Sei sulla pagina 1di 142

NORMA

EUROPEA
Pagina I
UNI EN 1997-1:2005
UNI
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.
www.uni.com
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
UNI EN 1997-1
FEBBRAIO 2005
Eurocodice 7
Progettazione geotecnica
Parte 1: Regole generali
Eurocode 7
Geotechnical design
Part 1: General rules
La norma fornisce gli elementi fondamentali per gli aspetti
geotecnici della progettazione di edifici ed opere di ingegneria
civile. previsto che sia utilizzata unitamente alla UNI EN 1990.
La norma non tratta requisiti specifici di progettazione antisismica,
che sono forniti nella EN 1998.
TESTO ITALIANO
La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della
norma europea EN 1997-1 (edizione novembre 2004) e tiene conto
dellerrata corrige del febbraio 2009 (AC:2009).
La presente norma sostituisce la UNI ENV 1997-1:1997.
ICS 93.020; 91.010.30
Versione italiana
del maggio 2009
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina II
UNI EN 1997-1:2005
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione per leventuale revisione della norma stessa.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare lesistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.
PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della
norma europea EN 1997-1 (edizione novembre 2004 + errata corrige
AC:2009), che assume cos lo status di norma nazionale italiana.
La presente norma stata elaborata sotto la competenza della
Commissione Tecnica UNI
Ingegneria strutturale
La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed
entrata a far parte del corpo normativo nazionale l1 febbraio 2005.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
This European Standard was approved by CEN on
CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CEN member.
This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Central Secretariat has the same
status as the official versions.
CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland,
France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland,
Portugal, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.
UNI Pagina III
UNI EN 1997-1:2005
EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION
COMIT EUROPEN DE NORMALISATION
EUROPISCHES KOMITEE FR NORMUNG
Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels
EUROPEAN STANDARD
NORME EUROPENNE
EUROPISCHE NORM
2004 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide
for CEN national Members.
English version
EN 1997-1
November 2004
Supersedes
ENV 1997-1:1994
ICS 93.020; 91.010.30
Eurocode 7: Geotechnical design - Part 1: General rules
Eurocode 7: Calcul gotechnique - Partie 1: Rgles
gnrales
Eurocode 7: Entwurf, Berechnung und Bemessung in der
Geotechnik - Teil 1: Allgemeine Regeln
23 April 2004.
Ref. No. EN 1997-1:2004: E
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
INDICE
UNI Pagina IV
UNI EN 1997-1:2005
PREMESSA 1
Cronistoria del programma degli Eurocodici ...............................................................................1
Status e campo di applicazione degli Eurocodici .....................................................................2
Norme Nazionali che implementano gli Eurocodici.................................................................2
Collegamenti tra gli Eurocodici e le specifiche tecniche armonizzate (EN e ETA)
relative ai prodotti ...................................................................................................................................... 3
Informazioni aggiuntive specifiche per l'Eurocodice 7...........................................................3
Appendice Nazionale per la EN 1997-1........................................................................................3
SEZIONE 1 GENERALIT 4
1.1 Scopo e campo di applicazione........................................................................................................ 4
1.2 Riferimenti normativi ............................................................................................................................... 5
1.3 Presupposti .................................................................................................................................................. 5
1.4 Distinzione tra Principi e Regole Applicative ............................................................................. 6
1.5 Definizioni...................................................................................................................................................... 6
1.6 Simboli ............................................................................................................................................................ 7
SEZIONE 2 PRINCIPI BASE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA 11
2.1 Requisiti per la progettazione.......................................................................................................... 11
2.2 Situazioni di progetto ........................................................................................................................... 13
2.3 Durabilit..................................................................................................................................................... 13
2.4 Progettazione geotecnica basata sul calcolo ......................................................................... 14
2.5 Progettazione basata su prescrizioni .......................................................................................... 25
2.6 Prove di carico e prove su modelli sperimentali.................................................................... 25
2.7 Metodo osservazionale....................................................................................................................... 25
2.8 Relazione Geotecnica di Progetto................................................................................................ 26
SEZIONE 3 DATI GEOTECNICI 27
3.1 Generalit................................................................................................................................................... 27
3.2 Indagini geotecniche............................................................................................................................ 27
3.3 Valutazione dei parametri geotecnici .......................................................................................... 28
3.4 Relazione sulle indagini del sottosuolo...................................................................................... 34
SEZIONE 4 SUPERVISIONE DELLA COSTRUZIONE, MONITORAGGIO E
MANUTENZIONE 36
4.1 Generalit................................................................................................................................................... 36
4.2 Supervisione............................................................................................................................................. 36
4.3 Verifica delle condizioni del sottosuolo...................................................................................... 38
4.4 Verifica della costruzione................................................................................................................... 39
4.5 Monitoraggio............................................................................................................................................. 39
4.6 Manutenzione .......................................................................................................................................... 40
SEZIONE 5 RIEMPIMENTI, DRENAGGIO, MIGLIORAMENTO E RINFORZO DEL
SOTTOSUOLO 40
5.1 Generalit................................................................................................................................................... 40
5.2 Requisiti fondamentali ......................................................................................................................... 41
5.3 Realizzazione del riempimento ...................................................................................................... 41
5.4 Drenaggio................................................................................................................................................... 43
5.5 Miglioramento e rinforzo del sottosuolo ................................................................................... 44
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina V
UNI EN 1997-1:2005
SEZIONE 6 FONDAZIONI SUPERFICIALI 45
6.1 Generalit.................................................................................................................................................. 45
6.2 Stati limite.................................................................................................................................................. 45
6.3 Azioni e situazioni di progetto......................................................................................................... 45
6.4 Considerazioni sul progetto e sulla costruzione................................................................... 45
6.5 Progetto allo stato limite ultimo...................................................................................................... 46
6.6 Progetto allo stato limite di esercizio .......................................................................................... 49
6.7 Fondazioni su roccia; considerazioni complementari di progetto ............................... 51
6.8 Progetto strutturale delle fondazioni superficiali ................................................................... 51
6.9 Preparazione del piano di appoggio............................................................................................ 52
SEZIONE 7 FONDAZIONI SU PALI 52
7.1 Generalit.................................................................................................................................................. 52
7.2 Stati limite.................................................................................................................................................. 52
7.3 Azioni e situazioni di progetto......................................................................................................... 53
7.4 Metodi di progetto e considerazioni progettuali .................................................................... 54
7.5 Prove di carico su pali......................................................................................................................... 55
7.6 Pali soggetti a carico assiale........................................................................................................... 57
figura 7.1 Esempi di sollevamento (UPL) di un gruppo di pali ....................................................................... 64
7.7 Pali soggetti a carico trasversale.................................................................................................. 66
7.8 Progetto strutturale dei pali .............................................................................................................. 67
7.9 Supervisione della costruzione...................................................................................................... 68
SEZIONE 8 ANCORAGGI 69
8.1 Generalit.................................................................................................................................................. 69
8.2 Stati limite.................................................................................................................................................. 70
8.3 Situazioni di progetto e azioni......................................................................................................... 70
8.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi ................................................................... 70
8.5 Progetto allo stato limite ultimo...................................................................................................... 71
8.6 Progetto allo stato limite di esercizio .......................................................................................... 72
8.7 Prove di idoneit.................................................................................................................................... 73
8.8 Prove di accettazione.......................................................................................................................... 73
8.9 Supervisione e monitoraggio........................................................................................................... 73
SEZIONE 9 OPERE DI SOSTEGNO 73
9.1 Generalit.................................................................................................................................................. 73
9.2 Stati limite.................................................................................................................................................. 74
9.3 Azioni, dati geometrici e situazioni di progetto...................................................................... 74
9.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi ................................................................... 77
9.5 Determinazione della spinta del terreno ................................................................................... 78
9.6 Pressioni dell'acqua ............................................................................................................................. 80
9.7 Progetto allo stato limite ultimo...................................................................................................... 81
figura 9.1 Esempi di cinematismi di rottura per la stabilit globale di opere di sostegno..................... 82
figura 9.2 Esempi di cinematismi di rottura della fondazione di muri a gravit........................................ 82
figura 9.3 Esempi di cinematismi di rottura per rotazione di paratie............................................................ 83
figura 9.4 Esempio di cinematismo di rottura a carico verticale di paratie ................................................ 84
figura 9.5 Esempi di cinematismi di rottura strutturale per le opere di sostegno..................................... 84
figura 9.6 Esempi di cinematismi di rottura per sfilamento degli ancoraggi .............................................. 85
9.8 Progetto allo stato limite di esercizio .......................................................................................... 85
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina VI
UNI EN 1997-1:2005
SEZIONE 10 ROTTURA DOVUTA A FENOMENI IDRAULICI 86
10.1 Generalit................................................................................................................................................... 86
10.2 Rottura per innalzamento.................................................................................................................. 87
figura 10.1 Esempi di situazioni critiche per problemi di sollevamento ......................................................... 88
10.3 Rottura per sollevamento .................................................................................................................. 90
figura 10.2 Esempio di situazione in cui il sollevamento pu essere critico ................................................ 90
10.4 Erosione interna ..................................................................................................................................... 90
10.5 Rottura per "piping"............................................................................................................................... 91
figura 10.3 Esempio di condizioni che possono indurre il fenomeno di "piping" ........................................ 91
SEZIONE 11 STABILIT GLOBALE 92
11.1 Generalit................................................................................................................................................... 92
11.2 Stati limite................................................................................................................................................... 92
11.3 Azioni e situazioni di progetto ......................................................................................................... 92
11.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi ................................................................... 93
11.5 Progetto allo stato limite ultimo ...................................................................................................... 94
11.6 Progetto allo stato limite di esercizio........................................................................................... 96
11.7 Monitoraggio............................................................................................................................................. 96
SEZIONE 12 RILEVATI 96
12.1 Generalit................................................................................................................................................... 96
12.2 Stati limite................................................................................................................................................... 97
12.3 Azioni e situazioni di progetto ......................................................................................................... 97
12.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi ................................................................... 98
12.5 Progetto allo stato limite ultimo ...................................................................................................... 99
12.6 Progetto allo stato limite di esercizio ........................................................................................... 99
12.7 Supervisione e monitoraggio........................................................................................................... 99
APPENDICE A COEFFICIENTI PARZIALI E FATTORI DI CORRELAZIONE PER GLI
(normativa) STATI LIMITE ULTIMI E VALORI RACCOMANDATI 101
prospetto A.1 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
).................................................................................................. 101
prospetto A.2 Coefficienti parziali sui parametri del terreno (
M
)....................................................................... 101
prospetto A.3 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
) o sugli effetti delle azioni (
E
) ....................................... 102
prospetto A.4 Coefficienti parziali sui parametri del terreno (
M
)....................................................................... 102
prospetto A.5 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per fondazioni superficiali ..................................... 103
prospetto A.6 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali infissi............................................................. 103
prospetto A.7 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali trivellati......................................................... 103
prospetto A.8 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali trivellati ad elica continua...................... 103
prospetto A.9 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da prove di carico statiche
su pali (n - numero di pali sottoposti a prova) .............................................................................. 104
prospetto A.10 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da risultati di prove sul
sottosuolo (n - numero di profili di prova) ...................................................................................... 104
prospetto A.11 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da prove dimpatto
dinamiche (n - numero di pali sottoposti a prova) ....................................................................... 104
prospetto A.12 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per ancoraggi pretensionati.................................. 105
prospetto A.13 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per strutture di sostegno........................................ 105
prospetto A.14 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pendii e stabilit globale ............................... 105
prospetto A.15 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
).................................................................................................. 106
prospetto A.16 Coefficienti parziali sui parametri del terreno e sulle resistenze ............................................. 106
prospetto A.17 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
).................................................................................................. 106
APPENDICE B INFORMAZIONI DI SUPPORTO SUI COEFFICIENTI PARZIALI PER GLI
(informativa) APPROCCI DI PROGETTO 1, 2 E 3 107
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina VII
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE C ESEMPI DI PROCEDURE PER DETERMINARE LE SPINTE DEL TERRENO 110
(informativa)
figura C.1.1 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte orizzontale (| = 0) ...................................................................... 111
figura C.1.2 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 0 e o = 0) ...................................................... 112
figura C.1.3 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 0,66) .............................................................. 113
figura C.1.4 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 1) ..................................................................... 114
figura C.2.1 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte orizzontale (| = 0) ........................................................................115
figura C.2.2 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 0 e o = 0) ..................................................... 116
figura C.2.3 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 0,66) .............................................................. 117
figura C.2.4 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per
superficie del terreno a monte inclinata (o/' = 1) .................................................................... 118
figura C.3 Definizioni riguardanti gli angoli di inclinazione della parete e del terrapieno,
i sovraccarichi e la geometria delle linee di scorrimento ............................................................ 119
prospetto C.1 Rapporti v
a
/h per terreni non coesivi................................................................................................ 122
prospetto C.2 Rapporti v
p
/h e v /h per 0,5o
p
; per terreni non coesivi .............................................................. 122
figura C.4 Mobilitazione della spinta passiva efficace del terreno in terreni non coesivi,
in funzione dello spostamento normalizzato della parete v /v
p
(v : spostamento;
v
p
: spostamento richiesto per la mobilitazione completa della spinta passiva del terreno.......123
APPENDICE D ESEMPIO DI UN METODO ANALITICO PER IL CALCOLO DELLA
(informativa) RESISTENZA PORTANTE 124
figura D.1 Simbologia................................................................................................................................................. 126
APPENDICE E ESEMPIO DI UN METODO SEMI-EMPIRICO PER LA STIMA DELLA
(informativa) RESISTENZA PORTANTE 127
APPENDICE F ESEMPI DI METODI PER LA STIMA DEI CEDIMENTI 128
(informativa)
APPENDICE G ESEMPIO DI UN METODO PER DERIVARE LA RESISTENZA PORTANTE
(informativa) PRESUNTA DI FONDAZIONI SUPERFICIALI SU ROCCIA 130
prospetto G.1 Classificazione per rocce tenere e fratturate ................................................................................. 130
figura G.1 Resistenza portante presunta per plinti di fondazione quadrati poggianti su roccia
(per cedimenti non maggiori di 0,5% della larghezza della fondazione) .............................. 131
APPENDICE H VALORI LIMITE PER LA DEFORMAZIONE STRUTTURALE E PER
(informativa) GLI SPOSTAMENTI IN FONDAZIONE 132
figura H.1 Definizioni per il movimento della fondazione ............................................................................... 132
APPENDICE J LISTA DI CONTROLLO PER LA SUPERVISIONE DELLE FASI
(informativa) COSTRUTTIVE ED IL MONITORAGGIO DEL COMPORTAMENTO 133
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 1
UNI EN 1997-1:2005
PREMESSA
Il presente documento (EN 1997-1) stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 250
"Eurocodici Strutturali", la cui segreteria affidata al BSI. Il CEN/TC 250 responsabile
per tutti gli Eurocodici Strutturali.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
maggio 2005, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro marzo 2010.
Il presente documento sostituisce la ENV 1997-1:1994.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro,
Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia,
Lithuania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.
Cronistoria del programma degli Eurocodici
Nel 1975, la Commissione delle Comunit Europee decise di attuare un programma di
azioni nel settore delle costruzioni, sulla base dellarticolo 95 del Trattato. Lobiettivo del
programma era leliminazione degli ostacoli tecnici al commercio e larmonizzazione delle
specifiche tecniche.
Nellambito di tale programma di azioni, la Commissione prese liniziativa di stabilire un
insieme di regole tecniche armonizzate per la progettazione delle opere di costruzione
che, in una prima fase, sarebbe servito come alternativa rispetto ai regolamenti nazionali
in vigore negli Stati Membri ed, alla fine, li avrebbe sostituiti.
Per quindici anni, la Commissione, con laiuto di un Comitato Direttivo composto da
Rappresentanti degli Stati Membri, ha provveduto allo sviluppo del programma degli Eurocodici,
che ha portato alla stesura della prima generazione di codici Europei negli anni 80.
Nel 1989, la Commissione e gli Stati Membri della UE e della EFTA decisero, in base ad
un accordo
1)
tra la Commissione ed il CEN, di trasferire il compito della preparazione e
della pubblicazione degli Eurocodici al CEN attraverso una serie di Mandati, con
lobiettivo di attribuire ad essi nel futuro lo status di Norme Europee (EN). Questa
decisione lega de facto gli Eurocodici alle prescrizioni di tutte le Direttive del Consiglio
e/o le decisioni della Commissione relative alle norme Europee (per esempio, la
Direttiva del Consiglio 89/106/EEC sui prodotti da costruzione - CPD - e le Direttive del
Consiglio 93/37/EEC, 92/50/EEC e 89/440/EEC sui lavori e sui servizi pubblici e le
analoghe Direttive EFTA predisposte con lobiettivo di stabilire il mercato interno).
Il programma degli Eurocodici Strutturali comprende le seguenti norme, generalmente
composte da un certo numero di Parti:
EN 1990 Eurocodice: Basis of Structural Design
EN 1991 Eurocodice 1: Actions on structures
EN 1992 Eurocodice 2: Design of concrete structures
EN 1993 Eurocodice 3: Design of steel structures
EN 1994 Eurocodice 4: Design of composite steel and concrete structures
EN 1995 Eurocodice 5: Design of timber structures
EN 1996 Eurocodice 6: Design of masonry structures
EN 1997 Eurocodice 7: Geotechnical design
EN 1998 Eurocodice 8: Design of structures for earthquake resistance
EN 1999 Eurocodice 9: Design of aluminium structures
Gli Eurocodici riconoscono la responsabilit delle autorit regolamentari in ogni Stato
Membro ed hanno salvaguardato il loro diritto a determinare a livello nazionale valori
correlati ad aspetti di sicurezza regolamentari, potendo essi variare da Stato a Stato.
1) Accordo tra la Commissione delle Comunit Europee ed il Comitato Europeo di Normazione (CEN) concernente il lavoro
sugli EUROCODICI relativi alla progettazione di edifici e di opere di ingegneria civile (BC/CEN/03/89).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 2
UNI EN 1997-1:2005
Status e campo di applicazione degli Eurocodici
Gli Stati Membri della UE e della EFTA riconoscono che gli Eurocodici servono come
documenti di riferimento per i seguenti scopi:
- come un mezzo per verificare la rispondenza degli edifici e delle opere di ingegneria
civile ai requisiti essenziali della Direttiva del Consiglio 89/106/EEC, in particolare il
Requisito Essenziale N 1 - Resistenza meccanica e stabilit - e il Requisito
Essenziale N 2 - Sicurezza in caso di incendio;
- come base per la redazione dei contratti relativi ai lavori di costruzione e ai servizi di
ingegneria correlati;
- come un quadro di riferimento per definire specifiche tecniche armonizzate per i
prodotti da costruzione (EN e ETA).
Gli Eurocodici, poich riguardano le opere di costruzione stesse, sono in relazione diretta
con i Documenti Interpretativi
2)
a cui si fa riferimento nellArticolo 12 della CPD, sebbene
siano di natura differente rispetto alle norme armonizzate di prodotto
3)
. Pertanto, gli
aspetti tecnici che scaturiscono dal lavoro degli Eurocodici devono essere presi in
adeguata considerazione dai Comitati Tecnici CEN e/o dai Gruppi di Lavoro EOTA che
lavorano sulle norme di prodotto, nellintento di ottenere una piena compatibilit di queste
specifiche tecniche con gli Eurocodici.
Gli Eurocodici forniscono regole comuni per la progettazione strutturale, di uso corrente,
nella progettazione di strutture, nel loro complesso, e di componenti strutturali, di tipologia
tradizionale o innovativa. Forme di costruzione o condizioni di progetto inusuali non sono
trattate in modo specifico; per tali casi richiesto dal progettista il contributo aggiuntivo da
parte di esperti.
Norme Nazionali che implementano gli Eurocodici
Le Norme Nazionali che implementano gli Eurocodici contengono il testo completo
dellEurocodice (comprese tutte le appendici), cos come pubblicato dal CEN, il quale pu
essere preceduto da una copertina nazionale e da una premessa nazionale, e pu essere
seguito da una appendice nazionale.
Lappendice nazionale pu contenere solo informazioni su quei parametri, noti come
Parametri Determinati a livello Nazionale, che in ogni Eurocodice sono lasciati aperti ad
una scelta a livello Nazionale, da impiegarsi nella progettazione degli edifici e delle opere
di ingegneria civile da realizzarsi nella singola nazione, cio:
- valori e/o classi per i quali nellEurocodice sono fornite alternative;
- valori da impiegare, per i quali nellEurocodice fornito solo un simbolo;
- dati specifici della singola nazione (geografici, climatici, ecc.), per esempio, la
mappa della neve;
- la procedura da impiegare quando nellEurocodice ne sono proposte diverse in
alternativa.
Essa pu anche contenere:
- decisioni riguardanti lapplicazione delle appendici informative;
- riferimenti ad informazioni complementari non contraddittorie che aiutino lutente ad
applicare lEurocodice.
2) Secondo lArt. 3.3 della CPD, i requisiti essenziali (ER) sono precisati in documenti interpretativi destinati a stabilire i
collegamenti necessari tra i requisiti essenziali ed i mandati per le norme armonizzate EN e ETAG/ETA.
3) Secondo lArt. 12 della CPD, i documenti interpretativi devono:
a) precisare i requisiti essenziali armonizzando la terminologia e i concetti tecnici di base, ed indicando classi o livelli
per ciascun requisito ove necessario;
b) indicare metodi per correlare queste classi o livelli di requisiti alle specifiche tecniche, per esempio metodi di calcolo
e di verifica, regole tecniche per la progettazione, ecc.;
c) servire come riferimento per stabilire norme armonizzate e orientamenti per i benestari tecnici europei.
Gli Eurocodici, de facto, ricoprono un ruolo simile nel campo dellER 1 e di una parte dellER 2.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 3
UNI EN 1997-1:2005
Collegamenti tra gli Eurocodici e le specifiche tecniche armonizzate (EN e ETA) relative
ai prodotti
Sussiste la necessit di coerenza tra le specifiche tecniche armonizzate per i prodotti da
costruzione e le regole tecniche per le opere
4)
. Inoltre tutte le informazioni che
accompagnano la marcatura CE dei prodotti da costruzione che fanno riferimento agli
Eurocodici devono menzionare chiaramente quali Parametri Determinati a livello
Nazionale sono stati presi in conto.
Informazioni aggiuntive specifiche per l'Eurocodice 7
La EN 1997-1 fornisce le indicazioni progettuali e le procedure per la progettazione
geotecnica di edifici e opere di ingegneria civile.
La EN 1997-1 si rivolge a committenti, progettisti, appaltatori e autorit pubbliche.
La EN 1997-1 da adottarsi congiuntamente alle EN 1990 e EN 1991 fino alla EN 1999.
Nellimpiego pratico della EN 1997-1, si raccomandano con particolare riguardo le
condizioni ed i presupposti di base di cui al punto 1.3.
Le 12 sezioni della EN 1997-1 sono integrate da una appendice normativa e 8 appendici
informative.
Appendice Nazionale per la EN 1997-1
La presente norma fornisce procedure alternative e valori raccomandati con note che
indicano dove si possono effettuare scelte a livello nazionale. Pertanto si raccomanda che
la norma nazionale che recepisce la EN 1997-1 comprenda unappendice nazionale che
fornisca tutti i Parametri a Determinazione Nazionale, da utilizzare per la progettazione di
edifici ed opere di ingegneria civile da realizzare nel paese pertinente.
Nella EN 1997-1 le scelte a livello nazionale sono consentite nei seguenti punti:
- 2.1(8)P, 2.4.6.1(4)P, 2.4.6.2(2)P, 2.4.7.1(2)P, 2.4.7.1(3), 2.4.7.1(4), 2.4.7.1(5),
2.4.7.1(6), 2.4.7.2(2)P, 2.4.7.3.2(3)P, 2.4.7.3.3(2)P, 2.4.7.3.4.1(1)P, 2.4.7.4(3)P,
2.4.7.5(2)P, 2.4.8(2), 2.4.9(1)P, 2.5(1), 7.6.2.2(8)P, 7.6.2.2(14)P, 7.6.2.3(4)P,
7.6.2.3(5)P, 7.6.2.3(8), 7.6.2.4(4)P, 7.6.3.2(2)P, 7.6.3.2(5)P, 7.6.3.3(3)P,
7.6.3.3(4)P, 7.6.3.3(6), 8.5.2(2)P, 8.5.2(3), 8.6(4), 10.2(3), 11.5.1(1)P.
E nei seguenti punti nell'appendice A:
- A.2;
- A.3.1, A.3.2, A.3.3.1, A.3.3.2, A.3.3.3, A.3.3.4, A.3.3.5, A.3.3.6;
- A.4;
- A.5.
4) Vedere lArt. 3.3 e lArt. 12 del CPD, cos come 4.2, 4.3.1, 4.3.2 e 5.2 dellID 1 (Documento Interpretativo n. 1).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 4
UNI EN 1997-1:2005
SEZIONE 1 GENERALIT
1.1 Scopo e campo di applicazione
1.1.1 Scopo e campo di applicazione della EN 1997
(1) La EN 1997 da utilizzarsi congiuntamente alla EN 1990:2002, che stabilisce i
principi e i requisiti per la sicurezza e la funzionalit, descrive i principi base per il
progetto e la verifica, e fornisce indicazioni su aspetti relativi alla affidabilit
strutturale.
(2) La EN 1997 tratta gli aspetti geotecnici del progetto di edifici e di opere di ingegneria
civile. Essa suddivisa in pi parti distinte (vedere punti 1.1.2 e 1.1.3).
(3) La EN 1997 riguarda i requisiti di resistenza, stabilit, funzionalit e durabilit delle
strutture. Altri requisiti, per esempio quelli riguardanti l'isolamento termico o
acustico, non sono considerati.
(4) I valori numerici delle azioni sugli edifici e sulle opere di ingegneria civile da
considerare nel progetto sono specificati nella EN 1991 per i diversi tipi di
costruzione. Le azioni esercitate dal sottosuolo, come per esempio la spinta del
terreno, devono essere calcolate come indicato dalle regole della EN 1997.
(5) Gli aspetti riguardanti l'esecuzione e la mano d'opera vengono trattati in norme
europee distinte. Esse vengono segnalate nelle relative sezioni.
(6) Nella EN 1997 gli aspetti esecutivi vengono considerati solo per quanto necessario
a soddisfare i presupposti delle regole di progettazione.
(7) Nella EN 1997 non vengono considerati i requisiti particolari del progetto in zone
sismiche. La EN 1998 fornisce regole aggiuntive per il progetto geotecnico in zone
sismiche, che integrano o adeguano le regole della presente norma.
1.1.2 Scopo della EN 1997-1
(1) La EN 1997-1 da utilizzarsi come un documento generale, base sugli aspetti
geotecnici della progettazione di edifici e di opere di ingegneria civile.
(2) La EN 1997-1 tratta i seguenti argomenti:
Sezione 1: Generalit
Sezione 2: Principi base per la progettazione geotecnica
Sezione 3: Dati geotecnici
Sezione 4: Supervisione della costruzione, monitoraggio e manutenzione
Sezione 5: Riempimenti, drenaggio, miglioramento e rinforzo del sottosuolo
Sezione 6: Fondazioni superficiali
Sezione 7: Fondazioni su pali
Sezione 8: Ancoraggi
Sezione 9: Opere di sostegno
Sezione 10: Rottura dovuta a fenomeni idraulici
Sezione 11: Stabilit globale
Sezione 12: Rilevati
(3) La EN 1997-1 comprende le appendici da A a J, che forniscono:
- A: i valori raccomandati per i coefficienti parziali; valori diversi per i coefficienti
parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale;
- B - J: indicazioni complementari di carattere informativo, come per esempio
metodi di calcolo adottati a livello internazionale.
1.1.3 Altre parti della EN 1997
(1) La EN 1997-1 si completa con la EN 1997-2 che fornisce i requisiti per l'esecuzione
e la valutazione delle prove in sito ed in laboratorio.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 5
UNI EN 1997-1:2005
1.2 Riferimenti normativi
(1) La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a
disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei
punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti
datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono
unicamente se introdotte nella presente norma europea come aggiornamento o
revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla
quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti).
Nota Gli Eurocodici sono stati pubblicati come norme europee sperimentali. Le seguenti norme europee,
pubblicate o in preparazione, vengono citate nei punti normativi.
EN 1990:2002 Eurocode: Basis of structural design
EN 1991 Eurocode 1: Actions on structures
EN 1991-4 Eurocode 1: Actions on structures - Part 4: Actions in silos and
tanks
EN 1992 Eurocode 2: Design of concrete structures
EN 1993 Eurocode 3: Design of steel structures
EN 1994 Eurocode 4: Design of composite steel and concrete structures
EN 1995 Eurocode 5: Design of timber structures
EN 1996 Eurocode 6: Design of masonry structures
EN 1997-2 Eurocode 7: Geotechnical design - Part 2: Ground investigation
and testing
EN 1998 Eurocode 8: Design of structures for earth quake resistance
EN 1999 Eurocode 9: Design of aluminium and aluminium alloy structures
EN 1536:1999 Execution of special geotechnical work: Bored piles
EN 1537:1999 Execution of special geotechnical work; Ground anchors
EN 12063:1999 Execution of special geotechnical work; Sheet-pile walls
EN 12699:2000 Execution of special geotechnical work; Displacement piles
EN 14199 Execution of special geotechnical works - Micropiles
EN ISO 13793:2001 Thermal performance of buildings - Thermal design of
foundations to avoid frost heave
1.3 Presupposti
(1) Si fa riferimento al punto 1.3 della EN 1990:2002.
(2) Le disposizioni della presente norma si basano sui seguenti presupposti:
- i dati richiesti per il progetto sono acquisiti, registrati ed interpretati da personale
opportunamente qualificato;
- le strutture sono progettate da personale opportunamente qualificato ed esperto;
- sussiste un adeguato rapporto di contiguit e comunicazione tra il personale che
si occupa della raccolta dei dati, della progettazione e della costruzione;
- si garantiscono unidonea supervisione e un idoneo controllo di qualit negli
stabilimenti, negli impianti ed in cantiere;
- l'esecuzione condotta nel rispetto delle norme e delle specifiche pertinenti, da
personale avente la necessaria capacit professionale ed esperienza;
- i materiali da costruzione ed i prodotti vengono impiegati secondo quanto indicato
nella presente norma, o nelle relative specifiche di prodotto o del materiale;
- la struttura sar sottoposta ad adeguata manutenzione in modo da garantire
sicurezza e funzionalit per la vita di esercizio prevista;
- la struttura sar utilizzata per le finalit definite nel progetto.
(3) necessario che questi presupposti siano considerati sia dal progettista sia dal
committente. Per evitare incertezze, si raccomanda che la loro osservanza sia
documentata, per esempio nella Relazione Geotecnica di Progetto.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 6
UNI EN 1997-1:2005
1.4 Distinzione tra Principi e Regole Applicative
(1) Nella EN 1997-1 si fa distinzione tra Principi e Regole Applicative, in funzione della
natura dei singoli punti.
(2) I Principi comprendono:
- affermazioni generali e definizioni per le quali non sussistono alternative;
- requisiti e modelli analitici per i quali non sono ammesse alternative, se non
quando espressamente indicato.
(3) I Principi sono evidenziati dalla lettera P.
(4) Le Regole Applicative sono esempi di regole generalmente accettate, che seguono
i Principi e soddisfano i loro requisiti.
(5) consentito lutilizzo di Regole Applicative alternative rispetto a quelle fornite nella
presente norma, purch venga dimostrato che tali regole alternative siano in accordo ai
Principi pertinenti, e che siano almeno equivalenti per quanto riguarda i livelli di
sicurezza strutturale, funzionalit e durabilit che ci si aspetta nell'uso degli Eurocodici.
Nota Se una regola di progetto alternativa viene proposta come regola applicativa, il progetto che ne deriva
non pu essere ritenuto pienamente conforme alla EN 1997-1 sebbene il progetto rimanga conforme
ai principi della EN 1997-1.
Quando la EN 1997-1 compare in un qualunque appendice di una norma di prodotto o in un ETAG con
riferimento alle propriet elencate, l'uso di regole di progetto alternative pu non essere compatibile
con la marcatura CE.
(6) Nella EN 1997-1, le Regole Applicative sono individuate da un numero tra parentesi,
come per esempio nel presente punto.
1.5 Definizioni
1.5.1 Definizioni comuni a tutti gli Eurocodici
(1) Le definizioni comuni a tutti gli Eurocodici sono indicate nella EN 1990:2002, punto 1.5.
1.5.2 Definizioni specifiche per la EN 1997-1
1.5.2.1 azione geotecnica: Azione trasmessa alla struttura dal sottosuolo, da un materiale di
riempimento, da acqua in quiete o dall'acqua del sottosuolo.
Nota Definizione tratta dalla EN 1990:2002.
1.5.2.2 esperienza comparabile: Dati documentati o altre informazioni ben consolidate che
riguardano il sottosuolo di progetto, che si riferiscono a terreni e rocce dello stesso tipo,
per i quali ci si attende un comportamento simile dal punto di vista geotecnico, e strutture
simili. Le informazioni acquisite localmente sono ritenute particolarmente significative.
1.5.2.3 sottosuolo: Terreni, rocce e materiali di riempimento in sito prima dell'esecuzione dei lavori
di costruzione.
1.5.2.4 struttura: Combinazione organizzata di parti connesse, compresi i materiali di riempimento
posti in opera durante l'esecuzione dei lavori di costruzione, progettata per sostenere i
carichi e fornire una rigidezza adeguata.
Nota Definizione tratta dalla EN 1990:2002.
1.5.2.5 valore derivato: Valore di un parametro geotecnico ricavato da risultati di prove, attraverso
considerazioni teoriche, correlazioni, o formule empiriche.
1.5.2.6 rigidezza: Resistenza del materiale alla deformazione.
1.5.2.7 resistenza: Capacit di un componente, o della sezione trasversale di un componente strutturale,
di sostenere azioni senza subire rotture meccaniche, per esempio resistenza del sottosuolo,
resistenza a flessione, resistenza all'inflessione per instabilit, resistenza a trazione.
Nota Definizione tratta dalla EN 1990:2002.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 7
UNI EN 1997-1:2005
1.6 Simboli
(1) Ai fini della EN 1997-1 si applicano i seguenti simboli.
Lettere latine
A' area efficace di base (A' = B' L')
A
b
area della base di un palo
A
c
area totale di base soggetta a compressione
A
s;i
superficie laterale del palo nello strato i-esimo
a
d
valore di progetto di un dato geometrico
a
nom
valore nominale di un dato geometrico
Aa variazione di un dato geometrico nominale per particolari esigenze di
progetto
B larghezza di una fondazione
b' larghezza efficace di una fondazione
C
d
valore limite di progetto dei criteri di esercizio pertinenti
c intercetta di coesione
c' intercetta di coesione in termini di sforzi efficaci
c
u
resistenza non drenata
c
u;d
valore di progetto della resistenza non drenata
d profondit del piano di posa
E
d
valore di progetto dell'effetto delle azioni
E
stb;d
valore di progetto dell'effetto delle azioni stabilizzanti
E
dst;d
valore di progetto dell'effetto delle azioni destabilizzanti
F
c;d
valore di progetto del carico di compressione assiale su un palo o su un
gruppo di pali
F
d
valore di progetto di una azione
F
k
valore caratteristico di una azione
F
rep
valore rappresentativo di una azione
F
t;d
valore di progetto della trazione assiale su un palo o un gruppo di pali
soggetti a trazione
F
tr;d
valore di progetto del carico trasversale su un palo o su una fondazione su pali
G
dst;d
valore di progetto delle azioni permanenti destabilizzanti per una verifica al
sollevamento
G
stb;d
valore di progetto delle azioni verticali permanenti stabilizzanti per una
verifica al sollevamento
G'
stb;d
valore di progetto delle azioni verticali permanenti stabilizzanti per una
verifica al sollevamento (peso sommerso)
H carico orizzontale, o componente dell'azione totale agente parallelamente
alla base della fondazione
H
d
valore di progetto di H
h altezza di una parete
h livello dell'acqua per il sollevamento idraulico
h' altezza di una colonna di terreno per la verifica al sollevamento idraulico
h
w;k
valore caratteristico del carico idrostatico alla base di una colonna di terreno
K
0
coefficiente di spinta del terreno a riposo
K
0;|
coefficiente di spinta del terreno a riposo nel caso di superficie del terreno a
monte inclinata di un angolo | sull'orizzontale
k rapporto o
d
/
cvd
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 8
UNI EN 1997-1:2005
L lunghezza della fondazione
l ' lunghezza efficace della fondazione
n numero, per esempio, di pali o profili di prova
P carico su un ancoraggio
P
d
valore di progetto di P
P
p
carico di prova in una prova di idoneit di un ancoraggio a bulbo iniettato
Q
dst;d
valore di progetto delle azioni verticali variabili destabilizzanti per la verifica
al sollevamento
q
b;k
valore caratteristico della resistenza unitaria alla punta
q
s;i;k
valore caratteristico della resistenza unitaria laterale nello strato i-esimo
q
u
resistenza a compressione non confinata
R
a
resistenza allo sfilamento di un ancoraggio
R
a;d
valore di progetto di R
a
R
a;k
valore caratteristico di R
a
R
b;cal
resistenza alla base di un palo allo stato limite ultimo, calcolata dai risultati
di prove sul sottosuolo
R
b;d
valore di progetto della resistenza alla base di un palo
R
b;k
valore caratteristico della resistenza alla base di un palo
R
c
resistenza a compressione del sottosuolo per un palo, allo stato limite
ultimo
R
c;cal
valore calcolato di R
c
R
c;d
valore di progetto di R
c
R
c;k
valore caratteristico di R
c
R
c;m
valore di R
c
determinato da una o pi prove di carico su pali
R
d
valore di progetto della resistenza ad una azione
R
p;d
valore di progetto della forza resistente dovuta alla spinta del terreno sul
lato di una fondazione
R
s;d
valore di progetto della resistenza laterale di un palo
R
s;cal
resistenza laterale limite, calcolata attraverso parametri per terreno
determinati con prove
R
s;k
valore caratteristico della resistenza laterale di un palo
R
t
resistenza a trazione limite di un palo singolo
R
t;d
valore di progetto della resistenza a trazione di un palo o di un gruppo di
pali, o della resistenza strutturale a trazione di un ancoraggio
R
t;k
valore caratteristico della resistenza a trazione di un palo o di un gruppo di pali
R
t;m
resistenza a trazione di un palo singolo misurata in una o pi prove di carico
su pali
R
tr
resistenza di un palo ai carichi trasversali
R
tr;d
valore di progetto della resistenza di un palo soggetto a carico trasversale
S
dst;d
valore di progetto della forza destabilizzante di filtrazione nel sottosuolo
S
dst;k
valore caratteristico della forza destabilizzante di filtrazione nel sottosuolo
s cedimento
s
0
cedimento immediato
s
1
cedimento di consolidazione primaria
s
2
cedimento per deformazione viscosa (cedimento secondario)
T
d
valore di progetto della resistenza al taglio totale che si sviluppa intorno ad
un blocco di sottosuolo dove presente un gruppo di pali soggetti a
trazione, o sulla parte della struttura a contatto con il sottosuolo
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 9
UNI EN 1997-1:2005
u pressione interstiziale
u
dst;d
valore di progetto della pressione interstiziale totale destabilizzante
V carico verticale, o componente dell'azione agente in direzione normale alla
base della fondazione
V
d
valore di progetto di V
V '
d
valore di progetto dell'azione verticale efficace, o componente dell'azione
totale agente in direzione normale alla base della fondazione
V
dst;d
valore di progetto dell'azione verticale destabilizzante su una struttura
V
dst;k
valore caratteristico dell'azione verticale destabilizzante su una struttura
X
d
valore di progetto di una propriet del materiale
X
k
valore caratteristico di una propriet del materiale
z distanza verticale
Lettere greche
o inclinazione sull'orizzontale della base di una fondazione
| angolo di inclinazione della superficie del terreno a tergo di una parete
(positivo verso l'alto)
o angolo di attrito all'interfaccia terreno-struttura
o
d
valore di progetto di o
peso nell'unit di volume
' peso nell'unit di volume efficace

a
coefficiente parziale per ancoraggi

a;p
coefficiente parziale per ancoraggi permanenti

a;t
coefficiente parziale per ancoraggi temporanei

b
coefficiente parziale per la resistenza alla base di un palo

c'
coefficiente parziale per la coesione efficace

cu
coefficiente parziale per la resistenza al taglio non drenata

E
coefficiente parziale per l'effetto di una azione

f
coefficiente parziale per le azioni, che tiene conto delle possibili divergenze
sfavorevoli dei valori dell'azione rispetto ai valori rappresentativi

F
coefficiente parziale per una azione

G
coefficiente parziale per una azione permanente

G;dst
coefficiente parziale per una azione permanente destabilizzante

G;stb
coefficiente parziale per una azione permanente stabilizzante

m
coefficiente parziale per un parametro del terreno (propriet del materiale)

m;i
coefficiente parziale per un parametro del terreno relativo allo strato i-esimo

M
coefficiente parziale per un parametro del terreno (propriet del materiale),
che tiene anche conto di incertezze sul modello

Q
coefficiente parziale per una azione variabile

qu
coefficiente parziale per la resistenza non confinata

R
coefficiente parziale per una resistenza

R;d
coefficiente parziale per l'incertezza in un modello di resistenza

R;e
coefficiente parziale per la resistenza passiva offerta dal terreno

R;h
coefficiente parziale per la resistenza allo scorrimento

R;v
coefficiente parziale per la resistenza portante

s
coefficiente parziale per la resistenza laterale di un palo

S;d
coefficiente parziale per le incertezze nella modellazione degli effetti delle azioni

Q;dst
coefficiente parziale per una azione variabile destabilizzante
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 10
UNI EN 1997-1:2005

Q;stb
coefficiente parziale per una azione variabile stabilizzante

s;t
coefficiente parziale per la resistenza a trazione di un palo

t
coefficiente parziale per la resistenza totale di un palo

w
peso dell'unit di volume

'
coefficiente parziale per l'angolo di resistenza al taglio (tan ')


coefficiente parziale per il peso dell'unit di volume
u angolo che individua la direzione di H
fattore di correlazione funzione del numero dei pali sottoposti a prova o dei
profili di prova

a
fattore di correlazione per ancoraggi

2
fattori di correlazione per valutare i risultati di prove di carico statiche su pali

4
fattori di correlazione per ricavare la resistenza del palo dai risultati di
indagini del sottosuolo, in assenza di prove di carico su pali

6
fattori di correlazione per ricavare la resistenza del palo da prove dinamiche
fattore di conversione dal valore caratteristico al valore rappresentativo
o
stb;d
valore di progetto dello sforzo verticale totale stabilizzante
o '
h;0
componente orizzontale della pressione del terreno efficace a riposo
o(z) sforzo normale ad una parete alla profondit z
t(z) sforzo tangenziale su una parete alla profondit z
' angolo di resistenza al taglio in termini di sforzi efficaci

cv
angolo di resistenza al taglio allo stato critico

cv;d
valore di progetto di
cv
'
d
valore di progetto di '
Abbreviazioni
CFA Pali trivellati ad elica continua
OCR grado di sovraconsolidazione
Nota 1 I simboli comuni a tutti gli Eurocodici sono definiti nella EN 1990:2002.
Nota 2 La simbologia adottata si basa sulla ISO 3898:1997.
(2) Per i calcoli geotecnici, si raccomanda l'impiego delle seguenti unit di misura o di
loro multipli:
- forza kN
- massa kg
- momento kNm
- massa volumica kg/m
3
- peso dell'unit di volume kN/m
3
- sforzo, pressione, resistenza e rigidezza kPa
- coefficiente di permeabilit m/s
- coefficiente di consolidazione m
2
/s
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 11
UNI EN 1997-1:2005
SEZIONE 2 PRINCIPI BASE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA
2.1 Requisiti per la progettazione
(1)P Per ogni situazione di progetto geotecnica si deve verificare che non venga superato
nessuno degli stati limite possibili, come indicato nella EN 1990:2002.
(2) Nella determinazione delle situazioni di progetto e degli stati limite, si raccomanda di
considerare i seguenti fattori:
- condizioni del sito relativamente alla stabilit globale e ai movimenti del sottosuolo;
- natura e dimensioni della costruzione e delle sue componenti, compresi
eventuali requisiti particolari come per esempio la vita utile di progetto;
- condizioni relative alla zona circostante (per esempio: strutture limitrofe, traffico,
infrastrutture di servizio, vegetazione, sostanze chimiche pericolose);
- condizioni del sottosuolo;
- condizioni dell'acqua del sottosuolo;
- sismicit della regione;
- influenza dell'ambiente (idrologia, acque superficiali, subsidenza, andamento
stagionale della temperatura e dellumidit).
(3) Stati limite si possono produrre nel sottosuolo o nella struttura, o per rottura
composita nella struttura e nel sottosuolo.
(4) Si raccomanda che gli stati limite siano analizzati mediante di uno o pi metodi:
- utilizzo del calcolo come indicato al punto 2.4;
- adozione di prescrizioni come indicato al punto 2.5;
- modelli sperimentali e prove di carico, come indicato al punto 2.6;
- metodo osservazionale, come indicato al punto 2.7.
(5) Nella pratica, spesso l'esperienza ad indicare quale tipo di stato limite condiziona
il progetto, e la sicurezza rispetto ad altri stati limite pu essere accertata mediante
verifiche di controllo.
(6) Si raccomanda che gli edifici siano generalmente protetti dall'infiltrazione di acqua
dal sottosuolo o dall'invasione di vapori o gas al loro interno.
(7) Si raccomanda che, se possibile, i risultati del progetto siano messi a confronto con
l'esperienza che deriva da situazioni comparabili.
(8)P Per stabilire i requisiti minimi di ampiezza e natura delle indagini geotecniche, dei
calcoli e delle verifiche di controllo in corso d'opera, si devono valutare la
complessit ed i rischi associati ad ogni specifico progetto geotecnico. In particolare,
si deve distinguere tra:
- strutture leggere e semplici e piccole opere di terra, per le quali possibile
garantire che i requisiti minimi siano soddisfatti sulla base dell'esperienza e con
indagini geotecniche qualitative, con rischio trascurabile;
- altre strutture geotecniche.
Nota I criteri per soddisfare i requisiti minimi possono essere indicati dall'appendice nazionale.
(9) Per strutture e opere di terra con piccolo rischio e senza particolare complessit
sotto il profilo geotecnico, come sopra indicato, si possono adottare procedure di
progettazione semplificate.
(10) Per stabilire i requisiti per la progettazione geotecnica, si possono introdurre tre
Categorie Geotecniche 1, 2 e 3.
(11) Si raccomanda che gli una classificazione preliminare di una struttura in base alla
Categoria Geotecnica sia generalmente stabilita prima delle indagini geotecniche.
Se necessario, si raccomanda che la categoria sia poi verificata e modificata in ogni
fase della progettazione e del processo di costruzione.
(12) Per ragioni economiche o perch pi appropriato, il progettista pu seguire le
procedure di una categoria geotecnica superiore.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 12
UNI EN 1997-1:2005
(13) I vari aspetti progettuali di un progetto possono essere trattati secondo Categorie
Geotecniche diverse. Non necessario trattare l'intera opera in progetto secondo la
categoria massima.
(14) Si raccomanda la Categoria Geotecnica 1, comprenda soltanto strutture di piccolo
impegno e relativamente semplici:
- per le quali possibile garantire che i requisiti fondamentali sono soddisfatti sulla
base dell'esperienza e con indagini geotecniche qualitative;
- con rischio trascurabile.
(15) Si raccomanda che le procedure della Categoria Geotecnica 1, siano impiegate
soltanto nei casi in cui i rischi di instabilit globale o di movimenti del sottosuolo
siano minimi ed in situazioni che, in base ad esperienze comparabili locali, risultino
sufficientemente semplici. In questi casi le procedure per il progetto e la costruzione
delle fondazioni possono consistere in metodi convenzionali.
(16) Si raccomanda che le procedure della Categoria Geotecnica 1, sia impiegata soltanto
nei casi in cui non siano previsti scavi sotto falda, ovvero quando, per esperienza
locale comparabile, il previsto scavo sotto falda realizzabile in maniera semplice.
(17) Si raccomanda che la Categoria Geotecnica 2, comprenda tipi di struttura e di
fondazioni convenzionali, che non presentano rischi eccezionali o condizioni del
terreno o di carico insolite.
(18) Si raccomanda che la progettazione di strutture della Categoria Geotecnica 2
implichino generalmente l'utilizzo di dati geotecnici ed analisi di tipo quantitativo, per
garantire che siano soddisfatti i requisiti fondamentali.
(19) Per le prove in sito e di laboratorio e per la progettazione e realizzazione di opere
che ricadono nella Categoria Geotecnica 2, possibile adottare procedure di tipo
convenzionale.
Nota Nel seguito si forniscono esempi di strutture convenzionali o di parti di strutture conformi alla Categoria
Geotecnica 2:
- fondazioni superficiali;
- fondazioni a platea;
- fondazioni su pali;
- muri e altre strutture di ritenuta o sostegno di terreno o acqua;
- scavi;
- pile e spalle dei ponti;
- rilevati e opere di terra;
- ancoraggi al terreno e altri sistemi di bloccaggio;
- gallerie in rocce dure e non fratturate, non soggette a particolari requisiti di tenuta idraulica o altri
requisiti.
(20) Si raccomanda che la Categoria Geotecnica 3 comprenda strutture o parti di
strutture che non ricadono nelle Categorie Geotecniche 1 e 2.
(21) Si raccomanda che la Categoria Geotecnica 3 implichi generalmente regole e
disposizioni alternative rispetto a quelle della presente norma.
Nota La Categoria Geotecnica 3 implichi generalmente i seguenti esempi:
- strutture molto grandi o inusuali;
- strutture che comportano rischi eccezionali, o condizioni del sottosuolo o di carico insolite o
straordinariamente difficili;
- strutture in zone ad elevata sismicit;
- strutture in zone ove siano prevedibili instabilit del sito o spostamenti del sottosuolo permanenti,
che richiedono indagini specifiche o accorgimenti particolari.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 13
UNI EN 1997-1:2005
2.2 Situazioni di progetto
(1)P Si devono considerare situazioni di progetto sia a breve che a lungo termine.
(2) Si raccomanda che nella progettazione geotecnica, le specifiche di dettaglio delle
situazioni di progetto considerino, come opportuno:
- le azioni, le loro combinazioni e le condizioni di carico;
- l'idoneit generale del sito dove ricade la struttura, nei riguardi della stabilit
globale e dei movimenti del sottosuolo;
- la disposizione e la classificazione delle varie zone di terreno, di roccia, e di parti
della costruzione che vengono considerate nei modelli di analisi;
- andamento dei piani di stratificazione;
- scavi minerari, cavit, o altre opere in sotterraneo;
- per le strutture che ricadono o sono in prossimit di banchi di roccia:
- l'alternanza di strati consistenti e teneri,
- faglie, giunti e fessure,
- possibile instabilit di blocchi di roccia,
- cavit per dissoluzione, quali inghiottitoi o fessure riempite di materiale
soffice, e processi di dissoluzione in atto;
- l'ambiente in cui si inserisce il progetto, compreso quanto segue:
- effetti di scalzamento, erosione e scavo, che determinano la alterazione
della geometria del piano campagna,
- effetti della corrosione chimica,
- effetti degli agenti climatici,
- effetti del gelo,
- effetti di periodi di siccit di lunga durata,
- variazioni del livello di acqua del sottosuolo, dovuti per esempio a drenaggio,
eventuali inondazioni, rottura dei sistemi di drenaggio, sfruttamento idrico,
- la presenza di gas che emergono dal terreno,
- altri effetti del tempo e dell'ambiente sulla resistenza e sulle altre propriet
dei materiali; per esempio l'effetto di cavit di origine animale;
- terremoti;
- spostamenti del sottosuolo dovuti alla subsidenza per scavi in sotterraneo o altre
attivit;
- la vulnerabilit della struttura alle deformazioni;
- l'effetto della nuova costruzione su quelle gi esistenti, sui servizi e sull'ambiente
circostante.
2.3 Durabilit
(1)P Nell'ambito della progettazione geotecnica si deve valutare l'influenza delle
condizioni ambientali sulla durabilit della costruzione per rendere possibile
l'adozione di misure di protezione o prevedere materiali di resistenza adeguata.
(2) Nella progettazione della durabilit dei materiali che ricadono nel sottosuolo, si
raccomanda di considerare quanto segue:
a) per il calcestruzzo:
- agenti aggressivi presenti nelle acque del sottosuolo, nel sottosuolo stesso o
nel materiale di riempimento, come per esempio acidi o solfati;
b) per l'acciaio:
- attacco chimico laddove parti della fondazione sono immerse in un
sottosuolo sufficientemente permeabile da consentire la percolazione di
acqua del sottosuolo e l'ossigenazione,
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 14
UNI EN 1997-1:2005
- corrosione delle superfici esterne delle palancolate esposte all'acqua libera,
soprattutto in corrispondenza del livello medio della falda,
- l'attacco corrosivo per vaiolatura dell'acciaio contenuto in calcestruzzo
fessurato o poroso, ed in particolare per l'acciaio laminato in cui le scorie di
laminazione, agendo da catodo, favoriscono l'azione elettrolitica con la
superficie libera da scorie, che funge da anodo;
c) per il legno:
- funghi e batteri aerobici in presenza di ossigeno;
d) per i tessuti sintetici:
- gli effetti di invecchiamento dovuti all'esposizione ai raggi ultravioletti o al
degrado prodotto dall'ozono o dall'azione combinata della temperatura e
dello stato di sforzo, e gli effetti secondari dovuti alla degradazione chimica.
(3) Si raccomanda di fare riferimento a quanto previsto dalle norme sui materiali da
costruzione in materia di durabilit.
2.4 Progettazione geotecnica basata sul calcolo
2.4.1 Generalit
(1)P La progettazione basata sul calcolo deve essere conforme ai requisiti fondamentali
della EN 1990:2002 e con le regole specifiche della presente norma. La progettazione
basata sul calcolo considera:
- azioni, che derivano da carichi o spostamenti imposti, per esempio da movimenti
del sottosuolo;
- propriet dei terreni, delle rocce e degli altri materiali;
- dati geometrici;
- valori limite delle deformazioni, dell'ampiezza delle fessure, delle vibrazioni, ecc.;
- modelli di calcolo.
(2) Si raccomanda di considerare che la conoscenza delle condizioni del sottosuolo
dipende dall'estensione e dalla qualit delle indagini geotecniche. Per ottemperare
ai requisiti fondamentali, tale conoscenza, insieme al controllo della qualit
dell'esecuzione, sono solitamente pi importanti della precisione dei modelli di
calcolo e dei coefficienti parziali.
(3)P Il modello di calcolo deve rappresentare il comportamento del sottosuolo cos come
ipotizzato nello stato limite considerato.
(4)P Se per un particolare stato limite non disponibile un modello di calcolo affidabile, si
deve analizzare uno stato limite alternativo con coefficienti tali da garantire che il
superamento del particolare stato limite considerato sia sufficientemente
improbabile. In alternativa, il progetto si deve condurre attraverso prescrizioni,
modellazione fisica e prove di carico, o con l'impiego del metodo osservazionale.
(5) Il modello di calcolo pu essere:
- analitico;
- semi-empirico;
- numerico.
(6)P Un modello di calcolo deve essere preciso, ovvero comportare errori a favore della
sicurezza.
(7) Un modello di calcolo pu implicare delle semplificazioni.
(8) Se necessario, si possono applicare modifiche ai risultati della modellazione per garantire
che i calcoli di progetto siano precisi, ovvero comportino errori a favore della sicurezza.
(9) Se la modifica dei risultati avviene attraverso l'applicazione di un coefficiente di
modello, si raccomanda che questultimo tenga conto di quanto segue:
- il grado di incertezza dei risultati del metodo di analisi;
- gli errori sistematici propri del metodo di analisi.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 15
UNI EN 1997-1:2005
(10)P Se nell'analisi viene impiegata una correlazione empirica, si deve accertare la sua
applicabilit alle effettive condizioni del sottosuolo.
(11) Si raccomanda che gli stati limite, che riguardano la formazione di un meccanismo di
rottura nel sottosuolo siano verificati prontamente utilizzando un modello di calcolo.
Per gli stati limite definiti attraverso considerazioni sulle deformazioni, si raccomanda
che queste ultime siano determinate mediante calcoli, come descritto al punto 2.4.8,
oppure valutate diversamente.
Nota Molti modelli di calcolo si basano sull'ipotesi di un comportamento del sistema sottosuolo/struttura
sufficientemente duttile. D'altra parte, la mancanza di duttilit conduce ad uno stato limite ultimo
caratterizzato da un collasso improvviso.
(12) L'impiego di metodi numerici appropriato se tiene conto della compatibilit fra le
deformazioni o della interazione tra la struttura ed il terreno in corrispondenza dello
stato limite.
(13) Si raccomanda che, in corrispondenza di uno stato limite, sia considerata la
compatibilit fra le deformazioni. Nei casi in cui si possa verificare una rottura che
coinvolge congiuntamente sia elementi strutturali sia il sottosuolo, pu essere
necessaria un'analisi dettagliata, che tiene conto della rigidezza relativa di
sottosuolo e struttura. Ci vale, per esempio, per le fondazioni a platea, per i pali
soggetti ad azioni trasversali e per le pareti di sostegno flessibili. Si raccomanda di
prestare particolare attenzione alla compatibilit delle deformazioni quando i
materiali sono fragili, ovvero presentano un comportamento a rottura di tipo
incrudente negativo ("strain-softening").
(14) In alcuni problemi, come nel caso di scavi sostenuti da pareti flessibili ancorate o
puntonate, l'intensit e la distribuzione delle spinte del terreno, delle sollecitazioni
strutturali e dei momenti flettenti, dipendono in gran parte dalla rigidezza della
struttura, dalla rigidezza e dalla resistenza del sottosuolo e dallo stato di sforzo
iniziale nel sottosuolo medesimo.
(15) Si raccomanda che, nei problemi di interazione sottosuolo-struttura, i legami
sforzo-deformazione per il sottosuolo ed i materiali strutturali e gli stati di sforzo nel
sottosuolo, siano adeguati per ottenere una soluzione conservativa nell'analisi di un
particolare stato limite.
2.4.2 Azioni
(1)P La definizione delle azioni deve essere tratta dalla EN 1990:2002. Quando pertinente,
i valori delle azioni devono essere ripresi dalla EN 1991.
(2)P In quanto noti, i valori delle azioni geotecniche si devono scegliere preliminarmente;
il valore pu quindi cambiare nel corso del calcolo.
Nota I valori delle azioni geotecniche possono variare durante il calcolo. In tali casi, un valore noto
preliminare viene introdotto come stima iniziale.
(3)P Nella determinazione delle azioni da considerare nel progetto si deve tenere conto di
eventuali interazioni tra la struttura ed il sottosuolo.
(4) Si raccomanda che, nella progettazione geotecnica, le azioni siano derivate da
quanto segue:
- peso proprio del terreno, della roccia e dell'acqua;
- stato di sforzo nel sottosuolo;
- spinta del terreno;
- pressioni dell'acqua libera, comprese quelle trasmesse dal moto ondoso;
- pressioni interstiziali;
- forze di filtrazione;
- carichi permanenti ed esercitati dalle strutture;
- sovraccarichi;
- forze di ormeggio;
- scarico o scavo del terreno;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 16
UNI EN 1997-1:2005
- carichi dovuti al traffico;
- spostamenti dovuti ad estrazioni minerarie o altre attivit di scavo sotterraneo o
in galleria;
- rigonfiamento e ritiro dovuti alla vegetazione, alle condizioni climatiche o a
variazioni di umidit;
- spostamenti dovuti a volumi di terreno soggetti a deformazioni viscose, a
scorrimenti o a cedimenti in atto;
- spostamenti determinati da degradazione, dispersione, decomposizione,
compattazione per peso proprio e dissoluzione;
- spostamenti e accelerazioni prodotti da terremoti, esplosioni, vibrazioni e carichi
dinamici;
- effetti della temperatura, compresa l'azione del gelo;
- sollecitazioni dovute al ghiaccio;
- sollecitazioni imposte in ancoraggi o puntoni;
- attrito negativo.
(5)P Si deve considerare la possibilit che le azioni variabili possano agire sia
simultaneamente che separatamente.
(6)P La durata delle azioni si deve considerare con riferimento agli effetti del tempo sulle
propriet del materiale del terreno, specialmente per quanto riguarda la permeabilit
e la compressibilit di terreni a grana fine.
(7)P Si devono individuare le azioni che vengono applicate ripetutamente e le azioni con
intensit variabile, per tenerne conto in maniera particolare, relativamente a, per
esempio, spostamenti in atto, liquefazione dei terreni, variazione della rigidezza e
resistenza del terreno.
(8)P Si devono individuare le azioni che generano una risposta dinamica nella struttura e
nel sottosuolo, per tenerne conto in maniera specifica.
(9)P Le azioni dovute principalmente all'acqua per sottosuolo e a quella libera devono
essere individuate per tenerne conto con specifico riferimento alle deformazioni, alla
fessurazione, alle variazioni di permeabilit e per i fenomeni erosivi.
Nota Le azioni permanenti sfavorevoli (o destabilizzanti) e favorevoli (o stabilizzanti) in alcune situazioni
possono essere considerate derivanti da una stessa causa. In questo caso, si pu applicare un unico
coefficiente parziale alla somma delle azioni o dei loro effetti.
2.4.3 Propriet del sottosuolo
(1)P Le propriet del terreno e degli ammassi rocciosi, espresse sotto forma di parametri
geotecnici per i calcoli di progetto, devono essere determinate attraverso risultati di
prove, o direttamente o tramite correlazioni, formulazioni teoriche o empiriche, e altri
dati pertinenti.
(2)P I valori determinati attraverso risultati di prove e altri dati devono essere interpretati
in modo congruente con lo stato limite considerato.
(3)P Si deve tener conto delle eventuali divergenze tra propriet del sottosuolo e
parametri geotecnici, che derivano dai risultati delle prove, e propriet e parametri
che controllano il comportamento della costruzione geotecnica.
(4) Le divergenze a cui si riferisce il punto 2.4.3(3)P possono essere dovute ai seguenti
fattori:
- molti parametri geotecnici non sono realmente costanti, ma dipendono dal livello
di sforzo e dallo stato di deformazione;
- l'assetto strutturale del terreno e delle rocce (per esempio fessure, laminazioni, o
elementi/grani grossolani) che pu svolgere un ruolo diverso nella prova e nella
costruzione geotecnica;
- effetti del tempo;
- la riduzione della resistenza nei terreni e nelle rocce indotta dalla percolazione
dell'acqua;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 17
UNI EN 1997-1:2005
- la riduzione della resistenza prodotta da azioni dinamiche;
- la fragilit o la duttilit del terreno o della roccia sottoposte a prova;
- il metodo di realizzazione della costruzione geotecnica;
- l'influenza dell'esecuzione nei riporti artificiali o nei terreni su cui sono stati
eseguiti interventi di consolidamento;
- l'effetto delle attivit di costruzione sulle propriet del sottosuolo.
(5) Quando si stabiliscono i valori dei parametri geotecnici, si raccomanda di
considerare quanto segue:
- conoscenze pubblicate e consolidate sull'impiego delle diverse prove nelle
condizioni del sottosuolo appropriate per il caso specifico;
- il valore di ogni parametro geotecnico rispetto ai dati pubblicati pertinenti o che
derivano dalla esperienza locale e generale;
- la variabilit dei parametri geotecnici utili per il progetto;
- i risultati di prove in sito e misurazioni su grande scala, eseguite per costruzioni
limitrofe;
- correlazioni tra risultati di pi tipi di prova;
- ogni decadimento significativo delle propriet del sottosuolo che si pu verificare
nella vita dell'opera.
(6)P Quando necessario, in conformit alla EN 1997-2, si devono applicare i fattori di
taratura per ricavare dai risultati delle prove di laboratorio o in sito, i parametri
geotecnici per uno specifico stato limite, ovvero per tenere conto delle correlazioni
utilizzate per ottenere i "valori derivati" dai risultati delle prove.
2.4.4 Dati geometrici
(1)P Devono essere considerati come dati geometrici: la quota e la pendenza del piano di
campagna, i livelli dell'acqua, le quote delle superfici di separazione tra gli strati, le
quote di scavo e le dimensioni della costruzione geotecnica.
2.4.5 Valori caratteristici
2.4.5.1 Valori caratteristici e rappresentativi delle azioni
(1)P I valori caratteristici e rappresentativi delle azioni si devono ricavare come definito
nella EN 1990:2002 e nelle diverse parti della EN 1991.
2.4.5.2 Valori caratteristici dei parametri geotecnici
(1)P La scelta dei valori caratteristici dei parametri geotecnici deve essere basata su
risultati e sul "valori derivati" ottenuti dalle prove in sito e di laboratorio, ed in base
alla esperienza consolidata.
(2)P Il valore caratteristico di un parametro geotecnico si deve scegliere come una stima
cautelativa del valore del parametro ha influenza sul verificarsi dello stato limite.
(3)P Quando vengono stabiliti i rispettivi valori caratteristici, si deve tener conto della
maggiore variabilit di c' rispetto a quella di tan '.
(4)P La scelta dei valori caratteristici per i parametri geotecnici deve tener conto di quanto
segue:
- dati geologici e altre informazioni di base, quali quelle che si riferiscono a
progetti gi realizzati;
- la variabilit delle propriet misurate e degli altri dati pertinenti, per esempio
derivanti da conoscenze gi acquisite;
- estensione delle indagini in sito e di laboratorio;
- tipo e numero di campioni;
- estensione della zona di terreno da cui dipende il comportamento della
costruzione geotecnica nello stato limite considerato;
- la capacit della costruzione geotecnica di diffondere i carichi dalle zone di
terreno debole a quelle a resistenza pi elevata.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 18
UNI EN 1997-1:2005
(5) I valori caratteristici possono essere valori inferiori, che sono minori dei valori pi
probabili, o valori superiori, che sono maggiori.
(6)P Per ogni calcolo si deve utilizzare la combinazione pi sfavorevole di valori inferiori
e superiori dei parametri indipendenti.
(7) Il volume di terreno che determina il comportamento di una costruzione geotecnica in
corrispondenza di uno stato limite , in genere, di dimensioni molto maggiori rispetto
ad un campione di prova o al volume di terreno interessato da una prova in sito. Di
conseguenza, il valore del parametro determinante spesso il valor medio di un
campo di valori relativi ad una grossa superficie o volume del terreno. Si raccomanda
che il valore caratteristico sia una valutazione cautelativa di tale valor medio.
(8) Se il comportamento della costruzione geotecnica nello stato limite considerato,
determinato dal valore minimo o massimo di una propriet del sottosuolo, si
raccomanda che il valore caratteristico corrisponda ad una stima cautelativa del
valore minimo o massimo del parametro, relativamente al volume di terreno
significativo.
(9) Nella scelta del volume di terreno che determina il comportamento di una costruzione
geotecnica, in corrispondenza di uno stato limite, si raccomanda di considerare che
tale stato limite pu dipendere dal comportamento della sovrastruttura. Per esempio,
considerando lo stato limite ultimo per resistenza portante di un edificio su numerosi
plinti, si raccomanda che il parametro determinante sia la resistenza media offerta dal
terreno sotto ogni plinto, quando l'edificio non in grado di contrastare una rottura
localizzata. Se, invece, l'edificio sufficientemente rigido e resistente, si raccomanda
che il parametro determinante sia la media di queste resistenze, relativamente a tutto
il terreno sotto l'edificio o a parte di esso.
(10) Nel caso in cui la scelta dei valori caratteristici delle propriet del sottosuolo venga
eseguita con metodi statistici, si raccomanda che questi distinguano tra
campionamenti locali e regionali, nonch comprendano l'utilizzo di valori noti a priori
relativi alle propriet confrontabili del terreno.
(11) Nel caso in cui siano utilizzati metodi statistici, si raccomanda che il valore
caratteristico di una grandezza sia fissato in modo tale che, per un particolare stato
limite, la probabilit che si verifichi un valore pi sfavorevole non sia maggiore del 5%.
Nota In questo senso, una stima cautelativa del valore medio la media dei valori che assume un parametro
geotecnico per un intervallo di confidenza pari al 95%; nei casi riguardanti la rottura locale, una stima
cautelativa del valore minore un frattile del 5%.
(12)PQuando si fa uso di prospetti per i valori caratteristici di parametri geotecnici, si deve
scegliere un valore caratteristico molto cautelativo.
2.4.5.3 Valori caratteristici dei dati geometrici
(1)P I valori caratteristici delle quote del piano di campagna, del livello della falda o della
superficie libera dell'acqua devono essere scelti come valori superiori o inferiori
misurati, nominali o stimati.
(2) Si raccomanda che i valori caratteristici delle quote di terreno e delle dimensioni delle
costruzioni geotecniche o di sue parti corrispondano in genere, ai valori nominali.
2.4.6 Valori di progetto
2.4.6.1 Valori di progetto per le azioni
(1)P Il valore di progetto di una azione si deve determinare in conformit alla EN 1990:2002.
(2)P Il valore di progetto di una azione (F
d
) deve essere o valutato direttamente o ricavato
da valori rappresentativi applicando la formula seguente:
F
d
=
F
F
rep
(2.1a)
con
F
rep
= F
k
(2.1b)
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 19
UNI EN 1997-1:2005
(3)P I valori di opportuni si devono ricavare dalla EN 1990:2002.
(4)P Nell'equazione (2.1a), i valori del coefficiente parziale
F
che si devono adottare,
sono quelli per situazioni permanenti e transitorie, definiti in appendice A.
Nota 1 I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale.
Nota 2 I valori raccomandati in appendice A stabiliscono il livello di sicurezza appropriato per situazioni di progetto
convenzionali.
(5) Se i valori di progetto delle azioni geotecniche vengono valutati direttamente, si
raccomanda che i valori per i coefficienti parziali raccomandati in appendice A siano
utilizzati come indicazione del livello di sicurezza necessario.
(6)P Nell'analisi degli stati limite che comportano conseguenze gravi (in genere stati limite
ultimi), i valori di progetto delle pressioni interstiziali sono quelli pi sfavorevoli che si
possono presentare nel corso della vita di progetto dell'opera. Nel caso di stati limite
con conseguenze meno gravi (in genere stati limite di esercizio), i valori di progetto
devono essere scelti come i valori pi sfavorevoli che si possono presentare in
circostanze normali.
(7) In alcuni casi, pressioni dell'acqua di valore eccezionale che sono conformi al
punto 1.5.3.5 della EN 1990:2002, possono essere considerate come azioni
accidentali.
(8) I valori di progetto delle pressioni interspaziali nel sottosuolo si ricavano o
applicando i coefficienti parziali ai valori caratteristici delle pressioni, o applicando
un margine di sicurezza al valore caratteristico del livello idrico, in conformit ai
punti 2.4.4(1)P e 2.4.5.3(1)P.
(9) Si raccomanda di considerare i seguenti aspetti, che possono influire sulle pressioni
idrauliche:
- la quota della superficie libera o della superficie freatica;
- gli effetti favorevoli o sfavorevoli del drenaggio, sia naturale che artificiale,
tenendo conto del mantenimento della sua efficienza nel tempo;
- l'afflusso di acqua dovuto alle precipitazioni, alle inondazioni, alla rottura di
condotte o ad altre possibili cause;
- variazioni delle pressioni dell'acqua per la crescita o per la rimozione della
vegetazione.
(10) Si raccomanda di prendere in considerazione situazioni sfavorevoli per i livelli
dell'acqua, che possono essere determinate da modifiche nella captazione e ridotto
drenaggio, per effetto di intasamenti, gelo, o altro.
(11) A meno che non sia possibile dimostrare l'idoneit del sistema di drenaggio e garantire
la sua efficienza, si raccomanda che la superficie freatica di progetto sia coincidente
con il massimo livello possibile dell'acqua nel sottosuolo ed eventualmente anche a
piano, campagna.
2.4.6.2 Valori di progetto per i parametri geotecnici
(1)P I valori di progetto dei parametri geotecnici (X
d
) devono essere ricavati dai
corrispondenti valori caratteristici applicando la formula seguente:
X
d
= X
k
/
M
(2.2)
o devono essere valutati direttamente.
(2)P Nell'equazione (2.2) i valori dei coefficienti parziali
M,
che si devono adottare, sono
quelli indicati per situazioni permanenti e transitorie in appendice A.
Nota 1 I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale.
Nota 2 I valori raccomandati riportati in appendice A, stabiliscono il minimo livello di sicurezza per situazioni di
progetto convenzionali.
(3) Nel caso in cui i valori di progetto per i parametri geotecnici vengano valutati
direttamente, si raccomanda che i valori dei coefficienti parziali raccomandati in
appendice A siano utilizzati come indicazione del livello di sicurezza necessario.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 20
UNI EN 1997-1:2005
2.4.6.3 Valori di progetto per i dati geometrici
(1) I coefficienti parziali sulle azioni e sul materiale (
F
e
M
) permettono di tenere conto
di piccole variazioni nei dati geometrici e, in tali casi, non necessario alcun ulteriore
margine di sicurezza sui dati geometrici.
(2)P Nei casi in cui uno scostamento nei dati geometrici abbia un effetto significativo sulla
affidabilit di un'opera, i valori di progetto per i dati geometrici (a
d
) devono essere o
valutati direttamente o ricavati da valori nominali, applicando la formula seguente
(vedere punto 6.3.4 della EN 1990:2002):
a
d
= a
nom
Aa (2.3)
dove i valori di Aa sono quelli riportati nei punti 6.5.4(2) e 9.3.2.2.
2.4.6.4 Valori di progetto per le propriet dei materiali e degli elementi strutturali
(1)P Le caratteristiche di resistenza di progetto dei materiali strutturali, e le resistenze di
progetto degli elementi strutturali, si devono calcolare in conformit alle
EN 1992 - EN 1996 e alla EN 1999.
2.4.7 Stati Limite Ultimi
2.4.7.1 Generalit
(1)P Quando pertinente, si deve verificare che non vengano superati i seguenti stati limite:
- perdita dell'equilibrio della struttura o del terreno considerato come corpo rigido,
in cui la resistenza dei materiali strutturali e del sottosuolo forniscono un
contributo trascurabile alla resistenza del sistema (EQU);
- rottura interna o eccesso di deformazione nella struttura o negli elementi
strutturali, compresi per esempio plinti, pali o muri contro terra, in cui la
resistenza dei materiali strutturali rappresenta un contributo significativo alla
resistenza del sistema (STR);
- rottura o eccesso di deformazione nel sottosuolo, in cui la resistenza del
terreno o della roccia forniscono un contributo significativo alla resistenza del
sistema (GEO);
- perdita di equilibrio della struttura o del sottosuolo per sollevamento dovuto a
pressioni idrauliche (galleggiamento) o altre azioni verticali (UPL);
- sollevamento idraulico, erosione interna, e "piping" nel sottosuolo dovuti a gradienti
idraulici (HYD).
Nota Lo stato limite GEO spesso determinante per il dimensionamento di elementi strutturali che sono
parte di fondazioni o di opere di sostegno e, talvolta, anche per la resistenza di elementi strutturali.
(2)P Si devono utilizzare i coefficienti parziali in situazioni permanenti e transitorie definiti
in appendice A.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nell'appendice nazionale. In tal caso, i prospetti
in appendice A forniscono i valori raccomandati.
(3) Si raccomanda che tutti i valori dei coefficienti parziali per le azioni o gli effetti delle
azioni in situazioni accidentali siano generalmente assunti pari a 1,0. Si raccomanda
daltra parte che tutti i valori dei coefficienti parziali per le resistenze siano scelti in
base alla specifica situazione accidentale presa in esame.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nell'appendice nazionale.
(4) Si raccomanda di utilizzare valori pi restrittivi rispetto a quelli raccomandati in
appendice A, in casi di rischio eccezionale o di condizioni di carico o del sottosuolo
inusuali o eccezionalmente difficili.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nell'appendice nazionale.
(5) Possono essere utilizzati valori meno restrittivi rispetto a quelli raccomandati in
appendice A per opere temporanee o situazioni di progetto transitorie, laddove le
conseguenze prevedibili lo giustifichino.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nell'appendice nazionale.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 21
UNI EN 1997-1:2005
(6) Nel calcolo del valore di progetto della resistenza, (R
d
), o del valore di progetto
dell'effetto delle azioni, (E
d
), si possono introdurre rispettivamente i coefficienti di
modello (
R;d
) o (
S;d
), per garantire che i risultati del modello di calcolo utilizzato per
il progetto siano rigorosi, ovvero comportino errori dal lato della sicurezza.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nellappendice nazionale.
2.4.7.2 Verifica dell'equilibrio statico
(1)P Nell'esame di uno stato limite di equilibrio statico o di spostamento globale della
struttura o del sottosuolo (EQU), si deve verificare che:
E
dst;d
s E
stb;d
+ T
d
(2.4)
con
E
dst;d
= E{
F
F
rep
; X
k
/
M
; a
d
}
dst
(2.4a)
e
E
stb;d
= E{
F
F
rep
; X
k
/
M
; a
d
}
stb
(2.4b)
(2)P Nell'equazione (2.4) si devono adottare i coefficienti parziali per situazioni
permanenti e transitorie definiti ai punti A.2(1)P e A.2(2)P.
Nota 1 L'equilibrio statico EQU attinente principalmente al progetto strutturale. Nella progettazione geotecnica la
verifica EQU limitata a casi rari, come per esempio una fondazione rigida poggiante su roccia, ed , in linea
di principio, diversa da problemi di stabilit globale o di galleggiamento. Se compresa una parte di resistenza
al taglio T
d
, si raccomanda che questa sia di minima influenza.
Nota 2 I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. In tal caso, i prospetti
A.1 e A.2 forniscono i valori raccomandati.
2.4.7.3 Verifica di resistenza per stati limite nella struttura e nel sottosuolo in situazioni permanenti e
transitorie
2.4.7.3.1 Generalit
(1)P Nell'esame di uno stato limite di rottura o deformazione eccessiva di un elemento
strutturale o di una parte di sottosuolo (STR e GEO), si deve verificare che:
E
d
s R
d
(2.5)
2.4.7.3.2 Effetti di progetto delle azioni
(1) I coefficienti parziali sulle azioni si possono applicare o alle azioni stesse (F
rep
) o ai
loro effetti (E):
E
d
= E{
F
F
rep
; X
k
/
M
; a
d
} (2.6a)
oppure
E
d
=
E
E{F
rep
; X
k
/
M
; a
d
}. (2.6b)
(2) In alcune situazioni di progetto, l'applicazione del coefficienti parziali ad azioni che
derivano dal terreno (come per esempio la spinta delle terre o dell'acqua) potrebbe
condurre a valori di progetto che sono irragionevoli o persino fisicamente impossibili.
In queste situazioni, i coefficienti si possono applicare direttamente agli effetti delle
azioni prese con il loro valore rappresentativo.
(3)P Nelle equazioni (2.6a) e (2.6b) si devono adottare i coefficienti parziali definiti ai punti
A.3.1(1)P e A.3.2(1)P.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I prospetti A.3 e A.4
forniscono i valori raccomandati.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 22
UNI EN 1997-1:2005
2.4.7.3.3 Resistenze di progetto
(1) I coefficienti parziali si possono applicare o alle propriet del sottosuolo (X) o alle
resistenze (R) o ad entrambi, come segue:
R
d
= R{
F
F
rep
; X
k
/
M
; a
d
} (2.7a)
oppure
R
d
= R{
F
F
rep
; X
k
; a
d
}/
R
(2.7b)
oppure
R
d
= R{
F
F
rep
; X
k
/
M
; a
d
}/
R
(2.7c)
Nota Nelle procedure progettuali dove si fattorizzano gli effetti delle azioni, il coefficiente parziale per le azioni

F
= 1,0. [vedere anche B.3(6)].
(2)P Nelle equazioni (2.7a, b, e c) si devono adottare i coefficienti parziali definiti ai punti
A.3.3.1(1)P, A.3.3.2(1)P, A.3.3.4(1)P, A.3.3.5(1)P e A.3.3.6(1)P.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. In tal caso i prospetti
A.5, A.6, A.7, A.8, A.12, A.13 e A.14 forniscono i valori raccomandati.
2.4.7.3.4 Approcci di Progetto
2.4.7.3.4.1 Generalit
(1)P Il modo in cui applicare le equazioni (2.6) e (2.7) deve seguire uno dei tre Approcci
di Progetto.
Nota 1 Il modo di applicare le equazioni (2.6) e (2.7) e l'Approccio di Progetto da utilizzare, possono essere indicati
dall'appendice nazionale.
Nota 2 L'appendice B fornisce ulteriori chiarimenti sugli Approcci di Progetto.
Nota 3 I coefficienti parziali in appendice A da utilizzare nelle equazioni (2.6) e (2.7) sono raccolti in gruppi indicati
con le lettere A (per le azioni o gli effetti delle azioni), M (per i parametri del terreno) ed R (per le resistenze).
I gruppi vanno scelti in funzione dell'Approccio di Progetto utilizzato.
2.4.7.3.4.2 Approccio di Progetto 1
(1)P Con l'eccezione del progetto di ancoraggi e pali soggetti a carico assiale, si deve
verificare che non si raggiunga uno stato limite di rottura o deformazione eccessiva,
con nessuna delle seguenti combinazioni di coefficienti parziali:
Combinazione 1: A1 "+" M1 "+" R1
Combinazione 2: A2 "+" M2 "+" R1
dove "+" significa: "da combinare con".
Nota Nelle Combinazioni 1 e 2, i coefficienti parziali si applicano alle azioni ed ai parametri di resistenza del
sottosuolo.
(2)P Per il progetto di ancoraggi e pali soggetti a carico assiale, si deve verificare che non
si raggiunga uno stato limite di rottura o deformazione eccessiva, con nessuna delle
seguenti combinazioni di coefficienti parziali:
Combinazione 1: A1 "+" M1 "+" R1
Combinazione 2: A2 "+" (M1 o M2) "+" R4
Nota 1 Nella Combinazione 1, i coefficienti parziali si applicano alle azioni ed ai parametri di resistenza del sottosuolo.
Nella Combinazione 2, i coefficienti parziali si applicano alle azioni, alle resistenze del sottosuolo e talvolta ai
parametri di resistenza del sottosuolo.
Nota 2 Nella Combinazione 2, l'insieme M1 si adotta per calcolare le resistenze di pali o ancoraggi e l'insieme M2 per
calcolare le azioni sfavorevoli sui pali dovute, per esempio ad attrito laterale negativo o a carico trasversale.
(3) Se risulta evidente che il progetto controllato da una delle due combinazioni, non
occorre eseguire i calcoli per l'altra combinazione. Tuttavia, pu succedere che
combinazioni diverse siano determinanti per aspetti diversi dello stesso progetto.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 23
UNI EN 1997-1:2005
2.4.7.3.4.3 Approccio di Progetto 2
(1)P Si deve verificare che non si raggiunga uno stato limite di rottura o deformazione
eccessiva, con la seguente combinazione di coefficienti parziali:
Combinazione: A1 "+" M1 "+" R2
Nota 1 In questo approccio, i coefficienti parziali si applicano alle azioni o agli effetti delle azioni e alle resistenze del
sottosuolo.
Nota 2 Nel caso in cui questo approccio venga utilizzato per l'analisi di pendii e di problemi di stabilit globale, l'effetto
risultante delle azioni sulla superficie di rottura si moltiplica per
E
e la resistenza al taglio lungo la superficie
di rottura si divide per
R;e
.
2.4.7.3.4.4 Approccio di Progetto 3
(1)P Si deve verificare che non si raggiunga uno stato limite di rottura o deformazione
eccessiva, con la seguente combinazione di coefficienti parziali:
Combinazione: (A1* o A2

) "+" M2 "+" R3
* sulle azioni strutturali

sulle azioni geotecniche
Nota 1 In questo approccio, i coefficienti parziali si applicano alle azioni o agli effetti delle azioni trasmesse dalla
struttura e ai parametri di resistenza del sottosuolo.
Nota 2 Per analisi di pendii e di problemi di stabilit globale, le azioni sul terreno (per esempio azioni strutturali, carico
dovuto al traffico) si considerano come azioni geotecniche utilizzando il gruppo di coefficienti parziali A2.
2.4.7.4 Procedimento di verifica e coefficienti parziali per il sollevamento
(1)P La verifica a sollevamento (UPL) si deve effettuare controllando che il valore di
progetto della combinazione di azioni verticali destabilizzanti permanenti e variabili
(V
dst;d
), sia minore o uguale alla somma del valore di progetto delle azioni verticali
stabilizzanti permanenti (G
stb;d
), pi il valore di progetto di ogni ulteriore resistenza al
sollevamento (R
d
):
V
dst,d
s G
stb;d
+ R
d
(2.8)
in cui
V
dst,d
= G
dst;d
+ Q
dst;d
(2) Altri contributi di resistenza al sollevamento possono anche essere considerati come
una azione verticale stabilizzante permanente (G
stb;d
).
(3)P Nell'equazione (2.8) si devono adottare i coefficienti parziali per G
dst;d
, Q
dst;d
, G
stb;d
e
R
d
relativi a situazioni permanenti e transitorie, definiti ai punti A.4(1)P e A.4(2)P.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I prospetti A.15 e A.16
forniscono i valori raccomandati.
2.4.7.5 Verifica di resistenza alla rottura per sollevamento prodotto dalla filtrazione dell'acqua nel sottosuolo
(1)P Quando si considera uno stato limite di rottura per sollevamento (HYD, vedere
punto 10.3), si deve verificare, per ogni colonna di terreno significativa, che il valore
di progetto della pressione interstiziale destabilizzante totale (u
dst;d
) alla base della
colonna, oppure il valore di progetto della forza di filtrazione (S
dst;d
) nella colonna, sia
minore o uguale al valore dello sforzo totale verticale stabilizzante (o
stb;d
) alla base
della colonna, o del peso sommerso (G'
stb;d
) della stessa colonna:
u
dst;d
s o
stb;d
(2.9a)
S
dst;d
s G'
stb;d
(2.9b)
(2)P Nelle equazioni 2.9a e 2.9b si devono adottare i coefficienti parziali per u
dst;d
, o
stb;d
,
S
dst;d
e G'
stb;d
per situazioni permanenti e transitorie, definite al punto A.5(1)P.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. Il prospetto A.17
fornisce i valori raccomandati.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 24
UNI EN 1997-1:2005
2.4.8 Stati limite di esercizio
(1)P La verifica agli stati limite di esercizio, nel sottosuolo oppure in una parte strutturale,
elemento o connessione, si deve effettuare richiedendo che:
E
d
s C
d
, (2.10)
oppure attraverso il metodo riportato al punto 2.4.8(4).
(2) Si raccomanda che i valori dei coefficienti parziali per gli stati limite di esercizio siano
generalmente presi uguali a 1,0.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale.
(3) Si raccomanda che i valori caratteristici siano opportunamente variati se, durante la
vita della struttura si possono verificare variazioni delle propriet del sottosuolo, per
esempio attraverso un abbassamento della falda o per essiccamento.
(4) Pu essere verificato che venga mobilitata una frazione della resistenza del sottosuolo
sufficientemente bassa da contenere le deformazioni entro i limiti di funzionalit
richiesti, purch tale approccio semplificato sia limitato a situazioni di progetto in cui:
- non richiesto un valore della deformazione per la verifica dello stato limite di
esercizio;
- esiste una esperienza consolidata comparabile con natura del terreno, tipi di
strutture e metodi applicativi simili.
(5)P Un valore limite per una deformazione specifica quel valore per il quale si ritiene che
nella sovrastruttura si sia verificato uno stato limite di esercizio, come per esempio uno
stato di fessurazione inaccettabile o difficolt di apertura delle porte. Tale valore limite
deve essere concordato in sede di progettazione della sovrastruttura.
2.4.9 Valori limite per gli spostamenti delle fondazioni
(1)P Nella progettazione delle fondazioni si devono stabilire valori limite per gli
spostamenti in fondazione.
Nota Gli spostamenti in fondazione ammessi possono essere definiti dall'appendice nazionale.
(2)P Eventuali spostamenti differenziali delle fondazioni, che hanno per conseguenza
deformazioni nella sovrastruttura, si devono limitare in modo da garantire che non
determinino, in questa, il raggiungimento di uno stato limite.
(3)P La scelta dei valori di progetto per spostamenti e deformazioni limite, deve tenere
conto di quanto segue:
- il grado di affidabilit con cui pu essere stabilito il valore ammissibile dello
spostamento;
- le condizioni di sviluppo e di evoluzione degli spostamenti nel sottosuolo;
- il tipo di struttura;
- il tipo di materiale da costruzione;
- il tipo di fondazione;
- il tipo di sottosuolo;
- il modo di deformazione;
- l'utilizzo previsto dell'opera;
- la necessit di garantire che non ci siano problemi con i servizi che entrano nella
struttura.
(4)P Nel calcolo del cedimento differenziale si deve tenere conto di quanto segue:
- le condizioni di sviluppo e di evoluzione dei cedimenti e degli spostamenti del
sottosuolo;
- le variazioni casuali e sistematiche delle propriet del sottosuolo;
- la distribuzione del carico;
- il metodo costruttivo (compresa la sequenza di carico);
- la rigidezza della struttura durante la costruzione e dopo il suo completamento.
Nota In mancanza di prescrizioni sui valori limite delle deformazioni della sovrastruttura, si possono utilizzare
i valori di deformazione strutturale e spostamenti in fondazione, forniti in appendice H.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 25
UNI EN 1997-1:2005
2.5 Progettazione basata su prescrizioni
(1) Per situazioni di progetto in cui i modelli di calcolo non sono disponibili o non sono
necessari, il superamento degli stati limite pu essere evitato mediante l'applicazione
di prescrizioni. Questultime implicano regole progettuali convenzionali e
generalmente cautelative, attraverso specifiche sui materiali e sul loro controllo, sulla
qualit dell'esecuzione, e sulle procedure di protezione e di manutenzione.
Nota Riferimenti a regole convenzionali e generalmente cautelative dello stesso tipo, possono essere fornite
nellappendice nazionale.
(2) Il progetto basato su prescrizioni si pu utilizzare laddove l'esperienza comparabile,
cos come definita al punto 1.5.2.2, rende i calcoli di progetto non necessari. In
particolare, si pu utilizzare al fine di garantire la durabilit nei confronti del gelo e di
agenti chimici o biologici, dove calcoli diretti non sono in genere possibili.
2.6 Prove di carico e prove su modelli sperimentali
(1)P Quando, per comprovare una progettazione o integrare una o pi delle alternative di
cui al punto 2.1(4), si utilizzano dei risultati di prove di carico, o di prove su modello
a grande o piccola scala, devono essere considerati e tenuti in debito conto, i
seguenti fattori:
- differenze nelle condizioni del sottosuolo tra la prova e la costruzione reale;
- effetti del tempo, specialmente se i tempi di prova sono molto inferiori a quelli
dell'applicazione del carico nella costruzione reale;
- effetti di scala, specialmente se vengono utilizzati modelli di piccole dimensioni.
In particolare, si devono considerare gli effetti del livello di sforzo e della
dimensione dei grani.
(2) Le prove possono essere effettuate su un campione della costruzione reale o su
modelli in scala reale o a scala ridotta.
2.7 Metodo osservazionale
(1) Quando risulta difficile prevedere il comportamento sotto il profilo geotecnico, pu
essere opportuno applicare il cosiddetto "metodo osservazionale"; in questo
approccio il progetto soggetto a revisione in corso d'opera.
(2)P I seguenti requisiti devono essere soddisfatti prima dell'inizio della costruzione:
- si devono stabilire i limiti accettabili di comportamento;
- si deve valutare la variabilit di comportamento e si deve dimostrare che esiste
una probabilit accettabile che il comportamento reale sia contenuto entro i limiti
accettabili;
- si deve definire un piano di monitoraggio in grado di evidenziare se il
comportamento reale ricada entro i limiti accettabili. Il monitoraggio deve chiarire
questa prescrizione gi nelle fasi iniziali, e ad intervalli di tempo sufficientemente
brevi, per consentire l'adozione di provvedimenti contingenti in modo efficace;
- i tempi di risposta degli strumenti e le procedure per l'analisi dei risultati devono
essere sufficientemente veloci rispetto alla possibile evoluzione del sistema;
- si deve elaborare un piano di provvedimenti contingenti che possa essere
adottato nel caso in cui il monitoraggio metta in evidenza un comportamento che
non ricade entro i limiti accettabili.
(3)P In corso d'opera, il monitoraggio deve essere attuato come previsto.
(4)P I risultati del monitoraggio devono essere valutati nelle fasi opportune e, se risultano
superati i limiti di comportamento, devono essere attuati i provvedimenti contingenti
pianificati.
(5)P Nel caso in cui l'attrezzatura per il monitoraggio non sia in grado di fornire dati
affidabili del tipo appropriato o in quantit sufficiente, essa deve essere sostituita o
integrata.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 26
UNI EN 1997-1:2005
2.8 Relazione Geotecnica di Progetto
(1)P Le ipotesi, i dati, i metodi di calcolo e di risultati delle verifiche di sicurezza e di
funzionalit, devono essere annotati nella Relazione Geotecnica di Progetto.
(2) Il livello di dettaglio della Relazione Geotecnica di Progetto sostanzialmente
diverso in funzione del tipo di progetto. Per progetti semplici pu essere sufficiente
una sola pagina.
(3) Si raccomanda che la Relazione Geotecnica di Progetto contenga,
generalmente, le seguenti voci, con riferimenti alla Relazione sulle Indagini del
sottosuolo (vedere punto 3.4) e ad altri documenti contenenti maggiori dettagli:
- una descrizione del sito e delle aree limitrofe;
- una descrizione delle condizioni del sottosuolo;
- una descrizione della costruzione proposta, incluse le azioni;
- valori di progetto per le propriet del terreno e delle rocce, ed una loro
appropriata giustificazione;
- dichiarazioni sulle norme e codici adottati;
- dichiarazioni sull'idoneit del sito relativamente alla costruzione in progetto ed il
livello dei rischi accettabili;
- i calcoli ed i disegni relativi alla progettazione geotecnica;
- le raccomandazioni relative alla progettazione delle fondazioni;
- una nota sugli aspetti da verificare in corso d'opera o sulle parti che richiedono
manutenzione o monitoraggio.
(4)P La Relazione Geotecnica di Progetto deve comprendere, come appropriato, un piano
di supervisione e monitoraggio. Devono essere individuati chiaramente gli aspetti e le
parti dell'opera, che richiedono verifiche durante la costruzione o manutenzione dopo
il suo completamento. Nei casi in cui le verifiche richieste vengano effettuate in corso
d'opera, queste devono essere riportate in una relazione integrativa.
(5) Si raccomanda che, relativamente alla supervisione ed al monitoraggio, la Relazione
Geotecnica di Progetto indichi quanto segue:
- l'obiettivo di ogni insieme di osservazioni o misurazioni;
- le parti della struttura che sono da monitorare e le posizioni in cui effettuare le
osservazioni;
- la frequenza con cui effettuare le letture;
- i modi in cui sono da valutarsi i risultati;
- l'intervallo dei valori entro il quale i risultati sono attesi;
- il periodo di tempo durante il quale occorre proseguire il monitoraggio dopo il
completamento della costruzione;
- i soggetti responsabili di effettuare le misurazioni e le osservazioni, per
interpretare i risultati ottenuti e per la manutenzione degli strumenti.
(6)P Un estratto della Relazione Geotecnica di Progetto, contenente i requisiti per la
supervisione, il monitoraggio e la manutenzione della struttura ultimata, deve essere
consegnato al proprietario/committente.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 27
UNI EN 1997-1:2005
SEZIONE 3 DATI GEOTECNICI
3.1 Generalit
(1)P Le conoscenze geotecniche devono essere sempre acquisite, annotate ed
interpretate con attenzione. Tali conoscenze devono comprendere la geologia, la
geomorfologia, la sismicit, l'idrologia e la storia del sito. Si deve tener conto
dindicazioni sulla variabilit del sottosuolo.
(2)P Le indagini geotecniche devono essere programmate tenendo conto dei requisiti
costruttivi e di prestazione della struttura in esame. La finalit delle indagini
geotecniche deve essere oggetto di continua revisione in funzione delle conoscenze
progressivamente acquisite durante l'esecuzione dei lavori.
(3)P In generale le indagini in sito e le prove di laboratorio di routine devono essere
condotte e descritte in un rapporto in modo conforme a normative e
raccomandazioni riconosciute a livello internazionale. Eventuali scostamenti da tali
riferimenti e requisiti di prova aggiuntivi devono essere segnalati.
(4) Si raccomanda che i requisiti per le prove di laboratorio e in sito siano tratti dalla
EN 1997-2.
3.2 Indagini geotecniche
3.2.1 Generalit
(1)P Le indagini geotecniche devono fornire una sufficiente quantit di dati sulle
condizioni del sottosuolo e dell'acqua del sottosuolo, nel sito di costruzione e nelle
sue vicinanze, cos da consentire una adeguata descrizione delle propriet
essenziali del sottosuolo ed una valutazione affidabile dei valori caratteristici dei
parametri del terreno che verranno utilizzati nei calcoli di progetto.
(2)P L'organizzazione e l'entit delle indagini geotecniche si deve adeguare alla specifica
fase delle indagini ed alla categoria geotecnica (vedere EN 1997-2, Sezione 2).
(3) Per strutture molto grandi o inusuali, strutture che comportano rischi eccezionali o
condizioni del sottosuolo o di carico insolite o straordinariamente difficili, e strutture
in zone ad elevata sismicit, possibile che l'estensione delle indagini specificata
nella EN 1997 non sia sufficiente per soddisfare i requisiti di progettazione.
(4) Se il carattere e l'estensione delle indagini sono correlati alla Categoria Geotecnica
dell'opera, si raccomanda che le caratteristiche del sottosuolo che possono influire
sull'assegnazione della Categoria Geotecnica, siano determinate nel corso delle
indagini quanto prima.
(5) Si raccomanda che le indagini comprendano sopralluoghi per consentire la verifica
delle ipotesi progettuali in corso d'opera.
3.2.2 Indagini preliminari
(1)P Le indagini preliminari devono essere svolte:
- per valutare l'idoneit generale del sito;
- per confrontare siti alternativi, quando opportuno;
- per stimare i cambiamenti che possono derivare dai lavori in programma;
- per programmare le indagini di progetto e di controllo, compresa l'individuazione
del volume di terreno che pu influire in maniera significativa sul comportamento
della struttura;
- per identificare cave di prestito, quando opportuno.
3.2.3 Indagini di progetto
(1)P Le indagini di progetto devono essere svolte:
- per fornire le conoscenze necessarie al fine di progettare in maniera adeguata le
opere temporanee e permanenti;
- per fornire le conoscenze necessarie a pianificare il metodo di costruzione;
- per individuare eventuali difficolt che possono insorgere in corso d'opera.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 28
UNI EN 1997-1:2005
(2)P L'indagine di progetto deve individuare, in modo affidabile, la natura e le propriet di
tutti i sottosuoli che influenzano o sono influenzati, dalla costruzione in esame.
(3)P I parametri che influiscono sulla capacit della struttura di soddisfare i relativi criteri
di prestazione devono essere fissati prima di iniziare la progettazione finale.
(4) Per garantire che le indagini riguardino tutte le normazioni del sottosuolo di interesse
per il progetto, si raccomanda di porre particolare attenzione ai seguenti aspetti
geologici:
- stratigrafia;
- cavit naturali o artificiali;
- stato di degradazione di rocce, terreni, o materiali di riempimento;
- effetti idrogeologici;
- faglie, giunti e altre discontinuit;
- ammassi rocciosi e terreni soggetti a fenomeni di deformazione viscosa;
- terreni e rocce rigonfianti e collassabili;
- presenza di materiali di rifiuto o artificiali.
(5)P Si deve prendere in considerazione la storia del sito e della zona circostante.
(6)P L'indagine deve essere spinta almeno attraverso tutte le formazioni che si ritengono
rilevanti per il progetto.
(7)P Nel corso dell'indagine si devono stabilire i livelli naturali dell'acqua del sottosuolo.
Ogni livello di acqua libera riscontrato durante le indagini deve essere segnalato
(vedere EN 1997-2).
(8) Si raccomanda di stabilire i livelli estremi di ogni sorgente idrica che pu influenzare
le pressioni interstiziali.
(9)P Si devono stabilire l'ubicazione e le portate di eventuali pozzi di drenaggio o di
emungimento d'acqua nelle vicinanze del sito.
3.3 Valutazione dei parametri geotecnici
3.3.1 Generalit
(1) Nei requisiti seguenti, riguardanti la valutazione dei parametri geotecnici, si fatto
riferimento solo alle prove di laboratorio e in sito pi diffuse. Altre prove possono
essere utilizzate, purch la loro idoneit sia stata dimostrata attraverso esperienza
comparabile.
3.3.2 Caratterizzazione del tipo di terreno e di roccia
(1)P Si devono individuare la natura ed i costituenti principali del terreno o della roccia
prima di interpretare i risultati di altre prove.
(2)P Il materiale deve essere esaminato, identificato e descritto, in conformit ad una
nomenclatura riconosciuta. Si deve effettuare una valutazione di carattere
geologico.
(3) Si raccomanda che i terreni siano classificati e gli strati di terreno siano descritti
secondo un sistema di classificazione e descrizione geotecnica riconosciuti.
(4) Si raccomanda che la roccia sia classificata in termini di qualit del materiale solido
(pietra) e di presenza di giunti. Si raccomanda che la qualit della pietra sia descritta
in termini di alterazioni da agenti climatici, assetto dei grani, dimensione dominante
dei grani dei minerali, durezza e resistenza del minerale di base. Si raccomanda che
la presenza di giunti sia caratterizzata in termini di tipo, ampiezza, spaziatura ed in
base alla qualit del materiale di riempimento.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 29
UNI EN 1997-1:2005
(5) Oltre all'esame visivo, possono essere utilizzate varie prove di classificazione,
identificazione e quantificazione dei terreni e delle rocce (vedere EN 1997-2), quali
per i terreni:
- distribuzione granulometrica,
- peso dell'unit di volume,
- porosit,
- contenuto d'acqua,
- forma dei grani,
- scabrezza superficiale dei grani,
- densit relativa,
- limiti di Atterberg,
- rigonfiamento,
- contenuto di carbonati,
- contenuto di sostanze organiche;
per le rocce:
- natura mineralogica,
- costituzione petrografica,
- contenuto d'acqua,
- peso dell'unit di volume,
- porosit,
- velocit di propagazione delle onde sonore,
- capacit di assorbimento rapido d'acqua,
- rigonfiamento,
- indice di durabilit,
- resistenza a compressione monoassiale.
3.3.3 Peso dell'unit di volume
(1)P Il peso dell'unit di volume deve essere determinato con precisione sufficiente per
stabilire i valori di progetto o caratteristici delle azioni che da esso derivano.
(2) Si raccomanda che il peso dell'unit di volume sia determinato su provini di terreno
e di roccia provenienti da campioni indisturbati (vedere EN 1997-2). In alternativa,
pu essere ricavato attraverso correlazioni consolidate o documentate quali, per
esempio, quelle basate su prove penetrometriche.
3.3.4 Densit relativa
(1)P La densit relativa deve esprimere il grado di compattazione di un terreno non
coesivo, rispetto alle condizioni di minimo e massimo addensamento, come definite
da procedure normalizzate di laboratorio.
3.3.5 Grado di compattazione
(1)P Il grado di compattazione di un terreno naturale o di un materiale di riempimento si
deve esprimere come il rapporto tra il peso dell'unit di volume del terreno secco e il
valore massimo del peso nell'unit di volume del terreno secco determinato
attraverso una prova normalizzata di compattazione.
3.3.6 Resistenza al taglio
(1)P Nella valutazione della resistenza al taglio di un terreno, si deve considerare
l'influenza dei seguenti fattori:
- il livello di sforzo imposto al terreno;
- anisotropia della resistenza, in particolare nelle argille a bassa plasticit;
- fessurazione, in particolare nelle argille consistenti;
- effetti della velocit di deformazione;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 30
UNI EN 1997-1:2005
- deformazioni molto elevate, nel caso in cui queste si possano verificare in una
situazione di progetto;
- superfici di scorrimento preesistenti;
- effetti del tempo;
- sensitivit dei terreni coesivi;
- grado di saturazione.
(2) Quando la valutazione della resistenza al taglio si basa su risultati di prove, si
raccomanda di tenere conto del livello di affidabilit della teoria utilizzata per
ricavarne i valori, del possibile disturbo durante il campionamento e della
eterogeneit dei campioni.
(3) Per quanto riguarda gli effetti del tempo, si raccomanda di considerare che il periodo
durante il quale un terreno rimane effettivamente in condizioni non drenate, dipende
dalla sua permeabilit, dalla disponibilit di acqua libera e dalle condizioni al
contorno di tipo geometrico.
(4)P I valori dei parametri di resistenza al taglio in termini di sforzi efficaci, c' e tan ' , si
devono considerare costanti solo per l'intervallo di sforzo entro il quale sono stati
stimati.
3.3.7 Rigidezza del terreno
(1)P Nella valutazione della rigidezza del terreno si devono considerare i seguenti aspetti:
- condizioni di drenaggio;
- livello dello sforzo efficace medio;
- sovraconsolidazione naturale o artificiale;
- livello di distorsione imposta o dello sforzo di taglio agente, spesso normalizzato
rispetto alla resistenza al taglio in condizioni di collasso.
(2) Misure affidabili della rigidezza del sottosuolo sono spesso molto difficili da ottenersi
sulla base di prove in sito o di laboratorio. In particolare, a causa di disturbi nel
campionamento e di altri effetti, le misurazioni ottenute da campioni di laboratorio
tendono spesso a sottostimare la rigidezza del terreno in sito. Pertanto, se
disponibili, si raccomanda di analizzare osservazioni sul comportamento di
costruzioni precedenti.
3.3.8 Qualit e propriet di rocce e ammassi rocciosi
3.3.8.1 Valutazione generale
(1)P Nella valutazione della qualit e delle propriet delle rocce e degli ammassi rocciosi,
si deve distinguere tra il comportamento del materiale roccioso determinato su
campioni indisturbati, e il comportamento di ammassi rocciosi di dimensioni molto
maggiori, che comprendono discontinuit strutturali come piani di stratificazione,
giunti, zone di taglio e cavit per dissoluzione. Si devono prendere in considerazione
le seguenti caratteristiche dei giunti:
- spaziatura;
- orientamento;
- apertura;
- persistenza (continuit);
- serraggio;
- scabrezza, compresi gli effetti di spostamenti precedenti lungo i giunti;
- riempimento.
(2)P Inoltre, quando opportuno, per la valutazione delle propriet di rocce e ammassi
rocciosi, si devono considerare i seguenti fattori:
- stato di sforzo in sito;
- pressione dell'acqua;
- variazioni significative delle propriet da strato a strato.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 31
UNI EN 1997-1:2005
(3) La stima di propriet degli ammassi rocciosi, quali:
- resistenza e rigidezza;
- presenza di giunti, in particolare nelle zone fratturate;
- permeabilit all'acqua del sistema di giunti;
- propriet di deformazione della roccia alterata;
si possono ottenere utilizzando il concetto di classificazione degli ammassi rocciosi
descritto nella EN 1997-2.
(4)P Si deve valutare la sensitivit delle rocce per esempio a variazioni del clima, o dello
stato di sforzo. Si deve inoltre considerare l'influenza della degradazione chimica sul
comportamento di fondazioni su roccia.
(5) Nella valutazione della qualit di rocce e ammassi rocciosi, si raccomanda di
prendere in considerazione i seguenti aspetti:
- alcune rocce tenere porose si riducono rapidamente a terreni di bassa
resistenza, specialmente se esposte all'azione degli agenti atmosferici;
- alcune rocce presentano elevate velocit di dissoluzione a causa delle acque del
sottosuolo che producono canali, caverne e inghiottitoi che possono svilupparsi
fino al piano di campagna;
- alcune rocce, se scaricate ed esposte all'aria, subiscono un marcato
rigonfiamento dovuto all'assorbimento di acqua da parte dei minerali argillosi.
3.3.8.2 Resistenza a compressione monoassiale e deformabilit di materiali rocciosi
(1)P Nella valutazione della resistenza a compressione monoassiale e della deformabilit
di materiali rocciosi, si deve considerare l'influenza dei seguenti fattori:
- la direzione della sollecitazione rispetto per esempio agli assi di anisotropia del
provino, ai piani di stratificazione, alla foliazione;
- metodo di campionamento, storia e ambiente di conservazione;
- numero di campioni sottoposti a prove;
- la geometria dei campioni sottoposti a prove;
- contenuto d'acqua e grado di saturazione al momento della prova;
- durata della prova e velocit di sollecitazione;
- metodo per la determinazione del modulo di Young e livello, o livelli, di sforzo
assiale a cui viene determinato.
3.3.8.3 Resistenza a taglio dei giunti
(1)P Nella valutazione della resistenza a taglio di giunti di materiali rocciosi, si deve
considerare l'influenza dei seguenti fattori:
- orientamento del giunto nella prova su roccia, rispetto alla direzione scelta per le
azioni;
- orientamento della prova di taglio;
- numero di campioni sottoposti a prove;
- area della superficie di taglio;
- pressioni interstiziali;
- possibilit che il comportamento della roccia in sito sia governato dal fenomeno
di rottura progressiva.
(2) I piani di debolezza in roccia coincidono generalmente con giunti o piani di
stratificazione, scistosit o clivaggi, o con la superficie di separazione tra terreno e
roccia o calcestruzzo e roccia. Per l'analisi dell'equilibrio limite di ammassi rocciosi si
raccomanda di utilizzare generalmente valori della resistenza al taglio misurati su
questi piani.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 32
UNI EN 1997-1:2005
3.3.9 Parametri di permeabilit e consolidazione per terreni e rocce
3.3.9.1 Parametri di permeabilit e consolidazione del terreno
(1)P Nella valutazione dei parametri di permeabilit e consolidazione si deve tenere
conto dei seguenti fattori:
- gli effetti della eterogeneit;
- gli effetti dell'anisotropia;
- gli effetti di fessure o faglie;
- gli effetti della variazione di sforzo sotto il carico considerato.
(2) Le misurazioni di permeabilit effettuate su piccoli campioni di laboratorio possono
non essere rappresentative delle condizioni in sito. Se possibile, si raccomanda
pertanto di privilegiare le prove in sito che possono fornire le propriet medie di un
esteso volume di terreno. Si raccomanda comunque di considerare la possibilit di
variazione della permeabilit con l'incremento degli sforzi efficaci al di sopra del
valore in sito.
(3) A volte si raccomanda di stimare la permeabilit basandosi sulla conoscenza della
distribuzione granulometrica.
3.3.9.2 Parametri di permeabilit per le rocce
(1)P La permeabilit degli ammassi rocciosi deve essere valutata attraverso opportune
prove in sito o stimata sulla base di esperienze locali, in quanto dipende
principalmente dalla quantit di giunti presenti e dalla presenza di altre discontinuit,
quali fratture e fessure.
(2) La permeabilit in sito pu essere determinata mediante una serie di prove di
pompaggio con la registrazione delle portate, tenendo in debito conto la natura
spaziale del flusso, le condizioni idrogeologiche nelle vicinanze dell'opera e la
traccia del reticolo di giunti e di altre discontinuit.
(3) Si raccomanda di utilizzare le prove di permeabilit in laboratorio solo per studiare
l'effetto delle discontinuit, per esempio, al fine di valutare gli effetti di una variazione
dell'apertura.
3.3.10 Parametri geotecnici da prove in sito
3.3.10.1 Prove penetrometriche statiche
(1)P Nella valutazione di valori di resistenza alla punta, dell'attrito laterale ed
eventualmente della pressione interstiziale durante la penetrazione, si devono
considerare i seguenti aspetti:
- la geometria di dettaglio del cono e del manicotto. Questa pu influire sui risultati
in maniera significativa e si deve pertanto tenere conto del tipo di cono
impiegato;
- i risultati possono essere interpretati in maniera attendibile solo quando la
successione stratigrafica stata definita; in molte situazioni sar pertanto
necessario effettuare sondaggi congiuntamente alle prove penetrometriche;
- effetti dell'acqua da sottosuolo e della pressione verticale in sito;
- in terreni eterogenei nei quali si registrano risultati fortemente variabili, si devono
scegliere i valori delle prove di penetrazione relativi alla zona di terreno
interessata dalla costruzione;
- valide correlazioni con risultati di altre prove, come per esempio con le
misurazioni di densit e con i risultati di prove penetrometriche di altro tipo.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 33
UNI EN 1997-1:2005
3.3.10.2 Prove penetrometriche normalizzate (SPT) e prove dinamiche
(1)P Nella valutazione del numero di colpi si devono considerare i seguenti aspetti:
- tipo di prova;
- descrizione dettagliata del procedimento di prova;
- condizioni dell'acqua del sottosuolo;
- influenza della pressione verticale in sito;
- natura del sottosuolo, soprattutto se si in presenza di ciottoli o ghiaia
grossolana.
3.3.10.3 Prove scissometriche (Vane test)
(1)P Nella valutazione dei risultati delle prove si deve considerare quanto segue:
- dettagli del procedimento di prova;
- se siano state impiegate apparecchiature scissometriche normalizzate;
- se siano state effettuate misurazioni a diverse profondit atte a fornire un profilo
della resistenza nella successione stratigrafica;
- l'attrito laterale lungo l'asta.
(2) Le prove scissometriche si possono utilizzare per la valutazione della resistenza al
taglio non drenata, c
u
, di terreni coesivi.
Nota La prova scissometrica costituisce un modo semplice ed economico per verificare l'idoneit di terreni
soffici al transito di attrezzature e veicoli pesanti.
(3) Si raccomanda, per ottenere valori derivati di c
u
, di applicare ai valori misurati un
fattore correttivo basato su esperienze locali e che dipende, per esempio, dal limite
liquido, dall'indice di plasticit e dallo sforzo verticale efficace.
3.3.10.4 Prove penetrometriche con il metodo del peso
(1)P Nella valutazione dei risultati di prove penetrometriche con il metodo del peso si
deve tenere conto dei seguenti aspetti:
- descrizione dettagliata del procedimento di prova;
- condizioni dell'acqua del sottosuolo;
- influenza della pressione verticale in sito;
- natura del sottosuolo, soprattutto se si in presenza di ciottoli o ghiaia
grossolana.
(2) Le prove penetrometriche con il metodo del peso si possono utilizzare per
individuare le separazioni fra gli strati di terreno e la densit di terreni incoerenti.
3.3.10.5 Prove pressiometriche
(1)P Nella valutazione dei valori della pressione limite e del modulo pressiometrico, si
deve tenere conto dei seguenti aspetti:
- il tipo di attrezzatura;
- la procedura utilizzata per installare il pressiometro nel sottosuolo.
(2) Si raccomanda di non utilizzare curve di prova che presentano un grado di disturbo
apprezzabile. Nei casi in cui la pressione limite non venga raggiunta nel corso della
prova, questa pu essere stimata attraverso una estrapolazione moderata e
cautelativa della curva sperimentale. Per quelle prove in cui viene determinata
soltanto la parte iniziale della curva pressiometrica, possibile adottare, in modo
cautelativo, correlazioni generali o, possibilmente, correlazioni a carattere locale
ottenute per lo stesso sito, al fine di stimare la pressione limite a partire dal modulo
pressiometrico.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 34
UNI EN 1997-1:2005
3.3.10.6 Prove dilatometriche
(1)P Nella valutazione dei risultati delle prove dilatometriche si deve tenere conto della
procedura di installazione dello strumento.
(2)P La successione stratigrafica ed in modo particolare alcuni parametri di base, quali la
granulometria e il grado di saturazione, si devono determinare prima di effettuare la
prova.
(3) Nel caso in cui si debbano valutare parametri di resistenza, si raccomanda di
prendere in considerazione la resistenza alla penetrazione dello strumento.
(4) Si raccomanda di utilizzare i valori dilatometrici come parametri indice per ottenere i
valori derivati dei moduli di rigidezza dei diversi terreni.
3.3.10.7 Prove di compattabilit
(1)P Nella valutazione della compattabilit di un materiale di riempimento, si deve tenere
conto dei seguenti aspetti:
- tipo di terreno o roccia;
- distribuzione granulometrica;
- forma dei grani;
- eterogeneit del materiale;
- grado di saturazione o contenuto d'acqua;
- tipo di attrezzatura utilizzata.
(2) Quando si fa uso di misurazioni in sito per esempio, prove penetrometriche, prove di
compattazione dinamica, prove di carico su piastra, registrazioni di cedimenti per
controllare la compattazione effettiva, si raccomanda di stabilire la compattabilit di
un riempimento di terreno o di roccia sulla base di un confronto fra risultati di prove
normalizzate di compattazione in laboratorio e di compattazioni in sito, di tentativo
[vedere punto 5.3.3(4)].
3.4 Relazione sulle indagini del sottosuolo
3.4.1 Requisiti
(1)P I risultati dell'indagine geotecnica devono essere esposti in una Relazione sulle
Indagini, che deve essere parte della Relazione Geotecnica di Progetto descritta al
punto 2.8.
(2)P Si deve fare riferimento alla EN 1997-2 per informazioni sull'impiego delle prove di
laboratorio e in sito si raccomanda che per la determinazione dei parametri
geotecnici.
(3) Si raccomanda che la Relazione sulle indagini contenga generalmente le seguenti
informazioni:
- presentazione di tutte le informazioni geotecniche disponibili, comprese quelle
sugli aspetti geologici ed i dati pertinenti;
- valutazione dei dati da un punto di vista geotecnico con indicazione delle ipotesi
formulate nell'interpretazione dei risultati delle prove.
Le informazioni possono essere presentate in un'unica relazione o come parti
distinte.
3.4.2 Presentazione delle informazioni geotecniche
(1)P La presentazione delle informazioni geotecniche deve comprendere:
- un rapporto dettagliato sui lavori svolti in sito ed in laboratorio;
- documentazione dei metodi utilizzati per lo svolgimento delle indagini in sito e
delle prove di laboratorio.
La documentazione deve essere basata sui rapporti di prova descritti nella EN 1997-2.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 35
UNI EN 1997-1:2005
(2) Si raccomanda inoltre che, il rapporto dettagliato comprenda le seguenti informazioni,
quando pertinenti:
- nominativi di tutti i consulenti ed subappaltatori;
- finalit ed estensione dell'indagine geotecnica;
- date di inizio e fine delle attivit in sito e di laboratorio;
- ricognizione di campagna dell'area in cui ricade l'opera in progetto, con
particolare attenzione a:
- presenza di acqua del sottosuolo,
- comportamento di strutture limitrofe,
- affioramenti in cave e aree di prestito,
- aree di instabilit,
- difficolt durante gli scavi;
- storia del sito;
- geologia del sito, compresa la presenza di faglie;
- dati relativi ai rilievi topografici;
- conoscenze acquisite da foto aeree disponibili;
- esperienza locale sull'area di progetto;
- conoscenze sul grado di sismicit dell'area;
- procedure utilizzate per il campionamento, il trasporto e la conservazione dei
campioni;
- tipologia delle attrezzature di campagna utilizzate;
- tabulati di dati relativi alle attivit in sito e di laboratorio, e illustrazione delle
osservazioni effettuate durante le indagini in sito da parte del personale addetto
alla supervisione;
- dati sull'oscillazione nel tempo della superficie freatica nei fori di sondaggio
durante l'esecuzione delle attivit di campagna e nei piezometri al termine
dell'indagine;
- compilazione delle colonne stratigrafiche, con la fotografia delle carote, la
descrizione delle formazioni presenti nel sottosuolo basate sulle annotazioni di
campagna e sui risultati delle prove di laboratorio;
- la presenza, o la possibile presenza, di radon;
- dati relativi alla suscettibilit al gelo dei terreni;
- presentazione strutturata dei risultati delle prove in sito e di laboratorio in
appendici.
3.4.3 Valutazione delle conoscenze geotecniche
(1)P La valutazione delle conoscenze geotecniche deve comprendere, a seconda dei casi:
- una revisione delle attivit in sito e di laboratorio. Eventuali limitazioni relative ai
dati (per esempio, dati difettosi, irrilevanti, insufficienti o imprecisi) devono
essere dichiarate e commentate. Nell'interpretazione dei risultati delle prove si
devono considerare le procedure di campionamento, trasporto e conservazione
dei campioni. Qualsiasi risultato delle prove particolarmente sfavorevole deve
essere valutato con attenzione allo scopo di determinare se sia fuorviante o se
rappresenti un fenomeno reale di cui si deve tenere conto nel progetto;
- una rassegna dei valori derivati per i parametri geotecnici;
- eventuali proposte per ulteriori attivit necessarie in sito e di laboratorio, con
commenti che giustificano l'esigenza di tale lavoro aggiuntivo. Tali proposte
devono essere avanzate con un programma dettagliato delle indagini
integrative, con indicazione dei quesiti specifici a cui dare risposta.
(2) Si raccomanda inoltre che, la valutazione dei dati geotecnici comprenda, se pertinente:
- tabulati e presentazione grafica dei risultati delle attivit in sito e di laboratorio, in
relazione ai requisiti progettuali e, se ritenuto necessario;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 36
UNI EN 1997-1:2005
- istogrammi che illustrino il campo dei valori per i dati pi significativi e la loro
distribuzione;
- profondit della superficie freatica e sue oscillazioni stagionali;
- profili stratigrafici che evidenzino le diverse formazioni, presenti;
- descrizioni dettagliate di tutte le formazioni comprese le rispettive propriet
fisiche e le caratteristiche di compressibilit e resistenza;
- commenti sulle disomogeneit quali sacche e cavit;
- il campo ed i gruppi di valori derivati dei dati geotecnici per ogni strato.
SEZIONE 4 SUPERVISIONE DELLA COSTRUZIONE, MONITORAGGIO E MANUTENZIONE
4.1 Generalit
(1)P Per garantire la sicurezza e la qualit di un'opera, quando opportuno, si devono
intraprendere le seguenti attivit:
- supervisionare i processi di costruzione e la qualit dell'esecuzione;
- monitorare il comportamento della struttura durante e dopo la costruzione;
- effettuare una adeguata manutenzione della struttura.
(2)P Le specifiche sulla supervisione del processo di costruzione e sulla qualit
dell'esecuzione, ed ogni eventuale monitoraggio del comportamento della struttura,
durante e dopo la costruzione, devono essere indicate nella Relazione Geotecnica
di Progetto.
(3) Si raccomanda che la supervisione del processo di costruzione, compresa la qualit
dell'esecuzione, comporti le seguenti attivit, come opportuno:
- verifica della validit delle ipotesi progettuali;
- individuazione delle differenze tra le condizioni effettive del sottosuolo e quelle
ipotizzate nel progetto;
- verifica di conformit dell'esecuzione della costruzione alle specifiche del
progetto.
(4) Si raccomanda di effettuare le opportune osservazioni e misurazioni del
comportamento della struttura e della zona circostante:
- durante la costruzione, per individuare per esempio eventuali esigenze di
provvedimenti correttivi o modifiche alla sequenza di costruzione;
- durante e dopo l'ultimazione della costruzione, per valutare il suo comportamento
a lungo termine.
(5)P Le scelte progettuali, che sono influenzate dai risultati della supervisione e del
monitoraggio, devono essere indicate chiaramente.
(6) Si raccomanda che lintensit della supervisione alla costruzione e la quantit delle
prove in sito e di laboratorio richieste per controllarne e monitorarne il
comportamento, siano programmate in fase di progetto.
(7)P Nel caso di eventi imprevisti, i metodi, l'estensione e la frequenza del monitoraggio
devono essere rivisti.
(8)P Il livello e la qualit della supervisione e del monitoraggio devono essere almeno pari
a quanto previsto nel progetto e devono essere congruenti con i valori scelti per i
parametri di progetto ed i coefficienti parziali.
Nota L'appendice J fornisce una lista di controllo per la supervisione in corso d'opera ed il monitoraggio.
4.2 Supervisione
4.2.1 Piano di supervisione
(1)P Il piano contenuto nella Relazione Geotecnica di Progetto deve indicare i limiti
ammissibili per i risultati che verranno ottenuti dalla supervisione.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 37
UNI EN 1997-1:2005
(2) Si raccomanda che il piano specifichi il tipo, la qualit e la frequenza della
supervisione, la quale sia commisurata:
- al grado di incertezza delle ipotesi progettuali;
- alla complessit delle condizioni del sottosuolo e di carico;
- al potenziale rischio di collasso in corso d'opera;
- alla possibilit di introdurre modifiche al progetto o interventi correttivi in corso
d'opera.
4.2.2 Ispezione e tenuta sotto controllo
(1)P I lavori di costruzione devono essere ispezionati con continuit, ed i risultati della
ispezione devono essere annotati.
(2) Per la Categoria Geotecnica 1, il programma di supervisione pu limitarsi a
ispezioni, semplici controlli di qualit ed una valutazione qualitativa del
comportamento della struttura.
(3) Per la Categoria Geotecnica 2, si raccomanda di prevedere spesso misurazioni delle
propriet del sottosuolo o misurazioni per valutare il comportamento delle strutture.
(4) Per la Categoria Geotecnica 3, si raccomanda di prevedere ulteriori misurazioni
durante ogni fase significativa della costruzione.
(5)P Devono essere opportunamente conservate le seguenti registrazioni:
- significative caratteristiche idrauliche del sottosuolo e del terreno;
- sequenza dei lavori;
- qualit dei materiali;
- scostamenti dal progetto;
- disegni della costruzione cos come realizzata (stato di fatto);
- risultati di misurazioni e della loro interpretazione;
- osservazioni delle condizioni ambientali;
- eventi imprevisti.
(6) Si raccomanda inoltre di conservati i dati relativi ai lavori provvisionali, riportando
anche le interruzioni dei lavori, e le loro condizioni al momento della ripresa.
(7)P I risultati della ispezione e del controllo devono essere messi a disposizione del
progettista prima che si decida su eventuali variazioni.
(8) In genere, si raccomanda di conservare i documenti del progetto e le registrazioni
sulla realizzazione per 10 anni, salvo accordi differenti. Si raccomanda di conservare
documenti di maggiore importanza per l'intera vita della struttura.
4.2.3 Valutazione del progetto
(1)P L'idoneit dei procedimenti costruttivi e la sequenza delle operazioni devono essere
riesaminate alla luce delle condizioni del sottosuolo in corso d'opera; il
comportamento previsto della struttura deve essere messo a confronto con il
comportamento osservato. Il progetto deve essere valutato sulla base dei risultati
dell'ispezione e della supervisione.
(2) Si raccomanda che la valutazione del progetto comprenda una attenta revisione
delle condizioni pi sfavorevoli, che si verificano in corso d'opera relativamente a:
- condizioni del sottosuolo;
- condizioni dell'acqua del sottosuolo;
- azioni sulla struttura;
- impatto ambientale e modifiche comprese frane e crolli in roccia.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 38
UNI EN 1997-1:2005
4.3 Verifica delle condizioni del sottosuolo
4.3.1 Terreni e rocce
(1)P Le descrizioni e le propriet geotecniche dei terreni e delle rocce nei quali o, sui quali
viene realizzata o fondata la struttura, devono essere verificate in corso d'opera.
(2) Per la Categoria Geotecnica 1, si raccomanda che le descrizioni dei terreni e delle
rocce siano verificate mediante:
- sopralluoghi;
- riconoscimento dei terreni e delle rocce che ricadono nella zona di influenza
della struttura;
- rilievo diretto dei terreni e delle rocce esposti in corrispondenza dei fronti di
scavo.
(3) Per la Categoria Geotecnica 2, si raccomanda che siano anche verificate le
propriet geotecniche dei terreni o delle rocce nei quali o sui quali viene realizzata o
fondata la struttura. Possano essere necessarie ulteriori indagini in sito. Si
raccomanda di prelevare campioni rappresentativi, e sottoporli a prove per
determinare le propriet indice, la resistenza e la deformabilit.
(4) Per la Categoria Geotecnica 3 si raccomanda che, nei requisiti aggiuntivi siano
comprese ulteriori indagini ed un esame dettagliato delle condizioni del sottosuolo o
del materiale di riempimento, che possono avere importanti conseguenze per il
progetto.
(5) Si raccomanda che indicazioni indirette delle propriet geotecniche del sottosuolo
(per esempio da annotazioni relative alle operazioni di battitura di pali) siano
registrate ed utilizzate come contributo per l'interpretazione delle condizioni del
sottosuolo.
(6)P Scostamenti rispetto alla tipologia di sottosuolo e alle propriet ipotizzate nel
progetto, devono essere segnalate immediatamente.
Nota Generalmente tali scostamenti vengono riferiti al progettista.
(7)P I principi adottati nella progettazione devono essere verificati per garantire che essi
siano adeguati alle reali caratteristiche geotecniche del sottosuolo.
4.3.2 Acqua del sottosuolo
(1)P I livelli di acqua nel sottosuolo, le pressioni interstiziali e la composizione chimica
dell'acqua del sottosuolo, riscontrati in corso d'opera, devono essere confrontati con
le ipotesi di progetto, come appropriato.
(2) Per siti in cui si a conoscenza o si ritiene che esistano variazioni rilevanti nella
tipologia di sottosuolo e nella permeabilit, si raccomanda di eseguire controlli pi
approfonditi.
(3) Per la Categoria Geotecnica 1, si raccomanda di basare generalmente le verifiche
su esperienze documentate gi acquisite nella stessa area o su indicazioni indirette.
(4) Per le Categorie Geotecniche 2 e 3, si raccomanda di effettuare generalmente le
osservazioni dirette delle condizioni dell'acqua del sottosuolo, nel caso che queste
abbiano una influenza rilevante sul metodo di costruzione o sul comportamento
dell'opera.
(5) Si raccomanda di determinare le caratteristiche del moto di filtrazione ed il regime
delle pressioni interstiziali attraverso l'utilizzo di piezometri, possibilmente installati
prima di iniziare le operazioni di costruzione. Talvolta pu essere necessario
installare piezometri a notevole distanza dal sito come parte del sistema di
monitoraggio.
(6) Nel caso in cui si producano variazioni delle pressioni interstiziali in corso d'opera
che possono influire sul comportamento della struttura, si raccomanda che le
pressioni interstiziali siano monitorate affinch la costruzione non sia ultimata o fino
a che le pressioni interstiziali non si siano riportate a valori di sicurezza.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 39
UNI EN 1997-1:2005
(7) Per strutture sotto falda che possono andare soggette a sollevamento, si
raccomanda che le pressioni interstiziali siano monitorate finch il peso della
struttura non sia sufficiente per escludere la possibilit di sollevamento.
(8) Se una parte delle opere permanenti o provvisionali pu essere influenzata in
maniera significativa da agenti chimici, si raccomanda di eseguire un'analisi chimica
dell'acqua presente nel sottosuolo.
(9)P Si deve valutare l'effetto sul regime di pressioni interstiziali delle operazioni di
costruzione (compresi processi costruttivi che prevedano il drenaggio,
cementazione, scavo di gallerie).
(10)PScostamenti rispetto alle caratteristiche idrauliche del sottosuolo ipotizzate nel
progetto, devono essere segnalate immediatamente.
(11)PSi deve verificare che i principi adottati nella progettazione siano adeguati alle reali
caratteristiche idrauliche del sottosuolo.
4.4 Verifica della costruzione
(1)P Si deve verificare che le operazioni in cantiere siano conformi al metodo di
costruzione previsto nel progetto e indicato nella Relazione Geotecnica di Progetto.
Eventuali differenze riscontrate tra le ipotesi progettuali e le operazioni in cantiere,
devono essere segnalate immediatamente.
(2)P Scostamenti nei metodi di costruzione differenti da quelli previsti nel progetto e
indicati nella Relazione Geotecnica di Progetto, devono essere considerati in modo
esplicito e razionale ed attuati.
(3)P I principi adottati nella progettazione devono essere verificati per garantire che essi
siano adeguati alla sequenza delle operazioni di costruzione realmente utilizzate.
(4) Per la Categoria Geotecnica 1, generalmente non occorre che la Relazione
Geotecnica di Progetto riporti un formale programma di costruzione.
Nota La sequenza delle operazioni di costruzione viene generalmente stabilita dall'appaltatore.
(5) Per le Categorie Geotecniche 2 e 3, la Relazione Geotecnica di Progetto pu fornire
la sequenza delle operazioni di costruzione prevista nella progettazione.
Nota In alternativa, la Relazione Geotecnica di Progetto pu prevedere che la sequenza di costruzione
debba essere stabilita dall'appaltatore.
4.5 Monitoraggio
(1)P Il monitoraggio si deve effettuare:
- per verificare la validit delle previsioni di comportamento formulate nel progetto;
- per garantire che, dopo il completamento, la struttura continui a comportarsi
come previsto.
(2)P Il programma di monitoraggio deve essere attuato in conformit alla Relazione
Geotecnica di Progetto [vedere punto 2.8(3)].
(3) Si raccomanda di conservare le registrazioni relative all'effettivo comportamento
delle opere, in modo da formare archivi di esperienza comparabile.
(4) Si raccomanda che il monitoraggio comprenda misurazioni di quanto segue:
- deformazioni del sottosuolo interessato dalla struttura;
- valori delle azioni;
- valori della pressione di contatto tra terreno e struttura;
- pressioni interstiziali;
- forze e spostamenti (spostamenti verticali e orizzontali, rotazioni o distorsioni)
degli elementi strutturali.
(5) Si raccomanda che, se possibile, i risultati delle misurazioni siano integrati da
osservazioni qualitative, che comprendono l'aspetto architettonico.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 40
UNI EN 1997-1:2005
(6) Si raccomanda che la durata di ogni periodo di monitoraggio dopo il completamento
della costruzione sia ponderata in base alle osservazioni effettuate in corso d'opera.
Per opere che possono avere un impatto sfavorevole su parti importanti
dell'ambiente fisico circostante, o per le quali una rottura pu comportare rischi
eccezionali per i beni o la vita, si raccomanda di richiedere il monitoraggio per oltre
dieci anni dopo il completamento della costruzione, o durante l'intera vita dell'opera.
(7)P I risultati ottenuti dal monitoraggio devono essere sempre valutati e interpretati,
generalmente attraverso considerazioni di carattere quantitativo.
(8) Per la Categoria Geotecnica 1, la valutazione del comportamento pu essere semplice,
qualitativa e basata su ispezione diretta.
(9) Per la Categoria Geotecnica 2, la valutazione del comportamento pu essere basata su
misurazioni degli spostamenti di punti scelti della struttura.
(10) Per la Categoria Geotecnica 3, si raccomanda che la valutazione del comportamento
sia basata generalmente sulla misurazione degli spostamenti e su analisi in cui si tiene
conto della sequenza delle operazioni di costruzione.
(11)PNella pianificazione del programma di monitoraggio relativo a strutture che possono
indurre effetti sfavorevoli sul sottosuolo o sulle condizioni dell'acqua del sottosuolo,
si deve tenere conto della possibilit che si verifichino perdite d'acqua o modifiche
del regime di filtrazione, specialmente se sono interessati terreni a grana fine.
(12) Esempi di questo tipo di struttura sono:
- opere di ritenuta idraulica;
- opere destinate al controllo della filtrazione;
- gallerie;
- opere in sotterraneo di notevoli dimensioni;
- scantinati profondi;
- pendii e opere di sostegno delle terre;
- interventi di miglioramento del sottosuolo.
4.6 Manutenzione
(1)P Si deve specificare la manutenzione richiesta per garantire la sicurezza e la funzionalit
dell'opera.
Nota Questo generalmente viene specificato al proprietario/committente.
(2) Si raccomanda che le specifiche sulla manutenzione forniscano informazioni su:
- parti critiche della struttura che richiedono ispezioni sistematiche;
- lavori non consentiti se non a seguito di una revisione progettuale dell'opera
prima della loro esecuzione;
- frequenza delle ispezioni.
SEZIONE 5 RIEMPIMENTI, DRENAGGIO, MIGLIORAMENTO E RINFORZO DEL SOTTOSUOLO
5.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si riferiscono ai casi in cui le appropriate
condizioni del sottosuolo vengano raggiunte mediante:
- posa in opera di terreno naturale, roccia frantumata, pietre di cava o alcuni
prodotti di scarto;
- drenaggio;
- trattamento del sottosuolo;
- rinforzo del sottosuolo.
Nota 1 Le situazioni in cui viene posto in opera terreno o materiale granulare, per finalit ingegneristiche, comprendono:
- riempimenti sotto fondazioni e platee;
- rinterro di scavi e opere di sostegno;
- riempimenti generali su vasta scala, compresi riempimenti idraulici, cumuli per il miglioramento del
paesaggio e discariche;
- rilevati per dighe di piccolo impegno e infrastrutture.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 41
UNI EN 1997-1:2005
Nota 2 Il drenaggio del sottosuolo pu essere temporaneo o permanente.
Nota 3 I trattamenti per migliorare le propriet si possono effettuare su terreni sia naturali che di riempimento. Il
miglioramento del sottosuolo pu essere sia temporaneo sia permanente.
(2)P Per opere geotecniche che comprendono l'utilizzo di materiali di riempimento,
drenaggio, miglioramento e rinforzi, si devono adottare le procedure di progettazione
presentate nelle Sezioni da 6 a 12.
5.2 Requisiti fondamentali
(1)P Materiali di riempimento e i terreni sottoposti a drenaggio, miglioramento o rinforzo
devono essere in grado di sostenere le azioni che derivano sia dalla propria
funzione, sia dall'ambiente circostante.
(2)P Tali requisiti fondamentali devono essere soddisfatti anche per il sottosuolo su cui
realizzato il riempimento.
5.3 Realizzazione del riempimento
5.3.1 Principi
(1)P Nella progettazione di riempimenti si deve considerare che l'idoneit di un
riempimento dipende dalle seguenti condizioni:
- buone propriet di posa in opera del materiale;
- adeguate propriet tecniche dopo la compattazione.
(2) Si raccomanda che trasporto e posa in opera del riempimento facciano parte del
progetto.
5.3.2 Scelta del materiale di riempimento
(1)P I criteri per caratterizzare un materiale come idoneo per riempimenti si devono
basare sulla possibilit di conseguire valori adeguati di resistenza, rigidezza,
durabilit e permeabilit dopo la compattazione. Tali criteri devono tenere conto
della destinazione d'uso del riempimento e dei requisiti di ogni struttura che
ricadr su di esso.
(2) La maggior parte dei materiali granulari naturali a granulometria, ben assortita,
sono materiali idonei per la realizzazione di riempimenti, nonch alcuni prodotti
di scarto quali scarti di miniera selezionati e ceneri da combustione sono
materiali idonei per la realizzazione di riempimenti. In alcune circostanze si
possono utilizzare materiali artificiali, come per esempio aggregati leggeri.
Alcuni materiali coesivi possono essere adatti ma il loro utilizzo richiede
particolare attenzione.
(3)P Nell'indicare un materiale da riempimento si devono considerare i seguenti aspetti:
- granulometria;
- resistenza alla frantumazione;
- compattabilit;
- permeabilit;
- plasticit;
- resistenza del sottosuolo;
- contenuto di sostanze organiche;
- aggressivit chimica;
- effetti di inquinamento;
- solubilit;
- suscettibilit a variazioni di volume (argille rigonfianti e materiali collassabili);
- suscettibilit alle basse temperature e al gelo;
- resistenza agli agenti climatici;
- effetti dell'estrazione, del trasporto e della posa in opera;
- potenziale cementazione dopo la posa in opera (come nel caso delle loppe di
altoforno).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 42
UNI EN 1997-1:2005
(4) Se i materiali disponibili in loco nel loro stato naturale non sono idonei per essere
utilizzati come riempimento, pu essere necessario adottare uno dei procedimenti
seguenti:
- adeguamento del contenuto d'acqua;
- miscelazione con cemento, calce o altri materiali;
- frantumazione, vagliatura o lavaggio;
- protezione con materiale adeguato;
- utilizzo di strati drenanti.
(5) Si raccomanda che terreni ghiacciati, rigonfianti o ad alta solubilit non siano
generalmente utilizzati come materiali per il riempimento.
(6)P Nei casi in cui il materiale prescelto contenga sostanze chimiche potenzialmente
aggressive o inquinanti, si devono adottare provvedimenti idonei ad impedire
l'aggressione di strutture e servizi e l'inquinamento dell'acqua del sottosuolo. Tali
materiali devono essere utilizzati in quantit ingenti solo nei siti sottoposti ad un
monitoraggio permanente.
(7)P In caso di dubbio, il materiale di riempimento deve essere sottoposto a prova
direttamente all'origine per verificarne l'idoneit per gli utilizzi previsti. Il tipo, il
numero e la frequenza delle prove devono essere scelti a seconda del tipo e
dell'eterogeneit del materiale e della natura dell'opera in progetto.
(8) Nella Categoria Geotecnica 1, pu essere spesso sufficiente un ispezione del materiale.
(9)P I materiali utilizzati per riempimenti, con specifiche molto restrittive sulla resistenza
portante, sui cedimenti e sulla stabilit, non devono contenere sostanze quali neve,
ghiaccio o torba in quantit significative.
(10) Nel caso di riempimenti senza specifiche su resistenza portante, cedimenti o stabilit, il
materiale di riempimento pu contenere piccole quantit di neve, ghiaccio o torba.
5.3.3 Scelta dei procedimenti di posa in opera e di compattazione di un riempimento
(1)P Si devono stabilire criteri di compattazione per ciascuna zona o strato del riempimento,
in funzione alle relative destinazioni d'uso e requisiti di prestazione.
(2)P I procedimenti di posa in opera e di compattazione del riempimento devono essere
indicati in modo tale che la sua stabilit sia garantita per tutto il periodo di
costruzione e che il piano di appoggio naturale non ne sia sfavorevolmente
influenzato.
(3)P Il procedimento di compattazione del riempimento deve essere indicato tenendo
conto dei criteri di compattazione e di quanto segue:
- origine e natura del materiale;
- metodo di posa in opera;
- contenuto in acqua alla posa in opera e sue possibili variazioni;
- spessore iniziale e finale dello strato;
- condizioni climatiche locali;
- uniformit di compattazione;
- natura del sottosuolo sottostante.
(4) Per poter sviluppare un adeguato procedimento di compattazione si raccomanda di
procedere ad una compattazione di prova in sito, usando il materiale e le
attrezzature previsti. Ci consente di individuare il procedimento di compattazione
da adottare (metodo di posa in opera, attrezzature, spessore degli strati, numero di
passaggi, tecniche idonee per il trasporto, quantit di acqua che deve essere
aggiunta). Una compattazione di prova pu essere anche utile a stabilire i criteri di
controllo.
(5) Laddove ci sia la possibilit di precipitazioni durante la posa in opera di materiale di
riempimento coesivo, si raccomanda che la superficie del riempimento sia
continuamente riprofilata, in modo tale da consentire un adeguato deflusso delle
acque.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 43
UNI EN 1997-1:2005
(6) A temperature inferiori al punto di congelamento dell'acqua, pu essere necessario
riscaldare il materiale prima della posa in opera e proteggere dal gelo la superficie del
riempimento. Si raccomanda di valutare la necessit di adottare questi accorgimenti
caso per caso, tenendo conto della qualit del materiale di riempimento e del grado di
compattazione richiesto.
(7)P I rinterri realizzati intorno alle fondazioni e al di sotto di solette di pavimentazione a
platea devono essere compattati per evitare dannosi fenomeni di subsidenza.
(8) Si raccomanda di realizzare il riempimento su un piano di campagna indisturbata e
drenata si raccomanda che il materiale di riempimento si mescoli con il sottosuolo
utilizzando un geotessile o uno strato con funzioni di filtro.
(9) Si raccomanda che, prima della posa in opera di riempimenti sott'acqua, siano
rimossi tutti i materiali soffici riscontrati, mediante dragaggio o altro.
5.3.4 Verifica del riempimento
(1)P Il riempimento deve essere ispezionato o sottoposto a prove in modo da garantire
che il materiale, il suo contenuto d'acqua alla posa in opera ed i procedimenti di
compattazione siano conformi alle specifiche.
(2) Per alcune combinazioni di materiali e procedimenti di compattazione non occorre
effettuare prove se il procedimento di compattazione stato avvalorato attraverso
una prova in sito o mediante esperienza comparabile.
(3) Si raccomanda che la compattazione sia sottoposta a prova mediante uno dei
metodi seguenti:
- determinazione della densit secca e, se richiesto dal progetto, determinazione
del contenuto d'acqua;
- determinazione di propriet quali, per esempio, la resistenza alla penetrazione o
la rigidezza. In presenza di terreni coesivi tali misurazioni non consentono
sempre di valutare se stata raggiunta una compattazione adeguata.
(4) Si raccomanda che le densit minime per il riempimento, determinate, per esempio,
attraverso la percentuale Proctor, siano specificate e verificate in sito.
(5) Si raccomanda che, per riempimenti in pietrame o contenenti una grande quantit di
elementi grossolani, la compattazione sia verificata attraverso misurazioni in sito. La
prova Proctor non adeguata per questi materiali.
(6) I controlli in sito (vedere EN 1997-2) si possono effettuare mediante uno dei seguenti
modi:
- assicurare che la compattazione sia eseguita secondo la procedura ricavata con
il riempimento di prova o in base a esperienza comparabile;
- verificare che il cedimento indotto da un'ulteriore passaggio dell'attrezzatura di
compattazione sia minore o uguale ad un valore prefissato;
- prove di carico su piastra;
- metodi sismici o dinamici.
(7)P Nei casi in cui una sovracompattazione non sia ammissibile, deve essere indicato un
limite superiore di compattazione.
(8) La sovracompattazione pu provocare i seguenti effetti indesiderati:
- lo sviluppo di superfici di scivolamento e zone di terreno ad elevata rigidezza
nelle scarpate;
- elevata spinta del terreno su strutture interrate e opere di sostegno;
- frantumazione di materiali quali rocce tenere, loppe di altoforno e sabbie di origine
vulcanica utilizzati come riempimenti leggeri.
5.4 Drenaggio
(1)P Qualsiasi sistema di allontanamento delle acque dal sottosuolo o di riduzione delle
pressioni idrauliche, deve essere basato sui risultati di una indagine geotecnica o
idrogeologica.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 44
UNI EN 1997-1:2005
(2) L'acqua pu essere allontanata dal sottosuolo mediante drenaggi a gravit,
pompaggio da vasche, well points o pozzi trivellati, o per elettrosmosi. Il sistema
adottato dipende da:
- condizioni effettive del sottosuolo e dell'acqua del sottosuolo;
- caratteristiche del progetto: per esempio, profondit di scavo ed entit di
drenaggio.
(3) Un insieme di pozzi di ricarica situati ad una certa distanza dallo scavo, pu far parte
del sistema di drenaggio.
(4) Si raccomanda che nella progettazione dell'intervento di drenaggio siano opportunamente
considerate le seguenti condizioni:
- nel caso di scavi, che sotto l'effetto dell'abbassamento della falda, le pareti dello
scavo rimangano stabili in ogni momento; inoltre, che non avvenga un eccessivo
sollevamento o rottura del fondo, per esempio a causa della presenza di
pressioni idrauliche troppo elevate sotto uno strato meno permeabile;
- che l'intervento non causi cedimenti eccessivi o danni a strutture adiacenti;
- che l'intervento tenda ad evitare una eccessiva perdita di terreno per filtrazione
attraverso le pareti o il fondo dello scavo;
- che vengano predisposti adeguati filtri in corrispondenza delle vasche per limitare il
trasporto solido, salvo il caso di pompaggio in materiale a granulometria ben
assortita, che di per se funziona da filtro;
- che l'acqua estratta da uno scavo sia generalmente scaricata sufficientemente
lontano dall'area dell'intervento;
- che il sistema di drenaggio sia progettato, organizzato e installato in modo da
mantenere i livelli dell'acqua e le pressioni interstiziali previsti nel progetto,
senza rilevanti oscillazioni;
- che ci sia un adeguato margine per la portata di pompaggio e che sia disponibile
un impianto di riserva nel caso di rottura;
- che nel momento del ripristino del livello originario dell'acqua del sottosuolo sia
prestata attenzione per evitare problemi quali il collasso di terreni a struttura
sensibile, come per esempio le sabbie sciolte;
- che il sistema non porti ad un trasporto eccessivo di acqua contaminata verso lo
scavo;
- che il sistema non produca un eccessivo emungimento in un'area di captazione
di acqua potabile.
(5)P L'efficacia del drenaggio deve essere verificata attraverso il monitoraggio del livello
dell'acqua del sottosuolo, delle pressioni interstiziali e degli spostamenti del
sottosuolo, secondo le necessit. I dati devono essere riesaminati ed elaborati
frequentemente per determinare gli effetti del drenaggio sulle condizioni del
sottosuolo e sul comportamento delle opere adiacenti.
(6)P Quando un'operazione di pompaggio deve proseguire per un lungo periodo di
tempo, si deve valutare la presenza di sali e gas disciolti nell'acqua del sottosuolo,
che potrebbe provocare la corrosione dei filtri dei pozzi di emungimento o
l'ostruzione dei filtri stessi a causa della precipitazione dei sali.
(7)P I sistemi per il drenaggio permanente si devono progettare in modo da impedire
l'ostruzione dovuta all'azione di batteri o altre cause.
5.5 Miglioramento e rinforzo del sottosuolo
(1)P Prima di scegliere o utilizzare un qualsiasi metodo di miglioramento o rinforzo del
sottosuolo, si deve eseguire una indagine geotecnica per stabilire le condizioni
iniziali del sottosuolo.
(2)P Il metodo di miglioramento del sottosuolo per una specifica situazione si deve
progettare tenendo conto, come opportuno, dei seguenti fattori:
- spessore e propriet del sottosuolo o del materiale di riempimento;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 45
UNI EN 1997-1:2005
- entit della pressione dell'acqua nei diversi strati;
- natura, dimensione e posizione della struttura che il terreno deve sostenere;
- evitare danni a strutture o servizi adiacenti;
- se il miglioramento del sottosuolo temporaneo o permanente;
- il legame tra il metodo di miglioramento del sottosuolo e la sequenza costruttiva,
in termini di deformazioni previste;
- gli effetti sull'ambiente, compreso l'inquinamento da sostanze tossiche o
variazioni del livello dellacqua del sottosuolo;
- il deterioramento a lungo termine dei materiali.
(3)P L'efficacia del miglioramento del sottosuolo deve essere verificata rispetto ai criteri di
accettazione, determinando le variazioni indotte in specifiche propriet del
sottosuolo.
SEZIONE 6 FONDAZIONI SUPERFICIALI
6.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si riferiscono alle fondazioni superficiali, che
comprendono lastre par pavimentazione, travi rovesce e platee.
(2) Alcune disposizioni si possono applicare a fondazioni profonde come quelle a
cassone.
6.2 Stati limite
(1)P Si devono considerare i seguenti stati limite, elencandoli in una apposita lista:
- instabilit globale;
- rottura per resistenza portante, rottura per punzonamento, e per refluimento
laterale (squeezing);
- rottura per scorrimento;
- rottura composita, nel sottosuolo e nella struttura;
- rottura delle strutture dovuta a movimenti delle fondazioni;
- cedimenti eccessivi;
- sollevamenti eccessivi, dovuti a rigonfiamento, gelo e altre cause;
- vibrazioni inammissibili.
6.3 Azioni e situazioni di progetto
(1)P Le situazioni di progetto si devono scegliere in conformit al punto 2.2.
(2) Per la scelta degli stati limite da analizzare si raccomanda di considerare le azioni
elencate al punto 2.4.2(4).
(3) Nei casi in cui la rigidezza strutturale sia significativa, si raccomanda di eseguire
un'analisi dell'interazione struttura-terreno per determinare la ripartizione delle
azioni.
6.4 Considerazioni sul progetto e sulla costruzione
(1)P Nella scelta della profondit del piano di posa di una fondazione superficiale si deve
considerare quanto segue:
- raggiungere uno strato di portanza adeguata;
- la profondit fino alla quale il ritiro e il rigonfiamento di terreni argillosi, indotti da
variazioni climatiche stagionali oppure dalla presenza di alberi e arbusti,
possono dar luogo a spostamenti apprezzabili;
- la profondit fino alla quale possono verificarsi danni conseguenti al gelo;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 46
UNI EN 1997-1:2005
- il livello della falda nel sottosuolo ed i problemi che possono insorgere qualora sia
necessario eseguire lo scavo, per realizzare la fondazione, al di sotto di tale livello;
- eventuali movimenti del sottosuolo e riduzioni di portanza del terreno di
fondazione per effetto della filtrazione, delle azioni climatiche, o dei procedimenti
costruttivi;
- gli effetti degli scavi su fondazioni e opere adiacenti;
- scavi previsti per sottoservizi in prossimit della fondazione;
- elevate o basse temperature trasmesse dalle sovrastrutture;
- l'eventualit di fenomeni di scalzamento;
- gli effetti sulle propriet di terreni a struttura instabile nelle zone a clima arido per
la variazione del contenuto d'acqua connessa con l'alternanza di lunghi periodi
di siccit a periodi di pioggia;
- la presenza di materiali ad alta solubilit per esempio, calcari, argilliti, gessi,
rocce saline.
(2) Non si verificheranno danni conseguenti al gelo se:
- il terreno non suscettibile al gelo;
- il piano di posa al di sotto della profondit limite di formazione del gelo;
- il gelo viene evitato mediante isolamento termico.
(3) Per la protezione delle fondazioni di edifici dal gelo, si possono applicare le indicazioni
della EN ISO 13793.
(4)P Oltre a soddisfare i requisiti inerenti le prestazioni, la larghezza di progetto della
fondazione deve tenere conto di considerazioni pratiche, quali economia di scavo,
rispetto delle tolleranze, esigenze degli spazi di lavoro e dimensioni della parete o
del pilastro in elevazione.
(5)P Per le fondazioni superficiali si deve utilizzare uno dei seguenti metodi di progettazione:
- un metodo diretto, in cui si eseguono analisi distinte per ogni stato limite. Nella
verifica di uno stato limite ultimo, il calcolo deve riprodurre quanto pi fedelmente
possibile il meccanismo di rottura. Per la verifica di uno stato limite di esercizio,
si deve effettuare un calcolo dei cedimenti;
- un metodo indiretto, che si fonda sulla esperienza comparabile ed utilizza i
risultati di determinazioni ed osservazioni sperimentali, in sito ed in laboratorio,
applicato con riferimento ai carichi relativi allo stato limite di esercizio, cos da
soddisfare i requisiti anche per tutti gli altri stati limite pertinenti;
- un metodo basato su prescrizioni dove si utilizza una resistenza portante
presunta (vedere punto 2.5).
(6) Si raccomanda di applicare i modelli di calcolo per il progetto agli stati limite ultimo e
di esercizio delle fondazioni superficiali su terreno indicati ai punti 6.5 e 6.6. Per il
progetto di fondazioni superficiali su roccia, si raccomanda di applicare i valori delle
pressioni di contatto presunte, cos come indicato al punto 6.7.
6.5 Progetto allo stato limite ultimo
6.5.1 Stabilit globale
(1)P La verifica di stabilit globale deve essere eseguita con riferimento particolare alle
seguenti situazioni, in assenza o presenza della fondazione:
- nelle vicinanze o in corrispondenza di un pendio naturale o artificiale;
- in prossimit di uno scavo o di una parete di sostegno;
- in prossimit di fiumi, canali, laghi, bacini o della costa;
- in prossimit di scavi minerari o strutture interrate.
(2)P Per queste situazioni si deve dimostrare, attraverso i principi indicati nella Sezione 11,
che la rottura per instabilit del volume di terreno ove, ricade la fondazione abbia una
probabilit sufficientemente bassa.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 47
UNI EN 1997-1:2005
6.5.2 Resistenza portante
6.5.2.1 Generalit
(1)P Si deve soddisfare la seguente disuguaglianza per tutti gli stati limite ultimi:
V
d
s R
d
(6.1)
(2)P R
d
si deve calcolare come indicato al punto 2.4.
(3)P V
d
deve comprendere il peso della fondazione, il peso di eventuale materiale di
rinterro e tutte le spinte del terreno sia favorevoli che sfavorevoli. Le pressioni
dell'acqua indipendenti dalla fondazione devono essere incluse fra le azioni.
6.5.2.2 Metodo analitico
(1) Si raccomanda di utilizzare un metodo analitico generalmente accettato.
Nota Si pu utilizzare il metodo di calcolo analitico per la resistenza portante riportato, come esempio, in
appendice D.
(2)P Si deve considerare una determinazione analitica dei valori a breve e a lungo
termine di R
d
, specialmente in terreni a grana fine.
(3)P Nei casi in cui il terreno o l'ammasso roccioso interessato dalla fondazione presenti
un evidente assetto macrostrutturale con stratificazioni o altre discontinuit, il
meccanismo di rottura ipotizzato ed i valori scelti per la resistenza al taglio e i
parametri di deformabilit, devono tenere conto delle caratteristiche strutturali del
sottosuolo.
(4)P Nel calcolo della resistenza portante di progetto di una fondazione su terreni
stratificati con propriet molto diverse fra loro, i valori di progetto dei parametri del
terreno si devono determinare per ogni strato.
(5) Nei casi in cui al di sotto di una formazione poco resistente si trovi uno strato di
terreno con resistenza elevata, la resistenza portante pu essere calcolata
utilizzando i parametri di resistenza della formazione poco resistente. Per la
situazione inversa si raccomanda di verificare la rottura per punzonamento.
(6) I metodi analitici molte volte non sono adeguati per le situazioni di progetto descritte
nei punti 6.5.2.2(3)P, 6.5.2.2(4)P e 6.5.2.2(5). In questi ultimi casi si raccomanda di
adottare procedure numeriche per determinare il meccanismo di rottura pi
sfavorevole.
(7) Possono essere adottati i calcoli per la stabilit globale descritti nella sezione 11.
6.5.2.3 Metodo semi-empirico
(1) Si raccomanda di utilizzare un metodo semi-empirico generalmente accettato.
Nota Per la determinazione della resistenza portante attraverso l'utilizzo dei risultati di prove
pressiometriche, si raccomanda l'utilizzo del metodo semi-empirico riportato, come esempio, in
appendice E.
6.5.2.4 Metodo di prescrizioni utilizzando la resistenza portante presunta
(1) Si raccomanda di utilizzare un metodo di prescrizioni basato sulla resistenza
portante presunta generalmente accettato.
Nota Per ricavare la resistenza portante presunta di fondazioni superficiali su roccia si raccomanda l'utilizzo
del metodo riportato, come esempio, in appendice G. Quando viene adottato tale metodo, si
raccomanda di valutare il dimensionamento che ne risulta in base ad esperienza comparabile.
6.5.3 Resistenza allo scorrimento
(1)P Se il carico che agisce sulla fondazione non normale alla base, questa deve essere
verificata nei confronti di una rottura per scorrimento alla base.
(2)P Si deve soddisfare la seguente disuguaglianza:
H
d
s R
d
+ R
p;d
(6.2)
(3)P H
d
deve comprendere i valori di progetto di eventuali spinte attive esercitate dal terreno
sulla fondazione.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 48
UNI EN 1997-1:2005
(4)P R
d
deve essere calcolata come indicato al punto 2.4.
(5) Si raccomanda che i valori di R
d
e R
p;d
tengano conto dell'entit degli spostamenti
previsti nella condizione di stato limite considerata. Per grandi spostamenti si
raccomanda di considerare l'eventuale influenza di un comportamento post-picco, si
raccomanda che il valore scelto per R
p;d
sia coerente con la vita prevista per la
struttura.
(6)P Per fondazioni in terreni argillosi che ricadono nella zona soggetta a deformazioni
stagionali, si deve considerare la possibilit che l'argilla si distacchi per ritiro dalle
superfici verticali delle fondazioni.
(7)P Si deve considerare l'eventualit che il terreno davanti alla fondazione possa essere
rimosso da fenomeni erosivi o attivit antropica.
(8)P In condizioni drenate, la resistenza a taglio di progetto, R
d
, si deve calcolare
applicando coefficienti o alle propriet del sottosuolo o alla resistenza del sottosuolo,
come segue;
R
d
= V '
d
tan o
d
(6.3a)
oppure
R
d
= (V '
d
tan o
k
)/
R;h
(6.3b)
Nota Nei procedimenti progettuali dove vengono applicati coefficienti agli effetti delle azioni, il coefficiente
parziale per le azioni (
F
) pari a 1,0, e nell'equazione (6.3b) V '
d
= V '
k
.
(9)P Nella determinazione di V '
d
, si deve tener conto se H
d
e V '
d
sono azioni dipendenti
o indipendenti.
(10) L'angolo di attrito di progetto o
d
pu essere considerato pari al valore di progetto
dell'angolo di resistenza al taglio allo stato critico in termini di sforzi efficaci, '
cv;d
,
per fondazioni in calcestruzzo gettato in opera, e uguale a 2/3 '
cv;d
per fondazioni
prefabbricate prive di rugosit. Si raccomanda di trascurare eventuali valori di
coesione efficace c'.
(11)PIn condizioni non drenate, la resistenza a taglio di progetto, R
d
, si deve calcolare
applicando coefficienti o alle propriet del sottosuolo o alla resistenza del sottosuolo,
come segue:
R
d
= A

c
u;d
(6.4a)
oppure
R
d
= (A

c
u;k
)/
R;h
(6.4b)
(12)PSe l'acqua o l'aria possono raggiungere la superficie di separazione tra la fondazione e
uno strato sottostante di argilla in condizioni non drenate, si deve effettuare la seguente
verifica:
R
d
s 0,4 V
d
(6.5)
(13) Il requisito (6.5) pu essere disatteso soltanto se la presenza di un'intercapedine tra
fondazione e sottosuolo viene esclusa dalla suzione presente nelle zone in cui non
sussistono pressioni di contatto positive.
6.5.4 Carichi con grandi eccentricit
(1)P Si devono prendere precauzioni particolari laddove l'eccentricit del carico superi 1/3
della larghezza, per un plinto rettangolare, o 0,6 volte il raggio, per un plinto
circolare.
Tali precauzioni comprendono:
- controllo accurato dei valori di progetto delle azioni in conformit al punto 2.4.2;
- progettazione della posizione del margine della fondazione tenendo conto del
valore delle tolleranze di costruzione.
(2) A meno che non si presti particolare attenzione durante i lavori, si raccomanda di
considerare tolleranze fino a 0,10 m.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 49
UNI EN 1997-1:2005
6.5.5 Rottura strutturale a causa di spostamenti in fondazione
(1)P Si devono considerare gli spostamenti differenziali verticali e orizzontali della
fondazione per garantire che non conducano al raggiungimento di uno stato limite
ultimo della sovrastruttura.
(2) Si pu adottare una pressione di contatti presunta (vedere punto 2.5) purch gli
spostamenti non inducano uno stato limite ultimo nella struttura.
(3)P Nei terreni rigonfianti si deve valutare il possibile sollevamento differenziale e
progettare le fondazioni e la struttura in modo che possano resistere o adattarsi ad
esso.
6.6 Progetto allo stato limite di esercizio
6.6.1 Generalit
(1)P Si deve tenere conto degli spostamenti dovuti ad azioni sulla fondazione, quali
quelle elencate al punto 2.4.2(4).
(2)P Nella valutazione dell'entit degli spostamenti della fondazione, si deve tenere conto
della esperienza comparabile, come definita al punto 1.5.2.2. Se necessario, si
devono effettuare anche calcoli degli scostamenti.
(3)P In presenza di terreni argillosi soffici si deve sempre effettuare il calcolo dei cedimenti.
(4) Per fondazioni superficiali su argille consistenti e compatte con progettazioni di
Categorie Geotecniche 2 e 3, si raccomanda di intraprendere generalmente il
calcolo dello spostamento verticale (cedimento). Alcuni metodi che possono essere
utilizzati per calcolare i cedimenti dovuti a carichi sulla fondazione, sono riportati al
punto 6.6.2.
(5)P Nel calcolo degli scostamenti della fondazione per il confronto con i criteri di
funzionalit, si devono utilizzare i carichi di progetto relativi allo stato limite di
esercizio.
(6) Si raccomanda che i calcoli dei cedimenti non siano considerati come calcoli precisi.
Essi forniscono solamente una indicazione approssimata del cedimento.
(7)P Gli spostamenti della fondazione devono essere analizzati sia in termini di
spostamento dell'intera fondazione sia di spostamenti differenziali di parti della
fondazione.
(8)P Nel calcolo dell'incremento di sforzo nel sottosuolo e della sua influenza sulla
compressibilit del terreno si deve tenere conto dell'effetto di fondazioni e di
riempimenti che ricadono nelle vicinanze.
(9)P Deve essere valutato l'intervallo dei possibili valori della rotazione relativa della
fondazione per il confronto con i pertinenti valori limite degli spostamenti, di cui al
punto 2.4.9.
6.6.2 Cedimento
(1)P I calcoli dei cedimenti devono comprendere sia il cedimento immediato che quello
differito.
(2) Per terreni saturi o parzialmente saturi si raccomanda di considerare le seguenti tre
componenti di cedimento:
- s
0
: cedimento immediato; nei terreni saturi dovuto a distorsioni a volume
costante e nei terreni parzialmente saturi dovuto sia a distorsioni sia a riduzioni
di volume;
- s
1
: cedimento dovuto alla consolidazione;
- s
2
: cedimento dovuto a deformazione viscosa.
(3) Per la valutazione dei cedimenti si raccomanda di utilizzare metodi generalmente
accettati.
Nota Per la valutazione dei cedimenti s
0
e s
1
si possono utilizzare i metodi riportati, come esempi, in appendice F.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 50
UNI EN 1997-1:2005
(4) Si raccomanda di considerare con particolare attenzione terreni quali quelli organici
e quelli argillosi soffici, nei quali lo sviluppo del cedimento pu protrarsi quasi
indefinitamente a causa di deformazioni viscose (creep).
(5) Si raccomanda che la profondit dello strato di terreno compressibile, da
considerare nel calcolo dei cedimenti, dipenda dalle dimensioni e dalla forma della
fondazione, dalla variazione della rigidezza del terreno con la profondit e dalla
distanza tra gli elementi della fondazione.
(6) Tale profondit si pu assumere generalmente come la profondit alla quale
l'incremento di sforzo verticale efficace dovuto alla fondazione pari al 20% dello
sforzo verticale efficace litostatico.
(7) In molti casi tale profondit pu anche essere approssimativamente valutata come
1-2 volte la larghezza della fondazione, ma pu essere ridotta nel caso di platee di
fondazione pi estese e poco caricate.
Nota Questo approccio non valido per terreni particolarmente soffici.
(8)P Si deve valutare ogni eventuale ulteriore cedimento dovuto alla compattazione del
terreno per peso proprio.
(9) Si raccomanda di considerare quanto segue:
- possibili effetti del peso proprio, di inondazioni e di vibrazioni sui riempimenti e
sui terreni collassabili;
- gli effetti della variazione degli sforzi sulle sabbie frantumabili.
(10)PA seconda dei casi, per la rigidezza del terreno si devono adottare modelli lineari o
non lineari.
(11)PPer garantire che non si raggiunga uno stato limite di esercizio, la valutazione dei
cedimenti differenziali e delle rotazioni relative deve tenere conto sia della
distribuzione dei carichi, sia della possibile disomogeneit del terreno di fondazione.
(12) I cedimenti differenziali calcolati senza tenere conto della rigidezza della struttura
costituiscono una sovrastima del valore reale. Si pu utilizzare un'analisi
dell'interazione terreno-struttura per giustificare valori ridotti dei cedimenti differenziali.
(13) Si raccomanda di considerare i possibili cedimenti differenziali determinati dalla
variabilit del terreno di fondazione, a meno che non siano impediti dalla rigidezza
della struttura.
(14) Per le fondazioni superficiali su terreno naturale si raccomanda di considerare che
cedimenti differenziali si verificano comunque, anche se il calcolo prevede solo
cedimenti uniformi.
(15) Si raccomanda di valutare la rotazione di una fondazione sottoposta a carico
eccentrico, assumendo una distribuzione lineare della pressione di contatto e quindi
calcolando il cedimento in corrispondenza degli spigoli della fondazione; a tal fine si
utilizza la distribuzione degli sforzi verticali nel sottosuolo agli spigoli ed i metodi di
calcolo dei cedimenti gi descritti.
(16) Per strutture convenzionali fondate su argille, si raccomanda di determinare il
rapporto tra capacit portante del sottosuolo, calcolata con il valore iniziale della
resistenza non drenata, e carico di esercizio [vedere 2.4.8(4)]. Quando tale rapporto
inferiore a 3, si raccomanda di eseguire sempre il calcolo dei cedimenti. Se il
rapporto minore di 2, nei calcoli si raccomanda di tenere in considerazione il
carattere non lineare della rigidezza del terreno.
6.6.3 Sollevamento
(1)P Si devono distinguere le seguenti cause di sollevamento:
- riduzione degli sforzi efficaci;
- rigonfiamento volumetrico di terreni parzialmente saturi;
- sollevamento prodotto dal cedimento di una struttura adiacente in un terreno
saturo, che si deforma a volume costante.
(2)P I calcoli del sollevamento devono comprendere sia il sollevamento immediato sia
quello differito.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 51
UNI EN 1997-1:2005
6.6.4 Analisi delle vibrazioni
(1)P Le fondazioni di strutture soggette a vibrazioni o a carichi vibranti si devono
progettare in modo da garantire che le vibrazioni non provochino cedimenti
eccessivi.
(2) Si raccomanda di prendere precauzioni per evitare la risonanza tra la frequenza del
carico dinamico ed una frequenza critica del sistema fondazione-terreno, ed inoltre
per escludere la liquefazione del terreno di fondazione.
(3)P Le vibrazioni prodotte da terremoti si devono analizzare utilizzando la EN 1998.
6.7 Fondazioni su roccia; considerazioni complementari di progetto
(1)P La progettazione di fondazioni superficiali su roccia deve tenere conto dei seguenti
aspetti:
- la deformabilit e la resistenza dell'ammasso roccioso ed i cedimenti accettabili
per la sovrastruttura in elevazione;
- la presenza al di sotto della fondazione di eventuali strati deboli, come per
esempio quelli costituiti da prodotti di dissoluzione o zone di faglia;
- la presenza di giunti di stratificazione e altre discontinuit e le loro caratteristiche
(per esempio riempimento, continuit, ampiezza, spaziatura);
- lo stato di alterazione, dovuto ad agenti atmosferici, decomposizione e
fratturazione della roccia;
- il disturbo dello stato naturale della roccia dovuto ad attivit di costruzione in
prossimit della fondazione, quali per esempio opere in sotterraneo o
formazione di scarpate.
(2) Le fondazioni superficiali su roccia possono generalmente essere progettate con
lutilizzo del metodo della pressione di contatto presunta. Per rocce intatte e
resistenti ignee, gneissiche, calcaree ed arenarie, la pressione di contatto presunta
limitata dalla resistenza a compressione della fondazione in calcestruzzo.
Nota Il metodo raccomandato per ricavare le pressioni portanti limite presunte per fondazioni superficiali su roccia,
riportato in appendice G.
(3) Il cedimento di una fondazione pu essere valutato sulla base di esperienza
comparabile, in relazione alla classificazione dell'ammasso roccioso.
6.8 Progetto strutturale delle fondazioni superficiali
(1)P Si deve impedire la rottura strutturale di una fondazione superficiale in conformit
al punto 2.4.6.4.
(2) La distribuzione della pressione di contatto alla base di una fondazione rigida pu
essere ritenuta lineare. Si pu utilizzare un'analisi pi dettagliata dell'interazione
terreno-struttura per giustificare un progetto pi economico.
(3) La distribuzione della pressione di contatto, alla base di una fondazione flessibile,
pu essere ricavata attraverso una modellazione della fondazione come trave o
platea posta su un mezzo continuo deformabile o su un letto di molle, aventi
appropriata rigidezza e resistenza.
(4)P La funzionalit di fondazioni su travi rovesce e platea si deve verificare con i carichi
relativi allo stato limite di esercizio e con una distribuzione della pressione di contatto
corrispondente alla deformazione della fondazione e del sottosuolo.
(5) Per situazioni di progetto con carichi concentrati agenti su una trave rovescia di
fondazione o una platea, le forze ed i momenti flettenti nella fondazione si possono
ricavare mediante un modello di sottosuolo a letto di molle con lutilizzo dell'elasticit
lineare. I moduli di reazione del sottosuolo si possono valutare attraverso un'analisi
dei cedimenti, con una stima opportuna della distribuzione della pressione di
contatto. I valori dei moduli si possono adeguare in modo che le pressioni di contatto
calcolate non superino i valori per i quali il comportamento pu essere ritenuto
lineare.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 52
UNI EN 1997-1:2005
(6) Si raccomanda di calcolare i cedimenti totali e differenziali della struttura nel suo
insieme in conformit al punto 6.6.2. I modelli di sottosuolo a letto di molle sono
spesso inappropriati a tale scopo. Nei casi in cui l'interazione terreno-struttura abbia
un effetto preponderante, si raccomanda di utilizzare metodi pi precisi, come per
esempio analisi agli elementi finiti.
6.9 Preparazione del piano di appoggio
(1)P Il piano di appoggio deve essere preparato con grande cura. Devono essere rimosse
radici, ostacoli, ed inclusioni di terreno debole, senza recare disturbo al sottosuolo.
Eventuali spazi vuoti che ne potrebbero risultare devono essere riempiti con terreno
(o altro materiale) in modo da ripristinare la rigidezza del terreno indisturbato.
(2) Nei terreni suscettibili al disturbo, come per esempio le argille, si raccomanda di
indicare la sequenza delle operazioni di scavo per una fondazione superficiale in
modo da minimizzare il disturbo. In genere sufficiente scavare per fasce
orizzontali. Nei casi in cui occorre controllare il sollevamento, si raccomanda che lo
scavo sia effettuato con trincee alternate, gettando il calcestruzzo in ogni trincea
prima di procedere allo scavo di quelle intermedie.
SEZIONE 7 FONDAZIONI SU PALI
7.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si riferiscono ai pali portanti alla base, pali ad
attrito laterale, pali a trazione e pali soggetti a carico trasversale, installati tramite
infissione per battitura o a spinta, avvitati o trivellati nel terreno, con o senza
cementazione.
(2) Si raccomanda che le disposizioni della presente sezione non siano applicate
direttamente al progetto di pali intesi come riduttori del cedimento, come per
esempio avviene per alcune fondazioni a platea su pali.
(3)P Per l'esecuzione di pali si deve fare riferimento alle seguenti norme:
- EN 1536:1999, per pali trivellati;
- EN 12063:2000, per palancolate;
- EN 12699:2000, per pali infissi;
- EN 14199:2005, per micropali.
7.2 Stati limite
(1)P Si devono considerare i seguenti stati limite, elencandoli in una apposita lista:
- instabilit globale;
- rottura per resistenza portante della fondazione su pali;
- sottospinta o resistenza a trazione insufficiente della fondazione su pali;
- rottura nel sottosuolo dovuta a carichi trasversali sulla fondazione su pali;
- rottura strutturale del palo per compressione, trazione, flessione, instabilit
flessionale, o taglio;
- rottura composita, nel sottosuolo e nella fondazione su pali;
- rottura composita, nel sottosuolo e nella struttura;
- cedimento eccessivo;
- sollevamento eccessivo;
- spostamento orizzontale eccessivo;
- vibrazioni inammissibili.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 53
UNI EN 1997-1:2005
7.3 Azioni e situazioni di progetto
7.3.1 Generalit
(1) Nella scelta delle situazioni di progetto, si raccomanda di considerare le azioni
elencate al punto 2.4.2.(4).
(2) I pali possono essere soggetti a carico assiale e/o trasversale.
(3)P Le situazioni di progetto devono essere definite in conformit al punto 2.2.
(4) Al fine di dimostrare che i requisiti relativi agli stati limite siano soddisfatti, pu essere
necessaria unanalisi dellinterazione tra struttura, fondazione su pali e sottosuolo.
7.3.2 Azioni dovute a spostamenti del sottosuolo
7.3.2.1 Generalit
(1)P Il sottosuolo in cui ricadono i pali pu essere soggetto a spostamenti dovuti a
consolidazione, rigonfiamento, carichi adiacenti, deformazioni viscose, frane o
terremoti. Tutti questi fenomeni devono essere considerati in quanto possono influire
sui pali provocando attrito negativo, sollevamento, allungamento, carichi trasversali
e spostamenti.
(2) Si raccomanda che, per queste situazioni, i valori di progetto per la resistenza e la
rigidezza del terreno in movimento siano, in genere, essere valori superiori.
(3)P Per il progetto si deve adottare uno dei due approcci seguenti:
- lo spostamento del sottosuolo viene considerato come unazione. Si svolge
quindi unanalisi dellinterazione per determinare le forza, gli spostamenti e le
deformazioni del palo;
- si deve assumere come azione di progetto un limite superiore alla forza che il
sottosuolo potrebbe trasmettere al palo. La determinazione di questa forza deve
tener conto della resistenza del terreno e dell'origine del carico, rappresentato
dal peso o dalla compressione del terreno in movimento (attrito laterale
negativo) oppure dall'entit delle azioni di disturbo.
7.3.2.2 Attrito negativo
(1)P Se i calcoli di progetto allo stato limite ultimo vengono svolti considerando il carico di
attrito negativo come un'azione, questa deve corrispondere al massimo valore che
potrebbe essere generato dallo spostamento verso il basso del sottosuolo
relativamente al palo.
(2) Nel calcolo dei massimi carichi di attrito negativo si raccomanda di considerare la
resistenza al taglio all'interfaccia tra il terreno e il fusto del palo e lo spostamento
verso il basso del sottosuolo dovuto alla compressione per peso proprio e ad
eventuali carichi in superficie intorno al palo.
(3) Per i pali in gruppo si pu ottenere un limite superiore al carico di attrito negativo dal
peso del sovraccarico che provoca lo spostamento, tenendo conto anche delle
possibili variazioni della pressione interstiziale per un abbassamento della falda,
consolidazione o battitura di pali.
(4) Laddove si prevede che il cedimento del terreno dopo la realizzazione del palo sia
modesto, un'economia di progetto si pu ottenere considerando come azione il
cedimento del sottosuolo e svolgendo una analisi di interazione.
(5)P Il valore di progetto del cedimento del terreno si deve ricavare tenendo conto del
peso dell'unit di volume e della compressibilit dei materiali, in conformit al
punto 2.4.3.
(6) Si raccomanda che nei calcoli di interazione siano considerati: lo spostamento del
palo rispetto al terreno circostante in movimento, la resistenza al taglio del terreno
lungo la superficie laterale del palo, il peso del terreno ed i carichi superficiali previsti
intorno ad ogni palo, che provocano l'attrito negativo.
(7) Generalmente, nelle combinazioni di carico non occorre considerare
contemporaneamente lattrito negativo ed i carichi transitori.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 54
UNI EN 1997-1:2005
7.3.2.3 Sollevamento
(1)P Quando si considera l'effetto del sollevamento, o di carichi verso l'alto, che pu
generarsi lungo la superficie laterale del palo, lo spostamento del sottosuolo deve, in
genere, essere considerato come un'azione.
Nota 1 Un rigonfiamento o un sollevamento del sottosuolo possono essere prodotti da uno scarico, da scavi,
dall'azione del gelo o dall'infissione di pali adiacenti. Possono inoltre essere la conseguenza di un incremento
del contenuto d'acqua del sottosuolo prodotto dalla rimozione di alberi, dalla sospensione dell'emungimento
da acquiferi, dall'impedimento (da parte di nuove costruzioni) dell'evaporazione e da cause accidentali.
Nota 2 Il sollevamento pu avvenire in corso d'opera, prima che i pali vengano caricati dalla struttura, e pu dar luogo
ad una sottospinta inammissibile o alla rottura strutturale dei pali.
7.3.2.4 Carichi trasversali
(1)P Si devono prendere in considerazione le azioni trasversali generate da spostamenti
del terreno intorno ad un palo.
(2) Si raccomanda di prendere in considerazione il seguente elenco di situazioni di
progetto che possono produrre azioni trasversali su un palo:
- sovraccarichi di entit diversa sui lati di una fondazione su pali (per esempio,
nelle vicinanze o in corrispondenza di un rilevato);
- livelli di scavo diversi sui lati di una fondazione su pali (per esempio, nelle
vicinanze o in corrispondenza di una parete di scavo);
- una fondazione su pali realizzata in un pendio soggetto a deformazioni viscose;
- pali inclinati in un terreno con cedimenti in atto;
- pali in zona sismica.
(3) Si raccomanda che il carico trasversale sia generalmente determinato analizzando
l'interazione tra i pali, considerati come travi rigide o flessibili, ed il volume di terreno
in movimento. Nei casi in cui la deformazione orizzontale di strati di terreno debole
sia notevole ed i pali siano molto distanti tra loro, il carico trasversale indotto sui pali
dipende principalmente dalla resistenza al taglio degli strati di terreno debole.
7.4 Metodi di progetto e considerazioni progettuali
7.4.1 Metodi di progetto
(1)P Il progetto deve essere basato su uno dei seguenti approcci:
- risultati di prove di carico statiche che, da calcoli o altre considerazioni, si
dimostrano congruenti con altre esperienze su casi analoghi;
- metodi empirici o calcoli analitici la cui validit risulta dimostrata da prove di
carico statiche in situazioni comparabili;
- risultati di prove di carico dinamiche la cui validit risulta dimostrata da prove di
carico statiche in situazioni comparabili;
- osservazione del comportamento di una fondazione su pali comparabile, purch
questo approccio sia avvalorato dai risultati di indagini in sito e prove sul terreno.
(2) Si raccomanda che i valori di progetto dei parametri utilizzati nei calcoli siano
generalmente conformi a quanto stabilito nella Sezione 3, mentre nella scelta dei
loro valori si pu anche tener conto di risultati di prove di carico.
(3) Le prove di carico statiche si possono effettuare, prima che il progetto sia
completato, su pali di prova, installati unicamente a questo scopo, oppure su pali che
fanno parte della fondazione definitiva.
7.4.2 Considerazioni progettuali
(1)P Si deve considerare il comportamento di pali singoli e di gruppi di pali, nonch la
rigidezza e la resistenza della struttura che collega i pali.
(2)P Nella scelta dei metodi di calcolo e dei valori dei parametri e nellutilizzo dei risultati di
prove di carico, si devono considerare la durata e la variazione dei carichi nel tempo.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 55
UNI EN 1997-1:2005
(3)P Nei calcoli e nell'interpretazione dei risultati di prove di carico, si devono considerare
la posa o la rimozione di sovraccarichi verticali gi pianificati o le potenziali variazioni
nel regime delle pressioni interstiziali.
(4)P La scelta del tipo di palo, compresa la qualit dei materiali ed il metodo di
realizzazione, devono tenere in conto:
- le condizioni del sottosuolo e dell'acqua del sottosuolo, compresa la presenza in
sito, anche solo eventuale, di ostacoli nel sottosuolo;
- lo stato di sforzo generato nel palo durante l'installazione;
- la possibilit di preservare e verificare l'integrit del palo da installare;
- l'effetto del metodo e della sequenza di installazione sui pali gi realizzati e su
strutture adiacenti;
- le tolleranze entro le quali il palo pu essere installato in maniera affidabile;
- gli effetti dannosi di sostanze chimiche nel sottosuolo;
- la possibilit di mettere in comunicazione diversi bacini idrici nel sottosuolo;
- le operazioni di manipolazione e trasporto dei pali;
- gli effetti della costruzione dei pali sugli edifici limitrofi.
(5) Con riferimento a quanto elencato sopra, si raccomanda di prestare attenzione ai
seguenti aspetti:
- l'interasse fra i pali disposti in gruppo;
- spostamento o vibrazione di strutture adiacenti dovuti alla installazione dei pali;
- il tipo di battipalo o di macchina vibrante utilizzati;
- le sollecitazioni dinamiche del palo durante l'infissione;
- nei pali trivellati, per i quali si utilizza un fluido all'interno del foro, la necessit di
mantenere la pressione del fluido ad un livello tale da impedire il collasso del foro
e la rottura idraulica del fondo;
- pulizia del fondo e a volte anche delle pareti laterali del foro, specialmente in
presenza di fanghi bentonitici, per eliminare i materiali rimaneggiati;
- instabilit locale delle pareti del foro durante la fase di getto del calcestruzzo,
che pu causare l'inclusione di terreno entro il fusto del palo;
- penetrazione di terreno o acqua nella sezione di un palo gettato in opera e
possibile degrado del calcestruzzo fresco, se attraversato da acqua;
- l'effetto di strati di sabbia non satura intorno ad un palo che determina
l'assorbimento di acqua dal calcestruzzo;
- l'effetto ritardante di sostanze chimiche presenti nel terreno;
- addensamento del terreno dovuto alla battitura di pali infissi;
- disturbo del terreno dovuto alla trivellazione.
7.5 Prove di carico su pali
7.5.1 Generalit
(1)P Devono essere eseguite prove di carico su pali nelle seguenti situazioni:
- quando si utilizza un tipo di palo o un metodo dinstallazione per i quali non
esiste esperienza comparabile;
- quando i pali non sono stati sottoposti a prove in condizioni di terreno e di carico
confrontabili;
- quando i pali sono soggetti a carichi per i quali, n la teoria n l'esperienza
forniscono sufficiente affidabilit progettuale. La procedura di prova deve allora
prevedere carichi simili a quelli previsti;
- quando dalle osservazioni nel corso dell'installazione emerga che il
comportamento dei pali diverge notevolmente ed in senso sfavorevole, dal
comportamento previsto sulla base delle indagini in sito o dell'esperienza, e
quando ulteriori indagini del sottosuolo non chiariscano le ragioni di tale
divergenza.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 56
UNI EN 1997-1:2005
(2) Possono essere utilizzate prove di carico su pali per:
- valutare l'idoneit del metodo costruttivo;
- determinare la risposta ai carichi di un palo rappresentativo e del sottosuolo
circostante, sia in termini di cedimento sia di carico limite;
- poter esprimere un giudizio sulla fondazione su pali nel suo complesso.
(3) Nel caso in cui le prove di carico non siano fattibili per la difficolt di riprodurre la
variazione del carico (per esempio, carichi ciclici) si raccomanda di utilizzare valori di
progetto molto cautelativi per le propriet dei materiali.
(4)P Se viene eseguita una prova di carico su un palo, questa deve essere generalmente
collocata laddove si ritiene che si presentino le condizioni del sottosuolo pi
sfavorevoli. Se ci non possibile, se ne deve tenere debito conto quando si ricava
il valore caratteristico della resistenza a compressione.
(5)P Se vengono eseguite prove di carico su due o pi pali di prova, l'ubicazione delle
prove deve essere rappresentativa del sito in cui verr realizzata la fondazione su
pali, e uno dei pali di prova deve essere collocato laddove si ritiene che si presentino
le condizioni del sottosuolo pi sfavorevoli.
(6)P Tra linstallazione del palo di prova e l'inizio della prova di carico, deve intercorrere
un tempo sufficiente a garantire che sia raggiunta la resistenza richiesta per il
materiale di cui costituito il palo e che le pressioni interstiziali siano ritornate ai loro
valori iniziali.
(7) In alcuni casi pu essere necessario registrare le pressioni interstiziali prodotte dalla
installazione dei pali e la loro successiva dissipazione, in modo da poter effettuare
una scelta corretta per quanto riguarda l'inizio della prova di carico.
7.5.2 Prove di carico statiche
7.5.2.1 Procedura di carico
(1)P La procedura della prova di carico su pali
5)
, in particolare rispetto a numero e durata
degli incrementi di carico e l'esecuzione dei cicli di carico, deve consentire di
ricavare dalle misurazioni eseguite sul palo, indicazioni sul comportamento
deformativo dell'intera fondazione, in riferimento alla viscosit ed alla reversibilit
delle deformazioni. Per i pali di prova, il carico deve essere tale che si possano
ottenere indicazioni anche sul carico ultimo di rottura.
(2) Si raccomanda che i dispositivi per la determinazione di carichi, sforzi o
deformazioni e spostamenti, siano tarati prima della prova.
(3) Si raccomanda che la direzione del carico di prova applicato a pali soggetti a
compressione o trazione, coincida con l'asse longitudinale del palo.
(4) Si raccomanda che le prove di carico eseguite allo scopo di progettare una
fondazione su pali soggetta a trazione, siano spinte fino a rottura. Per le prove di
trazione si raccomanda di non utilizzare una estrapolazione del grafico
carico-spostamento.
7.5.2.2 Pali di prova
(1)P Il numero di pali di prova necessari per verificare il progetto deve essere definito in
funzione dei seguenti aspetti:
- le condizioni del sottosuolo e la loro variabilit nel sito di progetto;
- la Categoria Geotecnica dell'opera, se pertinente;
- esperienze precedenti documentate sul comportamento di pali dello stesso tipo
in condizioni di sottosuolo comparabili;
- il numero complessivo e i tipi diversi di pali previsti dal progetto della fondazione.
5) Vedere: Sottocommissione ISSMFE su prove in sito e di laboratorio, prova di carico assiale su pali, metodo indicato.
ASTM Journal, giugno 1985, pp. 79-90.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 57
UNI EN 1997-1:2005
(2)P Le condizioni del sottosuolo, relative al sito di prova, si devono studiare in maniera
esauriente. La profondit dei sondaggi o delle prove in sito deve essere sufficiente
per stabilire la natura del sottosuolo intorno e al di sotto della base del palo. Le
indagini si devono estendere a tutti gli strati che potrebbero influire in maniera
significativa sul comportamento dei pali.
(3)P Il metodo utilizzato per linstallazione dei pali di prova deve essere dettagliatamente
documentato in conformit al punto 7.9.
7.5.2.3 Pali operativi
(1)P Deve essere specificato che il numero di prove di carico su pali operativi deve
essere scelto sulla base dei risultati emersi e registrati nel corso dell'installazione.
(2)P Il carico di prova applicato a pali operativi deve essere almeno pari al carico di
progetto per la fondazione.
7.5.3 Prove di carico dinamiche
(1) Si possono utilizzare prove di carico dinamiche
6)
per determinare la resistenza a
compressione, purch sia stata eseguita una adeguata indagine in sito e il metodo
sia stato tarato rispetto a prove di carico statiche condotte su pali dello stesso tipo,
aventi lunghezza e sezione trasversale simili, ed in condizioni di terreno confrontabili
(vedere punti da 7.6.2.4 a 7.6.2.6).
(2)P Se viene utilizzato pi di un tipo di prova dinamica, i risultati delle diverse prove
devono essere sempre considerati ognuno in relazione agli altri.
(3) Le prove di carico dinamiche possono anche essere utilizzate per ottenere
indicazioni sull'integrit dei pali e per individuare pali pi deboli.
7.5.4 Relazione sulle prove di carico
(1)P Deve essere specificato che si deve redigere una relazione esauriente per tutte le
prove di carico. Tale relazione, a seconda dei casi, deve comprendere:
- una descrizione del sito;
- le condizioni del sottosuolo con riferimento alle indagini;
- il tipo di palo;
- descrizione della procedura di installazione del palo e di eventuali problemi
riscontrati durante i lavori;
- una descrizione delle apparecchiature di carico e di misurazione e del sistema di
contrasto;
- certificati di taratura delle celle di carico, dei martinetti e dei comparatori;
- le annotazioni di cantiere sulla realizzazione dei pali di prova;
- documentazione fotografica del palo e del sito di prova;
- i risultati delle prove in forma numerica;
- diagrammi spostamento-tempo per ogni carico applicato quando viene utilizzata
una procedura ad incrementi di carico;
- il comportamento carico-spostamento misurato;
- le ragioni di eventuali scostamenti dai suddetti requisiti.
7.6 Pali soggetti a carico assiale
7.6.1 Generalit
7.6.1.1 Progetto agli stati limite
(1)P Con il progetto si deve dimostrare che il superamento dei seguenti stati limite, abbia
una probabilit sufficientemente bassa:
- stati limite ultimi di rottura per compressione o trazione di un palo singolo;
6) Vedere: ASTM D 4945, Metodo normalizzato di prova per prove dinamiche su pali a deformazioni elevate.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 58
UNI EN 1997-1:2005
- stati limite ultimi di rottura per compressione o trazione della fondazione su pali
nel suo insieme;
- stati limite ultimi per collasso o grave danno alla sovrastruttura dovuti a
spostamenti eccessivi o spostamenti differenziali della fondazione su pali;
- stati limite di esercizio nella sovrastruttura dovuti allo spostamento dei pali.
(2) Generalmente, si raccomanda di considerare nel progetto il margine di sicurezza
rispetto alla rottura per compressione o trazione, e cio lo stato in cui la fondazione
su pali presenti uno spostamento significativo verso il basso o verso l'alto, senza
incrementi o decrementi apprezzabili di resistenza (vedere punti 7.6.2 e 7.6.3).
(3) Per pali soggetti a compressione spesso difficile definire uno stato limite ultimo
attraverso un diagramma carico-spostamento che presenta una curvatura costante.
In questi casi, si raccomanda di assumere come criterio di "rottura", un cedimento
della sommit del palo pari al 10% del diametro della base.
(4)P Nel caso di pali che subiscono cedimenti significativi, si possono raggiungere stati
limite ultimi nelle sovrastrutture prima che sia mobilitata tutta la resistenza dei pali. In
questi casi, nel progetto, si deve adottare una stima cautelativa dei cedimenti
possibili.
Nota Il cedimento dei pali viene trattato al punto 7.6.4.
7.6.1.2 Stabilit globale
(1)P La rottura per instabilit globale delle fondazioni, che comprendono pali soggetti a
compressione, deve essere considerata in conformit a quanto stabilito nella
Sezione 11.
(2) Laddove ci sia la possibilit di instabilit, si raccomanda di considerare superfici di
rottura sia passanti al di sotto dei pali, sia intersecanti i pali stessi.
(3)P La verifica a rottura per sottospinta di un blocco di terreno, che include pali, deve
essere effettuata in conformit al punto 7.6.3.1(4)P.
7.6.2 Resistenza a compressione del terreno
7.6.2.1 Generalit
(1)P Per dimostrare che la fondazione su pali in grado di sopportare il carico di progetto,
con adeguato margine di sicurezza nei confronti della rottura per compressione,
deve essere verificata la seguente disuguaglianza per tutte le condizioni di carico e
combinazioni di carico agli stati limite ultimi:
F
c;d
s R
c;d
(7.1)
(2) In linea di principio, si raccomanda che F
c;d
comprenda il peso proprio del palo e che
R
c;d
comprenda il sovraccarico laterale alla base della fondazione dovuto al peso
proprio del terreno. Tuttavia, questi due termini possono essere trascurati se
approssimativamente si compensano. Non necessario che si compensino se:
- l'attrito negativo significativo;
- il terreno molto leggero;
- il palo si estende al di sopra della superficie del terreno.
(3)P Per i pali in gruppo si devono prendere in considerazione due meccanismi di rottura:
- rottura per compressione dei singoli pali;
- rottura per compressione dei pali e del terreno compreso tra essi, considerati
come un blocco unico.
Si deve assumere come resistenza di progetto il minore tra i valori dovuti a questi
due meccanismi.
(4) La resistenza a compressione del gruppo di pali, considerato come un blocco unico,
si pu calcolare considerando il blocco come un palo singolo di grande diametro.
(5)P Per ricavare la resistenza di progetto della fondazione, si deve tenere conto della
rigidezza e della resistenza della struttura che collega i pali del gruppo.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 59
UNI EN 1997-1:2005
(6) Se i pali sostengono una struttura rigida, si pu trarre vantaggio della capacit della
struttura di ridistribuire il carico tra i pali. Uno stato limite si verificha solo se un numero
significativo di pali raggiunger le condizioni di rottura contemporaneamente; pertanto
non necessario considerare un meccanismo di rottura che interessi un unico palo.
(7) Se i pali sostengono una struttura flessibile, si raccomanda di assumere che il
raggiungimento di uno stato limite sia governato dalla resistenza a compressione del
palo pi debole.
(8) Si raccomanda di prestare particolare attenzione ad una possibile rottura di pali di
bordo dovuta a carichi inclinati o eccentrici trasmessi dalla sovrastruttura.
(9)P Se lo strato portante sovrapposto a uno strato di terreno debole, si deve
considerare l'effetto dello strato debole sulla resistenza a compressione della
fondazioni.
(10)PNel calcolo della resistenza alla base del palo si deve tener conto delle
caratteristiche di resistenza del terreno al di sopra e al di sotto la base del palo.
Nota Tale zona pu estendersi per diversi diametri sopra e sotto la base del palo. Eventuali terreni deboli, in
questa zona, hanno influenza relativamente elevata sulla resistenza alla base.
(11) Si raccomanda di considerare una rottura per punzonamento in presenza di terreno
debole ad una profondit inferiore a 4 volte il diametro della base sotto la base del palo.
(12)PNei casi in cui il diametro alla base del palo sia superiore al diametro del fusto, si
deve considerare l'eventuale effetto sfavorevole.
(13) Per pali battuti a tubo aperto o a sezione scatolare, con aperture maggiori di 500 mm
in una direzione qualsiasi, privi di dispositivi particolari all'interno del palo stesso per
indurre la formazione di un tappo di terreno, si raccomanda che la resistenza alla
base si limiti al pi piccolo tra:
- la resistenza al taglio tra tappo di terreno e superficie interna del palo;
- la resistenza alla base ricavata considerando l'area della sezione trasversale
lorda della base.
7.6.2.2 Resistenza ultima a compressione da prove di carico statiche
(1)P Le modalit di esecuzione delle prove di carico devono essere conformi al punto 7.5
e devono essere specificate nella Relazione Geotecnica di Progetto.
(2)P I pali di prova di progetto si devono installare nella stessa maniera dei pali che
costituiranno la fondazione ed intestare nello stesso strato.
(3) Se il diametro dei pali di prova non uguale a quello dei pali operativi, nella
valutazione della resistenza a compressione si raccomanda di tenere in
considerazione la possibile differenza di comportamento tra pali di diametri diversi.
(4) Nel caso di un palo con diametro molto grande, l'esecuzione di una prova di carico
su un palo in vera grandezza spesso irrealizzabile. Si possono considerare prove
di carico su pali di diametro inferiore a condizione che:
- il rapporto tra il diametro del palo di prova ed il diametro del palo operativo non
sia minore di 0,5;
- il palo di prova di diametro pi piccolo sia fabbricato ed installato nello stesso
modo dei pali utilizzati per la fondazione;
- il palo di prova sia strumentato in maniera tale che, dalle misurazioni effettuate,
si possano ricavare separatamente la resistenza alla base e quella laterale.
Si raccomanda di applicare tale approccio con cautela al caso di pali infissi a punta
aperta, a causa dell'influenza del diametro sulla mobilitazione della resistenza a
compressione del tappo di terreno all'interno del palo.
(5)P Nel caso di una fondazione su pali soggetta ad attrito negativo, la resistenza dei pali a
rottura, o in corrispondenza di uno spostamento che soddisfi il criterio per la verifica
dello stato limite ultimo, determinato dai risultati delle prove di carico, deve essere
modificata. La correzione si deve attuare sottraendo la resistenza laterale positiva
misurata, o quella pi sfavorevole, nello strato compressibile ed in quelli sovrastanti,
dove si sviluppa l'attrito laterale negativo, dai carichi misurati alla testa del palo.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 60
UNI EN 1997-1:2005
(6) Durante la prova di carico di un palo soggetto ad attrito negativo, si sviluppa un
attrito laterale positivo lungo l'intera lunghezza del palo che si raccomanda di
considerare in conformit al punto 7.3.2.2(6). Si raccomanda che il massimo carico
di prova, da applicare al palo operativo, sia maggiore della somma del carico esterno
di progetto pi 2 volte la forza di attrito negativo.
(7)P Quando si ricava il valore caratteristico della resistenza ultima a compressione R
c;k
da valori R
c;m
misurati in una o pi prove di carico su pali, si deve tenere conto della
variabilit del sottosuolo e delle incertezze sugli effetti della installazione del palo.
(8)P Per strutture che non presentano la capacit di trasferire carichi da pali "deboli" a
pali "forti", come minimo, si deve soddisfare la formula seguente:
(7.2)
in cui
1
e
2
sono fattori di correlazione relativi al numero di pali sottoposti a prova e
vengono applicati al valore medio (R
c;m
)
mean
ed al valore minimo (R
c;m
)
min
di R
c;m
rispettivamente.
Nota I valori dei fattori di correlazione possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
sono riportati nel prospetto A.9.
(9) Per strutture che hanno rigidezza e resistenza sufficienti per trasferire carichi da pali
"deboli" a pali "forti", i valori
1
e
2
si possono dividere per 1,1, purch
1
non risulti
mai minore di 1,0.
(10)PNell'interpretazione delle prove di carico su pali si devono individuare le componenti
sistematiche e quelle casuali della variabilit del sottosuolo.
(11)PSi devono controllare le annotazioni sulla installazione del palo o dei pali di prova e
devono essere tenute in considerazione eventuali scostamenti rispetto alle normali
condizioni di esecuzione.
(12) La resistenza caratteristica a compressione del terreno, R
c;k
, si pu ricavare dai
valori caratteristici della resistenza alla base, R
b;k
, e della resistenza laterale, R
s;k
, in
modo che:
R
c;k
= R
b;k
+ R
s;k
(7.3)
(13) Queste componenti si possono ricavare direttamente attraverso i risultati di prove di
carico statiche, oppure stimare sulla base di risultati di prove sul sottosuolo o prove
di carico dinamiche.
(14)PLa resistenza di progetto, R
c;d
, si deve ricavare o attraverso la formula:
R
c;d
= R
c;k
/
t
(7.4)
oppure
R
c;d
= R
b;k
/
b
+ R
s;k
/
s
(7.5)
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
per situazioni permanenti e transitorie sono riportati nei prospetti A.6, A.7 ed A.8.
7.6.2.3 Resistenza ultima a compressione da risultati di prove sul sottosuolo
(1)P I metodi per valutare la resistenza a compressione di una fondazione su pali da
risultati di prove sul sottosuolo, devono essere stati stabiliti a seguito di prove di
carico su pali e da esperienza comparabile come definita al punto 1.5.2.2.
(2) Pu essere introdotto un coefficiente di modello, come descritto al punto 2.4.1(9),
per garantire che la resistenza a compressione prevista sia sufficientemente sicura.
(3)P La resistenza a compressione di progetto di un palo, R
c;d
, si deve ricavare da:
R
c;d
= R
b;d
+ R
s;d
(7.6)
(4)P Per ogni palo, R
b;d
e R
s;d
si devono ottenere da:
R
b;d
= R
b;k
/
b
e R
s;d
= R
s;k
/
s
(7.7)
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati per
situazioni permanenti e transitorie sono riportati nei prospetti A.6, A.7 e A.8.
R
c;k
Min
R
c;m
( )
mean

1
--------------------------
R
c;m
( )
min

2
----------------------- ;
)
`

=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 61
UNI EN 1997-1:2005
(5)P I valori caratteristici R
b;k
e R
s;k
si devono determinare o mediante la formula:
(7.8)
in cui
3
e
4
sono fattori di correlazione che dipendono dal numero "n" di profili di
prova, e sono applicati rispettivamente:
- ai valori medi (R
c;cal)mean
= (R
b;cal
+ R
s;cal
)
mean
= (R
b;cal
)
mean
+ (R
s;cal
)
mean
- e ai valori minimi (R
c;cal)min
= (R
b;cal
+ R
s;cal
)
min
,
o attraverso il metodo specificato al punto 7.6.2.3(8).
Nota I valori dei fattori di correlazione possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati sono
riportati nel prospetto A.10.
(6)P Nell'interpretare le prove sul sottosuolo e le resistenze calcolate si devono
individuare le componenti sistematiche e quelle casuali della variabilit del
sottosuolo.
(7) Per strutture che hanno rigidezza e resistenza sufficienti per trasferire i carichi da
pali "deboli" a pali "forti", i fattori
3
e
4
si possono dividere per 1,1, purch
3
non
risulti mai minore di 1,0.
(8) I valori caratteristici si possono ottenere calcolando:
R
b;k
= A
b
q
b;k
e (7.9)
dove q
b;k
e q
s;i;k
sono valori caratteristici della resistenza unitaria alla base e
dell'attrito laterale nei vari strati, ricavati dai valori dei parametri del terreno.
Nota Se viene adottata questa procedura alternativa, pu essere necessario correggere i valori dei coefficienti
parziali
b
and
s
raccomandati in appendice A mediante un coefficiente di modello maggiore di 1,0. Il valore
del coefficiente di modello pu essere definito dall'appendice nazionale.
(9)P Se si utilizza l'Approccio di Progetto 3, i valori caratteristici dei parametri del terreno
si devono determinare come indicato nel punto 2.4.5. A questi valori caratteristici si
devono poi applicare coefficienti parziali, per ottenere i valori di progetto per il
calcolo della resistenza di progetto del palo.
(10) Per stimare la validit di un modello basato su risultati di prove sul sottosuolo, si
raccomanda di prendere in considerazione i seguenti aspetti:
- tipo di terreno, granulometria, composizione mineralogica, spigolosit dei grani,
densit, grado di sovraconsolidazione, compressibilit e permeabilit;
- metodo di installazione del palo, compreso il metodo di trivellazione o infissione;
- lunghezza, diametro, materiale e forma del fusto e della base del palo (per
esempio, base allargata);
- metodi di prova sul terreno.
7.6.2.4 Resistenza ultima a compressione da prove dinamiche di impatto
(1)P Se la resistenza di un palo soggetto a compressione viene valutata attraverso
lutilizzo di una prova dinamica di impatto [misure di deformazione e accelerazione in
funzione del tempo durante l'impatto (vedere punto 7.5.3(1) (colpo di maglio)] la
validit del risultato deve essere stata gi dimostrata dai buoni risultati ottenuti con
prove di carico statiche, eseguite su pali dello stesso tipo, di pari lunghezza e
sezione trasversale ed in condizioni di sottosuolo comparabili.
(2) Quando si utilizza una prova di carico dinamica di impatto, si raccomanda di
determinare la resistenza all'infissione del palo, direttamente nel sito in
considerazione.
Nota Una prova di carico di questo tipo pu anche comprendere una procedura di analisi del segnale per le
forme delle onde di sforzo rilevate nel corso della prova. L'analisi del segnale consente sia una
determinazione approssimata delle resistenze laterale e alla base del palo, sia una simulazione del suo
comportamento carico-cedimento.
R
c;k
R
b;k
R
s;k
+ ( )
R
b;cal
R
s;cal
+

---------------------------------
R
c;cal

------------- Min
R
c;cal
( )
mean

3
----------------------------
R
c;cal
( )
min

4
------------------------- ;
)
`

= = = =
R
s;k
A
s;i
i

q
s;i;k
=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 62
UNI EN 1997-1:2005
(3)P L'energia di impatto deve essere sufficientemente elevata da consentire una
interpretazione appropriata della capacit del palo per un livello di deformazione
corrispondente, sufficientemente elevato.
(4)P Il valore di progetto della resistenza a compressione del palo, R
c;d
si deve ricavare
da:
R
c;d
= R
c;k
/
t
(7.10)
Con
(7.11)
in cui
5
e
6
sono fattori di correlazione relativi al numero "n" di pali sottoposti a
prova, e vengono applicati al valore medio (R
c;m
)
mean
ed al valore minimo (R
c;m
)
min
di
R
c;m
rispettivamente.
Nota I valori del coefficiente parziale e dei fattori di correlazione possono essere definiti dall'appendice
nazionale. I valori raccomandati sono riportati nel prospetto A.11.
7.6.2.5 Resistenza ultima a compressione attraverso l'applicazione di formule per l'analisi della battitura del
palo
(1)P Lutilizzo di formule per l'analisi della battitura del palo possibile solo nei casi in cui
stato determinato il profilo stratigrafico.
(2)P Se la resistenza ultima a compressione di singoli pali in una fondazione viene
valutata attraverso lutilizzo di formule per l'analisi della battitura del palo, la validit
di tali formule deve essere stata gi stabilita dai buoni risultati ottenuti con prove di
carico statiche, eseguite su pali dello stesso tipo, di pari lunghezza e sezione
trasversale ed in condizioni del sottosuolo comparabili.
(3)P Per pali portanti alla base infissi in terreni non coesivi, il valore di progetto della
resistenza a compressione, R
c;d
, si deve valutare attraverso lo stesso procedimento
indicato al punto 7.6.2.4.
(4) Quando viene adottata una formula per l'analisi della battitura del palo, per verificare
la resistenza a compressione di un palo, si raccomanda di eseguire la prova di
battitura su almeno 5 pali, adeguatamente distribuiti e spaziati nell'area di
palificazione, in modo da poter verificare un valore idoneo del numero di colpi per la
serie di colpi finale.
(5) Si raccomanda che, nella serie di colpi finale, la penetrazione della base del palo sia
registrata per ogni palo.
7.6.2.6 Resistenza ultima a compressione dall'analisi dell'equazione d'onda
(1)P Lutilizzo di analisi dell'equazione d'onda possibile solo nei casi in cui il profilo
stratigrafico sia stato determinato con sondaggi e prove in sito.
(2)P Se la resistenza di pali singoli soggetti a compressione viene valutata attraverso
lutilizzo dell'analisi dell'equazione d'onda, la validit dell'analisi deve essere gi
stabilita dai buoni risultati ottenuti con prove di carico statiche eseguite su pali dello
stesso tipo, di pari lunghezza e sezione trasversale ed in condizioni di sottosuolo
comparabili.
(3)P Il valore di progetto della resistenza a compressione, R
c;d
, ricavato attraverso i
risultati dell'analisi dell'equazione d'onda, su un insieme di pali rappresentativi, si
deve valutare attraverso lo stesso procedimento specificato nel punto 7.6.2.4,
utilizzando valori di basati su esperienze locali.
Nota L'analisi dell'equazione d'onda si basa su un modello matematico di terreno, palo e attrezzatura di
infissione, senza misurazioni i sito della propagazione dell'onda. In genere, il metodo si applica per
studiare il comportamento del battipalo, i parametri dinamici del terreno, e lo stato di sforzo nel palo
durante la battitura. Sulla base dei modelli inoltre possibile determinare la resistenza all'infissione
richiesta (numero di colpi) che in genere legata alla resistenza a compressione attesa per il palo.
R
c;k
Min
R
c;m
( )
mean

5
--------------------------
R
c;m
( )
min

6
----------------------- ;
)
`

=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 63
UNI EN 1997-1:2005
7.6.2.7 Ribattitura
(1)P Nel progetto si deve specificare il numero di pali che devono essere ribattuti. Se la
ribattitura fornisce risultati meno favorevoli, se ne deve tenere conto come base per
la valutazione della resistenza ultima a compressione. Se la ribattitura fornisce
risultati pi favorevoli, questi possono essere considerati.
(2) Si raccomanda che la ribattitura sia in genere eseguita nei terreni limosi, a meno che
non sia stato mostrato, da esperienza comparabile locale, che essa non sia
necessaria.
Nota La ribattitura di pali ad attrito laterale in terreni argillosi, porta generalmente ad una resistenza a
compressione ridotta.
7.6.3 Resistenza a trazione del terreno
7.6.3.1 Generalit
(1)P Il progetto di pali soggetti a trazione deve essere congruente con le regole di
progettazione riportate al punto 7.6.2, quando applicabili. Nel seguito sono esposte
regole specifiche per la progettazione di fondazioni che prevedono pali in trazione.
(2)P Per verificare che la fondazione sia in grado di sopportare il carico di progetto, con
adeguato margine di sicurezza nei confronti di una rottura per trazione, si deve
soddisfare la seguente disuguaglianza per tutte le condizioni e combinazioni di
carico agli stati limite ultimi:
F
t;d
s R
t;d
(7.12)
(3)P Per pali soggetti a trazione si devono considerare due meccanismi di rottura:
- sfilamento dei pali dal volume di terreno circostante;
- sollevamento del volume di terreno in cui sono immersi i pali.
(4)P La verifica nei confronti della rottura per sollevamento del volume di terreno
contenente i pali (vedere figura 7.1), si deve eseguire in conformit al punto 2.4.7.4.
(5) Per pali singoli soggetti a trazione o per un gruppo di pali soggetti a trazione, il
meccanismo di rottura pu essere governato dalla resistenza allo sfilamento di un
cono di terreno, specialmente per pali con base allargata o piantati in roccia.
(6) Quando si considera il sollevamento del volume di terreno contenente i pali, alle
forze resistenti indicate nella figura 7.1 pu essere sommata la resistenza al taglio T
d
lungo i lati del blocco stesso.
(7) Generalmente la resistenza a trazione di progetto governata dall' "effetto blocco", se
l'interasse tra i pali minore o uguale alla radice quadrata del prodotto del diametro dei
pali per la lunghezza di penetrazione dei pali nel principale strato resistente.
(8)P Nella valutazione della resistenza a trazione di un gruppo di pali si deve tenere conto
dell'effetto gruppo, che pu ridurre gli sforzi efficaci verticali nel terreno e di
conseguenza anche la resistenza laterale dei singoli pali nel gruppo.
(9)P Si deve tener conto dell'effetto fortemente sfavorevole prodotto da carichi ciclici e
inversioni di carico sulla resistenza a trazione.
(10) Per valutare tale effetto ci si deve riferire ad esperienza comparabile basata su prove
di carico.
7.6.3.2 Resistenza ultima a trazione da prove di carico su pali
(1)P Le prove di carico su pali, per determinare la resistenza ultima a trazione di un palo
singolo, R
t
, devono essere eseguite in conformit ai punti 7.5.1, 7.5.2 e 7.5.4,
tenendo conto del punto 7.6.2.2.
(2)P La resistenza a trazione di progetto, R
t;d
, si deve ricavare attraverso la formula:
R
t;d
= R
t;k
/
s;t
(7.13)
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
per situazioni permanenti e transitorie sono riportati nei prospetti A.6, A.7 e A.8.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 64
UNI EN 1997-1:2005
figura 7.1 Esempi di sollevamento (UPL) di un gruppo di pali
Legenda
1 Piano di campagna
2 Livello dell'acqua del sottosuolo
3 Lato del "blocco", dove si sviluppa la resistenza T
d
(3) Nel caso di pali assoggettati a trazione si raccomanda di richiedere generalmente
prove su pi di un palo. Nel caso di un numero elevato di pali soggetti a trazione, si
raccomanda che almeno il 2% di essi siano sottoposti a prova.
(4)P Si devono verificare le annotazioni di cantiere sulla realizzazione del palo o dei pali
di prova ed devono essere tenuti in considerazione eventuali scostamenti rispetto
alle normali condizioni di costruzione nell'interpretazione dei risultati delle prove di
carico.
(5)P Il valore caratteristico della resistenza a trazione del palo si deve determinare
mediante:
(7.14)
in cui
1
e
2
sono fattori di correlazione relativi al numero n di pali sottoposti a prova
e vengono applicati rispettivamente al valore medio (R
t;m
)
mean
ed al valore minimo
(R
t;m
)
min
delle resistenze a trazione misurate.
Nota I valori dei fattori di correlazione possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
sono riportati nel prospetto A.9.
R
t;k
Min
R
t;m
( )
mean

1
-------------------------
R
t;m
( )
min

2
---------------------- ;
)
`

=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 65
UNI EN 1997-1:2005
7.6.3.3 Resistenza ultima a trazione da risultati di prove sul sottosuolo
(1)P I metodi per valutare la resistenza a trazione di una fondazione su pali da risultati di
prove sul sottosuolo, devono essere stabiliti a seguito di prove di carico su pali e da
esperienza comparabile come definita al punto 1.5.2.2.
(2) Pu essere introdotto un coefficiente di modello, come descritto al punto 2.4.1(9),
per garantire che la resistenza a trazione prevista sia sufficientemente sicura.
(3)P Il valore di progetto per la resistenza a trazione di un palo, R
t;d
, si deve ricavare da:
R
t;d
= R
t;k
/
s;t
(7.15)
dove:
R
t;k
= R
s;k
(7.16)
Nota I valori del coefficiente parziale possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
per situazioni permanenti e transitorie sono riportati nei prospetti A.6, A.7 e A.8.
(4)P Il valore caratteristico R
t;k
si deve determinare o mediante la:
(7.17)
in cui
3
e
4
sono fattori di correlazione che dipendono dal numero n di profili di
prova e sono applicati rispettivamente al valore medio (R
s;cal
)
mean
ed al valore
minimo (R
s;cal
)
min
di R
s;cal
, o attraverso il metodo fornito al punto 7.6.3.3(6).
Nota I valori dei fattori di correlazione possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
sono riportati nel prospetto A.10.
(5)P Nell'interpretare la resistenza a trazione calcolata si devono individuare le
componenti sistematiche e quelle casuali della variabilit del sottosuolo.
(6) Il valore caratteristico della resistenza a trazione si pu ottenere dalla seguente
formula:
(7.18)
dove q
s;i;k
sono valori caratteristici dell'attrito laterale nei vari strati, determinati dai
valori delle propriet del sottosuolo.
Nota Se viene adottata questa procedura alternativa, pu essere necessario correggere il valore del
coefficiente parziale
s,t
raccomandato in appendice A mediante un coefficiente di modello maggiore di
1,0. Il valore del coefficiente di modello pu essere definito dall'appendice nazionale.
(7)P Se si utilizza l'Approccio di Progetto 3, i valori caratteristici dei parametri del terreno
si devono determinare come indicato nel punto 2.4.5; a questi valori caratteristici si
devono poi applicare coefficienti parziali, per ottenere i rispettivi valori di progetto per
il calcolo della resistenza di progetto del palo.
(8) Si raccomanda che la stima della validit di un modello, basato su risultati di prove
sul sottosuolo, sia conforme al punto 7.6.2.3(10).
7.6.4 Spostamenti verticali delle fondazioni su pali (Funzionalit della sovrastruttura)
7.6.4.1 Generalit
(1)P Gli spostamenti verticali relativi allo stato limite di esercizio devono essere valutati e
verificati nei confronti dei requisiti specificati ai punti 2.4.8 e 2.4.9.
(2) Nel calcolo degli spostamenti verticali di una fondazione su pali si raccomanda di
considerare le incertezze del modello di calcolo e quelle della determinazione delle
propriet del sottosuolo pertinente. Di conseguenza, si raccomanda di non
sottovalutare il fatto che, nella maggior parte dei casi, i calcoli forniscono soltanto
una stima approssimata degli spostamenti della fondazione su pali.
Nota Per pali portanti in terreni da mediamente addensati a densi e per pali soggetti a trazione, i requisiti di
sicurezza per il progetto allo stato limite ultimo sono generalmente sufficienti ad impedire lo stato limite di
esercizio della sovrastruttura.
R
t;k
Min
R
s;cal
( )
mean

3
----------------------------
R
s;cal
( )
min

4
------------------------- ;
)
`

=
R
t;k
A
s;i
i

q
s;i;k
=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 66
UNI EN 1997-1:2005
7.6.4.2 Fondazioni su pali in compressione
(1)P Si deve effettuare una verifica rispetto al raggiungimento di uno stato limite di
esercizio nella sovrastruttura dovuto ai cedimenti dei pali, tenendo conto, se
opportuno, dell'attrito negativo.
Nota Quando la base del palo situata in uno strato mediamente addensato o compatto, sovrastante una
roccia o un terreno molto consistente, i coefficienti parziali per le condizioni di stato limite ultimo sono
generalmente adeguati per soddisfare le condizioni di stato limite di esercizio.
(2)P La valutazione dei cedimenti deve comprendere sia il cedimento di pali singoli sia il
cedimento dovuto al comportamento di gruppo.
(3) Si raccomanda che l'analisi dei cedimenti comprenda anche la stima dei cedimenti
differenziali che si possono verificare.
(4) Quando non sono disponibili risultati di prove di carico per l'analisi dell'interazione
della fondazione con la sovrastruttura, si raccomanda di valutare il comportamento
carico-cedimento di pali singoli sulla base di assunzioni empiriche e conservative.
7.6.4.3 Fondazioni su pali in trazione
(1)P La valutazione di spostamenti verso l'alto deve essere conforme ai principi del punto
7.6.4.2.
Nota Si raccomanda di prestare particolare attenzione all'allungamento del palo per estensione del materiale
costituente.
(2)P Quando vengono prescritti criteri molto severi per lo stato limite di esercizio, si deve
effettuare una verifica distinta degli spostamenti verso l'alto.
7.7 Pali soggetti a carico trasversale
7.7.1 Generalit
(1)P Il progetto di pali soggetti a carico trasversale deve essere congruente con le regole
di progettazione riportate ai punti 7.4 e 7.5, quando applicabili. Nel seguito sono
esposte regole specifiche per la progettazione di fondazioni che prevedono pali
soggetti a carico trasversale.
(2)P Per dimostrare che un palo sia in grado di sopportare il carico trasversale di
progetto, con adeguato margine di sicurezza nei confronti della rottura, si deve
soddisfare la seguente disuguaglianza per tutte le condizioni di carico e
combinazioni di carico agli stati limite ultimi:
F
tr;d
s R
tr;d
(7.19)
(3) Si raccomanda di considerare uno dei seguenti meccanismi di rottura:
- per pali corti, rotazione o traslazione come corpo rigido;
- per pali lunghi e snelli, rottura a flessione del palo, associata alla plasticizzazione
locale e allo spostamento del terreno verso la sommit del palo.
(4)P Nella valutazione della resistenza di pali soggetti a carico trasversale si deve
considerare l'effetto gruppo.
(5) Si raccomanda di tenere in considerazione che un carico trasversale, applicato ad
un gruppo di pali, pu dar luogo ad una combinazione di sollecitazioni di
compressione, trazione e taglio sui singoli pali.
7.7.2 Resistenza al carico trasversale da prove di carico su pali
(1)P Le prove su pali a carico trasversale si devono eseguire in conformit al punto 7.5.2.
(2) Contrariamente alla procedura di prova di carico descritta al punto 7.5,
generalmente non necessario condurre le prove a carico trasversale fino a rottura.
Si raccomanda che l'entit e la direzione del carico di prova riproducano il carico di
progetto del palo.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 67
UNI EN 1997-1:2005
(3)P Nella scelta del numero di pali da sottoporre a prova e per ottenere la resistenza
trasversale di progetto da risultati di prove di carico, si deve tenere conto della
variabilit del sottosuolo, in particolare nei primi metri dalla sommit del palo.
(4) Si raccomanda di verificare le annotazioni di cantiere sulla realizzazione del palo o
dei pali di prova, si raccomanda che eventuali scostamenti rispetto alle normali
condizioni di costruzione siano considerati nell'interpretazione dei risultati delle
prove di carico. Per pali in gruppo, quando si ricava la resistenza a carico trasversale
dai risultati di prove su singoli pali di prova, si raccomanda di considerare gli effetti
dell'interazione e della condizione di vincolo in testa.
7.7.3 Resistenza al carico trasversale da risultati di prove sul sottosuolo e parametri di resistenza
dei pali
(1)P La resistenza trasversale di un palo o gruppo di pali si deve calcolare utilizzando un
insieme congruente di effetti delle azioni strutturali, reazioni del terreno e
spostamenti.
(2)P L'analisi di un palo soggetto a carico trasversale deve comprendere l'eventualit di
rottura strutturale del palo nel terreno, in conformit al punto 7.8.
(3) Il calcolo della resistenza trasversale di un palo snello e lungo si pu effettuare
attraverso lutilizzo della teoria di trave caricata in sommit, vincolata ad un mezzo
deformabile, caratterizzato da un modulo di reazione orizzontale.
(4)P Nella valutazione della resistenza trasversale della fondazione, si deve tenere conto
del grado di incastro dei pali alla connessione con la sovrastruttura.
7.7.4 Spostamento trasversale
(1)P La valutazione dello spostamento trasversale di una fondazione su pali deve
prendere in considerazione:
- la rigidezza del terreno e la sua variazione con il livello di deformazione;
- la rigidezza flessionale dei singoli pali;
- il grado di incastro dei pali alla connessione con la sovrastruttura;
- l'effetto gruppo;
- l'effetto di inversioni di carico o carichi ciclici.
(2) Si raccomanda di eseguire un'analisi generale degli spostamenti di una fondazione
su pali in base ai gradi di libert cinematici di spostamento previsti.
7.8 Progetto strutturale dei pali
(1)P I pali devono essere verificati nei confronti della rottura strutturale, in conformit al
punto 2.4.6.4.
(2)P La struttura dei pali deve essere progettata per essere idonea in tutte le situazioni di
lavoro dei pali. Queste comprendono:
- le circostanze del loro utilizzo, per esempio, condizioni di corrosione;
- le circostanze della loro installazione, per esempio, condizioni di sottosuolo
avverse quali quelle determinate dalla presenza di massi o di superfici di rocce
madri a forte pendenza;
- altri fattori che influiscono sulla facilit di infissione, compresa la qualit dei
giunti;
- per pali prefabbricati, le circostanze del trasporto in sito e dell'installazione.
(3)P Nel progetto strutturale si deve tenere conto delle tolleranze di costruzione
specificate per il tipo di palo, delle componenti delle azioni e del comportamento
della fondazione.
(4)P I pali snelli in acqua o che attraversano depositi di terreno fine e di spessore
rilevante, e con resistenza molto bassa, devono essere verificati nei confronti
dell'instabilit flessionale.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 68
UNI EN 1997-1:2005
(5) Generalmente la verifica dell'instabilit flessionale non necessaria quando i pali sono
immersi in terreni aventi una resistenza al taglio caratteristica, c
u,
maggiore di 10 kPa.
7.9 Supervisione della costruzione
(1)P La realizzazione dei pali deve seguire un preciso programma esecutivo.
(2) Si raccomanda che tale programma fornisca le seguenti informazioni di progetto:
- il tipo di palo;
- l'ubicazione e la collocazione di ogni palo, comprese le tolleranze sulla
posizione;
- la sezione trasversale del palo;
- per pali gettati in opera, dati riguardanti l'armatura;
- la lunghezza del palo;
- il numero di pali;
- la capacit portante richiesta;
- la quota della base del palo (rispetto ad un livello di riferimento fisso nel sito o
nelle sue vicinanze), o la resistenza alla penetrazione richiesta;
- la sequenza delle fasi di installazione;
- difficolt attese;
- qualsiasi altra limitazione alle attivit di costruzione dei pali.
3)P Deve essere specificato che la realizzazione di tutti i pali sia attentamente controllata
e che siano redatte registrazioni di cantiere man mano che i pali vengono realizzati.
(4) Si raccomanda che il rapporto relativo ad ogni palo comprenda aspetti della
costruzione che vengono considerati nelle relative norme esecutive pertinenti,
EN 1536:1999, EN 12063:1999, EN 12699:2000, EN 14199:2005, come per
esempio i seguenti:
- numero del palo;
- attrezzature di installazione;
- sezione trasversale e lunghezza del palo;
- data e ora di realizzazione (comprese le interruzioni del processo di installazione);
- composizione del calcestruzzo, quantitativi di calcestruzzo utilizzati e metodo di
realizzazione dei pali gettati in opera;
- peso dellunit di volume, pH, viscosit Marsh e quantit di fino del fango
bentonitico (se utilizzato);
- per pali trivellati ad elica continua o altri tipi di palo con iniezione di miscela
cementizia, quantitativi e pressioni di pompaggio della miscela cementizia o del
calcestruzzo, diametri interni ed esterni, passo della vite e penetrazione per giro;
- per pali infissi, i parametri di infissione quali peso, altezza di caduta o classe di
potenza del battipalo, frequenza e numero di colpi per almeno gli ultimi 0,25 m di
penetrazione;
- la potenza delle macchine vibranti (quando utilizzate);
- la coppia applicata al motore di trivellazione (quando opportuno);
- per pali trivellati, gli strati attraversati durante la trivellazione e la condizione del
fondo se il comportamento del palo alla base determinante;
- ostacoli incontrati durante la realizzazione dei pali;
- scostamenti di posizione e di allineamento e quote effettive di costruzione.
(5) Si raccomanda di conservare la documentazione per un periodo di almeno cinque
anni dopo la fine dei lavori. Si raccomanda di redigere registrazioni sullo stato di fatto
dell'opera dopo il completamento dei pali e di conservare gli stessi insieme ai
documenti relativi alla costruzione.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 69
UNI EN 1997-1:2005
(6)P Nel caso in cui le osservazioni in sito o l'esame delle registrazioni evidenzino
incertezze relativamente alla qualit dei pali realizzati, si devono eseguire indagini
per determinare la loro condizione e valutare se sono necessari provvedimenti
correttivi. Tali indagini devono comprendere l'esecuzione di una prova di carico
statica o una prova di 'integrit dei pali, l'installazione di un nuovo palo o, nel caso di
un palo infisso, la ribattitura del palo, congiuntamente a prove sul sottosuolo in
prossimit del palo su cui esistono incertezze.
(7)P Si devono utilizzare prove per esaminare l'integrit di pali per i quali la qualit
sensibile ai procedimenti di installazione, quando tali procedimenti non possono
essere monitorati in modo affidabile.
(8) Si possono utilizzare prove di integrit dinamiche, a basso livello di deformazione,
per una valutazione globale dei pali che potrebbero avere difetti gravi o che possano
aver provocato nel terreno una significativa riduzione di resistenza durante la
costruzione. Difetti quali insufficiente qualit del calcestruzzo e inadeguato spessore
del copriferro, che possono influire entrambi sul comportamento a lungo termine del
palo, spesso non vengono evidenziati dalle prove dinamiche, e nella supervisione
delle fasi esecutive possono rendersi necessarie prove diverse, quali prove soniche,
prove di vibrazione o carotaggi.
SEZIONE 8 ANCORAGGI
8.1 Generalit
8.1.1 Scopo
(1)P La presente sezione si applica al progetto di ancoraggi temporanei e permanenti:
- per stabilizzare un'opera di sostegno;
- per fornire stabilit a pendii, scavi o gallerie;
- per contrastare le forze di sollevamento sulle strutture;
trasmettendo forze di trazione ad una formazione resistente di terreno o roccia.
(2)P La presente sezione si applica a;
- ancoraggi pretensionati caratterizzati da una testata di ancoraggio, da un tratto
di tirante libero e da un tratto vincolato, fissato al terreno mediante iniezioni
cementizie;
- ancoraggi non pretensionati caratterizzati da una testata di ancoraggio, da un
tratto di tirante libero e da un vincolo come per esempio un tratto vincolato
fissato al terreno mediante iniezioni cementizie, un blocco di ancoraggio, un
ancoraggio ad elica o un chiodo in roccia.
(3)P La presente sezione non applicabile alle chiodature.
(4)P Per il progetto di ancoraggi che comprendono pali soggetti a trazione si deve far
riferimento alla Sezione 7.
8.1.2 Termini e definizioni
8.1.2.1 ancoraggio permanente: Ancoraggio con una vita utile di progetto superiore a due anni.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
8.1.2.2 ancoraggio temporaneo: Ancoraggio con una vita utile di progetto inferiore a due anni.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
8.1.2.3 prova di accettazione: Prova di carico in sito per verificare che ogni ancoraggio soddisfi i
requisiti dil progetto.
8.1.2.4 prova di idoneit: Prova di carico in sito per accertare l'idoneit di un particolare progetto di
ancoraggio alle specifiche condizioni del sottosuolo.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 70
UNI EN 1997-1:2005
8.1.2.5 prova di progetto: Prova di carico per stabilire la resistenza ultima di un ancoraggio lungo
l'interfaccia terreno/fondazione e per determinare il comportamento dell'ancoraggio ai
carichi di lavoro.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
8.1.2.6 lunghezza vincolata dell'ancoraggio: Tratto di ancoraggio direttamente fissato al terreno
attraverso un bulbo iniettato.
8.1.2.7 lunghezza libera dell'armatura: Tratto dell'armatura compresa tra la testata dell'ancoraggio e
l'estremit pi vicina al tratto di armatura vincolato.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
8.1.2.8 lunghezza vincolata dell'armatura: Lunghezza dell'armatura direttamente fissata al tratto
cementato e in grado di trasmettere la trazione applicata.
Nota Definizione tratta dalla EN 1537:1999.
8.2 Stati limite
(1)P Per gli ancoraggi si devono considerare i seguenti stati limite, sia singolarmente che
in combinazione:
- rottura strutturale dell'armatura o della testata di ancoraggio, dovuta agli sforzi
applicati;
- distorsione o corrosione della testata di ancoraggio;
- per ancoraggi a bulbo iniettato, rottura all'interfaccia tra il bulbo cementato e il
terreno;
- per ancoraggi a bulbo iniettato, rottura della connessione tra l'armatura d'acciaio
e il bulbo cementato;
- per blocchi di ancoraggio, rottura per insufficiente resistenza del blocco;
- perdita del tiro a causa di spostamenti eccessivi della testata di ancoraggio o di
deformazioni viscose e rilassamento;
- rottura o deformazione eccessiva di parti della struttura a causa del tiro
applicato;
- instabilit globale dell'opera di sostegno e del terreno a monte;
- interazione di gruppi di ancoraggi con il sottosuolo e le strutture vicine.
8.3 Situazioni di progetto e azioni
(1)P Nella scelta delle situazioni di progetto, si devono prendere in considerazione:
- tutte le circostanze durante la costruzione della struttura;
- tutte le circostanze previste durante la vita utile di progetto della struttura;
- tutti gli stati limite che risultano appropriati, indicati nella lista di cui al punto 8.2
e loro combinazioni;
- il livello previsto per l'acqua del sottosuolo e le pressioni dell'acqua negli
acquiferi artesiani;
- le conseguenze della rottura di ciascun ancoraggio;
- l'eventualit che le forze applicate all'ancoraggio durante il pretensionamento
(tiro dell'ancoraggio) possano superare le forze necessarie in base al progetto
della struttura.
(2)P Per il progetto dell'ancoraggio il tiro, P, deve essere considerato come una azione
sfavorevole.
8.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi
(1)P Il progetto dell'ancoraggio e le indicazioni per la sua esecuzione devono tenere
conto di ogni eventuale effetto sfavorevole, dovuto a sforzi di trazione trasmessi al
sottosuolo aldil delle immediate vicinanze dell'ancoraggio.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 71
UNI EN 1997-1:2005
(2)P La zona di terreno nella quale sono trasmesse le forze di trazione deve essere
compresa nell'indagine in sito.
(3)P Per ancoraggi pretensionati, la testata di ancoraggio deve permettere di effettuare
sul tirante o sulla barra le operazioni di tesatura, collaudo e bloccaggio, e inoltre, se
richiesto dal progetto, il rilascio, annullamento del tiro e rimessa in tiro.
(4)P Per tutti i tipi di ancoraggio, la testata dell'ancoraggio deve essere progettata per
sopportare deviazioni angolari del tiro tenendo conto del punto 6.3 della
EN 1537:1999, e per essere in grado di adeguarsi alle deformazioni che possono
verificarsi durante la vita utile di progetto della struttura.
(5)P Nel caso in cui in un ancoraggio siano combinati materiali diversi, le loro resistenze
di progetto si devono valutare tenendo conto della compatibilit delle rispettive
risposte alla deformazione.
(6)P Dal momento che l'effetto dei sistemi di ancoraggio dipende dai tratti di armatura
libera, si devono soddisfare i seguenti requisiti:
- la forza di ancoraggio deve scaricarsi in un corpo di terreno sufficientemente
lontano dal volume di terreno sostenuto, in modo che la stabilit di tale volume
non sia influenzata sfavorevolmente;
- la forza di ancoraggio deve scaricarsi in un volume di terreno sufficientemente
lontano da fondazioni esistenti, per evitare qualsiasi effetto sfavorevole su di
esse;
- si devono adottare accorgimenti per evitare interazioni sfavorevoli tra i tratti di
armatura vincolata di ancoraggi vicini fra loro.
(7) Si raccomanda di evitare le interazioni sfavorevoli tra i tratti di armatura vincolata di
ancoraggi, se possibile, mantenendo una distanza tra loro non inferiore a 1,5 m.
(8)P Devono essere utilizzati soltanto sistemi di ancoraggio che siano stati sottoposti a
prova, mediante prove di progetto (vedere EN 1537:1999) o per i quali esista una
documentata esperienza comparabile con buoni risultati in termini di prestazioni e
durabilit.
(9)P Generalmente la direzione dell'armatura deve essere tale che le deformazioni
conseguenti a potenziali meccanismi di rottura, comportino un aumento del tiro. Se
questo non possibile, il progetto deve considerare le conseguenze sfavorevoli.
(10)P Per ancoraggi a bulbo iniettato e ancoraggi ad elica, il valore caratteristico della
resistenza allo sfilamento, R
a;k
, deve essere determinato sulla base di prove di
idoneit secondo il punto 8.7 o di esperienza comparabile. La resistenza di progetto
deve essere verificata attraverso prove di accettazione dopo l'esecuzione.
(11)P Il comportamento del tratto di armatura libera di ancoraggi pretesi deve essere
verificato in conformit alla EN 1537:1999.
(12)P Si deve utilizzare un tiro di bloccaggio sufficiente a garantire che la resistenza
dell'ancoraggio in condizioni di stato limite di esercizio, venga mobilitata con
spostamenti della testata ammissibili.
(13)P La protezione degli ancoraggi pretesi dalla corrosione deve essere conforme al
punto 6.9 della EN 1537:1999.
(14)P La protezione degli ancoraggi costituiti da tiranti di acciaio dalla corrosione deve
essere progettata considerando l'aggressivit del sottosuolo.
(15) Per proteggere le armature d'acciaio dalla corrosione si raccomanda di specificare
se necessario, misure idonee quali l'utilizzo di una guaina di protezione o di un
eccesso di armatura.
8.5 Progetto allo stato limite ultimo
8.5.1 Progetto dell'ancoraggio
(1)P Il valore di progetto, R
a;d
, della resistenza allo sfilamento, R
a
, di un ancoraggio, deve
soddisfare la condizione limite:
P
d
s R
a;d
(8.1)
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 72
UNI EN 1997-1:2005
(2) I valori di progetto della resistenza allo sfilamento si possono determinare sulla base
dei risultati di prove sugli ancoraggi, oppure attraverso calcoli.
8.5.2 Valori di progetto della resistenza allo sfilamento determinati dai risultati di prove
(1)P Il valore di progetto della resistenza allo sfilamento si deve ricavare dal valore
caratteristico attraverso l'equazione:
R
a;d
= R
a;k
/
a
(8.2)
Nota Il coefficiente parziale,
a
, tiene conto di scostamenti sfavorevoli della resistenza allo sfilamento
dell'ancoraggio.
(2)P Nell'equazione (8.2) si devono utilizzare i coefficienti parziali
a
definiti nel punto
A.3.3.4(1)P.
Nota Il valore del coefficiente parziale pu essere definito dall'appendice nazionale. I valori raccomandati per
situazioni permanenti e transitorie sono riportati nel prospetto A.12.
(3) Si raccomanda che il valore caratteristico sia posto in relazione con i risultati della
prova di idoneit, attraverso l'applicazione di un fattore di correlazione
a
.
Nota Il punto 8.5.2(3) si riferisce a quei tipi di ancoraggio che non vengono verificati singolarmente mediante
prove di accettazione. Se si utilizza un fattore di correlazione
a
, questo deve essere basato
sull'esperienza o fornito nell'appendice nazionale.
8.5.3 Valori di progetto della resistenza allo sfilamento determinati attraverso calcoli
(1)P Il valore di progetto della resistenza allo sfilamento deve essere opportunamente
stabilito secondo i principi di cui ai punti 2.4.7 e 2.4.8 come appropriato.
8.5.4 Valore di progetto della resistenza strutturale dell'ancoraggio
(1)P Il progetto strutturale dell'ancoraggio deve soddisfare la seguente disuguaglianza:
R
a;d
s R
t;d
(8.3)
(2)P La resistenza strutturale degli ancoraggi, R
t;d
, si deve calcolare in conformit alle
EN 1992, EN 1993 e EN 1537:1999, come pertinente.
(3)P Se gli ancoraggi sono sottoposti a prove di idoneit, R
t;d
deve tenere conto del carico
di prova (vedere il punto 9.5 della EN 1537:1999).
8.5.5 Valore di progetto del tiro dell'ancoraggio
(1)P Il valore di progetto del tiro dell'ancoraggio, P
d
, si deve ricavare dal progetto della
struttura ancorata come il valore massimo tra:
- la forza applicata dalla struttura ancorata in corrispondenza dello stato limite
ultimo, e, se pertinente
- la forza applicata dalla struttura ancorata in corrispondenza dello stato limite di
esercizio.
8.6 Progetto allo stato limite di esercizio
(1)P Per la verifica di uno stato limite di esercizio della sovrastruttura, l'ancoraggio deve
essere considerato come una molla.
(2)P Per gli ancoraggi pretensionati (per esempio ancoraggi a bulbo iniettato), la molla
deve essere considerata come elastica e pre-caricata.
(3) Nell'analisi della situazione di progetto di cui al punto 8.6(2)P, si raccomanda di
scegliere la combinazione pi sfavorevole fra minima o massima rigidezza
dell'ancoraggio e minimo o massimo pre-tensionamento.
(4) Per garantire che la resistenza dell'ancoraggio sia sufficientemente conservativa, si
raccomanda di applicare un coefficiente di modello sui valori del tiro allo stato limite
di esercizio.
Nota Il valore del coefficiente di modello pu essere definito dall'appendice nazionale.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 73
UNI EN 1997-1:2005
(5) Quando si considera un ancoraggio non pretensionato come una molla (non
pre-caricata), si raccomanda di scegliere la sua rigidezza in modo da soddisfare la
compatibilit tra gli spostamenti calcolati per la struttura ancorata e l'allungamento e
spostamento dell'ancoraggio stesso.
(6) Si raccomanda di tenere in considerazione gli effetti di eventuali deformazioni
imposte a fondazioni adiacenti dalla pre-tensionamento dell'ancoraggio.
8.7 Prove di idoneit
(1)P Si devono sapecificare prove di idoneit nel caso di ancoraggi a bulbo iniettato,
ancoraggi ad elica e chiodi in roccia. L'esecuzione della prova deve essere
conforme alla EN 1537:1999.
(2) Per determinare la resistenza caratteristica dell'ancoraggio, si raccomanda di
eseguire almeno tre prove di idoneit per ciascuna condizione diversa di sottosuolo
e struttura.
(3)P Il carico di prova per le prove di idoneit per un ancoraggio a bulbo iniettato, P
p
, deve
essere conforme alla EN 1537:1999.
(4) Finch non sia disponibile una prova specifica, per le prove di idoneit su ancoraggi
ad elica e chiodi in roccia, si raccomanda di adottare la stessa procedura indicata
nella EN 1537:1999, per gli ancoraggi a bulbo iniettato.
8.8 Prove di accettazione
(1)P Tutti gli ancoraggi a bulbo iniettato devono essere sottoposti a prove di accettazione,
prima del bloccaggio e prima che diventino operativi.
(2)P La procedura per le prove di accettazione deve seguire le regole esposte nella
EN 1537:1999 per gli ancoraggi a bulbo iniettato.
(3) Laddove si incrociano gruppi di ancoraggi con tratti di armatura vincolati a distanza
minore di 1,5 m, si raccomanda di eseguire prove di controllo casuali, dopo il
completamento della procedura di bloccaggio.
8.9 Supervisione e monitoraggio
(1)P La supervisione e il monitoraggio devono opportunamente seguire le regole esposte
nella Sezione 4 della presente normativa e nei punti 9.10 e 9.11 della EN 1537:1999.
SEZIONE 9 OPERE DI SOSTEGNO
9.1 Generalit
9.1.1 Scopo
(1)P Le disposizioni della presente sezione si devono appliocare alle opere di sostegno di
rinterri, rocce, terrapieni e acqua. Un materiale si considera sostenuto se viene
mantenuto ad una pendenza maggiore rispetto a quella che avrebbe assunto nel
tempo se non fosse stata presente alcuna struttura. Le strutture di sostegno
comprendono tutti i tipi di parete e di sistemi di sostegno, dove elementi strutturali
sopportano forze esercitate dal materiale a monte.
(2)P La pressione esercitata da materiale granulare immagazzinato in silos si deve
calcolare utilizzando la norma EN 1991-4.
9.1.2 Definizioni
(1) Con riferimento alla progettazione delle opere di sostegno, si raccomanda di
distinguere e seguenti tre tipologie principali:
9.1.2.1 muri a gravit: Muri di pietra o di calcestruzzo o calcestruzzo armato, che hanno un plinto
alla base con o senza dente posteriore o anteriore o contrafforti. Il peso proprio del muro,
in cui a volte si sommano volumi stabilizzanti di terreno, roccia o rinterro, assume un ruolo
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 74
UNI EN 1997-1:2005
significativo per il sostegno del materiale a monte. Tra gli esempi di muri di questo tipo si
citano i muri a gravit in calcestruzzo con spessore costante o variabile, i muri in
calcestruzzo armato su plinti diffusi e i muri a contrafforte.
9.1.2.2 paratie: Pareti relativamente sottili di acciaio, calcestruzzo armato o legno, sostenute da
ancoraggi, puntoni e/o dalla spinta passiva del terreno. La capacit flessionale di tali pareti
assume un ruolo significativo per il sostegno del materiale a monte, mentre il ruolo del
peso della parete trascurabile. Tra gli esempi di pareti di questo tipo si citano le
palancole metalliche a sbalzo, le palancolate metalliche o di calcestruzzo ancorate o
puntonate, e i diaframmi.
9.1.2.3 strutture di sostegno miste: Pareti composte con elementi delle due tipologie di parete di cui
sopra. Esiste una grande variet di pareti di questo tipo, e tra gli esempi si possono citare
i cofferdam formati da un doppio ordine di palancolate, le strutture in terra rinforzate da
tiranti, geotessili o iniezioni cementizie, e strutture con pi livelli di ancoraggi o chiodature.
9.2 Stati limite
(1)P Gli stati limite da considerare si devono elencare in un'apposita lista. Come minimo,
si devono considerare i seguenti stati limite per tutti i tipi di strutture di sostegno:
- instabilit globale;
- rottura di un elemento strutturale per esempio parete, ancoraggio, traverso o
puntone oppure rottura della connessione tra gli elementi;
- rottura composita, nel sotosuolo e nell'elemento strutturale;
- rottura per sollevamento idrtaulico e "piping";
- spostamento dell'opera di sostegno che pu provocare il collasso o alterare
aspetto e funzionalit della struttura o di strutture e servizi adiacenti che da essa
dipendono;
- infiltrazioni d'acqua attraverso o sotto la parete, non accettabili;
- trasporto solido attraverso o sotto la parete, non accettabile;
- modifica del regime delle pressioni interstiziali non accettabile.
(2)P Inoltre, si devono considerare i seguenti stati limite per i muri a gravit e per le
strutture di sostegno miste:
- rottura per resistenza portante del terreno al di sotto della base;
- rottura per scorrimento alla base;
- rottura per ribaltamento;
e per le paratie:
- rottura per rotazione o traslazione della parete o di parti di essa;
- rottura per mancanza di equilibrio verticale.
(3)P Se opportuno, per tutti i tipi di strutture di sostegno, si devono prendere in
considerazione combinazioni dei suddetti stati limite.
(4) La progettazione di muri a gravit richiede spesso la soluzione di problemi dello
stesso tipo di quelli che si affrontano nella progettazione di fondazioni superficiali,
rilevati e scarpate. Si raccomanda pertanto di applicare opportunamente i principi di
cui alla Sezione 6, quando si considerano gli stati limite. In presenza di carichi con
grandi eccentricit e inclinazione (vedere punto 6.5.4) si raccomanda di prestare
particolare attenzione nel considerare lo stato limite di resistenza portante del
sottosuolo al di sotto della base del muro.
9.3 Azioni, dati geometrici e situazioni di progetto
9.3.1 Azioni
9.3.1.1 Azioni base
(1) Si raccomanda di considerare le azioni elencate al punto 2.4.2(4).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 75
UNI EN 1997-1:2005
9.3.1.2 Peso del materiale di rinterro
(1)P I valori di progetto per il peso dell'unit di volume del materiale di rinterro devono
essere stimati in base al materiale realmente disponibile. La Relazione Geotecnica
di Progetto deve indicare i controlli da effettuare in corso d'opera per verificare che i
valori effettivi non siano pi gravosi di quelli ipotizzati in progetto.
9.3.1.3 Sovraccarichi
(1)P La determinazione dei valori di progetto dei sovraccarichi deve tenere conto della
presenza, sulla sommit del terreno a monte, o nelle sue vicinanze, di edifici
adiacenti, veicoli o mezzi di sollevamento in sosta o in movimento, materiale
depositato, merci e containers, come possibili esempi.
(2) Si raccomanda di prestare particolare attenzione nel caso di sovraccarichi ripetuti
come per esempio quelli esercitati dalle vie di corsa degli apparecchi di
sollevamento su una banchina portuale. Le pressioni prodotte da sovraccarichi di
questo tipo possono superare in maniera notevole quelle esercitate alla prima
applicazione del carico o quelle conseguenti all'applicazione statica di un carico di
uguale intensit.
9.3.1.4 Peso dell'acqua
(1)P I valori di progetto per il peso dell'unit di volume dell'acqua devono rispecchiare le
sue condizioni, ossia se dolce, salata, oppure contenente sostanze chimiche o
inquinanti, in misura tale da rendere necessaria una modifica del valore normale.
9.3.1.5 Forze dovute al moto ondoso e al ghiaccio
(1)P I valori di progetto per le forze esercitate da onde riflesse o dovute al ghiaccio, si
devono scegliere sulla base di dati disponibili sulle condizioni climatiche e idrauliche
della localit in cui ricade l'opera.
(2)P Nella scelta dei valori di progetto per le forze statiche esercitate da una lastra di
ghiaccio, si deve tener conto di quanto segue:
- la temperatura iniziale del ghiaccio prima che abbia inizio il riscaldamento;
- la velocit con cui aumenta la temperatura;
- lo spessore della lastra di ghiaccio.
9.3.1.6 Forze di filtrazione
(1)P Si devono considerare le forze di filtrazione dovute a diversi livelli di acqua del
sottosuolo a monte e a valle di una struttura di sostegno, in quanto queste possono
far variare la spinta del terreno a tergo della parete e ridurne la resistenza davanti ad
essa.
9.3.1.7 Forze dovute a collisioni
(1) La determinazione di valori di progetto per le forze dovute ad una collisione, per
esempio per onde, ghiaccio o traffico veicolare, pu tenere conto dell'energia
assorbita da parte della massa incidente e da parte del sistema di sostegno,
attraverso sistemi paraurto e/o o strutture guida.
(2) Per urti laterali contro pareti di sostegno, si raccomanda di considerare l'incremento
di rigidezza manifestato dal terreno a monte.
(3) Si raccomanda di studiare il rischio di liquefazione dovuta ad un urto laterale contro
una paratia.
(4)P Il carico di impatto dovuto alla collisione di una lastra di ghiaccio galleggiante contro
una struttura di sostegno, si deve calcolare sulla base della resistenza a
compressione del ghiaccio e dello spessore della lastra. Nel calcolo della resistenza
a compressione si deve tenere conto della salinit e dell'omogeneit del ghiaccio.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 76
UNI EN 1997-1:2005
9.3.1.8 Effetti della temperatura
(1)P La progettazione di un'opera di sostegno deve tenere conto degli effetti. nel tempo e
nello spazio, di variazioni anomale di temperatura.
(2) Si raccomanda che tali effetti siano considerati specialmente nella determinazione
dei carichi su puntoni e controventi.
(3) Quando vengono trattati gli effetti del fuoco, si raccomanda di consultare gli
Eurocodici che si occupano della progettazione al fuoco delle strutture.
(4)P Si devono prendere particolari precauzioni, come per esempio la scelta di un idoneo
materiale per il terrapieno, il drenaggio o l'isolamento, per impedire la formazione di
lenti di ghiaccio nel terreno a tergo di strutture di sostegno.
9.3.2 Dati geometrici
9.3.2.1 Dati di base
(1)P I valori di progetto per i dati geometrici si devono ricavare in conformit ai principi
esposti al punto 2.4.6.3.
9.3.2.2 Piani di campagna
(1)P I valori di progetto dei parametri geometrici del materiale a monte devono tenere
conto della variabilit dei valori effettivi in sito. I valori di progetto devono inoltre
tenere conto degli scavi previsti o di eventuali fenomeni di scalzamento al piede
della struttura di sostegno.
(2) Per calcoli allo stato limite ultimo, in cui la stabilit di una parete di sostegno dipende
dalla resistenza del terreno davanti alla struttura, si raccomanda di ridurre il livello
del terreno resistente di una quantit Aa rispetto alla quota nominale prevista. si
raccomanda di scegliere il valore Aa tenendo conto della possibilit di controllo in
sito sulla quota della superficie. Con un controllo normale, si raccomanda di adottare
quanto segue:
- per una paratia a sbalzo si raccomanda che, Aa sia pari al 10% dell'altezza libera
della parete, con un limite massimo di 0,5 m;
- per una paratia ancorata o puntonata, Aa si sceglie pari al 10% della distanza tra
il sostegno pi basso ed il livello di scavo, con un limite massimo di 0,5 m.
(3) Valori minori di Aa, anche nulli, possono essere utilizzati se esistono disposizioni per
cui la quota della superficie sia controllata in maniera affidabile durante lidonea
situazione di progetto.
(4) Quando la quota della superficie del terreno particolarmente incerta si raccomanda
di utilizzare valori maggiori di Aa.
9.3.2.3 Livelli dell'acqua
(1)P La scelta di valori di progetto o caratteristici relativi alla posizione della superficie
dell'acqua libera e della superficie freatica, si deve effettuare sulla base di dati
riguardanti le condizioni idrauliche e idrogeologiche del sito.
(2)P Si deve tener conto degli effetti della variazione della permeabilit sul regime delle
pressioni interstiziali.
(3)P Si deve considerare la possibilit di pressioni idrauliche sfavorevoli per la presenza
di falde sospese o artesiane.
9.3.3 Situazioni di progetto
(1)P Si devono considerare i seguenti aspetti:
- variazioni nello spazio delle propriet del terreno, dei livelli dell'acqua e delle
pressioni interstiziali;
- previste variazioni nel tempo delle propriet del terreno, dei livelli dell'acqua e
delle pressioni interstiziali;
- variazione delle azioni e della loro combinazione;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 77
UNI EN 1997-1:2005
- scavo, scalzamento o erosione davanti alla struttura di sostegno;
- effetti della compattazione del terrapieno a tergo della struttura di sostegno;
- effetti di strutture previste e di aumenti o riduzioni di carico sul materiale a monte
o nelle sue vicinanze;
- spostamenti del terreno dovuti, per esempio, a fenomeni di subsidenza o
all'azione del gelo.
(2) Per strutture costiere, le forze dovute al ghiaccio e quelle trasmesse dal moto
ondoso, possono non essere considerate agenti contemporaneamente nello stesso
punto.
9.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi
9.4.1 Generalit
(1)P Si devono considerare sia lo stato limite ultimo sia lo stato limite di esercizio,
utilizzando le procedure descritte nei punti 2.4.7 e 2.4.8.
(2)P Si deve dimostrare che per le distribuzioni di pressioni e le azioni ipotizzate, la parete
in equilibrio in direzione verticale.
(3) La verifica dell'equilibrio verticale si pu soddisfare tramite la riduzione dei parametri
di attrito sulla parete.
(4) Si raccomanda, per quanto possibile, di progettare le pareti di sostegno in maniera
tale che l'avvicinarsi di una condizione di stato limite ultimo sia anticipato da segni
evidenti. Nel progetto si raccomanda di prendere provvedimenti contro una rottura
fragile, cio il collasso improvviso senza deformazioni preliminari di rilevante entit.
(5) Per molte strutture di sostegno si raccomanda di considerare la possibilit che si
verifichi lo stato limite critico quando lo spostamento della parete tale da
danneggiare strutture o servizi adiacenti. Anche se pu non essere imminente il
collasso della parete, l'entit del danno pu essere di gran lunga superiore a quello
che determina uno stato limite di esercizio nella sovrastruttura.
(6) I metodi di progettazione ed i valori dei coefficienti parziali raccomandati dalla
presente norma sono in genere sufficienti per impedire il raggiungimento di stati
limite ultimi in strutture adiacenti, purch i terreni interessati siano almeno di media
densit o di consistenza compatta, e si adottino metodi e sequenze di costruzione
idonei. Tuttavia si raccomanda di prestare particolare attenzione ad alcuni depositi di
argilla fortemente sovraconsolidata, in cui elevati valori degli sforzi orizzontali a
riposo possono indurre spostamenti considerevoli in un vasta area intorno ad uno
scavo.
(7) La complessit dell'interazione tra il sottosuolo e l'opera di sostegno rende talvolta
difficile progettare nel dettaglio una struttura di sostegno, prima che abbia inizio
l'effettiva fase esecutiva. In questi casi, per la progettazione si raccomanda di
considerare lutilizzo del metodo osservazionale (vedere punto 2.7).
(8)P Il progetto di strutture di sostegno deve tenere conto dei seguenti aspetti, come
opportuno:
- gli effetti della costruzione della parete, ed in particolare:
- la realizzazione di sostegni temporanei per le pareti di scavo,
- le variazioni dello stato di sforzo in sito e i conseguenti spostamenti del
sottosuolo, determinati dallo scavo e dalla costruzione della parete,
- disturbo del sottosuolo dovuto alle operazioni di infissione o trivellazione,
- realizzazione di strade di cantiere per la costruzione;
- il grado di tenuta idraulica che deve avere l'opera finita;
- la possibilit di costruire la parete fino a raggiungere uno strato di bassa
permeabilit, per intercettare la filtrazione. In tal caso devono essere analizzate
le conseguenti modalit del moto di filtrazione;
- la possibilit di realizzare ancoraggi nei terreni adiacenti;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 78
UNI EN 1997-1:2005
- la possibilit di eseguire lo scavo tra i puntoni delle pareti di sostegno;
- la capacit della parete di sostenere carichi verticali;
- la duttilit dei componenti strutturali;
- l'accesso per la manutenzione della parete e dei relativi dispositivi di drenaggio;
- l'aspetto e la durabilit della parete e degli ancoraggi;
- per le palancole, la necessit che la sezione trasversale sia sufficientemente
rigida da rendere possibile l'infissione, fino alla profondit di penetrazione
prevista dal progetto, senza perdita di incastro;
- la stabilit delle trivellazioni o delle trincee in presenza di fango;
- per i riempimenti, la natura dei materiali disponibili ed i mezzi utilizzati per
compattarli in adiacenza alla parete, in conformit al punto 5.3.
9.4.2 Sistemi di drenaggio
(1)P Se la sicurezza e la funzionalit della struttura progettata dipendono dal buon
comportamento di un sistema di drenaggio, si devono considerare le conseguenze
di un suo eventuale mancato funzionamento, tenendo conto sia della sicurezza che
dei costi di riparazione. Si deve applicare una delle seguenti condizioni,
singolarmente o in combinazione:
- deve essere specificato un programma di manutenzione per il sistema di
drenaggio e il progetto deve essere tale da rendere possibile l'accesso a questo
scopo;
- si deve dimostrare, sia sulla base di esperienza comparabile, sia attraverso la
misurazione della portata di drenaggio, che il sistema funziona adeguatamente
senza manutenzione.
(2) Si raccomanda di prendere in considerazione la portata di drenaggio, la pressione e
l'eventuale contenuto di sostanze chimiche.
9.5 Determinazione della spinta del terreno
9.5.1 Generalit
(1)P Nella valutazione della spinta del terreno si deve considerare l'ammissibilit dei
cinematismi, deformazioni e spostamenti che si possono verificare per ogni stato
limite analizzato.
(2) Nel contesto seguente con l'espressione "spinta del terreno" si raccomanda di
intendere anche la spinta totale esercitata da rocce tenere ed alterate, compresa la
pressione dell'acqua del sottosuolo.
(3)P Il calcolo dei valori della spinta del terreno e della direzione delle forze risultanti,
deve tenere conto di quanto segue:
- inclinazione del piano di campagna e sovraccarico applicato;
- inclinazione della parete rispetto alla verticale;
- falde idriche e forze di filtrazione nel sottosuolo;
- entit e direzione dello spostamento della parete rispetto al terreno;
- equilibrio in direzione orizzontale e verticale dell'intera opera di sostegno;
- resistenza al taglio e peso dellunit di volume del terreno;
- rigidezza della parete e dei dispositivi di fissaggio;
- scabrezza della parete.
(4) Si raccomanda di considerare adesione e attrito mobilitati sulla parete in funzione:
- dei parametri di resistenza del terreno;
- delle propriet di attritio dell'interfaccia parete-terreno;
- dell'entit, direzione e verso dello spostamento della parete rispetto al terreno;
- della capacit della parete di sostenere le forze verticali derivanti da adesione e
attrito all'interfaccia.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 79
UNI EN 1997-1:2005
(5) Si raccomanda che lentit dello sforzo tangenziale, che pu essere mobilitato
all'interfaccia parete-terreno sia determinata attraverso il parametro di interfaccia
parete-terreno o.
(6) Si pu assumere che un muro in calcestruzzo o una palancolata di acciaio a
sostegno di terreni sabbiosi o ghiaiosi, abbiano un parametro di interfaccia parete
terreno di progetto pari a o
d
= k
cv;d
. Si raccomanda che k non sia maggiore di 2/3
per strutture prefabbricate di calcestruzzo o palancole d'acciaio.
(7) Per il calcestruzzo gettato contro terra si pu assumere un valore di k = 1,0.
(8) Per una palancolata di acciaio in terreni argillosi, appena dopo l'infissione, si in
condizioni non drenate e si raccomanda di non assumere alcuna resistenza di
adesione o di attrito. Incrementi di resistenza potranno avvenire dopo un certo
periodo di tempo.
(9)P I valori della spinta del terreno e la direzione delle forze risultanti, si devono calcolare
in base all'approccio prescelto (vedere punto 2.4.7.3), e allo stato limite considerato.
(10) Il valore della spinta del terreno in corrispondenza di uno stato limite ultimo in
genere diverso dal valore che esso assume in uno stato limite di esercizio. Questi
due valori vengono determinati attraverso due calcoli sostanzialmente diversi. Di
conseguenza, quando viene espressa come azione, la spinta del terreno non pu
avere un unico valore caratteristico.
(11)PNel caso di strutture a sostegno di ammassi rocciosi, i calcoli delle spinte del terreno
devono tenere conto degli effetti delle discontinuit, con particolare attenzione al loro
orientamento, spaziatura, apertura, scabrezza, e alle caratteristiche meccaniche
dell'eventuale materiale di riempimento dei giunti.
(12)PNel calcolo delle pressioni sulla struttura di sostegno si deve tener conto della
possibilit di rigonfiamento del sottosuolo.
9.5.2 Valori di spinta del terreno a riposo
(1)P Quando non avvengono spostamenti della parete rispetto al terreno, la spinta del
terreno si deve calcolare sulla base dello stato di sforzo a riposo. Per il calcolo degli
sforzi a riposo si deve tenere conto della storia tensionale del sottosuolo.
(2) Per i terreni normalmente consolidati generalmente, si raccomanda che le condizioni
di spinta a riposo del terreno a tergo di una struttura di sostegno, siano considerate
quando lo spostamento della struttura minore di 5 10
-4
h.
(3) Con piano di campagna orizzontale, si raccomanda di determinare il coefficiente di
spinta a riposo, K
0
, attraverso la formula:
(9.1)
Si raccomanda di non determinare questa formula per valori molto elevati di OCR.
(4) Se l'inclinazione del terreno a tergo della parete verso l'alto con un angolo | s '
sull'orizzontale, la componente orizzontale della spinta del terreno in termini di sforzi
efficaci, o'
h;0
,

pu essere messa in relazione alla pressione verticale in sito in termini
di sforzi efficaci q' attraverso il rapporto K
0;|
, dove
(9.2)
Si raccomanda che la direzione della forza risultante sia quindi assunta parallela al
piano di campagna.
9.5.3 Valori limite della spinta del terreno
(1)P I valori limite della spinta del terreno si devono determinare tenendo conto dello
spostamento relativo tra il terreno e la parete in condizioni di collasso e la
corrispondente geometria della superficie di rottura.
K
0
1 ' sin ( ) OCR =
K
0 | ;
K
0
1 | sin + ( ) =
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 80
UNI EN 1997-1:2005
(2) Per valori elevati di resistenza a taglio e dei parametri di interfaccia parete-terreno, o,
i valori limite della spinta del terreno relativi a superfici di rottura piane possono
divergere in modo rilevante dai valori relativi a superfici di rottura curve e quindi
condurre a risultati non sicuri.
Nota Lappendice C fornisce alcuni dati sugli spostamenti relativi che danno luogo a valori limite della spinta
del terreno.
(3) Nei casi in cui puntoni, ancoraggi o elementi simili impongano vincoli cinematici
sull'opera di sostegno, si raccomanda di considerare che i valori limite delle spinte
attive e passive del terreno e le loro distribuzioni, possono non essere quelli pi
sfavorevoli.
9.5.4 Valori intermedi della spinta del terreno
(1)P Si raggiungono valori intermedi della spinta del terreno nel caso in cui gli
spostamenti della parete non siano sufficienti per mobilitare i valori limite. La
determinazione dei valori intermedi della spinta del terreno deve tenere conto
dell'entit, direzione e verso dello spostamento della parete rispetto al terreno.
Nota Lappendice C, figura C.3, fornisce un diagramma che pu essere utilizzato per determinare la spinta
passiva mobilitata.
(2) I valori intermedi della spinta del terreno si possono calcolare utilizzando regole
empiriche varie, metodi a molle o agli elementi finiti.
9.5.5 Effetti della compattazione
(1)P Nella determinazione della spinta del terreno agente a tergo della parete, si deve
tenere conto delle spinte aggiuntive prodotte dalla realizzazione di un terrapieno e
dalle procedure adottate per la sua compattazione.
Nota Osservazioni sperimentali indicano che le spinte aggiuntive dipendono dall'energia di compattazione
impiegata, dallo spessore degli strati compattati e dal percorso del mezzo di compattazione. La
pressione orizzontale, normale alla parete, pu diminuire in uno strato quando viene realizzato e
compattato lo strato successivo. Quando la posa in opera del terrapieno ultimata, la pressione
aggiuntiva agisce generalmente soltanto sulla parte superiore della parete.
(2)P Si devono prescrivere opportuni procedimenti di compattazione allo scopo di evitare
valori eccessivi delle spinte aggiuntive del terreno, che possono portare a
spostamenti inammissibili.
9.6 Pressioni dell'acqua
(1)P La determinazione dei valori caratteristici e di progetto delle pressioni dell'acqua
deve tenere conto dei livelli dell'acqua sia al di sopra che all'interno del terreno.
(2)P Nella verifica agli stati limite ultimo e di esercizio, le pressioni dell'acqua devono
essere tenute in considerazione nella combinazione delle azioni in conformit ai
punti 2.4.5.3 e 2.4.6.1, tenendo conto dei rischi possibili indicati al punto 9.4.1(5).
(3) Per strutture a sostegno di terreni di media e bassa permeabilit (limi e argille),
generalmente si raccomanda di supporre che a tergo della parete ci sia la pressione
dell'acqua. A meno che non sia installato un sistema di drenaggio affidabile
(9.4.2(1)P), o che non siano impedite le infiltrazioni, si raccomanda che i valori delle
pressioni dell'acqua generalmente corrispondano ad una superficie di falda al livello
del piano di campagna a monte.
(4)P Nei casi in cui possano avvenire variazioni improvvise in un livello di acqua libera, si
devono esaminare sia la condizione transitoria che si verifica subito dopo la
variazione, sia la condizione stazionaria.
(5)P Nel caso in cui non vengano adottati accorgimenti particolari di drenaggio o di
impermeabilizzazione, si devono considerare i possibili effetti di fratture, di trazione
o di ritiro piene di acqua.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 81
UNI EN 1997-1:2005
9.7 Progetto allo stato limite ultimo
9.7.1 Generalit
(1)P Il progetto delle strutture di sostegno deve essere verificato allo stato limite ultimo
per le situazioni di progetto indicate al punto 9.3.3, con lutilizzo delle azioni o degli
effetti delle azioni di progetto e delle resistenze di progetto.
(2)P Si devono considerare tutti i cinematismi di rottura pertinenti. In questi sono
compresi, come minimo, quelli illustrati nelle figure da 9.1 a 9.6 per le pi comuni
tipologie di strutture di sostegno.
(3)P I calcoli agli stati limite ultimi devono stabilire che l'equilibrio pu essere soddisfatto
utilizzando le azioni o gli effetti delle azioni di progetto e i parametri di resistenza o
resistenze di progetto, come indicato al punto 2.4. Nella valutazione dei parametri di
resistenza o delle resistenze di progetto, si deve tenere conto della compatibilit
delle deformazioni.
(4)P Si deve utilizzare il pi sfavorevole tra i valori di progetto superiori o inferiori dei
parametri di resistenza o della resistenza del terreno.
(5) Si possono utilizzare metodi di calcolo che ridistribuiscano la spinta del terreno
tenendo conto delle rigidezze e degli spostamenti relativi del sottosuolo e degli
elementi strutturali.
(6)P Per i terreni a grana fine si deve considerare il comportamento a breve termine e
quello a lungo termine.
(7)P Per pareti soggette a pressioni differenziali dell'acqua si deve verificare la sicurezza
rispetto alla rottura per sollevamento idraulico e "piping".
9.7.2 Stabilit globale
(1)P Quando opportuno, si devono applicare i principi esposti nella Sezione 11 per
dimostrare che non si raggiunga una rottura per instabilit globale e che le
deformazioni corrispondenti siano sufficientemente piccole.
(2) Come minimo si raccomanda di considerare i cinematismi di rottura illustrati nella
figura 9.1, tenendo conto, se necessario, della rottura progressiva e della
liquefazione.
9.7.3 Rottura della fondazione per muri a gravit
(1)P I principi esposti nella Sezione 6 devono essere opportunamente applicati per
dimostrare che la rottura della fondazione sia sufficientemente remota e che le
deformazioni siano accettabili. Si devono considerare sia la resistenza portante sia
lo scorrimento.
(2) Come minimo si raccomanda di considerare i cinematismi di rottura illustrati nella
figura 9.2.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 82
UNI EN 1997-1:2005
figura 9.1 Esempi di cinematismi di rottura per la stabilit globale di opere di sostegno
figura 9.2 Esempi di cinematismi di rottura della fondazione di muri a gravit
9.7.4 Rottura per rotazione di paratie
(1)P Si deve dimostrare, attraverso calcoli di equilibrio, che le paratie abbiano una
penetrazione nel sottosuolo sufficiente a impedire un collasso per rotazione.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 83
UNI EN 1997-1:2005
figura 9.3 Esempi di cinematismi di rottura per rotazione di paratie
(2) Come minimo si raccomanda di considerare i cinematismi di rottura illustrati nella
figura 9.3.
(3)P L'intensit e la direzione di progetto dello sforzo tangenziale tra terreno e parete
devono essere congruenti con lo spostamento relativo verticale, che si verifica nella
specifica situazione di progetto.
9.7.5 Rottura verticale di paratie
(1)P Si deve dimostrare che l'equilibrio in direzione verticale pu essere soddisfatto
utilizzando i parametri di resistenza o le resistenze di progetto del terreno e le forze
verticali agenti sulla parete.
(2) Come minimo si raccomanda di considerare il cinematismo di rottura illustrato nella
figura 9.4.
(3)P Quando si considera un cinematismo di abbassamento della parete, nel calcolo si
devono utilizzare i valori di progetto superiori delle forze di pretensione, con
componente verticale rivolta verso il basso, come quelle relative agli ancoraggi nel
terreno.
(4)P L'intensit e la direzione di progetto dello sforzo tangenziale tra terreno e parete,
devono essere congruenti con la direzione considerata per la verifica dell'equilibrio
alla traslazione verticale e con il verso di rotazione.
(5)P Se la parete agisce come fondazione per una struttura, si deve verificare l'equilibrio
verticale, adottando i principi di cui alla Sezione 7.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 84
UNI EN 1997-1:2005
figura 9.4 Esempio di cinematismo di rottura a carico verticale di paratie
9.7.6 Progetto strutturale di opere di sostegno
(1)P Le opere di sostegno, ivi compresi i rispettivi elementi strutturali di supporto, quali
ancoraggi e controventi, devono essere verificati nei confronti della rottura
strutturale in conformit al punto 2.4 e alle EN 1992, EN 1993, EN 1995 e EN 1996.
(2) Come minimo si raccomanda di considerare i cinematismi di rottura illustrati nella
figura 9.5.
figura 9.5 Esempi di cinematismi di rottura strutturale per le opere di sostegno
(3)P Per ogni stato limite ultimo si deve dimostrare che le resistenze richieste possono
essere mobilitate, con deformazioni congruenti nel sottosuolo e nella struttura.
(4) Negli elementi strutturali si raccomanda di considerare una riduzione della resistenza
con la deformazione, a causa di fenomeni quali la fessurazione di sezioni non armate,
grandi rotazioni in corrispondenza delle cerniere plastiche o l'instabilit locale di
sezioni in acciaio, in conformit alle da EN 1992 ad EN 1996 e alla EN 1999.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 85
UNI EN 1997-1:2005
9.7.7 Rottura per sfilamento degli ancoraggi
(1)P Si deve dimostrare che l'equilibrio sia soddisfatto senza raggiungere una condizione
di rottura per sfilamento degli ancoraggi.
figura 9.6 Esempi di cinematismi di rottura per sfilamento degli ancoraggi
(2)P Gli ancoraggi si devono progettare in conformit a quanto stabilito nella Sezione 8.
(3) Come minimo si raccomanda di considerare i cinematismi di rottura illustrati nella
figura 9.6 [a) e b)].
(4) Per i blocchi di ancoraggio si raccomanda di considerare anche la modalit di rottura
illustrato nella figura 9.6 c).
9.8 Progetto allo stato limite di esercizio
9.8.1 Generalit
(1)P Il progetto delle opere di sostegno si deve verificare allo stato limite di esercizio con
riferimento alle situazioni di progetto opportune, indicate al punto 9.3.3.
(2) Si raccomanda che la valutazione dei valori di progetto della spinta del terreno sia
fatta tenendo conto dei valori iniziali dello sforzo, della rigidezza e della resistenza
del terreno e della rigidezza degli elementi strutturali.
(3) Si raccomanda di ricavare i valori di progetto delle spinte del terreno tenendo conto
della deformazione ammissibile della struttura allo stato limite di esercizio. Tali valori
non necessariamente sono quelli limite.
9.8.2 Spostamenti
(1)P I valori limite degli spostamenti ammissibili delle pareti e del terreno adiacente si
devono stabilire in conformit al punto 2.4.8, tenendo conto la tolleranza sugli
spostamenti per le sovrastrutture sostenute per i servizi.
(2)P Si deve sempre effettuare una stima cautelativa delle distorsioni e degli spostamenti
delle pareti di sostegno, e degli effetti sulle sovrastrutture e sui servizi, sulla base di
esperienza comparabile. Tale stima deve comprendere gli effetti della costruzione
della parete. Il dimensionamento adottato pu essere quindi giustificato verificando
che gli spostamenti stimati non superino i valori limite.
(3)P Se la stima cautelativa iniziale degli spostamenti fornisce valori che superano quelli
limite, il dimensionamento adottato deve essere giustificato attraverso un'indagine
pi dettagliata che comprende un calcolo dei cedimenti.
(4)P Si deve quantificare il contributo delle azioni variabili, come le vibrazioni prodotte dal
traffico a tergo, allo spostamento della parete di sostegno.
(5)P Si deve intraprendere un'indagine pi dettagliata, che comprende il calcolo dei
cedimenti nelle seguenti situazioni:
- quando strutture e servizi adiacenti sono particolarmente sensibili agli
spostamenti;
- quando non disponibile un'esperienza comparabile consolidata.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 86
UNI EN 1997-1:2005
(6) Si raccomanda inoltre di considerare un calcolo dei cedimenti nei casi seguenti:
- quando la parete sostiene un terreno coesivo di bassa plasticit per un'altezza
maggiore di 6 m;
- quando la parete sostiene terreni di elevata plasticit per un'altezza maggiore di 3 m;
- quando la parete sostenuta da un deposito di argille tenere entro la propria
altezza o al di sotto della base.
(7)P Il calcolo degli spostamenti deve tenere conto della sequenza delle fasi costruttive e
della rigidezza del terreno e degli elementi strutturali.
(8) Si raccomanda che il comportamento costitutivo dei materiali assunto per il calcolo
degli spostamenti, sia trattato attraverso esperienza comparabile con lutilizzo dello
stesso modello di calcolo. Se si considera un comportamento lineare, si raccomanda
che i valori attribuiti alle rigidezze del terreno e dei materiali strutturali, risultino
appropriati per il livello di deformazione calcolato. In alternativa, per i materiali, si
possono assumere modelli sforzo-deformazione completi.
(9)P L'influenza della vibrazioni sugli spostamenti deve essere considerata tenendo
conto del punto 6.6.4.
SEZIONE 10 ROTTURA DOVUTA A FENOMENI IDRAULICI
10.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si riferiscono a quattro modi di rottura del
sottosuolo indotti dalla pressione o dalla filtrazione dell'acqua interstiziale e che
devono essere opportunamente analizzati:
- rottura per innalzamento (spinta idrostatica, galleggiamento);
- rottura per sollevamento;
- rottura per erosione interna;
- rottura per "piping".
Nota 1 Il fenomeno di galleggiamento si verifica quando la pressione dell'acqua interstiziale sotto una struttura o uno
strato di sottosuolo con bassa permeabilit, supera la pressione media verticale in sito (dovuta alla struttura
e/o allo strato di sottosuolo sovrastante).
Nota 2 La rottura per sollevamento si verifica quando forze di filtrazione, rivolte verso l'alto, agiscono contro il peso
del terreno, portando a zero lo sforzo efficace verticale. Le particelle di terreno sono quindi sollevate dal flusso
verticale dell'acqua e si raggiunge la rottura (liquefazione statica).
Nota 3 La rottura per erosione interna si genera dal trasporto di grani di terreno all'interno di uno strato, alla superficie
di separazione tra strati di terreno, o all'interfaccia tra il terreno ed una struttura. Questo pu determinare un
fenomeno di erosione regressiva che pu portare il terreno al collasso.
Nota 4 La rottura per "piping" un particolare modo di rottura, che si verifica per esempio in un serbatoio artificiale,
per un fenomeno di erosione interna in cui l'erosione inizia in superficie e si propaga verso l'interno, fino a
formare un condotto idraulico di scarico fra terreno e fondazione o all'interfaccia fra strati coesivi e non coesivi.
La rottura avviene non appena l'estremit a monte del condotto di erosione raggiunge il fondo del serbatoio.
Nota 5 Le condizioni per una rottura idraulica del sottosuolo si possono esprimere in termini di sforzi totali e pressioni
interstiziali o in termini di sforzi efficaci e gradiente idraulico. L'analisi in termini di sforzi totali si applica alla
rottura per sollevamento. Nel caso di rottura per sollevamento si applicano analisi sia in termini di sforzi totali
sia di sforzi efficaci. Per controllare l'erosione interna ed il "piping" si impongono condizioni sui gradienti
idraulici.
(2) Nelle situazioni in cui la pressione interstiziale idrostatica (gradiente idraulico
trascurabile) la sola verifica necessaria quella relativa alla rottura per
sollevamento.
(3)P Nel determinare gradienti idraulici, pressioni interstiziali o forze di filtrazione, si deve
tenere conto:
- della variazione della permeabilit del terreno nel tempo e nello spazio;
- delle variazioni nel tempo dei livelli di falda e della pressione interstiziale;
- di qualsiasi modifica delle condizioni al contorno (per esempio uno scavo a valle).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 87
UNI EN 1997-1:2005
(4) Si raccomanda di considerare che, per i diversi meccanismi di rottura il profilo
stratigrafico di riferimento pu essere diverso.
(5)P Nei casi in cui il sollevamento idraulico, il "piping" o l'erosione interna costituiscano
un pericolo considerevole per l'integrit di una costruzione geotecnica, si devono
adottare provvedimenti per ridurre il gradiente idraulico.
(6) Gli accorgimenti pi frequenti per ridurre l'erosione o per evitare una rottura idraulica sono:
- allungamento del percorso di filtrazione mediante schermi o spalle;
- modifiche del progetto in modo da poter contrastare le pressioni o i gradienti;
- controllo della filtrazione;
- filtri di protezione;
- in assenza di filtri adeguati, evitare argille dispersive;
- rivestimento di scarpate;
- filtri inversi;
- pozzi di sfiato;
- riduzione del gradiente idraulico.
10.2 Rottura per innalzamento
(1)P La stabilit rispetto ai fenomeni di sollevamento di una struttura o di uno strato di
sottosuolo con bassa permeabilit, si deve verificare confrontando le azioni
permanenti stabilizzanti (per esempio peso e attrito laterale) con le azioni
destabilizzanti, permanenti e variabili, dovute all'acqua ed eventualmente ad altre
cause. Alcuni esempi di situazioni in cui deve essere verificata la stabilit al
sollevamento sono riportati nelle figure 7.1 e 10.1.
(2)P Il progetto deve essere verificato nei confronti della rottura per sollevamento
attraverso la disuguaglianza (2.8) di cui al punto 2.4.7.4. In questa disuguaglianza, il
valore di progetto della componente verticale delle azioni permanenti stabilizzanti
(G
stb;d
) , per esempio, il peso della struttura e degli strati di sottosuolo, mentre la
resistenza di progetto (R
d
) , per esempio, la somma di forze di attrito, (T
d
), e forze
di ancoraggio, (P), se presenti. La resistenza al sollevamento dovuta all'attrito o alle
forze di ancoraggio, pu anche essere considerata come una azione verticale
permanente stabilizzante (G
stb;d
). Il valore di progetto della componente verticale
delle azioni permanenti e variabili destabilizzanti, (V
dst;d
), la somma delle pressioni
dell'acqua applicate sotto la struttura (con la componente permanente e variabile) ed
ogni altra eventuale forza diretta verso l'alto.
(3) Se previsto nellappendice nazionale, la resistenza al sollevamento mediante forze
di attrito o di ancoraggio pu anche essere trattata come unazione verticale
permanente stabilizzante (G
stb;d
).
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere stabiliti nellappendice nazionale.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 88
UNI EN 1997-1:2005
figura 10.1 Esempi di situazioni critiche per problemi di sollevamento
a) Sollevamento di una struttura cava interrata
Legenda
1 Superficie freatica
2 Superficie impermeabile
b) Sollevamento di un rilevato in materiale alleggerito durante una piena
Legenda
1 Superficie freatica
2 Superficie impermeabile
3 Rilevato di materiale alleggerito
c) Sollevamento del fondo di uno scavo
Legenda
4 Piano di campagna prima dello scavo
5 Sabbia
6 Argilla
7 Ghiaia
10 Livello dellacqua del sottosuolo prima dello scavo
11 Livello dellacqua del sottosuolo nello scavo
12 Livello piezometrico alla base dello strato di argilla
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 89
UNI EN 1997-1:2005
d) Realizzazione di una soletta al di sotto del livello dellacqua
Legenda
1 Superficie freatica
2 Superficie impermeabile
5 Sabbia
8 Sabbia iniettata
11 Livello dellacqua del sottosuolo nello scavo
e) Struttura ancorata per contrastare il sollevamento
Legenda
1 Superficie freatica
5 Sabbia
9 Ancoraggio
(4) I provvedimenti pi frequenti per contrastare la rottura per sollevamento sono:
- incremento del peso della struttura;
- riduzione della pressione dell'acqua al di sotto della struttura per mezzo di
drenaggio;
- ancoraggio della struttura agli strati sottostanti.
(5)P Nei casi in cui vengano utilizzati pali o ancoraggi per fornire resistenza nei confronti
della rottura per sollevamento, il progetto deve essere verificato come indicato nei punti
7.6.3 o 8.5, rispettivamente, adottando i coefficienti parziali specificati al punto 2.4.7.4.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 90
UNI EN 1997-1:2005
10.3 Rottura per sollevamento
(1)P La stabilit del terreno nei confronti del sollevamento si deve verificare attraverso la
verifica dell'equazione (2.9a) o dell'equazione (2.9b) per ogni colonna di terreno
pertinente. L'equazione (2.9a) esprime la condizione di stabilit in termini di
pressioni interstiziali e sforzi totali. L'equazione (2.9b) esprime la stessa condizione
in termini di forze di filtrazione e pesi sommersi. Un esempio di situazione in cui si
deve effettuare la verifica al sollevamento riportato nella figura 10.2.
figura 10.2 Esempio di situazione in cui il sollevamento pu essere critico
Legenda
1 Livello di scavo (sinistra); livello dellacqua libera (destra)
2 Acqua
3 Sabbia
(2)P La determinazione del valore caratteristico della pressione interstiziale deve tenere
conto di tutte le possibili condizioni sfavorevoli, come per esempio:
- strati sottili di terreno a bassa permeabilit;
- effetti geometrici tridimensionali come negli scavi stretti, di forma circolare o
rettangolare, al di sotto del livello dell'acqua.
Nota 1 Nei casi in cui il terreno presenti una rilevante componente coesiva di resistenza, la condizione di rottura
cambia da da sollevamento a innalzamento. La stabilit viene allora verificata secondo le disposizioni del
punto 10.2 dove al peso si possono sommare ulteriori forze resistenti.
Nota 2 La stabilit nei confronti del sollevamento non esclude la possibilit di erosione interna; se necessario questa
va verificata in modo indipendente.
(3) I provvedimenti pi frequenti per contrastare la rottura per sollevamento sono:
- riduzione della pressione dell'acqua al di sotto del volume di terreno soggetto al
sollevamento;
- aumento del peso resistente.
10.4 Erosione interna
(1)P Per limitare il pericolo di trasporto di materiale, mediante erosione interna, si devono
utilizzare criteri di filtro.
(2)P Laddove si potrebbe raggiungere uno stato limite ultimo a causa di erosione interna,
si devono adottare provvedimenti come l'utilizzo di filtri protettivi in corrispondenza
della superficie libera del terreno.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 91
UNI EN 1997-1:2005
(3) Si raccomanda che la funzione di filtri protettivi sia in genere assicurata attraverso
l'utilizzo di terreno naturale non coesivo che soddisfi adeguati criteri di progetto per
materiali filtro. In alcuni casi pu essere necessario pi di uno strato filtro per
garantire che la distribuzione della dimensione dei grani vari in modo graduale, per
proteggere sufficientemente sia il terreno sia gli strati filtro.
(4) In alternativa, si possono applicare guaine filtro artificiali come, per esempio, geotessili,
purch sia possibile stabilire che siano adatte ad impedire il trasporto di materiale fine.
(5)P Se i criteri di filtro non sono soddisfatti si deve verificare che il valore del progetto del
gradiente idraulico sia ben inferiore al gradiente idraulico critico per il quale inizia il
movimento delle particelle di terreno.
(6)P Il gradiente idraulico critico, per la verifica dell'erosione interna, si deve determinare
tenendo in considerazione almeno i seguenti aspetti:
- direzione del flusso;
- distribuzione granulometrica e forma dei grani;
- profilo stratigrafico del terreno.
10.5 Rottura per "piping"
(1)P Laddove le condizioni attuali del terreno e del regime idraulico possano condurre al
fenomeno di "piping" (vedere figura 10.3), e laddove il "piping" comporti un rischio
per la stabilit o per la funzionalit della struttura idraulica, si devono adottare
prescrizioni in grado di impedire l'istaurarsi del processo di "piping", o attraverso
l'applicazione di filtri o adottando accorgimenti strutturali atti a tenere sotto controllo
o arrestare il regime di filtrazione.
figura 10.3 Esempio di condizioni che possono indurre il fenomeno di "piping"
Legenda
1 Livello dell'acqua libera
2 Livello piezometrico nel piano di appoggio permeabile
3 Terreno a bassa permeabilit
4 Piano di appoggio permeabile
5 Eventuale pozzo; punto di innesco per il fenomeno di "piping"
6 Eventuale condotto di "piping"
Nota Sono idonei accorgimenti strutturali:
- la realizzazione di berme sul lato terra di un rilevato di ritenuta, spostando cos il possibile punto di
innesco del "piping" lontano dalla struttura e diminuendo il gradiente idraulico all'innesco;
- la realizzazione di schermi impermeabili al di sotto della base della struttura idraulica, per
arrestare il regime di filtrazione o allungare il percorso di filtrazione, diminuendo cos il gradiente
idraulico fino ad un valore sicuro.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 92
UNI EN 1997-1:2005
(2)P In periodi di condizioni idrauliche estremamente sfavorevoli, come per esempio
durante un'alluvione, le aree suscettibili al fenomeno di "piping" devono essere
ispezionate sistematicamente in modo che i necessari accorgimenti possano essere
adottati prontamente. I materiali per tali interventi devono essere immagazzinati
nelle vicinanze.
(3)P La rottura per "piping" deve essere impedita fornendo una resistenza sufficiente
all'erosione interna del terreno nelle aree dove pu verificarsi la fuoriuscita di acqua.
(4) Si pu impedire tale rottura fornendo:
- sufficiente sicurezza nei confronti della rottura per sollevamento se il piano di
campagna orizzontale;
- sufficiente stabilit degli strati superficiali se il piano di campagna inclinato
(stabilit locale del pendio).
(5)P Nella determinazione delle condizioni di flusso idraulico per la verifica della rottura
per sollevamento o della stabilit locale del pendio, si deve tener conto del fatto che
i giunti o le interfacce tra struttura e terreno possono diventare vie di filtrazione
preferenziali.
SEZIONE 11 STABILIT GLOBALE
11.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si devono applicare alla stabilit globale e ai
movimenti nel sottosuolo, sia naturale sia di riempimento, nelle vicinanze di
fondazioni, opere di sostegno, pendii naturali, rilevati o scavi.
(2) Si raccomanda di tenere in considerazione i punti relativi alla stabilit globale delle
Sezioni da 6 a 10 e 12, per strutture specifiche.
11.2 Stati limite
(1)P Si devono considerare tutti gli stati limite possibili per un particolare sito, allo scopo
di soddisfare i requisiti fondamentali di stabilit, limitatezza delle deformazioni,
conservazione delle strutture e dei servizi adiacenti e restrizioni sui rispettivi
spostamenti.
(2) Alcuni stati limite possibili sono elencati nel seguito:
- instabilit globale del sottosuolo e delle strutture che vi ricadono;
- spostamenti eccessivi del sottosuolo a causa di deformazioni a taglio, cedimenti,
vibrazioni o sollevamenti;
- danni o perdita di funzionalit delle strutture, infrastrutture viarie o servizi limitrofi
a causa di spostamenti nel sottosuolo.
11.3 Azioni e situazioni di progetto
(1) Nella scelta delle azioni per il calcolo degli stati limite si raccomanda di considerare
l'elenco riportato al punto 2.4.2(4).
(2)P Si devono considerare opportunamente gli effetti delle seguenti circostanze:
- processi di costruzione;
- nuovi pendii o strutture nel sito in esame o nelle sue vicinanze;
- precedenti spostamenti nel sottosuolo o in atto, di origini varie;
- vibrazioni;
- variazioni climatiche, comprese le variazioni di temperatura (gelo e disgelo),
siccit e precipitazioni intense;
- vegetazione o sua rimozione;
- attivit dell'uomo o degli animali;
- variazioni di contenuto d'acqua o delle pressioni interstiziali;
- azione del moto ondoso.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 93
UNI EN 1997-1:2005
(3)P Nell'analizzare gli stati limite ultimi, si devono scegliere i livelli di progetto dell'acqua
libera e dell'acqua del sottosuolo e la loro combinazione, sulla base di dati idrologici
disponibili e osservazioni in sito, in modo da ricavare le condizioni pi sfavorevoli
che potrebbero verificarsi nella particolare situazione di progetto. Si deve tenere
conto della possibile rottura di drenaggi, filtri e dispositivi di tenuta.
(4) Si raccomanda inoltre di considerare considerata l'eventualit di svuotamento di un
canale o di un bacino di ritenuta per manutenzione o per rottura dello sbarramento.
Per l'analisi di stati limite di esercizio, si possono utilizzare valori meno gravosi e pi
tipici del livello dell'acqua o delle pressioni interstiziali.
(5) Per le scarpate degli argini, le condizioni idrauliche pi sfavorevoli sono
generalmente la condizione di filtrazione stazionaria considerando il livello pi alto
possibile per l'acqua del sottosuolo e l'abbassamento rapido del livello dell'acqua
libera.
(6)P Nel ricavare distribuzioni di progetto della pressione interstiziale, si deve tenere
conto della possibile anisotropia nei valori della permeabilit e della variabilit del
sottosuolo.
11.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi
(1)P La stabilit globale di un sito e i movimenti di depositi di terreno naturale o di riporto,
devono essere analizzati tenendo conto dell'esperienza comparabile, come indicato
nel punto 1.5.2.2.
(2)P Si deve considerare la stabilit globale e i movimenti di terreni su cui ricadono edifici
gi esistenti, nuove costruzioni, pendii o scavi.
(3) Nei casi in cui la stabilit del sottosuolo non possa essere verificata chiaramente
prima della progettazione, si raccomanda di prescrivere indagini aggiuntive,
secondo le disposizioni del punto 11.7.
(4) Tipiche strutture per le quali si raccomanda di eseguire un'analisi di stabilit globale sono:
- opere di sostegno;
- scavi, pendii o rilevati;
- fondazioni su terreni in pendenza, pendii naturali o rilevati;
- fondazioni in prossimit di uno scavo, di strutture interrate o trincee, o di opere
costiere.
Nota I problemi di stabilit o gli spostamenti dovuti a deformazioni viscose, si presentano principalmente in
terreni coesivi aventi piano di campagna inclinato. Tuttavia, l'instabilit pu anche presentarsi in terreni
non coesivi e rocce fessurate, in pendii con pendenza, possibile effetto dell'erosione, prossima
all'angolo di resistenza al taglio. Si osserva spesso un incremento dei movimenti in corrispondenza di
pressioni interstiziali elevate oppure in prossimit del piano di campagna durante cicli di gelo e disgelo.
(5)P Nel caso in cui la stabilit di un sito non possa essere verificata prontamente, oppure
gli spostamenti risultino non accettabili per l'utilizzo previsto, il sito deve essere
giudicato non idoneo in assenza di interventi di consolidamento.
(6)P Il progetto deve garantire che tutte le attivit di costruzione, che riguardano il sito, si
possano pianificare ed eseguire in modo che il raggiungimento di uno stato limite
ultimo o di esercizio abbia una probabilit sufficientemente bassa.
(7)P Le superfici di pendii potenzialmente esposti a fenomeni erosivi devono essere
protette, se necessario, in modo da garantire che sia mantenuto il livello di
sicurezza.
(8) Si raccomanda che i pendii siano impermeabilizzati, piantumati o protetti
artificialmente. Per pendii con le berme si raccomanda di considerare un sistema di
drenaggio contenuto nelle berme stesse.
(9)P I processi di costruzione si devono prendere in considerazione solo per la loro
possibile influenza sulla stabilit globale o sulle entit degli spostamenti.
(10) Pendii potenzialmente instabili possono essere stabilizzati attraverso:
- un piastrone in calcestruzzo, con o senza ancoraggio;
- una gabbionata, in rete d'acciaio o in geotessile;
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 94
UNI EN 1997-1:2005
- chiodature;
- vegetazione;
- un sistema di drenaggio;
- una combinazione dei dispositivi sopra indicati.
(11) Si raccomanda che il progetto segua i principi generali delle Sezioni 8 e 9.
11.5 Progetto allo stato limite ultimo
11.5.1 Analisi di stabilit per i pendii
(1)P La stabilit globale di un pendio, tenendo conto delle strutture esistenti o in progetto
che interagiscono con esso, deve essere verificata agli stati limite ultimi (GEO e STR)
con i valori di progetto delle azioni, resistenze e parametri di resistenza, ottenuti
impiegando i coefficienti parziali definiti nei punti A.3.1(1)P, A.3.2(1)P e A.3.3.6(1)P.
Nota I valori dei coefficienti parziali possono essere definiti dall'appendice nazionale. I valori raccomandati
per situazioni permanenti e transitorie sono riportati nei prospetti A.3, A.4 e A.14.
(2)P Nell'analisi della stabilit globale del sottosuolo, sciolto o roccioso, si deve tener
conto di tutti i meccanismi di rottura pertinenti.
(3) Nella scelta del metodo di calcolo si raccomanda di considerare quanto segue:
- profilo stratigrafico;
- presenza e inclinazione di discontinuit;
- filtrazione e distribuzione delle pressioni interstiziali;
- stabilit a breve e a lungo termine;
- deformazioni viscose dovute a sforzi di taglio;
- tipo di rottura (superficie circolare o non circolare; ribaltamento; colate);
- utilizzo di metodi numerici.
(4) Si raccomanda che la massa di terreno o roccia delimitata dalla superficie di rottura,
sia generalmente considerata come un corpo rigido oppure come pi corpi rigidi che
si muovono insieme. Le superfici di rottura o le interfacce tra corpi rigidi possono
avere forme diverse, compresa quella piana, circolare, o forme pi complesse. In
alternativa, la stabilit pu essere verificata attraverso i metodi dell'analisi limite
oppure con lutilizzo del metodo agli elementi finiti.
(5) Si raccomanda che laddove il sottosuolo o il materiale del rilevato sia relativamente
omogeneo e isotropo, siano in genere considerate superfici di rottura circolari.
(6) Si raccomanda che, per pendii in terreni stratificati, con variazioni consistenti della
resistenza a taglio, sia rivolta particolare attenzione agli strati con resistenza pi
bassa. Ci pu richiedere l'analisi di superfici di rottura non circolari.
(7) In materiali caratterizzati dalla presenza di giunti, comprese le rocce molto dure e i
terreni stratificati o fessurati, la forma della superficie di rottura pu essere, in parte
o interamente, governata dalle discontinuit. In questo caso si raccomanda
generalmente di eseguire un'analisi tridimensionale con il metodo dei cunei.
(8) Si raccomanda che pendii esistenti in cui lo scorrimento si gi verificato in passato
e a rischio di riattivazione, siano analizzati considerando sia superfici di rottura
circolari sia non circolari. I coefficienti parziali che vengono in genere utilizzati per
analisi di stabilit globale potrebbero non essere adatti.
(9) Se la superficie di rottura non pu essere assunta come bidimensionale, si
raccomanda di considerare l'utilizzo di superfici di rottura tridimensionali.
(10) Nell'analisi di un pendio si raccomanda di verificare il momento globale e la stabilit
verticale della massa soggetta a scorrimento. Se si utilizza un metodo per fasce e
non viene considerato l'equilibrio in direzione orizzontale, si raccomanda che le
forze che si scambiano le fasce siano prese orizzontali.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 95
UNI EN 1997-1:2005
(11)P Nei casi in cui potrebbe verificarsi una rottura composita che coinvolge elementi
strutturali e sottosuolo, si deve considerare l'interazione terreno-struttura tenendo
conto delle diverse rigidezze delle varie parti. Tali casi comprendono superfici di
rottura che intersecano elementi strutturali quali pali e pareti flessibili.
(12) Dal momento che nella valutazione della peggiore superficie di scorrimento non
possibile distinguere tra carichi dovuti alla gravit favorevoli e sfavorevoli, si
raccomanda di considerare ogni incertezza riguardo al peso dell'unit di volume del
terreno, applicando i suoi valori caratteristici superiore ed inferiore.
(13)P Con il progetto si deve dimostrare che la deformazione del sottosuolo sotto le azioni
di progetto dovute a deformazioni viscose o a assestamenti generalizzati dell'area,
non diano luogo a danni inammissibili a strutture o infrastrutture che ricadono sopra,
entro o nelle vicinanze del sito in questione.
11.5.2 Scarpate e tagli negli ammassi rocciosi
(1)P Deve essere verificata la stabilit di scarpate e tagli negli ammassi rocciosi, nei
confronti di meccanismi di rottura di traslazione e rotazione, che interessano blocchi
di roccia isolati o ampie porzioni dell'ammasso roccioso, anche nei confronti di
cadute di massi. Si deve prestare particolare attenzione alla pressione indotta
dall'acqua di filtrazione racchiusa nei giunti e nelle fessure.
(2)P Le analisi di stabilit devono essere basate su una conoscenza affidabile della
geometria delle discontinuit che intersecano l'ammasso roccioso e della resistenza
al taglio della roccia intatta e lungo le discontinuit.
(3) Si raccomanda di tenere in considerazione il fatto che la rottura di scarpate e tagli in
ammassi rocciosi compatti, aventi un andamento delle discontinuit ben definito,
implica in genere:
- scorrimento di blocchi o cunei di roccia;
- ribaltamento di blocchi o lastre;
- una combinazione di ribaltamento e scorrimento,
in funzione dell'orientazione della superficie del pendio rispetto a quella delle
discontinuit.
(4) Si raccomanda di considerare che la rottura di scarpate e tagli in ammassi rocciosi
intensamente fessurati ed in rocce tenere e terreni cementati, si pu sviluppare
lungo superfici di scorrimento circolari o quasi circolari che attraversano settori di
roccia intatta.
(5) Si raccomanda che lo scorrimento di blocchi isolati e cunei sia in genere evitato
riducendo l'angolo di inclinazione del pendio attraverso berme ed installando
ancoraggi, bulloni e drenaggi interni. Si raccomanda che nello scavo di pendii
artificiali lo scorrimento sia evitato scegliendo la direzione e l'orientamento della
superficie del pendio in modo che il movimento di blocchi isolati sia cinematicamente
impossibile.
(6) Per impedire rotture per ribaltamento si raccomanda generalmente di adottare
ancoraggi o bullonature e drenaggi interni.
(7) Quando si considera la stabilit a lungo termine di scarpate e tagli, si raccomanda di
tenere in considerazione gli effetti dannosi della vegetazione e degli agenti
ambientali o inquinanti sulla resistenza al taglio lungo le discontinuit e sulla
resistenza della roccia intatta.
(8) Nel caso di ammassi rocciosi fortemente fratturati in scarpate ripide o pendii
suscettibili a fenomeni di ribaltamento, distacco, disgregazione e spandimento, si
raccomanda di analizzare sempre l'eventualit di cadute di massi.
(9) Nei casi in cui non sia possibile adottare provvedimenti affidabili per prevenire
totalmente la caduta di massi, si raccomanda di prevedere lutilizzo di reti, barriere o
altri dispositivi idonei a trattenere la roccia in caduta.
(10) Si raccomanda che il progetto di provvedimenti per trattenere blocchi di roccia e
detriti che cadono da una scarpata di roccia, si basi su un'indagine approfondita
delle traiettorie possibili per il materiale in caduta.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 96
UNI EN 1997-1:2005
11.5.3 Stabilit di scavi
(1)P Si deve verificare la stabilit globale del sottosuolo nelle vicinanze di uno scavo, con
riferimento anche al materiale di risulta, le strutture pre-esistenti, le strade ed i servizi
(vedere Sezione 9).
(2)P Si deve verificare la stabilit del fondo di uno scavo in relazione alle pressioni
interstiziali di progetto nel sottosuolo. Per l'analisi della rottura legata a fenomeni
idraulici vedere Sezione 10.
(3)P Si deve considerare il sollevamento del fondo di scavi profondi dovuto allo scarico.
11.6 Progetto allo stato limite di esercizio
(1)P Il progetto deve dimostrare che la deformazione del sottosuolo non dia luogo ad uno
stato limite di esercizio nelle strutture e infrastrutture che gravano o si trovano nelle
vicinanze del sito considerato.
(2) Si raccomanda di considerare la subsidenza del sottosuolo dovuta alle seguenti
cause:
- variazione delle condizioni dell'acqua del sottosuolo e delle corrispondenti
pressioni interstiziali;
- deformazioni viscose a lungo termine in condizioni drenate;
- diminuzione di volume di strati profondi ad alta solubilit;
- lavori minerari o analoghi, per esempio estrazione di gas.
(3) Dal momento che i metodi analitici e numerici attualmente disponibili in genere non
riescono a fornire previsioni attendibili per la deformazione di un pendio naturale, si
raccomanda che il raggiungimento di stati limite di esercizio sia evitato attraverso
uno dei seguenti metodi:
- limitando la resistenza al taglio mobilitata;
- osservando gli spostamenti e indicando provvedimenti per ridurli o arrestarli, se
necessario.
11.7 Monitoraggio
(1)P Si deve effettuare il monitoraggio del sottosuolo, utilizzando idonee attrezzature se:
- non possibile dimostrare, attraverso calcoli o mediante prescrizioni, che il
raggiungimento degli stati limite di cui al punto 11.2 sia sufficientemente
improbabile;
- le ipotesi formulate per i calcoli non si basano su dati affidabili.
(2) Si raccomanda che il monitoraggio sia programmato in modo da fornire informazioni su:
- livelli di acqua del sottosuolo o pressioni interstiziali nel sottosuolo medesimo, in
modo che si possano effettuare o verificare analisi in termini di sforzi efficaci;
- spostamenti laterali e verticali del sottosuolo, allo scopo di prevedere ulteriori
deformazioni;
- profondit e forma della superficie di scorrimento in una frana attiva, in modo da
poter ricavare i parametri di resistenza del terreno per la progettazione di opere
di stabilizzazione;
- velocit di spostamento, allo scopo di avvisare di un pericolo imminente; in tali
casi, pu essere opportuno lutilizzo di dispositivi digitali con lettura strumentale
a distanza, o di un sistema di allarme a distanza.
SEZIONE 12 RILEVATI
12.1 Generalit
(1)P Le disposizioni della presente sezione si devono riferire ai rilevati per piccole dighe
e per infrastrutture.
(2) Per la posa in opera e la compattazione di riempimenti si raccomanda di adottare le
disposizioni di cui alla Sezione 5.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 97
UNI EN 1997-1:2005
12.2 Stati limite
(1)P Gli stati limite da verificare per il progetto del rilevato si devono elencare in
un'apposita lista.
(2) Si raccomanda di verificare i seguenti stati limite:
- instabilit globale;
- rottura locale lungo la scarpata o alla sommit del rilevato;
- rottura dovuta a erosione interna;
- rottura dovuta a erosione superficiale o scalzamento;
- deformazioni nel rilevato che conducono alla perdita di funzionalit, per esempio
cedimenti eccessivi o fratture;
- cedimenti e deformazioni viscose che conducono a danni o perdita di
funzionalit in strutture o infrastrutture di servizio adiacenti;
- deformazioni eccessive nelle zone di transizione, per esempio il rilevato di
accesso di una spalla da ponte;
- perdita di funzionalit di aree di traffico a causa di eventi climatici quali cicli di
gelo-disgelo o forte essiccamento;
- deformazioni viscose nei pendii durante il periodo di gelo e disgelo;
- degrado del materiale grossolano a causa di elevati carichi di traffico;
- deformazioni dovute ad azioni idrauliche;
- variazioni delle condizioni ambientali, quali inquinamento delle acque di
superficie o del sottosuolo, rumori o vibrazioni.
12.3 Azioni e situazioni di progetto
(1) Nella scelta delle azioni per il calcolo degli stati limite, si raccomanda di considerare
l'elenco riportato al punto 2.4.2.(4).
(2) Per ottenere le azioni che i rilevati esercitano su strutture adiacenti o su eventuali
parti rinforzate del sottosuolo, si raccomanda di considerare le differenze tra le
rispettive rigidezze.
(3)P Le situazioni di progetto si devono scegliere in conformit al punto 2.2.
(4)P Inoltre, se pertinenti, si devono considerare le seguenti situazioni di progetto particolari:
- gli effetti del processo di costruzione, come per esempio scavi nelle vicinanze
del rilevato e vibrazioni dovute a esplosioni, battitura di pali o per lutilizzo di
attrezzature pesanti;
- gli effetti di strutture che sono realizzate sul rilevato o nelle sue vicinanze;
- l'erosione prodotta da tracimazione, ghiaccio, onde e pioggia sulle scarpate e
sulla sommit;
- effetti della temperatura quali il ritiro.
(5)P Il livello di progetto dell'acqua libera sulla scarpata di valle del rilevato ed il livello di
acqua del sottosuolo di progetto, o loro combinazione, devono essere basati su dati
idrologici disponibili in modo da ricavare le condizioni pi sfavorevoli che potrebbero
verificarsi nella particolare situazione di progetto. Si deve tenere conto
dell'eventualit di rottura di drenaggio, filtri o dispositivi di tenuta.
(6) Per rilevati lungo corsi d'acqua si raccomanda di considerare le condizioni idrauliche
pi sfavorevoli. Queste, generalmente, sono la condizione di filtrazione stazionaria
con il livello pi alto possibile per l'acqua del sottosuolo, e l'abbassamento rapido del
livello dell'acqua libera.
(7)P Nel ricavare le distribuzioni di progetto della pressione interstiziale, si deve tenere
conto di possibili anisotropie ed eterogeneit del terreno.
(8)P Quando si progetta il rilevato con riferimento ai cedimenti, si deve considerare la
diminuzione degli sforzi efficaci nel sottosuolo causata dalla immersione della crosta
essiccata o del riempimento.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 98
UNI EN 1997-1:2005
12.4 Considerazioni di progetto ed aspetti costruttivi
(1)P I rilevati devono essere progettati tenendo conto di esperienze acquisite con rilevati
su terreni simili e costituiti da materiale di riempimento simile.
(2)P Nella valutazione del piano di fondazione per un rilevato, se applicabile, deve essere
opportunamente considerato quanto segue:
- raggiungere uno strato portante idoneo, o adottare provvedimenti di
stabilizzazione quando ci non fattibile;
- fornire una protezione sufficiente nei confronti di effetti climatici sfavorevoli per la
capacit portante del terreno;
- il livello di falda relativamente al drenaggio del rilevato;
- evitare effetti sfavorevoli su strutture e infrastrutture di servizio adiacenti;
- raggiungere strati con permeabilit adeguatamente bassa.
(3) Nel progetto di rilevati si raccomanda di garantire che:
- la capacit portante del piano di appoggio sia adeguata;
- il drenaggio dei vari strati di riempimento sia adeguato;
- la permeabilit del materiale di riempimento nelle dighe o argini sia bassa
quanto necessario;
- sia indicato lutilizzo di filtri o geosintetici, quando necessario, per soddisfare i
criteri di filtro;
- il materiale di riempimento sia specificato in base ai criteri di cui al punto 5.3.2.
(4)P Per rilevati su terreni con bassa resistenza ed elevata compressibilit, deve essere
espressamente indicata la sequenza costruttiva, in modo da garantire che non
venga superata la capacit portante e che non si verifichino cedimenti o spostamenti
eccessivi in corso d'opera (vedere punto 5.3.3(2)P).
(5) Quando un rilevato su terreno compressibile costruito per strati, si raccomanda di
specificare le misurazioni piezometriche per garantire che le pressioni interstiziali si
siano dissipate fino a valori sufficientemente bassi, prima che sia messo in opera lo
strato di riempimento successivo.
(6)P Per rilevati che devono contenere acqua a livelli diversi, il piano di posa si deve
scegliere in relazione alla permeabilit del sottosuolo, oppure si devono adottare
provvedimenti tali da rendere l'opera impermeabile.
(7) Se viene prescritto un miglioramento del sottosuolo, si raccomanda che il volume di
terreno a cui applicato tale miglioramento sia progettato con una estensione
superficiale adeguata per evitare deformazioni dannose.
(8) Quando si determina il peso del rilevato, a partire dal peso dell'unit di volume del
materiale di riempimento (vedere punto 3.3.3), si raccomanda di prestare particolare
attenzione affinch nelle relative prove siano comprese anche le particelle di
riempimento di dimensione >20 mm, fino a 60 mm. Queste vengono spesso escluse
ma possono avere un effetto notevole sul peso dell'unit di volume.
(9)P Le superfici delle scarpate di un rilevato esposte a fenomeni erosivi devono essere
protette. Se in progetto sono previste delle berme, deve essere prescritto un
dispositivo di drenaggio per ogni berma.
(10) Si raccomanda che le scarpate siano impermeabilizzate durante la costruzione del
rilevato, e successivamente piantumate dove opportuno.
(11) Per rilevati soggetti a traffico veicolare, si raccomanda di evitare la formazione di
ghiaccio sulla superficie della pavimentazione. La capacit termica di una
pavimentazione su uno strato isolante o su un riempimento in materiale alleggerito,
pu gi essere sufficiente a questo scopo.
(12) Si raccomanda che la profondit di formazione di gelo sulla sommit di un rilevato in
terra sia limitata ad un livello opportuno.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 99
UNI EN 1997-1:2005
(13) Nel progetto delle scarpate di un rilevato si raccomanda di considerare che, durante
i cicli di gelo e disgelo, si possono verificare spostamenti dovuti a deformazioni
viscose nelle scarpate, a prescindere dalla stabilit del pendio in condizioni asciutte.
Questo particolarmente importante nelle zone di transizione, per esempio in
corrispondenza di una spalla da ponte.
12.5 Progetto allo stato limite ultimo
(1)P Nell'analisi della stabilit dell'intero rilevato o di una sua parte, si devono considerare
tutti i possibili meccanismi di rottura, come specificato nella Sezione 11.
(2) Poich i rilevati vengono spesso realizzati in pi fasi, con diverse condizioni di
carico, si raccomanda di eseguire l'analisi fase per fase, e le conseguenti specifiche
costruttive devono essere indicate nella Relazione Geotecnica di Progetto.
(3)P Nei casi in cui vengano utilizzati materiali di riempimento leggeri quali il polistirolo
espanso, l'argilla espansa o il calcestruzzo leggero, si deve considerare la possibilit
che si verifichi un effetto di galleggiamento (vedere Sezione 10).
(4)P Per le analisi di rilevati costituiti da materiali di riempimento diversi si devono
assumere valori di resistenza per i vari materiali determinati a deformazioni
congruenti.
(5) Laddove un rilevato venga attraversato da strade o corsi d'acqua, si raccomanda di
prestare particolare attenzione alla interazione spaziale dei diversi elementi
strutturali.
(6) Nell'analisi della stabilit di terreni su cui sono stati eseguiti interventi di
consolidamento, si raccomanda di considerare l'effetto della procedura di
consolidamento, per esempio il disturbo di argille sensibili tenere. Poich l'effetto del
miglioramento funzione del tempo, si raccomanda di non prenderlo in
considerazione finch non sia stata raggiunta una condizione stazionaria.
(7)P Per evitare stati limite ultimi dovuti a erosione superficiale, erosione interna o
pressione idraulica, si devono soddisfare le disposizioni di cui alle Sezioni 10 e 11.
12.6 Progetto allo stato limite di esercizio
(1)P Con il progetto si deve dimostrare che le deformazioni nel rilevato non diano luogo
ad uno stato limite di esercizio nel rilevato o in strutture, infrastrutture viarie o servizi,
che ricadono sopra, entro o nelle vicinanze del rilevato stesso.
(2) Si raccomanda che il cedimento di un rilevato su terreno compressibile sia calcolato
utilizzando i principi di cui al punto 6.6.1. Si raccomanda di rivolgere particolare
attenzione alla dipendenza dei cedimenti dal tempo, sia a causa della
consolidazione sia di effetti secondari.
(3) Si raccomanda di considerare le possibili deformazioni indotte da variazioni nelle
condizioni dellacqua del sottosuolo.
(4) Nei casi in cui non sia facile prevedere l'entit delle deformazioni, si raccomanda di
considerare i metodi del precarico o dei rilevati di prova, specialmente quando si
intende evitare il raggiungimento di stati limite di esercizio.
12.7 Supervisione e monitoraggio
(1)P La supervisione ed il monitoraggio dei rilevati devono seguire le disposizioni di cui
alla sezione 4.
(2) Per i rilevati il monitoraggio si effettua al verificarsi di una o pi delle seguenti
situazioni:
- quando si applica il metodo osservazionale (vedere punto 2.7);
- quando la stabilit di un rilevato con funzione di diga dipende in gran parte dal
regime di pressioni interstiziali all'interno e al di sotto del rilevato stesso;
- quando sia richiesto di registrare gli effetti inquinanti del riempimento o del traffico;
- quando sia richiesto il controllo degli effetti sfavorevoli su strutture o servizi;
- quando l'erosione superficiale rappresenta un rischio consistente.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 100
UNI EN 1997-1:2005
(3)P Nei casi in cui sia previsto un programma di supervisione e monitoraggio, il progettista
lo deve riportare nella Relazione Geotecnica di Progetto (vedere punto 2.8). Deve
essere specificato che i dati registrati durante il monitoraggio si raccomanda che siano
valutati e che di conseguenza siano intraprese azioni secondo le necessit.
(4) Si raccomanda che un programma di monitoraggio per un rilevato comprenda la
registrazione dei seguenti dati:
- misurazioni delle pressioni interstiziali all'interno e al di sotto del rilevato;
- misurazioni dei cedimenti dell'intero rilevato o di parte di esso e delle strutture
influenzate;
- misurazioni degli spostamenti orizzontali;
- verifiche circa i parametri di resistenza del materiale di riempimento durante la
costruzione;
- analisi chimiche effettuate prima, durante e dopo la costruzione, quando
richiesta la tenuta sotto controllo dell'inquinamento;
- osservazioni riguardo la protezione dall'erosione;
- verifiche circa la permeabilit del materiale di riempimento e del terreno di
fondazione durante la costruzione;
- profondit di formazione del ghiaccio sulla sommit di un rilevato.
(5) Si raccomanda che la costruzione di rilevati su terreni teneri a bassa permeabilit sia
monitorata e tenuta sotto controllo attraverso misurazioni di pressione interstiziale
negli strati teneri e misurazioni dei cedimenti del riempimento.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 101
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE A COEFFICIENTI PARZIALI E FATTORI DI CORRELAZIONE PER GLI STATI LIMITE
(normativa) ULTIMI E VALORI RACCOMANDATI
A.1 Coefficienti parziali e fattori di correlazione
(1)P I coefficienti parziali per gli stati limite ultimi in situazioni di progetto permanenti e
transitorie, ed ai fattori di correlazione per fondazioni su pali in tutte le situazioni di
progetto devono essere quelli menzionati nella presente appendice.
A.2 Coefficienti parziali per la verifica allo stato limite di equilibrio (EQU)
(1)P Nella verifica allo stato limite di equilibrio (EQU) si devono applicare i seguenti
coefficienti parziali
F
sulle azioni:
-
G;dst
sulle azioni permanenti sfavorevoli destabilizzanti;
-
G;stb
sulle azioni permanenti favorevoli stabilizzanti;
-
Q;dst
sulle azioni variabili sfavorevoli destabilizzanti;
-
Q;stb
sulle azioni variabili favorevoli stabilizzanti.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
G;dst
,
G;stb
,
Q;dst
e
Q;stb
per lutilizzo in un particolare Paese, si possono
trovare nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per le costruzioni nella
EN 1990:2002 sono riportati nel prospetto A.1.
prospetto A.1 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
)
(2)P Nella verifica allo stato limite di equilibrio (EQU), quando si considerano resistenze
allo scorrimento, anche se minime, si devono applicare i seguenti coefficienti parziali

M
sui parametri del terreno:
-
'
sulla tangente dell'angolo di resistenza al taglio;
-
c'
sulla coesione efficace;
-
cu
sulla resistenza al taglio non drenata;
-
qu
sulla resistenza non confinata;
-

sul peso dell'unit di volume.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
'
,
c'
,
cu
,
qu
e

per lutilizzo in un particolare Paese, si possono trovare


nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati sono riportati nel prospetto A.2.
prospetto A.2 Coefficienti parziali sui parametri del terreno (
M
)
Azione Simbolo Valore
Permanente
Sfavorevole
a)
Favorevole
b)

G;dst

G;stb
1,1
0,9
Variabile
Sfavorevole
a)
Favorevole
b)

Q;dst

Q;stb
1,5
0
a) Destabilizzante.
b) Stabilizzante.
Parametro del terreno Simbolo Valore
Angolo di resistenza al taglio
a)

1,25
Coesione efficace
c
1,25
Resistenza al taglio non drenata
cu
1,4
Resistenza non confinata
qu
1,4
Peso dell'unit di volume

1,0
a) Questo coefficiente si applica a tan '.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 102
UNI EN 1997-1:2005
A.3 Coefficienti parziali per la verifica agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico (GEO)
A.3.1 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
) o sugli effetti delle azioni (
E
)
(1)P Nella verifica agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico (GEO), si deve adottare
l'insieme A1 o l'insieme A2 dei seguenti coefficienti parziali sulle azioni (
F
) o sugli
effetti delle azioni (
E
):
-
G
sulle azioni permanenti sfavorevoli o favorevoli;
-
Q
sulle azioni variabili sfavorevoli o favorevoli.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
G
e
Q
per lutilizzo in un particolare, Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla EN 1990:2002. I valori raccomandati per le costruzioni nella EN 1990:2002,
per i due insiemi A1 e A2 sono riportati, nel prospetto A.3.
prospetto A.3 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
) o sugli effetti delle azioni (
E
)
A.3.2 Coefficienti parziali per i parametri del terreno (
M
)
(1)P Nella verifica agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico (GEO), si deve adottare
l'insieme M1 o l'insieme M2 dei seguenti coefficienti parziali sui parametri del terreno (
M
):
-

sulla tangente dell'angolo di resistenza al taglio;
-
c
sulla coesione efficace;
-
cu
sulla resistenza al taglio non drenata;
-
qu
sulla resistenza non confinata;
-


sul peso dell'unit di volume.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
'
,
c'
,
cu
,
qu
e

per lutilizzo in un particolare Paese, si possono trovare


nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per i due insiemi M1 e M2 sono
riportati nel prospetto A.4.
prospetto A.4 Coefficienti parziali sui parametri del terreno (
M
)
A.3.3 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
)
A.3.3.1 Coefficienti parziali sulla resistenza per fondazioni superficiali
(1)P Per fondazioni superficiali e verifiche agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico
(GEO), si deve adottare l'insieme R1, R2 o R3 dei seguenti coefficienti parziali sulla
resistenza (
R
):
-
R;v
sulla resistenza portante;
-
R;h
sulla resistenza allo scorrimento.
Azione Simbolo Insieme
A1 A2
Permanente Sfavorevole

G

1,35 1,0
Favorevole 1,0 1,0
Variabile Sfavorevole

Q
1,5 1,3
Favorevole 0 0
Parametro del terreno Simbolo Insieme
M1 M2
Angolo di resistenza al taglio
a)

1,0 1,25
Coesione efficace
c
1,0 1,25
Resistenza al taglio non drenata
cu
1,0 1,4
Resistenza non confinata
qu
1,0 1,4
Peso dell'unit di volume

1,0 1,0
a) Questo coefficiente si applica a tan '.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 103
UNI EN 1997-1:2005
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
R;v
, e
R;h
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per i tre insiemi R1, R2 e R3 sono
riportati nel prospetto A.5.
prospetto A.5 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per fondazioni superficiali
A.3.3.2 Coefficienti parziali sulla resistenza per fondazioni su pali
(1)P Per fondazioni su pali e verifiche agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico
(GEO), si deve adottare l'insieme R1, R2, R3 o R4 dei seguenti coefficienti parziali
sulla resistenza (
R
):
-
b
sulla resistenza alla base;
-
s
sulla resistenza laterale per pali soggetti a compressione;
-
t
sulla resistenza totale/combinata per pali soggetti a compressione;
-
s;t
sulla resistenza laterale per pali soggetti a trazione.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
b
,
s
,
t
e
s;t
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per i quattro insiemi R1, R2, R3 e R4
sono riportati nel prospetto A.6 per pali infissi, nel prospetto A.7 per pali trivellati e nel prospetto A.8 per pali
trivellati ad elica continua (CFA).
prospetto A.6 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali infissi
prospetto A.7 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali trivellati
prospetto A.8 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pali trivellati ad elica continua
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3
Portanza
R;v
1,0 1,4 1,0
Scorrimento
R;h
1,0 1,1 1,0
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3 R4
Base
b
1,0 1,1 1,0 1,3
Laterale (compressione)
s
1,0 1,1 1,0 1,3
Totale/combinata (compressione)
t
1,0 1,1 1,0 1,3
Laterale in trazione
s;t
1,25 1,15 1,1 1,6
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3 R4
Base
b
1,25 1,1 1,0 1,6
Laterale (compressione)
s
1,0 1,1 1,0 1,3
Totale/combinata (compressione)
t
1,15 1,1 1,0 1,5
Laterale in trazione
s;t
1,25 1,15 1,1 1,6
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3 R4
Base
b
1,1 1,1 1,0 1,45
Laterale (compressione)
s
1,0 1,1 1,0 1,3
Totale/combinata (compressione)
t
1,1 1,1 1,0 1,4
Laterale in trazione
s;t
1,25 1,15 1,1 1,6
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 104
UNI EN 1997-1:2005
A.3.3.3 Fattori di correlazione per fondazioni su pali
(1)P Nelle verifiche agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico (GEO), si devono
applicare i seguenti fattori di correlazione per ricavare la resistenza caratteristica di
pali soggetti a carico assiale:
-
1
sui valori medi delle resistenze misurate in prove di carico statiche;
-
2
sul valore minimo delle resistenze misurate in prove di carico statiche;
-
3
sui valori medi delle resistenze calcolate da risultati di prove sul sottosuolo;
-
4
sul valore minimo delle resistenze calcolate da risultati di prove sul sottosuolo;
-
5
sui valori medi delle resistenze misurate in prove di carico dinamiche;
-
6
sul valore minimo delle resistenze misurate in prove di carico dinamiche.
Nota I valori da assegnare ai fattori
1
,
2
,
3
,
4
,
5
e
6
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono
trovare nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati sono riportati nel
prospetto A.9, nel prospetto A.10 e nel prospetto A.11.
prospetto A.9 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da prove di carico statiche su pali
(n - numero di pali sottoposti a prova)
prospetto A.10 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da risultati di prove sul sottosuolo
(n - numero di profili di prova)
prospetto A.11 Fattori di correlazione per ricavare i valori caratteristici da prove dimpatto dinamiche
a) b) c) d) e)
(n - numero di pali sottoposti a prova)
A.3.3.4 Coefficienti parziali sulla resistenza per ancoraggi pretensionati
(1)P Per ancoraggi pretensionati e verifiche agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico
(GEO), si deve adottare l'insieme R1, R2, R3 o R4 dei seguenti coefficienti parziali
sulla resistenza (
R
):
-
a;t
su ancoraggi temporanei;
-
a;p
su ancoraggi permanenti.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
a;t
e
a;p
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per i quattro insiemi R1, R2, R3 e R4
sono riportati nel prospetto A.12.
per n = 1 2 3 4 >5

1
1,40 1,30 1,20 1,10 1,00

2
1,40 1,20 1,05 1,00 1,00
per n = 1 2 3 4 5 7 10

3
1,40 1,35 1,33 1,31 1,29 1,27 1,25

4
1,40 1,27 1,23 1,20 1,15 1,12 1,08
per n =
>2
>5 >10 >15 >20

5
1,60 1,50 1,45 1,42 1,40

6
1,50 1,35 1,30 1,25 1,25
a) I valori di nel prospetto sono validi per prove dinamiche dimpatto.
b) I valori di si possono moltiplicare per un coefficiente di modello pari a 0,85 quando si utilizzano prove dinamiche
dimpatto con analisi del segnale.
c) Si raccomanda di moltiplicare i valori di per un coefficiente di modello pari a 1,10 quando si utilizza una formula per
la battitura del palo e si misura lo spostamento quasi-elastico della testa durante l'impatto.
d) I valori di si devono moltiplicare per un coefficiente di modello pari a 1,20 quando si utilizza una formula per la
battitura del palo e non si misura lo spostamento quasi-elastico della testa durante l'impatto.
e) Se nella fondazione esistono pali diversi, nella scelta del numero n di pali sottoposti a prova, si raccomanda di
considerarli gruppi di pali simili separatamente.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 105
UNI EN 1997-1:2005
prospetto A.12 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per ancoraggi pretensionati
A.3.3.5 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per strutture di sostegno
(1)P Per strutture di sostegno e verifiche agli stati limite strutturale (STR) e geotecnico
(GEO), si deve adottare l'insieme R1, R2 o R3 dei seguenti coefficienti parziali sulla
resistenza (
R
):
-
R;v
sulla capacit portante;
-
R;h
sulla resistenza allo scorrimento;
-
R;e
sulla resistenza del terreno.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
R;v
,
R;h
e
R;e
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare
nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati per i tre insiemi R1, R2 e R3
sono riportati nel prospetto A.13.
prospetto A.13 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per strutture di sostegno
A.3.3.6 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pendii e stabilit globale
(1)P Per l'analisi di pendii e di problemi di stabilit globale e verifiche agli stati limite
strutturale (STR) e geotecnico (GEO), si deve adottare un coefficiente parziale sulla
resistenza del terreno (
R;e
).
Nota Il valore da assegnare al coefficiente
R;e
per l'impiego in un particolare Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla presente norma. Il valore raccomandato per i tre insiemi R1, R2 e R3
riportato nel prospetto A.14.
prospetto A.14 Coefficienti parziali sulla resistenza (
R
) per pendii e stabilit globale
A.4 Coefficienti parziali per le verifiche allo stato limite di sollevamento (UPL)
(1)P Per la verifica allo stato limite di sollevamento (UPL) si devono applicare i seguenti
coefficienti parziali sulle azioni (
F
):
-
G;dst
sulle azioni permanenti sfavorevoli destabilizzanti;
-
G;stb
sulle azioni permanenti favorevoli stabilizzanti;
-
Q;dst
sulle azioni variabili sfavorevoli destabilizzanti.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
G;dst
,
G;stb
e
Q;dst
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare nella
relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati sono riportati nel prospetto A.15.
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3 R4
Temporanei
a;t
1,1 1,1 1,0 1,1
Permanenti
a;p
1,1 1,1 1,0 1,1
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3
Capacit portante
R;v
1,0 1,4 1,0
Resistenza allo scorrimento
R;h
1,0 1,1 1,0
Resistenza del terreno
R;e
1,0 1,4 1,0
Resistenza Simbolo Insieme
R1 R2 R3
Resistenza del terreno.
R;e
1,0 1,1 1,0
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 106
UNI EN 1997-1:2005
prospetto A.15 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
)
(2)P Nella verifica allo stato limite di sollevamento (UPL), quando si considerano
resistenze, si devono applicare i seguenti coefficienti parziali:
-
'
sulla tangente dell'angolo di resistenza al taglio;
-
c'
sulla coesione efficace;
-
cu
sulla resistenza al taglio non drenata;
-
s;t
sulla resistenza a trazione dei pali;
-
a
sulla resistenza dell'ancoraggio.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti

,
c
,
cu
,
s;t
e
a
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare
nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati sono riportati nel prospetto A.16.
prospetto A.16 Coefficienti parziali sui parametri del terreno e sulle resistenze
A.5 Coefficienti parziali per la verifica allo stato limite di sollevamento (HYD)
(1)P Nella verifica allo stato limite di sollevamento (HYD) si devono applicare i seguenti
coefficienti parziali sulle azioni (
F
):
-
G;dst
sulle azioni permanenti sfavorevoli destabilizzanti;
-
G;stb
sulle azioni permanenti favorevoli stabilizzanti;
-
Q;dst
sulle azioni variabili sfavorevoli destabilizzanti.
Nota I valori da assegnare ai coefficienti
G;dst
,
G;stb
e
Q;dst
per l'utilizzo in un particolare Paese, si possono trovare
nella relativa appendice nazionale alla presente norma. I valori raccomandati sono riportati nel prospetto A.17.
prospetto A.17 Coefficienti parziali sulle azioni (
F
)
Azione Simbolo Valore
Permanente
Sfavorevole
a)
Favorevole
b)

G;dst

G;stb

1,0
0,9
Variabile
Sfavorevole
a)

Q;dst
1,5
a) Destabilizzante.
b) Stabilizzante.
Parametro del terreno Simbolo Valore
Angolo di resistenza al taglio
a)

1,25
Coesione efficace
c
1,25
Resistenza al taglio non drenata
cu
1,40
Resistenza a trazione dei pali
st
1,40
Resistenza dell'ancoraggio
a
1,40
a) Questo coefficiente si applica a tan '.
Azione Simbolo Valore
Permanente
Sfavorevole
a)
Favorevole
b)

G;dst

G;stb

1,35
0,90
Variabile
Sfavorevole
a)

Q;dst

1,50
a) Destabilizzante.
b) Stabilizzante.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 107
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE B INFORMAZIONI DI SUPPORTO SUI COEFFICIENTI PARZIALI PER GLI APPROCCI DI
(informativa) PROGETTO 1, 2 E 3
B.1 Generalit
(1) Per gli stati limite di tipo STR e GEO, in situazioni permanenti e transitorie, sono
delineati al punto 2.4.7.3.4 tre Approcci di Progetto. Essi differiscono per il modo in
cui applicano i coefficienti parziali delle azioni, degli effetti delle azioni, delle
propriet dei materiali e delle resistenze. Ci in parte dovuto alla diversit nel
modo in cui si tiene conto delle incertezze nella modellazione degli effetti delle azioni
e delle resistenze.
(2) Nell'Approccio di Progetto 1, per tutte le progettazioni le verifiche sono richieste, in
linea di principio, per due insiemi di coefficienti, da utilizzarsi separatamente, in due
calcoli distinti. Laddove risulti ovvio che uno di questi insiemi governa il progetto, non
necessario effettuare i calcoli per l'altro insieme. In genere, i coefficienti vengono
applicati sulle azioni, piuttosto che sugli effetti delle azioni, seppure con una
eccezione [punto 2.4.7.3.2(2)]. In molti casi i coefficienti si applicano ai parametri del
terreno, ma per il progetto di pali e ancoraggi si applicano alle resistenze.
(3) Negli Approcci di Progetto 2 e 3 richiesto un calcolo unico per ogni parte di un
progetto, e il modo in cui sono applicati i coefficienti varia in funzione del calcolo
considerato.
(4) Nell'Approccio di Progetto 2 i coefficienti si applicano o alle azioni o agli effetti delle
azioni e alle resistenze.
(5) Nell'Approccio di Progetto 3 i coefficienti si applicano alle azioni o agli effetti delle
azioni trasmesse dalla struttura e ai parametri di resistenza del terreno (parametri
del materiale).
B.2 Coefficienti sulle azioni e sugli effetti delle azioni
(1) La EN 1990:2002 afferma che
f
un coefficiente parziale per una azione e tiene
conto dell'eventualit di divergenze sfavorevoli del valore dell'azione dal suo valore
caratteristico. Analogamente
S;d
un coefficiente parziale che tiene conto delle
incertezze nella modellazione delle azioni e nella modellazione degli effetti delle
azioni.
(2) La EN 1990:2002 permette di combinare i coefficienti
S;d
e
f
in un unico coefficiente
che moltiplica F
k
:

F
=
S;d

f
(B.1)
(3) I vari approcci della EN 1997-1 richiedono di applicare coefficienti o sulle azioni o
sugli effetti delle azioni. Dal momento che i coefficienti sul modello
S;d
per azioni
trasmesse dal sottosuolo sono utilizzati solo in via eccezionale, e la loro
determinazione quindi demandata ai singoli paesi, per semplicit, nel progetto
geotecnico il simbolo
F
viene sempre adottato per le azioni e il simbolo
E
per gli
effetti delle azioni (vedere appendice A, prospetti A.1 e A.3).
In questo modo le autorit nazionali possono scegliere valori alternativi per la
combinazione
S;d

f
(4) Le equazioni (2.6a) e (2.6b) comprendono X
k
/
M
nel calcolo delle azioni, in quanto,
in alcuni casi, le propriet del materiale costituente il sottosuolo possono influenzare
i valori delle azioni geotecniche.
(5) Nell'Approccio di Progetto 1 sono richieste le verifiche per due combinazioni di
insiemi di coefficienti, applicati in due calcoli separati.
Nella Combinazione 1, vengono in genere applicati alle azioni coefficienti diversi da
1, mentre sugli effetti delle azioni si applicano coefficienti uguali a 1. Cos nelle
equazioni (2.6a) e (2.6b) sono applicati
F
= 1 e
E
= 1.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 108
UNI EN 1997-1:2005
Una eccezione a questo si nota nel punto 2.4.7.3.2(2): nei casi in cui non sarebbe
fisicamente ragionevole applicare
F
= 1 (esempio: serbatoio con livello fisso del
fluido), allora si adottano
F
=1 e
E
= 1.
Nella Combinazione 2, si adotta sempre
E
= 1, con
F
= 1 solo per azioni variabili.
Cos, ad eccezione di quanto si nota nel punto 2.4.7.3.2(2), per l'Approccio di
Progetto 1 l'equazione (2.6a) si applica a:
(B.2)
(6) Nell'Approccio di Progetto 2 richiesto un unico calcolo per ogni parte di un
progetto, e il modo in cui i coefficienti vengono applicati, o alle azioni o agli effetti
delle azioni, dipende dal calcolo considerato e viene stabilito in base alle disposizioni
nazionali.
Si applicano o
E
= 1 e
F
= 1, oppure
F
= 1 e
E
= 1. Poich
M
= 1, le equazioni (2.6a)
e (2.6b) si riducono alla:
, oppure, (B.3.1)
(B.3.2)
(7) Nell'Approccio di Progetto 3 richiesto un calcolo unico. Tuttavia, in questo
Approccio di Progetto si distinguono azioni F
rep
che derivano dalla struttura e azioni
che derivano o vengono trasmesse attraverso il sottosuolo, che dipendono da X
k.
Si
applicano o
E
= 1 e
F
= 1, oppure
E
= 1 e
F
= 1. Cos le equazioni (2.6a) e (2.6b)
rimangono:
, oppure, (B.4.1)
(B.4.2)
B.3 Coefficienti sui parametri di resistenza e sulla resistenza
(1) L'equazione (6.6) della EN 1990:2002 e l'equazione (2.7c) della EN 1997-1 si
equivalgono:
(EN 1990:2002, equazione 6.6) (B.5.1)
, (EN 1997-1, equazione 2.7c) (B.5.2)
(2) Si precisa che le equazioni (2.7a), (2.7b) e (2.7c) della EN 1997-1 comprendono
F
F
rep
nel calcolo delle resistenze di progetto in quanto il valore delle azioni pu in alcuni casi
influire sui valori delle resistenze geotecniche, per esempio capacit portante di una
fondazione superficiale.
(3) Nella EN 1997-1 il valore del fattore di conversione q si assume pari a 1,0 in quanto si
definiscono come dei materiali quelle relative alla situazione in sito, comprendendo
perci q nel valore caratteristico.
(4) I diversi approcci nella presente norma richiedono che i coefficienti siano applicati o
ai parametri di resistenza dei materiali (X) o alle resistenze (R). Tali coefficienti
rappresentano diverse combinazioni dei coefficienti sulle propriet dei materiali
m
e
dei coefficienti sul modello di resistenza (
R;d
). Per semplicit, i coefficienti applicati
ai parametri di resistenza dei materiali (X) sono indicati (
M
), mentre i coefficienti
applicati alle resistenze (R) sono indicati
R
.
(5) Nell'Approccio di Progetto 1 sono richieste verifiche relativamente a due calcoli
separati con due combinazioni di insiemi di coefficienti.
Nella Combinazione 1, si applicano coefficienti uguali a 1 alle resistenze ed ai
parametri di resistenza dei materiali. Cos nell'equazione (2.7c)
M
=
R
= 1.
Nella Combinazione 2, con l'eccezione di pali ed ancoraggi,
M
>1,
R
= 1.
E
d
E
F
F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ } =
E
d

E
E F
rep
;X
k
;a
d
{ } =
E
d
E
F
F
rep
;X
k
;a
d
{ } =
E
d
E
F
F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ } =
E
d

E
E F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ } =
R
d
1

R;d
---------R X
i:d
;a
d
{ }
1

R;d
---------R q
i
X
i:k

m;i
--------;a
d
)
`

= =
R
d
1

R
-----
F
F
rep
;
X
k

M
------;a
d
)
`

=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 109
UNI EN 1997-1:2005
Cos per la maggior parte dei casi, nell'Approccio di Progetto 1 si assume
l'equazione (2.7a):
(B.6.1.1)
D'altra parte, nella Combinazione 2, per pali ed ancoraggi si adottano
M
= 1 e
R
>1
nell'equazione (2.7b) e quindi:
(B.6.1.2)
(6) Nell'Approccio di Progetto 2 vengono in genere applicati coefficienti uguali a 1 sui
parametri di resistenza dei materiali, e coefficienti maggiori di 1 alle resistenze. Cos
nell'equazione (2.7b) si pone
M
= 1;
R
>1:
(B.6.2.1)
Quando si pone anche
F
= 1, l'equazione (2.7b) si applica nella forma:
(B.6.2.2)
(7) Nell'Approccio di Progetto 3 vengono in genere posti
M
>1 e
R
= 1. L'equazione
(2.7a) si applica nella forma:
(B.6.3.1)
D'altra parte, si precisa che sussiste talvolta la necessit di avere
R
>1 (per
esempio, pali soggetti a trazione), in modo che l'equazione (2.7a) si possa applicare
nella forma:
(B.6.3.2)
R
d
R
F
F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ } =
R
d
1

R
-----R
F
F
rep
;X
k
;a
d
{ } =
R
d
1

R
-----R
F
F
rep
;X
k
;a
d
{ } =
R
d
1

R
-----R F
rep
;X
k
;a
d
{ } =
R
d
R
F
F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ } =
R
d
R
F
F
rep
;X
k
/
M
;a
d
{ }/
R
=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 110
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE C ESEMPI DI PROCEDURE PER DETERMINARE LE SPINTE DEL TERRENO
(informativa)
C.1 Valori limite della spinta del terreno
(1) Si raccomanda che i valori limite della spinta del terreno su una parete verticale,
dovuta al terreno avente peso dell'unit di volume (), ad un carico superficiale
verticale uniforme (q), allangolo di resistenza a taglio () e alla coesione (c), siano
calcolati come segue:
- stato limite attivo:
o
a
(z) = K
a
[ } dz + q u ] + u c K
ac
(C.1)
dove lintegrale preso dal piano di campagna alla profondit z
K
ac
= 2 , limitato a 2,56

- stato limite passivo:
o
p
(z) = K
p
[ } dz + q u ] + u + cK
pc
(C.2)
dove lintegrale preso dal piano di campagna alla profondit z
K
pc
= 2 , limitato a 2,56
dove:
a l'adesione (tra terreno e parete);
c la coesione;
K
a
il coefficiente di spinta del terreno attiva orizzontale efficace;
K
p
il coefficiente di spinta del terreno passiva orizzontale efficace;
q il carico superficiale verticale;
z la profondit lungo la parete;
| l'angolo di inclinazione del terreno a tergo della parete (positivo verso
l'alto);
o l'angolo di resistenza a taglio tra terreno e parete;
il peso dell'unit di volume totale del terreno a monte;
o
a
(z) lo sforzo normale totale alla parete alla profondit z (stato limite attivo);
o
p
(z) lo sforzo normale totale alla parete alla profondit z (stato limite
passivo).
(2) Per terreni drenati, K
a
e K
p
sono funzioni dellangolo di resistenza a taglio ', e c = c',
la coesione efficace. Per terreni non drenati, K
a
= K
p
= 1 e c = c
u
, la resistenza a
taglio non drenata.
(3) I valori dei coefficienti di spinta del terreno efficace possono essere ricavati dalle
figure da C.1.1 a C.1.4, per K
a
e da C.2.1 a C.2.4 per K
p
.
(4) In alternativa, pu essere utilizzata la procedura numerica descritta al punto C.2.
(5) Si raccomanda che, in terreni stratificati i coefficienti K siano generalmente
determinati solo dai parametri di resistenza alla profondit z, a prescindere dai valori
relativi ad altre profondit.
K
a
1 a c + ( ) | | K
a
K
p
1 a c + ( ) | | K
p
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 111
UNI EN 1997-1:2005
figura C.1.1 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte orizzontale (| = 0)
Legenda
A Superficie orizzontale | = 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
a
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 112
UNI EN 1997-1:2005
figura C.1.2 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/ ' = 0 e o = 0)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
a
o/ ' = 0
o = 0
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 113
UNI EN 1997-1:2005
figura C.1.3 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/ ' = 0,66)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
a
o/ ' = 0,66
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 114
UNI EN 1997-1:2005
figura C.1.4 Coefficienti di spinta attiva efficace del terreno K
a
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/ ' = 1)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
a
o/ ' = 1
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 115
UNI EN 1997-1:2005
figura C.2.1 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte orizzontale (| = 0)
Legenda
A Superficie orizzontale | = 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
p
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 116
UNI EN 1997-1:2005
figura C.2.2 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/' = 0 e o = 0)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
p
o/' = 0
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 117
UNI EN 1997-1:2005
figura C.2.3 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/' = 0,66)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
p
o/' = 0,66
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 118
UNI EN 1997-1:2005
figura C.2.4 Coefficienti di spinta passiva efficace del terreno K
p
(componente orizzontale): per superficie del
terreno a monte inclinata (o/' = 1)
Legenda
A Superficie inclinata | > 0
X ' in gradi
Y Componente orizzontale K
p
o/' = 1
C.2 Procedura numerica per determinare i limiti delle pressioni attive e passive del terreno
(1) La seguente procedura, che comprende alcune approssimazioni, si pu utilizzare in
tutti i casi.
(2) La procedura viene presentata per le pressioni passive con i parametri di resistenza
(rappresentati in seguito con i simboli , c, o, a) introdotti con valori positivi, vedere
figura C.3.
(3) Per le pressioni passive si utilizza lo stesso algoritmo, con le seguenti modifiche:
- i parametri di resistenza , c, o e a sono introdotti con valori negativi;
- il valore dellangolo di incidenza di un carico superficiale equivalente |
o
|,
principalmente a causa delle approssimazioni utilizzate per K

.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 119
UNI EN 1997-1:2005
(4) Vengono utilizzati i seguenti simboli oltre a quelli di cui al punto 1.6:
a ladesione tra terreno e parete;
c la coesione;
K
c
il coefficiente per la coesione;
K
n
il coefficiente per il carico normale sulla superficie;
K
q
il coefficiente per il carico verticale;
K

il coefficiente per il peso del terreno;
m
t
l'angolo tra la direzione della superficie del terreno, diretta verso l'esterno della
parete, e la direzione della tangente alla linea dintersezione di scorrimento che
delimita il volume di terreno in movimento, diretta verso l'esterno della superficie
del terreno;
m
w
l'angolo tra la normale alla parete e la tangente alla parete della linea di
scorrimento esterna, positivo quando rivolta verso l'alto a tergo della parete;
| l'angolo tra la direzione della superficie del piano di campagna e l'orizzontale,
positivo quando il piano di campagna risale allontanandosi dalla parete;
o l'angolo di attrito dalla parete con conversione di segno come definito nella
figura C.4 nel calcolo della resistenza passiva;
l'angolo di resistenza a taglio;
u l'angolo tra la direzione della parete e la verticale, positivo quando il terreno
sovrasta la parete;
v la rotazione della tangente lungo la linea di scorrimento esterna, positiva
quando il volume di terreno al di sopra di forma convessa;
q un sovraccarico uniforme generico, per unit di superficie effettiva;
p un sovraccarico verticale generico, per unit di superficie in proiezione orizzontale.
figura C.3 Definizioni riguardanti gli angoli di inclinazione della parete e del terrapieno, i sovraccarichi e la
geometria delle linee di scorrimento
(5) I parametri di interfaccia o e a si devono scegliere in modo che:
a
c
---
o tan
tan
------------ =
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 120
UNI EN 1997-1:2005
(6) La condizione al contorno alla superficie del piano di campagna considera |
0
, che
l'angolo di incidenza di un carico equivalente applicato in superficie. In questo modo,
l'angolo risulta dalla somma vettoriale di due termini:
- l'effettivo carico per unit di superficie q, uniforme, ma non necessariamente
verticale, e;
- c cot agente come un carico normale.
L'angolo |
0
positivo se la componente tangenziale di q rivolta verso la parete con
la componente normale diretta verso il terreno. Se c = 0, con il carico in superficie
verticale o nullo, e in genere per le pressioni attive, |
0
= |.
(7) L'angolo m
t
si determina dalla condizione al contorno al piano di campagna:
(C.3)
(8) La condizione al contorno alla parete determina m
w
attraverso:
(C.4)
L'angolo m
w
negativo per le pressioni passive ( > 0), se il rapporto sin o /sin
sufficientemente elevato.
(9) La rotazione totale della tangente lungo la linea di scorrimento pi esterna del
volume di terreno in movimento, si individua mediante l'angolo v, che si calcola
attraverso l'espressione:
(C.5)
(10) Il coefficiente K
n
per il carico normale sulla superficie (cio la spinta normale del
terreno alla parete trasmessa da una pressione unitaria normale alla superficie)
viene quindi determinato attraverso l'espressione seguente, in cui v espresso in
radianti:
(C.6)
(11) Il coefficiente per un carico verticale sulla superficie (forza per unit di area in
proiezione orizzontale) :
(C.7)
e il coefficiente per il termine di coesione :
(C.8)
(12) Per il peso del terreno un'espressione approssimata :
(C.9)
Questa espressione a favore della sicurezza. Mentre, per le pressioni attive,
l'errore che si commette senza importanza, questo pu essere notevole per le
pressioni passive con valori positivi di |.
Per = 0 si ottengono i seguenti valori limite:
(con v espresso in radianti), mentre per K

( = 0), un'approssimazione migliore :
(C.10)
2m
t
|
0
+ + ( ) cos
|
0
sin
sin
-------------- =
2m
w
o + + ( ) cos
o sin
sin
------------ =
v m
t
| m
w
u + =
K
n
1 2m
w
+ ( ) sin sin +
1 2m
t
+ ( ) sin sin
--------------------------------------------------------- 2v tan ( ) exp =
K
q
K
n
|
2
cos =
K
c
K
n
1 ( ) cot =
K

K
n
| | u ( ) cos cos =
2m
t
cos
p
c
--- | |; cos sin =
2m
w
cos
a
c
---; =
K
q
|;
2
cos =
K
c
2v 2m
t
2m
w
; sin + sin + =
K

u
| m
w
cos sin
m
t
sin
------------------------------ + cos =
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 121
UNI EN 1997-1:2005
(13) Sia per le pressioni passive che per quelle attive, la procedura considera l'angolo
convesso come positivo (v > 0).
(14) Se tale condizione non vale (neanche approssimativamente), per esempio per una
parete liscia e piano di campagna sufficientemente inclinato, quando | e | sono di
segno opposto, pu essere necessario considerare l'utilizzo di altri metodi.
Analogamente, ci pu essere opportuno quando vengono considerati carichi in
superficie irregolari.
C.3 Spostamenti per mobilitare le spinte del terreno
(1) Si raccomanda che la relazione tra le spinte del terreno sullo spostamento della
parete sia considerata per situazioni attive. Lentit di tale movimento dipende dalle
modalit di spostamento della parete, dalle spinte iniziali del terreno e dalla massa
volumica del terreno. Il prospetto C.1 fornisce valori approssimati del rapporto v
a
/h
per la spinta attiva efficace del terreno completamente mobilitata per una parete
verticale con terreno drenato, non coesivo, e un piano di campagna orizzontale,
assumendo uno stato di sforzo iniziale pari a K
o
<1.
(2) Si raccomanda che la relazione tra le spinte del terreno sullo spostamento della
parete sia considerata per situazioni passive. Lentit di tale movimento dipende
dalle modalit di spostamento della parete, dalle spinte iniziali del terreno e dalla
massa volumica del terreno. Il prospetto C.2 fornisce valori approssimati del
rapporto v
p
/h per la spinta attiva efficace del terreno completamente mobilitata per
una parete verticale con terreno drenato, non coesivo, e un piano di campagna
orizzontale, assumendo uno stato di sforzo iniziale pari a K
o
<1. I valori tra parentesi
sono rapporti v/h per met del valore limite della spinta passiva efficace del terreno.
(3) Valori intermedi spinta attiva efficace del terreno tra lo stato di riposo e lo stato limite
possono essere ottenuti per interpolazione lineare.
(4) Per situazioni passive, i valori possono essere interpolati da quelli forniti nel
prospetto C.2 utilizzando una curva di forma generica come mostrato in figura C.4.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 122
UNI EN 1997-1:2005
prospetto C.1 Rapporti v
a
/h per terreni non coesivi
prospetto C.2 Rapporti v
p
/h e v /h per 0,5o
p
; per terreni non coesivi
Tipo di cinematismo della parete v
a
/h
terreno sciolto
%
v
a
/h
terreno denso
%
a) da 0,4 a 0,5 da 0,1 a 0,2
b) 0,2 da 0,05 a 0,1
c) da 0,8 a 1,0 da 0,2 a 0,5
d) da 0,4 a 0,5 da 0,1 a 0,2
dove:
v
a
lo spostamento della parete necessario a mobilitare la spinta attiva del terreno;
h l'altezza della parete.
Tipo di cinematismo della parete v
p
/h
terreno sciolto
%
v
p
/h
terreno denso
%
a) da 7 (1,5) a 25 (4,0) da 5 (1,1) a 10 (2,0)
b) da 5 (0,9) a 10 (1,5) da 3 (0,5) a 6 (1,0)
c) da 6 (1,0) a 15 (1,5) da 5 (0,5) a 6 (1,3)
dove:
v lo spostamento della parete;
v
p
lo spostamento della parete necessario a mobilitare la spinta passiva del terreno;
h l'altezza della parete;
o
p
la spinta del terreno passivo completamente mobilitata.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 123
UNI EN 1997-1:2005
figura C.4 Mobilitazione della spinta passiva efficace del terreno in terreni non coesivi, in funzione dello
spostamento normalizzato della parete v /v
p
(v : spostamento; v
p
: spostamento richiesto per la
mobilitazione completa della spinta passiva del terreno)
Legenda
1 Valori ricavati dal prospetto C.2
2 Non in scala
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 124
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE D ESEMPIO DI UN METODO ANALITICO PER IL CALCOLO DELLA RESISTENZA
(informativa) PORTANTE
D.1 Simboli utilizzati in appendice D
(1) Nell'appendice D sono utilizzati i seguenti simboli.
A' = B' L' area di progetto effettiva della fondazione
b valori di progetto dei fattori per l'inclinazione della base, con pedici c, q e
B larghezza della fondazione
B' larghezza effettiva della fondazione
D profondit del piano di posa
e eccentricit dell'azione risultante, con pedici B e L
i fattori di inclinazione del carico, con pedici c coesione, q sovraccarico e peso
dell'unit di volume
L lunghezza della fondazione
L' lunghezza effettiva della fondazione
m esponente nelle formule per il fattore di inclinazione i
N coefficienti di capacit portante, con pedici c, q e
q pressione verticale o sovraccarico laterale al livello di base della fondazione
q' valore di progetto della pressione verticale efficace al livello di base della
fondazione
s fattori di forma per la base della fondazione, con pedici c, q e
V carico verticale
o inclinazione della base della fondazione rispetto all'orizzontale
' peso dell'unit di volume efficace di progetto per il terreno al di sotto del piano di
posa
u angolo che individua la direzione di H
(2) La simbologia utilizzata in questo metodo riportata nella figura D.1.
D.2 Generalit
(1) Si possono adottare le formule approssimate per la resistenza portante verticale di
progetto ottenute dalla teoria della plasticit e da risultati sperimentali. Si
raccomanda di tenere in conto gli effetti di quanto segue:
- la resistenza del terreno, in genere rappresentata dai valori di progetto di c
u
, c' e ';
- leccentricit e linclinazione dei carichi di progetto;
- la forma, la profondit e l'inclinazione della fondazione;
- l'inclinazione del piano di campagna;
- le pressioni interstiziali -e i gradienti idraulici;
- la variabilit del sottosuolo, in particolare le stratificazioni.
D.3 Condizioni non drenate
(1) La resistenza portante di progetto pu essere calcolata attraverso la formula:
R/A' = (t + 2) c
u
b
c
s
c
i
c
+ q (D.1)
dove compaiono i fattori adimensionali per:
- l'inclinazione della base della fondazione: b
c
= 1 - 2 o/(t + 2);
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 125
UNI EN 1997-1:2005
- la forma della fondazione:
s
c
= 1 + 0,2 (B'/L'), per forma rettangolare,
s
c
= 1,2, per forma quadrata o circolare;
- l'inclinazione del carico, dovuta ad un carico orizzontale H:
con H s A' c
u
.
D.4 Condizioni drenate
(1) La resistenza portante di progetto pu essere calcolata attraverso la formula:
R/A' = c' N
c
b
c
s
c
i
c
+ q ' N
q
b
q
s
q
i
q
+ 0,5 ' B 'N

b

s

(D.2)
dove compaiono i valori di progetto dei fattori adimensionali per:
- la resistenza portante:
N
q
= e
t tan'
tan
2
(45
.
+ '/2)
N
c
= (N
q
- 1) cot '
N

= 2 (N
q
- 1) tan ', where o > '/2 (base ruvida)
- l'inclinazione della base della fondazione:
b
c
= b
q
- (1 - b
q
)/(N
c
tan ')
b
q
= b

= (1 - o tan ')
2
...
- la forma della fondazione:
s
q
= 1 + (B ' / L') sin ', ..., per forma rettangolare;
s
q
= 1 + sin ', ..., per forma quadrata o circolare;
- s

= 1 - 0,3 (B '/L'), ..., per forma rettangolare;


s

= 0,7, per forma quadrata o circolare


- s
c
= (s
q
N
q
- 1)/(N
q
- 1) ... per forma rettangolare, quadrata o circolare;
- l'inclinazione del carico, dovuta ad un carico orizzontale H:
i
c
= i
q
- (1 - i
q
)/(N
c
tan ');
i
q
= [1 - H/(V + A'c'cot ')]
m
;
i

= [1 - H/(V + A'c'cot ')]


m+1
dove:
m = m
B
= [2 + (B '/L')]/[1 + (B '/L')] quando H agisce nella direzione di B' ;
m = m
L
= [2 + (L'/B ')]/[1 + (L'/B ' ] quando H agisce nella direzione di L'.
Nei casi in cui la componente orizzontale del carico agisca in una direzione che
forma un angolo u con la direzione di L', si pu calcolare m mediante:
m = m
u
= m
L
cos
2
u + m
B
sin
2
u.
i
c
1
2
--- 1 1
H
A' c
u
----------- +
\ .
| |
=
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 126
UNI EN 1997-1:2005
figura D.1 Simbologia
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 127
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE E ESEMPIO DI UN METODO SEMI-EMPIRICO PER LA STIMA DELLA RESISTENZA
(informativa) PORTANTE
(1) Per stimare il valore di progetto della resistenza portante di una fondazione sul
terreno, si possono utilizzare prove in campo quali la prova pressiometrica.
(2) Utilizzando il pressiometro, la resistenza portante di progetto, R
d
, di una fondazione
soggetta ad un carico verticale, legata alla pressione limite del terreno dalla
funzione lineare:
R
d
/A' = o
v;0
+ k p*
le
(E.1)
dove:
k il coefficiente di resistenza portante;
o
v;0
lo sforzo verticale totale iniziale;
p*
le
la pressione limite equivalente netta di progetto (dalla prova pressiometrica),
e gli altri simboli sono gi definiti al punto 1.6.
(3) I valori numerici del coefficiente di resistenza portante k sono compresi tra 0,8 e 3,0,
in funzione del tipo di terreno, della profondit del piano di posa e della forma della
fondazione.
(4) La pressione limite equivalente netta di progetto (p*
le
) si ricava dalla pressione limite
netta (p*
l
), la quale, per una prova pressiometrica, si definisce come la differenza
(p
l
- p
0
) tra la pressione limite p
l
e la spinta orizzontale a riposo del terreno p
0,
alla
profondit di prova; p
0,
pu essere determinata da una stima del coefficiente di
spinta del terreno a riposo K
0
e dai valori della pressione verticale efficace q' e della
pressione interstiziale u, secondo l'espressione p
0
= K
0
q' + u.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 128
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE F ESEMPI DI METODI PER LA STIMA DEI CEDIMENTI
(informativa)
F.1 Metodo sforzi-deformazioni
(1) Il cedimento totale di una fondazione su un terreno coesivo o non coesivo si pu
valutare utilizzando il metodo sforzi-deformazioni, come segue:
- calcolando la distribuzione degli sforzi nel sottosuolo dovuti al carico trasmesso
dalla fondazione; questi si possono ricavare sulla base della teoria dell'elasticit,
in genere assumendo il terreno come mezzo omogeneo e isotropo e una
distribuzione lineare della pressione di contatto;
- calcolando la deformazione nel sottosuolo prodotta dagli sforzi agenti utilizzando
valori dei moduli di rigidezza o altre relazioni sforzi-deformazioni, da prove di
laboratorio (possibilmente tarate rispetto a prove in campo), o da prove in
campo;
- integrando le deformazioni verticali per ottenere i cedimenti; per adottare il
metodo sforzi-deformazioni si raccomanda di scegliere un numero sufficiente di
punti nel sottosuolo sotto la fondazione, dove calcolare gli sforzi e le
deformazioni.
F.2 Metodo elastico adattato
(1) Il cedimento totale di una fondazione su un terreno coesivo o non coesivo si pu
valutare utilizzando la teoria dell'elasticit ed una formula del tipo:
s = p B f /E
m
(F.1)
dove:
E
m
il valore di progetto del modulo elastico;
f il coefficiente di cedimento;
p la pressione di contatto, distribuita linearmente sulla base della fondazione,
e gli altri simboli sono gi definiti al punto 1.6.
(2) Il valore del coefficiente di cedimento f dipende dalla forma e dalle dimensioni
dell'area di fondazione, dalla variazione della rigidezza con la profondit, dallo
spessore dello strato compressibile, dal coefficiente di Poisson, dalla distribuzione
della pressione di contatto e dal punto nel quale si calcola il cedimento.
(3) Se non sono disponibili risultati utili di cedimenti determinati su strutture limitrofe
comparabili, in condizioni simili, il valore di progetto del modulo drenato E
m
, dello
strato deformabile in condizioni drenate, pu essere stimato sulla base dei risultati di
prove di laboratorio o in sito.
(4) Si raccomanda di utilizzare il metodo elastico adattato soltanto se gli sforzi nel
sottosuolo sono tali che non si verificano fenomeni significativi di plasticizzazione e
se il comportamento costitutivo del sottosuolo pu essere ritenuto lineare.
richiesta grande prudenza quando si utilizza il metodo elastico adattato nel caso di
sottosuolo non omogeneo.
F.3 Cedimenti in assenza di drenaggio
(1) Il cedimento a breve termine di una fondazione, in condizioni non drenate, si pu
stimare utilizzando sia il metodo sforzi-deformazioni che il metodo elastico adattato.
I valori dei parametri di rigidezza (per esempio E
m
e coefficiente di Poisson)
rappresentano, in questo caso, il comportamento non drenato.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 129
UNI EN 1997-1:2005
F.4 Cedimenti dovuti alla consolidazione
(1) Per calcolare il cedimento dovuto alla consolidazione, si pu considerare una
deformazione monodimensionale confinata del terreno ed utilizzare quindi la curva
di compressibilit, che si ottiene da una prova di consolidazione. La somma dei
cedimenti nello stato non drenato e di consolidazione conduce, il pi delle volte, ad
una sovrastima del cedimento totale, e per questo possono essere adottate
correzioni empiriche.
F.5 Cedimenti nel tempo
(1) Con terreni coesivi la velocit del cedimento di consolidazione, prima della fine della
consolidazione primaria pu essere stimata in modo approssimato utilizzando
parametri di consolidazione ottenuti da una prova di compressione. Tuttavia, si
raccomanda che la velocit del cedimento di consolidazione sia possibilmente
determinata utilizzando valori della permeabilit ottenuti da prove in sito.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 130
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE G ESEMPIO DI UN METODO PER DERIVARE LA RESISTENZA PORTANTE PRESUNTA
(informativa) DI FONDAZIONI SUPERFICIALI SU ROCCIA
(1) Per rocce tenere e fratturate con giunti chiusi, compreso il gesso avente porosit
minore del 35%, la resistenza portante presunta si pu ottenere dalla figura G.1.
Questa si basa sulla classificazione riportata nel prospetto G.1 nell'ipotesi che la
struttura possa sopportare cedimenti pari allo 0,5% della larghezza della fondazione.
I valori della resistenza portante presunta, per altri valori dei cedimenti, si possono
ottenere per proporzione diretta. Per rocce tenere e fratturate con giunti aperti o
riempiti, si raccomanda di adottare valori di pressione di contatto presunta ridotti.
prospetto G.1 Classificazione per rocce tenere e fratturate
Gruppo Tipo di roccia
1 Calcari puri e dolomie
Arenarie carbonatiche a bassa porosit
2 Rocce ignee
Calcari oolitici e marnosi
Arenarie ben cementate
Siltiti carbonatiche cementate
Rocce metamorfiche, comprese ardesie e scisti (clivaggio/foliazione piatta)
3 Calcari molto marnosi
Arenarie scarsamente cementate
Ardesie e scisti (clivaggio/foliazione ripida)
4 Siltiti e argilliti non cementate
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 131
UNI EN 1997-1:2005
figura G.1 Resistenza portante presunta per plinti di fondazione quadrati poggianti su roccia (per cedimenti
non maggiori di 0,5% della larghezza della fondazione)
Legenda
Ascissa: q
u
(MPa): resistenza a compressione monoassiale
Ordinata: d
s
(mm) spaziatura delle discontinuit
1 Rocce di gruppo 1
2 Rocce di gruppo 2
3 Rocce di gruppo 3
4 Rocce di gruppo 4
5 La pressione di contatto ammissibile non deve superare la resistenza unitaria a
compressione monoassiale della roccia se i giunti sono chiusi o il 50% di tale valore se i
giunti sono aperti.
6 Pressioni di contatto ammissibili: a) rocce molto tenere, b) rocce tenere, c) rocce
mediamente tenere, d) rocce mediamente dure, e) rocce dure.
Spaziatura: f) discontinuit ravvicinate, g) discontinuit mediamente distanziate, h) discontinuit
ben distanziate.
Per i tipi di roccia che ricadono nei quattro gruppi, vedere prospetto G.1. La resistenza portante
presunta nelle zone a tratteggio da valutarsi dopo esame diretto e/o prove su roccia. (dalla
BS 8004).
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
UNI Pagina 132
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE H VALORI LIMITE PER LA DEFORMAZIONE STRUTTURALE E PER GLI SPOSTAMENTI
(informativa) IN FONDAZIONE
(1) Le componenti dello spostamento in fondazione che si raccomanda di considerare
comprendono cedimento, cedimento relativo (o differenziale), rotazione, rotazione
rigida, inflessione, rotazione relativa, spostamento orizzontale e ampiezza di
vibrazione. Nella figura H.1 sono riportate le definizioni di alcuni termini per le
deformazioni e gli spostamenti in fondazione.
(2) Le rotazioni relative massime accettabili per strutture intelaiate, tamponate o meno,
murature in laterizio portanti o continue, probabilmente non sono le stesse, ma
potrebbero variare in un intervallo di valori fra 1/2000 e 1/300 circa, in modo da
impedire il raggiungimento di uno stato limite di esercizio nella struttura. Una
rotazione relativa massima di 1/500 accettabile per molte strutture. La rotazione
relativa che potrebbe dar luogo ad uno stato limite ultimo circa pari a 1/150.
(3) I rapporti forniti al punto (2) si riferiscono a deformazioni con concavit verso l'alto
come mostrato nella figura H.1. Per una deformazione con concavit rivolta verso il
basso (cedimento del bordo maggiore di quello in mezzeria), si raccomanda che il
valore sia dimezzato.
(4) Per strutture normali con fondazioni isolate, sono spesso accettabili cedimenti totali fino
a 50 mm. Possono essere accettabili cedimenti maggiori purch le rotazioni relative
rimangano entro limiti accettabili e purch i cedimenti totali non siano tali da provocare
problemi ai servizi che entrano nella struttura, o produrre rotazioni rigide, ecc.
(5) Queste indicazioni circa i cedimenti limite riguardano strutture normali di tipo
convenzionale. Si raccomanda che le stesse non siano applicate a edifici o strutture
fuori dall'ordinario o quando l'intensit del carico manifestamente non uniforme.
figura H.1 Definizioni per il movimento della fondazione
Legenda
a) Definizioni di cedimento s, cedimento differenziale os, rotazione u e deformazione angolare o
b) Definizioni di inflessione relativa A e rapporto di inflessione A/L
c) Definizioni di rotazione rigida e e rotazione relativa (distorsione angolare) |
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 133
UNI EN 1997-1:2005
APPENDICE J LISTA DI CONTROLLO PER LA SUPERVISIONE DELLE FASI COSTRUTTIVE ED IL
(informativa) MONITORAGGIO DEL COMPORTAMENTO
J.1 Generalit
(1) Vengono di seguito elencati gli elementi pi importanti che si raccomanda di
considerare nella supervisione della costruzione o nel monitoraggio del
comportamento della struttura ultimata. L'importanza dei singoli elementi varia da
progetto a progetto. L'elenco non esauriente. Elementi che si riferiscono ad aspetti
specifici dell'ingegneria geotecnica o a tipologie specifiche di opere, sono stati citati
nelle Sezioni della presente norma.
J.2 Supervisione della costruzione
J.2.1 Elementi generali da verificare
(1) Verifica delle condizioni del sottosuolo, dell'ubicazione e dell'assetto planimetrico
generale della struttura.
(2) Regime di filtrazione e regime delle pressioni interstiziali; effetti delle operazioni di
drenaggio sulla superficie freatica; efficacia dei provvedimenti adottati per tenere
sotto controllo l'ingresso di acqua per filtrazione; processi di erosione interna e
fenomeni di "piping"; composizione chimica delle acque del sottosuolo; potenziale di
corrosione.
(3) Spostamenti, fenomeni di plasticizzazione, stabilit delle pareti e del fondo degli
scavi; sistemi di sostegno provvisionali; effetti su edifici e servizi nelle vicinanze;
determinazione di pressioni del terreno sulle opere di sostegno; determinazione di
variazioni delle pressioni interstiziali conseguenti agli scavi o ai carichi.
(4) Sicurezza degli operai, tenendo in debito conto gli stati limite di carattere geotecnico.
J.2.2 Flusso dell'acqua e pressioni interstiziali
(1) Idoneit dei sistemi a garantire la tenuta sotto controllo delle pressioni interstiziali in
tutti gli acquiferi in cui una sovrapressione potrebbe influire sulla stabilit delle
scarpate o del fondo dello scavo, comprese le pressioni artesiane in un acquifero al
di sotto dello scavo; smaltimento dell'acqua dai sistemi di drenaggio; abbassamento
della superficie freatica per tutta la durata delle operazioni di scavo per impedire
condizioni di liquefazione statica, di "piping" e di disturbo del terreno da parte dei
mezzi d'opera; convogliamento e allontanamento di acqua piovana o altre acque di
superficie.
(2) Efficienza ed efficacia dei sistemi di drenaggio per tutto il periodo di costruzione,
considerando l'intasamento per incrostazione dei filtri dei pozzi; l'ostruzione di pozzi
o vasche a causa di fanghi; usura delle pompe; intasamento delle pompe.
(3) Tenuta sotto controllo del drenaggio per evitare disturbi a strutture o aree adiacenti;
osservazioni di livelli piezometrici; efficacia, funzionamento e manutenzione dei
sistemi di ricarica dell'acqua, se previsti.
(4) Cedimenti di strutture o di aree adiacenti.
(5) Efficacia dei sistemi di drenaggio con perforazioni sub-orizzontali.
J.3 Monitoraggio
(1) Cedimento di edifici e altre strutture ad intervalli temporali prestabiliti, compresi i
cedimenti dovuti agli effetti di vibrazioni su terreni a struttura metastabile.
(2) Spostamento laterale e distorsioni, con particolare riguardo ai riempimenti e ai
materiali di deposito; sovrastrutture sostenute dal terreno, quali edifici o grossi
serbatoi; trincee profonde.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
--`,`,```,`,,,,,`,``,,`,,,,``,,,-`-`,,`,,`,`,,`---
UNI Pagina 134
UNI EN 1997-1:2005
(3) Livelli piezometrici al di sotto di edifici o nelle zone adiacenti, specialmente se sono
stati installati impianti di drenaggio profondo o di svuotamento permanente, o in
presenza di piani interrati a grande profondit.
(4) Inflessione o spostamento di strutture di sostegno tenendo conto di: carichi normali
trasmessi dal terrapieno; effetti dei materiali di deposito; riempimenti o altri carichi
superficiali; pressioni esercitate dall'acqua.
(5) Misurazioni di portata negli impianti di drenaggio.
(6) Problemi particolari:
- strutture sottoposte a temperature elevate quali caldaie, tubazioni calde;
essiccamento di terreni argillosi o limosi; monitoraggio delle temperature;
spostamenti;
- strutture sottoposte a basse temperature quali installazioni criogeniche o aree
refrigerate; monitoraggio della temperatura; congelamento del sottosuolo;
sollevamenti dovuti alla formazione di ghiaccio; effetti del successivo disgelo.
(7) Tenuta idraulica.
(8) Misurazioni di vibrazioni.
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Politecnico Milano/5935522004
Not for Resale, 04/22/2010 10:27:34 MDT No reproduction or networking permitted without license from IHS
-
-
`
,
`
,
`
`
`
,
`
,
,
,
,
,
`
,
`
`
,
,
`
,
,
,
,
`
`
,
,
,
-
`
-
`
,
,
`
,
,
`
,
`
,
,
`
-
-
-