Sei sulla pagina 1di 5

20 anni d'Incendio / 20 anni di devastazione

Riprendiamoci Bagnoli
una breve analisi su quello che sta accadendo nel quartiere di Bagnoli e una proposta politica per il futuro Tutti i nodi e le contraddizioni dell'area occidentale della citt di Napoli si stanno manifestando chiaramente: avevamo tristemente ragione. Mentre a livello nazionale i nuovi Governi restano colpevoli indifferenti e complici non preoccupandosi neanche di costituirsi parte civile !ci meravaglierebbe il contrario" inizia il processo contro i #$ indagati tra e%&amministratori e dirigenti della Bagnoli'utura. (ccusati per )disastro ambientale e truffa ai danni dello *tato) e mandati a processo ad (prile dal giudice per le indagini preliminari che ha accolto la richiesta del pm *tefania Buda. +a fotografia dell'area ovest della citt di Napoli la conosciamo oramai tutti: l'intera e% area industriale di Bagnoli , ancora inquinata nonostante )venti anni di lavoro) e centinaia di milioni di euro spesi per la sua riqualificazione mai avvenuta la colmata , ancora l- le aree e% industriali sono sequestrate oltre che inquinate nessun posto di lavoro creato il ripristino della linea di costa , un miraggio il .arco dello *port , un concentrato di amianto e veleni nessuno spazio restituito alla citt. +e opere completate tra il /00$ e il /0#0 non sono aperte al pubblico !nonostante le numerose promesse del sindaco" se non in minima parte. +a .orta del .arco , costata 12 milioni di euro l3(cquario Tematico ## 2 milioni mentre il .arco dello *port !che versa in totale stato di abbandono e secondo le indagini della procura , una delle aree interessate dall3interramento di sostanze pericolose" , costato 45 milioni di euro. 6noltre ad ora nessuno osa sfiorare le varie societ: Cementir, Fintecna, Citt della Scienza 7 per imporre loro gli oneri di bonifica in quanto imprese inquinatrici o che comunque hanno rilevato il patrimonio e%& industriale. *i veda la posizione e le assurde richieste della 'intecna mostro finanziario dello stato che non solo si rifiuta di rispettare l'ordinanza sindacale ma in questi giorni minaccia il fallimento della Bagnoli'utura che comporterebbe l3acquisizione di tutti i suoli dell e% italsider di Bagnoli e quindi un3 ulteriore minaccia al piano regolatore e ad un patrimonio di beni pubblici che supera i 80 milioni di euro corrispondente al valore dei suoli. 9' uno scenario inquietante sopratutto se pensiamo che la problematica non riguarda soltanto l'area e%&industriale e le aree da bonificare: tutto il restante territorio oramai desertificato , stato espropriato dall'utilizzo sociale e dai reali bisogni di chi gi vive una devastante crisi economica. :icordiamo anche strutture come il Cus di Cavalleggeri o la Mostra d'Oltremare per le quali nessuno pi; si meraviglia della loro gestione: come se fossero aziende private o alla vicenda dell' Istituto Artistico Boccioni all'interno dell'area della Mostra d'<ltremare quest'ultima infatti vuole sfrattarlo per far posto ad un albergo di lusso in un contesto quello dell'edilizia scolastica gi martoriato da strutture fatiscenti. *imile , la vicenda dell'area Zoo ed Edenlandia e dell'ex Cinodromo dove ancora una volta si consegna un del territorio in mani affaristiche e mire speculative. *e a queste ci aggiungiamo le manovre speculative di =e +aurentis legate allo *tadio *..aolo e piazzale Tecchio i grossi edifici come la >irgin a >ia Terracina passando per la vastissima area e%&Nato & !superfice verde di /0/82 mq di impianti sportivi speciali all'aperto di #2850 mq impianti speciali all'aperto !eliporto" di 8000 mq strade di 20000 mq piazzali vari 8/855 mq fabbricati ed uffici di 2801? mq: una superfice totale di /#0880 mq e disponibile internamente per #01414 mq" il cui futuro resta ancora )misteroso). +o scenario , chiaro. @iliegina sulla torta , la questione Citt della Scienza!

Nelle ore successive la )tragedia) sostenemmo che quell'incendio ha simboleggiato allegoricamente il fallimento di una trasformazione urbana che non , mai avvenuta quindi un incendio che dura da venti anni oggi diciamo che l'accordo per ricostruire @itt della *cienza l- dove era archivier qualsiasi possibilit di un reale ripristino della linea di costa e restituzione del litorale e della spiaggia alla fruizione pubblica poichA questo , in netto contrasto: con il piano regolatore fondamentale per i vincoli che pone sul totale ripristino del litorale in secondo luogo con la stessa delibera popolare approvata dal @omune successivamente al referendum per la spiaggia pubblica ed infine con l'ordinanza comunale che intima alle societ in loco di presentare i documenti di messa in sicurezza e avvenuta bonifica. +'accordo per la ricostruzione che doveva essere firmato il 1 Marzo , saltato. Tornando alla Bagnoli 'utura e alla gestione dei suoli e%&6talsider ricordiamo che era stato annunciato il processo di liqudazione della societ di riqualificazione urbana. Non era difficilissimo capire che la questione non si sarebbe risolta cos- semplicemente. +a societ rappresenta un enorme tesoro per chi vuole impossersarsene e con questa mettere mano ai piani urbanistici. :ispetto a quest'ultimo punto ci teniamo a precisare che la riqualificazione di Bagnoli non si , bloccata a causa di questi piani !che non sono sicuramente il massimo" ma perchA prima la Bagnoli*.p.(. e poi la Bagnoli'utura hanno trasformato la bonifica in una macchina clientelare dedita alla gestione di denaro e al passaggio di suolo pubblico in mano a privati !cosa che spesso accade con le societ partecipate". ='altronde noi non abbiamo mai pensato una volta liquidata Bagnoli'utura ci avrebbero regalato il quartiere. @rediamo sia necessario sottolinearlo perchA non c', nessuna motivazione alla base della difesa pur anche indiretta o tattica al carrozzone clientelare della Bagnoli'utura. *eppur sono fondate tutte le preoccupazioni circa le prospettive future rispetto ai tentativi di modifiche dei piani urbanistici e privatizzazione dei suoli si vedano le recenti dichiarazioni del presidente @aldoro sulla necessit di modificare le norme urbanistiche di Bagnoli che ricordano la giunta regionale di destra guidata da :astrelli e le sue idee di revisione della >ariante per la zona occidentale al centro vi era un'idea di )progresso) basata sulla produzione di nuovo cemento. =ifendere ora la Bagnoli 'utura , l'equivalente di chi per anni ha votato centrosinistra per )paura) di Berlusconi !oggi ne vediamo i risultati". @rediamo infatti che qualsiasi tipo di sostegno anche indiretto a Bagnoli'utura ci farebbe erroneamente apparire come complici dei disastri prodotti all'epoca da .=* e :ifondazione ora da .= e *e+ principali soggetti politici della gestione del territorio. =inanzi a tutto quello che , successo non possiamo difendere incondizionatamente neanche quei lavoratori che seppur oggi vedono a rischio il loro futuro occupazionale hanno nascosto la natura di quella assunzioni e che probabilmente si ricicleranno presto magari come funzionari o portaborse del politicante di turno. =evono spiegarci il silenzio e la complicit in tutti questi anni dinanzi alle scelte e ai disastri della Bagnoli'utura soprattutto le chiusure dinanzi le diverse proteste e manifestazioni che si sono svolte in questi anni. 'atta questa premessa ci pare evidente che per noi: proletari disoccupati lavoratori precari studenti e tutti coloro che vivono le contraddizioni del nostro territorio non potendo !e volendo" fuggire altrove il semplice scioglimento della Bagnoli'utura non ci permetterebbe di festeggiare consci che solo con la lotta possiamo strappare qualche vittoria. >ogliamo sottolineare anche un altro ruolo che Bagnoli'utura ha ricoperto in questi anni. 'unge infatti anche da )tappo) a ogni possibile scenario di conflitto sociale nascondendosi sotto una maschera progressista e dietro la sua mission sulla carta ispirata alla salvaguardia ambientale e allo sviluppo ecocompatibile. Giusto per riaffermare come i bisogni di chi vive il territorio siano ben diversi da queste nuove derive sinistrose.

Buesta situazione all'apparenza )ambigua) ma nei fatti ispirata dalle stesse logiche e dagli stessi interessi che oggi muovono 'intecna ha agito da pacificatore sociale impedendo che si sviluppasse una dinamica conflittuale capace di coinvolgere il corpo largo del quartiere e non solo le realt organizzate. Tutto questo nonostante i ritardi biblici i numerosi tentativi di svendere i suoli ai privati e le vere e proprie truffe emerse alla luce del sole sulla vicenda della bonifica: in sostanza ha prodotto un lento e silenzioso logoramento del nostro tessuto sociale di riferimento e alimentato quel senso diffuso di sfiducia passivit delega e rassegnazione che permettono ai padroni e speculatori di fare interessi sulla nostra pelle. *i tratta di un piano ben collaudato esperienze generate in anni di gestione di imprese partecipate riassumibile cos-: affido un opera o un servizio in mano )pubblica) lo faccio gestire volutamente in maniera disastrosa in modo tale da screditare l'immagine del )pubblico) e aprire facilmente le porte al privato che spesso , gi inserito coem ente di finanziamento !basti pensare al ruolo svolto dalle banche in questa vicenda". Bagnoli'utura in quest'ottica , solo l'ennesima riconferma della stessa strategia che in questi anni ha permesso ai padroni di privatizzare tutto il possibile: dalla scuola all'universit dai trasporti alla sanit. Buest'iter , stato facilitato dal fatto che per decenni siamo rimasti ancorati allo schema classico )pubblicoCbuonoDprivatoCcattivo) uno schema che non funziona mai nella democrazia borghese poich, il )pubblico) oggi non ha pi; nulla di sociale e di collettivo ed ha nella quasi totalit dei casi assunto o un ruolo subalterno e propedeutico al privato o addirittura le sue stesse finalit speculative e di profitto distinguendosi dal privato solo per via dell'involucro )statuale). *i tratta ora quindi di capire come far saltare questa strategia non partendo dalla falsa dicotomia )pubblico&privato) bens- dalla contrapposizione tra gli interessi collettivi di classe da un lato e le logiche di sfruttamento capitalistico dall'altro !siano esse private o pubbliche". .er questo motivo Bagnolifutura non , nA peggio nA meglio di 'intecna ma molto pi; semplicemente un tappo che una volta rimosso potrebbe !perchA dipende soprattutto da noi" determinare l'apertura nell'area flegrea di una vera stagione di conflitto )vis a vis). ( scanso di equivoci ribadiamo che non si tratta di ragionare al )tanto peggio&tanto meglio) quanto di iniziare a pensare ed agire in base a una reale autonomia di classe. .rivatizzazioni speculazioni e spreco di risorse pubbliche7 con associazioni locali che hanno funzionato piuttosto da elettorato o come clienti dei vari interessi di partiti istituzionali dove l'unica opposizione seppur spesso limitata ad una posizione critica , stata sostenuta dalle diverse realt di base con iniziative di informazione e lotta. <ggi sar capacit nostra a migliorare ed ampliare l'influenza e la presenza in appuntamenti e percorsi di lotta capaci di unificare le tante singole questioni legate all'affare Bagnoli per aprire una grande vertenza a livello territoriale. *olo tramite questo processo possiamo scongiurare che anche tale vicenda si trasformi in una opportunit per gli speculatori. 6ndichiamo alcuni punti secondo noi centrali per continuar ela battaglia nella zona flegrea. #" @hiusura e scioglimento di Bagnoli'utura: individuazione di un nuovo soggetto tramite un osservatorio permanente e partecipato sulla bonifica. /" :equisizione di tutti i beni beni mobili e immobili e dei capitali che fanno capo a tutti coloro che per /0 anni hanno gestito Bagnoli'utura e i lavori della fantomatica bonifica. 4" En netto no alla svendita dei suoli di Bagnoli'utura ai vecchi e nuovi speculatori contro la consegna dei destini urbanistici dell3area a 'intecna alle banche ai falsi imprenditori del mattone. 1" :eale bonifica di tutta l3area e%&industriale e del litorale !con rimozione della colmata e bonifica dei fondali" ed un tavolo permanente inter&istituzionale teso alla creazione di posti di lavoro !per garantire stabilit e salario" ed alla formazione di figure lavorative da integrare all3interno del processo di riqualificazione e rivalorizzazione del territorio. 2" Tavolo permanente sulle tematiche del lavoro casa ambiente servizi beni e spazi sociali entrando nel merito della loro gestione in tutta la zona flegrea.

8" *ostenere l3ordinanza comunale perchA 'intecna rimuova finalmente la colmata a mare e verificare l3avvenuta bonifica di @itt della *cienza evitando di spendere 42 mln di euro per la sua illegittima ricostruzione sulla spiaggia di @oroglio. 5" :ecupero della sua qualit ambientale la realizzazione del grande parco urbano e la totale apertura al pubblico delle spiagge di @oroglio e Bagnoli. ?" +a bonifica reale come compito prioritario di qualsiasi nuovo soggetto incaricato che dovr addebitare gli oneri agli inquinatori piuttosto che discettare su revisioni speculative dei piani. @hi ha inquinato paghi. $" :estitutire ad utilizzo sociale tutta l'area Nato ed i suoi spazi in virt; della carenza nell3area di spazi ad uso sociale abitativo ricreativo culturale e sportivo7 riconvertendo le sue strutture in nuovi plessi scolastici per quelle scuole del territorio le cui strutture sono inadatte e pericolose per studenti e lavoratori. #0" :iconoscimento politico di tutte quelle realt che da anni lottano sul territorio necessario per avviare un dibattito pubblico sul destino dell'area. FFFFFF Buesti alcuni passaggi che ripercorrono la )storia) del disastro G +'area di Bagnoli dopo la chiusura dell'6talsider !oltre #00 anni di attivit siderurgica" diventa oggetto di una serie di ambiziosi piani urbanistici per la sua riconversione che sfoceranno poi nella >ariante occidentale al .iano regolatore approvato dal @onsiglio comunale nel #$$8. G (ll'indomani dell'approvazione della >ariante occidentale viene costituita #$$8 la *ocietBagnoli *.p.a. strumento ad hoc dell'6:6 per l'attuazione del ).iano di recupero ambientale dell'area di Bagnoli) predisposto e finanziato dal @6.9 con la delibera del /0 dicembre #$$1. Nel #$$? il sito di Bagnoli& @oroglio viene inserito nell'elenco dei siti di interesse nazionale de bonificare. G +a Bagnoli *.p.a. comincia le operazioni di bonifica attraverso una serie di sondaggi geognostici tra il #$$5 e l'anno successivo con carotaggi campionamenti dei sottosuoli e delle acque indagini geofisiche. .er le aree a maggiore inquinamento si proceder nel #$$$ a una serie di sondaggi a maglie pi; strette. G 6l progetto prevede la rimozione dei contaminanti idrocarburi e metalli pesanti soprattutto riguardo alla forte presenza di amianto riscontrata gi nella prima bonifica nell'area e%&9ternit. +e operazioni che procederanno a rilento e alla fine delle attivit della Bagnoli *.p.a. le operazioni si limitano solo alla dismissione e all'abbattimento della maggior parte degli impianti. 6l costo complessivo delle operazioni svolte dalla Bagnoli *.p.a. ammonta a circa 410 miliardi di vecchie lire !circa #20 milioni di euro". *uccessivamente all'approvazione della >ariante si rende necessario rendere subito operativo quanto previsto dal nuovo piano: a tale proposito si comincia a disegnare il .iano Erbanistico 9secutivo !.E9" di Bagnoli&@oroglio che specifica le trasformazioni da effettuare e le loro modalit. 6l .E9 viene presentato dalla Giunta del @omune di Napoli il #4 dicembre del /000 e prevede alcune modifiche a quanto stabilito dalla >ariante: innanzitutto il mantenimento di alcuni fabbricati considerati di )archeologia industriale) e in secondo luogo l'individuazione in una *ociet di Trasformazione Erbana !*TE" dell'ente che attuer il progetto HBagnoli 'uturaI. 6l #8 maggio /002 il .E9 , approvato. G Nel giugno /002 un mese dopo la definitiva approvazione del .E9 da parte degli enti locali la Bagnolifutura avvia le sue attivit operative. G Tra il /001 e il /002 l36@:(M presenta i risultati delle analisi condotte sui sedimenti marino&costieri del *ito di 6nteresse Nazionale Bagnoli @oroglio. 6 dati mostrano un diffuso inquinamento da parte di Metalli

.esanti 6drocarburi policiclici aromatici !6.(" e .oliclorobifenili !.@B". +e autorit pur messe a conoscenza dei rischi per la salute intervengono solo nell3estate /002 con un ordinanza di interdizione e messa in sicurezza di emergenza della linea di costa. +3e% (ssessore @asimiro Monti e l3e% sub commissario alle bonifiche (rcangelo @esarano nel /0#0 sono stati condannati per aver rilasciato le concessioni balneari nonostante l3inquinamento del litorale. G Nel /005 viene aperto il cantiere della .orta del .arco il cantiere per la realizzazione dell'(cquario tematico e del .arco dello *port. +e opere completate tra il /00$ e il /0#0 non sono aperte al pubblico se non in minima parte. +a .orta del .arco , costata 12 milioni di euro l3(cquario Tematico ## 2 milioni mentre il .arco dello *port !che versa in totale stato di abbandono e secondo le indagini della procura , una delle aree interessate dall3interramento di sostanze pericolose" , costato 45 milioni di euro. G Nell'aprile /0#4 infatti le aree dell3e% 6talsider e dell3e% 9ternit di Bagnoli sono state sequestrate dai carabinieri nell3ambito di un3indagine della procura di Napoli che ipotizza i reati di truffa mancata bonifica e di disastro ambientale. 6ndagati /# e% dirigenti di vari enti locali e della societ Bagnolifutura. 6l costo delle attivit di bonifica ammonta in #05 milioni di euro producendo un aggravamento dell3inquinamento presente nella zona perchA Hha permesso la miscelazione di pericolosi inquinantiI. 6noltre i lavori di bonifica sarebbero avvenuti in un Hcontesto di conflitto d3interesseI e tra le accuse degli indagati rientra il reato di Htruffa ai danni dello *tatoI. Tra i costi di gestione della Bagnolifutura !cda e circa 80 dipendenti" calcolabili in circa 4 milioni di euro annui l3indebitamento bancario per l3acquisto dei suoli i costi di bonifica ed edificazione il debito Bagnolifutura ammonta ad oltre 400 milioni di euro. G +a Bonifica di Bagnoli , costata /0 anni di immobilismo e quasi mezzo miliardo di euro di fondi pubblici. +3emergenza rifiuti come piano politico economico e l3attuale esigenza delle bonifiche come seconda fase del business.

E ci dicono di dover stare calmi...


"a#oratorio $olitico Is%ra
facebook / twitter / sito