Sei sulla pagina 1di 5

14/7/2019 Audio Central Magazine » I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Brass

Home Gear Recording Software Events Tutorial Vintage Drone Department Bookshelf search...

I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Tag più popolari

Brass xils-lab drone buchla Case Study


vintage Kontakt DSI make noise motu
Written by Antonio Antetomaso on 18 febbraio 2016. Posted in Gear, Software, Tutorial step sequencer sequencer
native instruments Waldorf Live
“Io ne ho viste di cose che voi umani non potreste neanche immaginare. Navi da combattimento in fiamme al
synthesizer drum machine synth
largo dei bastioni di Orione e raggi B balenare nel buio presso le porte di Tannhauser. E tutti quei momenti
andranno persi nel tempo, come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire.” ipad clavia moog roland
euro rack analog
Di Antonio Antetomaso korg arturia modular
novation delay Ableton Reaktor
ARP doepfer yamaha midi Elektron
Sound Design Nord Modular G2
IK Multimedia sound library Oberheim
app Odyssey virtual analog controller

Nuovi Articoli
ClyphX Pro per Ableton Live
Perdonate l’incipit così solenne, ma iniziando questa nuova serie di articoli parlando proprio di una delle all’ennesima potenza!
timbriche costruite da Vangelis per la colonna sonora del film “Blade Runner”, mi sembrava giusto ricordare
uno dei passi più celebri di questo capolavoro. Gamechanger Audio Motor Synth

Superbooth 2019 – Giorno 3


Tornando a noi, se non si fosse ancora capito, la prima puntata di questa serie di articoli è dedicata alla
ricreazione del synth brass che si sente dal minuto 3.29 del filmato di copertina. Tale timbrica è stata usata Superbooth 2019 – Giorno 2
dal compositore più e più volte e non soltanto all’interno del film Blade Runner ma anche in altri capolavori
come “Chariots of fire”, brano utilizzato per il film “Momenti di gloria”. Superbooth 2019 – Giorno 1

Novation Summit Polyphonic


E’ una timbrica tutto sommato semplice da programmare, ma nel contempo molto suggestiva ed espressiva
Synthesizer
grazie sostanzialmente a tre fattori:
IK Multimedia presenta UNO
L’utilizzo di un effetto di riverbero lungo e profondo Drum analog/PCM drum
L’utilizzo dell’aftertouch per controllare lo sweep del filtro machine
L’utilizzo del pitch bending
Solid State Logic SiX, l’anello
Vangelis costruì questa timbrica sul synth polifonico forse più usato da lui e, per questo reso celebre, il CS-80 che mancava – Parte Prima
di Yamaha.
Arturia V Collection 7

Moog Matriarch

Moon Modular 528 Sample And


Hold

Kurzweil PC4 Performance


Controller & Production Station

Nord Grand

Chi volesse approfondire la storia e le caratteristiche di questo synth può consultare questo sito ad esso Rupert Neve Designs open day –
dedicato. Vi suggerisco anche questo video. VIP event

1010music Blackbox Compact


Orbene, tra le prerogative forse più interessanti di questo mostro sacro ci sono sicuramente l’aftertouch
Sampling Studio
polifonico e il ribbon controller da utilizzare, ad esempio, per effetti di glide mozzafiato. Per l’appunto
sono proprio esse a conferire tanta espressività alla timbrica che ci accingiamo ad analizzare.

www.audiocentralmagazine.com/i-suoni-iconici-di-vangelis-blade-runner-brass/ Archivio Articoli 1/5


14/7/2019 Audio Central Magazine » I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Brass LUGLIO: 2019
Simple, Affordable, Engineering
L M M G V S D
and Architecture Drawing
1 2 3 4 5 6 7
Software. Try it Today.
8 9 10 11 12 13 14
Ann. CorelCAD 15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
Learn more
29 30 31  
« Giu    
Io, ovviamente un vero CS-80 me lo posso solo sognare di notte, ma fortunatamente il mercato dei synth
virtuali ci viene in aiuto regalandoci due assai valide emulazioni: Elenco discesa
Seleziona mese
Arturia CS-80V

Ultimi commenti
Riccardo Wanderlingh
24 giugno 2019 | #

Ringrazio Enrico x la cortese


disponibilitò nel pubblicare
questo articolo sulla magia di
ClyphX . E colgo l’occasione di
nominare e ringraziare Sam
Stray Hurley per avere dato a
Memorymoon ME-80
noi tutti la possibilità di
reinventare Ableton. Tnx Stray!

Enrico Cosimi
23 giugno 2019 | #

perché no?

Enrico Cosimi
23 giugno 2019 | #

c’era una vecchia pagina che


Sono entrambi molto fedeli, la prima dotata di accorgimenti e potenzialità che vanno oltre quanto veniva suggeriva quali moduli usare per
offerto dalla macchina originale, la seconda, in compenso, meno cara. convertire MANUALMENTE le
patches, ma più di tanto non si
Amo e posseggo entrambi i prodotti, ma per questo articolo vi propongo di concentrarci sull’emulazione di riesce a fare perché nella G2 ci
Arturia. sono moduli inesistenti nella
G1… e viceversa

Enrico Cosimi
23 giugno 2019 | #

dipende tutto dalle precauzioni


che ha preso il progettista: se
ha messo un diodo di
protezione, non succede nulla
di male; ma se per pigrizia o
tirchieria non sono state prese
precauzioni, mandandogli il
Detto ciò, iniziamo la programmazione: lanciamo il plugin (in modalità standalone o all’interno della nostra
doppio della tensione richiesta
DAW preferita, poco importa) e carichiamo una timbrica di base, con un solo oscillatore impostato sulla forma
non gli si fa certo un piacere…
d’onda SAW. Per questo, il banco “Template” fa proprio al caso nostro.

zemba
21 giugno 2019 | #

salve, scusi per il commento su


questo “vecchio” articolo, ma
ho un dubbio importante.. si
rischia realmente di
danneggiare uno strumento che
accetta gate 0-5v(ad es.moog)
mandandogli un gate di 10v?

Creiamo un nuovo banco e una nuova timbrica come copia di quella di base appena selezionata e cominciamo mirko
a lavorare. 21 giugno 2019 | #

Buonasera,
  qualcuno di voi conosce un tool
www.audiocentralmagazine.com/i-suoni-iconici-di-vangelis-blade-runner-brass/ per convertire le patch del G1
2/5
Oscillatori
14/7/2019 al modello G2?
Audio Central Magazine » I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Brass
grazie mille

Claudio
13 giugno 2019 | #

…ovviamente sono ben accetti


ache cosigli musicali da parte
sua…
Non c’è molto da dire. I due oscillatori sono settati entrambi sull’onda dente di sega, allo stesso pitch
(regolatevi voi sulla base del controller che avete) e c’è un pizzico di LFO a modulare il pitch, inserito
massimo
mediante matrice di modulazione sulla sinistra. 12 giugno 2019 | #

ciao Antonio, e grazie per


Diciamo che la magia di questo timbro NON è da ricercarsi in accorgimenti esoterici sugli oscillatori,
l’articolo , molto utile e chiaro.
ehehehe.
avrei una domanda , spero di
  non uscire troppo dal tracciato.
conosci i valori msb e lsb per
Filtro poter accedere alle banche
suoni dell alpha juno 2? ho
cercato nella implementation
page del manuale ma non li ho
trovati. forse è troppo vecchia
per gestire il program change in
questo modo? grazie mille

Enrico Cosimi
11 giugno 2019 | #

onestamente, non ricordo e due


Anche qui poco da dire, il passa basso fa da padrone con frequenza di taglio a metà della corsa dello slider anni dopo non ho più
relativo e nessuna modulazione ad opera dell’inviluppo. Volendo si può inserire un po’ di passa alto per l’apparecchio per fare prove…
rendere il timbro maggiormente nasale, specie a massimo aftertouch.
Francesco
  11 giugno 2019 | #

E nel software questi controlli


Amplificatore
vengono quantizzati in 127esimi
come un qualsiasi parametro
midi?

Enrico Cosimi
11 giugno 2019 | #

hai un editor, si chiama Lié, con


il quale si può “comprire e
attenuare” l’escursione di ogni
controllo analogico in uscita

E’ qui che avviene il primo pezzo di magia. Filtro in ingresso a palla e livello al massimo, tempo di attacco
Francesco
appena aumentato per addolcire l’innesco, sustain al massimo, tempo di decadimento a metà. 11 giugno 2019 | #

Ma tra i sensori e le uscite CV


Ma soprattutto, e sottolineo “tutto”, apertura pronunciata del filtro ad opera dell’aftertouch polifonico.
esiste un passaggio digitale che
Lo si vede dal pannello di destra “Touch response”. Il tutto sia per la sezione 1 che per la sezione 2
ne limita la risoluzione?
ovviamente. Volendo si può intervenire un pizzico sul controllo del volume ad opera dell’aftertouch, per
rendere l’effetto ancora più marcato.
Enrico Cosimi
11 giugno 2019 | #
Simple, Affordable, Engineering santità! per quello che costa è
and Architecture Drawing spettacolare, ovviamente non è
Software. Try it Today. priva di difetti, ma può dare
tante soddisfazioni…
Ann. CorelCAD
Claudio
11 giugno 2019 | #
Learn more
Maestro, ha avuto modo di
poter provare questa
Si si, lo so che lo sweep si può fare anche con la modulation wheel se non si ha l’aftertouch e difatti è la macchiana, per avere una sua
soluzione che dovete adottare in tal caso. Ma il livello di espressività non è lo stesso, credete a me. impressione?

Chi non volesse faticare può adottare un comodo, ma statico, inviluppo sul filtro, con attacco e rilascio
Francesco
opportunamente regolati. Ancora…non stiamo parlando della timbrica di Vangelis. 9 giugno 2019 | #

hahahah 😉
 

Controlli Master del CS-80 Enrico Cosimi


9 giugno 2019 | #
www.audiocentralmagazine.com/i-suoni-iconici-di-vangelis-blade-runner-brass/ 3/5
14/7/2019 Grand Canyon è mono in/stereo
Audio Central Magazine » I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Brass
out
Anche qui, gli accorgimenti da prendere non sono poi così tanti:
fabio Morra
Regolare il detuning degli oscillatori, perchè sia convincente; 9 giugno 2019 | #
Attivare (ovviamente) il panel mode sia per la sezione 1 sia per la sezione 2; Grazie Prof, sto studiando,
Regolare il mix delle due sezioni; capendo, scegliendo, piano
Regolare frequenza di taglio e resonance generali. piano..
Due info tecniche che non trovo
 
da nessuna parte;
Effetti il looper dell’Ehx Grand Canyon:
1) è stereo?
2) la registrazione è a 24 bit
(come per il ditto stereo?)
Grazie

Enrico Cosimi
9 giugno 2019 | #

Per quanto riguarda il CS-80V ci accontentiamo di un pizzico di delay “offerto dalla casa”. Ma ci vuole ben costruttivamente, niente da
altro per far ricordare le atmosfere di Blade Runner: abbiamo bisogno di un effetto di riverbero “vintage dire.
style” profondo e lungo. Qui c’è l’imbarazzo della scelta…a me piace da morire il prodotto “Valhalla Vintage la carrucola sotto al do basso
Verb”. può rompere le scatole; diciamo
che conviene comporre in re
Con il CS-80 ci sta come il cacio sui maccheroni e non bisogna faticare molto per trovare il settaggio da minore se vuoi usare sempre il
utilizzare per questa timbrica. In foto quanto da me usato. nastro… 😉

Francesco
9 giugno 2019 | #

Beh, quello senz’altro. La mia


domanda si riferiva alla qualità
costruttiva e all’ergonomia…tu
che l’hai provata, hai qualche
critica?

Direi che è tutto, volete sentire il risultato finale? Eccovi accontentati… Enrico Cosimi
8 giugno 2019 | #

Alla prossima…..vi piace il blues? https://www.youtube.com/watc


v=yeSM9fy_gVg
Eh eh eh eh eh

Tags: Blade Runner, brass, tutorial, Vangelis

Comments (3)

Antonio Antetomaso
19 febbraio 2016 at 19:07 | #

Dimenticavo….chi vuole può scaricare la patch per CS-80V al seguente indirizzo.

http://www.gprmusic.com/downloads/BladeRunnerBrass.zip

Reply

astrolabio
21 febbraio 2016 at 21:56 | #

ottimo tutorial, Antonio!


ma…
come faresti ad imitare un onde martenot?

Reply

Antonio Antetomaso
23 febbraio 2016 at 21:50 | #

www.audiocentralmagazine.com/i-suoni-iconici-di-vangelis-blade-runner-brass/ 4/5
14/7/2019Mi verrebbe da dire con una libreria di campioni,
Audio CentraladMagazine
esempio.» I suoni iconici di Vangelis – Blade Runner Brass

Un esempio di prodotto dell’ottima Soniccouture.

http://www.soniccouture.com/en/products/24-vintage/g27-ondes/

Reply

Leave a comment
Name *

E-mail *

Website

Submit Comment

Inserisci il numero mancante: *

 ×   =  20 
Tweet Like 23

© 2012 AUDIO CENTRAL MAGAZINE


Privacy e Cookie Policy | Contattaci: Info - Redazione - Pubblicità

ga('send', 'pageview');

www.audiocentralmagazine.com/i-suoni-iconici-di-vangelis-blade-runner-brass/ 5/5