia pianta rettangolare di lunghezza Lmax e
larghezza L pari allinterasse tra due dreni adiacenti, la portata del dreno stesso data da:
uLmax L
Q uA [l / s ]
10 4
da cui si ricava:
Q
Lmax 10 4
Lu
nelle quali:
Q la portata di dimensionamento, espressa in questo contesto in l/s,
u il coefficiente udometrico, espressa in questo contesto in l/s ha,
A larea della superficie di competenza del dreno, espressa in questo contesto ha,
Lmax la lunghezza del dreno elementare in m ed
L la distanza o interasse tra due dreni adiacenti, espresso in m.
Tenuto conto che Q vAd e delle espressioni di v del paragrafo 3.3.3, si pu esprimere Lmax in funzione dei diametri
D, delle pendenze i e delle distanze o interassi fra due dreni adiacenti visti nei paragrafi precedenti. In particolare,
tenendo conto in dellespressione di v proposta in[ 11], si ottiene:
Di
3.59a
v Ad v D 2
2 d D
2
Lmax 10 4 10 4 10 4
Lu Lu 4 Lu 4
che, per i due valori del coefficiente udometrico ivi proposti e per dreni di diametro D = 0.04 m, fornisce le
espressioni4:
i
Lmax 6900 per u 0.65 l / s ha
L
i
Lmax 5600 per u 0.80 l / s ha
L
dove, oltre ai simboli usati nelle precedenti espressioni:
i la pendenza o la cadente piezometrica del dreno espressa in percentuale % e
D il diametro del dreno espresso in m.
Di norma la lunghezza dei dreni Lmax = 150250 m ma pu arrivare anche a Lmax = 300 m.

3.3.6 Drenaggio tubolare sotterraneo


Materiali usati: laterizio, plastica (polivinilcloruro PVC e polietilene PET), calcestruzzo pi corrodibile.
I diametri commerciali partono da un diametro minimo di mm 40 e generalmente prevedono le misure mm 50, 60, 80,
120, 160 ed oltre.

E necessario circondare i tubi con filtri che impediscano locclusione delle fessure dingresso dellacqua da parte del
materiale solido da essa trasportato e facilitino il movimento dellacqua in prossimit del dreno.
I filtri possono realizzarsi con sabbia, ghiaia, torba, fogliame o paglia adagiati intorno al dreno o con feltri o fibra di
vetro o di cocco avvolti intorno ad essi.

I tubi in plastica hanno spessori tra mm 0.8 e mm 1.4 e diametro interno tra mm 40 e mm 160. Possono essere di tipo
rigido, con barre di lunghezza 56 m, collegate tra loro con appositi manicotti a vite o a baionetta, o di tipo flessibile, in
bobine da 150, 200 e 300 m con superficie corrugata. Questultimo tipo il pi utilizzato per la maggior rapidit di posa
in opera e per il fatto che fornito gi completo di filtro esterno in fibra di cocco. Lacqua entra nei tubi attraverso
apposite fessure, longitudinali o trasversali o oblique rispetto allasse del tubo.

4
Nel testo citato si propone la seguente versione delle due espressioni:
i
Lmax 0.69 per u 0.65 l / s ha
L
i
Lmax 0.56 per u 0.80 l / s ha
L
ma si ritiene che si tratti di una versione errata date le unit di misura utilizzate.

40
I tubi in laterizio hanno normalmente spessore di mm 10 e diametro interno tra mm 50 e mm 150200; sono forniti in
barre di lunghezza 300330 mm. Sono posti in opera per semplice giustapposizione delle loro estremit, senza
sigillarne i giunti in modo che rimanga un fessura attraverso la quale lacqua penetra nel dreno.

3.3.6.1 Manufatti e pezzi speciali


Prevedere pozzetti spia o dispezione nelle confluenze con i collettori chiusi ed anche lungo i dreni elementari.

3.3.6.2 Materiali e tecniche di posa in opera dei dreni

3.3.7 Drenaggio talpa


Mediante un apposito utensile, laratro-talpa, trascinato da un trattore, si realizza nel terreno una rete di fori
suborizzontali, detti fognoli o micro-tunnel ().
Esistono tre tipi di aratri-talpa:
1. semplici, con regolatore discontinuo della profondit che pu agire solo prima dellinizio della lavorazione,
2. semiautomatici, con regolatore continuo della profondit che pu essere azionato anche durante la lavorazione,
3. automatici, con regolatore continuo della profondit che agisce automaticamente durante la lavorazione.
Lutensile collegato da un sostegno o lama rigida ad un telaio a due ruote di uguale diametro ed albero a gomito ed
costituito dallobice seguito eventualmente dal lisciatoio o espansore, di forma conica con lestremit posteriore
cilindrica, con la funzione di ingrandire la sezione del fognolo (Tabella 3.10).
Tabella 3.10 Dimensioni dell'utensiele per realizzare i fognoli o micro-tunnel
Autore Diametro dellobice [mm] diametro del lisciatoio [mm]
[11] 70 130
[5] 7080 100120
[6] 50100
Nellesecuzione dei fognoli si deve evitare che vi siano tratti in contropendenza e la pendenza deve garantire velocit
sufficientemente basse da non causare erosione.
Profondit, diametro, lunghezza, pendenza e distanza o interasse consigliati dei fognoli sono indicati in Tabella 3.11
[11].
Tabella 3.11 Profondit consigliate dei fognoli o micro-tunnel
Autore [11] [10] [5]
Profondit Prati stabili 0.300.50 m
Terreni aratori >0.50 m
Terreni mineralizzati 0.500.60 m
Diametro 0.050.13 m
Lunghezza 150200 m 50100 m
Pendenza 0.150.30 % 0.55 %
Distanza o interasse 2.004.00 m 2.008.00 m

Laratro-talpa, oltre ad eseguire i fognoli, nellavanzamento della lama provoca anche fratture nel terreno che ne
aumentano la velocit di infiltrazione o permeabilit.
Questa tecnica di drenaggio particolarmente diffusa in Inghilterra.

3.3.8 Fognatura campestre


La fognatura campestre si realizza scavando piccoli fossi sul fondo dei quali si adagiano fascine di 1525 cm di
diametro o piccoli tronchi o assi di legno o, infine, pietrame di pezzatura decrescente verso lalto che poi sono interrati
(Figura 3.23). Il sistema pu essere vantaggioso ove ci sia abbondanza di ramaglie o di pietrame. La scelta del materiale
da utilizzare dipende, naturalmente, dal materiale maggiormente disponibile sul posto.

41
Figura 3.23 Tipi di condotti per fognatura campestre

3.3.9 Tecniche di drenaggio sotterraneo combinate o associate


In terreni particolarmente difficili da drenare si possono combinare le tecniche di drenaggio descritte nei paragrafi
precedenti.
Si realizza una rete drenante superiore mediante drenaggio talpa, ad una profondit di 4060 cm ed interasse tra i
fognoli di 23 m, ed una inferiore con decorso dei condotti ortogonale a quello della rete superiore, mediante drenaggio
tubolare, con interasse tra i dreni 24 volte maggiore di quello consentito dal solo drenaggio. La generatrice superiore
del tubo drenante deve soggiacere di 1520 cm rispetto alla generatrice inferiore del fognolo; inoltre la trincea di posa
del dreno tubato deve essere riempita per unaltezza di almeno 30 cm sopra il dreno con materiale poroso, generalmente
ghiaia, in modo che si crei un collegamento idraulico tra fognoli e tubi drenanti che consente lo scolo dellacqua dai
primi ai secondi. Questa tecnica detta: drenaggio incrociato.

3.4 Metodi fisico-chimici di miglioramento del terreno


In accordo col significato estensivo del termine bonifica, anche altri metodi, diversi da quelli idraulici, possono essere
utilizzati per migliorare la redditivit di un terreno. In particolare, se si tratta di reddito agricolo, si pu agire
correggendo le caratteristiche sia fisiche sia chimiche del terreno.

3.4.1 Metodi fisici


Le operazioni di miglioramento delle caratteristiche fisiche del terreno consistono principalmente nellalleggerimento,
nel dissodamento profondo, nel riempimento e nella stabilizzazione.
Nelle zone in cui la precipitazioni non superano i 600 mm/anno e sono sufficientemente distribuite generalmente non si
presenta il problema di allontanare le acque in eccesso, altrimenti necessario prevedere un apposito sistema di
drenaggio e di scolo.

3.4.1.1 Alleggerimento
Lalleggerimento consiste nella frantumazione e nel sollevamento dello strato superficiale del terreno.
Si attua con un attrezzo apposito, detto vomere, ad una o pi lame, fisse o mobili, inclinate di 2530 rispetto
allorizzontale.
La profondit alla quale deve spingersi loperazione dipende dal tipo e dallo spessore del terreno compatto e varia da 40
cmm a 70 cm; se esso elevato, esso va approfondito il pi possibile ed in ogni caso almeno ad 80 cm. Per queste
profondit il vomere ha dimensioni di mm 400 x mm 120. Linterasse tra due strisce contigue di lavorazione deve
essere tale che in superficie esse si sovrappongano, sicch linterasse ottimale varia da 70 cm a 140 cm (Figura 3.24).

42
Figura 3.24 Schemi dalleggerimento
La durata dellefficacia di questo trattamento supposta di circa 15 anni.

3.4.1.2 Dissodamento profondo


Il dissodamento consiste nel rompere il terreno compatto, il dissodamento profondo riporta anche in superficie terreno
di migliore qualit dagli strati sottostanti.
Si attua con un apposito attrezzo monolama.
La profondit della lavorazione dipende da quella dello strato di terreno da migliorare a partire da un minimo di 6080
cm (Figura 3.25). Le strisce di lavorazione sono una adiacente allaltra sicch il loro interasse minimo.

Figura 3.25 Schema di dissodamento profondo


La durata dellefficacia di questo trattamento dipende fortemente dal tipo di terreno e pu variare da 3 a 18 anni.

43
3.4.1.3 Riempimento
Il riempimento consiste nel mescolare al terreno originale materiali di riempimento sciolti e leggeri quali torba e
polistirene (polistirolo) espanso.

3.4.1.4 Stabilizzazione
La persistenza delle caratteristiche strutturali di un terreno e la durata degli effetti dei trattamenti che garantiscano
unaerazione ed unumidit ideali per una coltura possono essere perseguite stabilizzando delle caratteristiche
desiderate mediante la distribuzione di emulsioni bituminose diluite. Per la loro applicazione, per, necessario
valutare con attenzione preventivamente i possibili effetti tossici sulle colture e per gli animali.

3.4.2 Metodi chimici


I metodi chimici di miglioramento del terreno consistono nellaggiunta di sostanze chimiche; laggiunta di sostanze
chimiche di solito consigliata, in combinazione con i metodi fisici, per stabilizzare il terreno.

3.4.2.1 Calcinatura e fertilizzazione


Le pratiche pi comuni sono la calcinatura e la fertilizzazione.
Nella calcinatura la sostanza additiva il calcio in genere dato sotto forma di carbonato o solfato di calcio. Di solito
sono sparsi sulla superficie del terreno con mezzi meccanici e spinti in profondit con laratura. Le dosi di calcio
dipendono dal pH del terreno.
Nella fertilizzazione le sostanze additive sono lazoto, il fosforo, il potassio in preferenza sotto forma di composti
azotati. Le dosi consigliate sono:
N 200 kg/ha
P 300 kg/ha
K kg/ha
L 300 kg/ha.
Essi sono insufflati nel terreno, mediante appositi insufflatori, durante le operazioni di alleggerimento del terreno.
In entrambi i casi si raccomanda, inoltre, una stabilizzazione biologica del terreno mediante limpianto di specie
vegetali con un fitto apparato radicale.

3.4.2.2 Gesso
Le caratteristiche dei suoli salini ed alcalini possono essere corrette con laggiunta di gesso (solfato di calcio).

44
4. ACQUE E TERRE ALTE, MEDIE E BASSE E LA RETE DEI CANALI DI BONIFICA
A seconda che le acque dellemissario di un comprensorio di bonifica possano sfociare a gravit nel recipiente o vi
debbano essere sollevate con un impianto di pompaggio, la bonifica si dice a scolo naturale o a sollevamento
meccanico. Lo scolo naturale pu poi avvenire continuativamente o solo in alcuni periodi; in questultimo caso la
bonifica si dice a scolo naturale intermittente. Quale delle tre circostanze si verifichi, dipende dalle quote reciproche del
pelo libero nella sezione finale dellemissario e del recipiente. Si consideri, in via del tutto generale, un profilo
altimetrico lungo un possibile canale di bonifica e del suo recipiente (FIGURA). Nel disegno sono indicati, oltre alla
quota iniziale del terreno, anche quella alla quale si ritiene che esso si assester in seguito allabbassamento s e quella
corrispondente ad un franco di bonifica fb misurato a partire da questa. A partire dai livelli massimo e minimo di
progetto del recipiente, si traccino due rette con pendenza pari alla presunta pendenza dei canali di bonifica fino ad
intersecare, rispettivamente nei punti A e B, la linea del franco di bonifica. Lungo la sezione considerata, le acque che si
trovano a quota superiore di quella del punto A possono sempre defluire per gravit nel recipiente, quelle che hanno
quote comprese tra le quote di A e B, possono entrare per gravit nel recipiente solo quando la loro quota superiore o
uguale a quella del pelo libero del recipiente, compreso tra il massimo ed il minimo, aumentato del dislivello H dovuto
alle perdite di carico lungo i canali ed, infine, le acque la cui quota inferiore a quella del punto B non possono mai
entrare per gravit nel recipiente e richiedono un impianto di sollevamento P. Le acque del primo tipo, e le terre da cui
provengono sono dette alte, quelle del secondo tipo sono dette medie e quelle del terzo tipo basse. Le prime possono
essere evacuate a scolo naturale, le seconde a scolo naturale intermittente e le terze solo per sollevamento meccanico.
Ripetendo loperazione per unintera serie di possibili canali che drenino lintero comprensorio di bonifica e collegando
con due linee continue rispettivamente tutti i punti che separano le acque alte da quelle medie e tutti i punti che
separano quelle medie da quelle basse si suddivide lintero comprensorio in tra fasce: quelle delle terre alte, medie e
basse ed opportuno che le acque delle tre zone seguano percorsi separati per giungere al recipiente al fine di evitare
laccumulo ed il pompaggio nelle terre basse di quelle che non ne necessitano.
Per questa operazione, per, necessario conoscere preliminarmente la planimetria della rete di canali e le loro
pendenze. Poich questi non sono ancora noti necessario procedere per tentativi ipotizzando una possibile planimetria
della rete ed una pendenza dei canali i=0.0001.
Non in tutti i comprensori presente la tripartizione del territorio cos come in alcuni comprensori le acque alte
sidentificano con le acque esterne (Figura 4.1).

Figura 4.1 Suddivisione delle acque e delle terre alte, medie e basse

4.1 Planimetria della rete


La rete dei canali di bonifica generalmente una rete dendritica a maglie aperte. Alle estremit di monte si trovano i
rami pi remoti della rete, i capifosso o collettori di terzo ordine, nei quali recapitano le acque le fosse campestri o i
dreni dei diversi sistemi di drenaggio del terreno. I capifosso confluiscono nei collettori di secondo ordine, questi nei
collettori di primo ordine e questi infine nel collettore principale o emissario (Figura 4.3).

45
Figura 4.2 Schema della rete di canali di bonifica
I colatori maggiori seguono generalmente landamento dei compluvi naturali prima della sistemazione, eventualmente
con sostituzione di tratti rettilinei agli andamenti sinuosi naturali. I canali di ordini successivi hanno direzioni ortogonali
o subortogonali gli uni rispetto agli altri e si dispongono alternativamente con decorso suborizzontale prossimo alle
linee isoipse o secondo le linee di massima pendenza del terreno naturale. I capifosso possono ricevere acqua da un solo
lato o da entrambi i lati; nel primo caso la distanza tra due capifosso contigui pari alla lunghezza LC dei campi mentre
nel secondo caso la distanza doppia. La scelta fra le due soluzioni dipende dalla pendenza del terreno nella direzione
delle fosse campestre o dei dreni elementari.
La lunghezza dei campi, cos come la loro larghezza, varia a seconda dellordinamento agrario e delle caratteristiche
del terreno: in pianura LC = 200500 m, con valore pi frequente LC = 300 m.

4.2 Rete stradale


Associata alla rete di canali vi di norma una rete stradale per laccesso ai poderi (Figura 4.3).

46
Figura 4.3 Schema di rete stradale associata alla rete di canali di bonifica

47
5. CALCOLO DELLE PORTATE NELLA RETE DEI CANALI DI BONIFICA
Generalmente il valore della portata che un dato canale di una rete di bonifica deve potere convogliare si calcola a
partire da una pioggia di progetto che la deve generare, nellipotesi tuttaltro che scontata che a piogge di dato tempo di
ritorno Tr corrispondano portate di pari tempo di ritorno Tr.
Come si gi detto al paragrafo 3.1, nel calcolo dei volumi che affluiscono al sistema di drenaggio superficiale o
interrato e che da esso deve essere convogliabile ai capifosso, si tiene conto esclusivamente delle perdite per
evapotraspirazione, infiltrazione ed eventualmente scorrimento superficiale che depauperano gli apporti esterni dovuti a
pioggia, falda ed irrigazione. Anche per il calcolo delle portate che devono transitare in una data sezione di un canale di
bonifica, non tutto il volume di pioggia che cade in un dato intervallo di tempo sul suo bacino affluisce alla rete di
canali, poich parte si perde per evaporazione ed infiltrazione e parte resta sulla superficie del terreno. Di questo
fenomeno si tiene conto attraverso il coefficiente dafflusso.
Inoltre si deve considerare anche il fatto che lintensit media della pioggia, a partire dal valore nel suo centro di
scroscio, si riduce progressivamente allaumentare dellarea della superficie del bacino idrografico sotteso; di ci si
tiene conto per mezzo di un procedimento di ragguaglio allarea.
Infine, si deve tenere conto, in misura diversa secondo il metodo che si usa, di altri due fenomeni che si verificano
durante il trasferimento dellacqua nella rete a monte della sezione di interesse: il movimento delle singole particelle nel
loro percorso e linvaso di parte dellacqua nei canali stessi.
, corrivazione, sul terreno e nei canali della rete di bonifica
....perdite e ragguaglio ... due diversi coefficienti di deflusso .....
In tutti i casi alle portate cos calcolate, si devono aggiungere gli altri eventuali apporti diversi da quelli meteorici, quali
quelli dovuti a filtrazione dalle arginature, allirrigazione ed alla falda.

5.1 Piogge di progetto


Levento di pioggia di progetto che determina leccesso di acqua da eliminare rappresentato mediante la curva
segnalatrice di possibilit pluviometrica o climatica. Essa indica laltezza di pioggia hp che, con tempo di ritorno Tr, pu
cadere durante un evento di durata t. Queste curve, costruite con elaborazioni statistiche, possono essere espresse, fra
laltro, con la formula monomia:
hp at n
Nelle applicazioni alle reti di bonifica hp espresso in mm, a in mm/giorno e t in giorni. Il tempo di ritorno consigliato
Tr=510 anni; in ogni caso, i valori consigliati di a ed n sono a=5070 ed n=0.20.5. La Tabella 5.1e la Figura 5.1
mostrano landamento delle curva segnalatrici di possibilit pluviometrica per i suddetti valori consigliati dei parametri
a ed n unitamente con quello della curva segnalatrice di possibilit pluviometrica di Cremona con tempo di ritorno
Tr=10 anni.
Tabella 5.1 Curve segnalatrici di possibilit pluviometrica
a n t [giorni] hp=atn
a=86,7 a=50 a=50 a=70 a=70
n=0,3 n=0,2 n=0,5 n=0,2 n=0,5
Cremona (Tr = 10 anni) 86,7 0,3 0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
Valori consigliati 50 0,2 1 86,7 50,0 50,0 70,0 70,0
70 0,5 2 106,7 57,4 70,7 80,4 99,0
3 120,5 62,3 86,6 87,2 121,2
4 131,4 66,0 100,0 92,4 140,0
5 140,5 69,0 111,8 96,6 156,5
6 148,4 71,5 122,5 100,2 171,5
7 155,4 73,8 132,3 103,3 185,2
8 161,8 75,8 141,4 106,1 198,0
9 167,6 77,6 150,0 108,6 210,0
10 173,0 79,2 158,1 110,9 221,4
11 178,0 80,8 165,8 113,1 232,2
12 182,7 82,2 173,2 115,1 242,5
13 187,2 83,5 180,3 116,9 252,4
14 191,4 84,8 187,1 118,7 261,9
15 195,4 85,9 193,6 120,3 271,1

48
Curve segnalatrici di possibilit
pluviometrica
300,0

250,0

200,0
h [mm]

150,0

100,0

50,0

0,0
0 5 10 15
t [ore]

a=86,7 n=0,3 a=50 n=0,2 a=50 n=0,5 a=70 n=0,2 a=70 n=0,5

Figura 5.1 Curve segnalatrici di possibilit pluviometrica


La durata dellevento da considerare piuttosto lunga, parecchie ore o giorni, in virt del fatto che le piogge molto
brevi e quindi molto intense producono volumi di pioggia in ogni caso non molto grandi, che possono anche allagare i
campi, ma tale situazione si esaurisce in tempi abbastanza brevi da essere tollerati dalle colture; piogge meno intense
ma prolungate producono volumi di pioggia maggiori che possono indurre allagamenti prolungati non tollerabili dalle
colture.

5.2 Calcolo della portata di progetto col metodo antico o cinematico o della corrivazione o
di Turazza (1879)
Questo metodo tiene conto, innanzi tutto, del ragguaglio delle piogge allarea e della depurazione dalla parte di esse che
non raggiunge i canali della rete nel corso della precipitazione ed in un periodo immediatamente successivo.
Tiene, inoltre, conto esclusivamente del tempo che ogni goccia di pioggia impiega a compiere il percorso dal punto di
contatto col suolo alla sezione di chiusura. Il maggiore fra i tempi impiegati dalle particelle di pioggia cadute su tutto il
bacino detto tempo di corrivazione tc del bacino. Esso pu essere misurato come intervallo fra il termine della pioggia
che genera una piena e la fine della piena stessa.
La portata Q nella sezione dinteresse data dal prodotto del coefficiente udometrico u per larea A del bacino sotteso
dalla sezione stessa:
Q uA
Il coefficiente udometrico, a sua volta, la portata o contributo specifico o unitario, cio riferito allunit di superficie
del bacino idrografico drenato, nella sua sezione di chiusura. In particolare, per il dimensionamento dei canali di
bonifica, se ne deve calcolare il valore in occasione della piena causata dalla pioggia di progetto.

49
5.2.1 Coefficienti di deflusso mensili e ragguagliati
Come si gi detto parlando del calcolo delle portate di drenaggio del terreno, anche per il calcolo delle portate che
devono transitare in una data sezione di un canale di bonifica non tutto il volume di pioggia che cade in un dato
intervallo di tempo sul bacino idrografico sotteso dalla sezione data affluisce alla rete di canali, poich parte si perde per
evaporazione ed infiltrazione e parte resta sulla superficie del terreno; inoltre, nel calcolo della portata che deve
transitare nella data sezione, si deve tenere in considerazione anche il fatto che lintensit media della pioggia, a partire
dal valore nel centro di scroscio, si riduce progressivamente allaumentare dellarea della superficie del bacino
idrografico sotteso da quella sezione. Di questi due fenomeni tiene conto il coefficiente di deflusso ragguagliato che
varia, anche per lo stesso bacino, con la stagione ed anche da una piena allaltra.
Di questi due fenomeni tiene conto il coefficiente di afflusso ragguagliato che varia, anche per lo stesso bacino, con la
stagione ed anche da una piena allaltra.

Nel caso della bonifica ferrarese, valori medi mensili del coefficiente di deflusso ragguagliato sono contenuti in Tabella
5.2 e Figura 5.2.
Tabella 5.2 Coefficienti di deflusso mensili ragguagliati
mese ki ri=ki/k2
Pasini Bonifica Ferrarese Pianura Padana
gennaio 0,59 0,88 0,90
febbraio 0,67 1,00 1,00
marzo 0,54 0,81 0,80
aprile 0,33 0,49 0,58
maggio 0,26 0,39 0,50
giugno 0,1 0,15 0,21
luglio 0,07 0,10 0,16
agosto 0,06 0,09 0,16
settembre 0,1 0,15 0,30
ottobre 0,25 0,37 0,68
novembre 0,45 0,67 0,80
dicembre 0,52 0,78 0,90
Valore consigliato k2=0,63

50
Coefficienti di deflusso mensili e
ragguagliati
1,2
1
0,8
0,6
0,4
0,2
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
ki ri=ki/k2 (Bon. Ferrarese) ri=ki/k3 (Pianura Padana)

Figura 5.2 Coefficienti di deflusso ragguagliati


Per altre zone diverse, se si dispone di dati locali e recenti, consigliabile utilizzare questi ultimi. Si possono
ki
eventualmente utilizzare i rapporti ri tra i coefficienti ki dei singoli mesi ed il coefficiente k2 del mese di
k2
febbraio, nel quale in generale le perdite sono minori che negli altri mesi, per rendere paragonabili, agli effetti dei
deflussi, precipitazioni cadute in altri mesi; si pu assumere k2 = 0.630.80, con i valori maggiori corrispondenti alle
superficie minori. [9]. , inoltre, consigliabile aumentare i coefficienti ki dei mesi da giugno ad agosto del 50 % e del 30
% quello di settembre per piogge particolarmente intense.

5.2.2 Calcolo del tempo di corrivazione tc


Esistono numerose formule per il calcolo del tempo di corrivazione tc [giorni], dovute a diversi autori e valide per
differenti regioni geografiche. Esse sono raccolte in Tabella 5.3 insieme con alcuni esempi di calcolo effettuati per
diversi valori delle variabili:

51
Tabella 5.3 Formule per il calcolo del tempo di corrivazione
Autore Regione FORMULA Esempi di calcolo
S L=li Ji J Ui li/Ui tc
[km2] [km] [m/s] [ore]
TURAZZA Grande Valli tc=1,085S1/2 1 2,09
Veronesi 10 4,25
100 11,09

VENTURA Bassa tc=0,315S1/2 1 1,32


Bolognese 10 3,48
100 10,32

PASINI Grande tc=0,94(LS)1/3 1 1 0,94


Bonifica tc=0,24(LS)1/3 ? 0,24?
Ferrarese 10 5 3,46
0,88?
25 5 4,70
1,20?
25 6 4,99
1,28?
100 10 9,40
2,40?
100 16 10,99
2,81?

ONGARO tc=0,18(LS)1/3 1 1 0,18


10 5 0,66
25 5 0,90
25 6 0,96
100 10 1,80
100 16 2,11

RUGGIERO Veneto, tc=0,072S1/3 Manc


<estensione a L?

1 0,7?2
10 1,55?
100 3,34?

PASINI Grande tc=0,0045(LS/J)1/2 1 1 0,001 0,00100 0,14


Bonifica 10 5 0,00050 1,42
Ferrarese 25 5 0,00050 2,25
25 6 0,0005 0,00055 2,36
100 10 0,00010 14,23
100 16 0,0001 0,00014 14,99

VENTURA Bassa tc=0,005(S/J)1/2 li [km]


Bolognese 1 1 0,001 0,00100 0,16
25 5 0,0005 0,00055 1,07
100 10 0,0001 0,00014 4,16

CREMONESE tc=0,01157x6x(li/ li [km]


U i) 1 0,1 10 0,69
5 0,1 50 4,17
10 0,1 100 11,11
1 0,2 5 0,35
5 0,2 25 2,08
10 0,2 50 5,55

52
S [km2] area della superficie del bacino drenato,
L [km] lunghezza del percorso idraulico pi lungo,
J [-] pendenza media pesata del pelo libero lungo il canale dalle sue origini, calcolata con la formula:

J
l i i
dove li la lunghezza di ogni tratto di canale a pendenza costante Ji,
l
J i
i

i
Ui [m/s] velocit dellacqua, supposta nota, nei singoli tratti di canale in piena compresa quella di scorrimento
sul terreno; essa varia tra i valori Ui = 0.100.20 m/s.
Come risulta dalla Tabella 5.4, in cui, per le formule in cui il tempo di corrivazione tc e funzione della sola superficie S,
si sono riportati i valori minimi e massimi risultati dagli esempi di calcolo precedenti e le loro medie, la variabilit dei
risultati, a parit di area del bacino di quasi un ordine di grandezza, a tutto discapito dellaffidabilit delle successive
elaborazioni progettuali.
Tabella 5.4 Confronto fra tempi di corrivazione calcolati con formule diverse
S tc [giorni]
[km2] Minimo Medio Massimo
1 0,14 0,69 2,09
10 0,66 2,91 4,25
100 1,8 8,20 14,99

5.2.3 Coefficiente udometrico


Il coefficiente udometrico del mese i-esimo dato dalla formula (Figura 5.3):
ki hp ri h p
u i 0.01157m 0.01157mk 2 [m 3 / s km 2 ]
(t p t c ) (t p t c )
Figura 5.3 Schema dell'onda di piena cinematica
in cui, oltre ai simboli noti, si ha che:
m [-] il coefficiente di piena, rapporto fra la portata al colmo della piena Qmax e la sua portata media Q,
tp [giorni] la durata della precipitazione di altezza di pioggia hp, questultima espressa in mm.
Il coefficiente di piena m pu assumere i valori di Tabella 5.5 variabili con tc ma anche con la forma del bacino
idrografico drenato; i valori consigliati sono tc = 1.252, adottando i valori maggiori per i bacini pi piccoli e dove le
piogge siano pi intense.
Tabella 5.5 Coefficiente di piena m
m
tp=tc 2
Valori consigliati per tc crescenti 1
1,25
1,4
1,5

In particolare per tp = tc e ricorrendo alla formula h p at p per esprimere laltezza di pioggia, lespressione del
n

coefficiente udometrico diventa:


ri h p ri at np
u m 2 0.01157 2k 2 0.01157 k 2 0.01157k 2 ri at np 1 [m 3 / s km 2 ]
2t p tp
In Tabella 5.6 sono riportati i valori che il coefficiente udometrico assume al variare del coefficiente di piena m, della
durata tp della pioggia espressa e di a ed n della curva segnalatrice di possibilit pluviometrica.

53
Tabella 5.6 Esempi di calcolo del coefficiente udometrico
umax [l/s ha]
m 2 1,5 1,4 1,3 1
tp 0,15 1 5 10 15 0,2 1 5 10 15 0,2 1 5 10 15 0,2 1 5 10 15 0,2 1 5 10 15
a n
86,7 0,3 25,4 6,7 2,2 1,3 1,0 19,0 5,0 1,6 1,0 0,8 17,8 4,7 1,5 0,9 0,7 15,9 4,2 1,4 0,8 0,6 1,01 19,02 5,04 0,3 0,2
50 0,5 10,0 3,9 1,7 1,2 1,0 7,5 2,9 1,3 0,9 0,8 7,0 2,7 1,2 0,9 0,7 6,3 2,4 1,1 0,8 0,6 1,00 7,51 2,91 0,6 0,5
50 0,2 17,7 3,9 1,1 0,6 0,4 13,3 2,9 0,8 0,5 0,3 12,4 2,7 0,7 0,4 0,3 11,1 2,4 0,7 0,4 0,3 0,44 13,26 2,91 0,3 0,2
70 0,5 14,0 5,4 2,4 1,7 1,4 10,5 4,1 1,8 1,3 1,1 9,8 3,8 1,7 1,2 1,0 8,8 3,4 1,5 1,1 0,9 1,40 10,51 4,07 0,9 0,7
70 0,2 24,8 5,4 1,5 0,9 0,6 18,6 4,1 1,1 0,6 0,5 17,3 3,8 1,0 0,6 0,4 15,5 3,4 0,9 0,5 0,4 0,62 18,56 4,07 0,4 0,3

5.3 Calcolo della portata di progetto col metodo moderno o dellinvaso o di Puppini
Questo metodo tiene conto, innanzi tutto, del ragguaglio delle piogge allarea e della depurazione dalla parte di esse che
non raggiunge i canali della rete nel corso della precipitazione attraverso un coefficiente di deflusso k = 0.56.
Esso si basa poi sullequazione di continuit tra la portata entrante nella rete di canali fino alla sezione considerata r in
un dato istante di tempo, quella uscente dalla sezione stessa Q ed il volume dW che si invasa nella rete di canali, fino lle
pi remote fosse campestri:
dW
r Q
dt
Si pu esprimere la portata entrante, dovuta alla pioggia, ricorrendo per questultima, considerata uniforme nel tempo tp,
alla formula della curva segnalatrice di possibilit pluviometrica h p at p , la cui intensit i quindi:
n

hp at np
i at np 1
tp tp
e quindi:
r ki kat np 1
Se si pongono poi le ipotesi semplificatrici che in ogni tronco di canale la portata Q sia proporzionale allarea A della
sezione bagnata:
Q cA
e che i volumi invasati W siano proporzionali alle aree A delle rispettive sezioni bagnate:
W WMAX

A AMAX
dove:
W MAX il volume invasato nella rete in condizioni di rete piena e
A MAX larea bagnata quando la sezione piena, cui corrisponde il volume invasato W MAX,
landamento dellonda di piena quello rappresentato in Figura 5.4, con un ramo crescente, o di risalita, appartenente
alla curva di riempimento, in cui la portata allistante t e data dallespressione:

54
Figura 5.4 Onda di piena ricostruita col metodo moderno o dellinvaso o di Puppini

MAX t
Q

Q r 1 e WMAX


in cui:
Q MAX la portata che fluirebbe se la sezione fosse piena
QP la portata che si raggiunge al termine del tempo tp di durata della pioggia
ed un ramo decrescente, o di esaurimento, appartenente alla curva di svuotamento, in cui la portata allistante t data
dallespressione:

55
MAX ( t t r )
Q

Q QP 1 e WMAX


La portata QP, che si raggiunge al termine della pioggia, costituisce la massima portata che transita nella sezione
dinteresse; essa per dipende sia dalla durata tp della pioggia, sia dalle caratteristiche idrauliche della stessa sezione
diinteresse WMAX, AMAX e QMAX.
Perci, per individuare la combinazione di valori di tp, WMAX, AMAX e QMAX che rende massimo il valore di Qp, o si
procede per tentativi (metodo Paladini-Fantoli) o con formule dirette ottenute grazie ad ulteriori ipotesi semplificatrici
metodo di Massari, Supino, Dal Pra e Puppini).

5.4 Altri modelli e codici di risoluzione automatici


Esistono infine altri modelli, ancora pi semplici come il metodo De Martino, o pi complessi come il modello di Nash
utilizzabili per la costruzione dellonda di piena ed il calcolo della portata di progetto in una sezione di una rete di canali
di bonifica cos come sono anche disponibili codici di calcolo automatico per la risoluzione per via numerica di tutti i
modelli ed i metodi illustrati nei paragrafi 5.2 e5.3 e richiamati in questo stesso paragrafo.

5.5 Valori e formule empiriche del coefficiente udometrico


Infine esistono valori e formule empirici del coefficiente udometrico dei quali si da una rassegna in Tabella 5.7
Tabella 5.7 Valori e formule empiriche del coefficiente udometrico
REGIONE AUTORE E FORMULA S [km2] u [l/s ha]
FONTE
Europa Friedrich 1,00
continentale [Cremonese,
1952]
Olanda [Cremonese, 0,90
1952]
U.S.A. Harlem 0,65
[Cremonese,
1952]
Dipartimento <260 km2 1,47
Argicoltura >980 km2 0,33
1/2
Elliot u=5,3/S +0,4 per S<1, S=1
1 5,70
10 2,08
100 0,93
1000 0,57
10000 0,45
scolo sollevamento
naturale
Italia [Cremonese, 2,0 2,4
continentale 1952]
Italia 3,1 2,7
peninsulare
Italia insulare 3,2 3,3

56
6. I CANALI DI BONIFICA

6.1 Sezione idraulicamente pi vantaggiosa e sezioni pratiche


Ipotizzando che il moto nel canale sia uniforme la portata che vi transita in funzione di:
A area bagnata della sezione
P perimetro dellarea bagnata
R il suo raggio idraulico ed
i la pendenza del canale
data dalla relazione
A
Q AV AC Ri AC i
P
detta scala delle portate in cui C pu esprimersi con la formula di Strickler:
1
C kR 6 .
Introducendo questespressione e riordinando si ottiene:
2

A1 6 2 4 A
1 1 5 3
A3
Q k i 1 1 k i 2 k i A 3

P 6 2
P 3
P
A
da cui si evince che la portata crescente al crescere del rapporto rA e precisamente nella misura riportata in
P
Tabella 6.1.
Tabella 6.1 Effetto del rapporto rA sulla portata di canali di diversa sezione

0.399 0.380 0.354 0.654


A
rA
P
Q [%] 100 97 92 92
Sebbene la sezione circolare sia idraulicamente la pi vantaggiosa, difficilmente si utilizza per i canali di bonifica sia
per la maggiore difficolt di realizzazione sia perch, essendo tali canali generalmente in terra, la parte superiore delle
sponde sarebbe soggetta a franamenti e la forma non potrebbe mantenersi.
Le sezioni adottate nella pratica sono sezioni trapezoidali o, in caso di tiranti idrici superiori a 3 m, sezioni composte
con golene percorribili dai mezzi destinati alla manutenzione (Figura 6.1)

Figura 6.1 Sezioni tipo di canali di bonifica

6.1.1 Pendenza delle sponde


La scarpa da assegnare alle sponde dei canali a seconda della natura del terreno riportata in Tabella 6.2.

57
Tabella 6.2 Pendenze delle sponde in funzione della natura del terreno
NATURA DEL TERRENO PENDENZA DELLE SPONDE
1
1
Terre sabbiose, fini, incoerenti (sciolte o da 1/2 1/1,75
pala), terre umifere e terre torbiche
Terre limose-argillose e sabbiose-argillose di 1/1,75 1/1,5
scarsa compattezza (tenere o da vanga)
Terre argillose-sabbiose di media 1/1,5 1/1,25
compattezza
Terre argillose di notevole compattezza 1/1,25 1/1
(forti o da piccone)

6.2 Pendenza longitudinale e velocit

6.3 Opere darte, manufatti e rete stradale

6.4 Impianti idrovori

58
7. BONIFICA PER COLMATA
Lallontanamento della superficie del terreno coltivabile dal piano della falda si pu ottenere anche lasciando
indisturbato questultimo ed innalzando la superficie del terreno mediante lapporto di terreno idoneo. La bonifica si
dice in questo caso per colmata che pu essere naturale o artificiale. La bonifica per colmata naturale stato il primo
metodo di bonifica adottato, ma oggi il suo impiego ridotto a casi particolari e destensione limitata, tra questi il caso
di limitate zone bonificate per scolo ed abbassatesi, per costipamento del terreno, al punto tale che le loro acque non
possano pi scolare naturalmente nel recipiente.
In Italia fu lunico metodo adottato per la bonifica, eseguita soprattutto per scopi igienici, dei terreni paludosi, prima
dellavvento delle pompe idrovore ed oggi continua, solo parzialmente, dove era in atto gi da secoli, come nella
Pianura Grossetana, in Val di Chiana e nella Pianura Ravennate.

7.1 Bonifica per colmata naturale


Il terreno dapporto pu essere il materiale solido trasportato da un corso dacqua e lapporto pu avvenire grazie
allazione di trasporto del corso dacqua stesso. In questo caso la bonifica si dice per colmata naturale. Il processo
riproduce, in maniera controllata dalluomo, quello naturale con cui si formano le pianure alluvionali.
Le sistemazioni idraulico-forestali dei bacini montani sono, in generale, incompatibili con la bonifica per colmata
naturale dei territori posti a valle, poich tendono a ridurre o ad annullare il trasporto solido dei corsi dacqua.
Limmissione nel comprensorio da bonificare dellacqua carica di solidi in sospensione detta colmata, cosiccome il
risultato finale dellintero processo frutto di ripetute colmate. Le colmate possono essere intermittenti, tipicamente per
corsi dacqua a regime torrentizio, o periodiche, tipicamente per le colmate di foce, o, infine, continue. Generalmente
lacqua immessa nel canale colmatore solo durante i periodi di piena, quando la portata solida pi elevata e le
velocit che regnano nel canale ne consentono il trasporto fino a destinazione; lasciarvi defluire anche le portate di
magra ne causerebbe invece il rapido interrimento.
Le colmate di foce sono praticabili nei terreni adiacenti alle foci di fiumi con sufficiente trasporto solido e dove le
maree hanno escursioni tali che periodicamente le acque del fiume sono rigurgitate dal mare.

7.1.1 Indagini preliminari


Per la progettazione di una bonifica per colmata naturale, oltre alle indagini pluviometriche, geognostiche, e
freatimetriche necessario eseguire, da un lato, lo studio del volume totale di materiale da apportare per eseguire la
colmata e delle caratteristiche fisiche e chimiche di questo materiale, dallaltro lato, lo studio del regime sia idrologico
del corso dacqua le cui torbide costituiscono il materiale dapporto, sia limimetrico, ossia sul suo grado di torbidit.

7.1.2 Opera di presa, diversivo e canali colmatori


La colmata, nei casi particolari di terreni non ancora coltivati o di paludi o di stagni non soggetti alla piscicoltura, pu
avvenire per immissione diretta del corso dacqua nel comprensorio, altrimenti avviene mediante un canale diversivo,
che preleva dal corso dacqua con unopera di presa, ed i canali colmatori che la distribuiscono alle casse di colmata.
La posizione dellopera di presa deve essere scelta a quota tale lungo il corso dacqua da consentire alle acque torbide
prelevate di raggiungere anche le estremit pi remote del comprensorio e deve essere dotata dapparecchiature di
regolazione perch si possano effettuare i prelievi nei periodi e con le portate desiderati.
Stabilite le portate massime e minime da derivare e che transitano nel canale diversivo e nei canali colmatori, essi si
dimensionano calcolandone sezioni e pendenze tali che, in corrispondenza della portata massima, la corrispondente
velocit massima non dia luogo ad erosione del fondo e delle sponde e che, in corrispondenza della portata minima, la
corrispondente velocit minima non sia tale da consentire in essi la sedimentazione delle torbide.

7.1.3 Comprensorio di bonifica e casse di colmata


Il comprensorio di bonifica delimitato da un argine di cintura o maestro ed suddiviso in pi casse di colmata
mediante argini secondari. Larea delle casse dipende
Gli argini secondari sono dotati di sfioratori per evitare la loro tracimazione e di chiaviche di scarico con le quali inviare
le acque gi utilizzate o alle casse di colmata pi a valle o allo scarico mediante appositi canali di scarico o colatori.
Larea delle casse di colmata dipende dalla portata o dai volumi disponibili ed a seconda che effettuino colmate
intermittenti periodiche o continue. Larea dipende infine dal tirante idrico che si vuole creare nelle casse e che di
norma di 0,30,6 m.
Argini, sfioratori, chiaviche ed in generale tutte le opere di una bonifica per colmata naturale hanno carattere
provvisorio e devono quindi essere improntate alla massima economicit e realizzate progressivamente col progredire
della bonifica. Gli argini sono di solito costruiti con materiale reperito in sito; conviene procedere per successivi
innalzamenti utilizzando, appena disponibile, il materiale apportato dalle colmate, che generalmente ha caratteristiche
strutturali migliori e pi adatte allo scopo di quello preesistente; per essi non sono richieste particolari doti di

59
impermeabilit purch le eventuali infiltrazioni non li danneggino. Largine maestro, invece, si costruisce da fin
dallinizio delle colmate con la sua altezza definitiva e deve essere totalmente impermeabile; sul suo coronamento si fa
correre generalmente una strada, molto utile per la realizzazione della bonifica
Sinizia generalmente colmando le casse pi a monte e poi via via quelle pi a valle; in questo modo si pu meglio
graduare laltimetria del comprensorio e mettere a coltura il pi presto possibile le casse che a mano a mano sono
colmate; ma non infrequente che si debba ritornare sugli stessi terreni, dopo un certo tempo, per compensare
labbassamento della superficie del terreno causato dal prosciugamento degli strati superiori e dal costipamento per
ricarica di quelli sottostanti. frequente anche, nel caso di colmate intermittenti, luso agricolo dei terreni gi
parzialmente colmati nei periodi sospensione delle colmate (primavera ed estate in Italia).
La sedimentazione della torbida nelle casse , solitamente, parziale. Si preferisce, infatti, svuotare la cassa anche prima
che si sia esaurita la sedimentazione, perch possa accogliere le acque, pi ricche di solidi sospesi, di una nuova piena,
rinunciando alla sedimentazione della frazione pi fine o inviando le acque parzialmente chiarificate alle casse poste in
cascata pi a valle perch vi esauriscano la loro chiarificazione.

7.1.4 Durata della colmata


Le bonifiche per colmata naturale richiedono tempi assai lunghi, dellordine delle decine danni. La previsione di tale
durata assai incerta a causa dellincertezza della valutazione di tutti i fattori che la determinano e contenuti nella
formula che consentirebbe di calcolarla:
V Vs
t [anni ]
kpVd
in cui:
t la durata della colmata misurata in anni,
V il volume di terreno da apportare per ottenere linnalzamento desiderato,
Vs il volume di terreno da apportare in pi per compensare il costipamento per prosciugamento di quello sedimentato
e per ricarica di quello preesistente sottostante,
k il coefficiente che mette in conto che la sedimentazione della torbida parziale (2/3k 4/5),
p la concentrazione media di torbida, in volume ed nella condizione di costipamento naturale, dellacqua derivata per
le colmate e
Vd il volume annuo dacqua derivato per la colmata.
Per il calcolo di questultimo conviene partire dalla curva cronologiche delle portate del corso dacqua (Figura 7.1) e
costruire la curva delle durate delle portate, eventualmente dei soli periodi in cui si intende derivare. Poi, tenuto conto
sia della portata massima sia della portata minima che si desiderano derivare, si isola il volume liquido derivato Vd.
Valori della concentrazione p della torbida di alcuni fiumi italiani si possono calcolare a partire dai dati di trasporto
specifico medio annuo ponderali e dalle aree dei loro bacini (Tabella 7.1), tenendo anche conto che la degradazione dei
versanti avviene per il 20 % in inverno, il 33% in primavera, il 13 % in estate ed il 34 % in autunno.

60
Figura 7.1Curva cronologica e delle durate delle portate liquide del corso d'acqua; con linea tratteggiata sono
indicate le portate dei mesi nei quali non si deriva acqua

Tabella 7.1 Trasporto solido medio annuo in peso di alcuni fiumi italiani
FIUME AREA BACINO [km2] TRASPORTO SPECIFICO
MEDIO ANNUO [t/km2]
Po (a Pontelagoscuro) 70091 283
Adige 11954 91
Reno 1051 1351
Arno 8186 249
Tevere 16545 370
Volturno 5558 375
Ofanto 2716 708
Bradano 2743 943
Simeto 1832 2710
Flumendosa 1011 152

Un procedimento pi diretto dovrebbe fare riferimento alla curva delle durate del trasporto solido (Figura 7.2), costruita
a partire dalla curva cronologica del trasporto solido tenendo conto delle effettive portate solide derivabili in funzione
dei periodi in cui si stabilisce di derivare ed anche delle portate liquide massime e minime derivabili. In questo modo si
otterrebbe direttamente il volume annuo di torbida derivata da inserire nella formula:
V Vs
t [anni ]
kVt
per il calcolo della durata totale della colmata; ma i dati delle portate solide sono ben pi rari ed i loro valori ben pi
difficili ed incerti da calcolare di quelli delle portate liquide.

61
Figura 7.2 Curve cronologiche delle portate liquide e solide del corso d'acqua (con linea tratteggiata sono
indicate le portate dei mesi nei quali non si deriva acqua) e curve delle durate delle portate solide
La previsione della durata della colmata sar pi precisa se si terranno in conto:
- una graduale riduzione nel tempo del trasporto solido del corso dacqua utilizzato per la colmata per la probabile
progressiva sistemazione idraulico forestale del suo bacino idrografico, in particolare se limmissione non diretta
ma mediante un diversivo,
- una diminuzione nel tempo anche della frazione k di solidi sedimentabili a causa della diminuzione delle pendenze
e quindi delle velocit dei canali colmatori man mano che il loro percorso si allunga per raggiungere zone sempre
pi remote del comprensorio e
- informazioni su casi di bonifiche analoghe e i dati acquisiti manmano che la bonifica procede.

7.1.5 Colmata di foce


Dove le maree sono tali da rigurgitare periodicamente le acque di un fiume, sufficientemente ricco di trasporto solido,
in prossimit della sua foce, limmissione nel comprensorio di bonifica delle acque torbide e lo scarico di quelle
chiarificate pu avvenire automaticamente con chiaviche con porte a vento. In generale le casse sono poste in serie e
sono percorse dalle acque torbide in cascata in un solo verso di percorrenza.

7.2 Bonifica per colmata artificiale


Nella bonifica per colmata artificiale la superficie del terreno rialzata con materiale terroso di provenienza esterna ed
ivi trasportato ad arte. Se si dispone dacqua in pressione ed il materiale terroso sciolto, esso pu essere trasportato per
fluitazione.
chiaro che il processo molto oneroso e pu essere messo in atto solo in casi particolari e per piccole estensioni,
soprattutto quando la superficie utilizzabile che se ne ricava acquista elevato valore commerciale. Oggi in Italia, per fini
agricoli, utilizzato solo per la bonifica delle gronde dei laghi o degli stagni, mentre per la creazione di nuove aree
urbane, industriali, commerciali o per infrastrutture si riscattano anche costiere marine.
Nel caso di colmata di gronda di lago o di stagno (Figura 7.3)sisola con un argine la porzione di corpo dacqua da
colmare, il cui fondale deve superare 1 metro almeno di profondit se non si vuole che si sviluppino piante acquatiche
che attenterebbero alla salubrit dellambiente consentendo linsediamento di insetti nocivi. Il paramento esterno
dellargine deve essere protetto contro lazione del moto ondoso con opportuno rivestimento.

Figura 7.3 Schema di bonifica per colmata di una gronda di lago o di stagno
La colmata pu realizzarsi con materiale prelevato dal fondo dello stesso corpo dacqua esterno. Spesso ci avviene per
rifluimento, aspirando cio la melma del fondo, trasportandola nella gronda e facendovela sedimentare.
Altrimenti la colmata si compie con materiale terroso proveniente da localit prossime. Il suo trasporto pu farsi con
mezzi camion o per fluitazione in un condotto in pressione usando acqua come fluido vettore.

62
8. MANUTENZIONE DEI DRENI E DEI CANALI DI BONIFICA

8.1 Manutenzione dei dreni


La durata e lefficienza dei sistemi di drenaggio del terreno dipendono innanzitutto dal tipo di drenaggio: per quello
tubato possono raggiungere i 20 anni, per il drenaggio talpa al massimo i 5 anni. Esse dipendono poi dalla cura nella
realizzazione, nella costanza della prevenzione dei guasti e nella tempestivit della loro rimozione e riparazione. Cause
principale di mal funzionamento o crisi dei dreni a cielo aperto, per lo pi canali in terra di modeste dimensioni, la
loro occlusione totale o parziale per inerbimento, sedimentazione e cedimenti di sponda cui si pone rimedio
intervenendo come per i restanti canali di bonifica in terra (vedi paragrafo 8.2). Cause di mal funzionamento o crisi dei
dreni tubati sono la loro rottura per sovraccarico esterno, specie di dreni insufficientemente interrati, la riduzione di
portata per rigurgito della loro sezione di sbocco e la loro occlusione parziale o totale.

8.1.1 Rigurgito degli sbocchi


Si verifica quando la quota dello sbocco di un dreno non stata correttamente scelta in relazione al livello del pelo
libero nel capofosso oppure se questo nel tempo sinnalza a causa dellinerbimento, della sedimentazione e dei crolli di
sponda nel capofosso. Il rigurgito dello sbocco oltre a ridurre la portata del dreno e di conseguenza anche della sua
velocit induce, come effetto secondario della riduzione della velocit, anche un possibile aumento del pericolo di
sedimentazione al suo interno. Si rimedia a questi inconvenienti ripristinando con diserbo e spurgo le capacit del
capofosso effettuati con le stesse tecniche usate per i canali di bonifica e curando di non danneggiare gli sbocchi dei
dreni nei capofossi.

8.1.2 Occlusioni
Le occlusioni dei dreni sono dovute alla deposizione del carbonato di calcio (CaCO3) o di composti ferrosi contenuti nel
terreno o nellacqua, alla sedimentazione di particelle solide, allintrusione di radice o, infine a cause accidentali.
Possono riguardare la sezione del dreno o i suoi fori e possono essere totali o parziali. Sedimentazione ed intrusione di
radici sono pi frequenti se i dreni sono sprovvisti di rivestimento.

8.1.3 Prevenzione e rimedi, spurghi


Se il problema dello sbocco dei dreni un problema di progetto, esso non che essere evitato in fase di calcolo, se invece
il rigurgito dello sbocco dei dreni dipende dallevoluzione del capofosso, esso si previene o vi si pone rimedio
ripristinando con diserbo e spurgo le capacit del capofosso.
La sedimentazione e lintrusione di radici nei dreni possono essere contrastate installando dreni muniti di rivestimento,
non eccessivamente lunghi, con pendenze i > 34 % e con sbocchi liberi ed effettuando ispezioni periodiche dei
pozzetti spia e, ogni 34 anni, lo spurgo dei dreni.
Lo spurgo si effettua iniettando acqua con un tubo flessibile di gomma, la cui lunghezza pu raggiungere 150200 m,
dotato allestremit di speciale ugello (Figura 8.1) con getti spingenti che ne favoriscono lavanzamento mentre sgretola
il materiale occludente. Si deve intervenire prima che locclusione sia completa e sinietta acqua alla pressione di 45
bar; se locclusione totale si interviene con pressioni che variano da 5 bar a 40 bar usando di norma valori compresi
tra 10 bar e 20 bar.

Figura 8.1 Ugello speciale per spurgo di dreni

63
Se locclusione riguarda i fori, si interviene insufflando nel dreno aria per alcuni minuti alla pressione di 3 bar.

8.2 Manutenzione dei canali


La durata e lefficienza dei canali di bonifica dipendono principalmente da due fenomeni: linterrimento e linerbimento
che richiedono periodici interventi di manutenzione mediante lo spurgo ed il diserbo. Un tempo queste operazioni si
effettuavano a mano, oggi sono meccanizzate. Per questo assumono importanza determinante la realizzazione di strade
alzaie a lato dei canali e la previsione di luci di passaggio dei manufatti sufficienti a consentire lagevole transito delle
macchine operatrici. Da questo punto di vista, la presenza di filari dalberi in fregio al canale, spesso finalizzati ad
inibire la crescita della vegetazione spontanea in alveo grazie al suo ombreggiamento, pu risultare dintralcio.

8.2.1 Interrimento
Linterrimento dovuto al progressivo accumulo sul fondo e sulle sponde del canale di materiale solido presente
nellacqua di scolo e di drenaggio, soprattutto nei periodi di piena, per il dilavamento dei terreni o fornito dal fondo
stesso o dalle sponde del canale in terra o immesso come rifiuto di vario genere o, infine, risultante dalla
decomposizione della vegetazione che si sviluppa nei canali o del fogliame proveniente dalle colture latistanti. Le
sponde di un canale in terra possono contribuire allinterrimento sia indirettamente, alimentando il trasporto solido sia
diffusamente sia localmente a causa smottamenti, sia direttamente con gli smottamenti.

8.2.2 Spurgo
Lo spurgo consiste nella rimozione dei materiali solidi accumulatisi in alveo; la frequenza degli interventi varia molto
da canale a canale: sinterviene quando linterrimento ha ridotto la sezione del canale o aumentata la sua scabrezza a tal
punto che risulta compromessa in misura inaccettabile la capacit di deflusso della sezione con conseguente
inaccettabile innalzamento del pelo libero.
I canali in terra richiedono inoltre, ad intervalli maggiori, interventi di riprofilatura.
Si cerca di effettuare le operazione di spurgo e di riprofilatura nei periodi dellanno di minore utilizzo dei canali.
Il materiale rimosso pu essere accumulato sulle sponde, ove possibile, altrimenti deve essere trasportato ad un recapito
finale adatto.
Per lo spurgo dei canali si utilizzano diversi tipi di macchine per il movimento di terra.

8.2.2.1 Draghe natanti a secchie


Nelle draghe natanti a secchie (Figura 8.2) lorgano operatore costituito da una catena rotante sulla quale sono montati
gli apposito utensili scavatore e raccoglitori che trasportano in coperta il materiale solido scavato. La capacit delle
secchie varia da 20 l a 1000 l.

Figura 8.2 Schema di draga natante a secchie


Sono molto diffuse; le pi grandi sono utilizzate per lo spurgo dei canali pi grandi, quelle pi piccole nei canali con
larghezza in superficie da 4 m a 6 m e profondit minima di 1 m.
Lavanzamento avviene lungo un cavo di avanzamento ancorato a terra che si avvolge su un verricello a motore posto in
coperta. Analogamente dicasi per il brandeggio.
Il materiale scavato in alcuni casi trasportato a riva da appositi natanti, detti bettoline, che si accostano alla draga, in
altri casi inviato a riva, su appositi doccioni, spinto da un getto dacqua.
Questo tipo di macchina adatto a lavorare in continuo con un programma di lavoro regolare ed uniforme, male si
adatta invece a trasferimenti frequenti, per manutenzioni sporadiche, sparse e frammentarie cos come ai trasbordi ed ai
trasporti via terra ed al superamento di manufatti.

8.2.2.2 Draghe natanti a refluimento


Nelle draghe natanti a refluimento lorgano operatore costituito da un apposito apparecchio disgregatore del materiale
da asportare montato allestremit di un tubo che aspira il materiale depositato grazie ad una pompa a bordo del natante
(Figura 8.3).

64
Figura 8.3 Schema di draga natante a refluimento
Possono essere di piccole o grandi dimensioni. Lavanzamento ed il brandeggio avvengono mediante verricelli.
Il materiale scavato in alcuni casi inviato direttamente a terra, anche a notevole dalla zona dello spurgo, con la
tubazione di mandata della pompa di rifluimento, in altri casi scaricato in una vasca dove pesca una seconda pompa,
posta a terra, che provvede allallontanamento; in questo caso la parte natante pu essere di dimensioni e peso ridotti.

8.2.2.3 Escavatori semoventi a benna trascinata (drag-line)


Gli escavatori semoventi a benna trascinata (drag-line) sono tipiche macchine per il movimento delle terre con scavo
sotto il piano campagna. Hanno grande gittata (430 m) ottenuta sia con la lunghezza del braccio sia con il lancio
pendolare della benna (Figura 8.4) e dipende dalla potenza della macchina, dallinclinazione del braccio, dal peso e
dalla capacit della benna e dallabilit dalloperatore. Laltezza o la profondit di scavo sopra o sotto il piano
campagna varia da 3 m a 6 m.

Figura 8.4 Schema di escavatore semovente a benna trascinata (drag-line)


La capacit della benna varia da 500 l a 5000 l.
Sono sia su cingoli sia su ruote gommate; questi ultimi sono pi rapidi e manovrabili, ma, a causa della minore rigidit e
stabilit dellappoggio, hanno gittate inferiori. Sono ampiamente utilizzati sia per lo spurgo sia per il diserbo. Operano
solitamente spostandosi longitudinalmente sulla sponda del canale, che perci deve essere percorribile e di larghezza
minima di 4 m, e scavando in direzione trasversale allasse del canale.

8.2.2.4 Escavatori semoventi a cucchiaia rovescia o a pala


Negli escavatori semoventi a cucchiaia rovescia o a pala lorgano operatore costituito da un braccio metallico snodato
recante allestremit la cucchiaia rovescia o la pala (Figura 8.5).

Figura 8.5 Schema di escavatore semivente a cucchiaia rovescia o a pala


prestazioni
Grazie alla loro agilit di manovra sono ampiamente usati nelle operazioni di scavo, carico e scarico ed in particolare
nei lavori in alveo durante i periodi dasciutta.

65
8.2.2.5 Attrezzature leggere per trattori
I trattori sono mezzi semoventi su ruote gommate o su cingoli . Ad essi possono applicarsi diversi utensili (norie,
benne, cucchiaie rovesce e pale) con cui si possono effettuare spurghi e ripuliture ed anche scavi di canali di piccole
dimensioni.

8.2.3 Diserbo
La crescita di vegetazione nei canali determina la riduzione della loro sezione idraulica e alterazioni della loro scabrezza
che si traducono in una minore capacit di portata a parit di battenti o in maggiori e talvolta inammissibili battenti a
parit di portata. La necessit del diserbo dipende dalla necessit di garantire al canale le sue capacit di portata e la
frequenza delle operazioni dipende dalla velocit di crescita della vegetazione. Questa, normalmente elevata, dipende a
sua volta dalla velocit e dal tirante della corrente, dalle caratteristiche delle acque, anche in relazione ad eventuali
scarichi fognari e delle colature dai campi, e del terreno, dallinterrimento, dallandamento climatico e dallapporto di
semi e spore dalle colture limitrofe.
Al diserbo si pu provvedere sia con mezzi meccanici sia con sostanze chimiche.

8.2.3.1 Diserbo meccano e chimico


Secondo le caratteristiche di navigabilit dei canali o di percorribilit delle loro sponde si adoperano o mezzi natanti,
semoventi o trainati dalle sponde, o macchine operatrici.

8.2.3.2 Falciatrici natanti con lame a cesoie


Lattrezzo costituito da una lama falciatrice a cesoie orizzontale o inclinabile che lavora recidendo gli steli in
prossimit del fondo o della parte sommersa delle sponde. Per lo sfalcio della parte emersa delle sponde pu essere
montata unapposita lama falciatrice adatta al profilo della sponda. Queste falciatrici possono operare a profondit
comprese tra 0.5 m e 2.0 m circa mediante regolazione dellaffondamento della lama che si pu effettuare anche a
lavoro in corso.
Gli attrezzi sono installati generalmente a proravia del natante e lo stesso motore di bordo che provvede al suo
avanzamento, in accoppiamento con un apparecchio oleodinamico, aziona anche la lama falciatrice. Talvolta, per
agevolare lavanzamento del natante quando la vegetazione troppo sviluppata, si abbina una lama verticale che apra
una sorta di corridoio nella vegetazione. La falciatura sul fondo, per, pu comportare frequenti incagli della lama
contro le irregolarit del fondo con pregiudizio dellintegrit della lama e, talvolta, della stabilit del natante; per questo
in alternativa si pu adottare una lama oscillante trainata su pattini a poppavia.
Il natante ha in generale dimensioni ridotte che gli consentono di superare molti manufatti presenti lungo i canali; dove
le luci di passaggio sono insufficienti si provvede al trasbordo con gru, piani inclinati o carrelli.

8.2.3.3 Falciatrici natanti con lame radenti


Lattrezzo costituito da una, due o tre lame affilate la cui forma e dimensioni dipendono dalla potenza del mezzo ed
agisce alla base della vegetazione. Spesso hanno in pianta forma a V e sono trascinate per il vertice con barre metalliche
di lunghezza tale da garantirne lappoggio sul fondo durante la lavorazione. Lazione tagliante ottenuta mediante
lavanzamento delle lame a scatti impressi da molle, glifi oscillanti o eccentrici azionati dallo stesso motore di bordo
durante la marcia del natante.
Lazione radente efficace anche con vegetazione fitta e resistente. Con queste macchine si falciano strisce dampiezza
maggiore che con le falciatrici a cesoie raggiungendo in alcuni casi larghezze di 4 m. Esse sono perci adatte al diserbo
anche dei canali pi ampi.

8.2.3.4 Fresatrici natanti


Lattrezzo operatore costituito da uno o pi rulli orizzontali recanti una serie di frese a zappa taglianti che lavorando
sul fondo del canale triturano le erbe, la base dei culmi e le radici.
La larghezza dei rulli varia tra 1.5 m e 2 m e possono operare a profondit comprese tra pochi decimetri dacqua e 2.0 m
circa grazie al braccio brandeggiabile che sostiene ogni rullo e che permette anche di superare eventuali irregolarit del
fondo.
Se il natante dotato di un solo rullo, questo installato a prua; un secondo rullo pu essere istallato a poppa.

66
Allavanzamento del natante provvedono i rulli stessi e unelica, generalmente a coclea; i cambiamenti di direzione si
ottengono orientando i rulli e con un timone. A tutti i movimenti provvede un motore di bordo accoppiato ad un sistema
oleodinamico.

8.2.3.5 Gru semoventi con lame estirpanti


Si tratta di una gru semovente funzionante col sistema drag-line che trascina unapposita benna le cui pareti sono
costituite da unintelaiature metallica aperto capace di lasciare sgocciolare il materiale raccolto. Il labbro inferiore della
benna equipaggiato o con una fila di denti o con una lama affilata e raschiando il fondo ne asporta le erbe ed il fango
in cui sono radicate. Ad ogni escursione della benna si polisce una striscia trasversale di canale, compresa
eventualmente la scarpata, di larghezza pari a quella della benna che pu arrivare fino a 23 m.
Queste macchine si prestano sia al diserbo sia alla raccolta del materiale sfalciato che viene deposto sulla sponda da cui
operano.

8.2.3.6 Falciatrici semoventi o trattori con falciatrici


Le falciatrici semoventi sono piccole macchine duso nelle normali pratiche agricole che possono essere impiegate per
il diserbo di piccoli canali o per lavori sulle sponde complentari al diserbo compiuto con le macchine specifiche..
Bracci recanti falciatrici a cesoie o a lama rotante possono essere montati ai trattori per analoghe operazioni.

8.2.3.7 Diserbanti chimici

Nelluso dei diserbanti chimici bisogna scegliere con cura il principio attivo da utilizzare, poich la caratteristica
principale di numerosi diserbanti una spiccata selettivit per le specie da aggredire. E perci necessario individuare
con precisione la specie o linsieme di specie infestanti per scegliere il principio attivo o la miscela di composti chimici
adatti.
E pure importante tenere in considerazione quale sia la parte dellalveo sulla quale si vuole intervenire, fondo, sponde
scarpate emerse, e se vi sia la possibilit di ridurre il battente idrico o di mettere in asciutta il canale.
Circa le modalit di somministrazione, i diserbanti sono messi in commercio generalmente in forma o granulare o
liquida.
Prima di iniziare un trattamento si deve considerare con attenzione anche la destinazione duso dellacqua dei canali. Il
diserbo chimico sconsigliabile se le acque sono destinate ad uso irriguo, allabbeverata del bestiame o allitticoltura.
E pure sconsigliabile se esiste il pericolo dinquinamento di falde idriche fonti dapprovvigionamento dacqua per uso
potabile. In tutti questi casi preferibile ricorrere al diserbo meccanico.
Attenzione somma va posta al rispetto deventuali normative in materia.
Infine si deve porre attenzione alleffetto fitotossico, detto deriva, che i diserbanti, utilizzati per eliminare le piante
acquatiche, possono avere sulle colture limitrofe.

8.2.3.8 Raccolta e smaltimento


Il materiale risultante del diserbo deve poi essere raccolto, allontanato e smaltito, previa eventuale asciugatura. Come
s visto, alcune macchine per il diserbo sono anche in grado di raccogliere il materiale e di deporlo sella riva del
canale, altrimenti, in generale, prima dellinizio del diserbo si predispongono lungo il canale ferme trasversali
provvisorie, in corrispondenza di manufatti che consentano di utilizzare le attrezzature di raccolta e di allontanamento e
di accumulare temporaneamente, fino ad asciugatura, il materiale estratto dal canale. Infine, in alcune sezioni particolari
possono essere presenti griglie fisse, in genere a protezione di manufatti o apparecchiature speciali come pompe o
turbine. Le griglie richiedono periodiche puliture che possono essere effettuate manualmente, con appositi rastrelli, nel
caso delle griglie pi piccole o meccanicamente ed addirittura automaticamente con appositi strigliatori nel caso delle
griglie pi grandi.
Per la raccolta e lallontanamento dal canale delle erbe flottanti e accumulate alle ferme provvisorie ed alle griglie si
utilizzano le seguenti macchine.

8.2.3.9 Gru semoventi con forconi e benne


I forconi, duso comune nelle aziende agricole per il sollevamento di foraggi, letame, fascine ed altri materiali sciolti,
sono costituiti da una forchette o da coppie di pettini richiudentisi a ganascia che risultano efficacia anche per la
raccolta e lallontanamento dai canali delle materiale vegetale di risulta del diserbo.

67
8.2.3.10 Elevatori per erbe fissi o mobili
Gli elevatori per erbe acquatiche sono nastri trasportatori inclinati, analoghi a quelli utilizzati per il sollevamento del
foraggio e del fieno, che sollevano mediante pettini opportunamente distanziati il materiale vegetale che i pettini
intrappolano in acqua. Possono essere fissi o mobili trainati da trattori.

8.2.3.11 Sgrigliatori fissi o mobili


Sono sorte di pettini i cui denti scorrono tra le sbarre della griglia asportandone il materiale accumulatosi e scaricandolo
su nastri o griglie trasportatori o in un canale dove fluitati da una corrente idrica che lo depositano a margine del
canale. Ve ne sono di varie fogge e misure, fissi o mobili lungo la griglia, per le griglie di luce superiore a 810 m. Il
movimento del pettine sulla griglia dato da un motore elettrico accoppiato a sistemi di movimentazione meccanici, a
catena o a pistoni oleodinamico; quello traslatorio avviene su rotaie mediante motore elettrico (Figura 8.6).
Figura 8.6 Griglia con sgrigliatore
La loro funzione particolarmente importante nei canali di bonifica in considerazione dellelevato apporto vegetale
durante gli interventi di diserbo ed il loro funzionamento pu essere automatizzato asservendolo a temporizzatori o a
rilevatori del dislivello tra i peli liberi a monte ed a valle della griglia.

68
9. SIMBOLI

69
10. BIBLIOGRAFIA
[ 1] Il nuovo dizionario Hazon Garzanti, Garzanti Editore, 1990

[ 2] A. R. Golz: Reclamation in the United State, McGraw-Hill Book Company, Inc. N. Y., 1952

[ 3] Das Pons Kompaktwrter buch, 2. Aufgabe, Zanichelli Klett, 1996

[ 4] Sante David, Vocabolario italiano tedesco tedesco italiano, Ed. Capito, Bologna, 1973

[ 5] L. Giardini, Drenaggio tubolare sotterraneo, Edagricole, Bologna, 1988

[ 6] Colombo, Manuale dell'ingegnere, 83a Edizione, Hoepli Ed. Milano, 1997

[ 7] I. Shainberg, J. D. Oster, Quality of irrigation water, International Irrigation Information Center,


Israele, 1978

[ 8] Colombo, Manuale dell'ingegnere, 75a Edizione, Hoepli Ed., Milano,1917

[ 9] Cremonese, Manuale dell'ingegnere civile, Perrella Ed., Roma, 1952

[ 10] D. Vischer, A. Huber, Wasserbau, Springer Verlag, Berlin, 1993

[ 11] G. Tassinari, Manuale dell'agronomo, Hoepli Ed., Milano, 1941

[ 12] G. Puppini, Un impianto in collina, Terra e vita, anno 30, n. 25 , 24-30 giugno 1989, Edagricole, Bologna

[ 13] FAO, Drainage des sols lourdes, Bulletin FAO d'irrigation et de drainage, n. 6, FAO, Roma, 1977

[ 14] A. Bianchi, E. Scaratti, Validit economica delle moderne tecniche di drenaggio in un'azienda campione,
Irrigazione e drenaggio, n. 4, ottobre-novembre, 1989, Edagricole, Bologna

[ 15] A. Guadagni, Prontuario dell'ingegnere, U. Hoepli Ed., Milano, 1999

G. Tassinari, La bonifica italiana nel decennale della legge Mussolini, ed. Arti grafiche Molina, Roma, 1939 (XVII)

70
11. INDICE DELLE FIGURE
Figura 1.1 Regio Decreto 13 febbraio 1933, n. 215 "Testo delle norme sulla bonifica integrale 4
Figura 1.2 Schema dei metodidi bonifica idraulica 6
Figura 1.3 Schema di comprensorio di bonifica 7
Figura 2.1Relazione tra conduttivit dell'estratto saturo e concentrazione salina di una soluzione 10
Figura 2.2 Relazione tra conduttivit dell'estratto saturo e pressione osmotica 11
Figura 2.3 Schema di infiltrometro a doppio cilindro 12
Figura 2.4 Abbassamento del terreno in seguito a bonifica per prosciugamento 13
Figura 2.5 Piano quotato con anche le isoipse previste ad assestamento avvenuto 14
Figura 2.6 Franco di coltivazione Fc, di bonifica Fb e di piena o di sicurezza Fp e zero di bonifica Zb e di valle Zv 16
Figura 3.1Contributo di pioggia al drenaggio interrato 19
Figura 3.2 Contributo di falda in prossimit di arginature 20
Figura 3.3 Contributo irriguo al drenaggio interrato 20
Figura 3.4 Affossatura 22
Figura 3.5 Sistemazione per terreni asciutti di medio impasto, profondi e con facile scolo 23
Figura 3.6 Sistemazione per terreni asciutti poco permeabili 23
Figura 3.7 Sistemazione "Del Pelo Pardi" 24
Figura 3.8 Sistemazione "Del Pelo Pardi" 24
Figura 3.9 Sistemazione a girapoggio 25
Figura 3.10 Sistemazione a cavalcapoggio 25
Figura 3.11 Ciglionamento [ 12] 25
Figura 3.12 Terrazzamento [ 12] 26
Figura 3.13 Profilo tipo di baulatura o sistemazione ad "ados" 26
Figura 3.14 Baulatura o"ados" e "billons" 27
Figura 3.15 Sistemazione ad "ados" 27
Figura 3.16 Mazzuolatura 28
Figura 3.17 Pozzi perdenti o fognatura verticale 28
Figura 3.18 Planimetria di un impianto di drenaggio sotterraneo [ 14] 29
Figura 3.19 Confronto fra le formule di Tabella 3.6 e valori ricavati dall'abaco proposto in [ 5] per pendenza i =0.001 32
Figura 3.20 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella formula
di Hooghouldt-Donnan o di Hooghould 34
Figura 3.21 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella formula
di Ernst 35
Figura 3.22 Sezione verticale di terreno con dreni elementari con indicazione delle grandezze concorrenti nella formula
di Glover-Dumm e posizioni della superficie della falda in istanti diversi 35
Figura 3.23 Tipi di condotti per fognatura campestre 38
Figura 3.24 Schemi dalleggerimento 39
Figura 3.25 Schema di dissodamento profondo 39
Figura 4.1 Suddivisione delle acque e delle terre alte, medie e basse 41
Figura 4.2 Schema della rete di canali di bonifica 42
Figura 4.3 Schema di rete stradale associata alla rete di canali di bonifica 43
Figura 5.1 Curve segnalatrici di possibilit pluviometrica 45
Figura 5.2 Coefficienti di deflusso ragguagliati 47
Figura 5.3 Schema dell'onda di piena cinematica 49
Figura 5.4 Onda di piena ricostruita col metodo moderno o dellinvaso o di Puppini 51
Figura 6.1 Sezioni tipo di canali di bonifica 53
Figura 7.1Curva cronologica e delle durate delle portate liquide del corso d'acqua; con linea tratteggiata sono indicate le
portate dei mesi nei quali non si deriva acqua 57
Figura 7.2 Curve cronologiche delle portate liquide e solide del corso d'acqua (con linea tratteggiata sono indicate le
portate dei mesi nei quali non si deriva acqua) e curve delle durate delle portate solide 58
Figura 7.3 Schema di bonifica per colmata di una gronda di lago o di stagno 58
Figura 8.1 Ugello speciale per spurgo di dreni 59
Figura 8.2 Schema di draga natante a secchie 60
Figura 8.3 Schema di draga natante a refluimento 61
Figura 8.4 Schema di escavatore semovente a benna trascinata (drag-line) 61
Figura 8.5 Schema di escavatore semivente a cucchiaia rovescia o a pala 61
Figura 8.6 Griglia con sgrigliatore 64

71