Sei sulla pagina 1di 4

Cap.

XXI
Pvgna Discipvlorvm
Ecco un ragazzo che torna a casa da scuola. Chi questo ragazzo? Marco, ma
difficile riconoscerlo, infatti sporco e gli scende il sangue dal naso. Questa
mattina i vestiti di Marco erano puliti e candidi tanto quanto la neve appena
caduta, ora invece sono sporchi e bagnati. Perch il vestito di Marco bagnato?
Il vestito bagnato perch Marco ha camminato sotto la pioggia. E non solo
Marco ma anche Tito e Sesto hanno camminato sotto la pioggia. Tutti gli scolari
tornano a casa con i vestiti bagnati. Ma perch a Marco scende il sangue dal
naso? Gli scende il sangue dal naso, perch Marco stato picchiato da Sesto.
Marco non ha forse picchiato Sesto?
Per primo Sesto ha colpito con un pugno la faccia di Marco, poi Marco e Tito
hanno picchiato Sesto.
Sesto, che pi grande degli altri scolari, ha fatto a botte con Marco e Tito e da
loro stato colpito. I ragazzi hanno fatto a botte nella stretta via che da
Muscolo porta alla casa di Giulio. Non solo il vestito, ma anche la faccia e le
mani di Marco sono sporche. Perch il ragazzo cos sporco? sporco perch
stato in terra; infatti la terra bagnata e sporca a causa della pioggia. E Marco
Sesto sono stati in terra. Allinizio Marco stato sotto Sesto. In realt Tito ha
sentito Marco chiamare e ha dato addosso a Sesto. Presto proprio Sesto che
stava a terra fu picchiato dai due ragazzi; ha chiamato a gran voce il padre e la
madre, e per i suoi genitori non lhanno sentito: la voce si Sesto non fu udita
da alcuno eccetto i ragazzi. Mario, entrando nellatrio, non viene riconosciuto
subito da suo padre, ma allorch per primo il figlio ha salutato il padre, Giulio
riconosce la voce del figlio. Allora, vedendo il sangue sulla sua faccia, il padre
esclama:
O
figlio
mio,
chi
ti
ha
picchiato?
Marco: Mi ha colpito un bue imbizzarrito, con un corno.
Giulio: Questo non vero! Quello che ti ha colpito non ha corna. Da chi sei
stato colpito?
Marco: Sono stato colpito da Sesto.
Giulio: Avevo capito che non eri stato colpito da corna, ma da pugni. Ma
perch sei stato colpito Certamente Sesto non ti ha colpito senza un motivo.
Comincia dallinizio: lui stato colpito per primo da te!
Marco: Per niente! Lui mi ha colpito per primo con pugno, senza motivo, poi io
ho colpito lui Giulio Hai forse colpito Sesto da solo?
Marco: Io e Tito labbiamo colpito

Giulio: Cosa? Voi due avete picchiato uno solo? Avete fatto a botte in due
contro uno? Marco tenta di scusare se stesso e Tito: Ma abbiamo combattuto
con un ragazzo pi grande. Da solo non posso battere Sesto, infatti di molto
pi grande e pi forte di me. Sesto forte come un bue!
Giulio: E tu sei sporco come un maiale! Perch il tuo vestito nuovo sporco?
Sei stato forse per terra?
Marco: Sono stato a terra: Sesto mi ha tenuto. Ma anche lui stato a terra:
noi ce labbiamo tenuto!
Giulio: Ho gi sentito abbastanza della vostra indegna cazzottatura. Infatti
certo non bello picchiare un ragazzo pi piccolo, ma oltremodo indegno che
due ragazzi facciano a pugni con uno solo questo non si pu scusare in
nessun modo! Non parlarmi pi di questa cosa! Muoviti, vai nella tua stanza e
cambiati i vestiti! Davo ti dar altri vestiti! Marco segue Davo nella stanza,
dove si lava il sangue e lo sporco dalla faccia, dalle mani, dalle ginocchia e si
cambia dabito. Nel frattempo Emilia entra nell atrio. La mamma vede subito
sul pavimento la sporcizia e le impronte di Marco e Questo pavimento
sporco! dice, Qualcuno ha camminato con i piedi sporchi sul pavimento
pulito! Chi entrato dalla porta? Qualcuno della nostra famiglia? entrato
un maiale! dice Giulio.
Emilia: Cosa dici?
Giulio : Dico che entrato un maiale.
Emilia: Tu dici? Forse un maiale entrato dalla porta?
Giulio: Il maiale che entrato tuo figlio Marco!
Giulio dice entrato Marco, ma non dice egli stato picchiato da Sesto ed
rimasto
a
terra.
Emilia, che ormai capisce che il ragazzo sporco stato chiamato dal padre
maiale, Dove Marco? domanda, Perch non mi ha salutato?
Giulio: Marco si sta lavando e cambiando il vestito.
Marco, dopo avere cambiato il vestito, ritorna pulito e saluta la mamma.
Buon giorno, figlio mio! dice la mamma, Sei un bravo ragazzo perch hai
cambiato subito il vestito. Sei stato un bravo ragazzo anche a scuola?
Marco: Certamente sono stato un bravo ragazzo, mamma. Sono stato lodato
dal maestro. Marco dice di essere stato un bravo ragazzo e di essere stato
lodato dal maestro, sebbene sia stato un cattivo ragazzo e sia stato battuto dal
maestro. Quello che dice non vero, ma falso: Marco mente.

Giulio: Che cosa vi ha insegnato oggi il maestro?


Marco: Ci ha insegnato molte cose: a leggere e scrivere e a contare e altre
cose.
Allinizio il maestro ci ha letto qualcosa, non so cosa: infatti non ho sentito
niente se non linizio!. Marco dice di non avere sentito niente se non linizio, il
che vero. Emilia Per quale motivo non hai sentito tutto?
Giulio: Aha! Mentre il maestro leggeva, Marco ha dormito! Giulio dice che
Marco dormiva, ma per la madre non lo crede.
Emilia: Hai sentito, Marco? Pap dice che tu a scuola dormivi! Non forse falso
quello che dice pap? Forse che veramente hai dormito a scuola?.
Marco: cos come dice pap.
Per la verit non solo io ho dormito: tutti abbiamo dormito!
Emilia: Davvero? Avete dormito ascuola? Siete stati dei cattivi scolari! Non
siete stati puniti dal maestro?
Marco: Per certo siamo stati cattivi scolari e siamo stati puniti: tutti siamo stati
battuti dal maestro. Ancora mi duole la schiena. Ma poco dopo il maestro ha
lodato le mie lettere. Vi far vedere la tavoletta. Ecco la mia tavoletta.
Marco mostra ai genitori non la sua tavoletta ma quella di un altro. Di chi
quella tavoletta? di Sesto: infatti Marco ha scambiato le loro tavolette
durante la zuffa! Non Marco, ma Sesto ha scritto le lettere che si leggono in
quella tavoletta. Emilia per, che crede sia la tavoletta di Marco, viene tratta
inganno dal suo figlio disonesto. Non difficile ingannare la mamma di Marco!
Emilia: Hai scritto proprio tu queste bellissime lettere?
Marco: Certamente le ho scritte io. Credimi!
Marco mente; infatti ci che Marco dice di avere scritto proprio lui, stato
scritto da Sesto. Ma Emilia, che crede che le lettere siano state scritte da
Marco, Guarda, Giulio! dice, Marco in persona ha scritto queste cose ed
stato lodato dal maestro. Cosa ha detto il maestro, Marco? Raccontaci tutto!.
Marco di nuovo mente: Ha detto che ho scritto benissimo e in modo
assolutamente corretto. (Noi per sappiamo che il maestro ha detto una cosa
diversa!) Giulio, che sa Marco essere uno scolaro assolutamente pigro, gi
comincia a dubitare delle sue parole. Emilia invece non dubita di nulla, ma
crede tutto!
Emilia: Gli altri scolari non hanno scritto correttamente?

Marco: Tito e Sesto hanno scritto male e sono stati dei cattivi scolari: e non
sono stati lodati dal maestro. Solo io sono stato lodato!.
Giulio: Voi tutti avete scritto le stesse parole?
Marco: Tutti abbiamo scritto le stesse, ma io solo ho scritto correttamente
come vi ho gi detto.
Ormai Giulio, che sa Sesto essere uno scolaro attivo ed intelligente, non crede
a Marco. Marco non pu ingannare suo padre. Pertanto Giulio, che nel
frattempo ha preso in mano la tavoletta, Dici bugie, Marco dice, questo non
stato scritto di tua mano. Sono false tutte le cose che ci hai raccontato!.
Emilia per Per quale motivo dice, pensi che abbia detto delle cose false?
Perch non credi a tuo figlio? Ma prima che Giulio possa rispondere a queste
domande, qualcuno bussa alla porta. Chi bussa? Vedi il capitolo che segue!