Sei sulla pagina 1di 4

DIFFIDA DELLE

no 3, anno 5
Aprile 2017 IMITAZIONI!

Libero volantino a cura del Collettivo 10 Maggio di Picerno (PZ)

<< Cari compagni, ora tocca a noi. Andiamo a raggiungere gli altri gloriosi
compagni caduti per la salvezza e la gloria d'Italia. Voi sapete il compito
che vi tocca. Io muoio, ma l'idea vivr nel futuro, luminosa, grande e
bella. Siamo alla fine di tutti i mali. Questi giorni sono come gli ultimi
giorni di vita di un grosso mostro che vuol fare pi vittime possibile. >>
(LETTERA DEL PARTIGIANO MIRKO DESTINATO ALLA MORTE, 04/05/1944)

NAPOLI, la POPOLAZIONE caccia il


nazi-fascismo!
Quando si parla di PARTIGIANI in allinvasore tedesco in quattro
Italia si fa riferimento ai combat- giornate, dal 27 settembre (1943),
tenti che, pi o meno contempora- giorno in cui iniziarono gli scontri IN QUESTO
neamente allarmistizio di Cassibile, dopo che 8.000 abitanti furono
si adoperarono in tutta la penisola catturati in una retata tedesca, al
NUMERO:
per porre fine al regime e cacciare 30 dello stesso mese quando i
Napoli, la popolazione
linvasore. Troppo spesso per ci tedeschi iniziarono lo sgombero
caccia il nazi-fascismo
si dimentica che anche al Sud ci della citt e permisero agli alleati
furono dei focolai di resistenza, di trovare una citt LIBERA, stanca,
DONNE, protagoniste
seppur differentemente dal resto stremata da venti anni di regime e
della resistenza
dItalia date le condizioni socio- sfruttamenti, decimata e con intere
economiche differenti e per la zone rase al suolo, ma LIBERA!
Le conseguenze
storia che propria del meridione. Bisogna parlare delle Quattro
dellAmnistia Togliatti
Fatto sta che mentre ci accingiamo Giornate di Napoli perch
a festeggiare la Liberazione nella evidente pi che mai la natura di
Scopri il disegno, colora
ricorrenza del 25 aprile 1945, resistenza civile e popolare e il
la figura
quando gli Alleati arrivarono a concreto e nobile esempio di dife-
Napoli il 1 ottobre 1943 trovarono sa sociale per mezzo di sabotaggi
Partecipa, discuti, lotta!
la citt gi liberata dai nazifascisti, (il rifiuto della militarizzazione del-
cacciati dalla popolazione, stanca la vita civile, rifiuto del lavoro for-
delloppressione fascista ma anche zato e la creazione di organismi
delle morti degli stermini ad opera paralleli) e scontri armati con gran-
di tedeschi e di quelle dovute ai di sacrifici umani, grazie ai quali
bombardamenti degli stessi Alleati un'intera citt seppe liberarsi da
che da tre anni oramai mietevano sola dall'occupante. E questa la
vittime, edifici storici ed interi storia Partigiana di Napoli che sen-
quartieri. Furono questi i motivi za dubbi si rispecchia nella storia
che indussero i cittadini di Napoli odierna di una citt che rigetta i
a ribellarsi, per primi in Italia e rigurgiti nazifascisti abbraccian-
senza laiuto degli Alleati n tanto- do laccoglienza, che favorisce so-
meno dei militari italiani lasciati vranit popolare e diritto al lavoro
allo sbando dopo larmistizio, a ci e si presta come alternativa socia-
che restava del regime fascista e le, economica e politica.
DONNE, protagoniste della resistenza!

Durante la Resistenza partigia- tate a difendersi, ammantate di una questione di necessit, una
na, i ruoli ricoperti dalle donne paura attraversavano, a piedi o situazione dove era giusto col-
furono di fondamentale impor- in bicicletta, la montagna insi- laborare per una causa che toc-
tanza. La prima Brigata di don- diata dai pericoli del monte alla cava tutti, indifferentemente
ne combattenti sorse in Pie- quale si aggiungevano quelli dal sesso : in qualche modo
monte verso la met del 44, delle ronde e delle vedette fa- consapevoli che lemancipazio-
chiamata Brigata Garibaldina, sciste pronti a sparare alle ne femminile non era una que-
ne seguirono altre, quali la GAP spalle o peggio ancora alla cat- stione di genere ma di classe.
e la SAP, alle quali presero par- tura e alla tortura. Tra le tante La Resistenza Taciuta continua
te molte donne. Durante la resi- donne che ricoprivano questo ancora oggi: altre donne hanno
stenza, nacquero giornali fem- importante ruolo, da ricorda- scelto di imbracciare le armi
minili, qui si potevano leggere re Carla Capponi, una delle contro l'oppressione del terro-
tra i vari titoli anche staffette che rientrava nel rismo islamico, le donne curde.
noi siamo scese in campo op- gruppo della resistenza roma- Nel silenzio cercano di liberare
pure tutte le donne hanno na, alla quale i suoi grandi sfor- il loro Paese da una violenza
preso il loro posto in battaglia. zi sono stati premiati con la che sta colpendo pian piano
La crescita del ruolo politico consegna della medaglia doro tutto il mondo; appartengono
della donna nella resistenza, fu al valor militare, la donna in ad un'organizzazione creata
ampliato dai GDD ( gruppi di questione si spenta nel 2000. per garantire l'autonomia del
difesa delle donne) cio un Come lei, altre 18 sono state Kurdistan siriano dinanzi al
gruppo alla quale facevano par- riconosciute e premiate con regime di Assad e all'Isis, la
te donne di qualsiasi cultura, medaglia doro a valor militare, Ypg. Insieme ai loro uomini
religione e ceto sociale, che si ma le donne partigiane che hanno abbandonato tutta la
univano e lottavano per la li- operavano come combattenti loro vita per combattere i loro
bert e la giustizia. Perch partecipando alla resistenza, nemici comuni e per sostenere
quindi il ruolo ricoperto dalle sono state oltre 35.000, delle la causa del popolo curdo: si
donne stato di fondamentale quali ( un numero stimato ) stima che le donne facente par-
importanza? Esse sostituirono 4563 arrestate, torturate e con- te dell'Unit di Protezione Cur-
gli uomini nel mondo economi- dannate dai tribunali fascisti. da siano diecimila, ossia un ter-
co - produttivo dovendo pren- Tra le donne sopravvissute, la zo dei combattenti. Hasrad
dere il loro posto nelle fabbri- maggior parte di loro stata una donna curda, orgogliosa di
che, ove organizzavano rivolte dimenticata, finita la guerra quello che sta facendo per il
e manifestazioni contro il regi- sono ritornate nelle loro case, suo popolo, che dichiara: sono
me fascista, e non solo, curava- hanno ripreso i loro lavori do- fiera di lottare contro il terrori-
no e accudivano i feriti che fa- mestici e hanno continuato la smo, contro uomini che stupra-
cevano rientro dal fronte, orga- loro vita rimanendo per molti no e vendono donne. Saremmo
nizzavano propagande antifa- nellanonimato. Questa una capaci di suicidarci per non di-
scista, raccoglievano fondi per resistenza taciuta, dato che per ventare schiave. Qui non sono
assistere i partigiani e parteci- decenni il contributo delle don- libera ma lotto e resisto per
pavano attivamente e politica- ne alla resistenza non mai esserlo. In un reportage della
mente alle riunioni e alle azioni stato adeguatamente ricono- Bbc, la ventenne Pervin Agri, ha
da loro organizzate. Tra i mol- sciuto, ricoprendo sempre un raccontato: Prima di Kobane la
teplici ruoli gi riportati, quello ruolo secondario, che riportava gente non credeva nelle donne.
pi diffuso e pericoloso era la una visione in cui anche la lotta Pensavano che fossimo inutili
Staffetta: donne e ragazzine, di liberazione veniva nella guerra contro Isis. Invece
con lo scopo di raggiungere i declinata al maschile, ma le vincendo abbiamo dimostrato
partigiani per mantenere i con- donne utilizzando le armi alle- che non cos. Le donne lotta-
tatti tra loro e le famiglie e per poca, invasero un mondo pret- no e proteggono.
portare messaggi importanti, tamente maschile e non lo fece-
[ continua a pag 3]
disarmate e quindi impossibili- ro per sentirsi importanti, fu
[continua da pagina 2] menticate sotto l'enorme peso biamento. Si sono armate fino
Le donne daranno vita ad una della societ di oggi. Si tratta ai denti per garantire la loro
nuova generazione a Rojava di donne degne di medaglie al sicurezza e quella dei cittadi-
valore e di riconoscimenti per- ni, gettando le basi per co-
(Kurdistan siriano). Il fine di
ch hanno scelto di non rima- struire un nuovo orizzonte
queste donne non si limita
nere imprigionate, in silenzio, politico radicato nellugua-
solo alla sconfitta dei regimi
fondamentalisti e dell'Isis, lo- nelle catene di una sistema glianza, nella libert e nella
ro vogliono ricostruire una che ha annientato la libert giustizia, valori minacciati
civile e soprattutto quella del- tanto dai fondamentalismi
societ nuova con il recupero
le donne. Hanno deciso di di- quanto dalloccidente neolibe-
delle radici tradizionali, da
ventare protagoniste del cam- rista.
troppo tempo ormai quasi di-

Le conseguenze dellAmnistia
Togliatti
Le ombre del provvedimento varato per chiudere i conti con
i reati del regime fascista

Il 22 giugno 1946 Palmiro il ghiaccio con quei settori seguente istanza perch siamo
Togliatti firma lamnistia per i della societ italiana che ave- certi che ci comprender essendo
detenuti politici, un provvedi- vano servito il regime. un comunista come noi, Lei si-
mento di quelli epocali. In gnor Ministro ha fatto scarcerare
tutti i fascisti con delitti sulle loro
quei drammatici anni di rico- Si calcola che tra lamnistia e il coscienze, gente che sicuramente
struzione post bellica cera condono verranno liberati o andr a rafforzare le fila dei neo-
bisogno di fare piazza pulita avranno ridotta la pena 30 mi- fascisti. Ci domandiamo noi parti-
del passato. Altri Paesi euro- la persone. Le prime persone giani: giustizia questa? Noi ab-
pei, Germania in testa, scelse- a beneficiare del provvedimen- biamo combattuto i fascisti per-
ro di fare i conti con la propria to furono i gerarchi di pi alto ch? I nostri sacrifici non sono
storia; lItalia invece decise di grado, che avevano i soldi a certamente da Lei riconosciuti, i
nascondere la polvere sotto il disposizione per pagare i mi- nostri Martiri non sono vendicati!
tappeto. Le conseguenze di gliori avvocati e per oliare i Signor Ministro! Tutti i partigiani
quella scelta scellerata le pa- d'Italia vogliono i loro compagni
meccanismi della macchina
scarcerati [...] come avete fatto
ghiamo ancor oggi, quando giudiziaria. Per quanto riguar- scarcerare tutti i fascisti, Signor
Mussolini viene definito da invece il dopo-amnistia, Ministro, fate scarcerare tutti i
grande statista o si dice che bisogna ricordare come negli partigiani che ancora si trovano
il fascismo mandava la gente anni seguenti i due terzi della in prigione, per qualsiasi motivo
in vacanza nelle isole. La ve- base parlamentare del Msi sa- essi lo siano. Questo il vostro
rit riguardo quel provvedi- r costituito da parlamentari dovere di Comunista, di ministro
mento viene fatta emergere amnistiati. Questo perch in e di uomo. [...] Scusi per il modo
dallo storico Mimmo Franzi- Italia, a differenza di altri pae- in cui scritta la lettera ma que-
nelli che nel suo libro si europei, lamnistia non pre- sto il grido che si leva da tutti i
Laministia Togliatti, pubblica- partigiani d'Italia".
vide lesclusione dalle cariche
to nel 2006,che lascia intendere , pubbliche per i collaborazioni-
in sostanza, che i comunisti, sti, come erano di fatto i ge-
che uscivano da quindici anni rarchi della Rsi. Inevitabile la Lettera dei partigiani bellunesi
di clandestinit, avevano biso- reazione di ex partigiani e co- al ministro Palmiro Togliatti
gno di ritrovare i collegamenti munisti, evidente da questa (28 Giugno 1946)
persi allinterno della societ lettera, recapitata allallora
italiana, il Pci voleva trasfor- ministro Togliatti: [ i dati sono forniti da La Stam-
marsi in partito di massa, e pa, 1946, dati dallo stesso
storico Franzinelli ]
aveva la necessit di rompere "Signor Ministro, Le inviamo la
Scopri la figura
In questo non troverete cruci-
verba o puzzle ma un disegno
di cui dovrete colorare gli spazi
che al loro interno contengono
i puntini.
Probabilmente vi state chieden-
do cosa rappresenti il dise-
gno, quindi vi diamo qualche
suggerimento:
Il protagonista nasce a Predap-
pio nel 1883 e muore nel 1945,
a Mezzegra. Politico, giornali-
sta e maestro, abile oratore,
qui raffigurato in una delle
pose che pi lo hanno reso
famoso ai postumi

Partecipa,
discuti, lotta!
Stiamo cercando di costruire qualcosa che
vada oltre laggregazione e la protesta gio-
vanile, estendendo la nostra azione a tutti i
livelli e a tutte le fasce det del popolo
picernese. Ma per fare ci
ABBIAMO BISOGNO DI TE !
Che tu sia studente, lavoratore, disoccupato
o pensionato, scrivici! Unisciti al lato ribelle
del paese, a chi non vuole morire di povert,
inquinamento ed emigrazione. A chi ha de-
ciso di unirsi, di creare le forze necessarie
per fare in modo che un passato e un pre-
CONTATTATECI: sente di sfruttamento non diventino domani
un futuro di morte per questo territorio e
Facebook: Collettivo Dieci Maggio per i suoi abitanti.
Abbiamo bisogno di partecipazione, suppor-
Blog: collettivo10maggio.wordpress.com to legale, finanziario e politico.
Tutti possiamo fare la differenza; abban-
E-mail: collettivo10maggio@live.it doniamo le lamentela, rimbocchiamoci le
maniche e cambiamo il nostro paese, la
nostra regione, il nostro Mondo.
I contenuti di questo volantino non hanno carattere di periodicit e non rappresentano "prodotto editoriale".