Sei sulla pagina 1di 2

Dipendenza dal Tempo del valore Medio di una Osservabile e Teorema di

Ehrenfest

Considerata una grandezza osservabile F costruiamo il valore medio così definito:

< F >t =< ψ (t ) | Fˆ ψ (t ) >

in corrispondenza di una certa soluzione ψ(t) dell’ equazione di Schrödinger. Sussiste la seguente
formula:

TE-1)
d < F >t
dt
=<
∂Fˆ 1 ˆ ˆ
+ F, H >
∂t i
[ ]

Il Postulato N° 6 della Meccanica Quantistica, afferma che:


dψ (t ) ˆ
“Per un Sistema di N particelle l’ Operatore Ĥ che compare nell’ equazione i = Hψ ( t ) , è
dt
della forma:

2
  N
pˆ  
Hˆ ( xˆ1 ,..., pˆ N ) = ∑ j + V ( xˆ1 ,..., xˆ N ) =
1 2 m j
TE-2) N 2
 
=∑
2
∇ j + V ( x1 ,..., xN )
1 2m j

Consideriamo, ora, un sistema di N particelle ed il relativo Operatore Hamiltoniano che secondo il


Postulato N° 6 della meccanica quantistica, corrisponde alla equazione TE-2). Facendo uso della
equazione TE-1) si può dimostrare che:


d < xj > 1 
=< pj >
dt mj
TE-3) 
d < pj >
 
∂V ( x1,..., xN )
=−<  >
dt ∂x j

Le equazioni TE-3) prendono il nome di Teorema di Ehrenfest.


E’ importante osservare, che se le indeterminazioni per la posizione ed il momento delle particelle
sono sufficientemente piccole rispetto alla scala di osservazione cui si è interessati e se le derivate
del potenziale V variano in modo sufficientemente lento con i loro argomenti, si può scrivere:

   
∂V ( x1 ,..., x N ) ∂V (< x1 >,..., < x N >)
TE-4) <  >≅ 
∂x j ∂x j
In tal caso le TE-3) si possono identificare con le equazioni classiche di Hamilton:

∂H
q s =
∂ps
∂H
p s = −
∂qs
s = 1,2,..., k