Sei sulla pagina 1di 88

CROP CIRCLES LE SPIEGAZIONI DI GUCUMATZ

Concentro qui gli interessanti interventi che lutente di svariati forum Gucumatz ha postato principalmente sul sito Luogocomune, in replica ad un articolo di Massimo Mazzucco.

I link alle discussioni originarie sono questi:

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=2402

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=2448

Questi post sono riportati perch costituiscono una valida guida di riferimento all'argomento dei Cerchi nel Grano.

TESTI DI GUCUMATZ CITAZIONI DA LUOGOCOMUNE


Partiamo da Mazzucco: mi spiace dirlo, ma stona molto vederlo parlare di conoscenza ed approfondimento, quando quello che si legge nellarticolo un semplice riassunto della disinformazione che esiste sui cerchi nel grano.

Dire

che

lipotesi

umana

viene

scartata

per

via

dei

problemi

tecnici

(realizzabilit pratica delle figure), una obiezione che poteva andare bene (a stento) una 20ina di anni fa. Ma dirlo ora significa non avere la bench minima idea di tutto quella che la storia dei cerchi ci ha regalato dagli anni 80 ad oggi.

I vecchietti Doug e Dave sono stati sbeffeggiati ed irrisi fino allo sfinimento, ma rimane il fatto che allepoca riuscirono a gabbare alcuni dei pi rinomati 1

esperti del settore, facendoli esclamare al miracolo di fronte alla loro realizzazione (orchestrata da un giornale che aveva architettato lo scoop, allinsaputa degli esperi).

Che fossero loro gli autori di tutti i cerchi gi apparsi prima del 91 conta poco alla fin fine, perch nella peggiore delle ipotesi questo significherebbe che gli esperti (coloro i quali avevano gi diffuso in tutto il mondo la leggenda delle caratteristiche inspiegabili ed irriproducibili dei cerchi), sono stati fregati dai primi due pensionati di passaggio.

Questo per dire che le analisi a sentimento di Mazzucco contano ben poco, se poi si vede che pure gli studiosi in materia non hanno mai avuto alcunissimo criterio valutativo che permettesse loro di capire la differenza tra un cerchio vero ed uno falso. (Per il discorso anomalie si veda pi sotto).

La dimostrazione del pressappochismo con cui Mazzucco affronta il problema (affatto approfondito, da quel che si legge), contenuta nella pretesa di addossare al CICAP (leterno spauracchio dei fideisti dei misteri in genere) laffermazione sui porcospini in amore. Infatti, nonostante il link sia corretto, sembra che linformazione in esso contenuta non sia stata affatto considerata. Sono anni che mi interesso di cerchi, ed ormai quella dei porcospini diventata una storiella talmente comune che anche io mi sono andato a vedere da dove fosse nata. Ed effettivamente facile constatare che lorigine di questa ipotesi (fatta a mio modo di vedere per illustrare un ventaglio di ipotesi, pi che teorie verosimili) sia da imputare allo scomparso P.L.Sani, ex ufologo del CUN, che con il CICAP non aveva nulla a che fare.

Ma nonostante questo mi sembra che la puntualizzazione non sia minimamente stata tenuta in considerazione, e che Mazzucco abbia fatto invece di tutto per riaddebitare al CICAP (spauracchio) un luogo comune che agli appassionati del settore noto e sbugiardato da tempo (ma tant, si vede che i mezzi utilizzati alla fine sono sempre gli stessi).

La pretesa di considerare le realizzazioni nei campi impossibili, nei modi e nei 2

tempi suggeriti, poi quanto mai fuori luogo, visto che le dimostrazioni fornite dai circlemakers sono note (a chiunque se le sia ricercate) e continuano a ripetersi ogni stagione, anno dopo anno. Se Doug e Dave sono stati la punta delliceberg mediatica, adesso esistono decine di gruppi organizzati, che proseguono un lavoro iniziato forse con D&D, ma forse anche prima Questi gruppi agiscono per i pi svariati motivi, ad iniziare da quelli economici (c chi fa notevoli cerchi su commissione), per passare a quelli artistici (land artist anche loro in parte noti), per approdare ai burloni ed agli esoterici (che costituiscono forse il nocciolo pi antico ed esperto nel campo delle grandi realizzazioni). C tutta una lunga letteratura sulle identit e le finalit dei circlemakes, che si pu ritrovare sia in rete (nel gi citato www.circlemakers.org, o nelle interviste ai circlemakers) sia in materiale su DVD (Circlemakers, su YouTube, con lunghi racconti e spiegazioni circostanziate dei loro motivi e delle loro ragioni) sia in varie pubblicazioni (tra le quali quella in assoluto da tenere in considerazione su questo tema Persi nella memoria, di Andrea Feliziani

http://www.planetcircles.com/canali/Interviste/feliziani.html

Ma al di l delle varie motivazioni dei differenti gruppi, quello che conta sono i risultati, giusto? Ed allora bene, ritrovare i risultati facile. Basta ricercare nomi come Rob Irving, John Lundbeg, Mattew Williams, Remko Deelfgauw ecc. Con questi possibile verificare ci che anche Voyager (un paio di anni fa, se non ricordo male) aveva gi chiaramente mostrato: cio che eseguire un crop circle complesso, di notte, al buio, in 3-4 persone, con mezzi tecnologici semplici, FATTIBILE. Ed infatti stato fatto. Non una volta, non due, non tre: ma decine di volte. Praticamente tutti gli anni.

Allego qui di seguito alcuni links alle prime realizzazioni famose che ho sotto mano, sulle quali (se mai interessasse a qualcuno) si possono ritrovare particolari e dettagli:

http://video.google.it/videoplay?docid=4520101054295415491&q=crop+firefox http://www.youtube.com/watch?v=ff6-_c5jzPQ

Queste sono solo alcuni esempi delle realizzazioni di circlemakers, fatte per i pi disparati motivi. Assieme a queste se ne possono trovare altre decine, e se si considerano tutte le prove fatte dai vari Centri di ricerca o da amatori, il numero di ingrandisce a dismisura.

Per aggiungere i dettagli ad ogni singola formazione e per ritrovarne tante altre, basta Google. Oppure pu essere utile consultare il database del Forum di Crop Circle Connector, dove durante gli anni tutte le discussioni sui crop circles (incluse le tante realizzazioni dei circlemakers) sono state portate avanti, osservate, testimoniante e documentate.

Ecco, queste cose dovrebbero essere ben chiare a chi ha la pretesa di parlare di informazione, perch se non si riconosce il valore dei circlemakers, non si fa altro che dare dimostrazione di scarsissimo approfondimento (praticamente nullo) su questi temi.

Una dimostrazione di quello che dico data dal fatto che OGNI ricercatore sui cerchi nel grano riconosce senza problemi le capacit dei circlemakers, ed ormai non esiste esperto che si rispetti (ma anche che non si rispetti) che non lo ammetta tranquillamente.

E si badi bene che con esperti mi riferisco proprio a quelli che NON credono che tutti i cerchi siano opera delluomo, quelli che trovano le anomalie, quelli che hanno insegnato alle masse il concetto di impossibilit di realizzazione dei cerchi.

Il fatto che quelli fatti dalluomo secondo loro costituiscono lassoluta maggioranza di TUTTI i cerchi. Colin Andrews, per citare uno che andava per la maggiore non molti anni fa, parla dell80% di falsi. Questo significa che secondo lui ogni volta che un curioso guarda un database sui cerchi nel grano, 8 volte su 10 guarda un cerchio che (secondo le stime degli ESPERTI) stato fatto da circlemakers. Quindi del tutto ingenuo (per non dire peggio) dire che ad occhio luomo non pu realizzare quelle opere. Perch quelle opere (a detta degli stessi esperti) sono realizzate 8 volte su 10 proprio dagli uomini!!

Ecco, chiunque pu andarsi a ricercare le dichiarazioni di nomi noti in questo campo, come Andrews, Haselhoff, Levengood, Talbott, Silva ecc. e vedere che TUTTI loro riconoscono benissimo le capacit dei circlemakers, e che considerano preponderante il numero di c.c. falsi su quello di c.c veri (nota: alcuni di questi hanno cambiato opinione nel corso degli anni. Io riferisco la loro ATTUALE visione e le loro recenti dichiarazioni).

Quindi? Quindi mi fa sorridere vedere che qualcuno pu avere il coraggio di parlare di approfondimento, quando sembra essere fermo ad obiezioni che si sarebbero potute accettare (ma a fatica) 20 anni fa, e che oggigiorno neppure i pi fervidi sostenitori della non convenzionalit dei cerchi riuscirebbero a prendere sul serio.

Ovviamente dicendo queste cose so di suscitare lo sdegno di chi ha in mente il concetto di anomalia biologica, ma a questo arrivo subito. Va per prima chiarito ulteriormente il concetto sulla replicabilit umana. Che non solo stata confermata da decenni di prove, eseguite in tutte le condizioni previste (di notte, in poche ore, al buio, con mezzi semplici), ma che ormai 7

talmente accettata che NESSUNO degli esperti in materia la mette pi in dubbio. Chiunque si opponga a questa opinione (che in realt un dato di fatto pi che accertato), dimostra di avere una conoscenza dellargomento in oggetto veramente scarsissima, direi praticamente nulla.

Venendo alle anomalie, mi si stringe il cuore a vedere che le pagine di Levengood e di Haselhoff siano ancora considerate come prove scientifiche delle caratteristiche dei cerchi genuini. Perch anche qui NON SI PUO parlare di approfondimento se non si sono letti quegli articoli, e se non si capito cosa contengono.

Partiamo dalla fine, da Haselhoff. Il caro fisico olandese cosa ha fatto? A parte un libro famosissimo in cui ha inserito un po tutti i fatti, le leggende e le ipotesi sui cerchi, Eltjo ha scritto un commento per Ph.Plantarum, in cui sosteneva lipotesi di formazione dei cerchi per mezzo di sorgenti energetiche puntiformi.

Peccato che quel commento (che era non referato, a differenza di quanto lui sosteneva in pubblico, giusto per fare il figo) della sorgente puntiforme non ce nera la minima traccia. Infatti, come dimostrato nellarticolo comparso nel 2005 sul Journal of Scientific Exploration (BOLs, the questionable science of Crop Circles), emerge chiaramente che le estrapolazioni di Haselhoff sono del tutto arbitrarie, e che il modello dellirraggiamento puntiforme non ha alcuna rilevanza matematica (tanto che una regressione che preveda una retta, piuttosto che un campana, per landamento delle anomalie, fitta i risultati molto meglio del modello di Haselhoff). Inoltre il suo lavoro ha permesso di mostrare altri particolari molto

interessanti. Per esempio il fatto che Haselhoff barava nei dati e nei risultati. E questo emerso dallosservazione dei sui fogli di lavoro originali (cosa che lo stesso Haselhoff ha dovuto ammettere sui news-groups italiani, dove intervenuto pi volte in questi anni), che prima erano stato rimescolati, poi

non considerati (per comparivano lo stesso trai dati) e poi ancora reinseriti nelle tabelle ufficiali sui suoi libri. Per non parlare poi del fatto che quei dati smentivano due cose molto importanti: la prima riguarda la distribuzione della anomalie allinterno dei cerchi, che ANCHE in quelli fatti dalluomo seguiva un andamento crescente dai bordi fino allinterno delle formazione (cosa che Haselhoff prima riteneva impossibile ed inspiegabile, ma che quanto stata trovata in bufale non ha suscitato nessun commento). La seconda riguarda lentit di queste

anomalie, che vanno di ben lunga oltre ai limiti imposti dal BLT.

E qui facciamo un passo indietro, perch tutto nasce proprio dal lavoro del BLT (il gruppo formato da Levengood, Burke, Talbott). Questo gruppo, autore di 3 articoli comparsi su riviste referate, di fatto il creatore del concetto di anomalia. In pratica sono loro che hanno prodotto quei dati che compaiono nella scheda sui crop circles, linkata e discussa anche su queste pagine.

Il problema sarebbe lungo e difficile da spiegare in queste righe (perch largomento vasto e necessiterebbe di approfondimenti molto specifici). Ma mi riallaccio comunque al discorso di Haselhoff per mostrare quanto questi personaggi si siano potuti sbagliare, senza neppure avere il coraggio di ammetterlo (si, perch LO SANNO di essersi sbagliati, ma non te lo vengono mica a dire!) In pratica il BLT stabilisce un limite nellentit delle anomalie. Il BLT dice che esistono dei meccanismi in natura che producono LE STESSE anomalie, ma aggiunge che i processi in natura non possono determinare la stessa entit e la stessa distribuzione che si riscontrano nei cerchi veri. Ecco, per fare un esempio, il BLT afferma che non ha alcun senso che in un cerchio f atto dalluomo ci sia un andamento crescente della lunghezza dei nodi, dallesterno allinterno del cerchio. Ma questo invece ESATTAMENTE ci che Haselhoff ritrova, quando analizza un cerchio fatto dalluomo (Il Golden Tunnel sopra linkato). Ed il BLT dice che un cerchio naturale capace di produrre degli allungamenti dellordine massimo del 5-10%, rispetto alla piante indisturbate. Ma nel cerchio Man-made di Haselhoff, lallungamento arriva fino al 40%!!!! 9

Qui ne approfitto per fare una precisazione molto importante: c chi ha detto che queste anomalie si dovrebbero ritrovare SUBITO dentro i cerchi. Cio che gli allungamenti dovrebbero prodursi nella notte stessa della formazione delle figure. Nulla di pi falso. Gli allungamenti avvengono con il tempo, nellarco di ore, ma anche di giorni. Il BLT dice (ma lo dice solo) di avere preso i campioni entro TRE giorni dalla formazione. Ma poi il BLT si dimentica di avere pubblicato dei Rapporti (consultabili on line) in cui vengono registrate tutte le date dei campionamenti. E se si va a vedere questi particolari, si scopre che le piante sono state raccolte due SETTIMANE dopo la formazione. Quindi in due settimane ha avuto tutto il tempo per agire il

gravitropismo/fototropismo, cio quel meccanismo di allungamento/piegatura dei nodi, che loro conoscono bene. Questo che significa? Significa che le loro anomalie cos strane sono solo il frutto di processi NATURALI, che ogni agronomo conosce bene. E sono dei processi che intervengono in tutte le formazioni, siano esse fatte dalluomo, o prodotte dagli allettamenti naturali. Questo BEN CHIARO sia nei loro articoli che nei dati di Haselhoff. Ed tutto riscontrabile leggendo il loro stesso materiale. Ed uno dei motivi per cui la redazione di Ph.Plantarum ha disconosciuto la validit di quei lavori, affermando senza mezzi termini che costituivano PSEUDOSCIENZA.

Ecco, QUESTO un approfondimento. Non quello di chi si limita a leggersi la paginetta del BLTSearch, o quello di chi si legge La natura complessa dei cerchi nel grano. Il VERO approfondimento va al di l di quello che viene divulgato per fare cassetta, ma si porta allanalisi ed alla verifica DIRETTA dei dati.

Su questo argomento potrei dire molti di pi, per esempio sulla piegature delle spighe (affatto innaturale, replicabilissima e normalissima per uno

schiacciamento meccanico), o sui ferri meteorici ritrovati nel campi, o ancora sul presunto enigma delle mosche morte (ormai talmente studiato ed approfondito, che neppure su questo gli esperti si azzardano a dire pi nulla, 10

visto che anche loro hanno capito la cazzata che hanno fatto sostenendo lipotesi del riscaldamento da microonde, a dispetto del fatto che TUTTI i segni di quelle mosche indicavano chiaramente una infezione da fungo).

Insomma: il mio invito quello di APPROFONDIRE REALMENTE, e di non limitarsi a quel poco che limmaginazione suscita nella semplice visione delle foto dei cerchi nel grano. Ed invito anche a CERCARE tutto il materiale originale di questi ricercatori, in modo da potersi rendere conto della quantit industriale di contraddizioni a cui questi soggetti vanno in contro. Aggiungo che chi ha un minimo di pazienza e di tempo da spendere, pu trovare senza troppe difficolt tutto il dibattito andato avanti in questi anni, incluse tutte le risposte che vengono ricercate in discussioni come questa.

Puntualizzo che non esiste davvero nessun mistero sui cerchi che non sia stato preso in considerazione, studiato, ricercato, approfondito ed analizzato, ed al quale non sia GIA stata data ampia ed esauriente risposta.

Allora voglio fare la cosa contraria, e mostrarti quali sono i cerchi autentici, che secondo il LUOGO COMUNE imperante tra i media, dovrebbero essere perfetti (proprio perch esiste questa equazione ingiustificata che lega autenticit e perfezione/complessit). Ecco qui alcune immagini:

11

12

Belli vero? Sibelle schifezze. Talmente fatti male che se li avesse dichiarati un circle makers, la gente starebbe ancora a ridergli dietro. Eppure quello che la stragrande maggioranza delle persone NON SANNO (e soprattutto non lo sanno quelli che hanno la pretesa di parlare di approfondimenti) che sono proprio QUELLI i cerchi che sono considerati autentici. Sissignore, proprio cos. Perch i primi tre (Logan 1996, Silbury Hill 1992, Lockeridge 1991) sono quelli che sono stati studiati e documentati in quei famosi articoli da cui tu hai tratto alla tua scheda. Sorprendente no?

Si, sorprendente vedere che non ci azzeccano nulla n con la complessit, n tantomeno con la perfezione. Ed soprendente vedere che sono distanti anni luce dalla opere pi semplici dei circlemakers odierni (di cui ho gi parlato, con i link del precedente messaggio). Il 4 ed il 5 cerchio (Cherhill 1998 e Solano 2003) sono anchessi cerchi in cui sono state ritrovate le anomalie, e sono anchessi stati per questo motivo considerati AUTENTICI.

Il succo del discorso quindi questo: di fronte ai cerchi fatti dai circlemakers, chi NON VUOLE CREDERE alla banale realt del fenomeno, accamper tutte le scuse per non riconoscerne la dignit estetica. Ma di fronte alle REALI opere considerate autentiche, la gente non sa pi che pesci pigliare. Allora ci si attacca alla anomalie (che sono state trovate perch quei cerchi, cos brutti,sono stati campionati giorni o SETTIMANE dopo la loro formazione), oppure ad altri appigli generici.

Ma unaltra cosa bella da far notare che in queste discussioni compare sempre (matematicamente) il mostro di Milk Hill 2001, che secondo alcuni sarebbe lopera pi complessa mai realizzata (cosa non vera, ma vabb).

Ebbene, non solo Milk Hill non presentava tutte quelle anomalie considerate come segni di autenticit, ma mostrava invece quei bei segni di calpestamento, e tutte quelle linee di costruzione che secondo gli esperti sarebbero chiaro segno di contraffazione. Inoltre: per Milk Hill i paragnosti non avvertirono

13

neppure tutto quel campionario di esperienze fisico/mistiche proprie dei cerchi energetici. Quindi? Quindi dovremmo concludere che qui 409 cerchi sono stati fatti dalluomo (e cos ). E lo dovremmo concludere non per parere mio, ma per semplice COERENZA con quei criteri che anche tu, con la tua scheda, hai indicato utili ed attendibili per il riconoscimento dei veri e dei falsi. Ne usciamo fuori con una cosa sorprendente: che i cerchi pi complessi sono fatti dalluomo, e quelli fatti peggio invece sarebbero autentici! Lesatto contrario di quello che Mazzucco diceva nellarticolo! E qui preciso che in effetti esattamente questo landazzo attuale dei ricercatori: quello di indirizzarsi sulle formazioni semplici, tralasciando quelle grandi e complesse (secondo loro praticamente segno certo di intervento umano).

Riassumendo: oltre al fatto che ci sono interi documentari sullopera dei circlemakers, ed oltre al fatto che stringendo e stringendo risultano veri i cerchi pi brutti, e falsi quelli pi intricati, rimane il fatto che GLI STESSI ESPERTI riconoscono la realt del fenomeno circlemaking. Quindi il volerlo negare significa solo volersi infilare con la testa sotto la sabbia (come duso per chi ragiona per luoghi comuni). Articolo di confutazione dellipotesi di Haselhoff: http://www.cropfiles.it/docs/ScienzaDiscutibile.pdf

Risposta a caldo di Haselhoff: http://www.cropfiles.it/docs/Scienza_Opinabile_reaction.html

Replica di Grassi-Cocheo-Russo: http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273170

Le affermazioni delleditor di Physiolgya Plantarum sul valore dei papers del BLT (questo per in inglese): http://www.cicap.org/crops/en/013.htm Haselhoff ha scritto testualmente questo: Il fatto che il mio articolo sia stato pubblicato assume una certa importanza, avvalorando lipotesi che le sfere di luce siano direttamente implicate nella creazione di formazioni nel grano (o 14

almeno in alcune di queste). Ci non pi soltanto unipotesi, ma un fatto riconosciuto e scientificamente provato e rimarr tale finch qualcun altro non presenter una spiegazione alternativa che giustifichi la simmetria circolare dellallungamento dei nodi, o dimostri come lanalisi fosse sbagliata. Quindi: Haselhoff dice che il suo commento costituirebbe un fatto

riconosciuto (da chi? I comments su Ph.Plantarum non sono sottoposti a referee!) e soprattutto una prova. Purtroppo per quello che Haselhoff aveva richiesto, alla fine arrivato: cio giunta la conferma, su canale ufficiale e sottoposto a refree, che le sue analisi erano SBAGLIATE. E non solo quelle, ma anche quelle dei suoi predecessori, per tutti i motivi illustrati nellarticolo del 2005 (a cui andrebbero aggiunte molte altre cose, ma che mi rendo conto che non si possono affrontare qui, ora).

http://www.cicap.org/crops/en/013.htm A corredo della fonte sopraindicata, aggiungo che i rumors sulle

comunicazioni di Ph.Plantarum circolavano gi da prima della pubblicazione sul sito del CICAP. Ed a questo riguardo sono nate lunghe discussioni sui newsgroups, dove diversi utenti hanno scritto direttamente alla rivista, ottenendo conferma delle affermazioni fatte (tutto questo verificabile negli archivi di Google-Groups). Le spighe si piegano senza difficolt con semplice pressione. La piegatura non avviene al livello del nodo, ma appena sopra le radici. In quella zona la pianta flessibile, ed uno schiacciamento meccanico la fa adagiare sul lato, quasi sempre senza determinare spezzature. A volte capita che lo stelo si pieghi in una maniera particolare, che alcuni descrivono come piegatura a cannuccia (Prendi una cannuccia da bibita e piegala, e capirai che voglio dire). Se ti capitasse mai di andare in un campo di grano, fai questo esperimento: calpesta qualche pianta, e guarda cosa succede. Noterai che a meno di non dare pressioni esagerate, le piante si coricheranno senza danneggiarsi troppo. Ma noterai unaltra cosa, molto pi importate: che per vedere come sono messe le piegature, dovrai successivamente alzare il grano, andando a districare un intreccio creato con la semplice operazione di schiacciamento.

15

Ecco, questa ricerca delle piegature non molto comune. Di solito la gente si limita a guardare gli strati superiori, e pochi si inginocchiano metro per metro, a verificare TUTTE le spighe. Chi lo ha fatto (o chi lo ha fatto anche solo in parte) ha potuto verificare che non c nulla di anomalo, n di strano, nel modo in cui il grano si prostra a terra. C di strano invece il fatto che il 90% delle persone pensano che le piante facciano piegature a 90%, nette e delineate. Questo PUO accadare, ma non la norma. Accade occasionalmente, quando le piante vengono congelate nel loro stato, cio quando si trovano sotto ad altre piante e la crescita dei nodi fa adattare la pianta al peso sovrastante.

Io ho trovato queste piegature in campi allettati per semplice vento ed intemperie, e quasi sempre proprio in piante che stavano sotto a spessi comuli di altre piante. Ecco, se ti dicessi dove potere trovare questa particolarit ti direi di andare a guardare dove le spighe sono pi fitte, e dove landamento della piegatura si dispone a raggera (conformazione dovuta allo spostamento laterale delle assi con cui si piega il grano). In quel punto si potrebbero trovare i tubi da idraulico (cos li chiamano).

La cosa brutta che questa caratteristica (rara, ma non unica n singolare) stata alla fine estesa a regola, come se TUTTE le piante dei crop circles fossero piegate in quel modo. In giro per la rete si possono trovare i report ed i racconti di decine di nostri connazionali che si recano tutti gli anni in UK per vedere i crop circles, ed i pareri sono unanimi: non c nessunissima piegatura magica, e non ci sono intrecci che non si possono spiegare con schiacciamento meccanico.

Per dire: gli intrecci considerati pi assurdi, quelli chiamati nidi di uccello, si fanno tranquillamente con le mani. Ed in quel caso NON E VERO che le spighe non si rompono. Si rompono eccome! Ed infatti in TUTTE le foto di nidi, queste rotture (o piegature a cannuccia) sono sempre ben evidenti.

Riaussumendo: quello che dicono i divulgatori (pessimi divulgatori) sono cose 16

che non si sono mai viste in nessun cerchio. Sono un misto di leggenda e luogo comune, mai documentata se non con SINGOLE spighe estrapolate dalla loro porzione di campo, o con descrizione sommarie e profondamente errate.

Lesperienza comune di chi ha visitato cerchi (sia in Italia che in Inghilterra) invece che tutte le piegature e gli intrecci siano spiegabilissime con una normale pressione meccanica. Ed anzi: invito tutti a fare delle prove, tra maggio e luglio, per vedere come si comporta il grano nelle varie fasi di crescita (molte errate convinzioni verranno letteralmente spazzate via al primo passo sopra al grano!).

Lunico esempio documentato di insetti morti quello delle mosche di Cherhill 1998. E su quel caso quello che si poteva dire lo si detto: sono sicuramente morte per infezione da fungo. In altri casi invece sono stati riportati insetti o animali morti. A volte in forma aneddotica, a volte con foto. Ma nelle foto che ho visto io (cos come nei racconti) non si mai parlato di intere morie di insetti. Pi che altro si sono visti singoli scheletri (non so se in questo caso sia pi corretto dire esoscheletri) di insetti morti. Il che abbastanza comune girando per campi, ed unesperienza affatto rara da ritrovare.

Bisogna notare per che tutti questi racconti di solito sono molti differenti tra loro. C chi parla di coccinelle secche, chi di topi svuotati, chi di coleotteri come mummificati, ecc. Tutti casi che non suscitano nessun sentore di morte sospetta, ma che appaiono (a prima vista e senza alcuna documentazione, visto che non ne sono mai state fornite) normali segni di morte naturale.

Per quanto riguarda i semi cotti o le bruciature sugli steli, per quello che ho potuto vedere io (da decine di foto e confronti diretti) non sembra esserci nulla di diverso da normali processi di immarcimento delle piante, o striature imbrunite che si riscontrano in gran numero anche nelle spighe sane e non abbattute. 17

Tanto per dire: mi capitato di vedere dei segni che si potevano definire bruciature (associati tra laltro a cavit da espulsione) in formazioni naturalmente allettate.

BOTTA E RISPOSTA TRA GUCUMATZ ED ALCUNI UTENTI


1) Perch viene utilizzata la geometria aurea? Sono state utilizzate tutte le forme geometriche e tutti i tipi di simbologie. Non esiste una unica corrente stilistica, ma negli anni se ne sono viste diverse. C chi ha messo laccento sui teoremi matematici, chi sulle simbologie celesti, chi sulle serie naturali (Fobonacci, sezione Aurea ecc.), chi ancora ha cercato la via dei frattali. Tra tutte queste cose ci sono state le rappresentazioni figurate (facce di alieni, scritte, disegni veri e propri) Quindi non ha senso parlare del tipo di geometria utilizzata (intendendo che ve ne sia una prevalente), perch in pratica suoi campi si visto di tutto e di pi.

2) Perch richiamano i vari simboli presenti nella tradizione esoterica? 1) Perch un po alcuni circlemakers ci credono. Quindi rappresentano simboli a loro cari o evocativi per i loro simili.

2) Perch altri circlemakers NON ci credono, ma sono convinti che per fare passare le loro opere per credibili debbano inserire messaggi e simboli esoterici (per la serie: dare ai believers ci che si aspettano.

3) Perch alcuni circlemakers vogliono fare figure fighe ed esteticamente intriganti, ma vista la vastit del concetto di simbolo, ognuno poi libero di vedere qualsiasi cosa in qualsiasi forma. Quindi capita che un cerchio venga visto come simbolo solare quando invece magari voleva solo essere un cerchio

18

4) Molti cerchi con la tradizione esoterica non centrano proprio nulla, ma un luogo comune quello di dire che tutti i cerchi contengono simboli di questo genere.

3) Perch vengono realizzati in corrispondenza delle ley lines? Per gli stessi motivi detti prima: alcuni perch ci credono, altri perch vogliono fare trovare queste corrispondenze ai believers. Va detto che la questione ley lines di solito risalta in luoghi in cui queste energie sono particolarmente popolari (Inghilterra e Germania sopra a tutte). E va detto che abbastanza difficile non incappare in una ley line, se si decide di operare in prossimit di strutture megalitiche (per il fatto che l, da secoli, si crede che passino queste linee). Inoltre: la ley line se c nota (nel senso che c unampia tradizione popolare in merito), se invece non c, e te la deve trovare uno con la

bacchettinaallora la pu trovare dove vuole. E quale miglior posto di uno dove si vede un bel crop circle? (in pratica quindi tutto si riassume in un bel ragionamento circolare).

4) Personalmente rimane inalterata la mia iniziale richiesta: esiste un filmato della realizzazione, da parte dei signori con spago e tavoletta, di un crop circle complesso? Si, ne esistono diversi. Ho gi parlato della realizzazione fatta per Voyager, interamente di notte ed al buio. In onda ne andata solo una parte, ma il risultato lo si visto, e gli strumenti utilizzati pure. Il video non mai andato in onda in forma intera (per ovvie esigenze televisive), ma a questo punto potrebbe essere interessante per i DIVULGATORI fare quello che dicono di avere fatto: cio approfondire gli argomenti e richiedere alla Rai tutto il registrato.

Oppure ci si potrebbe procurare il servizio girato dalla Ashai TV (rete giapponese) che nel 1999 (o 2000? vado a memoria) riprese tutta l'opera di Lundberg, che raccolse la sfida di riprodurre un cerchio inglese (e non solo la raccolse, ma realizz il cerchio correggendo pure alcune imperfezioni, che nel cerchio precedente non erano neppure state notate). 19

Anche tutto questo stato ripreso, e ne usciuto un documentario di cui si parlato per molto tempo. Ma ahim, anche in questo caso dello "scoop" non mai fregto nulla a nessuno, perch quelli erano gli anni degli articoli sul "ferro meteorico" e da l a poco sarebbe esplosa la bomba Haselhoff.

Quindi quel video non ha mai fatto il giro della rete (come invece l'ha fatto il famigerato video di Oliver's Castle, con sfere di luce ritoccate al PC!)

Nonostante questo si possono comunque trovare esempi di circlemaking, come quello dei gi citati ragazzi del MIT (che per furono troppo manovrati dalla Nancy, che diede indicazioni del tutto NON necessarie...).

Questa la pagina che racconta la realizzazione: http://web.mit.edu/newsoffice/2002/crops-1009.html

Purtroppo anche in questo caso non sembrano esserci fonti su YouTube (che invece pullula di ogni sorta di filmato con musichetta new-age, che non dice mai nulla e non mostra mai nientepoi paralo di cover-up! Tz). Ma comunque fino a non molto tempo fa questo ed altri filmati erano disponibili su eMule. Oppure, se siamo fortunati, c caso che ogni tanto vada in onda qualche replica del documentario (magari ad ore impossibili della notte su Discovery Channel).

Ma per tagliare la testa al toro, ecco un filmato che probabilmente potr rispondere alla curiosit di chi non ha mai visto dei circlemakers allopera: http://www.youtube.com/watch?v=a_opN9ghPKQ

20

5) Interessa anche a me sapere qualcosa di pi su questo strumento che piegherebbe le piante senza spezzarle.

La foto abbastanza grande per vedere che le piante non sono affatto spezzate, ma PIEGATE alla base: http://img170.imageshack.us/img170/4366/howtdobfa4.jpg

In particolare sono piegate appena sopra alle radici. Si dice che sono scalzate, cio che le radici vengono in parte esposte. Questo determina una piegatura che non necessita assolutamente di nessuna rottura, ed in questo caso non c neppure una netta piegatura a cannuccia.

21

Questo il modo pi comune in cui si piegano le spighe, ma come ho detto prima molto dipende dal tipo di grano, dalla maturazione, dalla stagione, dalla sue densit (piante per metro quadrato) ecc. ecc.

Rimane il fatto che basta fare una semplicissima prova con unasse, per vedere che le spighe non sono dei pezzi di vetro, e che prima si spezzarsi si piegano e si adattano, molto meglio di come la gente non si immagini.

6) Il CICAP non sconfessa che l'allungamento dei nodi avvenga in una sola notte. Non pu, perch E' COSi'. E' un'anomalia rilevata e testimoniata. Assolutamente NO. E non sono io a dirtelo, per opinione, ma sono i RAPPORTI dei ricercatori. Ho gi detto che questi rapporti contengono le date di probabile formazione, quelle di prima scoperta e quelle di campionamento. Ed in NESSUNO di questi rapporti MAI emerso un allungamento anomalo dal giorno alla notte. Aggiungo che gli allungamenti anomali sono SEMPRE stati rilevati invece in formazioni vecchie di giorni, o addirittura di settimane. E questo un dato di fatto che si pu verificare nei lab report del BLT, ormai tutti disponibili in rete. Aggiungo che la frase che hai citato tu non dice nulla sul MOMENTO in cui gli allungamenti vengono ritrovati, o sul lasso temporale necessario al loro sviluppo. In quella frase si dice SOLO che sono fenomeni naturali, come tutti sanno. E lo sanno talmente bene anche i ricercatori, che sono stati proprio loro a fare paragoni con il fototropismo ed il gravitropismo, incappando per in quegli errori di cui ho parlato (errata comparazione di campioni con anzianit diverse). Ci tengo per a sottolineare che ci che dici tu, pur essendo ENORMEMENTE falso, purtroppo molto diffuso, come luogo comune, tra chi si incuriosisce di cerchi nel grano. Ma purtroppo quella dellanomalia immediata una cosa che non mai stata n dimostrata, n sostenuta da alcun dato o da nessuna foto, testimonianza diretta n nullaltro. Questa una LEGGENDA che esiste solo nei racconti e

22

nelle paginette divulgative (quelle scritte dagli ufologi che per la maggiro parte delle volte manco sanno chi Levengood). Ma se vai a leggerti i DATI e gli articoli pubblicati, troverai SOLO quello che ti ho detto: cio una discrepanza tra presunta data di campionamento (non oltre 3 giorni) ed EFFETTIVA data (ben 2 settimane). Aggiungo che conosco solo UN caso di celere campionamento: che guarda caso riguarda proprio un cerchio fatto dagli uomini. In questo caso infatti le piante vennero raccolte dopo meno di 2 giorni (paura che il gravitropismo agisse troppo? Mah) Ma nonostante questo, lallungamento percentuale riscontrato stato di oltre 4 volte quello massimo teorizzato dal BLT. (Mi riferisco alla hoax analizzata da Haselhoff per il suo commento del 2001).

QUINDI: le anomalie sono una bufala colossale. Ma ancora pi colossale la disinformazione che le riguarda, che nella maggior parte dei casi VA OLTRE rispetto alle fonti originali.

Per capirci: quello che dice il BLT viene letto (male) e riscritto (malissimo). Da questo nascono i luoghi comuni, che finiscono per ritornare allautorevolezza della prova scientifica, senza per sapere che di prova non ne esiste alcuna.

In sostanza quello che voglio dirti che quello che dici tu, cio che lanomalia sarebbe stata rilevata e testimoniata quanto di pi falso possa esistere. Ma non colpa tua se la pensi cos, ma dei tanti Fuffologi che scrivono di cose che non conoscono, cercando di convincerti di avere fatto approfondimenti.

7) Effettivamente, esercitando una certa pressione, si piegano. Ora, se la pressione leggera, la spiga non resta piegata, a meno che non la si tenga con la mano. Se la pressione pi pesante, la spiga,

semplicemente, subisce una spaccatura nei due lati. Vai con unasse in un campo, prova e poi mi saprai dire: http://img170.imageshack.us/img170/4366/howtdobfa4.jpg

23

Le spighe si piegano con una semplicit che non si pu descrivere a parole. Prova, guarda con i tuoi occhi. E se vuoi filma tutto. Poi se PUOI smentirmi, metti pure tutto su YouTube.

8) Ci sono segni di spaccatura, nelle spighe dei crops? No. Mi pare che tu stesso non ne abbia denunciato la presenza. Se ti dovessi descrivere tutti i modi in cui puoi trovare una spiga, servirebbero 10 pagine solo per affrontare questo argomento. Brevemente: le spighe possono essere intonse, piegate, spezzate o segnate. Tutte queste eventualit concorrono SEMPRE (in differenti misure) in tutti i crop circles. A seconda del tipo di pianta, della pressione/velocit esercitata, della maturazione del grano, ecc. ecc.. possono prevalere piante non spezzate o piante in cui i segni e le fratture possono essere pi evidenti. Questo capita in TUTTI i cerchi, anche in quelli che vi sono stati descritti come privi di spezzature. In realt quello di cui erano privi quei cerchi il colpo docchio di chi li ha recensiti. Ti posso garantire che i segni ci sono sempre, basta saperli trovare. E questo il punto: chi non sa dove guardare, si limita agli aspetti pi superficiali. E quindi, a fianco di un ricercatore che spulcia le piante, inneggiando alla loro perfezione, ti ritrovi il semplice appassionato che ha gi fotografato decine di rotture. Questa una esperienza abbastanza comune, che chiunque abbia visitato un cerchio avr fatto. A questo aggiungo che non esiste NESSUNA documentazione che riporti interi metri quadrati di piante non danneggiate, ma SOLO (e ripeto SOLO) foto di spighe gi estratte, o foto di ristrettissimi settori in cui la rarit (vedi piegature a tubo da idraulico) vengono messe in evidenza.

Per il resto si vedono sempre le stesse cose: spighe poco danneggiate, appena fratturate, che ad una prima occhiata sembrano piegate perfettamente.

Questa la SEMPLICE e banale realt dei campi. Non tutte quelle boiate che si leggono in giro, scritte da ufologi in cerca di lettori.

24

9) ll cerchio di Cremona solo un po' pi complesso del marchio Firefox, che elementare. No scusa...tu non hai veramente idea di quello che stai dicendo! Il cerchio con il logo Firefox era TUTT'ALTRO che semplice! Forse non vi rendete conto che la complessit dei cerchi data dalla difficolt nel prendere i punti di misura.

Milk Hill 2001, anche se complesso per il numero di cerchi (oltre 400) come costruzione era FACILE. Perch era facile fare i 6 raggi, e non era complicato prendere le misure per i 13 cerchi principali di ogni braccio.

Mentre ci sono altri cerchi, molto meno appariscenti, che contengono angoli assurdi, che necessitano di misure precisissime, altrimenti va tutto a farsi friggere! La formazione "Firefox" non poteva essere ottenuta in maniera semplice, perch quel disegno lo si poteva ottenere solo con una "griglia". La figura non poteva venire fuori da un semplice costruzione geometrica, ma ogni linea stata misurata in maniera difficoltosa, proprio perch non c'erano geometrie "semplici", ma invece c'era una rappresentazione figurativa di un disegno con nessuna costruzione elementare al suo interno. Quindi credimi: il firefox NON era affatto semplice. E' per questo che ci hanno messo cos tanto a farlo. Un cerchio "classico" di quelle dimensioni si pu fare in un terzo del tempo. Quanto al cerchio di Cremona: quella una immagine "classica", un cerchio che per la sua forma poteva andare bene negli anni '90. Ma negli anni '90 circolavano anche quelle ciofeche che ho mostrato nei messaggi precedenti, che sono state giudicate "autentiche". Inoltre: se vai a vedere i database odierni, scoprirai che pi della met dei cerchi di questi anni, continuano ad emulare quelle forme semplici ed armoniche. Perch? Per due semplici motivi: il numero di circlemakers in grado di fare cerchi DAVVERO notevoli, non poi cos alto. Cos i principianti (il crop di

25

Cremona stato fatto da dilettanti alle prime armi) non possono fare altro che partire dalla BASE. E l'altra ragione che continua a prevalere, in alcuni circlemakers, lo stile "old school". Forse un po' per citazione dei tempi passati, ma forse anche perch quello che rappresenta meglio la "genuinit" dei cerchi (per come venivano intesi prima che apparissero facce di alieni, disegni post moderni e messaggi in codice...).

10) Dal momento che nei rapporti vengono riportate le date di PROBABILE formazione, e non quelle CERTE, per quale ragione si dovrebbe credere ad una teoria e ad unaltra no, scusa? Nota: tu stai cercando di fare commenti su cose che probabilmente non hai ben compreso. Provo a spiegartelo meglio con un esempio.

Cerchio di Blueball, USA, anno 1995.

Nel Lab Report numero 51 si legge che la data di ritrovamento il 29 maggio, quella di campionamento i 13 giugno.

Ora dimmi: se anche la data della probabile formazione fosse stata sbagliata (magari non era il giorno prima del 29, ma due giorni prima, tre o dieci), che cosa cambia, AI FINI DI QUELLO CHE DICO? Nulla. Perch quello che dico (lo ripeto) che nessuno di quei cerchi contenenti le anomalie nodali sono stati CAMPIONATI entro quelle fatidiche 36 ore tanto sbandierate dal BLT. Cerco di fartelo capire ancora meglio: la data di probabile formazione SEMPRE antecedente a quella di ritrovamento (e per forza, mi sembra ovvio no?). Quindi me ne importa relativamente poco, se si vede che tra il ritrovamento ed il campionamento passano GIA' pi di tre giorni. Perch a questo punto il limite gi stato superato.

CAPISCI cosa dico?

26

11)

Per

sono

state

fatte

delle

indagini,

se

non

precisissime,

comunque attestanti la stranezza del fenomeno Assolutamente NO. L'ho detto: questo quello che DICONO (e che vogliono fare credere) ma se vai a vedere i dati e le analisi, trovi tutt'altro. Quella del 10% di allungamento, per esempio, una bufala smentita dal Haselhoff (anche se non l'ha ammesso, ed ha fatto finta di nulla), perch i SUOI dati mostrano allungamento dopo 48 ore dell'ordine del 40%. Mentre gli allungamenti del 109% in formazioni appena fatte non sono MAI stati rilevati. Se pensi che questo invece sia stato fatto, mostrami il Lab Report. Io me li sono letti tutti quelli disponibili, e non ne ho mai trovato notizia. PRECISO BENE che questo, da un punto di vista teorico, non sarebbe neppure impossibile. Nel senso che NON NEGO che allungamenti di quella entit possano verificarsi (qui bisognerebbe fare una lunghissima digressione che ti risparmio), ma dico solo che le loro affermazioni non sono supportate dai fatti.

Un'altra cosa che ho detto (e che ripeto) che quando parlando di questi TRE giorni, poi non ti dicono che IN REALTA' (carta canta) loro hanno analizzato nodi vecchi di due settimane. Anzi: diciamola tutta: i nodi erano vecchi di MESI. Perch alle due settimane vanno aggiunte le tre settimane di essiccamento. Poi c' la spedizione negli stati uniti. Dopodich c' l'analisi, che di solito viene pubblicata con tempi tutt'altro che celeri. Quindi le spighe analizzate non sono MAI e poi MAI comparabili con l'unico cerchio di controllo che hanno creato nel 1997. Comprendi il livello di disparit delle cose che cercano di mettere a confronto? Io spero di si, perch sta qui tutta la discussione sulla falsit del concetto di "anomalia". L'anomalia di per se non esiste, solo una caratteristica naturale del sistema di ricovero delle piante. Sono i ricercatori che le hanno CREATE, con i loro errori metodologici, i loro bluff ed i loro abbagli. Non c' altra verit sotto a questo argomento, tutto (tristemente) cos.

27

12) A questo punto, se anche le prove prodotte non dimostrano nulla, almeno quelle basate su dati scientifici acquisiti, e se non ci sono date certe dei prelievi, arbitrario dare per certo che sia il fenomeno del tropismo a giustificare lallungamento del nodo. No, le date ci sono e sono scritte ben chiare (non tutte magari, ma per lo meno nei casi noti e pubblicati sono riconducibili a lassi temporali ben chiari). E sono anche disponibili i dati delle formazioni man-made, che si possono confrontare con quelli delle formazioni definite genuine. Facendo il confronto tra questi dati, e tendo conto del FATTORE TEMPO, emerge in maniera chiarissima il tipico andamento dellallungamento dovuto a gravitropismo. Il quale, come ho ripetuto gi due volte, stranoto e ultra documentato in letteratura scientifica. Non basta? Ed allora si possono fare delle prove: andare in un campo, schiacciare con un piede del grano, e vedere se ginocchia (cio se si risolleva). Questo succeder SEMPRE (se il grano non gi oltre al periodo della mietitura) e si potranno sempre vedere allungamenti e piegature. Questo non oggetto di discussione, un fatto certo. Ed altrettanto certo che TUTTI i dati (sia quelli man-made che gli altri) convergono verso le STESSE curve che testimoniano un naturale processo di ricovero delle piante.

13) Nel secondo caso, lindividuazione, cosa abbiamo? Un fenomeno di cui solo alcuni aspetti sono parzialmente dimostrabili, aspetti

marginali rispetto al loro insieme. Ma proprio perch esso presenta punti oscuri, si cerca di approfondirne gli aspetti NUOVI, che non sono necessariamente quelli su cui ci si gi pronunciati. No. Non ci sono aspetti nuovi, non ci sono aspetti oscuri, e non c nulla che non sia spiegato. Il fenomeno chiaro in tutti i suoi aspetti, sia quelli estetico/artistici, sia in quelli fisico/biologici. Non esistono argomenti sui cerchi che non siano stati trattati, analizzati e presi in considerazione, e che alla fine non abbiano dato il solito risultato: cio che lUNICA spiegazione in grado di rendere conto di TUTTE le fenomenologie REALI (parlo di quelle effettivamente riscontrabili, non quelle inventate di sana 28

piante) la spiegazione umana. Ed aggiungo: umana con tecnologia semplice. Tutte le altre spiegazioni invece non solo non spiegano tutti gli aspetti fenomenologici, ma addirittura falliscono TUTTE (nessun esclusa) nel

descrivere la prima cosa, quella pi semplice ed indispensabile: cio il meccanismo di schiacciamento del grano.

14) Sono le formazioni pi complesse a interessarmi, quelle che necessiterebbero di giorni di lavoro per essere realizzate sempre che si riesca a farle con una tale precisione con le tavolette di legno e le corde. Se ti interessano le formazioni complesse, allora inizia dalla Firefox. Perch QUELLA complessa (nel suo genere). Se non riconosci questo, allora non puoi riconoscere le altre complessit, tutto qui. Quanto ai cerchi che necessitano di giorni per essere portati a compimento, ecco un cerchio "carino" per il quale ci sono volute due nottate consecutive (poi dimmi se basta come livello di complessit geometrica, e se ti soddisfa come precisione):

29

15) Il video della realizzazione di opere pi semplici non una prova. E' proprio per questo che ti ho parlato del concetto di "complessit": perch vedo che molto spesso la gente non lo comprende. No, credimi: cerchi come il Golden Tunnel o il Gaya, o ancora come il Fe-Male Project, sono TUTT'ALTRO che semplici. E qui ti rimando ai messaggi sopra, nella speranza che quello che scrivo venga anche USATO. Perch se quello che linko poi non viene n visto n letto, allora non ha senso ripetere le stesse cose. Ho mostrato anche quali sono i cerchi considerati "autentici", ed illustrato l'opinione di TUTTI gli esperti di cerchi nel grano. Ma nonostante questo sei ancora qui a parlare di "incredulit" sulla capacit dei circlemakers, il che completamente assurdo.

16) Per non parlare di quelli lunghi centinaia di metri che il giorno prima non c'erano, appaiono improvvisamente la mattina dopo. Ecco: NON parliamo di quei cerchi l, perch se anche ne parliamo poi la gente non legge. Ti spiego: ho gi detto che ci sono almeno due casi clamorosi di cerchi fotografati durante le fasi intermedie di lavorazione. Ma evidentemente questa informazione andata persa, visto che tiri fuori lo stesso argomento. Ripropongo qui le foto:

Silbury Hill 2004

30

Tan Hill 2004

17) C' una crescita anomala rispetto alle altre piante, qui si parla di osservazione e dati empirici e non di dicerie. Non c' nulla di anomalo, se prima non stabilisci cos' la norma. Il BLT non ha fatto test di germinazione su cerchi fatti dall'uomo (se l'ha fatto non l'ha detto, non ci sono dati), ma ha fatto test solo sui nodi. Chiediti il perch. E chiediti perch il portavoce del BLT insiste sempre sulle anomalie nodali, ritenendole le pi certe, le pi sicure e le meglio documentate. Visto quanto detto su questo argomento, rimane facile da comprendere come possano essere stati fatti i test di germinazione, e su quale tipo di "prova" possano costituire.

Per tutto il resto, dai un'occhiata a questo: http://www.margheritacampaniolo.it/cumgranosalis.htm 18) Per ci che riguarda i cerchi nel passato, i Fairy Rings che Plot ha osservato, non trovo nessun riferimento a funghi. Ovvio, perch Plot non ne parla. E si inalbera in discussioni sui fulmini che non centrano nulla. Ma i riferimenti li da lo stesso, e lo fa con la descrizione delle caratteristiche dei cerchi. I quali sono sullerba ( toh, ma non erano cerchi nel grano?) e non sono fatti 31

da piante schiacciate, ma da fili di colore diverso, o con crescita differente (e le spighe schiacciate? No, non ci sono.). Ma dice di pi: dice che allinizio lerba sembra essere come indebolita, mentre negli anni successivi (anni successivi? Ma allora sono ghosts? No, segui oltre), negli anni successivi, dicevo, lerba pi rigogliosa. Pensa te, aggiunge unaltra cosa, molto carina: aggiunge che i cerchi diventano PIU GRANDI. Crescono, mutano forma, di solito si espandono, a volte per diventano pi piccoli. Come un organismo vivente, no? Come una cosa che nasce, cresce, ha un ciclo, vive. E cosa c con queste caratteristiche? I funghi.

http://en.wikipedia.org/wiki/Fairy_ring http://www.mushroomexpert.com/fairy_rings.html

I Fairy Rings, nel 1686, forse erano un mistero. Ma non lo sono pi ai giorni nostri. Se leggi tutto ci che ha scritto Plot su questi cerchi, vedrai che le idee dell'epoca erano abastanza confuse. Parla proprio di fate, di demoni, di folletti. Pensa, parla pure di TALPE e di MUCCHE. Cavolo, sar mica amico di Garlaschelli e di Sani? Eggi, parla di talpe e di mucche perch una delle ipotesi che prende in considerazione quella dellarricchimento del terreno. O per la lavorazione della terra dovuta alle talpe, o per la pip e pup delle mucche, messe in cerchio a pascolare (tutte con la testa al centro, ed i deretani sparati a raggiera).

32

19) Anche riguardo alla questione dei tempi di raccolta delle spighe poi analizzate, Gucumatz ci passa per scontate cose che non lo sono affatto. Ora, non solo Gucumatz non mette i link ai rapporti consultabili online, ma si dimentica di dirci che il BLT sostiene invece, rispetto al gravitropismo, di averne dimostrato la sostanziale estraneit alle famose anomalie. No caro. Tu proprio non sai leggere quello che vedi. Io lho detto CHIARAMENTE che il BLT sostiene il FALSO. Lho detto e ripetuto, ed ho citato PUNTUALMENTE le formazioni incriminate proprio per mostrare che quello che DICE il BLT nei suoi papers, poi SMENTITO dai rapporti di laboratorio. Tu non ti sei neppure degnato di leggere bene quello che avevo scritto, perch questo lavevo spiegato con molta precisione. Ho indicato le loro affermazioni e le smentite alle loro affermazioni. Ed ho anche MOLTO CHIARAMENTE parlato della loro presunta dimostrazione, e del fatto che quei dati erano stati smentiti da analisi fatte in altre formazioni fatte dalluomo (vedi Haselhoff). Ho inoltre precisato (ma tu lhai letto quello che ho scritto o te lo sei fatto raccontare?) che tutto il discorso del BLT andava a farsi benedire, per il problema delle date NON comparabili (3 giorni o meno per le formazioni fatte dalluomo, da 5 giorni a due settimane ed oltre per le formazioni di origine non nota). Tutte ste cose le ho scritte molto chiaramente, altro che si dimentica di dirci!!! Quindi le cose sono due: o tu commenti le cose senza neppure averle lette, oppure (come tuo solito) cerchi di rivoltare i fatti per come ti fanno comodo. Cerchi di manipolare le cose dette per gettare DISCREDITO, per fare intendere che avrei celato informazioni. Eh no caro: quello che ho scritto lo si pu leggere, e da questo non ci scappi. Per quanto riguarda il rapporti di laboratorio, i links non te li ho forniti perch speravo che tu INIZIASSI a fare quellapprofondimento di cui parlavi. A CERCARE le conferme o le smentite, invece che limitarti a giudicare sulla base di quello che NON SAI. 33

Ma visto che non mostri alcuna intenzione di riprendere gli articoli citati, estrarre le formazioni, cercare nei database specializzati e trovarti DA SOLO i rapporti, te li indico io direttamente:

- Devizes 1993, Research Report n 21 , lab code Ks 01 172 - Sussex 1994, Research Report n 30, lab code Ks 02 71 - Chehalis 1994,Research Report N 39, lab code Ks 02 66 - Logan 1997, Research Report n 79, lab code Ks 03 131

Tutti questi rapporti sono stati reperiti in rete. Se non li trovi dimmelo, oppure fammeli inserire qui direttamente, non ho alcun problema ad inviarteli. 20) Ti ho chiesto di proporre almeno un video di un crop complesso. E' cos difficile per te capire che i crop complessi sono quelli di grandi dimensioni che sviluppano geometrie simmetriche e/o armoniche di grande effetto visivo? Adesso ti faccio vedere un po' di cerchi SICURAMENTE fatti dall'uomo. Poi vedi tu se sono abbastanza complessi o meno:

1) HTV Formation, realizzata dal gruppo omonimo dei Circlemkaers (anche "Team Satan")

Questa realizzazione stata FILMATA dalla HTV per un DOCUMENTARIO.

34

Non lo trovi su YouTube? Peccato per te. Fatti un salto sui Forum e sulle mailing list specializzate, o chiedi direttamente ai "croppies" in giro per il mondo, e senti SE CI SONO DUBBI sulla paternit di quel cerchio. E' cos famoso che mi vergogno quasi a doverlo citare ancora... 2) Realizzazione fatta da Matt Williams ed il suo gruppo per una TELEVISIONE GIAPPONESE, per un documentario sui crop circles prodotto da Kai

Kouichi.(Asahi TV).

Il disegno stato scelto dai giapponesi tra una rosa di 20 possibilit: erano stati proposti tutti disegni di cerchi GIA COMPARSI in Inghilterra, ed erano stati scelti tutti per la loro complessit geometrica e per il loro impatto estetico. La formazione selezionata era un crop trovato ad Allington nel 2000: http://www.lucypringle.co.uk/photos/2000/aug.shtml

35

3) Realizzazione di Williams del 2001, fatta nello stesso campo della HTV Formation. Il modello era il logo di un ristorante cinese.

Il modello era il logo di un ristorante cinese

4) Ancora Williams, cerchio fatto in 7 persone in un campo dorzo, hanno impiegato 5 ore. Avevano a disposizione solo 3 assi, e diversi partecipanti erano alle prima armi. La costruzione e la preparazione dei cerchi sono raccontate e descritte anche nel libro di Simeon Hein Opening Minds. Lopera riconosciuta come autenticamente fatta dalluomo anche da Freddy Silva (che i circlemakers, se potesse, se li mangerebbe).

36

Qui la ricostruzione:

Reconstruction of the 2000 Cherhill Field formation

1. Draw a circle.

2. Construct a regular 11-fold polygon. (Notice that this can not be done exactly by the "ruler-andcompass" construction method). 37

3. Draw all the diagonals.

4. Draw two lines from intersections as denoted by arrows in the figure. Repeat this 10 more times (11 in total).

38

5. Select the marked area's.

6. Make black the selected area's. Repeat this another 10 times (11 in total). This completes the reconstruction of the 2000 Cherhill Field formation.

39

7. The final result, matched with the aerial image.


courtesy The Crop Circle Connector: http://www.cropcircleconnector.com/interface2005.htm photo by: Steve Alexander - http://www.temporarytemples.co.uk/

5) Frattale realizzato nel 1998 da Lundberg, Dickinson ed Irving, per il documentario 'Unmasked: The Secrets of Deception' della NBC-TV. Sono stati fatti oltre 100 cerchi in 4 ore, di notte, in tre persone.

40

6) Yell Logo, fatto da Lundberg, Irving e Russel per il documentario Country File della BBC.

7) La H del canale History Chennel, che ha ripreso nuovamente il Team Satan nel 2002, per il documentario History Vs. Hollywood.

8)

Logo

del

gruppo

The

Levellers,

che

hanno

immortalato

la

loro

realizzazione in un video musicale: http://www.youtube.com/watch?v=ff6-_c5jzPQ

41

9) Cerchio fatto per una fiction delle BBC, Sea of Soul.

10) Cerchio del 2001, che riproduce la formazione chiamata Earth is missing del 1995. Fatta per un film della BBC, sempre da Williams.

Vedi anche http://www.lucypringle.co.uk/photos/2001/uk2001co.shtml Qui per una parte era gi stata mietuta 42

11) Questo il cerchio di Remko Delfgauw, Golden Tunnel. Realizzato in Olanda, stato preso da Haelhoff come esempio di cerchio fatto dalluomo, tanto che stato PROPRIO quella formazione ad essere citata (con i dati sui nodi) nel commento pubblicato nel 2001 su Physiologia Plantarum.

12) Fe-Male Prject, sempre di Remko. Fatto con laiuto di una 15na di persone, tutto il report sulla produzione delle formazione stato pubblicato su riviste olandesi.

43

13) Fasi intermedie di realizzazione del glifo di Tan Hill, 2004.

Tan Hill Wiltshire

44

A quanto gi detto vorrei aggiungere un ulteriore filmato, rilasciato in rete da pochi giorni. Il video riguarda crop circle realizzato nel 2001 dal gruppo di Williams, creato come dimostrazione per i giornalisti del Sunday (magazine del giornale News of the World).

Circlemaker make formation for News Of The World:

http://www.youtube.com/watch?v=puDF0hJpzWo

Anche questo filmato mostra le fasi e le procedure tipiche del circlemaking, come gi descritte nelle precedenti discussioni. Faccio notare alcune cose: 1) Appare evidente che le tram lines (i sentieri lasciati dal passaggio dei trattori agricoli) sono pi che sufficienti per un passaggio comodo ed agevole fino allinterno dei campi. 2) Tre persone sono riuscite ad eseguire unopera grande e geometricamente complessa, in circa 5 ore. A detta di Williams ne sarebbero bastate anche meno, se non fosse stato per il trafficare di giornalisti e fotografi attorno a loro. Il tempo stimato in condizioni ottimali di circa 3 ore: http://ccdb.cropcircleresearch.com/info.cgi?d=uk2001do

3) Tutte le operazioni sono state eseguite con mezzi tuttaltro che tecnologici: corde, assi, fettucce metriche, asticelle di legno. Non richiesto nessun tipo di 45

puntamento laser, nessun GPS, nessun macchinario radiocomandato, e men che meno nessuna energia esotica con cui irradiare le piante.

4) Le piante vengono schiacciate con le assi senza apparenti danneggiamenti. Come mostra lo sforzo compiuto da Sorensen (il signore barbuto, nel filmato), le piante oppongono una resistenza che permette loro di adagiarsi luna sullaltra, senza spezzarsi nettamente (come molti credono che accada). Laspetto dello strato di spighe, cos ottenuto, identico a quello visto in tutte le foto ed in tutti i filmati di crop circles ritenuti autentici. 5) Le assi, se utilizzate da circlemakers esperti, riescono a riprodurre pettinature particolari dei cereali. Il video mostra come potere raccordare angoli retti ed acuti, tramite una semplice rotazione dellasse. In alcuni casi le spighe vengono aggiustate anche a mano, mentre per il tracciamento delle linee di costruzione si cammina lateralmente sugli archi e sulle circonferenza in costruzione. 6) Questo video, che potrebbe rispondere alla curiosit di molte persone, stato messo on line solo di recente. Se si pensa alla quantit di fuffa che esiste sui cerchi nel grano (basti pensare alle migliaia di siti che riportano il FALSO filmato sulle BOLs di Olivers Castel), ci si dovrebbe rendere conto di come funziona linformazione in certi ambienti. Anche la semplice foto di questo cerchio difficile da trovare, e non compare nei database pi famosi. Questo perch i cerchi realizzati su commissione o per dimostrazione, alla fine non fanno notizia. Rispondono alle domande, e non ne creano di nuove. Quindi per molti non sono interessanti A tal punto che le notizie non circolano, ed a tal punto che ancora oggi ci sono migliaia , milioni di persone che si chiedono come mai i circlemakers non si fanno filmare durante le loro realizzazioni?. In realt di dimostrazioni ce ne sono a iosa, e nei messaggi precedenti ne ho indicate in quantit. Ora sembra che Williams si sia deciso a divulgare un po di materiale su YouTube, e da quanto si pu leggere nelle sue risposte date ai commenti a quel video, sembra che si possa sperare di potere vedere (entro breve) anche il filmato sulla realizzazione Neo Zelandese. Speriamo

46

L'ANNOSO PROBLEMA DAL GRAVITROPISMO

Cosa dice il BLT sul gravitropismo

E noto che il BLT abbia preso in considerazione lipotesi che i nodi siano piegati/allungati per effetto del gravi tropismo, fenomeno che interviene come meccanismo naturale delle piante, come reazione ad uno schiacciamento volta a riguadagnare la posizione verticale. Questa cosa stata messa in dubbio (praticamente negata) in questo forum (NdG: mi riferisco qui al forum di Invasione Aliena) , sostenendo che le piante piegate o con nodi allungati non abbiano niente a che fare con gli effetti di tropismo. Per mostrare come questa affermazione sia totalmente priva di fondamento necessario rifarsi alle fonti originali, quelle che hanno CREATO il mito del grano riscaldato e che hanno diffuso il concetto di anomalia dei nodi. Bene , questa fonte originale sempre il solito BLT. E grazie a loro se il mondo ha iniziato a guardare i nodi e ad interrogarsi su come questi possano essere anomali o normali. Che cosa penserebbe quindi del BLT di fronte allaffermazione che il gravitropismo non ha niente a che fare con le piegature? Non lo so, ma di sicuro quello che si sa che questo effetto loro LO CONOSCONO e gli RI-CONOSCONO la propriet di allungare/piegare i nodi. Vediamo nel dettaglio che cosa dice il BLT sul gravitropismo.

1) Livello divulgativo: quello che il BLT dice negli articoli apparsi in rete o in riviste. Da un articolo di Nancy Talbott su MUFON UFO Journal:

[Riferendosi allesperimento del 1997 in Maryland, quando schiacciarono meccanicamente del grano]:

There was bending of the plant stems noted, particularly in a young, immature crop, within 3-5 days after manual flattening; this effect is due primarily to gravitropism (the term now used to describe the growth of plant organs in 47

response to gravity; the old term, geotropism, is no longer accurate since the effect has been observed in zero-gravity experiments with crops in space). The gravitropism effect occurs much more rapidly than phototropism (the growth of plant organs in response to light), which occurs much more slowly, although in a young crop phototropism may play a role when node bending is observed several weeks after downing the crop. The point here is that moderate node bending does occur, particularly in an immature crop, having nothing whatsoever to do with genuine crop formation energies and this sort of node-bending is distinguishable from that which has been reported in the BLT Teams research reports.

http://www.diagnosis2012.co.uk/blt1.htm

Traduzione riassuntiva: Nellesperimento si avuto il piegamento delle piante, dovuto alleffetto noto come gravitropismo (anche leliotropismo concorre, ma meno rapidamente). Questo effetto per valutato come lieve come intensit, quindi viene definito come qualcosa che non ha nulla a che fare con le analisi fatte in precedenza (quelle sui cerchi considerati veri).

2) Pubblicazione ufficiale: quello che il BLT ha scritto negli articoli sottoposti alla comunit scientifica. Da Dispersion Of Energies In Worldwide Crop Formations (PHYSIOLOGIA PLANTARUM 105: 615624. 1999)

On 3 June 1997, after sampling upright normal 'base line' plants, two circles (1 and 3 m indiameter) were formed at the southern ends of both strips A and B. These four circles were formed using a plank with ropes attached at the ends (consistent with the proposed method used by selfproclaimed vandals) and then applying full body weight to the board as it was moved around in a circular motion for three or four rotations, thus forcing the plants down to create simulated crop circles. Additional identical pairs of circles were then created on 13 June 1997 at locations about 30 m north of the first circles, with

48

a third set created on 25 June 1997, just prior to harvest, at a further distance of another 30 m.

At various intervals after the creation of each circle pair, 2-4 sample sets were collected from all flattened circles and from upright plants 3-76 m from the flattened areas. The node lengths (NL ) were recorded from each plant in a 1520 plant sample set and routine statistical analyses (standard t-test; P<0.05 criteria) performed. The first two sets of test circles were formed when the plants were in rapid development and growth and an obvious gravitropic response, consisting of upward bending plants, was noted 48-72 h after the circle sets were created.

Traduzione riassuntiva: Sono stati preparati dei cerchi fatti con il metodo delle assi (quindi schiacciamento meccanico) per verifciare la risposta gravitropica nelle piante. Questa stata vista 48-72 ore dopo l formazione dei cerchi.

3) Livello di ricerca operativa: quello che il BLT scrive nei suoi rapporti di laboratorio, cio nelle singole ricerche che sono poi servite per redigere gli articoli pubblicati ufficialmente. Da Research Report #86, Lab code KS-04-04 Gravitropic responses in simulated crop formations, 1997 (Maryland).

When maturing cereal grain plants are mechanically forced into the horizontal or flattened position a process of vertica recovery is initiated, the effect of wich can be observed in just a few hours after the damage. This gravitropic response results from the vertical, active transport of auxin (IAA) to he lower side of the stems where it locally increases cell growth rates, thus producine an upward bending of he horizontal plant stems. At the stem growth nodes this gravitropism effecr produces a bending and lengthening of the pulvinus region wich in the case of plants within crop formations would be independent of the external vortez energies.

In our studies of the stem node lengths as related to the crop formation

49

energies it became importanto to quantitatively define the role of gravitropism in the downed formations.

[] For this reason, carefully engineered man-made crop circles were formed and sampled in winter wheat grown in Maryland, during the 1997 growing season.

Traduzione riassuntiva: Quando le piante vengono piegate in posizione orizzontale, nel giro di poche ore inizia un processo di ricovero naturale che tende a fare rialzare le piante. Questo effetto dovuto allintervento dellauxina (un ormone vegetale) che aumenta il tasso di crescite in alcune cellule dei nodi di accrescimento, determinando un loro allungamento e piegamento.

Per studiare questo effetto sono stati approntati dei test su crop circles schiacciati meccanicamente, in modo da poterne misurare la risposta

gravitropica in condizioni di controllo.

A questo punto si deve quindi fare una bella nota.

NOTA: da quanto detto risulta chiaro e palese che il BLT conosce leffetto gravitropico e che gli riconosca la responsabilit dei

meccanismi di ricovero (ginocchiamento) delle piante schiacciate a terra.

Loro NON NEGANO che funzioni e che pieghi i nodi, ma nel paragone con quelli che loro credono siano gli effetti delle energie ne fanno solo una questione di *intensit*.

Dicono: se nei cerchi i nodi si ingrossano, vogliamo valutare quanto di questo ingrossamento dovuto alle energie e quanta parte dovuta invece al gi noto gravitropismo.

50

[Notare che gi in questo si nota il pensiero circolare del BLT, perch loro PARTONO DAL PRESUPPOSTO che il gravitropismo non possa determinare in toto gli effetti da loro osservati (senza per averlo ancora sperimentato) e cercano quindi un modo per vedere (solo) in quanta parte questo effetto partecipi alle modificazioni globali dei nodi.]

Bene. Quali sono quindi i risultati dei loro esperimenti?

Sono quelli qui sotto:

Come si vede i dati sono pochi.

Il BLT ha fatto una regressione ed una curva di interpolazione, cercando di indicare un andamento dellallungamento. Allungamento che appare di piccola entit nei primi giorni, ma che poi aumenta con le settimane. Il BLT ha fatto SOLO QUESTO ESPERIMENTO sugli allungamenti nodali, quindi TUTTE le loro conclusioni di basano su questo (e ci va specificato molto bene).

Quali sono le conclusioni?

Sono che per loro una risposta standard di allungamento deve essere 51

nellordine del 10-15% entro i tre giorni dalla formazione (quelle famose 72 ore). Questo loro lo IMPONGONO come standard, ed in base a questo ne verrano fuori le anomalie che costituiranno il succo dellarticolo pubblicato nel 1999 (Dispersion of energies).

Qual lerrore del BLT?

Lerrore che hanno preso UN SOLO esperimento e che lhanno esteso alla rappresentazione di un comportamento standard che invece dipende da uninfinit di fattori.

La tipologia di grano innanzitutto, poi le condizioni metereologiche, lumidit presente al momento dello schiacciamento, il clima della zona, lesposizione, il tipo di pressione esercitata per schiacciare (e le conseguenti fratture) ecc. ecc.

Uno standard vero e proprio quindi non esiste, e non pu certamente esistere se si cerca di paragonare (come loro successivamente hanno fatto, in spregio a qualsiasi buon senso) il grano con lorzo (che in quanto a risposta gravitropica e allo sviluppo di cavit da espulsione mostra effetti talvolta molto diversi).

Questo per sarebbe un male grave, ma non gravissimo, se si fossero limitati a questo. Ma invece no, fanno di pi.

Perch

partendo

dal

concetto

(presupposto

non

dimostrato)

che

il

gravitropismo da solo non basti per creare TUTTA la piegatura, e dopo essere passati per lestrapolazione di uno standard che NON esiste, loro iniziano ad applicare il pi bellesempio di ragionamento circolare visto in questo campo: dicono cio che TUTTO quello che supera il loro standard (che nasce dagli errori metodologici detti sopra) DEVE essere anomalo.

Quindi si ritrovano a definire anomali anche gli allettamenti, cio quanto di pi naturale e spiegabile esiste in natura nel campo degli schiacciamenti di colture.

52

Gli allettamenti sono infatti notoriamente dovuti alle intemperie e sono talvolta FACILITATI (e non strettamente dovuti) alle quantit di sostanze azotate (concimi) che vengono sparse sui campi. Se il BLT attribuisce agli allettamenti caratteristiche di anomalia SOLO per il paragone fatto con il loro esperimento del Maryland. Quello che dovrebbe essere chiaro a tutti, cio che la NORMALITA quella che si verifica in natura, al BLT non viene neppure preso in considerazione perch per loro una PRESUPPOSTO quello che esistano anomalie e non mettono MAI in discussione questa cosa. Allora, se tutto dipende da quellesperimento, come si pu mostrare che quello privo di fondamento? Secondo il loro ragionamento circolare neppure gli allettamenti naturali potrebbero dire nulla (perch ricadono ancora nellanomalia). Allora servirebbe qualche cosa di CERTAMENTE schiacciato dalluomo. Ma cosa prendere, se di esperimento loro ne hanno fatto solo uno? Per fortuna arriva Haselhoff, che tra la pubblicazione di Dispersion of energies(1999) ed il suo Comment(2001) prende i dati di unopera fatta da un circlemaker olandese (il Golden Tunnel, fatto nel 1997).

53

Da questi dati si vede che gli allungamenti percentuali in MENO di 72 ore sono molto maggiori di quelli standard del BLT. In particolare i numeri sono i seguenti:

Si vede chiaramente che a fronte di una media del 33%, vi sono punte di allungamento che arrivano fino al 46% rispetto ai campioni di controllo. Il che sarebbe considerato ASSOLUTAMENTE ANOMALO se paragonato al criterio standard stabilito ARBITRARIAMENTE dal BLT, con il loro SINGOLO esperimento del Maryland del 1997. Se poi facessimo un paragone con altre formazioni, considerate genuine potremmo vedere quali fossero i tassi di allungamento registrati (in alcuni casi inferiori a questi della formazione umana) e potremmo soprattutto vedere che MAI sono state rispettate le fatidiche 72 ore tra formazione e campionamento (il che sballa ancora di pi il criterio standard, perch i dati NON SONO pi confrontabili). N.B.: Tutto quanto scritto finora sul BLT si trova in versione originale qui: http://invasionealiena.forumfree.it/?t=46929456

54

Unobiezione sollevata per Gucumatz: Nonostante il ridicolo tentativo del disinformatore si nota chiaramente la differenza tra le piante prelevate all'esterno dell'allettamento (a sinistra) in cui il fusto diritto ed i nodi sono dimensionalmente normali ed allineati con il resto del fusto. Mentre nelle piante raccolte all'interno (a destra) le piante sono piegate ed i nodi sono aumentati di volume.

La risposta: Cosa che infatti avviene normalmente per effetto gravitropico, come visto nelle formazioni man made e negli allettamenti naturali (che poi ti basterebbe RAGIONARE sul fatto che il gravitropismo ESISTE e che STUDIATO in agronomia per capire che un effetto deve pure esserci, no? Ma questo chiaramente il livello zero della comprensione di base di un pensiero logico, che a te evidentemente non compete). Ecco gli esempi di piegature in cerchi NOTORIAMENTE e DIMOSTRABILMENTE fatti dall'uomo.

Dagli Olympic circles (Team Satan, opera fatta su commissione per pubblicizzare la candidatura di Londra 2012 come sede delle olimpiadi

http://www.circlemakers.org/olympics.html

attenzione: limmagine originale una gif animata, per meglio valutarla aprire il seguente link http://img180.imageshack.us/img180/4582/olympicnodesinsitu1.gif

55

Immagine dei nodi allinterno:

http://img689.imageshack.us/img689/4707/olympicringsnodes.jpg

Altre immagini sempre dagli Olympic Rings:

Come si vede chiaramente qui, in cerchi FATTI DALLUOMO si manifestano ESATTAMENTE quelle belle piegature.

Che sono appunto dovute dal ginocchiamento, quel fenomeno dovuto ai vari tripismi (gravitropismo, eliotropismo ecc) che permettono alle piante di riguadagnare la posizione eretta. (qualunque studente di agraria del primo anno saprebbe spiegarlo senza difficolt, sono fenomeni NOTI ed ARCI-CONOSCIUTI, privi di qualsiasi mistero).

56

Altre immagini di piegature, da cerchi SPERIMENTALI francesi:

http://www.culture-crop.com/images/76430001b.jpg

Come ho poi gi ricordato (http://invasionealiena.forumfree.it/?t=47398008 ) c stato qualcun altro a VERIFICARE di PERSONA gli effetti del gravi tropismo, prendendo le sue belle tavolette ed andando a farsi un bel cerchietto in un campo.

Ho citato lesempio tedesco di Invisibile Circles perch loro hanno realizzato anche una bella immagine (il classico DISEGNINO for dummies) che chiarisce molto bene le PIEGATURE indotte per ginocchiatura sulle piante.

Spiegazione MECCANICA del motivo per cui alcuni nodi presentano le cosiddette cavit da espulsione.

Anche questo dimostra che le SPERIMENTAZIONI confermano che le piante sono tuttaltro che inerti e che i NODI si piegano e si modificano DOPO lo schiacciamento meccanico indotto dalle assi:

57

attenzione: limmagine originale una gif animata, per meglio valutarla aprire il seguente link http://img291.imageshack.us/img291/4731/fig19.gif

A tutto questo va aggiunto quando fatto presente ed ampiamente dimostrato nella pagina precedente. Cio il fatto che pure il BLT e pure Haselhoff riconoscono SENZA PROBLEMI leffetto gravi tropico.

Lunica distinzione per loro (che sono quelli che hanno CREATO questo concetto che Rocchi fa suo senza comprenderlo) che il gravi tropismo non potrebbe riprodurre certe intensit e certe distribuzioni di piegatura, NELLARCO DI 72 ORE dalla formazione.

Su questo ho gi spiegato: anche questa una bufala che viene smentita dai loro stessi dati e dagli esempi di opere man-made.

Ma comunque questo centra poco con il punto fondamentale: le piegature e gli allungamenti dovuti al GRAVITROPISMO sono NOTI e non sono smentiti da NESSUNO degli addetti ai lavori.

58

Mi sembra doveroso salvare da qualche parte questa raccolta di materiale, anche perch per esperienza so che i forum nascono e muoiono, e questi messaggi costano tempo e fatica per essere scritti.

Qui parlo di come appare realmente il grano piegato a terra, al di l dei miti e delle leggende sulla famosa definizione di "piegato e non spezzato" (che ha ben poco senso, a dire il vero).

Il messaggio oggetto di repost rintracciabile qui: http://invasionealiena.forumfree.it/?t=46891517

59

COME APPARE IL GRANO A TERRA NEI CROP CIRCLES Queste sono le Rondini (Swallows) di South Field, Luglio 2008

http://www.lucypringle.co.uk/photos/2008/uk2008be4.jpg

Nel dettaglio:

http://img142.imageshack.us/img142/6849/dsc00053knb.jpg

60

Ed ecco come appaiono le piegature alla base (close-ups):

http://img11.imageshack.us/img11/2561/dsc00055gkj.jpg

http://img149.imageshack.us/img149/3649/dsc00060l.jpg

http://img40.imageshack.us/img40/2092/dsc00061dme.jpg

61

Questa la "Croce" di West Woods, luglio 2008:

Vista dallinterno:

http://img196.imageshack.us/img196/3943/dsc00121o.jpg

62

Dettaglio:

http://img40.imageshack.us/img40/493/dsc00120rjy.jpg

Immagini delle piegature al suolo

http://img40.imageshack.us/img40/451/dsc00124n.jpg

63

http://img149.imageshack.us/img149/9066/dsc00138y.jpg

Questo il Fiore di Winterbourne Basset, Luglio 2009:

64

Visto dallinterno:

http://img688.imageshack.us/img688/4004/dsc01721l.jpg

Dettaglio delle piegature alla base:

http://img17.imageshack.us/img17/7374/dsc01714mz.jpg

http://img84.imageshack.us/img84/5866/dsc01730d.jpg

65

Nota: TUTTE queste foto mostrano esattamente SCHIACCIAMENTI MECCANICI.

Questa la realt che si pu vedere nei crop circles. Da queste foto evidente che le piegatura che determinano lo schiacciamento A TERRA delle piante sono piegatura "a cannuccia", e NON sono localizzate sui nodi (vedere i messaggi precedenti per gli effetti gravitropici).

LE FINTE ANOMALIE: EFFETTI SUL GRANO IN CERCHI MAN-MADE

Ho gi ampiamente mostrato come leffetto gravitropico sia una realt talmente notoria che neppure i pi ferventi sostenitori delle ipotesi energetiche riescono a negare (si veda Cosa dice il BLT sul gravitropismo

(http://invasionealiena.forumfree.it/?t=46929456)

Si detto che questo stato rilevato anche nel loro esperimento del Maryland del 1997 e che compariva (in maniera MOLTO significativa) nel cerchio fatto da artisti olandesi a Dreischor/Nieuwerkerk sempre nel 97.

NdG: vedere qui [Crop circles]Cosa dice il BLT sul gravitropismo (repost)
http://forum.cosenascoste.com/ufo-alieni/52563-crop-circles-cosa-dice-il-blt-sulgravitropismo-repost.html

Manca solo da vedere in quali altri casi questo sia testimoniato e dimostrato, tanto per piantare lultimo chiodo sulla bara di questa leggenda.

Bene, un esempio eclatante di quello che avviene nei cerchi FATTI DALLUOMO quello dei Cerchi Olimpici, opera fatta su commissione da alcuni circlemakers per sponsorizzare la candiatura di Londra per le olimpiadi 2012.

66

Questa la formazione: http://www.circlemakers.org/olympics.html

Cosa si trovato dentro? Si trovato dentro quello che ci vede in ogni crop circles, con la differenza che qui qualcuno finalmente ne ha divulgato le foto (come io ho fatto con i cerchi da me visitati) mostrando che le piegature dei nodi e le cavit di espulsione sono la NORMALITA dovuta a meccanismi biologici NOTI e documentati. Ecco qui infatti come si mostravano le piante:

attenzione: limmagine originale una gif animata, per meglio valutarla aprire il seguente link http://img180.imageshack.us/img180/4582/olympicnodesinsitu1.gif

67

Mi sono permesso di sottolineare con la "penna rossa" il verso di piegamento delle piante, che riflette quello visibile in OGNI schiacciamento esistente (sia esso dovuto ad assi che ad intemperie). Le piante infatti tentato di rivolgersi verso lALTO, cercando di risollevarsi dalla posizione orizzontale, per via dellintervento di quellormone auxina che abbiamo gi detto essere il principale responsabile dei fenomeni di tropismo.

Per fare un confronto con le foto di Valentino segni di calore Rocchi, ecco come le piante ritenute autentiche appaiono vicine a quella notoriamente dovute allintervento umano. (Prima foto di Rocchi, seconda dai cerchi olimpici).

Immagine di Valentino Rocchi

Immagine dei nodi allinterno degli Olympic Rings

68

Altre immagini sempre dagli Olympic Rings:

La cosa pi bella di quella formazione deve ancora venire, perch la vera anomalia tra le anomalie non tanto il nodo piegato (che anche le capre ormai sanno essere dovuto al gravitropismo) ma alle pi esotiche cavit da espulsione.

Queste cavit, che si presentano come esplosioni dei nodi, sono state trovate in diverse formazioni man-made, in cerchi di ignota origine ed anche in allettamenti naturali. Nonostante questo opinione dei believers che debbano essere 69

necessariamente prodotte da riscaldamento improvviso.

Questo nodi presi dentro ai cerchi olimpici sono abbastanza espliciti per mostrare che invece il calore non centra niente, che si verificano anche in formazioni dovuto allo schiacciamento meccanico (il perch lo vedremo subito dopo).

Un altro esempio ancora pi esplicito della banalit di queste anomalie dovuto ad un esperimento fatto di proposito per verificare linsorgenza di modificazioni biologiche. E stato fatto da un gruppo francese appiattendo una porzione di campo con il solito metodo dello schiacciamento meccanico, qui sotto il risultato:

70

http://www.culture-crop.com/images/76430005.jpg

Culture-crop.com - Noeuds clats dans les crop circles (agroglyphes ou cercles dans les cultures) - Exprience dans de l'orge - Juin 2006

http://www.culture-crop.com/experience2006.htm

Dopo soli DUE giorni (quindi perfettamente dentro ai limiti delle 72 ore indicate dal BLT) il risultato stato questo:

http://www.culture-crop.com/images/76430001b.jpg

71

http://www.culture-crop.com/images/76430004.jpg

http://www.culture-crop.com/images/76430012b.jpg

QUINDI: in formazioni SICURAMENTE fatte dalluomo (una fatta su commissione, laltra come esperimento) si trovano proprio quei segni che i disinformati scambiano immediatamente per segni di

riscaldamento e per effetti di irraggiamenti elettromagnetici. Questo significa che QUEI SEGNI sono quindi dovuti ad effetti NATURALI, che non centrano niente con la pressione meccanica ma

72

neanche con le energie, ma SOLO con lintervento dei meccanismi di ricovero NATURALE delle piante. A questo punto per il lettore incuriosito si chieder qual il meccanismo che determina le cavit da espulsione. Se infatti lintervento sui nodi dellauxina pi o meno immediato da capire (anche se la presenza di persone sfortunate non mi permette di dare nulla per scontato), il fenomeno alla base dellapparente esplosione dei nodi meno intuitivo. Qui intervengono quei famosi disegnini di cui avevo parlato. Infatti in questo campo sono stati fatti ALTRI esperimenti, uno dei quali il gi tante volte citato cerchio di Invisibile Circle, con special guest Herr Andreas Muller. Il progetto da realizzare era un classico agroglifo in stile primi anni 90, uno po il genere visto sulla copertina di un disco dei Led Zeppelin:

http://img155.imageshack.us/img155/6123/fig14.gif

73

Alcune fasi della lavorazione (si riconosce Muller tra i partecipanti)

74

Il risultato:

Ora, prima che al fesso di turno venga in mente di dire un falso, il progetto non combacia al millimetro con la realizzazione!!, dico subito che NORMALE che i disegni sul campo sgarrino in qualche maniera dai progetti ideali.

Era cos (per un settore nella parte alta ) nella formazione per News of Today, era cos per Milk Hill 2001 (notevoli le differenze nei cerchi di chiusura di ogni braccio principale) ed stato cos praticamente in ogni cerchio (passando per lerrore di allineamento della madre di tutti i cerchi di Barbury Castle 1991 per arrivare al cerchio Maya dellanno scorso e la sua asimmetria sostanziale).

Tutte cose che sarebbero anche belle da approfondire ma a parte che gi stato fatto anche questo, stasera mi limiter alle anomalie.

Comunque, ritornando allesperimento di Muller, anche loro da zelanti ricercatori hanno voluto valutare lincidenza degli errori nella realizzazione rispetto al progetto. Cosa ancora pi comprensibile per chi non ha lesperienza di decine (o centinaia) di cerchi alla spalle. 75

Il risultato del confronto tra progetto e realizzazione in questi schemi, con colori differenziati per facilitare il paragone diretto:

Alla fine di tutto questo, che cosa hanno trovato a parte le inevitabili imprecisioni geometriche presenti in TUTTI i cerchi? Hanno trovato i segni di quelle anomalie tanto decantate, e ne hanno descritto la meccanica. Dopo avere realizzato la formazione hanno infatti indagato il campo per vedere come si mostravano le spighe, ed hanno trovato questo:

http://img92.imageshack.us/img92/7782/fig21.jpg

76

Come si vede nella figura quelli sono i primi segni delle spaccature che danno luogo alle cavit da espulsione. E quindi un effetto PROPRIO e NATURALE dei nodi, come reazione biologica allo schiacciamento ed un fenomeno che come mostrato sopra si verifica ANCHE nei cerchi fatti dalluomo. Quello che hanno aggiunto quelli di Invisibile Circle, dopo qualche giorno di sorveglianza sui campi, il famoso disegnino di cui ho parlato in questi giorni. Il quale illustra il PERCHE i nodi si fratturino a quel modo:

1) la piante viene piegata MECCANICAMENTE (quindi c una piegatura a cannuccia posta tra il primo nodo e le radici, ma *NON* sul nodo);

2)

la

pianta

cerca

di

riacquistare

la

posizione

eretta

per

EFFETTRO

GRAVITROPICO. Quindi si hanno i nodi piegati ed allungati (gi visti sopra) e quellaspetto ricurvo di tutta la pianta. Ad un certo punto per (tra la fase 5 e 6, vedere disegno sotto) la piante pu invertire la necessit di curvarsi, vuoi perch langolo raggiunto da tutti gli altri nodi le fanno superare la verticalit, vuoi perch altre condizioni al contorno tendono a creare tensioni interne (maltempo, mutata posizione degli strati, peso di piante in layers sovrapposti, ecc. ecc). 77

3) a questo punto i nodi gi DEFORMATI per il gravitropismo iniziano a creare pressione sulle cellule gi ingrossate, determinandone uno stress che porta a rompere la struttura stessa del nodo. Si creano le fratture viste nelle foto di Invisibile Circles, che si ingrandiscono fino a diventare quelle viste nei cerchi olimpici o nellesperimento francese:

attenzione: limmagine originale una gif animata, per meglio valutarla aprire il seguente link http://img291.imageshack.us/img291/4731/fig19.gif

Abbiamo quindi visto che il GRAVITROPISMO ESISTE e che ben conosciuto anche dai ricercatori che pi believers non si pu

http://forum.cosenascoste.com/ufo-alieni/52563-crop-circles-cosa-dice-il-blt-sulgravitropismo-repost.html

Abbiamo visto che i nodi piegati ed allungati non sono per nulla unanomalia, ma una cosa ritrovato nei cerchi di Haselhoff, in quelli del BLT, in quelli fatti su commissione per Londra 2012, in quelli sperimentali francesi e pure in quelli tedeschi. Abbiamo anche visto che neppure le cavit da espulsione sono anomale, per gli stessi motivi sopra. Allo stesso modo non c niente di anomalo nelle piegature alla base, che sono sempre solo riconducibili a schiacciamenti meccanici e che non mostrano mai niente di strano, magico o inspiegabile (men che meno mostrano elettroni strappati o segni di riscaldamento). 78

Vedere anche qui: [Crop Circles] Come appare il grano A TERRA nei crop circles (repost)

http://forum.cosenascoste.com/ufo-alieni/52565-crop-circles-come-appare-il-grano-terra-neicrop-circles-repost.html

Alla fine di tutto questo cosa rimane?

Rimane che quello che ho sempre detto fin dallinizio sempre valido, e che le chiacchiere stanno a zero. Nessuna anomalia viene mostrato negli articoli di Haselhoff o BLT, e tanto meno non c niente di inspiegato o di sconosciuto nelle foto di quel boccalone di Rocchi. QUESTI sono i fatti. Cose che chiunque avesse lidea di parlare di crop circles (in maniera seria) dovrebbe avere come PUNTI DI PARTENZA. Aggiungo un ulteriore video di realizzazione in notturna:

Kornkreise - Die Wiederkehr ARD http://www.youtube.com/watch?v=gsxp3ZUq8bk

Formazione finita:

http://www.lucypringle.co.uk/photos/2009/uk2009cj.jpg

79

Matthew Williams parla di circlemaking e mostra in esclusiva alcune delle sue passate realizzazioni:

http://www.youtube.com/watch?v=h8XiDyNuDS0 http://www.youtube.com/watch?v=7go3AXYXeW0 http://www.youtube.com/watch?v=NIakxw3XocI http://www.youtube.com/watch?v=_XJOy5AXmR0 http://www.youtube.com/watch?v=cPdQYq-j5yI

Il sito ed canale tematico online di M.Williams: http://www.circlemakerstv.org/

Visione delle puntate online (ogni mercoled alle ore 21) e raccolta delle puntate precedenti: http://www.livestream.com/CIRCLEMAKERSTV Colin Andrews sostiene che Nancy Talbott ed il BLT hanno sbagliato, e che dovrebbero ammetterlo: http://www.colinandrews.net/Crop-Circles-BLT-Wrong.html

Gi tempo fa Andrews aveva rivelato che alcuni dei campioni analizzati dal BLT (http://www.bltresearch.com/) erano stati prelevati da formazioni sicuramente fatte dall'uomo. Anche nel periodo del suo "assessment" ne fece cenno, ma mai prima d'ora (AFAIK) ne aveva fornito prova. Ora Andrews esce allo scoperto e, difendendo l'operato di chi ha criticato il lavoro del BLT, mostrandone l'inconsistenza scientifica

(http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273168) mostra come il BLT abbia dato giudizi fuorvianti su formazioni la cui origine era completamente nota. Decade quindi la lina difensiva della Talbott, che cercava di screditare i suoi contestatori dicendo che in sostanza non erano stati prodotti nuovi dati, ma solo critiche nei confronti di dati propri del BLT. Andrews conferma

l'insostenibilit di questa linea, confermando che i giudizi del BLT erano comunque sbagliati, e lui ne ha le prove. 80

Pagina di Andrews con i commenti e la ricostruzione delle vicenda: http://www.colinandrews.net/Crop-Circles-BLT-Wrong.html

Il commento della Talbott: http://www.colinandrews.net/Crop-Circles-BLT-TalbottStatement.html

Il fax con cui Andrews aveva comunicato al BLT la natura umana di alcuni dei campioni inviati: http://www.colinandrews.net/Crop-Circles-BLT-AndrewsFax.html

Uno dei collaboratori/raccoglitori si improvvisa circlemaker per effettuare lesperimento in cieco:

Il campionamento delle piante provenienti dal cerchi man-made

81

Interessante replica di Gucumatz ad utente di un forum che gli chiede:

Ti spiacerebbe approfondire la questione "immediatezza della reazione della pianta" al fine di porre una volta per tutte (o quasi, dipende da chi legge) fine all'abbaglio colelttivo fondato sul niente pi assoluto, ossia la questione dei tempi di reazione (cos'era? entro 72 ore?) in relazione a quanto dal BLT pseudo-documentato nei vari lab report (una delle famose pagine di "dati certi") da cui la difficolt di certuni a distaccarsene definitivamente come per qualcuno accade con la "tetta" della mamma?

Risposta: La ringrazio per la domanda

Allora, sostanzialmente quello che la gente sa (o crede di sapere) che nei crop circles esistono delle anomalie, che deriverebbero da quelle forze responsabili della creazione dei cerchi stessi.

Il principale divulgatore di questa ipotesi il BLT, gruppo di ricerca formato da W.C. Levengood, J.Burke e N.Talbott.

Secondo il BLT nel processo di creazione dei c.c. sarebbero coinvolte anche (ma non solo) delle radiazioni elettromagnetiche, in special modo quelle nella banda delle microonde. Queste microonde riscalderebbero l'acqua contenuta all'interno delle cellule vegetali, determinandone una espansione. Essendoci pi acqua nei nodi che nei fusti (culmi), sarebbero proprio questi quelli che subirebbero maggiori conseguenze, allungandosi in maniera

abnorme. Fin qui l'ipotesi del BLT. Il problema che esistono dei processi NATURALI che determinano un tipo di allungamento dei nodi del tutto simile a quello osservato nei crop circles.

82

Questo processo prende il nome generico di "tropismo", e si pu differenziare in "gravitropismo", "eliotropismo", "geotropismo" ecc., a seconda del fenomeno "attrattivo che lo determina. In generale per sono sempre effetti dovuti a meccanismi di crescita e/o di ricovero delle pianta, cio dovuti alla sua capacit di "trovare la strada" per crescere o per rialzarsi (come nel caso di schiacciamento meccanico o di allettamento naturale). Il BLT nei suoi articoli sembra prendere in considerazione per lo meno il gravitropismo Dice di essere al corrente di questo fenomeno e di averlo valutato come possibile causa di queste "anomalie", ma di averlo per scartato. Perch? Perch, secondo loro, il gravitropismo pu si generare allungamenti e piegature, ma non pu farlo nella misura ritrovata nei crop circles.

COME FANNO A DIRE QUESTO?

Il BLT ha messo a confronto i cerchi da loro studiati fino a quel momento (di origine ignota) con cerchi sperimentali, di certa origine umana. Nello specifico il BLT ha condotto in totale due esperimenti diretti di piegatura del grano:

- Blissfield, Michigan, 1994 (Research Report n27; Codice Ks-02-48) - Maryland, 1997 (Research Report n86; Codice Ks-04-04)

Nel primo esperimento venivano rilevate le larghezze dei nodi (ma NON le lunghezze) e venivano fatti test di germinazione. Quindi nulla di utile per il discorso del gravitropismo (tanto che questo esperimento non viene neppure citato nell'articolo Dispersion of energies... del 1999, dove le specifiche sulle anomalie dei nodi prendono forma definitiva).

Nel secondo esperimento sono invece state rilevate proprio le lunghezze, prendendo campioni da diversi set di cerchi realizzati in diversi periodi della stagione (in due campi con diverso tasso di fertilizzazione). 83

I campioni sono stati misurati a distanza di 3,6,10 e 22 giorni (circa...) dalla data di formazione e poi confrontati con i campioni di controllo (piante indisturbate al di fuori dei cerchi).

Da questi dati il BLT ne ha ricavato che nell'arco di 72 ore (cio a TRE GIORNI dalla formazione) gli allungamenti percentuali riscontrati non si discostavamo molto da un valore del 10-15%. Questo ha permesso al BLT di dire che il gravitropismo NON poteva essere la causa delle anomalie trovate nella maggior parte dei cerchi da loro studiati, dove gli allungamenti riscontrati nello STESSO LASSO TEMPORALE (cio entro i 3 giorni) erano invece molto pi grandi. In "Dispersion of energies" il BLT scrive infatti che:

"The plants taken 3 days after forming the circles have a mean node length increase of about 10% in both test strips. Within the data base it is observed that the majority of crop formations discovered in the field have been sampled within a time frame of a few hours to 3 days after their arrival and, as will be discussed later, the node length changes in these formations range from a 30 to an over 200% increase in node length relative to their upright controls. In these cases the gravitropic responses would therefore have very little influence on the overall node expansion analyses."

Ecco, il problema sta tutto qui. Il paragone viene fatto tra un singolo esperimento (Maryland 1997) e tutti gli altri crop circles analizzati. Mettendo a paragone dati che si suppongono siano ricavati nelle stesse condizioni (che per non vengono minimamente descritte), e sopratutto che si considerano ricavati nello stesso periodo dopo la formazione (cio massimo 3 giorni). Ma questo corrisponde al vero? NO!! Le cose non stanno assolutamente cos, e sono proprio i dati del BLT a dirci il perch. In Dispersion of Energies... vengono infatti citate 4 formazioni:

84

- Devizes 1993, Research Report n 21-24 , lab code Ks 01 172 Ks 02 57 - Sussex 1994, Research Report n 30, lab code Ks 02 71 - Chehalis 1994, Research Report N 39, lab code Ks 02 66 - Logan 1996, Research Report n 79, lab code Ks 03 131 - Blue Ball 1995, Research Report n 51, lab code Ks-03-74 - Beckhampton 1995 (no lab report)

Queste portano le seguenti date di formazione e campionamento:

-Devizes: Formazione articolata, formata tra il 1 ed il 15 giugno. Nessuna data precisa di campionamento rilevata-> range di DUE SETTIMANE.

- Sussex: 20 giugno, primo sopralluogo 25 giugno: min. 5 GIORNI - Chehalis: trovata il 9 luglio, campionata il 24: DUE SETTIMANE - Logan: trovata il 15 agosto, campionata il 25: 10 GIORNI - Blue Ball: trovata il 29 maggio, camp. il 13 giugno: DUE SETTIMANE - Beckhampton: trovata il 29 maggio, nessuna data per campionamento

Risultato: su 4 formazioni citate (che sono quelle pi rappresentative, con i risultati pi eclatanti e signficativi), ce n' una gi vecchia di almeno 5 giorni, una che stata campionata dopo 10 giorni, e due che sono state campionate dopo 14-15 giorni. NESSUNA combacia con le affermazioni di Levengood sulle date di

campionamento.

Quindi tutta la teoria del BLT sul confronto tra i loro dati ed i campioni di controllo COMPLETAMENTE FALSA.

Affermano di avere rilevato miracolosi allungamenti nell'arco di meno di 72 ore, quando i loro migliori risultati (quelli presentati nell'articolo ufficiale) sono invece stati raccolti fino a due settimane dopo la data di formazione!

85

In pratica il BLT bara spudoratamente. E questo bluff andato avanti fin quando non sono saltati fuori i Lab Report di tutti i cerchi analizzati, dove potere controllare dati e sopratutto le DATE. Che dire degli altri casi, quelli non citati negli articoli? Stessa cosa: in pi di 200 analisi, non esiste un caso in cui si sia rilevato un allungamento realmente anomalo entro le 72 ore dalla formazione (e qui non sto a citare tutti i dati, perch ci vorrebbero 10 pagine solo per questo). Ma andiamo oltre, perch ragionando solo sulle date qualcuno potrebbe non comprendere bene la natura dell'abbaglio del BLT, ed il motivo per cui ormai invece chiaro che questo tipo di anomalie solo un mito senza fondamento. La domanda successiva quindi : DI QUANTO ERANO ANOMALI quei nodi?

- Devizes: media +60% (picco +90%) - Sussex: media +52% (picco +90%) - Chehalis: media +29% (picco +38%) - Logan: north ring: media +28% (60%max): south ring: media + 10% (18%max)

Si vede da questo riepilogo che gli allungamenti medi, messi in relazione con l'anzianit dei campioni, sono in linea con quanto rilevato nell'esperimento del '97. Dove si poteva vedere che in periodi successivi alle 2 settimane gli allungamenti potevano andare oltre al 50%. Qualcuno potrebbe dire che nel caso del Sussex i campioni erano vecchi si soli 5 giorni, e nonostante questo mostravano allungamenti del 52%. Questo vero, ma significativo questo dato? Con cosa lo si confronta? Sempre con quelli del singolo esperimento del Maryland 1997 Allora bisognerebbe chiedersi se possibile includere tutte le variabili chimiche, fisiche, biologiche, meteorologiche ecc. in un singolo esperimento...

La risposta ovviamente NO.

86

Quel singolo esperimento non poteva restituire un parametro UNIVERSALE per la valutazione della risposta gravitropica, perch ogni singolo campo, ogni coltura ed ogni periodo dell'anno pu determinare risposte diverse (come facilmente intuibile). Ma tutte queste sarebbero parole al vento se non ci fosse qualche cosa per dimostrarlo. Per fortuna questo qualcosa c', ed ancora un esperimento che proviene sempre dai dati dei ricercatori. In questo caso Eltjo Haselhoff che prende come campione di controllo un crop circle (chiamato Golden Tunnel) realizzato da Remko Deelfgauw nel 1997 vicino a Nieuwerkerk (o Dreischor) in Olanda. Da questo esperimento Haselhoff ricava i dati sugli allungamenti nodali, prelevando i campioni MENO DI DUE GIORNI dopo la formazione. Quindi ben prima delle 72 ore che il BLT non ha mai rispettato per i cerchi genuini... Da questi dati viene fuori che in quel pur breve lasso temporale, il gravitropismo stato in grado di allungare i nodi del 38% (in media) rispetto ai campioni di controllo, con punte del 46%! Quindi se si confronta il 52% del Sussex (dopo 5 giorni) con il 38% di Dreischor (dopo soli DUE giorni!) si vede come questi dati si inseriscano in andamenti del tutto compatibili con la spiegazione gravitropica. Inoltre c' da notare che quel 38% di gran lunga superiore a quel 10-15% indicato dal BLT come quota massima attribuibile al gravitropismo. Sostanzialmente Haselhoff ha permesso di smentire ancora pi

clamorosamente il BLT, mostrando che le conclusioni dell'esperimento del Maryland (perso come paragone ASSOLUTO per tutte le altre formazioni) erano del tutto prive di fondamento scientifico. Se volessimo sintetizzare questo lungo discorso si potrebbe dire cos:

- Il BLT dice che gli allungamenti sono anomali perch non c' niente che possa creare effetti del genere in soli 3 giorni.

- Di fatto i dati di Haselhoff smentiscono questa affermazione, mostrando che

87

anche dopo 48 ore si possono avere allungamenti percentuali considerevoli, solo grazie al gravitropismo.

- In pi i dati originali del BLT (divulgati anni dopo la pubblicazione degli articoli) mostrano che il confronto tra campioni man-made e cerchi genuini non poteva neppure essere fatto, perch le date di campionamento non coincidevano (e quindi tutto il castello di carte crolla).

Inserisco anche un link dove scaricare la pagina che raccoglieva un'attenta critica alle affermazioni del BLT circa la "anomalia" dell'argilla. La originale pu essere scaricata qui: pagina

https://docs.google.com/uc?id=0B11euYREcKdJNzg1NTZiZGItOGEzMS00ZDhjL ThlZTAtYTdmMWEyYTM0ZTg3&export=download&hl=en_US

TUTTE LA DOCUMENTAZIONE PRODOTTA DA GUCUMATZ (TESTI, LINK, FOTO, IMMAGINI, GRAFICI) STATA QUI RACCOLTA DA INSIDER, UTENTE DEL FORUM DI UFOONLINE.

88