Sei sulla pagina 1di 6

"La disintossicazione interna la cosa pi importante che potete fare per ottenere e mantenere un

elevato livello di benessere. Perch? Perch in questo modo rimuovete una delle cause pi
importanti della malattia."
Supernatura vi offre lultimo metodo importato direttamente dallAmerica per ottenere una salute
eccezionale attraverso il digiuno e la pulizia completa dellintestino !!!
Il programma si avvale di prodotti specifici e molto costosi, acquistabili peraltro presso i rivenditori
in Germania o America, ma crediamo che ognuno di noi possa ricevere dalla sua lettura importanti
istruzioni per un tentativo self-made, con prodotti nostrani.

IL PROGRAMMA CLEAN-ME-OUT DEL DOTT. RICHARD ANDERSON


Intossicazione, congestione, cattiva nutrizione e la loro relazione con pensieri e sentimenti sono la
causa principale del 98% delle malattie. La malattia il prodotto naturale di diete innaturali e di
pensieri e sentimenti discordanti. Uno stile di vita distruttivo attacca tutte le aree del nostro corpo,
ma il tratto digerente il primo a soccombere alla debolezza fisiologica. Una volta che il sistema
digerente perde la sua efficacia, sorgono gradualmente altri problemi. Ad esempio oggi si indulge
facilmente in emozioni stressanti e in cibi che formano acidi. Questo riduce i minerali nel corpo.
Una volta che si instaura una deficienza di minerali la bile diventa sempre pi acida. Quando
diventa troppo acida nellintestino cominciano ad accumularsi placche di muco, e lintestino perde
la sua abilit di digerire il cibo e di difendersi dalle sostanze patogene. La produzione di vitamine
aminoacidi e altri nutrienti viene inibita, e il colon diventa sempre pi intossicato. Il sangue a questo
punto costretto ad assimilare dallintestino le tossine, e a portarle direttamente al fegato. Dopo
anni di abuso, chiaramente il fegato non funziona pi normalmente. Per questo, per curare il fegato
bisogna, tranne rare eccezioni, prima di tutto pulire lintestino. Ci che accade al fegato accade a
tutti gli altri organi del corpo, per questo importantissimo agire prima di tutto sullintestino.

SUGGERIMENTI INIZIALI PER UNA PULIZIA PIU FACILE


Prima di digiunare o di pulire il colon ognuno dovrebbe accertarsi di avere una riserva sufficiente di
elettroliti. Crediamo infatti che in occidente il 70 % delle persone manchino di qualche minerale, e
questo un fattore che conduce alla malattia. Sottoporsi ad un digiuno o ad una disintossicazione
senza queste riserve pu essere dannoso. Testate il loro livello in modo facile consultando lapposito
capitolo (Prima di iniziare il programma).
Le persone che si sottopongono per la prima volta alla disintossicazione devono sempre provare tre
settimane di prepulizia prima di cominciare la pulizia approfondita. Questo periodo aiuta ad
eliminare un larga quantit di tossine in modo non pericoloso e graduale e impedisce uno stress
troppo grande sul fegato, i reni ed altri organi vitali.Inoltre abitua lentamente il corpo ai
cambiamenti fisiologici che si sviluppano nel processo di disintossicazione. E importantissimo che
facciate molta attenzione ai bisogni del vostro corpo. Usate la vostra intuizione durante la
disintossicazione. Ascoltatevi ed ascoltate il vostro corpo. Il vostro corpo una vostra
responsabilit, assumetela con attenzione e cura.

LE QUATTRO FASI DEL PROGRAMMA DI DISINTOSSICAZIONE CLEAN-ME-OUT


La fase principale la pi potente. Non si mangia niente e c il massimo della disintossicazione.
La fase 3 meno intensa, si mangia un solo pasto al giorno. La fase 2 una preparazione alle altre
due. Si mangiano due pasti al d, e va fatta almeno tre settimane prima di addentrarsi nelle ultime
due fasi. La fase iniziale la pi "dolce": si mangia tre volte al giorno.
PRIMA DI INIZIARE IL PROGRAMMA
I TEST DEL PH
Prima di iniziare la fase principale o preparatoria dovete assicurarvi di passare il test del ph. Se non
lo passate, potete comunque iniziare la fase iniziale e secondaria. Dopo riprovate il test, e se lo
passate potete continuare con le altre due fasi. Avete bisogno di cartine per il ph (si comprano in
farmacia) matita e 1 limone. Il test va fatto prima di tutto al mattino. Nessun cibo deve essere
consumato almeno due ore prima del test.
IL TEST DELLA SALIVA
Prendete una striscia della carta che misura il ph e mettetelo in bocca, riempiendolo di saliva.
Confrontate ora il colore che ha assunto con lindicatore riportato sulla confezione. Se vi
infastidisce metterla in bocca, mettete della saliva in un bicchiere e immergete la cartina. E
importante che la cartina sia molto bagnata e che la lettura sia fatta entro 10-30 secondi.
RISULTATI
PH 6.0 o inferiore - Indica una mancanza seria di elettroliti, e quindi problemi durante il digiuno. In
questo caso dovete ripristinare la vostra riserva alcalina prima di provare qualunque digiuno.
PH 6.1-6.3 - Indica una carenza ma non estrema. Fate il test 2 (quello del limone)
PH 6.4-6.8 - Avete passato il test!
PH 6.9 o superiore - Qualcosa pu aver interferito con il test, forse unansia eccessiva. Riprovate o
fate gli altri test.

TEST 2 , IL TEST DEL LIMONE


Le condizioni sono come per il precedente, potete farlo subito dopo il test della saliva. Spremete
mezzo limone in poca acqua e bevetelo. Riempitevi bene la bocca con il liquido, non usate
dolcificanti. Dopo averlo ingerito aspettate 60 secondi e testate il ph. Fatelo ogni 60 secondi per sei
volte, segnate i risultati.
PH 7.5 o superiore alla fine dei 6 minuti indica che avete passato il test. Avete adeguate riserve
alcaline, che un indicatore anche di buona salute. Se il test della saliva segnava 6.4 o superiore e
avete passato anche il test del limone potete pensare di iniziare un digiuno. Se la lettura era inferiore
a 6.3 nel test della saliva dovete incrementare le riserve alcaline. Mangiando cibi che formano

elettroliti alcalini o usando un alcalinizzatore (vedi risorse) potete generalmente velocemente


ripristinare le vostre riserve, durante le fasi iniziali del progranmma.
PH 7.0-7.4 indica che avete passato il test, ma dovete fare anche il terzo test, il test delle urine.
Avete riserve alcaline ma non in quantit accettabile. Non dovete assolutamente addentrarvi nella
fase principale del programma, ma potete intanto iniziare con le prime due.
PH 6.9 o inferiore indica riserve alcaline minime. Potrebbe anche indicare qualche malattia, oppure
un alto livello di stress. Fate il terzo test.
Se la lettura uguale o inferiore alla lettura del test della saliva avete una mancanza seria di riserve
alcaline. Non potete pensare ad alcuna disintossicazione se non ripristinate le riserve.

TEST 3, IL TEST DELLE URINE


Prima di cominciare il programma decidete di mangiare per un giorno solo cibi che formano acidi
(vedi tabella). La mattina dopo mettete una striscia delle cartine per la misurazione del ph nel
contenitore dove avrete urinato. Se il corpo non ha riserve di sostanze alcaline, i reni secerneranno
ammoniaca, e le urine saranno alcaline. E desiderabile che il ph delle urine sia acido.
PH 7.o o superiore. Il corpo non ha riserve alcaline. Lo stress a cui viene sottoposto con la
disintossicazione non sostenibile. Cambiate prima la dieta e risolvete i vostri stress emozionali.
PH 6.5- 6.9 La mancanza presente ma non eccessiva. Potete fare tutte le fasi del programma
tranne la principale. Comunque consigliabile bere centrifugati di sedano o carote e prendere
rimineralizzanti durante la disintossicazione.
PH 5.7 - 6.4 Riserve alcaline sufficienti. Il test passato, sebbene sarebbe meglio avere pi riserve.
PH 5.6 o inferiore Avete una buona riserva di minerali. Il test ok.
Quelli che non hanno passato i test dovrebbero smettere di mangiare alimenti che formano acidi,
alcalinizzare il loro organismo mangiando frutta, verdura e prodotti che contengono alti livelli di
sodio, potassio, calcio e magnesio organici. Possono ad esempio usare lalcalinizzatore (vedi
risorse). Potete comunque cominciare la fase iniziale, e quando avrete passato i test proseguire la
disintossicazione con i successivi livelli.

FATTORI CHE POSSONO INFLUENZARE IL PH


I reni controllano il ph. Un problema ai reni pu impedire un ph equilibrato La respirazione
influenza il ph. Le persone che non respirano correttamente sono soggette ad acidosi
Lalta altitudine pu far respirare pi in fretta, causando un aumento dellalcalinit. Danni ai
polmoni e il fumo pu inibire la rimozione dellacido attraverso i polmoni, aumentando cos
lacidit. Stati emozionali forti e stress prolungato creano acidit. Parassiti, funghi, batteri e altre
infezioni che creano acidit prevengono un ph bilanciato.Quando si digiuna o ci si disintossica il ph
pu cambiare perch il corpo sta rimuovendo una grande quantit di acidi.

COME RIPRISTINARE LE RISERVE ALCALINE


Smettete di mangiare alimenti che formano acidi (vedi lista). Mangiate alimenti come frutta e
verdura che formano alcali. Bevete succhi centrifugati di verdura e frutta. Prendete
lAlcalinizzatore, che contiene minerali organici e una buona dose di L-Glutammina
OSSERVAZIONI
Ogni persona reagisce a modo suo a ogni alimento, erba, programma, etc.Solo il tuo corpo sa quello
di cui hai bisogno, ascoltalo attentamente. Non fare questo programma o la disintossicazione fino a
che non senti che giusto per te. Fai sempre iniziare la disintossicazione con le fasi iniziali del
programma. E una perdita di tempo iniziare subito con la fase principale nonch lultima del
programma. Le prime fasi infatti sono necessarie per ammorbidire la placca di muco intestinale. Se
cominci a sentirti male nel passaggio da una fase allaltra ritorna indietro alla fase precedente, e
riprova dopo una settimana. Se sei molto intossicato puoi avere delle reazioni molto forti. E
importante realizzare che non dobbiamo sentirci male per forza. Non dobbiamo fare gli eroi, perch
pu essere pericoloso per il fegato e i reni. Quindi alternate le fasi, non abbiate paura di tornare
indietro. Evitate di alzarvi da seduti o sdraiati in fretta, durante la disintossicazione. Pu girarvi la
testa, quindi prendete tutto il tempo necessario. Non usate sale, per via orale o interna. Non fate
clisteri con acqua salata, perch il sale pu calcificare le placche mucoidi e la mucosa intestinale.
Pu avere un effetto molto negativo durante la disintossicazione.
La regola pi importante: in tutte e quattro le fasi dovete sentirvi bene, almeno come prima di
iniziare la disintossicazione.
Se vi sentite eccezionalmente stanchi, deboli, etc. provate un clistere. Se non succede niente,
provate un clistere di caff. Se anche questo non aiuta, tornate alla fase precedente o iniziale.
Controllate il vostro ph, accertatevi di avere le riserve necessarie, ogni tipo di disintossicazione
sfrutta le riserve alcaline dellorganismo.. Ricordate: permettersi di stare male pu essere dannoso
per il fegato, i reni, il cuore e il cervello.

COSA FARE SE SOPRAVVIENE LA NAUSEA


Fate i clisteri. Fate un clistere di caff. Prendete le pasticche delle erbe con intervalli di 5 minuti tra
una e laltra. Bevete del t di ginger/finocchio. Abbassate la quantit di psillio. Se niente di quanto
detto funziona:
considerate la possibilit di avere dei parassiti intestinali. Dovete prima eliminarli, esistono oggi dei
prodotti naturali efficaci contro quasi tutti i parassiti (vedi Idrocolonterapia). In ogni caso,
ricordatevi che non bisogna soffrire durante il digiuno, ascoltate il vostro corpo, tornate alle fasi
precedenti, riprovate in un altro momento, ma non deve mai essere una tortura. Aggiustate questo
programma secondo i vostri bisogni, cucitevelo appositamente per voi.
COME IDENTIFICARE LA PLACCA MUCOIDE
Molti si domandano se stanno realmente eliminando la placca mucoide o se invece eliminano solo
lo psillio. Lo psillio, dopo essere passato attraverso il corpo, non mai lucente, morbido,
consistente in forma o misura, formato uniformamente. Non ha masse uniformi, pieghe,

sovrapposizioni, striature o levigatezza, e non brilla come la placca. Se guardate attentamente lo


psillio con una lente di ingrandimento, vedrete che sembra costituito da uova di girino in miniatura.
Ha un piccolo centro con una sostanza gelatinosa intorno. Se non lo vedi, stai guardando la placca.
Comunque la placca pu anche non avere striature, sovrapposizioni, levigatezza, o brillantezza,
specialmente se viene fuori in piccoli pezzi. Ma non si pu confondere con lo psillio. Assomiglia a
pezzi di cuoio o gomma sottili o spessi.Quando la placca viene dallintestino piccolo normalmente
striata. Se viene dal basso ileo le striature scompaiono, ed generalmente liscia e lucida. Se viene
dal colon non striata, ma ha le forme convolute e le curve dellintestino. E sempre liscia.Potete
anche rompere le feci e vedere se il contenuto interno uguale allesterno. Se la massa interna
differente per colore o consistenza, una placca mucoide. Lo psillio sempre allinterno ed
diverso nellaspetto dalla placca. Alcuni eliminano pezzi molto piccoli, oppure dei liquidi neri
dovuti alla liquefazione della placca dovuta al Chomper.
COSA MANGIARE DURANTE LA DISINTOSSICAZIONE
Durante la disintossicazione non mangiare carne, formaggi, latte, sale, zucchero, o prodotti che lo
contengono, no ai cibi fritti, e a tutti i "sintetici". Si a miele, frutta, insalate, vegetali cotti e crudi.
Provate a fare un pasto al giorno solo di cibi crudi, e bevete molti centrifugati.
Alimenti che formano acidi
Alcool sale pane noci e semi cibo congelato in scatola cioccolata popcorn sigarette zucchero bibite
gasate latte e derivati farinacei a base di grano Uova Aceto Alimenti fritti Carne, pesce, molluschi
Tofu e soya e derivati Tabacco T Dolciumi e torte Pepe nero Mais Pasta
Alimenti alcalinizzanti
Succhi crudi freschi tutta la frutta tutti i vegetali crudi insalate patate germogli meloni Zuppe di
vegetali Vegetali lessati ananas uvetta Avocado Cipolle Mais fresco sulla pannocchia Fichi e
albicocche secche Aceto di mele Miglio Datteri
In limitata quantit: Caff, miele, semi cotti

COME FARE UN CLISTERE DI CAFFE

I clisteri di caff aiutano a eliminare le tossine dal fegato e sono ben conosciuti dalla naturopatia.
Spesso aiutano rapidamente a rimettersi da stanchezza, mal di testa, sonnolenza o malessere.
Aiutano anche in casi di spasmi, dolore precordiale (cuore, gola, petto) e difficolt ad eliminare le
tossine nella disintossicazione. Il clistere di caff f produrre al fegato pi bile, apre i dotti biliari e
fa scorrere la bile. Un fegato intossicato pu nel processo liberare insieme alla bile molte tossine
liberandosene in pochi minuti. Allinizio del trattamento la bile contiene tossine e pu provocare
spasmi al duodeno e riversarsi nellintestino. Si pu aver voglia di vomitare, o sentire nausea, se
questo accade bevete dellacqua. E importante notare che il caff introdotto nellintestino produce

effetti completamente diversi dal caff ingerito per bocca. Comunque evitate di farlo la sera. Prima
di fare il clistere di caff, fate un clistere normale, per togliere un po' di feci, cos riuscirete a
trattenere il caff pi a lungo.
PREPARAZIONE
3 cucchiai da minestra di caff e 1/4 di acqua, preferibilmente distillata. fate bollire per 3 minuti e
fate riposare per 20 minuti. Filtrate e usate a temperatura corporea.
Sdraiatevi sul fianco dx, le gambe raccolte. Il fluido deve essere trattenuto per 10/15 minuti. La
caffeina entra nelle vene emorroidali e attraverso la vena porta raggiunge il fegato.
Durante la 4 fase del programma, la fase di digiuno bisognerebbe evitarlo, perch la bile porta via
anche molti minerali preziosi. Quindi quando lo fate assicuratevi di ripristinare le vostre riserve
minerali.