Sei sulla pagina 1di 26

SENSIBILITA’ TERMICA - TERMOCEZIONE

RECETTORI TERMICI

fibre C

fibre Aδ

zona di temperatura indifferente


PSICOFISICA della SENSAZIONE TERMICA

Dipendenza della soglia Dipendenza della percezione


percettiva da ∆T/∆t della temperatura da Tbasale

recettori per il caldo

Soglia differenziale

recettori per il freddo


Vie ascendenti Sistema anterolaterale
-informazioni termiche + dolorifiche

n. ventroposterobasale
n. centrali

fibra Aδ lemnisco spinale

fibra C zona marginale


DOLORE

Evento sensoriale ed emozionale spiacevole

elaborazione centrale percezione dolorifica

riflesso flessorio
somatica
> tono muscolare
nocicettori risposta riflessa
> att. ortosimpatico
viscerale
> att. asse ipotal-ipof
chimico
danno tissutale
meccanico
termico
SENSIBILITA’ DOLORIFICA - NOCICEZIONE

chemocettori ?

- I e II tipo (fibre Aδ e C)
NOCICETTORI
- Polimodali (fibre C)

iperalgesia

Prostaglandine, sostanza P,
Sensibilizzazione periferica dei nocicettori bradichinina, istamina,
da parte di adrenalina, serotonina, 5-Ht

CGRP: calcitonin gene related peptide


Nocicettori meccanici: dolore acuto e puntorio
FIBRE AFFERENTI PRIMARIE

Nocicettori tipo I Nocicettori tipo II


Soglia alta, Soglia bassa
lento adattamento rapido adattamento
campo recettivo 1-8 cm2 campo recettivo < 1 cm2

fibre mieliniche di medio calibro


velocità 12-30 m/sec

Recettori polimodali fibra Aδ

fibre di piccolo calibro fibra C


piccolo campo recettivo
velocità 0.5-2 m/sec fibra Aβ

Meccanocettori Aδ
Soglia bassa,
Alta velocità
Responsabili del fenomeno dell’ allodinia meccanica
Soglia di attivazione fibre Aδ fibre C
Corna posteriori del midollo spinale (Lamine di Rexed)

Neuroni sensitivi secondari

fibra Aδ a) nocicettivi
fibra C - ricevono da fibre Aδ e C

fibra Aβ
b) ad ampio spettro dinamico

- ricevono da Aδ, C e Aβ
Proiezione al midollo controlaterale

spiega la sindrome della emisezione del midollo spinale


Vie ascendenti

A. Sistema anterolaterale
-informazioni termiche + dolorifiche

B. Sistema posteriore

Neurone secondario di proiezione


organizzazione somatotopica

laterale (neospinotalamico)
-nocicettori, fibre Aδ e C
- spino-talamico componente discriminativa
mediale (paleospinotalamico)
-fibre Aδ, C e Aβ
componente emozionale
- spino-reticolare
- spino-mesencefalico componente riflessa
- spino-ipotalamico
COMPONENTI DEL FASCICOLO ANTERO-LATERALE
SISTEMA MEDIALE

SISTEMA LATERALE

- scarsa org. somatotopica


- componente affettiva-emotiva
- organizzazione somatotopica
- discriminazione intensità stimolo
- “ durata “

f. spino-talamico mediale f. spino-talamico laterale


paleo-spinotamico neo-spinotalamico
MECCANISMI DI MODULAZIONE ENDOGENA DEL DOLORE

TEORIA DEL CANCELLO


- corteccia cerebrale
SISTEMA DI CONTROLLO DISCENDENTE - ipotalamo
Inibito dalla sezione del funicolo dorsale - tronco encefalico

Funicolo dorsale -
+

neurone sensitivo secondario


neurone di proiezione
SISTEMA DI CONTROLLO DISCENDENTE

- corteccia prefrontale
- corteccia orbitofrontale
- ipotalamo, talamo, amigdala
- sostanza grigia periacqueduttale (org. somatotopica)
- tegmento pontomesencefalico dorsolaterale tronco
- bulbo rostoventromediale

relè di proiezione

al midollo spinale
sostanza grigia periacqueduttale

Inibiscono la Facilitano la
trasmissione trasmissione
del dolore del dolore

informazioni nocicettive
Nucleo di partenza di una via
noradrenergica inibitoria al
corno posteriore del midollo

Nucleo di partenza di una via


serotoninergica inibitoria al
corno posteriore del midollo
(funicolo dorsolaterale)

- inibizione neuroni sensitivi secondari


- inibizione interneuroni eccitatori
- eccitazione interneuroni inibitori
Neuropeptidi oppioidi endogeni
Neuropeptidi oppioidi Recettore
per gli Localizzazione recettori
oppioidi

β-endorfina
µ Neuroni ipotalamici con proiezioni a:
- grigio periacqueduttale
Prodotta da ipofisi anteriore - nuclei noradrenergici del tronco encefalico
(con ACTH)
stress
dinorfina A e B
κ Presente nei neuroni di :
- sostanza grigia periacqueduttale
- parte ventrale del bulbo

µ, δ
metionina-encefalina - strati superficiali delle colonne dorsali del
midollo spinale
leucina- encefalina

- corteccia cingolata anteriore


- corteccia orbitofrontale
- ipotalamo
- sistema limbico
- tegmento pontomesencefalico dorsolaterale
SISTEMA DI CONTROLLO DISCENDENTE

Vie discendenti setoninergiche


e noradrenergiche inibitorie

colonne dorsali
midollo spinale
PSICOFISIOLOGIA DEL DOLORE

Metodi di misura del dolore

- Soglia : intensità minima dello stimolo che


provoca dolore
A. Tecniche soggettive
- Tolleranza: intensità o tempo massimo di
sopportazione

B. Alterazioni comportamentali

- Entità delle risposte riflesse somatiche


- Microneurografia
C. Tecniche fisiologiche - Elettroencefalografia, misura del flusso ematico
cerebrale, magnetoecefalografia
1. Dolore somatico superficiale (cutaneo)

fibra Aδ fibra C

pungente urente

1-2 sec
2. Dolore somatico profondo e viscerale

- muscoli, legamenti, ossa, articolazioni


- visceri

NB: Stesse lamine di proiezioni delle DOLORE RIFERITO


afferenze nocicettive somatiche e viscerali

Neuroni sensitivi secondari


3. Dolore cronico e neurogeno (o neuropatico)

Abnorme sensibilità dei neuroni centrali all’attività delle fibre Aβ legata a:

- Diminuzione efficacia sistemi inibitori


- Riorganizzazione delle strutture nocicettive a livello spinale e
sovraspinale
- Abnorme sensibilità all’adrenalina → attività spontanea fibre
afferenti nocicettive