Sei sulla pagina 1di 3

Claudia Bortolato per D- la Repubblica

PEPERONCINO
PEPERONCINO

Per mantenere una vita sessuale soddisfacente, meglio curare (anche) la dieta. Il
consiglio, che pare rimandare alle atmosfere libertine del '700, torna d' attualit
grazie a ricerche scientifiche che attestano i benefici sulla sessualit di
determinati cibi, o, meglio, del loro contenuto di vitamine antiossidanti,
aminoacidi, fitormoni e altre sostanze.

Un recente studio delle Universit di Harvard e dell' East-Anglia, pubblicato sull'


American Journal of Clinical Nutrition, ha scoperto che inserire nel menu
settimanale alcune porzioni di mirtilli, di uva (e un bicchiere di vino rosso), di
ciliegie, more e ravanelli, accompagnate da spremute di agrumi (o dai frutti
interi), eleva il contenuto di antociani e flavonoidi (potenti antiossidanti) e
riduce del 14% il rischio di disfunzione erettile.

Le "affinit elettive" tra cibi e sessualit sono state evidenziate pure dal
quotidiano britannico The Telegraph, che ha appena indicato in un lungo articolo
gli alimenti pi "afrodisiaci".

Il sedano stimolerebbe l' androsterone, un androgeno che, liberato attraverso il


sudore, agirebbe da potente feromone (eccitatore-attrattivo), spinaci e basilico,
ricchi di magnesio, ridurrebbero l' infiammazione dei vasi sanguigni sortendo cos
un blando "effetto Viagra". In pi, i folati degli spinaci contribuirebbero a
regolare l' attivit degli ormoni, con positive ricadute anche su quelli sessuali
(e benefici per la componente fisiologica del desiderio). La cicoria, invece,
contiene androstenedione, che partecipa alla sintesi del testosterone androgeno e
degli estrogeni estrone ed estradiolo.

EROS A TAVOLA
EROS A TAVOLA

Hanno effetti blandamente "afrodisiaci" anche le mandorle, ricche di antiossidanti


e acidi grassi Omega 3, 6 e 12, e l' anguria, per il licopene, il betacarotene e
soprattutto l' L-citrullina.

Quest' ultimo un aminoacido che, assimilato, si converte in L-arginina; la quale,


stimolando la produzione di ossido nitrico, ha un effetto paragonabile a quello
della "pillola blu" sui corpi cavernosi del pene, spiega Vincenzo Mirone, docente
di urologia all' Universit degli Studi di Napoli Federico II e segretario generale
della Societ italiana di urologia (siu.it).

Che aggiun Gli asparagi, date le alte percentuali di vitamina E, stimolano la


secrezione di ormoni maschili, potenziando indirettamente la funzione sessuale e la
fertilit. Si consigliano rispettivamente 30 grammi a giorni alterni di mandorle e
300-350 grammi a settimana di asparagi.

ZENZERO & PEPERONCINO Sessualit "in forma" anche con lo zenzero, utilizzato dalla
medicina cinese tradizionale per trattare l' impotenza. Una capacit che, dice la
moderna ricerca, troverebbe una ragione d' essere nel contenuto di vari
antiossidanti; soprattutto d' olio essenziale di zingiberene, che stimolerebbe la
circolazione sanguigna nell' organo sessuale maschile. Meglio non superare i 15 gr
al giorno, per, per evitare disturbi gastrici. Inoltre, poich ha blandi effetti
coagulanti, non consigliato in gravidanza o se si assumono farmaci con tali
principi attivi, avverte Mirone.

CIOCCOLATO
CIOCCOLATO

ANALOGHE LE PROPRIET DEL PEPERONCINO. La ricchezza di antiossidanti, in


particolare di vitamina C, e di lecitina, acido grasso insaturo dalle propriet
vasodilatatrici, migliora l' irrorazione sanguigna periferica, con benefici sia per
la lubrificazione sessuale femminile, sia per l' erezione maschile. Ci si fermi a
una dose una tantum, meglio la sera, perch, dimostrato, l' eccesso pu
infiammare la prostata e favorire l' eiaculazione precoce.

OSTRICHE & CIOCCOLATO Sebbene parecchi studiosi continuino a "bocciare" i cibi


afrodisiaci pi noti, banane, avocado, fichi, ostriche, cioccolato, riconoscendo
loro solo un effetto placebo, altri, possibilisti, ne evidenziano propriet
benefiche per quanto indirette. Le ostriche apportano zinco, minerale
indispensabile per la sintesi degli ormoni sessuali, in particolare del
testosterone.

Del cacao non vanno sottovalutate le alte concentrazioni di polifenoli


antiossidanti, che contribuiscono alla funzionalit sessuale, e di serotonina e
altri neuromediatori chimici, come le amine biogene, che modulano anche il
desiderio", ricorda Mirone.

OSTRICHE
OSTRICHE

CARBOIDRATI & ORMONI Il testosterone, il principale ormone maschile, secreto, in


percentuali minori, anche nell' organismo femminile (circa 50 volte in meno).
Nella donna ha un ruolo fondamentale nello stimolare il desiderio e, a livello
organico, nel regolare la lubrificazione vaginale.

In entrambi i sessi il testosterone si avvantaggia di un maggior introito di


aminoacidi nella dieta, portando l' apporto proteico (pesce, carni magre, legumi
associati a verdure) a circa 0,75 g per kg di peso corporeo, suggerisce Ascanio
Polimeni, medico esperto in psiconeuroendocrinoimmunologia e antiaging, presidente
di Regenera Research Group (regeneragroup.it).

Parlando al femminile: gli estrogeni sono coinvolti nella produzione delle beta-
endorfine, che condizionano positivamente pure la libido. I cibi che sostengono la
secrezione degli estrogeni sono quelli ricchi di vitamina B6, spinaci, piselli,
pesce, carni magre, yogurt, legumi, dice Polimeni. Per maschi e femmine,
fondamentale il ruolo rivestito anche dal DHEA, che sintetizzato dalle ghiandole
surrenali a partire dal colesterolo ed un precursore della sintesi degli ormoni
sessuali testosterone, estrogeni e progesterone.

INFUSO DI ZENZERO
INFUSO DI ZENZERO

Se ne mantiene un' equilibrata produzione con un menu ricco di frutta, verdura,


carne, uova e pesce, e povero, se non privo, di alcolici, caffeina, dolci,
farinacei, consiglia Polimeni. Pi in generale, gli ormoni, inclusi quelli che
sostengono il desiderio, ricevono benefici da una dieta che privilegia i
carboidrati complessi (farro, riso, pasta, a rilascio pi lento di zuccheri).
Meglio i cibi bio: le sostanze chimiche utilizzate nelle agricolture tradizionali
turbano la produzione di vari ormoni.

I NEMICI? ZUCCHERO & SALE Lo stile alimentare errato favorisce malattie che
condizionano anche il desiderio e la funzionalit degli organi sessuali,
soprattutto maschili. Alti valori di grassi e zuccheri nel sangue sono co-fattori
scatenanti delle dislipidemie del diabete, e l' eccessivo consumo di sale favorisce
l' ipertensione: ovvero malattie e condizioni che, dimostrato, si associano a
difficolt di erezione. Oltre a essere fattori di rischio cardiovascolare, ricorda
Mirone.