Sei sulla pagina 1di 2

Saviano racconta Totò Riina, il capo dei capi che scelse il terrore e finì per affossare

Cosa nostra

Cosa resta dell'era del boss. E perché 'ndrangheta e camorra non lo imiteranno
di ROBERTO SAVIANO | 20 novembre 2017 | (adattato da La Repubblica)

CHI È STATO davvero Totò Riina? Com’è riuscito un


semianalfabeta a diventare il capo carismatico di Cosa
nostra? Totò Riina è stato il simbolo di una mafia che ha
fatto il giro del mondo. Perché Riina ha cambiato la mafia,
con un metodo feroce che serviva a tenerlo al potere.

Sappiamo che leggeva i giornali locali e nazionali per


sapere tutto ciò che succedeva in Sicilia e in Italia. Era
ossessionato dall’informazione. Il contrario di ciò che
emergeva dai processi, quando negava l’esistenza di
Cosa nostra. Mentre in cella, parlando con altri detenuti,
rivendicava le sue condanne a morte.

Riina non lasciava nulla al caso. Sapeva che uccidere Falcone avrebbe scatenato la reazione delle
forze dell’ordine e della stampa. Ma lo ha fatto ugualmente. In un’altra occasione, Riina organizzò
un attentato al conduttore televisivo Maurizio Costanzo, che aveva bruciato una maglietta con la
scritta Mafia made in Italy. Una beffa che, lasciata
correre, avrebbe minato il suo rispetto.

La sua vita era maniacale anche in famiglia: i figli


raccontano che sarebbe bastata una sua parola per
ottenere benefici, ma il suo silenzio valeva di più. Il
suo silenzio infatti gli ha permesso di preservare
l’unica cosa che gli era rimasta: il potere.
Basti pensare che Riina è stato il capo di Cosa
Nostra sino alla morte, per 35 anni. In nessuna
organizzazione criminale al mondo si è avuto un
capo così a lungo.

L’altra stranezza della sua figura è che, dentro Cosa


nostra, c’erano persone ben più capaci di Totò Riina, ma che non hanno raggiunto il suo ruolo.
Perché questo ruolo Riina l’ha ottenuto creando l’anti-Stato mafioso, un contropotere che usava il
sangue come strumento di negoziazione. E questo aumentava il suo potere: più lo Stato si
accaniva su di lui, più lo rendeva potente; più lo citavano i giornali, più si rendeva difficile l’ascesa
di altri boss.

Riina ha dato a Cosa nostra il monopolio del potere. Ma paradossalmente, con l’eliminazione di
Falcone, Cosa Nostra si indebolisce. Riina infatti era convinto che neanche l’omicidio di Falcone
avrebbe avuto un vero impatto sulla società. Invece con la strage di Capaci ci fu un’emorragia di
pentiti e vennero varate leggi specifiche contro le organizzazioni mafiose (dal 41 bis al sequestro
dei beni). Con le sue bombe, Riina ha dato un’aura di invincibilità a Cosa nostra ma, al tempo
stesso, l’ha resa aggredibile. È questo che lo porterà ad essere odiatissimo dalle altre mafie, che
hanno sempre considerato l’eco mediatica un problema. Riina è il mafioso più odiato dai mafiosi.

Riina è un genio del male che ha radicalizzato il ruolo delle mafie permettendo allo Stato di
costruirsi degli anticorpi. Con le stragi, infatti, Riina ha costretto lo Stato a riconoscere l’esistenza
delle mafie. La ’ndrangheta e la camorra studieranno Riina per evitare i suoi errori.

Riina è morto al 41 bis, è morto da capo. La sua mafia è stata sconfitta, ma tutte le altre che lo
hanno subìto, ne godono il vaccino. L’assoluta scomparsa nel dibattito politico-elettorale non solo
del tema mafie ma della competenza sulle mafie rende la morte di Riina amara, la fine di una
vecchia mafia e le nuove sempre più potenti e sempre più in ombra.
Domande di comprensione.

1) Secondo Saviano, perché Riina è diventato il simbolo della mafia a livello mondiale?

2) Qual è l’atteggiamento di Riina nei confronti dell’informazione?

3) Perché Riina ha organizzato un attentato contro Maurizio Costanzo?

4) Come viene descritto Riina dalla sua famiglia?

5) Perché nessun altro mafioso è riuscito a ottenere il potere di Totò Riina?

6) Che cosa si intende secondo te per “anti-Stato mafioso”?

7) Qual è stato il grande errore di valutazione di Riina riguardo all’attentato a Falcone?

8) Cos’è cambiato nella società italiana con l’omicidio di Falcone?

9) Perché la Camorra e la ‘Ndrangheta odiano Riina?

10) Perché secondo Saviano la morte di Riina è amara?