Sei sulla pagina 1di 1

SCOPERTA

/

ricercatori

della

nostra

Università

nel

gruppo

che

ne

ha

rilevato

lo

scontro

-

URBINO-

LE

ONDE

gravitazionali

sono

ormai

un'entità

rilevabile:

il

segnale

di

una

di

esse,

prodotta

dalla

coalescenza

di

due

buchi

neri

di

masse

stellari,

è

stato

misurato

dai

due

rilevatori

di

Ligo

(Laser

Interferome-

ter

Gravitational-

Wave

Observatory),

collocati

a

Livingston

(Louisiana)

e

a

Hanford

(Washington)

oltre

che

dal

rivelatore

Virgo,

situato

£-

lo

European

Gravitational

Observatory

(Ego)

di

Cascina,

vicino

a

Pisa.

L'OSSERVAZIONE

dei

tre

rilevatori

è

stata

registrata

il

14

agosto

2017

alle

10,30.

Le

onde

gravitazionali

-

"increspature

del

"tessuto

dello

spazio-tempo

-

sono

state

emesse

durante

i

momenti

finali

della

fusione

di

due

buchi

neri,

con

masse

rispettivamente

di

circa

31

e

25

volte

la

massa

del

Sole

e

distanti

circa

1,8

miliardi

di

anni

luce.

Il

buco

nero

così

prodotto

ha

una

massa

circa

53

volte

quella

del

nostro

Sole.

CIÒ

SIGNIFICA

che,

durante

la

coalescenza,

circa

3

masse

solari

sono

state

convertite

in

energia

sotto

forma

di

onde

gravitazionali.

Si

tratta

della

quarta

rivelazione

di

onde

gravitazionali

prodotte

dalla

fusione

di

un

sistema

binario

di

buchi

neri,

e

la

novità

è

che

si

tratta

del

primo

segnale

di

onda

gravitazionale

registrato

dal

rivelatore

Virgo,

che

vede

la

partecipazione

al

progetto

delPUniversità

degli

Studi

di

Urbino,

con

ruoli

chiave

nella

costruzione

dello

strumento,

in

particolare

delle

sospensioni

monolitiche

che

serviranno

a

ridurre

ulteriormente

il

rumore

termico,

nell'analisi

dati

per

la

ricerca

dei

segnali

da

binarie

coalescenti

e

nella

ricerca

di

coincidenze

con

segnali

elettromagnetici.

Il

ruolo

chiave

del

gruppo

Virgo

di

Urbino

è

testimoniato

dal

fatto

che

il

professor

Gianluca

Guidi,

del

Dipartimento

di

Scienze

Pure

e

Applicate,

ha

guidato

il

gruppo

che

ha

scritto

1

articolo

sulla

scoperta:

«Grazie

all'uso

simultaneo

di

tre

osservatori,

la

posizione

della

sorgente

è

stata

localizzata

dieci

volte

meglio

di

quanto

possibile

usando

solo

i

due

rivelatori

Ligo»

ha

commentato

il

professor

Guidi

«e

grazie

alla

diversa

orientazione

di

Virgo

rispetto

ai

Ligo

è

stato

possibile

per

la

prima

volta

verificare

che

l'onda

gravitazionale

è

polarizzata

in

modo

diverso

da

un'onda

elettromagnetica,

come

previsto

da

Einstein».

Virgo

conta

280

fisici

e

ingegneri

di

20

gruppi

di

ricerca

europei:

otto

delPInfh

in

Italia;

sei

del

Cnrs

in

Francia;

due

nei

Paesi

Bassi

con

Nikhef;

il

Mta

Wigner

Rcp

in

Ungheria;

il

gruppo

Polgraw

in

Polonia;

l'Università

di

Valencia

in

Spagna

ed

Ego,

il

laboratorio

che

ospita

il

rivelatore

Virgo

in

Italia.

Tutte

le

informazioni

sull'attività

di

Urbino

su:

http://virgo.uniurb.it

SCIENZIATO

A

lato,

Gianluca

Guidi

del

Gruppo

Virgo

Il Resto Il Resto Tipo Tipo media: media: Publication Publication date: date: Pagina: Pagina:
Il Resto
Il
Resto
Tipo Tipo media: media:
Publication Publication
date: date:
Pagina: Pagina:

PAESE :Italia

Pesaro Pesaro

del del Carlino Carlino

(ITA) - it

(ITA)

55

- it

Stampa Stampa

%

PAGINE :41,

SUPERFICIE :0

locale locale

28.09.2017

28.09.2017

41, 41, 55 55

: 0 locale locale 28.09.2017 28.09.2017 41, 41, 55 55 28 settembre 2017 - Edizione Pesaro

28 settembre 2017 - Edizione Pesaro

AUTORE :N.D.

Tiratura: Tiratura:

Diffusione: Diffusione:

Spread: Spread:

Readership: Readership:

11.723

11.723

7.693

7.693

73.113 73.113

Readership: 11.723 11.723 7.693 7.693 73.113 73.113 Print Print SCOPERTA collasso buchi neri: Urbino

Print

Print

SCOPERTA collasso buchi neri: Urbino 'aii ricercatori della nostra Universitànel gruppocheneha rilevatolo
SCOPERTA
collasso
buchi neri:
Urbino
'aii
ricercatori della nostra Universitànel gruppocheneha rilevatolo scontro
gravitazionali sono or-
riormente il rumore termico,
rilevabile: il segnale
nell'analisi dati per laricerca dei se-
esse,prodotta dalla coale-
gnali da binarie coalescenti e nella
buchi neri di masse ricerca di coincidenze con segnali
stato misurato dai dueri-
elettromagnetici. Il ruolo chiave
Ligo (Laser Interferome-
del gruppo Virgo di Urbino
ètesti-
Gravitational-WaveObservatoìy), moniato dal fatto che il professor
Livingston (Louisiana)
Gianluca Guidi, del Dipartimento
(Washington)
oltre
di ScienzePuree Applicate, ha gui-
rivelatore Virgo, situato al-
dato il gruppo che ha scritto l'arti-
Gravitational Observato-
colo sulla scoperta:«Grazieall'uso
Cascina,vicino a Pisa.
simultaneo di tre osservatori,la po-
L'OSSERVAZIONE
dei tre ne-
sizionedella sorgenteèstatalocaliz-
registrata il 14 agosto
zata dieci volte meglio di quanto
10,30.Le ondegravitazio-
possibile usandosolo i duerivelato-
\increspature\ del \tessuto\
ri Ligo» ha commentato il profes-
-tempo -
sono state
sor Guidi
«e grazie alla diversa
durante i momenti fmali
orientazione di Virgo rispettosi Li-
di duebuchi neri, con
goè stato possibileper la prima vol-
rispettivamente di circa 31 e
ta verificare che l'onda gravitazio-
massadel Sole e distanti
nale è polarizzata m modo diverso
miliardi di anni luce. Il bu-
da un'onda elettromagnetica,come
prodotto ha una matta
previsto da Emsteini. Virgo conta
quella del nostro So-
280 fisici e ingegneri di 20 gruppi
di ricerca europei: Ottodell'Infn in
Italia; sei del Cnn in Francia; due
SIGNIFICA che, durante la
nei Paesi Bassicon Nikhef; il Mta
circa 3 massesolari so-
Wigner Rcp in Ungheria; il grup-
convertite in energiasotto
po
Polgraw in Polonia; l'Universi-
onde gravitazionali. Si
quarta rivelazionedi on-
di Valencia in Spagnaed Ego, il
laboratorio che ospita il rivelatore
gravitazionali prodotte dalla fu-
sistema binano di bu-
Virgo in Italia. Tutte leinformazio-
ni sull'attività di Urbino su:
novità è che si tratta
http://virgo.uniurb.it
segnaledi onda gravita-
registrato dalrivelatore Vir-
la partecipazione al
dell'Università degli Stu-
con ruoli chiave nella
dello strumento, in par-
sospensionimonoliti-
serviranno a ridurre
;
SCIEN-
ZIATO
A lato,
Gianiuca
Guidi del
Gruppo
Virgo

Anche Urbino tra i duebuchi neri collassafi

ZIATO A lato, Gianiuca Guidi del Gruppo Virgo Anche Urbino tra i duebuchi neri collassafi Tutti

Tutti i diritti riservati