Sei sulla pagina 1di 73

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Valrie Tasso: L'altro lato del sesso Tropea Editore 2007 pp.

252 Valrie Tasso L'ALTRO LATO DEL SESSO Traduzione di Ximena Rodriguez Tropea Titolo originale: el atro ludo del sexo 2006 Valrie Tasso 2006 Random House Mondadori S.A. 2007 Marco Tropea Editore s.r.l. Corso Buenos Aires 36 20124 Milano Tel: (0039) 02 36596750 Fax: (0039) 02 36596754 www.marcotropeaeditore.it Prima edizione: settembre 2007 ISBN: 978-88-9551501-4 L'ALTRO LATO DEL SESSO A Jorge. Per continuare a cercare insieme quadrifogli in giardino. Alla mia nuova famiglia: Pepita, Maria Jos, Mito e Coco. Alla voragine che ha lasciato il suo corpo. Inevitabile. Nota dell'autrice: i nomi che compaiono nel libro sono di fantasia per tutelare la privacy delle persone coinvolte. Introduzione Raccontano che una volta domandarono a Baudelaire sul significato ultimo del suo lavoro. E raccontano che il poeta rispose: Quando mi chiedono che cosa voglio dire, dico che quello che desidero fare, ed di questa volont di fare che scrivo. Lo capisco. Personalmente, mi sempre costata fatica distinguere dove comincia la scrittura e dove finisce la vita, quale confine separa la conoscenza dall'esperienza vissuta e in quale particella di pelle abbiamo fine noi e cominciano gli altri. Ho sempre creduto che vita e pensiero si nutrano l'una dell'anima dell'altro, incessantemente, reciprocamente. Ho iniziato a vivere e quindi a scrivere questo libro qualche anno fa. Non saprei dire esattamente quando, ma credo di poter affermare che dal primo istante si sia innescata una fratellanza assoluta tra la mia formazione teorica (sostanzialmente, gli studi di sessuologia che ho intrapreso dopo la laurea) e il mio bagaglio esistenziale. Entrambi mi hanno fatto capire che il sesso, la dimensione pi agognata e perseguita della coscienza umana, celava un oltre sconosciuto. Una faccia nascosta. L'altro lato. Cosicch scoprendolo, e scoprendomi, non mi restava che avventurarmici. Avvicinarmi. L'altro lato del sesso , e ha avuto fin dall'inizio l'ambizione di essere, un viaggio ai margini della condizione umana. Un incontro ravvicinato con le pieghe oscure dell'uomo, quelle pieghe in cui la materia inizia a perdere consistenza e il cielo abbandona i toni del blu per virare al nero. Prima di partire, e per tutto il viaggio, ho ricordato le parole del maestro Sun Tzu: Quando ti scontri in battaglia, sappi che indipendentemente dall'esito devi essere disposto a perdere una parte di te. E cos stato. Non esistono viaggi senza rischi. I percorsi di autoconoscenza (l'immersione nella nostra coscienza per far venire a galla quello che accomuna tutte le altre) sono sempre dolorosi; non sappiamo compierli in altro modo. Lontano dalle mistiche orientali, il nostro pensiero a compartimenti stagni ci permette solo di smontare l'ingranaggio per capire cosa c' dentro e, con un po' di fortuna, cercare di ricomporlo. Smontarci per capirci. Smontarci per ricomporci. Smontarci per raccontarci. Ora che a stento ritorno (ci sono luoghi da cui non si torna mai del tutto), credo di aver perso in innocenza e guadagnato in spessore. Ora che a stento ritorno, racconto quello che ho visto dove non si pu tornare del tutto, quello che ho vissuto dove non si vuole tornare del tutto. Racconto il mio sforzo di aprirmi per raggiungere quei luoghi e, una volta tornata, raccontarmi. Cerco di farlo con maturit, quella maturit che consiste - cito Nietzsche - nel ritrovare la seriet che da fanciulli si metteva nei giochi. Cerco di farlo con schiettezza. Di parlare dei colori che ho captato, di ragionare sui comportamenti che ho assunto, di riflettere sul perch il lato che ho visto sia Pagina 1

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt quello nascosto e non quello visibile; di capire perch, se da qui la luna appare sempre uguale, piatta e serafica, non ce ne lascino mai vedere il rovescio, il lato su cui batte sempre il sole. Quello che avete fra le mani il risultato di tutto ci. A vostra disposizione... Il Regno dell'Altro Mondo. Il vero impero delle donne Se tortura i suoi schiavi in camera dopo la mezzanotte, vivamente pregata di limitare le urla. Dal regolamento di The Other World Kingdom Valrie Tasso Quella sera comprai una tigre. Una tigre abbastanza addestrata, abbastanza affettuosa. A casa ho un gatto e mi manca terribilmente. Per cui vedi di fare il gattino. Fai le fusa ordinai alla mia tigre. Mi dispiace, Signora, non posso. Sono una tigre, non un gatto rispose la tigre, con aria severa. Subito dopo, per, mi si butt ai piedi e inizi a strusciarmisi contro. Cercava di compiacermi. La sera che comprai la tigre, Lilith, la sua padrona, mi ringrazi calorosamente. Dopo tutta la fatica che aveva fatto a dipingerle il corpo di strisce nere, ci sarebbe rimasta davvero male se non fosse riuscita a venderla all'asta. Eravamo tutti perfettamente calati nella nostra parte; la cosa pi sconvolgente, per me, era l'estrema scioltezza, l'assoluta naturalezza con cui ci comportavamo. Come se stessimo mettendo in scena una pice teatrale che avevamo provato per tutta la vita e d cui, ormai, conoscevamo talmente bene i dialoghi da non avere nemmeno pi bisogno del copione. Mentre mi pavoneggiavo un po' in giro con il mio tigrotto e le altre domine si fermavano ad accarezzarlo, pensavo proprio a questo, alla teatralit. In quel momento, Oggetto mi si avvicin timidamente per sapere se avevo bisogno di qualcosa. S. Vai al bar e ordina un bicchiere di vino bianco e una birra analcolica per il mio schiavo. Ah, dimenticavo. Portami anche un bicchiere d'acqua. S, Signora. A sua disposizione, Signora. Con il suo permesso, Signora, mi ritiro. Va bene, vai. Ma quando torni voglio che mi reciti un po' di Shakespeare. Of course, Madam. E correndo verso il bar per prendere quello che gli avevo ordinato, Oggetto fece tintinnare il lucchetto che gli pendeva dai genitali. Sulla sua natica sinistra spiccava un livido, senza dubbio recente, a giudicare dai colori. Poi la sagoma del suo corpo nudo svan nel buio della discoteca. Benvenute nel Regno dell'Altro Mondo: non dimenticatevi di mettere il collare alla vostra creatura maschile Il Regno dell'Altro Mondo si trova a un'ora e mezza da Praga, a met strada fra la capitale e Brno, in una localit di nome Cerna. Sarei perfettamente in grado di individuarla su una cartina della Repubblica Ceca. Sull'esatta posizione del castello, per, non metterei una mano sul fuoco. strano, non mi ero minimamente preoccupata di sapere dove si trovava. Forse volevo gi cancellarlo dalla memoria. O non essere troppo consapevole di dove stavo andando. O, pi semplicemente, non spremermi troppo il cervello su cosa mi sarebbe potuto accadere, in caso di emergenza, in quel luogo sperduto e isolato. Monique, la persona alla quale dovevo il mio imminente ingresso nella mecca del sadomasochismo, mi aveva spiegato che il castello si trovava in mezzo alla campagna, vicino a un piccolo paesino. Ci tratteranno da vere regine, puoi starne certa mi disse in tono eccitato, davanti alle porte del castello. Ero eccitata anch'io, ma al tempo stesso ero molto spaventata all'idea di ci che avrei trovato dietro quelle mura. Eravamo atterrate quella mattina all'aeroporto di Praga. Ad accoglierci c'era un biondo mozzafiato con un cartello su cui compariva la sigla Owk, Other World Kingdom. Per un attimo avevo pensato che si trattasse di uno schiavo della Regina Patricia, la sovrana del regno. In realt era soltanto un tassista con qualche difficolt a comunicare con noi. Durante il tragitto in macchina, Monique e io avevamo scherzato sul nostro soggiorno in quel posto. Lei sembrava molto sicura di s. Era normale, del resto. Quello era il suo quarto viaggio. Quanto a me, ero pi che altro preoccupata dal comportamento che avrei dovuto tenere in una situazione simile e dal fatto di non sapere che cosa mi aspettasse. Avevo dato un'occhiata alle foto che comparivano sul sito ufficiale del castello, e devo ammettere che mi avevano sconvolta. Oltre a una panoramica Pagina 2

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt dei vari ambienti, comprese le sale di tortura, il sito mostrava cruente sessioni Sm. L'evento a cui stavo per assistere aveva chiamato a raccolta le domine pi importanti del mondo, giunte dai quattro angoli del pianeta per prendere parte alla cerimonia ufficiale. Sicuramente non sarebbero state tutte come Monique - gradevoli, comprensive, ironiche e consapevoli del fatto che l'Sm (sadomasochismo) qualcosa di pi di qualche frustata sul culo di uno schiavo. Ora, per, l'adrenalina cominciava a salire. Eravamo l, in piedi davanti alla porta, ma nessuno sembrava fare caso ai nostri tocchi insistenti di campanello. Erano passati quindici minuti eterni. Stavamo per cedere al nervosismo e all'impazienza, ma Monique aveva ancora stampato in faccia il suo bel sorriso. Il tassista non si era mosso. Se ne stava l, tutto serio, senza guardarci; probabilmente voleva accertarsi che entrassimo. La sua presenza mi tranquillizzava: se non avesse risposto nessuno, almeno, avrebbe potuto riaccompagnarci in citt. Alla fine, un ragazzo biondo, dai tratti ariani, venne ad aprirci. Dopo averci fatte entrare, ci accompagn direttamente alla reception per farci compilare dei moduli tutt'altro che rassicuranti, con cui l'Owk declinava ogni responsabilit in caso di problemi. E per le autorit ceche disse il ragazzo biondo quando gli chiesi se fosse proprio necessario riempirli. Perch, la polizia di solito guarda il registro degli ospiti? ribattei, cercando di mantenere la calma. No. Polizia no mi rispose in un inglese elementare. Non preoccuparti intervenne Monique. solo una formalit, nient'altro. Qui non ci sono mai problemi. Ero costretta a crederle. In realt, non avevo paura della polizia, ma di quello che poteva succedere dentro il castello. Dopo aver cambiato un po' di euro in dom (1 dom = 0,68 euro), la moneta ufficiale del Regno nonch l'unica accettata dal ristorante e dal negozio dell'Owk, ritirammo la chiave della nostra stanza e ce ne andammo. La gente che stava arrivando parlava quasi tutta inglese. Uscendo, oltre a qualche depliant sulle attivit previste per quei giorni, presi una copia del regolamento del castello, che riporto parzialmente qui di seguito: Benvolute nel Regno dell'Altro Mondo (Owk), il vero Impero delle Donne! Regole basilari di comportamento all'interno del Regno: * Nell'Owk le donne sono superiori alle creature maschili, e queste creature devono comportarsi di conseguenza. * Tutte le creature maschili devono portare un collare attorno al collo ventiquattro ore su ventiquattro. * Le poltrone, le sedie e gli sgabelli sono riservati esclusivamente alle donne. * Sul suolo delimitato dal recinto possono camminare solo le donne. * Le donne godono di assoluta preminenza sulle creature maschili, in qualsiasi situazione e in qualsiasi luogo. * Tutti i servizi offerti dall'Owk sono riservati esclusivamente alle donne. * vietato nutrire altri schiavi al di l dei propri. vietato punire severamente uno schiavo altrui senza il permesso della sua padrona. * vietato praticare giochi erotici nelle aree pubbliche. * espressamente vietato l'uso di macchine fotografiche e videocamere. * Per entrare nel Palazzo della Regina bisogna essere vestiti! (Le creature maschili devono essere vestite in modo da essere interamente coperte, compresi i genitali, il culo e le parti superiori del corpo). * Quando viene intonato l'Inno del Regno, le donne devono alzarsi in piedi e gli uomini devono inginocchiarsi. * L'Owk declina ogni responsabilit in caso di eventuale smarrimento o distruzione di effetti personali. * L'Owk declina ogni responsabilit in caso di eventuali lesioni, ferite, malattie o qualsiasi altro danno possa pregiudicare la salute. * Tutti coloro che entrano nel Regno dell'Altro Mondo lo fanno a proprio rischio e pericolo. * All'interno del Regno, l'Owk non assicura nessuno contro danni di alcun genere. * In caso di grave violazione del regolamento, l'Owk si riserva il diritto di espellere dal Regno le persone coinvolte senza alcun tipo di risarcimento economico. * In caso di controversie, l'ultima parola spetta alla prima hoffmistress. Pasti * La colazione e la cena vengono serviti nel pub U Chomouta, all'interno della Long House. Il pub aperto dalle nove del mattino alle nove di sera. Pagina 3

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt * La colazione (dalle nove alle undici del mattino) inclusa nel prezzo; la cena e le bevande vanno invece pagate immediatamente e in contanti (dom). * Se il nostro cibo non la soddisfa pu mangiare nell'albergo di Merin, il paese vicino, o nella citt di Velk Mezirici. * Fatta eccezione per quella del laghetto del parco, l'acqua erogata in tutta l'area assolutamente potabile. * Sistemazione * Per qualsiasi problema relativo alla sistemazione la invitiamo a informare la reception della New House. * Se tortura i suoi schiavi in camera dopo la mezzanotte, vivamente pregata di limitare le urla. * In caso di grande affluenza possibile che l'acqua scarseggi (soprattutto la sera). Se pu, ne approfitti per farsi la doccia durante il giorno. * In caso di problemi di salute, incendi, eccetera, la invitiamo a contattare immediatamente la reception. Di notte pu suonare al campanello del negozio e rivolgersi a Madame Gabrielle. Letto fuori dal suo contesto e senza una vaga idea di cosa sia il vero Sm, un regolamento del genere farebbe accapponare la pelle a chiunque. Io stessa, per quanto pienamente istruita in materia, per quanto abbastanza inserita nell'ambiente e accompagnata da una femdom professionista di prima categoria, non riuscii a restare impassibile di fronte a quelle parole. Anzi, per dirla tutta, mi vennero i brividi. Del resto, chiaro che nessuno entrerebbe mai nel Regno dell'Altro Mondo se non ci fossero regole ben precise che limitano l'uso del proprio corpo e l'entit dei castighi. Il che, in parole povere, significa che alle creature maschili non pu essere fatto nulla che non sia stato precedentemente concordato. Come mi spieg Monique, il Regno frequentato da due tipi di uomini: quelli che arrivano con la loro padrona, e che in qualche modo sono protetti da lei nessuna donna, infatti, pu toccare uno schiavo che non sia il suo - e quelli che arrivano da soli. Questi, detti anche orfani, sono a completa disposizione di tutte. Si tratta di uomini pubblici, disposti a farsi frustare, a lustrare fino alla nausea gli stivali delle signore e a esaudire qualsiasi altro loro capriccio. A un'unica condizione: nessuno fa niente contro la propria volont. Poi ci sono gli schiavi personali della Regina Patricia, che non possono essere toccati per nessuna ragione al mondo (tranne in caso di gravi violazioni da parte loro). Indossano tutti una maglietta dell'Owk con un cerchio nero. Gli intoccabili, finii per soprannominarli. Interamente al servizio di Sua Maest, questi schiavi mangiano separatamente dagli altri e dormono nelle segrete del castello. Dopo esserci sistemate nella nostra camera, Monique e io ci preparammo a esplorare il centro sadomasochista pi importante del mondo. I miei rapporti con una femdom: Lady Monique La prima volta che sentii parlare del Regno dell'Altro Mondo fu nove anni fa, sfogliando una rivista francese di successo. Ero andata a passare le vacanze in Francia, a casa dei miei genitori. Ricordo che mi annoiavo a morte e che, per far passare il tempo, me ne stavo tutto il giorno a leggere le vecchie riviste che mia madre conservava gelosamente in un piccolo baule di legno. Su una di quelle riviste c'era un lungo servizio dedicato a un castello della Repubblica Ceca in cui le donne dominavano gli uomini. Ricchi imprenditori di tutto il mondo giungevano a Cerna - cos si chiamava la localit - disposti a pagare per intrattenere rapporti sadomasochistici con queste signore. L'articolo era arricchito da fotografie sconcertanti. Un po' imbarazzata, avevo strappato le quattro pagine del sommario e me le ero messe in tasca, per paura che mia madre potesse accorgersene. Ho conservato quel servizio in tutti questi anni perch lo trovavo molto intrigante. All'epoca, non potevo certo immaginare che un giorno la mia curiosit mi avrebbe spinta a esplorare in prima persona i misteri che si celavano in quel luogo morboso. Dopo l'uscita del mio primo libro, Diario di una ninfomane1, iniziai a collaborare con i media. In pi occasioni, ricordo di avere parlato di Sm, sebbene non lo avessi mai praticato in modo consapevole. Le mie esperienze in questo campo si limitavano al cosiddetto psicosado - di cui spiegher pi avanti le caratteristiche - con qualche ex o qualche cliente della casa d'appuntamenti in cui avevo lavorato a Barcellona. Ma erano pi una messa in scena che realt. Ho sempre difeso l'Sm come pratica sessuale alternativa, a patto che sia sano, sicuro e consensuale. Del resto, le persone dell'ambiente predicano proprio questa massima. E non esitano a dissociarsi da qualsiasi pratica che non rispetti queste tre condizioni. Pagina 4

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Personalmente, credo che l'Sm sia pi vicino all'Ara amandi descritta da Ovidio nel i secolo d.C. di quanto non lo sia la posizione del missionario. Conservo alcuni articoli sull'argomento. Ricordo che una giornalista del quotidiano ElMundo, si era dilungata non senza una certa ironia, su una mia affermazione destinata a suscitare polemiche: molto pi democratico praticare l'Sm con il proprio partner piuttosto che allargare le gambe il sabato sera solo perch si costrette a farlo. Suona scandaloso. Ma non lo . L'Sm un gioco, un gioco siglato da un patto. E il patto vuole che non si faccia nulla contro la volont dei partecipanti. Sappiamo tutti che molte donne fanno sesso anche se non ne hanno voglia, solo per fare bella figura, perch bisogna. un atteggiamento democratico questo? Sfortunatamente, il mondo dell'Sm ha una pessima fama perch l'industria pornografica sforna immagini lontanissime da quella che in realt una vera sessione Sm, contribuendo ad associare questa pratica alla violenza. Nelle mie apparizioni pubbliche, non mancavo mai di citare quel luogo fuori Praga, affermando che in realt, nell'Sm, c'era molto amore: in fin dei conti, bisogna davvero amare qualcuno per abbandonarglisi completamente e lasciargli fare tutto quel che vuole senza temere che infranga il patto siglato prima della sessione. Senza rendermene conto, mi stavo addentrando sempre di pi in questo mondo e cominciai a conoscere gente esperta nel sadomasochismo. Un giorno, durante un programma televisivo in cui parlavo di Patricia, la regina dell'Owk, una domina professionista chiam in diretta e mi propose di incontrarci in privato per fornirmi maggiori informazioni sull'argomento. Cos conobbi Lady Monique de Nemours. Il mio primo incontro con Lady Monique avvenne durante una festa fetish organizzata da un noto locale Sm di Barcellona e riservata alle persone dell'ambiente. Quel venerd sera, non so se per il nervosismo o per un virus improvviso e quanto mai inopportuno, proprio qualche ora prima del mio appuntamento con Monique, cominciai a sentirmi male e a vomitare. Mi trascinai dalla camera da letto al bagno in preda alla febbre e a coliche tremende. Malgrado il mio stato pietoso, avevo davvero molta voglia di andare, e cos inghiottii mezzo flacone di Buscopan, mi vestii di nero per stare al gioco e chiamai un taxi. Arrivata nel locale, mi apr la porta un tipo dall'aria diffidente. Monique, che era proprio dietro di lui con un bicchiere in mano, gli fece capire con un'occhiata che era stata lei a invitarmi. Vieni, Valrie. Andiamo su, l staremo pi tranquille mi disse sorridendo. Monique indossava una minigonna scozzese, una camicia bianca con cravatta e un paio di stivali da cavallerizza con tacchi interminabili. Aveva un'aria da collegiale ma, sebbene con me fosse molto dolce, il tono della sua voce ricordava a tutti che era lei a comandare. Dopo avermi presentata al padrone del locale, che aveva la faccia perennemente imbronciata, mi fece strada su per una scala che portava a una sala del primo piano. Lo confesso, per qualche istante provai il desiderio di darmela a gambe; la mia faccia spaurita faceva a pugni con quel mondo. Sapevo che la mia presenza era vista con sospetto, perch ero un personaggio pubblico, e la gente mi riconosceva. Al padrone non andava gi che fossi l. Ma c'era Monique a proteggermi, per cui nessuno si azzard a fare commenti. Da un angolo della sala comparve un uomo basso. E Paul mi spieg Monique. Lui master, oltre che il mio manager da dieci anni. francese, per cui potete parlare nella vostra lingua. Paul si avvicin e mi strinse la mano. Per non fare brutta figura, scambiai qualche parola in francese con lui. Poi decisi di non fare troppe domande: se arrivavo a formularne una, era perch ci avevo pensato su diverse volte. Non volevo offendere. Il mio rispetto aveva qualcosa di religioso; di fronte a Monique, ero pi a disagio che al cospetto di un prete in un confessionale. La cosa pi sorprendente fu che ero riuscita a domare il mal di pancia che solo qualche ora prima mi aveva costretta a letto. Merito, credo, della paura che i brontolii inopportuni del mio stomaco attirassero l'attenzione dei presenti. All'ingenua domanda che un master?, Paul rispose che in pratica era lo schiavo degli schiavi di Monique. Silenzio. Penso che not che non avevo capito molto bene la sua risposta. Con Monique parlai pochissimo dell'Owk. Le chiesi soltanto se conosceva la Regina Patricia. Certo disse. Sono una Sublime Lady del Regno dell'Altro Mondo, quindi sono una cittadina dell'Owk. E in quanto tale, ogni anno, intorno a maggio o giugno, devo andare per celebrare la fondazione del Regno. E per dimostrarmi la sua devozione alla causa, mi mostr la bandiera dell'Owk Pagina 5

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt che si era fatta tatuare su una scapola. Era il simbolo del pianeta Venere. il simbolo del Regno dell'Altro Mondo. Se ci fai caso, anche il simbolo della donna mi spieg con orgoglio. Per questo, il motto dell'Owk "Women over Men", le donne sopra gli uomini. Dopo quella serata, iniziai a frequentare Monique. Mi presento alcune persone dell'ambiente e mi permise persino di assistere a qualche sessione. Devo ammetterlo, facevo un po' di fatica ad avvicinarmi al sadomasochismo. All'inizio, mi limitavo a guardare. Monique mi chiamava ogni volta che aveva una sessione. Non volevo partecipare in prima persona, ma non per paura degli schiavi. Erano a mia completa disposizione. Sebbene fossero loro a dettare condizioni e limiti tramite un questionario che Monique faceva compilare prima di ogni sessione, sarei stata io ad avere il comando, se solo avessi partecipato. Il fatto che avevo paura di infliggere troppo dolore. A volte, Monique mi dava la sua frusta e mi incoraggiava a provarla sulle natiche grassocce del sottomesso. All'inizio, la usavo con moderazione. Ma ben presto finii col prenderci gusto. Tutto quello che stai per fare a uno schiavo, provalo prima su te stessa. Cos riesci a farti un'idea del dolore che stai per procurargli. Ed eviterai sorprese sgradevoli, fidati. Cercai di seguire il saggio consiglio di Monique tutte le volte che fu possibile. Grazie al nostro rapporto, iniziai a conoscere molta gente che ruotava attorno al mondo del sadomasochismo. Erano quasi tutte persone incantevoli, estremamente rispettose. Forse con quel modo di fare cercavano di dimostrare che, nonostante la loro predilezione per il dolore e la sottomissione, erano pur sempre esseri umani. E forse anche questo che spesso li rende persone pi tolleranti di quelle che praticano il sesso convenzionale. I sottomessi e gli schiavi, al pari dei masochisti, sono soliti creare un'atmosfera di fiducia per ottenere quello che vogliono. Conservo un ricordo speciale di Alex, un ragazzo austriaco che, ogni volta che veniva a Barcellona per lavoro, pagava in cambio di una sessione Sm con Monique. A Vienna aveva una fidanzata che amava moltissimo, ma che sfortunatamente non condivideva la sua passione per le fruste e il leather. Con Alex nacque subito un feeling. Era un grande appassionato di internet, ed era sempre in cerca di siti Sm. Fu lui a fornirmi gran parte del materiale di cui dispongo, soprattutto indirizzi web dove scambiare opinioni sul sado con gente seria. Non lo toccai mai. Suo malgrado, oserei aggiungere. I sottomessi e gli schiavi, fatta eccezione per quelli che appartengono a una sola padrona, adorano sperimentare nuovi giochi con altre donne. A differenza di molti sottomessi che ho conosciuto tramite Monique, Alex era una persona estremamente conflittuale. Questa storia dell'Sm una merda, Valrie mi disse un giorno, mentre infilava nel suo portatile un film porno di Amrita, una domina giapponese molto famosa tra gli intenditori. A cosa ti riferisci? Io mi aspettavo ben di peggio. In realt, siete quasi tutti brave persone e vivete la cosa con molta onest, con molto rispetto. No. una merda. Se inizi, sei finito. Perch ogni volta spingi un po' pi in l i tuoi limiti, e tornare indietro non ti interessa. All'inizio mi eccitavo con qualche frustata. Poi, ho voluto provare altre cose. Ora non so dove andr a finire. Ho paura. Quelle parole mi turbarono. Alex sosteneva che il rischio pi grande dell'Sm che a un certo punto tutto pu sembrare insipido. Francamente, non sono del tutto d'accordo. Questo un pericolo che si pu evitare, con un po' di consapevolezza e di maturit. E come con il cibo: non dobbiamo mangiare in modo compulsivo, altrimenti finiremo per stare male. Con l'Sm lo stesso. Ti piacerebbe non provare nessuna attrazione per l'Sm? gli chiesi. S. E poi mi piacerebbe anche avere rapporti sessuali normali. Cosa sono per te i rapporti sessuali normali? Ficcarlo dentro. Quest'ossessione di ficcarlo dentro, che la nostra cultura si vivamente impegnata a fomentare, il problema principale di molte persone. Se pensassimo un po' meno a ficcarlo dentro, e un po' di pi a giocare e a sperimentare, sicuramente ci sarebbero meno problemi sessuali, sia psicologici sia fisici (impotenza, eiaculazione precoce, vaginismo ecc. ). E tutto ci che viene definito sessualmente deviato smetterebbe di essere visto come tale. Nella nostra societ, il benessere sessuale non cos importante. Personalmente, credo che sia fondamentale attribuirgli un po' pi di importanza, visto che la Pagina 6

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt maggior parte di noi cova desideri nascosti con i quali, prima o poi, dovr confrontarsi. E chi nega di averli soltanto un bugiardo represso. Un giorno di primavera del 2004, Monique mi accenn alla possibilit di fare una visita all'Owk. Era un anno che non ci andava e non voleva perdersi l'ottavo compleanno del Regno dell'Altro Mondo. Verresti con me? mi chiese con naturalezza. Non potevo crederci. Era la cosa che desideravo di pi. Ci puoi contare, Monique risposi senza esitare. Sapevo che, sebbene tutti i sadomasochisti avessero sentito parlare di quel posto, erano davvero in pochi ad avere avuto la possibilit di andarci, e ancora meno quelli che avevano il coraggio di farlo non sapendo cosa li aspettava. Allora deciso disse con un sorriso compiaciuto. Mi sembrava tutto troppo facile. Come avrei fatto a entrare, senza essere una domina? Come mi sarei dovuta comportare una volta arrivata al castello? Queste incognite mi mettevano un po' in ansia, ma le avrei risolte improvvisando. In realt, la preoccupazione principale era il mio fidanzato. Conosceva nei minimi dettagli il mio prossimo libro. Sapeva anche del viaggio, e l'aveva accettato senza problemi, anche se l'idea di non potermi accompagnare non lo faceva stare tranquillo. Prima devo vedere com'. Probabilmente non affatto rischioso. Ma nel dubbio preferisco andare da sola. Sai quello che fai mi rispose con una Ducados tra le labbra. Ma il mio dolore per la tua lontananza sar molto pi forte di quello dei sottomessi che incontrerai. Il giorno che comprai uno schiavo Mentre ci godevamo il nostro primo giorno nel Regno dell'Altro Mondo, la maggior parte delle domine doveva ancora arrivare. Monique aspettava due amiche con le quali aveva condiviso momenti indimenticabili in quel castello. Erano partite in macchina, da Vienna, cariche di vestiti fetish e di schiavi. Con loro, mi disse, mi sarei divertita un mondo. Proposi a Monique di seguire il programma che ci avevano consegnato all'arrivo. Ne valeva la pena. Per gli schiavi la giornata iniziava alle nove, con mezz'ora di esercizi fisici sotto la guida della Domina Irene Boss, una padrona americana che aveva l'aria di essere molto simpatica. Alle undici issano la bandiera. E io non intendo perdermelo per niente al mondo mi avvert Monique. un rito che si ripete ogni anno: mettono su l'inno dell'Ovvie e gli schiavi si inginocchiano. molto emozionante. Nei suoi occhi mi sembr di vedere un luccichio strano. Poi, dopo il brindisi, gli schiavi si presentano uno a uno e fanno un breve discorso in cui dichiarano la loro inferiorit rispetto alle donne. A quel punto, il genere maschile viene simbolicamente punito per tutti i crimini che ha commesso e continua a commettere contro le donne. Quest'anno, per il castigo, verranno scelte nove creature maschili che riceveranno nove frustate da nove lady volontarie. il nono anno che l'Owk esiste. Come vengono scelti questi nove schiavi? chiesi. Sono le padrone che mettono a disposizione i loro schiavi. Quelli che vengono puniti devono ringraziare le rispettive padrone di averli offerti per il castigo. E lo fanno baciando i loro stivali. Interessante dissi. Non sapevo cos'altro dire. Mi sentii invadere da una sensazione onirica. L'atmosfera si era parecchio surriscaldata, ed era facile cedere al desiderio di frustare il primo che si incrociava. Quando vedevo uno schiavo camminare sul lastricato, cosa assolutamente proibita, mi veniva voglia di punirlo. Monique non aveva certo peli sulla lingua, nonostante fosse una padrona comprensiva. Ma la sua voce trasudava autorit, sicurezza in se stessa. Io avevo ancora molto da imparare. All'una e mezza, padrone e schiavi ci ritrovammo tutti all'ingresso della Casa Principale per una visita alle dependance del Regno. L Monique salut calorosamente le sue amiche Alice e Sandra, scortate dai loro cinque schiavi, e Amrita, la padrona giapponese che a dispetto del suo faccino angelico godeva di una fama da dura. una persona incantevole, ma molto temuta dagli schiavi. capace di fare un bondage (l'arte di legare il sottomesso) in cinque minuti e di sollevare un uomo senza che se ne renda conto mi spieg Monique. Quella padrona giapponese mi intrig fin dal primo istante. Non solo per i vistosi e scomodissimi indumenti di lattice che indossava, ma anche per i due splendidi ragazzi che le camminavano a fianco. Uno di loro, il pi giovane, reggeva un ombrello per proteggerla dai raggi del sole e non si allontanava da Pagina 7

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt lei per nessun motivo. L'altro, altrettanto affascinante, si sarebbe detto un po' pi maturo, a giudicare dalla chioma cosparsa di capelli bianchi: un dettaglio che contribuiva a renderlo ancora pi interessante. Stava aiutando Amrita a salire le scale, visto che lei da sola non ci riusciva, a causa degli stivali altissimi che quasi sicuramente le stavano distruggendo i piedi. Non sapevo chi soffrisse di pi, se gli schiavi in mutande e maglietta, con i loro collari da cane stretti attorno al collo, o la domina con quei vestiti e quelle scarpe che le impedivano di muoversi. Il tocco erotico si svel quando Amrita, girandosi, esib il suo culetto tondo e nudo, coperto soltanto da un sottile strato di plastica trasparente cucito al vestito. Alice e Sandra, le due amiche di Monique, erano di una simpatia impareggiabile. Avevano vestito due dei loro schiavi da neonati, con tanto di pannolino e di ciuccio in bocca, e da pom-pon-boys altri due che non la smettevano di saltare e di cantare, come se fossero a una partita di football americano. In quel momento avrei voluto avere una macchina fotografica per immortalare la scena. Finalmente iniziavo a godermi il mio soggiorno all'Owk. Mi sentivo meno spaesata. Anche Sandra aveva uno schiavo che la proteggeva dal sole con un ombrello. Il suo, per, portava una cintura di castit. E ogni volta che si distraeva, Sandra non mancava di ricordargli chi comandava, premendo immediatamente il pulsante di un telecomando. A cosa serve quel telecomando? le chiesi. Per tutta risposta Sandra sorrise, premendo di nuovo il pulsante. Meno di un secondo dopo, Paolo, lo schiavo con la cintura di castit, raggel tutti noi con un urlo di dolore. L'ombrello quasi gli sfugg di mano. Aveva ricevuto una scarica elettrica. Tutte le domine erano scoppiate a ridere. Povero Paolo disse Sandra, accarezzando la testa del suo schiavo come una madre intenta a consolare il suo figlioletto. Non impara mai. Eppure non faccio che ripeterglielo. Ma non c' verso. Comincio a credere che gli piacciano, queste scariche. E scoppi in una risata. Facendo finta di non sentire, Bart, lo schiavo personale della Regina Patricia, incaricato di mostrarci la propriet, continu a descriverci le zone che stavamo per visitare, compresi il Palazzo della Regina e le segrete, dove la temperatura si aggirava normalmente intorno ai dodici gradi. La visita fin per prenderci un paio d'ore. Ma la cosa pi interessante doveva ancora venire: l'asta degli schiavi. Consisteva nel vendere ad altre domine uno dei propri schiavi per un minimo di tre ore e un massimo di tre giorni. Che peccato non avere neanche uno schiavo da vendere. Mi sarebbe piaciuto esporlo a mo' di mercanzia rise Monique. Possiamo sempre comprarne uno, no? replicai. Bene, vedo che ci stai prendendo gusto... E Monique mi strizz un occhio con aria complice. Anche se non volevo ammetterlo, aveva ragione. Era vero, ci stavo prendendo gusto. Ed era altrettanto vero che tutti quegli uomini che si stagliavano nudi sotto i nostri occhi erano felicissimi di potersi esibire, e ancora pi eccitati dal fatto di non sapere in che mani sarebbero finiti. Gli schiavi all'asta erano circa una ventina, tutti in piedi davanti a noi, a testa bassa, con un numero appeso al collo e un cartello che ne indicava l'et e le varie specialit: massaggiatore, lustrastivali, servitore ecc. Ma la cosa a cui fare pi attenzione era l'estratto della loro cartella clinica e i problemi che potevano avere, di cuore, di schiena... insomma, quello che potevano e non potevano fare. Questo mi riport alla realt: qualsiasi cosa si facesse, non si poteva prescindere mai dalle condizioni dello schiavo. Io ne avevo adocchiato uno che mi incuriosiva particolarmente. Era l'uomo brizzolato che scortava Amrita, la domina giapponese. Oltre ad avere un fisico pazzesco, che non esitava certo a esibire, aveva uno sguardo da canaglia davvero intrigante. Sulla sua scheda c'era scritto che parlava diverse lingue, tra cui la mia. E, cosa ancora pi sorprendente, aveva cinquant'anni. Avrei tanto voluto fargli qualche domanda, ma siccome lui non aveva il permesso di rivolgerci la parola mi limitai ad annotare il suo numero. L'asta si apr con un breve discorso introduttivo della Domina Irene Boss. Il prezzo di partenza era fissato a cinque dom per ogni schiavo e le offerte dovevano essere come minimo di un dom, senza limiti fino all'aggiudicazione. Irene Boss ci present il primo candidato, chiamandolo con il suo numero. Dopo una breve descrizione dello schiavo, gli concesse di parlare. Questi riafferm la sua fedelt alla padrona, la sua inferiorit rispetto alle donne, e si conged al grido di Women Over Men, il motto dell'Owk. Gli schiavi si esibivano in balli in cui mettevano in mostra le loro doti per Pagina 8

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt apparire pi attraenti possibile. Le donne urlavano come ragazzine, fischiando quando trovavano ridicolo lo spettacolo o sgolandosi quando il pezzo valeva la pena. Mi sorpresi a gridare insieme a loro. Con i dom in mano, Monique e io avevamo concordato un importo limite oltre il quale non ci saremmo potute spingere. Gli schiavi si davano il cambio, si umiliavano, e noi ci godevamo lo spettacolo con un bicchiere di vino bianco in mano, brindando a noi donne e alla nostra condizione. Quando tocc allo schiavo che mi piaceva, alzai l'offerta fino al massimo possibile per me. Ma era abbastanza gettonato. Cos abbandonai il campo, delusa per averlo perso. Alla fine, comprammo un ragazzo israeliano specializzato in massaggi e un signore di una certa et che si esprimeva soltanto in tedesco e che avremmo usato come cavallo al Grand Prix del giorno dopo. Ti piaciuta l'asta? mi chiese Monique dopo aver vuotato il suo bicchiere. S. Non avrei mai immaginato che fosse cos divertente dissi dal profondo del cuore. stato un vero spasso. Ti sei accorta che alcuni di loro avevano un'erezione ogni volta che qualcuno alzava la posta? Ragazza, dove vivi? Loro sono i primi a godersi tutto questo mi rispose. Devi cambiare disco. Devi pensare che tutto quello che gli viene fatto gli piace. Altrimenti non sarebbero qui. Ed era proprio cos. Le meraviglie sadomaso del Regno dell'Altro Mondo Calata la sera, andammo a bere qualcosa al bar scortate dal nostro schiavo israeliano. Era un ragazzino - non pi di venticinque anni - radioso, che faceva di tutto per apparire gradevole. Non aveva l'aria di amare molto le punizioni, anzi, mi sembrava che obbedisse scrupolosamente ai nostri ordini proprio per evitarle. Ci massaggi i piedi e ci lustr gli stivali. Lo schiavo tedesco, invece, ci sarebbe stato consegnato il giorno dopo, per il Grand Prix. Mentre tagliavamo dal prato dirette alla terrazza del bar, scorgemmo in lontananza un tipo con un minivestito da cameriera che lasciava intravedere i genitali. Una maschera bianca gli copriva il volto. Guarda quello l, com' conciato! esclam Monique scoppiando a ridere. venuto da solo, si vede lontano un chilometro. Non sa cosa lo aspetta! Nel passarci accanto, in un inglese molto british e servile ci chiese se volevamo che ci lustrasse gli stivali. Rifiutammo il suo servizio. Quella sera, alle otto, al Palazzo della Regina era previsto un nuovo evento: il culo maschile meglio frustato. La partecipazione era libera, e consisteva sostanzialmente in questo: le donne dovevano eseguire in due minuti un'opera d'arte sul culo nudo del loro schiavo servendosi di uno strumento di tortura a scelta. Lo schiavo doveva giacere su un banco di fustigazione. Se gridava stop o se il corpo scivolava gi dal banco, la domina veniva squalificata. Una giuria formata da tre padrone sceglieva il vincitore attribuendo a ciascuno un punteggio da uno a dieci che tenesse conto del valore artistico, dei colori (lividi) e del livello di crudelt della signora. Alla vincitrice spettavano un diploma, una bottiglia di champagne e altri premi di valore. Lo schiavo della vincitrice doveva mettersi in mostra per venti minuti nella sala d'ingresso affinch tutte le signore potessero osservare nei dettagli il capolavoro. Quell'atto mi scocci abbastanza; era la prima volta che assistevo a una punizione del genere. Per digerire quelle scene, cercai di mettere in pratica il consiglio di Monique: dovevo cambiare disco. Se non dicevano stop era perch non volevano. Non avevo gli strumenti per giudicare se si trattasse di violenza oppure no, e non avevo nemmeno il diritto di intromettermi in una cosa che individui adulti praticavano di loro spontanea volont. Se non mi piaceva, dovevo solo alzarmi e andarmene. L'atto a cui assistemmo subito dopo fu il processo agli schiavi. Sua Eccellenza la giudice Lady Mona di Svezia era in procinto di emettere la propria sentenza su alcuni schiavi colpevoli di qualche errore o di aver spudoratamente disobbedito alla loro padrona. Apparvero tre schiavi, due della Domina Irene Boss e l'altro di una domina di cui non ricordo il nome. Joseph, il primo schiavo, che si era sottoposto a un'operazione di chirurgia estetica al petto per apparire pi femminile, era accusato di essersi fatto iniettare troppo silicone senza il consenso della sua padrona. Quando gli fu concessa la parola per spiegarsi, non si mostr per niente convincente, e fin per essere condannato a diverse frustate e a dormire nelle segrete del palazzo. Il secondo schiavo, con una lunga chioma raccolta da un elastico, era accusato di essere un tossicodipendente perch fumava troppo. Nonostante la sua padrona gli avesse proibito le sigarette, lui continuava a procurarsele di nascosto, Pagina 9

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt disobbedendo cos all'autorit della domina. Una volta era stato perfino sorpreso a fumare di notte, con l'aggravante di aver rischiato di provocare un incendio. Il suo caso era grave. Dopo averglielo comunicato, la giudice lo condann a sottoporsi al trattamento del cerotto per vincere la dipendenza e a pene corporali per aver disobbedito, nonch a farsi rasare la testa. Le signore presenti assentirono all'unanimit, soddisfatte del verdetto. Poi il prigioniero scomparve tra due guardie. Nel Regno dell'Altro Mondo, le serate si chiudevano sempre alla discoteca Wanda, dove le signore si dedicavano a vari giochi con i loro schiavi. Quella sera, senza uno schiavo a disposizione e senza voglia di giocare, sentii la mancanza del mio fidanzato. Alle undici, in discoteca, era prevista una performance davvero speciale: lo spettacolo clinical di Madame Helen, la domina danese, che si presentava sul palco con una divisa da infermiera in lattice bianco. Le sessioni di clinical sono poco indicate per gli animi sensibili. In generale, si tratta di giochi con aghi, scarnificazioni (infliggere piaghe e ustioni con oggetti incandescenti) e quant'altro comprenda il sangue come arte. Quella sera, non so perch, pensai che allo spettacolo di Madame Helen avrebbero partecipato in pochi, ma quando Monique e io arrivammo la discoteca era gi piena. Le domine portavano i loro schiavi, nervosi e pallidi al pensiero di cosa gli sarebbe potuto accadere se non si fossero comportati bene. Su mia espressa richiesta, ci sedemmo al banco del bar, un po' appartate dalla scena. Servendosi di un taglierino, Madame Helen cominci a praticare piccole incisioni orizzontali sulla schiena del suo schiavo, facendo affiorare dalle ferite sottilissimi rivoli di sangue. Helen illustrava al pubblico ogni singolo gesto, mentre Boot-dog, il suo schiavo, con le mani legate da corde che pendevano dal soffitto, gemeva indifeso. Il silenzio della discoteca era opprimente. Nessuno osava neppure un colpo di tosse. Io, per distrarmi da quella visione cruenta, osservavo le facce degli schiavi, quasi tutti testimoni involontari di quello spettacolo. Alcuni se ne stavano seduti senza dire niente, altri non avevano il coraggio di guardare. Poi, dopo gli ultimi ritocchi alla schiena, con tono solenne e con la credibilit conferitale dal suo ruolo di infermiera, Helen annunci la sessione con le siringhe. Prima, per, pass un ramo di ortiche fresche sul corpo del partner. Mentre preparava la siringa con cui di l a poco avrebbe bucato Bootdog, la domina sembrava tranquilla, sicura di s. Un po' forte, non ti sembra? chiesi a Monique. Volevo la conferma che quella pratica non era cos abituale. S, un po'. Ma sa perfettamente quello che fa. Non ci sono rischi. Sta facendo leva pi sulla paura del sangue e degli aghi tipica degli uomini che non sul dolore praticamente impercettibile. I tagli sono molto superficiali, e l'ago della siringa sottilissimo. Meno male dissi, senza molta convinzione. Vuoi dire che Bootdog non sente quasi niente? Esattamente. Ma la scena di grande impatto. Proprio cos disse una voce maschile alle nostre spalle. Quando ci girammo, vidi che lo schiavo brizzolato di Amrita era accanto a noi. Beveva una birra, e non sembrava impressionato dallo spettacolo. Ti piace il clinical? gli chiesi, un po' altezzosa. Be', diciamo che un qualcosa che mi capita di praticare. Ma con molto pi sangue rispose con un sorriso. Mi sembr che ci stesse provocando. Ma Monique aveva capito cosa intendeva quello schiavo fuori degli schemi, che si azzardava a rivolgerci la parola e a bersi un bicchiere senza la sua padrona. In che senso? Sei medico o qualcosa del genere? gli chiese. Aveva l'aria da playboy cinquantenne, e in confronto agli altri sottomessi esibiva fin troppa sicurezza. Diciamo di s. In cosa sei specializzato? Bevve un sorso, si tolse con la mano la schiuma dalle labbra e si lasci sfuggire: Riparo cuori rotti. Che romantico! Sei cardiologo? Gi. E si present facendoci un baciamano. Si chiamava Christophe, ed era uno dei cardiologi pi prestigiosi della Svizzera, il suo paese natale. Fece qualche battuta su Madame Helen, dicendo che avrebbe voluto assumerla come infermiera nella sua clinica di Zurigo. Nel frattempo, Helen andava avanti con i suoi giochi e iniettava nei testicoli di Pagina 10

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Bootdog una sostanza che non sembrava di suo gradimento. Acqua e sale mi spieg Christophe. Il corpo lo riassorbe. Non pericoloso. Non preoccuparti. Si era rivolto a me. Sicuramente aveva visto l'orrore dipinto sul mio volto. La sua spiegazione era servita a tranquillizzarmi un po', nonostante le continue smorfie di dolore di Bootdog ogni volta che la siringa gli perforava la pelle. Perch non mi hai comprato all'asta? mi chiese Christophe di punto in bianco. Si stava prendendo un po' troppe confidenze con noi due. Perch le offerte erano salite alle stelle. E ho pensato che non valessi cos tanto. Tutto qui. Vidi un sorriso malizioso disegnarsi sulle sue labbra. Aveva voglia di replicare, ma non lo fece. Con un cenno feci capire a Monique che andavo a dormire. Per quella giornata ne avevo avuto abbastanza. Lei mi segu e, tra gli applausi della gente, contenta per lo spettacolo di Helen, uscimmo dalla discoteca. Io ero soddisfatta di avere parlato con Christophe e di averlo mollato l. Mi ero comportata come una vera domina. Avevo ottenuto la mia rivincita. Arrivammo in camera mia, esauste, ma ansiose di scoprire che cosa ci avrebbe riservato il nuovo giorno nel Regno dell'Altro Mondo. I miei rapporti con il sadomasochismo Anche se l'esperienza nel Regno dell'Altro Mondo mi stava turbando non poco, non ero completamente digiuna di sadomasochismo. Dopo l'incontro con Monique, e a mano a mano che diventavamo amiche, cominciai a familiarizzare con le pratiche dell'Sm. Devo ammetterlo, per: la prima volta che mi trovai faccia a faccia con un sottomesso, rimasi profondamente impressionata. Monique mi aveva chiamato per presentarmi a un'amica. Quando arrivai nel suo studio, mi trovai di fronte un sottomesso appeso a una trave, completamente nudo. Aveva i testicoli strangolati da una corda e i genitali di un azzurro violaceo. Una maschera di cuoio nero gli copriva gli occhi e la bocca, e respirava solo grazie a due forellini all'altezza del naso. Non poteva vedermi, sentiva soltanto la mia presenza. Mentre entravo, i miei tacchi risuonarono contro il legno del parquet e ricordo che il sottomesso, come un cieco, gir la testa spaventato verso il rumore dei miei passi. Preferii non prestargli troppa attenzione e mi sedetti sul divano con l'aria di essere al corrente di tutto. Ogni tanto Monique impugnava la frusta e premeva il cuoio, ammorbidito dall'uso, contro i testicoli dello sconosciuto. Cominciai a eccitarmi. E lo dissi a Monique. Vuoi partecipare? mi chiese lei. Voleva mostrarsi gentile e compiacermi. E un sottomesso alle prime armi, non richiede particolari sforzi. Risposi di no con la testa. Dominare richiede un apprendistato e il rispetto di alcune regole. Mi sentivo ancora troppo inesperta per insegnare a un sottomesso, per quanto novellino potesse essere. Rimasi a guardare Monique mentre passava da uno strumnto di supplizio all'altro, modulando con estrema naturalezza la voce a seconda del suo stato d'animo e delle risposte fisiche del sottomesso ai suoi gesti di dominatrice. Seduta sul divano, contemplavo la volutt che si sprigionava da quel corpo indifeso, completamente abbandonato alla curva dello staffile che schioccava sulla sua groppa arrossata. S, ho detto volutt. Non avrei mai pensato di poterla avvertire in una scena cos, in un corpo ricoperto di ferite. Non capivo le ragioni che muovevano quell'uomo. Ma capivo le mie sensazioni. Erano un misto di solennit ed eccitazione. L'amica di Monique espresse il desiderio di partecipare. Sleg il sottomesso per piazzarlo su un banco che esponeva ancora di pi il suo culo generoso. A ogni frustata, mi si riempiva la bocca di saliva. Non avevo mai pensato che potesse risultare cos eccitante la visione di due donne che punivano un uomo. E cercavo di capire anche la posizione del sottomesso: legato, con quella maschera soffocante, attento ai battiti del proprio cuore e agli schiocchi della frusta. Il suo livello di adrenalina doveva essere altissimo. Ogni tanto mi alzavo e mi avvicinavo a lui. Il solo fatto di sentire che una terza persona era presente gli provocava un'erezione. E io, pi bagnata che mai, dovetti fare sforzi sovrumani per non soccombere all'erotismo che invadeva tutta la stanza. Dopo quell'episodio, volli provare per mio conto. Quando facevo la prostituta, avevo un cliente, un giudice, che si presentava la mattina presto e pagava per sentirsi umiliato. Portava sempre un tanga colorato e mi chiedeva di improvvisare per due ore, mentre lui metteva in mostra le sue natiche depilate. Alla fine della sessione aveva quasi sempre il culo rosso come un pomodoro, perch lo picchiavo con una mano. Non approfondii mai la sua psicologia. Pensavo che fosse un modo peculiare di vivere la sessualit, nient'altro. A volte lo Pagina 11

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt punivo a mano nuda. Altre, invece, mi mettevo un guanto di velluto per attutire il rumore dei colpi. E sempre eiaculava in questa situazione. Poi si toglieva il tanga e lo buttava nella spazzatura, si rivestiva, mi dava una buona mancia e se ne andava. Curiosamente all'inizio di ogni incontro mi chiedeva di togliermi gli anelli perch non gli lasciassi segni sul corpo, ma poi mi ordinava di picchiarlo pi forte che potevo. Anche il psicosado (o sadismo psicologico) ha occupato un posto privilegiato nei miei rapporti con gli uomini. Era un qualcosa a cui acconsentivamo entrambi, ma che nasceva in modo spontaneo. Un gioco a cui ci abbandonavamo senza paura, ma nel quale non ero sempre io ad avere il comando. A volte ero dominante, altre mi facevo dominare. Mi piaceva alternare i ruoli. Nel mondo del sadomasochismo, le persone che alternano i ruoli sono chiamate switch. Sono quelle che ne sanno di pi di sadomasochismo, perch hanno interpretato entrambe le parti. Il rapporto sadomasochistico pi significativo che ho avuto stato con Michael, un americano di New York. Lo conobbi alla casa d'appuntamenti, e ancora oggi siamo in contatto, anche se non abbiamo scambi economici. N la distanza n il fatto che sono diventata famosa impediscono che di tanto in tanto manifesti il suo servilismo attraverso il telefono. Quando lo conobbi, mi avvert che i suoi gusti erano un tantino singolari. A me la cosa andava benissimo. I rapporti convenzionali ormai mi avevano stancato, e cercavo altre esperienze che mi arricchissero come persona. Credo che molti, al mio posto, si sarebbero seccati di fronte alle richieste di Michael; io, semplicemente, le vedevo come un'opportunit per imparare e per crescere. E cos, accettai i suoi gusti con estrema disponibilit. Si autodefiniva il mio cane. Le nostre conversazioni iniziavano sempre allo stesso modo: Sa cosa sono per lei, Signora, non vero? e chinava il capo. S, Michael. Che cosa sono, Signora? Sei il mio cane. E dormo ai suoi piedi, per terra. S. E non sei autorizzato a salire sul mio letto, cane schifoso. E sa Signora perch sono il suo cane? Dimmelo tu, Michael. Sono il suo cane perch la desidero. Iniziava ad abbaiare, e a me toccava mettere fine a cotanta manifestazione d'affetto. Era il mio cane, il mio servitore, il mio schiavo, qualsiasi cosa potesse soddisfare la sua ansia di essere dominato da una donna. Spesso lo obbligavo a uscire con la mia biancheria intima addosso perch sentisse di appartenermi, e mi rifiutai di fargli da padrona finch non si fosse deciso a leggere i classici della letteratura Sm, a cominciare da Leopold von Sacher Masoch e dalla sua Venere in pelliccia. Un pomeriggio tenemmo una sessione di psicosado che per lui si rivel una vera tragedia. Lo punii severamente con le mie parole cariche di rifiuto e di indifferenza. Cominci a singhiozzare perch non capiva se avessi esagerato o se pensassi davvero quello che avevo detto. Dovetti rimettere le cose al loro posto: Michael, se ti piace soffrire ed essere il mio schiavo, la sofferenza peggiore per te sarebbe che ti abbandonassi, oppure che ti trattassi benissimo. Non ti pare? Non capisco, Signora. Il peggior castigo che ti pu capitare che la tua padrona ti rifiuti. O che sia molto affettuosa con te. Giusto? Vidi il panico sulla sua faccia. A te piace che ti tratti male. Se ti tratto bene, soffri da matti. Per cui, se voglio farti soffrire, non mi resta che rifiutarmi di trattarti male. A partire da questo momento sar la donna pi adorabile che tu abbia mai conosciuto. Sar la tua vera sofferenza. Per favore, Signora, non lo faccia. La supplico. Per favore... In realt non mi veniva in mente un castigo peggiore: abbandonarlo e ignorare completamente i suoi gusti. Ma alla fine decisi di obbedire al mio schiavo. Michael torn alla sua vita da manager, e con il tempo il nostro rapporto si limit a qualche telefonata. All'inizio, e con il fuso orario, chiamava a ore indecenti. Ma io non gli rispondevo mai. Era la sua punizione. Lui lo sapeva e per questo chiamava sempre alla stessa ora. Quando decise che ne aveva abbastanza, cominci a chiamarmi durante il giorno. Io lo liquidavo in fretta e furia, perch stavo lavorando. E, anche cos, lo lasciavo sempre con il desiderio di chiamarmi ancora. Il fatto di avere ai miei piedi un uomo dal servilismo incondizionato, disposto a qualsiasi cosa, mi dava un senso di potere Pagina 12

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt incredibile, anche se si trattava solo di una messinscena. L'ultima volta che lo sentii, non molto tempo fa, era a Londra, e mi telefon per sapere la mia taglia. Qualche giorno dopo, ricevetti per posta un completo intimo di seta. Mi chiam per sapere se mi era piaciuto. La prossima volta chiedi il mio parere sul colore. Se no, rischi di veder tornare indietro il pacco. Non le piaciuto il regalino, Signora? Certo che mi era piaciuto. Ma non avevo nessuna intenzione di farglielo sapere. Per questa volta pu andare. Ma la prossima chiedimi qual il mio colore preferito. In fondo, il nostro era un gioco innocente. Un tira e molla, nient'altro. Molte coppie si dedicano a giochi simili, a volte senza rendersene conto. Quanto a me, ero pronta a fare il salto dallo psicosado al sadomasochismo. Ricordo il giorno in cui Monique mi present un vero masochista. Thomas era un tedesco sulla cinquantina che ogni tanto lavorava nel bar del locale Sm in cui avevo conosciuto Monique. Eravamo alla presentazione di un dizionario di Bdsm (acronimo di Bondage-Disciplina-Dominazione-Sottomissione-SadoMasochismo). Alla fine dell'incontro, Monique mi present Thomas. La mia prima impressione fu quella di trovarmi di fronte a una persona fantastica. Aveva un sorriso genuino, sincero. Sapeva gi chi ero perch mi aveva vista in televisione, e non era rimasto troppo sorpreso nel sapere che ero interessata al Sm. Decidemmo di bere qualcosa insieme il giorno dopo in un locale fetish. I miei rapporti con Thomas si fecero sempre pi stretti e, fin dall'inizio, cap che gli piacevo. Una sera mi invit a cena, e io, felicissima, accettai. Desideravo trascorrere qualche ora insieme a quell'uomo cos complesso. Nel corso della serata mi spieg i suoi gusti: Non sono n un sottomesso n uno schiavo. Sono un masochista, che una cosa molto diversa. Un masochista vero. Mi piace provare dolore. E ho molta resistenza. Una presentazione a regola d'arte. Era chiaro che non si accontentava di qualche frustatina sul culo, come la stragrande maggioranza. Aveva bisogno di qualcosa di pi forte. molto difficile trovare una brava padrona che oltretutto ti piaccia. Nella mia vita posso dire di averne conosciute, di donne. Ma erano quasi tutte fidanzate "vaniglia" disse, ricorrendo al termine con cui comunemente si indica la gente che non fa parte della comunit Sm. Dovevo mentire in continuazione sui miei gusti. Cos mi sono stufato. Ora sono solo, non ho una fidanzata, e nemmeno mi interessa. L'ho giurato a me stesso: la prossima volta che esco con una donna, dev'essere una persona a cui piace questo tipo di giochi. Ormai chiarissimo. E che tipo di giochi ti piacciono? chiesi, incuriosita. Tutti quelli che producono dolore. Fruste, scudisci, aghi, chiodi... Dalla mia faccia doveva essere abbastanza chiaro che la cosa non mi divertiva molto. Aghi e chiodi? chiesi. S. In questi rapporti, la psicologia molto importante. Devi essere davvero molto eccitato per farti infilare gli aghi. Non una cosa che fai cos, come viene. La visione degli aghi ti fa salire l'adrenalina, anche pi del dolore che provi quando ti trafiggono. Lina volta mi hanno infilato aghi nello scroto. Se vuoi ti mando le foto. stata una sessione indimenticabile. Assentii con la testa. Avrei voluto bombardarlo di domande, ma non ne avevo il coraggio. Non trovi che per infilare aghi bisognerebbe saperne almeno un po' di anatomia e medicina? Certo che s! Non lo lascio mica fare alla prima che passa. Ma non credere, non nemmeno cos complicato. impressionante, questo s. Ma a me l'attimo prima fa letteralmente impazzire. Conoscere cos da vicino un masochista come Thomas mi offr una nuova prospettiva per avvicinarmi all'Sm. Non ho mai capito perch i sadomasochisti siano cos malvisti. La nostra cultura masochistica per definizione. Spesso, tutto ci che ci aspettiamo dalla vita sono mazzate e batoste. Anzi, la nostra educazione ruota intorno a questo. Con quale diritto condanniamo le scelte dei sadomaso, fintanto che si tratti di una pratica consensuale che non lede la libert dell'altro? La chiave del rifiuto sta nel fatto che queste persone si servono dell'umiliazione e del dolore per provare piacere, e questa cosa sempre stata fonte di scandalo. Se i sadomasochisti non avessero scopi sessuali, molto probabilmente verrebbero accettati senza problemi; anzi, oserei perfino Pagina 13

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt dire che verrebbero incitati a comportarsi cos. Se ti flagelli o ti mortifichi per Dio, se ti sacrifichi per rassegnazione cristiana, nessuno ti rimprovera. Ma se lo fai ai piedi di una domina, vestito fetish, allora stai commettendo un grave peccato. Vedevo Thomas una volta alla settimana, sempre in compagnia di altra gente. Ma lui non lasciava passare un giorno senza chiamarmi per telefono. Diventai la sua confidente. E anche se non me l'aveva mai detto chiaramente, intuivo che avrebbe voluto qualcosa di pi da me. Io, per, non ero disposta a condividere i suoi gusti. Volevo capire e imparare, ma l'idea di provare dolore con aghi o chiodi non mi attirava per niente. Oltretutto, volevo vivere l'Sm come un'esperienza fra tante, non come un fine in se stesso. Thomas si era lasciato scappare che gli piaceva anche il sesso convenzionale. Io per ne dubitavo. Usciva solo con persone dell'ambiente, in locali Sm. In realt, credo che volesse soltanto apparire ai miei occhi pi convenzionale di quanto non fosse. Hai scoperto molto tardi il masochismo, vero? gli chiesi un giorno, decisa a farmi un'idea della sua psicologia. Figurarsi! mi rispose con gran naturalezza. Sono maso da tanto tempo. Ma l'ho accettato da poco. Prima negavo questo lato di me. Anzi, mi faceva soffrire moltissimo. Mi sentivo anormale rispetto agli altri. Ai miei amici non parlavo mai dei miei veri gusti. E nemmeno alle mie fidanzate. Una volta al mese, quando proprio non ce la facevo pi, pagavo di nascosto una femdom professionista perch mi facesse una sessione. Ma dopo era peggio. Mi sentivo in colpa. Inoltre, vivevo costantemente nella menzogna. Il suo racconto mi tocc profondamente. Quell'uomo aveva sofferto moltissimo. E la cosa peggiore era che aveva dovuto nascondersi da se stesso. Ho scoperto di essere masochista quando avevo sette anni, a scuola. Ero un pessimo alunno. Non mi piaceva studiare. Mi sentivo molto attratto dalla maestra. Aveva gli occhiali e i capelli raccolti, e indossava sempre abiti con gonne strettissime sotto il ginocchio. Portava calze di nylon color carne e tacchi altissimi. Un giorno mi ha punito severamente, come si faceva una volta, colpendomi sulle nocche con una riga. Ho provato una sensazione molto piacevole. E ho continuato a masturbarmi per anni pensando a quella maestra e al suo fare autoritario. Gi da adolescente, mi masturbavo con un rituale preciso. Appoggiavo un pezzo di lattice sulla sedia, a mo' di cuscino, e me lo menavo con il culo nudo che sfiorava il lattice, fantasticando su quell'episodio della mia infanzia. I ricordi di Thomas erano straordinariamente nitidi. Era chiaro che a risvegliare il suo lato maso era stata quella maestra, quella signorina Rottenmeier in versione sexy. Non mi stupiva che la maggior parte dei feticisti sbavasse per quel tipo di donna. Anzi, sono convinta che in passato molti di loro abbiano vissuto un'esperienza simile a quella che mi aveva raccontato Thomas. Con il passare del tempo presi un po' le distanze da Thomas. Ormai non avevamo pi niente da scambiarci. Se continuando a vederlo, non facevo altro che alimentare le sue speranze. Lui arriv a pensare che lo trattassi male o mi negassi al telefono solo per farlo soffrire, ovvero per compiacerlo. Macchinazioni da domina che andavano molto al di l delle mie intenzioni. Quando decisi di rompere definitivamente i rapporti, lui divent freddo e in alcuni casi mi tratt in modo molto sgradevole. A volte manifestiamo cos la nostra delusione. Mi dispiace sinceramente per lui. Ma non gli feci mai credere, neanche per un secondo, che tra noi due potesse nascere qualcosa. Il giorno del compleanno di Monique ci fu una grande festa in una discoteca del centro di Barcellona. Thomas approfitt di quell'occasione per rendere esplicite le sue intenzioni nei miei confronti. Voleva che diventassi la sua fidanzata. Mi sentii molto lusingata, ma non provavo gli stessi sentimenti per lui. Cercai di farglielo capire senza ferirlo, ma lui torn a casa molto deluso. Continuammo a scriverci via mail, e lui mantenne la promessa di inviarmi qualche foto delle sue sessioni con femdom professioniste. Foto davvero hard, sconsigliabili ai non iniziati (in una era incatenato a un'asse di legno con lo scroto trafitto da chiodi del quattordici). Lo schiavo dell'anno Il mattino del nostro secondo giorno nel Regno dell'Altro Mondo mi svegliai prima di Monique. I raggi del sole penetravano attraverso le tende di color marrone e illuminavano il tavolino su cui avevamo lasciato le nostre fruste. Era ancora presto, e Monique, che aveva il sonno leggero, continuava a rigirarsi nel letto, come in preda a un incubo. Ogni tanto apriva gli occhi e incrociava il Pagina 14

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt mio sguardo. Ma subito dopo si riaddormentava. Fui attratta dai rumori che venivano da fuori: le catene di qualche schiavo che strisciava per terra, lo schiocco di uno scudiscio che fendeva l'aria, gli ordini che le padrone sussurravano ai loro schiavi. Di fianco a noi, in corridoio, c'era un sottomesso che dormiva, legato alla porta della stanza della sua padrona. Ne sentivo distintamente i gemiti. Era vero, non stavo sognando. . Quel giorno si sarebbe celebrata l'assegnazione della cittadinanza ad alcune domine, grazie alla quale sarebbero diventate ufficialmente Sublime Ladies dell'Owk. Grazie a questo titolo avrebbero potuto godere di diversi sconti al castello e, soprattutto, del rango di padrone a tutti gli effetti. Quella sera era previsto un banchetto dove speravo di poter conoscere finalmente la Regina Patricia, che fino a quel momento non si era fatta vedere. Girava voce che fosse malata. Quanto alla sua storia, al come o al perch avesse dato vita a quel Regno, nessuno era stato in grado di dirmi niente. Forse, molto semplicemente, nessuno aveva voglia di dirmi niente. Comunque, circolavano due versioni ufficiose. La prima, la pi verosimile, era che un lord inglese, appassionato di Sm, si fosse perdutamente innamorato della Regina Patricia e le avesse comprato quel castello per dimostrarle il suo amore. Capitava di vederlo in giro, ogni tanto, ma non si mischiava mai agli ospiti. Tanto che non sembrava esserci nessuno che lo conoscesse di persona (riguardo alla seconda versione, non posso scucirmi perch non possiedo prove. Solo voci. La prima versione la pi credibile, oltre che la pi romantica). Mi alzai verso le undici. Monique stava ancora dormendo e approfittai di quel momento di tranquillit per farmi una doccia. Ormai ci eravamo perse il primo evento della giornata: la caccia allo schiavo. Non riuscivo a perdonarmelo. Secondo il programma, venivano sguinzagliati nel parco gli schiavi partecipanti, completamente nudi. Le signore dovevano dargli la caccia lanciando delle uova. Quello che veniva colpito da pi uova doveva indossare una maschera da maiale fino alle sei del pomeriggio, senza poter parlare, emettendo solo grugniti, come i suini. Inoltre doveva ripulire il parco da tutti i gusci d'uovo. La signora che cacciava pi schiavi riceveva un diploma, una bottiglia di vino e altri premi. Alle due e mezzo del pomeriggio, assistemmo al Grand Prix dell'Owk, la corsa di pony umani. Ma decidemmo di non partecipare. Il tempo peggior, cominci a piovere e la gara dovette essere organizzata nelle stalle e non nel parco. Le lady indossavano tutte sfolgoranti divise da cavallerizza. Gli schiavi, completamente nudi, avevano un pennacchio in testa; alcuni avevano dei copriorecchie, come i cavalli di una volta. Ognuno di loro doveva trainare un sulky su cui era seduta la padrona. Vinceva la domina che effettuava il percorso in meno tempo. Alla gara partecipava anche Christophe, lo schiavo svizzero. Ci salut da lontano con un gran sorriso. A un certo punto, una domina afroamericana dall'aspetto temibile, Mistress Denetra, attir su di s tutti gli sguardi iniziando a imprecare contro il suo schiavo. Lo riconobbi subito, era l'inglese che il giorno prima si era offerto di lustrarci gli stivali. Tu! grid Mistress Denetra. L'inglese cominci a tremare. S, tu! Sto parlando con te, lo sai benissimo! Ti stavi toccando. Non negarlo. Ti ho visto. Sai che espressamente proibito toccarsi davanti alle signore? grid, avvicinandosi allo schiavo con la frusta in mano. No, Signora. Dev'esserci uno sbaglio, Signora, glielo assicuro balbett lo schiavo. Tutti gli sguardi si spostarono sull'inglese, prostrato a terra, con il culo nudo scorticato dalla paglia su cui era seduto. Aveva i genitali avvolti in un cerotto. Accanto a lui, Mistress Denetra appariva immensa. Pezzo di merda! altrettanto proibito mentire a una mistress o mettere in discussione la sua parola. Vieni qui, che ti insegno le buone maniere! E gli afferr un braccio. L'inglese faceva resistenza, terrorizzato all'idea di quello che poteva succedergli. A quel punto intervenne Madame Gabrielle, la prima hoffmistress del Regno, per chiedere spiegazioni al sottomesso. Lui continuava a negare di essersi masturbato in pubblico. Ma a comandare, nell'Owk, erano sempre le donne, e se Mistress Denetra sosteneva di averlo sorpreso a masturbarsi, doveva essere vero. Cos, se lo port al Palazzo della Regina perch ricevesse la punizione che meritava. Durante il Grand Prix prestai poca attenzione a quello che stava succedendo. Pensavo a quell'inglese, colto in flagrante con la mano sui genitali. Monique alla fine decise di partecipare, ma il premio fu vinto da un'altra domina. Dopo la gara, Madame Gabrielle ricomparve trascinando l'inglese per un orecchio e mi Pagina 15

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt si avvicin. Signora, le dispiacerebbe occuparsi di questo idiota? mi domand in inglese. Io non ce la faccio. Sta dando fondo alla mia pazienza, e io devo dedicarmi alle altre attivit. Esitai un attimo prima di rispondere. Farmi carico di uno schiavo che non conoscevo era una grande responsabilit. Ma alla fine accettai. Grazie infinite, Mistress Valrie disse Madame Gabrielle con sentita riconoscenza. Monique scoppi a ridere. Per la testa mi passarono un'infinit di pensieri. Prima di tutto, bisognava dargli un nome. Mi venne in mente che potevamo chiamarlo Conchita. Cos glielo comunicammo, avvertendolo che ogni tanto l'avremmo chiamato anche servetta. Sarebbe stato la nostra serva personale. Lui aveva l'aria di essere molto contento. Monique e io dovevamo sembrargli padrone gentili e piacevoli. Mentre chiacchieravamo con lui dei suoi gusti, scoprimmo che adorava servire le donne. Casca proprio a pennello per il banchetto di stasera mi disse Monique. Ci porter le borse, ordiner il vino per noi e tutto il resto. E domani mattina ci porter la colazione aggiunsi io, guardandolo con aria di sfida. Cap quello che stavamo dicendo, perch ci raccont d'essersi comprato un orologio di altissima precisione per essere sempre in perfetto orario, non un minuto di pi n uno di meno. Sarebbe stato puntuale, non avrebbe mancato un appuntamento. Si notava che aveva gi fatto parecchia strada nel suo apprendistato come servo. E mi piaceva l'idea di non doverlo addestrare in questo senso. Riprese a piovere. Un signore un po' obeso si avvicin a noi e chiese se avevamo bisogno di un tassista per andare da una dependance all'altra senza sporcarci le scarpe. Il mio nome Atlante, Signore, e sono a vostra disposizione. Posso portare sulle spalle fino a tre signore. Sono molto forte, e la mia specialit essere un taxi ci disse, abbassando lo sguardo. Ok. Per ti cambiamo nome. Ti chiameremo Big Berta. Atlante non ci piace dissi. Accett senza fiatare. D'altronde, non aveva scelta. Monique gli mont in spalla e io sulla schiena. Conchita seguiva con le borse e le fruste. Decidemmo di mangiare qualcosa insieme ad alcune domine nel salone della Longue House del castello. Chiesi a Big Berta e a Conchita di recuperarci due piatti di prosciutto, salsiccia e formaggio. Quando decidemmo di cambiarci per il banchetto, Conchita mi preg di ascoltarlo. S, Conchita. Cosa c'? Niente, Signora. Volevo solo dirle che quello di oggi pomeriggio stato un malinteso. A cosa ti riferisci? A Mistress Denetra... a quello che ha detto. Non mi stavo masturbando, Signora. Il cerotto mi faceva male, cos ho cercato di scostarlo un po' dai genitali. Ma le giuro che non mi stavo masturbando. Non mi sarei mai permesso di fare una cosa del genere, l davanti a voi. Mai. Glielo giuro, Signora. Stai tranquillo. Non ti succeder niente, se di questo che hai paura. A patto che tu ci serva come si deve, ovviamente. Certo, Signora Valrie. Non ne dubiti. Sar onorato di servirvi questa sera. Perfetto. E ora vieni con noi. Devi sistemare il vestito di Lady Monique e lustrarci gli stivali. Questa sera devono splendere gli ordinai. E poi ti darai una sistemata. Cos fai davvero pena. Non puoi entrare nel salone di Sua Maest con le calze rotte, guardati... E mentre Conchita faceva per guardarsi, gli tirai la calza di nylon con due dita per fargli vedere che era bucata. Ah! E ti truccheremo in un altro modo. Con questo look, lasci proprio a desiderare. Poi montai in groppa a Big Berta, tutto contento di aver trovato due signore disposte a fargli fare quello che pi gli piaceva: trasportare persone. Tra una cosa e l'altra, ci restava davvero poco tempo per prepararci. Come se non bastasse, Madame Gabrielle, che aveva saputo che ero una scrittrice, mi chiese di parlare in pubblico dei miei libri subito dopo l'elezione del miglior schiavo dell'anno. Accettai, anche se con qualche reticenza. Mi sentivo intimidita di fronte a un uditorio cos singolare. Il momento del banchetto arriv. La sala delle celebrazioni era gremita di domine che sfoggiavano i loro costumi e le loro parrucche. Mi sembrava di essere tornata indietro nel tempo, di trovarmi a una festa in stile Versailles con tanto d'abiti d'epoca. Stretta nel mio Dolce & Gabbana, mi sentivo un po' fuori luogo; il vestito era bello da impazzire, ma stonava con l'ambiente. Monique era Pagina 16

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt splendida con il suo completo di metallo, top e gonna, che Conchita aveva sistemato, perch alcuni anelli della maglia si erano smollati. Sicuramente, quell'abito pesava pi di Monique. Prima della consegna dei diplomi alle Sublime Ladies, si doveva eleggere il miglior schiavo del 2005. Dopo essersi sottoposto a una serie di prove, il candidato che avesse ottenuto il punteggio pi alto si sarebbe aggiudicato il titolo. Anche la sua domina avrebbe vinto diversi premi. La prima prova, la pi attesa di tutte, consisteva nel fustigare ogni schiavo per tre minuti. Quello che gridava stop, veniva eliminato e non poteva partecipare alle altre prove. Monique e io prendemmo posto su una piccola panca, mentre Conchita e Big Berta si sistemarono dietro di noi in ginocchio. Ogni volta che volevamo qualcosa, li mandavamo in cucina. Gli schiavi iniziarono a salire sul podio per presentare la loro candidatura. Nel frattempo vennero scelte le tre domine chiamate a formare la giuria, e ci rendemmo conto che erano tutt'e tre statunitensi. Non giusto sussurr Monique. Perch non c' neanche una rnistress europea? Siamo nella Repubblica Ceca, mica in Iraq! grid indignata Lady Alexandra. Non ci furono altri commenti, e lo spettacolo ebbe inizio. I primi avevano una resistenza sovrumana, sopportavano stoicamente le frustate anche quando il sangue gli affior sulle natiche. Le domine sudavano; molti schiavi non manifestavano il proprio dolore apposta per scatenare le ire della domina, che si accaniva con ancora pi violenza. Il concorso prese una piega sempre pi cruenta. A un certo punto, Monique si alz e disse che non riusciva a sopportare quella vista un secondo di pi. Il suo gesto mi colp. Stava infrangendo il regolamento. Mi sentii orgogliosa di lei e di tutto ci che rappresentava. Lanciai un'occhiata veloce al pubblico. Madame Gabrielle non c'era, aveva la bronchite. Riconobbi soltanto Bart, lo schiavo della Regina Patricia. Sembrava molto a disagio per la situazione che si era venuta a creare. Ma lo spettacolo and avanti. Nel giro di qualche minuto, per, eravamo tutte fuori della sala. Bart cercava di ristabilire l'ordine, senza riuscirci. Monique inizi a contestare l'organizzazione, e io le davo assolutamente ragione. E poi non giusto che la giuria sia formata solo da americane insist Lady Alexandra, con le lacrime agli occhi e il trucco sul punto di disfarsi. Credo che avesse bevuto un bicchiere di troppo. Questo, e il fatto che uno dei suoi schiavi era stato punito con una durezza mai subita in precedenza, l'avevano resa triste e depressa. Alla fine, si giunse a un accordo. Bart chiese alla gente di tornare ai propri posti, e annunci che da quel momento in poi le prove sarebbero state meno dure. Poi, cogliendomi completamente alla sprovvista, mi chiese di salire sul palco e di entrare a far parte della giuria. Chi, io? domandai incredula. S, Mistress Valrie. La prego. Monique mi fece un cenno di approvazione. Tremante, mi avvicinai cercando di nascondere la mia timidezza. Poche volte mi sono sentita cos. Di solito ho una grande fiducia in me stessa e in quello che faccio, ma quando Bart mi chiese di far parte della giuria, devo ammetterlo, non seppi come reagire. Mi spieg che ero stata eletta all'unanimit per sostituire uno dei giurati. Insistette perch accettassi. Monique non mi toglieva gli occhi di dosso e la vidi sorridere. Quel sorriso mi aiut ad accettare la sfida. Mi sentii appoggiata da lei. Gli animi si calmarono ben presto. Le prove successive si tinsero di una vena comica; non si trattava pi di punizioni dure e pure, ma di vedere come si dimenavano gli schiavi a ritmo di musica o come se la cavavano in prove a scelta libera. Contribuirono a rilassare tutti e ad arrivare senza problemi alla premiazione del miglior schiavo dell'anno. Dopo di questo, e di una breve presentazione dei miei libri, la serata si concluse con il conferimento della cittadinanza del Regno dell'Altro Mondo ad alcune domine del pubblico, scelte fra quelle che avevano frequentato il castello almeno tre volte. Tra le nuove cittadine c'erano Amrita, la padrona giapponese, Mistress Denetra, la guardiana di Conchita, e Madame Helen, la specialista di clinical. Quella sera, andai a letto distrutta. Era stato un giorno pieno di forti emozioni. Tuttavia, faticai ad addormentarmi. Ero riuscita a inserirmi nell'Owk, e l'esperienza aveva soddisfatto tutte le mie aspettative. Ma avevo nostalgia di quello che avevo lasciato a Barcellona. Avevo voglia di tornare a casa. Arrivai a Barcellona di notte, con il telefono di Christophe memorizzato sul cellulare e la faccia struccata di Conchita impressa negli occhi. L'aereo atterr con ritardo. Sfiorai il collasso nervoso pi di una volta. Ma quando atterrai, ad aspettarmi c'era lui, con la Ducados fra le labbra, le occhiaie segnate, sorridente. Ci baciammo al limite delle nostre forze. Salutai Monique, e raggiunsi il Pagina 17

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt parcheggio con il mio fidanzato. Non ti chiedo se stai bene gli dissi. Dalla tua faccia non stato un granch. Be' rispose, sarebbe potuta andare meglio. Tornammo a casa in silenzio. Non mi sentivo in colpa per essere stata nel Regno dell'Altro Mondo, ma sapevo che per lui quel viaggio aveva significato un sacrificio. E il suo unico modo di passare il tempo era stato scrivere sul suo diario di quelle tre giornate di solitudine. Strano. Come i giorni della mia assenza. I giorni che lui era riuscito a descrivere. Per non smettere di esistere. Il diario di uno schiavo accidentale. Per amore. Molto mio malgrado. Quella sera ho comprato una tigre Il mio secondo viaggio all'Owk non ebbe niente a che vedere con il primo. Durante la mia visita precedente mi ero limitata a guardare, a osservare tutto quello che succedeva, a impregnarmi di quel posto cos singolare e di quelle persone cos poco convenzionali. Quando ci tornai con il mio fidanzato, un paio di mesi dopo, l'idea era quella di una riflessione approfondita sull'Sm. Lui acconsent a venire con me, anche se con qualche reticenza, visto che per natura tutto tranne che sottomesso. Ci nondimeno, accett la sfida di calarsi per due giorni nei panni di un sottomesso. E dato che ero io la sua domina, non gli poteva succedere niente, visto che punire gli schiavi altrui era vietato. Doveva pi che altro mostrare umilt e rispetto nei confronti delle altre signore e portare un collare al collo quando non eravamo soli nella nostra stanza. Quella volta, il Regno dell'Altro Mondo non ospitava molta gente. Quando arrivammo, un gioved sera, la maggior parte delle domine se n'era gi andata. Se per me questa scoperta fu un sollievo, per il mio fidanzato lo fu ancora di pi. Il programma di attivit era un po' meno fitto e iniziava alle quattro del pomeriggio. Posso dire che questo secondo viaggio fu pi stimolante. Io ero pi rilassata, ero in compagnia del mio fidanzato e riuscivo a intavolare conversazioni pi tranquille con alcune padrone. E lui non si stancava di fare il baciamano a ogni domina che si fermava a parlare con me, perch potessi essere fiera di lui. Conoscemmo Lilith, una domina tedesca sulla cinquantina che si rivel utilissima per i miei obiettivi. Girava dappertutto con uno schiavo molto pi giovane di lei e con le altre parlava appena. Il giorno dell'asta di schiavi comprai il sottomesso di Lilith, che girava completamente nudo, con il corpo dipinto a righe come se fosse una tigre. Si present all'asta rinchiuso in una gabbia sospesa, legato a una cinghia, ma nessuno fece un'offerta. Trovavo cos ammirevole lo sforzo che avevano fatto entrambi, lei a dipingerlo e lui a interpretare egregiamente la sua parte imitando i ruggiti del felino e muovendosi con la sensualit e la prestanza di un animale selvaggio, che mi pareva un sacrilegio lasciarmi scappare un esemplare del genere. Mi aggiudicai la tigre e un servitore inglese, Oggetto, completamente nudo a parte la cintura di castit che gli aveva messo la sua padrona. Lilith, riconoscente per il mio acquisto, ci si avvicin per spiegarmi come trattare la tigre. Fu cos che scoprii l'interessante storia di quella donna. Dopo il divorzio dal primo marito, la sua vita aveva subito una svolta inaspettata. Le porte le venivano chiuse regolarmente in faccia, e non vedeva nessuna possibilit di rifarsi una vita sentimentale. Era grassa, bassa e brutta - queste le parole che aveva usato per descriversi. Chi avrebbe voluto una donna cos? Poi, un giorno, alcuni amici l'avevano invitata a una festa fetish. Qui, Lilith si era resa conto che poteva riaffermarsi come persona: nessuno faceva troppo caso al suo fisico, in quell'ambiente non era la cosa pi importante. E cos, dopo un po', aveva messo un annuncio per cercare uno schiavo. La prima lettera che aveva ricevuto l'aveva emozionata. Era del ragazzo con cui ora condivideva la propria vita. Si erano trovati, e avevano deciso di seguire insieme la strada dell'Sm, lei come padrona e lui come sottomesso. Grazie al sadomasochismo Lilith era riuscita a ritrovare l'autostima che aveva perso, aveva iniziato a scrivere su una rivista specializzata e aveva portato avanti la passione della sua vita: la pittura. In Germania era appena uscito un suo libro intitolato Come trovare una padrona, in cui spiegava che molti uomini hanno la fantasia di trovare una donna dominante ma sono spesso vittime degli stereotipi. All'inizio cercano una donna bellissima, senza preoccuparsi delle sue capacit intellettuali. L'unica cosa Pagina 18

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt che conta, per loro, incontrarne una che risponda a determinate caratteristiche fisiche. Poi, quando la trovano, si rendono conto che non esattamente quello che vogliono. Cos iniziano a cercarne un'altra, sempre con gli stessi criteri, e cos via, fino a quando non capiscono che una padrona innanzitutto una donna comprensiva con un cervello funzionante, non necessariamente una top model. A quel punto si rendono conto del perch ci hanno messo tanto a trovarla. Mi dispiacque molto non passare un po' pi di tempo con loro. Anche il mio fidanzato era contento di quell'incontro. E in pi, si divert nei suoi nuovi panni di sottomesso. Dopo aver visto le domine frustare i loro schiavi, mi chiese di provare con lui. Lo facemmo nell'intimit della nostra stanza, perch si sentisse a suo agio. Mi rifiutavo che venisse umiliato dagli sguardi degli altri. Volevamo provare quell'esperienza insieme e poi parlarne. Nell'Owk ho capito che la dominazione sinonimo di controllo e non ha niente a che vedere con l'immagine di una bella donna che infligge dolore ventiquattro ore su ventiquattro. Come ha detto durante i giorni della celebrazione una domina riconosciuta a livello internazionale: Per meritarsi che gli infligga dolore, un sottomesso deve piacermi davvero molto. Non affatto strano imbattersi in domine che sanno rifilare soltanto colpi. Ma l'Sm molto pi di questo. Una brava padrona deve essere innanzitutto comprensiva. Sfortunatamente, molte donne dell'ambiente si servono della punizione per competere tra loro. E ricorrono a qualsiasi strumento per far s che il didietro dei loro schiavi sia il pi straziato di tutti. I pi esperti utilizzano le sessioni Sm come uno strumento di catarsi vera e propria. E con l'aiuto della padrona, in un'atmosfera di rispetto reciproco, trasgrediscono progressivamente i propri tab per riuscire a conoscersi meglio. Molti, di fatto, si sottopongono a prove che non riuscirebbero a sopportare nella vita quotidiana. In una sessione Sm, esorcizzano tutto ci che suscita in loro pi rifiuto. Quella del sottomesso una figura davvero interessante. La gente che pratica la sottomissione ha capito, come recita un celebre aforisma taoista, che al mondo l'elemento pi forte e potente al tempo stesso quello pi soave: l'acqua. In altre parole, che la sottomissione l'arma migliore per dominare completamente l'altro e piegarlo ai propri obiettivi. I concetti di dominazione e sottomissione non sono due opposti, ma due facce della stessa medaglia. La dominazione non necessariamente migliore della sottomissione. Il segreto sta nel concepirle come due realt assolutamente complementari. E per questo che la vera domina, anche quella che lo fa per soldi, vede nello schiavo o nel sottomesso la sua parte mancante. E come tale lo deve rispettare. Cosa sarebbe una domina senza il sottomesso o lo schiavo? E cosa sarebbe lo schiavo senza la domina? Solo comprendendo questo equilibrio, entrambi potranno raggiungere l'estasi. La questione dei soldi ha sempre sollevato polemiche, sia all'interno sia al di fuori del mondo Sm. Il denaro rappresenta una cosa sporca per tutti. Molti pensano che non si dovrebbe pagare per una sessione Sm. Non sono d'accordo. Qualsiasi femdom professionista che si rispetti potr confermare che se non ci sono soldi di mezzo i sottomessi non la rispettano. Un'opinione che condivido pienamente. Perch esiste l'Sm? A darmi la risposta stata una domina: perch il mondo imperfetto. Se fosse perfetto, non esisterebbero le perversioni. Sono sempre stata affascinata dalla questione dell'imperfezione. E nell'Owk, tra domine e schiavi, ho avuto modo di incontrare diverse persone con handicap pi o meno visibili. Per esempio, uno schiavo che nonostante la gamba finta era perennemente inginocchiato davanti alla sua signora. O una domina norvegese che, nonostante le palesi malformazioni alle estremit, soprattutto alle braccia e alle mani, maneggiava la frusta come se niente fosse. O Lilith, la domina tedesca che a quarantasei anni, obesa, divorziata e con problemi di autostima, era riuscita a ritrovare la speranza nell'Sm, un mondo nel quale l'aspetto fisico secondario. Dopo aver assistito a ogni genere di umiliazioni e castighi, penso di essere riuscita a capire un po' di pi il processo della sottomissione. In fondo si tratta di un processo di meditazione. Attraverso l'Sm, il sottomesso cerca di trascendere il proprio ego, di superare se stesso. Per riuscirci, fissa l'attenzione sui colpi che gli vengono inferti. Si tratta solo di concentrarsi per entrare in uno stato meditativo. Il sottomesso di Lilith comprato da me la sera dell'asta si era davvero immedesimato nel ruolo di una tigre. Il tempo che lei aveva passato a frustarlo sarebbe stato difficilmente sostenibile da comuni Pagina 19

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt mortali. Il mio fidanzato e io abbiamo notato in lui una concentrazione ferrea, che gli dava modo di astrarsi da ci che lo circondava. In seguito ci ha spiegato che usava le endorfine per volare. Ripeto alla lettera le sue parole, perch non sarei in grado di spiegarlo meglio. Un risultato del genere mi sembra molto difficile da raggiungere. Le maschere e i vestiti fetish sono vere e proprie pitture di guerra di cui ci si serve per potenziare la concentrazione e raggiungere pi facilmente il centro di se stessi. Quando una domina indossa il suo vestito di lattice o un sottomesso si infila una maschera di cuoio significa che sono pronti a dare inizio alla sessione. come se stessero per gridare: Show time!. il loro modo di iniziare a calarsi nella parte. L'Sm un mezzo per conoscere se stessi. Ma solo uno dei tanti. Vedere nell'Sm l'unica via di conoscenza possibile pu portare alla dipendenza. Al contrario, riuscire a considerarlo per quello che , come uno strumento in pi rispetto agli altri, ci permette di praticarlo senza pericoli. Alex, il ragazzo austriaco, era schiavo dell'Sm perch era convinto che fosse l'unico mezzo per conoscere i suoi limiti. Alcune persone vivono l'Sm come una forma di nevrosi. Addirittura, riescono a praticarlo solo sentendosi emarginate. Cos producono pi adrenalina. Nell'Owk, comunque, di nevrotici non ne ho quasi incontrati. Si vede che sono persone che hanno riflettuto a fondo su se stesse. Il sacrificio ben visto dalla nostra societ. Come ho gi detto, se ti sacrifichi a Dio o agli altri vieni accettato. La nostra educazione ruota tutta attorno a quest'idea. Etimologicamente parlando, per, la parola sacrificio significa rendere sacro. E questo vincolo religioso spiega molti aspetti della nostra mentalit. Se infatti ti sacrifichi e dimostri di riuscire a godere di questo sacrificio, di riuscire a trarne piacere, vieni automaticamente tacciato di perversione o di depravazione. Esistono diversi modi di affrontare la sofferenza. Il primo quello dello stoico: non far vedere che stai soffrendo. Il secondo, al contrario, quello di non nascondere il tuo dolore. Molti di noi l'adottano, e spesso finiscono addirittura per nutrirsene. Ma ce n' anche un terzo, che pochi capiscono: quello di non soffrire, anzi, di godere di quello che stai facendo. Nell'Sm, il sottomesso/schiavo/masochista si comporta cos. Sarebbe davvero interessante riuscire a mettere in pratica nella vita quotidiana la filosofia dell'Sm come processo di autoconoscenza. Se c' qualcosa di cui la nostra societ abbonda, sono i piagnoni. Se c' qualcosa di cui scarseggia, sono quelli che non contagiano gli altri con il proprio dolore. La cosa difficile riuscire ad andare oltre. Trascendere l'umiliazione: questa la vera intelligenza. Ma siamo pi docili quando siamo paralizzati dalla paura. Per questo, il modo migliore di vendicarci della vita essere felici. Le conseguenze del mio viaggio nell'Owk Quando il mio fidanzato e io tornammo da Praga, mi sentii come svuotata. Tornare alla routine ci appariva un'impresa impossibile. Eravamo stati l solo tre giorni, ma ci erano sembrati molti di pi. Provai a scrivere, ma mi faceva male il polso. La mia mano si era abituata al tocco della frusta. Tirai fuori gli oggetti che avevamo comprato a Praga, tra cui uno scudiscio e una maschera di cuoio. Presi lo scudiscio e lo provai contro il sacco da boxe che c' in sala. Risuon con forza. Fischiava. Era flessibile, sebbene fosse nuovo. Mi impregnai dell'odore del cuoio. Lo unger con grasso di cavallo mi disse il mio fidanzato. Notai nei suoi occhi che ci sarebbe voluto ben pi di qualche giorno per tornare alla normalit. Toutit, la gatta, giocava con la frusta nera. Per lei non era pi un oggetto estraneo: il cuoio era gi pieno dei segni delle sue unghie. Il mio fidanzato pass tutto il pomeriggio su internet cercando di comprare all'asta qualche bella frusta di vario genere. C'erano quasi duemila offerte da tutto il mondo, e milleseicento venivano dall'Inghilterra. Te l'ho detto, gli inglesi sono i pi esperti commentai. Mi cercher un servitore inglese. Sono i migliori. E scoppiai a ridere. A lui parve una buona idea. Ma dove dormirebbe? Io lo metterei di sotto, vicino alla caldaia proposi. Non si pu stare di sotto. Non ci sono finestre. Riflettei un secondo. Aveva ragione. Ma non sarebbe mai stato un bravo padrone. Troppo generoso. Se non altro, era stato un sottomesso occasionale. Nella stanzetta mi venne in mente all'improvviso. L non starebbe male. Pagina 20

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Continuai a giocare con lo scudiscio di un metro e mezzo, pensando che prima di riuscire a dominarlo davvero avrei avuto bisogno di molto allenamento. A un certo punto persi il controllo, e l'aggeggio mi colp violentemente il busto. Non mangiammo niente per tutto il giorno. Eravamo molto stanchi. Non riuscivo a pensare lucidamente. Io non mi sono convertito disse. Lo so. Non era questa la mia intenzione. Gi. Ma se ci torniamo, mi piacerebbe partecipare di pi. Prima ero convinto che per capire le cose bisognasse guardarle da fuori. Con distacco. Ora, per capire quello che mi succede, sento di doverlo vivere al massimo. Come faccio con te. Lo guardai per un istante, con l'aria di non capire a cosa si riferisse. Lui si prese la briga di spiegarmelo: Ti amo, amandoti. Per qualche settimana la cosa strana fu restarcene a casa, programmare le giornate, andare a fare un tuffo in piscina anche quando minacciava di piovere. La cosa strana era questa. Non andare in un castello di sadomasochisti a frustare a sangue qualcuno. Non rinchiudere in una gabbia minuscola un uomo nudo con una maschera da maiale. A volte, provavo un po' di rimorso all'idea di avergli fatto vivere quelle esperienze insieme a me. Ripensavo alle parole di Alex: Dopo, tutto ti sembra insipido. Ma non doveva essere necessariamente cosi. Sai, finalmente ho capito dove sono i nostri limiti mi disse improvvisamente un giorno, mentre osservava la maschera di cuoio. Ah, s? sorrisi. E dove sono? Inspir una profonda boccata d'aria, guard per un istante il sacco da boxe, si accese una sigaretta ed enunci la verit della giornata: I tuoi limiti sono dove finisci tu. La societ segreta delle Tigri Bianche. Al di l della fellatio Dentro di me, speravo ancora in qualche nuovo indizio in grado di condurmi a una vera Tigre Bianca. Non sapevo che quella ricerca mi avrebbe portata fino in Australia. Storia della fellatio Fino a poco tempo fa, il sesso orale era malvisto. Parlo al passato, ma forse dovrei usare il presente, dato che in quindici stati del Nordamerica la fellatio continua a essere considerata un delitto. E anche in altri paesi. Del cunnilingus non si sa niente. Diciamo che il sesso orale che pratica l'uomo su una donna non considerato un atto rilevante. Il suo contrario, in compenso, viene considerato denigrante da molte donne, se non addirittura ripugnante. Che si tratti o no di un problema psicologico, molte donne non sopportano di mettersi un pene in bocca. Un po' per via dei conati, un po' per paura di farsi eiaculare in bocca, convinte, per ignoranza, che il seme sia qualcosa di sporco. Siamo semplicisti fino a questo punto. Crediamo che tutto quello che esce dal nostro corpo sia sporco. Cosa ovviamente falsa. C' un altro fattore di cui dobbiamo tenere conto. Per alcuni uomini la fellatio continua a essere un modo per esercitare il proprio potere sulle donne. Credetemi, parlo con conoscenza di causa. Quel gesto della mano dell'uomo sulla testa della donna, del quale i film porno hanno tanto abusato -e temo continueranno ad abusare - rievoca immediatamente il potere del maschio sulle femmine. Il succhiamelo, tesoro assolutamente odioso: presuppone che la donna sia al servizio dell'uomo. Mentre a me verrebbe da dire che ad avere il potere in quella circostanza proprio la donna. Pensateci un attimo. Con il pene imprigionato nella bocca di lei, lui che si trova completamente indifeso. Pi di una volta, nella mia breve esperienza alla casa d'appuntamenti, sono stata tentata di mettere in azione i canini per mozzare il fiato a qualche pallone gonfiato e fargli capire chi comandava davvero. Ma poi non lo facevo, un po' perch sono una brava ragazza, un po' perch mi rendo conto che un gesto del genere potrebbe distruggere per sempre la vita di molti uomini, specialmente di quelli convinti che la loro forza e la loro virilit si concentrino fra le loro gambe. La prima fellatio documentata nella storia mitica viene attribuita a Iside, sorella e sposa di Osiride. A formare la leggenda di Osiride un sapiente intreccio di varie versioni. Una di esse vuole che Osiride sia stato squartato dal fratello Seth, e che questi abbia gettato i suoi resti nel fiume. Iside sarebbe riuscita a recuperarli e a ricomporne il corpo. Mancava il pene, sostituito da un fallo di argilla, che Iside avrebbe succhiato per ridargli Pagina 21

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt vita. Per molto tempo, la fellatio stata una pratica sessuale esercitata unicamente dalle prostitute. Forse per questo cos malvista. Le prostitute fenicie e quelle dell'Antico Egitto si coloravano le labbra per far capire ai clienti che erano specializzate in giochi di bocca, mentre le romane lo annunciavano direttamente per iscritto sulle pareti del luogo dove lavoravano. Essere una professionista della fellatio ha la sua importanza. Bisogna saper usare bene la bocca, fare attenzione a coprire i denti con le labbra per evitare incidenti e ruotarle intorno al glande come se si stesse stringendo una vite. Anche la lingua ha la sua importanza: al momento giusto, la si deve passare sopra o intorno al glande, il punto pi sensibile del pene. Non certo mia intenzione dare lezioni di buone maniere; cerco solo di insistere sul fatto che un'attivit abbastanza complessa. Alle specialiste del mestiere bisognerebbe rendere omaggio. Non soltanto per la tecnica, ma anche per aver demolito un bel po' di pregiudizi e di tab. La storia ci ha tramandato alcune celebri specialiste in fellatio. Da Cleopatra a va Pern, senza dimenticare la pi recente, Monica Lewinsky. Quando decisi di avventurarmi nella ricerca di queste illustri rappresentanti, lavoravo per una rete televisiva locale di Barcellona e mi capitava di ricevere frequentemente per posta lettere da parte dei telespettatori. Un giorno in redazione mi arriv un pacco che conteneva un libro e una lettera. Era di una casa editrice specializzata in manuali. La direttrice del marketing, mia fedelissima sostenitrice, mi scriveva per segnalarmi un tema poco conosciuto dalla maggior parte della gente, per non dire completamente ignorato. Il libro, The Sexual Teachings of the White Tigress (Gli insegnamenti sessuali della Tigre Bianca), era stato scritto da tale Hsi Lai. Lo divorai all'istante. Avevo gi sentito parlare delle Tigri Bianche, ma non potevo assicurare al cento percento che esistessero. Mi ricordavano da vicino le geishe, figure che ammiro profondamente gi solo per il semplice fatto di essere vittime di un'ignoranza diffusa sulla loro reale attivit. Qualsiasi donna si allontani dagli stereotipi prestabiliti deve sempre scontrarsi con l'incomprensione della societ. Le Tigri Bianche soffrono dello stesso male delle geishe. E per questo sono, a quanto pare, a rischio di estinzione. La loro attivit consiste nell'assorbire l'energia degli uomini, sostanzialmente attraverso la fellatio, allo scopo di riconquistare la giovinezza e raggiungere l'immortalit. Le Tigri Bianche sono donne forti, donne che credono in quello che fanno e che hanno saputo infrangere molti tab anche a rischio della propria pelle. Per molte persone, infatti, il sesso che praticano sfiora la perversione. In ogni caso, sono convinta che in fatto di sessualit queste donne possiedano una saggezza senza pari. Tutto quello che dir d'ora in avanti sostanzialmente tratto dal libro di Hsi Lai. Di fatto, nessun altro ha scritto finora su questo argomento in modo cos approfondito. Spero che questo capitolo susciti in voi lo stesso interesse che queste affascinanti figure femminili sono riuscite a risvegliare in me. A caccia di una Tigre Bianca Al di l dalle informazioni che ero riuscita a procurarmi soprattutto grazie al libro di Hsi Lai, la cosa che pi mi interessava era riuscire a scovare una vera Tigre Bianca. Cos, iniziai a cercarne una disposta a trasmettermi i suoi insegnamenti, la sua filosofia di vita e le sue opinioni riguardo all'immagine che il mondo aveva di lei. Sentivo che non sarebbe stato facile. La prima difficolt fu il nome. Tigre Bianca, su qualsiasi motore di ricerca, rimanda direttamente all'animale selvaggio o a qualche pseudonimo usato su siti porno o chat erotiche. Per avere qualche informazione dovetti digitare il nome inglese, White Tigress, perch in spagnolo non si trovava assolutamente nulla che c'entrasse con una setta di donne taoiste. E nemmeno con il libro di Hsi Lai, tradotto in diverse lingue. La prima cosa che rintracciai fu un fumetto intitolato Tigre Bianca: al servizio segreto del Grande Timoniere2. Narra le avventure di Alix Yin Fu, un agente segreto donna, comunista e membro della societ segreta delle Tigri Bianche. Una specie di James Bond in versione asiatica. Bisogna tenere presente che, sotto Mao, i membri di gruppi dediti a rituali sessuali come le Tigri Bianche venivano arrestati e accusati di reati che molto spesso non avevano commesso; per questo la protagonista del fumetto, pentendosi di essere stata una Tigre Bianca, aveva accettato di mettersi al servizio del suo capo di Stato per riscattarsi dalle sue colpe. Dai disegni che riuscii a vedere, si capiva che la protagonista era una Tigre Bianca in piena regola, molto simile alle donne che ci sono nel libro Pagina 22

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt di Hsi Lai. E il suo elemento pi caratteristico era una lunghissima chioma nera. Andando un po' pi a fondo nelle mie ricerche, mi imbattei in Jade Lee, una scrittrice di origini cinoamericane che aveva pubblicato romanzi rosa a sfondo erotico e i cui ultimi titoli avevano come protagonista una Tigre Bianca. Si trattava solo di un caso, di esperienze personali trasformate in romanzi per far sognare le casalinghe o, pi semplicemente, di reminiscenze di racconti infantili su donne straordinariamente affascinanti che esistevano solo nell'immaginario collettivo? Se quella aveva scritto sulle Tigri Bianche, doveva avere trovato le informazioni da qualche parte. Forse poteva mettermi sulla strada giusta. Cos, dopo un po' di ricerche sulla scrittrice che a quanto pareva collezionava un successo dopo l'altro, decisi di mettermi in contatto con lei. Il ballo della Tigre Bianca e del Dragone di Giada Le Tigri Bianche sono un gruppo di donne taoiste che nella loro vita perseguono un obiettivo preciso: riconquistare la giovinezza e raggiungere l'immortalit spirituale. Questo obiettivo, secondo loro, si pu raggiungere solo attraverso il sesso, visto che per la filosofia taoista quella sessuale la forma di energia pi potente che possediamo. Il problema che la maggior parte di noi non sa sfruttare quest'energia. E sfruttarla in modo sbagliato non solo non ci di alcun beneficio, ma pu addirittura distruggerci. Contrariamente a come siamo abituati a vederlo noi, per le Tigri il sesso non rappresenta un fine in se stesso, ma un mezzo. Le donne che decidono di diventare Tigri Bianche si sottopongono a una formazione di nove anni, suddivisa in tre fasi di tre anni ciascuna. La prima dedicata alla rigenerazione sessuale. Era questa la fase che mi interessava di pi: la concezione del sesso sviluppata da questa societ iniziatica femminile assolutamente affascinante. Visto l'alone di segretezza pressoch assoluto, delle altre due fasi sappiamo molto poco. La seconda tappa corrisponde all'alchimia spirituale, e la meta finale la filosofia contemplativa, l'unico sentiero che porta all'immortalit. Di fatto, sebbene esistano molte scuole di pensiero, questi tre concetti corrispondono alle tre diverse interpretazioni degli scritti ufficialmente accettati dal taoismo tradizionale. Durante i primi tre anni, la Tigre si dedica a sedurre il maggior numero di uomini possibile per poter praticare la fellatio (vedremo che esistono altre pratiche sessuali, ma nessuna riveste la stessa importanza). Oltre che il modo pi rapido ed efficace per assorbire l'energia sessuale maschile, per lei la fellatio una pratica in grado di apportare una quantit di benefici a noi assolutamente sconosciuti. Queste donne si fanno chiamare Tigri Bianche perch nella cultura cinese la tigre rappresenta l'animale pi dominante della Terra. La tigre il simbolo della donna e dello yin. L'attivit delle Tigri Bianche ricorda da vicino quella delle tigri reali, che per riuscire a rimanere incinte devono accoppiarsi pi di cento volte. Il che equivale a dire che le tigri femmine necessitano di una quantit di sperma di gran lunga superiore a quella di cui hanno bisogno gli altri animali. Il fatto di dover attrarre a s molti maschi fa di loro delle grandi seduttrici. Siccome al maschio generalmente basta solo un accoppiamento, le tigri devono sfoderare tutte le loro armi per riuscire ad adescare altri maschi, leccandoli ed esibendosi davanti a loro. Al tempo stesso, le tigri femmine sono animali molto solitari, che si riuniscono socialmente solo in pochissime occasioni. La tigre bianca o albina un animale raro, e in genere viene rifiutato dalle altre tigri. Le Tigri Bianche si fanno chiamare cos sia per il loro atteggiamento nei confronti degli uomini sia per la loro natura assolutamente fuori dal comune, che molti non comprendono. Per sottolineare questa identificazione con l'animale, si rasano completamente i peli del pube (anche per tornare ad avere il pube di una bambina) e si depilano interamente il corpo, ma non si tagliano mai i capelli. Si dice - e Hsi Lai lo conferma nel suo libro - che seguendo le pratiche delle Tigri Bianche una donna possa ringiovanire da cinque a quindici anni, a seconda dell'et in cui intraprende il suo percorso di formazione. Ovviamente, prima inizia meglio . Se una donna vergine, il percorso sar pi breve: sei anni anzich nove. Anticamente, era abbastanza comune che l'iniziazione avvenisse intorno ai quattordici anni. Ma non indispensabile. Dopo una formazione di nove anni, una donna di cinquanta pu tranquillamente arrivare a dimostrarne venti o trenta di meno. In realt, le Tigri Bianche sono donne assolutamente naturali; rifiutano la chirurgia estetica e qualsiasi tipo di cosmetico e Pagina 23

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt ricorrono solo a prodotti esistenti in natura, alle tecniche yoga per riacquistare l'elasticit che avevano da bambine e alla fellatio. Sostengono che i loro metodi siano molto pi efficaci e che alla lunga la chirurgia estetica deturpi il corpo e i tratti del volto. Al di l dell'aspetto fisico, per, il vero obiettivo di queste donne tornare a sentire la stessa energia che avevano da adolescenti: una cosa che nessun chirurgo, nessun integratore vitaminico e nessun presunto elisir di giovinezza sono riusciti finora a ottenere. Le pratiche sono finalizzate ad assumere il comportamento sessuale tipico dell'adolescenza, a raggiungere le condizioni fisiche di quella fase della vita e a intensificare l'orgasmo. Il sesso, per loro, rappresenta questo: un aspetto ludico e sano della giovent, caratterizzato da un'esplorazione e da un'eccitazione reciproca senza limiti. Con il passare degli anni, la donna inizia a perdere estrogeni e si avvicina alla menopausa, momento di transizione inevitabile dalla giovinezza alla fase di invecchiamento. La menopausa coincide per molte con la perdita dell'appetito sessuale (anche se, personalmente, credo che si tratti pi di un'opinione dei medici che non di un dato di fatto). Praticando un sesso estremamente ludico, le Tigri Bianche sollecitano continuamente la stimolazione sessuale, evitando cos la scomparsa del desiderio. In questo modo riescono a ritardare al massimo la menopausa e, in alcuni casi, a farla addirittura scomparire (se vero, mi iscrivo subito!). Per poter mettere in pratica le cose che ha imparato, la Tigre Bianca ha bisogno di molti uomini. E pi ne avr a disposizione per esercitarsi, pi energia riuscir ad assorbire. Qui entra in scena la figura del Dragone Verde, il suo compagno di giochi. Nella cultura cinese, il dragone l'animale dominante del cielo, simbolo maschile dello yang. La ricerca quotidiana di Dragoni Verdi il compito principale della Tigre. E per convincere un Dragone Verde a sottoporsi ai suoi giochi sessuali, dovr ricorrere a tutte le sue doti di stratega. Il taoismo ortodosso prescrive la conservazione dell'energia sessuale maschile attraverso la ritenzione del seme (filosofia seguita anche dal Tantra); gli uomini, quindi, evitano l'eiaculazione. La Tigre Bianca, invece, si propone esattamente il contrario, e cio che l'uomo eiaculi il pi possibile per potersi nutrire della sua energia. per questo che per molti seguaci del taoismo le Tigri rappresentano un pericolo. A loro volta, per, le Tigri sostengono che anche l'uomo pu servirsi di questo tipo di rapporti per raggiungere l'immortalit. Il Dragone Verde deve essere un uomo normale di qualsiasi et, ma non deve superare i sessantacinque anni (pervia della qualit del seme) n essere un taoista fanatico, per i motivi che abbiamo appena visto. Deve essere una persona gentile e matura, con la quale la Tigre possa sentirsi a proprio agio e creare un clima di fiducia; assolutamente necessario stare alla larga dal macho, che difficilmente accetterebbe il modo di fare della Tigre. Con i Dragoni Verdi la Tigre cercher di divertirsi, ma per nessun motivo potr innamorarsi di loro. Per questo, per non creare nessun tipo di legame sentimentale, sceglie uomini assolutamente estranei al suo mondo. La Tigre si lascia guidare molto dall'intuito: se al primo incontro un Dragone Verde le trasmette vibrazioni negative, non avr nessun tipo di rapporto con lui. Se invece pulito, educato e attraente, la Tigre potr unirsi a lui fino a un massimo di nove volte. In questo modo il Dragone Verde non avr la possibilit di affezionarsi troppo e la Tigre eviter che lui voglia praticare qualcos'altro oltre la fellatio, per esempio il coito (pi avanti vedremo perch questa pratica sconsigliata). La Tigre pu ricorrere senza indugi alla menzogna per far s che i suoi incontri sessuali si limitino appunto a questo: a puri incontri sessuali, in modo che a volte fa credere al Dragone di essere sposata o impegnata per dissuaderlo dall'avviare una relazione seria di qualsiasi tipo. Dopo essere andata nove volte con lui, non lo vedr per sei settimane, il tempo necessario perch il Dragone si riprenda da tutte quelle fellatio frenetiche (a ogni incontro, la Tigre cerca sempre di far avere al Dragone tre orgasmi consecutivi, fino a farlo crollare esausto). Cos eviter anche che lui si affezioni troppo. Dopo questo periodo di riposo, la Tigre riprender a frequentarlo per altre nove settimane, e cos via, fino a portare a termine i suoi tre anni di apprendistato. La maggior parte delle Tigri Bianche che portano avanti l'apprendistato non hanno il tempo di lavorare e di guadagnarsi da vivere. Per questo, hanno bisogno di una specie di mecenate, un uomo che le capisca, condivida i loro obiettivi, le sottoponga a una disciplina ferrea e sia disposto a mantenerle almeno per i primi tre anni di pratica. Quest'uomo il Dragone di Giada, l'unico autorizzato ad avere con loro una relazione vera e propria. Di solito la Tigre e il Dragone Pagina 24

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt di Giada non vivono insieme, e se lo fanno dormono comunque in camere separate. Una volta alla settimana, lei gli chiede il permesso di dormire con lui e, nel caso in cui siano entrambi d'accordo, praticano diverse tecniche sessuali sottoposte a regole rigidissime, su cui varr la pena di soffermarci pi avanti. A differenza della Tigre Bianca, che pratica il sesso con molti uomini, il Dragone di Giada deve a lei una sorta di fedelt implicita. Nei tre anni di formazione della Tigre, tutta la sua esistenza ruota attorno a lei e alle sue pratiche, da cui trae anche lui beneficio. In ogni caso, non imporr mai alla Tigre niente che lei non voglia fare e non avr rapporti sessuali con altre donne. In compenso, la Tigre dovr informarlo di ogni incontro sessuale con un Dragone Verde e avere la sua approvazione. La relazione tra loro si basa sul reciproco accordo e sulla trasparenza assoluta. Il Dragone di Giada, infatti, assiste alle fellatio che la Tigre pratica sugli altri uomini. Assumendo il ruolo del voyeur, si eccita e produce sempre pi sperma, evitando al tempo stesso di cadere nella routine sessuale che colpisce la maggior parte delle coppie. Questa complicit, pi che un sinonimo d'amore, nasconde una meta molto pi elevata: progredire insieme nel processo di riconquista della giovinezza. La presenza del Dragone di Giada agli incontri fra la Tigre e un Dragone Verde viene sempre tenuta segreta. Il Dragone Verde non pu sapere che c' un'altra persona che guarda. Solo cos la Tigre pu sentirsi a suo agio ed effettuare in tutta tranquillit la fellatio, che in seguito condivider nei particolari con il Dragone di Giada. Mentre osserva di nascosto la coppia, questi autorizzato a toccarsi ma non deve assolutamente eiaculare. La relazione che si instaura fra la Tigre e il Dragone di Giada una relazione talmente seria e complessa che quando la Tigre trova un possibile candidato per questo ruolo, chiede alla sua maestra un quadro astrale di entrambi per vedere se sono compatibili. Dopo i tre anni passati insieme, possono separarsi o restare uniti. A deciderlo la Tigre. In alcuni casi, i Dragoni Verdi possono diventare Dragoni di Giada. Solitamente la Tigre a proporglielo, nel caso in cui abbia soddisfatto tutti i suoi desideri durante i tre anni della formazione. Parallelamente, un Dragone di Giada pu diventare un maestro di Tigri (in genere, il ruolo spetta alle donne che hanno portato a termine i loro nove anni di formazione). In questo caso, assume anche lui il nome di Tigre Bianca, diventando il suo omonimo maschile. Molte Tigri Bianche, che non possono contare su un Dragone di Giada per mantenersi, si guadagnano da vivere come massaggiatrici. Suonando il flauto di giada Per riferirsi alla fellatio, i cinesi ricorrono a una metafora: suonare il flauto di giada. l'attivit sessuale pi praticata dalla Tigre Bianca, in quanto ritiene che sia la pi efficace per assorbire l'energia sessuale maschile. La fellatio ha effetti positivi sulla salute che molti ignorano e che, se fossero presi in considerazione, spingerebbero molte coppie a introdurla nei loro giochi sessuali e a smettere di considerarla un atto sporco. In realt, la fellatio induce la secrezione di sostanze estremamente pulite: la saliva, lo sperma e il liquido seminale. La fissazione delle Tigri nei confronti della giovinezza fa della fellatio la loro pratica prediletta, soprattutto per il risvolto simbolico, in quanto le riporta inevitabilmente all'infanzia. La psicoanalisi occidentale ha sempre considerato la fase orale come la prima tappa dello sviluppo della libido, durante la quale il desiderio sessuale e il desiderio di mangiare sono ancora indistinti. Lo sappiamo tutti, ma forse vale la pena di ricordarlo: i neonati succhiano sempre qualcosa. Appena vedono un oggetto, se lo mettono in bocca, perch, di fatto, la lingua il primo ricettore sensoriale di cui si servono. Succhiare il pene ricorda da vicino l'atto di poppare dal seno materno o quello di succhiare il dito, il ciuccio o il biberon. Quando entriamo nell'adolescenza, continuiamo a succhiare cose, per esempio la penna (che alla fine della lezione completamente distrutta) ; alcuni iniziano a fumare, altri mangiano caramelle. Quello che conta infilarsi qualcosa in bocca. Ci rassicura, perch ci ricorda i momenti felici in cui eravamo bambini ed eravamo protetti dal seno di nostra madre. Come ho gi spiegato, per recuperare l'infanzia perduta, la Tigre Bianca riproduce il comportamento di quando era neonata. Con la fellatio, torna a poppare dal seno della madre. Pagina 25

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt dimostrato, inoltre, che succhiare il pene aumenta la circolazione sanguigna del volto, mettendo in moto muscoli facciali che si utilizzano solo raramente e facendo assumere alla pelle un aspetto pi sano. Con il pene in bocca, poi, la Tigre Bianca non ha altra scelta che praticare la respirazione naturale, vale a dire quella nasale, un tipo di respirazione pi profonda che parte dall'addome. Da piccoli respiriamo tutti cos; poi, con l'avanzare dell'et e dello stress, smettiamo progressivamente di farlo. Il pi delle volte respiriamo male, con la bocca, e questo ci espone a un'infinit di virus e batteri che potremmo tranquillamente evitare se praticassimo la respirazione nasale. Oltre ad avere conseguenze positive sul sistema immunitario, la respirazione profonda ha un effetto rilassante e pu favorire il processo di meditazione. Il mio professore di yoga non si stanca mai di ripeterlo: Il naso per respirare, la bocca per mangiare. Le secrezioni indotte dalla fellatio di cui parlavamo prima hanno anch'esse i loro vantaggi: - La saliva una grande fonte di nutrimento per il corpo, in quanto contiene proteine, calcio, potassio, eloro e sodio. Non ci pensiamo mai, ma la saliva un ricostituente potentissimo, che penetra nel sangue attraverso lo stomaco e ripulisce l'intero organismo. Senza accorgercene, passiamo tutto il giorno a inghiottire saliva. Grazie all'azione di un enzima, il lisozima, la saliva contribuisce a eliminare i batteri che potrebbero aggredire la bocca, la lingua e la gola. Quando la Tigre fa una fellatio a un Dragone Verde, gli bagna completamente i genitali e la zona fra le cosce, proprio come una tigre reale quando lecca il maschio prima di accoppiarsi con lui. Il liquido seminale la sostanza priva di spermatozoi che l'uomo produce prima di eiaculare. detto anche lacrime del Dragone. Per la Tigre Bianca questo liquido estremamente benefico perch, se ingoiato, aiuta a riacquistare la giovinezza. Al contrario dello sperma, non viene prodotto in grandi quantit; ma pi eccitato sar l'uomo, pi liquido seminale produrr, e migliore sar l'effetto per la Tigre Bianca. Il seme l'unione di liquido seminale e sperma. Per molti rappresenta qualcosa di sporco. In generale, la nostra cultura vede tutto quello che esce dal nostro corpo come un escremento. In realt non affatto cos. Il seme una sostanza che contiene diverse proteine, oltre a vitamina C, calcio, ferro e fosforo. Spesso consiglio alle mie amiche di applicarselo sul viso: un potente astringente, attenua le rughe, elimina le imperfezioni della pelle e le restituisce tutta la sua morbidezza. Non un caso che i taoisti lo conservino con cura ed evitino di eiaculare durante ogni rapporto sessuale. Per loro, come per quelli che praticano il tantra, il seme e il sangue sono, in fondo, la stessa cosa. Si dice che per produrre una sola goccia di seme ci vogliano circa quarantanove gocce di sangue. Perdere il seme equivale a perdere energia. Per questo cos ambito dalla Tigre Bianca, non tanto per ingoiarlo, ma per spalmarselo sul corpo e sul viso con una tecnica detta coagulazione. La Tigre Bianca fa sempre molta attenzione al colore e alla densit del seme. Il raggiungimento del suo obiettivo, infatti, dipende direttamente dalla qualit della sostanza. Per questo, si guarda bene dal rivedere un uomo con un seme grigiastro, chiaro sintomo di malattia. Se il seme troppo chiaro, invece, significa che l'uomo alcolizzato o si masturba troppo. La masturbazione malvista, ma non per ragioni morali: semplicemente, diminuisce la qualit del seme. Un uomo che si masturba troppo finisce per eiaculare soltanto liquido seminale. Il seme ideale quello bianco e denso. Nelle prossime pagine spiegher le tecniche della fellatio sviluppate dalle Tigri Bianche nel corso degli anni e descritte da Hsi Lai nel suo libro. Ovviamente, non necessario essere una Tigre per mettere a frutto i seguenti consigli e procedimenti. Durante l'incontro con un Dragone Verde, la Tigre Bianca osserva scrupolosamente alcune regole affinch l'atto della fellatio risulti il pi proficuo possibile e le faccia ottenere il massimo di energia sessuale maschile. Il primo obiettivo consiste nel creare un'atmosfera che stimoli il desiderio e l'eccitazione. Davanti al Dragone Verde, la Tigre non si spoglia mai completamente. Pi che mostrare, vuole alludere. Cos facendo, evita anche di piacergli troppo. Per esempio, mostra solo i seni. Anticamente, le Tigri Bianche si dipingevano le labbra solo a met perch la loro bocca sembrasse pi piccola e l'uomo avesse l'impressione di avere un pene pi grande. Ignoro se continuino a farlo, ma si tratta di un espediente molto ingegnoso. I registi di film porno prendano spunto! La Tigre Bianca indossa vestiti a collo alto o si adorna con collane o altri Pagina 26

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt oggetti che facciano sembrare il collo pi lungo. Cos, riesce ad attirare l'attenzione dell'uomo esclusivamente sul volto. A quel punto la Tigre si inginocchia per procedere alla fellatio. Questo permette all'uomo di vedere sempre quello che sta facendo e quindi di eccitarsi ancora di pi. La Tigre prende fra le mani il pene eretto dell'uomo e inizia a tirarlo dolcemente verso il basso, stimolando cos un maggiore afflusso di sangue che serve a potenziare l'erezione e quindi a far produrre pi seme. La fellatio pu essere praticata in tanti modi diversi. Per esempio, la lunga chioma della Tigre Bianca pu tornare davvero utile. La Tigre avvolge il pene del Dragone Verde con un ciuffo di capelli bagnato di saliva e inizia a spingerlo verso l'alto e verso il basso. I capelli hanno un effetto molto stimolante sui genitali dell'uomo. A volte, lei si fa una coda o una crocchia a cui l'uomo possa afferrarsi con forza. Oltre a trasmettere al Dragone Verde una sensazione di potere, assicura alla Tigre Bianca un massaggio ai capelli fantastico. Non dimentichiamo che le Tigri sono molto vanitose, e appena possono sfruttano il sesso per diventare ancora pi belle. Un modo di eccitare moltissimo il suo Dragone Verde e di produrre grandi quantit di saliva infilarsi il pene quasi fino in gola. Non si tratta di morire soffocata, per quando ce l'ha in bocca, la Tigre Bianca si provoca dei conati, senza smettere di gemere per far credere al Dragone Verde che la cosa le piace. La saliva importante, perch permette, inumidendosi la zona fra le cosce, di ridurre la temperatura di quella parte del corpo. Il calore ai genitali pu diminuire la produzione di sperma e le sue propriet. E come abbiamo visto, la Tigre Bianca mira alla massima quantit e alla massima qualit dello sperma. Durante la fellatio, la Tigre mette in atto alcune tecniche di visualizzazione e di respirazione estremamente rigorose. Per prima cosa, stringe le gambe per ritrarre la vagina e non disperdere energia sessuale (qi). Dopo nove respiri profondi, inizia a ruotare la lingua attorno al glande del Dragone Verde, in senso orario. Cos facendo, assorbe il liquido seminale che l'uomo produce prima di eiaculare. Quando lui vicino all'orgasmo, la Tigre tira fuori il pene dalla bocca e si allontana di cinque-dieci centimetri, tenendo gli occhi fissi sul glande. A quel punto, un momento prima dell'eiaculazione, si concentra sull'energia del Dragone Verde, immaginando che le penetri dalla nuca. Per facilitare il processo di visualizzazione, la Tigre chiude gli occhi e li rivolta verso l'alto, come se stesse osservando il proprio cervello. A quel punto lascia che il seme le sgorghi sul viso o sul corpo e lo fa asciugare, come se fosse una maschera. Nel frattempo, la Tigre si rinfila il pene in bocca e ripete la serie di nove respirazioni succhiandolo, poi passa nuovamente la lingua attorno al glande, sempre in senso orario. A quel punto, trattiene la saliva prodotta e si ritira per meditare. Di solito il Dragone Verde la lascia meditare in pace, completamente spossato dall'orgasmo violento che ha appena raggiunto. Questo momento di quiete tanto importante quanto l'atto della fellatio. Se dopo aver eiaculato un Dragone Verde non lascia in pace la Tigre, lei non lo rivedr pi. Poi la Tigre si toglie la maschera di seme con un panno impregnato di succo di cetriolo (pi avanti approfondiremo l'importanza di questo vegetale nelle cure quotidiane della Tigre). Quindi passa lo stesso panno sul membro del Dragone Verde, lo aiuta a vestirsi e si congeda da lui. Ci sono situazioni in cui la Tigre Bianca non pratica la fellatio, per esempio quando il pene del partner presenta piaghe o ferite. Anche in questo caso, comunque, non rinuncia al rapporto, e ricorre a tecniche manuali: afferra la base del membro con una mano e con l'altra inizia ad accarezzarlo, verso l'alto e verso il basso, con un movimento a spirale o ruotando il polso. A volte, per le carezze, si serve di oli speciali. Un'altra tecnica molto eccitante consiste nel tenere il pene tra le mani e nell'iniziare a sfregarlo con i palmi, molto lentamente e senza interruzioni, come se stesse accendendo un fuoco con un pezzo di legno. Per un effetto ancora pi potente, la Tigre pu infilare l'anulare sinistro nell'ano del Dragone Verde per stimolargli la prostata (quello che gli occidentali conoscono come il punto P) e stringere la base del pene con la stessa mano, accarezzandogli con la destra il glande cosparso d'olio. Durante un incontro, la Tigre cerca di produrre nell'uomo tre orgasmi consecutivi. Nel frattempo, cerca di raggiungere il maggior numero di orgasmi possibili. Il suo obiettivo primario di sfruttare l'energia a fini spirituali, infatti, non esclude affatto il piacere sessuale. Dopo il rapporto, la Tigre racconta al suo Dragone di Giada l'esperienza che ha appena vissuto e a cui lui ha assistito senza destare il minimo sospetto nel Pagina 27

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Dragone Verde. il loro modo per evitare di cadere nella routine sessuale di cui sono vittime molte coppie. Altre pratiche sessuali delle Tigri Il coito Sebbene questa pratica sessuale non le dispiaccia affatto, la Tigre Bianca fa di tutto per evitarla. La fellatio l'unico modo che ha di tornare alla prima giovinezza, quella in cui i bambini giocano e si toccano. La penetrazione considerata un atto sessuale pi adulto. Il coito, inoltre, impedisce la ventilazione dei genitali dell'uomo, rischiando di far aumentare il calore nella zona dei testicoli e di ridurre quindi la produzione di sperma. La Tigre preferisce la fellatio, perch le da modo di controllare meglio quella parte del corpo. Per di pi, convinta che il coito sia pericoloso per il corpo della donna, perch accorcia la vita. L'uomo pu essere molto brusco e impetuoso, rischiando involontariamente di danneggiare la zona dei genitali. Non sempre, durante l'atto sessuale, la vagina lubrificata, e questo pu provocare danni irreparabili ai tessuti vaginali. Per non parlare, poi, del rischio di contrarre una malattia venerea, sebbene all'uomo sia vietato eiaculare nella vagina della Tigre Bianca e lei pretenda l'uso del preservativo. A volte, comunque, alcune di loro possono sentire il bisogno di entrare in uno stato di simbiosi con qualche Dragone Verde o con il proprio Drago di Giada, e provare il desiderio di essere penetrata. In questo caso, per limitare al massimo i danni provocati dal coito, la Tigre Bianca ricorre a un prodotto a base di erbe che ha la funzione di contrarre la vagina. Questo prodotto viene utilizzato sia per ostacolare l'ingresso del pene e dissuadere l'uomo dal penetrarla, sia per dargli la sensazione di starla sverginando, aumentando cos la sua eccitazione. Se durante la penetrazione la Tigre sente molta resistenza, pu sempre dire al suo compagno che le fa male e tornare cos al rituale della fellatio. Se invece prosegue con il coito, la Tigre Bianca si sdraia sotto di lui nella posizione del missionario, e chiede all'uomo di afferrarla per la vita o di infilarle le mani sotto le natiche; poi, con una mano, afferra il pene e si infila il glande in vagina. Con il pene stretto nella mano, la Tigre Bianca impedisce all'uomo di entrare troppo in profondit. Al tempo stesso, questo le permette di stimolarsi la clitoride fino a raggiungere l'orgasmo. Quando raggiunge l'apice, la Tigre torna immediatamente alla fellatio. L'uomo non pu eiaculare dentro la Tigre, e nemmeno dentro il preservativo. Pu farlo solo con la fellatio. Altrimenti la Tigre non pu beneficiare del suo seme. La Tigre si protegge costantemente la vagina secernendo molti fluidi. Queste secrezioni servono a pulire e a purificare la vagina. Il sesso anale un'altra variante che la Tigre Bianca pu essere disposta a praticare, in quanto convinta che il sesso anale, se fatto con dolcezza, trasmetta parecchia energia. Il problema dei rapporti anali che molte volte il dolore le impedisce di provare piacere. Come nella penetrazione vaginale, quindi, l'atto si limita solo all'introduzione del glande, che l'uomo dovr eseguire senza fretta e con molta delicatezza. Nel retto si trova la ghiandola che gli induisti chiamano Kundalini e che contribuisce anch'essa a far riacquistare la giovinezza. Attraverso una serie di esercizi mirati a rafforzare i muscoli dell'ano, la Tigre Bianca riesce a stimolarsi da sola la Kundalini e a provare meno dolore durante l'atto sessuale. Quando il glande penetra nell'ano della Tigre, a muoversi soltanto lei (e non l'uomo), facendo oscillare avanti e indietro le natiche con estrema lentezza. Cos, il glande sfiora delicatamente la ghiandola della Kundalini. Anche in questo caso, il Dragone Verde non autorizzato per nessun motivo a eiaculare dentro la Tigre Bianca. Le orge La Tigre Bianca pu partecipare a sessioni di sesso di gruppo, ma non deve mai abusarne. Giochi di questo tipo non sono assolutamente obbligatori; nel caso in cui lei ne abbia voglia, comunque, potr praticarli, ma non pi di una volta ogni nove mesi, per via dell'enorme quantit di energia generata. La Tigre deve essere sempre l'unica donna, e con un minimo di tre uomini, il Dragone di Giada e due Dragoni Verdi. I Dragoni Verdi presenti non devono per forza essere gli stessi con cui la Tigre Bianca pratica abitualmente la fellatio. L'organizzazione dell'orgia spetta al Dragone di Giada, che non dir nulla alla compagna per farle una sorpresa. Durante un'orgia, la Tigre pratica diverse fellatio e induce negli uomini il maggior numero possibile di orgasmi. Il cunnilingus Generalmente, la Tigre Bianca raggiunge l'orgasmo attraverso la stimolazione Pagina 28

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt manuale della clitoride. Tuttavia, in alcuni casi pu accettare di farsi stimolare oralmente dai suoi Dragoni Verdi, a condizione che la portino all'orgasmo e non si interrompano per nessun motivo fino a quando non l'ha raggiunto. Oltre alla stimolazione orale, la tecnica utilizzata dal Dragone Verde consiste nell'accarezzarle la clitoride con movimenti circolari dell'indice, infilando e tirando fuori la lingua dalla vagina a ritmo sostenuto. La stimolazione sessuale generata dalle carezze del dito e dal movimento della lingua molto intensa. In questo modo la Tigre produce grandi quantit di fluido vaginale, fornendo al Dragone Verde una sostanza nutritiva ricca di propriet curative, a cui si attribuisce anche il potere di ringiovanire. Per beneficiare di questi flussi vaginali, molte Tigri Bianche hanno rapporti sessuali con altre donne. La cosa non solo non malvista, ma costituisce una pratica tradizionale caldamente incoraggiata, visto che la donna un simbolo yin e, secondo il tao, due yin si rafforzano a vicenda. Grazie ad alcuni esercizi per potenziare l'elasticit della schiena, le Tigri Bianche riescono, dopo un po' di tempo, a praticarsi da sole il cunnilingus, raggiungendo la flessibilit che avevano durante l'infanzia, quell'infanzia che cercano a tutti i costi di rivivere attraverso il sesso. In cerca di Jade Lee In un suo articolo sul tao del sesso, nel quale parlava anche del suo ultimo romanzo, The White Tigress, Jade Lee scriveva che, nonostante i suoi libri fossero ambientati nel xix secolo, le Tigri Bianche continuano a esistere, ma tendono a praticare i loro insegnamenti in segreto, soprattutto a Hong Kong e a Taiwan. L'articolo era molto lungo, e dovetti rileggerlo diverse volte. Sulle pratiche sessuali fra la Tigre Bianca e il Dragone di Giada diceva le stesse identiche cose che avevo letto sul libro di Hsi Lai. Ma la cosa incomprensibile era che questa donna, di origini cinesi, mescolava il buddismo al taoismo, due correnti di pensiero che non hanno nulla a che vedere l'una con l'altra. Quando decisi di scrivere un'e-mail a Jade, non sapevo come iniziare. La prima difficolt era la lingua. Non avevo mai avuto problemi a esprimermi in inglese, ma questa volta era diverso. Volevo essere gentile, e al tempo stesso farle capire quanto fosse importante per me raccogliere informazioni sulle Tigri. Volevo che la mia richiesta d'aiuto suonasse seria e credibile. Come molti altri scrittori (includo me stessa nella lista), Jade riceveva sicuramente una montagna di lettere da parte di ammiratori e curiosi; il mio timore era che mi scambiasse per una lettrice indiscreta in cerca di una scusa qualunque per mettersi in contatto con lei. Decisi di spiegarle in tutta franchezza quello che volevo da lei, senza troppi giri di parole: Cara Jade Lee, mi chiamo Valrie e sono una scrittrice francese, anche se vivo in Spagna da quattordici anni. Scrivo libri sul sesso, e sono molto interessata al tema delle Tigri Bianche e al taoismo. Il mio prossimo libro dovrebbe uscire nel 2006. Mentre cercavo informazioni su queste donne affascinanti, mi sono imbattuta per caso nel suo nome. Come sapr anche lei, molto difficile trovare articoli o qualsiasi altra fonte sull'argomento, visto che si tratta di una societ segreta. Pensavo che forse lei potrebbe fornirmi qualche informazione in merito, o se non altro indirizzarmi verso altre fonti. Non intendo disturbarla, poich immagino che lei sia una donna molto occupata, ma le sarei davvero grata se prendesse in considerazione la mia e-mail. In attesa di sue notizie, colgo l'occasione per ringraziarla in anticipo per la sua collaborazione. Con molta cordialit, Valrie Tasso Pensai che non mi avrebbe risposto. Forse proprio per questo smisi di controllare la posta elettronica per qualche giorno. Volevo evitare una delusione, che in fondo mi aspettavo. Salivo al piano di sopra, nello studio, gironzolavo un po' per la stanza con una sigaretta in bocca, collegavo l'adsl e poi spegnevo il computer, senza guardare i messaggi. Passavo ore e ore davanti allo schermo a pensare. Poi scendevo, scrivevo due righe e cominciavo a leggere le recensioni di tutti i suoi libri pubblicati. Avrebbe preso in considerazione la mia e-mail? Leggeva lei stessa la posta o una segretaria pagata dalla sua casa editrice? Quello era il suo indirizzo di posta personale? Se lo era o meno, la cosa, in effetti, cambiava parecchio. Com'era riuscita a ottenere tutte quelle informazioni sulle Tigri Bianche? Forse ero stata troppo indiscreta? Mi avrebbe rivelato le sue fonti? Perch aveva mescolato il buddismo con il taoismo? Poi, una mattina, mentre mi rigiravo nel letto nel vano tentativo di Pagina 29

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt riaddormentarmi, pensai che fosse da idioti non controllare la posta per paura che quella donna non mi avesse risposto. Forse aveva cambiato indirizzo. Magari non controllava sempre la posta. O forse la mia e-mail non era arrivata. Dovevo scoprirlo. Ero disposta perfino a scrivergliene un'altra. Mi accesi una sigaretta ancora a digiuno, salii in mansarda e iniziai a controllare la posta. Senza avere il tempo di reagire, mi accorsi che Jade Lee mi aveva risposto. S. Mi aveva inviato una e-mail. Non ci potevo credere. Pensai di stare sognando, di trovarmi ancora tra le mie lenzuola bianche, bagnate di sudore per una notte difficile affollata da gemiti di draghi e sussurri di sirene cinesi. Il messaggio di Jade Lee era abbastanza lungo. Le armi seduttive delle Tigri Bianche La sfida quotidiana di adescare sempre nuovi Dragoni Verdi e praticare con loro la fellatio ha indotto le Tigri Bianche a potenziare una serie di strategie con cui sedurre in modo irresistibile gli uomini che interessano. Alcune tattiche sembrano contradditorie, ma sono giustificate da un unico fine: raggiungere l'energia giovanile vitale per loro. La sottomissione una tattica a cui la Tigre Bianca ricorre costantemente. La sottomissione un potente strumento di stimolazione per l'uomo, in quanto gli fa credere di avere sempre il controllo della situazione. Cosa ovviamente non vera: in realt, si tratta soltanto di uno stratagemma. Dichiarare guerra agli uomini, come hanno fatto e continuano a fare alcune femministe radicali negli Stati Uniti, non serve assolutamente a nulla. Al contrario. Questo atteggiamento, anzich liberare la donna, non fa che alienarla. E, in fondo, l'antitesi della saggezza. La Tigre Bianca si propone di trascendere la sofferenza generata dalla dominazione maschile. Sottomettersi il modo migliore, nonch il pi efficace, di dominare l'altro. Per questo la Tigre Bianca compiacente e pratica il sesso orale, che tra tutte le pratiche sessuali esistenti , almeno in apparenza, il pi grande atto di sottomissione. In realt, come ho gi avuto modo di spiegare, sar sempre la Tigre Bianca ad avere il controllo della situazione. Non va dimenticato, inoltre, che il dominante che pratica la sottomissione ha la possibilit di capire meglio se stesso, di conoscere lati di s fino a quel momento sconosciuti, come abbiamo visto nel primo capitolo. Lo spanking Lo spanking, l'arte di colpire il didietro, conobbe il suo momento d'oro nel XVIII secolo, quando inizi a essere adottato da alcuni circoli di flagellanti in Inghilterra. I suoi effetti benefici, tuttavia, erano gi noti nell'antichit. I greci vedevano in questa pratica un modo efficace per far circolare il sangue e per nutrire la pelle. La Tigre Bianca ricorre a quest'arte per due ragioni. Innanzitutto perch molto salutare: oltre a mantenere soda la pelle dei glutei (posso confermarlo personalmente, visto che parlo con cognizione di causa ! ), impedisce l'accumulo di grasso in quella zona, cos delicata per le donne. Le natiche della Tigre Bianca ricordano quelle dei neonati: sono morbide e lisce. Molte madri sculacciano leggermente il sedere dei loro piccoli per stimolare le terminazioni nervose che si trovano in quella zona. In sostanza, l'obiettivo della Tigre Bianca tornare a vivere tutte le sensazioni dell'infanzia che con il passare del tempo sono svanite. In secondo luogo, lo spanking permette alla Tigre Bianca di instaurare un canale di comunicazione privilegiato con il Dragone di Giada. Farsi colpire un modo di sottomettersi all'altro, ed proprio questo che la Tigre Bianca fa con il Dragone di Giada. Con la frusta in mano, lui convinto di avere il controllo. Il Dragone di Giada colpisce la Tigre Bianca fino a quando le sue natiche non appaiono leggermente arrossate. Non si spinge mai oltre. In genere, lo spanking viene praticato dopo l'incontro fra la Tigre Bianca e il Dragone Verde. Attraverso questo gioco, il Dragone di Giada riesce a dare sfogo alla sua gelosia. Il Dragone di Giada, non dimentichiamolo, un essere umano, e non sempre accetta con piacere di vedere la sua Tigre insieme ad altri uomini. Siccome non pu permettersi di cedere a questi sentimenti, il Dragone di Giada frusta la Tigre, investendola di domande per farsi raccontare tutti i particolari dell'incontro. il suo modo per esorcizzare la cosa. Inutile dire che il Dragone di Giada pratica lo spanking sulla Tigre Bianca solo quando lei d'accordo e glielo permette. Esibizionismo e voyeurismo La Tigre Bianca molto esibizionista. Civetta costantemente con i Dragoni Verdi Pagina 30

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt per provocarli e sedurli, e permette al Dragone di Giada di assistere ai suoi incontri sessuali. In alcuni casi il Dragone di Giada rifiuta di farlo, ma di solito non avviene. Questi due atteggiamenti, che ovviamente non esisterebbero l'uno senza l'altro, contribuiscono a eccitare tutte le persone coinvolte e aiutano la Tigre Bianca ad acquistare pi sicurezza in se stessa attraverso il fare sbarazzino tipico della sua giovinezza. L'elisir di giovinezza delle Tigri Bianche La Tigre Bianca conosce alcuni segreti di bellezza che non hanno nulla da invidiare alla cosmesi moderna. Tra l'altro, sono molto meno cari. Uno consiste nello spalmarsi attorno ai genitali e all'ano un miscuglio di seme e della propria saliva, lasciandolo asciugare per circa trenta minuti per rigenerare le cellule di questa delicatissima zona del corpo. Un altro consiste nell'infilarsi in vagina un cetriolo sbucciato allo scopo di detergerla e purificarla. Essendo molto acido, il cetriolo un potente battericida. In effetti, dopo un rapporto sessuale con un Dragone Verde, la Tigre Bianca usa succo di cetriolo sia per detergere il pene dell'uomo sia per rimuovere la maschera di seme che ha applicato su se stessa. In genere, questi due trattamenti vengono ripetuti una volta alla settimana. Quando siamo eccitati, il nostro corpo secerne vari fluidi che, se ingoiati, hanno il potere di ringiovanirci. Uno di questi si forma sotto la lingua, una saliva dal colore grigiastro che contribuisce a ritardare gli effetti dell'invecchiamento. Una delle secrezioni pi difficili da ottenere quella che viene prodotta dai capezzoli. di colore bianco, ha un sapore dolce e, per procurarsela, la Tigre Bianca deve chiedere all'uomo di succhiarle i seni e poi di passarle il fluido in bocca. Un altro modo per nutrirsi di questa secrezione avere rapporti con altre donne, cosa che spiegherebbe tra l'altro la frequenza delle relazioni lesbiche fra le Tigri Bianche. I fluidi vaginali sono importanti almeno quanto il seme. Sono densi, hanno un potente effetto tonificante, sia per la donna sia per l'uomo. Per riuscire ad apprezzarne i risultati sul nostro corpo, queste secrezioni devono essere consumate in maniera costante. Non si deve per forza fare sesso per trarre beneficio da questi particolari elisir di giovinezza. Il mio insegnante di yoga ci raccomanda sempre un esercizio semplice, che consiste nell'arrotolare la lingua e nell'appoggiarla al palato per dieci minuti. In questo modo si produce molta saliva, che poi bisogna ingoiare lentamente. La dieta per rafforzare il sistema immunitario Non posso parlare delle Tigri Bianche senza menzionare le malattie a trasmissione sessuale (Mts). Come gruppo a rischio, sembrano superare tutti. In realt, sono molto prudenti. Le poche volte che praticano il coito o il rapporto anale, non permettono mai che l'uomo eiaculi dentro di loro, e comunque usano quasi sempre il preservativo. Non durante la fellatio, per: come abbiamo visto, lo scopo riuscire a impossessarsi del seme, dell'energia sessuale maschile. Le Tigri si servono del seme per i suoi effetti benefici sul viso e sul corpo, ma non lo ingoiano mai (a parte quello del loro Dragone di Giada). Le Tigri Bianche non hanno paura delle malattie a trasmissione sessuale: si sentono immuni al contagio. Secondo la loro filosofia, essere ossessionati dal contagio il modo pi sicuro di farsi contagiare. In ogni caso, la Tigre non va mai a letto con il primo che passa. Se per qualsiasi motivo una persona non dovesse piacerle o avesse l'aria di non godere di buona salute, si guarder bene dal fare sesso con lui. E se dovesse venirle qualche sospetto durante l'incontro intimo, ricorrer alla stimolazione manuale e non gli succhier mai il pene. Al di l di queste precauzioni, le Tigri seguono una dieta quotidiana che contribuisce a rafforzare il sistema immunitario, gi di per s molto resistente per via degli esercizi cui si sottopongono. La loro dieta a base di soia, frutti di mare e t verde, a cui si aggiungono due spremute d'arancia, mezzo bicchiere di succo di carota e prezzemolo, mezzo bicchiere di succo di cetriolo, zenzero, aglio e grani di pepe. E alcune erbe cinesi a me ignote. Le Tigri evitano rigorosamente la carne di manzo, perch quella che contiene pi batteri, anche quando viene cotta. A questa dieta associano alcuni esercizi di kung fu e ch'i kung. Inoltre, prendono quattro aspirine alla settimana perch, a quanto dicono, proteggono dalle malattie sociali. E non ingeriscono per nessun motivo grassi e latticini. Attraverso l'applicazione rigorosa di queste regole, le Tigre Bianche sono in grado di riconquistare la giovinezza, come se si reincarnassero magicamente in Pagina 31

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt una lolita orientale. La Tigre Bianca: mito o realt? Davvero interessante, Valrie. Sfortunatamente, temo di non esserti di grande aiuto. Tempo fa mi capitato tra le mani un esemplare del libro di Hsi Lai, TheSexual Teachings of the White Tigress. Lo puoi trovare su amazon (www.amazon.com). Ma sono sicura che lo conosci gi. Io mi sono ispirata a quello che ho letto in quel libro e ci ho aggiunto un po' di sessualit zen: stato cos che ho costruito il mio mondo. Per cui... non credo di poterti dare informazioni interessanti. Comunque, ti prometto che sar la prima a comprare il tuo libro! Che tipo di informazioni hai raccolto sulle Tigri Bianche? La lettera era firmata. Mi sentii una merda. Comunque, mi faceva piacere che Jade Lee si fosse presa il disturbo e il tempo di rispondermi. E anche che fosse stata cos gentile e educata. Quello che non riuscii a capire era perch fosse cos interessata alle informazioni che avevo raccolto sull'argomento. Quel giorno, non fui in grado di scrivere neanche una riga. Passai tutto il tempo su internet, a guardare un'infinit di siti porno. Alla fine, scrissi una e-mail a Jade per ringraziarla di avermi risposto. Le chiedevo anche di mandarmi l'indirizzo del suo editore per farle arrivare una copia del mio libro. Fino a oggi non ho pi avuto sue notizie. La mia ricerca non andava avanti. Di notte, continuavo a sognare draghi giganteschi che sputavano fuoco e seme, pezzi di un puzzle su cui si leggevano parole come intelletto, saggezza, sesso e altre che non ricordo. Il mio fidanzato era abbastanza allarmato da quelle mie notti cos inquiete. Diceva che lavoravo troppo. Forse aveva ragione. Lasciai perdere le Tigri Bianche per qualche giorno. Pensai perfino di eliminare quel capitolo dal libro. Fa' come vuoi mi disse lui, un giorno. Ma il fatto di non essere riuscita a trovare una Tigre Bianca non significa che non ne puoi parlare. Pensi che sia necessario morire per scrivere un saggio sulla morte? Come sempre, aveva ragione. Quella chiacchierata mi aveva fatto tornare la voglia di scrivere. Dentro di me, speravo ancora in qualche nuovo indizio in grado di condurmi a una vera Tigre Bianca. Non sapevo che quella ricerca mi avrebbe portata fino in Australia. Sesso e filosofia taoista Non mi stancher mai di ripeterlo: in fatto di sesso, abbiamo molto da imparare dagli orientali. Poi, per, quando ci addentriamo nella loro cultura, ci rendiamo conto che piena di pregiudizi, che nasconde un volto repressivo, come la nostra. Spesso noi occidentali subiamo in modo fortissimo il senso di colpa cristiano. In Oriente, la gente si scontra con altri tab. Nel caso della Cina, per esempio, le pratiche delle Tigri Bianche vengono condannate dal taoismo, anche se non per una questione morale. Secondo il taoismo, l'uomo deve penetrare la donna, cio praticare il coito, per assorbire la sua energia yin. Il sesso orale non va praticato, in quanto non contempla il coito. Il taoista, inoltre, evita di eiaculare per non disperdere la propria energia. E la ritenzione del seme pi facile con il coito che non con la fellatio. Nell'antica Cina, si riteneva che l'uomo che praticava soltanto il sesso orale disonorasse i suoi antenati, in quanto non fecondava la donna. Il sesso orale era relegato nella sfera dei preliminari come un modo per accrescere l'eccitazione, ma niente di pi. Curiosamente, la nostra cultura taccia di vizio e di perversione il fatto di soffermarsi sui preliminari. La credenza popolare cinese imputava (e immagino che in alcune zone lo faccia ancora) l'omosessualit a un esercizio smodato della fellatio. Il lesbismo non mai stato malvisto, perch due elementi yin, due donne, possono tranquillamente sommarsi e mischiarsi senza infrangere l'armonia. Se due gocce d'acqua si mischiano, continuano a essere acqua. Al contrario, due elementi yang, maschili, non possono occupare lo stesso posto. Come nel caso dell'acqua, Hsi Lai ricorre a un esempio, quello di due pezzi di legno che non potranno mai fondersi in uno, e che per questo non generano armonia. Al pari della fellatio, l'omosessualit maschile non viene giudicata negativa per ragioni morali. Temo che il taoismo accetti l'omossessualit femminile perch, come in Occidente, eccita e stimola l'uomo. I film porno non fanno che mettere in scena questo tipo di fantasia. Nel tao non esiste il concetto di vizio come lo intendiamo noi occidentali. Pagina 32

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Nemmeno la masturbazione viene vista come una perversione; semplicemente, viene sconsigliata per motivi di salute. Come abbiamo visto, le Tigri rifuggono dai Dragoni che si masturbano troppo perch il loro seme di qualit inferiore. Gli orientali si sono sempre appellati al concetto di salute per giustificare alcuni divieti sessuali. In questo, si sono rivelati pi sottili di noi. Ma il risultato lo stesso. Del resto, quello che abbiamo fatto anche noi qualche tempo fa, quando abbiamo sostituito al termine morale il termine salute. solo un problema semantico. Un altro modo per continuare a esercitare un controllo sul desiderio della gente. Se non lo si controlla, infatti, potrebbe diventare pericoloso. D'altronde, che cos' il sesso, se non l'espressione pi sublime della complessit umana? La soluzione di un enigma Le mie peripezie telematiche alla fine dettero i loro frutti. Su un sito di esoterismo mi imbattei nel seguente annuncio: Portatrice degli insegnamenti tradizionali della Tigre Bianca. Era una donna australiana, maestra in sessualit sacra. Si firmava con lo pseudonimo Little Tiger e, a quanto pare, si dedicava a diffondere gli insegnamenti delle Tigri Bianche dal 1989. Oltre a organizzare seminari internazionali, offriva orientamento spirituale a tutti gli uomini e le donne desiderosi di riattivare la passione nella loro vita di coppia. Fra le sue molte specialit, c'erano anche sedute private di sessualit sacra personalizzata e i cosiddetti massaggi della Tigre Bianca. Le sedute di sessualit sacra, che duravano fra l'ora e mezza e le due ore, avevano prezzi che variavano dai 225 dollari per la seduta individuale ai 250 per la seduta di coppia. Nella visione di questa maestra, la sessualit rappresentava un sacramento e una pratica spirituale di cui si poteva godere al massimo solo parlandone apertamente e senza inibizioni. Il massaggio della Tigre Bianca durava un'ora e mezza e costava pi o meno come la seduta di sessualit sacra. Non era obbligatorio spogliarsi. Il suo metodo di massaggio veniva indicato come l'unico davvero efficace. Da quello che riuscii a scoprire sul sito, l'origine di questi massaggi risaliva all'epoca delle consorti cinesi, le antesignane delle Tigri Bianche. Le consorti, scelte in base al loro aspetto fisico e alla loro personalit, rappresentavano una valvola di sfogo rispetto a tutti i problemi familiari e professionali dell'uomo. Erano specializzate in massaggi per rilassare e per aprire i canali di energia di tutto il corpo. Ebbi l'impressione di avvicinarmi sempre di pi alla vera filosofia della Tigre Bianca. Quell'australiana sapeva di cosa stava parlando. Ma le sue sedute private mi sembravano un po' troppo care, oltre che un po' sospette. In realt, sapevo che le Tigri Bianche che non potevano contare su un Dragone di Giada potevano lavorare come massaggiatrici per guadagnarsi da vivere. Cos, alla fine, visto che quello che c'era scritto sul sito coincideva esattamente con i metodi tradizionali esposti da Hsi Lai, decisi di mettere da parte i miei sospetti su Little Tiger. Cercai di contattarla. Ma i numeri di telefono e gli indirizzi di posta elettronica indicati sul sito non portavano a niente. Le e-mail tornavano indietro per indirizzo inesistente. Provai a cercarla per altre vie, ma senza riuscirci. Mi venne in mente che se Little Tiger era davvero una Tigre Bianca e seguiva la filosofia di queste donne, non sarebbe stato facile scovarla, per quanto il suo annuncio comparisse su internet. Sono giunta alla conclusione che le Tigri Bianche si circondano di mistero assoluto per proteggersi, non solo dai taoisti pi ortodossi, che le condannano per il fatto di nutrirsi della preziosissima energia maschile, ma anche dai confuciani, che credono in una societ dove regnano l'ordine e la morale, il dovere e la rettitudine, e dove l'uomo superiore alla donna. Per questo le Tigri Bianche praticano l'anonimato e si conoscono cos poco tra loro, a meno che non condividano la stessa maestra. Di fatto, non esiste una scuola di Tigri Bianche in quanto tale, ma soltanto diversi modelli di insegnamento che prendono il nome dalla maestra e dal luogo in cui questa impartisce le sue lezioni. La divisione in gruppi isolati garantisce una continuit di funzionamento nel caso in cui uno di essi venga smantellato. Questi gruppi sono sparsi in tutto il mondo. Nonostante tutte queste informazioni, dopo il mio incontro fallito con la specialista australiana nutro ancora qualche dubbio sull'effettiva esistenza delle Tigri Bianche. A ogni modo, l'importante concentrarsi sulla loro figura. Molti la paragonano a quella della donna vampiro, in quanto assorbe l'energia maschile. In realt, questa visione cela una velata minaccia nei confronti di Pagina 33

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt tutte le donne che provano a discostarsi dai modelli precostituiti. In Occidente, un equivalente di questo atteggiamento potrebbe essere la stigmatizzazione della ninfomane e della prostituta. Il mio viaggio fin qui: intorno a una figura. Come spiega Hsi Lai nel suo libro: La concubina, nell'antica Cina, era una moglie di minore importanza. Un uomo poteva avere tutte le concubine che voleva, a patto che le sue finanze glielo permettessero, e queste rivestivano un ruolo tutt'altro che disprezzabile. Vivevano sotto lo stesso tetto dell'uomo e della sua prima moglie, contribuivano all'andamento della casa e, oltre a offrire i loro servigi sessuali, avevano l'obiettivo di generare un figlio. Spesso erano il simbolo dell'influenza e della ricchezza di un uomo. Si pretende di associare la figura delle Tigri Bianche a quella delle concubine o delle consorti. Anche se non c'entra niente, il prezzo che la loro leggenda paga per essersi discostate dalle norme prestabilite. Per essersi scelte una vita sessuale alternativa rispetto alle usanze tradizionali. Le Tigri Bianche sono la dimostrazione che, in qualsiasi cultura, la sessualit imperante quella maschile. Loro incarnano il rifiuto del coito. E, al di l dei fini spirituali che si propongono di perseguire, sono il simbolo di una rivendicazione: quella di una sessualit femminile libera. Che esistano o no. Spie del sesso Guardare ed essere guardati L'avevo riconosciuto subito, appena l'avevo visto riflesso sul vetro. Non che gli si leggesse in faccia che passava il tempo a spiare la gente. Era uno come tanti altri. Occhiali piccoli, viso tondo, capelli corti. Indossava dei jeans e una giacca. Al pollice aveva un grande anello d'argento e uno zaino che gli pendeva dalla spalla destra. Era quello il segnale di riconoscimento. Faccia a faccia con un voyeur Per quanti sforzi di immaginazione avessi fatto, non avrei mai pensato che un voyeur potesse avere una faccia cos ingenua, un'aria cos innocua. Quando varc la soglia di quel piccolo bar defilato, nel pieno centro di Madrid, ero gi l ad aspettarlo. Aveva scelto lui quel posto. Io, non so perch, ero nervosa. Ero arrivata in anticipo, per paura che fosse un tipo puntuale e, non vedendomi, decidesse di andarsene. Avevo dovuto faticare un po' per convincerlo. E sapevo che il nostro incontro era appeso a un filo. Io avevo sempre detto la verit, fin dalla prima volta che ci eravamo conosciuti in chat. Non volevo mentire. Inventarsi delle storie sarebbe stato troppo facile. NEREIDE: Si tratterebbe di parlare un po' noi due. Tutto qui. Non intendo registrarti, e non penso di rivelare qualcosa su di te. Voglio solo chiacchierare. DALI'72: Perch dovrei crederti? NEREIDE: Senti, facciamo cos. Tu vieni all'appuntamento e poi, se ti senti a disagio, te ne vai. Io non mi opporr. Mi sarei potuta inventare chiss quali storie, per vederti, eppure non l'ho fatto. Se avessi voluto smascherarti avrei potuto usare una tattica migliore, non trovi? DAL72: S, ma non mi fido comunque. Troppe telecamere nascoste, troppi giornalisti in cerca di gloria. NEREIDE: Non sono una giornalista, te l'ho gi detto. Sono una scrittrice, e ho fatto la prostituta. DAL72: Per tua informazione, la caratteristica principale di un buon voyeur l'anonimato. Dal72 e io ci eravamo conosciuti su una chat di voyeur, mentre cercavo un po' di materiale sull'argomento. Eravamo in contatto da diverse settimane. Io gli avevo detto subito chi ero e cosa mi spingeva a fare quell'indagine. Gli avevo assicurato che non intendevo affatto giudicare le persone che praticano una sessualit alternativa, ma che volevo soltanto capire cosa li inducesse a farlo e come fosse la loro vita quotidiana. Di tutte le persone della chat, Dali72 mi aveva attratto per il suo pseudonimo. Mi era sembrata una scelta tutto sommato sofisticata, in confronto a nomi come Jos il Voyeur o il Guardone dei buchi. NEREIDE: E il 72 sta per la tua data di nascita? DALI'72: Touch, mademoiselle! :-) :-) :-) :-) :-) Era pi giovane di me. Dopo essermi presentata, gli avevo chiesto se gli dava fastidio che gli ponessi qualche domanda. Lui mi aveva risposto che dipendeva tutto dalle domande. Era un po' provocatorio, nei suoi messaggi. Immagino che volesse capire se meritavo davvero il suo tempo. NEREIDE: Da quanto pratichi il voyeurismo? DAL72: Ricordo la prima volta... Ero in vacanza a casa di una zia e la spiavo quando andava in bagno. Cazzo, era puntuale come un orologio. Ci andava sempre alle stesse ore. All'inizio me le Pagina 34

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt segnavo su un quaderno, ma dopo un po' non ne avevo pi bisogno. Le sapevo a memoria. Sar stato, non so, vent'anni fa. S, pi o meno vent'anni fa. A scuola, poi, mi piaceva nascondermi sotto il banco per richiamare l'attenzione. La mia maestra si chinava sempre per vedere cosa stavo facendo, allora io mi nascondevo dietro di lei e le guardavo sotto la gonna. Mi sono beccato un sacco di sgridate, e perfino un'espulsione di quindici giorni. Sai, storie da ragazzini. NEREIDE: Tutti i bambini sono curiosi. Il loro lato voyeuristico fa parte del loro processo di scoperta del mondo. Lo dico sinceramente. DALI'72: S, certo. Solo che non tutti finiscono nei parchi a spiare gli altri con gli infrarossi. Da quelle parole avevo capito che viveva in modo conflittuale le sue preferenze sessuali, nonostante non facesse che sbandierarle. Era per quello che volevo incontrarlo. Alla fine, eravamo arrivati a un patto. Lui mi avrebbe dato tutte le informazioni che volevo sul voyeurismo, e io in cambio avrei mantenuto il suo anonimato. Dali72 era di Madrid, per cui per andare all'appuntamento dovetti prendere un aereo da Barcellona. Si guard velocemente intorno. Io ero seduta in un angolo, vicino alla finestra, ed esit prima di avvicinarsi. Dalla soglia riusciva a vedermi solo di profilo. Lo riconobbi subito, nel riflesso della vetrina. Non che gli si leggesse in faccia che passava il tempo a spiare la gente. Era un tipo comune. Occhiali piccoli, faccia tonda, capelli corti. Indossava jeans e una giacca. Al pollice portava un grande anello d'argento, e uno zainetto gli pendeva dalla spalla destra. Era quello il segnale di riconoscimento. Si sedette di fronte a me, di sbieco, come se stesse per andarsene da un momento all'altro. Mi accorsi subito che non era del tutto a suo agio. Sembrava avere poco tempo da dedicarmi, e cercai di ottenere che si rilassasse. Non sono venuta per giudicarti. Assolutamente. Stai tranquillo. Per me il voyeurismo non una cosa deprecabile. Anzi. Sai cosa penso? Che in fondo lo siamo tutti, e che la societ dello spettacolo non fa che fomentarlo. Solo che siamo ipocriti. Mi fiss a lungo, ma nonostante il suo sguardo cristallino non riuscii a indovinare cosa stesse pensando. Senti gli dissi, facendo il gesto di alzarmi per convincerlo delle mie buone intenzioni non ho niente addosso. Se vuoi perquisirmi, per me non c' problema. Poteva aver pensato che in borsa nascondessi qualcosa. Per questo non l'avevo portata. E mi metteva un po' a disagio il fatto di non potere giocare con la chiusura o fingere di frugarci dentro in cerca di una penna. Mi sentivo nuda, piena di pudori. D'accordo. Non preoccuparti disse con tono tranquillo. Senti, sei molto pi bella dal vivo che in tv. Me lo dicono sempre. Ma in fondo sarebbe peggio il contrario, non ti pare? Abbozz un mezzo sorriso, che mi riemp di soddisfazione. I guardoni della Casa de Campo Prima di conoscere Dali72, le mie ricerche mi aprirono diverse strade. In un primo momento presi in considerazione l'idea di andare nei parchi o nei luoghi in cui si esercita la prostituzione, convinta che avrei trovato qualche guardone. Ma poi ci ripensai e quell'idea mi parve idiota. Se anche fossi inciampata su qualche guardone, cosa poco probabile per una principiante come me, che cosa gli avrei detto? Di sicuro non si sarebbe lasciato avvicinare e sarebbe scappato appena mi avesse vista. In piena notte, di fronte a un'attivit malvista dalla societ, il mio atteggiamento poteva risultare fastidioso, se non addirittura violento. Potevo perfino rischiare qualche grana con la polizia, che sicuramente bazzicava quei luoghi. La prima cosa che mi venne in mente fu di andare alla Casa de Campo; un posto scontato, lo ammetto, anche se pi di un amico madrileno me l'aveva sconsigliato. Non troverai niente. Solo guai. La Casa de Campo enorme. E pericolosa. S, lo so. Ma pensavo di andarci in macchina, insieme a qualcuno. Il comune di Madrid ha bloccato l'accesso alle macchine per combattere la prostituzione. Vogliono impedire ai clienti di avvicinare le prostitute e di contrattare con loro mi aveva spiegato Toni, un amico di vecchissima data. Cos, andai sul sito del Comune di Madrid, ed ebbi la conferma che le informazioni di Toni erano vere. La Casa de Campo aperta al traffico dalle sette alle dieci del mattino e dalle sei alle otto di sera nei giorni feriali. Pagina 35

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Nei fine settimana e nei giorni festivi rimane chiusa tutto il giorno, eccetto la zona dei divertimenti. Potevo sempre andarci a piedi. Ma non mi sembrava una buona idea. Allora mi misi a cercare qualche chat per gli appassionati di voyeurismo ed esibizionismo. Prima di avviare le mie indagini con lo pseudonimo femminile di Nereide, mi feci passare per uno di loro come Spy3669, in onore ai numeri del Minitel francese, che iniziano tutti per 36. Mi inventai di essere del nord della Spagna e di dovermi trasferire a Madrid per motivi di lavoro. La cosa pi difficile era dare credito alle informazioni con cui mi bombardavano. Comunque, si dimostravano tutti molto disponibili, e cominciai a sentirmi quasi parte del gruppo. Uno di loro, che si faceva chiamare Il guardone d'antan, mi raccont quanto segue: IL GUARDONE D'ANTAN: Ci sarebbero un sacco di zone dove andare, ma adesso che hanno chiuso alcune strade al traffico e hanno modificato i percorsi stradali, i ritrovi dei voyeur sono molto pi nascosti. In pochi sanno dove si trovano. E diventano tutti isterici perch con i nuovi tragitti escono dal parco senza rendersene conto e tornano sempre al punto di partenza... Comunque, alcuni guardoni mi hanno detto che ci sono dei modi per raggiungerli... SPY3669: Sapresti dirmi quali? IL GUARDONE D'ANTAN: Be', io quei posti li evito. troppo complicato, e anche troppo pericoloso, se non conosci bene la zona. Io ne preferisco altri, in cui si pu ficcare il naso senza scervellarsi troppo. Di posti cos non ne mancano, a Madrid. E poi, se voglio guardarmi le puttane della Casa de Campo, posso sempre andare sul sito ufficiale. SPY3669: Le prostitute della Casa de Campo hanno un sito ufficiale? IL GUARDONE D'ANTAN: Certo, cosa credevi? Le pi esibizioniste ci sono tutte. C' perfino una pagina da cui puoi accedere alle loro foto e ai loro video. Sai cosa c' scritto? Perch andare fino alla Casa de Campo, se puoi vederle qui? Ah, ah, ah! Seguendo le indicazioni di Il guardone d'antan, entrai nel sito. Di tutti quelli che ero riuscita a scovare nel corso delle mie ricerche, pochi, devo ammetterlo, erano cos autentici. Per quanto esplicitamente rivolti a voyeur e a esibizionisti, si limitavano quasi tutti a mostrare qualche vittima immortalata da una webcam, in realt tutte modelle erotiche professioniste. Non bisogna essere un esperto per rendersi conto del trucco. Molte aziende, approfittando del boom di internet, si sono lanciate nel business pornografico e si sono specializzate in questo settore specifico. Hanno guadagnato montagne di soldi. La pagina delle prostitute della Casa de Campo, invece, sembrava davvero autentica. E se non lo era, quelli che l'avevano progettata erano dei geni assoluti. Il realismo che trapelava dalle foto di quelle donne normali (niente a che vedere con le modelle erotiche) poteva ingannare perfino il voyeur pi consumato. La pagina ritraeva cinque donne intente a mostrare le loro parti pi intime; una di loro veniva immortalata mentre fra gli alberi faceva un lavoretto di mano a un cliente, su una coperta. Le donne, oltre a essere indicate con i loro nomi (suppongo si trattasse di nomi di battaglia), venivano tutte identificate all'interno della Casa de Campo, con frasi del tipo: Non difficile trovarla vicino al lago, La puoi trovare accanto al Batn, o Si aggira sempre nei dintorni dello zoo. Mi sembr un'idea geniale. Visto che queste donne vendevano il loro corpo a clienti, perch non offrire anche un servizio ai voyeur che gironzolavano da quelle parti senza spendere un soldo? Restava da capire se i guadagni provenienti da questa pagina venivano equamente suddivisi fra le prostitute in questione. S, perch una prostituta preziosa come un quadro di Miro: bisognerebbe pagare per poterla contemplare. La mia curiosit per la Casa de Campo si ferm qui. Ero convinta che oltre al pi grande parco di Madrid ci fossero tanti altri posti, forse anche pi interessanti. E di pi facile accesso. Non mi sbagliavo. Le minoranze erotiche Dali72 era ancora seduto di sbieco e guardava verso l'uscita. Non sapevo cosa fare per convincerlo a rilassarsi. Fu lui a riprendere la conversazione. E che cosa credi di ottenere con quest'indagine? La tua curiosit morbosa o cos'altro? Nelle sue parole avvertii una certa dose di aggressivit. Ma la sua domanda mi fece riflettere. S, era inutile negarlo. Sicuramente a spingermi era anche un Pagina 36

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt po' di curiosit morbosa, ma non soltanto quello. Be', s e no. Io sono convinta che il voyeurismo non sia affatto una "deviazione" come sostengono i medici. Semplicemente, credo che sia un modo particolare, molto diverso, di vedere il sesso. Non molto tempo fa ho letto un libro che mi ha fatto pensare molto. Si intitola The Erotte Minories (Le minoranze erotiche). L'autore uno psichiatra svedese, Lars Ullerstam. Il libro sostiene che le minoranze erotiche potrebbero essere una fonte di arricchimento per la vita sessuale di ciascuno di noi, e che il rifiuto della societ genera solo disagio e ansia in coloro che prediligono una sessualit alternativa. Anzi, proprio questo atteggiamento sociale di "rifiuto" a generare in loro difficolt e turbamenti. Personalmente, credo che il vero problema dei cosiddetti "pervertiti" non sia il tipo di sessualit che praticano, ma la reazione che gli altri hanno nei loro confronti. Ho trovato affascinante il punto di vista di quello psichiatra. Sto scrivendo un libro che si intitola L'altro lato del sesso, in cui parlo del sesso non convenzionale, di tutte quelle pratiche che vengono condannate perch non coincidono con l'idea di sesso comunemente accettata. In questo libro cerco di dimostrare che, sebbene in modo molto sottile, la societ sta cercando di imporci un'idea di sesso incentrata unicamente sul coito. E che ancora oggi, in pieno XXI secolo, noi donne siamo il primo bersaglio e le prime vittime di quest'idea. Dali72 si era appoggiato allo schienale della sedia e mi stava ascoltando attentamente. Sapevi che grazie ai fondi del governo svedese questo psichiatra riuscito a creare centri per le minoranze erotiche? Gi negli anni Sessanta... ti rendi conto? Questi centri erano destinati ad accogliere tutte le persone che privilegiavano delle forme di sessualit alternativa, perch potessero dare libero sfogo alla loro immaginazione senza venire giudicati o tacciati di "degenerazione". E in cosa consistono queste "minoranze erotiche"? chiese. Be', in tutto quello che non ha a che vedere con il sesso "convenzionale". Pratiche come il sadomasochismo, l'esibizionismo, il voyeurismo e cos via. Quello psichiatra aveva proposto che esibizionisti e voyeuristi, assolutamente complementari, venissero affiancati in modo da soddisfare le loro necessit reciproche. Negli anni Sessanta, nel concetto di "minoranze erotiche" rientrava anche l'omosessualit. E guarda dove sono arrivati oggi i gay. Se vogliono, possono perfino sposarsi. Chi l'avrebbe detto quarantanni fa? E perch in Spagna non esistono centri cos? chiese. L'avevo gi pensato anch'io. Nonostante gli enormi passi avanti, la Spagna ancora molto lontana dal rappresentare un paese evoluto in fatto di sessualit, al contrario dell'Olanda, per esempio. Il modello svedese dei centri per le minoranze erotiche ha avuto vita breve. Rispetto al passato, la Svezia sembra avere fatto un salto. Non in avanti, purtroppo, ma indietro. Perch c' tutto l'interesse a esercitare un controllo sulla gente. Disciplinare il sesso, soprattutto il desiderio, un modo per esercitarlo. In un certo senso, conviene che la gente viva male i propri desideri. Non so, io la vedo cos. Ci sto lavorando su. In ogni caso, sono d'accordo con Ullerstam quando dice che alcune minoranze smettono di essere viste come tali a seconda del periodo storico. solo una questione di tempo. Gli omosessuali hanno beneficiato di una certa "liberazione". Oggi non vengono pi accusati di essere dei "degenerati". Credo che ora questo processo di "liberazione" dovrebbe toccare al voyeurismo. Dali72 aveva l'aria di non capire. Ma quello che stavo dicendo gli piaceva. Quello che desideravo spiegargli era che il voyeurismo ha molti nomi, dappertutto. Ed esattamente il contrario di una minoranza erotica. Se un'inclinazione sessuale condivisa da molti, significa che una pratica normale. Esiste in strada, dietro l'angolo. La nostra cultura dello spettacolo lo promuove. Cercavo di trasmettergli che secondo me era giunta l'ora che il voyeurismo fosse accettato molto pi apertamente. Una pratica con molti nomi Il termine voyeurismo (deriva dal francese voir, guardare) denota l'attivit di chi prova piacere nell'osservare gente nuda o impegnata nell'atto sessuale. conosciuto anche come scopofilia o mixoscopia. In realt, questa tendenza erotica assume diverse definizioni cliniche e diverse sfumature a seconda della situazione in cui si trova il soggetto che la pratica. In generale, il voyeur o guardone si masturba mentre osserva una scena che gli provoca piacere. Di fronte a una situazione eccitante, pochi si rifiutano di guardare. Secondo gli Pagina 37

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt psichiatri, se lo si fa in modo sporadico non c' nulla di preoccupante. Ma se diventa indispensabile per provare piacere, significa che esiste un problema. E in questo caso si considera una deviazione sessuale o parafilia. In altre parole, se una persona non pratica l'atto sessuale, ma raggiunge l'orgasmo solo guardando, vuol dire che non sta bene. La medicina ragiona cos, in modo semplicistico. Un'ulteriore conferma di quanto dicevamo nei capitoli precedenti: divertirsi con i preliminari malvisto. Quello che conta il coito. Tutto il resto rientra nell'ambito delle deviazioni, o addirittura delle perversioni, perch trasgredisce il nostro modello coito-centrico giudaico-cristiano. Le mie difficolt per incontrare un voyeur dipendevano dal fatto che queste persone vogliono passare inosservate. Di solito, praticano le loro attivit in modo anonimo, con gente sconosciuta. Correndo consapevolmente il rischio di venire scoperte. Ed anche questo a eccitarle. Immagino che sia perch il rischio fa salire l'adrenalina. Esistono diversi studi sul voyeurismo. Si ritiene che il voyeur sia un individuo eterosessuale di sesso maschile assolutamente innocuo, che non ricorre quasi mai a un consulto psichiatrico. Se lo fa, di solito, perch coinvolto in qualche problema giudiziario in seguito alla denuncia di una vittima o perch costretto dalla famiglia. Tutti i voyeur che ho incontrato rispondono allo stesso profilo: sono persone quasi sempre giovani che non si sentono in colpa per quello che fanno; al limite, la loro preoccupazione di farlo bene e di non farsi beccare. La maggior parte ammette di praticare il voyeurismo da diversi anni e di riuscire a trasformare, grazie a quell'esperienza, la propria vita quotidiana in un'avventura costante. I posti in cui ficcano pi volentieri il naso sono i parchi, i luoghi in cui si esercita la prostituzione, gli spazi all'aria aperta, i campi da golf, le spiagge, le macchine e i parcheggi dei supermercati appena fuori citt. I voyeur pi spericolati preferiscono spiare nei cessi pubblici o nei camerini dei negozi di vestiario. Ci sono poche denunce nei confronti dei guardoni, ma moltissime notizie di arresti per esibizionismo. Come vedremo in seguito, l'esibizionista inevitabilmente l'altra faccia del voyeur. Che genere di trucchi avete, se si pu sapere? Mi resi conto di aver commesso un grave errore con Dali72. Lo capii dalla sua faccia, e dall'aria rassegnata con cui mi ascoltava. Avevo parlato troppo, e si vedeva. per questo che mi hai fatto venire? Per dirmi che il voyeurismo accettato da tutti? E allora mi spieghi perch abbiamo cos tanti trucchi per non farci beccare? Dal72 iniziava a farsi impaziente. Decisi di risparmiare parole e di lasciarlo parlare. Trucchi? S, certo. Cosa credi, che essere voyeur significhi andare in un posto e guardare? Ci vuole tutta una preparazione, prima. Non cos facile, sai... E che genere di trucchi avete, se si pu sapere? Ci sono alcune regole auree che sembrano stupide, ma se le segui, alla lunga, danno i loro frutti. Il segreto beccare una persona o una coppia nel momento clou e goderti tranquillamente lo spettacolo senza essere costretto a correre come un pazzo perch ti sei fatto beccare tu. Abbass improvvisamente la voce e si guard intorno. Fece un cenno alla cameriera e chiese una Coca-Cola. Io, nervosa com'ero, mi ero completamente dimenticata di offrirgli qualcosa da bere. Un altro errore da parte mia. Comunque, non mi scusai. Con l'esperienza, inizi a distinguere i novellini da quelli pi esperti disse, prima di bere un sorso. E quando hai intenzione di pubblicarlo, il tuo libro? Cambiava argomento. Ma forse voleva davvero sapere quando sarebbe uscita l'intervista che gli stavo facendo. Non lo so ancora. Penso verso gli inizi del 2006. Comunque non preoccuparti, appena esce ti mando una copia... Nel dire quella frase mi resi conto che per farlo avrei avuto bisogno del suo indirizzo, e che con ogni probabilit non me l'avrebbe dato. Oppure ci rivediamo e te lo do direttamente. Non rispose. Cercai di riprendere il discorso di prima, le regole auree del voyeur navigato cui aveva accennato con un certo entusiasmo. E perch devi seguire alcune regole auree per non farti beccare, se puoi spiare tranquillamente dal tuo computer? Perch io preferisco praticare il voyeurismo dal vivo. Tutto qui. Mi da una scarica di vitalit, capisci? Al computer non sai mai se quello che vedi vero o no. Certo, se non ho nient'altro a disposizione vado su internet, per parlare Pagina 38

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt con qualche collega e condividere le nostre esperienze. Ma quando trovo un buon posto d'osservazione, preferisco andarci di persona, avvicinarmi alle coppie, spingermi cos vicino da riuscire a vedere fin dentro la cosina della tipa. Ah, ah, ah. E nel vedere la mia faccia turbata si abbandon a una risata nervosa. Spiare con il mouse Dali72 era un voyeur autentico. Molti, invece, si accontentano di quel che offre la rete. Da qualche anno, internet diventato il pi grande veicolo di diffusione della pornografia, oltre che il luogo ideale per la manifestazione delle minoranze erotiche. Nel suo eccellente libro El eros electrnico (L'eros elettronico)3, Romn Gubern dimostra chiaramente come la realt virtuale accolga tutte quelle peculiarit erotiche che finora la societ aveva tenuto nascoste. Se internet diventa il rifugio delle minoranze erotiche4 perch, come dice Gubern, queste hanno bisogno di manifestarsi. Tuttavia, la crescente presenza del porno su internet non incrementa queste tendenze. Credo che sia esattamente il contrario. Le persone che si avvicinano a certe pratiche per curiosit si stufano presto. E chi invece cerca continuamente siti dedicati a una particolare tendenza erotica perch in fondo se ne sempre sentito attratto, non certo perch internet l'ha contagiato. Inoltre, la nevrosi della parafilia nascondere la parafilia. positivo che internet canalizzi le diverse pratiche: avere una sessualit alternativa fa soffrire, e molto. Inconsapevolmente, la gente che usa internet a scopi sessuali dimostra che il sesso non tanto fra le gambe, quanto piuttosto nella testa e che la rete impedisce il contatto carnale fra le parti. Lascia spazio all'immaginazione, e permette di avventurarsi in territori sconosciuti senza rischi. Internet potrebbe essere la versione virtuale dei centri per le minoranze sessuali del dottor Ullerstam. Esistono moltissime pagine web che, in teoria, sono specializzate in voyeurismo ed esibizionismo. In realt, poche lo sono davvero. Non stato per niente facile trovarne qualcuna autentica. Nel 2003, durante un programma di Canal 9, conobbi i fondatori del sito www.pillados.com, due ragazzi simpaticissimi di Alleante che spiegarono in diretta come gli fosse venuta l'idea. Sapevano che c'era una forte domanda di servizi di questo tipo. Si dettero da fare e, con la videocamera in spalla, iniziarono a filmare coppie impegnate in atti carnali per poi caricare i filmati su internet. Oggi questo sito uno dei pi visitati. Bisogna ammetterlo, davvero ben fatto. Ce ne sono anche altri, per esempio www.exhibete.com, annunciato come il miglior sito voyeurista, cento percento amatoriale. I gestori offrono a chiunque lo desideri la possibilit di diventare socio collaboratore, inviando foto (minimo dieci) o video per accedere gratuitamente al sito. Per poter continuare, bisogna collaborare assiduamente. Non accettano immagini o foto scaricate da internet, e si riservano di chiedere in qualsiasi momento una prova dell'autenticit del materiale inviato. Non so se puro marketing o se invece il sito sia davvero cento percento amatoriale come dicono. In ogni caso, di gran qualit. Di siti di questo tipo internet sar senza dubbio pieno. Ovviamente, sta a chi naviga distinguere quelli veri da quelli falsi. Le regole auree del voyeur navigato Dali72 era pi a suo agio perch cominci a parlare. Io, con il suo permesso, iniziai a prendere qualche appunto su un quaderno. Era affascinante, e al tempo stesso eccitante. Le sue esperienze mi intrigavano a tal punto che per qualche minuto dimenticai perfino che potessero esserci dei voyeur che se la passavano male. Dalf72 parlava come un vero soldato pronto a lanciarsi in battaglia. Adesso capisci perch preferisco andare nei belvedere? E poi, su internet, non ci vuole nessuna preparazione. un gioco da ragazzi. Quando vai in strada, invece, molto diverso. Non c' paragone. Possono succederti cose sempre nuove. davvero emozionante. Ti fa provare sensazioni che la vita normale non ti da. Allora, per te, essere voyeur significa dare un po' di avventura alla tua vita, no? Esatto. A ben guardare, la vita soltanto routine. noiosa. Praticare il voyeurismo, giocarti il tutto e per tutto ogni tanto (senza esagerare troppo, ovviamente), ti fa sentire vivo. La tua vita cos noiosa? Rimase in silenzio a fissarmi. Forse con quella domanda mi ero spinta un po' Pagina 39

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt troppo in l. Come quella di tutti. Ho una vita normale. La mattina mi alzo, vado a lavorare, torno a casa la sera. A fine mese prendo lo stipendio. Solo che nei week-end, invece di sbronzarmi con gli amici, vado a spiare la gente. Credo che sia molto meglio che chiudersi in una discoteca senza poter parlare, non trovi? Non ero nessuno per poterlo giudicare, ma mi sarebbe tanto piaciuto dirgli che restarsene a casa davanti a un buon libro poteva essere altrettanto stimolante. Ma il punto non era quello. Era riuscire a entrare nella sua testa. Il voyeurismo significa spremersi le meningi. Pensare. Mi segui? Escogitare sempre nuove strategie, prepararsi bene. Non facile. E inizi a elencarmi quelle che lui definiva le regole d'oro del voyeur navigato. Sembravano strategie militari da applicare sul campo di battaglia. Quando scopro un posto interessante, il giorno prima mi studio tutte le diverse angolazioni per riuscire a godermi le scene di sesso senza dovermi spostare da un punto all'altro. Se ti muovi troppo, rischi di attirare l'attenzione e di fare andare via le coppie. Per cui bisogna evitarlo a tutti i costi. La cosa migliore conoscere bene il territorio, in modo da disturbare il meno possibile le coppie. Io ne approfitto anche per studiarmi le vie di fuga possibili, nel caso mi tocchi scappare di corsa. A mano a mano che andava avanti nella descrizione delle sue tattiche, Dali72 assumeva un tono sempre pi entusiastico. Di solito, quando spio una coppia, me ne sto in disparte. A volte si accorgono della mia presenza ma continuano a farsi i fatti loro. Questo non vuol dire che mi accettino. All'inizio speravo di partecipare anch'io, ma poi ho capito che non per niente facile. Bisogna lavorare di psicologia, fare attenzione alle loro facce, ai loro gesti. Se sei fortunato, la coppia ti invita ad avvicinarti, e magari anche a partecipare; in quel caso, devi avere un atteggiamento di sottomissione totale, non guardarli mai direttamente e ostentare perfino un pizzico di inquietudine, in modo da convincerli che sono loro ad avere il controllo assoluto. I gesti non devono mai esprimere nervosismo o violenza. E non puoi mai metterti le mani in tasca, altrimenti possono pensare che hai un'arma e stai per tirarla fuori. Io, al loro posto, lo penserei. Erano regole dettate dal senso comune. E Dal72 dimostrava di farne uso in ogni momento. Mi spieg che le prime volte si lasciava spesso prendere dall'eccitazione, e quel modo di fare gli aveva giocato pi di un brutto tiro. Con il passare del tempo, aveva imparato ad agire a sangue freddo. Quando mi avvicino a una coppia lo faccio in modo deciso. Se tentenni richiami troppo l'attenzione. fondamentale agire con naturalezza. A volte mi capita perfino di sorridere. Perch far finta di niente? Sarebbe soltanto peggio. Fischiettare, guardarti intorno come se ti fossi perso, fare finta di niente... Io non mi comporto mai cos. La gente non stupida. Pi naturale sei, pi riesci ad avvicinarti alla scena di sesso senza destare sospetti. A volte sono anche riuscito a stare appiccicato alla macchina e a godermi lo spettacolo come in prima fila al cinema. E se ti scoprono? Per quanto preparato tu possa essere, una cosa che pu capitare... Be', se capita me ne vado. Senza guardarli, ovviamente. E poi, ho sempre un vantaggio: posso correre via. Il tipo deve vestirsi e uscire dalla macchina. E a quel punto io sono gi lontano... Tir fuori un pacchetto di Carnei tutto sgualcito. Non sapevo che fumasse. Dopo essersi acceso una sigaretta, continu: Ma non succede quasi mai, perch mi preparo. Alcuni colleghi arrivano perfino a mimetizzarsi, con rami, sassi, coperte... Qualsiasi cosa va bene. Si mettono l, e con un buon binocolo si godono lo spettacolo come se fossero a pochi centimetri. Io continuavo ad ascoltarlo, affascinata dalle sue parole. Quello che stava snocciolando davanti a me era un manuale di regole minuziose per raggiungere un obiettivo concreto. E tutto alla ricerca del piacere. Dali72 aveva ragione: quell'attivit gli metteva costantemente in moto i neuroni. E l'immaginazione non poteva certo mancargli. E come li trovi, questi belvedere? Te li dicono gli altri voyeur o li scopri andando in giro? Chatto con altri colleghi. Alla fine, il passaparola la cosa migliore. Ma a volte mi capitato di prendere qualche cantonata. Ci sono posti che dopo un po' spariscono perch ci costruiscono qualcosa sopra. Ma ne spuntano sempre di nuovi. In ogni caso, non tutte le informazioni che trovi sulle chat sono attendibili. Bisogna stare attenti agli antivoyeur, che si infiltrano nella rete e diffondono informazioni false solo per il piacere di rompere le palle... Sono Pagina 40

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt come dei fottuti virus informatici. Cos, a volte, ti capita di andare in un posto e restarci tutta la notte in attesa, come un cretino. Aveva finito la sua Coca-Cola. Gli offrii qualcos'altro da bere, per evitare che se ne andasse. Le cose che mi stava dicendo erano davvero interessanti. Accett e ordin una birra. Io al primo colpo d'occhio so dirti se un posto bazzicato o no sentenzi. Poi approfitt di quel silenzio teatrale per alzarsi e andare a comprare altre sigarette. Mi pass per la testa che quell'atteggiamento fosse calcolato nei minimi dettagli, che volesse risvegliare in continuazione il mio interesse centellinando le informazioni. Controllai un momento i miei appunti per vedere se avevo dimenticato di scrivere qualcosa. I miei scarabocchi erano molto telegrafici. Dal72 diceva un sacco di cose alla velocit della luce, e io volevo scrivere tutto, senza tralasciare il minimo particolare, per quanto fosse insignificante. Quando torn, non ci fu bisogno che facessi domande. Riprese la conversazione da dove l'aveva lasciata: Riconosco immediatamente il territorio. Questione di esperienza. Ti potrei perfino dire quante seghe si fanno in un determinato posto. Prese il mio accendino per accendersi la sua Carnei. Iniziavo ad avvertire un certo orgoglio nelle sue parole. E mi sembrava assolutamente giusto. In fondo, se l'era guadagnato. Forse, per essere voyeur, non bastava volerlo. Bisognava esserne capaci. Ma mi aspettava ancora pi di una sorpresa. Fai dei calcoli di probabilit? chiesi timidamente. Pi o meno. Tir una lunga boccata dalla sigaretta. Prima di tutto, devi fare caso alla quantit di spazzatura per terra. Soprattutto ai fazzoletti di carta. E ai preservativi, ovviamente. Sono indizi infallibili del movimento che c' in un posto. Pi ce ne sono, pi il posto un "imbosco di prima". E... Si interruppe all'improvviso. Gli chiesi se c'era qualcosa che non andava, e lui mi rispose che non voleva schifarmi, perch quello che stava per dire era un po' disgustoso. Mi misi a ridere. Non aveva ancora capito con chi stava parlando? Cercai di rassicurarlo: Credo di saperne un po', di condizione umana. Non preoccuparti, ho lo stomaco a prova di bomba. Be', volevo dire che non basta vedere se ci sono preservativi. Bisogna anche capire se sono "freschi". Mi segui? Lo seguivo perfettamente, io avevo vissuto in un bordello. All'improvviso, mi ricordai di quel cliente che pagava un sacco di soldi non per andare a letto con una ragazza, ma per raccogliere tutti i preservativi usati della settimana. Arrivava il venerd sera, con un bel po' di banconote, e la responsabile gli dava un sacchetto di plastica pieno dei preservativi usati che avevamo raccolto dal sabato prima. Nella nostra societ tutto riciclabile, perfino i preservativi... A quanto diceva la responsabile, li usava per masturbarsi. Se moltiplichi i tuoi risultati per tre, otterrai la quantit di gente che frequenta quel posto. Sai, non tutti usano il preservativo. In realt, alcuni dicono che bisognerebbe moltiplicare per quattro. A me sembra troppo. Comunque hai capito, cifra pi cifra meno. E cos, il segreto per trovare un posto molto bazzicato si riassumeva in una banale moltiplicazione... Bevve un altro sorso di birra e lo lasciai riprendere fiato. Poi, all'improvviso, gli chiesi se a Madrid c'erano molti posti cos. Hai voglia! esclam, come se si trattasse di una cosa scontata. Ce ne sono una marea. Subito dopo, riuscii a farmi dire i nomi e gli indirizzi di almeno trentasette belvedere di Madrid e dintorni. Me li dett uno per uno, spiegandomi come fare per arrivarci. E mi confess che stava pensando di trasferirsi al mare, per godersi le spiagge nella bella stagione. Vieni a Barcellona. Ti ospito io. La mia proposta era seria. Lui lo cap, e mi ringrazi. Ho un collega a Barna, posso fermarmi anche da lui. Ma mi ha detto che non ci sono tanti belvedere come qui. A quel punto ne approfittai per farmi indicare i belvedere di Barcellona. Mi diede l'indirizzo di posta elettronica del suo amico, Il vigilante delle spiagge, che li conosceva tutti. Mandagli un'e-mail da parte mia, magari ti da una mano. Ma non ti assicuro niente. Un'ultima domanda. Quando riesci ad avvicinarti a una coppia e la osservi, cosa fai? Dammi pure della morbosa, ma per me importante saperlo. Be', mi masturbo. Cos'altro vuoi che faccia? rispose con tutta la sincerit Pagina 41

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt del mondo. Sempre? S, sempre. E quando mi toccato scappare di corsa, mi sono masturbato a casa ripensando alla scena. Hai la ragazza? Ora come ora no. Ma ne ho avute. Perch mi fai questa domanda? Una cosa non esclude l'altra. S, ma tu cosa preferisci? Fare l'amore con la tua ragazza o guardare altre persone che lo fanno? Che ne so? Mi piacciono tutt'e due le cose. Comunque, non rinuncerei a questa mia passione per una ragazza. Cercai di saperne di pi e di trattenerlo, ma mi disse che doveva andare. Lo ringraziai per aver passato con me tutto quel tempo e per avermi dato quelle informazioni. Da quel giorno, ci tenemmo in contatto via e-mail. Vive ancora a Madrid e pare che continui a perfezionare la sua pratica sessuale preferita. L'armamentario indispensabile del voyeur navigato Nessun guardone che si rispetti dovrebbe mai uscire di casa senza un minimo di attrezzatura. Qui di seguito elenco alcuni oggetti che ci si pu procurare senza difficolt: Un visore notturno a infrarossi (per esempio, quelli russi di tecnologia G. Quest'indicazione me l'ha data un guardone incontrato su una chat). Si pu trovare su tutti i siti di aste virtuali. Un buon binocolo. Un cannocchiale pieghevole. Un nascondiglio mimetico. Ce lo si pu fabbricare artigianalmente, con rami, cartone, sassi o coperte. Del resto, qual il colmo per un voyeur, se non quello di essere guardato? Chiunque pu procurarsi un armamentario come questo. Il visore notturno, comunque, indispensabile, visto che solitamente si spia di notte. Lessico per guardoni alle prime armi I voyeur che si incontrano sui siti web specializzati hanno il loro gergo. Le definizioni che seguono possono aiutare a capirlo un po' meglio. Gli scopandi: la coppia vittima del guardone nel pieno di un atto carnale. Il lancio: l'azione di lanciarsi per avvicinarsi e guardare. Gli scudi: ostacoli che proteggono il guardone dalla vista della coppia spiata. I belvedere: luoghi frequentati dalle coppie per fare sesso. Sono i posti dei voyeur. Sono conosciuti anche come scopodromi. Imbosco di prima: posto molto frequentato da coppie e guardoni. I clown: le coppie che si esibiscono davanti ai guardoni senza fare sesso, solo per attirare l'attenzione. Sono il nemico numero uno dei voyeur, dato che questi sono interessati solo alle coppie che lo fanno per davvero e in modo spontaneo. I clown sono facili da riconoscere: di solito ridono molto e si girano per aver conferma che c' pubblico. Ma non si fonderanno mai l'uno con l'altro in un atto appassionato, perch sono solo interessati a vedere cosa capita intorno a loro. Far ballare il culo: allusione all'ultima fase del coito, quando le coppie muovono freneticamente il bacino. In altre parole, quando si abbandonano completamente al partner. In questa fase il guardone pu avvicinarsi di pi al suo obiettivo, visto che gli spiati sono troppo presi per notare quello che succede fuori. Upskirt: parola inglese che significa, letteralmente, su per le sottane. come dire, guardare sotto le gonne. Alcuni guardoni si servono di microcamere per vedere se una donna porta o no le mutande, eccetera. Su internet questo termine molto usato per indicare le foto o i video di donne beccate dal di sotto. Downblouses: parola inglese che significa, letteralmente, gi per le camicie. come dire, guardare sotto la camicia. Il termine usato per riferirsi a foto o video di donne che si spogliano dalla vita in su. molto usato su internet. Dogging: parola molto diffusa negli anni Sessanta, in particolare nel Regno Unito. Deriva da dog (cane). Con la scusa di portare fuori il cane, il voyeur ne approfitta per andare a spiare le coppie. Oggi il dogging un misto di voyeurismo/esibizionismo/scambismo. La gente si contatta via internet e si mette d'accordo per avere rapporti in pubblico. Pornoscopia evacuatoria: atto di spiare nei bagni pubblici, apertamente o attraverso i buchi della serratura. Ispezionismo uditivo: atto di eccitarsi mentre si ascoltano conversazioni intime, sospiri, gemiti, eccetera, di una coppia che sta facendo l'amore. Se vi Pagina 42

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt eccitate nel sentire il rumore del materasso, rientrate anche voi in questa categoria. Mi dispiace... Dove andare a guardare Confesso di aver avuto la tentazione di scrivere i nomi di tutti i luoghi frequentati dai guardoni di Madrid e di Barcellona. Alla fine, per, ho deciso di non farlo. Spero che mi capiate: se non rendo pubblico l'elenco semplicemente per evitare che questi posti diventino il bersaglio di retate o vengano smantellati. In ogni modo, chiunque fosse interessato/a a conoscere i posti panoramici di queste citt pu scrivermi un'e-mail all'indirizzo indicato sull'aletta di copertina (ninfa@valerietasso.com). Risponder anche alle coppie che hanno l'abitudine di fare l'amore in macchina e, ovviamente, a quelle a cui non dispiace essere oggetto di sguardi indiscreti. Per i giramondo, poi, ho un intero fascicolo sui belvedere delle citt pi importanti. I gay non sono esclusi. Ovviamente, per evitare che si infiltri qualche simpaticone interessato a tutto fuorch al piacere di osservare, necessario rispondere al seguente quesito: Chi erano, secondo Marcel Duchamp, quelli che creavano i quadri?. A quelli che saranno in grado di rispondere in modo corretto o intelligente, far di tutto per fornire le informazioni richieste. Ma che fine ha fatto l'esibizionista con l'impermeabile? L'esibizionismo l'altra faccia del voyeurismo e viene anch'esso considerato una parafilia. Ma l'esibizionista per eccellenza, quello che girava nudo con un impermeabile addosso e mostrava i genitali alle ragazze, seriamente a rischio di estinzione. Nella mia vita, penso di aver incontrato quattro o cinque esibizionisti. L'ultimo fu otto anni fa, sul metr di Barcellona, alle nove del mattino. Era in giacca e cravatta, e la sua faccia mi era familiare. Teneva l'impermeabile appoggiato sulle gambe, a nascondergli le mani. Per non mi immaginavo cosa stava facendo. Quando la carrozza si fu svuotata, alz l'impermeabile e, tutto rosso in volto, mi mostr il suo arnese, eretto e trionfante alla luce dei neon. Repressi una gran risata. Sicuramente non gli davo soddisfazione, perch non mi scandalizzai. Rimasi seduta al mio posto come se niente fosse, leggendo un romanzo francese. Frustrato, scese alla fermata dopo. Quando avevo circa tredici anni, mentre aspettavo l'autobus per andare a scuola, un camion si ferm al semaforo, proprio davanti a me. Alzando gli occhi, vidi che il camionista mi guardava e nello stesso tempo si masturbava. Me ne accorsi perch il suo braccio destro si agitava freneticamente. Poi si tir su per mostrarmi, con la generosit tipica dell'esibizionista, la sua mazza grossa e diritta. Era sublime. Distolsi lo sguardo, non perch la scena mi scandalizzasse, ma perch stavo ridendo come una pazza. Appena il semaforo divent verde, ripart, con l'uccello all'aria, e scomparve. Questo episodio non mi traumatizz. Fu molto peggio lo scompiglio che si cre intorno a sto fatto, per esempio i commenti dei miei genitori. Quando lo raccontai a casa, mia madre divenne rossa come un peperone, alz le braccia al cielo e ordin a mio padre di attivarsi per fare arrestare quell'infame che ha abusato della mia bambina. Il dramma dur una settimana, e alla fine lo sapeva tutto il vicinato. Io avevo ripreso la mia vita, senza darci troppo peso. Ma lo scandalo che avevano fatto scoppiare i miei mi costrinse a fare una descrizione esatta dell'accaduto in un commissariato di polizia. Credo che per un bambino sia molto pi traumatico rilasciare una dichiarazione in un commissariato che la vista, fra le gambe di un uomo, di un verme con qualche pelo ribelle intorno. Essere costretti a descrivere a dei signori in divisa quello che era successo quel giorno fu autentico eroismo. Un fatto che mi segn per tutta la vita. Mi ricordo ancora le facce di quei poliziotti. Della faccia dell'esibizionista, invece, ho solo una vaga idea. Cose del genere non che accadono tutti i giorni. Le notizie di arresti per esibizionismo sono molto rare. In compenso, per, sono pi numerose di quelle che riguardano i voyeur. Ed logico, del resto: l'esibizionista da pi fastidio del voyeur, perch il suo scopo esattamente il contrario di quello dell'altro. L'esibizionista punta a farsi vedere, ad attirare l'attenzione mentre esibisce spudoratamente i suoi genitali. Il guardone, invece, cerca di passare inosservato. Mentre effettuavo le indagini per questo libro, trovai soltanto tre notizie di arresti per esibizionismo: Fermato a Murcia un ragazzo di 19 anni per esibizionismo di fronte a minorenni (laverdad.es, 27 settembre 2005). Arrestato a Beasain per esibizionismo di fronte a una minore (el correo Pagina 43

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt digital, 30 settembre 2005). Provincia di Bajadoz: confermata condanna a nove mesi di prigione per esibizionismo (hoydigital, 14 ottobre 2005). Cos' successo? La societ riuscita a eliminare questa piaga che un tempo terrorizzava le madri ogni volta che i figli andavano a scuola? Dove sono finiti gli esibizionisti di una volta? Le misure poliziesche sono riuscite a reprimere queste pratiche? In realt, gli esibizionisti non sono finiti da nessuna parte. Continuano, pi presenti che mai. Semplicemente, si sono trasformati. L'esibizionista stato inglobato dalla societ per il divertimento di tutti. Si perfino istituzionalizzato. Ormai non mostra pi i genitali. Fa ben di peggio: mostra tutto. I suoi stati d'animo, le sue miserie. Ha sacrificato i genitali a favore della propria vita, e viene per di pi pagato per farlo. La televisione lo scenario di un nuovo tipo di esibizionismo, pi pericoloso di quello dell'impermeabile. Cos' pi osceno, vedere l'uccello molle di un poveraccio o sopportare per ore una coppia che lava i panni sporchi davanti alle telecamere? Ritengo pi interessante leggere Il sesso dilrne di Aragon, la Storia dell'occhio di Bataille o il Manuale per l'educazione delle fanciulle di Pierre Louys, su cui il dottor Joan Romeu, mio amico e collega, ha passato tante piacevoli notti in bianco. Per quanto insolente possa essere, l'esibizionista-voyeur letterario non esercita sulle persone un'influenza cos deleteria come i protagonisti della tv spazzatura. Attraverso le immagini, questo fenomeno sta iniziando a penetrare silenziosamente e impercettibilmente nell'immaginario collettivo. come una bomba a scoppio ritardato. Io non sono affatto esclusa da tutto ci. Anzi, ne faccio parte. Sono un'esibizionista che si reinventata e s' ritagliata un posto nella societ. Ma, almeno, cerco di argomentare quello che faccio, attraverso i miei libri. Senza troppo scalpore, cosa molto difficile, visto il branco di idioti che mi capita di incontrare. E senza perdere mai il sorriso. Al lettore malpensante voglio dire che, pur essendo un personaggio televisivo, guadagno molto meno di quando facevo la puttana... Epilogo Il proverbio Non bello ci che bello ma bello ci che piace non sembra valere quando si parla di sessualit. Accettiamo che la gente si vesta come le pare, pretendiamo di integrare i cosiddetti diversi, usiamo una parola politicamente corretta come tolleranza, ma quando i gusti sessuali di qualcuno non corrispondono alla convenzione, li tacciamo di perversione. Che umanesimo da quattro soldi, il nostro! E adesso che cosa facciamo? mi chiese il mio fidanzato dopo essersi fumato la trentaquattresima sigaretta della serata. Be', niente. Aspettiamo. Cos'altro possiamo fare? risposi con voce paziente e con un pizzico di rassegnazione. Ma "Il vigilante delle spiagge" non ti aveva detto che c'era sempre il pienone, nei fine settimana? S, aveva detto cos. Forse siamo arrivati troppo presto. E guardai per l'ennesima volta il foglietto su cui avevo annotato le indicazioni del Vigilante delle spiagge. Forse ti ha dato un'informazione sbagliata. Non dimenticare quello che ti ha detto Dali72. Hai fatto la moltiplicazione per tre dei preservativi? E cominci a ridere. Mi stai prendendo in giro... Sai benissimo che la prima volta che vengo qui. Come posso fare la moltiplicazione per tre? Non mi metto mica a contarli adesso, al buio... E poi, se non ci comportiamo con naturalezza, ci beccano all'istante. Cap che cosa intendevo dire. Mi strinse fra le braccia e mi baci appassionatamente. A me scappava da ridere. Certo che se dobbiamo venire in posti come questo per movimentare la nostra vita sessuale... Ma lui mi mise a tacere afferrando con forza le mie labbra con le sue. Quella sera, non vedemmo nessun voyeur. Perch, di certo, erano di quelli in gamba... A letto con i Bodansky L'orgasmo di sessanta minuti (minimo) Avevo comprato i libri dei Bodansky, e perfino il loro ed, avventurandomi alla ricerca di quel fantastico orgasmo che dovremmo provare tutte almeno una volta nella vita. Pagina 44

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt L'orgasmo imponente e prolungato Vera e Steve si conobbero all'Universit di More, nella California del Nord, e da quel momento non si sono pi lasciati. Lavorarono insieme negli anni Settanta, e negli Ottanta insegnavano nella stessa universit dove avevano studiato. Vera, nata a Belgrado nel 1935, era sempre stata di facile orgasmo. Per lei, quindi, fu pi che naturale avviare insieme al marito un'attivit incentrata sul prolungamento del piacere, e ben presto iniziarono a chiamarsi dottori in sensualit. In pi di un'intervista, Vera confess che, perfino durante il parto, aveva avuto, dopo le contrazioni, un orgasmo intensissimo e assolutamente incredibile. Nel 1987, i Bondansky ebbero l'idea di mostrare in pubblico gli orgasmi di Vera per insegnare la loro tecnica a tutti i presenti. E a questo si dedicano oggi, attraverso la formula delle lezioni private o dei seminari di gruppo. Dicono che Vera sia capace di provare un orgasmo di un'ora il che l' valso il soprannome Signora sessanta minuti - anche se il suo record tre ore d'orologio. Suo marito Steve, originario di New York, laureato in biologia molecolare, anche se non esercita. Vivono a Walnut Creek, a est di San Francisco, dove tengono la maggior parte dei loro corsi. Due volte l'anno, per - di solito in autunno e in primavera - sono gli ospiti d'onore della School of Womanly Arts di New York, l'istituto per il piacere femminile fondato dalla guru Marna Gena, una donna davvero singolare, popolarissima negli Stati Uniti e nota a tutti come la Dea dell'Amore. Ma di lei parleremo pi avanti. Steve e Vera Bodansky hanno scritto tre libri che sono stati best seller nel loro paese. Il primo, pubblicato nel 2000 dalla casa editrice Hunter House, si intitola Extended Massive Orgasm e offre una serie dettagliata di informazioni e consigli sui rapporti sessuali e sull'orgasmo femminile. Nel 2002, sempre per Hunter House, uscita la loro Illustrated Guide to Extended Massive Orgasm, Guida illustrata dell'orgasmo imponente e prolungato, in cui la questione dell'orgasmo femminile e maschile viene trattata approfonditamente attraverso una serie di illustrazioni esplicative del testo. Il loro ultimo libro, pubblicato nel 2006 dalla stessa casa editrice, si intitola To Bed or not to Bed: What Women Want, How Great Sex Happens. Al di l dei loro libri, i Bodansky sono diventati famosi per essere riusciti a dimostrare sulla propria pelle, cio attraverso il corpo di Vera e la mano di Steve, che la donna pu godere fin dal primo istante in cui viene toccata dal partner. Vera riesce a raggiungere quello che i Bodansky definiscono un orgasmo imponente e prolungato. Di solito, un orgasmo normale dura fra i 15 e i 20 secondi ed formato da 10-12 spasmi. Ovviamente, dipende da ogni donna, ma pi o meno i numeri sono quelli. L'orgasmo imponente e prolungato pi intenso e pu durare finch la coppia lo desidera. Steve capace di provocare a sua moglie questo tipo di orgasmo, e Vera di raggiungerlo. Riunire queste due abilit non per niente facile. Vera si dovuta allenare moltissimo prima di riuscire a godere per ore. L'orgasmo femminile un'arte, e per riuscire a dominarlo bisogna fare molta pratica. Ma alla portata di tutti. Qualsiasi uomo dovrebbe essere in grado di toccare bene una donna, e qualsiasi donna dovrebbe riuscire a raggiungere orgasmi cos soddisfacenti. solo una questione di apprendimento e di pratica. L'orgasmo imponente e prolungato non ha niente a che vedere con la genetica, e nemmeno con la fortuna. E questo rassicura pi di uno/a. Secondo i Bodansky, le donne hanno un vantaggio fisico: dopo un orgasmo, al contrario dell'uomo, non sono costrette a recuperare prima di averne un altro. Molti uomini ignorano che la clitoride possiede pi di ottomila terminazioni nervose, il doppio di quelle del glande. Il problema che spesso non siamo capaci di comunicare con il partner per esplorare i punti che ci danno maggiore piacere. La tecnica non tutto. Bisogna conoscere anche il desiderio dell'altro. Orgasmo al primo tocco Quando i Bodansky tengono un seminario, Vera si spoglia e si sdraia a gambe aperte su un lettino di fronte a tutti i partecipanti. A Steve occorrono soltanto lubrificante e tempo per riuscire a stimolare con pazienza e dolcezza la moglie, di fronte agli sguardi attoniti degli spettatori. Steve non si spoglia. Gli bastano solo le dita come strumento di piacere. Non c' penetrazione. inutile: lo sappiamo che le donne non hanno orgasmi vaginali. Si dice che solo due donne su mille arrivino a provarne uno, e anche in questo caso si tratta soprattutto di orgasmi psicologici, indotti dalla sensazione di pienezza. Steve si cosparge le dita di lubrificante e lo spalma, prima sulle piccole Pagina 45

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt labbra, poi sulle grandi. All'inizio, la clitoride rimane asciutta. In questo modo se ne riesce ad apprezzare meglio il cambiamento di colore in base alla quantit di sangue che si concentra nella zona. Vera inizia a reagire alle carezze del marito fin dal primo istante. Il trucco, secondo i Bodansky, consiste nell'eliminare dal corpo qualsiasi tensione. L'intensit dell'orgasmo di Vera sar in crescendo a mano a mano che il corpo inizier a liberarsi della tensione e dello stress. Rilassarsi fondamentale, altrimenti si rischia di interrompere il flusso sanguigno che ossigena le terminazioni nervose. La concentrazione si focalizza sui genitali. Steve insiste continuamente sul piacere di toccare e accarezzare, che altrettanto importante della tecnica in s. Spesso, infatti, trascuriamo il senso del tatto. Mentre stimola sua moglie, Steve le infila una mano sotto le natiche. Poi, con il pollice, inizia a stringere la parte bassa dell'apertura vaginale senza interrompere la stimolazione della clitoride: i gesti sono sempre gli stessi, ma variano in quanto a cadenza, intensit e durata. Con questa tecnica, Steve riesce a indurre in Vera degli alti e dei bassi. Variare il ritmo, secondo lui, importantissimo. Durante la dimostrazione, Vera non si distacca mai dal pubblico, e nemmeno da suo marito. Al contrario. molto partecipe, e risponde alle domande che le vengono rivolte. Secondo i Bodansky, la maggior parte delle coppie non gode nel fare l'amore perch non riesce a comunicare. Perch non ha il coraggio di esprimere i propri desideri. E cos, alla cieca, molto difficile raggiungere l'eccitazione. Steve ha sempre con s un cronometro per mostrare agli spettatori i tempi dell'orgasmo di Vera. La dimostrazione, di solito, dura un'ora, in cui Vera gode dall'inizio alla fine. Al termine della seduta, Steve invita i partecipanti a riunirsi in cerchio attorno alla moglie per respirare un po' dell'atmosfera orgasmica emanata dal corpo di Vera. Poi ha inizio la discussione. Vera e Steve Bodansky impartiscono anche lezioni private, sia di coppia sia individuali. Durante queste lezioni, le donne imparano a raggiungere l'orgasmo pi intenso che abbiano mai provato in vita loro. E gli uomini apprendono le tecniche per riuscire a indurre questo tipo di orgasmo. A volte i Bodansky si intrufolano persino nell'intimit di una stanza per insegnare a un uomo come stimolare manualmente sua moglie. Lo osservano dal vivo per guidarlo, se necessario, nelle tecniche di stimolazione. Ai principianti si consiglia non meno di una ventina di sedute di 10-15 minuti. Come ho gi spiegato, raggiungere questo tipo di orgasmo non per niente facile, proprio come non per niente facile diventare un grande atleta. In entrambi i casi, ci vuole molto allenamento. Gli insegnamenti dei Bodansky La scuola di orgasmi imponenti e prolungati dei Bodansky offre corsi e seminari di ogni genere, legati tutti al rapporto di coppia, alla comunicazione e alla sensualit. Qui di seguito offro una panoramica per tutti gli interessati. Il tveekend sensuale Sono due giorni dedicati alle tecniche naturali del piacere e ai segreti per rendere pi appagante la propria vita. I Bodansky rivelano i loro metodi per intensificare e prolungare l'esperienza sensuale. Fra gli argomenti trattati, la differenza tra sensualit e sessualit, l'apprendimento delle posizioni e delle tecniche per ottimizzare l'orgasmo, pratiche sessuali sicure, eccetera5. Il weekend della comunicazione Sono due giorni dedicati alle forme di comunicazione verbale e non verbale della coppia, e comprendono lo studio dell'intenzione, dell'attenzione, dell'intonazione, della trasmissione efficace di informazioni, eccetera. Il weekend uomo-donna Sono due giorni in cui si descrivono le differenze tra i sessi, i loro miti e le realt. Il corso vivamente indicato sia per le persone che hanno gi un partner sia per quelle che lo stanno ancora cercando. Lezioni private Le lezioni private sono riservate agli studenti di livello avanzato, con o senza partner. Corso Tic (Touch and Look Course) Tradotto sarebbe il corso tocca e guarda. Dura un intero weekend ed suddiviso in sei sedute finalizzate all'applicazione delle tecniche descritte nel weekend sensuale: come allenare il partner, come imparare a toccare consapevolmente, l'arte della seduzione, come percepirsi in quanto esseri sensuali, eccetera. Non necessaria la presenza del partner, ma obbligatorio aver partecipato al weekend sensuale. possibile spezzare il corso in sei settimane, con una seduta a settimana. Pagina 46

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Corso Ctc (Come Together Course) Il corso venire insieme si articola in sei sedute serali di tre ore l'una a frequenza settimanale. Lo scopo delle lezioni studiare le similitudini tra uomo e donna per riuscire a stabilire un contatto sempre pi intimo. Il Ctc molto impegnativo e, al di l della frequenza settimanale, prevede esercitazioni a casa. Il corso rivolto esclusivamente a coloro che hanno gi frequentato il Tic e che desiderano arrivare a provare pi piacere. Per frequentarlo necessario avere un partner. Le dee del piacere Due volte l'anno, i Bodansky attraversano tutto il paese per recarsi all'istituto del piacere femminile, la School of Womanly Arts di New York, in cui tengono i loro corsi e fanno le loro dimostrazioni dell'orgasmo imponente e prolungato. L'istituto stato fondato da Regena Thomashauer, nota a tutti con il soprannome di Marna Gena, la Dea dell'Amore. Questa donna prossima alla cinquantina, le cui allieve si autodefiniscono sorelle dee, dirige l'istituto ormai da diversi anni. La filosofia del centro consiste nel fare scoprire a tutte le donne cosa amano veramente e come costruire su questo la loro vita. Muovendosi nel solco della tradizione statunitense dell'autoaiuto, Marna Gena ricorre a concetti semplici che tutti conoscono ma che nessuno mette mai in pratica: in sostanza, scoprire il potere del piacere. Individuando i propri desideri e familiarizzando con i piaceri sensuali o, come dice lei, con tutto quello che ti fa bagnare - oltre che con il proprio lato oscuro, le donne possono ottenere tutto quello che vogliono, tra cui, per esempio, far impazzire d'amore gli uomini. Per avvicinare le donne al piacere, Marna Gena ha elaborato un piano di studi di sette settimane scandito da alcune regole rigidissime: si va dal liberarsi della sindrome della Brava Moglie (a detta di Marna Gena, quella tendenza al sacrificio assolutamente contro natura) allo scegliere un look che rispecchi i propri gusti (quanto pi da zoccola, tanto meglio), passando per i film di Mae West e per la pratica della Pussy Appreciation (l'apprezzamento della fica). Quando arrivano all'istituto di Marna Gena, i Bodansky hanno il difficile compito di svelare i segreti del piacere nella zona in mezzo alle gambe. La seconda fase consiste nell'insegnare alle donne come addestrare i loro mariti o partner. La cosa ha talmente successo che Marna Gena tiene perfino corsi a distanza, via telefono, per le persone che non possono andare a New York. Marna Gena dirige un programma televisivo, Mag Rack, nel quale spiega alcuni trucchi tratti dalle sue lezioni e dai suoi libri con cui le donne possono raggiungere tutti i loro obiettivi. Proprio come la sorella dea Nancy Reagan, che riuscita a portare il marito alla Casa Bianca. Ho tentato per voi l'orgasmo imponente e prolungato e... non ci sono riuscita tutta una questione di punti: prima il punto G (sarebbe la radice della clitoride all'interno della vagina. Ma non tutte le donne provano piacere nello stimolarlo - meno male, iniziavo a pensare di essere un animale strano!), poi il punto P (finora attribuito agli uomini per via della P di prostata). Il punto P, nella donna, corrisponderebbe alla P di piacere. E abbastanza facile da trovare: si trova nella parte superiore sinistra della clitoride (dal punto di vista della donna), una volta che questa venga scoperchiata dal suo cappuccio. Con queste nozioni in testa, comprai i libri dei Bodansky, e perfino il loro ed, avventurandomi alla ricerca di quel fantastico orgasmo che dovremmo provare tutte almeno una volta nella vita. Le illustrazioni non sono molto complicate. E nemmeno il materiale necessario: bastano un paio di mani. I Bodansky consigliano di usare la mano destra. Prima fanno vedere come scoperchiare il cappuccio della clitoride e come afferrarlo con il pollice destro, una delle tecniche in cui gli uomini hanno pi difficolt. A me sembr elementare. Ma andiamo avanti. Il pollice destro deve essere premuto sulla parte superiore sinistra della clitoride (dalla prospettiva della donna). La pressione deve essere costante ma non troppo intensa, altrimenti si rischia di farsi male (non dimentichiamo che si tratta di una zona estremamente sensibile). In questo modo, tra le altre cose, si riesce a tenere scoperchiato il cappuccio. Una volta che si imparato il trucchetto, diventa pi facile toccare la clitoride in qualsiasi punto e con una sola mano. I Bodansky dicono che i mancini hanno un piccolo vantaggio: quando scoperchiano il cappuccio della clitoride con il pollice, l'indice e il medio si trovano nell'inclinazione perfetta per raggiungere il punto P. Ma il mio Pagina 47

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt fidanzato e io, da bravi destri, non potemmo approfittare di questo vantaggio. Seguendo questo metodo si pu raggiungere l'orgasmo, ma per me fu una sensazione molto lontana dal famoso orgasmo imponente e prolungato. Confesso di essermi sentita davvero frustrata. All'inizio, pensavo che fosse molto pi semplice, anche se i Bodansky non si stancano mai di ripetere che per raggiungerlo bisogna allenarsi moltissimo. E liberare il corpo dallo stress... Io mi ero fatta qualche bagno. Fino a quasi finire addormentata. Allora, cos'era che non aveva funzionato? Io? Il mio fidanzato? A furia di pormi tutte quelle domande, diventai pi stressata di quanto lo fossi prima di entrare nella vasca. L'esperimento si concluse con una masturbazione tradizionale. Chiusi i libri incazzata e mi misi a dormire. Gli orgasmi femminili del futuro: baster un apparecchio? Se il metodo basato sull'orgasmatrn - ribattezzato cos in onore del film Barbatella (1968) - funziona davvero, pu anche darsi che i Bodansky e Marna Gena abbiano i giorni contati. E gli uomini anche. L'orgasmatrn un dispositivo di elettrodi che viene impiantato nella spina dorsale della donna ed collegato a uno stimolatore sottocutaneo simile a un pace-maker. Azionando un telecomando, i segnali elettrici inviati sono in grado di attivare le terminazioni nervose e di provocare un orgasmo. Attualmente l'apparecchio ancora in fase sperimentale, ma la sua efficacia gi stata testata da una donna che aveva difficolt a raggiungere l'orgasmo. Il suo inventore, Stuart Meloy, afferma che questo sistema potrebbe funzionare anche sugli uomini. Meloy un medico che lavora in un centro della Carolina del Nord specializzato in medicina del dolore. L'idea dell'orgasmatrn gli venuta in sala operatoria, quando si accorto che una paziente, cui stava praticando un intervento mirato all'eliminazione di un dolore specifico, reagiva con un orgasmo. L'intervento consisteva nell'impiantarle nella spina dorsale due elettrodi destinati ad agire sulla zona interessata, attraverso una scarica di impulsi elettrici. In seguito a questo episodio, il dottor Meloy non ha esitato a brevettare la sua invenzione. Se fosse messo in commercio, questo aggeggio costerebbe intorno ai 13mila dollari, esclusi i costi dell'operazione. La gente, per, sembra abbastanza restia all'idea di sottoporsi a un'azione cos invasiva, anche se per una buona causa come la cura di problemi sessuali femminili legati, per esempio, all'anorgasmia. Un intervento del genere suscita parecchio timore, sebbene, a dar retta a Meloy, abbia la stessa pericolosita' di un'iniezione epidurale. Altre norme alla normativa sessuale Almeno per il momento, agli orgasmatrn e trovate simili continuo a preferire il metodo dei Bodansky, anche se comporta ore di pratica e di allenamento. Il loro modo ingenuo e quasi altruistico di servirsi dei propri corpi per aiutare gli altri nella ricerca del loro piacere, mi fa molta tenerezza. I Bodansky si distinguono perch sono convinti di quello che fanno, e lo fanno con amore. Mi ricordano un po' Masters e Johnson, la coppia statunitense che ha dato tanto alla sessuologia contemporanea. Solo che, in questo caso, le cavie sono loro stessi. Si espongono in prima persona. E secondo me una cosa ammirevole. Bisogna ammettere, comunque, che il carattere eccentrico di questi specialisti in sensualit pu suscitare qualche dubbio sulla loro attendibilit. I Bodansky hanno ricevuto diverse critiche, anche se io ne ho trovate poche. Gli si potrebbe contestare l'atmosfera da setta che si viene a creare quando i partecipanti si raccolgono in cerchio, attorno al corpo di Vera, per godere del climax di quella comunione orgasmica. Ma in tutto ci, sebbene vi sia un che di ridicolo, non c' niente di male. Vera mostra la propria nudit con estrema naturalezza, ed gi tanto. Li si potrebbe accusare di eccitarsi guardando gli altri, con la scusa di volerli guidare. Ma neanche nel fatto di prendere parte ai rapporti sessuali degli altri c' niente di male, se questi sono d'accordo. In ogni caso, riuscire a rilassarti di fronte a uno sconosciuto che dice a tuo marito come toccarti... Be', sinceramente la vedo un po' dura. Ai Bodansky si pu rimproverare che non dicono nulla di nuovo. vero. Ma possono essere di grande aiuto agli amanti mediocri che non hanno la pi pallida idea dell'anatomia femminile, e anche a quelli che vogliono avvicinarsi un po' di pi all'amatore ideale che compare sulle riviste e sui libri. Non credo ci sia niente di male nel ripetere cose che si sanno gi. In realt, proprio questo lo scopo dei libri di autoaiuto (tra l'altro, uno dei generi letterari pi venduti al mondo). Rinfrescare un po' la memoria fa sempre bene, e in fatto Pagina 48

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt di sesso ancora di pi, visto che molti di quelli che si vantano di essere vere bombe del sesso, una volta a letto, finiscono per rivelarsi tutt'altro. Ma la vera domanda : che senso ha avere orgasmi imponenti e prolungati che vanno avanti per ore? Il concetto di orgasmo presuppone per l'appunto la sua finitezza. Un orgasmo di tre ore come un cortocircuito dal parrucchiere proprio nel momento in cui ti stanno facendo la piega. Un orgasmo di tre ore fa aborrire gli orgasmi, perch il piacere tale proprio per la sua condizione effimera. Il metodo dei Bodansky un modo per imporre dei limiti, sia temporali (il fattore tempo sempre molto presente) sia fisici (per raggiungere l'orgasmo imponente e prolungato bisogna concentrarsi soltanto sulla clitoride). Presi dalla smania di aiutare gli altri, i Bodansky sembrano dimenticare che il sesso un gioco che va molto al di l dei genitali, un gioco che coinvolge il corpo nella sua interezza e tutto ci che lo circonda. Il metodo dell'orgasmo imponente e prolungato corre il rischio di trasformarsi in una nuova norma. Se una donna prova a raggiungere un orgasmo imponente e prolungato e non ci riesce, gli orgasmi che prova di solito potrebbero finire per diventare una perenne fonte di frustrazione (come capitato a me). La nozione di orgasmo imponente e prolungato sa tanto di competizione. Personalmente, credo che il sesso sia fantastico quando non ha nulla di programmato, quando ci si lascia cogliere dall'effetto sorpresa, quando gli amanti agiscono in tutta spontaneit. E ora ditemi: cosa c' di naturale, di spontaneo e di sorprendente nel restarsene a gambe aperte a farsi toccare per ore? Credo che per prima cosa dovremmo prendere un po' pi di confidenza con la nostra idea di piacere, che spesso viviamo in modo poco disinvolto. A quel punto, che gli orgasmi siano imponenti o no non cos importante. Quello che dobbiamo cercare di fare vivere bene la nostra sfera erotica, la nostra idea di piacere. Attraverso i loro insegnamenti, i Bodansky non fanno che alimentare i soliti miti: l'idea che l'esperienza erotica possa essere misurabile e quella secondo cui la sessualit femminile sarebbe molto pi straordinaria di quella maschile. I Bodansky fomentano la falsa credenza che le donne abbiano orgasmi multipli e gli uomini no. In fondo, gli uomini e le donne non sono poi cos diversi. La pluriorgasmia (termine gi di per s poco chiaro) non un fenomeno esclusivo del genere femminile. E anche sul fatto che la donna goda pi dell'uomo si potrebbe discutere a lungo. In cosa consiste l'orgasmo? Nell'awicinarsi alle stesse sensazioni che gli altri dicono di provare? Se un'esplosione cos intensa come dicono e io non la sento, significa per forza che ho qualcosa che non va? Non sar invece un problema semantico? Io credo che il segreto stia tutto nell'intensificare e nel prolungare i momenti che precedono l'orgasmo, altrettanto gratificanti dell'orgasmo in s. Ma per fare questo ci vogliono una buona dose di intelligenza, un buon livello di comunicazione e una buona conoscenza di come funziona il nostro corpo; non solo i nostri genitali, ma anche la nostra testa... Ci vuole un po' di creativit nella vita di tutti i giorni. Ci vuole un po' di curiosit nei confronti dell'altro e di noi stessi. Per tutto questo, ci vogliono pi di sessanta minuti. Ci vogliono anni di apprendimento, di errori, di insuccessi, di frustrazioni. Ci vuole tutta una vita. Qualcosa di pi di un semplice manuale di istruzioni e di un tubetto di vaselina. No sex please il culto dell'astinenza sessuale ...il dipartimento della Salute, nell'illustrare le sovvenzioni concesse ai progetti educativi sull'astinenza, chiarisce che i progetti selezionati concordano tutti nel non offrire all'adolescente alcuna educazione che abbia a che vedere con altri tipi di condotta sessuale diversi dall'astinenza. Pagina ufficiale della Casa Bianca. Paragrafo Sprans Community-Based Abstinence Education Projects Grants. Astinenza forzata Fu un luned d'inverno, di mattina, quando ricevetti la telefonata. Ero ancora a letto. Il mio fidanzato rispose direttamente e dalla sua faccia capii che era importante. Mi pass la cornetta e si sedette sulla sponda del letto, attento alla mia reazione. per te sussurr, come se parlare piano potesse cambiare qualcosa. Era la mia ginecologa. Ho preferito chiamarti di persona... Nell'esame citologico che hai fatto l'ultima volta, venuto fuori un piccolo problema disse, cercando di sembrare tranquilla. Pagina 49

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Un problema? Che tipo di problema? chiesi sorpresa. Be'... capii che qualcosa non andava. Hanno trovato una lesione al collo dell'utero. Non preoccuparti, sono forme che ogni tanto si manifestano in alcune donne. per questo che si fanno gli esami citologici, per individuare questo tipo di imprevisti. Se non curiamo la lesione, pi avanti possono esserci complicazioni pi serie. Ti ho chiamata per questo, per dirti di venire da me. Ti prescriver una cura e ti spiegher tutto. Una lesione? Ma di cosa? Provocata da cosa? Volevo che mi spiegasse tutto subito, non potevo aspettare il giorno dell'appuntamento. una lesione provocata dal papilloma umano, un virus conosciuto anche come Hpv. molto frequente nelle donne. Se presente in forma leggera, basta sottoporsi a un trattamento. Nei casi pi gravi, invece, c' bisogno di un'operazione. La tua lesione classificabile come Cin ili, un livello abbastanza alto, ma prima di confermarlo dobbiamo fare una biopsia. Comunque sia, intendo prescriverti una cura omeopatica. Ti spiegher tutto durante la visita. Ti ripeto, non hai niente di cui preoccuparti. Lesioni di questo tipo contengono cellule precancerogene. Queste cellule possono mutare, ma possono anche non mutare mai. Si tratta solo di asportare la lesione. Non urgentissimo. Ma ti aspetto. Io ero un po' stordita, non riuscivo a capire esattamente di cosa stesse parlando. Rimanemmo d'accordo di vederci dopo due settimane. Per qualche giorno fui abbastanza in pensiero: quella storia della lesione con cellule precangerogene non mi piaceva per niente. E cos aspettai con impazienza il giorno della visita. Fu inevitabile andare su internet a cercare un po' di informazioni. Ma dopo stavo decisamente peggio. Il papilloma umano (Hpv) un virus che pu determinare l'insorgere di un tumore, se non ci si sottopone a quella che i medici chiamano conizzazione, cio l'estrazione della parte lesa del collo dell'utero. Scoprii anche che l'Hpv si contrae per via sessuale, e che ne soffrono moltissime donne. In una chat specializzata, lessi qualche commento di donne terrorizzate in attesa di sottoporsi a una conizzazione. E la cosa non mi confort per niente. Molti siti parlavano del virus del papilloma umano in termini decisamente allarmistici. E cos, dopo aver consultato centinaia di siti, decisi di lasciar perdere perch finivo soltanto per buttarmi ancora pi gi. Prima di abbandonarmi al delirio, dovevo vedere il mio medico. Arrivai all'appuntamento nervosa come non mai, e credo che la mia ginecologa se ne accorse subito. Mi prescrisse alcune medicine omeopatiche, compil una scheda infilandola in una busta e mi diede il numero di telefono di un luminare del settore. Si conoscevano personalmente, avevano lavorato insieme. Di interventi cos ne fa diversi al giorno. Vai da lui, ti far una colposcopia e una biopsia per capire se necessario fare la conizzazione. Stai tranquilla, sei in buone mani. Io volevo sapere come avevo fatto a prendere il famoso Hpv. Nella maggior parte dei casi, si trasmette tramite rapporti sessuali. A volte ereditario. Le lesioni di questo tipo colpiscono le donne fra i diciotto e i quarant'anni. Ma sono sempre pi giovani le donne che ne soffrono. Un rapporto sessuale non protetto con un uomo infetto da Hpv implicava una possibilit di contagio. Io avevo sempre preso precauzioni.... b, quasi sempre. Mi preoccupai per il mio fidanzato, volevo sapere se potevo contagiarlo. Lei mi rispose con un s categorico, aggiungendo per che le conseguenze erano molto meno gravi che nelle donne. Di ritorno a casa, chiamai subito il medico consigliatomi dalla ginecologa, e la sua segretaria mi fiss un appuntamento di l a qualche giorno. Il mio fidanzato e io andammo all'appuntamento non senza prima aver consultato altri siti internet sull'argomento. Era una specie di ossessione. Ogni giorno trovavo nuove informazioni, davvero poco confortanti. Quando il medico ci ricevette e lesse la diagnosi della mia ginecologa, il suo sorriso mi rassicur subito. Si prese il disturbo di farmi un disegno dei genitali, dell'utero e del collo dell'utero, e quando mi disse che il trenta percento delle donne spagnole soffriva dello stesso male, mi sentii meno abbandonata al mio destino. Se ti faccio una conizzazione, cio, se ti tolgo la parte lesa, hai tra il novantacinque e il novantanove percento di possibilit di guarire. In vent'anni di esperienza, non ho mai avuto nessun problema. Per cui stai tranquilla. Prenota subito una colposcopia e una biopsia all'ospedale che ti dico io, e appena avremo l'esito sapremo se fare o no una conizzazione. Cos a occhio direi di s, perch hai un Cin in, ma prima di confermarlo devo vedere i risultati delle analisi. Finii in sala operatoria per la conizzazione. Pregai uno studente che Pagina 50

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt assisteva lo specialista e che mi riconobbe dalla televisione, di non chiedermi nessun autografo. Gli stavo gi dando abbastanza, aprendo le gambe davanti a lui. Alla fine, tra una cosa e l'altra, mi tolsero 1,3 centimetri di collo dell'utero. E oggi sono in perfetta forma. Fu molto pi nociva la miriade di informazioni che trovai sull'Hpv che il virus in s, ovviamente senza nulla togliere alla gravita di quello che mi successe. Lessi di tutto, dal fatto che l'Hpv era incurabile al fatto che rappresentava la causa principale di morte femminile, pi dell'Aids. Tutti questi siti erano americani e predicavano l'astinenza come l'unico modo per lottare contro le malattie da trasmissione sessuale, tra cui anche l'Hpv. Il medico mi avvert che dopo l'operazione non avrei potuto avere rapporti sessuali per un mese. Immagino che si riferisca ai rapporti sessuali con penetrazione vaginale, puntualizzai con un pizzico di malizia. S, certo. sorrise. Ma tutto il resto lo posso fare, vero? A quel punto scoppi a ridere. Non crede che tutte le informazioni che ho trovato su internet siano un modo per dissuadere le donne dall'avere rapporti sessuali? Per farle sentire colpevoli se scopano? Non mi rispose. Si limit a sorridere. Ma di fronte alla mia sfrontata insistenza sull'argomento, si sent in obbligo di dirmi una cosa. Su internet si trova di tutto. E non tutto vero. Per cui ti consiglio di non leggere pi questo genere di cose. Ci stringemmo la mano e desiderai con tutte le mie forze di non rivederlo mai pi. Non per altro. Lui era adorabile. Solo, non volevo avere ancora bisogno di lui. Capita a tutti, prima o poi, di avere periodi pi o meno lunghi di astinenza sessuale. La maggior parte delle volte, non per propria volont. Per quanta voglia si possa avere, dubito fortemente che si sia davvero disposti a fare sesso con chiunque e in qualsiasi momento. Perfino a me capitato di rinunciare forzatamente al sesso, e non solo per via dell'operazione, ma perch c' stato un periodo della mia vita in cui non battevo chiodo. Mi riferisco a quando usc Diario di una ninfomane. Per quello che raccontavo, molti uomini provavano un rifiuto inconscio nei miei confronti, per il fatto di aver osato dare in pasto la mia vita sessuale all'opinione pubblica. Erano tutti riluttanti all'idea di fare sesso con me, anche quelli che morivano dalla voglia di farlo. Il cosa diranno era pi forte del desiderio. Per di pi, avevano paura di non essere all'altezza, perch erano tutti convinti (erroneamente) di trovarsi di fronte a un'esperta che dai suoi amanti pretendeva la perfezione assoluta. Quel periodo non fu affatto divertente. Ma visto che si impara sempre qualcosa, quell'esperienza mi serv a migliorare la mia esperienza con l'onanismo, che, detto en passant, spesso molto meglio di un rapporto sessuale con un amante mediocre. Insomma, ragazze, pensateci due volte prima di pubblicare la vostra vita privata. Che stragi pu fare un libro! La societ dice di essere preparata a queste cose, ma non sempre vero. Mi chiedo come sarebbe andata se fossi stata un uomo. Sicuramente a quest'ora sarei un dongiovanni molto ambito. Basta guardare i calciatori: pi corna fanno alle loro donne, pi sono quotati nel mercato sentimentale. Come ho detto, mentre cercavo su internet informazioni sull'Hpv trovai diversi articoli che parlavano del grande successo dei programmi abstinence only (solo astinenza) come unico modo per lottare contro le malattie da trasmissione sessuale e le gravidanze indesiderate. Negli Stati Uniti, alcune associazioni cercano di inserire questo tipo di iniziative nei programmi scolastici. I corsi di astinenza sessuale sono sempre pi diffusi, e la cosa pi sconvolgente che a finanziarli proprio il governo federale. Il sesso da fastidio Nel 1981, il Congresso americano approv la famosa Legge della Castit, concepita per finanziare progetti educativi con il preciso scopo di promuovere l'autodisciplina sessuale e la castit. All'epoca non si parlava ancora di programmi di solo astinenza, ma iniziava gi a profilarsi quello che sarebbe successo in seguito. Molti gruppi religiosi si impossessarono di questi programmi e, una decina di anni dopo, la Corte suprema degli Stati Uniti chiese espressamente che quelli finanziati dal governo federale venissero privati della loro esplicita connotazione religiosa. Come si poteva lasciare che le tasse dei cittadini fossero utilizzate per sovvenzionare programmi a sfondo religioso, visto che la Chiesa e lo Stato sono due entit separate? In realt, diciamolo Pagina 51

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt pure senza paura, gli Stati Uniti sono una teocrazia. A spiegarcelo in modo eccellente un interessantissimo articolo di Toms Eloy Martinez, intitolato La creazione secondo Bush e apparso sul quotidiano ElPais il 15 ottobre 2005. L'intervento della Corte suprema non serv granch, perch gli enti pi importanti che beneficiavano di questi fondi, tutti a chiara connotazione religiosa e per la maggior parte veri e propri gruppi fondamentalisti cristiani, erano economicamente molto potenti. E le cose stanno cos ancora oggi. I programmi di abstinence only consistono nello spiegare, nelle scuole pubbliche e in quelle private, che l'unico modo per non restare incinte o per non contrarre una malattia venerea astenersi da qualsiasi attivit sessuale fino al matrimonio. Questi programmi sono diretti agli adolescenti tra i dodici e i diciannove anni. Fin qui, tutto bene. Non si pu dire che affermino il falso. Il problema comincia quando si rifiutano di informare i giovani sull'esistenza degli anticoncezionali. un po' come dire che l'unico modo per non morire in un incidente automobilistico non guidare. Tuttavia, per combattere il problema degli incidenti, il governo pu al massimo indire una campagna di sensibilizzazione nei confronti di chi guida, promuovendo l'uso delle cinture di sicurezza. I sostenitori di questi programmi dicono di essere preoccupati per la salute dei giovani. Ma sono altrettanto preoccupati quando i giovani escono in moto? Non ne dubito. E cosa fanno per evitare gli incidenti in moto? Proibiscono forse la guida? Assolutamente no. Semplicemente, promuovono l'uso del casco. E allora perch con il sesso non fanno la stessa cosa? La risposta molto semplice. Non lo fanno perch il sesso da fastidio. Il problema dei programmi di abstinence only che tacciono deliberatamente qualsiasi tipo di informazione sulla gravidanza, sulle malattie a trasmissione sessuale, sugli anticoncezionali in generale e sull'uso del preservativo in particolare. Ma non finita qui: questi gruppi, che ricevono finanziamenti dal governo, hanno il preciso divieto di fornire informazioni in merito. La ragione a cui si appellano per giustificare questa incivilt che parlare di questi temi potrebbe fomentare l'attivit sessuale. Secondo loro sufficiente predicare l'astinenza agli adolescenti. Questi gruppi sono stati oggetto di feroci critiche. La maggior parte degli americani contraria a questo tipo di politica e chiede per i propri figli programmi di educazione sessuale comprensiva (comprehensive sexual education), che consistono nel ricordare l'astinenza come strumento di lotta contro le gravidanze e le malattie veneree, ma nell'offrire anche una serie pi ampia di proposte agli adolescenti che decidono di essere sessualmente attivi. Templi dell'astinenza Sex Respect Una delle organizzazioni che predica esclusivamente l'astinenza Sex Respect, il cui sito internet pu essere consultato da qualsiasi cittadino. I messaggi che compaiono l non potrebbero essere pi espliciti e sconvolgenti. La fondatrice di questa organizzazione Coleen Kay Mast, autrice del best seller Sex Respect. Sex Respect un'associazione che promuove alcuni dei pi importanti programmi educativi sull'astinenza, nonch una delle maggiori beneficiarie delle sovvenzioni federali. Per difendersi dalle frequenti accuse di manipolazione e distorsione delle informazioni, Sex Respect ha inserito sulla propria pagina web un paragrafo destinato a chiarire una serie di punti controversi. Per esempio, spiega che il denaro utilizzato per finanziare i programmi di abstinence only non proviene da nessun altro fondo federale, come per esempio quello destinato alla lotta contro l'Aids o alle campagne a favore del preservativo. L'istituzione nega di avere sottratto fondi a quelle campagne per devolverli ai programmi pro-astinenza. Una cosa di cui molti dei suoi detrattori dubitano fortemente. Sul sito si legge inoltre che i programmi di educazione sessuale comprensiva sono dannosi per gli adolescenti, perch gli anticoncezionali e i preservativi non sono metodi sicuri al cento percento. Se i preservativi non sono sicuri, spiegano quelli di Sex Respect, perch gli adolescenti non se li sanno mettere. Il 15 percento delle adolescenti che fanno uso di profilattici, aggiungono, restano incinte entro un anno (!). Il sito chiarisce inoltre che, sebbene indossati correttamente, i condom non proteggono dal virus del papilloma umano (Hpv), e nemmeno da quello della clamidia. E prosegue: l'Hpv incurabile e non prevede alcun trattamento. L'Hpv il virus responsabile dei tumori all'apparato genitale, che mietono pi vittime dell'Aids. Allarmante per qualsiasi donna che non abbia conoscenze sull'argomento! A quanto pare, una volta contratto il virus, non ti resta che Pagina 52

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt aspettare la morte. Conosco bene il problema, per averlo vissuto sulla mia pelle. Ma conosco anche altri casi. Ho un'amica che arrivata vergine al matrimonio. Nonostante abbia avuto rapporti sessuali soltanto con il marito, qualche anno fa le hanno diagnosticato una lesione al collo dell'utero provocata dall'Hpv. La lesione stata curata tramite una conizzazione, come nel mio caso. E ora la mia amica sta benissimo. Se le donne si sottopongono regolarmente a esami citologici, l'Hpv pu essere facilmente scoperto e curato. Ci sono perfino donne che hanno lesioni a uno stadio molto precoce e che riescono a curarsi con una normale terapia antibiotica. Perch Sex Respect non dice che l'Hpv pu essere contratto anche all'interno del matrimonio? Perch la loro idea di matrimonio come istituzione inviolabile si sgretolerebbe. Perch Sex Respect non spiega che l'Hpv pu essere facilmente individuato con un esame citologico e pu essere curato? Perch il suo discorso allarmistico finirebbe per sgonfiarsi e non avrebbe lo stesso effetto terrificante sulle donne. Quando viene accusata di adottare una politica basata sul terrore, questa organizzazione non fa nulla per negarlo e, molto semplicemente, risponde: Il terrore una reazione di sano rispetto di fronte alle conseguenze di scelte sbagliate. Sex Respect respinge tassativamente l'accusa di possedere una forte connotazione religiosa e spiega che questi programmi si basano pi sul senso comune che non sulla morale di una religione specifica. Ma se sono dettati davvero dal senso comune, perch non parlano degli anticoncezionali? Se Sex Respect non appartiene a nessuna organizzazione religiosa, perch Coleen Kay Mast, la fondatrice, non si fa problemi a pubblicare sul sito le foto dei suoi viaggi in Vaticano? Andiamo avanti, perch ne vale davvero la pena. In una comunicazione indirizzata agli studenti e agli insegnanti, a domande del tipo: Come si pu pretendere che gli adolescenti aspettino di arrivare al matrimonio per avere rapporti sessuali, se ormai non si sposano pi?, Coleen Kelly risponde, dando prova di raffinata abilit dialettica nonch di grande acume: Di astinenza sessuale non mai morto nessuno. In poche parole, la signora scansa la risposta. Evita qualsiasi argomentazione. Riempire un sito di messaggi cos equivale, molto semplicemente, a trattare gli esseri umani come perfetti idioti. In un messaggio finale, chiaramente mirato a risvegliare il senso di colpa dei genitori, Coleen Kelly raccomanda, anzich il controllo delle nascite, l'autocontrollo, sostenendo quanto segue: I figli non sono animali. Possono controllare i loro istinti sessuali. Potete insegnargli a dire di no. Le statistiche dimostrano che gli adolescenti non cedono alle loro pulsioni sessuali per due ragioni: per paura della gravidanza o per paura di deludere i loro genitori. I genitori che offrono anticoncezionali ai figli hanno distrutto queste due ragioni. La prima volta che ho letto queste frasi non potevo crederci. un messaggio davvero violento. In pratica, chiede ai genitori di non aiutare i propri figli davanti alle loro paure. E l'unico effetto che ottiene mettere in pericolo la vita di molti adolescenti. Una cosa, infatti, certa: quasi la met degli adolescenti americani sessualmente attiva. un fatto ampiamente dimostrato. Se questi ragazzi non ricevono le giuste informazioni, molto probabile che metteranno in pericolo le loro vite. Il messaggio anche un modo per emarginare gli adolescenti che non vogliono astenersi dal sesso. Per non parlare dei giovani omosessuali, per i quali il matrimonio impossibile: per loro, molto semplicemente, non c' posto. Teen Aid Teen Aid, l'associazione diretta da LeAnna L. Benn, offre gli stessi programmi di Sex Respect dissimulando meglio le proprie connotazioni religiose. Anzich le foto dei viaggi in Vaticano, il sito pubblica un testo in cui si lodano il carattere e la personalit del presidente Bush. In un passaggio si critica aspramente l'ex presidente Clinton, sostenendo che, quando era a capo del paese, sull'Air Force One guardava film violenti e a contenuto esplicitamente sessuale. L'autore del testo conclude che l'ufficio di Clinton era stipato di materiale pornografico. Bush, invece, un presidente che non sopporta neppure alcune scene dei film espressamente inviati alla Casa Bianca per dare qualche momento di svago alla famiglia pi importante del mondo. Bush sostiene che per lui sono troppo volgari. La domanda : quale sar la svergognata casa di produzione che osa inviare al presidente film cos volgari? Per dimostrare quanto le cose siano cambiate con Bush (in bene, ovviamente), l'autore della lettera spiega che Pagina 53

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt il presidente non permette a nessuno di partecipare a una riunione se non in giacca e cravatta. E che esige che le scarpe del giovane militare che accompagna gli invitati in giro per la Casa Bianca siano perfettamente in ordine. Sono assolutamente sconvolta dai criteri con cui in questo paese si giudica il valore di un presidente. Non si parla minimamente della formazione di Bush, n delle sue abilit in politica estera, e nemmeno della sua capacit di consenso. No. Si fa attenzione alla lucentezza delle scarpe di un soldato. L'idea che ci siano giovani che seguono i consigli di siti internet come questo, fa semplicemente rabbrividire. La moda di essere vergini Per fare lezioni sull'astinenza, i professori o gli educatori hanno a disposizione i manuali messi in commercio da associazioni come quelle che abbiamo appena citato. I manuali in questione hanno sollevato parecchie polemiche, e molti gruppi ne hanno denunciato il contenuto. Alcuni distorcono palesemente la realt, sostenendo per esempio che, delle donne che hanno subito un aborto, il 5/10 percento non sar mai pi in grado di avere figli, e che in generale queste donne rivelano una maggiore tendenza al suicidio per depressione. Le percentuali citate, altissime, non corrispondono assolutamente alla realt. Secondo alcuni testimoni, in certe scuole si arrivati perfino a strappare dai libri interi capitoli, in cui si parlava di alcuni aspetti delle Mts o dell'Aids o dove apparivano disegni o fotografie di alcune parti del corpo umano. Con il preciso scopo di aumentare le vendite, i manuali di oggi non esitano a trattare la giovent in modo assolutamente stereotipato. In realt, due associazioni di educazione sessuale comprensiva, Advocates for Youth e Sexuality Information and Education of th us, hanno chiesto al dipartimento della Salute di rettificare le informazioni fornite dai programmi di astinenza sessuale finanziati dal governo federale in quanto inesatte e pericolose per le persone. Questa richiesta si avvale di una legge poco utilizzata, che permette a chiunque si sia visto personalmente compromesso da un'informazione inesatta diffusa dalle agenzie federali di chiedere che essa venga modificata. Queste due associazioni sono intervenute in quanto ritenevano che le informazioni diffuse sul preservativo nella lotta contro l'Aids fossero, oltre che inesatte, molto controproducenti. Si era infatti insinuato che il preservativo non proteggesse, e perfino che il virus dell'Aids trapassasse il lattice. Non necessario andare negli Stati Uniti per sentire discorsi cos assurdi e pericolosi. Una volta, a Valencia, ricordo di aver conosciuto un medico spagnolo, famoso pi per le sue apparizioni televisive che non per le sue prodezze professionali, che a conclusione di un dibattito trasmesso da Canal 9 su sesso e libert, dopo essersi bevuto mezza bottiglia di whisky, mi disse che l'Aids si trasmetteva anche con il preservativo. Io, ovviamente, non mi risparmiai in commenti. In seguito scoprii che quel medico era legato all'Opus Dei. Spero di tutto cuore che non eserciti, perch un vero pericolo pubblico, e non solo per la sua passione per il whisky scadente. Stando ai risultati di un'indagine, il novanta percento degli insegnanti di educazione sessuale convinto che gli adolescenti abbiano bisogno di un'informazione completa sugli anticoncezionali e su alcune malattie da trasmissione sessuale. Per si sente costretto e obbligato a concentrare i propri insegnamenti sull'astinenza sessuale per via della proliferazione di questi programmi finanziati dal governo degli Stati Uniti. Dal 1998 il governo degli Stati Uniti ha speso pi di mille milioni di dollari per promuovere nelle scuole i programmi abstinence only, senza tuttavia riuscire mai a produrre un'informazione definitiva sui benefici dell'astinenza. logico, del resto: gli adolescenti che hanno seguito questo tipo di programmi e che a un certo punto hanno deciso di avere un rapporto sessuale, non hanno fatto uso di anticoncezionali. Al contrario, dimostrato che gli adolescenti che ricevono un'educazione sessuale comprensiva non solo ritardano il loro approccio alla sfera sessuale, ma si avvicinano a essa in modo molto pi responsabile. Le sovvenzioni ai programmi abstinence only non fanno che aumentare: nel 2005 l'amministrazione Bush ha previsto in bilancio una spesa pari a 273 milioni di dollari, annunciando per l'anno successivo la pubblicazione del dossier sull'efficacia di questo tipo di iniziative. Il fatto che questi programmi siano diretti a un numero altissimo di persone, gli da grande credibilit. Molte famiglie americane non si preoccupano di conoscerne il contenuto: essendo finanziati dallo Stato, credono che siano per forza buoni. Alcune persone ragionano cos. Altre danno perfino per scontato Pagina 54

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt che, al di l del tema dell'astinenza, questi programmi prevedano un'educazione sessuale comprensiva. Ma quando ne scoprono i reali contenuti (che oserei definire pari a zero, a parte l'insegnamento di tattiche precise per rifiutare una proposta sessuale), si allarmano e chiedono espressamente che ai propri figli vengano offerte informazioni complete sulle Mts, sull'aborto e via dicendo, e non soltanto sull'astinenza. Devo ammetterlo, quando ho letto la documentazione che mi passata fra le mani sui programmi di abstinence only non ho potuto fare a meno di rabbrividire. Non si trattava di documenti isolati, privi di fonti, frutto della mente di qualche invasato. Tutto il contrario. Perfino nella pagina ufficiale della Casa Bianca ho trovato informazioni che farebbero rizzare i capelli a chiunque. Per esempio, nel paragrafo Sprans Community-Based Abstinence Education Project Grants, il dipartimento della Salute, nell'illustrare le sovvenzioni concesse ai progetti educativi sull'astinenza, chiarisce che i progetti selezionati concordano tutti nel non offrire all'adolescente alcuna educazione che abbia a che vedere con altri tipi di condotta sessuale diversi dall'astinenza. Il che significa, in poche parole, che questi programmi non parleranno d'altro che di astinenza sessuale. Una dichiarazione del genere compare sulla pagina ufficiale della Casa Bianca. Il vero pericolo di ci che sta succedendo negli Stati Uniti che si estenda ad altri paesi. il caso del Venezuela, dove la Federazione delle famiglie per la pace mondiale in Venezuela ha dato vita all'associazione Club di intelligenti nel sesso e nell'amore (Club Isa). Il sito internet di questa associazione la fotocopia esatta di quelli americani, e si rifa unicamente a fonti statunitensi. Vi si trovano le stesse argomentazioni sul papilloma umano, sull'inefficacia degli anticoncezionali e sui difetti del preservativo, sulla gravidanza nelle adolescenti, eccetera. E si raccomanda l'astinenza sessuale fino al matrimonio come l'unico metodo per far fronte ai pericoli del sesso. Il Venezuela ben lungi dall'essere un'eccezione. Ma possibile che oggi, in un momento in cui i mezzi di comunicazione affrontano molto pi spesso il tema della sessualit, non esista una tendenza opposta all'astensione da ogni attivit sessuale? La televisione, che sempre la prima a far venire a galla le cose, paradossalmente il mezzo che rispecchia di pi questa nuova corrente. Nel settembre del 2004, mentre ero in Portogallo a promuovere il mio primo libro, vidi un programma televisivo francese, condotto da un presentatore famosissimo; l'ospite d'onore era la celebre pornostar Brigitte Lahaie, abbigliata di tutto punto con il classico tailleur giacca e pantalone. Il tema della discussione era se fosse giusto o meno restare casti fino al matrimonio. Diverse coppie erano state invitate a esprimere il loro punto di vista; una raccomandava lunghi periodi di astinenza sessuale all'interno del matrimonio, allo scopo di rafforzare l'amore. Altre coppie di giovani fidanzati avevano deciso di non avere rapporti sessuali fino alla prima notte di nozze. Brigitte Lahaie, che ovviamente difendeva i benefici del sesso, era sostenuta da uno psichiatra che cercava in tutti i modi di spiegare che privarsi dell'attivit sessuale quando esisteva il desiderio, poteva essere molto dannoso. Ma i loro discorsi non sortivano alcun effetto. Sfoderando un sorriso beato, tipico di chi gode della grazia di Dio, quelle coppie continuavano a parlare del sesso come di un diavolo che inganna e uccide l'amore. Dal 6 settembre 2005, l'emittente televisiva statale britannica Bbc2 trasmette un reality show intitolato No sex please, we're teenagers (Niente sesso, per favore, siamo adolescenti), una specie di Grande Fratello in cui dodici ragazzi tra i quindici e i diciassette anni, con profili culturali molto diversi, accettano la sfida di restare casti per cinque mesi. Per riuscirci, entrano a far parte della Romance Academy, dove due educatori cristiani, Rachel Gardner e Dan Burke, le vere menti del programma, cercano in tutti i modi di convincerli che tornare ai tempi in cui i ragazzi corteggiavano le ragazze in vista di una relazione seria e duratura, la cosa migliore per loro. Di quei dodici ragazzi, alcuni sono vergini e altri hanno gi una vita sessuale, alcuni sono cristiani e altri non appartengono a nessuna religione. Alla Romance Academy le regole sono molto chiare: sono rigorosamente vietati alcol e droghe, perch il loro effetto disinibitorio potrebbe fomentare il contatto sessuale. I ragazzi possono abbracciarsi e sdraiarsi sullo stesso letto, ma hanno un'area proibita che vietato oltrepassare: quella che va dal collo alle cosce. I ragazzi e le ragazze dormono in camere separate e non possono per nessun motivo scambiarsi visite. Il programma dispone di un sito ufficiale, ancora incompleto nel momento in cui scrivo, che permette di seguire da vicino i ragazzi che hanno fatto voto di castit e di capire lo spirito del programma, oltre che di fare domanda per entrare nella Romance Academy, come Pagina 55

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt partecipanti o come leader, tenendo delle lezioni. qualcosa di simile al network marketing, che ha conosciuto un vero e proprio boom negli anni Ottanta e Novanta e che consisteva nel convincere il maggior numero possibile di persone a entrare a far parte di un'impresa, nell'istruirle sul prodotto da vendere e nel lanciarle sul mercato come venditori. Dal sito si capisce inoltre che l'associazione cerca costantemente il supporto di genitori e insegnanti nonch, ovviamente, di finanziatori. Gli adolescenti che seguono il reality da casa hanno anche loro la possibilit di fare voto di castit compilando un formulario da inviare al team organizzativo del programma. Nel momento in cui scrivo, l'esperimento viene effettuato su un gruppo di adolescenti di Harrow, un sobborgo a nord-est di Londra. A quanto ho capito, l'idea quella di creare accademie di questo tipo in tutto il paese. Non affatto strano che il Regno Unito abbia accettato di trasmettere un programma come questo. Il suo obiettivo, infatti, quello di ricorrere all'astinenza per posticipare l'inizio dell'attivit sessuale al momento del matrimonio, riuscendo cos ad arrestare il fenomeno delle ragazze madri e la diffusione di malattie da trasmissione sessuale. Gi agli inizi del 2003, il Regno Unito aveva imposto che pi della met degli adolescenti dell'Irlanda del Nord arrivasse vergine ai sedici anni. Personalmente, non credo che la politica britannica in materia sessuale possa avere lunga vita. In ogni caso, somiglia sempre di pi a quella del suo alleato statunitense, anche se forse meno aggressiva, perch diffonde pi informazioni. Stando agli articoli che sono riuscita a leggere, l'astinenza sessuale sembra essere un fenomeno destinato a svilupparsi per via della crescente diffusione delle chiese evangeliche e dell'islam. Oltre a insegnare alcune tattiche per rifiutare i rapporti sessuali, il programma No sex please, we're teenagers pubblicizza anche un viaggio negli Stati Uniti, pi precisamente in Florida, per conoscere da vicino un'associazione evangelica chiamata Silver Ring Thing (La Cosa dell'Anello d'Argento). Questa associazione incoraggia l'astinenza sessuale tra gli adolescenti americani, e quelli che fanno voto di castit fino al matrimonio ricevono una Bibbia e indossano un anello d'argento come simbolo del loro voto. Le stragi della politica di Bush Gli Stati Uniti sono il maggior stanziatore di fondi a paesi del Terzo Mondo per la lotta contro l'Aids. I contributi americani ai programmi di prevenzione e controllo della pandemia superano il totale della cifra devoluta da tutti gli altri paesi coinvolti negli aiuti. Il progetto Pepfar (acronimo di President's Emergency Plan for Aids Relief) riuscito a raccogliere, previa accettazione del Congresso americano, 15mila milioni di dollari per i prossimi cinque anni (la notizia, data nel 2005, si riferiva all'anno precedente, e riguarda dunque il periodo fra il 2004 e il 2009). Questi aiuti, che vengono quasi tutti stanziati (oltre il 93 percento) direttamente dal Congresso degli Stati Uniti, e non dall'Onu, sono strettamente legati al programma ideologico di astinenza sessuale (esportato con la sigla Abc, che sta per Abstinence, Be faithtful, Condoms, Astinenza Fedelt e Preservativo, rigorosamente in ordine di preferenza). Tra i paesi destinatari di questo sinistro pacchetto aiuti pi ideologia potremmo citare tre casi. L'Uganda, che soltanto nel 2005 ha ricevuto 137 milioni di dollari, sembra aver accettato la sacra legge nordamericana dell'astinenza, con risultati che a livello pratico, almeno finora, si rivelano degni di nota. Il Brasile, che nel 2004 si visto offrire 40 milioni di dollari, ha rifiutato la generosa offerta, in quanto accettarli presupponeva la stigmatizzazione delle prostitute. Il Senegal, territorio da lungo tempo devastato dall'Aids, stato semplicemente scartato dalle autorit statunitensi perch riconosce legalmente la prostituzione. Stando alle cifre rivelate dalla sua stessa amministrazione, l'Uganda riuscita a diminuire notevolmente l'impatto della malattia fra i suoi cittadini grazie al sapiente mix di pressioni moralistiche e diffusione dei preservativi. Ma le cose stanno cambiando. Dei 120-150 milioni di profilattici di cui gli ugandesi hanno bisogno ogni anno, nel 2005 stato distribuito soltanto il venti percento, al punto che in questa popolazione neoevangelizzata, terrorizzata dalla malattia e bombardata da continui messaggi che predicano il dovere morale della continenza, i sacchetti della spazzatura iniziano a servire a ben altri scopi. Il sempre pi accentuato blocco ideologico nei confronti dei preservativi all'interno del continente africano ha indotto l'Onu ad aspri richiami. Fondare la lotta contro l'Aids in Africa sul ricorso dogmatico ed estremistico all'astinenza considerato un grave errore che fa, cito letteralmente, molto Pagina 56

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt male al continente. Non ho alcun dubbio che la cosiddetta crisi dei preservativi sia dovuta a un'applicazione esasperata del Pepfar e alle politiche estreme degli Stati Uniti, che hanno come unico effetto un numero spropositato di nuove infezioni ha dichiarato Stephen Lewis, il massimo responsabile Onu in Africa in questo campo. Africa senza sesso? Io l'ho conosciuta senza pane, senz'acqua e senza speranza, ma senza sesso no. Una nuova ondata di puritanesimo I programmi di astinenza sessuale si inseriscono nel contesto del nuovo puritanesimo che sta caratterizzando gli Stati Uniti. Quest'ondata, per molti versi simile a quella degli anni Ottanta, non solo contribuisce a diffondere il panico, ma rappresenta a tutti gli effetti un beneficio economico per molti. il caso dell'azienda americana Trilogy Studios che, cogliendo la palla al balzo, ha ideato un software di nome MovieMask in grado di eliminare dai film tutte le immagini e le parole violente, volgari o sessualmente esplicite. Questo software, che costa intorno ai 35 dollari, ha suscitato lo scandalo e la reazione dei registi, in quanto modifica e danneggia in modo irrimediabile la loro opera. I responsabili di Trilogy si difendono sostenendo di agire unicamente a tutela del consumatore. Per il momento, MovieMask funziona soltanto per i film statunitensi. Il software stato oggetto di pesanti critiche perch, se vero che censura completamente le scene di sesso, non in grado di riconoscere quelle di violenza. Inoltre, manipolando direttamente il metraggio, incide sulla resa e sulla qualit del film, facendolo sembrare ritoccato al computer. Senza contare che in tutto ci il regista non viene minimamente interpellato. Negli Stati Uniti, alcuni videoclub vendono film in versioni ripulite sanitized, come dicono l - da contenuti sessuali. Il livello di censura varia a seconda dell'et del pubblico a cui destinato il film. Hollywood ha deciso di sporgere denuncia contro l'azienda in questione. Decisa a procurarmi altre informazioni sul software, sono andata sul sito ufficiale di MovieMask. E ho scoperto una cosa molto interessante. Digitando l'indirizzo www.moviemask.com si viene accolti da un messaggio del direttore, David Skooby Clayton, il quale spiega che per questioni di licenze il software non attualmente in vendita e ringrazia tutti coloro che hanno creduto nel prodotto. Immagino che i registi abbiano vinto la battaglia contro Trilogy Studios, almeno per il momento. Ma per quanto ancora? La situazione in Spagna Ancora molto lontana dall'istituzionalizzare l'astinenza come sta avvenendo negli Stati Uniti (anche se non sappiamo per quanto), in materia sessuale la Spagna si distingue per l'adozione di politiche di natura pi educativa (variabili a seconda della bandiera di partito che le propone), con una particolare insistenza sul preservativo. Le organizzazioni e le istituzioni che predicano l'astinenza come formula morale di sottomissione, celandosi dietro l'insegna della salute pubblica o della salute spirituale, sono quelle di sempre. Qui in Spagna le conosciamo tutte. Incitano esplicitamente all'astinenza e attaccano violentemente l'uso del condom. Ci riferiamo alla Chiesa cattolica e alle organizzazioni affini che, attraverso i loro portavoce, si scatenano in un'accanita battaglia contro la libert personale in materia sessuale. La Conferenza episcopale, l'Opus Dei e il centro educativo a esso subordinato, l'Universit di Navarra, sono i soggetti pi attivi. Ma ci sono anche altre associazioni ed enti, come HazteOir.org, Hayalternativa.org o il Comitato indipendente antiaids, che si scagliano violentemente contro la politica di utilizzo del preservativo ricorrendo sempre alla stessa argomentazione a contrario: la sua presunta inefficacia nel contenere malattie e gravidanze. Una barriera troppo sottile? Forse sarebbe meglio un bel tiralo fuori? Il desiderio sessuale unico Al giorno d'oggi, qualsiasi argomento diviene inevitabilmente fonte di discussioni e dibattiti. Perfino quelli che riguardano la vita privata delle persone. Ma davvero legittimo? Personalmente, credo di no. La vita sessuale di ciascuno di noi appartiene esclusivamente alla sfera privata, e non c' motivo che venga diffusa pubblicamente. Il problema che le persone sono davvero convinte che le questioni sessuali appartengano alla sfera collettiva. Errore madornale. Come spiega Efigenio Ameza, direttore dell'Incisex (Istituto di scienze sessuologiche) di Madrid, nella sua unit didattica intitolata Pagina 57

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt Equilibrios y desequilibrios. El continuo de los sexos a debate, una cosa il desiderio e un'altra cosa il diritto, anche se spesso i due concetti finiscono per sovrapporsi, creando cos confusioni e problemi. Ma come si fa a spacciare l'astinenza per l'unico metodo in grado di combattere la gravidanza e le Mts, quando ogni persona vive la propria sessualit in modo diverso? Rendendo il desiderio una questione pubblica, non facciamo che annullarlo e dimenticare che esso una cosa assolutamente personale. Le associazioni che predicano l'astinenza si rifanno a slogan del tipo hai diritto a dire di no. Ma non educano affatto. La cosa pi importante, per quanto mi riguarda, che gli adolescenti siano in grado di chiedersi: Qual il mio desiderio?. E di darsi una risposta. Stabilire programmi abstinence only equivale a pensare che tutti gli adolescenti siano uguali, mentre in realt esistono tante sessualit quanti sono gli esseri sessuati, con le loro complessit e i loro desideri. Equivale a limitare il sesso a un atto esclusivamente pericoloso. Sono sempre stata convinta che pi si evita di parlare di un argomento, pi si contribuisce ad avvolgerlo di mistero e di sacralit. Gli adolescenti fra i dodici e i diciottenni sono estremamente influenzabili. Parlargli soltanto dell'astinenza significa fare di loro dei potenziali adulti intimoriti dalla propria sessualit e con una visione distorta del sesso. L'educazione non si fonda sui problemi, ma sui valori. Questi programmi abstinence only sono tutto fuorch educativi. Che razza di educazione quella che fomenta il terrore, inibisce il libero pensiero e l'esercizio della critica e impone l'obbedienza a scapito della messa in discussione e della soluzione dei problemi? Un tipo di educazione cos si basa soltanto su quello che dicono due o tre religiosi invasati e non permette nemmeno che si parli di qualcos'altro al di l dell'astinenza. D'altra parte non un caso che in Spagna l'adolescenza sia pi comunemente conosciuta come l'et dei polli. Quest'espressione un po' brutale si riferisce ai conflitti che vivono gli adolescenti in questa particolare fase della loro vita. Lo sanno tutti: proibirgli una cosa il modo migliore per risvegliare la loro curiosit. Imporre agli adolescenti i programmi abstinence only impedirgli di pensare, di decidere e di scegliere. In una parola, di assumersi le loro responsabilit. Perch allora non proporre direttamente la castrazione? Sarebbe sicuramente molto meno traumatica dell'astinenza sessuale. Per lo meno, in questo caso, i ragazzi non sarebbero in conflitto con se stessi. L'astinenza una scelta personale assolutamente legittima, e in quanto tale merita rispetto. una scelta che si fa a partire dalle proprie convinzioni, non da quelle degli altri. Come Josema, un ragazzo che ho conosciuto un giorno in una sala d'aspetto. Il suo un caso di astinenza sessuale non indotto da vincoli di ordine sociale o morale. A influire sulla sua scelta non erano state n le politiche istituzionali n le condanne della Chiesa. Josema soffriva di quella che potremmo definire una forma di astinenza per saturazione da informazioni erotiche. C' troppa offerta sessuale, il sesso troppo commercializzato; non so, troppo esplicito, troppo accessibile, troppo facile... troppo, insomma. Questa convinzione lo spingeva a non praticare attivamente il sesso. Non so, preferisco starmene un po' in disparte, prendermi un po' di tempo per capire cosa voglio davvero. Quello di Josema non un caso isolato. Ci sono giovani che a un certo punto diventano incredibilmente selettivi nei loro interessi, in attesa di capire di cos'hanno davvero voglia e di cosa no. Chiudono gli occhi, stringono le mani e pensano. Finora non mi risulta che la psicologia clinica abbia catalogato questa forma di saturazione percettiva da surplus erotico, ma prima o poi ci si arriver. Il fenomeno ricorda da vicino quello gi classificato fra le alterazioni percettive con il nome di sindrome di Stendhal, e sebbene i suoi effetti psicosomatici risultino meno altisonanti (a quanto mi risulta, Josema non soffriva di vertigini o di nausea di fronte a situazioni erotiche), non sono comunque meno degni di nota. Con Josema preferisco coprire la mia generosa scollatura, accavallare candidamente le gambe e aspettare che si rilassi... Astenersi sessualmente per paura, perch si da ascolto a qualche programma allarmista mirato a demonizzare il sesso, significa non realizzarsi in quanto persona. Ed davvero un'atrocit, visto che siamo tutti esseri sessuati che provano desideri. Una cosa certa: come ho gi detto, quasi la met degli adolescenti americani sessualmente attiva. Alcune indagini hanno dimostrato che parlare apertamente di sesso non aumenta, come invece vorrebbero i sostenitori dell'astinenza sessuale, la promiscuit o i rapporti sessuali tra i giovani. Anzi, esattamente il Pagina 58

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt contrario. Di fatto, nessuno ancora riuscito a dimostrare che i corsi di astinenza riducano l'attivit sessuale tra gli adolescenti. Peggio ancora: la mancanza di informazione fa s che questi ragazzi non facciano uso di anticoncezionali e si espongano a pi rischi. D'altronde, cosa intendono i puritani per sesso? Ovviamente, soltanto il coito. Tuttavia, esistono moltissimi altri modi di giocare senza mettere in pericolo la propria vita. Perch non si parla mai di questo, perch non ci si apre un po' di pi e non si promuovono altri tipi di pratiche? Comunque sia, non dimentichiamolo, la maggiore causa di morte continua a essere la vita. Vivere pregiudica seriamente la salute. Vivere rischiare di morire un po' ogni giorno. Lo sappiamo tutti. Da quando compriamo l'ultimo modello di microonde a quando saliamo sull'aereo di una compagnia low cost. Il sesso non ha niente a che vedere con tutto ci. Certo, c' sempre la possibilit di non rischiare, ma francamente la vedo un po' dura. E anche cos, mi dispiace dirvelo, si corre il rischio di morire... di noia! Io ho deciso di vivere. E finora questa scelta mi costata 1,3 centimetri. Vagine su misura La chirurgia estetica del sesso femminile Avevo passato la notte seduta sul water a guardarmela con uno specchietto. Ricordo di aver pensato: "No, non c' niente da fare. La mia vagina non corrisponde neanche lontanamente ai criteri di bellezza di Penthouse, Playboy e compagnia bella. Anzi, se posassi nuda per una rivista, me la ritoccherebbero in Photoshop. Sicuro". Le dimensioni della vagina contano? Vidi per la prima volta la sua faccia al ritorno da un viaggio a New York. Fu nell'inverno del 2003. Mi trovavo appena fuori Milano, nella lussuosissima stanza di un albergo a cinque stelle che aveva prenotato Giovanni, il mio ex. All'epoca, avevo l'abitudine di andare a letto molto pi tardi di quanto faccia ora (gli anni passano per tutti...). Quella sera stavo guardando la televisione, cosa che non faccio mai a parte quando c' un programma che mi interessa. Era da un po' che facevo zapping; Giovanni era appena andato a dormire e, come sempre, avevo passato un'ora a maledirlo per la facilit con cui riusciva a prendere sonno. Io, a quei tempi, avevo ancora bisogno dei sonniferi per riuscire a conciliarlo. C'eravamo fatti portare la cena in camera a tarda ora e, ancora in piena digestione, non riuscivo a chiudere occhio. Mentre mi accendevo una sigaretta e aprivo un po' la finestra per far uscire il fumo, un canale italiano inizi a trasmettere il servizio. Doveva essere l'una di notte, e mi domando perch non l'avessero trasmesso in prima serata. C'era un uomo in camice bianco con le mani coperte da guanti di lattice. Aveva uno sguardo incisivo, come se conoscesse i segreti pi inconfessati delle donne ed era intento a spiegare con una siringa in mano che, da quando aveva scoperto quel sistema, le donne erano molto pi appagate dai loro rapporti sessuali. Il suo modo di fare emanava l'assoluta certezza che grazie a lui molte coppie avevano superato la loro crisi. Devono tutto a me sussurravano i suoi grandi occhi. In effetti, le immagini si alternavano a quelle di donne entusiaste. Donne che non avevano paura di mostrare il proprio volto. Sembravano vere fanatiche. davvero incredibile! diceva una. Non avete idea di quanto sia cambiata la mia vita sessuale. E tutto grazie al dottor Matlock. Ora non devo pi inventarmi scuse per non farlo dichiarava un'altra, con un sorriso degno di una rclame di dentifrici. Me lo ha consigliato un'amica, e da quel giorno torno ogni quattro mesi per farmelo rimettere. Capii di trovarmi di fronte a una di quelle televendite americane che mandano in onda la notte, durano un'ora e ti vendono qualsiasi cosa. Da un momento all'altro sarebbe comparso il tanto atteso prodotto, con un numero verde in sovrimpressione, il prezzo e i costi di spedizione. Alzai il volume. Il sistema si chiama G-Shot spiegava il medico. un'iniezione di collagene che si effettua nel punto G e che permette di avere dei rapporti pi soddisfacenti. Poi la telecamera inquadr il medico mentre si avvicinava a una donna a gambe aperte, felice di farsi riprendere i genitali. Basta una piccola dose, fino a quando non compare un lieve rigonfiamento prosegu Matlock. L'effetto dura circa quattro mesi. E assolutamente innocua, perch il collagene viene riassorbito dall'organismo. Grazie a questo rigonfiamento, durante il rapporto sessuale, il punto G viene molto pi stimolato. Infil la siringa nella vagina della signora, che continuava a sorridere come Pagina 59

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt un'idiota e, in meno di un secondo aveva portato a termine l'operazione. Ecco fatto. Tutto bene? chiese Matlock alla paziente. Da favola. rispose la donna. Perfetto. Allora ci rivediamo tra qualche mese, d'accordo? Benissimo. La telecamera segu Matlock fino alla poltrona del suo studio, dove si proseguiva con l'intervista. un sistema rivoluzionario. Ha cambiato la vita a moltissime donne. Non potevo crederci. E le donne che non avevano ancora scoperto il loro punto G? Ci pensava il dottor Matlock a trovarglielo? E se s, era incluso nell'onorario? Io non l'ho detto a mio marito rideva l'amica della paziente che compariva nel servizio. Non per altro, ma preferisco che non sappia di questo trucchetto. Matlock propinava sorrisi complici alle due donne. Poi spieg che per lui era fondamentale che fossero le donne a prendere questo tipo di decisione, senza farsi influenzare dai partner. Se una donna viene da me e mi dice che la manda il suo compagno, ho il dovere di capire se vuole farlo davvero o se lo fa solo per far contento il fidanzato o il marito diceva, con arie da psicologo. Non la stessa cosa se a prendere la decisione lei o lui. Ma con il G-Shot non ci sono problemi. L'iniezione di collagene la faccio a tutte le donne che vengono. Le operazioni pi rischiose sono un'altra storia. A mano a mano che il servizio andava avanti, venni a scoprire che Matlock era uno specialista in ricostruzione vaginale. Opero donne che arrivano da tutto il mondo. Comprese le mogli di presidenti di diversi paesi diceva con sguardo furbo, e, come se avesse intuito la domanda successiva del giornalista, rispose, anticipandolo: Ah! Segreto professionale. Sembrava una via di mezzo tra un predicatore e uno scultore. Non a caso si autodefiniva un artista, vantandosi della quantit di donne che erano andate da lui per un consulto. Passai la notte seduta sul water a guardarmela qon uno specchietto. Ricordo di aver pensato: No, non c' niente da fare. La mia vagina non corrisponde neanche lontanamente ai criteri di bellezza di Penthouse, Playboy e compagnia bella. Anzi, se posassi nuda per una rivista, me la ritoccherebbero in Photoshop. Sicuro!. Il giorno dopo, Giovanni non mi mand al diavolo solo perch era un vero signore. Non facevo altro che chiedergli: Ti piace la mia vagina? Certo che mi piace. La adoro. E la mia vulva? Perch una cosa la vagina, cio quello che c' dentro, e un'altra la vulva, i genitali visti da fuori... Perch non rispondi? C' qualcosa che non va? Ma che problemi hai con la tua vagina e la tua vulva? Voglio solo sapere se ti piacciono. Non ti sembra che abbia le labbra un poco lunghe? Che palle... Le tue labbra sono perfette. Mi dici dove vuoi arrivare con queste domande? Che strane idee ti passano per la testa? Andammo avanti cos tutto il giorno. Quel reportage aveva risvegliato in me un dubbio inquietante. Una cosa di cui fino a quel momento non mi ero mai preoccupata: le dimensioni contavano? Questa domanda, pi tipica di un uomo, mi ossessionava. Mi ricordai perfino di quello che mi diceva Isabel Pisano ogni volta che le consigliavo di trovarsi un fidanzato. Un fidanzato? Sei pazza! Sono anni che dalla mia fga non passa nemmeno un ago... Be', si sbagliava. Poteva approfittarne per fare colpo, perch adesso andava di moda. Una domenica, mentre sfogliavo il Magatine del Mundo, mi cadde per caso l'occhio su un articolo, Ricostruzione genitale: il chirurgo plastico del sesso femminile, firmato da Ferrn Viladevall (n. 268 del 14 ottobre 2004). Le stesse identiche cose che avevo visto sul canale della tv italiana venivano presentate sotto forma di reportage giornalistico. L'articolo si apriva con una fotografia gigantesca del dottor David Matlock in sala operatoria; nell'angolo destro della pagina c'era una piccola foto del medico circondato da tre pazienti a dimostrazione di quanto fosse amato a Beverly Hills. Con un tono velatamente ironico, l'articolo forniva, tra le altre cose, informazioni dettagliate sulle tecniche di ricostruzione della vagina, delle labbra e dell'imene, oltre che sul celebre sistema G-Shot. Fu cos che riuscii a scoprire i prezzi, che riproduco di seguito per chiunque fosse interessato: Il ringiovanimento vaginale tramite laser (concepito appositamente per Pagina 60

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt aumentare la soddisfazione sessuale) consiste nel rafforzare il tono muscolare e il controllo della vagina. Diminuisce il diametro interno ed esterno dell'organo, rimuove l'eccesso di liquido vaginale e irrobustisce il perineo. L'intervento dura un'ora e si effettua in day hospital. Il costo oscilla tra i 5.100 e i 6.300 euro. L'imenoplastica (cio la ricostruzione dell'imene per tornare a sentirsi vergini) si aggira intorno ai 3.000 euro. La perineoplastica (detta anche lifting intimo) consiste nel ringiovanire la vulva e l'apertura vaginale. I prezzi oscillano tra i 5.300 e i 6.300 euro. Per una labioplastica (aumento delle grandi labbra o riduzione delle piccole labbra) ci vogliono circa 3.100 euro. La liposcultura (riduzione del monte di Venere) si aggira fra i 3.000 e i 5.500 euro. L'articolo spiegava che, nel caso di donne estremamente esigenti, gli onorari potevano salire fino a 13mila euro. probabile che queste tariffe siano gi obsolete. Come si suol dire, comunque, alla portata di tutti! Nell'intervista, il dottor Matlock, originario della Louisiana, annunciava la sua intenzione di ritirarsi nel 2005; in effetti, a quanto pare, ha brevettato le sue tecniche di ringiovanimento vaginale - la cosiddetta vagina Matlock, come la chiama lui - istituendo una specie di franchising. Professionisti di tutto il mondo si fanno insegnare i suoi segreti e, in cambio di un sostanzioso compenso economico, si vedono concedere il diritto di utilizzare l'Lvr (Laser Vaginal Rejuvenation, Ringiovanimento vaginale tramite laser). Nel momento in cui scrivo ignoro se il dottor Matlock abbia realizzato il suo sogno, ma dopo aver visitato il suo sito internet posso dire che continua a esercitare tuttora la professione e annuncia l'imminente uscita di un libro contenente le sue tecniche6. Comunque sia, con le cifre che intasca, non credo gli sar difficile ritirarsi prima del previsto. Stando all'intervista pubblicata da ElMundo, riusciva a tirare su una decina di milioni di dollari l'anno. Ha assistito pi di cinquantamila donne, tra cui diverse attrici di Hollywood. Spiacente per i curiosi, ma l'articolo non faceva nomi. Al suo istituto, il Laser Vaginal Rejuvenation Institute, si sono associati medici provenienti dai quattro angoli del pianeta; nel fitto elenco spiccano soprattutto medici coreani. Ho scoperto da poco che tre o quattro cliniche spagnole praticano la ricostruzione dell'imene, ma nessuna sembra essere affiliata all'istituto del dottor Matlock. Nell'articolo, come sul suo sito, del resto, il medico afferma che le donne che vanno da lui per un consulto hanno le idee molto chiare su quello che vogliono (io direi, piuttosto, su quello che vogliono gli uomini). Molte di loro arrivano perfino con fotografie tratte da riviste come Playboy, in cui donne nude esibiscono in primo piano genitali degni di una bambina alle soglie della pubert. Molte clienti vogliono avere una vulva con queste caratteristiche. La sua specialit la costruzione di imeni finti. Ci si fa ricostruire l'imene per puro capriccio o per ragioni culturali. In molti casi si tratta di donne che hanno perso la verginit ma che vogliono recuperarla perch stanno per sposarsi: se non perdono sangue, potrebbero avere seri problemi e, qualche volta, rischiare perfino la vita. Matlock si vanta di riuscire a ingannare non solo il marito di queste donne, ma anche il loro ginecologo. Ora, la mia domanda : ma si sanguina sempre, anche avendo l'imene intatto? Sinceramente credo di no. In molti casi si pu perdere la verginit senza nessun tipo di ripercussione fisica; diversi sessuologi insistono sul fatto che non perdere sangue non significa necessariamente non essere pi vergini. Il dottor Matlock avverte le sue pazienti di questo piccolo particolare? Posso anche capire che per alcune culture sia difficile da accettare. Ma in quei casi cosa fa il dottor Matlock? Ha forse progettato un imene che sanguina sempre quando si rompe? Credo che questi dubbi andrebbero chiariti al pi presto... Nella sua intervista, il giornalista di ElMundo mette in discussione pi di una volta l'immagine del dottor Matlock, affermando che se il luogo del nostro incontro fosse un bar alla moda, lo si potrebbe tranquillamente scambiare per un ciarlatano o un seduttore. Sicuramente si tratta di un medico molto sui generis. Che, pi avanti, afferma: Sono stato contattato perfino da alcuni transessuali [in realt, dovrebbe dire alcune] per ritoccare le loro parti intime. Ma io preferisco di no. Una dichiarazione del genere, gi di per s, mi fa rizzare i capelli. A quanto pare, questo medico che si proclama un artista e non fa che vantarsi di aiutare le donne, si rifiuta di ritoccare le vulve delle transessuali. Ma anche loro sono donne a tutti gli effetti. Forse per lui non cosi'. Perch invece, se una donna ha un problema, la opera? Perch queste differenze? Forse ci sono donne superiori e donne inferiori? Devo ammetterlo, Pagina 61

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt alla fine dell'intervista ero abbastanza incazzata. Ma anche abbastanza curiosa per continuare a indagare sui metodi del dottor Matlock. La fantasia di essere una lolita Molte donne ricorrono a questo tipo di chirurgia perch, figli o non figli, hanno un problema fisico reale che impedisce loro di condurre una vita normale. Mi riferisco, per esempio, a donne che sono diventate incontinenti perch la loro vescica si spostata dalla posizione iniziale, o a quelle che hanno avuto un problema simile con l'utero o con il retto in seguito a complicazioni durante il parto. Trovo semplicemente fantastico che esista la possibilit di sottoporsi a un'operazione di ricostruzione. Perfino a fini estetici. Ogni donna libera di fare ci che le pare. Quello che mi piace meno, per, che il dottor Matlock, gi a partire dal suo sito internet, dichiari che il ringiovanimento vaginale tramite laser accresca la soddisfazione sessuale. Personalmente, penso che della riduzione della vagina o della ricostruzione dell'imene possa beneficiare soltanto l'uomo. Nell'articolo di El Mundo, il dottore si vantava di riuscire a stringerla a piacimento, in base alle richieste della paziente. Anche questo mi sembra fantastico. Ma a quel punto la penetrazione non diventa un po' dolorosa per la donna? Sicuramente, una donna scontenta dei suoi genitali si gode meno il sesso, perch ha dei complessi; anche molto probabile che un'operazione di ringiovanimento possa aiutarla a sentirsi meglio, pi sicura di s, e le faccia avvertire un netto miglioramento nella sua vita sessuale. Non dico di no. Ma dove sono finiti i limiti al fatto che l'uomo goda di pi? quantomeno strano, visto che non facciamo che mobilitarci contro alcune pratiche ancestrali che penalizzano fortemente le donne, come l'ablazione della clitoride, l'infibulazione di tradizione egizia, eccetera. Il ringiovanimento vaginale, ovviamente, non ha niente a che vedere con queste pratiche, ma in entrambi i casi si interviene sui genitali della donna perch l'uomo possa goderne. Ripeto, non sono contraria a un'operazione in grado di restituire a una donna la fiducia in se stessa, ma disapprovo il modo in cui viene pubblicizzato questo tipo di interventi. Un ennesimo aspetto dell'ipocrisia della nostra societ: quello che vogliamo sono i genitali di un'adolescente che non ha mai avuto rapporti sessuali. Il fatto che questo fenomeno nasca proprio negli Stati Uniti ancora pi ironico. Condanniamo i rapporti fra bambini e adulti, anche nel caso in cui siano consenzienti entrambe le parti, e poi vogliamo tornare a essere bambine per migliorare la nostra vita sessuale. Qualcuno mi spieghi a che gioco stiamo giocando, perch io ormai mi sono persa. Alla ricerca dell'inafferrabile punto G Resta da commentare un altro dei servizi offerti dal dottor Matlock, quello che lui stesso, sulle pagine di El Mundo, definiva la vera rivoluzione. Si tratta del sistema G-Shot, l'iniezione di collagene nel punto G per accrescere la soddisfazione e il piacere della donna durante i rapporti sessuali. Il dottor Matlock afferma che il punto G si trova a met strada fra Tosso pubico e la cervice, a 6/10 centimetri circa dall'apertura della vagina. Io non credo nel punto G, tra le altre cose perch l'ho trovato e mi fa provare soltanto una sensazione sgradevole, come se avessi voglia di fare pip. Si presume che occorra continuare a stimolarlo per provare piacere. Ma per quanto stimoli, l'unica cosa che sento il forte bisogno di picchiare qualcuno. Si dice spesso che non tutte le donne ce l'hanno. E allora perch Matlock enuncia con tono perentorio dove si trova, senza dire che non tutte le donne lo trovano o provano piacere in quel punto? Domande al vento. Siccome volevo sapere se continuava a praticare quella tecnica, contattai l'istituto per avere pi informazioni. Nella pagina di presentazione del centro di Los Angeles si legge che gli operatori rispondono a qualsiasi richiesta di informazioni entro ventiquattr'ore al massimo. Questo, posso testimoniarlo, vero. Inviai un'e-mail all'indirizzo indicato, facendomi passare per una certa Sophie Barthe. Gentili signori, mi chiamo Sophie Barthe, sono una cittadina francese che da molti anni vive a Barcellona. Qualche mese fa, su una rivista spagnola, ho letto un articolo sul dottor Matlock in cui si accennava a una tecnica rivoluzionaria per aumentare la soddisfazione sessuale delle donne attraverso un'iniezione di collagene nel punto G. Il metodo si chiama G-Shot. Mi piacerebbe avere pi informazioni in merito. Sono andata sul sito del dottor Matlock ma non ho trovato da nessuna parte una descrizione dettagliata di questa tecnica. Potreste dirmi se viene Pagina 62

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt ancora applicata, come funziona, quanto tempo dura e quanto potrebbe costarmi? Devo confessarvi, inoltre, che la linea dei miei genitali mi causa parecchie frustrazioni. Mi piacerebbe fare una specie di lifting alla vulva; so che il dottor Matlock uno specialista in questo campo. Quanto costerebbe un'operazione del genere? Per l'intervento dovrei per forza venire negli Stati Uniti? Non esiste in Spagna un centro che utilizza gli stessi metodi e a cui potrei rivolgermi? Ringraziandovi in anticipo per la vostra risposta, vi porgo i miei pi cordiali saluti. Sophie Barthe Mentre scrivevo questa e-mail cercavo di immaginarmi che faccia avrebbe fatto lo specialista leggendola. Sorrisi. Ero cos convinta che il sistema G-Shot ormai non esistesse pi... Non so perch. Credo che dipendesse dal fatto che non gli davo nessuna credibilit. Vi assicuro che se avessi trovato un posto in Spagna in cui sottopormi a questo tipo di tecnica, l'avrei provato (fui anche sul punto di chiedere al mio editore un piccolo finanziamento per andare negli Stati Uniti... ma poi, pensando all'espressione di terrore che si sarebbe dipinta sul suo volto, non osai). Dopo poche ore ricevetti una cordialissima risposta da parte del Laser Vaginal Rejuvenation Institute di Los Angeles. Era firmata dal dottor Matlock in persona (dunque continuava a esercitare!), anche se dubito fortemente che si fosse disturbato personalmente a rispondermi per iscritto. In ogni caso, rispondeva punto per punto alle mie domande: Cara signorina Barthe, non abbiamo nessun medico associato in Spagna. Per informazioni dettagliate sul G-Shot (amplificazione del punto G) pu consultare il nostro sito (www.thegshot.com). Il mio onorario per questo intervento di 1.800 $ (1.300 euro circa). Riguardo alla laservaginoplastica, avremmo bisogno di farci un'idea pi precisa del suo caso, per cui la preghiamo di tornare sul sito e di scegliere la tecnica pi adatta alle sue esigenze. Tutte le tecniche utilizzate nei nostri istituti sono molto sicure. I rischi, inferiori all'1 %, riguardano le normali complicazioni di ogni intervento (emorragia o infezione). Finora, comunque, non si sono mai verificate. Abbiamo assistito pazienti di cinquanta stati e di trenta paesi diversi. Inoltre, c' un fantastico gruppo di pazienti disposte a condividere la loro esperienza con lei. Se fosse interessata a mettersi in contatto con loro, non ha che da dircelo. Per una conversazione telefonica, non esiti a contattarci allo [...]. Cordiali saluti, David Matlock, MD, MBA, FACOG President & CEO Cos, andai sul sito dedicato al punto G. Era tutto sui toni sfumati del rosa, cosparso di slogan tipo i miei orgasmi sono pi intensi, i miei orgasmi durano incredibilmente di pi, il G-Shot funziona su donne di tutte le et, eccetera. Ero riuscita a scoprire che l'iniezione richiedeva in tutto cinque secondi, e che gli effetti duravano fino a quattro mesi. L'intervento era assolutamente innocuo, tanto che potevano farlo anche le donne incinte. Inoltre, c'era un ginecologo che assisteva ogni paziente per aiutarla a trovare il suo punto G. Scoprii pure che, nello stimolare il punto G, alcune donne potevano secernere un fluido (una specie di eiaculazione). Non si faceva che insinuare che tutte le donne hanno un punto G. Il quale, per, andava rigorosamente stimolato a vescica vuota. Allora doveva essere stato quello a farmi avvertire sempre una sensazione spiacevole. E cos, quella sera, vuotai la vescica e iniziai a masturbarmi. Ma non sentii niente, a parte un po' di solletico e una voglia pazzesca di andare in bagno. Ancora. Stufa di fare l'idiota, decisi di dormire. Il mattino dopo, tanto per rompere un po' le scatole, scrissi un'altra e-mail spiegando il mio problema: sapevo dove si trovava il mio punto G, ma quando lo stimolavo non sentivo niente. Forse qualche medico del centro avrebbe potuto darmi qualche indicazione su come fare. Nel messaggio chiedevo anche un appuntamento da loro, in California. Pass una settimana, senza che ricevessi notizie dal dottor Matlock. Rispedii l'e-mail, ma non ebbi risposta. Aveva forse fiutato le mie intenzioni? La cosa pi probabile che si limitassero a inviare un'e-mail al primo approccio e poi, per assicurarsi che ci fosse un vero interesse dall'altra parte, aspettassero una telefonata. Come adattare il corpo della donna alla sessualit maschile Il corpo della donna un mistero. In primo luogo, per noi donne: in molte raggiungiamo un vero orgasmo solo dopo Pagina 63

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt avere sondato e scoperto gli angoli pi remoti del nostro corpo. E questo non avviene cos in fretta come crediamo. Non come per i ragazzi, che hanno l'organo sessuale molto a portata di mano e che, per questo motivo, provano immediatamente piacere nel masturbarsi. Noi ragazze non abbiamo il coraggio di masturbarci come fanno i ragazzi. E anche quando lo facciamo, raramente riusciamo a centrare il colpo. Alcune amiche mi hanno confessato che solo dopo i trenta avevano iniziato a conoscere davvero il proprio corpo e a vivere serenamente la propria sessualit, senza pressioni, senza sentirsi costrette a provare un orgasmo vaginale dietro le spinte del fidanzato o del marito (sia in senso letterale sia figurato!). In molte abbiamo dovuto fingere uno stupido sto venendo quando l'abbiamo ritenuto opportuno. In secondo luogo, per gli uomini: non sanno come funziona, perch l'eccitazione della donna non palpabile, e i suoi orgasmi non sono visibili. Questo, ovviamente genera confusione. E un corpo che non si capisce va inevitabilmente domato. Come? Attribuendogli analogie con il corpo maschile: Se l'uomo prova piacere nella penetrazione, deve provare piacere anche la donna. Per giustificare la penetrazione, bisogna che all'interno della vagina ci sia un punto molto pi sensibile degli altri (che non contano niente, visto che sono completamente insensibili). Questo punto quello che tutti conosciamo come punto G. Vista l'ostinazione di alcune donne, bisogna inventarsi due tipi di orgasmi, quello vaginale e quello clitorideo, pur tenendo presente che il primo superiore al secondo. In pratica, la donna che prova l'orgasmo vaginale non ha problemi, ha raggiunto la meta. una donna completa. L'orgasmo clitorideo, anche se non si dice, un orgasmo immaturo. Questa concezione ricorda molto da vicino quello che diceva Freud sull'orgasmo femminile. Freud definiva mature le donne che riuscivano a raggiungere l'orgasmo vaginale. Oggi, sebbene circolino molte pi informazioni a riguardo, le cose non sono poi molto cambiate. Ma perch la gente non vuole mettersi in testa una volta per tutte che le donne non provano orgasmi vaginali? La riproduzione sempre stata vista come una finalit primaria rispetto al piacere in se stesso. E cosa c' di meno riproduttivo della clitoride? Niente. Assolutamente niente. per questo che lo si negato cos tante volte. Uno dei miei professori ricorre sempre a una metafora riuscitissima e molto interessante. Dice che in fatto di sesso gli uomini sono turisti e le donne viaggiatrici. Riguardo al piacere sessuale, noi donne siamo infinite. Gli uomini sono tutto il contrario: quanto prima raggiungono la fine (l'orgasmo), tanto meglio. Noi donne non abbiamo un corpo da turiste, ma da viaggiatrici. E allora, perch non alleniamo il nostro corpo? Per noi sarebbe molto pi gratificante. Sicuramente avremmo tutto da guadagnarci. E il sesso smetterebbe di essere cos condannabile. L'abuso del cesareo Si dice che il dottor Matlock non sia una persona competente, ma non vero. I ginecologi che assistono ai parti ricorrono esattamente alle sue stesse argomentazioni per convincere le donne a dare alla luce il figlio tramite il taglio cesareo, il che semplicemente un abominio. Al dottor Matlock la cosa non deve andare molto a genio, visto che una donna che partorisce col cesareo rappresenta una cliente in meno. Nelle cliniche private della California, pi dell'ottanta percento delle nascite avviene tramite cesareo. Perch? semplicissimo. Perch le cliniche in questione lanciano messaggi di questo tipo: Mantenga la sua vagina intatta, come il giorno in cui si sposata: faccia un cesareo. quanto si legge su un articolo di El Peridico Digital che ho trovato su internet alla fine del 2004. Ramn Carreras, dell'Hospital del Mar, spiegava che le cliniche riescono a dispensare cesarei a volont perch, affermano, senza dilatazione vaginale non ci sono alterazioni al perineo e i rapporti sessuali restano inalterati. tutto falso. Non mai stato dimostrato, infatti, che un'alterazione del perineo peggiori i rapporti sessuali. Interessante, vero? Il dottor Matlock riesce a vendere i suoi interventi alle donne sostenendo che le alterazioni al perineo impediscono rapporti sessuali soddisfacenti. Io non sono un medico, ma un po' di buon senso ce l'ho. E affermare una cosa del genere significa ridurre la sessualit alla componente genitale. Altri articoli dello stesso tenore non fanno che lanciare lo stesso allarme. I parti cesarei sono aumentati in modo vertiginoso; in Colombia ci sono sempre pi donne che richiedono questo tipo di intervento per evitare il rilassamento della vagina, nonostante siano perfettamente in grado di partorire naturalmente. Io la Pagina 64

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt trovo una cosa tremenda. La cosa peggiore che, in questo paese, i medici cedono simili richieste. In questo, il Brasile si avvicina molto alla Colombia: anche qui il cesareo viene visto come un modo per non deturpare la vagina e, quindi, per accontentare il fidanzato o il marito dai gusti particolarmente ristretti. In realt, non ci sarebbe nemmeno bisogno di scomodare l'America Latina. Un articolo apparso sul Pais del 24 aprile 2005, intitolato Cesarei: superflui?, spiega che in Spagna il 25 percento dei parti avviene mediante taglio cesareo, nonostante le cifre raccomandate dall'Oms non debbano superare il 15 percento. Agli inizi degli anni Novanta, la quantit di parti cesarei si limitava al 13,6 percento, quasi la met di quelli praticati oggi. Inutile ricordare che un parto cesareo doppiamente pericoloso e doppiamente caro rispetto a un parto vaginale. Non solo per il costo dell'intervento, ma anche per i giorni di ricovero. Forse proprio per quest'ultima ragione che il quaranta percento dei parti effettuati nelle cliniche private spagnole avviene tramite cesareo. Come fanno notare gli articoli gi citati, una donna che partorisce naturalmente pu tornare a casa dopo due giorni. Nel caso di un parto cesareo, invece, necessario un ricovero di una settimana. Di questo passo, viste le nuove tecniche di ricostruzione della vagina, ho paura che, se continuiamo a rivendicare che i nostri orgasmi sono tutto fuorch vaginali, qualche furbetto si senta legittimato a trascurare la nostra clitoride e a escogitare un modo per impiantarci in vagina chiss quale terminazione nervosa pur di indurci a un orgasmo. Pu sembrare fantascienza, ma io non lo vedo cos impossibile. Se le cose non cambiano, probabile che un giorno si arrivi anche a questo. Farci stringere la vagina significa accettare che il nostro corpo abbandoni la condizione di viaggiatore per diventare turista, significa continuare a pensare che il sesso sia sinonimo di penetrazione. Significa sopportare passivamente l'idea che la sessualit sia in sostanza genitale e maschile. Non condanno la trovata del dottor Matlock: in alcuni casi, se c' un problema o un disagio, pu anche avere la sua utilit. Ma se finalizzata solo a migliorare i rapporti sessuali, non riesco a togliermi dalla testa un'idea. Cio che accettare una cosa del genere sia come affermare che la sessualit ha dei limiti, delle frontiere e delle restrizioni ben precisi. Quanto al punto G, continuo a pensarla allo stesso modo. Quando avr finito di scrivere questo libro, pu darsi che non abbia niente di meglio da fare che grattarmi le p... Forse andr in California a provare il G-Shot. Se funziona, prometto che vi terr informati. Infermiere sessuali La prostituzione come terapia Dobbiamo essere indulgenti con le prostitute, smettere di stigmatizzarle e prendere spunto dal loro mestiere per inventare nuovi modi di amare. Perch non trasformiamo le professioniste che lo desiderano in "terapeute sessuali"? Il linguaggio come fonte di problemi Sono sempre stata convinta che la maggior parte dei nostri problemi derivi essenzialmente dal linguaggio, dal vocabolario, dalla semantica. Una parola, un'espressione usata male o con connotazioni peggiorative pu dare adito a grandi fraintendimenti. In fin dei conti, l'origine di un problema risiede proprio nel fatto di considerarlo come un problema. Un'altra caratteristica degli occidentali il pensiero dualista e manicheo, consistente nel vedere tutto bianco o tutto nero. Siamo sempre contro o a favore di qualcosa, e spesso dimentichiamo che esistono i livelli intermedi, le sfumature (il luogo in cui, secondo Wilde, risiedeva l'intelligenza). Di un determinato argomento vediamo quasi sempre i pr e i contro, ma sfortunatamente non contempliamo mai l'idea che possano essere entrambi fonte di ricchezza, a seconda delle circostanze. Quando parliamo di prostituzione, la prima cosa che ci viene in mente lo stereotipo della donna vittima, che vive in condizioni assolutamente disumane. Di donne cos ce ne sono, e molte. E quelle che si ribellano e chiedono che venga loro riconosciuto il diritto di esercitare regolarmente il loro mestiere vengono caldamente esortate e a dedicarsi ad attivit pi convenzionali. Non abbiamo mai pensato che guardando da un'altra prospettiva quello che la societ considera un problema, riusciremmo a ricavarne molte cose positive. L'uso del corpo come terapia potrebbe essere una di queste prospettive, che solo pochi eletti hanno capito e che cercher di spiegare in questo capitolo. Terapie erotiche Quando ci parlano della Danimarca, oltre che alla Sirenetta di Andersen, Pagina 65

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt pensiamo automaticamente a un luogo in cui le libert individuali vengono rispettate. Nulla di ci che riguarda la sessualit mal visto. Anzi: la pornografa ha smesso di essere considerata un reato a met degli anni Settanta, e gli omosessuali possono sposarsi dal 1989. Probabilmente alla nonna di Andersen sarebbe piaciuto vivere nella nostra epoca, visto che, a quanto si dice, di mestiere faceva la prostituta. In Danimarca, infatti, la prostituzione assolutamente legale, e si contano circa seimila professioniste. Ai miei esordi come prostituta, prima di iniziare a lavorare a Barcellona, lessi un po' di annunci su alcuni quotidiani spagnoli. Era la primavera del 1999. Uno di quegli annunci cercava ragazze disposte ad andare a Copenaghen per offrire i loro servizi sessuali in un'agenzia di incontri. Chiamai il numero di telefono indicato. Sandra, la ragazza che mi rispose, aveva un soave accento colombiano. Mi disse che a giugno, a Copenaghen, ci sarebbe stato il Festival di Musica, un'ottima occasione per fare molti soldi. L'idea era quella di lavorare due mesi al massimo, per dare ad altre ragazze la possibilit di guadagnare. Ma dovevo decidere in due giorni, perch Sandra aveva messo insieme un gruppo di ragazze spagnole che erano gi d'accordo di trovarsi all'aeroporto per recarsi l tutte insieme. Non accettai l'offerta. In quel periodo la mia vita personale era incasinata, e non me la sentivo di lasciare la Spagna. Rimasi d'accordo con Sandra che ci sarei andata un'altra volta. Lei mi lasci il numero dell'agenzia a Copenaghen, dicendomi che la persona che mi avrebbe risposto parlava uno spagnolo perfetto. Sembrava molto interessata all'idea di lavorare con ragazze che non avessero un fisico nordico. Troppo banale per i danesi. Era per questo che aveva pubblicato un annuncio sui giornali spagnoli. Questa politica di estrema libert sessuale fa s che molti degli alberghi di Copenaghen che si trovano nel quartiere a luci rosse o in zone vicine, come la Stazione centrale o la via Colbjornsensgade, si facciano pubblicit puntando proprio sulla loro posizione. In molti depliant turistici si legge: Hotel C.E., a due passi dalla Stazione centrale, nel quartiere a luci rosse. O anche: Hotel C.H.E., in pieno centro citt, di fianco a Vesterbrogade, a meno di cinque minuti a piedi dal quartiere a luci rosse.... Qualcuno di voi conosce un albergo spagnolo che si vanti di trovarsi nella zona del commercio sessuale? Io, personalmente, no. La Danimarca non ha paura del sesso, non cerca di ripulire le citt dalle prostitute. Il suo livello di progresso dovrebbe farci invidia. Con queste premesse, non difficile capire perch il ricorso alla sessualit come metodo terapeutico si sia potuto sviluppare, come vedremo pi avanti, proprio in questo paese. A teorizzare il concetto di infermiera sessuale, comunque, stato uno psichiatra originario di un paese vicino, la Svezia. Nel suo saggio The Erotte Mmorities,7 Lars Ullerstam sostituiva alla parola parafilia l'espressione minoranza erotica, proponendo la creazione di centri specifici per soggetti con gusti sessuali particolari, in cui questi avrebbero potuto realizzare tutti i loro desideri senza sentirsi a disagio. Perche' questo servizio funzionasse, era necessario ricorrere a terapeute in grado di soddisfare una domanda per cui nessuna infermiera tradizionale era preparata. E cos, lo psichiatra aveva deciso di rivolgersi a prostitute. Non ho la pi pallida idea di cosa sia successo dopo, ma di certo questi centri hanno avuto vita brevissima. Molto probabilmente, le pressioni dell'opinione pubblica hanno costretto il governo ad arrendersi all'evidenza: la societ svedese non aveva nessuna intenzione che il proprio paese diventasse il rifugio di tutte le perversioni possibili e immaginabili. Nonostante il loro scarso successo, questi centri hanno posto le basi per tutti i progetti futuri fondati sull'accettazione della terapia sessuale. Approfitto di questo paragrafo per dirvi che attualmente, in Svezia, la prostituzione proibita. Il governo, che sta prendendo tutte le misure necessarie per evitare che questa attivit continui a svilupparsi, condanna per soltanto i clienti, e non le donne che la esercitano, in quanto le considera vittime. In questo paese tira un'aria cos ostile che gli svedesi, ovviamente, fanno di tutto per fregare il sistema. Forse le autorit credono di aver sconfitto la prostituzione, ma la realt ben diversa. Semplicemente, i protagonisti del commercio sessuale si sono fatti pi furbi: le prostitute continuano a esistere, solo che non stanno pi sul marciapiede. Da parte sua, il governo stima che le donne che si dedicano a questa attivit si aggirino soltanto fra le duecento e le cinquecento. Quanto ai clienti, molti di loro hanno scoperto che esistono altri modi per contattarle. E quelli che non li hanno scoperti, vanno all'estero, soprattutto nel paese vicino, la Finlandia, che conta su un numero oscillante fra le seimila e le diecimila professioniste. Alla fine, con questa politica, la Svezia non fa altro che rendere pi Pagina 66

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt vulnerabili le sue meretrici (la stima ufficiale ovviamente erronea), invece di decidersi ad aiutarle. E tutto ci per ripulire il paese, anche se si tratta soltanto della facciata. La notizia esplosa agli inizi del 2005: gli istituti geriatrici danesi avevano escogitato un metodo innovativo per migliorare la vita degli anziani, un metodo che non aveva niente a che vedere con i medicinali o con l'attivit fsica. La nuova terapia consisteva nel proiettare film pornografici e nel ricorrere a vere professioniste, che, oltre ad offrire le loro prestazioni sessuali agli anziani, li avrebbero spogliati, lavati e rivestiti dopo l'incontro erotico. La cosiddetta pornoterapia ha spianato la strada alla sessoterapia, ovvero il ricorso al sesso a scopi terapeutici. Questo innovativo sistema stato avviato per la prima volta nell'istituto geriatrico di Thorupgarden, a Copenaghen, su proposta del Consiglio degli anziani. La direzione, anzich spaventarsi, ha accolto immediatamente la petizione. A quanto pare, i risultati sono sorprendenti. Gli anziani che si affidano a questa terapia rivelano un tasso di violenza molto pi basso di quelli che non la seguono e riducono notevolmente il consumo di medicinali. Un dato che di sicuro non piace per niente alle case farmaceutiche. Negli ultimi mesi, la pornoterapia si diffusa in molti altri ospedali geriatrici e in diverse case di riposo sparsi in tutto il paese. Ovviamente non si tratta di una terapia obbligatoria. Tuttavia, stando ai medici danesi, sono sempre di pi gli anziani che la richiedono. Attualmente, a beneficiare di queste terapie erotiche sono soltanto gli uomini, ma si prevede che presto verranno estese anche alle donne. Le professioniste che vengono ingaggiate dagli ospedali geriatrici sono perfettamente all'altezza della situazione perch ricevono una formazione apposita per riuscire a soddisfare le necessit fondamentali di un signore anziano. Il che equivale a dire che il loro ruolo va molto al di l di un semplice rapporto sessuale. Questo tipo di trattamento stato accolto cos bene all'interno del paese che lo stesso ministero della Salute e degli Affari sociali danese ha redatto un dossier completo contenente un elenco di suggerimenti e consigli per permettere ai cittadini della terza et di avere rapporti pi soddisfacenti: in sintesi, un manuale di istruzioni su come fare sesso in et avanzata. Sesso al di l dell'handicap Qualche tempo fa, la Svizzera si prestata con successo a un esperimento: formare un gruppo di lavoratori sessuali (sei donne e quattro uomini), fornendo loro le basi terapeutiche necessarie a soddisfare i bisogni sessuali di persone affette da handicap mentale. Dopo l'adozione della pornoterapia e della sessoterapia negli istituti geriatrici, la Danimarca ha deciso di riprodurre il modello elvetico con un programma specifico destinato a sollevare parecchie polemiche: il programma Sesso al di l dell'handicap. Attraverso quest'iniziativa, il governo finanzia un determinato numero di prostitute affinch, una volta al mese, abbiano un rapporto sessuale con disabili mentali. La filosofia su cui si fonda l'intero progetto che la sessualit rappresenti un aspetto molto importante nella vita delle persone, anche di quelle portatrici di handicap. Per sottoporsi al programma, queste persone devono essere accompagnate da chi solitamente si prende cura di loro, in modo che la professionista riesca a capirne chiaramente le aspettative e i desideri. Come accennavamo, il programma stato oggetto di accese critiche, soprattutto da parte dei partiti danesi all'opposizione. I quali ritengono che finanziare programmi di questo tipo con i soldi dei contribuenti sia assolutamente immorale. Proprio in questi termini si espressa la portavoce del Partito socialdemocratico, Kristen Brsosbol. Ma perch i politici reagiscono in modo cos violento all'idea che la prostituzione venga messa al servizio delle persone affette da handicap? Forse queste persone non hanno il diritto, come gli anziani degli istituti geriatrici, di usufruire della sessoterapia? Perch, anzich parlare in termini di immoralit, non pensiamo in termini di benessere, e non la smettiamo di emarginare i pi svantaggiati? Nelle dichiarazioni della Brsosbol si avverte una netta differenziazione tra il diritto al benessere di una persona sana e quello di una persona affetta da handicap. La sessualit di quest'ultima sembra semplicemente non esistere. Forse i disabili sono cittadini di seconda classe? Il presidente dell'Associazione danese dei disabili, Stig Langvad, ha replicato alle affermazioni di Kristen Brsosbol sostenendo che noi disabili Pagina 67

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt dobbiamo avere le stesse possibilit delle altre persone. I politici dovrebbero chiedersi se la prostituzione sia giusta o meno in generale, non se sia giusto o no che i disabili vi abbiano accesso. In effetti, se si critica un programma specifico, perch non si fa la stessa cosa con quelli gi in corso? La risposta, bench non venga detta a voce alta, davvero deplorevole: perch sesso e handicap non possono andare d'accordo. La mia esperienza come infermiera sessuale Nel periodo in cui lavoravo per la casa di appuntamenti di Barcellona, mi capit, senza saperlo, di fare da infermiera sessuale in quattro occasioni. Di trovarmi, in sostanza, non tanto a offrire servizi sessuali veri e propri, quanto piuttosto ad aiutare alcune persone a vincere le loro paure nei confronti dell'atto sessuale o a scoprire nuove zone erogene di clienti affetti da qualche malattia di origine fisica o psicologica. In tutti questi casi, che fra poco racconter in dettaglio, l'esperienza si rivel molto gratificante, sia per il cliente sia per me: una volta superati alcuni ostacoli, si vennero a creare legami emotivi cos belli e intensi che difficilmente potrebbero essere ripetuti. Se queste persone avessero avuto un incontro sessuale (anche se ne dubito fortemente, visto il loro sistematico rifiuto) con una donna non professionista, l'eventuale insuccesso si sarebbe potuto rivelare davvero traumatico per loro. Inigo, 26 anni, tetraplegico Dovevano essere pi o meno le undici di sera. Dopo aver risposto alla chiamata di Inigo, la responsabile della casa d'appuntamenti per cui lavoravo mi disse di prepararmi in fretta perch c'era un cliente della parte alta di Barcellona che richiedeva i servizi sessuali di una ragazza particolarmente affettuosa. Non aggiunse altro. Tutto quel mistero non mi incurios particolarmente. Il portone elettrico, aprendosi, risuon clamorosamente nella notte. Io ero assolutamente tranquilla e di buon umore. Ormai, era qualche mese che facevo quel lavoro, e lo padroneggiavo completamente. Suonai il campanello molto sicura di me, senza sospettare neanche lontanamente quello che avrei scoperto di l a poco. Inigo mi apr, seduto su una sedia a rotelle, e mi sorrise. Immagino che si fosse esercitato parecchio a sorridere, per paura che mi spaventassi e me la dessi a gambe. A essere sinceri, se non mi avesse sorriso, forse mi sarei rifiutata di entrare. Non per altro, ma avrei anche potuto pensare di non essere preparata a quel tipo di incontro. Ma il suo sorriso e l'allegria che gli si leggeva in volto bastarono a farmi entrare. A spingermi non fu la compassione. Era successo tutto troppo in fretta. Semplicemente, il senso di umanit ebbe la meglio sui pregiudizi e sull'idea dell'atto sessuale convenzionale, che, come mi anticip lui, non avrebbe avuto luogo. Guidava quella sedia a rotelle meglio di chiunque altro. Neppure io mi reggevo cos bene sulle mie gambe. Mi fece entrare subito in salotto, visto che, a suo dire, la camera da letto non serviva a niente. Inigo dette prova di un grandioso senso dell'umorismo. Era imprigionato su quella sedia da quando aveva diciassette anni, per via di un incidente in moto. Aveva perso la sensibilit in tutto il corpo, salvo che nelle mani e nel collo. La cosa pi difficile fu prenderlo in braccio e togliergli i vestiti. Io facevo moltissima attenzione, sebbene lui continuasse a ripetermi di non avere paura. Non potevo fargli male, visto che non sentiva assolutamente nulla. Ma io provavo un profondo rispetto per quel corpo atrofizzato da un terribile incidente, per quel corpo che non parlava come gli altri. Mi confess di rivolgersi spesso a servizi di prostituzione per avere qualche contatto fisico, visto che nessuna ragazza gli dava retta. Trascorsi un'ora ad accarezzargli le mani e a dargli bacini sul collo. Quella sera imparai molto, pi di lui. Capii che il sesso nella nostra testa, non nei nostri genitali. E lo sperimentai in prima persona. Stefan, 24 anni, ipocondriaco Stefan avrebbe potuto essere il ragazzo pi invidiato del mondo. Giovane, bello, ricco, con una fortuna alle spalle che due o tre generazioni non avrebbero fatto in tempo a dilapidare. Il suo unico problema era l'ossessione per i virus e i batteri. Non aveva mai avuto una fidanzata, visto il suo terrore morboso di contrarre una malattia venerea. Stefan aveva un nonno davvero speciale, che sapeva del problema del nipote ed era convinto che, pi che consultare tutti gli psichiatri della citt, il modo migliore per risolverlo fosse metterlo di fronte alle sue fobie. Per questo, due volte alla settimana, contattava prostitute perch passassero qualche ora con lui nella magnifica casa che gli avevano regalato i genitori. Sebbene fossi stata messa in guardia, il mio primo incontro con Stefan fu un Pagina 68

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt po' movimentato. Il nonno mi aveva avvertita che sulle prime reagiva sempre abbastanza male, ma che poi finiva regolarmente per far entrare la prostituta e, in alcuni casi, per averci un rapporto. Il nonno pagava in anticipo. Cos, Stefan non aveva l'impressione di trovarsi di fronte a una professionista, visto che non c'erano scambi di denaro. La prima volta che mi apr la porta, la sua reazione non fu per niente simile a quella di Inigo. Mi fece entrare nell'enorme disimpegno di casa sua con un atteggiamento un po' sprezzante. L'accordo era che, una volta entrata, non avrei dovuto forzare le cose. Prima avremmo dovuto parlare. Se poi fossimo finiti a letto, tanto di guadagnato. Ma non era indispensabile. Stefan non era una cattiva persona, e tanto meno violenta, ma opponeva resistenza ogni volta che un corpo estraneo entrava nella sua vita. Stabiliva sempre una distanza minima (tre metri circa) tra lui e le donne. Anche con me fece cos. Mi offr qualcosa da bere e poi iniziammo a chiacchierare. Il nonno era stato chiaro: se c'era feeling, avanti senza problemi. Ma Stefan doveva lanciare un segnale esplicito. Io mi ero portata preservativi e guanti di lattice; nel caso in cui fossimo passati all'atto carnale, me li sarei dovuta infilare prima di toccarlo. Se mi avesse proposto di avere un rapporto, mi sarei dovuta anche fare una doccia con un sapone speciale, uno di quei disinfettanti che usano i chirurghi prima di entrare in sala operatoria. Stefan non fu un caso facile. Dopo aver rotto il ghiaccio, gli chiesi di potermi lavare, proprio come mi era stato detto di fare. Lui mi port in un bagno che non usava nessuno e mi chiese, una volta finito, di gettare gli asciugamani usati in un cesto perch la donna delle pulizie li lavasse. Uscita dalla doccia, mi infilai quegli scomodi guanti di lattice. Il minimo errore da parte mia avrebbe potuto provocargli una crisi d'ansia. In quel caso avrei dovuto chiamare un numero di emergenza che mi avevano dato ma che, mi avevano assicurato, serviva solo in casi rarissimi. Il contatto erotico fu rapido, un po' tormentato (non voleva che lo si toccasse in alcune parti del corpo), ma alla fine and tutto bene. Il nonno mi fece tornare altre tre volte a casa di Stefan, non perch fossi la migliore, ma perch parlavo la sua stessa lingua. Pi che il sesso in s, fu fondamentale la comunicazione perch il ragazzo riuscisse momentaneamente a superare la sua paura del contatto fisico. Alberto, 90 anni, anziano Alberto non era di Barcellona, ma della Galizia. A novant'anni, continuava a viaggiare pi che poteva. Quella notte si ferm al Princesa Sofa, in una delle suite pi lussuose. Per passare una nottata piacevole, dopo aver cenato con alcuni amici, chiese la compagnia di una ragazza. Arrivai avvolta in un cappotto di cachemire color pistacchio che nascondeva un vestito cinese sbarazzino. A lui piacque molto, e mi fece entrare immediatamente, con un luccichio furbetto negli occhi. Si vedeva che aveva vissuto molto, e anche che ne sapeva parecchio in fatto di donne. Prima di incontrarlo, non avevo idea di quanti anni avesse. Lo trovai un uomo dolcissimo e meraviglioso, perch, anzich saltarmi addosso come fanno quasi tutti per approfittare al massimo del tempo a disposizione, chiam il servizio in camera per chiedere qualcosa da mangiare e una buona bottiglia di vino rosso. Forse pensava che non avessi cenato. Appena sent il mio accento francese, dette per scontato che amavo il vino rosso. Alberto voleva piacere e sedurre come quando aveva vent'anni. Sebbene non avessi paura di andare a letto con un signore anziano, devo riconoscere che nutrivo moltissimo rispetto per la sua et. Non ho mai pensato che la sessualit muoia con gli anni. Credo che invecchiando, in realt, ci si goda tutto molto di pi, perch si ha molta pi esperienza e si meno stressati. Quando si arriva a una certa et, si lascia da parte l'ansia da prestazione e si lascia affiorare il vero erotismo. L'unico problema di tipo corporeo. In una societ in cui impera il culto della giovinezza, un corpo flaccido e pieno di rughe non per nulla attraente. E poi bisogna fare molta attenzione ai problemi di salute. Con gli infarti non si scherza. Il rapporto che ebbi con Alberto fu molto tenero, privo di volgarit, a malapena genitale. Il suo corpo non reagiva pi come a vent'anni. Ma importava poi molto, in fondo? Lo sanno tutti: quello che conta di pi, per noi donne, sono le carezze; per i momenti pi fallici si pu sempre ricorrere a un vibratore. Vidi Alberto solo una volta, e spero che gli restino ancora molti anni da vivere per riuscire a godersi altri momenti di piacere, come quella notte. Miguel, 45 anni, vergine e misogino Miguel era un imprenditore di successo. Era a capo di un'importante azienda del paese e viaggiava spesso per lavoro. Non essendo sposato, e non avendo Pagina 69

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt responsabilit familiari di nessun tipo, spendeva tutti i soldi che guadagnava dallo psichiatra e con le prostitute. Miguel non amava granch le donne, ed era vergine proprio per questo motivo (ma non aveva neanche tendenze omosessuali). Tuttavia, era consapevole di avere un problema e di doverlo risolvere. La sua era pi che altro mancanza di fiducia in se stesso, una sorta di paura nei confronti del corpo femminile e delle donne in generale. Fu il suo psichiatra a consigliargli di avere rapporti con prostitute. Cos, ogni volta che poteva, si faceva raggiungere in albergo da una professionista. Quando fissammo il nostro primo appuntamento, pensavo che si trattasse di una persona sgradevole. Ma mi sbagliavo. Scart subito l'idea di andare a letto con me (l'atto sessuale gli faceva abbastanza ribrezzo), ma mi confid di avere fatto enormi passi avanti nei suoi rapporti con le donne. Ora accettava di vederle nude, mentre qualche anno prima sarebbe stato semplicemente impensabile. Mi chiese di togliermi i vestiti e di sdraiarmi sul letto a gambe aperte. Voleva assicurarsi che il sesso delle donne non fosse pericoloso. E cos gli dovetti mostrare gli angoli pi nascosti della mia vulva perch si rendesse conto che, per quanto diversi, gli organi femminili erano comunque innocui. Senza saperlo, gli tenni una lezione di anatomia femminile, per cui mi ringrazi calorosamente. Se avesse fatto cos con una conquista di una notte, sarebbe stato deriso da lei e mandato a quel paese, e questo avrebbe aumentato le sue paure nei confronti del sesso femminile. Non so che fine abbia fatto, ma una cosa certa: se ha continuato a chiamare le agenzie di ragazze, potrebbe anche avere risolto il suo problema e magari, perch no, avere perfino una relazione stabile. Sessuologhe sessuali Quella dell'infermiera sessuale una professione abbastanza recente, che fa parecchio discutere. Tuttavia, c' anche un'altra figura, molto meno nota ma che esiste da pi tempo: quella della sessuologa sessuale. Mi riferisco alle donne che si servono della loro esperienza nel campo del sesso, e a volte perfino del loro corpo, per aiutare le persone che ne hanno bisogno. Qui esporr il caso di due donne che si dedicano a questa attivit e che possono contare entrambe su una rigorosa formazione accademica. Ho avuto il piacere di conoscerne una, per caso, durante un convegno. Di solito, la professione del sessuologo vincolata alla medicina, e in particolare alle specializzazioni in psicologia e psichiatria. Le due donne di cui vi parler ora si muovono completamente al di fuori di questo schema tradizionale. Annie Sprinkle: ex prostituta, pornostar, regista e soprattutto sessuologa Conobbi Annie Sprinkle a Oporto, in Portogallo, durante il convegno Sesso, arte e terapia organizzato da Espac,o T. Ero stata invitata a tenere un intervento ed eravamo sedute allo stesso tavolo dei relatori, in un auditorium improvvisato all'interno di una chiesa modernista. Era uno scenario surreale e un po' morboso, con un enorme Cristo appeso alla parete che minacciava costantemente di cadrci in testa. Quell'immagine mi aveva fatto sorridere, perch in fondo era una metafora di ci che tutti temiamo: la morale e il suo guardiano, la Chiesa. Durante il mio intervento, Annie, che si trovava proprio di fianco a me, non faceva altro che annuire. Dopo aver risposto ad alcune domande ed essermi sentita dire che se avessi pubblicato i miei libri in Portogallo sarei stata espulsa dal paese, a prendere la parola fu proprio lei, Annie Sprinkle. Il curriculum di questa donna era davvero impressionante. Americana, originaria di Philadelphia, fra i diciotto e i trentotto anni aveva lavorato ciclicamente come prostituta, riprendendo l'attivit ogni volta che ne aveva voglia. Nel 1978 era finita in prigione dopo essere apparsa su una rivista oscena. Aveva recitato in diversi film porno, prima di iniziare a girare i suoi. Quello che aveva fatto pi discutere era Deep inside Annie Sprinkle (In fondo ad Annie Sprinkle), del 1982. A un certo punto, Annie si era stufata di recitare in film porno che la obbligavano a sottostare a ordini maschili e a messaggi maschilisti. In quelli realizzati da lei, l'aggressore sessuale era sempre la donna, non l'uomo. Nei film porno tradizionali, gli uomini non lasciano alle attrici il tempo di raggiungere un vero orgasmo, perch non lo giudicano una cosa importante. Annie l'aveva fatta finita anche con questa consuetudine. E aveva organizzato degli spettacoli dal vivo, come il Public Cervix Announcement (una sorta di condivisione pubblica della cervice), in cui, con l'aiuto di uno specolo e di una lampada, mostrava al pubblico la sua vagina. Le ragioni per farlo, secondo Annie, erano queste: La maggior parte delle persone non ne ha mai visto una da vicino, sebbene la Pagina 70

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt vagina sia la porta che conduce alla vita e tutti gli esseri umani ci siano passati. La vagina non ha i denti e non morde, ed giusto che la gente lo sappia. Guardare una vagina divertente, e divertirsi importante. Oltre ad avere pubblicato diversi libri, Annie aveva iniziato a lavorare come sessuologa, dopo essersi laureata nel 2002 all'Universit di San Francisco. Questa donna straordinaria, tenacemente impegnata nella lotta contro la stigmatizzazione sociale delle prostitute, dirige tuttora una fondazione dedicata alle lavoratrici del sesso, l'Iswface (acronimo di International Sex Worker Foundation for Art, Culture and Education), ed una delle pi note portavoce dei diritti delle prostitute. A Oporto mi consegn l'Aphrodite Award, il diploma della sua fondazione, per i servizi sessuali resi alla comunit. Inutile dire che conservo quel diploma con molto affetto. Non appena trover una bella cornice, lo appender con grande orgoglio nel mio studio. La dottoressa Susan Block: filosofa, show-woman e soprattutto sessuologa Sebbene la conosca meno, la dottoressa Susan Block una figura altrettanto importante nel mondo della sessuologia. Laureata in filosofia all'Universit di Yale e sessuologa da pi di dodici anni, partecipa a numerosi programmi televisivi e, tramite la sua linea sessuologica, offre un sostegno psicologico via telefono a chiunque desideri trasformare in realt le proprie fantasie erotiche. Oltre a queste attivit, la dottoressa Block tiene in diverse citt corsi e seminari di educazione sessuale. A Los Angeles, dirige un istituto che lei stessa definisce centro di esplorazione sessuale. Tra le sue specialit, il trattamento delle cosiddette vittime della repressione religiosa o di un'educazione troppo rigida. E visto che lavora negli Stati Uniti, non dubito che si stia letteralmente coprendo d'oro. Al di l della sua innegabile componente americana un tantino spettacolare, trovo che la fruttuosa trovata della dottoressa Block, molto simile ai nostri telefoni erotici, sia di grande utilit in un paese come gli Stati Uniti, dove la prostituzione proibita in quasi tutti gli stati e la pornografia ufficialmente condannata, nonostante la domanda sessuale sia molto elevata. Malgrado la sua stravaganza, la dottoressa Susan Block la prova fatta persona di cosa significhi vivere liberamente la propria sessualit. Oltre a condurre un programma televisivo sul canale Hbo, partecipa normalmente a video porno insieme ai suoi ospiti d'onore. Alcune buone ragioni per diventare prostitute Questo paragrafo farebbe da ottimo contrappunto a uno dei capitoli del libro di Pascal Bruckner e Alain Finkielkraut, Il nuovo disordine amoroso, intitolato Mille e tre ragioni di essere clienti8. Con tono spigliato, ironico, e con argomentazioni profonde e brillanti, i due autori elencano i vantaggi dell'essere clienti di un postribolo. Annie Sprinkle ha pensato di fare la stessa cosa al contrario; io ho dato il mio piccolo contributo con alcune precisazioni che ritengo fondamentali. Ecco l'elenco di ragioni elaborato da Annie: Le prostitute hanno la virt di condividere con estranei le loro parti pi intime. Le prostitute sfidano le consuetudini sessuali. Le prostitute sono spiritose. Le nrostitute fondano la loro attivit sul dare piacere agli altri. Le prostitute sono creative. Le prostitute sono intraprendenti e hanno il coraggio di vivere spericolatamente. Le prostitute insegnano a diventare amanti migliori. Le prostitute sono multietniche e multigender. Le prostitute danno consigli fenomenali e aiutano gli altri a risolvere i loro problemi personali. Le prostitute si vestono in modo sexy. Le prostitute sono pazienti e accettano le persone che gli altri rifiutano. Le prostitute alleviano la solitudine. Le prostitute sono indipendenti. Le prostitute hanno un grande senso dell'umorismo. Le prostitute allontanano lo stress e le tensioni. Le prostitute sopportano i pregiudizi e le stigmatizzazioni sociali. Le prostitute hanno talento che non tutti possiedono: non tutte le donne possono essere prostitute. Le prostitute che lavorano in proprio hanno a loro disposizione tutto il tempo Pagina 71

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt che vogliono. Le prostitute sono persone interessantissime e hanno vite appassionanti. Le prostitute aiutano gli altri a esplorare i propri desideri. Le prostitute esplorano i propri desideri. Le prostitute non hanno paura del sesso. Le prostitute sono divertenti. Le prostitute sanno portare tacchi altissimi. Le prostitute non hanno paura di mostrare la loro nudit. Le prostitute aiutano i disabili. Le prostitute aiutano la gente a guarire. Le prostitute insegnano a praticare il sesso sicuro. Le prostitute sono le portabandiera della lotta contro l'Aids. Le prostitute aiutano gli uomini a sentirsi unici. Le prostitute aiutano gli uomini ad accettarsi per quello che sono. Le prostitute danno colore a una vita grigia e monotona. Le prostitute permettono di pensare solo al piacere dell'uomo. Le prostitute aiutano le persone a non sentirsi sporche per le loro fantasie erotiche. Le prostitute non costringono gli uomini a fingere per ottenere quello che vogliono. Le prostitute aiutano i matrimoni a funzionare, offrendo momenti di respiro sia all'uomo che alla donna. E, pi di ogni altra cosa, le prostitute capiscono LA CONDIZIONE UMANA. L'elenco potrebbe andare avanti all'infinito, ma mi fermer qui. L'obiettivo era quello di associare a precisi valori un termine spregiativo come quello di prostituta. Quando parlo di prostitute, ovviamente, mi riferisco a persone che hanno deciso liberamente di esercitare quest'attivit. A quelli che criticano le prostitute perch non cercano di cambiare professione, bisognerebbe rispondere che le prostitute sono donne realiste e sanno perfettamente che il loro mestiere non smetter mai di esistere: meglio lottare per migliorare le proprie condizioni, quindi, che non illudersi su un'improbabile sparizione del mestiere pi antico del mondo. A chi le condanna a ridurre l'atto sessuale alla pi assurda forma di genitalit, poi, bisognerebbe ricordare che questo modello corrisponde alla nostra cultura coitocentrica e fallocentrica. Se siamo pronti a esplorare altri modelli di sessualit, sono sicura che le prostitute, che sono donne intelligenti, saranno le prime a impegnarsi e a offrire un esempio alla societ. Dobbiamo essere indulgenti con le prostitute, smettere di stigmatizzarle e ripartire dal loro mestiere per inventare nuovi modi di amare. Perch non trasformiamo le professioniste che lo desiderano in terapeute sessuali? Le custodi dell'umanit perduta Quando il modello danese delle infermiere sessuali diventato di dominio pubblico, tutti i quotidiani spagnoli hanno riportato la notizia. Senza eccezioni. Tuttavia, sono stati davvero in pochi ad approfondire l'argomento. In articoli pi o meno corti, si diceva che la Danimarca aveva iniziato a sperimentare un nuovo tipo di terapia all'interno degli istituti geriatrici, iniziativa che la Spagna era ancora molto lontana dall'adottare. Tutto qui. Gli articoli dicevano sempre le stesse cose, sembravano tante fotocopie di uno stesso pezzo. Perch non ce n' stato uno che si sia spinto al di l delle informazioni diffuse dalle agenzie di stampa? A meno di non sapere il danese, se si cercano informazioni sull'argomento, internet serve a poco o a niente. Io ritengo che non gli sia stata data l'importanza che merita. Il fatto che, quando si tratta di dare delle idee, nessuno sembra essere interessato. Maledetta condizione umana! La prostituta, che la persona che pi ne sa in assoluto, ritenuta pericolosa. Proprio perch possiede questo tipo di informazioni. Questo capitolo vuole essere un omaggio a tutte le prostitute che desiderano esercitare liberamente la loro attivit. Un omaggio alla loro generosit, al loro coraggio e alla loro condizione di infermiere perennemente in lotta contro i mali sociali. In questo mondo malato siamo tutti disabili, chi pi chi meno. Siamo disabili amorosi, e non sappiamo vedere nella generosit quel di pi in grado di arricchire le nostre vite. Non il caso delle prostitute. Loro sono il simbolo di una qualit umana che scarseggia, e che di solito non siamo nemmeno in grado di riconoscere. Una qualit che tendiamo a rifiutare perch, in un mondo sempre pi individualista ed egoista, il contatto fisico passato in secondo piano. Per me, e sono assolutamente convinta di ci che sto per dichiarare, dire prostituta sempre, in fondo, dire qualit umana. Pagina 72

tasso - LAltroLatoDelSesso.txt note: 1 Tropea Editore 2005 (n.d.t.). 2 Tigresse bianche. Au service secret du Grand Timonier fa parte della serie di fumetti francesi scritti e illustrati da Yann e Conrad e pubblicati dall'editore Dargaud. [N.d.T] 3 Taurus, Madrid 2000. 4 Ivi,p. 183. 5 Informazioni tratte dal sito di Vera e Steve Bodansky (www.extendedmassiveorgasm.com). 6 David L. Matlock, Sexby Design, DemiurgusPublications, LLC 2004; Dr. Spot, Demiurgus Publications, LLC 2004. [N.d.T.] 7 Grove Press, New York 1966. 8 Garzanti, Milano 1979.

Pagina 73