Sei sulla pagina 1di 13

Distribuzione delle forze sismiche sugli elementi verticali di controvento Analisi approssimata

fij Fi

piano i-esimo

Controvento j-esimo

Piano i-esimo

Controvento j-esimo

La azione sismica una forza inerziale che agisce nel baricentro dellorizzontamento; essa si distribuisce sui controventi che sono assimilati a vincoli elastici. La analisi viene svolta nella ipotesi in cui sia presente un solo diaframma orizzontale. Per semplicit i vincoli elastici sono assunti unidirezionali agenti in direzione parallela alla dimensione prevalente del controvento.

fj

Controvento j-esimo Controvento j-esimo

La forza sismica applicata nel baricentro y FGx G x FGy Rispetto a un punto R(xG,yG): FRx=FGx FRy=FGy MR=-yG FGx+xG FGy FRy y G yG FRx R xG MR x

Nota: xG, yG sono le coordinate di G in un sistema di riferimento x R y

Spostamento di P rispetto a R: y uP= uR- yP R vP= vR+ xP R P= R vR yP R R uR xP

vP P P uP x

Ripartizione delle forze esterne sugli elementi di controvento y fo ko F = f = k u = k (u y ) = vv o uo = u k k y v MR x F = f = k v = k (v + x ) = F R


Rx o o o o R o R o o o R o R o o o o

Rx

Ry

kv FRy y yo R xv fo fv x fv
o o

= v R k v +R k v x v
v v

M R = y o f o + x v f v = y o k o u o + x v k v v v =
o v

= y o k o (u R y o R ) + x v k v (v R + x v R ) =
o o 2 = u R y o k o + R k o y o + v R k v x v + R k v x 2 v o o v v

Baricentro delle rigidezze y o yo yC R C xC xv v x


yC

xC

k x = k
v v v v

k y = k
o o o o

In un nuovo sistema di riferimento XCY con origine in C:

k X
v v o

=0

FCX = u C k o
o

k o Yo = 0

FCY = v C k v
o 2 M C = C (k v X 2 v + k o Yo ) o

Sistema di riferimento con origine in C Y o Yo FCx C MC FCy Xv


FCx F = Cx ; K o = k o o ko Ko
o

FCx = u C k o

v X

FCy = vC k v
v

M C = C ( k o Yo2 + k v X 2 v)
o v

uC = C =

vC =

k
v

FCy

=
v

FCx ; Kv = kv Kv v

M C M = C ; K = k o Yo2 + k v X 2 v 2 2 o v k o Yo + k v X v K
o v

uC = vC = C =

FCx Ko FCy Kv M C K

FCx C

uC vC C FCy

C MC

Ripartizione delle forze sui controventi


f o = k o u o = k o (u C Yo C )

fo ko FGx G o v

f v = k v v v = k v (v C + X v C )

fo =

ko k Y FCx o o M C Ko K kv k X FCy + v v M C Kv K

FGy
Dove: FCx=FGx FCy=FGy

Kv fv

fv =

MC=-YG FGx+XG FGy

Xv, Yo sono le coordinate dei controventi rispetto a C


Generalizzazione agli edifici multipiano : Controventi verticali dotati di stati deformativi geometricamente simili, ossia godono della stessa legge di variazione altimetrica delle rigidezze

H/B=8,
Z/H 1 0.8

4,

2,

B H

0.6

0.4

0.2

0.01

0.1

10 dt/df

Kf =
Deformata Reale

12 E J hi3

Kt
Deformata Tagliante

GA 1, 2 hi

Deformata Flessionale

Fj

kf

Kpar F
Parallelo

kt kf k t

Kser F
Serie

K PAR = K f + kt Kt K f K = SER K + K t f

TIPOLOGIE DI ORGANISMI SISMORESISTENTI: Edifici scatolari Edifici intelaiati Edifici controventati

Edifici scatolari:

possibili schematizzazioni semplificative: superfici con aperture piccole orizzontamenti rigidi nel piano pareti mensole indipendenti

Edifici intelaiati

Edifici controventati

Controventi orizzontali: Diaframmi flessibili Diaframmi rigidi

Controventi verticali: Telai a nodi rigidi Controventi reticolari Pareti in c.a. Nuclei in c.a.

Fondazioni dirette: Plinti isolati Graticcio di travi platea

Fondazioni indirette: pali