Sei sulla pagina 1di 9

Destina il tuo 5×1000 a Wikimedia Italia.

Scrivi 94039910156.

Chiudi

Aironi Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jump to navigation

Jump to search

Aironi Rugby
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg

Logo Aironi Rugby.png


Uniformi di gara

Manica sinistra

Maglietta

Manica destra

Pantaloncini

Calzettoni
Colori
nero, argento e bianco

Simboli
Airone

Dati societari

Area
Lombardia ed Emilia

Città
Viadana

Paese
Italia Italia

Federazione
Flag of Italy.svg Federazione Italiana Rugby

Fondazione
2010

Scioglimento
2012

Palmarès

Stadio

stadio Luigi Zaffanella


(6 000 posti)
Dati aggiornati al 4 agosto 2018
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Gli Aironi Rugby furono una franchigia italiana di rugby a 15 costituita il 17


maggio 2010[1] al fine di partecipare alla Celtic League, competizione tra squadre
d'élite scozzesi, irlandesi e gallesi, a partire dalla stagione 2010-11 e per
almeno 4 stagioni, al fianco del Benetton Treviso.

La squadra, completamente professionistica, aveva il suo nucleo nel Rugby Viadana,


la Società di maggioranza, ma collaborarono al progetto della franchise anche le
maggiori società delle province di Mantova e Parma, quali: Colorno, GRAN Parma,
Parma, Noceto e Mantova.[1] Il fornitore tecnico fu Adidas e lo sponsor principale
la Banca Monte dei Paschi di Siena. Nella stagione di Magners League 2010-11
infatti la franchigia assunse il nome di Montepaschi Aironi.

L'impianto di gioco delle partite casalinghe della franchigia era ufficialmente il


Luigi Zaffanella di Viadana, ristrutturato e ampliato per l'occasione, contava
6.000 posti a sedere. Come impianto alternativo per alcune partite casalinghe venne
utilizzato anche lo stadio Brianteo di Monza.

Il colore principale era il nero mentre il simbolo della società era l'airone.
Indice [nascondi]
1 Cenni storici
2 Cronistoria
3 Colori e simboli
4 Strutture
5 Società 5.1 Club appartenenti

6 Allenatori e presidenti
7 Rugbisti
8 Note
9 Voci correlate
10 Collegamenti esterni

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'ampliamento della Celtic League all'Italia, insieme al Benetton


Treviso, gli Aironi furono una delle squadre ammesse alla competizione[2]; dalla
stagione 2010-11 la squadra partecipa quindi alla competizione celtica[3]. Essendo
il Viadana società capofila della franchigia, abbandonò il campionato domestico.

La prima uscita non ufficiale degli Aironi, fu l'amichevole svoltasi in terra


francese il 14 agosto 2010, una sconfitta subita per 10 a 23 contro lo Mont-de-
Marsan. Le prime vittorie giunsero nell'Adidas Cup, contro Crociati e GranDucato.

Il 4 settembre 2010 esordì in Celtic League in trasferta contro il Munster, subendo


una sconfitta per 33 a 17. L'11 dicembre 2010 gli Aironi colsero la prima vittoria
assoluta, superando per 28 a 27 i francesi del Biarritz, vice-campioni
dell'Heineken Cup, sul terreno dello stadio Luigi Zaffanella.

Rispettivamente il 24 dicembre e il 31 dicembre 2010 gli Aironi Rugby persero i


derby contro la Benetton Rugby Treviso, per 15 a 10[4] e 15 a 16.[5] Nella stagione
2011-12 le partite casalinghe di Heineken Cup si tennero allo stadio Brianteo di
Monza, potendo contare su una capienza di 18.000 posti e sul bacino d'affluenza
della Brianza. Il primo match al Brianteo si tenne il 12 novembre 2011 con i
Leicester Tigers.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aironi Rugby 2010-
2011.

Il 26 marzo 2011, durante la sfida contro la squadra irlandese del Connacht, gli
Aironi vinsero il primo match nella loro storia in Celtic League; giocata in casa,
la partita finì 25 a 13. In totale vinse solo una partita della stagione regolare
qualificandosi all'ultimo posto della Celtic League. Il secondo successo arrivò in
coppa, Heineken Cup, nella partita casalinga contro i cugini francesi del Biarritz,
battuti nel finale grazie ad un drop a tempo scaduto dell'estremo Julien
Laharrague.

Il 1º settembre 2011 la Banca Monte dei Paschi di Siena comunicò la sua intenzione
di non continuare più la sponsorizzazione, mettendo così fine al rapporto che li
aveva visti per quattro anni sulle maglie del Viadana e la stagione precedente
sulle quelle degli Aironi.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aironi Rugby 2011-
2012.

Nella stagione successiva 2011-12 gli Aironi si imposero allo Zaffanella contro i
più quotati club di Edimburgo, Connacht, Munster, campione in carica, e Benetton
Treviso, aggiudicandosi il primo e unico derby italiano della loro storia col
punteggio di 27-13, dove i 27 punti finali, segnati dagli Aironi, furono soltanto
farina del sacco di Luciano Orquera e il suo 9/9 dalla piazzola, tuttora record di
calci piazzati in una singola partita del Pro12.

Il 6 aprile 2012 la FIR decise di revocare la licenza al termine della stagione in


corso, per ragioni economiche[6]. Il posto degli Aironi in Pro12 venne preso dalla
neonata franchigia italiana delle Zebre mentre il Viadana tornò a disputare le
partite nel massimo campionato italiano. Si rese necessario ampliare il torneo a 12
squadre nella stagione 2012-13[7].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria degli Aironi Rugby

2010 · istituzione della franchigia degli Aironi con sede a Viadana


2010-11 · 12ª Celtic League
4º girone 4 Heineken Cup
2011-12 · 12ª Pro12
4º girone 4 Heineken Cup
2012 · Per ragioni economiche Federazione Italiana Rugby revoca licenza e
scioglimento franchigia

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2010-11 la divisa di gioco, firmata Adidas, era nero e argento per
le partite casalinghe, bianca e argento per quelle in trasferta, e verde pino per
le partite di Heineken Cup.[8]

Per la stagione 2011-12 venne mantenuta la divisa casalinga di colore nero, mentre
per le trasferte di campionato e le partite di Heineken Cup si decise di utilizzare
una divisa color ciano.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto di gioco delle partite casalinghe della franchigia era ufficialmente il


Luigi Zaffanella di Viadana, ristrutturato e ampliato per l'occasione, contava
6.000 posti a sedere. La tribuna ovest era la tribuna VIP, quella nord prendeva il
nome degli sponsor Eni e Monte dei Paschi di Siena, mentre quella est era la
tribuna dei tifosi più calorosi, i cosiddetti Miclas. Gli abbonamenti toccarono
livelli record con 1.300 abbonati nella stagione 2010-11. Come impianto alternativo
per alcune partite casalinghe venne utilizzato anche lo stadio Brianteo di Monza,
che per la stagione di RaboDirect Pro12 2011-12 fu lo stadio ufficiale delle
partite casalinghe di Heineken Cup, potendo contare su una capienza di 18.000 posti
e sul bacino d'affluenza della Brianza. Il 12 novembre 2011, contro i Leicester
Tigers, fece registrare un'affluenza di 8.150 spettatori, il più alto nella storia
della franchigia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Club appartenenti[modifica | modifica wikitesto]

La franchigia aveva come sede Viadana, che rappresentava anche la Società


maggioritaria a capo del progetto, il Rugby Viadana. Tuttavia anche altre società
lombarde ed emiliane avevano sposato il progetto Aironi.

Società fondatrici:[1]
Viadana
Colorno
GRAN Parma
Parma
Noceto
Mantova

Società fiancheggiatrici:
Alessandria
Bologna
Cagliari
Caimani di Bondanello
Cascavel Rugby Clube[9]
Como
Fiorenzuola
Guastalla
Modena
Monza
Primavera
Reggio Emilia
Trepuzzi
Seregno
VII Rugby Torino

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori

2010-2011 Italia Franco Bernini


Galles Rowland Phillips2011-2012 Galles Rowland Phillips

Presidenti

2010-2012 Italia Silvano Melegari

Rugbisti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella


Categoria:Rugbisti a 15 degli Aironi Rugby

Note[modifica | modifica wikitesto]

1.^ Salta a: a b c Oggi gli Aironi del Po prendono il volo a Parma Presentazione in
Comune, su ricerca.gelocal.it, Gazzetta di Mantova, 17 maggio 2010. URL consultato
il 17 settembre 2019.
2.^ Andrea Buongiovanni e Simone Battaggia, Celtic nel caos: Roma bocciata, in la
Gazzetta dello Sport, 4 ottobre 2009. URL consultato il 17 febbraio 2010.
3.^ (EN) Magners League welcomes Italian teams, Pro14, 8 marzo 2010. URL consultato
il 21 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2018).
4.^ A Treviso il primo derby celtico, su aironirugby.wordpress.com, 14 gennaio
2011.
5.^ Vola via il derby agli Aironi, su aironirugby.wordpress.com, 14 gennaio 2011.
6.^ Gli Aironi volano via, la Federazione revoca la licenza, su
mondovale.corriere.it, Corriere della Sera, 7 aprile 2012. URL consultato il 17
settembre 2019.
7.^ Comunicato Federale n. 1 stagione sportiva 2012/13, su Federazione Italiana
Rugby, 3 agosto 2012. URL consultato il 22 luglio 2018 (archiviato dall'url
originale il 22 luglio 2018).
8.^ Celtic League - Ecco le maglie degli Aironi, su rugby1823.blogosfere.it, 20
luglio 2010. URL consultato il 17 settembre 2019.
9.^ Celtic League - Gli Aironi sbarcano in... Brasile!, su rugby1823.blogosfere.it,
28 gennaio 2011. URL consultato il 17 settembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Derby italiano di Pro14

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale, su aironirugby.net (archiviato dall'url originale il 15 agosto


2013). Modifica su Wikidata

[mostra]

V · D · M
Stagioni degli Aironi Rugby

[mostra]

V · D · M
Pro14

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby
Categoria: Aironi Rugby

[altre]

Menu di navigazione

Accesso non effettuato


discussioni
contributi
registrati
entra

Voce

Discussione

Leggi

Modifica

Modifica wikitesto
Cronologia

Ricerca

Pagina principale
Ultime modifiche
Una voce a caso
Nelle vicinanze
Vetrina
Aiuto
Sportello informazioni

Comunità

Portale Comunità
Bar
Il Wikipediano
Fai una donazione
Contatti

Strumenti

Puntano qui
Modifiche correlate
Carica su Commons
Pagine speciali
Link permanente
Informazioni pagina
Cita questa voce
Elemento Wikidata

Stampa/esporta

Crea un libro
Scarica come PDF
Versione stampabile

In altri progetti

Wikimedia Commons
In altre lingue

Català
Deutsch
English
Español
Français
Galego
Polski
Русский

Modifica collegamenti

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 18 ott 2020 alle 16:32.
Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi
allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso
per i dettagli.
Informativa sulla privacy
Informazioni su Wikipedia
Avvertenze
Versione mobile
Sviluppatori
Statistiche
Dichiarazione sui cookie

Wikimedia Foundation
Powered by MediaWiki

Potrebbero piacerti anche