Sei sulla pagina 1di 2

HAMLET Hamlet (1600-1601) tra le pi famose tragedie di Shakespeare, e della cultura occidentale. Cinque atti, in prosa e versi.

. Il principe Hamlet erede al trono di Danimarca vede apparire sugli spalti del castello di Elsinore lo spettro del re suo padre, che gli rivela di essere stato assassinato dal proprio fratello Claudio, che ha sposato poi la regina Gertrude. Hamlet giura vendetta, simula la follia per megli scoprire responsabili e complici. E' turbato da dubbi e irresolutezze, alternate a slanci emotive e azioni decise. Respinge la fanciulla amata, Ophelie figlia del ciambellano Polonio. Interroga con accanimento la madre, durante il colloquio uccide Polonio che stava ascoltando dietro una tenda. Claudio tenta di sbarazzarsi di Hamlet mandandolo in Inghilterra, con Rosencranz e Guildersten per farlo uccidere. Ophelie impazzisce e si annega. Il fratello Laerte decide di vendicare lei e il padre. Claudio invita i due giovani a battersi in un duello incruento: in realt la spada di Laerte e il vino da offrire a Hamlet sono avvelenati. Hamlet viene ferito, ma uccide Laerte che gli ha confessato la verit. Uccide Claudio. La regina muore per aver bevuto il vino destinato al figlio. Morendo, Hamlet affida all'amico Orazio, l'unico sostegno che ha avuto nella vita, l'incarico di narrare la sua storia. Giunge Fortebraccio principe di Norvegia, che assume il governo del regno. ROMEO AND JULIET Romeo e Juliet (Romeo and Juliet, 1594-5), forse la pi famosa tra le opere teatrali prodotte dalla cultura occidentale. Sono cinque atti in versi e in prosa. Fonte principale da cui Shakespeare deriva la vicenda la traduzione in versi, da una riduzione francese del racconto di Bandello, operata da Arthur Brooke nel 1562. L'antica faida tra la famiglia Montecchi e quella dei Capuleti insanguina Verona. Romeo Montecchi mascherato va a un ballo dei Capuleti. Si innamora appassionatamente di Juliet Capuleti. A ballo finito, nascosto sotto il suo balcone, scopre udendola parlare di essere ricambiato. Ottiene il suo assenso a un matrimonio segreto. Il giorno dopo frate Lorenzo li unisce in matrimonio. Poco dopo Romeo incontra Tebaldo, cugino di Juliet; an che se offeso, rifiuta di battersi con lui. Interviene Mercuzio, amico di Romeo, che ucciso da Tebaldo. Romeo vendica l'amico uccidendo Tebaldo. Il pr ncipe lo bandisce. Romeo passa la notte con Juliet, poi va a Mantova. Intanto il padre di Juliet vuole che la figlia sposi Paride. Frate Lorenzo decide di ricorrere a uno stratagemma: Juliet finger di acconsentire alle nozze, alla vigilia berr una pozione che le dar la morte apparente; un piano di fuga predisposto per il suo risveglio. Romeo all'oscuro di tutto apprende solo della morte di Juliet. Si procura un vele no, si precipita a Verona. Al sepolcro dell'amata si imbatte in Paride che lo assale: Romeo lo uccide. Poi beve il veleno e muore. Juliet si sveglia, vede Romeo morto e si pugnala. A frate Lorenzo accorso troppo tardi non resta che svelare l'accaduto al pr ncipe: davanti ai due cadaveri Montecchi e Capuleti si riconciliano. MERCHANT OF VENICE Il mercante di Venezia (The merchant of Venice, 1596-97) una commedia in cinque atti, in versi e in prosa. Il nobile veneziano Bassanio chiede all'amico Antonio, ricco mercante di Venezia, 3000 ducati per corteggiare degnamente la ricca Porzia. Antonio si fa prestare il denaro dall'usuraio ebreo Shylock che pretende come obbligazione, se la somma non sar pagata il giorno fissato, il diritto di prendere una libbra di carne sul corpo di Antonio. Bassanio accompagnato dall'amico Graziano, ottiene la mano di Porzia superando una prova stabilita dal padre di lei. Graziano sposa Nerissa ancella di Porzia. Intanto Gessica, figlia di Shylock fuggita con il cristiano Lorenzo, sottraendo denaro al padre, che la disereda. Arriva la notizia che le navi di Antonio hanno fatto naufragio e che non ha pagato il debito alla sua scadenza. Shylock pretende la libbra di carne. Porzia travestita da

avvocato perora la causa di Antonio davanti al doge, dimostrando che Shylock ha diritto alla carne ma senza che sia versata una sola goccia di sangue, se non vuole essere giustiziato per attentato alla vita di un veneziano. Il doge grazia Shylock ma confi sca i suoi beni, che sono divisi tra Antonio e lo stato veneziano. Antonio rinuncia alla sua parte a condizione che Shylock si faccia cristiano e leghi i suoi beni a Lorenzo e Gessica. Alcune delle navi di Antonio compaiono in porto senza danni. La commedia contiene uno dei pi famosi monologhi scekspiriani, quello in cui l'ebreo Shylock d voce alla millenaria persecuzione cui i propri correligionari sono stati sottoposti nella storia umana:
"Non ha occhi un ebreo? non ha un ebreo mani, organi, membra, sensi, emozioni, passioni? non si nutre dello stesso cibo, non ferito dalle stesse armi, non soggetto alle stesse malattie, non scaldato e gelato dalla stessa estete e dallo stesso inverno come un cristiano? se ci pungete, non facciamo sangue? se ci avvelenate, non moriamo?" Nel grido di Shylock, rivolto a un uditorio fatto soprattutto di cristiani, rivive l'orrore dei supplizi che avevano straziato il corpo dell'ebreo Roderigo Gomes, il medico di Elizabeth I, accusato di attentare alla vita della regina;

Teatro elisabettiano
In Inghilterra in piena fioritura il teatro. Alla fine del XVI secolo muoiono nel giro di pochi anni Th. Kyd, Ch. Marlowe, R. Greene, G. Peele; ma l'attivit teatrale non si interrompe. Nel 1576 viene costruito a London il Theatre, primo edificio adi bito esclusivamente a rappresentazioni teatrali pubbliche. Ne proprietario l'impresario James Burbage. Verranno poi costruiti il Curtain (1577), il Rose (1787), e lo Swan (1596). Nel 1599 il Theatre viene demolito e con i materiali che se ne ricava da esso viene costruito il Globe Theatre (che sar distrutto da un incendio il 29 giugno 1613 per le salve di artiglieria sparate durante una rappresentazione dell'"Henry VIII" di Shakespeare). E' il periodo della grande fioritura teatrale di London. I teatri sono numerosissimi, sia pubblici, scoperti, in cui si recita alla luce del giorno; sia privati, coperti, in cui la scena fissa, con il proscenio avanzato senza sipario e la costruzione a pi piani sullo sfondo, ma in cui la luce artificiale, l'ambiente pi raccolto, la possibilit di usare elementi scenografici, finisce per modificare anche lo stile e il senso della recitazione. Gli attori sono organizzati in compagnie che godono della protezione di qualche esponente della corte. Le compagnie sono spesso comproprietarie delle sale in cui agiscono, hanno tra loro scrittori che forniscono testi con incredibile rapidit. Si scrivono centinaia di copioni, in gran parte anonimi, e frutto di collaborazioni, oppure opera di poligrafi di notevole mestiere: George Chapman , Ben Jonson , Cyril Tourneur e Thomas Middleton, John Webster. Il maggiore autore teatrale inglese del periodo per considerato William Shakespeare.