Sei sulla pagina 1di 4

Cambiamento di Variabili negli Inte-

grali Doppi
Prima di passare ad enunciare e dimostrare il teorema di cambi-
amento di variabili negli integrali doppi, `e necessario premettere
quanto segue.
Sia T un dominio regolare del piano di coordinate
_
x = x(u, v)
y = y(u, v)
, (u, v) T,
di classe C
1
(T), sia : (u, v) T (x(u, v), y(u, v)) D,
allora si ha la seguente denizione:
Denizione. Il determinante jacobiano di `e il determi-
nante della matrice del gradiente dellapplicazione , denito da
det
(x, y)
(u, v)
=

x
u
x
v
y
u
y
v

=
x
u
y
v

x
v
y
u
.
Teorema (Cambiamento di variabili negli integrali doppi).
Siano T e D domini regolari di R
2
e : T D unapplicazione
invertibile, di classe C
1
tale che
det
(x, y)
(u, v)
= 0 su T
e f : D = (T) R. Allora vale:
__
D
f (x, y) dxdy =
__
T
f (x (u, v) , y (u, v))

det
(x, y)
(u, v)

dudv
1
Dim. Per la dimostrazione supponiamo inoltre :
f di classe C
1
; di classe C
2
;
F = F (x, y) di classe C
1
t.c.
F
x
= f;
T `e in corrispondenza biunovoca con D dove
T :
_
u = u (t)
v = v (t)
; D :
_
x = x (u(t) , v (t))
y = y (u(t) , v (t))
con t [a, b]
Dal teorema di Gauss-Green abbiamo
__
D
f (x, y) dxdy =
__
D
F
x
dxdy =
_
+D
Fdy
=
_
b
a
F
dy
dt
dt =
_
b
a
F
_
y
u
du
dt
+
y
v
dv
dt
_
dt
Osserviamo che
dy = y

dt =
dy
dt
dt.
Allora
__
D
f (x, y) dxdy = per denizione di integrale curvilineo
di forme dierenziabili
=
_
T
F
y
u
du + F
y
v
dv. (1)
2
Consideriamo ora
f (x (u, v) , y (u, v)) det
_
(x, y)
(u, v)
_
=
=
F
x
_
x
u
y
v

x
v
y
u
_
+
F
y
_
y
u
y
v

y
v
y
u
_
=
_
F
x
x
u
+
F
y
y
u
_
y
v

_
F
x
x
v
+
F
y
y
u
_
y
u
=
F
u
y
v

F
v
y
u
(abbiamo utilizzato il teorema di Schwartz)
=

u
_
F
y
v
_


v
_
F
y
u
_
quindi
__
T
f (x (u, v) , y (u, v)) det
(x, y)
(u, v)
dudv =
=
__
T
_

u
_
F
y
v
_


v
_
F
y
u
__
dudv
per Gauss-Green =
_
+D
F
y
v
dv + F
y
u
du (2)
Confrontando (1) e (2) si ha
__
D
f (x, y) dxdy =
_
T
f (x (u, v) , y (u, v)) det
(x, y)
(u, v)
dudv.
Osserviamo che, dato che il determinante jacobiano, per ipotesi,
`e una funzione continua in T che non si annulla, sar`a sempre pos-
itivo o sempre negativo. Poiche la scelta del segno `e indipendente
dalla funzione F, essa pu`o essere fatta prendendo F (x, y) = 1
m(D) =
__
T
det
(x, y)
(u, v)
dudv.
3
Dato che al primo membro compare una quantit` a positiva, se
il determinante `e positivo va scelto il segno +. Viceversa, se il
determinante `e negativo, va scelto il segno . In ogni caso
_
(T)
F (x, y) dxdy =
__
T
F (x (u, v) , y (u, v))

det
(x, y)
(u, v)

dudv.
Esempio. (Cambiamento di variabili da Cartesiane a
Polari).
Vogliamo passare dalle coordinate cartesiane (x, y) alle coor-
dinate polari (, ). Usiamo la trasformazione seguente
_
x = cos
y = sin
con
T =
_
(, ) R
2
: 0, 0 2
_
, e D = (T) .
Il determinante jacobiano `e
det
(x, y)
(, )
=

cos sin
sin cos

=
= cos
2
+ sin
2
=
_
cos
2
+ sin
2

_
= .
Quindi le formule di cambiamento delle variabili danno:
__
D
f (x, y) dxdy =
__
T
f ( cos , sin )

det
(x, y)
(, )

dd =
=
__
T
f ( cos , sin ) dd.
4