Sei sulla pagina 1di 1

Urbino

16

MERCOLED 22 MAGGIO 2013

CONCORSO IL MONTEFELTRO RACCONTATO DAGLI ISTITUTI ALBERGHIERI


Oggi lhotel Alessandra Gonzaga di Macerata Feltria ospiter il Concorso di valorizzazione dello zafferano e dei prodotti tipici del Montefeltro. In gara ci saranno i tre istituti alberghieri di Piobbico, Pesaro e Novafeltria. Liniziativa, che si svolger a partire dalle 12 circa, organizzata dalla comunit montana del Montefeltro, dal Comune di Macerata Feltria, dallAis Marche (delegazione Urbino-Montefeltro) e dalla Provincia di Pesaro e Urbino con la partecipazione del ristorante Da Silvana di Carpegna. Lobiettivo quello di promuovere e valorizzare le nostre tipicit.

Toccafondo firma limmagine dellAteneo


Cinquanta tavole dellartista per una originale campagna di comunicazione
GIANLUIGI Toccafondo dipinge e firma la campagna di comunicazione dellUniversit: in 50 tavole, con i colori del Ducato, lartista, pittore, illustratore ha condensato i simboli, le immagini, le prospettive pi importanti che descrivono lAteneo e la citt di Urbino, dalla piazza della Repubblica ai volti degli studenti con la corona dalloro, ai Torricini, alle aule. Toccafondo la mano della campagna in cui c stato un grande lavoro di squadra ha detto il Rettore Stefano Pivato . Lidea innovativa: dare un immagine in movimento dellUniversit attraverso questo artista multimediale. Toccafondo (ndr, diplomato alla Scuola del Libro di Urbino, ora docente allIsia, per lavoro in viaggio tra Milano e Bologna), ha esaminato i manifesti delle Universit e ha notato ununiformit verso il basso, lutilizzo degli stessi mezzi e linguaggi, giovani, futuro. Con le sue immagini invece si ottiene quel legame naturale che fonde Universit e citt. CON UN notevole risparmio rispetto ai quasi 70mila euro spesi negli scorsi anni, la campagna di comunicazione dellUniversit questanno costata circa 25mila euro, considerando anche il fatto che lartista si prestato per il lavoro quasi solo per lattaccamento a Urbino, e comprender manifesti nelle citt marchigiane e italiane, allinterno dellUniversit, nelle stazioni ferroviarie dellAdriatico, nei quotidiani di Marche, Emilia Romagna e Puglia, nei social network, una rivisitazione del sito internet da ieri on line ad opera dal webmaster Donatello Trisolino. In questa operazione c una forma di mecenatismo per produrre creativit in un ambiente del sapere ha aggiunto Giovanni Boccia Artieri, delegato rettorale per la comunicazione . Non una campagna a perdere: i 50 frammenti creati saranno attaccati in vari punti per creare sedimenti e grazie ai manifesti chi si iscrive qui e le famiglie si ri-

PALAZZO DUCALE

Un convegno sul decoro nei centri storici


DOMANI alle 10, al Salone del Trono di Palazzo Ducale si terr il convegno Grandi Palazzi. Piccolo decoro sulledilizia monumentale e il decoro urbano nei centri storici, voluto dal Mibac sotto lalto patronato del presidente della Repubblica, dalla Soprintendenza per i beni storico artistici ed etnoantropologici delle Marche e dallAssociazione italiana dimore storiche italiane Sezione Marche. Un grande palazzo, un castello o una chiesa si possono comprendere solo conoscendo e apprezzando ledilizia minore, la viabilit e gli arredi circostanti si legge anche se di qualit inferiore, che costituiscono il tessuto connettivo in cui i beni maggiori trovano una corretta collocazione e giustificazione.

I NUMERI Risparmiati settantamila euro con una capillare diffusione nelle citt e nei social network
conosceranno in questo racconto. Il Rettore ha anche anche una mostra con le 50 tavole originali dipinte da Toccafondo: Lidea dellAbbecedario alla base ha proseguito Francesco Ramberti dellagenzia grafica Kaleidon : le lettere da sole non danno niente, insieme danno i significati. I ragazzi che sono dipinti assumono una connotazione eroica e si avvicinano allarte classica. ILLUSTRATI anche i dati di unindagine sul sito dellAteneo che il principale strumento di informazione per i giovani sullAteneo, quindi un punto dingresso molto forte ha spiegato Boccia

Francesco Ramberti (agenzia grafica Kaleidon), il rettore Pivato e il delegato alla comunicazione Giovanni Boccia Altieri

Artieri : ci sono stati 3 milioni di visitatori, il 10 per cento in pi dello scorso anno, il 24 per cento sono frequentatori abituali, le visite medie sono da 4 minuti, un tempo molto alto per i contatti, e vengono visitate in media 4-5 pagine, con una frequenza di rimbal-

zo dell1,75 per cento. Il 13 per cento della fruizione con mezzi mobili, lo scorso anno era solo del 2 per cento e quindi il sito dellAteneo stato rivisto pensando a consultazioni da pc, tablet e smartphone. Lara Ottaviani

Designer di fama mondiale allIsia


OGGI alle 15,30, nellaula magna dellIsia convegno su grafica, fotografia e architettura con tre designer di fama mondiale: Nancy Skolos, Thomas Wedell e Joost Grootens. Skolos e Wedell vivono e lavorano negli Stati Uniti e insegnano alla Rhode Island School of Design. Attraverso luso di tecniche di progettazione grafica e fotografia, creano collage di immagini tridimensionali. Lo studio Skolos-Wedell ha ricevuto numerosi premi e i loro manifesti sono esposti in diverse collezioni di design grafico, da Gerusalemme a Zurigo. Grootens un grafico olandese, specializzato in atlanti e ha vinto il pi prestigioso premio di design dei Paesi bassi, il Rotterdam design prize.

CENTRO STORICO SI RIUNISCE LA MAGGIORANZA DEL COMUNE, CORBUCCI TRA I DUE FUOCHI: IL GIRO DI VITE E LE IRE DEI COMMERCIANTI

Chiusura completa o a fasce orarie, oggi il futuro della Ztl


QUESTA sera la maggioranza del Comune di Urbino si riunir per decidere le sorti della ztl. Lincontro molto atteso: il sindaco riascolter le diverse opinioni con il compito di tracciare una riga e il 30 maggio riferire a Rete Imprese Italia. Il dubbio se proseguire sulla strada del rigore, andando magari verso la chiusura completa del centro storico e comunque nella stessa direzione presa dopo laccensione del telecontrollo (quella della tolleranza zero verso chi non in possesso di autorizzazione) oppure prevedere fasce orarie, come proposto da commercianti e associazioni di categoria in cui lasciare libero laccesso. E sembra che ancora Corbucci non abbia deciso la linea da tenere. Gli umori prevalenti tra i commercianti indicano per che la soluzione giusta la meno restrittiva. Nel caso in cui le cose non dovessero andare come sperato alcuni sono anche pronti a manifestare il proprio dissenso. In che modo? Imitando

PROTESTE Gli esercenti minacciano di consegnare le chiavi delle loro attivit


lesempio di Napoli e cio facendo scattare la serrata e riconsegnando simbolicamente le chiavi delle attivit. Gesto, per ora solo ventilato, che dice della tensione che si venuta a creare attorno al tema.

Dal Pd, considerato che per certi versi gi partita la campagna elettorale in vista del 2014, la cautela massima eppure se questo il clima che si registra tra le vetrine del centro, anche tra i consiglieri di maggioranza e gli assessori sono in diversi ad essere convinti che un giro di chiave al traffico cittadino sia unoperazione da portare fino in fondo, rischiando eventualmente di suscitare iniziali mal di pancia. Posizioni che pubblicamente non sono mai emerse per non destare troppi contrasti ma che in realt esistono. Trovare una via duscita a questa situazione sar difficile ma necessario.
Fabio Melis, proprietario di un negozio in via Mazzini

PERSINO tra gli stessi commercianti il giudizio tuttavia non una-

nime. Chi scegli di aprire in centro spiega Fabio Melis, proprietario di un negozio in via Mazzini accetta pro e contro. La presenza di turisti, studenti lavoratori e limiti imposti alle auomobili. A parte questo lattenzione da porre su altre cose. Per esempio sui parcheggiatori abusivi di via Mazzini. Invece di discutere bisognerebbe intervenire togliendo i parcheggi ai lati. Capita quasi tutti i giorni dice Melis di vedere negozi nascosti dalle macchine e pedoni costretti a camminare nel centro della strada. Amo Urbino, lho scelta per vivere e lavorarci e credo che il primo modo per tutelarla e rivalorizzarla sia ristabilire il decoro che passa anche da queste cose. Emanuele Maffei

Interessi correlati