Sei sulla pagina 1di 60

ORDINARIUM

MISS
JUXTA RITUM
SANCT ECCLESI
MEDIOLANENSIS
IMPRIMATUR
In Curia Archiep., die XXI Martii, MCMLIV.
+ Alafridus Hildephonsus Schuster Card. Archiepiscopus

MEDIOLANI
MMXII
2 Ordinarium Miss

ORDO ASPERSIONIS
Il Sacerdote con il piviale, del colore liturgico proprio del tempo, giunge ai piedi
dell'Altare e in ginocchio fa una breve adorazione. Procede poi al seguente saluto:

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.
Il Sacerdote salito nel mezzo dell'Altare fa un segno di Croce e lo bacia; asperge in
ordine, l'Altare, s medesimo, i Ministri ed il popolo. Nel frattempo si canta l'Antifo-
na propria del tempo inframezzata dal rispettivo Salmo:

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 3

Bvvgvbvhvbvfv b vgv v bvhb vJkv b k?v [v hvbvgvb vgv bhvb bvgvb vfvb vf,v v{v vb v
Asperges me * Dmi- ne, hyss- po et mund- bor:

Bzz vFhv klkv Jkvb b vhvb gvb b gv gv bvgv b fv b bvHjb vhvb vbg,vb bg,bvb b] b b b b v v vb b
lav- bis me, et super ni- vem de- al- b- bor.

Bvvgv hv b bkv kv vkv kv vkv k?v b b{bvkvb vkvb zvkvb b bvkvb vkvb b b vkvb vkvbvkvb
Mi- se- r- re- me- i, De- us, * se- cndum magnam mi- se- ri-

Bbbvzkv jb vkv vb vhv v g,v v] v v vb vgvbvbhvbvfv b bvgbv] b bv b bv v v v v vb b


cordi- am tu- am. Ant. Asperges me

ex Ps. 50
Et secundum multitudinem mise- E secondo l'abbondanza della tua
rationum tuarum, * dele iniquita- compassione, * cancella la mia
tem meam. colpa.

Et multum lava me ab injustitia Lavami dalla mia iniquit, *


mea, * et a delicto meo munda me. e mondami dal mio delitto.

Quoniam iniquitatem meam ego Poich riconosco la mia nequizia,*


agnosco, * et delictum meum con- e il mio delitto mi sempre
tra me est semper. dinnanzi.

Gloria Patri, et Filio, * et Spiritui Gloria al Padre, e al Figlio, * e allo


sancto, sicut erat in principio Spirito santo, come era in principio
et nunc, et semper, * et in scula e ora e sempre, * nei secoli dei
sculorum. Amen. Ant. Asperges me secoli. Amen. Ant. Asperges me

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


4 Ordinarium Miss
Durante il periodo Pasquale al posto dell'Antifona Asperges me,
si canta l'Antifona Sacri fontis.

Bvvgv vtfv s v bvfv [vfv vfvbvbfv dvb b smv b{b gvb bgv gv bfv sbvb bvfv [v b vb bv
Sa- cri fon- tis aqua pe-rn-nis: u- bi re-no-vn-tur.

Bzz bfvbvb fvbvdvbvsmv ] v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v b b


Al- le- lu- ia.

Bvvfv b gv bhvb hvhv v v v v v v v v v vbhv v b h.v v v]vbvbhvhvbhv v v vb bv


Con- !i- tmini Dmino, quniam bo- nus, * quniam in

Bbbvhvhvhv v v v v v vb b jv bgb bv bdmv v] v v b gv vtfv s v bvfv v] vbvb v vb b


sculum misericrdia e- ius. Ant. Sa- cri fon- tis

ex Ps. 117
Dicat nunc Isral, quniam bonus; Dica Israele che egli buono: *
* quniam in sculum misericr- eterna la sua misericordia.
dia eius.

Dicant nunc omnes qui timent Dicano quelli che temono il Signore,
Dminum, quniam bonus; * perch buono: * Il suo amore
quniam in sculum misericrdia per sempre.
eius.

Hc est dies, quam fecit Dminus: * Questo il giorno fatto dal Signore:
exsultmus et ltemur in ea. *rallegriamoci ed esultiamo in esso.

Gloria Patri, et Filio, * et Spiritui Gloria al Padre, e al Figlio, * e allo


Sancto, sicut erat in principio Spirito santo, come era in principio
et nunc, et semper, * et in scula e ora e sempre, * nei secoli dei
sculorum. Amen. Ant. Sacri fontis secoli. Amen. Ant. Sacri fontis
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 5

Terminata l'aspersione torna con i Ministri ai piedi dell'Altare e genulettono.


Seguono le preci e l'orazione prescritte:

Ostende nobis, Domine, misericor- Mostraci, Signore, la tua misericor-


diam tuam. dia.
Et salutare tuum da nobis. E donaci la tua salvezza.

Domine, exaudi orationem no- O Signore, ascolta la nostra pre-


stram. ghiera.
Et clamor noster ad te perve- E il nostro grido giunga !ino a
niat. te.

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Exaudi nos, Domine sancte, Pa- Ascoltaci, o Signore santo,


ter omnipotens, terne Deus, Padre onnipotente, eterno Dio,
et mittere digneris sanctum e degnati di inviare il tuo santo
Angelum tuum de clis: qui cu- Angelo dal cielo, per custodire,
stodiat, foveat, protegat, visitet, nutrire, proteggere, visitare
atque defendat omnes habitan- e difendere tutti coloro che
tes in hoc habitaculo. Per Chri- abitano in questa casa. Per
stum Dominum nostrum. Cristo nostro Signore.
Amen. Amen.

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.
Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison,
Kyrie eleison. Kyrie eleison.

Benedicat M et exaudiat nos Deus. Dio ci benedica M e ci esaudisca.


Amen. Amen.

Procedamus cum pace. Andiamo in pace.


In nomine Christi. Nel nome di Cristo.

Benedicamus Domino. Benediciamo il Signore.


Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


6 Ordinarium Miss

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 7

ORDINARIUM
MISS
Il Sacerdote stando in piedi presso il primo gradino, fa il segno della Croce,
dicendo con voce chiara:

In nomine Patris M , et Filii, et Spi- Nel nome del Padre M e del Figlio e
ritus sancti. dello Spirito santo.
Amen. Amen.

Introibo ad altare Dei. Salir allaltare di Dio.


Ad Deum, qui lti!icat juventu- A Dio, che allieta la mia giovinez-
tem meam. za.

Con!itemini Domino, quoniam bo- Con!idiamo nel Signore, perch


nus. buono.
Quoniam in sculum misericor- Perch eterna la sua misericor-
dia ejus. dia.

Il Sacerdote inchinato profondamente recita la Confessione:

Coniteor Deo omnipotenti, be- Confesso a Dio onnipotente, alla be-


at Mari semper Virgini, beato ata Maria sempre Vergine, al beato
Michli Archangelo, beato Joanni Michele Arcangelo, al beato Giovan-
Baptist, sanctis Apostolis Petro et ni Battista, ai santi Apostoli Pietro e
Paulo, beato Ambrosio Confessori, Paolo, al beato Ambrogio Confesso-
omnibus Sanctis, et vobis, fratres: re, a tutti i Santi e a voi fratelli, che
quia peccavi nimis cogitatione, ver- ho molto peccato in pensieri, pa-
bo, et opere, (si percuote tre volte il role ed opere, (si percuote tre volte il
petto) mea culpa, mea culpa, mea petto) per mia colpa, mia colpa, mia
maxima culpa. Ideo precor beatam grandissima colpa. Perci supplico
Mariam semper Virginem, beatum la beata Maria sempre Vergine, il
Michlem Archangelum, beatum beato Michele Arcangelo, il beato
Joannem Baptistam, sanctos Apo- Giovanni Battista, i santi Apostoli
stolos Petrum et Paulum, beatum Pietro e Paolo, il beato Ambrogio
Ambrosium Confessorem, omnes Confessore, tutti i Santi e voi fra-
Sanctos, et vos, fratres, orare pro telli, di pregare per me, il Signore
me ad Dominum Deum nostrum. Dio nostro.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


8 Ordinarium Miss

Deo gratias. Misereatur tui om- Rendiamo grazie a Dio. Dio on-
nipotens Deus, et dimissis omni- nipotente abbia misericordia di
bus peccatis tuis, perducat te ad te, perdoni tutti i tuoi peccati e ti
vitam ternam. conduca alla vita eterna.
Amen. Amen.

Il popolo ripete a sua volta la Confessione:

Coniteor Deo omnipotenti, be- Confesso a Dio onnipotente, alla


at Mari semper Virgini, beato beata Maria sempre Vergine, al
Michli Archangelo, beato Jo- beato Michele Arcangelo, al be-
anni Baptist, sanctis Apostolis ato Giovanni Battista, ai santi
Petro et Paulo, beato Ambrosio Apostoli Pietro e Paolo, al beato
Confessori, omnibus Sanctis, et Ambrogio Confessore, a tutti i
tibi, pater: quia peccavi nimis Santi e a te padre, che ho molto
cogitatione, verbo, et opere, (ci si peccato in pensieri, parole ed
percuote tre volte il petto) mea culpa, opere, (ci si percuote tre volte il pet-
mea culpa, mea maxima culpa. to) per mia colpa, mia colpa, mia
Ideo precor beatam Mariam sem- grandissima colpa. Perci sup-
per Virginem, beatum Michlem plico la beata Maria sempre Ver-
Archangelum, beatum Joannem gine, il beato Michele Arcangelo,
Baptistam, sanctos Apostolos Pe- il beato Giovanni Battista, i santi
trum et Paulum, beatum Ambro- Apostoli Pietro e Paolo, il beato
sium Confessorem, omnes San- Ambrogio Confessore, tutti i San-
ctos, et te, pater, orare pro me ad ti e te padre, di pregare per me, il
Dominum Deum nostrum. Signore Dio nostro.

Deo gratias. Misereatur vestri om- Rendiamo grazie a Dio. Dio onni-
nipotens Deus, et dimissis omnibus potente abbia misericordia di voi,
peccatis vestris, perducat vos ad vi- perdoni tutti i vostri peccati e vi
tam ternam. conduca alla vita eterna.
Amen. Amen.

Indulgentiam M, absolutionem, et Il Signore onnipotente e miseri-


remissionem omnium peccatorum cordioso ci conceda il perdono M,
nostrorum tribuat nobis omnipo- lassoluzione e la remissione di
tens, et misericors Dominus. tutti i nostri peccati.
Amen. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 9

Adjutorium M nostrum in nomine Il nostro aiuto M nel nome del Si-


Domini. gnore.
Qui fecit clum, et terram. Egli ha fatto cielo e terra.

Sit nomen Domini benedictum. Sia benedetto il nome del Signore.


Ex hoc nunc, et usque in scu- E ora e per tutti i secoli.
lum.

Il Sacerdote, inchinato ai piedi dellAltare, prega in segreto:

Rogo te, altissime Deus Sabaoth, Ti prego, o altissimo Dio degli Eserciti,
Pater sancte, ut pro peccatis meis Padre santo, che io possa intercedere
possim intercedere, et astantibus per i miei peccati, meritare il perdono
veniam peccatorum promereri, ac pa- dei peccati agli astanti, e presentar-
ci!icas singulorum hostias immolare. ti in sacri!icio le offerte di ciascuno.

Il Sacerdote sale allAltare, lo bacia e prega.


Oramus te, Domine, per merita San- Noi ti preghiamo, o Signore, per i meriti
ctorum tuorum M quorum reliqui hic dei tuoi Santi, M dei quali sono qui le re-
sunt, et omnium Sanctorum, ut indulge- liquie, e di tutti gli altri Santi, che ti de-
re digneris omnia peccata mea. Amen. gni perdonare tutti i miei peccati. Amen.

Nelle S. Messe solenni il Sacerdote dopo aver infuso per tre volte lincenso
nel turibolo lo benedice dicendo:

Ab illo beneMdicaris, in cujus honorem Che tu sia beneMdetto da Colui, in ono-


cremaberis. Amen. re del quale sarai bruciato. Amen.

Il Sacerdote preso il turibolo, si inginocchia sul primo gradino, e fatta la dovuta ri-
verenza, incensa il Sacro Tabernacolo, dopo, salendo allAltare, incensa il medesimo,
quindi si fa incensare dal chierico al lato dellEpistola.

INGRESSA
(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote si porta dal lato dell'Epistola, dove segnandosi M legge


l'INGRESSA che nelle S. Messe in canto viene cantata da tutti.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


10 Ordinarium Miss

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

GLORIA IN EXCELSIS DEO


(vedi proprio del giorno)

Gloria in excelsis Deo, Gloria a Dio nellalto dei cieli,


et in terra pax hominibus bon e pace in terra agli uomini di
voluntatis. Laudamus te. Benedi- buona volont. Noi ti lodiamo,
cimus te. (ci si inchina) Adoramus ti benediciamo, (ci si inchina) ti
te. Glori!icamus te. (ci si inchina) adoriamo, ti glori!ichiamo, (ci si
Gratias agimus tibi propter ma- inchina) ti rendiamo grazie per la
gnam gloriam tuam. Domine tua gloria immensa, Signore Dio,
Deus, Rex clestis, Deus Pater Re del cielo, Dio Padre onnipo-
omnipotens. Domine Fili uni- tente. Signore, Figlio Unigenito,
genite (ci si inchina) Jesu Christe. (ci si inchina) Ges Cristo, Signore
Domine Deus, Agnus Dei, Filius Dio, Agnello di Dio, Figlio del
Patris. Qui tollis peccata mundi, Padre: tu che togli i peccati del
miserere nobis. Qui tollis pecca- mondo, abbi piet di noi; tu che
ta mundi, (ci si inchina) suscipe togli i peccati del mondo, (ci si in-
deprecationem nostram. Qui se- china) accogli la nostra supplica;
des ad dexteram Patris, miserere tu che siedi alla destra del Padre,
nobis. Quoniam tu solus Sanctus. abbi piet di noi. Perch tu solo
Tu solus Dominus. Tu solus Altis- il Santo, tu solo il Signore, tu solo
simus, (ci si inchina) Jesu Christe. lAltissimo: (ci si inchina) Ges Cri-
Cum M sancto Spiritu, in gloria sto con lo M Spirito santo, nella
Dei Patris. gloria di Dio Padre.
Amen. Amen.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison,


Kyrie eleison. Kyrie eleison.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 11

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

ORATIO SUPER POPULUM


(vedi proprio del giorno)
Il Sacerdote recita una o pi orazioni SUPER POPULUM
le quali terminano con: per omnia scula sculorum. Amen.

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

LECTIO
(vedi proprio del giorno)

Il Chierico lettore chiede al Sacerdote, quale mandato, la benedizione:

Jube, domne, benedicere. Degnati di benedirmi, signore.

Il Sacerdote se la Lezione tratta dallAntico Testamento lo benedice


con la seguente formula:

Prophetica lectio, M sit nobis salu- La lettura dei libri profetici M ci sia
tis eruditio. di salutare ammaestramento.

Se invece tratta dal Nuovo Testamento:

Apostolica lectio M sit nobis salutis La lettura apostolica M ci sia di sa-


eruditio. lutare ammestramento.

Al termine della Lezione si risponde:

Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio.

PSALMELLUS
(vedi proprio del giorno)

Il Chierico canta il Salmello al quale il popolo risponde.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


12 Ordinarium Miss

EPISTOLA
(vedi proprio del giorno)
un brano tratto dalle Lettere degli Apostoli. Il Chierico lettore chiede
al Sacerdote, quale mandato, la benedizone:

Jube, domne, benedicere. Degnati di benedirmi, signore.

Apostolica doctrina M repleat nos Lapostolica dottrina M ci riempia


gratia divina. di grazia divina.
Al termine dellEpistola si risponde:

Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio.

HALLELUJA
(vedi proprio del giorno)

tono VI

Bvfvb vgb vhb bvf<v b[v vGhvbvgvbvfvbvwav [v vfvbvGhvbvFgvbvf<v v] bv v v v


Al- le- l- ia, * al- le- l- ia, al- le- l- ia

Il Chierico intona lAlleluia - in tempo quaresimale intona il Cantus -


Il Sacerdote, nel mezzo dellAltare, prega:

Munda cor meum, ac labia mea, Puri!ica il mio cuore e le mie labbra;
omnipotens Deus, qui labia Isai Dio onnipotente tu che puri!icasti le
Prophet calculo mundasti igni- labbra del Profeta Isaia con pietra in-
to: ita me tua grata miseratio- fuocata: degnati, nella tua generosa
ne dignare mundare, ut sanctum piet, di mondare anche me, sicch pos-
Evangelium tuum digne valeam nun- sa annunciare degnamente il tuo santo
tiare. Per Christum Dominum nostrum. Vangelo. Per Cristo Signore nostro.

EVANGELIUM
(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote inito di pregare si porta al pulpito e dice:

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 13

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Lectio M sancti Evangelii secun- Lettura M del santo Vangelo secon-


dum N. do N.
Gloria tibi, Domine. Gloria a te, o Signore.

Vvb vhv hvzvbjv v bvjvzvbjv bvf,v v ] z vbjv zb vjv v b bvhv bhvzvjv vb hvb f,v ] b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

Vvvb jvb jzb jbvb b bjvz vbjvbvjvz vb b bjvb jb bjv vb jvb bjvb vjvb vb b hb vb b b jvb b bj.vb] b
Lecti- o M sancti Evang- li- i se- cndum
se- cndum
Mat- th- um
Jo- an- nem
se- cn- dum Lu- cam
se- cn- dum Mar- cum

Vvvb b kvbvbjv jv jv bgvz vjvz b b jvb b g,vb b ] bv v v v v v v v v v v v v v vb b b


Glo- ri- a ti- bi, D- mi- ne.
Il Celebrante implora la benedizione:

Jube, Domine, benedicere. Degnati di benedirmi, Signore.


Dominus sit in corde meo, et in labiis Il Signore sia nel mio cuore e sul-
meis: ut digne, et competenter annun- le mie labbra, af!inch io possa an-
ciem Evangelium suum, in nomine M nunciare con dignit e competen-
Patris, et Filii, et Spiritus sancti. za il suo Vangelo, in nome M del
Padre, e del Figlio e dello Spirito santo.

Il Sacerdote nelle S. Messe solenni incensa l'evangeliario e poi legge il Vangelo


al termine del quale si dice:
Laus tibi, Christe. Lode a te, o Cristo.
Il Sacerdote bacia il libro, dicendo:

Per Evangelica dicta, deleantur Per le parole Evangeliche siano


nostra delicta. cancellate le nostre colpe.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


14 Ordinarium Miss

Il Sacerdote tiene l'omelia, terminata la quale , dopo un breve momento di silenzio


si porta in mezzo allAltare, e dice:

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison,


Kyrie eleison. Kyrie eleison.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

Bvvhvbvhz b vhvz vhvbvhvz vhvg<v v [vbv h v hv hvb vhvb vhvbvhvuh.,v v{v v v v vbvbz b
Krie- e e- l- ison, Krie- e e- l- ison,

Bvv gv gvzbvgvzvgvbvGhvb vgvdmvb b ] bv v v v v v v v v v v v v v v v v v v vb


Krie- e e- l- ison.

I tre Kyrie elison sono una solita forma di congedo,


in questo luogo essi ricordano l'antico congedo dei Catecumeni.

ANTIPHONA POST EVANGELIUM


(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote sempre in mezzo allAltare, legge lANTIPHONA POST EVANGELIUM


che nelle S. Messe in canto cantata da tutti.

Pacem habete. Abbiate la pace.


Ad te, Domine. Presso di te, o Signore.

Bvvb gz bvgvz zvb fvz b gvzb g<v v] v bFTzvb b hvz bvgv b zfz v\vGhJk^%5#@vGh7^%<v ] v v b b
Pa- cem ha- be- te. Ad te, D- mi- ne.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 15

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

ORATIO SUPER SINDONEM


(vedi proprio del giorno)
Il Sacerdote recita una o pi orazioni SUPER SINDONEM
le quali terminano con: per omnia scula sculorum. Amen.

OFFERTORIUM
Il Sacerdote prende la Patena e levando gli occhi in alto,
fa lofferta, dicendo:

Suscipe, clementissime Pater, hunc Accetta, o clementissimo Padre,


Panem sanctum, ut !iat Unigeniti questo Pane santo, perch diventi
tui Corpus, in nomine Patris, M et il Corpo del tuo Unigenito, in nome
Filii, et Spiritus sancti. Amen. del Padre M e del Figlio, e dello Spi-
rito santo. Amen.

Riposta lOstia sul Corporale, il Sacerdote versa nel Calice un p di vino dicendo:

De latere Christi exivit San- Dal costato di Cristo usc Sangue,


guis, (benedice lacqua, dicendo:) et (benedice lacqua, dicendo:) ed in-
aqua pariter, in nomine Patris, M et sieme acqua, in nome del Padre M
Filii, et Spiritus sancti. Amen. e del Figlio, e dello Spirito santo.
Amen.
Versa alcune gocce dacqua nel Calice. Il Sacerdote alza il Calice e lo offre, dicendo:

Suscipe, clementissime Pater, hunc Accetta, o clementissimo Padre,


Calicem, vinum aqua mixtum, ut questo Calice di vino a cui fu mista
!iat Unigeniti tui Sanguis, in nomi- dellacqua, perch diventi il San-
ne Patris, M et Filii, et Spiritus san- gue del tuo Unigenito, in nome del
cti. Amen. Padre M e del Figlio, e dello Spirito
santo. Amen.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
16 Ordinarium Miss

ORAZIONI SEGRETE OFFERTORIALI


Omnipotens sempiterne Deus, placa- Onnipotente e sempiterno Iddio, fa che
bilis et acceptabilis sit tibi hc obla- abbia virt di placarti e ti sia bene ac-
tio, quam ego indignus pro me misero cetta questa oblazione che io, bench
peccatore, et pro delictis meis innume- indegno, offro alla tua piet per me
rabilibus tu pietati offero, ut veniam misero peccatore, e per gli innumere-
et remissionem omnium peccatorum voli miei mancamenti, af!inch tu mi
meorum mihi concedas: et iniquitates conceda il perdono e la remissione di
meas ne respexeris, sed sola tua mise- tutti i miei peccati: deh! Non guardare
ricordia mihi prosit indigno. Per Chri- alle mie iniquit, ma a me indegno, soc-
stum Dominum nostrum. corra unicamente la tua misericordia.
Per Cristo Signore nostro.
Stando a mani tese prosegue:

Et suscipe, sancta Trinitas, hanc obla- E tu, o Trinit santa, accetta questa
tionem, quam tibi offerimus pro regi- oblazione che noi ti offriamo per il
mine, et custodia, atque unitate catho- governo, la difesa e lunit della Fede
lic Fidei: et pro veneratione quoque cattolica, ed anche in venerazione del-
beat Dei Genitricis Mari, om- la beata Madre di Dio, Maria, e di tutti
niumque simul Sanctorum tuorum: et insieme i tuoi Santi, e per la salute e
pro salute et incolumitate famulorum, lincolumit dei tuoi servi e delle tue
famularumque tuarum et omnium, pro serve, e di tutti quelli per i quali ab-
quibus clementiam tuam implorare biamo promesso di implorare la tua
polliciti sumus, et quorum quarumque clemenza, e dai quali abbiamo ricevuto
eleemosynas suscepimus et omnium elemosine, e di tutti i fedeli cristiani,
!idelium Christianorum, tam vivorum, cos vivi che defunti: af!inch, perseve-
quam defunctorum: ut te miserante, rando fedelmente nelle tue lodi, per la
remissionem omnium peccatorum, et tua misericordia, meritino di ottenere
tern beatitudinis prmia, in tuis la remissione di tutti i peccati ed il pre-
laudibus !ideliter perseverando, per- mio della beatitudine eterna, a gloria
cipere mereantur, ad gloriam et ho- e ad onore del tuo nome, o Dio miseri-
norem nominis tui, Deus, misericor- cordiosissimo, creatore di tutte le cose.
dissime rerum conditor. Per Christum Per Cristo Signore nostro.
Dominum nostrum.

Nelle Domeniche e nelle Solennit del Signore, nelle Vigilie e quando la S. Messa
celebrata per un Santo, il Sacerdote prosegue cos:
Suscipe, sancta Trinitas, hanc oblatio- Accetta, o Trinit santa, questa obla-
nem, quam tibi offerimus in memoriam zione che ti offriamo in memoria della
Passionis, Resurrectionis, et Ascen- Passione, della Risurrezione e dellA-
sionis Domini nostri Jesu Christi: et in scensione del Signore nostro Ges Cri-
honorem omnium Sanctorum tuorum, sto, ed in onore di tutti i tuoi Santi che

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 17

qui tibi placuerunt ab initio mundi, et ti piacquero !in dal principio del mon-
eorum, quorum hodie festivitas cele- do, e di quelli di cui si celebra oggi la
bratur et quorum hic nomina, et reli- festa e di quelli dei quali abbiamo qui i
qui habentur: ut illis sit ad honorem, nomi e le reliquie; af!inch torni ad essi
nobis autem ad salutem: ut illi omnes di onore ed a noi di salute: e si degnino
pro nobis intercedere dignentur in intercedere per noi nei cieli, tutti quelli
clis, quorum memoriam facimus in dei quali noi facciamo commemorazio-
terris. (congiunge le mani) Per eundem ne qui in terra. (congiunge le mani) Per
Christum Dominum nostrum. lo stesso Signore nostro Ges Cristo.
Stando a mani tese prosegue:

Et suscipe, sancta Trinitas, hanc obla- E accetta, o Trinit santa, questa obla-
tionem pro emundatione mea, ut mun- zione per la mia puri!icazione, af!in-
des, et purges me ab universis pecca- ch tu mi renda terso e mondo da ogni
torum maculis: quatenus tibi digne macchia di peccato in modo da farmi
ministrare merear, Deus et clementis- meritevole di servirti degnamente, o
sime Domine. (giunge le mani e bene- Dio e clementissimo Signore. (giunge
dice le Offerte dicendo:) Benedictio Dei le mani e benedice le Offerte dicendo:)
omnipotentis, PaMtris, et FiMlii, et Spi- La benedizione di Dio onnipotente,
ritus M sancti copiosa de clis descen- PaMdre, e FiMglio, e Spirito M santo,
dat super hanc nostram oblationem: discenda copiosa dai cieli sopra questa
et accepta tibi sit hc oblatio, Domi- nostra oblazione: ed essa ti sia gradi-
ne sancte, Pater omnipotens, terne ta, o Signore santo, Padre onnipotente,
Deus, misericordissime rerum condi- eterno Iddio, misericordiossimo crea-
tor. Amen. tore di tutte le cose. Amen.

Il Sacerdote, nelle S. Messe solenni, benedice l'incenso dicendo:

Per intercessionem beati Michlis Ar- Per intercessione del beato Arcangelo
changeli, stantis a dextris altaris in- Michele, che sta alla destra dell'Altare
censi, et omnium electorum suorum, dell'incenso, e di tutti i suoi eletti, si
incensum istud dignetur Dominus be- degni il Signore benedire questo incen-
nedicere, et in odorem suavitatis ac- so e gradirlo come profumo soave. Per
cipere. Per Christum M Dominum no- Cristo M Signore nostro. Amen.
strum. Amen.
Preso il turibolo, il Sacerdote incensa le Offerte e cos prega:

Incensum istud a te benedictum, Ascenda a te, o Signore, questo incen-


ascendat ad te, Domine: et descendat so da te benedetto, e discenda sopra di
super nos misericordia tua. noi, la tua misericordia.

Il Clero ed il popolo tutto si alza durante l'incensazione delle Oblate.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


18 Ordinarium Miss
Incensando la Croce e l'Altare dice queste parole dal Salmo 140:
Dirigatur, Domine, oratio mea, sicut Si elevi la mia preghiera come incenso
incensum, in conspectu tuo: elevatio al tuo cospetto; si elevino le mie mani
manuum mearum, sacri!icium vesper- come al sacri!icio della sera. Poni, o
tinum. Pone, Domine, custodiam ori Signore, una guardia alla mia bocca e
meo, et ostium circumstanti labiis una porta di riparo alle mie labbra, af-
meis: ut non declinet cor meum in ver- !inch non inclini il mio cuore a paro-
ba maliti, ad excusandas excusatio- le di malizia e a voler trovare scuse ai
nes in peccatis. peccati.

Nelle S. Messe solenni il Sacerdote consegna il turibolo al Diacono dicendo:


Ecce odor Sanctorum Dei, tamquam Ecco il profumo dei Santi di Dio, come
odor agri pleni, quem Deus benedixit. il profumo di un campo ben !iorito,
benedetto da Dio.

OFFERTORIUM
(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote legge l'OFFERTORIUM all'Altare che nelle S. Messe in canto


cantato da tutti, terminato estende e giunge le mani dicendo:

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

SYMBOLUM CONSTANTINOPOLITANUM
(vedi proprio del giorno)
Quindi il Sacerdote estende, eleva e congiunge le mani dicendo:

Credo in unum Deum, Credo in un solo Dio,


Patrem omnipotentem, factorem Padre onnipotente, Creatore del
cli, et terr, visibilium omnium cielo e della terra, di tutte le cose
et invisibilium. Et in unum Domi- visibili e invisibili. Credo in un
num (ci si inchina) Jesum Christum, solo Signore, (ci si inchina) Ges
Filium Dei unigenitum, et ex Pa- Cristo, unigenito Figlio di Dio,
tre natum ante omnia scula. nato dal Padre prima di tutti i
Deum de Deo, Lumen de Lumine, secoli: Dio da Dio, Luce da Luce,
Deum verum de Deo vero. Geni- Dio vero da Dio vero, generato,
tum, non factum, consubstantia- non creato, della stessa sostanza

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 19

lem Patri: per quem omnia facta del Padre; per mezzo di lui tutte
sunt. Qui propter nos homines, le cose sono state create. Per noi
et propter nostram salutem de- uomini e per la nostra salvezza
scendit de clis. discese dal cielo.
(qui si genu!lette) ET INCARNATUS (qui si genu!lette) E PER OPERA
EST DE SPIRITU SANCTO EX MA- DELLO SPIRITO SANTO SI IN-
RIA VIRGINE: ET HOMO FACTUS CARNATO NEL SENO DELLA VER-
EST. Cruci!ixus etiam pro nobis GINE MARIA E SI FATTO UOMO.
sub Pontio Pilato, passus, et se- F croci!isso per noi sotto Ponzio
pultus est. Et resurrexit tertia die Pilato, mor e f sepolto. Il terzo
secundum Scripturas. Et ascen- giorno risuscitato, secondo le
dit ad clos: sedet ad dexteram Scritture, salito al cielo, siede
Patris. Et iterum venturus est alla destra del Padre. E di nuovo
cum gloria judicare vivos et mor- verr, nella gloria, per giudica-
tuos: cujus regni non erit !inis. Et re i vivi e i morti, e il suo regno
in Spiritum sanctum, Dominum non avr !ine. Credo nello Spirito
et vivi!icantem: qui ex Patre, Fi- santo, che Signore e d la vita,
lioque procedit: qui cum Patre et e procede dal Padre e dal Figlio.
Filio simul (ci si inchina) adoratur Con il Padre e il Figlio (ci si inchi-
et congloriicatur: qui locutus na) adorato e gloriicato, e ha par-
est per prophetas. Et unam san- lato per mezzo dei profeti. Credo
ctam catholicam: et apostolicam la Chiesa, una santa cattolica e
Ecclesiam. Con!iteor unum bap- apostolica. Professo un solo bat-
tisma in remissionem peccato- tesimo per il perdono dei pec-
rum. Et exspecto resurrectionem cati. Aspetto la risurrezione dei
mortuorum, et M vitam venturi morti e M la vita del mondo che
sculi. Amen. verr. Amen.

Il Sacerdote, terminata la recita del Credo, continua dicendo:

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

ORATIO SUPER OBLATAM


(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote recita una o pi orazioni SUPER OBLATAM


le quali terminano con: per omnia scula sculorum. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


20 Ordinarium Miss

PRFATIONES
COMMUNES
Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.
Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Sursum corda. In alto i nostri cuori.


Habemus ad Dominum. Sono rivolti al Signore.

(ci si inchina) Gratias agamus Domi- (ci si inchina) Rendiamo grazie al Si-
no Deo nostro. gnore nostro Dio.
Dignum et justum est. cosa degna e giusta.

Nelle S. Messe cantate il Sacerdote canta come segue:

Bvv fvz vgv vhv v Ghvbvgvb vf,v v ] vb vfv z bvgv v b bvhv vgv vfv z vgv g<vzv] vb
Do mi- nus vo-bis-cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

Bv\vHjvbvhv b vgvz vtf,mv v] zv b fvb bhvbvhvb vGhv b b \zuhzvzb gvz vtf<Mvz v] v v v v v


Sursum corda Ha-bemus ad D- mi- num.

Bbb b fvb gvbh vz vbhvb \vgHjv bh>vz [b vzfv gv hvzv gvbfzvzb gzvb vg<v ] v v v v v v v b
Gr- ti- as a- ga- mus Dmi-no De-o nostro.

Bvv bhvzb vhv zbvGhb v\z uhvbvgv z vtf<Mvb ] v v v v v v v v v v v v v v v vb bv b v


Dignum et ju- stum est.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 21

Vere quia dignum et justum est, E' veramente cosa degna e giusta,
quum et salutare, nos tibi semper cosa ragionevole e salutare, che noi
hic, et ubique gratias agere, Domi- sempre qui e dappertutto ti rendia-
ne sancte, Pater omnipotens, ter- mo grazie, o Signore santo, Padre
ne Deus: onnipotente, eterno Iddio:

Bbbv fb gv bhv bhv bhvb hv b hv bhv bhv b h.vbv [vbhv b hv vbhv b gb vhv bgvbfmvb {v b
Vere qui- a dignum et justum est, quum et sa- lu- tare,

Bvvf v b gv bhv bhv b bhvb b hv b hv hv b hv bh.vbv[vb bhv gb hv bgb vbfv bfMvb {v bf b b


nos ti- bi semper hic, et u- bique gr- ti- as - ge- re, D-

Bvvb gv b hv hv b bg,v [v \bjv b hv bhv b bhv b hvbvhvb b [b hv bgv bfv vgv bg,v v{v b
mi- ne sancte, Pa- ter omn- po- tens, - terne De- us:

PRFATIO
(vedi proprio del giorno)

il quale poi termina come di seguito:

* *
Per Christum Dominum nostrum. Per Cristo nostro Signore.

Bvvb hv b b\b gHjv b h.v v b hv b gv b fv b b bgv b g,v v v] v v v v v v v v v v vb b


* per Chri- stum D- mi- num nostrum.

Il Sacerdote continua con la recita della conclusione del Prefazio


tra quelle che seguono:

* Conclusione del prefazio proprio del giorno

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


22 Ordinarium Miss

**1 **1
Per quem majestatem tuam lau- Per Cristo, Signore nostro, per mez-
dant Angeli, venerantur Archange- zo del quale la tua maest vien lo-
li: Throni, Dominationes, Virtutes, data dagli Angeli, venerata dagli
Principatus, et Potestates adorant. Arcangeli, adorata dai Troni, dalle
Quem Cherubim, et Seraphim so- Dominazioni, dalle Virt, dai Princi-
cia exultatione concelebrant. Cum pati e dalle Potest. Come Lui pure i
quibus et nostras voces, ut admitti Cherubini e i Sera!ini celebrano con
jubeas deprecamur, supplici con- comune esultanza. Noi ti preghia-
fessione dicentes: mo di ammettere al coro delle loro
voci anche le nostre, che acclamano
con supplice atto di fede:

***2 ***2
Et ideo cum Angelis et Archangelis, Al qual !ine, insieme con gli Angeli,
cum Thronis ac Dominationibus, e con gli Arcangeli, coi Troni, con le
cumque omni militia clestis exer- Dominazioni, e con ogni altra Ge-
citus, hymnum glori tu canimus, rarchia delle celesti schiere, levia-
sine !ine dicentes: mo a te l'inno della tua gloria, ac-
clamando senza !ine:

****3 ****3
Quem una tecum, omnipotens Pa- Il quale insieme con te, o Padre on-
ter, et cum Spiritu sancto laudant nipotente, e con lo Spirito santo,
Angeli, venerantur Archangeli: lodato dagli Angeli, venerato dagli
Throni, Dominationes, Virtutes, Arcangeli, adorato dai Troni, dalle
Principatus et Potestates adorant. Dominazioni, dalle Virt, dai Prin-
Quem Cherubim, et Seraphim so- cipati e dalle Potest. Lui insieme
cia exultatione concelebrant. Cum viene celebrato dai Cherubini e dai
quibus et nostras voces, ut admitti Sera!ini con comune esultanza. Noi
jubeas deprecamur, supplici con- ti preghiamo di ammettere al coro
fessione dicentes: delle loro voci anche le nostre, che
acclamano con supplice fede:

**1 continua come segue per la FORMULA I


***2 continua come segue per la FORMULA II
****3 continua come segue per la FORMULA III

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 23

*****4 *****4
Unde profusis gaudiis totus in orbe Onde in tripudiante letizia l'umano
terrarum mundus exultat: sed et genere sotto ogni cielo esulta; come
supern Virtutes, atque angelic pure le superne schiere e le angeli-
concinunt Potestates, hymnum glo- che Potest che cantano l'inno della
ri tu perpetim sine !ine dicen- tua gloria, acclamando senza posa e
tes: senza !ine:

SANCTUS
(vedi proprio del giorno)
Quindi il Sacerdote estende, eleva e congiunge le mani dicendo:

Sanctus, Sanctus, Sanctus Do- Santo, Santo, Santo il Signore


minus Deus Sabaoth. Pleni sunt Dio degli Eserciti. I cieli e la terra
cli, et terra gloria tua. Hosanna sono pieni della tua gloria. Osan-
in excelsis. na nel pi alto dei cieli!
BeneMdictus, qui venit in nomi- BeneMdetto colui che viene nel
ne Domini. Hosanna in excelsis. nome del Signore. Osanna nel
pi alto dei cieli!

*****4 continua come segue per la FORMULA IV

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


24 Ordinarium Miss

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 25

CANON MISS
Il Sacerdote estende, eleva e congiunge le mani; eleva gli occhi al cielo ed inclinato
profondamente sopra l'Altare dice:

Te igitur, clementissime Pater, per Noi dunque, o clementissimo Pa-


Dominum nostrum Jesum Christum dre, per il Signore nostro Ges
Filium tuum, supplices rogamus, et Cristo tuo Figlio, umilmente e con
petimus, uti accepta habeas, et be- istanza ti preghiamo di accettare
nedicas hc M dona, hc M mune- e benedire questi M doni, queste
ra, hc M sancta sacri!icia illibata, M offerte, questi M santi Sacri!ici
in primis, qu tibi offerimus pro illibati, che noi innanzi tutto ti of-
Ecclesia tua sancta catholica: quam friamo per la santa Chiesa cattolica,
paci!icare, custodire, adunare, et perch ti degni paci!icarla, custo-
regere digneris toto orbe terrarum: dirla, adunarla e reggerla, in tutto il
una cum famulo tuo Papa nostro N. mondo: Sacri!ici che noi ti offriamo
et Ponti!ice nostro N. sed et omni- tenendoci in unione col servo tuo
bus orthodoxis, atque catholic, et il nostro Papa N., e col nostro Arci-
apostolic !idei cultoribus. vescovo N., come pure con tutti gli
ortodossi cultori della cattolica e
apostolica fede.
Commemorazione per i vivi.

Memento, Domine, famulorum fa- Ricordati, o Signore, dei tuoi servi e


mularumque tuarum, N. et N. delle tue serve N. e N.

A mani giunte il Sacerdote ricorda coloro per i quali intende pregare.


I fedeli ricordino i loro cari.

et omnium circumstantium, quo- e ricordati di tutti i presenti dei


rum tibi !ides cognita est, et nota quali conosci la fede e ti nota la
devotio: pro quibus tibi offerimus, piet. Noi ti offriamo questo sacri!i-
vel qui tibi offerunt hoc sacri!icium cio di lode per loro, come pure essi
laudis pro se, suisque omnibus, te lo offrono per s medesimi e per
pro redemptione animarum sua- tutti i loro cari, per la redenzione
rum, pro spe salutis, et incolumita- delle anime loro, nella speranza
tis su: tibique reddunt vota sua, della propria salute e conservazio-
terno Deo, vivo et vero. ne, ed innalzano i loro voti a te, o
Dio eternamente vivo e vero.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


26 Ordinarium Miss
COMMUNICANTES propri di alcune Solennit.
La prima parte del "Communicantes" in alcune feste del Signore, !ino al punto
segnato con *, subisce le seguenti modi!iche:

Nel giorno e nell'Ottava del Natale:


Communicntes, et (in prima Missa) Uniti in una stessa comunione, e
noctem sacratssimam celebrn- celebrando (nella I Messa si dice: la
tes qua (in aliis vero) diem sacrats- sacratissima notte, nella quale) il sa-
simum celebrntes, quo bet cratissimo giorno, nel quale l'inte-
Mar intemerta virgnitas huic merata verginit di Maria diede alla
mundo didit Salvatrem: sed et luce del mondo il Salvatore; vene-
memriam venerntes, in prmis riamo pure in particolare la memo-
ejsdem gloris semperque Vr- ria della stessa gloriosa e sempre
ginis Mari, Genetrcis ejusdem Vergine Maria, Madre dello stesso
Dei, et Dmini nostri Jesu Christi: * Dio e Signore nostro Ges Cristo: *

Nel giorno e nell'Ottava dell'Epifania:


Communicntes, et diem sacrats- Uniti in una stessa comunione e
simum celebrntes, quo Unignitus celebrando il sacratissimo giorno,
tuus in tua tecum glria cotr- in cui il tuo Unigenito, eterno con
nus, in veritte carnis nostr vi- te nella gloria, si manifest visibil-
sibliter corporlis appruit: sed et mente con un corpo nella realt
memriam venerntes, in prmis della nostra carne; veneriamo pure
gloris semperque Vrginis Ma- in particolare la memoria della glo-
ri, Genetrcis ejusdem Dei, et riosa e sempre Vergine Maria, Ma-
Dmini nostri Jesu Christi: * dre dello stesso Dio e Signore no-
stro Ges Cristo: *

Nel giorno e nell'Ottava di Pasqua:


Communicntes, et diem sacrats- Uniti in una stessa comunione, e
simum celebrntes Resurrectinis celebrando il giorno sacratissimo
Dmini nostri Jesu Christi secn- della corporale Risurrezione del
dum carnem: sed et memriam ve- Signore nostro Ges Cristo; vene-
nerntes, in prmis gloris sem- riamo pure in particolare la memo-
perque Vrginis Mari, Genetrcis ria della gloriosa e sempre Vergine
ejusdem Dei, et Dmini nostri Jesu Maria, Madre dello stesso Dio e Si-
Christi: * gnore nostro Ges Cristo: *

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 27

Nel giorno dell'Ascensione:


Communicntes, et diem sacratssi- Uniti in una stessa comunione, e
mum celebrntes, quo Dminus no- celebrando il giorno sacratissimo,
ster, unignitus Flius tuus, untam in cui il Signore nostro Ges Cristo,
sibi fragilittis nostr substntiam Unigenito tuo Figlio, port alla de-
in glri tu dxtera collocvit: stra della tua gloria la nostra fragile
sed et memriam venerntes, in natura da lui assunta; veneriamo
prmis gloris semperque Vrgi- pure in particolare la memoria del-
nis Mari, Genetrcis ejusdem Dei, la gloriosa e sempre Vergine Maria,
et Dmini nostri Jesu Christi: * Madre dello stesso Dio e Signore
nostro Ges Cristo: *
Nel giorno e nell'Ottava di Pentecoste:
Communicntes, et diem sacrats- Uniti in una stessa comunione, e ce-
simum Pentecstes celebrntes, lebrando il giorno sacratissimo del-
quo Spritus sanctus Apstolis la Pentecoste, in cui lo Spirito santo
innmeris linguis appruit: sed et apparve agli Apostoli in forma di
memriam venerntes, in prmis innumerevoli lingue; veneriamo
gloris semperque Vrginis Ma- pure in particolare la memoria del-
ri, Genetrcis ejusdem Dei, et la gloriosa e sempre Vergine Maria,
Dmini nostri Jesu Christi: * Madre dello stesso Dio e Signore
nostro Ges Cristo. *

COMMUNE INFRA CANONEM


Il Sacerdote a mani stese continua dicendo:

Communicantes, et memoriam ve- Uniti in una medesima comunione,


nerantes, in primis glorios sem- noi veneriamo particolarmente la
perque Virginis Mari, genitricis memoria della gloriosa e sempre
Dei, et Domini nostri Jesu Chri- Vergine Maria, Madre di Dio e del
sti: * sed et beati Joseph, eiusdem Signore nostro Ges Cristo: * come
Virginis sponsi, et beatorum Apo- pure quella del beato Giuseppe, suo
stolorum et Martyrum tuorum, sposo, dei beati Apostoli e Martiri
Petri et Pauli, Andre, Jacobi, Jo- tuoi Pietro e Paolo, Andrea, Giaco-
annis, Thom, Jacobi, Philippi, mo, Giovanni, Tommaso, Giacomo,
Bartholomi, Matthi, Simonis Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simo-
et Thaddi, Xisti, Laurentii, Hip- ne e Taddeo, Sisto, Lorenzo, Ippo-
polyti, Vincentii, Cornelii, Cypriani, lito, Vincenzo, Cornelio, Cipriano,
Clementis, Chrysogoni, Joannis et Clemente, Crisogono, Giovanni e
Pauli, Cosm et Damiani, Apollina- Paolo, Cosma e Damiano, Apollina-
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
28 Ordinarium Miss
ris, Vitalis, Nazarii et Celsi, Protasii re, Vitale, Nazaro e Celso, Protaso e
et Gervasii, Victoris, Naboris, Feli- Gervaso, Vittore, Naborre, Felice e
cis et Calimerii, et omnium Sancto- Calimero, e di tutti i tuoi Santi. Deh!
rum tuorum, quorum meritis, pre- Che per i meriti e le preghiere loro
cibusque concedas, ut in omnibus andiamo muniti in ogni necessit
protectionis tu muniamur auxi- dell'aiuto di tua protezione. (giunge
lio. (jungit manus) Per eundem Chri- le mani) Per lo stesso Cristo Signore
stum Dominum nostrum. Amen. nostro. Amen.
COMMUNE INFRA ACTIONEM
Il Sacerdote stendendo le mani sopra le Oblate dice:

Hanc igitur oblationem servitu- Noi ti preghiamo, o Signore, di ac-


tis nostr, sed et cunct famili cettare con animo placato, e di di-
tu, qusumus, Domine, * ut pla- sporre che i nostri giorni trascor-
catus suscipias: diesque nostros in rano nella tua pace, e di volerci
tua pace disponas atque ab terna liberare dall'eterna dannazione, e
nos damnatione eripi, et in electo- annoverare al gregge dei tuoi elet-
rum tuorum jubeas grege numera- ti. (congiunge le mani) Degnati, o Dio,
ri. (congiunge le mani) Per Christum noi te ne preghiamo, di far s che
Dominum nostrum. Quam oblatio- questa oblazione, che noi offriamo
nem, quam pietati tu offerimus, alla tua piet, sia in tutto e per tutto
tu Deus, in omnibus, qusumus, (il Sacerdote fa il segno di Croce tre vol-
(il Sacerdote fa il segno di Croce tre te sopra le Oblate) beneMdetta, amm-
volte sopra le Oblate) beneMdictam, Messa, ratiM#icata, avuta in conto
adscriMptam, raMtam, rationabi- di omaggio dello spirito ed accet-
lem, acceptabilemque facere digne- tevole sicch (il Sacerdote fa il segno
ris: (il Sacerdote fa il segno di Croce di Croce sopra l'Ostia e sopra il Calice)
sopra l'Ostia e il Calice) ut nobis CorM- per noi diventi CorMpo e SanMgue
pus et SanMguis #iat dilectissimi Fi- del dilettissimo Figlio tuo, Signore
lii tui Domini nostri Jesu Christi. nostro, Ges Cristo.

Nel giorno e nell'Ottava di Pasqua, nella vigilia, nel giorno e nell'Ottava di Pentecoste:

Hanc gitur, oblationem servitutis Quest'oblazione del nostro ministe-


nostr, sed et cunct famli tu, ro, di tutta la tua famiglia, che noi ti
quam tibi offrimus pro his quo- offriamo pure per coloro che ti sei
que, quos regenerare dignatus es degnato di rigenerare con l'acqua
ex aqua, et Spritu sancto, trbuens e con lo Spirito santo, accordando
eis remissionem mnium peccato- loro la remissione di tutti i loro pec-
rum, qusumus, Dmine, * cati, noi ti preghiamo, o Signore, *
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 29

LAVANDA DELLE MANI (LAVABO)


Il Sacerdote a lato dell'Altare lava le mani e tornando in medio al medesimo dice:

Qui pridie, quam pro nostra om- Alla vigilia di patire per la salvezza
niumque salute pateretur, (prende nostra e di tutti gli uomini, (pren-
in mano l'Ostia ed eleva gli occhi al cie- de in mano l'Ostia ed eleva gli occhi al
lo) accipiens panem, elevavit oculos cielo) Ges prendendo il pane, lev
ad clos ad te Deum Patrem suum gli occhi al cielo, a te, Dio Padre suo
omnipotentem, tibi gratias agens, onnipotente, e rendendoti grazie,
(benedice l'Ostia) beneMdixit, fregit, (benedice l'Ostia) beneMdicendo, lo
tradiditque discipulis suis, dicens spezz e lo diede ai suoi discepoli
ad eos: Accipite, et manducate ex dicendo loro: "Prendete e mangia-
hoc omnes. (tenendo l'Ostia tra il pol- tene tutti". (tenendo l'Ostia tra il pol-
lice e l'indice delle mani, pronuncia le lice e l'indice delle mani, pronuncia le
parole della Consacrazione) parole della Consacrazione)

HOC EST ENIM CORPUS MEUM. POICHE! QUESTO E# IL MIO CORPO.

Indi genulettendo adora l'Ostia santa, poi l'innalza e la mostra ai


fedeli perch l'adorino: essi intanto possono dire con l'Apostolo
S. Tommaso: "Mio Signore e mio Dio!". Prende il Calice, benedice il vino:

Simili modo postquam cnatum In egual modo, al termine della


est, (prende in mano il Calice ed eleva Cena, (prende in mano il Calice ed eleva
gli occhi al cielo) accipiens Calicem, gli occhi al cielo) prendendo il Cali-
elevavit oculos ad clos ad te Deum ce, lev gli occhi al cielo, a te, o Dio
Patrem suum omnipotentem: Padre suo onnipotente e renden-
item tibi gratias agens, (con la si- doti di nuovo grazie, con la (con la
nistra tiene il Calice e con la destra lo sinistra tiene il Calice e con la destra lo
benedice) beneMdixit, traditque di- benedice) beneMdizione, lo pass ai
scipulis suis, dicens ad eos: Accipi- suoi discepoli dicendo loro: "Pren-
te, et bibite ex eo omnes. (tenendo il dete e bevetene tutti". (tenendo il
Calice pronuncia le parole della Consa- Calice pronuncia le parole della Consa-
crazione) crazione)

HIC EST ENIM CALIX SANGUINIS POICHE! QUESTO E# IL CALICE DEL


MEI, NOVI ET TERNI TESTAMEN- MIO SANGUE, DEL NUOVO ED
TI: MYSTERIUM FIDEI: QUI PRO ETERNO TESTAMENTO: MISTERO
VOBIS ET PRO MULTIS EFFUNDE- DELLA FEDE: CHE SARA# VERSATO
TUR IN REMISSIONEM PECCATO- PER VOI E PER MOLTI IN REMIS-
RUM. SIONE DEI PECCATI.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
30 Ordinarium Miss
Deposto il Calice, genulettendo lo adora, poi lo eleva per mostrarlo
ai fedeli. Il Sacerdote intanto dice:

Mandans quoque, et dicens ad eos: E diede loro altres un ordine di-


Hc quotiescumque feceritis in cendo: "Ogni volta che farete que-
meam commemorationem facietis: sto, lo farete in mia commemora-
mortem meam prdicabitis, re- zione: predicherete la mia morte,
surrectionem meam annunciabitis, annunzierete la mia risurrezione,
adventum meum sperabitis, donec spererete la mia venuta, !inch di
iterum de clis veniam ad vos. nuovo dal cielo io verr a voi".

Il Sacerdote depone il Calice e genulette


rialzatosi, stende le braccia in forma di Croce e prega:

Unde et memores, Domine, nos Onde, o Signore, noi tuoi ministri,


servi tui, sed et plebs tua sancta, ma anche il tuo popolo santi!icato,
Domini nostri Jesu Christi passio- ricordando la Passione di nostro
nis, nec non et ab inferis mirabilis Signore Ges Cristo, e la sua mira-
resurrectionis, sed et in clos glo- bile Risurrezione da morte, e la sua
riosissim ascensionis, (congiunge gloriosissima Ascensione al cie-
le mani) offerimus prclar ma- lo, (congiunge le mani) di quanto tu
iestati tu, de tuis donis ac datis, stesso ci hai dato in dono, offriamo
(fa il segno di Croce tre volte sopra le all'eccelsa tua maest (fa il segno di
Oblate) Hostiam M puram, Hostiam Croce tre volte sopra le Oblate) l'Ostia
M sanctam, Hostiam M immacula- M pura, l'Ostia M santa, l'Ostia M im-
tam, hunc Panem M sanctum vit macolata, questo Pane M santo di
tern, et Calicem M salutis perpe- vita eterna, e questo Calice M di sa-
tu. (quindi estende le mani davanti al lute perpetua. (quindi estende le mani
petto e dice:) Supra qu propitio, ac davanti al petto e dice:) Deh! Degnati
sereno vultu tuo respicere digneris, di rivolgere il tuo sguardo propi-
et accepta habere, sicuti accepta ha- zio e sereno sopra queste offerte,
bere dignatus es munera iusti pueri alla guisa che ti degnasti di gradire
tui Abel, et sacri!icium Patriarch i doni del giusto tuo servo Abele,
nostri Abrah, et quod tibi obtulit ed il sacri!icio del Patriarca nostro
summus sacerdos Melchisedech, Abramo, e quello che il tuo sommo
sanctum sacri!icium, immaculatam Sacerdote Melchisedech, ti offr, sa-
hostiam. cri!icio santo, vittima immacolata.

Il Sacerdote s'inchina profondamente,


e poi continua pregando con le seguenti parole:

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 31

Supplices te rogamus, omnipotens Noi ti supplichiamo, o Dio onnipo-


Deus: jube hc perferri per manus tente, di far s che il tuo santo Ange-
sancti Angeli tui in sublime altare lo presenti questi doni sul tuo su-
tuum, ante conspectum tremend blime Altare, al cospetto della tua
majestatis tu: ut quotquot ex hac tremenda maest: af!inch noi tut-
altaris participatione sacrosan- ti, che partecipi di questo Sacri!icio
ctum CorMpus et SanMguinem Do- riceveremo il sacrosanto CorMpo e
mini nostri Jesu Christi sumpseri- SanMgue del Signore nostro Ges
mus, (il Sacerdote si segna con il segno Cristo, (il Sacerdote si segna con il se-
di Croce) omni benedictione clesti gno di Croce) siamo riempiti di ogni
et gratia repleamur. (congiunge le celeste benedizione e grazia. (con-
mani) Per eundem Christum Domi- giunge le mani) Per lo stesso Cristo
num nostrum. Amen. Signore nostro. Amen.

Commemorazione per i defunti.

Memento etiam, Domine, famulo- Ricordati, Signore, anche dei tuoi


rum famularumque tuarum, qui servi e delle tue serve che ci hanno
nos prcesserunt cum signo !idei, preceduti nella fede e dormono nel
et dormiunt in somno pacis, N. et N. sonno della pace, N. e N.

Ricorda coloro per i quali intende pregare.


I fedeli ricordino i loro cari defunti.

Ipsis, Domine, et omnibus in Chri- A loro, o Signore, ed a tutti quelli


sto quiescentibus locum refrigerii, che riposano in Cristo, ti preghia-
lucis, ac pacis ut indulgeas, depre- mo di concedere il luogo di refri-
camur. (congiunge le mani ed inclina in gerio, di luce e di pace. (congiunge
capo dicendo) Per eundem Christum le mani ed inclina in capo dicendo) Per
Dominum nostrum. Amen. il medesimo Cristo Signore nostro.
Amen.

Si percuote il petto con la destra ed incomincia la preghiera con voce elevata:

Nobis quoque minimis, et peccato- A noi pure, minimi tuoi servi e pec-
ribus (da qui legge in segreto) famulis catori, (da qui legge in segreto) che
tuis de multitudine misericordi speriamo nell'in!inita tua miseri-
tu sperantibus, partem aliquam, cordia, degnati concedere alcuna
et societatem donare digneris cum parte e comunione con i tuoi santi
tuis sanctis Apostolis, et Martyri- Apostoli e Martiri, Giovanni, e Gio-
bus, Joanne et Joanne, Stephano, vanni, Stefano, Andrea, Barnaba,
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
32 Ordinarium Miss
Andrea, Barnaba, Petro, Marcellino, Pietro, Marcellino, Agnese, Cecilia,
Agnete, Ccilia, Felicitate, Perpe- Felicita, Perpetua, Anastasia, Aga-
tua, Anastasia, Agatha, Euphemia, ta, Eufemia, Lucia, Giustina, Sabina,
Lucia, Justina, Sabina, Thecla, Pela- Tecla, Pelagia e Caterina, e con tutti
gia atque Catharina, et cum omni- i tuoi Santi: al consorzio dei qua-
bus Sanctis tuis: intra quorum nos li noi ti preghiamo di ammetterci
consortium, non stimator meri- non badando ai nostri meriti, ma
ti, sed veni, qusumus, largitor alla tua volont larga di perdono.
admitte. Per Christum Dominum Per Cristo nostro Signore. Per mez-
nostrum. Per quem hc omnia, zo del quale, tu, o Signore, sempre
Domine, semper bona creas, san- crei questi beni, li sanMti!ichi, li vi-
ctiM!icas, viviM!icas, beneMdicis, et viM!ichi, li beneMdici, ed a noi tuoi
nobis famulis tuis largiter prstas, servi, li elargisci con generosit,
ad augmentum !idei, et remissio- ad accrescimento della nostra fede
nem omnium peccatorum nostro- ed a remissione di tutti i nostri pec-
rum. cati.

Scopre il Calice e genulette dicendo:

Et est tibi Deo Patri omnipotenti Deriva ancora a te, o Dio Padre
(con l'Ostia fa tre segni di Croce sul Ca- onnipotente, (con l'Ostia fa tre segni
lice dicendo:) ex M ipso, et per M ip- di Croce sul Calice dicendo:) da M lui,
sum, et in M ipso, omnis honor, vir- per M lui, ed in M lui, ogni onore,
tus, laus, et gloria, (con la Patena fa virt, lode e gloria, (con la Patena fa
tre segni di Croce contemporaneamente tre segni di Croce contemporaneamente
sull'Ostia e sul Calice.) impeMrium, sull'Ostia e sul Calice) impeMro, per-
perpeMtuitas, et poMtestas in uni- peMtuit, e poMtenza, in unione
tate Spiritus sancti, con lo Spirito santo,

Eleva un p l'Ostia santa al di sopra del Calice per mostrarla ai fedeli,


dicendo a voce alta:

per in!inita scula sculorum. per gli in!initi secoli dei secoli.
Amen. Amen.

Bvbvsvb vsvbgvb hvb gvb vgvb bvgv gb b b bgvb bfv bgvb b g<v z ] vbvbfvbvFgM<v b] v v z z z b
Per in!i- ni- ta s- cu- la s- cu- lo- rum. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 33

Il Sacerdote spezza il Pane santo e nel mentre recita questa preghiera:

Corpus tuum frangitur, Christe, Ca- Il tuo Corpo immolato, o Cristo, e


lix benedicitur. Sanguis tuus sit no- il Calice consacrato. Il tuo Sangue
bis semper ad vitam, et ad salvan- ci giovi sempre per la vita e per la
das animas, Deus noster. salute delle anime, o Dio nostro.

Lascia cadere una particella dell'Ostia nel Calice dicendo:

Commixtio M consecrati Corporis La mistione M del consacrato Corpo


et Sanguinis Domini nostri Jesu e Sangue del Signore nostro Ges
Christi, nobis edentibus et sumen- Cristo, giovi a noi che ne mangiamo
tibus pro!iciat ad vitam et gaudium e beviamo, per la vita ed il gaudio
sempiternum. sempiterno.

Il Sacerdote legge il CONFRACTORIUM, nelle S. Messe in canto cantato da tutti.

CONFRACTORIUM
(vedi proprio del giorno)

Quindi il Sacerdote stendendo e poi congiungendo le mani, dice a voce sommessa:

Oremus. (poi prosegue a voce alta) Preghiamo. (poi prosegue a voce alta)
Prceptis salutaribus moniti, et di- Ammoniti dal comando del Salvato-
vina institutione formati, audemus re, ed ammaestrati dal divino inse-
dicere: gnamento osiamo dire:

Pater noster, qui es in clis, (ci si Padre nostro, che sei nei cieli, (ci si
inchina) sancti!icetur nomen tuum. inchina) sia santi!icato il tuo nome.
Adveniat regnum tuum: !iat volun- Venga il tuo regno: sia fatta la tua
tas tua, sicut in clo, et in terra. volont, come in cielo, cos in terra.
Panem nostrum quotidianum da Dacci oggi il nostro pane quotidia-
nobis hodie: et dimitte nobis debita no: e rimetti a noi i nostri debiti,
nostra, sicut et nos dimittimus de- come noi li rimettiamo ai nostri
bitoribus nostris. Et ne nos inducas debitori. E non c'indurre in tenta-
in tentationem. zione.
Sed libera nos a malo. Ma liberaci dal male.
Amen. Amen.

Se la S. Messa cantata il Sacerdote canta come di seguito:

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


34 Ordinarium Miss

Bvvfv gv hvzv bhvb hvb hv gvhv z vb bgv fvb f,v [vfvz vb gv hv hv bhv b bhvbhvb hvb
Prceptis sa-lu-t-ribus m-ni-ti, et di-vi-na in-sti-tu-ti-

Bzz vhvgv zvbhvzvb gvzbf,v v{zvzb hz vbgvz b fv v bgvb gv g<v ] v v v v v v v v v vz v


one forma-ti, au-de-mus d-ce-re:

Bvvbfvb gvz vbhv hv z vbhvbgvz vhv vb gvb f<v {v fv gv hv hv hvzvz zgv z fv vzvgz z
Pa-ter noster, qui es in c-lis, sancti-i-ce-tur no-men tu-

Bvg<z ]z vhz v\zbjvb vhvbhv z vgvzvbhv z vzgvb f<v {v bhvbhvz vb hvz bgv bhvzvz vgvzf<v [z bz
um. Ad- v- ni- at regnum tu-um: #i- at vo- luntas tu-a,

Bzz vfv gvz hvz b vhv hvz gvb fvzvb gv g<v ]zvbfvb gvz z bhvz vhvz z z hvzvb hvb hzbhvbhz b
si-cut in c-lo, et in terra. Panem nostrum quo-ti-di-anum

Bzz vbhv z gvbhv vb gvbfvf,v {bfvzvb gv bhvbhv b hvbhv vb hvbgzvhvz vgvb vf,v [z fvbgvz b
da nobis hdi-e: et di-mitte nobis dbi-ta nostra, sicut

Bzz bhvz vb hv zvbhvb hvbhb vhvzvb b fvbgvbhv gvbfvz vb gvzvb g<v ]zb gvzvb dvz bfvz zgvzvb hvz b
et nos dimittimus debi-t-ribus nostris. Et ne nos in-du-

Bzzb gv zbgvz vb gvbvbfv gb vgbvdMvb v]v dv vz gv gv gvz zvgvz vhvz b vgvzb dMv ] z z zvz z
cas in tenta- ti- onem. Sed l-be-ra nos a ma-lo.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 35

Quindi segnandosi prosegue ad alta voce:

M Libera nos, qusumus, Domi- M Liberaci, o Signore, te ne preghia-


ne, ab omnibus malis, prteritis, mo, da tutti i mali passati, presenti
prsentibus, et futuris: et interce- e futuri: e per l'intercessione della
dente pro nobis beata Maria, Geni- beata Maria Madre di Dio e Signo-
trice Dei, ac Domini nostri (ci si inchi- re nostro (ci si inchina) Ges Cristo,
na) Jesu Christi, et sanctis Apostolis e dei santi tuoi Apostoli Pietro e
tuis Petro, et Paulo, atque Andrea Paolo ed Andrea, e del tuo beato
et beato Ambrosio Confessore tuo, Ambrogio Confessore e Ponte!ice,
atque Ponti!ice, una cum omnibus nonch di tutti i tuoi Santi, d pro-
Sanctis tuis, da propitius pacem in pizio la pace ai nostri giorni: af!in-
diebus nostris: ut ope misericor- ch aiutati dal soccorso della tua
di tu adjuti, et a peccato simus misericordia, possiamo sempre es-
semper liberi, et ab omni perturba- sere immuni dal peccato e sicuri da
tione securi. Prsta per eum, cum ogni turbamento. Concedici questo
quo beatus vivis, et regnas Deus in per i meriti di colui, col quale tu be-
unitate Spiritus sancti per omnia ato vivi e regni Dio, in unione con
scula sculorum. Amen. lo Spirito santo, per tutti i secoli dei
secoli. Amen.

Bvvb h v b gv bgv vbgv v vbgv vgv bgv v b gv gv bgb b gv b gv vbgvbf v v bgb b g,v [b
M Li- be- ras nos qu- sumus, Dmi- ne, ab mnibus ma- lis,

Bzz v vgv bhv bgv gv v bgv b gb vbgbv bgv bgv bfvbgvbg,v ]b svb gvbhb b gvbgv gv vgv b
pr- te- ri- tis, pr- snti- bus, et futuris: et intercedente pro

Bvvgv vgv vgvbgv bgv vbgv bgvbgvb[v bgv b gv b gb b gb b bgb bgb vgv v gv bgv bgv vb
no- bis be- a- ta Ma- ri- a, ge- ni- tri- ce De- i, ac Dmi- ni

Bvz bgv vgv bgv bfv v vbgb g,v v{vgv vhv vbgv gv gv bgv bgv b gb bgb b b gv v b gv
nostri Je- su Christi, et sanctis Apsto- lis tu- is Petro, et
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
36 Ordinarium Miss

Bvgb b gvbgv vbgb fv v vbgb bg,vb{b sv vbgvb hb vgb bgv v bgb vb gvbgvb bgv bgv bgbv bgb vb
Paulo, atque An- dre- a, et be- a- to Ambr- si- o Confesso- re

Bzz bgb bgv gv vbgv b fv bgvb gv bg,v[vhb bgv bgv vbgv vbgvbgv vbgv vbfv b gvbg,vb {vb
tu- o, atque Pont- #i- ce, una cum mnibus Sanctis tu- is,

Bvvb sv vbgvb hvb gvbgv vb gvbgv vgv vbgvbgvbf v v gv vg,v {vbgv bhb bgv vgv bgv b b
da prop- ti- us pacem in di- ebus nostris: ut ope mi- se-

Bvzb gvgv bgvbgv bgv gvb fv gv bg,vb{bsv bsv bgv bhvb gv bgvb gv vbgv vbfv vgb gv
ricrdi- tu- adju- ti, et a pecca- to simus semper lbe-

Bzz vg,vb{b sv gv bhv vbgb b gv bgv bgv bgvbgb bgv bfvbgvg,v {v b bhb b gb b bgb b gb bgvb[
ri, et ab omni perturba- ti- one securi. Prsta per e- um,

Bzz vbgv v b bgvb gvbgv bgv vb gb gb b gb b bgb b bf v v gvb g,v b{b sv bsvbgvb hb vbgv b bgb v
cum quo be- a- tus vivis, et regnas De- us in uni- ta- te Spi-

Bzz vbgv fv vbgv vbg,v [vb gb b hb b b gvgv bgb b b gb b gb b b gb b bfv bgb bg,b b b b] b v v v
ri- tus sancti per mni- a s- cu- la s- cu- lorum.

Bzz bfv bFgm,v v ] v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v b


Amen.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 37

M Pax, et communicatio Domini M La pace e la comunione del Si-


nostri (ci si inchina) Jesu Christi sit gnore nostro (ci si inchina) Ges Cri-
semper vobiscum. sto sia sempre con voi.
Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Bzzvb zhvb vgv b gv b b gvbgvgvgvbgvb b vgvb gvb gvb bvgvbvgv b gb vfv b b b gvbvg<v v{vb
M Pax, et communic-ti-o Dmi- ni nostri Je- su Chri- sti

Bzz v hv bvgv vfv b vgbvgvb dMv v] v hv zb vhv v bv gv gvzvh v vb gvbdMv ] b v v v b


sit semper vobiscum. Et cum sp- ri- tu tu- o.

Offerte vobis pacem. Offritevi la pace.


Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio.

Bzsvb gb vgvbvgvbhv b bgvbdMv b ] v vdv dvb b bdvbvdvbvdMv v] ccccccbbvb


Offerte vobis pacem. De- o gr- ti- as.

Il Sacerdote s'inchina e prega sommessamente:

Domine Jesu Christe, qui dixisti Signore Ges Cristo, che dicesti ai
Apostolis tuis: Pacem relinquo tuoi Apostoli: "Vi lascio la pace, vi
vobis, pacem meam do vobis: ne d la mia pace", non riguardare i
respicias peccata mea, sed !idem miei peccati, ma la fede della tua
Ecclesi tu; eamque secundum Chiesa, e degnati propizio di paci-
voluntatem tuam paci!icare, custo- !icarla, custodirla e governarla se-
dire, et regere digneris propitius. condo la tua volont, tu che vivi e
Qui vivis, et regnas Deus per omnia regni, Dio, per tutti i secoli dei se-
scula sculorum. Amen. coli. Amen.

Nelle Ss. Messe solenni, il Sacerdote d l'abbraccio di pace al Diacono dicendo:

Pax tecum. La pace sia con te.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


38 Ordinarium Miss
Nelle S. Messe Pro Defunctis omesso l' Offerte vobis pacem e il Domine Jesu Christe
il Sacerdote recita la preghiera seguente:

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, Agnello di Dio, che togli i peccati del
dona eis rquiem. mondo, concedi loro riposo.

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, Agnello di Dio, che togli i peccati del
dona eis rquiem. mondo, concedi loro riposo.

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, Agnello di Dio, che togli i peccati del
dona eis rquiem sempiternam, et lo- mondo, dona loro riposo eterno e un
cum indulgenti cum Sanctis tuis in luogo di perdono, con i tuoi Santi, nella
gloria. gloria.

Il Sacerdote sotto voce recita le seguenti preghiere:

Domine sancte, Pater omnipotens, Signore santo, Padre onnipotente, eter-


terne Deus, da mihi hoc Corpus Jesu no Iddio, concedimi di ricevere questo
Christi Filii tui Domini mei ita sume- Corpo di Ges Cristo, Figlio tuo e mio
re, ut non sit mihi ad judicium, sed Signore, fa che non sia motivo di con-
ad remissionem omnium peccatorum danna, ma giovi alla remissione di tutti
meorum. Qui tecum vivit, et regnat in i miei peccati. Per lui, che con te vive
unitate Spiritus sancti Deus per omnia e regna in unione dello Spirito santo,
scula sculorum. Amen. Dio, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Domine Jesu Christe, Fili Dei vivi, qui Signore Ges Cristo, Figlio di Dio vivo,
pro voluntate Patris, cooperante Spiri- che per volont del Padre e con la co-
tu sancto, per mortem tuam mundum operazione dello Spirito santo, per la
universum vivi!icasti: libera me, obse- tua morte hai dato a tutto il mondo la
cro, per hoc sacrosanctum Corpus et vita, liberami, ti prego, per questo tuo
Sanguinem tuum a cunctis iniquitati- sacrosanto Corpo e Sangue, da tutte le
bus, et universis malis: et fac me tuis iniquit e da ogni male; f che io obbe-
obedire mandatis, et a te nunquam se- disca ai tuoi comandi e non permettere
parari permittas. Qui cum eodem Deo mai che mi separi da te, che con lo stes-
Patre, et Spiritu sancto vivis, et regnas so Dio Padre e con lo Spirito santo, vivi
Deus in scula sculorum. Amen. e regni, Dio, nei secoli dei secoli. Amen.

Stando ancora inchinato, si batte il petto tre volte:

Domine, non sum dignus, (quin- O Signore, io non son degno (quindi
di sotto voce) ut intres sub tectum sotto voce) che tu venga sotto il mio
meum: sed tantum dic verbo, et sa- tetto; ma d soltanto una parola, e
nabitur anima mea. l'anima mia sar risanata.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 39

Il Sacerdote adora il SS.mo Sacramento con la genu!lessione e dice:

Quid retribuam Domino pro omni- Che render io al Signore per tutti i
bus, qu retribuit mihi? (prende l'O- bene!ici ricevuti da lui? (prende l'Ostia
stia consacrata in mano e dice) Panem consacrata in mano e dice) Prender
clestem accipiam, et nomen Domini il Pane celeste, invocando il nome del
invocabo. (segnandosi con l'Ostia dice) Signore. (segnandosi con l'Ostia dice) Il
Corpus M Domini nostri Jesu Chri- Corpo M del Signore nostro Ges Cri-
sti custodiat animam meam in vitam sto custodisca l'anima mia per la vita
ternam. Amen. eterna. Amen.

Si comunica con il Corpo del Signore e sta alcuni istanti raccolto. In seguito dice:
Quid retribuam Domino pro omnibus, Che render io al Signore per tutti i
qu retribuit mihi? (scopre il Calice, bene!ici ricevuti da lui? (scopre il Ca-
genu!lette, raccoglie con la Patena i lice, genu!lette, raccoglie con la Pate-
frammenti dell'Ostia, e li mette nel Cali- na i frammenti dell'Ostia, e li mette nel
ce, poi dice) Calicem salutaris accipiam, Calice, poi dice) Prender il Calice di
et nomen Domini invocabo. Laudans salute, invocando il nome del Signore.
invocabo Dominum, et ab inimicis meis Invocher il Signore lodandolo, e sar
salvus ero. (segnandosi con il Calice salvo dai miei nemici. (segnandosi con
dice) Prsta, quso, Domine, ut per- il Calice dice) Concedi, ti prego, o Signo-
ceptio Corporis M et Sanguinis Domini re, che la comunione del Corpo M e del
nostri Jesu Christi ad vitam nos perdu- Sangue del Signore nostro Ges Cristo
cat ternam. ci conduca alla vita eterna.

Si comunica devotamente col Sangue del Signore e sta alcuni istanti raccolto.
Quindi il Celebrante si volge ai Fedeli, e levando una sacra Particola dice:

Ecce Agnus Dei, ecce qui tollit pec- Ecco l'Agnello di Dio, ecco colui che
cata mundi. toglie i peccati del mondo.

Il popolo risponde tre volte con questa acclamazione:

Domine, non sum dignus, ut in- O Signore, io non son degno che
tres sub tectum meum: sed tan- tu venga sotto il mio tetto; ma d
tum dic verbo, et sanabitur ani- soltanto una parola, e l'anima
ma mea. mia sar risanata.

Il Sacerdote prima di porgere a ciascun comunicando la sacra Particola,


lo benedice facendo con questa davanti a lui un segno di Croce e dicendo:

Corpus M Christi. Il Corpo M di Cristo.


Amen. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


40 Ordinarium Miss
Si pu ricevere la S. Comunione spirituale recitando la seguente preghiera:

Ges mio, credo che tu sei nel Santissimo Sacramento.


Ti amo sopra ogni cosa e ti desidero nell'anima mia.
Poich ora non posso riceverti sacramentalmente,
vieni almeno spiritualmente nel mio cuore.
si fa' un piccolo momento di adorazione silenziosa.
Come gi venuto io ti abbraccio, e tutto mi unisco a te.
Non permettere che io mi abbia mai a separare da te.

Il Sacerdote, tornato in medio all'Altare per la puri!icazione,


tenendo con la destra il Calice, prega in segreto:

Quod ore sumpsimus, Domine, pura Fa s, o Signore, che comprendiamo


mente capiamus: ut de Corpore et San- con sincera fede ci che abbiamo assa-
guine Domini nostri Jesu Christi !iat porato: il Corpo e il Sangue del Signore
nobis remedium sempiternum. nostro Ges Cristo risulti per noi un ri-
medio di perenne ef!icacia.

Tende il Calice al Chierico perch vi infonda un p di vino che subito


assume; quindi puri!ica i pollici e gl'indici con vino ed acqua;
mentre asciuga le dita dice:

Con!irma hoc, Deus, quod operatus Conferma, o Dio, ci che hai ope-
es in nobis: et dona Ecclesi tu rato in noi, e dona alla tua Chiesa
perpetuam tranquillitatem et pa- pace e tranquillit perpetua.
cem.
Prende l'abluzione, asciuga e copre il Calice. Portatosi al lato dell'epistola recita
il TRANSITORIUM, che nelle S. Messe in canto cantato da tutti.

TRANSITORIUM
(vedi proprio del giorno)

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 41

ORATIO POST COMMUNIONEM


(vedi proprio del giorno)

Il Sacerdote recita una o pi orazioni POST COMMUNIONEM


le quali terminano con: per omnia scula sculorum. Amen.

BENEDICTIO
Il Sacerdote conclusa l'orazione impartisce al popolo tutto
la benedizione del Signore onnipotente.
I Kyrie eleison ripetuti per tre volte sono la tipica forma di congedo del rito ambrosiano.

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.
Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison,
Kyrie eleison. Kyrie eleison.

Bvb vgv gvzvbhv v bvhvzvbhv bvdMv v ] z vbhv zb vhv v b bvgv bgvzvhv vb gvb dMv ] b b
Dmi- nus vo- bis- cum. Et cum spi- ri- tu tu- o.

Bvvhvbvhz b vhvz vhvbvhvz vhvg<v v [vbv hv hv hvb vhvb vhvbvhvuh.,v v{v v v v vbvbz b
Krie- e e- l- ison, Krie- e e- l- ison,

Bvbvgv bgv gvzvgvb vGhbvgbvdmvb b ] bv v v v v v v v v v v v v v v v v v b bv vb


Krie- e e- l- ison.

Benedicat, M et exudiat nos Deus. Dio ci benedica M e ci esaudisca.


Amen. Amen.

Bvzvgbvgbvhbzgv z zbvgvz gvz gvz bgvzgvz bzvfvz b vgv g,v z] vzvfz b vFg,Mv ] b bv v vz v v z
Benedicat, M et exudi- at nos De- us. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


42 Ordinarium Miss
Procedamus cum pace. Andiamo in pace.
In nmine Christi. Nel nome di Cristo.

Bvzv svbgvbgv bgv z bhv vzvb gvbdmv z ] vbdvzvb vgvbvgvbh vz z vb gvz dmv ] v v v v vzb z
Procedamus cum pace. In nmine Christi.

Benedicamus Domino. Benediciamo il Signore.


Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio.

Bvzvdv dv dv dv dv zvsv sv smv v] z vsvbvsv vbvsvbzsvb smv v] v v v v v v vz z


Benedicamus Domino. De-o gr- ti- as.
Il Sacerdote s'inchina profondamente e dice:

Placeat tibi, Deus, obsequium servitu- Ti sia gradito, o Dio, l'omaggio della
tis nostr: et sacri#icium, quod oculis nostra servit, ed il sacri#icio che inde-
tu divin majestatis indignus obtuli, gnamente ho offerto al cospetto della
sit tibi acceptabile, mihique, et omni- tua divina maest, ti sia ben accetto e,
bus, pro quibus illud obtuli, sit, te mi- per tua misericordia, torni propiziato-
serante, propitiabile. Per Christum Do- rio a me ed a tutti quelli per i quali l'ho
minum nostrum. Amen. offerto. Per Cristo Signore. Amen.

Fa un segno di Croce sull'Altare e lo bacia. Si gira verso il popolo e benedicendo dice:

Benedicat, vos omnipotens Deus, Vi benedica Dio onnipotente, Pa-


Pater, M et Filius, et Spiritus san- dre, M e Figlio, e Spirito santo.
ctus. Amen. Amen.

Bvzvgv gv gv gv vbvgv v gvbvgvbgbvgv v z bgb vg,v {v gv gv[v bvgvb vgv gv g,v[b


Benedicat vos omnpotens De- us, Pa- ter, M et Fi- li- us,

Bvzvgv z zvgv gvbvgv vb gb b bz dmv ] v vgvb vg<v b] v v v v v v v v v v v v v vz


et Spi- ri- tus sanctus. Amen.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 43

Il Sacerdote portatosi in Cornu Evangelii proclama l'ultimo vangelo:

Dominus vobiscum. Il Signore sia con voi.


Et cum spiritu tuo. E con il tuo spirito.

Lectio M sancti Evangelii secun- Lettura M del santo Vangelo secon-


dum Joannem. do Giovanni.
Gloria tibi, Domine. Gloria a te, o Signore.
Il Sacerdote prosegue a mani giunte:

In principio erat Verbum et Verbum In principio era il Verbo, il Verbo era


erat apud Deum, et Deus erat Verbum. presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era
Hoc erat in principio apud Deum. Om- in principio presso Dio: tutto stato
nia per ipsum facta sunt, et sine ipso fatto per mezzo di lui, e senza di lui
factum est nihil quod factum est; in niente stato fatto di ci che esiste.
ipso vita erat, et vita erat lux homi- In lui era la vita e la vita era la luce
num; et lux in tenebris lucet, et tene- degli uomini; la luce splende nelle
br eam non comprehenderunt. Fuit tenebre, ma le tenebre non l'hanno
homo missus a Deo cui nomen erat accolta. Venne un uomo mandato da
Joannes. Hic venit in testimonium, ut Dio e il suo nome era Giovanni. Egli
testimonium perhiberet de lumine, ut venne come testimone per rendere
omnes crederent per illum. Non erat testimonianza alla luce, perch tutti
ille lux, sed ut testimonium perhiberet credessero per mezzo di lui. Egli non
de lumine. Erat lux vera qu illuminat era la luce, ma doveva render testi-
omnem hominem venientem in hunc monianza alla luce. Veniva nel mondo
mundum. In mundo erat, et mundus la luce vera, quella che illumina ogni
per ipsum factus est et mundus eum uomo. Egli era nel mondo, e il mondo
non cognovit. In propria venit, et sui fu fatto per mezzo di lui, ma il mon-
eum non receperunt. Quotquot autem do non lo riconobbe. Venne fra la sua
receperunt eum, dedit eis potestatem gente, ma i suoi non l'hanno accolto.
!ilios Dei !ieri; his qui credunt in no- A quanti per l'hanno accolto, ha dato
mine eius, qui non ex sanguinibus, potere di diventare !igli di Dio: a quel-
neque ex voluntate carnis, neque ex li che credono nel suo nome, non da
voluntate viri, sed ex Deo nati sunt. ET sangue, n da volere di carne, n da
VERBUM (intanto si genulette) CARO volere di uomo, ma da Dio sono stati
FACTUM EST et habitavit in nobis; et generati. E IL VERBO (intanto si ge-
vidimus gloriam eius gloriam quasi nulette) SI FECE CARNE e venne ad
unigeniti a Patre, plenum grati et abitare in mezzo a noi; noi vedemmo
veritatis. la sua gloria, gloria come di unigenito
Deo gratias. dal Padre, pieno di grazia e di verit.
Rendiamo grazie a Dio.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
44 Ordinarium Miss

ORDINARI IN CANTO AMBROSIANO


GLORIA IN EXCELSIS DEO
tonus dominicalis

Xzz vbvDfv zfzvb fvzbfvb vrdb vdFgzbvghgvz tfz vf,v ] vbav dv b Fgv bfvbvdv b vfv gv bfb b
Gl- ri- a in ex-cl- sis De- o. Et in terra pax hom- ni-

Xbbvdv b vfv dvb bvgv bhv bf,v vf,v ] v fv b gvbvhvbvf,v [v bgvb vgv bgv b fv b fb
bus bon vo- lunt- tis. Laudmus te. Be- ne- d- ci- mus

Xvzb dz v[vfvbdb v gv hv vf,v ] vb vfv gv hv jv vhv vghgbfgfmv {v b dv fvbgv bv


te. Ado- rmus te. Glo- ri- #i- cmus te. Gr- ti- as

Xzz hvbvgv fv vghgbrdv f,v [v b b dv bfv v fv vfv v vbdv gvbhv vb f,v f,v b ] b
- gimus ti- bi, propter magnam gl- ri- am tu- am.

Xzz vFgbHjb b ygv gHjv bhv g<vb[b bFgv vhv btfv b f,vbv{v bdv fv b bgv bgv bfGhv bhb vbtfb
D- mi- ne De- us, Rex c- l- stis, De- us Pa- ter omn- pot-

Xzf,v b b] vbvFgbHjb b ygv gHjv bhv g<v [bFgv b hvb vgvbvfb vbdvb[vbgv bhv v vbf,v vf,v]
ens. D- mi- ne Fi- li u- ni- g- ni- te, Je- su Chri- ste.

Xzz bFgbHjb b ygv gHjv bhv g<v [vbFgv vhv v tfvbf,vb[b dvb gvb hv vb f,v b f,vbv] b b tfvbv
D- mi- ne De- us, Agnus De- i, F- li- us Pa- tris. Qui

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 45

Xzz vDfvb fv vbgv bgv vfv vbf,v vdMv b[v bfv vdv vgv bhbvb bf,v b f,vbv] b vtfv vb bv
tol- lis pecc- ta mundi, mi- se- r- re no- bis. Qui

XvvDfvb fv vbgv bgv vfv vbf,v vdMv b[v bdv vfv vgv vb gv bfv vgv vdv gv b hv b
tol- lis pecc- ta mundi, ss- ci- pe depre- ca- ti- - nem

Xvzb b f,v b f,vb v ] v v bfvb vFgHjb7b^%v gv bjv b b hb b gvb vfv bv b ghgvrdv b bf,vb [bv
nostram. Qui se- des ad dxte- ram Pa- tris,

Xzz b bzfvb dvb bgvb bhvb bf,v b f,vbv] v b b bdb bvDfvbfv b b gv gvb vfvb bvDfvb vf,v v[v vbv
mi- se- r- re no- bis. Qu- ni- am tu so- lus Sanctus.

Xzz b b gv gv b fvb b bghgvbvfv dMv v{v dv b fv bgv b hv gbvfvbvdvb [b vgv hv b b bf,vb


Tu so- lus D- minus. Tu so- lus Altssimus, Je- su Chri-

Xzz b f,v ] bvtfvb vb vDfvb bvfvb bvgb vfv Dfvb[vbgv b b fgfvbvdvbv3b@!nv [v Dfv gvb bvb
ste Cum M sancto Sp- ri- tu, in gl- ri- a De- i

Xzz bFg$#bs3av vanv b b {v v Dgb$b#v f,v ] v vgvb gvgb bgvb gb bfvb dMv b[v vbgvb gvgv vb
Pa- tris. ** A- men K-ri-e e-l- i-son. K-ri-e

XzzbvfvbGhb gvbgb, b vb{v hv fb fvbGhbjbugvbhjh5$#vb Fgvbfv bsmv v v] v v v v v v v vb


e-l-i-son. K-ri-e e- l- i- son.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


46 Ordinarium Miss

GLORIA IN EXCELSIS DEO


tonus festivus - laus angelorum magna

Bbbz vb hvbvhv hb vhvbvhvbvhvb bvhvb b vh.v g<v ] vb gv bgv b hb b hb b hb b b hb vbjvb hb b


Gl- ri- a in ex-cl- sis De- o. Et in terra pax hom- ni-

Bbbvb bh>v vbhb b hb b b hb b hb b h>v b g.v b] vb b hb b hb b hb b bg<b b [bvbhb b bhb b bhb b hb b bhbv
bus bon vo- lunt- tis. Laudmus te. Be- ne- d- ci- mus

Bvzbvbg<vb{b hb bhb b hb b hb b bg<v ] vb bhb b hb b hb b hb b hbvb bg<v v{b bv gv gv gv bvgbvb


te. Ado- rmus te. Glo- ri- #i- cmus te. Gr- ti- as -

Bzz b gb bgb b bgv 7^%bkbKlb*&bkbHj^%<vb[vb bhv bhb v vbhbv bhv v b jb b hb hv v bh>vb g<v ] b
gimus ti- bi, propter magnam gl- ri- am tu- am.

Bzzb vhv b b hvb b hvb bvhvbg<v bvbhvb vhv b hvb b g<v [vb bhvb hv b bhv bhvb bhvb vhvb vhbvb
D- mi- ne De- us, Rex c- l- stis, De- us Pa- ter omn- pot-

Bzzb g<v b b] v bhvb bvhvb vhvb vhv hvb bvhv b hv b hv bhv g<v bvb jvbvjv b b b b bkv vbvb
ens. D- mi- ne Fi- li u- ni- g- ni- te, Je- su Chri-

Bzz bHj^%bkbKl*&bkbHjb^%,v ] v b hv b b hvb bvhvb vhvbvg<v b bhv b hvb b vhv g<vb vhvbhvb hvbv
ste. D- mi- ne De- us, Agnus De- i, F- li- us

Bzz vh.v b g<v b] v b b hvb hv b hvb vhvbvjv b hv vbgv b7^%bkbKlb*&bkbHj^%<v [v bhvb b hvb b
Pa- tris. Qui tol- lis pecc- ta mundi, mi- se-
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 47

Bvv bhb b hb b bh.vb b g<v v] v v hv bhv b hv vbhv bjv vhv vbgv v7^%bkbKlb*&bkbHj^%<vb[b
r- re no- bis. Qui tol- lis pecc- ta mundi,

Bvzb bhv bhvbvhvb vhv hvb vhvb hvbhvbhvb b bvh.vb vg,v ] vb gb b b hb b b hb b hb b b hb b hb


ssci- pe depre- ca- ti- nem nostram. Qui se- des ad dxte-

Bzz b b hv vb bhvb g,v vb hvb bhvbvhvbvhv bh>vb bg,v v] v bhvb bhvb hv vbvhb b hb b hb b vb
ram Patris, mi- se- r- re no- bis. Quni- am tu so- lus

Bzz b bvh>v vg,v v[v vhv bhv bhv v bhv v bhvbg,v v{v b hv bhv bhv vhvb hvb hb bg,vb vb v
Sanctus. Tu so- lus D- minus. Tu so- lus Altssimus,

Bzzb jv vjv v bkvbvzbHj^%bkbKl*&bkbHjb^%,vb] v bhv b b b bhvb b hv b bhv bhvb h>v b bhv b b b


Je- su Chri- ste Cum M sancto Sp- ri- tu, in

Bzzv uhb bgb hv vb jb b hbv vhv h.v v b[v vhv vb ghgbHjb^%b6b%$#bFgb% b5b$#mv ] v v v b
gl- ri- a De- i Patris. ** A- men

Bzzbvbhvb hb bhvb hb bhb bgvf,v v[v b bhvb bhvhv b vgb vb Hjvb hvb bh.vb b {bvbjv bgvbvb b v
K- ri- e e-l- i-son. K- ri- e e- l- i- son. K- ri-

BzzvgvHjbkbihv bjkjb6b%$v b Ghvb gb b bdmv v v] v v v v v v v v v v v v v v v v vb


e e- l- i- son.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
48 Ordinarium Miss

SYMBOLUM CONSTANTINOPOLITANUM

Bvvbgv bfv bdv vb fb vgv b b vf,v f,v bv] v bgvb gv b gv vfv b gv bhv g<v b[bvbfv b
Cre- do in unum De- um. Patrem omni- po- tntem, fa-

Bvvgvb vgv vbvgv fvb gv bhv bg<v b{v bfb vgv bgv gvbgv bvgvb vgb vgv bgv bgvb fbvb
ct- rem, c- li et terr, vi- si- b- li- um mni- um et invi-

Bvbvgvb hv gvb g<v vb]vbfv gv vgv gv b b bgb vgb gv vb bgv gv b b b vgb vg<v b [vgv
si- b- li- um. Et in unum Dminum, Je- sum Christum, Fi-

Bbb vgv gv b b vgb vgv fv b gvhv gv bg<v vb{bvfv vgv bvbgv gb b vgvbvgvb b gvb gb b
li- um De- i u- nig- ni- tum; et ex Patre na- tum ante

Bvbgvb vfvbgvb vhvb vgv g<v ]vb fvbgv b bvbgvbvgbvgv [vbgv bgv b bgb vgvgv b g<vb{b
mni- a s- cu- la. De- um de De- o, lumen de lmi- ne,

Bvb gvb gv b b b gvbvgv b b b hv bbjvbgvb vh.v bg<v ] v fvbgv g,v v b gv b bgv g<v b[b
De- um ve- rum de De- o ve- ro. Gni- tum, non factum,

Bvb gb vb gv b b gvb gvbgv gv bv gvb g,v {v b gv vbgv b b gv vbfvb gv hv gvbvg,vb b]


consub- stanti- - lem Patri; Per quem mni- a facta sunt.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 49

Bvv vfvb b vgv b bgvb vgv vb gvb gv bgb vbgv v gv bgv vb gv vgv v gv bgv g<v [
Qui pro- pter nos hmi- nes et propter nostram sa- l- tem

Bvv b gv bgv bfb b b gvb hvb bg<vb ]b fv b gb vb gv vb gvb gv b gv b b vgv vb gb b gvb gb b


descndit de c- lis. ET INCARNATUS EST DE SPI-RI-TU

Bvv b gv bv bgv[bgb b b b gvbgvbgb b b gv b gb b g,v{vbhvb bb jv bgv bhv bvbhb b g<vb v] b


SANCTO, EX MARI! A VIRGI!NE ET HOMO FACTUS EST.

Bvv b b fv gv gb gb b gb b gvbgvb b b b gb b bgv bgb b vgv vbgvb gb bfb vbgv hv bg<b b [b b


Cru- ci- fxus - ti- am pro no- bis sub Pnti- o Pi- l- to,

Bvv bgv bhb bjbvb b gb bhb bhvb bg<vb b b] b bfb b b gv bgb b vbgvb gvb bgb bgb bgv b gvbgb [b
passus et sepltus est. Et re- sur- r- xit trti- a di- e

Bvvbgb gv b fvb b b b gb bhb b bg<vb b{b fb b bgvb gb b gvb gvb b gbvgb b [vbgv bgb b gbvb b b
secundum Script- ras. Et ascndit ad clos: sed-et ad

Bvvgb b fb b gv b b hb bg<vb {b fb b gvb gb b gvb b b gvb gbvb gb b gv b b gb b bv gvb gb vg[


dxte- ram Patris. Et - te- rum vent- rus est cum gl- ri- a

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


50 Ordinarium Miss

Bvbgv bgv bgbvb gvb vgv bfv gv v hv gv g<v {vbgv gv vbgb b gv bhvb jv bgv h.vb
ju- di- c- re vi- vos et mrtu- os; cu- jus regni non e- rit !i-

Bvg<v ] vbfvb gv vb bgvbgv bgv v bgv vbgb, v [vbgv gv bgv vbgv b bgv bfvbgb b hb vb
nis. Et in Sp- ri- tum sanctum, Dmi- num et vi- vi- !i- cn-

Bvb bg<v v ]v fv gv vbgb b gb b gb bgb bgb b bfb b b bgb b hb b bg<v v]v fv vb gv v gv b


tem; Qui ex Patre Fi- li- que pro- c- dit. Qui cum Pa-

Bbb vgvb b gv b bgb bgvbgv bgb bgb b bgb bgb bgb b b gv [vbgv vbgb b b gb b fb b gb b hb b bg<vb{
tre et Fi- li- o simul ado- r- tur et conglo- ri- !i- c- tur.

Bvbvbgv gv gvbvgv b hvb jv b b b bgvb vh.v bg<vb v] v fv bgbvgv b b gv b gv vb vb b


Qui loc- tus est per Proph- tas. Et unam, Sanctam,

Bvbgv bgvb gb b gb b b[bgv gvbgv bgvbgv bfb b b gv b hb b gb b g<b b {vb fv gv gv gv bv b


Cath- li- cam, et Apost- li- cam Eccl- si- am. Conf- te- or

Bbb gvbfv vb gv hv vg,v [bgvb vb gv gvbgvbgvbhv vjb b gv bh>v b g<v ] bfvbgv b hb b


unum baptsma in remissi- nem pecca- t- rum. Et expc-

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 51

Bvf<vb[bgvb b gv vb gb gb bgb bgb b b b bfb b gb bhb b bg,v ]vb sv v b bfb b fv v bfv bfb b g
to re- sur- recti- nem mortu- rum. ** Et M vi- tam vent- ri

Bvbygvb fvb f<v [v gb$#@v b sb #b$b#bsmv v] v v v v v v v v v b v v v vb b bv vb b


s- cu- li. A- men.

SANCTUS
tonus ferialis

Xbvb vdFgv bf<v [b vdFgv bf<v b{b vdFgv bf<v b[v hv bgvbfv vb hb bgb b b fv bfb vg<v v]v b
Sanctus, * Sanctus, * Sanctus Dminus De- us S- ba- oth.

Xvb b hvb gb b fbv v bhb gvbhv b uhb g<v [v hvb gb hb b gv f<v {vb vgv bjv vb gb b hb v
Ple- ni sunt cli et terra gl- ri- a tu- a. Ho- sn- na in

Xvzbhv gv vh.v b]vb fb b bgv v vhb b hv v hv vbhb b bhb b gb b bjv vbhb b gb vb b hb bgb
excl- sis. Be- ne- M dctus qui ve- nit in n- mi- ne Dmi-

Xzz b bf<vb{v vgbv bjv b gb b bhv bhv bGh%$#b b f<v v] v v v v v v v v v v v v v vb


ni. Ho- snna in excl- sis.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


52 Ordinarium Miss

SANCTUS
tonus festivus

Bvb bvSfbghgv bg,v b[b vSfbghgv bg,v b{b vSfbghgv bg,v b[vvgHjv hjhv ygv vbHjbihv hvb
San- ctus, * San- ctus, San- ctus, D- mi- nus De- us

Bvv gvbGhv h>v v{vbb jvb bhjhv ghvbvb uhbJkbigbbHjbvb jv b Hjbihvh>v [vb jv bhvbhb b
Sba- oth. Ple- ni sunt c- li et ter- ra gl- ri- a

Bvb hjhbvyg<>v ]vb Hj^%v jkjv bvHkvigv[v bHjb b jv hv b vj>v v]v vb gv vbhv v b b
tu- a. Ho- sn- na in excl- sis. Be- ne- M

Bvbbjv jv v jv vjv vjv jv bjb b jvb bjb bb Hjb8&^%vb hv byg<>v ]vb Hj^%vjkjb bvHkvig[
dctus qui ve- nit in nmi- ne D- mi- ni. Ho- sn- na

Bvb Hjvb jb b Hj^%$vb g<v ] v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v b v


in excl- sis.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 53

ANTIFONE MARIANE
PER L'ANNO LITURGICO

AVE REGINA CLORUM


dalla Nativit della B.V.M. alla Vigilia del S.Natale

Bvb bfv b dvb vsvab svb b fvbgbvf,v b v{vb bhvbkvbvbb jv bgvbhv gvb vfv hvbg<v v {v b v
A- ve Regna clrum, * Ave Dmina Ange- lorum:

Bvvb bfvb dvb svbav bvsvb fvbvgvb fv v{vb hv b b gvb b jv b hvbvgvbvsv b gv f,v v]vbv
Slve rdix, slve prta, Ex qua mundo lux est rta:

Bvv bfvb vgv bhvb hv b gv bhvb b jvbhv {vb vkvb b jvbvhv b gvbvb b bfvb b sv gvf,v]b b
Gude Virgo glo- ri- sa, Su- per mnes spe- ci- sa:

Bbbb jb hb gb bb jv bhv b gvbfhv h.v {b vkv b jvb jKlv hv vb b bhv gv b fvbgbgb vf,vb]
Vle, o valde dec- ra, Et pro n- bis Chrstum ex- ra.

AVE REGINA CLORUM

Ave, Regina dei cieli, ave, Signora degli


Angeli; porta e radice di salvezza, re-
chi nel mondo la luce. Goisci, Vergine
gloriosa, bella fra tutte le donne; salve,
o tutta santa, prega per noi Cristo Si-
gnore.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


54 Ordinarium Miss

ALMA REDEMPTORIS MATER


dal Natale del Signore alla Quaresima

Bvb ba DfbGhvg,v vbgvbgbv vb hv b jv vkvbg,v {v b dv b dv bdbvfvb db sb b dvb fv b hb bg,vb{


Alma * Redempt- ris Mter, qu prvi- a cli prta mnes,

Bvvhv vbkb bjb b bhb b g,bv {vbvbdv bfv bdv bsvbdv bg,b vb{vbvbdv bfv bgv b hbv b bkvbjbv b
et stlla m- ris, succrre cadnti srge- re qui crat

Bvvb lvbkvbk/v b]v bkv b bjv b kvbkv lvbgv{vbkvjvbhv b gv bfv vbdmv {v dv dv b bhvb b
ppulo: Tu qu genu- sti, natra mi- rn- te, t- um Snc-

Bvvbgv v bfvbdv Sdv b r,dmv ]v vkv jv vhvbgv bhv v gvb dv vfv g,v {v bhv bhb kv b
tum Geni- to- rem: Vrgo pri- us ac post- ri- us, Gabri- -

Bvbvbhv gv fvbdv {v bfv bdv vbgvgv vhvbg,v {b vbkv bjvkvbygv vb hv bfv b esvb anbv]
lis ab re smens llud Ave, peccatrum mi- se- r- re.

ALMA REDEMPTORIS MATER SALVE REGINA

O santa Madre del Redentore, porta Salve, o Regina, Madre di misericordia;


dei cieli, stella del mare, soccorri il tuo vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
popolo che anela a risorgere. Tu che A te ricorriamo, noi esuli #igli di Eva: a
accogliendo il saluto dell'Angelo, nello te sospiriamo gementi e piangenti in
stupore di tutto il creato, hai generato questa valle di lacrime. Ors dunque,
il tuo Creatore, Madre sempre Vergine, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli
piet di noi peccatori. occhi tuoi misericordiosi. E mostraci
dopo questo esilio Ges, il frutto bene-
detto del tuo seno. O clemente, o pia, o
dolce Vergine Maria.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 55

SALVE REGINA
dalla Quaresima alla Pasqua (eccettuato il Venerd Santo)

Bvb bvav dv bgvbhb g,v v vbhb kv vb jb b hb b gvbhv bgvb g,v {v bkv gv b hv fbfb bsmv {b
Salve, Regna, * mter mi- se- ricrdi- : V- ta, dulc- do,

Bvvdv v bfv vb gv b dv b esvbanv ] vb gv b bhv vjv bkv bg,v {bhv bjv bkv vb jvbhb gv
et spes nstra, slve. Ad te clammus, xsu- les, f- li- i

Bvv hv g,v ] v kv vbgbv hv b fv sv bdv b{bv dv gv bhv bkv vbhv bgvb{b hv v gv b


Hv. Ad te suspi- rmus, gemntes et #lntes in hac

Bvbfb b dvb svbdv v bsvbanv ] vbgvb hv jv bkv gv vhvbkvjv bhb b b g,vb{b kb gb b b hb b fb


lacrimrum vlle. E- ia ergo, Advocta nstra, llos t- os

Bvbvbsv bdv bfb b gb b fv bhvbgv bgv b fv v dv vbsv vesvanvb] vgv vHjvbkbkv v jv v


mi- se- ri-crdes cu- los ad nos convrte. Et Jsum, be-

Bvbvbgv b hv vgv v vgv bhv v bkb b b jv vhb g,vb{v avbgv b hv v bkb b jv bhvb gbvbdvb
ne- d- ctum frctum vntris t- i, nbis post hoc exs- li- um

Bvbfvb esv vbanvb] bdgv bdbdvanv vb] vgjbijv b ygv g,v ] b kbkbkvg6fv rsvbvDfv gvb {b
ostn- de. O clmens: O p- a: O dlcis *

Bvb ab b fv b dv b wab banv ] v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v v vb b b


Virgo Ma- ri- a
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
56 Ordinarium Miss

REGINA CLI
dalla Domenica di Pasqua all'Ottava di Pentecoste inclusa

Bvb bvbfvbgvfv bgvbh.v bb jb hvbgvbb jvb hb b gb bf,v b{v b fvbkv b kv v v b lv bkb bjvh
Regina cli * ltre, alle- l- ia: Qui- a quem me- ru- sti

Bvv bfv gvbhvbb jvb hb b gb bf,v ]v bkvbkv blb kv b kb b fb v b gvfv bgvbhb bb jbvbk?v v{v
portre, alle- l- ia: Resurrxit, sic- ut dixit, alle- l- ia:

Bvvkvbfb b b gvbb jvb vbhb b vbgb bf,v vb dvbgv bgbgvbvf<v v] v v v v v v v v v v vb b


Ora pro n- bis D- um, alle- l- ia.

= Gaude et ltare, Virgo Maria, alleluia. = Rallegrati ed esulta, Vergine Maria, alleluia.
+ Quia surrexit Dominus vere, alleluia. + Il Signore veramente risorto, alleluia.

Oremus: Preghiamo:
Deus, qui per resurrectionem Filii tui Do- O Dio, che nella gloriosa risurrezione del
mini nostri Iesu Christi mundum lti#icare tuo Figlio e nostro Signore Ges Cristo, hai
dignatus es, prsta, qusumus, ut per eius ridato la gioia al mondo intero, per inter-
Genetricem Virginem Mariam perpetu cessione di Maria Vergine, concedi a noi di
capiamus gaudia vit. Per Christum Domi- godere la gioia della vita senza #ine. Per Cri-
num nostrum. Amen. sto nostro Signore. Amen.

REGINA CLI INVIOLATA

Regina dei cieli, rallegrati, alleluia: Inviolata, integra e casta sei tu, o Maria:
Cristo, che hai portato nel grembo, che sei diventata fulgida porta del cie-
alleluia, risorto, come aveva promes- lo. O benevola Madre, di Cristo diletta:
so, alleluia. Prega il Signore per noi, accogli i pii cantici di lode. Adesso con
alleluia. cuori devoti domandiamo, e tu prega,
che siano puri i nostri animi e membra.
Per le tue dolcissime preghiere ottieni-
ci perdono nei secoli. O amorevole! O
Regina! O Maria! Che sola ti conserva-
sti inviolata.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Ordinarium Miss 57

INVIOLATA
dalla I Domenica dopo Pentecoste alla Nativit della B.V.M. esclusa

Cvb bfv bgb fb b fb b hvb(vfv hv)bjvb b hb b gv hv vgv fvb bgb b v b fv bgvb h.v v] v b b b
1. Invi- o- l- ta, n-tegra et casta es, Ma- r- a.
2. Qu es ef- fcta fl- gi-da c- li porta.

Cvb bvbhv b gvb fv b gb b bfv v vfv b hv b kvb jvb gvb h.vb ] b b fv vbfv bv hv vjv b hv
3. O Ma- ter alma Chri- sti ca-rssima. 5. Nostra ut pu- ra
4. Ss-ci- pe pi- a laudum prc-ni- a. 6. Te nunc $l- gi- tant

Cvb bvbhv bgvb fv bgb b b gv vhv b gv bf,b b] b b fvb fv b hv vb jv bhv bgv (vbhvb gvb fb)
5. pcto- ra sint et crpo- ra. 7. Tu- a per pre- c- ta
6. de-v -ta cor-da et o- ra 8. No- bis conc- das v-ni-am

Cvb bvbhv vbkv jvb h.v b] vb b bGhv b 7b^%vb f,b vb ] b v b b fv bgv bhvb hv bjb bhb b bgvb b
7. dul- cssima. 9. O be- n- gna! 12. Qu so- la invi- o- l-
8. per scu- la 10. O Re- gi- na!
11. O Ma- ri- a!

Cvb bv5b$b#v b Ghv vghgv Fg6b%b$bgv vtfm,v v] v v v v v v v v v v v v v v b b b b b


ta perman- s- sti.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


58 Ordinarium Miss

PRECES JUSSU PAP LEONIS XIII


pro conversione peccatorum, pro libertate et exaltatione Sanct Matris Ecclesi
in omnibus orbis Ecclesiis post privat Miss celebrationem !lexis genibus recitand
(Indulg. 300 dies)
Preghiere da recitare in ginocchio dopo la celebrazione privata della Messa, in tutte le chiese.

Il Sacerdote recita tre volte con i fedeli:

I. Ave Maria, gratia plena, Dominus I. Ave, o Maria, piena di grazia, il Si-
tecum, benedicta tu in mulieribus gnore con te. Tu sei benedetta fra
et benedictus fructus ventris tui: le donne e benedetto il frutto del
Jesus. tuo seno, Ges.
Sancta Maria, Mater Dei, ora pro Santa Maria, Madre di Dio, prega
nobis peccatoribus, nunc, et in per noi peccatori, adesso e nell'o-
hora mortis nostr. Amen. ra della nostra morte. Amen.

II. Ave Maria, gratia plena, Dominus II. Ave, o Maria, piena di grazia, il Si-
tecum, benedicta tu in mulieribus gnore con te. Tu sei benedetta fra
et benedictus fructus ventris tui: le donne e benedetto il frutto del
Jesus. tuo seno, Ges.
Sancta Maria, Mater Dei, ora pro Santa Maria, Madre di Dio, prega
nobis peccatoribus, nunc, et in per noi peccatori, adesso e nell'o-
hora mortis nostr. Amen. ra della nostra morte. Amen.

III. Ave Maria, gratia plena, Dominus III. Ave, o Maria, piena di grazia, il
tecum, benedicta tu in mulieribus Signore con te, tu sei benedetta
et benedictus fructus ventris tui: fra le donne, e benedetto il frutto
Jesus. del tuo seno, Ges.
Sancta Maria, Mater Dei, ora Santa Maria, Madre di Dio, prega
pro nobis peccatoribus, nunc, per noi peccatori, adesso e nell'o-
et in hora mortis nostr. Amen. ra della nostra morte. Amen.

Salve Regina, Mater misericordi, Salve, Regina, Madre di misericor-


vita, dulcedo et spes nostra: salve. dia, vita, dolcezza e speranza no-
Ad te clamamus exules, !ilii Hev. stra, salve. A te ricorriamo, esuli
Ad te suspiramus, gementes, et !igli di Eva; a te sospiriamo gementi
!lentes in hac lacrymarum valle. e piangenti in questa valle di lacri-
Eia ergo advocata nostra, illos tuos me. Ors dunque, avvocata nostra,
misericordes oculos ad nos conver- rivolgi a noi quegli occhi tuoi mise-
te. Et Jesum benedictum fructum ricordiosi. E mostraci dopo questo
ventris tui, nobis post hoc exsilium esilio, Ges, il frutto benedetto del
ostende. O clemens, o pia, o dulcis tuo seno. O clemente, o pia, o dolce
Virgo Maria. Vergine Maria.
collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi
Ordinarium Miss 59

Ora pro nobis sancta Dei Genitrix. Prega per noi santa Madre di Dio.
Ut digni eficiamur promissioni- Perch siamo resi degni delle
bus Christi. promesse di Cristo.

Oremus. Preghiamo.
Deus refugium nostrum et virtus, Dio, nostro rifugio e forza, guarda
populum ad te clamantem propi- propizio il popolo che ti invoca, e
tius respice; et intercedente glo- per intercessione della gloriosa e
riosa et immaculata Virgine Dei immacolata Vergine Maria, Madre
Genitrice Maria cum beato Joseph di Dio, san Giuseppe suo Sposo,
ejus Sponso, ac beatis Aposto- dei santi Apostoli Pietro e Paolo,
lis tuis Petro et Paulo et omnibus e tutti i Santi, esaudisci, benigno e
Sanctis, quas pro conversione misericordioso, le preghiere
peccatorum, pro libertate et exal- che abbiamo effuso per la con-
tatione sanct Matris Ecclesi, versione dei peccatori e per
preces effundimus, misericors la libert ed esaltazione della
et benignus exaudi. Per eumdem santa Madre Chiesa. Te lo chie-
Christum Dominum nostrum. diamo per Cristo nostro Signore.
Amen. Amen.

Sancte Michl Archangele, defen- San Michele Arcangelo, difendici


de nos in prlio; contra nequitiam nella battaglia, contro le insidie e
et insidias diaboli esto prsidium. la malvagit del demonio sii nostra
Imperet illi Deus; supplices de- protezione: lo chiediamo supplici
precamur: tuque, Princeps militi che il Signore comandi. E tu, Prin-
clestis, Satanam aliosque spiri- cipe della milizia celeste, con la
tus malignos, qui ad perditionem potenza che viene da Dio, ricaccia
animarum pervagantur in mundo, nell'inferno Satana e gli altri spiriti
divina virtute in infernum detrude. maligni, che si aggirano per il mon-
Amen. do a perdizione delle anime.
Amen.

Il Sacerdote insieme al popolo recita tre volte

Cor Jesu Sacratissimum, Cuore Sacratissimo di Ges,


miserere nobis. abbi piet di noi.

Il Sacerdote terminate le preghiere di ringraziamento ritorna in Sacrestia.

collegium liturgicum sancti ambrosii episcopi


Sussidio liturgico a uso dei fedeli.
Edizione fuori commercio.

Collegium Liturgicum Sancti Ambrosii Episcopi


gggggggggg
www.ambrosianeum.net
www.ambrosianeum.com