Sei sulla pagina 1di 1

32

MARTED
3 MARZO 2015
IL GIORNO
il Resto del Carlino
LA NAZIONE

MARCHE

I CONFINI DELLA CONOSCENZA


GIORNALISMO CULTURALE IL FESTIVAL SI SDOPPIA

Il sapere e la rivoluzione digitale


Questanno la kermesse sar ospitata a Urbino e a Fano

Giorgio Zanchini e Lella Mazzoli, a sinistra


Marino Sinibaldi e a destra Carlo Freccero
FANO

IL FESTIVAL del Giornalismo culturale si sdoppia, anzi


no, raddoppia. La terza edizione della manifestazione nata
ad Urbino, questanno si allunga e si svolger in due sedi: nel capoluogo del Montefeltro nei giorni 23 e 24 aprile
e per la prima volta a Fano
nei giorni 25 e 26 aprile prossimi. Alla terza edizione ha
detto la docente Lella Mazzoli che insieme a Giorgio Zanchini dirige il festival era
giusto chiedersi se eravamo
riusciti a penetrare nel territorio oppure se non fosse il caso
di chiudere. La risposta ampiamente positiva di Fano fa
ben sperare e considerare che
la cultura non sia solo un semplice corollario, ma una risorsa importante per un territorio anche in termini economici. Non a caso una delle ini-

TERZA EDIZIONE
Tra gli ospiti Bartezzaghi,
Dorfles, Sinibaldi,
Freccero e Massarenti
ziative della manifestazione,
il concorso rivolto a studenti
e giornalisti under 35 pone
linterrogativo: Con la cultura si mangia?.
DOMANDA legittima sulla
quale si sono soffermati alcuni degli intervenuti ieri mattina a Fano nella Sala della Concordia alla conferenza stampa
di presentazione del programma. Dove sia oggi la cultura e
per quali canali informativi essa passi il tema principale
del festival, come ha ribadito
il co-direttore Giorgio Zanchini: Da una parte assistiamo a

una rivoluzione digitale che


ha modificato il giornalismo
culturale, dallaltra dobbiamo
considerare che il benessere
di un territorio passa anche attraverso la diffusione della
cultura. Della felice intuizione di organizzare il festival in
due sedi si compiaciuto il
presidente della Carifano,
uno dei main sponsor, Francesco Giacobbi: Questo un
territorio che ha il rinascimento a Urbino, la romanit
a Fano e la musica a Pesaro,
cose che non si trovano in nessunaltra parte dItalia. Occorre quindi organizzarsi e fare
sinergia. Daccordo su questa ultima tesi anche gli amministratori locali, il sindaco
Massimo Seri e lassessore alla cultura Stefano Marchegiani per il Comune di Fano e
lassessore allurbanistica Roberto Cioppi del Comune di
Urbino. Urbino citt intel-

ligente ha detto Cioppi


che intende condividere le
proprie conoscenze con gli altri, consapevole che il nostro
territorio possiede un patrimonio culturale enorme.
LA VERA rivoluzione culturale ha detto Seri intrecciare le nostre ricchezze e cogliere le opportunit e le sfide
che questo tempo ci impone.
Insomma, tutti convinti che
la cultura non produce solo
ricchezza nelle menti, ma anche nel sistema economico.
La quattro giorni prevede incontri, conferenze, dibattiti,
musica e cinema (con lAmat)
cui parteciperanno tanti nomi noti del giornalismo e del
mondo della comunicazione,
tra i quali Stefano Bartezzaghi, Vittorio Sgarbi, Piero
Dorfles, Marino Sinibaldi, Armando Massarenti, Simonetta Fiori, Carlo Freccero.
s.c.