Sei sulla pagina 1di 3

I TRE PORCELLINI

Cerano una volta tre porcellini che vivevano felici con la loro mamma in una
bella casa vicino al bosco.
Un giorno la loro mamma li chiam e disse: Ormai siete grandi: ora che
andiate a vivere da soli! Venite, che voglio darvi un bacio! Mi raccomando, fate i
bravi estate attenti al lupo cattivo!
I tre porcellini salutarono i genitori e partirono verso il bosco, per cercare un
posto dove costruire ognuno la propria casetta.

Il primo porcellino si chiamava Timmi.


Timmi era sempre allegro e contento, ma non gli piaceva lavorare. Cos, suonava
il flauto e ballava tutto il giorno.
Per non fa troppa fatica, decise di costruirsi una casetta tutta di paglia.
Quando lebbe finita, ricominci a ballare e a suonare.
Poi and a vedere cosa facevano i suoi fratellini.
Percorse un sentierino e arriv dal secondo porcellino.

Il secondo porcellino si chiamava Tommi.


Scherzava sempre e gli piaceva suonare il violino.
Per non far troppa fatica, prese i chiodi e il martello e si costru una casetta di
legno.
Era una bella casa, per era debole e leggera quasi come quella di paglia.
Tommi la fin in fretta e poi, insieme a Timmi, and a trovare il terzo porcellino.

Il terzo porcellino si chiamava Gimmi e passava le sue giornate a leggere,


scrivere e studiare.
Gimmi stava costruendo una robusta casa di mattoni.

Timmi e Tommi gli dissero: Vieni a giocare con noi!sei uno sciocco a lavorare
tanto!
Ma Gimmi prefer finire la sua casa.

Alla sera, arriv il lupo cattivo

Buss alla porta della casetta e disse: Porcellino, bel porcellino, ho tanta fame,
fammi entrare!
No, lupo cattivo, non ti faccio entrare! Tu mi vuoi mangiare!
Ma io entro lo stesso! disse il lupo. E si mise a soffiare cos forte, che la
casetta di paglia vol via.

Il povero Timmi, pieno di paura, corse alla casetta di legno di Tommi, entr, e
poi chiusero bene la porta.
Arriv il lupo cattivo, che buss alla porta della casetta di legno: toc toc e
disse: Porcellino, bel porcellino, ho tanta fame, fammi entrare!
No, lupo cattivo, non ti faccio entrare! Tu mi vuoi mangiare!
Ma io entro lo stesso! disse il lupo. E si mise a soffiare cos forte, che anche
la casetta di legno vol via.

Timmi e Tommi, pieni di paura, corsero alla casa di mattoni di Gimmi e dissero:
presto, fratellone, facci entrare! Il lupo cattivo ha fatto crollare le nostre
case!
Cos entrarono, chiusero la porta, e si nascosero sotto il letto.
Arriv il lupo cattivo, che buss alla porta della casetta di mattoni: toc toc e
disse: Porcellino, bel porcellino, ho tanta fame, fammi entrare!
No, lupo cattivo, non ti faccio entrare! Tu mi vuoi mangiare!

Ma io entro lo stesso! disse il lupo. E si mise a soffiare forte forte contro la


casa di Gimmi.
Ma questa volta la casa non croll,perch il bravo porcellino aveva lavorato
davvero bene.

Il lupo cattivo, arrabbiatissimo perch non era riuscito a distruggere la casa di


mattoni, si arrampic sul tetto e cerc di entrare passando dal camino.

Ma Gimmi cap tutto e allora accese un grandissimo fuoco, e ci mise sopra un


pentolone pieno dacqua bollente.
Il lupo cattivo ricasc dentro e si scott tutto!
Scapp via di corsa, e non si fece mai pi vedere.

Da quel giorno, i tre porcellini vissero felici e contenti nella bella casetta di
mattoni, tutti insieme.