Sei sulla pagina 1di 3

18-105mm la lunghezza focale dell'obiettivo e corrisponde ad un 5.8x.

. Per sapere quanti "x" un obiettivo devi dividere il numero pi grande con quello pi piccolo (105/18=5,8 circa). Per capire a cosa corrispondono possiamo dire che i valori fino a 35mm sono grandangolari, da 35mm a 50mm sono normali e sopra i 50mm sono teleobiettivi. La tua fotocamera ha 10x e supponendo che parta da una focale equivalente a 24mm corrisponderebbe ad un 24-240mm. Gli obiettivi di qualit non hanno un'escursione focale cos ampia. Corrispondono alla lunghezza focale dell'obiettivo... pi la lunghezza focale lunga pi lo zoom potente... non si p per quantificare in "x" lo zoom perch dipende dalla lunghezza focale iniziale: un 18-55 uno zoom 3X esattemente come lo un 70-200 ma il primo va da grandangolo a piccolo tele mentre il secondo e un teleobiettivo. Comunque con il tuo obiettivo puoi fare tutte le foto che faresti con una compatta 3X... (montato su una Olympus devi applicare fattore di conversione 2.0x quindi diventa un 28-84mm) Prendiamo ad esempio il 18-55 f3,5-5,6. E' un obiettivo zoom 18= lunghezza focale minima (espressa in mm) 55= lunghezza focale massima f3,5= diaframma massimo alla lunghezza focale minima f5,6= diaframma massimo alla lunghezza focale massima la lunghezza focale in fotografia, la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo e il piano pellicola (o il sensore in caso di fotocamera digitale) alla quale viene messa a fuoco l'immagine di un punto posto all'infinito. Ora nel vecchio formato a pellicola l'obiettivo di lunghezza focale 50 mm era considerato il "normale", questo perch il 50 abbracciava un angolo di ripresa uguale o quasi alla visione ad occhio nudo, quindi gli obiettivi di lunghezza focale maggiore di 50 erano considerati teleobiettivi, mentre quelli sotto i 50 erano considerati grandangolari, nel digitale le cose sono un p cambiate, essendo il sensore delle fotocamere come la D3100 pi piccolo del negativo della pellicola . Quindi bisogna moltiplicare la focale dell'obiettivo per 1,5( questo vale per tutte le fotocamere in formato APS-C tranne per Canon dove bisogna moltiplicare per 1,6) per avere la focale equivalente al vecchio formato e quindi per avere lo stesso angolo di ripresa del 50 con il digitale bisogna usare una focale di 50/1,5= 33,333 che per convenzione diventa 35, quindi il 35 nel digitale diventa il "normale" quelle focali minori sono i grandangoli quelle focali superiori diventano teleobiettivi. Ora parliamo di luminosit e diaframma. In fotografia il diaframma l'apertura , incorporata nell'obiettivo, che ha il compito di controllare la quantit di luce che raggiunge la pellicola o il sensore. E attraverso un sistema si pu chiudere il diaframma. La sequenza dei valori di numeri f una progressione geometrica in base radice quadra di 2 (circa 1,4). Comprende i seguenti valori:

f/1 f/1,4 f/2 f/2,8 f/4 f/5,6 f/8 f/11 f/16 f/22 f/32 f/45 f/64 Pi il numero f basso pi l'obiettivo luminoso. solitamente ad ogni valore di f( fra quelli riportati sopra) viene dato il nome di stop,es. fra f/1 e f/2,8 ci sono 3 stop, ad ogni stop dimezza la quantit di luce che entra, quindi per esporre correttamente se chiudiamo dobbiamo allungare il tempo di esposizione. La profondit di campo, quella distanza davanti e dietro il soggetto che appare nitida, cio messa a fuoco, questa PDC( profondit di campo) influenzata da: lunghezza focale, maggiore nei grandangolari, minore nei teleobiettivi dall'apertura del diaframma, un diaframma aperto ha meno PDC che un diaframma chiuso, a parit di lunghezza focale e poi dal punto di ripresa rispetto al soggetto principale ,pi mettiamo a fuoco da vicino minore sar l'estensione della PDC, ad esempio in macrofotografia la PDC pu essere anche di pochi mm. ovviamente pi si chiude il diaframma pi si aumentano i tempi di esposizione e pi si rischia che la foto esca mossa, oltre il fatto che non si pu chiudere oltre un certo valore altrimenti compare il problema della diffrazione, che peggiora la qualit finale dello scatto. detto tutto questo, bisogna dire che gli obiettivi luminosi sono migliori e purtroppo costosi, a parte i fissi tipo il 35 f1,8 o il 50 f1,8 che costano 150/200 , mentre ad esempio fra il 18-55 f/3,5-5,6 e il 17-55 f/2,8 , il primo costa circa 200 il secondo circa 1500 . per la tua D3100 ti consiglio di prenderla intanto con il 18-105, la qualit ottica fra il 18-55 e il 18-105 simile e con il 18-105 hai almeno pi versatilit. Altro consiglio che ti do di frequentare un corso di fotografia,cos tutti i tuoi dubbi saranno fugati, solitamente i fotoclub o i circoli fotografici ne organizzano un paio all'anno, e un corso base non molto costoso, cerca se nella tua zona ci sono fotoclub/circolifotografici.
uei valori che dici tu sono la quantit di zoom di cui dispone un'obbiettivo. 18-105 significa che va da 18 millimetri a 105 millimetri. al livello pratico pi aumentano i millimetri e pi puoi ingrandire le cose lontane. Il grandangoli sono obiettivi dai 35 millimetri in gi. Un grandangolo ti permette di fare entrare tante cose nella fotografia, ovvero di inquadrare cose molto grandi anche da vicino. l'ideale per i paesaggi, l'architettura. Attenzione che per ingrandire le cose vicine ti serve invece un obiettivo con la scritta MACRO (per vicine intendo meno di 1 metro) La qualit dell'obiettivo non c'entra niente coi numeretti da te citati.... bisogna conoscerli uno a uno e valutarne la resa Il 18-105 un obiettivo cosiddetto tuttofare, perch ti da la possibilit di passare da grandangolo a teleobiettivo con un unico movimento di rotella. molto buono per quello che costa (200 euro in kit) ed l'ideale per iniziare. In mani esperte ed in condizioi di luce ideali ha poco da inidiare a obiettivi moooolto pi costosi (pi di mille euro) La differenza con obiettivi costosissimi si sente in ambienti chiusi e con luce solo naturale, o se vuoi ottenere effetti particolari tipo sfondi sfocati di particolare qualit.

Altro valore di cui devi conoscere il significato la LUMINOSITA' sul 18-105 3.5-5.6, ovvero varia da 3.5 a 5.6 mano mano che zoommi da 18 a 105. La luminosit elevata ti permette di fare foto non mosse anche quando c' poca luce senza bisogno del flash, oppure per ottenere i suddetti sfondi sfocati di ottima qualit . Il 18-105 un obiettvo molto buio, i luminosi partona da un valore di 2.8, costante per tutta la zoommata. Ah, i x sono l'escursione focale, ovvero quante volte un obiettivo aumenta la sua focale minima. il 18-105 un 5.8x (la tua compatta 10x) perch 18x5.8=105. Un teleobiettivo 150-300 per esempio un 2x, in quanto 150x2=300 Pi i x di un obiettivo sono bassi, pi in linea di massima la quanit buona. un obiettivo 2x quasi sempre meglio di un 5x, che quasi sempre meglio di un 8x o 10x. In compenso meno x ha e meno puoi zoomare, quindi l'obiettivo pi specialistico Il massimo della qualit rappresentato dagli obiettivi fissi, che sono caratterizzati da un solo numero (es 50 e non 50-135) e da valori di luminosit elevati, di solito intorno a 1.8-2 . Ovviemente con un fisso non si zoomma, devi muoverti tu per far entrare le cose nella foto altre scritte che trovi sull'obiettivo sono DX (non compatibile con le reflex professionali FX, che comunque costano 2500 euro solo corpo, non compatibile con reflex a pellicola) VR = riduzione delle vibrazioni, a parer mio piuttosto inutle evita il mosso dovuto alla tua mano tremante quando c' poca luce, ma con obiettivi bui le foto senza flash vengono di solito comunque mosse perch il VR non evita che si muovano i tuoi soggetti AF-S = dotato di motore ultrasonico, che assicura la pina compatibilit di autofocus con tutte le reflex digitali nikon, anche le pi economiche Non c' scritto sopra ma il 18-105 anche un obiettivo G, ovvero non possibile regolare la luminosit sulle vecchie reflex a pellicola ( due o tre degli ultimi modelli a pellicola prodotti hanno pesta compatibilit) primo numero indica la focale minima il secondo la max, esistono zoom grandangolo-normale / normale-tele / tele medio-tele spinto Per sapere il rapporto di zoom dividi il max : il minimo 42:14=3x I numeri corrispondono alla focale dell'obiettivo(che nel caso delle fotocamere APSC deve essere moltiplicato x1,5-1,6 per avere la focale esatta per effetto della dimensione del sensore) Le ottiche come focale(ci riferiamo sempre al 35 mm film) <35mm grandangolo 50mm normale 85135mm ritratto >135mm tele >200mm super tele per farti meglio un'idea. http://www.walter.bz/immagini/esempi_obi ciao buone foto

http://www.pixmania.com/it/it/10618177/art/canon/eos1100d-obiettivo-ef-s.html