Sei sulla pagina 1di 1

Urbino

MERCOLED 9 OTTOBRE 2013

15
COLDIRETTI VERGOGNOSO RINVIARE LA CACCIA AL CINGHIALE
Una scelta vergognosa poich rappresenta uno schiaffo alle tante imprese agricole che stanno soffrendo a causa dei danni. Cos Giannalberto Luzi, presidente di Coldiretti Marche, commenta la decisione della Regione di rinviare la caccia al cinghiale. E spiega: Mentre sarebbe stato necessario anticipare la caccia, hanno prevalso ancora una volta le richieste delle lobby dei cinghialai verso le quali la politica continua ad avere una inspiegabile sudditanza e ci nonostante la loro efficacia sia quanto meno dubbia, visto che in questi anni la popolazione dei cinghiali e i conseguenti attacchi ai campi sono aumentati esponenzialmente.

PEDOFILIA ERA SOSPESO DA PRIMO CITTADINO A CASTELDELCI

Dieci anni di abusi su bimba: condannato Mario Fortini


PER LEX SINDACO finito nella bufera per molestie sessuali su una bimba arrivata la condanna. Mario Fortini, sindaco sospeso di Casteldelci, gioved si visto infliggere sette anni di reclusione dal gup di Bologna, Bruno Perla. Sette anni, la stessa pena richiesta dal pm Simone Purgato, per aver compiuto abusi sessuali su una ragazzina che frequentava la sua casa. Fortini, 62 anni, nato ad Urbino, dove ha anche ricoperto ad inizio anni 90 la carica di vicesindaco, ora agli arresti domiciliari in una comunit della Papa Giovanni. Avrebbe cominciato ad abusare della bimba quando questa aveva 5 anni, per continuare lungo tutto un decennio. A carico dellamministratore anche una serie di file di contenuto pedopornografico trovati nel suo computer. Era stato questo ritrovamento che aveva portato la compentenza del reato da Rimini a Bologna dove nei giorni scorsi si svolto il processo con rito abbreviato. Fortini stato difeso dallavvocato Antonio Zavoli che ha gi annunciato la sua volot di fare ricorso in appello contro la sentenza. ERA STATO nella serata del 3 dicembre 2012 che i carabinieri di Novafeltria e di Pennabilli erano andati a prendere il sindaco con unordinanza di custodia ai domiciliari concludendo cos quella che chiamarono operazione Aurora. Lindagine aveva preso il via ad agosto quando la ragazzina, ormai quindicenne aveva

TEATRO RESTAURATI SPAZI A CASTELCAVALLINO

Gruppo dialettale Pro Urbino: nuova sede per gli spettacoli

Sette anni per lex vice sindaco che resta in comunit

Mario Fortini, stato vice sindaco di Urbino negli anni 90 ed era stato sospeso dalla carica di sindaco di Casteldelci

PROCESSO Avrebbe cominciato gli abusi quando la piccola aveva 5 anni Materiale pedopornografico
raccontato degli abusi di cui era stata vittima per anni da parte di quelluomo. Secondo il racconto della ragazzina fatto tra i singhiozzi, le morbose attenzioni di Fortini sarebbero iniziate nel 2002, quando aveva apena 4-5 anni. Gli approcci sessuali di solito avvenivano in casa quando restavano soli, ma qualche volta anche allaperto. Poco

dopo i carabinieri chiesero ed ottenuto un decreto di perquisizione dellabitazione del sindaco e del suo ufficio nel municipio di Casteldelci. Il 6 settembre 2012 le perquisizione a seguito delle quali vennero sequestrati cellulari, computer, pen drive, lettori cd rom, dvd e altri supporti e materiali informatici. E di l che emersa la presenza di materiale pedopornografico. Il sindaco, che si sempre detto vittima di un complotto dovuto a legami che si erano deteriorati, scrisse su Facebook: Non sono un tipo che molla soprattutto quando mi sento perfettamente a posto con la mia coscienza. Lorenza Lavosi

LA COMPAGNIA Dialettale della Pro Urbino d il via alla stagione dei suoi spettacoli inaugurando la nuova Sala Prove a Castel Cavallino per essa precis, a Pachell, spiega lattore Claudio Capellacci che qui di casa da sempre. Su questo palco ho calcato la mia prima scena, nel 1960 ricorda per una recita della scuola elementare, nella parte di un bellissimo fiore. E se lo dice lui, c da credergli. Per molti anni disadorni e rovinati dallumidit, i locali della vecchia casa parrocchiale rivivono ora come un piccolo teatrino mirabilmente restaurato dai due amici e scenografi della compagnia, Roberto Valenti e Sandro Arduini. Un anno di lavoro pi da artisti che da artigiani impiegato per risanare muri, palco, platea, pavimenti, infissi e collocare le poltrone che un tempo erano nel Cinema Ducale e offer-

te da Paolo Tomassini. Il taglio del nastro di Carmen Dionigi, presidente della Pro Urbino, ha poi dato modo ad attori e amici della compagnia di ascoltare in anteprima le nuove formidabili canzoni di Duccio Marchi e di presentare i prossimi appuntamenti al Teatro Sanzio: cominciamo il 28 ottobre racconta il capocomico e regista Amleto Santoriello con una nuova edizione de LArplit a favore dellAnt di Urbino. Come sempre le festivit natalizie ci vedranno presenti quando il 28 dicembre rappresenteremo La Badant mentre il 28-29 marzo sar la volta de Le tu tet tratto da Feu, la mre de madame di George Feydeau. Chiusura di stagione il 10-11 maggio con El pret tel let tratto da La Boule di Henri Meilhac. Perch la crisi si vince anche ridendo. Tiziano Mancini

UNIVERSITA IL MINISTRO GIOVANNINI E LA SEGRETARIA DELLA CGIL CAMUSSO SARANNO A PALAZZO DUCALE PER LE CONFERENZE

La sala del trono aspetta i giovani per avere nuove idee per il futuro
IL SALONE del trono di Palazzo Ducale lancer la nuova stagione de I Dialoghi dellEspresso. Limportante ciclo di conferenze-dibattito prender il via alle 17 di gioved 17 ottobre e avr per protagonisti il ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e Susanna Camusso, segretario generale della Cgil. A discutere con gli ospiti di Universit, giovani e lavoro, saranno il rettore Stefano Pivato e il direttore dellEspresso Bruno Manfellotto. I Dialoghi dellEspresso coinvolgono le universit italiane e i territori sui quali insistono, richiamando gli atenei, i do-

TEMA CHE SCOTTA Studenti, universit e lavoro: garantire alle nuove generazioni prospettive per loccupazione
centi e anche gli studenti alle loro funzioni e responsabilit su temi mai come ora di attualit: lascensore sociale, la disoccupazione giovanile che sta minando le certezze delle nuove generazioni, la fuga dei cervelli che rpendono la via di altri paesi scoraggiati dalla scarsa meritocrazia del nostro, il welfare, le sperequazioni.

LUniversit di Urbino ha raccolto la sfida cogliendo loccasione di collocare i dialoghi nel luogo-simbolo che rappresenta il fulcro dellUmanesimo voluto da Federico da Montefeltro. Una scelta fatta in continuit con la storia: proprio nel Rinascimento la nostra citt stata un laboratorio di idee e di pensiero. Particolarmente importante sar il dibattito che si aprir con gli studenti dellateneo ai quali si rivolgono i Dialoghi, che vogliono essere uno stimolo soprattutto per loro e ai quali essi stessi possono dare un prezioso contributo.

Il ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini