Sei sulla pagina 1di 63

STOMIA COMPLICATA, ACCESSORI STOMALI E

DISPOSITIVI DI RACCOLTA:
indicazioni e proposte

Mario ANTONINI
Inf.re Stomaterapista/esperto Wound Care - USL 11 Empoli
Prof. Università degli Studi di Firenze
PENTAGOLO DEL BUON STOMATERAPISTA
1. STOMA PERFETTO
• Lo stoma perfetto non esiste

2. CONOSCERE LA STOMIA
• Il tipo di stomia, come è stata fatta, etc.

3. Non fermarsi mai alla prima valutazione


• E nemmeno al disegno pre-operatorio

4. Cercare di capire il problema

5. Conoscere i presidi
• Tutti, anche quelli che non vengono mai utilizzati, oppure che non vengono
ritenuti idonei, prima o poi possono tornare utili
DISPOSITIVI DI RACCOLTA

Monopezzo/2
pezzi

Colo/Ileo/Uro

Altri sistemi di
raccolta
FLOW-CHART PER LA SCELTA DEL PRESIDIO DI RACCOLTA

PRESIDIO

Quale?

MONOPEZZO 2 PEZZI

Piano Convesso Piano Convesso

 Deve essere  È più rigido  Può essere  Pre-tagliato


estremamen (quindi sufficiente o
te valutare la
utilizzato ritagliabile?
conformabile insieme ad anelli
alle sede) idrocolloidali  Utilizzo di
irregolarità  Può convessi (dove
l’introflessione o
accessori
della cute richiedere irregolarità non è in
peristomale l’utilizzo molto associazio
della cintura accentuata)
 Considerare  Attenzione al ne (anelli,
il n° e altri quantitativo pasta,
accessori utilizzato
cambi/die cintura)
SISTEMA MONOPEZZO

Nei sistemi di raccolta


monopezzo la sacca e la
barriera cutanea sono
integrate. Questi dispositivi
sono progettati per
coniugare massima
discrezione, semplicità e
flessibilità in un sistema a
basso profilo. Sono
disponibili nella versione
ritagliabile e pretagliata.
SISTEMA A DUE PEZZI

 La sacca si unisce alla


placca mediante un
sistema di aggancio.
 Nei sistemi a due pezzi
sacca e placca sono
separati. Ciò permette di
sostituire la sacca senza
rimuovere la barriera
cutanea. Un anello in
plastica permette
l’aggancio tra sacca e
placca percepibile al
tatto.
SISTEMA A DUE PEZZI CON AGGANCIO ADESIVO

In questo sistema sacca e


placca sono unite insieme
tramite un anello in schiuma
adesiva e una base di
adesione eliminando la
presenza della flangia rigida
presente nei tradizionali
sistemi a due pezzi. Il
meccanismo di aggancio in
schiuma offre una maggiore
flessibilità ed un basso profilo
sotto gli abiti.
SACCA COLO

SACCA COLO (CHIUSA)

• La sacca per la
colostomia ha il
fondo chiuso,
poiché le feci sono
poltacee o
addirittura formate.
SISTEMI PER COLOSTOMIA
Placca con
flangia

Sistema 2 – pezzi Sistema 1 - pezzo


Filtro
Filtro

Sacca con flangia


Sacca con barriera i
Aggancio per cintura integrata idrocolloidale

Tessuto non tessuto Tessuto non


tessuto
SACCA ILEO

SACCA ILEO (APERTA)

• Il presidio di raccolta
per la ileostomia è a
fondo aperto in modo
da drenare
agevolmente le feci che
sono fluide.
• Ciò permette di evitare
il continuo distacco del
presidio dalla cute
limitando il rischio di
lesioni.
SISTEMI PER ILEOSTOMIA
Sistema 2 – pezzi Sistema 1 - pezzo
Barriera
idrocollidale
Sacca con flangia

Adesivo

Placca con
flangia TNT

Morsetto Chiusura integrata


SACCA URO

SACCA URO (RUBINETTO)

• Le sacce per le
urostomie sono
presenti in tutte le
versioni, monopezzo,
due pezzi, con aggancio
adesivo.
• Presentano un
rubinetto di scarico al
quale può essere
collegata una sacca da
urina da letto.
SISTEMI PER UROSTOMIA
Sistema 2 – pezzi Sistema 1 - pezzo

Sacca con flangia Adesivo

Barriera
Placca idrocollidale
con
flangia TNT

No Reflux

Valvola drenaggio Tappini di sicurezza


SACCA URO

SACCA URO (CON RUBINETTO))

• La sacca per l’urostomia ha sistema di svuotamento che può essere connesso


ad una sacca da urina da letto o da gamba.
• Inoltre deve essere provvista di valvola antireflusso che non deve essere
danneggiata facendovi passare il tutore ureterale
DISPOSITIVO PER IL CONTROLLO DELLA CONTINENZA – VITALA TM

CONTINENCE CONTROL DEVICE


- VITALATM

• È un dispositivo non
invasivo che ripristina la
continenza fino a 12
ore al giorno,
consentendo ai pazienti
stomizzati di gestire la
stomia senza dover
indossare una sacca.
DUE PEZZI: I PREGI…
Evitano distacchi troppo
frequenti, quindi maggiore
protezione della cute
La sacca è facile da mettere e
rimuovere, quindi adatta a
persone non completamente
autosufficienti, che dovranno
farsi aiutare solo per
l’applicazione della placca.

…I DIFETTI
Di solito il presidio è più
pesante della sacca
monopezzo, e meno discreto
sotto gli abiti.
MONOPEZZO: I PREGI…
La sacca unica è di solito più
leggera e flessibile del
sistema a due pezzi.
È discreta sotto gli abiti
Ad ogni cambio la cute viene
detersa dando una
sensazione di “pulito”

…I DIFETTI
La sacca va cambiata più di
una volta al giorno
sottoponendo ogni volta la
cute al trauma da strappo.
• La barriera, sia nei
presidi a due pezzi che
in quelli monopezzo,
può essere sia piano
che convesso.
Quest’ultimo è
utilissimo per
apparecchiare le stomie
retratte o con cute
peristomale non
regolare, spesso in
associazione a una
cintura elastica.
STOMIE PEDIATRICHE
PRESIDI PER ALTI FLUSSI
PRESIDI PER FISTOLE/DRENAGGI
ACCESSORI DA STOMIA
Pasta protettiva

Polvere

Kit da irrigazione

Anelli e strisce idrocolloidali

Cintura

Deodoranti

Film protettivo per la cute peristomale

Spray remover
PASTA PROTETTIVA

 È ideale per livellare le pliche cutanee, cicatrici e


rughe.
 Può essere utilizzata intorno alle fistole e riduce il
rischio di infiltrazione di effluenti.
 È utile per aumentare il tempo di utilizzo del presidio
di raccolta.
 Può essere utilizzato in associazione agli anelli in
stomie particolarmente difficoltose.
1. Distribuire la pasta su un dito inumidito
2. Applicarla sulla zona da riempire fino ad
ottenere una superficie uniforme.

In caso di irritazione, lasciare evaporare l’alcool


per qualche istante prima di procedere all’applicazione
POLVERE

La polvere protegge la pelle irritata


intorno allo stoma, assorbendo l’eccesso
di umidità e favorendo l’adesione del
dispositivo sulla cute.
1. Dopo aver pulito la cute, applicare
un sottile strato di polvere, soffiando
via quella in eccesso
2. La polvere può essere usata anche
insieme alla pasta
KIT DA IRRIGAZIONE

 Può essere utilizzato per


l’irrigazione nei pazienti con
colostomie terminali sinistre
(Miles e Hartmann), ma anche
nelle trasversostomie sinistre.
 Può essere utilizzato nelle
Ileostomie e Trasversostomie
destre per il Trascorrente.
ANELLO IDROCOLLOIDALE

Anelli e strisce idrocolloidali


modellabili prive di alcol. Crea un
sigillo intorno alla stomia
prevenendo il rischio di infiltrazioni.
È ideale per essere utilizzato nelle
seguenti situazioni:
• Pliche cutanee, cicatrici e
retrazioni della stomia
• Fornisce maggiore protezione in
presenza di Dermatiti
• Offre maggiore resistenza
contro le infiltrazioni
• Incrementa la durata di utilizzo
del presidio di raccolta
CINTURA

La cintura può essere utilizzata sia


sul presidio monopezzo, sia sul
sistema a due pezzi.
Viene utilizzata nelle stomie difficili,
ed aumenta la durata di permanenza
del presidio di raccolta.
DEODORANTI

Bustine
gelificanti anti-
• Bustine gelificanti per il
odore
controllo degli odori. Sono
inoltre indicate per la gestione
di feci liquide.
• Il deodorante lubrificante
neutralizza gli odori.
Deodorante
lubrificante
FILM PROTETTIVI PERISTOMALI
• Protegge la cute dal contatto con gli effluenti
e l’adesivo
• Crea una pellicola traspirante tra cute e
placca
• Non brucia. Inodore, privo di alcool e
sostanze oleose
• Si asciuga rapidamente e crea una
prolungata protezione tramite un film in
silicone
• Favorisce una buona adesione del
dispositivo
• Film protettivo in silicone
• Indicato per l’utilizzo ad ogni cambio del
dispositivo
• Il dosatore spray è stato realizzato per
creare una pellicola protettiva uniforme
• Riduzione di ostruzioni e blocchi
SPRAY REMOVER

• Silicone.
• Non brucia. Inodore, privo di alcool e
sostanze oleose
• Si asciuga rapidamente, facile da usare,
non lascia residui
• Consente di rimuovere l’adesivo
rapidamente ed in modo atraumatico
• Lascia la cute liscia e setosa
• Lo spray è indicato per facilitare la
rimozione della barriera cutanea. Non
occorre risciacquare.
STOMIE COMPLICATE
CASO CLINICO N.1: Paziente
con Sigmoidostomia
definitiva

CASO CLINICO N.2: Riduzione


di abnorme tessuto
iperproliferativo

CASO CLINICO N.3: Lesione


ulcerativa su UCS

Caso Clinico n.4: Ileostomia


su ampia deiscenza di ferita
chirurgica
CASO CLINICO N.1

PAZIENTE PORTATORE DI
SIGMOIDOSTOMIA DEFINITIVA
G.G. maschio, di anni 78, sottoposto ad intervento
chirurgico di Amputazione addomino-perineale sec.
Miles, con confezionamento di sigmoidostomia
terminale definitiva.

Dopo la dimissione (intervento effettuato presso


altro presidio), si presenta all’ambulatorio senza
appuntamento, dicendo che i sacchetti non stanno
attaccati e che ha dolore alla stomia.

Il paziente è stato dimesso con presidio


monopezzo.
Il paziente viene richiamato a controllo dopo
un anno…..
CASO CLINICO N.2

RIDUZIONE DI ABNORME TESSUTO


IPERPROLIFERATIVO
19.08.2009

1. C.L., maschio, 65 anni, portatore di


ileostomia di protezione da oltre
10 anni a seguito di intervento
chirurgico di proctocolectomia
totale per RettoColite Ulcerosa
(RCU).

2. A maggio 2009 il paziente è stato


nuovamente sottoposto ad
intervento chirurgico di dilatazione
della stomia per stenosi serrata.

3. Giunge presso il nostro


Ambulatorio per la PRESCRIZIONE
DEL PRESIDIO DI RACCOLTA.
TESSUTO
IPERPROLIFERATIVO

2 1

ILEOSTOMIA
Presenza di segni clinici soggettivi quali bruciore e dolore Al fine di inquadrare correttamente la tipologia della
e oggettivi quali il sanguinamento. lesione il paziente è stato sottoposto a biopsia della
L’eziologia della lesione, sebbene non correttamente lesione che ha rilevato: “Materiale inviato: mucosa
descritta dal paziente, è sicuramente da ascrivere a peristomale, tre frammenti di cm 0,6 x 0,2 x 0,2;
errata gestione della stomia con foro di diametro troppo Diagnosi: nessuna documentabile proliferazione
elevato. La continua irritazione di materiale fecale ileale neoplastica nei frammenti in esame. Mucosa rivestita da
ha provocato la comparsa del tessuto iperproliferativo. epitelio pavimentoso composto, con discreta flogosi
essudativa, produttiva ed angioplastica del corion (tessuto
di granulazione)”.
↓NITRATO D’ARGENTO: trattamento protratto nel tempo con
discomfort del paziente dovuto alle ripetute causticazioni.

↓INTERVENTO CHIRURGICO: non preso in considerazione a


causa del recente intervento chirurgico di dilatazione della
stenosi.

↑RIADATTAMENTO PROGRESSIVO DEL FORO DELLA PLACCA: il


diametro del foro della placca è stato progressivamente
ridotto per proteggere la cute dalla irritazione delle feci e
permettere la regressione del tessuto iperproliferativo.
18.12.2009
28.10.2009

30.09.2009

31.08.2009

19.08.2009
CASO CLINICO N.3

LESIONE ULCERATIVA SU
URETEROCUTANEOSTOMIA
15.03.2010

1. Paziente di 79aa sottoposto ad


intervento chirurgico di
CISTECTOMIA RADICALE per ETP
DELLA VESCICA.

2. Paziente dimesso con area


necrotica nel punto di inserzione
del drenaggio di destra.

3. Al controllo ambulatoriale il
paziente presenta necrosi
peristomale, tessuto di necrosi
nella sede del pregresso drenaggio
29.03.2010

Fistolizzazione della zona peristomale con


la zona del pregresso drenaggio

29.03.2010
• Medicazione della lesione ulcerativa
• Adattamento del presidio di raccolta (2
pezzi con idrocolloide ritagliato nel punto
della medicazione)
• Ripetizione della medicazione ogni 2
giorni
06.04.2010

Recupero dell’uretere rimasto beante,


tramite apposizione di nuovi punti di
sutura

29.03.2010
• Sostituzione della tipologia di medicazione
• Utilizzo di sistema 2 pezzi con medicazione che
rimane sotto l’idrocolloide
• Ripetizione della medicazione ogni 2 giorni
04.05.2010
CASO CLINICO N.4

ILEOSTOMIA SU AMPIA DEISCENZA DI


FERITA CHIRURGICA
14.05.2010

U.A., maschio, 67 anni. Il paziente viene


sottoposto ad intervento chirurgico di
RESEZIONE ANTERIORE DEL RETTO per Etp con
confezionamento di Ileostomia di protezione.
Dopo l’intervento il paziente presenta:
- Assenza di feci dalla ileostomia.
- Vomito.
-All’esplorazione digitale dell’ansa efferente
presenza di una interruzione (rotazione
dell’ansa).

Dopo circa 5 giorni il paziente viene


sottoposto ad intervento chirurgico d’urgenza
per resezione di ansa ileale e nuovo
confezionamento di ileostomia di protezione.
24.05.2010.
Presidio utilizzato DANSAC NOVA 2 FOLDUP Detersione della lesione con abbondante
70MM. Soluzione Fisiologica.
Si inizia a vedere materiale purulento La lesione viene medicata.
dalla ferita chirurgica.
Apparecchiamento della stomia a
Il presidio viene modellato per permettere
conclusione della medicazione.
alla medicazione di drenare il materiale
Rinnovo della medicazione ogni 2 giorni.
purulento.