Sei sulla pagina 1di 2

Pensiero Computazionale

1 domanda
"Il pensiero computazionale � una diavoleria moderna o c'era anche prima?"

Mostra video - Alberto Manzi fa lezione con i suoi bambini


Tema - Come mi lavo i denti?
Si comporta come un computer, esegue alla lettera tutte e solo le istruzioni
che riceve.

Che cos'� quindi? Def.Informale - pensare come un informatico per risolvere dei
problemi
L'aspetto distintivo di come pensa � che � pigro, non risolve direattamente i
problemi,
ma fa si che vengano risolti da un computer o un essere umano istruito.

Def.Formale - Un processo mentale di formulazione di problemi e di loro soluzioni,


di modo che qst soluzioni siano effettivamente eseguibili da un agente che processa
informazione

Necessita di portare all'attenzione di insegnare la basi scientifiche e culturali


dell'informatica
Era riconosciuta gi� da tempo da alcuni informatici.

2 domanda
"Perch� dovremmo proporlo a scuola?"

Si dovrebbe insegnare per aiutare a comprendere i ragazzi il mondo che li circonda


ed essere dei cittadini attivi e consapevoli.

Spesso studenti chiamati nativi digitali: � vero molto bravi ad utilizzare le


tecnologie
, � normale! Ma in realt� le loro compentenze informatiche sono minori di quelle
delle generazioni
precedenti, perch� l'estrema semplificazione delle interfacce dei dispositivi
nasconde il loro funzionamento
Dunque non sono attivi nell'uso della tecnologia, sono utenti passivi di
applicazioni

Scratch dice "Sanno leggere la tecnologia, ma non sanno scrivere con la tecnologia,
non sanno essere creativi"

Demistificare i dispositivi: si da un aurea magica ai dispo., farne un uso


consapevole

Che cos'� esattamente l'informatica? un insieme di applicazioni ma anche la


tecnologia che rende possibile quelle applicazioni,
ma anche una scienza su cui si fonda quella tecnologia.

Perche si parla di pensiero computazionale e non di informatica? Perch� il termine


informatica viene fraintesp
Spesso si pensa alle applicazioni e alla tecnologia, ma non si pensa ai pricnipi
scientifici che stanno alla base e che sono
indipendenti dalla tecnologia e appliczioni attuali.

Lezioni unplagd - lezioni senza l'uso del computer.

l'informatica ha anche un valore trasversale (veniamo alla 3 domanda)

3 domanda
"Cosa c'entra con le nostre discipline?"

Ha un valore come discplina di base: mette a disposizioni, non solo strumenti


teconologici, ma anche concettuali
per simulare fenomeni di ogni tipo(gravit� sulla luna)
Gli studenti dovrebbero immergersi nei micromondi: idea di base: supponiamo di non
sconoscere il francese
e di andare a vivere un anno in francia. A fine anno riusciamo a parlare discret il
francese pur non avendo seguito
lezioni formali. Quindi il potere � di simulare qualsiasi ambiente per farsi che
gli studenti possono immergersi negli ambienti
delle diverse discipline per avere una apprendimento concreto e attivo.

Far risolvere un problema ad una macchina che cosi stupida, cosi rigorosa, questo
ci porta ad avere una comprensione pi� ampia
e profonda del problema che stiamo affrontando. Pertanto l'informatica ha un valore
meta-congnitivo: riflettere sul proprio processo
di pensiero e risoluzione di problemi.

L'informatica si presta bene per sviluppare le competenze trasversali, di


cittadinaza: perseveranza, resilienza, approccio non spavenetato
ai problemi complessi, ai problemi aperti, ambigui. Procedere per prove ed errori!
I progetti sono realizzati in collaborazione e richiedono una comunicazione tra i
membri e verso l'esterno

Come insegnare il pensiero computazionale? Spesso si sente la parola coding

4 domanda
"Il coding � il pensiero computazionale?"

NO! "E' come dire che le 4 operazioni sono la matematica.."


Fare coding significa scrivere le istruzioni che il calcolatore pu� capire per
riolsvere il problema.
Parte piccola del processo di soluzione del problema. C'� una parte di formulazione
del problema, la codifica dell'algoritmo, ma anche il test e il debug

Imparare a ragionare come un informatica e non come skill di programmazione


Vedere il mondo con occhi computazionali