Sei sulla pagina 1di 16

POLITECNICO DI MILANO

GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS

FINANCE

CORSO DI ALTA
FORMAZIONE IN

FINANZA
QUANTITATIVA
9a EDIZIONE

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT


2
INDICE

Sponsor 4

Direzione 6

Corso di alta formazione in finanza quantitativa 7

Faculty 10

Programma del corso: i moduli didattici 11

Testimonianze 13

Costi e sede dei corsi 14

3
SPONSOR

Hanno collaborato e collaborano con il Corso in finanza quantitativa:

Il Consulting di Deloitte, con un fatturato globale di oltre 7,5


miliardi di dollari, è la più grande realtà di consulenza manageriale
privata e indipendente del mondo.
In Italia Deloitte Consulting S.p.A. opera con uno staff di circa 600
professionisti attivi in cinque uffici e offre servizi che riguardano
tutti gli aspetti della gestione direzionale e operativa. Organizzato
per aree di competenza disciplinare, il Consulting vanta un know-
how unico nel campo della identificazione e gestione dei rischi
di credito, operativi e di mercato - dove, attraverso un gruppo di
professionisti altamente specializzato, offre la sua consulenza
alle maggiori banche, SGR e società di assicurazione in Italia e
nel mondo.

Iason è una società internazionale di consulenza per la gestione


del Rischio all’interno di istituzioni finanziarie. Iason unisce ad
un’approfondita conoscenza del settore, competenze altamente
specializzate nell’ambito del Rischio Mercato, Liquidità, Funding,
Credito e Controparte, dell’Organizzazione e della Pianificazione
Strategica. In Italia, Iason fornisce i propri servizi a tutte le primarie
banche.

Information Provider
Sponsor

4
Intesa Sanpaolo è il gruppo bancario nato dalla fusione di Banca Intesa
e Sanpaolo IMI, due grandi realtà bancarie italiane caratterizzate da
valori comuni che si sono aggregate per crescere, per servire meglio
le famiglie e per contribuire ulteriormente allo sviluppo delle imprese
e alla crescita del paese. Intesa Sanpaolo si colloca tra i primissimi
gruppi bancari dell’eurozona con una capitalizzazione di mercato di
51,6 miliardi di euro. Intesa Sanpaolo è leader in Italia in tutti i settori di
attività (retail, corporate e wealth management). Il Gruppo offre i propri
servizi a 11,1 milioni di clienti avvalendosi di una rete di circa 4.300
sportelli presenti su tutto il territorio nazionale con quote di mercato
non inferiori al 13% nella maggior parte delle regioni. Intesa Sanpaolo
ha una presenza selettiva in Europa centro-orientale e nel Medio
Oriente e Nord Africa, grazie a circa 1.300 sportelli e 8,2 milioni di
clienti delle banche controllate operanti nel commercial banking in 12
Paesi. Vanta inoltre una rete internazionale specializzata nel supporto
alla clientela corporate, che presidia 28 Paesi, in particolare il Medio
Oriente e Nord Africa e le aree in cui si registra il maggior dinamismo
delle imprese italiane, come Stati Uniti, Brasile, Russia, India e Cina.

Siamo un Gruppo paneuropeo solido con un modello commerciale


lineare, un segmento Corporate & Investment Banking perfettamente
integrato, che mette a disposizione degli oltre 25 milioni di clienti
un’unica rete in Europa Occidentale, Centrale e Orientale. Offriamo
competenze locali nonché una rete internazionale in grado di
accompagnare e supportare a livello globale la propria ampia
base di clientela, fornendo un accesso senza precedenti alle
banche leader presenti in 14 mercati strategici e in altri 18 Paesi
in tutto il mondo. Il nostro network comprende Italia, Germania,
Austria, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca,
Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Turchia.
La nostra posizione strategica, sia nell’Europa Occidentale sia in
quella Centrale e Orientale ci consente di avere una delle più elevate
quote di mercato nell’area.

Fairmat è una società fintech fondata nel 2008 da un gruppo di


accademici e consulenti indipendenti con l’obiettivo di rendere più
semplice e trasparente l’analisi e valutazione dei prodotti finanziari.
Con il suo attuale team di professionisti composto da Ingegneri
Software, Matematici e Analisti quantitativi, Fairmat fornisce soluzioni
software e servizi a società di consulenza, Banche ed Assicurazioni in
ambito di pricing, risk management e compliance normativa.

Pricing tool Provider


Sponsor

Per essere aggiornati sugli sponsor della nuova edizione scrivere a fq@mip.polimi.it

5
DIREZIONE

Emilio Barucci
Emilio Barucci è Professore ordinario di Matematica Finanziaria presso il Politecnico di Milano, in
precedenza è stato docente presso l’Università di Pisa e di Firenze. Direttore del QFinLAb, Quantitative
Finance Lab e Direttore del Corso di formazione in Finanza Quantitativa presso il MIP.
I suo interessi di ricerca comprendono: Mercati Finanziari, Finanza Matematica, Privatizzazioni, Intervento
dello Stato in economia, Corporate governance, Macroeconomia, Intermediazione Finanziaria. Autore di
oltre sessanta pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali, ha pubblicato sei volumi:
Teoria dei Mercati Finanziari (2000), Financial Markets Theory (2017), Mercato dei capitali e corporate
governance (2006), Ingegneria Finanziaria (2009), Le Privatizzazioni in Italia (2007) e Stato e Mercato
nella seconda repubblica (2010). Amministratore indipendente di primarie società operanti nel mondo
finanziario. È coordinatore del MOOC di educazione finanziaria del Politecnico di Milano.
Dirige il sito internet di informazione finanziaria www.finriskalert.it.

COMITATO DI DIREZIONE:
>> Emilio Barucci, Politecnico di Milano
>> Marco Bianchetti, Intesa Sanpaolo
>> Michele Bonollo, Numerix
>> Maria Luisa Gota, Fideuram Vita
>> Massimo Morini, Banca IMI
>> Aldo Nassigh, UniCredit

QFinLab è il laboratorio di Finanza Quantitativa del Dipartimento di


Matematica del Politecnico di Milano.
Il laboratorio si propone come centro di eccellenza su tematiche quali
gestione di portafogli, gestione del rischio, pricing di strumenti derivati e
assicurativi, ingegneria finanziaria. Le attività riguardano la ricerca (QFin
seminars, QFin Lectures), la formazione (Corso di Laurea in Ingegneria
Direzione

Matematica e Corso di Perfezionamento in collaborazione con il MIP) e


la diffusione di conoscenza (QFin Colloquia, QFin Panel, collaborazioni e
progetti con l’industria finanziaria).

6
CORSO DI ALTA
FORMAZIONE IN
FINANZA QUANTITATIVA
A seguito del processo di integrazione e di liberalizzazione dei mercati, gli
intermediari finanziari (bancari, non bancari, assicurativi) hanno ampliato il
loro raggio di azione giungendo ad operare in un sempre più ampio insieme di
mercati e con strumenti sempre più complessi. Questo ha portato all’impiego
sempre più significativo degli strumenti quantitativi in finanza il cui utilizzo viene
potenziato enormemente dall’adozione delle nuove tecnologie (fintech).
Tre esempi possono rendere l’idea di tale impiego.
Nella gestione dei patrimoni si fa sempre più ricorso a tecniche statistiche
e matematiche che mirano a diversificare i portafogli ottimizzandone la
composizione rispetto a prefissati obiettivi di rischio-rendimento.
L’innovazione finanziaria è in grande espansione con la produzione di strumenti
finanziari e assicurativi sempre più complessi che permettono di operare al
meglio per gestire il rischio e per prendere posizione sui mercati.
Dai classici prodotti derivati sui titoli azionari (opzioni cosiddette plain vanilla
valutate tramite la famosa formula di Black&Scholes) si è passati a prodotti
esotici che permettono di operare rispetto al rischio azionario, tasso di interesse,
cambio, credito. Questi prodotti richiedono l’utilizzo di tecniche matematiche e
computazionali anche assai sofisticate per la loro valutazione e per la gestione
dei rischi connessi. Infine la moderna regolazione bancaria e assicurativa
permette agli intermediari di operare in qualunque mercato a condizione che
l’intermediario sappia valutare e gestire in modo efficace i rischi che si assume

Corso di alta formazione in finanza quantitativa


(come previsto dagli accordi Basilea III, Solvency III). A questo fine si rende
necessario che l’intermediario sappia valutare il rischio dei prodotti e mettere in
atto le strategie di copertura più opportune.

7
OBIETTIVI
Il corso in Finanza Quantitativa si propone
di fornire competenze complete ed
approfondite per operare in diversi ambiti
della finanza quantitativa:
>> Gestione dei portafogli
>> Valutazione di titoli derivati
>> Trading di prodotti finanziari
>> Gestione del rischio

La sua peculiarità è di curare sia gli aspetti


metodologici sia gli aspetti applicativi, per
formare figure professionali in grado di
affrontare problemi concreti nell’ambito
della finanza quantitativa.

TARGET
Il corso affronta le tematiche della finanza
quantitativa attraverso moduli “basic” e
moduli “advanced”. Il target di riferimento
è composto da:
>> PROFILI JUNIOR: laureati (di I e
II livello) in economia, ingegneria,
fisica, matematica ed altre discipline
scientifiche, che intendono acquisire
Corso di alta formazione in finanza quantitativa

una formazione completa nell’ambito


della finanza quantitativa in vista
dell’inserimento nel mondo del lavoro;
>> PROFILI EXECUTIVE: professionisti
e operatori con esperienza lavorativa
nel settore finanziario che desiderano
completare la loro formazione o
che intendono riqualificarsi al fine di
cercare nuove opportunità lavorative
attraverso la frequenza dei moduli
“advanced”. In particolare, i moduli
di Trading e Assicurazioni sono
rivolti a professionisti che intendono
perfezionare le competenze nel
settore.

8
SBOCCHI PROFESSIONALI STAGE E PROJECT WORK
Il Corso intende formare operatori dei mercati Gli studenti possono svolgere uno stage in
finanziari orientati principalmente alle seguenti parallelo o successivo all’attività d’aula, durante
specializzazioni: il quale andranno a lavorare sul Project work
>> Gestione di portafogli finale. Di seguito alcuni esempi di banche e
>> Valutazione di titoli derivati società di consulenza che hanno offerto stage
agli studenti del corso:
>> Traders in derivati
>> Deloitte Consulting
>> Sales di titoli derivati
>> Unicredit
>> Gestione del rischio
>> Iason Italia
>> Progettazione supporti informatici per le
>> UnipolSai
applicazioni finanziarie
>> Banco Popolare
>> Consulenza finanziaria
>> Banca IMI
>> Uffici tesoreria di grandi imprese
>> Mediobanca
>> Private banking
>> Intesa Sanpaolo
>> Strutturazione di prodotti finanziari e
assicurativi >> Banca Sella
>> Compliance-audit >> BPM
>> Fintech

Operatori specializzati in questi ambiti possono


trovare una collocazione lavorativa in: STRUTTURA E METODOLOGIA
>> Istituti di credito DIDATTICA
>> Fondi comuni di investimento
>> Compagnie di assicurazioni Il corso di alta formazione in finanza
quantitativa si svolgerà da Novembre 2018 a
>> Fondi pensione Marzo 2019 presso MIP Politecnico di Milano.
>> Società di consulenza
Oltre a circa 330 ore di didattica frontale, il
>> Software house specializzate nel mondo Corso comprende esercitazioni e laboratori
della finanza in aula informatica, interventi a carattere

Corso di alta formazione in finanza quantitativa


>> Fondi private equity seminariale da parte di esponenti del mondo
>> Hedge funds dell’industria e dell’accademia nonché
testimonianze aziendali.
>> Investment bank
>> Startup fintech L’insegnamento è organizzato secondo criteri
propedeutici atti a sviluppare gradualmente
contenuti e metodologie, anche con case
studies e progetti a gruppi.
Una parte significativa del Corso verrà svolta
in laboratorio; si prevede di curare sia la parte
teorica formativa che la parte implementativa
tramite un insieme di codici informatici pronti
per l’uso.

9
FACULTY
Oltre ai docenti del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano, che presenta una notevole esperienza
di ricerca e didattica in questo ambito, il Corso si avvale della docenza di accademici provenienti da altre primarie
università italiane e di alcuni dei più noti esperti e professionisti dei mercati finanziari.

>> Giuliano Anselmo, Fondaco SGR S.p.A. >> Annalisa Lazzini, Generali Investments Europe S.p.A.
>> Marco Airoldi, Mediobanca >> Daniele Marazzina, Politecnico di Milano
>> Emilio Barucci, Politecnico di Milano >> Marina Marena, Università di Torino
>> Michela Berrichillo, Helvetia >> Massimiliano Massaron, Banca IMI
>> Marco Bianchetti, Intesa Sanpaolo
>> Enrico Massignani, Generali Investments Europe S.p.A.
>> Luca Bianchi, Aviva
>> Elisa Mastrogiacomo, Università dell’Insubria
>> Michele Bonollo, Numerix
>> Massimo Morini, Banca Imi
>> Alessandro Bulfone, Mediobanca
>> Stefano Cavalca, Allianz >> Vincenzo Molè, Unicredit
>> Riccardo Chiavolini, Unicredit >> Paolo Mottura, Amundi sgr
>> Monia Chionna, Intesa Sanpaolo >> Andrea Pallavicini, Banca Imi
>> Gian Paolo Clemente, Università Cattolica >> Gianni Pola, Anima SGR
>> Tommaso Colozza, Politecnico di Milano >> Andrea Prampolini, Banca Imi
>> Silvia Dell’Acqua, Generali assicurazioni >> Alessandro Rota, Assogestioni
>> Mevio Di Federico, Crédit Agricole CIB >> Marcello Terraneo, Unicredit
>> Giuseppe di Graziano, Deutsche Bank
>> Giuliana Tioli, Banca Generali
>> Matteo Formenti, Unicredit
>> Simone Vantini, Politecnico di Milano
>> Alessandro Garufi, Banca Aletti
>> Davide Vella, Mediobanca
>> Andrea Germani, Banca Leonardo
Faculty

>> Paolo Giudici, Università di Pavia >> Pietro Virgili, Intesa Sanpaolo
>> Rita Gnutti, Intesa Sanpaolo >> Raffaele Zenti, Adviseonly

10
PROGRAMMA DEL CORSO:
I MODULI DIDATTICI
I contenuti del Corso sono ripartiti in moduli didattici: i diversi moduli del Corso curano profili
metodologici e teorici, ma soprattutto affrontano temi e problemi che nascono nel mondo
dell’intermediazione e più in generale della finanza, grazie al contributo significativo di operatori
attivi nei mercati finanziari.

1. FONDAMENTI (61 ore)


Il modulo intende fornire le competenze base per l’utilizzo dello strumento quantitativo in finanza: calcolo delle probabilità,
processi stocastici, statistica, valutazione di non arbitraggio, econometria, metodi numerici, strumenti di programmazione.
>> Statistica
>> Calcolo delle probabilità e processi stocastici
>> Asset pricing
>> Metodi numerici per la finanza (matlab/c++)
>> Econometria dei mercati finanziari

2. GESTIONE DEI PORTAFOGLI (55 ore)


Il modulo intende coprire tutti gli aspetti legati all’utilizzo dello strumento quantitativo nella gestione dei portafogli.
Costruzione della frontiera dei portafogli media-varianza, problemi di stima, metodo Black&Litterman, asset allocation
dinamica, portafoglio insurance, CPPI, analisi di selezione dei titoli basate sui fondamentali, gestione total return,
gestione market neutral, gestione fondi hedge, analisi tecnica, performance attribution.
>> Asset management basic + esercitazioni
>> Modelli di pricing: CAPM e APT
>> Asset management (advanced)
>> Asset management per hedge funds (advanced)

Programma del corso: i moduli didattici


>> Machine learning per l’asset management (advanced)
>> Il mondo del risparmio gestito in Italia

3. VALUTAZIONE DERIVATI (69 ore)


Il modulo fornisce competenze per la valutazione di titoli derivati. Si coprono le quattro principali asset classes: equity,
tasso, cambio, credito. Il modulo parte dalle nozioni base di valutazione in assenza di opportunità di arbitraggio per
arrivare a coprire la valutazione di prodotti complessi (esotici, cartolarizzazioni, ecc.) o in contesti di mercato complessi
(volatilità stocastica, salti).
>> Derivati dei tassi d’interesse - basic
>> Derivati dei tassi di interesse (advanced)
>> Derivati equity
>> Derivati del credito (advanced)
>> Derivati di cambio e commodities (advanced)

11
4. TRADING (37 ore) - Modulo advanced
Il modulo intende fornire le competenze per operare nei mercati di riferimento delle diverse asset classes curando la
gestione del book e le problematiche relative alla copertura delle posizioni.
>> Trading di prodotti finanziari equity
>> Trading di prodotti finanziari di tasso
>> Trading di prodotti finanziari di credito e rischio di controparte
>> Trading di prodotti finanziari di cambio e commodities
>> Trading e commercializzazione dei prodotti finanziari
>> Blockchain technology, trading e post trading
>> Algorithmic trading

5. RISK MANAGEMENT (78 ore)


Il modulo offre competenze riguardo alla gestione del rischio partendo dai fondamenti (VAR, stima, metodo Delta-Normal,
backtesting, ecc.) affrontando anche aspetti implementativi. Ci si concentra poi sulle problematiche connesse alla
gestione del rischio negli intermediari banc ari e negli intermediari assicurativi (rischio di credito, rischio controparte, ecc.).
>> Fondamenti di risk management
>> Basilea III, rischio di controparte, rischio di tasso, liquidità
>> Risk management: FRTB, counterparty risk, liquidity risk (advanced)
>> Ias e hedge accounting (advanced)
>> Market risk
>> Credit risk
>> Collateral management (advanced)
>> Risk management per il risparmio gestito (advanced)
>> Operational risk

6. ASSICURAZIONI (35 ore) - Modulo advanced


Il modulo affronta le specificità del mondo assicurativo riguardo a tre aree trattate nei precedenti moduli: valutazione,
investimenti, risk management.
>> Prodotti assicurativi life
>> Prodotti assicurativi danni
>> Investimenti
>> Risk management

SEMINARI TENUTI DAGLI SPONSOR ED ESPONENTI DEL MONDO DELL’INDUSTRIA.


Programma del corso e moduli didattici

PROJECT WORK PLACEMENT


Al termine della fase di didattica in aula, da Marzo a
Settembre, ciascun allievo sviluppa un project work
Consulenza
41% 41% Consulenza
aziendale o individuale su un tema a scelta, con il
supporto e la supervisione di un tutor MIP. Di seguito, a
Bancario
29% 29% Bancario
titolo esemplificativo, alcuni titoli di Project Work:
>> La cartolarizzazione: da causa della crisi a Industria
18% 18% Industria
soluzione tramite le Sovereign Backed Securities
>> KVA: calculation and interaction with other XVAs 6% Assicurazioni
6% Assicurazioni

>> Backtesting delle Probabilities of default di un


portafoglio di aziende Mid-Corporate italiane 6% Dottorato
6% Dottorato

12
TESTIMONIANZE
Il corso è stato molto utile perché mi ha consentito di raggiungere una conoscenza approfondita degli strumenti finanziari
derivati, delle tecniche di risk management e degli strumenti di programmazione. Ha permesso inoltre un ampio confronto
con esperti del settore, i quali mi hanno motivato a raggiungere i miei traguardi e mi hanno saputo fornire preziosi consigli
per la mia carriera lavorativa. Senz’altro un’esperienza da consigliare vivamente.

Andrea Bartolomei, Interest Rate Derivatives - Banca Aletti S.p.A


I edizione del Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2010 - 2011

Il percorso executive in Finanza Quantitativa del MIP-Politecnico di Milano Graduate School of Business è valido
fondamentalmente perché riesce ad essere un buon compromesso tra il miglioramento delle conoscenze quantitative e
l’acquisizione di skills pratiche fondamentali per il lavoro in finanza. È un percorso che ben si adatta sia a profili quantitativi,
come laureati in fisica e matematica, perchè attraverso i moduli del corso possono sperimentare tutti i macrosettori
lavorativi della finanza ed avere dunque una overview generale sul settore; e allo stesso tempo è un percorso adatto
ai profili più economici, in quanto dà la possibilità di vedere effettivamente in senso pratico come si svolge nelle grandi
aziende il lavoro per il quale hanno studiato, contemporaneamente specificando le origini quantitative dell’attività stessa.

Giulia Simonetti, Asset Backed Securities Pricing Analyst - Intesa Sanpaolo


IV edizione del Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2013 - 2014

È un corso di studi ben strutturato dal punto di vista didattico che copre ed approfondisce più aree tematiche difficilmente
trattate in un unico corso universitario.
Ho apprezzato l’opportunità di relazionarmi con esperti provenienti dalle principali realtà del settore, aspetto che mi ha
permesso, in breve tempo, di conoscere e valutare differenti sbocchi professionali.
Il project work finale è la naturale conclusione di questo percorso formativo ed offre l’occasione di collaborare attivamente
con i propri relatori sui più attuali temi di interesse finanziario. Inoltre, rispetto ad uno stage standard in azienda, è un efficace
strumento per mostrare le competenze acquisite durante l’anno e per trovare conferme alle proprie ambizioni lavorative.

Luca Ferrara, Group Financial Risk Methodologies - Unicredit


V edizione del Corso di Alta Formazione Quantitativa 2014 - 2015

È un corso di studi ben strutturato dal punto di vista didattico che copre ed approfondisce più aree tematiche difficilmente
trattate in un unico corso universitario. Ho apprezzato l’opportunità di relazionarmi con esperti provenienti dalle principali
realtà del settore, aspetto che mi ha permesso, in breve tempo, di conoscere e valutare differenti sbocchi professionali. Il
Testimonianze

project work finale è la naturale conclusione di questo percorso formativo ed offre l’occasione di collaborare attivamente
con i propri relatori sui più attuali temi di interesse finanziario. Inoltre, rispetto ad uno stage standard in azienda, è un efficace
strumento per mostrare le competenze acquisite durante l’anno e per trovare conferme alle proprie ambizioni lavorative.

Beatrice Andretta, Analyst - Deloitte Consulting


VII edizione del Percorso executive in Finanza Quantitativa 2016 - 2017

13
COSTI E SEDE DEI CORSI
ADMISSION
Il programma prevede due modalità di partecipazione: l’iscrizione all’intero
percorso oppure l’iscrizione ai singoli moduli.
Per partecipare alle selezioni per il percorso è necessario compilare l’application
sul portale online: https://www.applyformasters.net/.
L’application fee da versare è pari a 50€. Per concorrere all’assegnazione della
borsa di studio, occorre presentare la propria candidatura entro lunedì 10
settembre 2018.

ISCRIZIONE AL PERCORSO (45 CFU)


Il corso prevede circa 330 ore di attività didattica da novembre 2018 a marzo
2019, mentre la discussione del Project Work è prevista a settembre 2019.
Al termine, viene rilasciato il Diploma di Corso di perfezionamento in Finanza
Quantitativa del Politecnico di Milano e i relativi 45 crediti formativi universitari
(CFU). L’ammissione è regolata da una selezione basata sulla valutazione del
curriculum, della domanda di ammissione e dell’esito del colloquio individuale
di ammissione. La quota di iscrizione è di 9.000 euro (Iva esente), da versare
in due rate, comprensiva della partecipazione all’attività didattica del corso e
del Project Work finale. Sono previsti sia contributi allo studio MIP che borse di
studio a copertura parziale della quota d’iscrizione, assegnate dal coordinamento
didattico congiuntamente con le aziende sponsor in base agli esiti dei colloqui
di selezione.

ORARIO E SEDE DELLE LEZIONI


Mattina: 9.00 - 13.00 Pomeriggio: 14.00 - 16.00
Costi e sede dei corsi

A seconda delle attività, alcune attività potrebbero protrarsi oltre le h16.00.

MIP Politecnico di Milano


Graduate School of Business
Via Raffaele Lambruschini 4C - building 26/A
20156 Milano

14
ISCRIZIONE AI SINGOLI
MODULI DIDATTICI
In base alle esigenze formative e alle disponibilità di tempo, è possibile iscriversi
singolarmente a uno o più moduli del corso o definire pacchetti aziendali
personalizzati per la formazione delle proprie risorse.

Le quotazioni sono esenti dall’Iva e variano in base al numero di ore di ogni


modulo:
1. FONDAMENTI: 3.000€
2. GESTIONE DEI PORTAFOGLI: 4.000€
3. VALUTAZIONE DERIVATI: 4.000€
4. TRADING: 2.500€
5. RISK MANAGEMENT: € 4.000€
6. ASSICURAZIONI: 2.500€

Sono previste quotazioni agevolate per l’iscrizione a più moduli e quotazioni ad


hoc per pacchetti aziendali.

Costi e sede dei corsi

Per formazione individuale:


Alessandra Boano - Marketing & Recruitment
Tel. 02 2399 2835
email: fq@mip.polimi.it

15
VIA LAMBRUSCHINI 4C, BUILDING 26/A, 20156 MILANO - ITALY | TEL. +39 02 2399 2820 - FAX +39 02 2399 2844
WWW.MIP.POLIMI.IT - SEGRETERIA@MIP.POLIMI.IT