Sei sulla pagina 1di 9

La Guerra di Secessione

Americana
di Carla Bande
La Guerra di Secessione Americana

1. La conquista della frontiera

2. La guerra tra Nord e Sud

3. La questione dei neri


1. La conquista della frontiera
Nel XIX secolo negli Stati Uniti stava nascendo una moderna società industriale, alla
quale si integrarono velocemente i milioni di europei che si trasferirono nel nuovo
continente.

Tutti i lavoratori, sia immigrati che non, si spostarono sempre di più verso l'Ovest,
fino a raggiungere nel 1850 la California, terra dell'oro sull'oceano Pacifico.
1. La conquista della frontiera

Le popolazioni in spostamento
dovettero scontrarsi con la natura
selvaggia e con le tribù di
pellirosse, che furono massacrati
per la loro arretratezza riguardo
alle modalità di combattimento.

L'avanzata verso l'ovest proseguì, e entro il 1870 ai 13 stati originari


ne furono annessi altri 24.
2. La guerra tra Nord e Sud
La guerra di Secessione
vide contrapposti gli stati
del Nord a quelli del Sud,
dal 1861 al 1865.

Cause principali furono le


differenze tra le due parti
del paese: gli stati del Sud
erano schiavisti e la loro
economia era fondata
sulle piantagioni, quelli
del Nord abolizionisti e
fondati sull'industria; i
nordisti chiedevano una
politica protezionista e un
potenziamento del
governo centrale, i sudisti
erano contrari a tutto
questo.
2. La guerra tra Nord e Sud
Gli scontri iniziarono dopo l'elezione alla presidenza di Abraham
Lincoln, antischiavista, quando nel Febbraio 1861 si riunì la
Confederazione degli stati del Sud.
Il 12 Aprile 1861, con l'occupazione di Fort Sumter da parte
dei sudisti, ha inizio la guerra civile.
Le battaglie principali furono :

1. Battaglia di 3. Il
Shiloh, o di bombardamento di
Pittsburg Landing, Atlanta, nel
nel Tennessee, in Settembre 1863, in
cui i due eserciti cui la città subì un
persero tra morti e prolungato
feriti 2000 uomini. bombardamento a 4. La campagna della
(7 Aprile 1863) tappeto di pesanti Valle dello
2. Le vittorie di
granate. Shenandoah, in cui la
Gettysburg e di
valle fu ripulita dei
Vicksburg da
guerriglieri sudisti
parte dei nordisti,
dal generale
nel Luglio 1863.
Sheridan, nell'Ottobre
1864.
2. La guerra tra Nord e Sud

Il 9 Aprile 1865 i nordisti costringono le


armati sudiste alla resa, determinando così
l'abolizione dello schiavismo in tutta
l'Unione. Il nord si avviò così a una nuova
fase di espansione economica e di riforme
sociali e politiche.

Ma il 14 Aprile dello stesso anno, il


presidente Lincoln fu assassinato da un
reazionario sudista: la pacificazione tra
Nord e Sud, e la questione dei neri,
erano quindi questioni rimaste ancora
irrisolte.
3. La questione dei neri
Con la vittoria del Nord venne abolito lo schiavismo negli stati dell'Unione.

A questa vittoria seguì l'approvazione del XIV


emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, il 20
Aprile 1866, che prevedeva la parità giuridica tra bianchi
e neri. Esso fu il primo passo verso la fine della
discriminazione verso questi ultimi.

Questi principi furono confermati con il XV


emendamento del marzo 1870, nel quale si
affermava che ogni cittadino avesse
indistintamente pari opportunità di votare.

Furono così concessi per la prima volta ai neri gli


stessi diritti civili dei bianchi.
3. La questione dei neri
Nonostante questo, non furono ancora affrontati i problemi economici, politici e sociali,
dei neri, che rimasero irrisolti, e nel Sud la loro collocazione sociale e condizioni materiali
non cambiarono. Le cause principali di questo furono:

1. Il potere rimasto nelle mani dei bianchi, i repubblicani del Nord, che portò a una
stratificazione politica legata a grandi interessi economici;

2. Alla presenza dei Black Codes, che regolavano la vita del sud dopo la fine della
schiavitù, e per i quali ai neri erano riconosciuti alcuni diritti, come quelli di
proprietà, solo con numerosi limiti;

3. Al nuovo blocco sociale che si formò nel Sud: si


formarono delle organizzazioni, come il Ku Klux
Klan, con obiettivo di reprimere violentemente i
diritti della popolazione di colore, in nome della
“supremazia bianca”.