Sei sulla pagina 1di 1

(ii) Lignaggio dell'autore: 2-8

C’è1 una linea di famiglia, una dimora di beneficenza, fondata dal saggio Vrsagana nella bella (valle del)
Kashmir, che ha diffuso la sua fama in tutti i quartieri del mondo attraverso i dignitari discendenti che
rappresentano Brahma2 sulla terra e che era, per così dire, il migliore tra i brahmini ,gli esperti della
tradizione vedica, i sostenitori dell'ordine religioso e i sacerdoti dei sacrifici vedici, che hanno arricchito il
suo lignaggio. (2-3)
In quella famiglia nacque una casa del tesoro3 di straordinarie eccellenze con il nome di Bhaskara4 (lett.
sole) che, con l'intenzione di abbellire la zona meridionale5 con la sua presenza, emigrò verso sud. (4) Ha
generato un figlio, dal nome Sri Sodhala ; che, modesto e maturo d'intelletto com'era, raggiunse la gloria
alleviando la miseria di tutta la popolazione e rendendosi simpatico al re Bhillama la cui fortuna stava
crescendo rapidamente tramite la grazia di Laksmi6. Anche per Jaitra7, eresse una colonna della vittoria in
onore del re Sri Singhana. (5)
Il re Sri Singhanadeva era l'unico monarca vittorioso del mondo intero, l'imperatore la cui linea di unghie
dei piedi era pittoresca, dal riflesso della brillante striscia di luce che emanava dalla ghirlanda delle
gemme a corona degli (altri) re (di questo tempo) che cadono ai suoi piedi; e il pervasivo8 fuoco delle cui
vittoriose prodezze ha bruciato solo il cuore dei suoi nemici. (6)
Primo tra gli intellettuali, lui (Sodhala) con le sue varie realizzazioni ha soddisfatto l'imperatore, fu una
miniera di merito per se stesso e un amante del merito9 (in altri); e ha soddisfatto l'esercito di brahmini
offrendo un dono generoso. Per meglio dire, cosa non ha rivelato, cosa non sapeva e che ricchezza non ha
acquisito10. In effetti lui possedeva ogni virtù e buona qualità di carattere. (7-8)

1
"S": informa che Vrsagana è il nome di un saggio (vale a dire, rishi) così come un cognome (vale a dire, gotra)
2
L'aspetto creativo dell'essere puro, uno degli dei della trinità indù Brahma, Vishnu e Shiva. Il significato
di questa metafora viene messo in evidenza dalle parole bhu-deva e bhu-sura che sono sinonimi del brahmana.
I brahmini sono considerati gli dei della terra, gli dei nel senso di esseri di straordinario spirito religioso.
3
Il ricettacolo della gloria divina o preminenza spirituale risultante da una conoscenza sacra, come per una delle
interpretazioni di "S":
4
Cioè, per citare uno dei pionieri della famiglia.
5
"S" propone altre due interpretazioni interessanti, vale a dire. i) "partì alla ricerca di un generoso mecenate",
ii) "si è proposto di rispondere alla chiamata, per soddisfare la richiesta degli esperti". La parola daksina in sanscrito
ha tre significati diversi, vale a dire: destra (al contrario di sinistra) o sud, efficiente o intelligente e privilegiato. La
parola è in realtà caricata di tutte e tre le connotazioni, in quanto il suo significato come "destra" è indicativo delle
sue settarie affiliazioni, poiché ci sono due percorsi: daksinacara e vimacara, l'approccio positivo e quello negativo
n egli adempimenti della vita. Inoltre, nella tradizione indiana la carità e il dono sono dati dalla mano destra e cioè
come la parola daksina sia portatrice del significato che egli si è proposto nella ricerca di un generoso mecenate.
"S" interpreta l'intero versetto prendendo Bhaskara come nome proprio e anche come riferimento al sole, e quindi
fa risaltare la bellezza poetica del verso,
6
Dea della ricchezza. È implicito che Sodhala abbia soddisfatto il re Bhillama di immensi tesori, ottenuto enormi
ricchezze da lui che ha distribuito tra i bisognosi per la sua generosità.
7
Jaitra era il figlio del re Bhillama che lo ha succeduto, "S", tuttavia, dice che è il nome di una città.
8
Visvavyapi del testo significa letteralmente "pervadere l'intero universo". S "indica la figura del discorso
noto come Visesokti per cui, nonostante la presenza della causa, gli effetti non si manifestano completamente; da
qui il fuoco della sua abilità pervade il mondo intero, eppure brucia solo i cuori dei suoi nemici.
9
"S" indica l'uso di parikara alankara (una figura retorica) poiché l'espressione gunaranjana è un aggettivo
carico di intenzioni significative.
10
Il punto è che poteva e faceva parte di ogni cosa di valore, cioè generosamente ha fatto beneficenza e
doni, era abile in ogni ramo della conoscenza e non gli mancava alcun tipo di ricchezza; e così lui
era prospero in ogni modo.