Sei sulla pagina 1di 3

15ottobre:formeesostanza

Sugliesitidell'imponentecorteodisabatoscorsoaRomasisonogiprodottifiumidiinchiostroedi caratteridigitali. Non essendo intenzione di questo scritto aggiungersi alle annosa, eterna e politicamente idiota dicotomia violenzanon violenza, diciamo fin da subito che la violenza il fondamento irrinunciabiledeldominiocapitalistico,tantopinell'epocadellasuacrisisistemica,econessamilioni diproletaridelnostropaesefannoicontiognigiornomediantesoprusi,ricatti,negazionedeipi elementari diritti, forme brutali di sfruttamento, saccheggio dell'ambiente, delle risorse e dei beni comuni,massacrodiinterepopolazioniinnomedelprofittodellemultinazionaliimperialiste. E'violenzaterroristicacostringereun'interagenerazionealavoraresenzaalcundirittoetutela,con turni,ritmiedorari schiavistici, epaghedi 56euro l'oracheafinemese servono a malapenaa pagare un affitto o un mutuo da rapina; violenza terroristica l'imposizione all'intero mondo del lavorodipendentedelmodelloMarchionne,agitandolospauracchiodelladisoccupazioneedello smantellamentodiinteriimpiantiproduttivi;violenzaterroristicaquelladichiimponetagliaiservizi socialialfinedisalvarelarenditafinanziaria;violenzaterroristicacontinuareafarpagarelacrisia chigidatrent'annipagaicostidelleristrutturazionipadronaliesi vistoridurreall'ossoilpotere d'acquistodelpropriosalarioodellapropriapensione;violenzaterroristalacontinuaostentazionedi sfarzo e ricchezza nelle mani di un manipolo di parassiti mentre la gran parte del paese in ginocchio.Traquestiterroristiecolorochesonostatibollaticometaliaseguitodiunagiornatadi rabbiaediresistenzaperlestradediRoma,nonesitiamoneancheunattimoadaffermarechesiamo esaremosempredallapartedeisecondi. ParafrasandoleparolepronunciatedaClaudioScajola (unnomequantomaisullabreccianegliultimigiorni)aluglio2001nellevestidiministrodegliinterniin difesadellesueforzedell'ordineprotagonistedellamattanzadiGenova:senelcorsodellagiornata ci sono stati degli eccessi non c' dubbio che essi siano da condannare, ma ci non lede minimamenteilnostroappoggio incondizionato allemigliaiadimanifestanticheaSanGiovannie nelleviediRomahannodifesoilcorteo,reagendoeresistendoperoreaicarosellieallecariche indiscriminate degli uomini armati al servizio di Maroni. D'altronde, il concetto stesso di eccesso rispondepersuastessanaturaagiudizidivaloredeltuttosoggettivi:lagranpartedeibanditiche siedonoinparlamentoreputanonormalechemilionidigiovanilavoratoricampinocon600700euro almeseochemigliaiadioperaisiritrovinodaungiornoall'altrodisoccupati,maconsideranoun eccesso anche un semplice e democratico sciopero a difesa dei posti di lavoro (basterebbe pensare al killeraggio scatenato contro la Fiom negli ultimi mesi); la piccola e media borghesia radicalchic, indignata contro gli effetti della crisi ma incapace di andare oltre il mugugno e prigionieradell'intramontabilemitodellademocraziaedelletutelecostituzionali,ritieneeccessivo edeprecabileancheilsoloscendereinpiazzaconunserviziod'ordineeconmezzidiautodifesa;per cicheciriguarda,ritenendodeltuttolegittimalarabbiaespressainpiazza,cilimitiamoaconstatare chetral'incendiodiunSUVeilrogodiunutilitariapassalalineacheseparalalottadiclassedal ribellismonichilista.Altempostesso,chiunqueabbiavistoilcorteogiuntoaSanGiovannicoipropri occhienonperilraccontofattonedastampa,televisioniodaqualchefunzionariooportaborsedel politicoditurno,sabenissimoquantoabissalesiastataladifferenza(qualitativa,quantitativaequindi politica)traleazionidimostrativeisolatecondottelungoilcorteodaunnumeroestremamenteesiguo dimanifestanti,elarispostadiffusaedimassaconlaqualeinmigliaia(ivicompresicentinaiadi pacifici che non appartenevano allo spezzone di testa) hanno respinto l'attacco delle forze dell'ordineaSanGiovannienellezonelimitrofe.Chiparladiesiguaminoranzaisolatadalcorteoo inmalafedeocredeallaBefana. Delresto,quelladel15ottobreeraunastoriagiscritta:achidall'internodelmovimentoblaterasu presunte coperture e regie politiche degli scontri ad opera di aree politiche o centri sociali "non allineati", verrebbe da rispondere che se proprio si vuol parlare di responsabilit politiche, esse ricadono interamente su chi ha per mesi ha lavorato a depotenziare la portata conflittuale della manifestazioneromana,rigettandoleinnumerevoliproposte,provenientidalleareedimovimentopi

disparate,diportareilcorteoneipressidellasuanaturalecontroparte,assediandoifortinidelpotere. Ilmalcelatopropositoditrasformareladatadel15inunainnocuapasserella,perseguitoinqueste settimanedaunmanipolodisciacalli(questisidavveroestraneialmovimento)chesisonoinfiltrati nella protesta con l'unico fine di traghettarla verso i sempre pi maleodoranti lidi istituzionali, ha prodotto il risultato opposto; l'ipocrita e meschino tentativo di usare la protesta per parassitare qualchevotoinpiperSeLalleprossimetornateelettoralieperlanciareVendolaecompagnia comeinuovisalvatoridellapatriaacapodiunNuovoUlivo,hascatenatounasanaesacrosanta ondatadirigettolaquale,inmancanzadistabilipuntidiriferimentoautonomiediclasseeinassenza di una progettualit politica di superamento dell'esistente, non poteva che manifestarsi nelle modalitacuiabbiamoassistito. Mentre l'esercito della propaganda asservita ai padroni (di ogni colore e schieramento) sin dal pomeriggiodisabatohasguinzagliatoconforzainauditailsuoesercitodipennivendoli,sociologie opinionistiprezzolaticolsolitocorollariodiscoopedissertazionidisociologiaspicciolasuviolenza,non violenza,blackblock,teppismocieco,gioventdisadattata,pericoliterroristieviadelirando,iltutto conl'evidentefinedidistoglierel'attenzionedaglieffetticatastroficidallericettelacrimeesangue impostedaBankitaliaeBCE, pernoi,chedainguaribilimaterialistileggiamoinquestacrisienel malcontentocheessaproducenient'altrocheilsegnoinequivocabiledellaripresadelloscontrodi classe,ilsignificatoeconessolasostanzapoliticaderivantedallagiornatadel15ottobre molto semplice:aPiazzaSanGiovannimigliaiadiproletarihannoespressolapropriarabbianonsolocontro ungovernoeunostatochehannorapinatoloroildirittoallavoro,allacasaeallavita,maanche contro chi da un lato dimostra quotidianamente il proprio asservimento a quel sistema che ha generatolacrisi,dall'altrovorrebbelucraresulmalcontentodichiquellacrisilasubisceperipropri squalliditornacontidipoltrona. D'altraparte,evidentecheuntaletentativodisnaturarelagiornatadel15nonavrebbemaipotuto attecchiresenzaunaspondasignificativainternaalmovimento. Sitrattadiunastoriaoramaitritae ritrita:granpartedellanomenclaturadimovimento,dellalobbydegliincendiariachiacchiere,dei ribelli di professione, dei tifosi delle rivolte lontane (e pi sono lontane, meglio per loro...), non appenail conflitto iniziaa farsirealee non solo virtuale, diretto enonmediato, autentico enon telecomandato,ntantomenomanipolabileafinielettorali,passanoinunbatterd'occhiosull'altra sponda,alimentandoilteoremadelladivisionetrabuoniecattivieinvocandoresedeicontitra pacificieviolenti.Daquestopuntodivista,nonvi nulladinuovosottoilsole,trattandosidello stessocanovacciochehaportatoalrapidoriflussodelmovimentonoglobalechesolounannofa portilmovimentoNoGelminiapassarenelgirodiunasettimanadallastraordinariarivoltadel14 dicembreallapagliacciatadelledelegazionialQuirinale.L'unicanovitrappresentatadainuovi proselitichenelleultimesettimanesisonoaccodatialpartitodeibuoni:sututtilaConfederazione Cobas, la quale, seppur con un atteggiamento ondivago e contraddittorio finora aveva sempre avuto il merito di sottrarsi alle isterie paranoiche antiblack block e alle logiche da caccia alle streghe, echeinveceil 15si contraddistintaper unacondotta nondissimiledaquella cheda sempreessiimputanoaCgilCislUil,primaschierandosicontrol'ipotesidiportareilcorteosottoai palazzi del potere, poi sparando nel mucchio e criminalizzando indistintamente chiunque avesse osatoresistereattivamente. Non ci interessa sapere se effettivamente ci sia stato un baratto tra SeL e buona parte del Coordinamento15ottobre,nciinteressaconoscerel'entitdellacontropartita(chesianoseggial parlamento,postidaconsigliere,daportaborseoanchesololagaranziadicoprirelespesediaffitto diquestaoquellasede)poichpernoiildatopolitico: l'atteggiamentodifronteaifattidel15 ottobresegnaun'ulterioreeancorpiprofondospartiacquetral'anticapitalismoel'opportunismo,tra unapraticaautonomaediclasseelechiacchieredelriformismointuttelesuevestievarianti. Detto questo, ci pare altrettanto evidente che la trappola pi insidiosa per il movimento anticapitalistasiaquelladifarsischiacciareemettereall'angolo daquestanuovastrategiadella tensione.Ildisegnocheinattociapparechiaro:preparareilterrenoadunanuovasvoltarepressiva

ereazionaria,icuiprimieffettisisostanzianonell'ondatadiperquisizionicondotteintuttaItaliacontro compagnidelleareepolitichepidisparate. LasortitasullanuovaleggeReale,nonacasoad operadiquelpoliziottocampionedell'antiberlusconismocherispondealnomediAntonioDiPietroe fattapropriadaisettoriberlusconianipipropensiaunipotesidigovernodisolidarietnazionale,la riprovadicomesianogiinattolegrandimanovreteseaunulteriorerafforzamentodeipoteridello statoborgheseinchiaveautoritaria. Inquest'ottica,questifattinonpossonoesimercidalchiedereilcontoachi,ancheall'internodel movimento,inquestiannihapresentatol'antiberlusconismo,equindiildipietrismo,comeunastrada utile,senonaddiritturaimprescindibile,arrivandoinqualchecasoalpuntodastringerecon l'IdV accordielettorali... Venendoanoi,sarebbedeltuttosemplicisticoefuorviantelimitarsiadenfatizzarelaportatadel15 ottobre, senza al contempo interrogarsi sui limiti strutturali che caratterizzano non solo questo movimentoinquantotale,maancheesoprattuttolecapacitdiinterventodellasinistradiclasseal suointerno. Inprimoluogopensiamocheallastrategiadiisolamentomessainattoinquestigiornidapartedello statoedeisettorideladessosubalterninonsipossarispondere,comefattosinora,inordinesparsoo illudendosidipoterfareciascunodas:sel'attaccoconcentrico,larispostanonpuveniredalla sempliceriproposizionediununitfittiziabasatasolosulnoallarepressione. Insecondoluogo,lostessocorteodel15haevidenziatounapermanenterissositall'internodell'area diclasse.Unarissositchepoggiasudiffidenzereciprocheetatticismiesasperati,echerisultasempre pi appannaggio del vecchio ceto politico e sempre meno comprensibile da coloro che si affaccianoallalottaliberidalpesantefardellodeidecenniprecedenti.Daquestopuntodivista necessarioriaffermarelacentralitdellapoliticarispettoallelogichediparrocchia. Seilsistemadelprofittomostrasemprepidiessereallecorde,giuntal'oracheicompagnihanno davveroacuorelesortidelmovimentoelasuaautonomiadalleinflenzeriformistesiattrezzinocon metodoecostanzaperoffrireunostrumentopoliticodidimensionealmenonazionalecapacenon solo di rappresentare l'alternativa in piazza, ma anche di prospettare una via d'uscita credibile dall'attualestatodicose.Adontadichivorrebbeusareifattidel15persferrareuncolpomortalealle mobilitazioni,giinquestigiornilelottestannoriprendendoillorocorso,comedimostralosciopero deimetalmeccanicielamanifestazionedeiNoTavinValdiSusadel23ottobre. Per difendere e rilanciare le lotte oramai imprescindibile che tutti coloro che si riconoscono nell'anticapitalismosiadoperinoperdarvitaauncoordinamentonazionale. LaboratorioPoliticoIskra www.iskrassociazione.org Facebook:IskraAreaFlegrea iskrassociazione@gmail.com