Sei sulla pagina 1di 1

PRIMO PRINCIPIO (O PRINCIPIO DI INERZIA) Se la forza totale applicata su un punto materiale uguale a zero, allora esso si muove a velocit

t costante. Reciprocamente, se un punto materiale si muove a velocit costante, allora la forza totale che subisce zero. Questo principio valido nell'ambito dei sistemi inerziali tanto che pu essere espresso cos: esistono infiniti sistemi di riferimento, detti inerziali, rispetto ai quali ogni punto materiale libero ha velocit costante. SECONDO PRINCIPIO (O LEGGE FONDAMENTALE DELLA DINAMICA) L'accelerazione di un punto materiale in ogni istante direttamente proporzionale alla forza applicata. Forza ed accelerazione hanno sempre la stessa direzione e lo stesso verso. L'espressione matematica del secondo principio della Dinamica F=ma TERZO PRINCIPIO (O PRINCIPIO DI AZIONE E REAZIONE) Se un corpo A esercita una forza su un corpo B, anche B, a sua volta , esercita una forza su A. Le due forze hanno stessa intensit e direzione, ma versi opposti. La direzione lungo la quale i due corpi interagiscono coincide sempre con la retta congiungente i due corpi. Forza e spostamento paralleli Il caso pi semplice quello in cui il vettore forza parallelo al vettore spostamento: i due vettori hanno stessa direzione e stesso verso. Se la forza e lo spostamento sono paralleli, si definisce il lavoro come: L = Fs Per esempio, un motore di ascensore che esercita una forza di 2000 N mentre solleva la cabina di 6 m compie un lavoro. L = (2000 N) * (6 m) = 12000 N*m Nel Sistema Internazionale l'unit di misura del lavoro il newton per metro (N*m). Questa unit di misura detta anche joule (J): 1 J = (1 N) * (1 m) Un joule il lavoro compiuto da una forza di un newton quando il suo punto di applicazione si sposta di un metro (nella direzione e nel verso della forza). Puoi eseguire un lavoro pari a 1 J sollevando di un metro un corpo che pesa 1 N. Cos, se afferri, un panetto di burro da 1 hg e lo sollevi di 1 m compi il lavoro di circa 1 J. Quando i vettori forza e spostamento sono paralleli, la forza mette o mantiene in movimento il corpo su cui applicata. In questo caso il lavoro della forza positivo ed detto lavoro motore. Forza e spostamento antiparalleli Un altro caso molto comune quello in cui i vettori forza e spostamento hanno la stessa direzione ma versi opposti. Se la forza e lo spostamento sono antiparalleli, il lavoro dato dalla formula: L = Fs Il segno meno introdotto per descrivere il fatto che, quando forza e spostamento hanno versi opposti, la forza agisce in modo da opporsi al moto del corpo. Si dice che la forza compie un lavoro resistente. Cos, la mano che indossa un guantone da baseball compie un lavoro negativo per fermare la palla. Per esempio, una palla che si muove verso sinistra con una velocit di 24 m/s (86 km/h) pu essere fermata da una forza (rivolta verso destra) di 400 N mentre la mano accompagna la palla per 10 cm. Il lavoro compiuto dalla mano : L = - (400 N) * (0,10 m) = - 40 J Forza e spostamento perpendicolari Considera un carrello che si muove senza attrito su un binario orizzontale. Sul carrello agisce la forza-peso, che rivolta verso il basso e, quindi, risulta perpendicolare allo spostamento (orizzontale) del carrello. In questa situazione la forza non influenza in alcun modo lo spostamento (non lo asseconda ma non lo ostacola neppure). Nel caso di forza e spostamento perpendicolari il lavoro nullo: L=0 Lavoro In fisica il lavoro si definisce come la forza che agisce su un oggetto e ne causa lo spostamento. In questa definizione del lavoro ci sono tre parole chiave: la forza, lo spostamento e la causa dello spostamento. In altri termini una forza, perch compia un lavoro su un oggetto, deve essere lei la causa dello spostamento delloggetto. Quindi non sufficiente, per compiere un lavoro, applicare una forza. Se manca lo spostamento non ci sar lavoro. Si compie un lavoro su un corpo quando il corpo si sposta parallelamente alla direzione della forza applicata. La seguente formula ci dice che lammontare del lavoro fatto misurato dal prodotto di due grandezze vettoriali, la forza e lo spostamento: L = F s (L=J; F=N ; s=m ) Lavoro = forza spostamento Potenza = (lavoro fatto)/(intervallo di tempo) = L/t Energia potenziale gravitazionale = massa accelerazione di gravit altezza Epot = m g h Energia cinetica = massa (velocit) Ecin = m v