Sei sulla pagina 1di 1

PUMS – PIANO URBANO MOBILITÀ SOSTENIBILE – DOCUMENTO DI PIANO

questo ambito, pari a circa 431.480 abitanti, corrisponde al 32,7% del totale cittadino.
Rispetto al totale delle 373 zone di analisi, 123 sono caratterizzate da valori di criticità e
73 di queste (59%) ricadono entro il confine della Cerchia Filoviaria. La rilevanza
dell’ambito interno alla Cerchia Filoviaria è inoltre confermata dal valore dei
destinati/giorno pari a 1.455.630 persone, che rappresentano il 50% del totale dei
destinati giorno in Milano (pari a 2.909.670 persone).
Tali risultati sono stati inoltre confrontati con gli esiti della verifica modellistica svolta
nell’ambito dello sviluppo degli scenari esplorativi illustrati nel paragrafo 6.2.7.1.
Gli scenari esplorativi hanno valutato gli effetti derivanti dall’applicazione di un
provvedimento generalizzato di riduzione della velocità a 30km/h su tutta la rete locale
cittadina (Città 30) a parità di condizioni, ovvero in assenza delle misure previste dal
Piano a favore del trasferimento modale e del contenimento del traffico cittadino. I
risultati indicano che la sola applicazione del limite di velocità (30km/h) sulla rete locale
sarebbe in grado di produrre una riduzione del traffico, sulla medesima rete compresa
fra il 25 ed il 28%; una riduzione potenziale del valor medio di esposizione agli inquinanti
di prossimità da traffico che si attesterebbe su valori compresi fra il 28 e il 34%. A fronte
di questi effetti positivi, il trasferimento di traffico sulla rete di gerarchia superiore si
attesterebbe su valori percentualmente più bassi, compresi fra il 4 e il 7%, con punte di
11% solo localmente sulla rete afferente ai settori esterni alla Cerchia Filoviaria. Nello
scenario di piano tali incrementi sono più che compensati dall’effetto combinato delle
azioni di progetto (cfr paragrafo 8.2.5), attraverso interventi quali l’efficientamento dei
servizi di trasporto pubblico di superficie, le politiche per la regolamentazione ed il
controllo della sosta su strada.

Il confronto fra le analisi e la valutazione modellistica della Città 30 conferma quindi che
la realizzazione delle Zone 30 entro il perimetro della Cerchia Filoviaria fornisce uno
specifico contributo all’ottenimento degli obiettivi generali del configurandosi come
un’azione di pianificazione strategica della mobilità.

Le tavole seguenti rappresentano la gerarchia degli indicatori e la tavola di sintesi


elaborati al fine di individuare la proposta di piano:

 densità abitativa;
 densità di popolazione scolastica;
 densità commerciale;
 densità di intersezioni recidive;
 densità di traffico circolante sulla rete locale.

I dati censiti sono stati aggregati in base alle 373 zone trasportistiche di
origine/destinazione che costituiscono il riferimento per l’elaborazione delle valutazioni
modellistiche di traffico. L’impiego di questa suddivisione, sufficientemente disaggregata,
permette di cogliere il grado di variazione dei tematismi con un elevato livello di dettaglio
territoriale. Per quello che riguarda l’elaborazione dei singoli tematismi (densità abitativa,
scolastica, commerciale, di incidenti e di traffico) i dati aggregati di ciascuna zona di
trasporto sono stati suddivisi in 5 classi, considerando significative, ai fini della
individuazione delle emergenze, quelle ricadenti nelle ultime tre classi in quanto
rappresentanti delle maggiori densità. La tavola di sintesi indica per ciascuna delle 373
zone la media dei valori corrispondenti alle classi definite in precedenza.

178/362

Interessi correlati