Sei sulla pagina 1di 1

Marc è un poliziotto felicemente sposato la cui moglie Bettina sta aspettando il loro primo figlio.

I
genitori di Bettina hanno preparato per loro una bellissima casa con diverse stanze. Un giorno succede
che Marc, ad un corso di addestramento, si trova solo nella foresta con l’affascinante collega Kay, gli
sguardi s’incrociano fino a non staccarsi più, è amore a prima vista, primo bacio e veloce
masturbazione reciproca. Marc, alla sua prima esperienza gay, è profondamente scosso, ancora di più
quando Kay si fa trasferire nella sua unità. Tutta la sua vita ben organizzata sta per essere sconvolta.
Con la scusa di corsi di addestramento fuori sede, iniziano ad incontrarsi in un vortice di passione e a
fare sesso sempre più spesso. Quando Kay viene sorpreso dalla polizia in un locale gay si sparge la
voce della sua omosessualità. Un collega poliziotto omofobo, come quasi tutti, lo picchia
selvaggiamente ma il capo sezione lo protegge e nasconde l’aggressione. Marc, per l a prima volta
veramente iinnamorato, si sente sempre più estraneo alla sua famiglia, sia nello spirito che nel corpo,
proprio mentre sta per arrivare il figlio. Pensa di andare via con Kay, che si sente marginalizzato,
abbandonare tutto ed iniziare una nuova vita. Ma è una soluzione quasi impossibile per Marc. Kay
decide di far precipitare le cose, denuncia il suo amore per Marc sia ai colleghi che ai genitori di Marc.
Questi ultimi non sopportano la cosa, gli dicono brutalmente “Non ti abbiamo cresciuto in questo modo”.
I sospetti di Bettina si fanno sempre più assillanti, ha intuito che c’è qualcosa tra i due uomini. Alla fine
costringe Marc ad ammettere di aver fatto sesso con Kay. La situazione precipita. Anche nell’ambiente
della polizia le cose si fanno sempre più difficili, ma qualche spiraglio si apre: quando il poliziotto
omofobo attacca un’altro sospettato di essere gay, questa volta il capo non lo copre più. Un giorno Kay
sparisce senza avvisare nessuno. Marc capisce che la sua vita senza Kay sarebbe insopportabile…
Un’opera prima coraggiosa, che affronta le principali tematiche gay, dall’omofobia al coming out,
all’amore gay, con scene forti ed incisive, grazie anche all’avvenenza dei due protagonisti. Film
presentato alla Berlinale 2013 e all’inaugurazione del MoMA’s Kino! Exhibition 2013 (Museum of
Modern Art di New York)
Marc è un poliziotto felicemente sposato la cui moglie Bettina sta aspettando il loro primo figlio. I
genitori di Bettina hanno preparato per loro una bellissima casa con diverse stanze. Un giorno succede
che Marc, ad un corso di addestramento, si trova solo nella foresta con l’affascinante collega Kay, gli
sguardi s’incrociano fino a non staccarsi più, è amore a prima vista, primo bacio e veloce
masturbazione reciproca. Marc, alla sua prima esperienza gay, è profondamente scosso, ancora di più
quando Kay si fa trasferire nella sua unità. Tutta la sua vita ben organizzata sta per essere sconvolta.
Con la scusa di corsi di addestramento fuori sede, iniziano ad incontrarsi in un vortice di passione e a
fare sesso sempre più spesso. Quando Kay viene sorpreso dalla polizia in un locale gay si sparge la
voce della sua omosessualità. Un collega poliziotto omofobo, come quasi tutti, lo picchia
selvaggiamente ma il capo sezione lo protegge e nasconde l’aggressione. Marc, per l a prima volta
veramente iinnamorato, si sente sempre più estraneo alla sua famiglia, sia nello spirito che nel corpo,
proprio mentre sta per arrivare il figlio. Pensa di andare via con Kay, che si sente marginalizzato,
abbandonare tutto ed iniziare una nuova vita. Ma è una soluzione quasi impossibile per Marc. Kay
decide di far precipitare le cose, denuncia il suo amore per Marc sia ai colleghi che ai genitori di Marc.
Questi ultimi non sopportano la cosa, gli dicono brutalmente “Non ti abbiamo cresciuto in questo modo”.
I sospetti di Bettina si fanno sempre più assillanti, ha intuito che c’è qualcosa tra i due uomini. Alla fine
costringe Marc ad ammettere di aver fatto sesso con Kay. La situazione precipita. Anche nell’ambiente
della polizia le cose si fanno sempre più difficili, ma qualche spiraglio si apre: quando il poliziotto
omofobo attacca un’altro sospettato di essere gay, questa volta il capo non lo copre più. Un giorno Kay
sparisce senza avvisare nessuno. Marc capisce che la sua vita senza Kay sarebbe insopportabile…
Un’opera prima coraggiosa, che affronta le principali tematiche gay, dall’omofobia al coming out,
all’amore gay, con scene forti ed incisive, grazie anche all’avvenenza dei due protagonisti. Film
presentato alla Berlinale 2013 e all’inaugurazione del MoMA’s Kino! Exhibition 2013 (Museum of
Modern Art di New York)