Sei sulla pagina 1di 10

Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche

Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A.

Verifiche e Ispezioni

Guida all’utilizzo
dell’applicazione
informatica del GSE

1
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche

INDICE

1. Premessa ...................................................................................................................................................... 3
2. L’attività di verifica svolta dal GSE ................................................................................................................ 3
3. Requisiti minimi per l’utilizzo dell’Applicazione ........................................................................................... 4
4. Utilizzo dell’Applicazione .............................................................................................................................. 4
5. Come caricare e inviare i documenti ............................................................................................................ 5

2
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

1. Premessa
Il presente documento è rivolto agli Operatori elettrici/Soggetti Responsabili/Titolari di impianti
(di seguito, i Titolari) di produzione di energia elettrica o che operano in regime di Cogenerazione
ad Alto Rendimento, e ai tecnici o professionisti da questi incaricati, e descrive le modalità con le
quali detti soggetti sono tenuti a utilizzare l’applicazione informatica messa a disposizione dal
GSE (di seguito l’Applicazione) nel caso di verifiche effettuate ai sensi dell’art. 42 del D.lgs.
28/2011, dell’art. 11 del DM 5 settembre 2011 e del D.M. 31 gennaio 2014.

2. L’attività di verifica svolta dal GSE


Il GSE, al fine di accertare la sussistenza o la permanenza dei presupposti e dei requisiti, oggettivi
e soggettivi, per il riconoscimento o il mantenimento degli incentivi, effettua, secondo criteri di
trasparenza, efficienza, efficacia e non discriminazione, verifiche mediante sopralluogo presso
gli impianti, finalizzate a verificare l’effettivo stato dell’impianto, le sue modalità di esercizio, la
sua rispondenza alla documentazione presentata ai fini del riconoscimento degli incentivi
verifiche documentali, aggiuntive rispetto a quelle effettuate in sede di qualifica.
Il procedimento di verifica (con o senza sopralluogo), attribuito alle competenze del GSE dall’art.
42 del D.lgs. n. 28/2011, dal D.M. 31 gennaio 2014 e, per gli impianti che operano in regime di
Cogenerazione ad Alto Rendimento, dall’art.11 del DM 5 settembre 2011, è gestito in conformità
alla disciplina sul procedimento amministrativo dettata dalla Legge 241/1990.
In particolare, il GSE rende noto al Titolare l’avvio di un’attività di verifica mediante una
comunicazione in forma scritta - la comunicazione di avvio del procedimento di verifica – recante:
in caso di sopralluogo:

 la data e l’orario del sopralluogo;


 nome, cognome dei componenti del gruppo di verifica;
 l’elenco della documentazione che il Titolare è tenuto a esibire entro la data di
svolgimento del sopralluogo, ivi inclusa quella utile a valutare preliminarmente lo stato di
sicurezza dell’impianto;
in caso di verifica documentale:

 l’esito dell’analisi preliminare eventualmente eseguita sulla documentazione presentata


ai fini della richiesta di incentivazione, nonché su ulteriori documenti di interesse nella
disponibilità del GSE;
 la richiesta di presentare osservazioni e/o integrazioni documentali, anche in relazione
alle eventuali irregolarità rilevate nell’ambito dell’analisi preliminare.
La documentazione indicata dal GSE nella comunicazione di avvio del procedimento di verifica,
nonché quella eventualmente richiesta nelle successive fasi del controllo (e.g. ulteriori richieste
di integrazioni a seguito del sopralluogo) deve essere trasmessa dal Titolare esclusivamente
avvalendosi dell’Applicazione, secondo le indicazioni riportate nella presente guida.
Per supporto ed assistenza all’utilizzo dell’Applicazione ci si può rivolgere al numero verde
800.16.16.16 o ai Contatti presenti nella pagina del sito istituzionale ww.gse.it

3
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

3. Requisiti minimi per l’utilizzo dell’Applicazione


L’Applicazione è stata ottimizzata per un utilizzo con il browser Internet Explorer, a partire dalla
versione 11.0, e Chrome (testato sulla versione 49.0). È consigliato inoltre l’utilizzo di una
connessione ADSL.

4. Utilizzo dell’Applicazione
Nella Maschera Principale sono elencati tutti gli impianti di competenza del Titolare, caratterizzati
dai seguenti dati:

 Codice GSE
 Codice CENSIMP
 Tipo Impianto
 Nome Impianto
 Potenza [kW]
 Rappresentante Legale
 Ubicazione

Figura 1 - Ricerca impianto

Inserendo il “Codice GSE”1 e cliccando il pulsante “Cerca” è possibile visualizzare l’impianto


indicato oggetto della verifica. Gli impianti possono essere anche filtrati per “Tipo Impianto” (es.
Cogenerazione ad Alto Rendimento, Biogas, Eolico, Fotovoltaico,…).

Figura 2 - Ricerca impianto

Per selezionare l’impianto, occorre cliccare con il tasto sinistro sulla riga corrispondente (la riga
viene evidenziata in verde). Viene così visualizzato l’“Elenco Verifiche” associato all’impianto
selezionato.

1
Codice identificativo dell’impianto indicato in tutte le comunicazioni tra il Titolare e il GSE (avvio del procedimento di
verifica, richiesta di integrazioni, ecc.)

4
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

Figura 3 - Visualizzazione delle verifiche associate all’impianto

Le verifiche sono caratterizzate dai seguenti dati:

 ID Verifica: codice univoco associato ad ogni attività di controllo relativa all’impianto;


 Tipo Verifica: sigla che identifica la tipologia di controllo eseguita dal GSE (es. RID=Ritiro
Dedicato; SSP=Scambio Sul Posto; C.E.=Conto Energia; IAFR=Impianti a Fonte Rinnovabile;
VER. DOC.=Verifiche Documentali; CAR=Cogenerazione ad Alto Rendimento);
 Data Inizio Verifica.

5. Come caricare e inviare i documenti


Cliccando in corrispondenza della verifica con il tasto destro del mouse, apparirà il menu
“Visualizza e Inserisci Documenti”, il quale consente di:

 visualizzare i documenti già inviati al GSE;


 inserire nuovi documenti richiesti dal GSE;
 inserire altri documenti non esplicitamente richiesti dal GSE, ma ritenuti dal Titolare
necessari ai fini della verifica.

Figura 4 - Visualizzazione e inserimento dei documenti

I “Documenti Richiesti dal GSE” sono caratterizzati, in particolare, dai seguenti dati:
 Descrizione Documento: descrizione sintetica del documento richiesto dal GSE;
 Nome: riporta il nome originale del documento che viene caricato;
 Data/Ora Caricamento: riporta la data e l’ora di caricamento del documento;
 Inviato a GSE: reca un flag (V) nel caso in cui il documento è stato caricato sul portale ed
inviato al GSE;
 Data/Ora Invio a GSE: riporta la data e l’ora di invio del documento al GSE.;
 Protocollo GSE: riporta il numero di protocollo GSE associato al documento;

5
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

 Data/Ora Protocollazione GSE: riporta la data e l’ora di protocollazione del documento.

Figura 5 - Elenco documenti richiesti dal GSE

Cliccando con il tasto destro del mouse in corrispondenza di un documento viene visualizzato un
menu, nel quale sono presenti le seguenti funzionalità:

 Visualizza
 Allega
 Elimina

Figura 6 - Funzionalità disponibili per visualizzare, allegare e eliminare un documento richiesto dal GSE

La funzionalità “Visualizza” consente al Titolare di visualizzare un documento richiesto dal GSE e


già caricato sull’Applicazione.

6
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

Figura 7 - Funzionalità di visualizzazione di documenti caricati sul portale

La funzionalità “Allega” consente al Titolare di effettuare l’upload di un file selezionandolo dal file
system locale. Il sistema consente il caricamento di documenti di dimensione massima pari a
10MB.

Figura 8 - Funzionalità per il caricamento di un documento

Un documento allegato viene contraddistinto dal sistema mediante i seguenti dati:


Nome: codice del tipo “CODICEGSE-IDVERIFICA-CODICE DOCUMENTO-PROGRESSIVO.ESTENSIONE”

dove:
 CODICEGSE: codice identificativo dell’impianto indicato in tutte le comunicazioni
tra il Titolare e il GSE (avvio del procedimento di verifica, richiesta di integrazioni,
ecc.);

7
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

 IDVERIFICA: codice progressivo che il sistema assegna automaticamente per


identificare univocamente la verifica;
 CODICE DOCUMENTO: è un codice definito dal GSE che identifica una tipologia di
documento;
 PROGRESSIVO: codice progressivo che identifica diverse versioni di uno stesso
documento.
 ESTENSIONE: formato del documento.

Descrizione Documento: descrizione sintetica del documento (definita dal GSE);


Data/Ora Caricamento: data e ora in cui l’utente ha eseguito l’upload del documento;
La funzionalità “Elimina” consente al Titolare di eliminare il documento.

Figura 9 - Funzionalità per l’elimazione di un documento

Non è possibile eliminare un documento già inviato al GSE (il sistema genera il messaggio di
errore visualizzato in Fig. 10).

Figura 10: alert eliminazione di un documento inviato al GSE

Il Titolare, terminate le operazioni di caricamento, può inviare i documenti al GSE mediante il


pulsante “Invia a GSE”, posizionato in alto a destra. In corrispondenza di ogni documento

8
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

caricato l’Applicazione inserirà il dato “Data/Ora Invio a GSE”, “Protocollo GSE”2 e “Data/Ora
Protocollazione GSE”.

Figura 11 - Funzionalità per l’invio dei documenti al GSE

Il Titolare può inoltre caricare sull’Applicazione ulteriori documenti non esplicitamente richiesti
dal GSE, ma ritenuti utili ai fini della verifica, utilizzando la funzionalità “Inserisci Documento non
richiesto” mediante la quale è possibile navigare il file system locale ed effettuare l’upload di un
file .

Figura 12 - Funzionalità di caricamento di un documento di tipo “Altro”

2
La protocollazione dei documenti può non essere immediata (la verifica dei documenti da protocollare avviene con
cadenza oraria) e non prevede la stampigliatura del protocollo sul documento. Si consiglia di verificare
successivamente l’avvenuta protocollazione dei documenti collegandosi all’Applicazione.

9
Guida all’utilizzo dell’applicazione informatica per la gestione delle verifiche
Allegato 1

Il documento sarà inserito in elenco nella Categoria “Altro”.

Figura 13 - Documenti inseriti dal titolare di tipo “Altro

10