Sei sulla pagina 1di 56

www.gazzetta.

it luned 16 gennaio 2012 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 0262821 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. N A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

n 13 anno 116 Numero Anno

^~ C m~

IL DERBY INCIPE PR DECIDE IL DI ABATE E SU ERROR IGLIORE M SAMUEL IL PATO FISCHI PER
DIEGOL
Diego Milito, 32 anni, abbracciato da Ricardo Alvarez ANSA

MILAN 0 INTER 1

K~K

PARI (11) COL CAGLIARI

E LA JUVE RESTA SOLA AL COMANDO


ALLE PAGINE 161719

URLO INTER
CON IL GOL DI MILITO I NERAZZURRI BATTONO IL MILAN E RIENTRANO IN GIOCO MORATTI: RANIERI E UN UOMO SAGGIO. E ORA SU TEVEZ VEDREMO...
BOCCI, DALLA VITE, DELLA VALLE, ELEFANTE, GARLANDO, PASOTTO, TAIDELLI, VERNAZZA DA PAGINA 2 A PAGINA 14

ilCommento

LE ALTRE

Serie A / 18
PARTITE CATANIA ROMA sosp. 11 CESENA NOVARA 31 CHIEVO PALERMO 10 FIORENTINA LECCE 01 GENOA UDINESE 32 JUVENTUS CAGLIARI 11 LAZIO ATALANTA 20 MILAN INTER 01 PARMA SIENA 31 Stasera (ore 20.45) NAPOLI BOLOGNA

GIORNATA

A LOUISVILLE

TUTTO RIAPERTO
DI ALBERTO CERRUTI

Il crocevia del derby diventa una croce per il Milan e un via libera per lInter, che vince la sesta partita consecutiva e aggiunge un posto al tavolo per lo scudetto. Con tanti ringraziamenti a Milito, luomo decisivo nella notte pi attesa, e a Cossu il jolly del Cagliari che frena la Juventus, sempre al comando ma soltanto a pi 1 sul Milan e a pi 6 sullInter.
L ARTICOLO A PAGINA 55

Stop Udinese il Genoa gode La Lazio riparte Fiorentina gi


All Olimpico Atalanta k.o. I viola crollano in casa davanti al Lecce di Cosmi
Miro Klose PAG. 20212223

Napoli col tridente contro il Bologna


CLASSIFICA JUVENTUS 38 MILAN 37 UDINESE 35 LAZIO 33 INTER 32 NAPOLI* 27 ROMA* 27 GENOA 24 CHIEVO 23 CATANIA* 22 CAGLIARI 22 PARMA 22 FIORENTINA 21 PALERMO 21 ATALANTA** 20 BOLOGNA* 18 SIENA 18 CESENA 15 LECCE 12 NOVARA 12

SIAMO ANDATI DA ALI ALLA FESTA DEI 70 ANNI DEL MITO PI GRANDE
LOPES PEGNA A PAGINA 48

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

* Una partita in meno. ** Penalizzata di sei punti.

Allegri ribadisce la totale autonomia nella scelta della formazione del derby: Io scelgo 10 giocatori, laltro lo sceglie Barbara.

Prezzo lancio

5.095,00 fc

20 1 1 6>

9 771120 506000

MaxSym 400 i
Disponibile a breve anche con ABS
SYM sceglie ubrifican i Motorex

Assistenza stradale inclusa foratura per lintero periodo di garanzia

SANYANG Italia S.r.l. Via delle Industrie, 12 Arese - Milano Telefono 02 9345641

http://www.sym-italia.it

www.preference.it

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

DERBY DI MILANO LA PARTITA

numeri& STATISTICHE

LUIGI GARLANDO MILANO

Eccola lInter, spuntata dal basso a sorpresa come gli elicotteri di Apocalypse Now e ora fa paura. Ha battuto il Milan campione dItalia, che non perdeva dal 2 ottobre. Si portata a 6 punti dalla Juve capolista, a 5 dai rossoneri, a 3 dallUdinese, cio da un posto Champions. La Lazio, lunica di testa ad aver vinto, a un punto e alla prossima verr a San Siro. LInter ha gi le forchette in mano. Questo il primo merito di Claudio Ranieri, vero artefice del successo che ha ribaltato il destino della stagione: aver restituito fame agonistica e applicazione feroce agli eroi del Triplete. Milito, ancora in gol, ha deciso il match. Lucio e Samuel, insuperabili, hanno lasciato a secco lattacco record del Milan (37 gol) che soltanto in due precedenti (Juve, Fiorentina) si era inceppato.
Ibra riposa Il Milan, al contra-

VOLATA DINVERNO
Sono tre le squadre in corsa per la conquista del platonico titolo dinverno a una giornata dal termine (in MAIUSCOLO le partite fuori casa).

S
JUVENTUS 38 punti ATALANTA sabato ore 20.45

S
MILAN 37 punti NOVARA domenica ore 15

rio, stato irriconoscibile proprio nella cattiveria agonistica: Boateng e Ibra non avevano la solita faccia. La reazione al vantaggio di Milito stata al minimo sindacale. Forse trattative e polemiche hanno impedito ad Allegri di caricare come al solito una squadra apparsa insolitamente svagata. Da qui da dovr ripartire il tecnico: ridare anima da battaglia al Diavolo. E poi dalla risoluzione dei dubbi tattici. Ha perso con Pato e Boateng mediano, come piace al presidente. Sar il caso di tornare al suo Milan, con Robinho titolare e il Boa trequartista? Ieri intanto Massimiliano Allegri ha scoperto come dura la vita quando non ci pensa Ibrahimovic. Veniva da 7 gol in 6 partite. Per uno che si sente dio, riposarsi alla settima naturale. Ma dovr svegliarsi in fretta.
Inter prudente Ranieri resiste

S
UDINESE 35 punti Catania domenica ore 15

MILITO! IL DERB
Il Principe abbatte il Milan I nerazzurri a -6 dalla Juve
Largentino firma la vittoria dopo una rete annullata ingiustamente a Thiago Motta in avvio. Milan irriconoscibile, Ibrahimovic non punge
zione di Maicon. Sarebbe il vantaggio, ma un abbaglio del guardalinee lo sbandiera via: fuorigioco inesistente. Nel finale di tempo (40) Abbiati si salva di piede su una conclusione ravvicinata di Alvarez. Un gol negato e una mega-palla gol: nel mezzo troppa attesa, forse. Perch un vivo Maicon, se raddoppiato in fascia da Zanetti, avrebbe potuto saccheggiare molto dalle parti del traballante Zambrotta; e perch ogni volta che Alvarez deragliato dai binari laterali per accentrarsi, promette bene.
Milan spento Davanti alla prudenza dellInter, il Milan ha preso campo e ha fatto la partita per 45 minuti. Un parziale di 7-0 negli angoli e di 7-3 nelle conclusioni raccontano la pressione. Una traversa di Van Bommel (45) e un destro di Pato sparaccchiato in cielo da ottima posizione (11) sono le risposte migliori ai pericoli offensivi dei nerazzurri. Se il Diavolo non riuscito a spremere di pi dal possesso, perch la sua manovra ha tare evidenti. Una mediana di soli incursori ai lati di Van Bommel fatica a

alla tentazione di osare il convalescente Sneijder e conferma il suo 4-4-2 che pi 4-4-2 non si pu. Le due linee restano basse e compatte. Anche Thiago Motta, che in genere si alza e spaia, resta in linea con Cambiasso. Nonostante la necessit di vincere, lordine chiaro: limitare al minimo i rischi, non concedere campo alle ripartenze, presidiare in attesa dellepisodio buono. In fondo, tolta la goleada al Parma, la strategia che ha riportato in alto lInter: poca poesia, tanta sostanza, tanta umilt. La rimonta nerazzurra stata pi etica che tecnica. E la strategia paga gi al 4: Thiago Motta incorna in rete una puni-

Lesultanza degli interisti ANSA

far circolare la palla e a servirla come si deve. Il ruolo di Aquilani, lesto a cambiare gioco e a verticalizzare, stato spesso sottovalutato. Senza di lui, c il solo tenero Emanuelson a smistare idee. Lolandesino ci mette lanima, qualcosa crea, ma non basta. Seedorf potrebbe dare una buona mano in un contesto del genere. Di solito in questi casi, come a Bergamo, ci pensa Ibra, defilandosi a dettare e a suggerire, ma il Mago in unarena che dovrebbe infiammargli lorgoglio, stranamente abulico e svogliato.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Milito-Abate: tutto come due anni fa

MILAN

INTER

0
(4-3-1-2) Abbiati; Abate, Nesta, Thiago Silva, Zambrotta; Boateng, Van Bommel, Nocerino (dal 35 s.t. Seedorf); Emanuelson (dal 21 s.t. Robinho); Ibrahimovic, Pato (dal 38 s.t. El Shaarawi). PANCHINA Amelia, Bonera, Mexes, Ambrosini. ALLENATORE Allegri. ESPULSI nessuno. AMMONITI Boateng, Nesta ed El Shaarawy per gioco scorretto. ALLENATORE Ranieri. ESPULSI nessuno.

1
(4-4-2) Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Thiago Motta, Cambiasso, Alvarez (dal 22 s.t. Chivu); Milito (dal 31 s.t. Sneijder), Pazzini (dal 45 s.t. Forlan). PANCHINA Castellazzi, Ranocchia, Obi, Faraoni. AMMONITI Thiago Motta per gioco scorretto.

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Milito al 9 s.t. ARBITRO Orsato di Schio. NOTE paganti 48.341, incasso di 2.292.662 euro; abbonati 31.181, quota abbonati di 838.733,63 euro. In fuorigioco 1-1. Angoli 10-3. Recuperi: p.t. 2, s.t. 3. POSSESSO PALLA PALLONI GIOCATI

MILAN 67% TIRI IN PORTA

INTER 33%

MILAN 806 TIRI FUORI

INTER 541

IIIII
MILAN 5

IIIII IIIII
INTER 5 MILAN 5

III
INTER 3

Sembra la stessa azione, sembra lo stesso gol, ma ripreso dallobiettivo del fotografo in istanti diversi. Invece sono due gol completamente diversi ed ugualmente importanti. A sinistra (Plpress) c la rete di Milito di ieri. Sopra, invece, c il gol che lattaccante ha segnato sempre nel derby del 24 gennaio 2010, due stagioni fa (Reuters). Anche in quel caso, Abate sbaglia e Milito segna: Inter-Milan fin 2-0, ultima vittoria dei nerazzurri prima di quella di ieri.

MOMENTI CHIAVE PRIMO TEMPO 4 Punizione di Maicon, Thiago Motta incorna in rete, ma il gol viene annullato per fuorigioco. 21 Angolo rasoterra di Emanuelson, Boateng alto. 40 Nagatomo da sinistra, Alvarez raccoglie, Abbiati para di piede. 45 Pato a Van Bommel che centra la traversa dal limite, poi Emanuelson impegna Julio Cesar.

SECONDO TEMPO c GOL! 9 Zanetti lancia da destra, Abate cicca la chiusura, Milito raccoglie e segna in diagonale. 26 Diagonale di Ibra fuori da buona posizione. 27 Nagatomo calcia tra le braccia di Abbiati. 38 Seedorf dalla distanza, Julio Cesar in angolo. 39 El Shaarawi a Robinho che calcia si Julio Cesar.

BY RILANCIA LINTER
4 primo tempo Il gol annullato a Thiago Motta Subito un episodio da moviola in apertura di partita: Thiago Motta segna, ma viene segnalato un fuorigioco inesistente INSIDE
Indiana Jones Come a Bergamo, Pato pasticcia, sbaglia tanto, per un mancato triangolo si becca una strigliata di Ibra che lo ama molto meno di Barbara, ma in fondo solo il Papero d la sensazione di poter creare pericoli. Il guaio che sgomma solo contro tutti. Allegri non cambia nulla, si accontenta del dominio in attesa che Ibra si svegli. Non cambia neppure Ranieri, che si accontenta di resistere in attesa dellepisodio buono. Eccolo, al 9: Abate cicca goffamente la chiusura sul lancio di Zanetti e Mili-

45 primo tempo La traversa di Van Bommel Ben servito da Pato, Van Bommel calcia e timbra la traversa. Poi Julio Cesar para su tiro di Emanuelson IMAGE SPORT

9 secondo tempo Il gol della vittoria di Milito Milito sfrutta un lancio di Zanetti, approfitta di un errore di Abate e batte il portiere rossonero Abbiati per l1-0 ANDREOLI
Daniele Orsato, al primo derby in carriera, sceglie di fischiare il meno possibile. Inevitabili le sbavature con alcune punizioni evidenti non rilevate. Nel complesso, per, la prova di Orsato sufficiente anche perch lunico errore importante lo commette lassistente Copelli: annullato un gol regolare allInter per un fuorigioco inesistente di Thiago Motta. Lepisodio dopo 5 minuti: sulla punizione battuta da Maicon sono gi in offside Samuel e Milito, ma non disturbano i difensori e neppure

39 secondo tempo La paratona di Julio Cesar su Robinho Grande numero di El Shaarawy, appena entrato, che serve un pallone doro a Robinho: paratona di Julio Cesar KINES
convinto che il passaggio diretto ai due interisti in fuorigioco, ma la regola chiara: bisogna aspettare fino allultimo proprio per capire chi toccher il pallone. E in questo caso Motta era nettamente in posizione regolare. Per il resto, mancano un paio di gialli nel primo tempo (a Samuel e a Lucio). Ok quelli dati nella ripresa a Thiago Motta, Boateng e Nesta (gli ultimi due saranno squalificati). Esagerato quello nel recupero mostrato a El Shaarawy: semplice gamba tesa su Lucio.

to imbuca chirurgico in diagonale, come ai tempi del Triplete. Robinho, Seedorf ed El Shaarawy che entrano nellordine partecipano alle azioni pi pericolose nellassalto finale, ma tardi. QuestInter affamata ha losso in bocca e non glielo strappi pi. Entrano i nobili Sneijder e Forlan, ma non posso cambiare la fotografia del derby numero 276. Lo ricorderemo come il derby vinto soprattutto da Claudio Ranieri, lIndiana Jones del Testaccio che ha ritrovato lInter perduta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Moviola
DI FRANCESCO CENITI

Motta-gol: fuorigioco inesistente

Abbiati. Il pallone preda del perfetto inserimento da dietro di Thiago Motta. Copelli sbaglia a valutare lazione alzando subito la bandierina, forse perch

Il gol di Motta: regolare CANONIERO

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

DERBY DI MILANO I VOTI


le Pagelle
di SEBASTIANO VERNAZZA

MILAN IN MEZZO SI SALVA VAN BOMMEL, BOATENG PREDA o la mossa tattica


Ibrahimovic si abbassa, scivola allindietro (destra, sinistra o centro, a piacimento) e permette ai centrocampisti di inserirsi. Un classico del Milan formato Zlatan.

DEI DUBBI, PATO IMPRESENTABILE AL TIRO 6 6,5 h Allenatore Allegri Il migliore Van Bommel
Il pallino del gioco suo. Il problema il carattere: se il Milan ci avesse messo le palle dellInter e scusate il francesismo , il risultato sarebbe stato diverso. Col suo passo da ragioniere, quadra i conti del gioco del Milan. Peccato che davanti a lui si trastullino. Una traversa gli dice no. Sul gol non gli riesce il fallo tattico anti Zanetti.

Il calcio non aritmetica e i migliori non sempre vincono. Luoghi comuni con fondo di verit. Nel calcio chi si gingilla non vince mai.

6
Abbiati
La parata su Alvarez gli vale la piena sufficienza: se lo ritrova davanti e si oppone come deve. Il diagonale di Milito millimetrico, su un tiro del genere un portiere pu soltanto pregare San Palo, che per nelloccasione devoto allargentino.

5
Abate
Suo il peccato originale, la ciccata, che d semaforo verde a Milito. Pi in generale devono avergli fatto una testa cos sullemergente Alvarez, cos se ne sta buono buono sulle sue e poco si vede in avanti. Non il vero Abate. Un Abatino, ecco.

6,5
Nesta
Per sfortuna del Milan, non ci sono n Nesta n Thiago Silva sul malefico cross di Zanetti che porta al gol di Milito, cos il Principe mette in buca. Solito Nesta, che sbroglia scabrose situazioni. Senza Nesta, lInter farebbe ancor pi festa.

6,5
Thiago Silva
Ci sar un motivo se alla fin fine, fatti i conti, tirate le somme, Milito e Pazzini mettono assieme la miseria di un tiro in porta, seppure fondamentale, perch decisivo, il gol dello 0 1. Il motivo limpido: contro Nesta e Thiago Silva dura per qualunque attaccante.

5
Zambrotta
Quando Maicon viene gi come un torrente in piena, Zambro va in difficolt. Sarebbe banale pigliarsela con let che avanza, non fosse altro perch dallaltra parte nonno Zanetti mostra meraviglie: evidentemente la Z di Zambrotta non la Z dellargentino...

5,5
Boateng
Che il cambio di posizione gli abbia tolto certezze? Si visto un Boa arrotolato su se stesso, preda di dubbi: vado o non vado? E se vado, dove vado? Tira molto ma senza graffiare. Se fossimo in Allegri, lo riporteremmo dietro le punte. Mai smontare ci che funziona.

5
Nocerino
Non gli riescono n gli inserimenti n i tiri che lo hanno reso famoso e indispensabile in questi suoi primi mesi di Milan. Non gli riescono perch davanti trova una muraglia e perch sul suo lato ci sono Maicon e Zanetti che rompono i cosiddetti (Seedorf s.v.)

5,5
Emanuelson
In tribuna si sentono i soliti commenti sullinutilit di Emanuelson, per ci sembra di cogliere dei pregiudizi. A noi non parso il peggiore dei milanisti. Ha corso, ha messo Pato davanti alla porta, ha ricoperto due ruoli (trequartista e terzino). Certo, ha fatto anche confusione.

5,5
Pato
Vivace nelluno contro uno, nello smarcamento, ma impresentabile al tiro, soprattutto quando spreca un assist di Emanuelson. (El Shaarawy s.v. Pochi minuti, per importanti, perch imbecca Robinho davanti ad Abbiati. Non il caso di concedergli pi fiducia?)

5,5
Ibrahimovic
Riecco lIbra che tende a scomparire davanti a difensori di livello internazionale. Non un bel segnale, in chiave Champions. Da grande ex soffre lInter, un po come laveva patita a suo tempo nel Bara della Champions 2010. LIbra formato mediocrit.

5,5
Robinho
Non entra in partita. Meglio: quando ci entra, sbaglia, vedi il tiro addosso a Julio Cesar verso la fine. Era lecito aspettarsi qualcosa di pi e di meglio.

s.v.
Seedorf
Pochi minuti, impossibile valutarlo. I fan del Professore imprecano per il suo tardivo utilizzo, i detrattori dicono che va bene cos. Noi pensiamo che Seedorf dentro un derby farebbe sempre la sua figura.

Un tuffo nel passato, nei gloriosi anni Sessanta. Compatti, rinchiusi, in attesa del contropiede giusto. Che arriva. Strike!

6,5

INTER CON LUCIO E SAMUEL NON SI PASSA, CAPITAN ZANETTI CI METTE CUORE E FORZA 7 o la mossa tattica Allenatore Ranieri
Due linee difesa e mediano molto strette. Inter attendista, che se pu si distende sulle fasce. Nel p.t. Maicon spinge pi di Nagatomo, che per libera Alvarez davanti ad Abbiati. Con lumilt degli underdog, degli sfavoriti. Voi fate, noi disfiamo. Voi venite, noi vi aspettiamo e ripartiamo. Gli esteti storcono le labbra, ma il derby non per anime belle.

7,5 h Il migliore Samuel


Ai limiti del codice, ma con efficacia. Si capisce lontano un miglio che ha conti in sospeso con Ibra, roba risalente ai tempi di Appiano. Una sua perfetta chiusura allorigine del gol.

6,5
Julio Cesar
Le uscite e le parate che servono, quando servono, specie su Robinho a una manciata di minuti dalla fine. La fortuna che aiuta gli audaci e ogni riferimento alla traversa di Van Bommel puramente voluto. Nel conto del dare e avere, il saldo pi che positivo.

6,5
Maicon
A lungo lunica vera risorsa offensiva dellInter. Quando infuria il possesso palla del Milan, il gioco si scarica sulla destra, sulle incursioni di Maicon. Suo il cross del gol annullato a Thiago Motta, sue le volate che fanno traballare Zambrotta. Maicon? Mai senza.

7
Lucio
Lucio&Samuel: sono ritornati i blues brothers, i due centraloni che nellepica Champions del 2010 formavano un muro invalicabile. Una riga per terra e nada, non si passa. Ibra gira al largo (un po per scelta e un po no), Pato non ci piglia. Quei due si esaltano.

6,5
Nagatomo
Un tempo un po cos, a guardar gli altri giocare. Poche sovrapposizioni su Alvarez. Peccato, perch la volta in cui lo fa mette Ricky davanti al portiere. Nella ripresa si scioglie, va al tiro con pericolosit. Non Nagatomico, ma neppure catatonico. Anzi.

7
Zanetti
Cuore di capitano. Novanta minuti a sradicare palloni e a portarli avanti con forza, come nellazione del gol. Modulo e atteggiamento lo esaltano. Zanetti non tipo da pranzi di gala. Non lo mai stato, non lo nella sera in cui si vede unInter che sarebbe piaciuta al Mago.

6,5
Thiago Motta
Pronti via, va su di testa con tempismo esemplare e batte Abbiati. Lassistente Copelli per si confonde e annulla. Poi si dedica al lavoro sporco sui piedi dolci dei milanisti. Thiago brasiliano atipico e nella calca si esalta. Non tira mai il piede indietro. Mai.

6,5
Cambiasso
Vigilante. Non notte di ricami, non serata in cui Cambiasso possa imporre la sua specialit, gli inserimenti in avanti. Si muove in orizzontale, a tamponare e a (ri)cucire. La condizione lo sorregge fino allultimo. tornato Cambi asso?

6
Alvarez
Dovrebbe essere lattaccante aggiunto, il terzo incomodo. Ranieri gli chiede di allargarsi, per il possesso del Milan induce largentino a stringere in mediana. Poca creativit, molta sostanza. Gli capita un pallone doro, ma indugia nella ricerca del piede giusto e sciupa.

5,5
Pazzini
Spiace rifilare a lui lunica insufficienza interista della nottata, ma a parer nostro sarebbe disonesto il contrario. Fa la sua parte di pressing alto, per non mai pericoloso. Ha unattenuante: non gli arriva un pallone decente che sia uno. (Forlan s.v.)

7
Milito
Cerano stati dei segnali, si era intuito che Milito stava per uscire dal tunnel in cui si era infilato dopo la Champions 2010, dopo la sbornia della finale di Madrid. Il gol un colpo da cine biliardo: mira, stecca, sponda e buca. Il Principe non pi ranocchio.

6,5
Chivu
Entra quando c bisogno di difendere il tesoretto del gol di vantaggio. Si piazza a sinistra e stavolta fa quel che deve, il difensore che difende. Due insidiose iniziative milaniste si spengono sul romeno.

s.v.
Sneijder
Poco pi di un quarto dora, recupero compreso, al posto di Milito. Nulla che gli valga il voto, se non qualche alleggerimento. La notizia che lInter ha imparato a fare a meno di Sneijder. Nessuno indispensabile. Dovr riconquistarsi il posto.

TERNA ARBITRALE: ORSATO 6 Non commette grandi errori. Sceglie la linea del vivi e lascia giocare, cos risparmia sui cartellini. Tradito da Copelli sul gol annullato a Thiago Motta Copelli 5-Romagnoli 6

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A LE STATISTICHE DEL BIG-MATCH


NUMERI E CURIOSITA

Milito: un tiro, un gol Ibra troppo falloso


Largentino, dopo una prestazione di sacrificio, sfrutta lerrore di Abate e regala la vittoria. Lo svedese impreciso
ANDREA SCHIANCHI

i numeri
POSSESSO PALLA
Domina il Milan, tiene il pallone tra i piedi, costruisce azioni su azioni, ma alla fine questo possesso poco produttivo. Preciso nei passaggi, il Milan, che una squadra molto tecnica. A volte sarebbe stata necessaria una maggiore velocit.

MILAN

67%
PASSAGGI UTILI

MILAN
la Sfida
ZLATAN IBRAHIMOVIC 30 ANNI MILAN DIEGO MILITO 32 ANNI INTER

La percentuale pazzesca per un centravanti: 100 per 100. E ancora pi pazzesco che un centravanti calci una sola volta verso la porta avversaria. Ma la vittoria dellInter contiene queste follie calcistiche e non resta che applaudire Diego Milito: un pallone giocabile, un tiro, un gol. Se, dopo la partita, largentino fosse andato a una sagra di paese, si sarebbe sicuramente portato a casa il famoso pesciolino rosso. E su questa prodezza, meravigliosa per la precisione e anche per lunicit, i nerazzurri hanno costruito il risultato pi importante di questo campionato. Poi, tanta legna, tanta corsa, tanto sacrificio. Di qualit parleremo unaltra volta...
Sacrificio LInter ha impostato la sfida sulla difensiva: 4-4-2, reparti stretti e corti, pressing se il fiato c e le gambe reggono, retroguardia sempre molto bassa. E ovvio che con queste premesse il lavoro per i due attaccanti nerazzurri era piuttosto complicato. Arrivavano pochi palloni dai centrocampisti, preoccupati soprattutto a contenere la manovra avversaria, e pochi anche dagli esterni abilitati ai raid offensivi, cio Maicon e Zanetti da una parte e Nagatomo e Alvarez dallaltra. Il compito di Pazzini e Milito, alla fine, era quello di disturbare lavvio dellazione del Milan e di tagliare le linee di passaggio, soprattutto nella fase di disimpegno dei rossoneri. Insomma, quella che generalmente si definisce una prestazione di sacrificio. Errore Alle corse e alle rincorse

78%
FALLI COMMESSI

PAZZINI

PALLONI GIOCATI

55
TIRI EFFETTUATI

39 1 1 8 1
Il pallone appena calciato da Milito in rete. Sui volti di Nesta e Thiago Silva si legge la delusione: il derby perso e anche la vetta della classifica

4
Curioso che il giocatore pi falloso sia il centravanti della squadra che ha vinto, cio Pazzini. Significa che si sacrificato parecchio per arginare le offensive del Milan.

3
GOL REALIZZATI

0
PALLONI PERSI

FALLI SUBITI

MILITO

7 3

4
male, il capitano crossa verso Milito, Abate fallisce lintervento e il Principe l, pronto a sfruttare lerrore. Arpiona la palla, se la tiene incollata al piede, la porta avanti con maestria e, una volta arrivato sulla zolla giusta, fa partire un sinistro di rara precisione. Se dei 39 palloni toccati questo stato il pi importante, non vanno dimenticate le 4 sponde consegnate ai compagni, segno di uno spirito di sacrificio non comune. E, rimanendo sempre in argomento, ci sono pure i 4 falli subiti quando, in vantaggio per 1-0, bisognava tenere il pallone lontano dalla propria area, guadagnare tempo e far respirare tutta la squadra. Un Principe umile.
Falli Decisamente meno inci-

PALLONI RECUPERATI Soprattutto sull1-0, Milito ha cercato di tenere il pallone, di proteggerlo e di far respirare la difesa. E cos ha subito tanti falli e ha guadagnato tempo.

Ibrahimovic tenta la conclusione solo tre volte. A nulla servono le sue solite sponde
trettanto giusto mettere in evidenza i 3 dribbling sbagliati e le ben 7 palle perse. Non da Ibra, per intenderci. Nel finale Zlatan ha pure cercato di allargarsi, di creare spazi, di suggerire: 3 sono i cross. Che non sia stata la miglior serata dello svedese lo testimoniano anche i 4 contrasti persi: certo che trovarsi di fronte un colosso come Samuel non bella cosa. E quando non cera largentino, ecco arrivare le zampe di Lucio... I numeri dicono anche che Ibra, forse a testimonianza di un certo nervosismo mostrato nella parte finale della partita, stato pi falloso del solito: 3 interventi scorretti. In conclusione, per lui, un derby da cancellare. Come per tutto il Milan.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PALLONI RECUPERATI

ZANETTI

12
Incredibile per quanto ha corso e per quanti palloni ha recuperato, ben 12. Zanetti ha onorato la fascia da capitano che indossa.

PALLONI PERSI

VAN BOMMEL

17
TIRI EFFETTUATI

Lasciato libero dagli avversari, Van Bommel ha toccato tantissimi palloni in impostazione: logico anche che ne abbia persi parecchi. Il giocatore che ha tentato pi volte il tiro, soprattutto da fuori area, stato Boateng. E mancata la precisione.

Milito, da autentico campione, ha saputo aggiungere quel qualcosa in pi, cio il gol. Provate a riavvolgere il nastro: Zanetti ruba un pallone a centrocampo, scende sulla destra, la difesa del Milan posizionata

siva la prova di Ibrahimovic. Tre volte ha cercato la via del gol, ma sempre con scarsa precisione. E se giusto sottolineare le 5 sponde a favore degli inserimenti dei centrocampisti, al-

BOATENG

Con il concorso Hyundai Big Match diventi cronista per un giorno.


Iscriviti su Gazzetta.it e vinci subito la possibilit di scrivere un articolo e 2 biglietti per Milan-Napoli. Inoltre potrai partecipare allestrazione nale di una Hyundai Veloster. Vai su www.gazzetta.it/hyundaibigmatch
Veloster: consumo max urbano 8,1/extraurbano 5,3/combinato 6,5 (l/100 km). Emissioni CO2 max (g/km): 148. * Condizioni e limiti della garanzia su http://www.hyundai-motor.it/postvendita/garanzia.aspx. La Garanzia proposta non si estende a tutte le componenti delle autovetture. Durata complessiva dellintero concorso: dal 21/11/2011 al 23/04/2012. Regolamento completo su www.gazzetta.it/hyundaibigmatch. Montepremi 35.798,39 euro + iva.
*

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

DERBY DI MILANO GIOIA NERAZZURRA

I NUMERI

4
6

ilPersonaggio DIEGO MILITO

Diego Milito, 32 anni, al settimo centro in campionato


ANSA

CALENDARIO AMICO

Per sfruttare leffetto San Siro 4 gare interne su 6


MILANO Un effetto San Siro da cavalcare al meglio. LInter ha sfruttato le prime due sfide del 2012 giocate a Milano per accorciare sulla vetta ed avere gi a portata di mano il terzo posto che vale la prossima Champions. E il calendario le offre lassist di giocare in casa anche quattro delle prossime sei sfide di campionato. Domenica sera infatti arriva la Lazio, mentre dopo la trasferta di Lecce (29 gennaio) verr al Meazza il Palermo (1 febbraio) e dopo la sfida dellOlimpico contro la Roma (5 febbraio) i nerazzurri ospiteranno Novara e Bologna.

le vittorie consecutive per lInter; ha fatto meglio lultima volta tra l1 novembre e il 20 dicembre 2008 quando i successi di fila furono 8

la serie di vittorie consecutive di Allegri nei derby, stoppata dalla sconfitta di ieri; fallito il tentativo di eguagliare Bigogno, lunico allenatore rossonero che fece poker nel derby tra il 20 ottobre 1946 e l11 aprile 1948

Tre indizi fanno un Principe 3 S, proprio lui


Va a segno per la terza volta consecutiva e col quinto gol al Milan seppellisce la crisi Una gioia per me e per chi mi stato vicino
ANDREA ELEFANTE MILANO

i derby milanesi senza pareggi: dopo lo 0-0 del 24 ottobre 2004, 9 vittorie rossonere e 9 nerazzurre

18

Il terzo indizio non fa una prova, fa di pi. Fa che il ritorno del Principe non il titolo di una favola, ma di una storia vera. Anzi due: quella di Diego Milito e quella dellInter, che si sono ritrovati al momento giusto, prima per conto proprio e poi insieme, hanno cominciato un altro viaggio e chiss dove li porter. Il terzo indizio di Milito la prova che certi movimenti non si dimenticano, e lodore di certi gol neanche. Si ricomincia a sentire un po alla volta, al Principe successe che mancavano quattro giorni a Natale, di fronte cera il Lecce e la gente quella sera disse Toh, Milito ha fatto

TERZO DI FILA

A
S

un gol da Milito. E lo disse anche nove giorni fa, Inter-Parma, due gol, un assist, migliore in campo, lepifania definitiva di un giocatore che si temeva perso e invece era tornato davvero, oh s.
Sotto la curva Gli restava solo una cosa da fare, bussare alla porta di casa per la terza volta consecutiva. La terza partita con un suo gol, solo che quello di ieri sera non era semplicemente il settimo di questo campionato, era qualcosa di pi: uno sberleffo ai giorni in cui la porta sembrava diventata nemica e il suo istinto del gol un fiore appassito; era uno sfregio al potere della classifica; uno strappo sulle pagine del libro dei derby, degli ultimi tre derby; un avviso ai naviganti,

occhio che lInter c ancora, non rincorre e basta, adesso corre e ci crede. E si ritrova di nuovo l, sotto la Nord, a salutare i tifosi ai quali zitto zitto si mescolato anche Materazzi: una notte da saltare in campo e saltare lass, come si faceva quando certi discorsi non erano utopia, non erano un sogno riaccarezzato, ma erano la regola.
E cinque Ecco, le regole: il gol di ieri sera era soprattutto il rimettere a posto certe cose, perch Milito era abituato a vedere rossonero e a segnare e il digiuno degli ultimi due derby gli pesava sullo stomaco pi di unindigestione. Lui al Milan aveva iniziato a far male gi quando lItalia doveva ancora conoscerlo bene, stagione

Il Principe ha segnato per la terza giornata consecutiva dopo i gol al Lecce e al Parma

2008-2009, addosso la maglia del Genoa: gol a Marassi, gol a San Siro e poi sarebbe venuta la stagione nerazzurra del Triplete, il gol nel 4-0 dellandata e nel 2-0 del ritorno, anche quella sera prendendo il tempo ad Abate. Forse ieri sera Milito ha rivisto quei fotogrammi tutti insieme, prima di punire il Milan per la quinta volta nella sua carriera, amichevoli escluse; poi ha rivisto Abate perdere lattimo, e lasciargli giusto il tempo per puntare la porta da sinistra verso destra, lo spazio per fare un gol da Milito.
Felice il doppio Ma stavolta la gente non ha pi detto toh, perch si capisce un attimo prima di leggere lultima pagina che certe storie sono ricomin-

ciate e le parole sono di nuovo le stesse, perch a lui, il Principe Milito, poco interessa cercarne di nuove: Vincere un derby meraviglioso, soprattutto dopo una grandissima partita contro un grandissimo avversario: labbiamo affrontata come si doveva, con la concentrazione che serviva. Riuscire a battere una grande per noi era una prova importante: per la classifica e perch sapevamo che battere il Milan ci avrebbe dato tanto morale per le prossime partite. Sono felice, ma felice il doppio: perch ho segnato e perch abbiamo vinto un derby; perch una gioia per me, ma anche per la gente che mi stata sempre vicina, in ogni momento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

DERBY DI MILANO FLOP ROSSONERO

il Personaggio ALEXANDRE PATO

Alexandre Pato, 22 anni, lotta sul pallone con il giapponese dellInter Yuto Nagatomo, 25 REUTERS

Parigi, San Siro Il Papero delude e finisce fischiato


Un inizio incoraggiante, poi nulla fino alla sostituzione Dopo il mancato passaggio al Psg Allegri gli d fiducia ma lui non si riprende il Milan. E con Ibra proprio non va
poteva pi di sentir parlare di Pato, del Psg, dei due contratti rinnovati, perch di fatto in due giorni Pato ha rinnovato il suo legame con il Milan e Allegri pure. Pareva che il derby dovesse fornire una via per il paradiso a tutti e due, la beatificazione dellallenatore vincente e del ragazzo che aveva infiammato il derby pochi mesi fa. Invece, nulla. I cattivi ragazzi non sono andati in paradiso e il bravo ragazzo Pato neppure. poco, perci naturale, ripete Allegri. E non dimentichiamo che Pato ha fatto la sua annata finora pi importante con Leonardo, giocando in un altro modo. Deve ritrovare le misure, i movimenti. Difese d'ufficio, perch il ragazzo ha potenzialit enormi. Per questo ieri tutti si aspettavano l'apoteosi. Invece Pato stato sostituito, ed uscito tra i fischi.
Serata no Eppure Pato era gi
ALESSANDRA BOCCI MILANO

Sono mancati i bad boy, quelli cattivi, che abbaiano alla vita e morsicano le partite. E' mancato Ibrahimovic, molle, annoiato, come se non ne potesse pi di fare gol. Ne aveva fatti 7 in 6 partite consecutive prima di ieri sera. Aveva azzannato l'Inter su rigore al primo incontro e si era ripetuto a Pechino, dove i dominatori erano stati lui e Boateng. In mezzo, un derby saltato per squalifica e dominato da Pato, ieri assente per solidariet. I cattivi ragazzi non sono andati in paradiso e il buono neanche.
Patologia stata una settimana

Giorni difficili? Se non fosse stato ok, non lavrei schierato, dice il tecnico
Delusione Finora in questa sta-

complicata per il brasiliano, sballottato mediaticamente qua e l. Allegri gli ha dato il posto da titolare quando tanti si aspettavano unaltra panchina, perch Robinho a Bergamo aveva cambiato il ritmo della partita. Allegri invece ci ha rimuginato un paio di giorni, mentre Pato in allenamento un po cresceva. Lho visto bene anche con lAtalanta, se avessi pensato che non era a posto psicologicamente non lo avrei fatto giocare, ha risposto Allegri piccato a un cronista francese il giorno prima del derby. Non ne

gione Pato ha segnato solo un gol in campionato, pi due in Champions. Ha strabiliato tutti nei primi minuti al Camp Nou contro il Bara, poi si accasciato e non solo per gli infortuni. Si parlato tanto di lui e di Ibra, si detto che la coppia strana, che non si prendono, n come carattere n tecnicamente: lui si indigna, il tecnico si indigna, Ibra si indigna, ma quando giocano insieme qualcosa manca sempre. Lo hanno fatto

riuscito, era gi riuscito a risolvere un derby in condizioni difficili, con la pressione di uno scudetto da conquistare. Per questo Allegri ha deciso di dargli una maglia dal primo minuto: doveva essere un modo per dire, ecco, sei rimasto e sei nel nostro progetto, questa una gara importante, fai vedere al mondo che guarda il derby cosa puoi fare. E Pato partito forte, nel primo tempo si muoveva con sicurezza, sembrava potesse essere un'altra serata bella. All11 prima occasione buona su suggerimento di Emanuelson, pareva che il motore si stesse scaldando. Invece, pian piano il gioco dattacco del Milan s impantanato. E nelle sabbie mobili sono finiti tutti, il bravo e i cattivi ragazzi. Stavolta Pato e Ibra sono andati nella stessa direzione, per quella sbagliata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

COPPA ITALIA MILANESI IN CAMPO PER GLI OTTAVI

Mercoled il Milan ospita il Novara I nerazzurri gioved affrontano il Genoa


Solo pochi giorni di riposo per Milan e Inter, impegnate negli ottavi di Coppa Italia. I rossoneri di Allegri AFP scendono in campo mercoled (ore 21) a San Siro contro il Novara. Il giorno dopo (alle 21) tocca ai nerazzurri ricevere il Genoa. Due tra queste quattro squadre andranno a completare il tabellone dei quarti. Gli altri incontri in programma sono Juventus-Roma (24 gennaio, ore 20.45), Chievo-Siena (25 gennaio, ore 17.30). Il Napoli giocher il 25 (ore 20.45) contro Inter o Genoa, la Lazio il 26 (ore 20.45) con Milan o Novara.

10
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA


spettacolo La Nord interista e la coreografia che... cambia
La splendida coreografia della Curva Nord interista. Uno spettacolo dinamico, con le scritte (ultras e Milano) ad alternarsi in continuazione. Effetto ottico strepitoso e, soprattutto, una bella carica per i giocatori nerazzurri.
IMAGE SPORT-MARMORINO

Ranieri, uomo derby da -15 a -6 in 40 giorni Ci siamo pure noi


Sesta vittoria di fila, pi vicino il record di Mourinho Il tecnico sogna Tevez: Se il presidente fa il regalo...
NOVE PUNTI RECUPERATI IN SEI GIORNATE
nel 2008-2009. Il signor Mourinho ha mandato un sms a Ranieri prima del derby. S, conferma il tecnico romano. Poi fa: Ci siamo ripresi lentusiasmo con prestazioni da provinciale, ed quel che dovevamo fare dopo aver perso contro Juve, Napoli e Udinese. La parola scudetto non la pronuncio per scaramanzia e pudore: prima era importante agganciare la zona-Uefa, poi penseremo alla Champions. Poi.... Pausa e ripartenza. Un passo alla volta: la squadra ha nel dna il saper lottare per lo scudetto. Siamo partiti tardi, ma se gli altri rallentano....
Io e Tevez Ranieri era stato lultimo a vincere in casa-Milan in campionato. Era successo il 18 dicembre 2010, Milan-Roma 0-1, gol di Borriello. Questa volta ci sono da aggiornare le statistiche, succede ancora ma la faccia da copertina ha gli occhi spiritati di Milito. Era importante battere il Milan: quegli altri scontri diretti persi ci sono serviti da lezione. La sesta vittoria di fila? A volte c di mezzo pure il caso: abbiamo anche vinto giocando male, mentre da un po di tempo giochiamo bene. L davanti corrono, abbiamo fatto tanto ma non ancora tutto. Moratti ha detto che dopo il derby penser a Tevez? Vi ripeto mai dire mai, e so che non pu giocare la Champions. E non aggiunge altro. E ride. Mai finiti Ranieri compostissimo. Fuori. I derby son belli se si vincono, ma vincerlo qui bellissimo. Sono contento di come abbiamo giocato. Questi giocatori hanno vinto tutto e sapevo che non erano finiti, cera solo da ritrovare entusiasmo e tranquillit. Sneijder e Forlan? La squadra, cos com, si trova: devono pazientare, appena avranno il passo degli altri dovranno portarci il loro splendore. La svolta? C stata quando hanno saputo reagire alle difficolt. Adesso stanno assaggiando il dolce, ma devono ricordare da dove sono partiti. Per esempio Milito. Non si mai arreso, ha sbagliato gol incredibili ma non si mai piegato. E ora raccoglie. "risorto". Come lInter.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO

IL PATRON NERAZZURRO

Gattuso, Ibra: cattivo gusto negli striscioni


LInter vince, certi suoi tifosi perdono. Abbiamo contato una gran quantit di striscioni offensivi nei confronti di Gattuso, preso in giro a causa del problema allocchio. Ma nella galleria degli insulti finiscono pure Cassano e Ibrahimovic. Questultimo rappresentato nella copertina del suo libro bestseller dal titolo stravolto: Sono uno zingaro.

Moratti: Lui il nostro segreto


Con Ranieri c sintonia, vedo fiducia nel gruppo Zanetti mi ha ancora stupito
LUCA TAIDELLI MILANO

Si visto il derby da casa, anche per scaramanzia. Ma il sorriso a pianoforte con cui parla del derby del grande riscatto la dice tutta sulla soddisfazione di Massimo Moratti. Una vittoria pesantissima spiega che premia gli sforzi del gruppo e il saggio lavoro di Ranieri. Lui il vero segreto dellInter. Era la gara pi importante di questa prima met di stagione, una gara piena di significati, un derby contro la prima in classifica. Zanetti la fotografia del carattere di tutti, capaci di restare sempre corti e concentrati. E lo stesso Milito tornato quello di prima. Il 29 ottobre eravamo quartultimi e a una risalita del genere non credevo neanche io. Ora vedo tanta fiducia in questo gruppo e quindi bisogna pensarci bene per non fare la cosa sbagliata. Se Tevez sarebbe la cosa giusta? Vedremo....
Infiltrazione Julio Cesar, che ha giocato grazie a una infiltrazione contro il mal di schiena, non si sarebbe mai aspettato di passare un derby quasi in guanti bianchi: Ho fatto poche parate spiega il portiere, che ha preso un solo gol nelle ultime 5 gare , ma va benissimo cos. Ci tenevo tanto a giocare il derby e ringrazio lo staff medico. Ora vado a casa a piedi. Giampaolo Pazzini invece ci torna in auto, anche perch ha visto poco la palla, ma corso come un dannato. Ra-

GDS

S
Claudio Ranieri, 60 anni, subentrato a Gasperini sulla panchina dellInter AP

MATTEO DALLA VITE MILANO

Illibato, inviolato. Assolutamente vergine e immune alle sconfitte nei derby. Siori e siori ecco Claudio Ranieri, sesta vittoria di fila in campionato ma soprattutto ennesimo derby made in Italy non perso. Anzi, vinto: ora sono 7 su 8. In Italia e in citt non lo batti, non scollini la sua marpionaggine. Poi se ne riparler al ritorno, ma per ora contro la sua armatura ti pieghi e ti spezzi anche. Pragmatismo, sensatezza, rocciosit, Milito che sa di Milito e una ruvida compattezza che pare clonata dal Triplete. E lui, Ranieri: Abbiamo fatto passi da gigante. Lo scudetto? Andiamo un passo alla volta. Tevez? Mai dire mai. Non so se il presidente vuole fare questo regalo alla citt di Milano, io lavoro con chi ho, poi si vedr.... Morale: vale tutto. Avevo detto vinca il migliore? Stasera lo siamo stati noi.
Sms da Mou Lultima volta che lInter vinse il derby era il 24

gennaio 2010. Cera Mou, perch da Benitez a Leo a Gasperini, b, buonanotte, nessuno lha vinto pi per svariati motivi. Poi, arrivato Ranieri: inizio da vasca degli squali, prosieguo da montagne russe, dicembre e gennaio che dicono appunto sei vittorie di fila in campionato. Il signor Mourinho si ferm a 8 vinte di fila

Non mi sono ancora abituato a questo freddo, ma non potevo mancare il derby
JULIO CESAR Portiere dellInter

in curva

nieri aveva chiesto a me e Diego di pressare subito Van Bommel, per cercare di ripartire sulla trequarti. Allegri dice che eravamo in 10 dietro alla linea della palla? Potevano farlo anche loro... Bravo il nostro mister a darci serenit quando arrivato, convincendoci a difendere tutti insieme. Ma la parola scudetto rimane tab. La scalata ancora lunga. Il Pazzo per potrebbe trovare meno spazio se arrivasse Tevez. Lui butta l un va sempre bene quando arriva un campione, ma poi pressato va in dribbling: Carlos pu fare anche la seconda punta....
Zarate e Materazzi Per un Duracell Zanetti che ruggisce (Ora siamo l, e manca ancora una vita alla fine fa Duracell Zanetti) e un Materazzi che si goduto la vittoria in curva, c uno Zarate che finito in tribuna e sembra al passo daddio. Largentino interessa ad alcuni club inglesi. Ed entro gennaio potrebbe partire lui per in prestito , anche Luca Castaignos. Che piace a tante squadre. Liverpool compreso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il tifo di Matrix
Cera anche Marco Materazzi in curva a festeggiare la vittoria degli ex compagni di squadra

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

12

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA


la curva sud Il trionfo dellorgoglio rossonero
Una coreografia rossa e nera e un grande logo del Milan incorniciato da un lunghissimo striscione. Fin dallantichit tutta la mia citt: la curva sud prima dellinizio del derby rivendicava lorgoglio del tifo milanista, calcisticamente pi antico di quello nerazzurro IMAGE SPORT

Allegri: Settimana troppo movimentata Si lamenta anche Ibra


Il tecnico: Sembrava che il Milan avesse un miliardo di problemi. Lo svedese: Ho ricevuto pochi palloni
Scintille
luto: Movimentata - riassume il tecnico rossonero -. E non ce nera bisogno. E sembrato che il Milan avesse un miliardo e mezzo di problemi.
Serviva un gol subito In realt

IN TRIBUNA
1

LAMMISSIONE DEL DIFENSORE

Abate gi: Mi scuso con i tifosi


E Galliani getta acqua sul fuoco: Siamo sempre cinque punti sopra lInter
FABIANA DELLA VALLE MILANO

Ibra-Thiago Motta a muso duro nellintervallo


Forse per un contrasto, forse per qualche parola di troppo. Ma a fine primo tempo lo svedese e il brasiliano hanno avuto un faccia a faccia non certo amichevole. Attorno a loro si creato subito un capannello di calciatori di entrambe le squadre, ci ha pensato il quarto uomo Mazzoleni a dividere i due PHOTOVIEWS

IL TECNICO

d
S

MARCO PASOTTO MILANO

su Robinho Vista la partita, forse potevo metterlo in campo a inizio secondo tempo. Ma la squadra andava bene. E Pato poteva mettere in difficolt i loro centrali

La firma sul contratto alla fine rimasta lunica certezza della settimana pi tribolata di Massimiliano Allegri da quando siede sulla panchina del Milan. Una settimana trascorsa in bilico, che avrebbe potuto rivelarsi trionfale ma che nascondeva anche molte insidie. Rinnovi da sancire, giocatori che prima salutano e poi restano, la propriet che interviene in prima persona. Troppa carne al fuoco per essere i giorni che conducono a una partita delicata come il derby. E cos invece della strada a scorrimento veloce il suo Milan ha imboccato il sentiero di montagna polveroso e senza parapetto. Ed precipitato gi. Al secondo posto, dopo dieci giornate consecutive trascorse a guardare dallalto.
Doppio Ranieri Questa sconfitta

impose con la Roma. Un cerchio che si chiude: da allora a ieri il Milan in casa non aveva pi perso. E addio anche alla quarta vittoria in altrettanti derby: Allegri manca laggancio della storia a Bigogno (quattro successi di fila tra il 46 e il 48) e a fine gara ammette che la settimana che ha condotto al derby non stata come avrebbe vo-

forse ce nerano meno di quelli che potenzialmente potrebbe produrre questa sconfitta. Ma Allegri si piazza davanti alla classifica e snocciola una semplice quanto rassicurante considerazione aritmetica: Le prime tre della classifica hanno fatto in tutto un punto. Dunque in cima praticamente tutto invariato. Lunica differenza che lInter rientrata nel giro scudetto. Comunque questa sconfitta non ridimensiona nulla. Come quasi sempre avviene, Allegri nei momenti di difficolt aumenta la sicurezza nello sguardo e le certezze nelle parole: La partita labbiamo fatta noi, loro hanno semplicemente agito in contropiede, aspettando un nostro errore. Che purtroppo abbiamo fatto. Sono stati bravi a non darci profondit e in effetti non abbiamo creato come al solito. Avremmo dovuto andare in vantaggio presto, sapevamo che altrimenti si sarebbe fatta dura.
Fino alla fine Il messaggio alla

Flashback da derby. Vedi Abbiati che respinge il tiro di Alvarez e ripensi al miracolo su Thiago Motta nellultimo derby di campionato, fondamentale per lo scudetto. Vedi Van Bommel che colpisce in pieno la traversa e ti torna in mente che lolandese fece tremare la stessa porta anche una stagione fa. Flashback che si portano dietro solo ricordi positivi, quel 3-0 con doppietta di Pato e sigillo di Cassano. Poi vedi lo sciagurato Abate che sbaglia limpatto col pallone e lascia campo libero a Milito e capisci che il finale non sar lo stesso. Ibra e company si fermano dopo 12 risultati utili consecutivi: da Torino a Milano, dalla Juve allInter, nella serata in cui il pari bianconero con il Cagliari avrebbe potuto aprire la strada al primato solitario.
Spauracchio Milito Chiss quante volte Abate ripen-

ser a questo episodio, a un errore che alla fine costato la partita. Proprio lui, cresciuto nelle giovanili rossonere che pi di tutti migliorato sotto la gestione Allegri. Il derby non gli porta fortuna, tantomeno Milito. Lanno scorso allandata Ignazio si fece espellere. Il Milan per vinse 1-0 e lepisodio fin nel dimenticatoio. Il Principe invece aveva gi castigato Abate due stagioni fa: da una sua disattenzione era nato il gol dell1-0 di Milito (fin 2-0 per i nerazzurri). Ho fatto un errore e abbiamo perso, chiedo scusa a tutti i tifosi. Su quella palla ci potevo arrivare, avrei dovuto prenderla.

PRESIDENTI A CASA

Assenti Moratti e Berlusconi Milan con il lutto


N il proprietario del Milan Silvio Berlusconi n il presidente dell'Inter Massimo Moratti hanno seguito il derby allo stadio. Berlusconi avrebbe scelto di restare a casa in segno di lutto per la scomparsa della nipote Sabrina Beretta, figlia della sorella dellex premier, Maria Antonietta. Ieri il Milan ha dedicato sul sito un messaggio di cordoglio alla famiglia Berlusconi e ha giocato col lutto al braccio.

truppa chiaro: niente drammi, non successo nulla di irreparabile. Ripeto, non questa partita che ridimensiona il Milan, lotteremo sino alla fine per lo scudetto. Abbiamo creato meno del solito, non riuscendo a sfruttare il dominio territoriale. Ma in generale sono contento della prestazione della squadra. Bisognerebbe capire cosa ne pensa Berlusconi, che alla fine non si presentato a San Siro. Dopo essere sceso in campo in prima persona per trattenere Pato, il brasiliano non lha ripagato come il Cavaliere si sarebbe atteso, e Allegri puntualizza ancora: Quella di farlo restare al Milan stata una scelta societaria, s, ma io non ho mai detto di volerlo mandare via.
Ibra polemico La conclusione di

Su quel pallone ci potevo arrivare, un errore e abbiamo perso


IGNAZIO ABATE DIFENSORE DEL MILAN

Il risultato non dice tutto Dopo un 2011 senza scon-

si porta dietro amarezze assortite: Ranieri fa il secondo sgambetto ad Allegri a San Siro. Laltro risale a dicembre del 2010, quando il tecnico nerazzurro si

una giornata amara per i rossoneri nelle parole di Ibrahimovic: Abbiamo giocato male, ho ricevuto pochi palloni. Perdere il derby fa sempre male per non facciamo un dramma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Alberto Aquilani e Michela Quattrociocche 2 Barbara Berlusconi 3 Il ct Cesare Prandelli 4 Paolo Berlusconi 5 Adriano Galliani
ANSA, ANDREOLI, IMAGE SPORT, GETTY, TACCA

fitte interne, la prima a San Siro del 2012 stato anche il primo k.o. in casa della stagione. In pi c da pensare anche ai problemi di formazione: con Aquilani out e Boateng squalificato (insieme a Nesta), a Novara sar emergenza a centrocampo. Dopo tutta la fatica fatta per tornare in testa, ora il Milan a -1 ed di nuovo costretto a inseguire. Galliani per va oltre la sconfitta: Lepisodio di Abate stato decisivo. Noi abbiamo avuto il possesso palla ma in una partita con poche occasioni da gol chi segna per primo vince. Abbiamo avuto pi palle gol noi e siamo stati puniti nel momento migliore. Per non dobbiamo farci condizionare dal risultato. Se avessimo vinto oggi avremmo ipotecato in campionato, ma non baratterei la vittoria nel derby coi 5 punti di vantaggio che abbiamo sullInter. Perch la classifica dice questo: siamo sempre avanti noi. Ho sentito Berlusconi, anche lui daccordo con me. Adesso lunica cosa che conta rialzarsi in fretta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13

14
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

DERBY IL MERCATO

Tevez, palla a Moratti Ma il pericolo il Psg


Il presidente dellInter: Vediamo. Ma c il sorpasso di Leo Oggi Mesbah rossonero. E adesso Preziosi apre per Merkel
CARLO LAUDISA twitter@carlolaudisa MILANO

stautentica asta del mercato di gennaio. Proprio ieri sera dopo il derby nel solito ristorante milanese dei dopo partita vip rossoneri, ad un tavolo si sono seduti Leo (con un altro dirigente del Psg) e Gilmar Veloz, agente del Papero.
Strategia Inter Per ora nel quar-

Gazzetta.it
Gazza

tier generale di Moratti c ancora una certa cautela sulla prossima mossa per Tevez. Proprio per leggere meglio la strategia dei francesi. Senza dimenticare che sullo sfondo c sempre il Milan. I rossoneri non possono accontentare il City, ma in caso di last minute godono sempre di un rapporto privilegiato con lApache.
Altro Milan Oggi il club di via Turati attende la risposta ufficiale del Lecce per il trasferimento immediato dellesterno Mesbah in rossonero. Ma la notizia pi interessante arriva da Marassi. Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, ai microfoni di Sky apre alla cessione del tedeschino Merkel: E incedibile, ma vedremo questa settimana. Se il ragazzo mi chiede dandar via.... Ad ogni modo il discorso legato a El Shaarawy, visto che il club rossobl disposto ad aprire il dialogo solo in cambio del Faraone. Ma i rossoneri non sono nelle condizioni di dar via il ragazzo: soprattutto se si rivelasse definitivamente impraticabile la pista per Carlitos Tevez. Sponda Inter Il tira e molla di

T vf

Carlitos Tevez come premio per il derby? Massimo Moratti lha lasciato intendere in settimana. E nel dopo derby a Sky il presidente ha detto: Vediamo. Ranieri ha una squadra che funziona. Vediamo. Uscito di scena il Milan, ora il City aspetta la replica nerazzurra nella rincorsa allApache.
Assalto Psg Tuttavia il preten-

Frank Lampard, 33 anni AP

SPECIALE DERBY: HIGHLIGHTS, VIDEO E LA FESTA DEI TIFOSI


Lo speciale dedicato al derby ricchissimo: dagli highlights per rivedere il match, alle interviste ai protagonisti registrate nel dopo partita, dalle reazioni dei tifosi intorno a San Siro alle foto pi belle della serata. Da non perdere

dente ufficiale a Tevez, a questo punto, proprio il Paris Saint Germain. Leonardo ha informato sia lInter che il Milan della sua nuova offensiva. In particolare le attenzioni della societ parigina saranno per il giocatore e il suo entourage. Dopo aver messo sul piatto unofferta da 30 milioni (pi 5 di bonus), Leo non ha ancora avuto modo davvicinare il giocatore. Sia per la concorrenza di Inter e Milan che per latteggiamento irremovibile del giocatore, indisposto a giocare nel campionato francese. Ma svanita lopportunit-Pato, ora il Psg pronto ad alzare ulteriormente la posta. E proprio lesito di questoffensiva rischia dessere decisiva in que-

PREMIER E LIGA I GOL DALLESTERO PIU EXTRA TIME


Sul nostro sito trovate tutti gli highlights del grande calcio: i gol della A, tutta la Serie B e il grande calcio internazionale con il meglio di Premier e Liga e il consueto approfondimento del luned con la rubrica Extra Time.

Jonathan ha indotto il Parma a desistere, cos salta il passaggio dellesterno brasiliano agli emiliani. Ma non escluso che i dirigenti nerazzurri cerchino ora altre soluzioni. E attenzione alle mosse in entrata. Il nome del genoano Kucka sempre pi dattualit.
Carlos Tevez, 27 anni, legato al City fino al 2014 ANSA Alexander Merkel, 19 anni, cresciuto nel Milan LAPRESSE
RIPRODUZIONE RISERVATA

INGHILTERRA LAVVERSARIA DEI ROSSONERI IN CHAMPIONS VA K.O.

PREMIER LEAGUE

FRANCIA I RIVALI DEI NERAZZURRI IN EUROPA PRENDONO QUOTA

Arsenal, che lezione Trionfa lo Swansea


Van Persie illude, poi si scatenano i gallesi che non perdonano la lenta difesa dei Gunners
DAL NOSTRO INVIATO

Il Newcastle tiene un ritmo da Champions


21a. Sabato Aston V. Everton 1 1; Blackburn Fulham 3 1; Chelsea Sunderland 1 0; Liverpool Stoke 0 0; Man. U. Bolton 3 0; Tottenham Wolverh. 1 1; Wba Norwich 1 2. Ieri Newcastle Qpr 1 0; Swansea Arsenal 3 2. Oggi Wigan Man. C. (ore 21). Class. Man. C.* e Man. U. 48; Tottenham 46; Chelsea 40; Arsenal, Newcastle 36; Liverpool 35; Stoke 30; Norwich 28; Swansea 26; Everton 25; Sunderland, Aston V. 24; Fulham 23; Wba 22; Wolver. 18; Blackburn e Qpr 17; Bolton 16; Wigan* 15. * 1 gara in meno

Il Marsiglia vola alto con un doppio Remy


Deschamps batte il Lilla al Velodrome con la doppietta dellattaccante
ALESSANDRO GRANDESSO MARSIGLIA

STEFANO BOLDRINI SWANSEA (Galles)

solo una questione di mentalit, sta costruendo un giocattolo interessante: gente come Dyer e Allen ha un bel futuro. Wenger contesta larbitro per il rigore (ma il fallo di Ramsey su Dyer stato solare) e ammette gli errori della difesa. Non si vive solo di Van Persie, Song splendido lassist per Walcott e Henry. La retroguardia presa in velocit soffre: un messaggio per il Milan.
SWANSEA-ARSENAL 3-2
PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Van Persie (A) al 5 p.t., Sinclair (S) su rigore al 16 p.t., Dyer (S) al 13 s.t., Walcott (A) al 23 s.t., Graham (S) al 24 s.t. SWANSEA (4-3-3) Vorn 7; Rangel 7, Caulker 6, Williams 6,5, Taylor 7; Allen 7,5, Britton 7, Agustien 6 (dal 1 s.t. Sigurdsson 6,5); Dyer 8 (dal 37 s.t. Routledge s.v.), Graham 7 (dal 48 s.t. Lita s.v.), Sinclair 6, 5. PANCHINA Tremmel, Monk, Moore, Richards. ALLENATORE Rodgers 8. ARSENAL (4-2-3-1) Szczesny 5,5; Djourou 6, Mertesacker 6 (dal 32 s.t. Oxlade-Chamberlain s.v.), Koscielny 6, Miquel 5; Ramsey 5,5, Song 6,5; Walcott 6, Benayoun 5,5 (dal 18 s.t. Rosicky 6), Arshavin 6 (dal 18 s.t. Henry 5,5); Van Persie 6. PANCHINA Almunia, Squillaci, Yenaris, Park. ALLENATORE Wenger 5. ARBITRO Oliver 6.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Robin Van Persie, 28 anni, ha realizzato il gol del momentaneo 1-0 per i Gunners contro lo Swansea EPA

La sfida tra i maestri del possesso palla della Premier il trionfo dello Swansea: nel cuore del Galles, una lezione allArsenal di Wenger. La squadra del nordirlandese Brendan Rodgers, 38 anni, allievo di Mourinho ai tempi del Chelsea, uno spettacolo: le reti di Sinclair su rigore, Dyer e Graham bastonano lArsenal, passato in vantaggio con Van Persie dopo appena 5 (18 gol nella classifica marcatori) e illuso dal 2-2 di Walcott. Wenger le ha provate tutte, compreso linserimento di Henry e del talento Oxlade-Chamberlain, ma stato battuto sul suo terreno: gioco, velocit e possesso palla. Ad un certo punto, gelo a parte, non sembrava Premier: poteva essere scambiata con una gara della Liga. LArsenal si ferma, mentre lo Swansea sale al decimo posto. Rodgers, uno che ama un certo stile di football perch un calciatore deve divertirsi e deve toccare il pallone pi volte possibile, noi britannici possiamo giocare come gli spagnoli,

LIGUE 1

Il Montpellier rimane in scia al Psg di Ancelotti


20a giornata Sabato Ajaccio Auxerre 2 1; Bordeaux Valenciennes 2 1; Brest Nizza 1 0; Caen Rennes 0 2; Digione Evian 3 1; Montpellier Lione 1 0; Nancy Lorient 2 2; Psg Tolosa 3 1; St. Etienne Sochaux 1 0. Ieri Marsiglia Lilla 2 0. Classifica Psg 43; Montpellier 40; Lilla 36; Lione e Rennes 35; Marsiglia 34; St. Etienne 33; Tolosa 31; Bordeaux 26; Lorient 25; Brest 24; Evian e Digione 22; Valenciennes e Caen 20; Auxerre e Nancy 19; Nizza, Sochaux e Ajaccio 18.

Passato contro futuro di Champions League. Al Velodrome ieri andato in scena Marsiglia-Lilla. Partita utile per raccogliere indizi per la prossima uscita europea dellInter che il 22 febbraio ospita il Marsiglia, dopo aver battuto due volte il Lilla nella fase a gruppi. Ma per gli ottavi sar unaltra storia perch la squadra di Didier Deschamps, nonostante le assenze di peso imposte dalla coppa dAfrica, comunque tosta e pu contare sulla qualit ritrovata di Gonzalez, i guizzi imprevedibili di Valbuena e soprattutto il fiuto di Remy, il nuovo Henry, decisivo con una doppietta (2-0), osservato speciale del Tottenham. Il Marsiglia, come lInter, conferma anche di essere entrato a pieno regime infilando il nono risultato utile consecutivo, coppe incluse. Performance non scontata visto il disastroso avvio stagionale e visto anche che Deschamps deve fare a meno del gioiello Andr Ayew e del fratello Jordan in attacco e al centrale Diawara in difesa, convocati da Ghana e Senegal. Le sup-

plenze per sono allaltezza. E soprattutto DD si gode oltre al ritrovato Gonzalez, anche la leggerezza di Valbuena ormai assist-man senza remore (10) che al 16 della ripresa, innescato dallargentino, si inventa un cross personalizzato per Remy. E lattaccante finito nella lista di Redknapp, ieri in tripuna, sblocca la partita siglando di testa lottavo centro stagionale. Il nono invece lo firma in fuga solitaria. Il Marsiglia, ultimo alla sesta giornata, ora a soli due punti dal podio.
MARSIGLIA-LILLA 2-0
PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Remy al 16 e al 38 s.t. MARSIGLIA (4-3-3) Mandanda 6; Azpilicueta 7, Mbia 7, Nkoulou 7, Morel 5,5; Gonzalez 7 (dal 38 s.t., Fanni s.v.), Diarr a 6 , Cheyrou 6 (dal 3 s.t., Brandao 5); Amalfitano 5, Remy 8 (dal 45 s.t. Traor s.v.), Valbuena 7. PANCHINA Bracigliano, Sabo, Omrani, Gadi. ALLENATORE Deschamps 7. LILLA (4-3-3) Landreau 6; Bonnart 5 (dal 30 s.t., Gueye s.v.), Rozenhal 5, Chedjou 5, Souar 5; Balmont 6, Mavuba 7, Pedretti 5 (dal 26 s.t. Payet s.v.); Cole 5, Jelen 5 (dal 41 s.t. Bruno s.v.), Hazard 6. PANCHINA Enyeama, Digne, Soumaoro, Rodelin. ALLENATORE Garcia 5. ARBITRO Buquet 6.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Loic Remy, 25 anni, stato prelevato dal Nizza nellestate 2010. Il Marsiglia lo ha pagato 15 milioni di euro
AFP

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

A D I Z E R O F 5 0.

LA SCARPA DEL MIGLIOR GIOCATORE FIFA DELLANNO


Leo Messi, vincitore per il terzo anno consecutivo. Scopri la scarpa del migliore giocatore al mondo su adidas.com/football

2012 adidas AG. adidas, the 3-Bars logo and the 3-Stripes mark are registered trademarks of the adidas Group.

16
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA

LA JUVE FRENA MA E PRIMA


Vucinic colpisce subito Il Cagliari risponde e recrimina su 2 rigori
I bianconeri allungano a 18 la striscia senza sconfitte, per staccano di un solo punto il Milan, finito k.o. nel derby
DAL NOSTRO INVIATO

FABIO BIANCHI TORINO

Gracias Milito. Record col sorriso, nonostante tutto. La Juventus mette in fila il 18 risultato dallinizio del campionato e si ritrova con sorpresa ad andare a letto da prima in classifica, da sola. Chi lavrebbe detto, eh, Conte? La giornata non era certo cominciata bene. Il record rischiava di avere un retrogusto amaro. La vetta solitaria fa passare in secondo piano il passo falso della Juventus, che a questo punto avrebbe potuto allungare decisa per la fuga. Invece due punti persi col Cagliari, anche se meno gravi, sono comunque pesanti e confermano una cosa: che la Juve, se non tiene i ritmi altissimi, una squadra quasi normale. Non , non ancora, una grandissima squadra. Il motivo semplice: a differenza del Milan (e dellInter) non ha il fuoriclasse che risolve le partite ingolfate, quello che con un colpetto magico ribalta lempasse, o la giornata storta. La Juve i califfi li ha in porta e in mezzo. Davanti no. Vucinic ha le qualit, ma non la continuit. E il capitano stanco. Quel Borriello entrato nel finale soltanto una speranza per risolvere il problema gol. Tutto questo gi si sapeva, l1-1 col Cagliari

La squadra di Conte ha mostrato un calo fisico rispetto ad inizio stagione: il lavoro svolto nella pausa ancora non stato smaltito

stata la conferma. Il gioco di Conte ha messo una patina su questa verit. Ma se non vanno a cento allora, i bianconeri tornano subito sulla terra. Come stavolta.
Illusione e rigori Conte il pri-

Andrea Cossu festeggia il gol GETTY

mo a saperlo. Limpressione che abbia intensificato pi del normale il lavoro durante la sosta per volare nel finale di stagione e cercare di cavarsela con i muscoli imballati in questo riavvio di campionato con partite facili. A Lecce andata bene, anche se si era gi notata una Juve sotto tono. Col Cagliari un po meno. Il gol di Vucinic allalba del match, bellissimo, con unazione tutta di prima cominciata dal tacco di Conte, ha illuso la squadra. Che poi ha creato ben pochi pericoli, se non al tramonto della gara, a un Cagliari che non ha fatto altro che rimanere compatto, ben diposto in campo e pronto a sfruttare la chance. Che ha avuto, a inizio secondo round con Cossu. Lunico vero tiro in porta, a dir la verit. Ma non si pu nemmeno parlare di sfortuna, perch alle occasione create nel rabbioso finale, con Del Piero, lo sciagurato Krasic (entrati per un esausto Pepe e un Matri inconcludente) e Vidal, ci sono un paio di rigori che larbitro Guida non ha concesso al Cagliari. Tutti nel primo tempo e tutti per fal-

lo di mani in area, da parte di Bonucci sulla zuccata di Larrivey e di Pirlo su tiro di Cossu, uno dei pi attivi con Ibarbo, che ha messo in crisi Bonucci e De Ceglie. Di contro la Juve, ha reclamato, senza troppa convinzione, un rigore su Matri. Un leggero tocco di Pisano c stato, ma il tuffo del centravanti ha convinto Guida ad ammonirlo per simulazione.
In riserva Morale: il Cagliari torna sullisola senza vergognarsi di questo pari. Ha sofferto qualche iniziativa di Vucinic e la spinta costante di Lichtsteiner. Lo svizzero che ha cercato inserimenti per almeno 70 minuti (non a caso lassist da dentro larea per Vucinic suo) di certo una delle pedine pi preziose di Conte. Laltra, il centrocampo, il gioiello di famiglia, invece ha deluso: i tre moschettieri erano in riserva, Vidal in primis. Ma anche Pirlo ha fatto pi fatica del solito. Marchisio se l cavata ma quando cera da accelerare per tornare in vantaggio ha subito anche lui la maggior freschezza di Dessena. Nel finale il Cagliari ha dato loccasione alla Juve di riprendersi la partita, tirandosi colpevolmente troppo indietro. I Conte boys non hanno avuto la lucidit per approfittarne. Ma grazie allInter, il passo falso diventato persino gradevole.
RIPRODUZIONE RISERVATA

JUVENTUS

CAGLIARI

1
(4-3-3) Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, De Ceglie; Vidal, Pirlo, Marchisio; Pepe (dal 21 s.t. Del Piero), Matri (dal 27 s.t. Krasic), Vucinic (dal 37 s.t. Borriello). PANCHINA Storari, Sorensen, Marrone, Estigarribia. ALLENATORE Conte. ESPULSI nessuno. AMMONITI Barzagli per gioco scorretto, Matri per simulazione.

1
(4-3-1-2) Agazzi; Pisano, Canini, Astori, Agostini; Dessena, Ekdal, Nainggolan; Cossu (dal 29 s.t. El Kabir); Larrivey (dal 26 s.t. Ariaudo), Ibarbo. PANCHINA Avramov, Gozzi, Ceppelini, Conti, Thiago Ribeiro. ALLENATORE Ballardini. ESPULSI nessuno. AMMONITI Cossu per comportamento non regolamentare, Dessena per gioco scorretto.

GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Vucinic (J) al 7 p.t.; Cossu (C) al 3 s.t. ARBITRO Guida di Torre Annunziata.
NOTE paganti 13.836, incasso di 546.205 euro; abbonati 24.457, quota di 713.248 euro. Angoli 6-4. In fuorigioco 2-1. Recuperi: 0 p.t., 5 s.t.

POSSESSO PALLA

CROSS

JUVENTUS 70% TIRI IN PORTA

CAGLIARI 30%

JUVENTUS 25 TIRI FUORI

CAGLIARI 18

IIII
JUVENTUS 4

II IIIIII
CAGLIARI 2 JUVENTUS 6

II
CAGLIARI 2

MOMENTI CHIAVE PRIMO TEMPO c GOL! 7 Grande azione della Juve: tacco di Pepe, combinazione tutta di prima Marchisio-Lichsteiner-Vucinic gol. 13 Matri ruba palla a Canini, la difende e tira, ma a lato. 25 Testa di Larrivey, mano di Bonucci. 45 Tiro di Cossu, Pirlo tocca con la mano.

SECONDO TEMPO c GOL! 3 Bonucci respinge corto, palla a Cossu che tira subito e trova langolo, anche grazie a una leggera deviazione di Barzagli. 35 Punizione di Pirlo, zuccata di Del Piero troppo centrale. Agazzi c. 49 Borriello pesca Krasic solo, tiraccio a lato. 50 Cross di De Ceglie, Vidal di testa manda alto.

le Pagelle

DI F. BI.

JUVENTUS VUCINIC, PIEDI FINI. BONUCCI: ALTRA GIORNATA NO

5,5

5,5
Lallenatore Conte
La squadra risente del lavoro fatto durante la sosta. E anche poco cattiva. Queste gare bisogna vincerle. Forse poteva dare qualche minuto in pi a Borriello, visto che tutti i pericoli nel finale la Juventus li ha creati sui calci da fermo o con i cross.

6,5 h Lichtsteiner il migliore


Sembra lunico ad avere il fiato dei bei tempi, e quando spinge lui, la Juve si fa sempre pericolosa. Non a caso lui lautore dellassist a Vucinic per il momentaneo vantaggio. Cala un pochino soltanto nel finale.

Senza smalto, imballata, si illude con il vantaggio, poi non ha la forza e la cattiveria per chiudere la partita.

6
Buffon
Lorologio dellimbattibilit si ferma a 402. Lui senza colpe e con tanto nervi: per i punti persi e perch quello di Cossu stato lunico vero tiro in porta.

6
Barzagli
Sempre attento, a differenza del compagno. Buoni recuperi, discreti anticipi, e perde per la causa la verginit dei cartellini con un fallo necessario su Cossu.

5
Bonucci
Si capisce presto che non in giornata. Nellazione del pareggio sardo, prima perde Ibarbo, poi respinge il cross proprio sui piedi di Cossu gol.

6
De Ceglie
Nessuno potr imputargli di non averci messo energia e grinta. Non va male quando spinge e pressa, nella fase difensiva soffre un po. Non giocava da una vita.

5
Vidal
Equazione semplice: quando il centrocampo non gira, ogni squadra fa fatica. La Juve ancor di pi. Lui quello che pi risente del lavoro pesante della sosta.

5,5
Pirlo
Col motore ingolfato, anche il Cervello fatica a creare. Mister centrocampo prova qualche lancio, ma non ci sono colpi di genio, sbaglia persino due passaggi.

6
Marchisio
Anche lui non lucidissimo, tenta per di imprimere un ritmo pi brillante alla Juve con qualche accelerazione. Ed entra nellazione del gol.

6
Pepe
Dopo aver tirato tanto la carretta, ora tira un po il fiato. Difatti si nota pi per la finezza, il tacco che d via allazione gol, che per la solita mole di lavoro.

5
Del Piero
Il capitano ha i muscoli imballati, landamento lento e il tocco magico smarrito. Altrimenti quella zuccata lavrebbe indirizzata meglio.

5
Matri
Capiamo che avere il fiato sul collo del neoacquisto metta pressione, ma lui trova un solo guizzo, con tiro a lato. Poi tanti errori. E il mezzo tuffo in area...

5
Krasic
Per quel tiro loffio e senza un minimo di criterio, meriterebbe meno. Fa tenerezza, sembra aver dimenticato come si gioca. Ma non il solo colpevole.

6,5
Vucinic
Parte bene, segna il 3 gol bianconero. Se c unazione da piedi fini, lui dentro. Spreca per unoccasione da posizione decentrata: doveva passare (Borriello s.v.).

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17
#

la Moviola
DI FRANCESCO CENITI

Bonucci e Pirlo: mani da punire E su Matri...


Non una domenica da ricordare per Marco Guida, 30 anni, considerato uno degli arbitri pi promettenti. Il risultato finale attenua le proteste cagliaritane, ma gli errori restano: cerano due rigori (uno netto) a favore della squadra ospite e anche su un episodio dubbio in area cagliaritana la scelta dellarbitro non stata impeccabile. Procediamo con ordine: regolare il gol di Vucinic, dietro la linea del pallone sullassist di Lichtsteiner. Alla mezzora la prima svista: Bonucci con il pugno devia un colpo di testa di Larrivey destinato a Ibarbo; il movimento del giocatore lascia pochi dubbi sulla volontariet. Rigore non visto e si pu discutere sul colore del cartellino da dare allo juventino.

Il Personaggio ANTONIO CONTE

Il tecnico-tifoso gi nella storia Ora i trofei veri


Lallenatore della Juve si gode i record e la difesa di ferro Non posso esultare per il pareggio: qualcosa abbiamo iniziato a scrivere, adesso per ci vuole pi cattiveria
DAL NOSTRO INVIATO

Lesultanza di Mirko Vucinic e Claudio Marchisio ANSA

MIRKO GRAZIANO TORINO

QUI CAGLIARI CELLINO PROVOCA SUL CASO SANTELIA

Senza agibilit si va a Trieste


FRANCESCO BRAMARDO TORINO

Non porta bene il rossobl alla Juve, fermata sul pari nel suo stadio da Bologna, Genoa, e in ultimo dal Cagliari. Un punto cercato dai sardi, pressing a tutto campo sui portatori di palla della Juve, brava la squadra di Davide Ballardini a non scomporsi dopo lo svantaggio. Pressing e intensit conferma il tecnico dei sardi ma non solo, abbiamo anche cercato con il gioco di mettere in difficolt gli avversari. Preso il gol la squadra non ha sbandato. Eravamo preparati, non dovevamo perdere la testa in caso di svantaggio e continuare ad aggredirli per non farli giocare e verticalizzare. Se un errore abbiamo commesso, negli ultimi 15 abbiamo smesso di giocare. Potevamo uscire meglio dalla nostra area e mettere maggiormente in difficolt la Juve: colpa della stanchezza.
Niente polemiche Dribbling secco sugli episodi dubbi, un paio

di falli di mano, di Bonucci e Pirlo, punibili con il rigore. Ho sbagliato una volta, commentando a San Siro contro lInter loperato del direttore di gara, non ricasco in errore. Larbitro pu sbagliare, come sbaglia un giocatore o un allenatore. Preferisco parlare del rientro di Astori, giocatori come lui e Conti aumentano la personalit e la qualit. Primo gol della stagione per Andrea Cossu, festeggiato sotto la curva bianconera, con fischi e insulti da parte degli ultr di casa. Non volevo provocare nessuno ma ero troppo contento le parole di Cossu. Peccato perch il braccio di Pirlo era rigore netto.
La provocazione Intanto il presi-

dente rossobl Cellino sta pensando a una mossa clamorosa: se non dovesse arrivare lagibilit del SantElia, per le prossime gare potrebbe fare giocare la squadra a Trieste: Da 20 anni abbiamo il problema stadio, non so dove giocheremo domenica, per cautelarmi ho chiesto la disponibilit del Rocco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo 5 altro tocco sospetto di Barzagli, ma questa volta il braccio attaccato al corpo: giusto considerarlo involontario. Al 41 sul tiro di Cossu, c la deviazione di Pirlo che avrebbe il tempo per togliere la mano e invece la porta proprio verso il pallone: ci stava il rigore. A inizio ripresa Matri finisce a terra dopo un leggero contatto (col polpaccio) con Pisano: il volo dellattaccante esagerato, ma anche il giallo per simulazione. Altri due errori: non visto il fuorigioco di Del Piero che poi di testa sfiora il 2 1 (miracolo di Agazzi). Simulazione di Vidal (Canini neppure lo sfiora): qui ci stava il giallo.

Poteva essere la prima fuga stagionale. Occasione mancata? Forse. Ma chissenefrega. Fare drammi sarebbe infatti ridicolo. La banda Conte pareggia in casa con il Cagliari, non sicuramente il massimo in prospettiva-scudetto, per intanto l, sola in testa, con la miglior difesa del campionato e di diritto nella storia del club. Diciotto giornate di Serie A senza sconfitte, mai la Juve era stata capace di mettere in fila, dalla prima giornata, diciotto gare utili consecutive. Insomma, finora un cammino importante, passo da grande, miglior difesa assoluta, classifica sempre di vertice, la dimostrazione che qualcosa si iniziato a scrivere dice Conte . Sia chiaro, a me piacciono le cose concrete, i trofei veri, per indubbio che si sia entrati nella storia bianconera. Orgoglio pi che giustificato per un lavoro ai limiti delleccezionale, considerato da dove si era partiti la scorsa estate. E allora bando ai musi lunghi, ma la delusione per il risultato c continua Conte . Non mi vedrete mai esultare per un pareggio, io voglio sempre vincere, la mia mentalit e deve essere anche quella della squadra. Non posso per che essere contento dellimpegno dei ragazzi, ce lhanno messa tutta. Larbitro Guida? Leventuale rigore su Matri? Episodi difficili da valutare. Andiamo avanti, ricordando che abbiamo avuto un solo rigore in 18 gare.

Antonio Conte, 42 anni, prima stagione alla guida della Juventus AFP
A noi cali vietati... Respinta con decisione la tesi di un calo fisico dovuto a eventuali carichi pesanti adottati a Dubai: Avevamo faticato anche a Lecce? Beh, guarda caso i salentini hanno vinto a Firenze. E lo stesso Cagliari la settimana scorsa aveva battuto il Genoa, che a sua volta oggi (ieri, ndr) ha superato lUdinese. Quindi, ci sono evidentemente toccate due squadre in ottima salute, che comunque non hanno corso pi di noi. Poi, state tranquilli che insieme ai ragazzi analizzeremo molto attentamente le nostre prestazioni. E se noter anche solo un pizzico di presunzione, cosa che al momento non mi sembra, sapr intervenire e ricordare a tutti che per stare lass abbiamo una sola strada da seguire: dare sempre il 130%, perch il nostro 100% non basta. Abbiamo abituato tutti molto bene, ora la patata in bocca e ce la dobbiamo

mangiare, sempre senza buttare fumo negli occhi della gente. Vanno ritrovati al pi presto certi automatismi, ormai ci deve essere chiaro che ogni partita sar una battaglia. Passeggiare qua e l non la nostra strada. Servono lavoro e sudore per mantenere certi ritmi.
Krasic e il mercato Eppure, nonostante una Juve meno scintillante del solito, i tre punti erano l, prima sulla testa di del Piero e poi sullo sciagurato sinistro di Krasic. Lerrore del serbo, in particolare, ha fatto infuriare anche Agnelli in tribuna. Conte la prende con filosofia, ride quando gli chiedono se si tratti di un problema di comunicazione, e se la cava con diplomazia: Devo essere io a tirare fuori il meglio da Milos. Gi, ma il problema Krasic evidente e forse di impossibile risoluzione. Almeno a Torino.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CAGLIARI PISANO COMBATTENTE. CHE GUIZZO AGAZZI

6
Lallenatore Ballardini
Imbavaglia la Juve con un catenaccio alto. Per nel finale col cambio Ariaudo Larrivey fa indietreggiare troppo la squadra, che rischia di subire la rabbia degli avversari.

6,5 h Ibarbo il migliore


Progressione e tocchi dimprevedibilit e un pochino di incoscienza, che non guasta mai. Se imparasse a giocare di pi con gli altri e a essere pi preciso nei passaggi, sarebbe davvero un bel giocatore. Lazione del gol parte da lui.

Linizio shock. Poi trova misure e disposizione in campo. Bravo a sfruttare loccasione, ma rischia nel finale.

6,5
Agazzi
ancora Natale per lui. Bravo e fortunato su Del Piero. Attento sempre, soprattutto sui calci dangolo. Ma quanti regali dai Vidal e compagnia bianconera.

6,5
Pisano
Tiene botta fino in fondo su Vucinic (che fa le cose migliori lontano da lui), su Marchisio e su chi si trova di fronte. Ieri era dura andargli via.

6
Canini
Resta sorpreso dallazione gol bianconera, tutta di prima. Si riprende e cerca di mettere il freno a Vucinic quando saccentra. Soffre un po sui calci da fermo.

6
Astori
Stessa situazione del compagno, basta sostituire Matri a Vucinic. Strano che alti come sono, concedano le occasioni pi ghiotte su punizioni e cross.

5,5
Agostini
Viene martoriato non da Pepe, ma da Lichtsteiner. Lo svizzero lo salta puntualmente quando arriva in fondo. E lui non riesce quasi mai spingere.

6
Dessena
Parte un po in sofferenza, diremmo in soggezione. Poi si riprende e fa valere il suo atletismo con i dirimpettai che invece vanno presto in riserva.

6
Ekdal
Lesatto contrario di Dessena: parte benissimo. Mentre la squadra sta a cuccia, lui tenta di avviare la reazione. Molto tecnico. Pian piano si eclissa.

6
Nainggolan
Lottatore. Stavolta lascia del tutto da parte i colpi raffinati, che ha nel suo repertorio, per dedicarsi al lavoro oscuro, in primis su Vidal. E risulta prezioso.

6,5
Cossu
Sembra smarrito nel compito di dare un occhio a Pirlo quando parte basso. Poi si ricorda che deve anche costruire, aiuta Ekdal e si trova al posto giusto per il pareggio.

6
El Kabir
Tocca a lui quando il fantasista stanco e si tocca la coscia. Ci mette tanta corsa, un peperino che rompe le scatole ogni volta che la Juve riparte.

5,5
Larrivey
Dovrebbe far rifiatare la squadra, tenendo palla. O comunque cercare di sfruttare i contropiede. Non ci riesce, e non c molto feeling con Ibarbo.

6
Ariaudo
Entra per dar man forte alla Maginot made in Sardegna quando la Juve pressa con foga e crea pi occasioni. Non colpa sua, la squadra che s tirata indietro.

TERNA ARBITRALE: GUIDA 5 Ci sono due rigori per il Cagliari causa mani di Bonucci e Pirlo. Su Matri assolto. Alessandroni 6; Giallatini 6

18

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

19

SERIE A 18a GIORNATA

Allarme bianconero Gli attaccanti graffiano poco


Solo 11 reti in 18 turni per le punte juventine Vucinic Noi poco cinici? Pure sfortunati...
DAL NOSTRO INVIATO

CON IL CONTAGOCCE POCHE GIOIE DAVANTI


1 2

vi a finalizzarle. Questo il problema e Mirko non ha la soluzione: Se sapessimo come migliorare, segneremmo molto di pi. Ci dite che serve pi cinismo, ma credo che serva anche pi fortuna. Il Cagliari ha fatto solo un tiro e ha segnato, mentre noi siamo stati molto pi pericolosi. E non credo che abbiamo fatto un passo indietro e nemmeno che siamo in difficolt dal punto di vista fisico visto che abbiamo sfiorato la vittoria al 95. Andrea Barzagli approfondisce lanalisi: mancato lultimo passaggio per le punte e nel finale ci siamo intestarditi a sfondare per vie centrali invece di allargare il gioco.
Gli errori Le occasioni di cui par-

3
G.B. OLIVERO TORINO

clic
IL 18o RISULTATO UTILE CONSECUTIVO
Sono otto i pareggi stagionali della Juventus, che insieme allAtalanta la squadra che ne ha ottenuti di pi. L1-1 con il Cagliari di ieri rappresenta il 18 risultato utile consecutivo per gli uomini di Conte, che cos stabiliscono il nuovo record in casa. In precedenza la Juventus era rimasta imbattuta per 17 partite in quattro occasioni, nel 1909-10, 1945-46, 1949-50 e 2006-07.

Stringi stringi, il calcio un gioco semplice. Devi fare gol. La porta sufficientemente grande da non renderla unimpresa impossibile: devi fare gol. Puoi lavorare sulla tattica e sul fisico, puoi migliorare la tecnica, puoi studiare gli schemi. Ma alla fine devi fare gol. E se non lo fai, tutto inutile.
Gol pesanti Il calcio anche un gioco corale. Possono segnare tutti, portiere compreso. Ma ci sono dei momenti, delle partite, delle situazioni in cui ti servono i grandi attaccanti: quelli che tirano il gol fuori dalla spazzatura, che non fanno differenza tra una rete bella e una brutta, di tacco o di punta, quelli che senza gol non possono vivere perch soffrono di una dipendenza assoluta. Negli ultimi dieci anni la Juve ha avuto due eccezionali rappresentanti della categoria: Pippo Inzaghi e David Trezeguet. Adesso ci sono

ottimi attaccanti, molto pi bravi fuori area, ma meno cattivi vicino alla porta. Giocatori che hanno quindici-venti gol nelle gambe, ma che devono ancora dimostrare di saper segnare quando pi difficile, quando conta, quando bisogna fare la differenza.
I numeri Le cifre non raccontano

Sciupate tre occasioni, una colossale con Krasic su assist di Borriello


la Vucinic sono tre. Una facile: punizione di Pirlo, testa di Del Piero e parata di Agazzi quasi involontaria, perch di solito in quei casi la palla passa sotto le gambe. La conferma del momento negativo del capitano. La seconda occasione colossale: assist di Borriello per Krasic che calcia sciaguratamente di sinistro confermando che Conte non sbaglia a non prenderlo mai in considerazione. Infine, il colpo di testa di Vidal su cross di De Ceglie: si poteva segnare, ma lerrore non uno scandalo. La morale che, gol a parte, gli attaccanti della Juve hanno centrato la porta solo con il colpo di testa di Del Piero. Troppo poco. (ha collaborato Alberto Mauro)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Caceres primo obiettivo


Sul mercato, la Juve potrebbe anticipare a oggi il contatto col Siviglia per Caceres, in attesa di capire le intenzioni del Porto per Guarin.

mai bugie. In diciotto giornate i gol delle punte (nella definizione rientrano Matri, Vucinic, Quagliarella, Del Piero e Borriello) sono stati appena 11 (Matri 7, Vucinic 3, Quagliarella 1) e non mai successo che due attaccanti abbiano segnato nella stessa partita. Gli inserimenti dei difensori e le reti dei centrocampisti sono preziosi e dimostrano la crescita del progetto, la coralit della manovra e lorganizzazione. Nessuna squadra, per, pu pensare di fare a meno dei gol pesanti degli attaccanti.
Lanalisi Mirko Vucinic fotografa perfettamente la situazione: Abbiamo creato parecchie occasioni, ma non siamo stati bra-

1 Alessandro Matri, migliore delle punte juventine con 7 reti AFP 2 Mirko Vucinic, a quota 3 KEYPRESS 3 Marco Borriello, esordio in bianco LAPRESSE 4-5 Alessandro Del Piero si dispera dopo lerrore di testa AP/LAPRESSE

20
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA

Hernanes, Klose e lAtalanta rimettono in marcia la Lazio


Il brasiliano sblocca su rigore, nel finale il gran gol del tedesco Bergamaschi inguardabili: solo un tiro in porta. Espulso Lucchini
LAZIO ATALANTA
GIUDIZIO ** PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Hernanes (L) su rigore al 20 p.t.; Klose (L) al 46 s.t. LAZIO (4-3-1-2) Marchetti; Zauri, Biava, Dias (dal 42p.t. Diakite), Radu; Gonzalez, Ledesma, Lulic; Hernanes (dal 42 p.t. Matuzalem); Rocchi (dal 44s.t. Del Nero), Klose. PANCHINA Carrizo, Stankevicius, Zampa, Cisse. ALLENATORE Reja. ESPULSI nessuno. AMMONITI Dias per comportamento non regolamentare, Diakite per gioco scorretto. ATALANTA (4-4-1-1) Consigli; Masiello (dal 32s.t. Tiribocchi), Ferri, Lucchini, Peluso; Schelotto, Cigarini, Carmona (dal 1 s.t. Moralez), Padoin; Marilungo (dal 9 s.t. Bellini); Denis. PANCHINA Frezzolini, Raimondi, Bonaventura, Gabbiadini. ALLENATORE Colantuono. ESPULSI Lucchini all8 s.t. per doppia ammonizione, sempre per gioco scorretto. AMMONITI Carmona per gioco scorretto. ARBITRO Banti di Livorno. NOTE Spettatori paganti 6.795, abbonati 20.643, incasso e quote non comunicati. Tiri in porta 5-1. Tiri fuori 3-0. Fuorigioco 1-3. Angoli 4-2. Recuperi 3 p.t.; 4s.t.

I NUMERI

le Pagelle
DI STEFANO CIERI

2 0

le vittorie della Lazio dopo 2.300 partite giocate nel girone unico. I pareggi sono 705 e le sconfitte 759, 3.091 le reti segnate e 2.858 quelle subite

836

RISCOSSA RADU ZAURI RITORNA E SORPRENDE SCHELOTTO GIOCA DA SOLO


LAZIO 6
MARCHETTI 6,5 Non compie parate straordinarie, ma basta la sua presenza a dare sicurezza. ZAURI 6,5 Piacevole sorpresa. Rientra e non sbaglia nulla. BIAVA 6 Con mestiere e concentrazione riemerge dopo la giornataccia di Siena. DIAS 6 Unammonizione, ma anche tanti interventi provvidenziali prima dellennesimo k.o. DIAKITE 6 Prestazione dignitosa macchiata dal brutto intervento su Schelotto con cui rischia il rosso. IL MIGLIORE h 6,5 RADU La percussione con cui conquista il rigore la ciliegina di una prova finalmente convincente. GONZALEZ 6,5 Corsa, tagli e recuperi. Cresce nella ripresa quando va sulla fascia. LEDESMA 6 Gioca meno palloni del solito, ma nelle fasi topiche sempre al posto giusto. LULIC 6,5 In tandem con Radu apre la difesa atalantina. Suo lassist per il 2 0 di Klose. HERNANES 6 Bravo e freddo dagli 11 metri. Prima e dopo, per, combina pochino. MATUZALEM 6,5 Qualit pura abbinata a una condizione che gli concede autonomia limitata. ROCCHI 5,5 Prova di sostanza rovinata dallerroraccio sottoporta a gara in bilico (Del Nero s.v.). KLOSE 6,5 Finisce il match con un gol da fuoriclasse darea. Prima, meno brillante del solito. All. REJA 6 Fa di necessit virt, mettendo in campo la squadra pi logica viste le assenze.

i successi in campionati professionistici per Edy Reja che ieri ha collezionato la panchina numero 781

300 3

le visite di Colantuono in casa di Reja. Ieri ha collezionato la terza sconfitta e per la prima volta ha perso con due reti di scarto

RUGGIERO PALOMBO ROMA

Regali Un rigore netto quanto

R
Il gol di Miroslav Klose, 33 anni. In basso Hernanes
INFOPHOTO EIDON

Infermeria Lazio convalescente

Sconcerto Lo desta lAtalanta,

Ci vuole la peggior Atalanta della stagione per resuscitare la Lazio. Le capriole di Hernanes e Klose suggellano un 2-0 tanto netto e meritato quanto mediocre, al punto da consentire alla curva nord, che non fa mai sconti a Lotito, cori propedeutici a una qualche operazione di mercato capace di rilanciare sul serio le ambizioni biancocelesti. Eppure, guardando alle altrui successive battute darresto, un mezzogiorno coi fiocchi: torna a tiro lUdinese, si ferma perfino la Juventus, si pu riprendere a pensare a un posto Champions. Soprattutto, si arresta una caduta che dopo lo 0-0 interno col Chievo e lo 0-4 di Siena aveva tutta laria di essere solo linizio di una china inarrestabile. Con Inter e Milan da incontrare nelle prossime tre giornate, questi sono tre punti che valgono oro. Per lo spettacolo, Reja ne converr, meglio ripassare unaltra volta.

inutile regalato dallAtalanta dopo venti minuti (Masiello su Radu, trasformazione con successiva capriola di Hernanes), un colpo di biliardo di Klose servito da Lulic, con altra capriola dordinanza, nel primo minuto di recupero del match. Tutto qui. Il resto racconta di unAtalanta capace di tirare in porta una sola volta in tutta la partita, con Denis sull1-0, senza mai essere capace di costruire unautentica palla-gol; e di una Lazio pi attenta a controllare che a pungere, cos che le occasioni, anche su questa sponda, sono al minimo sindacale, un colpo di testa di Klose neutralizzato da Consigli e un gol mangiato da Rocchi a tu per tu col portiere. Atalanta in inferiorit numerica per quasi lintero secondo tempo a causa del doppio giallo di Lucchini: il primo per un fallo su Gonzalez e il secondo per uno sgambetto a Rocchi che larbitro vede (e punisce), ma che invece non c.

ma infermeria sempre pi piena: a Brocchi, Cana, Konko, Sculli e Mauri si aggiungono prima della fine del primo tempo anche Hernanes e Dias, che Matuzalem e Diakite sostituiranno senza provocare scosse di assestamento. Aspettando che tutti i titolari tornino a disposizione, la ritrovata saldezza difensiva passa per il rientro di Marchetti, che non deve compiere parate importanti ma d sicurezza al reparto con le sue uscite e con la propria spiccata personalit. In tre partite senza di lui (Udinese, Chievo, Siena) la Lazio non ha mai vinto: non un caso. Per sei undicesimi diversa da quella strapazzata in Toscana, con lincompiuto Cisse lasciato in panchina per la gioia di Klose, la squadra di Reja sempre in cerca della velocit perduta, appaltata ai soli Lulic, Radu e Gonzalez, ma ritrova almeno i proprio equilibri e Zauri, un altro della vecchia guardia che stavolta non tradisce, al contrario di quanto gli capit a inizio stagione.

che fuori casa non perdeva da un paio di mesi ma che non fa proprio niente per modificare la deriva di un 2012 (0-2 interno col Milan) iniziato nel modo peggiore. Colantuono lamenta la scarsa aggressivit dei suoi, ma piazzare una punta come Marilungo a far da stopper su Ledesma non sembra una trovata molto offensiva. Linversione sull1-0 degli esterni Schelotto e Padoin, comunque i meno peggio della compagnia, non sveglia una squadra che sembra diventata prigioniera dei propri fantasmi. Colantuono cerca di restituirle unindole offensiva passando dal rinunciatario 4-4-1-1 iniziale a un 4-2-3-1 con Moralez al posto di Carmona, per poi finire, espulso Lucchini, con un 4-2-3, in campo insieme Denis, Moralez e Tiribocchi. Linferiorit numerica finisce a lungo con lessere mascherata, ma si rivela tale non appena la Lazio riprende coraggio e decide finalmente di affondare negli spazi. E il 2-0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

le sconfitte consecutive dellAtalanta. E la prima volta che succede in questa stagione; lultima volta era accaduto nelle ultime due giornate della stagione 2009-10 terminata con la retrocessione in serie B

ATALANTA 5
CONSIGLI 6 Incolpevole sui gol. Tiene in gara la squadra sul colpo di testa di Klose a met ripresa. MASIELLO 5 Scomposto e illogico lintervento con cui provoca il rigore. (Tiribocchi s.v.). FERRI 6 Fa il suo senza strafare e senza commettere gravi errori. LUCCHINI 5 Pi ingenuo che sfortunato nelle azioni che gli costano il doppio giallo. PELUSO 5,5 Provvidenziale su Lulic prima dellintervallo. Naufraga nella ripresa.

le reti realizzate in questo campionato da Miroslav Klose che raggiunge Cavani al quarto posto della classifica marcatori

10

6 SCHELOTTO

IL MIGLIORE

I DUE TECNICI CONTINUANO LE CONTESTAZIONI PER LALLENATORE BIANCOCELESTE: ORMAI UNABITUDINE

Con le sue accelerazioni qualche grattacapo lo crea, peccato non trovi collaborazione. CIGARINI 6 Buone intuizioni, come limbeccata iniziale che Denis non sfrutta, ma anche troppe pause. CARMONA 6 Generoso e a volte confusionario. Sar squalificato. MORALEZ 5 Dovrebbe accendere la lampadina. Non pervenuto. PADOIN 6 Uno dei pochi a crederci fino alla fine nonostante linferiorit numerica. MARILUNGO 5 Colantuono gli chiede anche di coprire, lui non fa nulla per calarsi nella parte. BELLINI 6 Con la squadra in dieci tiene la posizione. DENIS 5,5 Passaggio a vuoto, ci pu stare dopo tante giornate di gloria. All. COLANTUONO 5 Atalanta irriconoscibile soprattutto nello spirito. Ma anche certe scelte di formazione non convincono.

Reja fa 300 e sbotta sui fischi Colantuono: Troppi complimenti


DAVIDE STOPPINI ROMA

bi i polpacci ci sar gi domenica, tempi pi lunghi per Dias, per lui distorsione al collaterale del ginocchio destro.
Qui Atalanta Sta bene invece

alza dalla sedia e lascia la conferenza stampa.


In linea Conferenza che non era

Dal 26 ottobre 1980 al 15 gennaio 2012: Edy Reja festeggia la vittoria numero 300 da allenatore in campionati professionistici. Monselice allora, Lazio oggi. Pensi: tutti sorrisi? E invece no. Non per colpa dellAtalanta, in verit, ma per una domanda sui (soliti) fischi ricevuti allannuncio delle formazioni. Non li ho sentiti, ma tanto unabitudine, lanno scorso sono arrivato quarto e sono stato fischiato fino alla fine. Non facciamo sempre polemiche. E stop. Reja si

iniziata da molto. Prima Reja aveva fatto in tempo a dire che s, la Lazio mi piaciuta, per atteggiamento e solidit difensiva. Avremmo dovuto chiudere prima la partita. Ma in ogni caso ho visto una squadra in crescita. E fischi a parte, in linea con quella di un anno fa: al giro di boa di 12 mesi fa Reja arriv con 34 punti, ora aspettando lInter a quota 33. C di che essere soddisfatti, ma al tecnico della Lazio non vanno gi i continui infortuni: Hernanes affaticamento a entram-

Tommaso Rocchi, accusato di simulazione sullespulsione di Lucchini: Il contatto c stato con il braccio dice il laziale : cera il fallo, non il secondo giallo. Stefano Colantuono guarda altrove: Non voglio tornare su questo episodio. Piuttosto non ho capito il mancato rosso a Diakite (fallo su Schelotto, ndr). In ogni caso, non era la solita Atalanta. Nel primo tempo siamo stati troppo passivi, paradossalmente abbiamo fatto meglio in inferiorit numerica. mancata laggressivit e cos non si va lontano. Guai a cullarsi sui complimenti per il girone dandata. Proprio vero.
Lallenatore della Lazio Edy Reja, 66 anni EIDON
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE: BANTI 5,5 Sbaglia con Lucchini, male anche nella gestione complessiva. Di Fiore 6-Comito 6

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

SERIE A 18a GIORNATA


GENOA UDINESE
GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 0-1 MARCATORI Ferronetti (U) al 13 p.t.; Granqvist (G) al 4, Jankovic (G) al 5, Palacio (G) al 26, Di Natale (U) su rigore al 30 s.t. GENOA (3-5-2) Frey; Mesto, Granqvist, Rossi; Jankovic, Merkel (dal 41 s.t. Kucka), Veloso, Biondini, Constant; Gilardino, Palacio (dal 32 s.t. Seymour). PANCHINA Lupatelli, Pratto, Birsa, Jorquera, Sampirisi ALLENATORE Marino UDINESE (3-5-2) Handanovic; Ekstrand (dal 33 s.t. Pasquale), Danilo, Ferronetti; Basta, Isla, Pinzi, Fernandes (dal 37 s.t. Fabbrini), Armero; Di Natale, Floro Flores PANCHINA Padelli, Neuton, Sissoko, Abdi, Torje. ALLENATORE Guidolin. ARBITRO Doveri di Roma. ESPULSO Rossi al 29 s.t. per gioco scorretto. AMMONITI Biondini (G) per proteste. Ekstrand e Pinzi per gioco scorretto.
NOTE Paganti 2.385, incasso di euro 51.819,00; abbonati 17.475 per una quota di euro 235.666,00. Tiri in porta 13-7. Tiri fuori 2-4. Angoli 5-2. In fuorigioco 2-8. Recuperi 1 p.t., 3 s.t.

3 2

LA PRODEZZA

I NUMERI

4
7

le Pagelle
di NI. CE.

le sconfitte stagionali dellUdinese, la terza in campionato dopo i ko con Napoli e Parma; ha poi perso due volte con lArsenal nel preliminare di Champions e con lAtletico Madrid in Europa League e col Chievo in coppa Italia
Il gol del 2-1 genoano, quello che ribalta la partita con lUdinese firmato dal serbo Bosko Jankovic nel disegno di Rinaldi

GRANQVIST EROE BIONDINI OK VELOSO UTILE PINZI DA TUTTO ISLA STANCO


GENOA 7,5
MIGLIORE h 7,5 IL FREY Mostruoso in quattro circostanze. E quella su Pinzi una parata miracolo. MESTO 6,5 Deve fare lo stopper, troppi i difensori assenti. GRANQVIST 7,5 Un gol da rapinatore darea e tante situazioni sbrogliate da ultimo (nel senso che non ce nerano altri) difensore. ROSSI 6,5 Anche lui si adatta allinsolito ruolo. Fino a immolarsi. JANKOVIC 7,5 Ecco un altro protagonista: firma luno due del sorpasso. MERKEL 5 Giornata no, sia da esterno che da trequartista combina poco. E fallisce un gol facile. (Kucka s.v.) VELOSO 7 Preziosissimo sullo scacchiere tattico, chiude da libero. BIONDINI 7 Esordio eccellente: conferma le doti da combattente. CONSTANT 7 Terzino mancino di circostanza. E se fosse il suo ruolo? GILARDINO 6,5 Riscatta con un gagliardo secondo tempo quellinciampo iniziale davanti ad Handanovic. PALACIO 7 Un bellissimo gol, al rientro, e due assist al bacio. Esce stremato dopo lespulsione di Rossi. SEYMOUR 6 Col suo ingresso Veloso scivola in difesa. ALL. MARINO 7 Infonde grinta e fiducia e si prende una bella soddisfazione sulla sua ex squadra.

LUdinese ha il mal dAfrica Il Genoa furioso la punisce


Senza Benatia e Asamoah patisce e lex Marino vince rimontando la rete di Ferronetti. Un rigore fa sperare i friulani, ma ci pensa Frey
DAL NOSTRO INVIATO

i confronti tra Pasquale Marino e lUdinese e per la quarta volta si imposto lui e con una rete di scarto

NICOLA CECERE GENOVA

Nel pi inglese dei nostri stadi abbiamo assistito ad un match degno dei quartieri nobili della Premier League: uno spettacolo di assoluto rilievo. Ha prevalso il Genoa, con pieno merito, grazie ad una ferrea determinazione e al redivivo Jankovic, protagonista nelle azioni della rimonta; lo ha onorato sino allultimo lUdinese dei miracoli, sempre terza ma oggi un po pi preoccupata dal ritorno degli squadroni: le assenze di Benatia e Asamoah (impegnati in Coppa dAfrica) pesano.
In 10 E stata una battaglia inten-

catori di ruolo, le due formazioni da subito si sono adeguate a un concetto di base: qui meglio cercare di fare un gol in pi degli altri anzich badare a non prenderlo. LUdinese lo ha trovato in fretta dopo aver invocato un rigore per fallo di Jankovic su Armero e aver visto Di Natale fermato sul filo del fuorigioco (tiro a bersaglio, dopo il fischio). Prodezza di Frey, di piede, su Floro Flores: dallangolo

strapotere atletico di Armero. Insomma, il Genoa pi preoccupato di non prendere il secondo gol che di pareggiare.
Furia Jankovic E in avvio di ripresa che il Genoa scarica il suo furore, sorprendendo i bianconeri in meno di 2. Jankovic spedisce da lontano un siluro su punizione, Handanovic respinge corto e lo svedese Granqvist imita lamico Ibrahimovic per il tocco in anticipo su tutti (4). Il tiro al volo di Jankovic per il sorpasso perfetto (5), lazione che produce il terzo gol rossobl da manuale del calcio: da Biondini (buon esordio) a Gila che pennella in verticale per lo scatto di Palacio. Rasoiata inesorabile dopo incertezza di Ekstrand nella chiusura (26). Tra il secondo e il terzo gol genoano una sarabanda di occasioni emoziona la platea ed impensabile che possa finire senza una impennata dei friulani. Che arriva grazie al rigore concesso per un contrasto Rossi-Di Natale: solita storia, intervento del difensore sulla palla e poi anche lattaccante viene toccato. Rossi espulso (chiara occasione da rete), Marassi diventa una bolgia, Di Natale timbra il cartellino e riapre i giochi. Ma Frey, con due paratissime, blinda il successo della rinascita decretando la seconda sconfitta consecutiva dellUdinese senza africani. Lo sentite il campanellino dallarme?
RIPRODUZIONE RISERVATA

le reti in A di Di Natale che ha staccato Gilardino rimasto a 142

143

Genoa eroico senza difensori e in 10, espulso Marco Rossi. Di Natale a quota 13
svetta la testa di Ferronetti. Il Genoa stenta a servire il Gilardino, allesordio a Marassi, dopo che il centravanti, messo da Palacio davanti al portiere (8) aveva fallito controllo e tiro facili. LUdinese non riesce a innescare Di Natale con quellattimo di anticipo sul fuorigioco. Guidolin decide di invertire i terzini, portando Ekstrand a sinistra, Marino permette a Merkel di accentrarsi alle spalle delle punte: il ragazzo per non ispirato. Questa modifica obbliga Veloso a scivolare sulla destra per tamponare su Fernandes (buona la prima del vice-Asamoah) laddove Jankovic ha il suo daffare per arginare lo

4 secondo tempo Granqvist pareggia Complice lerrore del portiere dellUdinese Handanovic, Granqvist pareggia e avvia la felice rimonta del Genoa che un minuto dopo realizza con Jankovic il 2-1 TANOPRESS

UDINESE 6
HANDANOVIC 6 Sarebbe il migliore dei suoi senza lincertezza su quel missile di Jankovic. Prima e dopo ottimi salvataggi. EKSTRAND 5 Acerbo rimpiazzo di Domizzi Benatia. Grave incertezza sul terzo gol. PASQUALE 6 Entra dopo il 2 3 per aumentare la spinta. DANILO 5,5 Senza i partner abituali si sente meso sicuro. E si vede. FERRONETTI 6,5 Suo lo stacco imperioso che regala la rete del vantaggio iniziale. BASTA 5,5 Primo tempo anonimo, si riprende un pizzico nella ripresa. ISLA 5,5 Non il solito micidiale motorino: un po di appannamento comprensibile.

sissima, con continui rovesciamenti di fronte, un rincorrersi mozzafiato che ha regalato giocate eccellenti e qualche errore pacchiano, coincisa col debutto casalingo di Pasquale Marino, ex allenatore dei friulani, e con una generale moria di difensori che nel finale arroventato ha reso epica limpresa dei rossobl, rimasti in 10 e con Granqvist unico superstite del ruolo arretrato. L, contro le bordate di Pinzi e Di Natale, che sembravano gi oltre la linea, Sebastien Frey ha rispolverato quelle qualit che potrebbero portarlo allEuropeo.
Senza difese Prive di tanti mar-

35 secondo tempo Frey blinda la vittoria rossoblu Con una paratona su un gran tiro dal limite di Giampiero Pinzi, il migliore dei suoi, Sebastien Frey salva la vittoria del Genoa, il primo successo della gestione Marino ANSA

7 PINZI

IL MIGLIORE

Oltre alla consueta regia ci mette un assist e un quasi... gol: Frey glielo nega con un miracolo. FERNANDES 6,5 Buon debutto. Corre e si smarca, gi inserito nella squadra. (Fabbrini s.v.) ARMERO 6,5 Consueta impressionante spinta, specie nella prima parte. Raccoglie meno di quanto meriterebbe, rigore compreso. DI NATALE 6 Primo tempo in fuorigioco, in tutti i sensi. Buono il secondo, anche se non riesce a sfruttare loccasione del 3 3 .

IL PERSONAGGIO VALUTATO ZERO ALLE BUSTE A GIUGNO, DOPO I TANTI INFORTUNI E STATO DECISIVO

nuovo quello di prima.


Il contratto Quello che era stato

Jankovic: pi lo butti gi, pi si tira su


ALESSIO DA RONCH GENOVA

La rivincita delluomo da 0 euro. Bosko Jankovic un tipo particolare, affronta tutto a faccia in avanti. Pi lo butti gi, pi si tira su e ti fa pure la pernacchia. Ha lentusiasmo dei bambini nel giorno di Natale, sembra sempre pronto a scartare un regalo, solo che spesso deve farselo da solo.
Telefonata Bosko lestate scorsa

tre operazioni, lunghe convalescenze e molti mugugni, aveva deciso di sacrificarlo, mettendolo sul mercato, ma lui niente: Resto qui. Ad agosto, con Ze Eduardo e Birsa in difficolt, arrivata la telefonata decisiva: Matteo Preziosi e Malesani lo rivolevano: Eccomi. Come un gatto, stato subito pronto a tirar fuori lennesima vita, a inseguire lennesima rivincita.
Riscossa Il piccolo fenomeno

era un fantasma. Il Genoa, dopo

serbo, portato in Italia dal Palermo, pagando circa 8 milioni di euro, aveva preso la prima sberla

in Sicilia, ad opera di un allenatore che proprio non lo vedeva: Guidolin. Ieri gli ha mandato due fiori speciali: la punizione, che si procurato e ha trasformato in un missile, per l1 a 1 di Granqvist, e il tiro al volo che ha permesso al Genoa il sorpasso decisivo. In mezzo tanta corsa in un ruolo inedito: esterno destro nel 3-5-2. Avevo giocato cos - racconta - solo una volta nelle giovanili della Stella Rossa. Durante le vacanze ho lavorato con un preparatore sulla potenza. Ormai so che se mi fermo perdo tutto. Ora mi sento di

pagato 8 milioni dal Palermo. Quello che aveva conquistato Gasperini e i genoani a suon di trivela e colpi di tacco, lo stesso che aveva indotto Preziosi a riscattarlo pagando 3 milioni per la met. Infortuni, scelte sbagliate e capricci lo avevano azzerato. A fine giugno, alla risoluzione le compropriet, Palermo e Genoa non avevano messo nulla nella busta. Valutazione 0 euro. Ieri ha spedito un messaggio anche al Palermo, che affronter domenica, e pure al Genoa, il suo contratto scade a giugno: Siamo in questa situazione da mesi, decidiamo. Io voglio restare, ma se non mi volete ci salutiamo cordialmente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Q
Bosko Jankovic, 27 anni, serbo, in Italia dal 2007. Fu acquistato dal Palermo. Dal 2008 al Genoa. Nel torneo 2008-2009 4 gol TANOPRESS

FLORO FLORES 5,5 Un paio di ghiotte opportunit, specie il contropiede (sul 2 1) che scarica su Frey. ALL. GUIDOLIN 6 Alla seconda sconfitta consecutiva senza gli africani. Ora devessere bravo a ricaricare i suoi.

TERNA ARBITRALE: DOVERI 5 Nega un rigore netto ad Armero e concede quello pi discutibile. Giordano 5,5-Ghiandai 6

22

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA


le Pagelle
di L.CAL.

I NUMERI

4
70

FIORENTINA LECCE
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0

0 1

CERCI INGUARDABILE JOVETIC IL MENO PEGGIO CUADRADO GRAN TALENTO


FIORENTINA 4,5
BORUC 6,5 Vola a deviare un pallone avvelenato di Oliveira e, in pieno recupero, si traveste da centravanti. Generoso. GAMBERINI 6 Senza lampi e senza sbavature. NATALI 5 Provoca il rigore crollando addosso a Muriel, poi esce dal campo in barella. NASTASIC 6 Mezzo voto in pi per un anticipo che stronca un micidiale contropiede di Di Michele. CASSANI 6 Il solito soldatino. Promosso senza lode. ROMULO 5,5 Si annoda in un paio di inutili dribbling. BEHRAMI 6 Lui almeno ci mette cuore e grinta. SALIFU 5 Spaesato. Difetti di giovent. Delio Rossi prima lo sposta sul centro sinistra poi lo cambia. LAZZARI 4,5 Di una lentezza esasperante. Si fa rubare la palla nellazione che porta al rigore leccese. MONTOLIVO 4,5 Sbaglia passaggi e tempi di gioco. VARGAS 5 Un prezioso intervento in copertura su Oliveira, due o tre cross inutili e niente altro. Quasi da prova tv un calcio che rifila a Cuadrado. LJAJIC 4,5 Si mangia due gol elementari. CERCI 5 Beccato dai suoi tifosi e picchiato dai difensori avversari. Giornataccia.

MARCATORE Di Michele (L) su rigore al 21 s.t. FIORENTINA (3-5-2) Boruc; Gamberini, Natali, Nastasic; Cassani (dal 34 s.t. Romulo), Behrami, Salifu (dal 1 s.t. Lazzari), Montolivo, Vargas; Ljajic (dal 20 s.t. Cerci), Jovetic. PANCHINA Neto, Munari, Pasqual, Camporese. ALLENATORE Delio Rossi. LECCE (3-5-2) Benassi (dall8 s.t. Julio Sergio); Tomovic, Esposito, Ferrario; Cuadrado, Grossmuller, Giacomazzi, Oliveira, Brivio; Muriel (dal 34 s.t. Corvia), Di Michele. PANCHINA Diamoutene, Bergougnoux, Piatti, Ofere, Pasquato. ALLENATORE Cosmi. ARBITRO Calvarese di Teramo

i giorni dallultima vittoria In campionato il Lecce aveva vinto lultima volta 1-0 a Cesena il 6 novembre scorso, con rete di Cuadrado

successi in questa stagione Nel campionato 2011/2012 i salentini hanno vinto 3 volte, sempre in trasferta: a Bologna, a Cesena e a Firenze

AMMONITI Cassani (F) per proteste, Montolivo (F), Romulo (F), Esposito (L) e Giacomazzi (L) per gioco falloso.
NOTE Paganti 5.450, incasso di 43.566,90 euro. Abbonati 13.024, quota di 228.889,49 euro. Tiri in porta: 6-3; tiri fuori: 6-1; angoli: 4-5; fuorigioco: 3-5. Recuperi: p.t. 1; s.t. 4.

David Di Michele, 36 anni, spiazza Artur Boruc, 31, e realizza il rigore della vittoria esterna del Lecce ANSA

6,5 JOVETIC 6,5

IL MIGLIORE

Consegna allamico Ljajic un pallone che quasi mezzo gol. Ma tutto inutile. Predica nel deserto. ALL. ROSSI 5 La societ non gli ha acquistato un centravanti, ma stavolta sbaglia molte scelte iniziali.

LECCE 7
BENASSI 7 Si rompe il naso per cancellare dai piedi di Ljajic una clamorosa palla gol. JULIO SERGIO 6 Attento sulle conclusioni dalla distanza di Jo Jo. TOMOVIC 6 Spazza via tutto ci che gli passa vicino. ESPOSITO 6 Troppo aggressivo. Rischia il cartellino rosso per limpatto su Natali. FERRARIO 6 Un bel guerriero. CUADRADO 6,5 Talento in quantit industriale. GROSSMULLER 6,5 Cosmi lo lancia subito nella mischia dopo il forfait di Obodo. Si fa trovare pronto. GIACOMAZZI 6,5 Tutti i palloni passano dai suoi piedi. OLIVEIRA 6,5 Allunga la squadra con importanti accelerazioni. Sfiora il gol in un paio di circostanze. BRIVIO 6 Meglio in copertura che in fase di spinta. MURIEL 6 Fa infuriare Cosmi per alcuni contropiedi mal sviluppati ma salva la sua pagella conquistando il rigore decisivo. CORVIA 6 Combattivo.

i minuti di imbattibilit La porta della Fiorentina aveva subito lultima rete da Denis, all85 di Fiorentina-Atalanta 2-2 del 17 dicembre

Fiorentina 251 assediata


Scivola in casa contro il Lecce 75 Tifosi inferociti
Decide Di Michele su rigore, viola inesistenti e privi di un punto di riferimento in attacco
LUCA CALAMAI FIRENZE

Jo-Jo, riesce a liberare un giocatore davanti al portiere avversario, il gol non arriva perch Ljajic, travestito da attaccante, si mangia due palloni doro. Il ragazzino ha le sue colpe, ma non un centravanti. E mai lo sar.
Obiettivi Il doloroso passo falso

i gol di Di Michele in Serie A Per David la quarta di questo torneo, la seconda su rigore dopo quella realizzata alla Lazio

7 DI MICHELE

IL MIGLIORE

Trasforma il rigore che riaccende le speranze salvezza del Lecce. Non si arrende mai. ALL. COSMI 7 Il gol partita di Di Michele, ma le idee vincenti sono tutte del generale Cosmi.

TERNA ARBITRALE: CALVARESE 6 C il rigore sul contatto Natali-Muriel. Si dimentica almeno tre gialli e il fallo di Esposito su Natali poteva essere da espulsione. Altomare 6,5; Cariolato 6

Partiamo dal Lecce. Se lo merita. La squadra di Cosmi conquista tre punti doro ribellandosi al ruolo di condannata alla retrocessione. Per carit, la corsa era a resta tutta in salita. Basta guardare la classifica per averne la conferma. Ma da Firenze pu partire la rincorsa per tre motivi: Oliveira e compagni hanno buone gambe e buone idee tattiche; il nuovo allenatore ha trasmesso una vera e propria scossa elettrica a tutto il gruppo; Di Michele, a segno per la quarta volta nelle ul-

time quattro partite, pu garantire i gol necessari per risalire posizioni. L1 a 0 finale matura grazie a un rigore trasformato proprio da Di Michele (21 secondo tempo) dopo un contatto in area Natali-Muriel. Ma, sia chiaro, il Lecce non ha rubato niente dimostrando di essere pi squadra rispetto ai viola e mettendo in evidenza due e tre elementi interessanti a cominciare dallesterno Cuadrado, dominatore sulla fascia nel duello sudamericano con Vargas. Decisivi anche un paio di interventi del portiere Benassi, uscito a inizio ripresa per una sospetta frattura al naso dopo un intervento su Ljajic.

Manca una punta La banda Cosmi aggancia in classifica il Novara. La salvezza lontana sei punti. Per questo Lecce niente di impossibile. E la Fiorentina? Il buon Delio Rossi non perde occasione per ricordare che lui non Padre Pio. Insomma, non fa miracoli. Per farebbe bene non solo a chiedere ma a pretendere lacquisto di un centravanti. Merce sconosciuta dentro lo spogliatoio viola. Jo-Jo ci prova a travestirsi da prima punta. Ma non il suo mestiere. E allora la Fiorentina sbatte per quasi tutta la gara contro il muro difensivo del Lecce e quando, grazie alle invenzioni di Behrami e

casalingo avr probabilmente riflessi importanti sul mercato di gennaio. Scommettete che domenica prossima a Cagliari il buon Rossi avr una prima punta vera da affiancare a Jovetic? Intanto, per, la sconfitta contro il Lecce riaccende polemiche e tensioni. I tifosi se la prendono con la societ, con i giocatori, con il diesse Corvino. Anche con Cerci, a causa delle frasi, via Facebook, della fidanzata. Per la Fiorentina questo un momento delicato. Siamo solo a met gennaio ma tutti gli obiettivi di inizio stagione sembrano volati via. assurdo, infatti, parlare di aggancio-Europa con una classifica che invita pi a guardarsi alle spalle che non a ipotizzare tabelle ambiziose. Stavolta la Fiorentina non si pu aggrappare neppure ai suoi ragazzini tutto talento. Stanchi, mai incisivi, confusi dai tanti elogi. Ma la battaglia sui giovani va portata avanti anche perch i vecchi continuano a steccare. Gente dellesperienza di Montolivo, Vargas e Lazzari non mai entrata in partita. Brutto scenario. Alla fine faceva quasi tenerezza vedere il solito Jovetic rincorrere qualsiasi pallone alla ricerca di una magia salva-Fiorentina. E, tutto sommato, anche stavolta Jo-Jo riuscito a inventare qualcosa di interessante. Tanta volont, tanto talento ma nessun miracolo. Del resto, neppure lui Padre Pio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23

Rossi: Ci aspettano lacrime e sangue


Ora si stringe per Amauri. Dagli ultr sputi ai dirigenti
ALESSANDRA GOZZINI FIRENZE

HANNO DETTO

d
S

IL CASO LA TRATTATIVA ALLA FASE DECISIVA

ALTA TENSIONE ALLESTERNO DEL FRANCHI


1 2

Roma-De Rossi: stretta finale tra amore e soldi


Nuovo contatto fra Baldini e Berti. City in calo, Real alla finestra: c il nodo della clausola
MASSIMO CECCHINI ROMA

Cassani Dobbiamo solo lavorare sodo, senza fare tanti proclami. Abbiamo giocato molto male, non siamo riusciti a mettere in pratica quello che ci aveva chiesto Rossi

Annunciata come la partita della possibile svolta, piuttosto finita con la curva in rivolta. Le rime pi ripetute sono per quelle dei cori ultras, esplosi ancora prima del k.o. acquisito: Per vincere bisogna spendere, primo riferimento alloperato del club. Poi i cori contro la squadra alluscita dal campo: Rispettate la nostra maglia, Cavete rotto..., Fate ridere.
Rabbia Il nuovo sfogo contro la

S
Gamberini Abbiamo cercato di dare tutto, poi la partita ci sfuggita di mano. Ci assumiamo tutti le nostre responsabilit. La paura non deve fare parte di noi

dirigenza a partita conclusa: Andrea Della Valle, presidente onorario, aveva lasciato la poltroncina a fine primo tempo, per pratica scaramantica. Cos gli spettatori se la prendono con Cognigni, presidente-operativo (raggiunto da qualche sputo mentre si allontanava) e con Paolo Panerai, consigliere viola, rimasto per diversi minuti seduto al suo posto, prima che la polizia, arrivata in tribuna autorit, gli consigliasse di lasciare.
Fuori dallo stadio Il secondo sfo-

1 Gli ultr scatenati contro la dirigenza viola 2 Agenti in assetto antisommossa presidiano lesterno del Franchi 3 Andrea Della Valle in tribuna 4 Un altro momento della protesta. Sotto il tecnico viola Delio Rossi
PAOLUCCI-SESTINI GETTY

niche e ripartire. La situazione delicata, capisco la delusione della gente, Firenze non merita questo: le contestazioni civili le accetto, per le altre cose ne riparliamo tra un mese. Mercato? Sappiamo che si deve intervenire. Amauri dovrebbe essere in arrivo, sipotizza anche qualche intervento in pi per dare entusiasmo al gruppo. E ancora: Behrami? Non si muove. Solo chi non crede nel progetto deve andare via.
Confronto Liniziale idea degli ultras era bloccare le uscite laterali dei giocatori, ma la protesta si poi stoppata sotto la tribuna: qualcuno ha provato a entrare negli spogliatoi senza riuscirci, la chiacchierata stata fatta dopo, in un incontro con alcuni dirigenti. Intanto Rossi si esponeva: Chiedo scusa, la colpa mia, evidentemente non ho preparato bene la partita o non ne ho fatto capire limportanza. Dobbiamo essere consapevoli che sar un campionato lacrime e sangue. Mi aspettavo di pi dai giocatori migliori, ma sono sempre io il responsabile del loro rendimento. Capitolo a parte per Cerci: insulti a lui e alla fidanzata internauta (in un coro si faceva riferimento ad avvistamenti nelle vetrine di Amsterdam) prima ancora che lesterno entrasse in campo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele De Rossi non ama che si cerchi di dare un capolinea al suo futuro interpretando le sue parole, ma forse ci capir sapendo che la pressione dellopinione pubblica vira per lui dal calcio giocato (pi vivace) a quello economico (pi arido). Questo per il mondo che pare piaccia a tutti, e quindi occorre rispettarlo
Contatti Prima di tuffarci nel caso, un chiarimento: nonostante il giallo di Catania, De Rossi resta in diffida e quindi, se ancora ammonito, sar squalificato. Contratto: cominciamo dai sussurri di Trigoria, che raccontano come tra Baldini e il manager Berti, ci siano stati nuovi contatti nel fine settimana. A Catania comunque lo stesso d.g. ha detto: Il fatto che sia una trattativa dovrebbe gi raccontare qualcosa. Cio che la prima scelta del centrocampista una: restare alla Roma, anche se senza chiudere le porte al destino che busser pi avanti. Quattro condizioni A questo punto, per, paiono 4 le condizioni sul tavolo: tempo, sentimenti, prospettive e denaro. 1) Sia la Roma che il giocatore desiderano che la trattativa non si trascini ancora a lungo. Sta diventando una telenovela e a me non piace, dice Daniele. Neppure al club che ha ormai incassato la (quasi) certezza che non lo perder a zero. 2) De Rossi, bandiera romanista sa bene come, se fosse nato a Bolzano o a Palermo, laddio sarebbe stato gi sancito sia pur a malincuore. Ma lui non come tutti. Il mio sogno resta vincere con la Roma e questo ha un significato in chiave rinnovo. Tutto vero, 3) Al di l del denaro, lazzurro non vorrebbe chiudere la carriera senza trofei importanti. Non a caso, quando gli stato detto che Spalletti aveva rivelato come Daniele rimarr se ci sar un progetto vincente, lui ha repli-

QUI LECCE

Cosmi felice Torniamo a sperare


FIRENZE Dopo una serie di buone prove, arrivata la vittoria; grandi abbracci a fine gara per un successo che serve ad acchiappare il Novara e a riportare un po dentusiasmo. Cosmi la commenta cos: La mia grande paura era fare la quinta prestazione consecutiva senza ottenere quanto meritavamo. Il risultato finale stavolta ci premia, ma la gioia pi grande aver visto una squadra di carattere che ancora una volta ha capito che giocando a calcio si pu tornare a sperare. Lallenatore rivela un retroscena: Alla squadra, negli spogliatoi, ho detto le solite cose ma mi sono permesso anche unaggiunta. Ho detto loro di pensare al gusto del gioco, di riappropriarsi di quello che facevano a quindici anni. Poi i singoli, iniziando da Di Michele, luomo partita. Lho abbracciato per la grande gara di sacrifico, ricorda Cosmi, che non risparmia una frecciatina a Muriel: Deve ancora capire il nostro campionato. Finora ha capito fin troppo bene il nostro cibo: dovrebbe perdere qualche chilo. a.g.

cato: Non c nessun altro allenatore che mi conosca come lui. In tale ottica, il piano Pallotta convincente (Vogliamo lottare per lo scudetto e giocare sempre in Champions), ma certezze non ce ne sono. E allora, ammesso che non ci sia un atto di fede, lunica via duscita solo la clausola rescissoria (anche con un contratto pi breve: a 29 anni che vantaggio ne avrebbe?) che gli aprirebbe altre porte in ogni momento. 4) chiaro che la Roma, pur non potendo pagare gli 8-9 milioni del City o del Real Madrid, pronta ad arrivare ad oltre i 6 milioni certi (anche con finti bonus), ma il vero nodo la clausola: pi sar bassa, pi De Rossi conceder sconti. Altre variabili potrebbero essere la ricca procura spettante alla Lumian partecipata al 50% da Berti e per il resto dalla famiglia De Rossi e la possibilit che il pap Alberto possa divenire uno dei responsabili dei vivai del City o del Real. Spigolature. Di sicuro, per, il City pare pi lontano, mentre la seduzione di Mourinho resta forte. Prima per si passer dal rinnovo. E dalla formulazione si capir se il matrimonio fra De Rossi e la Roma sar per sempre oppure no.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Cuadrado Ringrazio Dio per questi tre punti importantissimi, credo ancora nella salvezza, siamo forti, lotteremo fino alla fine. Questa pu essere la svolta

LANTICIPO

Apre Legrottaglie, risponde De Rossi Poi la sospensione


CATANIA-ROMA 1-1
PRIMO TEMPO 1-1 (Sospesa al 20 s.t. per pioggia) MARCATORI Legrottaglie (C) al 24 p.t., De Rossi (R) al 28 s.t. CATANIA (4-3-3) Campagnolo 5,5; Potenza 5, Legrottaglie 6,5, Spolli 6, Alvarez 6; Izco 6,5, Lodi 5,5, Almiron 5; Barrientos 7, Gomez 6, Bergessio 5,5. PANCHINA Kosicky, Bellusci, Delvecchio, Llama, Ricchiuti, Lopez, Catellani. ALL. Montella 6. ROMA (4-3-1-2) Stekelenburg 6; Rosi 5,5, Juan 5,5, Kjaer 7, Taddei 5,5; Simplicio 5, De Rossi 6 (dal 10 s.t. Gago 5,5), Pjanic 5,5; Totti 5,5 (dal 14 s.t. Borini 5,5); Lamela 5, Bojan 5. PANCHINA Lobont, Heinze, Jos Angel, Greco, Perrotta. ALL.: Luis Enrique 5,5. ARBITRO Tagliavento di Terni. AMMONITI Spolli (C), Potenza (C) e Simplicio (R) per g.s., Bergessio (C) e De Rossi (R) per c.n.r. NOTE paganti non comunicati, abbonati 9.206, quota non comunicata. Tiri in porta 3-2. Tiri fuori 6-1. Angoli 2-2. In fuorigioco 2-1. Recuperi: p.t. 1.

go del tifo, ancora pi deciso, va in scena allesterno dello stadio: allinizio sono in settecento, svaniti in un paio dore; i cori sempre gli stessi, la squadra invitata ad andare a lavorare, con laggiunta di offese a dirigenza e propriet. Undici camionette tra polizia e carabinieri, e una schiera di almeno cinquanta agenti controllano la situazione: la prima fila di steward dentro lo stadio, poi i caschi blu oltre i cancelli. Quando Andrea Della Valle metter piede fuori (alle 18.45) la rabbia altrove, i tifosi sono gi andati via. ADV (amareggiatissimo) spiega: Mi auguro che la partita sia solo un incidente di percorso, pensiamo a rimboccarci le ma-

24

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SERIE A 18a GIORNATA

Palermo, buio pesto Chievo: basta Sammarco


Rosanero mai in partita, Mutti non d la svolta e ora si gioca tutto contro il Genoa. Zamparini tentato dal ritorno di Mangia
CHIEVO PALERMO
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Sammarco al 5 s.t. CHIEVO (4-3-1-2) Sorrentino; Sardo, Andreolli, Cesar, Jokic; Luciano, Bradley, Sammarco (22 s.t. Hetemaj); Thereau; Pellissier (39 s.t. Moscardelli), Paloschi (43 s.t. Acerbi). PANCHINA Puggioni, Frey, Vacek, Cruzado. ALL. Di Carlo. PALERMO (4-3-2-1) Benussi; Muoz, Silvestre, Mantovani, Balzaretti; Migliaccio, Bacinovic (32 s.t. Bertolo), Barreto; Ilicic, Vazquez (20 s.t. Miccoli); Pinilla (21 s.t. Budan). PANCHINA Tzorvas, Cetto, Aguirregaray, Della Rocca. ALL. Mutti. ARBITRO Rocchi di Firenze. AMMONITI Sammarco (C), Cesar (C), Bacinovic (P) per g.s. Balzaretti (P) per proteste. NOTE spettatori 6mila circa. Tiri in porta 4-2. Tiri fuori 4-4. Fuorigioco 4-1. Angoli: 4-6. Recuperi: 0 pt, 4 st

della palla, soffre ancora il fuso e non Pastore, Pinilla fa lesterno invece di infilarsi in mezzo. Colpe? Di tutti. A partire dai mediani.
Sammarco-bis Nel rombo di Di Carlo non ci sono fenomeni, ma tutti diligenti e pratici. Bradley, detto Dr. Octopus, randella, recupera, smista e va al tiro deviato da Benussi. Sammarco ha vita facile su Migliaccio al quale resta soltanto lorgoglio: al 5 s.t., su incursione e cross di Luciano che sbilancia tutto il Palermo, entra tutto solo da sinistra e fa match-ball (secondo centro dopo lUdinese). A Luciano basta cambiare passo per piantare Barreto che agita la chioma ma non va oltre il lancio da minimo sindacale. E poi c lenigma Bacinovic che non ispira una manovra che una: anzi la ritarda, non chiude Thereau, appena pressato rincula e si vede solo nel bel tiro deviato da Sorrentino. In cerca del gioco Mutti si sveglia al 20 s.t., sullo 0-1, con Miccoli e Budan per Vazquez (invece di Ilicic) e Pinilla: il Chievo sabbassa mentre si agita la manovra del Palermo che, almeno, va in area. C una trattenuta su Bertolo, ma il pari sarebbe ingiusto. Paloschi, tosto e intelligente non si arrende mai, Andreolli chiude e, a quota 23, un bellandare. Il Palermo sente vicino il respiro di Siena e Bologna: lanno scorso la Samp non voleva crederci, poi fin come fin. Aspettando un esterno basso, un play, una mezzala e un centravanti, ora si potrebbe tentare con Migliaccio dietro, Aguirregaray e Bertolo larghi e Vazquez dietro una punta. Prima che sia tardi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

le Pagelle
di F.LI.

SUPER BRADLEY ROMPE E CREA ILICIC IRRITANTE BACINOVIC, CHE FINE HAI FATTO?
CHIEVO 6
SORRENTINO 6,5 Un tiro (Bacinovic) e una bella risposta. SARDO 6 Avanti e indietro, ma utilit non fa rima con lucidit. ANDREOLLI 6 Pinilla gira lontano dallarea come tutto il Palermo. CESAR 6 Qualche esitazione in pi in fase dimpostazione. JOKIC 5,5 Ilicic, un anno fa, gli avrebbe fatto male. LUCIANO 6,5 Costringe Barreto ad allargarsi, d lassist gol. BRADLEY 6,5 Sempre l in mezzo a spezzare il ritmo (gi scarso) del Palermo e ripartire. Tanta roba. IL MIGLIORE h 6,5 SAMMARCO Alla foga di Migliaccio risponde con senso della posizione, tagli centrali e il bel gol: il secondo in pochi giorni. HETEMAJ 6 Per poco non sorprende Benussi. THEREAU 6 Qualche scambio da applausi, schianta Bacinovic, ma discontinuo. PELLISSIER 5 Nella svirgolata inguardabile nel finale c tutta la tensione per il 100 gol che non arriva (Moscardelli s.v.). PALOSCHI 6,5 Sottorete si vede poco, ma contro il gran lavoro sulla trequarti il Palermo non ha contromisure (Acerbi s.v.). All. DI CARLO 6 Scelte giuste (Sardo, Sammarco), istruzioni chiare: quello che basta contro questo Palermo.

1 0

Paolo Sammarco, 27 anni, mentre col destro infila la porta difesa da Benussi: il gol che decide la gara LAPRESSE

DAL NOSTRO INVIATO

FABIO LICARI VERONA

No che non bravi lo stesso come dice Mutti. Non c quasi niente da salvare. Bravo il Chievo, al massimo. E se quel bravi il modo per ricaricare i suoi il modo sbagliato: ci vorrebbero quattro urlacci per svegliare gente in stato dipnosi, un po di idee tattiche

e qualche innesto nei ruoli-chiave. Il Palermo non esiste, non sa che fare, non reagisce mai a chi gli pesta i piedi. Succede da oltre un mese: dopo Cesena, Catania e Napoli eccone un altro, il Chievo, prego saccomodi. Basta poco: ordine in mezzo, chiudersi bene dietro (non prende gol in casa da 487), alzare il ritmo, e un gol di Sammarco che, vedi la beffa, arriva in contropiede.

Thereau non al massimo, Sardo ci mette troppa foga e Pellissier agitazione. Fa niente: il Palermo subisce e basta. Dal Mutti-Mangia non c stata la scossa, il contrario, e gi si parla di controcambio: il Genoa sarebbe lultima spiaggia. Ma che senso ha?
Ma quali trequartisti Non ha senso come, in teoria, non ha senso lavorare su Bertolo-Ili-

cic e poi dentro Vazquez. Gira voce che Zamparini abbia insistito. In caso, non ha fatto male: sbagliato per il sacrificato. Doveva essere Ilicic: ci avesse messo un po di cattiveria in 90. Zero. Come tutto il Palermo che, pronti-via, gi l dietro ad aspettare e tentare il rilancio quasi sempre sballato: lo sloveno pattina e sbaglia tutto, Vazquez riparte con nove compagni dietro la linea

BOTTA E RISPOSTA

Di Carlo: Gol studiato Mutti: No, fortuito


VERONA Il Chievo si gode

PALERMO 5
BENUSSI 6,5 Stoppa Bradley e Hetemaj, non Sammarco. MUOZ 5,5 Meno distratto del solito, ma blindato no.

6 SILVESTRE

IL MIGLIORE

la vittoria e Mimmo Di Carlo pu esultare per aver azzeccato tutte le mosse. Avevamo studiato il Palermo, linserimento di Sammarco stato provato in allenamento. E una vittoria meritata e costruita sullimpegno, la compattezza e la determinazione del gruppo. Rispetto a Udine abbiamo cambiato trequarti della squadra ma lesito stato lo stesso. Sammarco, gi a segno in Coppa Italia, alla fine risultato decisivo: Abbiamo rischiato poco o nulla, lunico rammarico non aver messo a segno il colpo del k.o.. Domenica tranquilla per il portiere Sorrentino che, comunque, sullunica conclusione di Bacinovic si fatto trovare pronto. E il suo pensiero va al capitano Pellissier che non riesce a trovare il gol numero 100: Oggi non ce nera bisogno. Segner presto e sar un gol da tre punti.
Qui rosanero Sul fronte rosanero

Risolve diverse situazioni, sempre in anticipo. Nel disastro non centra. MANTOVANI 6 Meglio di Cetto, ma troppo timido. BALZARETTI 5,5 Dopo 45 sulla difensiva decide di andare: ma senza schemi la sua corsa inutile. MIGLIACCIO 5 Approssimativo. E se fosse meglio in difesa? BACINOVIC 5 Cercasi play disperatamente. Bacinovic tiro escluso a quanto pare non c pi. BERTOLO 6 Pi iniziative dello sloveno in un quarto dora. BARRETO 5,5 Generoso, frenetico e impreciso da morire. ILICIC 5 Tra i due 10 esce Vazquez e non detto sia la scelta giusta. Irritante. VAZQUEZ 5,5 Pastore Ilicic era una soluzione perch largentino andava a prendersi la palla dietro. Vazquez Ilicic, al momento, confusione: ma largentino il minor colpevole. MICCOLI 6 Almeno prova dribbling e tiro. PINILLA 5 Fuori area, fuori giri, fuori posizione. E fuori in 66. BUDAN 6 Meglio di Pinilla, ma non unimpresa. All. MUTTI 5 Chiedere schemi forse troppo, dopo neanche un mese, ma almeno una reazione E invece niente.

poca voglia di parlare. Ci mancato lo spunto giusto nellarea avversaria si rammarica Mutti ma poteva anche finire in parit: il gol decisivo uscito per una svirgolata dovuta al terreno di gioco. Il difensore Silvestre, protagonista dellepisodio sfortunato, promette il riscatto: Il tecnico ci spiegher dove abbiamo sbagliato.
Giancarlo Tavan
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE: ROCCHI 6 Qualche dubbio su


Bertolo trattenuto in area, ma nel complesso gestisce bene.

Musolino 6,5 Chiocci 6

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

25

SERIE A 18a GIORNATA

Parma, la 1a di Donadoni story Mai visto Giovinco cos


Il fantasista chiude il match ed a quota 8 reti, il suo primato Giallobl avanti di 2 gol, poi il ritorno del Siena che recrimina
PARMA SIENA
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Biabiany (P) al 24 p.t.; Valiani (P) al 21, Grossi (S) al 34, Giovinco (P) al 49 s.t. PARMA (3-4-2-1) Pavarini; Zaccardo, Paletta, Lucarelli; Valiani, Morrone, Musacci (dal 28 s.t. Danilo Pereira), Gobbi; Biabiany (dal 18 s.t. Santacroce), Giovinco; Floccari (dal 45 s.t. Palladino). PANCHINA Gallinetta, Brandao, Valdes, Modesto. ALLENATORE Donadoni. SIENA (4-4-2) Pegolo; Vitiello (dall11 s.t. Grossi), Rossettini, Terzi, Del Grosso; Angelo, Gazzi (dal 28 s.t. Vergassola), DAgostino, Brienza; Calai, Destro (dal 28 s.t. Gonzalez). PANCHINA Farelli, Belmonte, Pesoli, Reginaldo. ALLENATORE Sannino. ARBITRO Peruzzo di Schio. ESPULSI nessuno. AMMONITI Rossettini (S), Gazzi (S), Morrone (P) e Zaccardo (P) per gioco scorretto, Pavarini (P) per c.n.r. NOTE paganti 1.950, incasso di 15.160,80 euro; abbonati 9.620, quota di 91.290,300 euro. Tiri in porta 6-3. Tiri fuori 2-2. Angoli 1-5. In fuorigioco 0-3. Recuperi: p.t. 1, s.t. 4.

Zupping
di VINCENZO CITO

Show emiliano Stoppata la rimonta senese

3 1
Gennaro Gattuso, 34 anni, alla 13 stagione col Milan PHOTOVIEWS Prepartita Lesordio pi atteso Roberto Donadoni si siede per la prima volta sulla panchina giallobl. Un esordio con il sorriso ANSA

Gattuso, ottimista ma non troppo


Gennaro Gattuso ottimista sulla nuova terapia cui stato sottoposto. Ora, come si suol dire, sappiamo di che morte morire (Stadio sprint, Rai Due) Massimo Mauro (Sky) prima del derby si scaglia cos su un tifoso rossonero insoddisfatto di Pato Per me ha detto una fesseria. Poi fa il suo pronostico Il Milan vincer 4-1. Il derby su Sky. Nagatom!. Lultima novit. Di Fabio Caress. Le grandi esclusive di Mediaset Premium. Vi stiamo raccontando tutto quello che sta succedendo nel garage di San Siro! (Mikaela Calcagno) Ha segnato Jankovic che di nome fa Bosko. E nel bosco si perde anche lUdinese che non trova pi il sentiero di uscita!. (Lucio Rizzica, Sky,) Le punizioni e quelli di Sky. Gianfranco Zola (a Massimo Marianella) prima che ne tiri una Balotelli in Manchester City-Liverpool. Non ti sorprendere se Mario fa gol. La cronaca di Massimo Marianella Mario centra in pieno la barriera!. Claudio Onofri prima che ne tiri una Sansone in Nocerina-Sassuolo Contro la Juve Stabia fece gol ma qui la distanza enorme...interno pieno di sinistro come fa lui....non facile abbinare potenza a precisione. La cronaca di Daniele Barone Gran sinistro e gol! Paola Ferrari (La Domenica Sportiva, Rai Due) Abbiamo parlato di questa Atalanta che senza la penalizzazione sarebbe quasi in testa alla classifica! In effetti, sarebbe a soli 12 punti dalla capolista Juventus. Volley femminile sui Raisport, Maurizio Colantoni dopo un punto di Piacenza. Laura Nicolini! Lavevamo chiamata! Abbastanza missing nei primi set, ma poi... Negli Aironi cambia completamente la menata..la mediana (Andrea Gritti, Raisport, Celtic League di rugby) Riccardo Pescante (Raisport) presenta cos Prato-Calvisano di rugby Testa coda importante fra la seconda e la terza del campionato

24 p.t. Biabiany sblocca la gara Biabiany, il migliore in campo, insacca da due passi LAPRESSE Sebastian Giovinco, 24 anni, segna il gol della sicurezza spingendo la palla in rete da pochi passi LAPRESSE

DAL NOSTRO INVIATO

FILIPPO GRIMALDI PARMA

La prima missione di Donadoni compiuta, se vero che la curva giallobl si presenta chiedendo di cambiare la mentalit di una squadra con poca dignit, e a fine partita festeggia la vittoria sul Siena cantando Che bello vedere il Parma. Molti meriti sono del cambio di rotta deciso dal nuovo tecnico, anche se il Siena (e questo, Donadoni, lo sa bene) ha fatto vedere solo nel finale quali fossero le sue reali potenzialit. Il difetto dei toscani, appunto, sta proprio qui: avere cominciato a crederci troppo tardi, quando i giochi erano ormai quasi fatti. Con laggiunta, perch no, pure di un pizzico di malasorte: il gol annullato nella ripresa a Calai per fuorigioco e un episodio (presunto mani di Paletta su tiro-cross di Gonzalez) che ha fatto infuriare gli ospiti. I quali, adesso, de-

vono fare pure i conti con una classifica diventata improvvisamente pericolosa, visto il passo in avanti di Lecce e Cesena nella zona calda della classifica.
La chiave Il Parma ritrova un successo che mancava da quasi due mesi (20 novembre scorso), cambiando modulo (via con il 3-4-2-1) e ritrovando unintensit del gioco (migliorabile, ovvio) che pareva perduta negli ultimi tempi. Difettano ancora, gli emiliani, di continuit, ma Donadoni (apparso commosso a fine gara nel ricordo del suo amico e vice Sergio Buso) ha sfruttato al meglio lintercambiabilit di questo tridente un po anomalo, ma mobilissimo ed a tratti molto efficace. I mali del Siena non sono quelli temuti alla vigilia da Sannino, e legati cio alla goleada sulla Lazio. Pi semplicemente ieri Calai e compagni non sono riusciti a tenere corta la squadra, con le punte troppo lontane dal centrocampo, nonostante gli sforzi di DAgosti-

no, subendo anche troppo in difesa.


Botta e risposta Donadoni aveva alzato lasticella degli obiettivi degli emiliani, e se queste sono le premesse, ha fatto bene. Il gol di un tenace Biabiany ha regalato la speranza, quello di Valiani sembrato il sigillo della tranquillit. Invece nel finale sono riaffiorati i fantasmi del vecchio Parma, anche perch dopo lingresso di Santacroce la squadra si abbassata troppo e il nuovo assetto degli ospiti, con Grossi schierato dietro alla coppia Gonzalez-Calai, e a segno con una diagonale dalla distanza, ha portato al provvisorio due a uno, prima che quasi allultimo secondo arrivasse il tris di un Giovinco da record (sotto gli occhi del c.t. Prandelli). Mai, per lui, otto centri in una stagione. Donadoni lo incorona: Ha le potenzialit per essere da Nazionale e ha ampi margini di miglioramento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I DUE TECNICI

Donadoni, dedica a Buso. Sannino: Pari pi giusto


PARMA (s.p.) Roberto Donadoni, dopo una sentita dedica a Sergio Buso, vorrei che fosse qui, mi manca, parla di una gara difficile, dove il risultato importante ma il lavoro da fare ancora tanto. Il Parma sta bene e di questo devo ringraziare Colomba. La squadra poi ha tanta voglia di fare. Abbacchiato Giuseppe Sannino, convinto che il suo Siena potesse arrivare al pari: Dopo il 4 0 di domenica scorsa alla Lazio ero contento del risultato, ma non del gioco. Ora tutto lopposto. Sono soddisfatto del gioco, ma ovviamente non del risultato. Il punteggio troppo pesante, meritavamo il pari.

21 s.t. Il raddoppio giallobl Valiani raddoppia: sembra il gol della sicurezza, ma non cos... GETTY

35 s.t. Il ritorno del Siena Accorcia Grossi, poi viene annullato un gol a Calai che si dispera ANSA

le Pagelle

di F. GRI.

BIABIANY NON SI FERMA MAI


PARMA 6,5
PAVARINI 6,5 Non fa rimpiangere Mirante. Efficace, riflesso super su Gazzi. PALETTA 6 Mette la testa nellazione del primo gol. ZACCARDO 6 Rimedia ad alcune situazioni pericolose. LUCARELLI 6 Prezioso nel finale, quando il Siena cresce e spinge dalle sue parti. VALIANI 6 Gol pesante, pi brillante nella ripresa. MORRONE 6 Benino, ma troppi rischi sul due a uno. MUSACCI 6,5 Essenziale. Vicino al gol, non si complica la vita. DANILO PEREIRA 6 Movimento e tanto lavoro in mezzo al campo. GOBBI 6 Garantisce una buona spinta sulla sinistra.

DAGOSTINO TROPPO SOLO


SIENA 5,5
PEGOLO 6 Mezzo miracolo su Biabiany, ma non basta. Incolpevole sui gol. VITIELLO 5 In grande difficolt su Giovinco. GROSSI 6 Ispirato, firma il sigillo importante che ha riaperto la partita. ROSSETTINI 5 Subito ammonito, poi frana alla distanza. Che errore su Palladino. TERZI 5 Grande sofferenza sino alla fine. Errore grave nellultimo gol del Parma. DEL GROSSO 6 Pi incisivo nella ripresa. Avanza spesso sulla sua fascia, peccato che l davanti nessuno lo aiuti. ANGELO 5,5 Brutta giornata. Sale poco, chiude a fatica. Nel primo tempo non aiuta DAgostino ad innescare le punte. GAZZI 5,5 Vicino al gol nel primo tempo. VERGASSOLA 6 Entra con grande lucidit nella gara. Lavora desperienza e porge lassist a Grossi per il gol della speranza.

6,5 BIABIANY

IL MIGLIORE

Gol pesante e meritato, per unora corre e lotta senza mai una pausa. SANTACROCE 6 Si arrangia, ma corre rischi inutili. GIOVINCO 6,5 Mai in carriera otto gol in una stagione. Prima serve la palla per il raddoppio. Peccato che sia sempre un po troppo egoista. FLOCCARI 6 Gli manca il gol, per non molla mai. PALLADINO 6,5 Luomo giusto al posto giusto. Entra, tappa una falla in difesa, poi serve lassist del tre a uno. All. DONADONI 6,5 Azzecca tutto: modulo e uomini, compresa la mossa Musacci in mezzo al campo.

6 DAGOSTINO

IL MIGLIORE

Cerca di creare la superiorit in mezzo al campo e di tenere uniti i reparti. BRIENZA 5,5 Alla ricerca di varchi che si non si aprono quasi mai. DESTRO 5,5 Spreca unoccasione doro da ottima posizione. CALAIO 5,5 Impreciso. Si impegna, con pochi risultati. GONZALEZ 5,5 Contribuisce ad avanzare il baricentro della squadra ma manca nei momenti decisivi. All. SANNINO 5,5 Paga il risveglio tardivo della sua squadra. Adesso deve riuscire a tenere compatto lo spogliatoio.

Jonathan Biabiany, 23 anni, suo il primo gol del Parma


GETTY

TERNA ARBITRALE PERUZZO 6 Giusto il gol annullato a Calai. Dubbi sul presunto tocco di mano di Paletta. Stefani 6; Faverani 6.

26

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

www.iveco.it

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27

SERIE A 18a GIORNATA


LE DUE PRODEZZE DEL ROMENO

le Pagelle

di A.T.

CANDREVA CRESCE, EDER VIVO PACI A GALLA, DISASTRO RINAUDO


CESENA 7
ANTONIOLI 6 Para su Caracciolo e Rigoni, non corre rischi veri. COMOTTO 6 Accompagna senza strafare la fase di possesso. VON BERGEN 6 Chiude la strada agli avanti avversari. RODRIGUEZ 6 Sempre attento sulle palle alte. ROSSI 6 Puntuale nelle diagonali.

NOVARA 5
IL MIGLIORE h 6,5 UJKANI Compie una paratona su Eder, non pu fare nulla su Mutu, blocca il rigore di Candreva. MORGANELLA 5,5 Incauto sul primo rigore, viene punito con severit. PACI 6 Galleggia in qualche modo nella disfatta difensiva. RINAUDO 5 Debutto disastroso con lautogol che chiude il match. DELLAFIORE 5 Subito ammonito, fuori partita. GEMITI 5,5 Annaspa contro le ondate di Ceccarelli. MORIMOTO 6 Realizza il gol della bandiera come fosse un flipper. JENSEN 5 Sembra che faccia jogging, non giocava da oltre un anno e si vede. MARIANINI 5,5 Entra a gara finita da un pezzo. RADOVANOVIC 5 Troppo lento per andare alla guerra. RIGONI 6 Cerca di dare ordine, fa due tiri nello specchio, deve giocare per tre. CARACCIOLO 5,5 Senza i cross dalle fasce, lairone non pu volare. MASCARA 5,5 Dal profondo azzurro di Napoli, allo sprofondo novarese, deve fare la sponda per se stesso. ALL. TESSER 5 La difesa a cinque non lo salva, becca tre gol nel primo tempo, il destino sembra segnato.

Il primo gol, il numero 100 in A, di Adrian Mutu contro il Novara: sulla mezza rovesciata di Eder respinta da Ujkani arriva il romeno che ribatte in rete ANSA

Il raddoppio arriva su calcio di rigore, assegnato per fallo su Candreva. Mutu batte ancora Ujkani, per il gol numero 101 in Serie A LAPRESSE

GUANA 6 Mura tutto quanto passa dalle sue parti. PAROLO 6,5 Inizia piano, arriva forte, un radar nel mezzo. CECCARELLI 6,5 Un mantice per salire, una fisarmonica per scendere. CANDREVA 6,5 Entra nei primi due gol, sbaglia il rigore del 4 0. In crescita. MARTINEZ 6 Qualche lunga discesa, almeno tornato in campo.

Si scatena Mutu: la carica dei 101 Il Cesena risale


Il romeno tuttofare va in tripla cifra in Serie A Il Novara non reagisce: sorpassato in zona B
CESENA NOVARA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 3-0 MARCATORI Mutu (C) al 20 e su rigore al 39, Rinaudo (N) autorete al 45 p.t.; Morimoto (N) al 43 s.t. CESENA (4-2-3-1) Antonioli; Comotto, Von Bergen, Rodriguez, Rossi; Guana, Parolo; Ceccarelli, Candreva (dal 32 s.t. Martinez), Mutu (dal 20 s.t. Rennella); Eder (dal 15 s.t. Colucci). PANCHINA Ravaglia, Benalouane, Ghezzal, Bogdani. ALLENATORE Arrigoni. NOVARA (5-3-2) Ujkani; Morganella, Paci, Rinaudo, Dellafiore, Gemiti (dall8 s.t. Morimoto); Jensen (dal 15 s.t. Marianini), Radovanovic, Rigoni; Caracciolo, Mascara. PANCHINA Fontana, Centurioni, Garcia, Porcari, Rubino. ALLENATORE Tesser. ARBITRO Valeri di Roma. GUARDALINEE Petrella-De Luca. ESPULSI nessuno. AMMONITI Dellafiore (N), Guana (C), Rinaudo (N), Paci (N), von Bergen (C) per gioco scorretto, Rigoni (N) per proteste. NOTE paganti 2.973, incasso 22.413 euro; abbonati 12.114, quota 188.037 euro. Tiri in porta 7-4. Tiri fuori 6-2. In fuorigioco 1-6. Angoli 7-7. Recuperi: p.t. 1; s.t. 2.

cassaforte di Arrigoni, lallenatore che non conosce il pari sulla panca cesenate (4 vittorie e 4 sconfitte nelle otto gare della sua gestione).
Novit Il Novara fa uniniezione di debuttanti acquistati sul mercato invernale ma gli innesti di Rinaudo, Jensen (che non giocava una partita vera da 18 mesi) e Mascara non portano nulla di buono. Peraltro la squadra ospite pu recriminare sullazione del secondo gol viziata da un mani volontario di Parolo che intercetta un rilancio novarese e sul ribaltamento di fronte innesca il primo rigore, piuttosto generoso, a favore dei bianconeri di casa: Valeri sbaglia e non perdona il fallo veniale di Morganella su Candreva che furbamente sterza e cade in area sul contatto col piede dappoggio del difensore avversario. La difesa a 5 schierata da Tesser su pressione dei media e tifosi si affloscia nel primo tempo e il destino dellallenatore adesso molto incerto, anche se la societ, a parole, continua a fare quadrato respingendo lipotesi dellesonero come strategia del patron De Salvo. Protagonista Nei tre gol cesenati c sempre lo zampino di Mutu: prima il romeno realizza in tap-in sulla respinta di Ujkani che nega il bersaglio ad Eder, poi trasforma il primo rigore e infine con un cross tagliato rasoterra origina lautorete di Rinaudo che rimpalla nella propria porta un contrasto tra Eder e Gemiti. Nella ripresa il Cesena ha altre occasioni per segnare ma Ujkani evita il cappotto parando il secondo penalty e negando il successo personale a Parolo e Comotto. Nel finale il Novara salva almeno lonore col sigillo del subentrato Morimoto che quasi senza accorgersene sospinge col corpo oltre la linea di porta il pallone schizzato da una mischia selvaggia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

8 MUTU

IL MIGLIORE

Due gol, un assist e un rigore. E numeri da campione: 101 reti in Serie A. Quando c lui, il Cesena vince. RENNELLA 6 Ha qualit e si vede. EDER 6,5 Propizia il vantaggio, vivo e vegeto davanti. COLUCCI 6 Rispetta le consegne con mestiere e magistero. ALL. ARRIGONI 6,5 La sua squadra non aveva mai fatto tre gol nella stessa partita. E un segnale importante per il futuro.

3 1

DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA TOSI CESENA

P
Adrian Mutu, 33 anni, festeggia la sua doppietta INFOPHOTO

Dopo il gol della vittoria di Palermo, il talento di Adrian Mutu, campione discontinuo ma sempre geniale, si era spento per tre partite di fila, coincise con altrettanti k.o. che avevano gettato allarme sulla vena realizzativa dellattaccante romeno. Ma nello spareggio per non sprofondare sotto la soglia della zona salvezza, lex attaccante di Inter e Juve non fallisce lappuntamento coi gol che riportano il Cesena al successo e con la classifica dei grandi bomber: la doppietta rifilata allottimo Ujkani, spinge la stella del club romagnolo a quota 101 reti in Serie A. Il suo show, condito anche dallassist che innesca lautorete di Rinaudo, si ferma dopo 65 di calcio totale per un fallaccio dello stesso Rinaudo che costringe Mutu ad uscire per infortunio (forte contusione alla tibia destra, col parastinchi in carbonio addirittura spezzato in due). A quel punto, sul 3-0 interno, il Cesena pu permettersi di fallire il secondo rigore della partita: Candreva, uno dei migliori, si fa parare il tiro ma ormai i tre punti sono nella

TERNA ARBITRALE: VALERI 5,5 Non fischia il mani di Parolo che avvia il primo rigore, molto generoso. Petrella 6-De Luca 6

IL PROTAGONISTA

Adrian: La rete storica per mio figlio Spero di finire la carriera a Cesena
CESENA Come contro il Genoa, come a Palermo. Per vincere, il Cesena ha bisogno dei gol di Adrian Mutu. Perch noi siamo dieci operai dietro a un fenomeno, dice Marco Parolo. il 20 quando Mutu d colore a questo pomeriggio grigio e umido, segnando il gol n 100 della sua avventura in A. Poi, il brillante di Romania raddoppier su rigore, propizier il 3 0, guadagner il rigore del possibile 4 0 e uscir dopo unentrata durissima di Rinaudo sulla sua caviglia destra. Pur rompendosi, il parastinco in carbonio fa il suo dovere e se la cava solo con una forte contusione al piatto tibiale. A riavvolgere il nastro ci pensa Adrian Mutu su Sky: 101 gol in A

per un attaccante sono un gran traguardo. Sono contento di avere oltrepassato quota 100 e spero soprattutto di segnarne tanti altri. Questa rete storica la dedico a mio figlio. Alla rete del vantaggio, Treossi ha esibito la maglietta Cento gol zitti e Mutu!. Un omaggio a un campione che si sta ritrovando: Se ho scelto il Cesena perch mi ha convinto Campedelli. E stata la sua ambizione, il modo in cui mi ha parlato. Mi sono detto: Se cambio, faccio qualcosa di diverso. C un gran progetto e speriamo di raggiungere la salvezza. Poi spero di fermarmi a Cesena anche a fine carriera.
Alessandro Burioli
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE TRATTATIVE GENOA: POLO CE, STRETTA PER SCULLI. CORVINO (FIORENTINA) IN TRIBUNA A CESENA PER CANDREVA E PAROLO. I ROMAGNOLI CHIUDONO PER PUDIL E PILAR

Lecce-Grosso, si decide. Siena, sprint Cacia


CALVI-DI CHIARA-DI FEO

Ronaldinho? Preso. Arriva anche Kak. Pure Tevez nostro, devo decidere se darlo al Milan o allInter. Preziosi scherza a Sky, ma fa mercato davvero: fatta per Andy Polo (ieri laccordo, quadriennale, arriva a giugno), quasi per Sculli (nella notte si cercher laccordo con la Lazio, magari con una contropartita), Ze Eduardo torner in Brasile.
Affari Lecce Il Lecce potrebbe

parte dellingaggio), arriverebbe con lopzione di rinnovo obbligato in caso di salvezza. Coi bianconeri si parler anche di Pasquato: potrebbe finire la stagione in B. Sempre in ballo lipotesi di scambio col Parma: il Lecce punta sempre Santacroce e Blasi ma dipender dalla contropartita chiesta dagli emiliani, visto che Olivera e Ferrario hanno giocato benissimo a Firenze. Per Bogdani il Cesena non vuole in cambio Ofere, ma gradirebbe Grossmuller.
Punto Siena Il ds Perinetti in at-

Larrondo. Le alternative sono Maccarone e Pozzi (ma c il Cesena). In settimana previsti nuovi contatti con il Varese per Carrozza.
Idee Catania Ledesma ormai del Boca: ha gi fatto le visite mediche in Argentina. I siciliani intanto cercano sempre un portiere: viva la pista Frison (Vicenza), il nome nuovo largentino Champagne (San Lorenzo), ma c anche il Torino. Mosse Cesena Ieri in tribuna a

invece sono interessati a Munari. Intanto oggi il Cesena chiuder per Pudil (Granada, sar in citt per la firma) e Pilar (Viktoria Plzen, via Wolfsburg), ed previsto un contatto con la Samp: i romagnoli frenano su Eder, ma vogliono capire i margini ci fattibilit per Pozzi. Altro obiettivo Kozak (Lazio), pu arrivare se i biancocelesti accelerano per Parolo. Per Santana si riparler col Napoli a giorni.
Altre trattative Il Parma pu avere Portin dal Padova in cambio di Feltscher. LUdinese, oltre a Pazienza, valuta lesterno Labyad (Psv) e pu inserirsi per Maxi Perez (Penarol, ci lavora gi il Chievo: il club lo cede anche in prestito). Il Napoli sprinta su El Kaddouri (Brescia, affare per lestate, c anche lInter).

avere oggi la risposta di Grosso, che, in scadenza con la Juve (che dovr corrispondere gran

tacco sprinta per Cacia: nella trattativa con il Padova oltre a Pesoli potrebbe rientrare anche

Cesena cera il d.s. della Fiorentina, Corvino per visionare Candreva e Parolo (ma non sono le prime scelte viola), i bianconeri

Fabio Grosso, 34 anni FOTOPRESS

Daniele Cacia, 28 anni LAPRESSE

RIPRODUZIONE RISERVATA

28

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

Offerta valida fino al 31/01/2012 per Ka+ 1.2 benzina 69CV, Fiesta 3 porte 16V 1.2 benzina 60CV, Focus 1.6 105 CV, C-MAX Plus 1.6 105 CV, Kuga Plus 2WD 2.0 TDCi 140CV, a fronte di rottamazione o permuta di un veicolo immatricolato prima del 31/12/2002. Solo per vetture in sto emissioni CO2 da 109 a 139 g/km. C-MAX: consumi da 4,7 a 9,5 litri/100km (ciclo misto); emissioni CO2 da 119 a 169 g/km; Kuga: consumi da 5,9 a 10,3 (ciclo misto); emissioni CO2 da 154 a 244 g/km. Gli oltre 5.000 di vantaggio si riferiscono alle seguenti vetture: Kug

Gennai Scendono in campo g

Oltre 5.000 di vantagg Ka


Clima, Radio CD e Start&Stop

Fiesta
Clima, Radio CD e Cerchi in lega

Foc

Clima, Radio CD

8.750

9.500

15.

sabato 21 e d

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

ock, grazie al contributo dei FordPartner. IPT esclusa. Ka: consumi da 4,1 a 4,9 litri/100 km (ciclo misto); emissioni CO2 da 115 a 109 g/km; Fiesta: consumi da 4,1 a 7,1 litri/100 km (ciclo misto); emissioni CO2 da 107 a 129 g/km; Focus: consumi da 4.2 a 6.0 litri/100 km (ciclo misto); a Titanium, Mondeo Titanium, S-MAX Titanium e Galaxy Titanium con Titanium pack e touch navigation system e Focus TCDi 115CV Titanium con Titanium pack e Navigation System o 1.6 150CV Ecoboost. Le vetture in foto possono contenere accessori a pagamento.

o 2012. gli Ecoincentivi Ford.

gio per la tua nuova Ford. C-MAX


Clima, Radio CD e Cerchi in lega

cus

KUGA
Clima automatico, Radio CD e Cerchi in lega

D e Cerchi in lega

250

16.750

24.500

domenica 22

30

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

Serie A / 18 GIORNATA
RISULTATI
CATANIA-ROMA sospesa al 20' s.t. sull'1-1 Legrottaglie (C), De Rossi (R) CESENA-NOVARA 3-1 Mutu (C), Mutu (C) rigore, Rinaudo (N) autorete, Morimoto (N) CHIEVO-PALERMO 1-0 Sammarco (C) FIORENTINA-LECCE 0-1 Di Michele (L) rigore GENOA-UDINESE 3-2 Ferronetti (U), Granqvist (G), Jankovic (G), Palacio (G), Di Natale (U) rigore JUVENTUS-CAGLIARI 1-1 Vucinic (J), Cossu (C) LAZIO-ATALANTA 2-0 Hernanes (L) rigore, Klose (L) MILAN-INTER 0-1 Milito (I) NAPOLI-BOLOGNA stasera, ore 20.45 PARMA-SIENA 3-1 Biabiany (P), Valiani (P), Grossi (S), Giovinco (P)

CLASSIFICA
PARTITE SQUADRE JUVENTUS MILAN UDINESE LAZIO INTER NAPOLI ROMA GENOA CHIEVO CATANIA CAGLIARI PARMA FIORENTINA PALERMO ATALANTA* BOLOGNA SIENA CESENA LECCE NOVARA PUNTI 38 37 35 33 32 27 27 24 23 22 22 22 21 21 20 18 18 15 12 12 G. 9 9 9 10 9 9 8 9 9 8 9 10 9 8 9 9 9 9 8 9 IN CASA V. N. 6 3 6 2 8 1 4 4 5 1 4 3 4 2 5 2 5 3 4 2 2 5 5 3 4 3 6 0 4 4 3 1 4 2 2 3 0 1 2 4 FUORI TOTALE P. G. V. N. P. G. V. N. 0 9 4 5 0 18 10 8 1 9 5 2 2 18 11 4 0 9 2 4 3 18 10 5 2 8 5 2 1 18 9 6 3 9 5 1 3 18 10 2 2 8 3 3 2 17 7 6 2 9 4 1 4 17 8 3 2 9 2 1 6 18 7 3 1 9 1 2 6 18 6 5 2 9 1 5 3 17 5 7 2 9 3 2 4 18 5 7 2 8 1 1 6 18 6 4 2 9 1 3 5 18 5 6 2 10 0 3 7 18 6 3 1 9 2 4 3 18 6 8 5 8 2 2 4 17 5 3 3 9 0 4 5 18 4 6 4 9 2 0 7 18 4 3 7 10 3 2 5 18 3 3 3 9 0 2 7 18 2 6 P. 0 3 3 3 6 4 6 8 7 5 6 8 7 9 4 9 8 11 12 10 IN CASA F. S. 19 6 21 5 18 3 12 7 15 8 20 12 13 9 13 9 9 4 9 6 6 7 19 12 14 7 17 10 11 7 9 13 15 7 8 9 7 16 12 16 RETI FUORI F. S. 10 6 16 12 8 10 14 10 13 11 12 7 10 10 9 20 5 16 11 19 10 11 5 20 4 9 2 14 12 16 7 11 4 12 4 16 11 18 6 19 TOTALE F. S. 29 12 37 17 26 13 26 17 28 19 32 19 23 19 22 29 14 20 20 25 16 18 24 32 18 16 19 24 23 23 16 24 19 19 12 25 18 34 18 35 RIGORI PUNTI POSIZIONE ULTIME DIFF. FAVORE CONTRO 2010-2011 STAGIONE QUATTRO E DIFF. 2010-2011 GARE RETI T. R. T. R. +17 1 1 3 1 31 (7) 6 VNVN +22 6 6 1 1 39 (-2) 1 VVVP +13 4 3 2 1 26 (9) 8 NNVP +9 3 3 3 3 34 (-1) 2 NNPV +9 3 2 6 3 32 (=) 4 VVVV +13 2 0 0 0 33 (-6) 3 PVV= +4 3 2 3 3 32 (-5) 4 VVV= -7 1 1 6 5 25 (-1) 9 VPPV -6 2 1 5 3 21 (2) 12 VNPV -5 5 4 3 3 21 (1) 12 VNP= -2 3 3 1 1 20 (2) 14 PPVN -8 5 4 2 2 22 (0) 11 NNPV +2 3 3 2 2 20 (1) 14 NNVP -5 2 2 2 2 30 (-9) 7 PNPP 0 4 3 4 4 in B in B NVPP -8 2 2 4 4 19 (-1) 16 PPV= 0 3 3 3 3 in B in B PNVP -13 5 3 6 5 18 (-3) 17 PPPV -16 3 3 4 4 15 (-3) 18 NPPV -17 3 3 3 2 in B in B PNPP

MARCATORI
Questa la classifica dei marcatori aggiornata dopo la 18 giornata, stasera si gioca Napoli-Bologna mentre le reti segnate da Legrottaglie e De Rossi in Catania-Roma dellanticipo sono gi state inserite: 13 RETI: Di Natale (3) (Udinese) 12 RETI: Denis (3) (Atalanta); Ibrahimovic (6) (Milan) 10 RETI: Klose (Lazio); Cavani (Napoli) 9 RETI: Jovetic (2) (Fiorentina) 8 RETI: Giovinco (3) (Parma) 7 RETI: Palacio (1) (Genoa); Milito (2) (Inter); Matri (Juventus); Osvaldo (Roma); Calai (2) (Siena) 6 RETI: Mutu (2) (Cesena); Marchisio (Juventus); Nocerino (Milan); Hamsik (Napoli); M. Rigoni (3) (Novara) 5 RETI: Di Vaio (1) (Bologna); Pepe (Juventus); Miccoli (1) (Palermo); Destro (Siena) 4 RETI: Moralez (Atalanta); Ramirez (Bologna); Lodi (2) (Catania); Pazzini (Inter); Hernanes (3) (Lazio); Di Michele (2) (Lecce); Boateng (Milan); Pandev (Napoli); Basta (Udinese) 3 RETI: Conti (1) e Larrivey (1) (Cagliari); Almiron, Bergessio, Legrottaglie e Maxi Lopez (2) (Catania); Moscardelli e Pellissier (Chievo); Cerci (Fiorentina); M. Rossi (Genoa); Cambiasso e Thiago Motta (Inter); Vucinic (Juventus); Lulic e Rocchi (Lazio); Lavezzi (Napoli); Morimoto (Novara); Hernandez (1) (Palermo); Biabiany (Parma); Bojan e De Rossi (Roma); Isla (Udinese) 2 RETI: Marilungo (Atalanta); Acquafresca e Diamanti (1) (Bologna); Ibarbo (Cagliari); Candreva (1) (Cesena); Paloschi, Sammarco e Thereau (Chievo); Gilardino (Fiorentina); Kukca, Jankovic e Veloso (Genoa); Nagatomo (Inter); Vidal (1) (Juventus); Sculli (Lazio); Cuadrado, Giacomazzi, Grossmuller e Muriel (Lecce); Cassano, Robinho e Seedorf (Milan); Campagnaro, Dzemaili e Maggio (Napoli); Bertolo, Ilicic, Pinilla (1) e Zahavi (Palermo); Floccari e Modesto (Parma); Fabio Simplicio e Totti (2) (Roma); D'Agostino (1) (Siena) 1 RETE: Cigarini, A. Masiello, Peluso, Schelotto e Tiribocchi (Atalanta); Cherubin, Loria e Portanova (Bologna); Biondini, Cossu, El Kabir, Nainggolan, Nen (1) e Thiago Ribeiro (Cagliari); Barrientos, Catellani, Delvecchio, Gomez e Marchese (Catania); Eder, Guana e Parolo (Cesena); L. Rigoni e Sardo (Chievo); Gamberini, Lazzari, Montolivo e Silva (1) (Fiorentina); Caracciolo, Constant, Granqvist, Jorquera, Mesto e Pratto (Genoa); Alvarez, Casteignos, Coutinho, Faraoni, Forlan, Lucio, Maicon, Ronocchia e Sneijder (Inter); Bonucci, Chiellini, Estigarribia, Krasic, Lichsteiner e Quagliarella (Juventus); Biava, Cana e Cisse (Lazio); Bertolacci, Corvia, Ferrario, Mesbah, Oddo (1) e Strasser (Lecce); Aquilani, El Shaarawy, Nesta, Pato, Thiago Silva, Yepes e Zambrotta (Milan); Gargano, Mascara e Zuniga (Napoli); Gemiti, Jeda, Marianini, Mazzarani, Meggiorini, Paci, Porcari, Radovanovic e Rubino (Novara); Migliaccio e Silvestre (Palermo); Galloppa, Gobbi, A. Lucarelli, Morrone, Paletta, Pell, Valdes e Valiani (Parma); Borini, Burdisso, Gago, Lamela, Pjanic e Taddei (Roma); Bolzoni, Gazzi, Gonzalez, Grossi e Vitiello (Siena); Asamoah, Benatia, Domizzi, Ferronetti, Floro Flores e Pinzi (Udinese) 1 AUTORETE: Brivio (Lecce) pro Cagliari; Acquafresca (Bologna) pro Lazio; Lodi (Catania) pro Milan; Centurioni (Novara) pro Parma; De Sanctis (Napoli) pro Roma; Pisano (Cagliari) pro Milan; Ludi (Novara) pro Palermo; Granqvist (Genoa) pro Cagliari; Rinaudo (Novara) pro Cesena RETI: in questo turno 22 (4 rigori, 1 autorete); in totale 442 (52 rigori, 9 autoreti)

PROSSIMO TURNO
sabato 21 gennaio ROMA-CESENA ATALANTA-JUVENTUS domenica 15 gennaio, ore 15 BOLOGNA-PARMA CAGLIARI-FIORENTINA LECCE-CHIEVO NOVARA-MILAN PALERMO-GENOA SIENA-NAPOLI UDINESE-CATANIA INTER-LAZIO (ore 18) (ore 20.45) (ore 12.30)

La classifica tiene conto di quest'ordine preferenziale: 1) punti 2) numero di partite disputate 3) differenza reti 4) numero di gol segnati 5) ordine alfabetico. Le ultime tre retrocedono in serie B. *sei punti di penalizzazione. Degli scontri diretti, decisivi, si terr conto a fine girone di andata e a fine ritorno U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAMPIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE

laMoviola
di FRANCESCO CENITI fceniti@gazzetta.it

(ore 20.45)

CONCORSI
CONCORSI N. 4 DEL 15/1/2012 TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE 1-1-2-1-X-1-1-1-1-1-2-2-1-2 QUOTE: Ai 14 (5) 41.179 euro; ai 13 (149) 763 euro; ai 12 (1640) 69 euro; ai 9 (137) 808 euro TOTOGOL - COLONNA VINCENTE 4-1-6-8-13-11-5 QUOTE: Ai 7 e 6 nessun vincitore; ai 5 (2) 1.522 euro; ai 4 (51) 71 euro

Doveri scontenta Genoa e Udinese Lucchini: rosso beffa Che dubbi su Bertolo
Con il derby in archivio senza troppe polemiche, i guai peggiori della giornata arrivano da Torino, dove Guida sbaglia la valutazione degli episodi-chiave, ma anche il resto della domenica non stato positivo per la squadra del designatore Braschi: rispetto alle ultime uscite c stato un passo indietro. Diverse le sbavature: a Genova, ad esempio, si lamentano a ragione entrambe le squadre. E guarda caso il fischietto sotto accusa Doveri, promosso nella Can A lo scorso luglio proprio con Guida. CESENA-NOVARA 3-1 Valeri di Roma Sul primo gol Mutu, resiste a un netto fallo da rigore di Radovanovic (e sarebbe stato anche rosso diretto). Al 38 arriva il penalty per un intervento di Morganella su Candreva: molti i dubbi perch il giocatore del Cesena sembra quantomeno accentuare la caduta, ma soprattutto prima di questo intervento c un fallo di mano di Parolo che andava punito. E netto, invece, quello assegnato nella ripresa: entrata davvero pericolosa di Rinaudo sulle gambe di Mutu (costretto a uscire), troppo poco lammonizione. CHIEVO-PALERMO 1-0 Rocchi di Firenze Rientro in Serie A per Rocchi dopo la buona prova in Coppa Italia. E regolare la posizione di Sammarco che realizza il gol-partita. Restano dei dubbi nel finale: trattenuta di Sardo ai danni di Bertolo, ci poteva anche stare il rigore per il Palermo. LAZIO-ATALANTA 2-0 Banti di Livorno Banti alterna cose buone a decisioni poco azzeccate. Nel primo tempo corretto il rigore assegnato alla Lazio: Masiello sbaglia il tempo dellentrata su Radu, affossandolo in modo

Lentrata di Marco Rossi su Di Natale: non era rigore SKY


chiaro. Nella ripresa larbitro penalizza lAtalanta, lasciandola in 10 per il secondo giallo a Lucchini: non c lo sgambetto ai danni di Rocchi che finisce invece a terra dopo un dribbling. Siamo al limite della simulazione per il capitano della Lazio e infatti Lucchini si arrabbia molto con lavversario. Rischia molto Diakit per unentrata da dietro su Schelotto: arriva lammonizione, va di lusso al difensore laziale. FIORENTINA-LECCE 0-1 Calvarese di Teramo Giusta la decisione di Calvarese (arriva dalla Can B) che decide la gara: da rigore lo sgambetto di Natali a Muriel. Protesta la Fiorentina per un presunto mani di Esposito sul tiro di Cerci, ma la palla prima sbatte col braccio. Ignorata una scarpata di Vargas a Cuadrado, solo giallo ad Esposito dopo un brutto intervento su Natali. GENOA-UDINESE 3-2 Doveri di Roma Gara difficile con molte decisioni al limite: Doveri fatica e non convince. Pronti via e ci sarebbe un rigore per lUdinese: Jankovic, in ritardo, affossa Armero. Passa un solo minuto ed annullata allUdinese una rete per fuorigioco di Di Natale: se c davvero millimetrico. Nella ripresa lUdinese rientra in partita per un rigore concesso in modo pi che generoso dopo una scivolata di Marco Rossi su Di Natale: il rossobl per prende prima il pallone e poi tocca lavversario. Per Rossi anche la beffa di una espulsione immeritata. PARMA-SIENA 3-1 Peruzzo di Schio Facile per Peruzzo. Nella ripresa okay annullare due gol al Siena (realizzati da Destro e Calai): in entrambi i casi c il fuorigioco. (Milan-Inter a pagina 3 Juve-Cagliari a pagina 17)

Gazzetta.it
TUTTO DOPO IL DERBY IN DIRETTA DALLE 10.30 IN GAZZA OFFSIDE
LInter che vince il derby si rilancia per la corsa scudetto? E il Milan ora meno credibile? La Juve che rallenta ha finito la benzina? A queste e ad altre domande risponderanno Alberto Cerruti e Diego Antonelli nella puntata odierna di Gazza OffSide (in diretta alle 10.30, on demand sempre). Ospite in studio linterologo della Gazzetta, Andrea Elefante.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

31

SERIE A IL POSTICIPO DELLA 18a

Polizza Pandev Il Napoli vuole andare sul sicuro


Mazzarri punta sul tridente con lex interista E lo davano per finito.... Vargas in panchina
Walter Mazzarri, 50 anni
REPORPESS

Goran Pandev, 28 anni, prima stagione al Napoli: ha segnato 4 gol in campionato e uno in coppa Italia IANUALE

Perch vedere

NAPOLI-BOLOGNA
Il Napoli punta molto sulla buona condizione di Cavani e Pandev, il Bologna chiamato a confermare la bella vittoria col Catania
San Paolo, ore 20.45

DAL NOSTRO INVIATO

MIMMO MALFITANO CASTELVOLTURNO (Caserta)

biamo concesso qualche opportunit di troppo allavversario, nel primo tempo. I ragazzi sanno quello che voglio nonostante si ritroveranno di fronte una squadra in buona forma ed un allenatore che gi nella passata stagione ci mise in difficolt battendoci alla guida del Chievo. Anche loro giocheranno con la difesa a tre, come in tanti stanno facendo, ormai, contro di noi, ha osservato il tecnico napoletano.
Pi cattiveria Ha lavorato sulla

BOLOGNA

Pioli rinforza il centrocampo Bisogna essere pi compatti


BOLOGNA (n.z.) Stefano Pioli mischia le carte e si presenta a Napoli dopo due allenamenti a porte chiuse, un fatto davvero inusuale a Casteldebole. Appena varata la difesa a 3 il tecnico del Bologna pensa ad un centrocampo a 5 per imbrigliare Hamsik e compagni. Abbiamo una sola possibilit di far risultato, essere molto compatti; se ci apriamo per noi diventa dura contro giocatori cos veloci e potenti predica lallenatore rossobl, che fa della compattezza il suo verbo e che riconosce a Mazzarri unaltra peculiarit a lui tanto cara, lestrema precisione. E un allenatore che non lascia nulla al caso e avr preparato al meglio la gara. Ma anche noi abbiamo lavorato bene e vogliamo cercare la prima vittoria su una grande, prosegue Pioli sottolineando per che gli azzurri hanno fallito solo in prossimit di gare di Champions League. Sono in ottime condizioni e attaccano in tanti; dovremo metterci tanta e corsa.

Si ritorna ai titolarissimi dopo la parentesi di coppa Italia. Non ha dubbi, Walter Mazzarri, sul Napoli da opporre al Bologna. Ci sar Goran Pandev, dal primo minuto, nel tridente offensivo insieme con Hamsik e Cavani, mentre dinanzi a De Sanctis torneranno Campagnaro, Cannavaro ed Aronica. Dunque, tutto come sempre e per Edu Vargas ci sar spazio soltanto in panchina dopo il deludente debutto di gioved sera. Servono punti pesanti in questa fase della stagione, che possano rilanciare il Napoli nelle zone alte della classifica. Ed il vantaggio di giocare al San Paolo, stasera, dovrebbe dare una spinta maggiore al collettivo napoletano, favorito pure dai risultati della domenica. Voglio subito un Napoli aggressivo e non come accaduto a Palermo dove ab-

fase difensiva, in questi giorni, Mazzarri. E proprio l dietro che la squadra ha evidenziato le maggiori difficolt. Avrei voluto, dai difensori, un atteggiamento pi feroce, come piace a me. I movimenti difensivi sono quasi matematica per noi. Ci sono dei codici precisi che ancora non abbiamo assimilato a memoria come successo lo scorso anno. Deve esserci quella cattiveria che talvolta mancata, e che ci dovr aiutare in questa rimonta, ha spiegato lallenatore del Napoli.
Ancora Pandev Toccher anco-

sena che servito per accedere ai quarti di coppa Italia. Pandev un giocatore importante. Ora che sta bene fisicamente e mentalmente davvero un grande. Lo davano per finito, il mio orgoglio vederlo in queste condizioni. Noi siamo stati bravi a metterlo nelle condizioni di poter rendere al meglio, cosa che non riusciva a fare altrove. Mi piace che la nostra organizzazione lo stia aiutando a mostrare il suo valore. Il problema per lallenatore si presenter nel momento in cui Lavezzi sar pronto per ritornare a giocare. Cosa che dovrebbe verificarsi nella trasferta di Siena, tra sei giorni. A quel punto, scegliere sar davvero complicato. Intanto, per il giovane Vargas ci sar la panchina e, probabilmente, una manciata di minuti da giocare se il risultato dovesse consentirlo.
Futuro Il tormentone partito,

NAPOLI (3-4-2-1) BOLOGNA (3-5-1-1)


OGGI ore 20.45 ARBITRO Brighi

ra allex interista affiancare Hamsik alle spalle di Cavani. E, daltra parte, non potrebbe essere altrimenti considerato il rendimento assicurato dallattaccante nelle ultime settimane e dopo il gol contro il Ce-

dunque. Lauspicio, per, che il presidente De Laurentiis e Mazzarri possano risolvere in fretta la questione del rinnovo contrattuale per evitare momenti di vera e propria farsa come quelli vissuti al termine della scorsa stagione. Il mio contratto scadr nel 2013 ed mia intenzione rispettarlo, ha detto lallenatore in attesa che il presidente gli prospetti il prolungamento per unaltra stagione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PANCHINA 83 Rosati, 21 Fernandez, 85 Britos, 20 Dzemaili, 18 Zuniga, 16 Vargas, 99 Lucarelli. ALLENATORE Mazzarri BALLOTTAGGI nessuno SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Lavezzi INDISPONIBILI Lavezzi (2 giorni) TV Sky Calcio 1 HD, SuperCalcio HD, Premium Calcio e Premium Calcio 2 HD

PANCHINA 25 Agliardi, 24 Boccaccini, 48 Rubin, 4 Krhin, 16 Casarini, 77 Gimenez, 99 Acquafresca. ALLENATORE Pioli. BALLOTT.. Pulzetti-Casarini 60-40%. SQUALIFICATI Portanova (1) DIFFIDATI Cherubin, Morleo, Raggi e Ramirez. INDISPONIBILI Diamanti (3 giorni), Kone (5 giorni), Loria (5 giorni).

SERIE BWIN Il posticipo della 22a giornata (ore 20.45)

Pescara, una serata elettrizzante Con il Verona aria da finale playoff


PESCARA VERONA
PESCARA (4-3-3) 22 ANANIA 2 ZANON 6 ROMAGNOLI 5 CAPUANO 14 BALZANO 23 KONE 10 VERRATTI 4 CASCIONE 9 SANSOVINI 17 IMMOBILE 11 INSIGNE All. ZEMAN PANCHINA 1 Pinsoglio, 15 Bocchetti, 13 Brosco, 8 Togni, 25 Nielsen, 19 Maniero, 7 Soddimo. VERONA (4-3-1-2) 1 RAFAEL 13 ABBATE 5 CECCARELLI 17 MARECO 25 SCAGLIA 8 RUSSO 77 TACHTSIDIS 20 DONINELLI 16 JORGINHO 9 FERRARI 11 PICHLMANN All. MANDORLINI PANCHINA 26 Frattali, 57 Natalino, 33 Pugliese, 16 Galli, 14 D'Alessandro, 27 Berrettoni, 32 Bjelanovic.

LA CRISI

MERCATO

Grosseto nei guai Camilli spedisce tutti in ritiro


GROSSETO Dopo il 4 0 subito a Gubbio, il Grosseto da ieri e fino a venerd in ritiro punitivo (in un agriturismo con 4 letti per stanza) ad Acquapedente (Viterbo). Lo ha deciso il presidente Piero Camilli, che si lamenta per una squadra moscia.
SITUAZIONE Classifica dopo la 22a giornata: Torino p. 45; Sassuolo 43; Verona* 41; Pescara* 39; Padova 38; Reggina 32; Juve Stabia ( 4) e Varese 31; Sampdoria, Bari ( 2), Cittadella e Grosseto 29; Brescia 28; Vicenza 26; Livorno e Crotone ( 1) 24; AlbinoLeffe 23; Empoli e Gubbio 22; Modena 21; Nocerina 16; Ascoli ( 7) 15. (* una gara in meno). Venerd (20.45) Sampdoria Livorno (0 0). Sabato (ore 15) Ascoli Gubbio (3 2), Bari Modena (1 0), Cittadella Torino (1 1), Crotone Varese (0 0), Empoli Pescara (2 3), Grosseto AlbinoLeffe (2 2), Sassuolo Vicenza (1 0), Verona Juve Stabia (2 1). Domenica (ore 19) Brescia Nocerina (1 1). Luned (20.45) Reggina Padova (0 1).

Anche Larrondo insieme a Pesoli va verso Padova


Il Padova prepara i botti: la Juve Stabia si quasi convinta a cedere Cazzola, mentre lincontro con il Siena dovrebbe aver spianato la strada per la cessione di Cacia in cambio di Pesoli e anche Larrondo (quindi larrivo di Dionisi da Livorno dovrebbe saltare) che sembrava destinato al Brescia; sempre ieri a Parma il d.s. Foschi ha anche gettato le basi per larrivo di Feltscher. Il Sassuolo oggi dovrebbe trovare laccordo con Gazzola dellAscoli, che ha pronto il sostituto: Scalise della Nocerina, che a sua volta si aspetta una risposta da Diamoutene (Lecce). La Sampdoria attende notizie da Cesena per la questione Eder (oggi dovrebbe arrivare il no definitivo allo scambio con Pozzi), mentre oggi Meggiorini (Novara) firma per il Torino, che poi torner a incontrare il Varese (ma non a breve) per affrontare la questione Carrozza, mentre si torna a parlare di Gasbarroni al Brescia.
ni.bin.

ORLANDO D'ANGELO GIANLUCA VIGHINI

Un posticipo che anche un remake: 18 mesi dopo, va in onda la replica della finale playoff di Prima divisione che regal al Pescara il ritorno in B dopo il fallimento.
Qui Pescara Latmosfera la

ARBITRO Cervellera di Taranto GUARDALINEE Paganessi-Ranghetti PREZZI da 10 a 36,50 euro TV Sky Calcio 2 HD e Premium Calcio 1 (andata 2-1) PESCARA Kone favorito sul neoacquisto Nielsen. Verratti e Cascione gli altri titolari. Squalificati nessuno. Diffidati Anania, Giacomelli, Immobile, Soddimo e Zanon. VERONA Gomez (botta a un piede) e Hallfredsson (attacco influenzale) non ce la fanno. Assenti anche Cangi ed Esposito. Squalificati Maietta. Diffidati Ceccarelli.

stessa del giugno 2010: stadio esaurito e biancazzurro (con 400 veronesi). Quella partita fa parte del passato, ora tutto diverso. So che i tifosi ci tengono a battere il Verona, ma spero che la rivalit sia solo sportiva, il messaggio tutto fair play di Zeman. Pescara spinto da duemila tifosi anche in allenamento: Sono rimasto sorpreso quando ho messo piede in campo. E la vittoria del gruppo, non mia, dice il boemo, che avverte del pericolo Verona: Quando si affronta una squadra capace di vincere nove partite sulle ultime dieci, bisogna preoccuparsi.
Qui Verona Mi aspetto un Pescara d'attacco, ma il Verona ora

Zdenek Zeman, 64 anni FOTOPRESS

Andrea Mandorlini, 51 anni FOTOPRESS

pi consapevole dei propri mezzi. Daremo battaglia, ma non una gara decisiva. Queste partite sono importanti, gennaio senza dubbio un mese cruciale, ma i verdetti non escono sicuramente adesso. Andrea Mandorlini, dopo la bella figura in Coppa Italia con la Lazio (Peccato per la punizione di Hernanes avrei voluta giocarmela un' altra mezzoretta...), ha preparato con grande attenzione la sfida con il Pescara. Ed anche se mancheranno giocatori im-

portanti come Hallfredsson e Gomez convinto che il Verona far una grande prestazione. All'andata fin 2-1 per loro ricorda un risultato bugiardo. Zeman un maestro. Il suo un calcio particolare, che fa solo lui. Noi ne facciamo un altro. Il Verona non vince all' Adriatico dal 10 ottobre 1993 (0-2, doppietta di Inzaghi). E' una gara molto sentita aggiunge Mandorlini entreranno in campo tanti altri fattori.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

MONDO SPAGNA
BARCELLONA BETIS 4 2

GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 2-1 MARCATORI Xavi (Ba) al 10, Messi (Ba) al 12, Ruben Castro (Be) al 32 p.t.; Santa Cruz (Be) al 7, Sanchez (Ba) al 30, Messi (Ba) su rigore al 41 s.t. BARCELLONA (3-4-3) Valds 6,5; Puyol 6, Mascherano 5, Abidal 5,5; Xavi 7,5, Busquets 6,5, Fabregas 5,5 (dal 38 s.t. Thiago s.v.), Iniesta 6,5 (dal 43 s.t. Adriano s.v.); Cuenca 5 (dal 1 s.t. Dani Alves 5,5), Messi 6,5, Sanchez 8. PANCHINA Pinto, Piqu, Sergi Roberto, Dos Santos. ALLENATORE Guardiola 7. BETIS (4-3-3) Casto 5,5; Isidoro 6, Mario 5,5, Dorado 6, Nacho 6,5; Salva Sevilla 6,5 (dal 12 s.t. Matilla 6), Iriney 6 (dal 1 s.t. Santa Cruz 7), Caas 7; Ruben Castro 7,5, Jorge Molina 7 (dal 28 s.t. Ustaritz 6), Jefferson Montero 7. PANCHINA Fabricio, Sergio, Juanma, Jonathan Pereira. ALLENATORE Mel 7. ARBITRO Iglesias Villanueva 5. ESPULSO Mario (Be) per doppia ammonizione. AMMONITI Iriney (Be), Messi (Ba), Salva Sevilla (Be), Puyol (Ba), Mario (Be), Iniesta (Ba), Matilla (Be), Dorado (Be).
NOTE spettatori 69.889. Tiri in porta 9-5. Tiri fuori 3-4. In fuorigioco 2-2. Angoli 4-3. Recuperi: p.t. 0, s.t. 2.

I NUMERI

I CASI COS 22 VOLTE SU 32

gare di Xavi nella Liga con la maglia del Barcellona; nel 1998 fa il suo esordio con i blaugrana nella Supercoppa spagnola contro il Malaga

400

Real, il titolo dinverno vale come unipoteca


Twitter@filippomricci

Il destro di Alexis Sanchez, 23, che permette al Barcellona di portarsi sul 3-2 contro il Betis prima del 4-2 di Messi su rigore AFP

Poker Barcellona Sanchez e Messi stendono il Betis


Avanti 2-0 i blaugrana si fanno riprendere, ma poi accelerano ancora. Il Real resta cinque punti avanti
DAL NOSTRO INVIATO

sua volta servito da un taglio di Iniesta.


Game over? No: il Betis crea unaltra occasione, riesce a tenere il Bara sotto il 60% di possesso palla, cosa che al Camp Nou non succede praticamente mai, e poco dopo la mezzora fa unaltra cosa complicata e inedita in questo campionato. La rete di Ruben Castro, pescato benissimo da Salva Sevilla e tenuto in gioco malamente da Mascherano, la prima che il Bara riceve al Camp Nou in Liga da 9 mesi (e 1.151 minuti). Il Pep Team non si ritrova: Cuenca non vede una palla e nellintervallo esce per Alves, con Guardiola che rapidamente passa alla difesa a 4 ma non ferma il Betis: Iniesta pasticcia, Santa Cruz lancia Castro solissimo nella zona di Alves, palla restituita al paraguaiano che la piazza alle spalle di Valdes dal limite dellarea. Ancora Sanchez Come domeni-

reti del Barcellona nelle ultime 13 partite giocate al Camp Nou contro le zero realizzate dagli avversari; lultimo gol preso, prima di quello realizzato ieri da Ruben Castro (2-1), quello di Thiago Silva (13 settembre 2011, 2-2 con il Milan in Champions League)

55

FILIPPO MARIA RICCI BARCELLONA

3 punti che lo riportano a -5 dal Madrid, avversario mercoled in Copa del Rey.
La differenza Messi offre al-

gol di Messi in 30 partite disputate tra Liga, Champions League, Coppa del Re e Mondiale per club; gli ultimi 2 ieri sera nella gara con il Betis

33

Ci sono numeri che non dicono granch e numeri che aiutano a vivere meglio. Con la sofferta vittoria di Maiorca il Real Mou campione dinverno: la 33a volta che succede, e in 22 delle 32 occasioni precedenti in estate arrivato anche il titolo vero, quello che va negli almanacchi. Mai il Madrid aveva infilato 11 vittorie di fila fuori casa, mai il Madrid aveva vinto 22 partite su 23 (unica sconfitta il Clasico di dicembre). Ma il numero che pi piace a Mou un altro: da quando la vittoria vale 3 punti mai il Bara ha vinto una Liga senza essere stato campione dinverno. Evidentemente i blaugrana amano la regolarit, e non gli sprint finali. E fa il paio col fatto che il Madrid non ha mai perso un campionato quando arrivato con 3 o pi punti di vantaggio alla fine del girone dandata.
Scossa Mou Detto dei numeri,

LA LIGA DOPO 18 GIORNATE

La classe media della Liga si sta impegnando allo spasimo per fornire motivi per ricredersi a chi dice che in Spagna Real Madrid e Barcellona non hanno rivali. Sabato la sofferenza del Real Mou, passato faticosamente a Maiorca, ieri quella del Pep Team, che ha sudato da matti per battere 4-2 il Betis. Bara che veniva dall1-1 di domenica scorsa nel derby con lEspanyol. Una settimana fa il pareggio degli avversari era arrivato molto tardi e la reazione blaugrana era stata frustrata dallarbitro che non gli aveva dato un rigore netto. Ieri dopo essere andato sul 2-0 il Bara si rilassato ed stato raggiunto al 52, cosa che gli ha lasciato il tempo di rimettersi in marcia e trovare i

ladorante pubblico del Camp Nou il terzo Pallone dOro consecutivo, Pep fa riposare Piqu e Alves e insiste col 3-4-3. Il Betis sfiora due gol, il Barcellona fa due gol. Cos comincia la partita: in un minuto Valdes prima esce benissimo su Molina poi sullangolo conseguente reagisce a un bel colpo di testa di Dorado. Non fai in tempo a pensare al coraggio, alla tecnica e allintelligenza del Betis nellattaccare la difesa a 3 che la squadra di Siviglia sotto 2-0. Due azioni sulla sinistra, due bei passaggi di Sanchez, le reti di Xavi, che festeggia le 400 partite con un tap in a porta vuota dopo il palo di Fabregas, e Messi: altro piatto vincente sul cross del cileno, a

Tris dellAtletico al Villarreal e del Bilbao al Levante Vincono Gijon e Santander


In Spagna tra sabato e ieri si giocata la 18a giornata della Liga. Vittorie importanti per lo Sporting Gijon (2-1 sul Malaga) e Santander (2-0 con lOsasuna). Convincono Atletico Madrid e Bilbao: 3-0 su Villarreal e Levante. RISULTATI Sabato: Granada-Rayo 1-2; Saragozza-Getafe 1-1; Siviglia-Espanyol 0-0; Maiorca-Real Madrid 1-2; Valencia-Real Sociedad 0-1; ieri: Gijon-Malaga 2-1; Osasuna-Santander 0-2; Atletico Madrid-Villarreal 3-0; Athletic Bilbao-Levante 3-0; Barcellona-Betis 4-2. CLASSIFICA Real Madrid p. 46; Barcellona 41; Valencia 34; Levante 30; Osasuna e Athletic Bilbao 26; Siviglia, Malaga, Espanyol 25; Atletico Madrid 23; Betis, Rayo 22; Getafe, Real Sociedad 21; Santander 20; Maiorca, Granada 19; Gijon 18; Villarreal 16; Saragozza 11.

ca scorsa il Bara comincia a giocare, come domenica scorsa si vede negare un rigore netto per fallo su Iniesta, che viene ammonito per simulazione. Poco dopo il Betis resta in 10 per il secondo giallo a Mario e incassa il gol di Sanchez, servito magistralmente da Xavi (6 assist e 6 gol in campionato). Nel finale Messi su rigore chiude la partita: per lui 19 reti in Liga, 18 fatte al Camp Nou. Conferma che lontano da casa il Bara (3 vittorie su 8) soffre. E conferma che la bistrattata classe media cerca di lottare contro i ricchi della Liga.
RIPRODUZIONE RISERVATA

restano le sensazioni: per la seconda volta in questo 2012 (laltra partita quella di andata col Malaga in Copa del Rey) Mou stato costretto ad arrotolarsi le maniche e scuotere i suoi psicologicamente e tatticamente dopo primi tempi pessimi. In entrambe le occasioni ha azzeccato le mosse e ha saputo trasmettere alla squadra quella fame di epica che alla Casa Blanca sinonimo (recente) di Real Capello. Ora sulla strada in discesa di Mourinho due ostacoli potenziali: i due Clasicos di Coppa del Re, con le loro inevitabili conseguenze psicologiche nel caso dovessero finire male per il Madrid, e il persistente malumore di Ronaldo. Che oltre a segnare poco (per le sue medie), una rete nelle ultime 4 apparizioni, tiene costantemente il muso. Mou lo difende, il Bernabeu lo critica, le punizioni non entrano, capire cosa passi per la testa del calciatore pi costoso del mondo resta complesso. Ieri Mou ha dato ai suoi un giorno di riposo, oggi, con la Liga a portata di mano, comincer a preparare la coppa: mercoled al Bernabeu andr in onda la sua nona sfida col Bara.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A DUBAI LA SQUADRA DEGLI EMIRATI ARABI HA COMUNICATO IL RICOVERO VIA TWITTER

Taccuino
GRECIA

Calcolo al rene: Maradona operato


Diego ricoverato, la figlia Dalma tranquillizza: Lintervento si concluso bene
Solo i calcoli fermano Diego Armando Maradona. Venerd il Pibe de Oro aveva interrotto un filotto di 5 gare senza vittorie nel campionato arabo battendo 2-1 lAl Ahli e aveva festeggiato come suo solito: correndo e gridando a bordo campo. Ieri, poi, alla gioia per il successo si sostituito il dolore renale. Il 51 enne allenatore argentino stato ricoverato in ospedale a Dubai dove stato operato durgenza per la frammentazione di un calcolo al rene. A comunicarlo via Twitter stata la squadra degli Emirati Arabi che Maradona allena, lAl Wasl. Sempre attraverso Twitter intervenuta la famiglia del campione argentino. La figlia Dalma ha tranquillizzato tutti: La operacion de mi papa salio muy bien!!! Gracias a todos por preocuparse y preguntar por el!! Besotes!!!! (Grazie a tutti, loperazione del mio pap si conclusa molto bene). Gi oggi Maradona potrebbe essere dimesso dallospedale.
Gioia e dolore A dieci mesi di di-

Paok ok, 2-1 allErgotelis


Sotto di un gol al 32 del p.t. (rete di Koutsia nikoulis), il Paok rimonta e supera 2 1 lErgotelis con le reti di Salpingidis al 10 del s.t. e Lino su rigore al 35 del s.t.. La prossima avversaria dellUdinese nei sedicesi mi di Europa League sale cos al 4 posto con 29 punti.

panchina dellArgentina (battuto 4-0 dalla Germania nei quarti di finale del Mondiale sudafricano) Maradona, con il suo vice Alejandro Mancuso (lo stesso che con lui aveva condiviso lavventura nella nazionale albiceleste), aveva firmato un contratto con lAl Wasl. Un accordo biennale con la squadra di Dubai. Finito un 2011 altalenante, al suo ritorno alla guida di una squadra ha fatto da contraltare la morte delladorata madre, l81enne Donna Tota, il 2012 iniziato allo stesso modo: alla gioia della vittoria in campionato ha fatto seguito limprevisto ricovero.
d.rom.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GALLES

Coleman in pole per la nazionale


E Chris Coleman il pretendente numero uno a subentrare a Gary Speed, trovato morto nella sua abi tazione lo scorso 27 novembre, alla guida della Nazio nale gallese. Lex allenatore di Real Sociedad e Coven try incontrer in settimana la federazione gallese per discutere della possibile nomina. Laltro candidato lex attaccante John Hartson.

TOGO

Six nuovo selezionatore


Didier Six il nuovo allenatore del Togo. Lex attaccante della Francia sar nominato nei prossimi giorni alla guida della nazionale africana che gi aveva guidato a novembre in due partite.

stanza dal polemico addio alla

Diego Armando Maradona, 51, allenatore dellAl Wasl EPA

34

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35

PRIMA DIVISIONE GIRONE A 19a GIORNATA


lAnalisi
di NICOLA BINDA
nbinda@gazzetta.it

Il peso di una vera societ

Quanto conta il manico? In teoria, una societ perfetta dovrebbe mettere in discesa la sua squadra; al contrario, un club che soffre dovrebbe conoscere, sul campo, soltanto sconfitte. Ma non cos. Cremonese, Benevento e Spezia, societ modello (non le sole, per carit), adesso cominciano anche a raccogliere: giusto. Al contrario, il Como vive nel caos e si fa riprendere in

casa da 2-0 a 2-2 dallultima in classifica, il Piacenza sta cercando un futuro e crolla a Trapani, o ancora il Monza che sprofonda (ma un giorno Seedorf ci vorr ben spiegare quale progetto aveva in testa...). Sembra normale, certo. Poi vedi il Pergocrema (il suo futuro nerissimo) andare a vincere a casa di Renzo Rosso, o la Triestina arrivata sul filo del fallimento che segna tre gol

alla terza in classifica, o ancora lindebitata Spal che ferma la seconda della classe, quel Taranto pur alle prese con fortissimi ritardi negli stipendi. E utopia aspettarsi soltanto societ sane, soprattutto in un Paese cos in difficolt. Avere problemi economici non una colpa, ma fare i passi pi lunghi della gamba s. Questi a volte possono anche falsare un

campionato e non sempre le punizioni sono tempestive. La Lega Pro si prepara a unaltra estate calda, con il taglio di altre squadre per scendere (se non subito, di sicuro nel 2013) da 77 a 60 squadre, con tre gironi. Forse i problemi caleranno, i dissesti saranno limitati, e anche l non sar detto che vincer chi spender di pi. Ma chi spender meglio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE TERNANA TARANTO (-1) CARPI PRO VERCELLI SORRENTO (-2) COMO (-1) AVELLINO LUMEZZANE PISA TRITIUM BENEVENTO (-6) FOGGIA (-1) REGGIANA (-2) SPAL (-2) MONZA VIAREGGIO (-1) FOLIGNO (-4) PAVIA PT 43 40 35 33 32 28 28 27 26 26 25 25 22 17 13 11 10 9 G 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 PARTITE V N P 13 4 2 12 5 2 11 2 6 9 6 4 9 7 3 8 5 6 8 4 7 8 3 8 6 8 5 7 5 7 9 4 6 6 8 5 7 3 9 5 4 10 2 7 10 3 3 13 4 2 13 1 6 12 RETI F S 27 11 23 7 30 15 23 11 25 17 27 27 24 27 16 20 20 15 18 21 30 22 19 18 23 25 17 23 15 28 11 33 14 27 19 34

Bis di Carcuro E la Ternana pu allungare


Il centrocampista abbatte la Tritium Adesso il vantaggio salito a 3 punti
TERNANA TRITIUM 2 0
GIUDIZIO MARCATORE Carcuro al 32 p.t. e 27 s.t. TERNANA (3-4-3) Ambrosi 6; Fazio 6,5, Pisacane 6,5, Ferraro 6,5 (dal 39 s.t. De Giosa s.v.); Dianda 6,5, Carcuro 7,5, Miglietta 6,5, Gotti 6,5; Nol 7, Litteri 6 (dal 24 s.t. Cejas 6), Sinigaglia 6,5 (dal 33 s.t. Docente 5,5). (Virgili, Stendardo, Danti, Bernardi). All. Toscano 7. TRITIUM (4-4-2) Pansera 6,5; Teso 5,5, Suagher 5,5, Dionisi 6, Possenti 5,5 (dal 24 s.t. Casiraghi s.v.); E. Bortolotto 6, Daldosso 5,5, Di Ceglie 5,5, Chimenti 6 (dal 24 s.t. Riva s.v.); Spampatti 5,5, R. Bortolotto 6 (29 s.t. Sinato 5,5). (Nodari, Fondrini, Cremaschi, Monacizzo). All. Boldini 5,5. ARBITRO Penno di Nichelino 6. NOTE paganti 3.294, abbonati 1.314, incasso di 30.717 euro. Ammoniti Suagher e Dionisi. Angoli 6-4.

consueto 3-4-3, ha nel possesso palla la qualit migliore. Miglietta lo schermo davanti alla difesa a tre. Gotti a sinistra e Nol a destra spingono quel tanto che basta per tenere in apprensione i lombardi.
Dov Sinigaglia? Si vede poco Si-

Il Carpi a valanga Adesso tre rinforzi


CARPI VIAREGGIO
GIUDIZIO

3 0

+++

gio sul Taranto. Il protagonista Davide Carcuro, 24 anni, centrocampista abile a inserirsi negli spazi creati dal movimento con e senza palla di Nol e Sinigaglia sulle fasce oltre che di Litteri al centro dellattacco. Cos, dopo aver sbloccato la sfida prenatalizia vinta (2-1) sul Como, si ripetuto ieri. Al 32, gira di testa in rete un cross da destra di Litteri e al 27 della ripresa, pur in posizione assai sospetta, appoggia di destro in porta un assist di Fazio.
Meglio la Tritium Il minuto di rac-

nigaglia, che trova spazi e tempi dinserimento nel gioco solo dopo 20. Cio quando Toscano lo scambia di posizione con Nol. Proprio questultimo prova i riflessi di Pansera al 21 e al 23, dopo un triangolo con Carcuro. Trascorrono altri 9 e la Ternana passa. Punizione dalla trequarti di Nol e Pisacane al volo sul palo pi lontano impegna Pansera. Sulla respinta del portiere, Gotti centra la traversa di sinistro. Palla a Litteri che da destra trova al centro Carcuro: 1-0. Il pi fatto. Anche perch Pansera nega distinto il 2-0 su colpo di testa ravvicinato di Sinigaglia (36). E perch la Tritium in avanti si affida a Roberto ed Enrico Bortolotto, bravi ma troppo soli.
Ripresa a senso unico Nella ripre-

+++

MARCATORI Kabine al 45 p.t.; Pasciuti al 13, Cioffi al 32 s.t. CARPI (4-4-2) Mandrelli 6,5; Laurini 6, Cioffi 7, Terigi 6, Lorusso 6; Concas 6,5, Memushaj 6,5, Sogus 6 (dal 43 s.t. Scialpi s.v.), Pasciuti 7 (dal 36 s.t. Boniperti s.v.); Kabine 6 (dal 30 s.t. Potenza 6), Eusepi 6. (Bastianoni, De Paola, Di Gaudio, Pietribiasi). All. Notaristefano 6,5. VIAREGGIO (4-4-2) Ranieri 5; Carnesalini 5, Fiale 5,5, Conson 6, Brighenti 5 (dal 23 s.t. Licata 6); Cristiani 6,5, Pizza 5,5, Tarantino 5, Guerra 5 (dal 14 s.t. Scardina 6); Cesarini 6 (dal 36 s.t. DOnofrio s.v.), Zaza 5,5. (Merlano, Lamorte, Monopoli, Gemignani). All. Bertolucci 5. ARBITRO Illuzzi di Molfetta 5. NOTE paganti 230, abbonati 187, incasso di 2.400 euro. Ammoniti Brighenti, Pasciuti e Concas. Angoli 8-2.

non ha pi voglia di sudare per questa maglia, pu anche cambiare aria. Sullaltra sponda Notaristefano invece si gode i due punti rosicchiati al Taranto e attende larrivo nelle prossime ore dal mercato dellattaccante Andrea Ferretti (dallo Spezia), del difensore Daniele Donnarumma (Nocerina) e del mediano Fabrizio Melara (dalla Spal, che nelloperazione potrebbe avere Di Gaudio).
Partita a senso unico Al Carpi

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
AVELLINO-PISA CARPI-VIAREGGIO COMO-FOLIGNO FOGGIA-PRO VERCELLI LUMEZZANE-BENEVENTO MONZA-REGGIANA PAVIA-SORRENTO SPAL-TARANTO TERNANA-TRITIUM 1-0 3-0 2-2 1-1 0-2 0-2 0-2 0-0 2-0

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 22 GENNAIO ORE 14.30 FOGGIA-PISA (luned 23, ore 20.45) (1-1) FOLIGNO-TERNANA (1-2) LUMEZZANE-CARPI (0-3) PAVIA-TARANTO (1-2) PRO VERCELLI-MONZA (1-0) REGGIANA-BENEVENTO (2-2) SORRENTO-COMO (2-2) TRITIUM-AVELLINO (2-1) VIAREGGIO-SPAL (0-1)

DAVIDE SETTI REGGIO EMILIA

DAL NOSTRO INVIATO

MASSIMILIANO ANCONA TERNI

La capolista se ne va. Carcuro ne fa due e la Ternana, alla terza vittoria di fila, restituisce alla Tritium il 2-0 dellandata portando a tre punti il vantagSPAL TARANTO 0 0 FOGGIA

coglimento per le vittime della tragedia allisola del Giglio e per il tifoso rossoverde Sergio, scomparso di recente, il preludio a una gara che inizia a basso ritmo. La Tritium comincia meglio. disposta con un 4-4-2 senza Floriano (decisivo allandata), lasciato a casa per scelta tecnica. I milanesi collezionano tre corner (a zero) pur senza mai impegnare il portiere Ambrosi. La Ternana, che Domenico Toscano schiera con il
1 1 PAVIA SORRENTO

sa, i lombardi confermano di non essere in grado di cambiare ritmo. E quando Boldini prova a farlo inserendo Casiraghi e Riva per Possenti e Chimenti (24), viene subito punito dal 2-0 (27). La contesa finisce qui. Perch la Ternana tiene palla, fallisce il 3-0 con Docente, appena entrato e festeggia lo 0-0 tra Spal e Taranto. Mentre la Tritium, pur in progresso rispetto alla gara con il Carpi, pu solo inchinarsi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non c scampo per nessuno al Giglio, dove il Carpi, infilando lottava vittoria su dieci gare (e con 23 reti segnate), stacca la Pro Vercelli salendo da solo al terzo posto. A farne le spese stato un Viareggio sempre pi in crisi e arrivato invece al quarto k.o. di fila. Gli ospiti hanno retto solo per un tempo, crollando poi nella ripresa. A fine partita, il d.s. Dolci, lunico a parlare fra i toscani, ha annunciato che chi
0 2 COMO FOLIGNO

per servito un tempo per piegare la resistenza del Viareggio, anche perch in avvio Eusepi si divora il vantaggio a due passi da Ranieri. Dallaltra parte Zaza lo imita al 33, calibrando male il pallonetto davanti a Mandrelli e cos per i viareggini la punizione arriva puntuale al 45: Sogus pesca Kabine, finta e gran destro che sorprende Ranieri sul primo palo. Nella ripresa, dopo un palo colpito da Concas, Pasciuti timbra al 13 il raddoppio, sfruttando un cross di Laurini su cui il portiere ospite non esce. A chiudere il match ci pensano i due vecchi biancorossi: prima Mandrelli evita che Zaza e Cristiani riaprano il match, poi capitan Cioffi, al 32, con un tocco in mischia su corner (Eusepi reclamer il gol), firma il 3-0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MARCATORI
11 RETI Ginestra (2, Sorrento); Arma (2, Spal). 10 RETI Perna (3, Pisa). 8 RETI Cia (Benevento); Filippini (5, Como). 7 RETI Eusepi (Carpi); Malatesta (Pro Vercelli); Alessi (1, Reggiana). 6 RETI De Angelis (3, Avellino); Tavares (Como); Scappini (1, Sorrento); Rantier (3, Taranto); E. Bortolotto (Tritium).

girone B
CLASSIFICA
SQUADRE TRAPANI SIRACUSA (-3) PORTOGRUARO SPEZIA BARLETTA LANCIANO (-1) CREMONESE (-6) ALTO ADIGE CARRARESE PERGOCREMA (-1) TRIESTINA FROSINONE LATINA PIACENZA (-4) PRATO ANDRIA FERALPI SALO' BASSANO PT 34 32 30 30 30 30 28 28 28 28 25 23 20 18 17 17 16 15 G 19 18 18 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 PARTITE V N P 10 4 5 10 5 3 8 6 4 8 6 5 8 6 5 9 4 6 10 4 5 7 7 5 7 7 5 9 2 8 8 1 10 6 5 8 5 5 9 6 4 9 4 5 10 3 8 8 3 7 9 3 6 10 RETI F S 35 20 24 16 27 20 25 20 22 19 22 21 24 14 22 16 27 22 22 28 29 27 22 25 22 26 22 34 19 25 19 28 11 19 12 26

0 2

AVELLINO PISA

1 0

LUMEZZANE BENEVENTO

2 2

MONZA REGGIANA

0 2

PRO VERCELLI

Il Taranto sbatte contro Capecchi Spal tra scioperi e contestazioni


SPAL (4-4-2) Capecchi 7,5; Cosner 6,5 (dal 44' s.t. Ghiringhelli s.v.), Zamboni 7, Pambianchi 6,5, G. Rossi 6; Melara 7, Bedin 6, Agnelli 6,5, P. Rossi 6,5 (dal 35 s.t. Fortunato s.v.); Arma 6, Mendy s.v. (dal 5' p.t. Laurenti 6,5). (Teodorani, Beduschi, Canzian, Marconi). All. S. Vecchi 6,5. TARANTO (3-4-3) Bremec 7; Sosa 6, Coly 5,5, Prosperi 6; Antonazzo 6, Di Deo 6,5 (dal 41' s.t. Pensalfini s.v.), Sciaudone 6, Rizzi 5,5; Chiaretti 6,5, Guazzo 5,5 (dal 22' s.t. Girardi 6), Rantier 6 (dal 31' s.t. Alessandro 6,5). (Faraoni, Cutrupi, Di Bari, Garufo). All. Dionigi 6,5. ARBITRO Ripa di Nocera Inferiore 6,5. NOTE paganti 1.080, abbonati 1.229, incasso di 14.185 euro. Ammoniti Prosperi, G. Rossi, Antonazzo, Rizzi e Zamboni. Angoli 3-7. GIUDIZIO FERRARA Nel primo tempo meglio il Taranto, pi continuo nel mantenere l'iniziativa. La Spal cresciuta nella ripresa quando Vecchi ha avanzato Melara. I ferraresi, pericolosi con Arma, sono per stati salvati dalle prodezze di Capecchi sui tiri ravvicinati di Chiaretti e del nuovo acquisto Alessandro. Da segnalare anche le pessime condizioni del terreno di gioco, provocato dallo sciopero degli addetti della societ. A fine partita il club ha poi dovuto affrontare la contestazione degli steward, che da un anno non vengono pagati e lamentano un credito di 80 mila euro. Alessandro Sovrani

Il Foggia resiste anche dimezzato Iemmello sbaglia e Braghin accusa


MARCATORI Malatesta (PV) al 12, Kolawole (F) al 44 p.t. FOGGIA (4-2-3-1) Ginestra 5,5; DOrsi 5,5, Lanzoni 5,5, Toppan 6, Cardin 6; Wagner 5,5, Meduri 6; Cruz 5,5 (dal 35 s.t. Defrel 5,5), Molina 6 (dal 15 s.t. Venitucci 6), Tomi 5,5; Kolawole 6,5. (Botticella, Cortesi, Bianchi, Pompilio, Tiboni). All. Chiarella 6 (squalificato Stringara). PRO VERCELLI (4-3-1-2) Valentini 5,5; Bencivenga 6,5, Ranellucci 6, Masi 6, Murante 6; Germano 5,5, Calvi 6, Espinal 6; Fabiano 6,5; Malatesta 6,5 (dal 35 s.t. Martini 6), Iemmello 5 (dal 18 s.t. Di Piazza 5,5). (Miranda, Armenise, Modolo, Cancellotti, Tonani). All. Braghin 6. ARBITRO DAngelo di Ascoli Piceno 5,5. NOTE paganti 919, abbonati 1.838, incasso di 36.422 euro. Ammoniti Toppan, DOrsi, Murante, Calvi, Ranellucci, Tomi, Martini e Meduri. Angoli 6-2. GIUDIZIO FOGGIA Pareggio un po stretto per la Pro Vercelli che, dopo il vantaggio di Malatesta, al 24 fallisce il 2-0 con Iemmello che, tutto solo davanti a Ginestra, manda il pallone in curva. Il Foggia, decimato in difesa (4 assenze), si rianima e pareggia con Kolawole, lesto a sfruttare unindecisione in uscita di Valentini. Furente a fine gara il tecnico ospite Braghin: Due punti persi per colpa dellarbitro. Che per la cronaca ha anche graziato Murante, autore di due gravi infrazioni ma ammonito solo una volta. Roberto Pellegrini

La cura-Ruotolo esalta il Sorrento Pavia disastro: in casa 7 ko di fila


MARCATORI Carlini al 18 p.t.; Scappini su rigore al 43 s.t. PAVIA (4-4-2) Facchin 6; Capogrosso 5,5, Fissore 6, Fasano 6, Pezzi 5,5 (dal 13 s.t. Meza Colli 5,5); Falco 5,5, Galassi 6,5, Puccio 4,5, Bufalino 5 (dal 5 s.t. Statella 5,5); Cesca 5,5, Marchi 6,5 (dal 31 s.t. Rodriguez s.v.). (Cacchioli, Caidi, Meregalli, DErrico). All. Sangiorgio 5,5. SORRENTO (4-4-2) Rossi 6,5; Vanin 6,5, Terra 6, Nocentini 6, Bonomi 6,5; Romeo 5,5, Camillucci 6,5, Armellino 6, Basso 6 (dal 23 s.t. Croce 6); Carlini 7 (dal 25 s.t. Niang 6), Ginestra 6 (dal 29 s.t. Scappini 7). (Chiodini, Corsetti, Bondi, Greco). All. Ruotolo 7. ARBITRO Oliveri di Palermo 6,5. NOTE paganti 147, abbonati 328, incasso di 1.776 euro. Espulsi Romeo al 1 s.t., Puccio all11 s.t. e Statella al 42 s.t.; ammoniti Bonomi, Nocentini, Fissore e Cesca. Angoli 5-3. GIUDIZIO PAVIA Il Pavia subisce la settima sconfitta consecutiva casalinga contro un Sorrento rigenerato dalla cura Ruotolo. Gli ospiti passano in vantaggio al 18 con Carlini, che di testa sfrutta un assist di Bonomi. A inizio ripresa vengono espulsi Romeo (fallo su Marchi lanciato a rete) e Puccio (bestemmia). A 3 dal termine Statella stende in area Scappini: larbitro espelle il giocatore del Pavia e assegna il rigore, trasformato da Scappini. Michele Lanati

Massimo ispira e Zigoni segna: cos lAvellino supera il Pisa


MARCATORE Zigoni al 40 p.t. AVELLINO (4-4-2) Fumagalli 7; Zappacosta 6,5, Puleo 6, Cardinale 6, Pezzella 6; Herrera 6,5, Massimo 7, DAngelo 6, Arcuri 6; De Angelis 6 (dal 27 s.t. Thiam 6), Zigoni 6,5 (dal 40 s.t. Ricci s.v.). (Fortunato, Zammuto, Labriola, Falzerano, Lasagna). All. Bucaro 6,5. PISA (4-4-2) Pugliesi 6; Audel 5 (dall11 s.t. Perez 6), Raimondi 5,5, Buscaroli 5,5, Bizzotto 5,5; Tremolada 5,5 (dal 33 s.t. Strizzolo s.v.), Berardocco 5,5, Obodo 6, Favasuli 5,5 (dal 21 p.t. Benvenga 6); Tulli 5,5, Perna 5. (Sepe, Ton, Sodano, Ilari). All. Pagliari 5,5. ARBITRO Marini di Roma 6,5. NOTE spettatori 2.000 circa, paganti, abbonati e incasso n.c. Espulso il tecnico Pagliari al 21 s.t.; ammoniti Pezzella, Berardocco, Puleo, Audel, DAngelo, Benvenga e Perna. Angoli 4-5. GIUDIZIO AVELLINO LAvellino torna al successo dopo due sconfitte battendo un Pisa che solo nel finale si reso pericoloso. La squadra di Bucaro ha avuto un predominio territoriale costante, favorito dallottimo innesto dellex romanista Massimo (classe 1989), piazzato dal tecnico davanti alla difesa. Il gol decisivo di Zigoni, che al 40, di testa sfrutta al meglio un cross dopo una lunga battuta su rimessa laterale di Herrera. Luigi Zappella

Lumezzane, reti fallite e autogol Ma il Benevento vince con merito


MARCATORI autorete di Sevieri al 14, Altinier al 43 s.t. LUMEZZANE (4-3-1-2) Brignoli 6; Malag 6, Luciani 6, Giosa 5,5, Pini 4,5; Diana 6, Sevieri 5 (dal 19 s.t. Faroni 5,5), Fondi 5,5; Baraye 5,5 (dal 19 s.t. Antonelli 6); Gasparetto 5,5 (dal 27 s.t. Inglese s.v.), Ferrari 5. (Rossi, Guagnetti, Bradaschia, Maccabiti). All. Nicola 5,5. BENEVENTO (4-2-3-1) Gori 6,5; DAnna 7, Siniscalchi 6, Signorini 6,5 (dal 31 s.t. Rinaldi s.v.), Frascatore 6; La Camera 7, Rajcic 6,5; Cia 7 (dal 22 s.t. Sy 6), De Risio 6 (dal 19 s.t. De Vezze 6,5), Pintori 6,5; Altinier 6,5. (Mancinelli, Candrina, Kanoute, Vacca). All. Imbriani-Martinez 7. ARBITRO Minelli di Varese 6. NOTE spettatori 600 circa, paganti, abbonati e incasso nc. Espulso Pini al 34 s.t.; ammoniti De Risio e Brignoli. Angoli 2-5. GIUDIZIO LUMEZZANE (Bs) Il Benevento riscatta il k.o. interno con il Foggia ed espugna Lumezzane con una buona prova corale. Nel primo tempo, per, erano stati i bresciani ad andare vicini per due volte al gol con Ferrari, anche se la partita aveva cambiato volto gi al 14 con lautogol (un pallonetto involontario) di Sevieri. I campani mancavano il raddoppio con lex Pintori, ma poi erano graziati da Faroni prima e da Antonelli poi. Nel finale il 2-0 di Altinier su assist di La Camera. Sergio Cassamali

Como rimontato: Ramella rischia? Pagliari al primo punto fuori casa


MARCATORI Tavares (C) al 12, Toledo (C) al 17, Coresi (F) al 33 p.t.; Caturano (F) al 37 s.t. COMO (4-3-3) Giambruno 5,5; Ghidotti 6, Diniz 5,5, Urbano 6, Som 6; Salvi 6, Ardito 6, Lewandowski 5,5; Ciotola 6,5 (dal 29 s.t. Lulli s.v.), Tavares 7, Toledo 6,5 (dal 41 s.t. Ripa s.v.). (Twardzik, Zullo, Vicente, Doumbia, Bardelloni). All. Ramella 5,5. FOLIGNO (4-4-2) Zandrini 5,5; Stoppini 6, Cotroneo 6,5, Galuppo 6, Tuia 5,5 (dal 21 p.t. Petti 6); Rizzo 6,5 (dal 27 s.t. Tattini s.v.), Padoin 6,5 (dal 35 s.t. Menchinella s.v.), Papa 6, Coresi 6,5; Caturano 7, Guidone 6,5. (Mazzoni, Costantini, Cardarelli, Brunori Sandri). All. Pagliari 6,5. ARBITRO Abisso di Palermo 6. NOTE paganti 649, abbonati 353, incasso di 8.357 euro. Ammoniti Ardito, Tuia, Galuppo e Tattini. Angoli 3-3. GIUDIZIO COMO Il Como non vince e, con un solo punto in tre gare, ha un bilancio che mette un po a rischio Ramella: tutto comunque dipende dallimminente cambio di propriet. Il Foligno centra il primo punto fuori casa della gestione Pagliari. Buona la partenza dei padroni di casa, che oltre alle due reti, colpiscono un palo con Lewandowski. Il Foligno gioca discretamente e va in gol con Coresi. A 8 dalla fine il 2-2 arriva al termine di unazione confusa in cui Caturano lesto a infilare. Lilliana Cavatorta

Rossi-Alessi gol e la Reggiana va Il Monza non c: ora Motta traballa


MARCATORI Rossi all8 p.t.; Alessi su rigore al 6 s.t. MONZA (4-4-2) Castelli 6; Zenoni 5, Boscaro 5, Cattaneo 5,5, Campinoti 5 (dal 1 s.t. Bugno 5); Anghileri 5 (dal 21 s.t. Torregrossa 5,5), Biso 6, Palumbo 5 (dal 10 s.t. Romano 5,5), Iacopino 5; Ferrario 4,5, Colacone 5,5. (Marcandalli, Valagussa, Prato, Rosseti). All. Motta 5. REGGIANA (3-5-2) Silvestri 6,5; Aya 6,5, Zini 6, Magliocchetti 6; Iraci 6,5, Calzi 6 (dal 36 s.t. Spezzani s.v.), Viapiana 6,5, Ardizzone 6,5, Sperotto 6 (dal 28 p.t. Panizzi 6,5); Alessi 6,5 (dal 24 s.t. Esposito 6), Rossi 6,5. (Bellucci, Siragusa, Arati, Gurma). All. Zauli-Lanna 6,5. ARBITRO Coccia di San Benedetto del Tronto 5. NOTE paganti 148, abbonati 316, incasso di quasi 2.700 euro. Ammoniti Viapiana, Palumbo, Boscaro, Anghileri, Colacone, Biso e Bugno. Angoli 6-3. GIUDIZIO MONZA La cura Zauli-Lanna fa bene alla Reggiana che centra la seconda vittoria consecutiva. Il Monza invece, debole mentalmente, una squadra in caduta libera: adesso la panchina di Motta traballa. La rete del vantaggio emiliano arriva dopo 8 minuti grazie a una girata fulminante dellex di turno Paolo Rossi. Nella ripresa la Reggiana gioca sul velluto e raddoppia con il rigore di Alessi che scatena la contestazione dei tifosi monzesi. Matteo Delbue

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
ALTO ADIGE-FERALPI SALO' BARLETTA-PRATO BASSANO-PERGOCREMA CREMONESE-ANDRIA LATINA-CARRARESE PORTOGRUARO-SIRACUSA SPEZIA-FROSINONE TRAPANI-PIACENZA TRIESTINA-LANCIANO 2-0 3-1 0-1 1-0 1-0 stasera 2-1 3-0 3-0

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 22 GENNAIO ORE 14.30 ANDRIA-BARLETTA (2-2) BASSANO-CREMONESE (2-4) CARRARESE-PORTOGRUARO (1-3) FERALPI SALO'-TRAPANI (0-2) FROSINONE-ALTO ADIGE (0-1) LANCIANO-PRATO (1-0) PERGOCREMA-LATINA (2-1) PIACENZA-SPEZIA (0-3) SIRACUSA-TRIESTINA (0-4)

+++

++

+++

++

++

+++

++

MARCATORI
11 RETI Godeas (Triestina). 10 RETI Pavoletti (Lanciano); Corazza (Portogruaro); Evacuo (6, Spezia). 9 RETI Barraco (4, Trapani). 8 RETI Mazzeo (1, Barletta); Le Noci (3, Cremonese). 7 RETI Fischnaller (4, Alto Adige); Pi (4, Pergocrema); Gambino e Madonia (Trapani).

36

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 19a GIORNATA

Trapani show E un tris per la vetta


Una doppietta di Madonia, poi Gambino Il Piacenza travolto nel primo tempo
TRAPANI PIACENZA 3 0
FABRIZIO VITALE TRAPANI

come un falco per metterla in rete. Il numero 11 granata padrone della fascia sinistra, e si ripete al 17: ruba palla ad Avogadri, punta larea, salta i due centrali e insacca. I granata premono ancora sullacceleratore e dopo tre minuti archiviano la pratica con Gambino, abile scattare sul filo del fuorigioco e a superare Stocchi con un pallonetto.
Che errori Partita chiusa? Assolutamente no. Perch il Piacenza si sveglia. A comandare lassalto ci pensa Volpe. Sulla destra macina chilometri e confeziona assist velenosi, Sabatino (alla prima da titolare) non riesce a contenerlo. Nel giro di due minuti mette al centro due palloni che chiedono soltanto di essere spinti in porta. Ma prima Lisi e poi Marchi falliscono in modo goffo. Quasi allo scadere loccasione pi ghiotta per gli emiliani. Sabatino intercetta con la mano in area un cross di Marchi: rigore. Dal dischetto parte Guzman, Castelli vola e devia sul palo. Nella ripresa il copione lo stesso. Il Trapani fa la partita e centra un palo con Gambino, il Piacenza non c pi e rischia di andare ancora sotto se Cianni non spedisse fuori su cross di Tedesco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Due rigori di Evacuo Ora lo Spezia fa paura


SPEZIA FROSINONE 2 1
GIUDIZIO MARCATORI Santoruvo (F) al 6, Evacuo (S) su rigore al 43 p.t.; Evacuo (S) su rigore al 48 s.t. SPEZIA (4-4-2) Russo 6; Madonna 6, Lucioni 6,5, Murolo 6, Mora 6,5; Casoli 6, Lollo 6,5 (dal 33 s.t. Bianco s.v.), Buzzegoli 6 (43 s.t. Ricci s.v.), Vannucchi 6; Iunco 6,5 (24 s.t. Marotta 6), Evacuo 7. (Conti, Gentili, Chianese, Marras). All. Serena 6,5. FROSINONE (3-5-2) Nordi 6; Guidi 6, Magli 5, Federici 5,5; Catacchini 6, Baccolo 5,5 (dal 1 s.t. Bottone 6), Carrus 6,5, Frara 6,5, Vitale 6; La Mantia 5,5 (16 s.t. Aurelio 6), Santoruvo 6,5. (Rossini, Stefani, Beati, Miramontes, Artistico). All. Corini 5,5. ARBITRO Bietolini di Firenze 6. NOTE paganti 1.744, abbonati 2.711, incasso di 17.720 euro. Espulso Magli al 47' s.t.; ammoniti Baccolo, Iunco, Carrus, Federici, Santoruvo, Murolo, Mora, Aurelio, Buzzegoli e Evacuo. Angoli 12-4.

+++

Giuseppe Madonia, 28 anni DAPRESS

GIUDIZIO MARCATORI Madonia al 6 e al 17, Gambino al 21 p.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 6,5; Lo Bue 6, Pagliarulo 6,5, Filippi 6,5, Sabatino 5,5; Barraco 6,5, Caccetta 6, Pirrone 6,5 (dal 19 s.t. Tedesco 6), Madonia 7 (dal 38 s.t. Cianni s.v.); Abate 6, Gambino 6,5 (dal 34 s.t. Perrone s.v.). (Pozzato, Da, Priola, Mastrolilli). All. Di Gaetano 7 (Boscaglia squalificato). PIACENZA (4-4-2) Stocchi 5,5; Avogadri 5, Giorgi 5, Melucci 5, Calderoni 5 (dal 34 s.t. Visconti s.v.); Volpe 6,5, Piccinni 5,5, Foglia 5 (dal 25 s.t. Silva 5,5), Marchi 5 (dal 13 s.t. Ferrante 5); Guzman 5, Lisi 5. (Maggio, Di Bella, Curcio, Esposito). All. Rodia 5 (Monaco squalificato). ARBITRO Martinelli di Roma 7. NOTE paganti 1.993, abbonati 895, incasso di 25.185 euro. Ammoniti Marchi, Sabatino, Foglia e Giorgi. Angoli 5-7.

++++

Fuori dal sogno. Adesso si deve parlare di realt. Il Trapani non pu pi nascondere ambizioni di promozione. Perch la matricola ha conquistato la vetta (in attesa del posticipo di questa sera tra Portogruaro e Siracusa). Il Provinciale grida Serie B, Serie B. I granata ci devono credere, perch la formazione di Boscaglia (in tribuna per squalifica come il suo collega Monaco) un condensato di organizzazione tattica e intensit. Se n accorto il Piacenza strapazzato con una facilit disarmante. Accade tutto nel
1 0 BASSANO

primo tempo. Il Trapani chiude il discorso dopo 20 con tre gol a raffica. Il Piacenza rischia di riaprirlo negli ultimi 15, ma Guzman spreca un rigore che avrebbe messo pressione ai padroni di casa.
Un fulmine Il Trapani parte for-

nella media-bassa classifica, raggiunge la zona playoff. Questo grazie alla vittoria in rimonta contro un Frosinone poco lucido. Evacuo, Federici e Magli, avversari diretti e due facce della stessa medaglia. L'attaccante spezzino, infatti, mette in fondo alla rete difesa da Nordi ben due rigori provocati dai due difensori, il primo dei quali, lo ricordiamo risolutore in positivo della scorsa gara con il Barletta, mentre il secondo era allesordio in gialloazzurro.
I gol Il vantaggio degli ospiti giunge dopo soli 6', con la rasoiata in diagonale di Santoruvo. Il pareggio, dopo una gran pressione dei padroni di casa, poco prima dellintervallo per un fallo in area di Federici su Evacuo, che segna il rigore. Poi Magli mette la mano al 47' sul cross di Casoli: nuovo rigore e cartellino rosso per il difensore. Freddo come il ghiaccio, Evacuo realizza il decimo sigillo, ma un errore lo commette: si leva la maglia e a Piacenza non ci sar.
RIPRODUZIONE RISERVATA

tissimo com nel suo stile, il Piacenza prova a contenere, ma i granata giocano troppo veloce per gli emiliani, tagliati a fette dalle verticalizzazioni di Pirrone, il resto lo fanno gli affondi di Madonia e Barraco sulle fasce e la creativit di Gambino. Dopo 6 il Trapani gi in vantaggio: Pirrone mette al centro, Gambino manca laggancio, ma c Madonia a piombare
0 1 TRIESTINA LANCIANO

FULVIO MAGI LA SPEZIA

Serie B... arriviamo. Per lo Spezia lurlo non letteralmente questo, visto che siamo ancora a gennaio, ma lo squadrone costruito per salire in B, dopo tanto peregrinare
ALTO ADIGE FERALPI SAL

BARLETTA PRATO

3 1

CREMONESE ANDRIA

3 0

PERGOCREMA

Tripletta di Mazzeo Il Barletta va veloce


MARCATORI Alberti (P) al 20, Mazzeo (B) al 40 e al 49 p.t.; Mazzeo (B) al 19 s.t. BARLETTA (4-2-3-1) Sicignano 6,5; Masiero 6 (dal 33 s.t. Mazzarani s.v.), Migliaccio 6,5, Mengoni 6,5 Pelagias 6; Di Cecco 6,5, Guerri 6,5; Simoncelli 6,5, Franchini 6, Schetter 6,5 (dal 28 s.t. Angeletti 6); Mazzeo 8 (dal 44 s.t. Zappacosta s.v.). (Pane, Cerone, Infantino, Menicozzo). All. Cari 6,5. PRATO (4-3-1-2) Layeni 6; Manucci 5,5, Visibelli 5,5, Lamma 6 (dal 35 p.t. Geroni 5,5), De Agostini 6; Fogaroli 6, Gazo 5,5, Cavagna 5,5; Silva Reis 5,5; Alberti 6, Pesenti 6 (dal 31 p.t. Piantoni 5,5). (DOria, Scrugli, Varrutti, Marongiu, Basilico). All. Masini 5,5 (squalificato Esposito). ARBITRO Strocchia di Nola 5,5. NOTE paganti 890, abbonati 1.242, incasso 12.673 euro. Ammoniti Masiero, Migliaccio, Gazo, Schetter, Manucci e Fogaroli. Angoli 9-3. GIUDIZIO BARLETTA Quarto successo di fila in casa per il Barletta. Decide una tripletta di Fabio Mazzeo, che sale a quota 8 gol stagionali. Partenza contratta per i padroni di casa e Prato che ne approfitta: al 20 Alberti firma il vantaggio realizzando su punizione da 20 metri. Al 40 Mazzeo pareggia su punizione. Al 49 biancorossi in vantaggio: dopo la traversa di Simoncelli, destro vincente di Mazzeo. Al 19 cross di Simoncelli e Mazzeo chiude i conti. Rosario Dimastromatteo

Cremonese: che Fietta Andria, rischia Di Meo


MARCATORE Fietta al 3 s.t. CREMONESE (4-3-1-2) Alfonso 6; Semenzato 6, Cesar 6,5, Minelli 6,5, Sales 6; Fietta 8, Pestrin 7, Riva 6; Dettori 6,5; Musetti 6 (dal 45 s.t. Rabito s.v.), Le Noci 6 (dal 23 s.t. Bocalon 6). (Bianchi, Rigione, Arcari, Tacchinardi, Degeri). All. Brevi 6,5. ANDRIA (4-2-3-1) Menegon 6,5; Meccariello 6 (dal 32 s.t. Pierotti s.v.), Cossentino 6, Mucciante 6, Di Simone 5,5; Evangelisti 5,5, Arini 6; Paolucci 5,5 (dal 23 s.t. Minesso 5,5), Comini 6,5 (dal 23 s.t. Gambino 5,5), Russo 6; Del Core 5,5. (Ragni, Larosa, Contessa, Loiodice). All. Di Meo 6. ARBITRO Rocca di Vibo Valentia 7. NOTE paganti 941, abbonati 1.649, incasso di 11.838 euro. Ammoniti Semenzato, Minelli, Di Simone e Del Core. Angoli 8-3. GIUDIZIO CREMONA La Cremonese torna alla vittoria e si rimette in testa al gruppo che insegue un posto nei playoff, in attesa di buone notizie venerd dal Tnas per la riduzione della penalizzazione. La sfida con lAndria stata decisa al 3 della ripresa da uno straordinario Fietta, al terzo gol in 4 partite: il capitano si fatto trovare pronto sul cross di Le Noci e di testa ha trafitto Menegon. La Cremonese ha fallito almeno altre cinque o sei occasioni con Musetti e Bocalon e nel finale ha dovuto subire la reazione dell'Andria, che per non ha mai impensierito Alfonso. E ora la panchina di Di Meo a rischio. Giorgio Barbieri

Blitz del Pergo con Pi Il Bassano fa ricorso


MARCATORE Pi su rigore al 44 s.t. BASSANO (4-3-1-2) Grillo 5; Toninelli 6,5, Basso 6, Drudi 6,5, Bonetto 6; Lorenzini 5,5, Correa 6,5, Morosini 5,5 (dal 15 s.t. Proietti 6); De Gasperi 6,5; Gasparello 6, Guariniello 5,5 (dal 27 s.t. Galabinov s.v.). (Poli, Martina, Lazzarotto, Lucca, Baido). All. Jaconi 5,5. PERGOCREMA (4-4-2) Cicioni 7; Celjak 6, Cuomo 6,5, Fabbro 6,5, Rizza 6; Tortolano 6,5 (dal 45' s.t. Mattia s.v.), Coletti 6 (dal 37' s.t. Cazzamalli s.v.), Romondini 6,5, Bab 7 (37 s.t. Joelson s.v.); Pi 6,5, Guidetti 6. (Pennesi, Doudou, Angiulli, Adeleke). All. Brini 6,5. ARBITRO Peretti di Verona 5. NOTE spettatori 900 circa, paganti, abbonati e incasso n.c. Ammoniti Tortolano, Pi, Gasparello, Guariniello, Correa, De Gasperi e Lorenzini. Angoli 3-4. GIUDIZIO BASSANO (Vi) Un rigore di Pi lancia il Pergocrema, sul cui successo pesa una disattenzione arbitrale: il Bassano ha presentato riserva scritta. Finale intenso: Pi approfitta di un errore di Grillo, viene steso in area dal portiere e trasforma il rigore e poi, al secondo dei 4 di recupero, viene ammonito per la seconda volta, e larbitro non estrae il rosso. Ai dirigenti veneti Peretti avrebbe comunicato di aver sanzionato Guidetti, ma le immagini sono eloquenti e il Bassano chieder di ripetere la gara grazie alla prova tv per lo scambio di persona. Vincenzo Pittureri

La Triestina si tira su Lanciano k.o. in nove


MARCATORI Curiale su rigore al 44 p.t.; Motta al 46, Godeas al 47 s.t. TRIESTINA (4-2-3-1) Viotti 6,5; DAmbrosio 6, Lima 6, Gissi 6, Galasso 6,5 (dal 20 s.t. Tombesi 6); For 6,5, Mattielig 6; Rossetti 6 (15 s.t. Evola 6), Pinares 6,5, Curiale 6 (30 s.t. Motta 6); Godeas 6,5. (Gadignani, Rodriguez, De Vena, Mannini). All. Galderisi 7. LANCIANO (4-3-3) Aridit 6,5; Vastola 6,5, Rosania 6,5, Amenta 5,5, Mammarella 6; Capece 6 (dal 9 s.t. Zeytulaev 6), DAversa 6, Volpe 6,5 (dal 39 s.t. Margarita s.v.); Chiric 6,5, Pavoletti 6,5, Turchi 4. (Amabile, Di Filippo, Ferrara, Novinic, Piccioni). All. Gautieri 6.

ARBITRO Saia di Palermo 6. NOTE paganti 510, abbonati 2.951, incasso di 12.999 euro. Espulsi Turchi al 46 p.t. e Vastola al 42 s.t.; ammoniti Volpe, Lima, Rosania, Curiale e DAversa. Angoli 6-3. GIUDIZIO TRIESTE Tre punti importanti per il morale per la Triestina nel difficile momento societario. Assenti il presidente Aletti e il d.s. Recchi, i giocatori hanno fatto quadrato attorno a Galderisi, cogliendo un successo che castiga oltre i demeriti il Lanciano. Decisivo in negativo Turchi: prima ha provocato il rigore facendosi ammonire, poco dopo stato espulso per un altro giallo. In vantaggio con Curiale, la Triestina ha poi controllato. Nel finale fuori anche Vastola: i padroni di casa hanno cos dilagato con le reti firmate dai veterani Motta e Godeas. Dante di Ragogna

2 0

LATINA CARRARESE

1 0

Alto Adige sul velluto Feralpi Sal al tappeto


MARCATORI Fischnaller su rigore al 31 p.t.; Fink al 13 s.t. ALTO ADIGE (4-2-3-1) Iacobucci 6,5; Iacoponi 6,5 (dal 23 s.t. Kiem 6), Tagliani 6,5, Cascone 6,5, Legittimo 6; Furlan 7,5, Uliano 6,5; Campo 6, Fischnaller 7 (dal 32 s.t. Calliari s.v.), Fink 6,5 (dal 38 s.t. Schenetti s.v.); Chinellato 6,5. (Miskiewicz, Santonocito, Chiavarini, Pfitscher). All. Stroppa 7. FERALPI SALO (4-4-2) Branduani 6; Turato 5,5 (dal 18 s.t. Bianchetti 6), Leonarduzzi 6, Camilleri 5,5, Cortellini 6; Bracaletti 5,5, Castagnetti 5,5, Drascek 5, Tarana 5,5 (dal 48 s.t. Sala s.v.); Fusari 5,5 (dall8 s.t. Sedivec 5,5), Defendi 6. (Zomer, Blanchard, Savoia, Sella). All. Remondina 6. ARBITRO Fiore di Barletta 6,5. NOTE paganti 780, abbonati 532, incasso nc. Espulso Drascek al 9 s.t.; ammoniti Fischnaller, Camilleri e Drascek. Angoli 2-4. GIUDIZIO BOLZANO Con un gol per tempo lAlto Adige liquida la pratica Feralpi Sal lanciandosi verso le zone alte della classifica. Dopo una prima mezzora senza emozioni, Fink lascia partire un violento destro dal limite: Camilleri tocca con la mano dentro larea causando un rigore ingenuo: Fischnaller trasforma. I padroni di casa chiudono i conti con Fink in mischia prima del quarto d'ora della ripresa piegando la squadra ospite rimasta in dieci per lespulsione di Drascek. Francesco Bertagnolli

Il Latina si rialza Carrarese sfortunata


MARCATORE Fossati su rigore al 9 p.t. LATINA (4-3-2-1) Martinuzzi 6; Cafiero 6, Burzigotti 5,5, Farina 6, Toscano 6; Berardi 6 (dal 39' s.t. Tortori s.v.), Burrai 7, Matute 5,5; Pagliaroli 6 (dal 10 s.t. Siciliano 5,5), Fossati 6,5; Bernardo 6. (Baican, Bruscagin, Agius, Citro, Giannusa). All. Ghirotto 6. CARRARESE (4-4-2) Nocchi 6; Piccini 5, Pasini 6, Anzalone 6,5, Vannucci 6,5; Orlandi 5,5 (dal 36' s.t. Merini s.v.), Corrent 6 (dal 1 s.t. Taddei 5,5), Pacciardi 6,5, Giovinco 5,5 (dal 1' s.t. Bregliano 5,5); Gaeta 6, Cori 7. (Gazzoli, Benassi, Conti, Belcastro). All. Sottili 6. ARBITRO Bindoni di Venezia 6. NOTE paganti 1.216, abbonati 317, incasso di 5.779 euro. Espulso Piccini al 35 p.t.; ammoniti Fossati, Cafiero e Corrent. Angoli 5-4. GIUDIZIO LATINA Un rigore trasformato da Fossati regala al Latina una vittoria che mancava da quasi due mesi. Al 9, su una triangolazione stretta, Pagliaroli riceve palla da Fossati e viene messo gi in area da Piccini: dal dischetto realizza Fossati. Poco dopo la mezzora la Carrarese rimane in dieci per il doppio giallo ai danni di Piccini, ma linferiorit numerica non impedisce agli azzurri di creare diverse occasioni da rete nella ripresa. La pi clamorosa al 13 con Cori che al volo dal limite coglie la base del palo, con Martinuzzi battuto. Vincenzo Abbruzzino

+++

IL POSTICIPO ORE 20.45

+++

+++

Stasera Portogruaro-Siracusa
Grande sfida con il Siracusa capolista che visita il Portogruaro, ora a 2 punti. Per Rastelli tornano Fedi e Cunico, ma va ancora k.o. Cristante, fuori con Della Rocca, Salzano e D'Amico. Sottil lancia subito Coda, con Giordano al posto dello squalificato Baiocco; in difesa Fernandez favorito su Ignoffo. Cos in campo (ore 20.45, diretta su Raisport 1): PORTOGRUARO (5-3-2) Bavena; Lunati, Regno, Fedi, Radi, Pondaco; Coppola, Cunico, Herzan; Corazza, De Sena. (Mion, Balduit, Santandrea, Liccardo, Moras, Luppi, Salbre). All. Rastelli. SIRACUSA (4-2-3-1) P. Baiocco; Lucenti, Moi, Fernandez, Capocchiano; Spinelli, Giordano; Pepe, Mancosu, Longoni; Coda. (Fornoni, Ignoffo, Pippa, L. Calabrese, Montalto, Bongiovanni, Zizzari). All. Sottil. ARBITRO Manganiello di Pinerolo (Gualtieri-Alassio).

+++

++

+++

serie D
19a giornata

GIRONE A
RISULTATI
ACQUI-VILLALVERNIA 0-1 ALBESE-NOVESE 1-5 ASTI-LASCARIS sospesa BORGOSESIA-BOGLIASCO 2-2 CHIAVARI-VERBANO 3-1 CHIERI-CANTU' SAN PAOLO 3-0 F. CARATESE-PRO IMPERIA 1-2 LAVAGNESE-NAVIGLIOTREZZANO 3-1 VALLE D'AOSTA-SANTHIA' 1-0 ha riposato DERTHONA

(21a)
CLASSIFICA
Valle d'Aosta p. 47; Chieri 43; Santhi (-3) 36; Novese 35; Derthona* 34; Acqui e Chiavari 30; Naviglio Trezzano 29; Villalvernia e Pro Imperia 28; Lavagnese* 27; F. Caratese e Verbano 26; Borgosesia 25; Bogliasco 22; Albese (-3) e Asti** 18; Cant 6; Lascaris** 3. (Aquanera esclusa dal campionato; * hanno gi riposato,** una gara in meno).

GIRONE B
RISULTATI
ALZANOCENE-AURORA SERIATE 1-3 CARONNESE-CARPENEDOLO 3-1 COLOGNESE-FIDENZA 2-2 DARFO-CASTIGLIONE 1-1 FIORENZUOLA-PIZZIGHETTONE 0-3 OLGINATESE-MAPELLOBONATE 0-2 PONTISOLA-GOZZANO 1-1 RUDIANESE-GALLARATESErinviata SEREGNO-CASTELLANA 3-0 VOGHERA-PRO PIACENZA 1-0

(21a)
CLASSIFICA
Castiglione p. 44; MapelloBonate 40; Pizzighettone 37; Caronnese 34; Olginatese 32; Voghera 31; Castellana e Pontisola 29; Rudianese* 28; AlzanoCene e Pro Piacenza 27; Darfo 26; Gozzano e Aurora Seriate 24; Seregno 23; Carpenedolo 22; Fiorenzuola 21; Gallaratese* 19; Fidenza e Colognese 18. (* una gara in meno).

GIRONE C
RISULTATI
BELLUNO-PORDENONE CONCORDIA-TAMAI ITALA SAN MARCO-LEGNAGO MEZZOCORONA-GIORGIONE MONTECCHIO-SAN GIORGIO PORTO TOLLE-SAREGO SACILESE-SANDONAJESOLO SANVITESE-VENEZIA UNION QUINTO-MONTEBELLUNA 1-1 1-1 0-1 0-0 0-1 5-0 0-0 1-1 1-2

GIRONE D
CLASSIFICA
Venezia p. 44; Porto Tolle 39; Legnago 36; Montebelluna 32; Pordenone e Tamai 30; SandonJesolo 29; San Giorgio 28; Mezzocorona e Union Quinto 26; Giorgione 23; Concordia 21; Montecchio, Belluno e Sacilese 19; Sarego 17; Sanvitese 14; Itala San Marco 8.

(21a)
CLASSIFICA
Este p. 43; Castelfranco 42; Virtus Vecomp e Forl 39; San Paolo 34; Cerea e Lanciotto Campi 33; Mezzolara 32; Scandicci 29; Rosignano 28; Ravenna (-1) 26; Tuttocuoio, Bagnolese e Villafranca 24; Pistoiese e Camaiore 23; Forcoli e Pavullese 20; Sestese 13; Santacroce 12.

RISULTATI
BAGNOLESE-TUTTOCUOIO 1-2 CAMAIORE-FORCOLI 2-1 CASTELFRANCO-CEREA 1-4 FORLI'-VIRTUS VECOMP 0-0 MEZZOLARA-SESTESE 2-0 PAVULLESE-LANCIOTTO CAMPI 0-0 PISTOIESE-SCANDICCI 1-0 ROSIGNANO-SAN PAOLO 1-0 SANTACROCE-RAVENNA 0-1 VILLAFRANCA-ESTE 2-2

Este, basta il pari Il Teramo allunga


Una gara sospesa sull1-0 per la nebbia nel girone A e una rinviata per il ghiaccio nel B. Il MapelloBonate (B) si porta a -4 dal Castiglione, allEste (D) basta il pari per andare in vetta da solo, il Teramo (F) allunga sullAncona, raggiunto dalla Samb, mentre lIschia (H) torna in vetta (ripreso il Martina).

PROSSIMO TURNO (22a) domenica 22 gennaio, ore 14.30 Bogliasco-Asti (1-2); Borgosesia-Acqui (0-0); Cant San Paolo-Valle D'Aosta (0-0); Lascaris-Derthona (1-3); Naviglio Trezzano-Santhi (1-1); Novese-Lavagnese (2-1); Pro Imperia-Albese (2-1); Verbano-F. Caratese (1-5); Villavernia-Chieri (0-1); riposa-Chiavari.

PROSSIMO TURNO (22a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Alzanocene-Rudianese (0-2); Aurora Seriate-Seregno (0-0); Carpenedolo-Colognese (1-3); Castellana-Caronnese (2-4); Fidenza-Voghera (0-0); Gallaratese-Pontisola (1-2); Gozzano-Darfo (0-0); Mapello-Fiorenzuola (2-0); Pizzighettone-Castiglione (0-1); Pro Piacenza-Olginatese (1-3).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Giorgione-Belluno (0-0); Legnago-Sacilese (2-1); Montebelluna-San Giorgio (0-1); Pordenone-Sanvitese (1-1); Porto Tolle-Mezzocorona (2-1); SandonJesolo-Montecchio (1-1); Sarego-Concordia (1-0); Tamai-Itala San Marco (2-0); Venezia-Union Quinto (3-1).

PROSSIMO TURNO (22a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Bagnolese-Mezzolara (2-3); Cerea-Villafranca (2-1); Este-Pistoiese (1-0); Forcoli-Rosignano (2-3); Lanciotto Campi-Tuttocuoio (2-1); Ravenna-Pavullese (4-1); San Paolo-Forl (1-3); Scandicci-Santacroce (3-0); Sestese-Camaiore (1-2); Virtus Vecomp-Castelfranco (3-4).

GIRONE E
RISULTATI
DERUTA-PIANESE 0-0 FLAMINIA-AREZZO 1-1 G. CITTA' DI CASTELLO-PONTEVECCHIO 0-0 ORVIETANA-SPORTING TERNI 2-0 PONTEDERA-TRESTINA 1-1 SANSEPOLCRO-PIERANTONIO 1-1 SANSOVINO-VITERBESE 0-1 SPOLETO-CASTEL RIGONE 0-2 TODI-ZAGAROLO 1-0

GIRONE F
CLASSIFICA
Pontedera p. 40; Arezzo 36; Sporting Terni 33; Pontevecchio 30; Castel Rigone 29; Spoleto, Viterbese, Deruta e Pianese 27; Sansovino e Orvietana 24; Pierantonio 23; Trestina e Group Citt di Castello 21; Flaminia 19; Todi e Sansepolcro 18; Zagarolo 16.

GIRONE G
CLASSIFICA
Teramo p. 45; Ancona e Sambenedettese 41; Civitanovese 40; Isernia 30; Atletico Trivento 29; Vis Pesaro 28; San Nicol 27; Olympia Agnonese 26; Recanatese 24; Jesina,Riccione e Atessa VdS 22; Santegidiese 21; Renato Curi 17; Luco Canistro 16; Miglianico 13; Real Rimini 4.

GIRONE H
CLASSIFICA
0-2 3-1 2-2 0-0 1-2 1-1 1-0 0-0 0-1 Salerno p. 38; Marino 37; Budoni 32; Porto Torres 30; Sora e Palestrina 28; Arzachena e Astrea 27; Selargius 26; Fidene 25; Monterotondo e Pomigliano 24; Anziolavinio 21; Cynthia 20; Bacoli 18; Civitavecchia 17; Atletico Boville 14; Sant'Elia 13.

GIRONE I
CLASSIFICA
2-1 3-0 3-2 0-0 0-1 2-1 1-1 3-3 4-1 Ischia e Martina p. 38; Sarnese 37; Campania 35; Nard 34; Casertana e Francavilla S. 33; Turris 31; Brindisi 29; Casarano e Fortis Trani 25; Internapoli 21; Grottaglie 18; Real Nocera 16; Irsinese 15; Gaeta (-1) 12; Viribus Unitis 11; Cristofaro 10.

RISULTATI
ANCONA-CIVITANOVESE 0-0 ATESSA VDS-SAN NICOLO' 1-1 ATLETICO TRIVENTO-SANTEGIDIESE 2-1 LUCO CANISTRO-REAL RIMINI 2-0 OLYMPIA AGNONESE-MIGLIANICO 1-1 RECANATESE-JESINA 0-1 RICCIONE-RENATO CURI 1-0 TERAMO-ISERNIA 5-0 VIS PESARO-SAMBENEDETTESE 0-2

RISULTATI
ANZIOLAVINIO-PALESTRINA ASTREA-BACOLI ATLETICO BOVILLE-ARZACHENA BUDONI-SANT'ELIA CYNTHIA-CIVITAVECCHIA FIDENE-MONTEROTONDO POMIGLIANO-SORA PORTO TORRES-SELARGIUS SALERNO-MARINO

RISULTATI
CASARANO-REAL NOCERA CASERTANA-CRISTOFARO FORTIS TRANI-INTERNAPOLI GROTTAGLIE-FRANCAVILLA S. IRSINESE-MARTINA ISCHIA-CAMPANIA NARDO'-TURRIS SARNESE-BRINDISI VIRIBUS UNITIS-GAETA

RISULTATI
ACIREALE-VALLE GRECANICA BATTIPAGLIESE-CITTANOVA COSENZA-NISSA HINTERREGGIO-SERRE ALBURNI LICATA-NUVLA SAN FELICE MARSALA-NOTO MESSINA-ACRI PALAZZOLO-SAMBIASE SANT'ANTONIO ABATE-ADRANO 1-0 3-1 1-0 4-1 1-1 0-0 4-1 5-0 2-2

CLASSIFICA
Hinterreggio p. 35; Palazzolo 31; Marsala e Acri 30; Cosenza 28; Battipagliese* e Nuvla San Felice 27; Serre Alburni e Adrano 26; Messina (-7), Noto e Licata 24; Sant'Antonio Abate 22; Acireale* 20; Cittanova 19; Valle Grecanica 18; Sambiase 16; Nissa 13. (* una gara in meno).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Arezzo-Deruta (2-1); Castel Rigone-Sansepolcro (0-1); Pierantonio-Group Castello (2-3); Pontevecchio-Pianese (0-3); Sporting Terni-Flaminia (4-4); Todi-Orvietana (0-1); Trestina-Sansovino (0-0); Viterbese-Spoleto (1-2); Zagarolo-Pontedera (3-5).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Civitanovese-Atessa Vds (2-1); Jesina-Atletico Trivento (0-1); Miglianico-Vis Pesaro (1-5); Olympia Agnonese-Recanatese (2-1); Real Rimini-Riccione (0-6); Renato Curi-Isernia (0-0); Sambenedettese-Ancona (1-0); San Nicol-Luco Canistro (0-0); Santegidiese-Teramo (1-3).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Arzachena-Pomigliano (1-1); Bacoli-Porto Torres (0-1); Civitavecchia-Budoni (0-0); Cynthia-Atletico Boville (0-1); Monterotondo-Astrea (1-0); Palestrina-Marino (0-0); Sant'Elia-Anziolavinio (1-1); Selargius-Salerno (0-2); Sora-Fidene (0-1).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Brindisi-Ischia (0-2); Campania-Nard (1-1); Casarano-Grottaglie (1-2); Cristofaro-Irsinese (1-1); Francavilla S.-Fortis Trani (1-0); Internapoli-Viribus Unitis (2-2); Martina-Gaeta (3-0); Real Nocera-Sarnese (0-4); Turris-Casertana (0-3).

PROSSIMO TURNO (20a) domenica 22 gennaio, ore 14.30


Acireale-Palazzolo (0-1); Acri-Licata (1-5); Cittanova-Adrano (1-2); Nissa-Battipagliese (1-2); Noto-Cosenza (1-4); Nuvla San Felice-Sant'Antonio Abate (2-1); Sambiase-Messina (2-0); Serre Alburni-Marsala (4-1); Valle Grecanica-Hinterreggio (0-2).

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37

SECONDA DIVISIONE
girone A
21a giornata
CASALE SAMBONIFACESE 2 0 RIMINI BORGO A BUGGIANO
GIUDIZIO

2 0

girone B
23a giornata

CHIETI PERUGIA
GIUDIZIO

0 1

LAQUILA EBOLITANA

3 0

Il Casale riparte Solo il Rimini c Entella da playoff Caos Montichiari


Il Casale torna alla vittoria: la Sambonifacese perde il portiere (espulso) e crolla. Soltanto il Rimini tiene il passo, visto che il Treviso viene ripreso nel recupero a Savona e adesso ha anche il Cuneo pi vicino. LEntella cala il tris a Lecco ed entra in zona playoff, dove si avvicina a grandi falcate il Poggibonsi, che perdeva 2-0 in casa e poi ha vinto 5-2 contro il Montichiari, che oggi potrebbe richiamare Ottoni (s dimesso Criniti). Si ferma dopo 13 partite la serie utile della Pro Patria (ultima sconfitta il 9 ottobre a Treviso): merito del Renate. Torna a vincere e espira lAlessandria, mentre lunico 0-0 quello tra il Mantova e il San Marino. SAVONA TREVISO 1 1 CUNEO GIACOMENSE 2 1

GIUDIZIO MARCATORI Curcio al 36', Peluso al 39' p.t. CASALE (4-4-2) Adornato 6; Silvestri 6, Vignati 6, Gonnella 6,5, Naglieri 6 (dal 45' s.t. Ciccomascolo s.v.); Garrone 6, Iannini 7, Gambadori 7, Siega s.v. (dal 13' p.t. Lillo 7); Peluso 7 (dal 40' s.t. Crocetti s.v.), Curcio 7,5. (Pomat, Catenacci, Napoli, Agnesina). All. Buglio 6,5. SAMBONIFACESE (4-3-3) Bonato 5,5; Caraceni 5, Dal Degan 5,5, Orfei 5, Viskovic 5 (dal 20' s.t. Ruggeri 6); Manfredini 5 (dal 25' p.t. Nardoni 5,5), Creati 5,5, Marianeschi 5; Montagnani 5, Brighenti 5,5, Zanetti 5,5 (dal 25' p.t. Finotto 5,5). (Ebhote, Pisani, Botticini, Boseggia). All. Carnovelli 5,5. ARBITRO Ceccarelli di Rimini 6,5. NOTE spettatori 400 circa, incasso di quasi 2.500 euro. Espulso Bonato al 23' p.t.; ammoniti Silvestri, Manfredini e Finotto. Angoli 6-4. (g.m.)

+++

++

+++

MARCATORI Buonocunto su rigore al 17, Onescu al 48 s.t. RIMINI (4-2-3-1) Scotti 6,5; Rosini 5,5, Mastronicola 5,5 (dal 1 s.t. Zanetti 6), A. Brighi 7, Palazzi 6 (dal 14 s.t. Spighi 6,5); M. Brighi 6,5, Onescu 6,5; Gasperoni 6, Buonocunto 6,5, Baldazzi 5,5 (dal 26 s.t. Cardinale 6); Zanigni 6. (Semprini, Favero, Valeriani, Gerbino Polo). All. DAngelo 6. BORGO A BUGGIANO (4-3-1-2) Grandi 6; Tafi 6, Di Giusto 6, Settepassi 6, Crociani 6; Mugelli 5,5, Maretti 6, Gialdini 6 (dal 30 s.t. Stella 6,5); Grassi 6; Paganelli 6 (dal 39 s.t. Di Crescenzo s.v.), Santini 5,5 (dal 24 s.t. Rocchi 5,5). (Strambi, Lorenzini, Castaldo, Di Stefano). All. Firicano 5,5. ARBITRO De Meo di Foggia 6. NOTE spettatori 1.600 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Mastronicola, M. Brighi e Crociani. Angoli 1-5. (g.b.)

Il Perugia in volo Ottime risposte per LAquila e il Catanzaro


Il Perugia spazza via le polemiche societarie e vince anche a Chieti, dove la societ di casa s distinta per un bel gesto: a fine partita ha organizzato un terzo tempo con giocatori e dirigenti delle due squadre a gustare prodotti tipici abruzzesi. Dietro non mollano LAquila (travolta lEbolitana dopo laggressione) e Catanzaro, che vincono con pieno merito, e pure la Vigor Lamezia e la Paganese che hanno staccato il Chieti. Il Gavorrano fallisce il balzo nei playoff pareggiando in casa (stavolta il capocannoniere Fioretti ha fallito un gol in modo clamoroso). Sul fondo spicca la vittoria del Fano, che fa un bello scatto verso la salvezza. NEAPOLIS CATANZARO
GIUDIZIO

MARCATORE Tozzi Borsoi al 19 p.t. CHIETI (4-2-3-1) DEttorre 6; Bigoni 5,5, Migliorini 6, Pepe 6, Malerba 5,5; Del Pinto 6, Amadio 6; Fiore 6, Berardino 5,5 (dal 15 s.t. Anastasi 6), Gammone 6,5; Lacarra 5,5 (dal 31 s.t. Sciarra 6). (Feola, Serpico, Di Noia, Cardinali, Rossi). All. Paolucci 6. PERUGIA (4-2-3-1) Giordano 6; Anania 6, Cacioli 6, Russo 6, Zanchi 6,5; Carloto 6,5, Benedetti 6 (dal 31 s.t. Borgese 6); Margarita 6 (dal 27 s.t. Ferri Marini 6), Clemente 6,5 (dal 44 s.t. Moneti s.v.), Moscati 6; Tozzi Borsoi 7. (Despucches, Pupeschi, Mocarelli, Bueno). All. Battistini 6,5. ARBITRO Aureliano di Bologna 6,5. NOTE spettatori 1.500 circa, incasso non comunicato. Espulso il tecnico Paolucci al 41 s.t.; ammoniti Zanchi, Sciarra, Lacarra e Gammone. Angoli 8-5. (g.lett.)

GIUDIZIO MARCATORI Ruggiero al 2, Giglio al 12, Piccioni al 29 s.t. LAQUILA (4-3-3) Testa 6; Leone 6, Garaffoni 6, Ruggiero 7, Calvarese 6,5; Carcione 6,5, Capparella 6,5, Marcotullio 6,5 (dal 39 s.t. Meacci s.v.); Improta 6 (dal 22 s.t. Cunzi 6), Giglio 6,5, Piccioni 7 (dal 32 s.t. Pianese s.v.). (Modesti, Prizio, Simoncini, Perfetti). All. Ianni 6,5. EBOLITANA (4-4-2) Nicastro 6; Liguori 5, Cutolo 5,5 (dal 24 s.t. Angi 5), De Pascale 6, Gaveglia 6; Albano 5,5, Perrino 5,5, Corsino 6, Giudice 5,5; DAncona s.v. (dal 17 p.t. Mastrojanni 6), Broso 5 (dal 22 s.t. Sacco 5). (Longo, Cavaliere, Di Matteo, Sturiale). All. Belotti 5,5. ARBITRO Morreale di Roma 6,5. NOTE spettatori 900 circa, incasso di quasi 4.900 euro. Ammoniti Piccioni, Calvarese, Liguori, Marcotullio, De Pascale, Garaffoni, Giudice e Albano. Angoli 4-1. (a.f.)

+++

LECCO ENTELLA

0 3

MANTOVA SAN MARINO

0 0

0 2

VIGOR LAMEZIA CELANO


GIUDIZIO

2 1

PAGANESE MILAZZO
GIUDIZIO

1 0

GAVORRANO ARZANESE
GIUDIZIO

0 0

GIUDIZIO MARCATORI Ferretti (T) all8', Buglio (S) al 50' s.t. SAVONA (4-1-4-1) Maragna 6; Quintavalla 6 (dal 20 s.t. Pigoni 6), Belotti 5,5, Antonelli 6,5, Marconi 5,5; Buglio 7; Demartis 5,5, Molino 6,5 (dal 14 s.t. Santi 6), Giorgione 6,5, Cattaneo 5,5 (dal 13 s.t. Biava 6); Mezgour 6. (Giaretti, Terzoni, Pellini, Parodi). All. Amicone 6 (Corda squalificato). TREVISO (4-4-2) Sartorello 6; Cernuto 6, Di Girolamo 5,5, Biagini 6, Beccia 5,5; Spinosa 6 (dal 37 s.t. Gallon 5,5), Stentardo 5,5 (dal 20 s.t. Maracchi 5,5), Giorico 6, Torromino 5,5 (dal 32 s.t. Bandiera 5,5); Ferretti 6,5, Perna 6. (Zattin, Brunetti, Madiotto, Malacarne). All. Zanin 6. ARBITRO Giorgetti di Cesena 6. NOTE spettatori 500 circa, incasso di 2.403 euro. Espulso Demartis al 42' s.t.; ammoniti Di Girolamo e Molino. Angoli 10-2. (o.ste.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Sentinelli (C) al 9, Cristini (C) al 29 p.t.; Staffolani (G) al 41 s.t. CUNEO (4-3-1-2) Pascarella 6,5; Cintoi 6,5, Sentinelli 5, Carretto 6,5, Donida 6,5; Cristini 7, D. Lodi 6, Gentile 6,5 (dal 33 s.t. Galfr 6); Garavelli 6,5 (dal 43 s.t. Morabito s.v.); Person 6 (dal 1 s.t. Passer 6), Fantini 6,5. (Negretti, Longhi, Galfr, Di Quinzio). All. Rossi 7. GIACOMENSE (4-3-3) Pavanello 7; Gorini 5 (dal 16 s.t. Ricci 6), De March 6, Sirri 6, Parenti 5,5; Ortolan 5,5 (dal 1 s.t. Tabanelli 6), Vagnati 5,5 (dal 1 s.t. M. Lodi 6), Tanaglia 6; Scaioli 6, Staffolani 6, Paci 5,5. (Poluzzi, Minardi, Cenerini, Nobili). All. Gadda 6. ARBITRO Rasia di Bassano 5. NOTE spettatori 600 circa, incasso di 3.240 euro. Espulso Sentinelli al 40 p.t.; ammoniti Donida, Sentinelli, Carretto, Garavelli, Vagnati, Sirri e Ricci. Angoli 12-10. (m.l.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Rosso al 12 p.t.; Rosso al 19, Lenzoni al 37 s.t. LECCO (4-4-2) Aprea 5,5; Castelnuovo 5,5, Merli Sala 5,5, Rudi 5,5, Sciannam 4,5; Cavagna 6, DAmico 5, Castellazzi 6, Valtulina 5,5 (dal 5 s.t. Rebecchi 5); DellAcqua 5 (dal 40 s.t. Mattaboni s.v.), Fabbro 5 (dal 29 s.t. Fall 5,5). (Durandi, Ischia, Civilleri, Temelin). All. Pellegrino 5. ENTELLA (4-3-1-2) Paroni 6; Falcier 6,5, Villagatti 7, Bertoli 6, Zampano 6; Volpe 6 (dal 43 s.t. Favret s.v.), Hamlili 4,5, Staiti 6; Ciarci 6,5 (dal 17 s.t. Garin 6); Rosso 7,5 (dal 38 s.t. Serlini s.v.), Lenzoni 6,5. (Otranto, Russo, Talignani, Musso). All. Prina 6,5. ARBITRO Pierro di Nola 5. NOTE spettatori 800 circa, incasso nc. Espulsi Sciannam al 39 p.t., Hamlili al 43 p.t. e il tecnico Pellegrino al 40 p.t.; ammoniti Sciannam, Bertoli, Rudi, Castelnuovo e Hamlili. Angoli 7-3. (m.v.)

++

GIUDIZIO MANTOVA (4-3-1-2) Portesi 6; Bertin 6, Girelli 5,5, Zaninelli 6,5, Sereni 6,5; Spinale 6, Burato 5, Maschio 5,5 (dal 26 s.t. Graziani 6,5); Colonetti 6; Franchi 5,5, Cinque 6,5. (Festa, Ortobelli, Fonte, Bersi, Dalla Bona, Maio). All. Valigi 6. SAN MARINO (4-4-2) Vivan 6; Pelagatti 6, Fogacci 5,5, Del Duca 5,5, Crivello 6,5; Villanova 6,5 (dal 20 s.t. Casolla 5,5), Amantini 5,5, Del Sole 6 (dal 35 s.t. Loiodice s.v.), Poletti 6,5; DAntoni 6, Lapadula 6,5. (Migani, Ferrero, De Santis, Sorbera, Pieri). All. Petrone 6. ARBITRO Lanza di Nichelino 6. NOTE spettatori 1.700 circa, incasso di 11.440 euro. Ammoniti Maschio, Fogacci, Crivello e Burato. Angoli 6-5. (m.b.)

++

+++

+++

++

++

MARCATORI Masini al 40', Giamp al 47' p.t. NEAPOLIS (4-4-2) Pettinari 6,5; Moscarino 5, Cancelli 5, Monticelli 5 (dal 1' s.t. Foggia 5), P. Esposito 6; Bianchi 5,5, Bonanno 5,5, Marinucci Palermo 5,5, De Falco 6; Pellecchia 5, Varriale 5. (Sollo, Sansone, Terracciano, C. Palumbo, Mello, R. Palumbo). All. Ferazzoli 5. CATANZARO (3-4-3) Mengoni 6; Mariotti 6,5, Accursi 6 (dal 1' s.t. Narducci 6), Papasidero 6,5; Giamp 7,5, Quadri 6,5, Maisto 6, Squillace 6; C. Esposito 6,5 (dal 10' s.t. Bruzzese 6,5), Masini 6,5, Carboni 7 (dal 43' s.t. Maita s.v.). (Mosca, Ulloa, Romeo, Bugatti). All. Cozza 6,5. ARBITRO Paolini di Ascoli Piceno 6. NOTE spettatori 200 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Marinucci Palermo, Carboni, Cancelli, P. Esposito e Bianchi. Angoli 7-6. (a.v.)

MARCATORI Mancosu (VL) al 22, Luzi (C) al 43 p.t.; Visone (VL) al 43 s.t. VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 6; Rondinelli 6, Marchetti 6,5, Gattari 6, Bonasia 6,5; Giuffrida 6 (dal 35 s.t. Visone 7), Cerchia 6,5; Lattanzio 8, Catalano 6 (dall11 s.t. Romero 5,5), Mancosu 7,5; De Luca 7,5 (dal 45 s.t. Mercurio s.v.). (Calderoni, Franchino, Cane, Sbravati). All. Costantino 7. CELANO (4-3-3) Liverani 6,5; Ciolli 6, Rapino 5,5, Bianciardi 5,5, DAngelo 5,5; Amadio 5,5 (dal 16 s.t. Ferrara 6), Barbetti 6 (dal 44 s.t. Dema s.v.), Olivieri 6; Luzi 7, Marfia 6,5, Sciamanna 6 (dal 32 s.t. Furno s.v.). (Agostini, Taccone, Mascioli, Salatiello). All. Petrelli 6. ARBITRO Piccinini di Forl 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso di quasi 3.800 euro. Amm. Sciamanna, Catalano, Olivieri, Ciolli, De Luca, Rapino e Marfia. Angoli 6-3. (f.c.)

MARCATORE Neglia all11 p.t. PAGANESE (4-4-2) Robertiello 6; Balzano 6, E. Pepe 7, Pastore 6, Agresta 5 (dal 15 s.t. Scarpa 6); Galizia 6, Tricarico 6, Acoglanis 6, Neglia 7 (dal 15 s.t. Loiacono 5,5); Fava 6, L. Orlando 5,5 (dal 32 s.t. Cognigni s.v.). (Petrocco, Sicignano, F. Orlando, Giglio). All. Grassadonia 6. MILAZZO (4-3-3) Messina 5; Di Pasquale 6, Benci 6,5, Imparato 6, Quintoni 6,5; Cuomo 5, Bucolo 6,5, Fiore 5 (dal 6 s.t. Scalzone 5); Mangiacasale 6,5, Malafronte 5 (dal 44 s.t. Simonetti s.v.), Proietti 5 (dal 26 s.t. Ras 5,5). (Croce, Strumbo, F. Pepe, NZe). All. Trimarchi 5,5 (squalificato Catalano). ARBITRO Spinelli di Terni 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Benci, Bucolo, L. Orlando e Loiacono. Angoli 1-3. (s.c.)

GAVORRANO (4-2-3-1) Addario 7; Tognarelli 6, Miano 6,5, Dascoli 7, Angelotti 6; Nicoletti 6,5, S. Manzo 6 (dal 43 p.t. Galbiati 6); Nocciolini 5,5 (dal 10 s.t. Lombardi 5), Rosati 5 (dal 36 s.t. Lo Sicco s.v.), Pulina 6; Fioretti 5. (Santandrea, Corbelli, Menichetti, Alderotti). All. Buso 6,5. ARZANESE (4-3-3) Fiory 6,5; Nocerino 6,5, Caso 6, Riccio 6,5, Esposito 6; Tarascio 6,5, C. Manzo 5,5, Carotenuto 6; Sandomenico 6,5 (dal 36 s.t. Mascolo s.v.), Incoronato 6 (dal 20 s.t. Teneriello 5,5), Improta 5 (dal 31 s.t. Perna s.v.). (Parisi, Tommasini, Casale, Fragiello). All. Fabiano 6. ARBITRO Fogliano di Perugia 6,5. NOTE spettatori 150 circa, incasso di quasi 1.000 euro. Espulso Nocciolini al 44 s.t.; ammoniti Sandomenico e Tognarelli. Angoli 5-2. (a.f.)

ALESSANDRIA SANTARCANGELO
GIUDIZIO

1 0

POGGIBONSI MONTICHIARI

5 2

PRO PATRIA RENATE


GIUDIZIO

0 2

BELLARIA VALENZANA
GIUDIZIO

1 0

MELFI FANO

1 2

FONDI VIBONESE

2 1

NORMANNA ISOLA LIRI

2 0

GIULIANOVA CAMPOBASSO

1 1

+++

MARCATORE Ciancio al 34 p.t. ALESSANDRIA (4-4-2) Servili 6; Scarabelli 5,5, Ciancio 6,5, Cammaroto 6,5, Sabato 6; Pasino 5 (dal 40 s.t. Artico s.v.), Segarelli 6, Roselli 7, Santoni 6 (dal 19 s.t. Giardina 6); Fanucchi 5,5 (dal 34 s.t. Nocciola s.v.), Nassi 5,5. (De Marco, Patacchiola, Di Fiore, Pandiani). All. Sonzogni 6. SANTARCANGELO (4-4-1-1) Nardi 6; Arrigoni 6 (dal 21 s.t. Schiavini 5), Antoniacci 6, Del Pivo 6, Locatelli 6; Baldinini 5,5, Obeng 6,5, Bazzi 6 (dal 28 s.t. Gavoci 5,5), Zavalloni 5,5 (dal 15 s.t. Tonelli 5); Scotto 6; Ferri 6. (Bicchiarelli, Gregorio, Fabbri, Bacchiocchi). All. Angelini 6. ARBITRO Tardino di Milano 6. NOTE spettatori 1.100 circa, incasso di quasi 9.000 euro. Ammoniti Ciancio, Scarabelli, Artico, Locatelli, Antoniacci e Del Pivo. Angoli 4-4. (n.p.)

GIUDIZIO MARCATORI Florian (M) su rigore al 2, Muchetti (M) al 12, Dierna (P) al 34, Cirina (P) al 38, Dal Bosco (P) al 42 p.t.; Cirina (P) all8, Pera (P) al 15 s.t. POGGIBONSI (4-2-3-1) Sportiello 6; Cutrupi 6 (dal 19 s.t. Mugnaini 6), Dierna 6,5, Cirina 7, Bronchi 6; El Kamch 6,5, Giunchi 6,5; Dal Bosco 6,5, Settembrini 6,5, Boldrini 7,5 (dal 33 s.t. Zane s.v.); Falomi 5 (dal 1 s.t. Pera 6,5). (Gori, Doveri, Moscarino, Bigeschi). All. Fraschetti 6,5. MONTICHIARI (4-4-2) Gambardella 4,5; Giordani 4,5 (dall11 s.t. Dimas 5,5), Corallo 4,5, Verdi 4,5, Carbone 6 (dal 15 p.t. Filippini 5); Muchetti 5,5, Dolce 5, Filiciotto 5, Severgnini 5; Florian 5,5, Altobelli 5,5 (dal 1 s.t. Chemali 5,5). (Polizzi, Bettenzana, Zambelli, Agostinone). All. Criniti-Rosin 5. ARBITRO Operato di Isernia 5,5. NOTE spettatori 500 circa, incasso nc. Amm. Cutrupi, Dierna e Verdi. Angoli 12-1. (e.p.)

++++

+++

+++

MARCATORI Mazzini al 16, Mantovani al 36 s.t. PRO PATRIA (4-3-2-1) Frasca 6; Bonfanti 5,5, Nossa 5,5, Polverini 6, Pantano 5,5; Bruccini 5,5, Vignali 5,5, Cortesi 5 (dal 23 s.t. Cozzolino 6); Giannone 5,5, Artaria 5,5 (dal 34 s.t. Comi s.v.); Serafini 5,5. (Vavassori, Rudi, Gambaretti, Ghidoli, Siano). All. Didon 5,5 (squalificato Cusatis). RENATE (4-5-1) Pisseri 6; Adobati 6, Cortinovis 6, Bergamini 6, Gavazzi 6,5; Battaglino 6 (dal 36 s.t. Valerio s.v.), Mantovani 7, Cavalli 6,5, Gualdi 6, Mangiarotti 6 (dal 28 s.t. Gaeta 6); Mazzini 6,5 (dal 40 s.t. Ghezzi s.v.). (Lenzi, Ferrari, Carminati, Mastrototaro). All. Magoni 7. ARBITRO Melidoni di Frattamaggiore 6. NOTE spettatori 800 circa, incasso di 3.473 euro. Ammonito Mantovani. Angoli 2-9. (a.r.)

MARCATORE De Cenco al 14' s.t. BELLARIA (4-4-2) Venturi 6; Severi 6,5, Bamonte 6, Martinelli 6,5, Buda 6; Rolandone 5 (dal 12' s.t. Rossi 6,5), Forte 6, Briglia 6, Turchetta 6,5; Fioretti 5,5 (dal 43' s.t. Mariani s.v.), De Cenco 6,5 (dal 34' s.t. Luppi s.v.). (Renna, Fantini, Scarponi, Morena). All. Campedelli 7. VALENZANA (5-3-2) Serena 6,5; Allegrini 5,5 (dal 27' s.t. Berselli 5,5), Blondett 6, Serao 6, Della Maggiora 6, Forino 6,5; Montanari 6, Dall'Ara 5,5 (dal 20' s.t. Prandi 4,5), Chiazzolino 5,5; Miracoli 5,5, Capellini 6,5 (dal 21' s.t. Pagan 5,5). (Simoncini, Crescente, Righini, Uggeri). All. Rossi 5,5. ARBITRO Brodo di Viterbo 6. NOTE spettatori 150 circa, incasso non comunicato. Espulso Prandi al 46' s.t.; ammoniti Rolandone, Turchetta, Miracoli e Luppi. Angoli 4-2. (a.p.)

GIUDIZIO MARCATORI Marolda (F) al 27 p.t.; autorete di Moretto (M) al 4, Simeri (M) al 24 s.t. MELFI (4-3-3) Scuffia 5,5; Spirito 5,5 (dal 35 s.t. Lionetti s.v.), Gennari 5, Moretto 5 Gerolino 5,5; Viola 5, Giunta 5 (dal 1 s.t. Tirelli 5,5), Scarsella 5,5; G. Russo 5, Simeri 6, Ambrogetti 5,5. (Della Luna, R. Russo, Borin, Caprioli, Dermaku). All. Rodolfi 5,5. FANO (4-4-2) Beni 6; Colombaretti 6, Antonioli 6, Cossu 6, Amaranti 6; Noviello 6 (dal 38 s.t. Berretti s.v.), Ruscio 6, Zebi 6, Raparo 6; Marolda 6,5 (dal 44 s.t. Mucciarelli s.v.), Bartolini 6 (dal 29 s.t. Innocenti s.v.). (Orlandi, Musin, Angelelli, Di Stefano). All. Baldassarri 6. ARBITRO Petroni di Roma 5,5. NOTE spettatori 250 circa, incasso nc. Espulsi il tecnico Baldassarri al 22 s.t. e Moretto al 44 s.t.; ammoniti Ruscio, Bartolini, Noviello e Berretti. Angoli 6-5. (g.t.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Rinaldi (F) al 3, Vaccaro (F) al 15, Vitale (V) al 41 p.t. FONDI (4-4-2) Gasparri 7; Palumbo 5,5, Rinaldi 7, Conte 7, Iovinella 6 (dal 25 s.t. Pacini 6); Tamasi 5,5, Vaccaro 7, Cucciniello 6,5 (dal 45 p.t. Schettino 6), Alleruzzo 6,5 (dal 45 s.t. Chiarini s.v.); Bernasconi 6, Ricciardo 5,5. (Mezzacapo, Konate, De Matteo, Formuso). All. Parisella 6,5. VIBONESE (4-5-1) De Filippis 6,5; Di Berardino 6 (dal 43 s.t. De Francesco s.v.), DAgostino 6,5, Cosentino 5,5, Salvatori 6; Vitale 6,5 (dal 38 s.t. Mazzetto s.v.), Borghetto 5,5, Benincasa 6,5, Corapi 6,5, Saturno 5 (dal 10 s.t. Caraccio 6); Doukara 5,5. (Sara, Mercuri, Petrucci, Caridi). All. Ferrante-Viola 5,5. ARBITRO Casaluci di Lecce 5,5. NOTE spettatori 100 circa, incasso nc. Ammoniti Vaccaro, Iovinella, Doukara, Pacini e Schettino. Angoli 1-3. (a.s.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Grieco su rigore al 42 p.t.; Zampaglione al 12 s.t. NORMANNA (4-4-2) Gragnaniello 6; Diana 6 (dal 40 s.t. Monda s.v.), Campanella 5,5, Mattera 6, Vitale 6; Letizia 6,5, Zolfo 6, Gatto 6, Petagine 6,5 (dal 45 s.t. Signorelli s.v.); Zampaglione 6,5 (dal 32 s.t. Marano s.v.), Grieco 6. (Russo, Vecchione, Signorelli, Puca, Pisani). All. Romaniello 6,5. ISOLA LIRI (4-3-3) Mariosi 5,5; Paloni 5,5, Falco 5,5, Poziello 6,5, Martinelli 6; Costanzo 6, Raffaello 6, Di Lullo 5,5 (dal 44 p.t. Coletti 5,5); Bussi 6,5, Improta 5,5 (dal 1 s.t. Caira 6), Conte 6. (Fiorini, Ferrara, Lucchese, Maiorano, Bianchini). All. Grossi 5. ARBITRO Ghersini di Genova 6. NOTE spettatori 600 circa, incasso nc. Espluso Mariosi al 42 p.t.; ammoniti Diana, Paloni, Falco, Zolfo, Martinelli e Marano. Angoli 4-2. (g.ar.)

++

GIUDIZIO MARCATORI Cruz (C) al 22, Picone (G) al 39 p.t. GIULIANOVA (4-4-2) Sorrentino 6; Cavasinni 5,5 (dal 1 s.t. Bont 6), Testoni 6, Faragalli 6, F. Bruno 5,5 (dal 16 s.t. Pirelli 5,5); Del Grosso 6,5, Della Penna 6 (dal 38 s.t. DAniello s.v.), DAlessandro 6,5, Carbonaro 5; Giustini 5,5, Picone 7. (Merletti, Palandrani, Rinaldi, Valori). All. De Patre 6. CAMPOBASSO (4-4-2) Splendido 6,5; Fatticcioni 6, Mateo 5,5 (dal 7 s.t. Volpicella 6), Scudieri 5,5, Esposito 6; Forgione 6 (dal 45 s.t. Mazza s.v.), Cirillo 5,5, Fazio 6 (dal 23 s.t. Todino 6), Viscido 6; Balistreri 5,5, Cruz 6,5. (Compare, Fassari, L. Bruno, Baldares). All. Imbimbo 6. ARBITRO Verdenelli di Foligno 6. NOTE spettatori 700 circa, incasso di 2.333,93 euro. Espulso Carbonaro al 25 s.t.; ammoniti Carbonaro, Cruz, Fatticcioni, Balistreri, Cirillo e Viscido. Angoli 3-1. (g.a.)

+++

CLASSIFICA
SQUADRE CASALE RIMINI TREVISO (-1) CUNEO SAN MARINO ENTELLA POGGIBONSI RENATE GIACOMENSE ALESSANDRIA (-2) BELLARIA MANTOVA MONTICHIARI (-1) SAVONA (-4) PARTITE RETI G V N P F S 43 21 13 4 4 32 15 42 21 13 3 5 27 18 40 21 11 8 2 36 18 38 21 12 2 7 35 27 34 21 10 4 7 39 27 30 21 8 6 7 28 20 29 21 8 5 8 32 28 27 21 7 6 8 22 21 26 21 6 8 7 29 33 25 21 7 6 8 24 26 25 21 6 7 8 22 27 24 21 5 9 7 21 27 24 21 7 4 10 26 33 22 21 6 8 7 24 22 PT

RISULTATI
ALESSANDRIA-SANTARCANGELO BELLARIA-VALENZANA CASALE-SAMBONIFACESE CUNEO-GIACOMENSE LECCO-ENTELLA MANTOVA-SAN MARINO POGGIBONSI-MONTICHIARI PRO PATRIA-RENATE RIMINI-BORGO A BUGGIANO SAVONA-TREVISO 1-0 1-0 2-0 2-1 0-3 0-0 5-2 0-2 2-0 1-1

REGOLAMENTO

CLASSIFICA
SQUADRE PERUGIA L'AQUILA CATANZARO PAGANESE CHIETI GAVORRANO ARZANESE APRILIA GIULIANOVA NORMANNA (-1) FANO (-5) MILAZZO NEAPOLIS (-2) VIBONESE FONDI EBOLITANA (-1) ISOLA LIRI (-2) MELFI (-4) CELANO PARTITE RETI G V N P F S 49 22 15 4 3 35 16 44 22 12 8 2 26 10 43 22 12 7 3 31 15 40 22 11 7 4 27 16 34 22 10 4 8 30 25 32 22 8 8 6 34 27 31 22 7 10 5 26 27 29 21 8 5 8 32 27 29 22 8 5 9 26 27 28 22 7 8 7 17 18 7 8 21 24 24 22 8 5 9 26 27 23 22 5 8 9 17 22 22 22 5 9 8 26 33 22 22 5 7 10 24 31 22 22 6 4 12 20 30 22 22 6 5 11 19 33 17 21 5 4 12 22 28 16 22 5 5 12 23 34 13 22 3 4 15 20 44 PT

RISULTATI
CHIETI-PERUGIA FONDI-VIBONESE GAVORRANO-ARZANESE GIULIANOVA-CAMPOBASSO L'AQUILA-EBOLITANA MELFI-FANO NEAPOLIS-CATANZARO NORMANNA-ISOLA LIRI PAGANESE-MILAZZO VIGOR LAMEZIA-CELANO ha riposato APRILIA 0-1 2-1 0-0 1-1 3-0 1-2 0-2 2-0 1-0 2-1

COPPA ITALIA

Sei promozioni Retrocedono in 9 con nuovi playout


Ecco il regolamento della Seconda divisione. PROMOZIONI Salgono dirette le prime due dei rispettivi gironi, pi le due vincenti dei playoff: sono ammessi terza, quarta, quinta, sesta e lo svolgimento il solito. RETROCESSIONI Scendono dirette le ultime tre dei due gironi e altre tre dopo i nuovi playout: si sfidano quartultima e quintultima di ogni girone (andata e ritorno) e chi perde retrocede, le due vincenti si affrontano (andata, ritorno e rigori) e chi perde retrocede.

VIGOR LAMEZIA 41 22 11 8 3 29 17

Mercoled il via: nuova formula con quattro gironi


Mercoled torna la coppa Italia, con la nuova formula: quattro gironi da tre squadre, le cui vincenti vanno in semifinale. Ecco il programma della prima giornata (ore 14.30): GIRONE A LumezzaneTritium (riposa Piacenza) GIRONE B SpalCarpi (riposa Spezia) GIRONE C LancianoLatina (riposa Pisa) GIRONE D AndriaCatanzaro (riposa Foggia). Gli altri due turni sono mercoled 8 e 22 febbraio.

SANTARCANGELO 30 21 9 3 9 24 23

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 22 GENNAIO ORE 14.30 BORGO A BUGGIANO-ALESSANDRIA CASALE-BELLARIA ENTELLA-POGGIBONSI GIACOMENSE-MONTICHIARI PRO PATRIA-LECCO RENATE-MANTOVA SAMBONIFACESE-CUNEO SAN MARINO-TREVISO SANTARCANGELO-RIMINI VALENZANA-SAVONA (4-1) (1-2) (0-2) (2-1) (2-1) (0-1) (1-4) (0-2) (1-0 (1-2)

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 22 GENNAIO ORE 14.30 ARZANESE-GIULIANOVA CAMPOBASSO-APRILIA CELANO-NORMANNA EBOLITANA-NEAPOLIS FANO-GAVORRANO FONDI-CHIETI ISOLA LIRI-PAGANESE MILAZZO-VIGOR LAMEZIA PERUGIA-MELFI VIBONESE-L'AQUILA Riposa CATANZARO (2-1) (2-0) (0-1) (0-0) (1-2) (0-3) (1-2) (1-2) (2-0) (0-1)

CAMPOBASSO (-2) 26 22 7

BORGO A BUGGIANO 24 21 6 6 9 24 28

MARCATORI
14 RETI Lapadula (San Marino). 11 RETI Rosso (1, Entella); Perna (3, Treviso). 10 RETI Pera (3. Poggibonsi). 9 RETI Taddei (Casale); Varricchio (Cuneo); Ferretti (Treviso).

SAMBONIFACESE 22 21 6 4 11 22 37 PRO PATRIA (-13) 21 21 9 7 5 26 19 VALENZANA LECCO 14 21 3 5 13 18 34 13 21 2 7 12 14 42

MARCATORI
17 RETI Fioretti (5, Gavorrano). 15 RETI Clemente (4, Perugia). 11 RETI Ceccarelli (3, Aprilia). 10 RETI L. Orlando (1, Paganese). 9 RETI Carotenuto (3, Arzanese); Balistreri (3, Campobasso); Doukara (Vibonese).

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

38

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

39

MOTORI

identiKit & CARRIERA

v Peterehansel
Stephane Peterhansel festeggia la 10 vittoria alla Dakar, la prima in Sud America AP

BIASION CHE FINALE

il ricordo
di PIERO FERRARI

Centra la decima Dakar a 46 anni con la Mini


ELISABETTA CARACCIOLO LIMA (Per)

stata la prima nel 91, dopo 4 tentativi.


Talismano Il vincitore confessa una piccola superstizione. Nelle 6 vittorie in moto avevo al collo una bandana: questanno lho sempre tenuta in tasca. Col mio navigatore temevamo di essere invecchiati, di non essere pi in grado di vincere. Invece abbiamo raggiunto il nostro obiettivo.

Non ha mai parlato tanto in vita sua Stephane Peterhansel. La riservatezza e il viso sempre impenetrabile si sciolgono dopo lultima speciale della 33a Dakar, la quarta in Sud America. Ha appena conquistato la sua 10a Dakar e abbraccia tutti, in particolare il copilota di sempre, Polo Cottret, con cui ha vinto 4 volte.
Fatica incredibile quanto

se ci sono anche il connazionale Cyril Despres, al 4o centro in moto, e lolandese Gerard De Rooy che nei camion bissa dopo 25 anni il successo di pap Jan, questa volta al volante di un italianissimo Iveco. Il suo compagno Miki Biasion si accontenta di vincere lultima tappa ed 6o alla fine.
Debutto Alessandro Botturi por-

La Mini di Peterhansel REUTERS

Il trionfo 92 SOLDANO

sia complicato vincere una gara. Averlo fatto 10 volte mi sembra quasi impossibile. La lunga attesa finalmente finita. Sono 5 anni che aspetto questo momento. Ci tenevo a trionfare in Sud America. Una delle sue vittorie pi belle, anche se dice che la pi bella

Credevo di essere vecchio... Despres 1o nelle moto

Programmi Cos, questo ragaz-

zo di 46 anni, che alla Dakar ha trovato anche lamore, Andrea Mayer, una ragazza tedesca che correva pagando di tasca sua, pensa gi al futuro. Non sicuro di poter lasciare questo mondo che non esita a definire eccitante ed esaltante. Sa comunque che non sar tanto facile battere il mio record.
Poker A festeggiare con il france-

ta a casa un titolo miglior debuttante di sempre, 8o assoluto, con un grande risultato di gruppo del Team Bordone Ferrari: 4o Viladoms, 7o Farres, 18o Ceci. Al traguardo per i colori italiani anche Franco Picco, 44o e secondo di classe, Filippo Ciotti, 49o, Claudio Pederzoli 67o, Tonetti (esordiente 23enne) 75o e Astori 91o. E poi, Tonetti (quad), Silvio e Tito Totani (auto), Rickler, Calzi, Verzeletti e Cabini (camion).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Moto 1. Ullevalseter (Nor-Ktm) in 2226" 2. Coma (Spa-Ktm) a 108" 7. Botturi a (Ktm) 632" 10. Despres (Fra-Ktm) a 1051" Generale 1. Despres in 43h2811 2. Coma a 5320" 8. Botturi a 2h594" Auto 1. Gordon (Usa-Hummer) in 2243"; 2. Dos Santos (Por-Mini) a 21"; 10. Peterhansel (Fra-Mini) a 312 Generale 1. Peterhansel in 38h5446" 2. Roma (Spa-Mini) a 4156" 66. Totani (Mitsubishi) 12h4937" Camion 1. Biasion (Iveco) in 2722; 2. Mardeev (Rus-Kamaz) a 126" 3. Stacey (Ola-Iveco) a 143" Generale 1. de Rooy (Ola-Iveco) 6. Biasion (Iveco)
La 333SP di Moretti AP

Fu Moretti a darci lidea della 333 SP


Con Giampiero Moretti (scomparso sabato a Milano a 67 anni; n.d.r.) ho condiviso una lunga storia: stato fornitore, cliente della Ferrari e soprattutto un amico. Ci siamo conosciuti nel 1965 quando io sono entrato nellazienda di mio padre e lui aveva appena dato vita alla sua di volanti, la Momo. Cominci, fornendo quelli in pelle per la nostra GTB. Ricordo che fu proprio lui a spingere il progetto della 333 SP, la Sport che corse e vinse a met degli anni Novanta il campionato Imsa in Nord America. Ed stato proprio con quella macchina che Moretti ha ottenuto la soddisfazione pi bella, vincendo la 24 Ore di Daytona. Oltre che pilota gentleman Moretti stato anche un grande imprenditore. Aveva occhio, gusto, stile. Era bravo a capire mode. Ho parlato con lui per l'ultima volta due giorni prima di Natale; mi disse che era in ospedale, gli promisi di andarlo a trovare dopo le vacanze, purtroppo non stato possibile. Adesso che non c pi per lo voglio ricordare solo come un amico affettuoso, un trascinatore e conservare negli occhi la sua immagine della vittoria pi bella.

CICLISMO IN AUSTRALIA IL DOWN UNDER CLASSIC DI ADELAIDE APRE IL 2012

Prima volata a Hulk Greipel Che passione: 110 mila tifosi


Il tedesco giunto terzo al Mondiale Petacchi chiude 10
FEDERICO MINELLA ADELAIDE (Australia)

2 TAPPE RADUNO ALLE CANARIE AL GIRO

d
S

Taccuino
DA LUNED 23 SI CORRE

Contador torna

Nibali argentino
Vincenzo Nibali e i compagni della Liquigas, tra i quali Elia Viviani, so no gi da qualche giorno in Argenti na. Gioved saliranno in aereo an che il tricolore Giovanni Visconti, Andrea Guardini e Filippo Pozzato. Viaggio lungo, di almeno 24 ore, poi da luned 23 prender il via il Tour de San Luis. Tra le stelle stra niere brillano i nomi di Alberto Contador e Tom Boonen. Sette le tap pe: la 1, 2, la 6 e la 7a per i veloci sti; due arrivi in salita, 3 e 5 (nel finale punte al 16% di pendenza) e una crono, 4 tappa, di 19,5 km.

Ancora un successo per la kermesse del Down Under Classic, antipasto della corsa a tappe che scatter domani. Tre anni fa, questa era stata la gara del secondo ritorno agonistico di Armstrong; poi i trionfi dellaustraliano Cadel Evans al Mondiale 2009 e al Tour 2011 hanno contribuito ad accrescere la passione dei tifosi, tanto che ieri cerano 110 mila persone ad applaudire i protagonisti della prima volata dellanno. Nel circuito di Adelaide (51 km) si imposto Andr Hulk Greipel, 3 al Mondiale 2011 alle spalle di Cavendish e Goss. Il possente tedesco, passato dallOmega-Lotto (lo stesso team di Gilbert) alla Lotto Belisol, viene da Rostock, la citt di Jan Ullrich.

Andr Greipel, 29 anni, batte Boasson Hagen e Haussler: Alessandro Petacchi, 10, allestrema destra BETTINI

Ha battuto il norvegese Edvald Boasson Hagen (Sky) e l'australiano Heinrich Haussler (Garmin-Barracuda), poi Rojas, Van Hoff, Cantwell, Sutton, I. Gutierrez, Henderson e Alessandro Petacchi, 10. Il velocista della Lampre-Isd non aveva mai cominciato cos presto la stagione ed era al debutto nella prova australiana. Era solo un circuito ha detto lo spezzino, 38 anni , ma stata loccasione per provare gli automatismi con i

miei compagni, soprattutto con i nuovi del treno. Nel finale abbiamo voluto provare a rimanere davanti, per non me la sentivo di rischiare troppo. Da marted si far sul serio. Il nuovo treno della Lampre-Isd di Petacchi composto da Graziato, Vigan, Cimolai e Hondo. Il piazzamento degli altri italiani: Sabatini 19, Paolini 30, Vigan 31, Selvaggi 33; Canuti 49, Ballan 65, Bennati 68 e Cimolai 70.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Andr Greipel (sopra, ieri sul podio) nato il 16 luglio 1982 a Rostock (Germania), sul mar Baltico. Pro dal 2005, ha ottenuto 69 vittorie, tra cui 2 tappe al Giro (Locarno 2008 e Brescia 2010), 1 al Tour (Carmaux 2011) e 4 alla Vuelta; 3 al Mondiale 2011. Dal 2007 al 2010 stato compagno di Mark Cavendish nella HtcColumbia
FOTO BETTINI

Si chiuso ieri a Gran Canaria (Spa gna) il secondo raduno stagionale della Saxo Bank di Alberto Conta dor. Il fuoriclasse spagnolo, ancora in attesa del giudizio da parte del Tas, s dichiarato molto soddisfat to di questo blocco di lavoro inizia to il 5 gennaio. Clima splendido e ottimi percorsi. Abbiamo potuto lavorare molto bene, ha dichiara to la maglia rosa. Contador e com pagni sono stai ospiti dellEmerald Club, una splendida struttura cir condata da campi di golf di proprie t dellAnfi, sponsor della squadra.

PISTA A PECHINO

COPPAMONDO CROSS

Madison: Italia 8 Domina Stybar


Si chiusa a Pechino la 3 prova di Coppa del Mondo su pista. Gli azzur ri Fabio Masotti e Angelo Ciccone (Gs Fiamme Azzurre) sono giunti ot tavi nellAmericana; nellOmnium, specialit in cui Elia Viviani sta inse guendo la qualificazione olimpica, Omar Bertazzo ha chiuso 18. ZANDEGU - Ieri a Treviglio (Berga mo) Dino Zandeg per la carriera e lo junior Fausto Masnada come pro messa hanno ricevuto il Calice d'oro 2011, tradizionale premio an nuale della U.C.Trevigliese. (m. gaz.) Il ceco e iridato Zdenek Stybar (Omega Pharma Quick Step) ha vinto la 7 prova della Cop pa del Mondo di cross a Livin (Francia). Ha preceduto di 16 il bel ga e leader di Coppa, Pauwels, e di 30 il connazionale Simunek. Primo degli italiani Enrico Franzoi, 23 a 158. Donne: vittoria dellolandese Marianne Vos con 48 sulla conna zionale e leader di Coppa, Van den Brand. Under 23: il tricolore Elia Silvestri nono a 45 dal vincitore, lolandese Lars Van der Haar. Juniores: 12 Gioele Bertolini

40

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

SPORT INVERNALI SCI: COPPA DEL MONDO


NUMERI DA RECORD PER LAMERICANA

Vittorie in Coppa per Lindsey Vonn, ora 3 delle plurivincitrici dietro a Moser Proell (62) e Schneider (55)

47

Vittorie a Cortina per la Vonn (record Goetschl: 10). Linsey ha vinto il quarto superG di fila sullOlympia

SuperG vinti dalla Vonn, che eguaglia il primato delle vittorie nella specialit che apparteneva alla Goetschl

17

Trionfi stagionali per la Vonn: 2 discese, 3 superG e un gigante. Ma non vinceva dal 7 dicembre 2011

Punti vantaggio della Vonn sulla slovena Tina Maze, numero 2 della classifica di Coppa (884 a 593)

291

La Vonn riparte, la Maze si diverte


Lindsey si prende il superG a Cortina. Tina e il reggiseno anti-Fis: Non sono affari vostri. La Merighetti non si ripete
DAL NOSTRO INVIATO

MARISA POLI CORTINA (Belluno)

Lindsey Vonn ha ripreso la marcia. Cinque settimane senza vittoria e poi a Cortina, dove per la prima volta salita sul podio nel gennaio 2004, la cannibale dello sci ha di nuovo messo la freccia. Il superG suo, di prepotenza, come dicono i 61 centesimi rifilati allamica ritrovata Maria Riesch e altri 86 su Tina Maze. In pratica si rivisto lo stesso ordine darrivo della discesa di sabato, manca solo Daniela Merighetti, ma dopo il primo trionfo in Coppa, Dada ha infilato tre grossi errori e ha chiuso fuori dalla zona punti.
Limite Quando non sto bene

superG velocissimo con un paio di trappole, costate luscita a 15 su 54 al via, bisognava prendere dei rischi e la Vonn lha fatto, con gli sci che due stagioni fa utilizzava Bode Miller. Ho sciato al limite, due o tre volte o rischiato di uscire. E stata dura ricostruire la fiducia in una settimana, ma ce lho fatta la ricetta che la mette di nuovo davanti a tutte, per la sesta volta in stagioNon sono affari vostri: questo il messaggio che la slovena Maze ha scritto sul reggiseno, mostrato allarrivo. Riferimento alla decisione-non decisione della Fis sul suo sottotuta ANSA

ne, per allungare di nuovo nella classifica di Coppa del Mondo (ora ha quasi 300 punti sulla Maze).
Record Sesto successo a Cortina, quarto superG di fila vinto sotto le Tofane per Lindsey, che ha sempre nuovi altri primati nel mirino. Sbatte le ciglia Lindsey e con un filo di finta modestia ammette: I record sono importanti per me.

E la storia del nostro sport, qualcosa di cui puoi essere orgogliosa quando hai finito la carriera. Quando ho cominciato non avrei mai immaginato di vincere cos tanto, non posso credere di essere davanti alla Goetschl, che stata un modello per me. Ma, in verit, gi ai tempi del matrimonio con Thomas aveva aperto la caccia al primato di vittorie in Coppa del Mondo della Proell (ora gliene mancano 15) e per festeggiare il ritorno al successo passer un paio di giorni a Venezia con la sorella.
Maze A Cortina rimane ad allenarsi ancora un giorno Tina Maze, sempre pi seconda forza della Coppa femminile. A chiudere le polemiche del sottotuta, la slovena ieri si aperta la tuta e ha mostrato in tv il reggiseno con la scritta Not your business. Chiaro riferimento alle polemiche che la Federazione internazionale ha chiuso consigliando di non usare lintimo tecnologi-

co. Volevo scherzarci su ha spiegato Tina , perch non ho capito la risposta della Fis. Hanno detto che la tuta non irregolare, ma sarebbe meglio non usarla. Avrei preferito un si o un no.
Azzurre Giornata con pi ombre che luci per le azzurre. Detto della Merighetti (Basta poco per tornare indietro. Quando sbaglio fatico a ritrovare la concentrazione, successo anche qui), non ha brillato nemmeno Johanna Schnarf (21), mentre Elena Curtoni (12 e migliore delle nostre) continua il percorso di avvicinamento alle grandi. Ferma ai box Lucia Recchia, a causa del dolore al ginocchio sinistro. Prossima tappa Kranjska Gora, dove Francesca Marsaglia sar promossa slalomista al posto della Gius.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lindsey Vonn, 27 anni: la statunitense vanta un oro (discesa) e un bronzo (superG) ai Giochi di Vancouver ANSA E AP

fisicamente non riesco a spingere come voglio la spiegazione di Lindsey delle ultime due settimane sottotono. A Cortina ha interrotto il digiuno che durava dal 7 dicembre a Beaver Creek. Per vincere un

SLALOM A WENGEN IL CROATO AL SECONDO SUCCESSO IN TRE GIORNI DOPO LA SUPERCOMBINATA DI VENERDI

risultati
SLALOM UOMINI A WENGEN (SVI) 1. Kostelic (Cro) 145"67; 2. Myhrer (Sve) a 0"85; 3. Dopfer (Ger) a 0"88; 4. Matt (Aut) a 0"92; 5. Neureuther (Ger) a 0"93; 6. DEVILLE a 1"20; 7. GROSS a 1"34; 8. Pinturault (Fra) a 1"37; 9. Myhre (Nor) a 1"40; 10. Byggmark (Sve) a 1"56; 11. Baeck (Sve) a 1"59; 12. Pranger (Aut) a 1"78; 13. THALER a 2"04; 14. Dreier (Aut) a 2"12; 15. Raich (Aut) a 2"16; 16. RAZZOLI a 2"24. Usciti 1 manche: Missillier (Fra), Ligety (Usa), MOELGG, BORSOTTI. Sq. Hirscher (Aut). Coppa del Mondo (19 prove): 1. Hirscher (Aut) 725; 2. Kostelic (Cro) 695; 3. Feuz (Svi) 545; 15. Deville 270. Coppa slalom (6 prove): 1. Kostelic (Cro) 485; 2. Hirscher (Aut) 360; 3. Myhrer (Sve) 295; 4. Deville 270. Prossime gare: venerd, sabato e domenica a Kitzbuehel (Aut) superG, discesa, slalom e combinata. SUPERG DONNE A CORTINA 1. Vonn (Usa) 126"16; 2. Riesch (Ger) a 61/100; 3. Maze (Slo) a 86/100; 4. Goergl (Aut) 1 97/100; 5. Mancuso (Usa) a 98/100; 6. Lindell-Vikarby (Sve) 1"03; 7. Gut (Svi) a 1"20; 8. Suter (Svi) a 1"50; 9. Paerson (Sve) a 1"52; 10. Smith (Usa) a 1"80; 11. Hosp (Aut) a 1"86; 12. E. CURTONI a 1"96; 13. Ross (Usa) a 1"98; 14. Fischbacher (Aut) a 2"07; 15. Rolland (Fra) a 2"21; 21. SCHNARF a 2"61; 24. E. FANCHINI a 2"74; 27. MARSAGLIA a 2"88; 30. BRIGNONE a 3"39; 34. MERIGHETTI a 4"22. Rit. STUFFER, Weirather (Lie). N.p. RECCHIA. Coppa del Mondo (16 prove): 1. Vonn (Usa) 884; 2. Maze (Slo) 593; 3. M. Schild (Aut) 540; 19. Merighetti 182. Coppa superG (4 prove): 1. Vonn (Usa) 313; 2. Suter (Svi) 226; 3. Fenninger (Aut) 213; 14. Schnarf 70. Prossime gare. Sabato e domenica a Kranjska Gora (Slo) gigante e slalom. COPPA EUROPA (s.f.) In coppa Europa a Meribel (Fra), De Aliprandini 8 nel gigante vinto da Jazbec (slo).

Kostelic d lezioni, Deville ci illude: 6


Gross settimo in rimonta con un numero da applausi. Moelgg fuori, Razzoli 16 e in ritardo: Poco allenato
DAL NOSTRO INVIATO

PIERANGELO MOLINARO WENGEN (Svizzera)

Inchiniamoci. Onoriamo Ivica Kostelic, il vero re dello slalom. LItalia ha uno squadrone, ma il croato da tre stagioni fra le porte strette davvero di un altro pianeta. Ieri Ivica ha vinto il terzo slalom stagionale su sei, dando una lezione di come vada interpretata questa specialit. Con una seconda manche incredibile ha mandato fuorigiri il nostro Deville e laustriaco Matt, che dopo la prima manche guidava la classifica con 2/100 di secondo di vantaggio sullazzurro e tre su Kostelic. In slalom difficile dosare lattacco, ci riescono solo i grandissimi, come Tomba e prima di lui Stenmark. Ivica lo fa benissimo. Prima manche senza il minimo rischio, la seconda a tutta.
La differenza Kostelic il numero uno perch nella sua azione ha un margine di sicurezza straordinario. Il suo corpo sempre in asse, la linea di gravit non esce mai dal perpendicolo dei suoi sci. Laustriaco Hirscher, che ha esultato al traguardo della prima manche no-

nostante sapesse che un palo fosse passato sotto i suoi sci, forse pi spettacolare con quellindipendenza di gambe, ma la sua una sciata molto rischiosa. Ivica pare forse pi lento, ma non un caso che in sei slalom il suo peggior piazzamento sia il quinto posto dellAlta Badia. Ha sparato il miglior tem-

nella prima manche. Ma ci sono rimasto male quando ho guardato il tabellone ha detto Deville al traguardo pensavo di essere stato pi veloce. Loccasione lha buttata via nella prima manche quando non ha sfruttato il numero 1 di partenza: Neureuther e Hirscher hanno dimostrato che si poteva attaccare di pi. Peccato. Ma in gran forma ed ha due occasioni davanti nei prossimi 10 giorni, a Kitzbuhel e Schladming.
Gli altri azzurri In grande condizione pure Gross, decimo dopo la prima manche e alle spalle di Deville alla fine. Nella seconda sono partito forte afferma ma poi ho fatto un numero per rimanere dentro... Se non ero in gran forma ero fuori. Ora spero che questo piazzamento mi porti nei primi 15 della lista di partenza, se ce la faccio, la musica cambia. Sono queste le punte azzurre del momento. Moelgg stato sfortunato mentre stava costruendo nella prima discesa un grande risultato, si trovato a terra a poche porte dalla fine. Thaler sul muro di Wengen ha pensato ad arrivare per migliorare il numero di partenza. Il pi in ritardo sembra Razzoli, troppo lento

Gli slalom vinti di fila da Ivica Kostelic a Wengen (6 i successi totali): era riuscito solo a Stenmark 1976-77-78
po della seconda manche nonostante una pista gi molto segnata. Le prove generali le aveva fatte venerd con unaltra spettacolare manche che gli aveva permesso un recupero vincente nella supercombinata.
Cristian Italia a bocca asciutta anche se pareva la volta buona per la prima volta di Deville. Il trentino di Moena si piazzato sesto davanti al sempre pi positivo Gross. Tredicesimo Thaler, 16 Razzoli, fuori Moelgg

Ivica Kostelic, 32 anni e 22 vittorie in Coppa del Mondo REUTERS

su pendenze come quelle di Wengen. Non bello il modo in cui scio, ma se cerco di spingere vado fuori. Mi sento poco allenato, con lincidente alla spalla ho perso il momento pi importante della preparazione. Lo aspettiamo. Venerd nellalbergo che ospita gli azzurri Innerhofer gli ha detto la cosa giusta: Giuliano stai tranquillo. Non siamo diventati brocchi di colpo, noi che abbiamo vinto sappiamo prima o poi ritrovare la strada.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ieri Innerhofer e il rugbista Andrea Masi erano a Milano per le sfilate di Giorgio Armani

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

Pittin
E nata una stella Clamorosa tripletta!
Combinata: terzo trionfo in tre giorni, ora punta alla Coppa
STEFANO ARCOBELLI

TUTTI I RISULTATI

FONDO AL PARCO SEMPIONE

Alessandro Pittin, 21 anni, bronzo olimpico 2010 AP

Senza limiti, senza freni. Ora Alessandro Pittin salta pure bene mentre il rivale, il francese Jason Lamy Chappuis affonda: luno lanciato nella nuvola, laltro a pezzi nella sua neve. Il bronzo olimpico dItalia confeziona la terza vittoria consecutiva di Coppa del Mondo, stavolta rendendosi la vita insolitamente pi facile: azzecca il salto, cos non si spreme nel fondo. Col quarto punteggio nel salto da 112.5 metri e un gap di appena 10" alla partenza della 10 km inseguimento dal tedesco Tino Edelmann davvero nulla se si ricorda limpresa di sabato con un handicap da 124" , il friulano inarrestabile se la prende quasi comoda nel primo giro, per poi seminare il vuoto, staccare due norvegesi, Graabak e Kokslien e concedersi meno patemi allarrivo, quasi passeggiando. Un altro capo-

lavoro, diverso nella costruzione, ma sempre di nuova impresa si tratta: qualcosa che fa ricordare laustriaco Felix Gottwald, capace di dominare sia nel salto sia con gli sci. My way e diventa questo il nuovo slogan del 21enne che riduce pure il distacco dal leader di Coppa, il francese, a 92 punti, nel pieno di una stagione che vedr nel primo weekend di febbraio le gare in Val di Fiemme.
Tripletta Non capita spesso di gareggiare tre giorni di fila nella combinata nordica: Pittin ha trovato a Chaux Neuve il posto ideale per esaltarsi, in modo diverso, in un crescendo irresistibile: da vero portento di una disciplina che praticano solo gli uomini. Testa, talento, cuore e una testa forte cos: a questo Pittin non manca nulla, a questo punto, per sentirsi il migliore del circuito. Ostinato e testardo come i campioni di razza, cercava una prova convincente in volo e lha trovata

Insomma: fa pure listrione.

Bene nel salto, vola nel fondo Incredibile. Non avevo mai vinto, ho dominato
quando magari la stanchezza poteva cominciare a farsi sentire e un certo appagamento dopo due vittorie di fila poteva farlo rifiatare. No, come ribadisce il suo allenatore Sepp Chenetti, che stavolta pu congratularsi col collega del salto Fabian Ebenoch (lex del salto rosa), il ragazzo di Cercivento non sente la fatica, si fa beffe degli avversari e quando entra in gara ha listinto di chi non intende lasciare scampo. Voleva regalarsi un arrivederci alla stazione che gli ha offerto un trittico indimenticabile con un inchino-ringraziamento al pubblico, cercava la bandiera dellorgoglio italiano e ha tagliato il traguardo mimando il telemark.

Chiave Finge solo stupore, ma

in verit sincero lAle-jet di ieri: Non so cosa dire di fronte a questi risultati: stavolta ho fatto un gran bel salto e questa stata la chiave. Cos sono partito con un ottimo vantaggio sugli specialisti del fondo, Kokslien e gli altri. E stato facile nel fondo, mi son gestito e quando nel secondo giro sono andato via, lho fatto solo per evitare pericolosi rientri degli avversari: per fortuna nessuno teneva il mio ritmo, reagiva. E poi nel secondo giro sono andato via, alla mia maniera, "on my way". Vincere la sfera di cristallo? Vedremo, ora ci sono Val di Fiemme e Predazzo: la stagione lunga. Per ora tutto questo raccolto mi sembra fantastico: tre volte in casa del primo della classe senza aver mai vinto prima. Impensabile alla vigilia. Tutto andato per il verso giusto, cercher di ripetermi. Avevate dubbi?
RIPRODUZIONE RISERVATA

SNOWBOARD NELLO SLALOM PARALLELO DI BAD GASTEIN (AUSTRIA)

Fischnaller-March Che sorpasso a casa di Karl


Doppietta: Aaron elimina laustriaco, Fisch lo batte in finale ed leader di Coppa. Poi supera un vigile: multa
SIMONE BATTAGGIA

Roland Fischnaller, 32 anni, 5 vittoria in Coppa KRAUS

Dice che il vero successo di ieri sia stato non farsi ritirare la patente fuori da Bad Gastein, dopo la gara, per aver sorpassato dove non poteva la macchina di una poliziotta in borghese. Probabilmente il trovarsi di fronte al vincitore dello slalom parallelo ha ammorbidito il cuore dellagente, che si accontentata di una multa, ma questa mattina, quando ci ripenser, a Roland Fischnaller rimarr soprattutto il gusto della rivincita. Perch battere Benjamin Karl a casa sua, e strappargli il pettorale di leader di Coppa del Mondo, una soddisfazione come poche.
Dominio azzurro Se poi il trionfo

completato dal secondo posto di Aaron March, allora lItalia

pu davvero dire di essere tornata a comandare tra le porte strette. Dal marzo 2010 a Mosca, i due azzurri hanno centrato 14 podi nelle ultime 11 gare della specialit, da Sochi 2014 nel programma olimpico. Due le triplette Limone 2010, Landgraaf 2011 e Bad 2012 , tutte chiuse con la vittoria di Fischnaller. Perch sono pi vecchio spiega con un sorriso "Fisch", 31 anni e 5 vittorie in Coppa, tutte dal dicembre 2010 a oggi , e nello slalom parallelo lesperienza conta. Qui per Aaron mi arrivato davvero vicino (29/100 di distacco in finale, ndr) e sono sicuro che sulla rampa di Mosca sar favorito. Sono fiero della mia tenuta mentale: a differenza di venerd a Jauerling, dove cera neve mista a ghiaccio e sassi, a Bad il fondo era perfetto, ma la pista ripida era pi adatta ad altri. In

battevo da Mosca 2010.

Negli ultimi 11 slalom paralleli di Coppa, lItalia ha conquistato 5 vittorie e 14 podi


pi ho gareggiato con una tavola nuova, mai provata nemmeno in allenamento. stato un rischio, ma andata bene.
Lo zampino di Aaron March pu

essere fiero del proprio secondo posto: nono dopo le qualifiche, ai quarti ha eliminato Benjamin Karl dopo due run spettacolari. Dopo la prima ero dietro di 3 centesimi, nella seconda continuavamo a essere spalla a spalla ma al traguardo credevo di essere rimasto dietro, e invece il "+0.07" era dalla parte sua. Era ora, non lo

Sforzo gigante In settimana gli azzurri riprenderanno ad allenarsi a San Vigilio di Marebbe, con unattenzione particolare al gigante. Tra le ultime cinque tappe della Coppa di parallelo, infatti, ci sar solo uno slalom. Vale a dire che Fischnaller dovr difendere il primo posto in Coppa sul terreno preferito di Karl. Lultimo precedente sorride allazzurro, che a fine dicembre a Carezza ha vinto per la prima volta nella specialit battendo in finale proprio laustriaco. Ma serve lavorare ancora. Ci attendiamo molto dalla squadra chiude il direttore tecnico Cesare Pisoni , da Erlacher fino a March, che anche in gigante sta andando forte. Finch si parla di pista e tavole, del resto, le multe non arrivano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Combinata nordica Hs 118+10 km ins. a Chaux Neuve (Fra) Arrivo: 1. PITTIN 2218"1 (4); 2. Graabak (Nor) a 16"5 (10); 3. Kokslien (Nor) a 17"5 (24); 4. Lacroix (Fra) a 18"1; 7. Watabe (Gia) a 21"; 19. BAUER a 54"; 25. Lamy Chappuis (Fra) a 115"9 (29); 28. MICHIELLI a 124"7; 36. RUNGGALDIER a 147"3 Coppa: 1. Lamy Chappuis(Fra) 756; 2. PITTIN 648; 3. Watabe (Gia) 528 Fondo Sprint tl a coppie a Milano Uomini: 1. Petukhov-Morilov (Rus); 2. Halfvarsson-T.Peterson (Sve); 3. HOFER-SCOLA; 4. GloersenBrandsdal (Nor); 5. Jay-Darragon (Fra); 6. Pentsinen-Strandvall (Fin); 7. R.PASINI-PELLEGRINO; 22. F.PASINI-NOECKLER; 23. FRASNELLIZATTONI Donne: 1. Brodin-Ingemarsdotter (Sve); 2. Diggins-Randall (Usa); 3. Jones-Crawford (Can); 4. Eide-Falla (Nor), 5. KylloenenSarasoja (Fin); 11. BROCARDVUERICH; 16. DEBERTOLIS-LAURENT Snowboard Slalom parallelo a Bad Gastein (Aut) Uomini: 1. FISCHNALLER; 2. MARCH; 3. Flander (Slo); 4. Bussler (Ger); 5. Karl (Aut); 19. Prommegger (Aut); 27. ERLACHER; 31. MICK. Coppa (6 su 12): 1. Fischnaller 4130; 2. Karl (Aut) 3570; 3. Prommegger (Aut) 3470; 4. March 2760 Donne: 1. Kummer (Svi); 2. Zogg (Svi); 3. Kreiner (Aut); 4. Takeuchi (Giap); 19. BOCCACINI; 24. OCHNER; 27. TRIBUS. Coppa: 1. Kummer (Svi) 3640; 2. Maegert-Kohli (Svi) 2640; 18. OCHNER 968

Il trenino maschile e il muro di folla di Milano BETTOLINI

Hofer-Scola terzi dautore Vince Milano


LItalia, nella sprint a coppie, interrompe un lungo digiuno E successo di pubblico

David Hofer, 28 anni e Fulvio Scola, 29 COLOMBO


MILANO

La festa nella festa: David Hofer e Fulvio Scola sono terzi nella sprint a coppia in tecnica libera, in mezzo alla folla del Parco Sempione, dietro i russi Pethukov e Morilov e gli svedesi Halfvarsson e Peterson. Anche lItalia del fondo d il suo contributo ai giorni caldi dello sport dinverno: un podio mai cos desiderato da una disciplina che da decenni non era stata cos avara di soddisfazioni. Era dal 26 novembre a Kuusamo, col secondo podio di Roland Clara che la nazionale di Fauner non gioiva cos, travolgendo daffetto il tandem che doveva essere Italia-2, rispetto a quello di Italia-1 composta da Renato Pasini e Pellegrini, autoeliminatisi nellultimo cambio per la rottura di un bastoncino di Federico, provocata da un contatto involontario nella foga. Hofer era stato lultimo azzurro a sfiorare il podio, nella sprint del Tour de ski di Dobbiaco: il gardenese era stato protagonista di un altro podio nella scorsa stagione a Dsseldorf con laltro Pasini, il giorno dopo il podio individuale di Scola. Ai due, insieme, tra corsi e ricorsi, non era mai andata bene: ma stavolta la coppia ha funzionato anche nel rapporto con la fortuna: Per fortuna io il bastoncino lavevo rotto in semifinale dir il gardenese che fidanzato della saltatrice viceiridata Elena Runggaldier. Non sta avendo una stagione fortunata. Mi sono ripreso con gli interessi il podio perso al Tour de ski. Gi, le gambe un po ne risentivano, ma ha funzionato tutto, mi dispiace solo per Chicco e Pasini.
Svolta Anche il bellunese deve al Tour de ski la

svolta per una condizione pessima fino a dicembre: Volevo giocarmela rispetto a sabato, ho pensato anche di vincere, ho rischiato prendendo una lastra di neve che mi ha fatto perdere due metri, ma ho tenuto la testa bassa e tenuto la birra nelle gambe, nel rettilineo non potevo farmi sfuggire loccasione in volata. Un podio qui qualcosa di impagabile. Davanti ai tifosi, a mamma Maria Lali e al fratello Fabio, che cera pure a Dsseldorf: E la svolta per me. Il pi felice Fauner: Abbiamo ritrovato un fondista. Hofer vede questa coppia collaudata per i Mondiali 2013 in Val di Fiemme: Scola capace di questi finali, possiamo costruire risultati ancora pi importanti. Pellegrino, invece, va a salutare i tifosi e fissa la sfortuna Ti sconfigger, prima o poi ti far scappare. Non raccoglie nel parco Sempione neanche la Norvegia di Bradsdal (primo sabato) lasciata sotto il podio dallItalia; tra le donne si esalta come sabato la svedese Ida Ingemarsdotter in coppia con Hanna Brodin, prime su Usa e Canada (Brocard-Vuerich escluse dalla finale per 5/100). C insomma gloria un po per tutti. E Milano gi pensa al futuro: ha stravinto e la Fis ora si coccola gli organizzatori.
s.a.
RIPRODUZIONE RISERVATA

42

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

BASKET SERIE A: SI CHIUSO IL GIRONE DANDATA


RISULTATI
CANT-BOLOGNA TREVISO-CREMONA SIENA-MONTEGRANARO SASSARI-CASERTA BIELLA-MILANO PESARO-CASALE MONFERRATO TERAMO-VARESE AVELLINO-VENEZIA HA RIPOSATO ROMA 78-72 68-62 96-84 74-56 84-76 79-72 81-75 84-63

CLASSIFICA
SQUADRE SIENA PESARO CANT MILANO BOLOGNA AVELLINO VENEZIA SASSARI VARESE BIELLA CASERTA TREVISO ROMA MONTEGRANARO TERAMO CREMONA CASALE MONFERRATO PT 24 20 20 20 20 18 18 16 16 16 14 14 14 12 12 10 8 G 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 16 V P 12 4 10 6 10 6 10 6 10 6 9 7 9 7 8 8 8 8 8 8 7 9 7 9 7 9 6 10 6 10 5 11 4 12

Biella, lieto fine Milano sale a +21 Poi il solito crollo


Angelico rabbia e rimonta: vince dopo 5 k.o. Scariolo: Evidenti problemi psicologici
BIELLA MILANO
(17-33, 44-44; 60-53)
ANGELICO BIELLA: Pullen 15 (2/8, 1/4), Coleman 13 (6/11), Soragna 17 (4/7, 2/3), Dragicevic 11 (3/7 da 3), Miralles 11 (4/5, 1/2); Jurak 10 (2/3, 2/2), Lombardi 3 (1/1), Chessa 4 (1/4, 0/2), Tavernari (0/2 da 3). N.e.: Minessi, Lagan, De Vico. All.: Cancellieri. EA7 MILANO: Cook 4 (2/3, 0/1), Gentile 2 (0/3, 0/3), Mancinelli 14 (4/8, 1/2), Fotsis 23 (9/9, 0/2), Bourousis 12 (2/3, 2/2); Giachetti, Nicholas 6 (2/8 da 3), Rocca 13 (6/8), Filloy, Radosevic 2 (1/2). N.e.: Melli. All.: Scariolo. ARBITRI: Sabetta, Seghetti, Pinto. NOTE - T.l.: Bie 17/22, Mil 13/17. Rimb.: Bie 34 (Miralles 9), Mil 26 (Mancinelli 6). Ass.: Bie 11 (Jurak 4), Mil 24 (Cook 11). Progr.: 5 9-18, 15 28-42, 25 53-46, 35 66-63. Fallo tecnico: Jurak 1144" (22-37), Cancellieri 2705" (55-48). Nessun uscito 5 falli. Spett. 5000 per 9882 euro.

punti di vantaggio: 30-9. Recuperi, contropiedi, transizioni, canestri facili. A fine quarto, ha gi segnato 33 punti, record stagionale per il primo parziale. Non in assoluto: ne ha segnati 37 nellultimo quarto con Avellino. Il primo errore al tiro dal campo di Mason Rocca all11. Dalla met del secondo quarto, le parti si ribaltano. Non potevano andare avanti cos dice Massimo Cancellieri abbiamo reagito come una squadra che ha perso 5 partite di fila. Abbiamo aggredito e il pressing era lunico modo per recuperare da -21. Non pensavo avessimo tutta questa energia.
Pressing Biella pressa, Filloy

Matteo Soragna, 36, contro Stefano Mancinelli, 28 CIAM

84 76

DAL NOSTRO INVIATO

PAOLO BARTEZZAGHI BIELLA

Le prime 8 ai playoff, Lultima in Lega 2

PROSSIMO TURNO
Domenica 22 gennaio, ore 18.15

PESARO-BIELLA (21/1, 16.10) TREVISO-CASERTA (21/1, 20.30) ROMA-BOLOGNA (21/1, 20.30) AVELLINO-MONTEGRANARO SIENA-TERAMO VARESE-MILANO CANT-CREMONA CASALE-SASSARI (20.30) RIPOSA: VENEZIA

Non poteva esserci finale migliore nella giornata in cui la Pallacanestro Biella ha chiamato a raccolta i suoi per contarsi, contare i fondi e capire che futuro potr avere. Vincere cos, contro Milano, da uno svantaggio di 21 punti nel primo quarto, dopo 5 sconfitte di fila e con 700 mila euro di disavanzo a bilancio, rende la serata una favola che richiede il finalone strappalacrime.
Esaurito Due euro di ingresso per tutti (esaurito) e donazioni alla causa con tanto di appello kennedyano del fondatore Alberto Savio: Non chiedetevi cosa pu fare Biella per voi, ma cosa voi potete fare per Biella. Dragicevic ha fatto le triple, Miralles ha preso i rimbalzi, Soragna ci ha messo testa e tiro, Coleman la difesa su

Gentile (0/6 al tiro), Pullen lestro inaffidabile, Jurak una montagna di energia. E di fronte, Milano, una squadra capace di segnare 33 punti nel primo quarto senza sbagliare un tiro e 9 nel terzo. Non siamo stati solidi contro la loro aggressivit dice Sergio Scariolo la questione mentale ha sicuramente peso. E quando siamo in una buca, la scaviamo profonda. Che i nostri problemi abbiano unimpronta psicologica evidente e non da oggi. Abbiamo bisogno di esplosivit nei piccoli e di maggiore energia.
Rimonta Milano ha accusato lormai abituale rimonta ma questa volta nel secondo quarto. Ha chiuso il primo senza errori al tiro dal campo (12 su 12) e uno solo dalla lunetta. Dopo 5 palle perse consecutive di Biella che non riesce a superare la met campo sotto pressione, Milano arriva a 21

balbetta a met campo mentre Cook fuori con due falli. Giachetti ha gi perso tre palloni in meno di due minuti nel primo quarto. In fretta tornano le facce della paura in maglia Olimpia. Biella, invece, dimentica il nervosismo per alcune chiamate arbitrali dubbie, morde in difesa e piazza una serie di triple con Dragicevic e lultima allo scadere di Pullen per il 44-44. Un pareggio che premia la maggiore reattivit: gi nel suo disastroso primo quarto, aveva preso 5 rimbalzi offensivi a fronte dellovvio zero in quelli difensivi. Dal terzo quarto in poi tiene in mano la partita, va avanti anche di 11 (60-49) e risponde con ferocia al ritorno di Milano con Fotsis e Rocca che pareggia a 5 dalla fine (66-66). Se Milano avesse questa aggressivit, non sarebbe alla terza sconfitta di fila. E gioved arriva il Panathinaikos.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CASALE ULTIMA DALMONTE: UN MESE FA NON LAVREMMO VINTA

CONTRO MONTEGRANARO FABI AVANTI ALLINTERVALLO

Pesaro gira al 2 posto con super Hickman


o
PESARO CASALE MONFERRATO 79 72
(19-12, 40- 27; 62-44) SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO: Hickman 22 (3/5, 4/6) , Hackett 5 (1/3, 0/1), White 21 (8/10, 1/4), Jones 16 (2/3, 3/6), Lydeka 12 (3/3); Cavaliero (0/7 da 3), Flamini 3 (0/2, 1/2), Traini. N.e.: Cusin, Tort, Alibegovic. All.: Dalmonte. NOVIPI CASALE MONFERRATO: Shakur 13 (3/11, 1/3), Janning 7 (2/4, 1/3), Temple 22 (4/8, 4/6), Chiotti 9 (4/7), Nnamaka (0/3); Malaventura 13 (3/4, 1/3), S.Gentile 7 (2/6, 0/2), Stevic 1, Pierich, Ferrero. All.: Crespi. ARBITRI: Cerebuch, Biggi, Caiazza. NOTE - T.l.: Sca 18/23, Cas 15/19. Rimb.: Sca 31 (White e Lydeka 7), Cas 29 (Stevic 6). Ass.: Sca 10 (Hickman 4), Cas 3 (Malaventura, Temple, Shakur). Progr.: 5 7-0, 15 23-16, 25 46- 39, 35 65-57. Usc. 5f.: Nnamaka 3715" (67-65). PESARO La Scavo cala il poker di vittorie consecutive mentre per Casale prende forma la 4a sconfitta di fila. Con la ca-

Richard Hickman, 26 anni CIAMILLO

duta di Milano a Biella, Pesaro si ritrova 2a. A parte 3 di black out, abbiamo fatto noi la partita. Se lavessimo giocata a dicembre, non so se lavremmo portata a casa con questa serenit sostiene Dalmonte . In un mese cambiato tutto e gli artefici sono solo i giocatori. Questo il momento di Pesaro, che vola sulle ali dei suoi americani e di Lydeka. Ieri a dare la spallata del k.o. alla sua ex squadra stato Hickman, fantastico negli ultimi 4, quando la Novipi era tornata a -1 recuperando 18 punti in 7 (dal 60-41 del 29 al 65-64 del 36). Shakur lombra di se stesso, ma Temple e il pesarese Malaventura per poco non completano lopera. I 28 punti infilati nel quarto decisivo non sono bastati alla squadra di Crespi, che era senza Martinoni (distorsione). Siamo entrati in campo troppo rispettosi del talento di Pesaro e il parziale iniziale ha condizionato lincontro. Siamo stati poco feroci mentalmente e abbiamo commesso troppi errori di inesperienza. Restiamo ultimi in classifica, ma con fiducia per il girone di ritorno ha detto Marco Crespi. Per i biancorossi, Marco Cusin ha ancora bisogno di un lungo riposo e potrebbe rientrare addirittura il 16 febbraio per la Coppa Italia. Intanto ci si guarda attorno per un quinto lungo, che non dovrebbe essere Joe Trapani. Pesaro la candidata pi forte ad ospitare lAll Star Game del prossimo 11 marzo, se dovesse saltare Trieste. Camilla Cataldo

Siena, ecco Thornton Ma Pianigiani critico


SIENA MONTEGRANARO 96 84
(22-25, 48-50; 72-67) MONTEPASCHI SIENA: McCalebb 17 (8/10, 0/1), Carraretto 3 (1/2, 0/1), Moss 7 (2/4, 1/4), Michelori 4 (2/5), Andersen 24 (5/8, 2/2); Rakocevic 6 (1/5, 0/2), Zisis 2 (1/2), Stonerook 5 (1/1, 1/3), Lechthaler, Ress 2 (1/3), Thornton 22 (4/5, 3/3), Aradori 4 (1/1). All. Pianigiani FABI SHOES MONTEGRANARO: Di Bella 4 (0/4), Kirksay 14 (4/6, 2/6), McNeal 13 (4/5, 1/4), Ivanov 15 (5/11, 1/1), Nicevic 6 (2/5); Mazzola 10 (4/5), Karl 13 (3/4, 2/5), Antonutti 10 (2/2, 2/2) .N.e. Piunti, Perini. All. Valli. ARBITRI: Partenic, Camilli, Gori. NOTE T.l.: Mps 21/23, Fabi 12/14. Rimb.: Mps 26 (Stonerook 7), Fabi 28 (Kirksay 7). Ass.: Mps 23 (McCalebb 6), Fabi 22 (Ivanov 6). Progr.: 5' 16-10, 15' 34-35 , 25' 67-59, 35' 79-71 . Spett. 4654. SIENA Incerottata e con qualche elemento ancora fuori condizione. Intanto, per la Montepaschi conquista il primo posto nella griglia delle Final Eight di Cop-

David Andersen, 31 anni CIAMILLO

pa Italia. Per piegare Montegranaro ci sono voluti quasi tre quarti ed infatti coach Pianigiani alla fine non pu essere contento, anche in vista della sfida di mercoled con Bilbao in Eurolega. Se non ci sacrifichiamo ha detto Pianigiani a fine gara , se non tiriamo fuori altre energie, chiaro che in certe competizioni, come anche in Eurolega, non possiamo essere credibili. Le energie la Montepaschi le trova soprattutto in un Thornton dei bei tempi e in un Andersen micidiale in attacco. Pianigiani sa dei problemi della sua squadra e per questo nel secondo quarto ha gi ruotato tutti gli uomini. Proprio la rotazione senese, secondo Valli, la chiave dell'incontro. Loro ha detto possono contare su 12 uomini e con questo hanno sporcato l'ottima nostra percentuale al tiro del primo tempo. Siena inizia benino, grazie soprattutto ad Andersen che segna anche da tre e determina il primo strappo (16-7 al 4'). Con il passare dei minuti, per, l'intensit cala e la squadra di Valli rientra, chiudendo in vantaggio allintervallo, con pi dell'80% da due. Con la difesa e l'asse McCalebb-Thornton, per, Siena riparte nella ripresa e piano piano crea il vuoto. Le triple di Stonerook e dello stesso Thornton a inizio terzo quarto spezzano le gambe a Montegranaro, che ha anche il problema del terzo fallo di McNeal, ma riesce a rientrare fino al 67-65, prima che Moss (ancora da tre) la ricacci indietro ( il 28'). Poi McCalebb e Thornton non danno pi scampo. Alessandro Lorenzini

NBA LAKERS SCONFITTI, 33 PUNTI PER PAUL. BELINELLI 10 MA HORNETS K.O.

A-1 FEMMINILE PARTITO IL RITORNO

Bryant 42, ma il derby va ai Clippers


(m.o.) Ci vorr parecchio tempo, come ha detto Blake Griffin, perch i Clippers si tolgano letichetta di perdenti. Questanno ci stanno provando, passo dopo passo. E quale modo migliore per proseguire su questa strada che battere i Lakers, gli odiati rivali cittadini, che da sempre li considerano occupanti abusivi dello Staples Center? Dopo i due successi in pre stagione, sabato notte arrivato anche quello che conta, propiziato dai 33 punti di Chris Paul e dai 22 con 14 rimbalzi di Griffin. Ai gialloviola non bastata la quarta partita consecutiva sopra i 40 punti (42 con 14/28 al tiro) di Kobe Bryant. E presto ha detto il play ma siamo sulla strada giusta, soprattutto in difesa e a rimbalzo, ma deve diventare unabitudine. Paul ha per lasciato il campo zoppicando nei minuti finali per una contrattura al quadricipite della gamba sinistra.
Rimbalzi Per i Clippers la 5a vit-

Donne: Sesto ferma Umbertide Taranto, sola in testa, scappa


Ieri 1a di ritorno in A 1 donne: Schio Taranto 52 65 (Ford 16; Mahoney 19); Cagliari Faenza 62 66 (Darret 14; Mauriello 15); Pozzuoli Lucca 53 59 (Vilipic 14; Andrade 16); Alcamo Pool Comense 45 71 (Montagnino 17; Smith 22); Priolo Parma 54 67 (Seino 15; Antibe 14); Sesto S.G. Umbertide 62 55 (Haynie 16; Ohlde 12). Classifica: Taranto 22; Schio, Umbertide 18; Pool Comense, Lucca 16; Faenza, Parma 12; S.S.Giovanni 10; Pozzuoli 8; Priolo 6; Cagliari 4; Alcamo 2. DECLASSAMENTO La7 declassa ancora il basket rendendo vano, nonostante il discreto successo delle televisioni locali, il ritorno della serie A su un canale generalista a discapito di Sky. Tra due settimane, lanticipo del sabato, causa ascolti ritenuti modesti, passer su La7d, canale digitale della 7, anteprima di una rottura di un rapporto mai decollato. Solo Final 8 e All Star Game resteranno su La7. IN SPAGNA (pe.m.) Nella 16a Barcellona (Euro/Cant) e Real Madrid (Euro/Siena) vincono e sono in testa da sole. Risultati: San Sebastian Barcellona 56 71 (Panko 20; Mickeal 17); Alicante Real Madrid 86 92 (Ellis 27; Mirotic 16, Tomic 14); Vitoria Manresa 65 76 (Teletovic 12; Asselin 28).

super Rubio, ma i 18 punti, 12 assist e 5 recuperi non sono bastati per evitare a i Wolves la rimonta degli Hawks da -18 ad Atlanta.
Risultati: Washington-Philadelphia 90-103 (N.Young 27; L.Williams 24); Charlotte-Golden State 112-100 (Henderson 26; Lee 24); Atlanta-Minnesota 93-91 (J.Johnson 25; Love 30); Indiana-Boston 97-83 (Granger 21; Garnett, Pierce 21); Chicago-Toronto 77-64 (Rose 18; DeRozan, Barbosa 15); Memphis-New Orleans 108-99 (Gay 23; Jack 23); Houston-Portland 107-105 dts (Lowry 33; Batum 29); Oklahoma City-New York 104-92 (Durant 28; Stoudemire, Chandler, Douglas 14); Dallas-Sacramento 99-60 (Terry 21; M.Thornton 14); Utah-New Jersey 107-94 (Jefferson 20; Humphries 18); Clippers-Lakers 102-94 (Paul 33; Bryant 42).

toria in 6 gare e la seconda di prestigio dopo quella con Miami di gioved. Abbiamo fatto un buon lavoro in difesa spiegava poi Kobe Ma i 17 rimbalzi dattacco che gli hanno fruttato 25 punti ci hanno ucciso. A Est, 4a sconfitta in fila per Boston, travolta anche in casa dei Pacers. I Celtics in 11 partite hanno battuto solo Detroit,

Andrew Bynum e Chris Paul AFP

Nets e 2 volte Washington e viaggiano a 89 punti di media. Toronto non fa meglio, fermandosi a 64 a Chicago. Ancora fuori Bargnani, che potrebbe fermarsi per due settimane. Hornets battuti a Memphis: per Belinelli 10 punti in 20. Ancora

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43

lAnalisi
di LUCA CHIABOTTI

E una Serie A che cambia Final Eight: Siena testa di serie n.1, Milano scivola al 4o posto Dal fondo
A parte Pesaro, che non virava al secondo posto dal 2004, dai tempi di Alphonso Ford e Sasha Djordjevic in campo, le novit sono nella parte bassa della classifica. Dove stanno imponendosi realt che un mese fa sembravano spacciate. Teramo, 2 vittorie nelle prime 12 giornate, ha vinto le ultime 4 partite. In condizioni difficili: anche ieri, senza Fultz, con due giocatori nuovi da inserire. Ma molti promettono un campionato diverso: anche Montegranaro che pur perdendo, ha giocato a Siena alla pari per 30 nonostante la rinuncia a Brunner o Casale, che sola in fondo ma ha perso 7 gare entro i 3 punti di scarto: difficile immaginare che in tre vincano solo 4 partite nelle prime 8 giornate del ritorno come successo allandata. Poi c Treviso, che ha completato un turnover sfrenato costato 4 sconfitte. Nelle ultime 6 gare, Montegranaro e Teramo hanno vinto il doppio di Milano e in testa, da sola, ci sarebbe la Scavolini Siviglia. Se dura, molti pronostici fatti alla vigilia saranno da buttare.
(m.o.) Chiusa landata, si definito anche il quadro delle finaliste di Coppa Italia. Le prime 8, per la prima volta da tempo, avrebbero potuto avere degne sostitute tra quelle che non ce lhanno fatta. Siena continua a stentare, lasciando che Montegranaro, squadra che una volta avrebbe spazzato via, resti in partita sino al 4o periodo. E non sono sottigliezze, se anche Pianigiani continua a suonare lallarme.
Crisi Olimpia Molto peggio messa Milano, che a Biella andata sul 30-9 prima di prendere un parziale negativo di 32 punti, scivolando a -11. Blackout ormai sempre pi frequenti, al punto da non poter pi considerare follia gli ultimi 10 in casa col Partizan. La 4a sconfitta nelle ultime 6 gare la fa scivolare al 4o posto, il peggiore tra le big, perch laccoppia a Bologna nei quarti e le propone subito dopo Siena (che aprir con Sassari, entrata grazie ai successi su Varese e Biella, con cui ha chiuso alla pari). La sorpresa il 2o posto di Pesaro, che approfitta nella classifica avulsa dei successi su

Coppa Italia: ultimi pass a Sassari e Avellino


QUARTI DI FINALE COS GLI ACCOPPIAMENTI

Varese e Biella fuori per gli sconti diretti sfavorevoli coi sardi

RCS

Ksystof Lavrinovic, mvp 2011 CIAM

A TORINO

Biglietti in vendita su ticketone.it La finale domenica 19 febbraio alle 17


Continua la promozione per lacquisto dei biglietti per le Final Eight 2012 (in programma al Palaolimpico di Torino dal 16 al 19 febbraio). I tagliandi possono essere comprati attraverso il circuito ticketone (www.ticketone.it). Per maggiori informazioni possibile visitare il sito www.final8.it. Quarti e semifinali si giocheranno gioved, venerd e sabato alle ore 17.50 e 20.30, la finale domenica alle ore 17.

EA7 e Cant per mettersele dietro. Nei quarti la Scavo sfider la neopromossa Venezia, altra bella sorpresa. Vincendo 4 delle ultime 5 Cant chiude 3a e pesca Avellino. In teoria, tra le 3 di Eurolega, ha il cammino meno complicato verso la finale. Manca un mese, le squadre potranno ancora cambiare volto o invertire linerzia. Ma al momento il pronostico sembra davvero aperto. Speriamo resti cos, ci sarebbe da divertirsi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CASERTA SOLO 4 PUNTI NEL 2O QUARTO

TIRI DA TRE DECISIVI NEL TERZO PERIODO

PER GLI IRPINI QUINTA FINAL EIGHT CONSECUTIVA

Sassari travolgente Entra nelle big 8


SASSARI CASERTA 74 56
(26-16, 41-20; 59-30) BANCO DI SARDEGNA SASSARI: T.Diener 6 (3/4, 0/2), D.Diener 9 (3/6, 1/4), Hosley 10 (3/8, 1/2), Plisnic 12 (3/4, 2/2), Easley 7 (3/3); Metreveli 6 (3/7, 0/1), Binetti (0/1 da 3), Devecchi 5 (1/1, 1/2), B.Sacchetti 3 (0/1, 1/3), Vanuzzo 9 (3/4, 1/3), Pinton 7 (1/3, 1/3). All.: R.Sacchetti. OTTO CASERTA: Collins 1 (0/2, 0/7), Bell (0/3, 0/5), Doornekamp 11 (1/4, 3/4), Smith 28 (10/12, 1/3), Fletcher 4 (1/5, 0/2); Maresca 4 (1/5, 0/3), Marzaioli (0/1), Stipanovic 6 (3/7), Cefarelli 2 (1/2). N.e.: Rianna, Righetti. All.: Sacripanti. ARBITRI: Taurino, Duranti e Quacci. NOTE - T.l.: Din 4/5, Cas 10/18. Rimb.: Din 32 (Saccheti 5), Cas 45 (Smith, Stipanovic 10). Ass.: Din 19 (T.Diener 6), Cas 10 (Collins 6). Progr.: 5 12-9, 15 34-18, 25 47-24, 35 69-44. Spett.: 4194 per 65921 euro. SASSARI - La Dinamo scivola sul velluto di una impalpabile prestazione offerta da Caserta e vola alle Final Eight, traguardo storico. Sacripanti non cerca scuse: Chiedo scusa a tutti per lo spettacolo indecoroso offerto. I 4 punti realizzati in tutto il 2o quarto e le percentuali al tiro raccontano una serata decisamente no. Facciamo un tutti un bagno di umilt e ripartiamo. Prima frazione con la Dinamo in controllo e Caserta a limitare i danni chiusa sul 26-13. Secondo quarto da panico per i bianconeri che dopo il canestro di Maresca (28-18) restano a secco per 7 ritrovando la via del canestro solo nel finale con Smith ai liberi. Il parziale pesantissimo, Collins e Bell scrivono 1 alla voce punti realizzati, Sassari gioca di squadra e allunga alla terza sirena, 59-38, sfrutta il gruppo e le rotazioni da panchina. Nellultimo periodo si gioca solo per il cronometro, finisce 74-56 e al PalaSerradimigni di nuovo festa. Ho visto tanti giocatori tuffarsi sul parquet per recuperare un pallone, e questo mi piace spiega coach Meo Sacchetti . Una loro brutta giornata ma noi ci abbiamo messo grande intensit. Giriamo la boa a 16 punti, ora un paio di giorni di riposo poi ci ributtiamo in mischia. Mischia che per Sassari significa ora anche Final Eight. Giovanni Dessole

Teramo. quarta di fila Con un 35-11 Avellino Varese deve inchinarsi spazza via Venezia
TERAMO VARESE 81 75
(18-22, 39-40; 61-50) BANCA TERCAS TERAMO: D.Brown 8 (4/7, 0/4), Goods 12 (3/4, 2/4), Borisov 19 (5/8, 1/4), Amoroso 13 (2/3, 4/6), B.Brown 10 (2/5, 1/3); Green (0/1), Cerella 10 (4/6), Polonara 9 (3/4, 0/1), Ricci (0/1). N.e.: Lulli, Listwon. All.: Ramagli. CIMBERIO VARESE: Rannikko 4 (0/1, 1/7), Diawara 15 (1/5, 4/8), Kangur 26 (5/11, 3/8), Fajardo 7 (3/5, 0/1), Stipcevic 8 (2/3, 1/6); Hurtt 6 (3/3, 0/1), Ganeto, Talts 6 (3/4), Garri 1, Demartini 2 (1/1). N.e.: Bertoglio, Reati. All.: Recalcati. ARBITRI: Tola, Lanzarini, Provini. NOTE - T.l. Ter 17/25, Var 12/18. Rimb.: Ter 40 (Amoroso 8), Var 33 (Kangur 7). Ass.: Ter 16 (D.Brown 5), Var 10 (Kangur 4). Progr.: 5 10-14, 15 32-26, 25 42-45, 35 69-61. F.tecn.: Ganeto 2843 (52-50), Borisov 3512 (69-61). Usc 5f.: Hurtt 3241 (64-55), Diawara 3950 (78-75). Spett. 2587 per 37.470 euro. TERAMO La Banca Tercas con la quarta vittoria consecutiva d una bella sterzata alla classifica anche se Ramagli non si abbandona a facili entusiasmi: Le sofferenze non finiscono oggi, ma se continuiamo ad avere questo desiderio di andare avanti, a guardare sempre in direzione del nome della squadra, come diceva un grande allenatore, Bobby Knight, siamo sulla strada giusta. proprio lenergia di una squadra intera a vincere una partita dura in cui Varese cerca in tutti i modi le Final Eight. La Tercas da la prima sterzata dopo un 1o tempo condotto dagli ospiti: con lingresso e lenergia di Cerella, Polonara e Ricci scappa sul 36-27 al 16. Diawara e Kangur ricuciono e allintervallo 39-40. A met del 3o quarto invece la percentuale da 3 a fare la differenza: dopo lo 0/10 del 1o tempo, finalmente Borisov, e Brown trovano il canestro e lo strappo in avanti, 61-50 alla fine del 3 periodo. Nellultima frazione la Cimberio ci prova con Kangur, Diawara e Stipcevic, ma la Tercas trova Amoroso e Goods e, pur a fatica, 78-75 ancora a -10, arriva vincente al fischio finale. Intanto Varese attende a ore Tony Weeden, guardia di 1.86, 28 anni, ora in Polonia al Polpharm. Mal Pomilio

AVELLINO VENEZIA

84 63

(21-20, 33-35; 68-46) SIDIGAS AVELLINO: Green 11 (1/2, 3/6), Dean 18 (3/7, 2/6), Gaddefors 9 (1/2, 2/5), Golemac 22 (3/6, 3/5), Johnson 18 (8/11); Ferrara (0/1, 0/1), R.Slay 4 (2/4, 0/3), Lauwers (0/1 da 3), Soloperto 2 (1/1), Infanti. N.e.: Alborea, Spinelli. All.: Vitucci. UMANA VENEZIA: Clark 5 (0/1, 1/1), Young 20 (6/8, 2/4), T.Slay 10 (3/6, 1/1), Szewczyk 6 (0/2, 2/6), Fantoni 5 (2/2); Bowers (0/3, 0/1), Bryan 5 (2/4), Meini 5 (1/1, 1/3), Rosselli 4 (2/5, 0/1), Tomassini (0/2 da 3), Causin 3 (1/2 da 3). N.e.: Allegretti. All.: Mazzon. ARBITRI: Facchini, Weidmann, Bettini. NOTE - T.l.: Sid 16/19, Uma 7/17. Rimb.: Sid 40 (Johnson 9), Uma 27 (Slay 5). Ass.: Sid 19 (Green 13), Uma 11 (Meini 3). Progr.: 5 12-15, 15 22-26, 25 48-42, 35 74-57. F. tecn.: Bowers con espulsione 2730" (52-46). Usc 5f.: R.Slay 3559" (74-60), T.Slay 3651" (76-60). Spett.: 2000 per 15.000 euro.

AVELLINO la festa di Avellino, che dopo aver risolto i problemi societari, travolge Venezia centrando la quinta qualificazione consecutiva alle Final Eight di Coppa Italia. Lennesimo capolavoro di coach Vitucci, ex di turno, si materializza nel terzo quarto quando Avellino piazza un terrificante break di 35-11 che annienta gli esterrefatti ospiti. Trascinati dal solito imprendibile folletto Green (13 assist), sono Golemac e Johnson dominatori a rimbalzo, a spazzare via gli uomini di Mazzon che pagano il nervosismo di Bowers espulso e una leggera distorsione a una caviglia subita da Clark nel primo tempo. Venezia parte bene e grazie alle incursioni di Clark e Young prende un discreto vantaggio (7-13 al 4) che Avellino subito colma con le triple di Green e i canestri di Johnson. La gara si gioca punto a punto con gli ospiti che vanno al riposo sul +2 (33-35) grazie a una migliore percentuale al tiro. Avellino si scatena nel terzo quarto quando il giovane talentuoso Gaddefors con due triple d il via al 35-11 che decide la partita, toccando con un suo canestro il massimo vantaggio di +24 (70-46 al 31). Luigi Zappella

LEGADUE PRIMA GIORNATA DI RITORNO: COLPI ESTERNI PER BRINDISI E PISTOIA


PIACENZA JESI 67 91 SCAFATI FORL 97 77 VERONA BOLOGNA 102 84 IMOLA BRINDISI 60 62 BRESCIA BARCELLONA 68 71 OSTUNI PISTOIA 84 90

CLASSIFICA
SQUADRE REGGIO EMILIA BRINDISI PISTOIA BARCELLONA BRESCIA SCAFATI PIACENZA JESI VERONA IMOLA FORL OSTUNI VEROLI SANTANTIMO BOLOGNA PT 22 20 20 18 18 18 16 14 14 12 12 12 10 8 8 G V P 14 11 3 15 10 5 15 10 5 14 9 5 15 9 6 15 9 6 14 8 6 15 7 8 15 7 8 15 6 9 15 6 9 15 6 9 15 5 10 15 4 11 15 4 11

(10-22, 28-45; 46-69) MORPHO PIACENZA: Simoncelli 5 (1/2, 1/5), Casella (0/1, 0/1), Anderson 10 (3/4, 1/3), Harrison 9 (1/5, 1/5), Amoroso 10 (3/4); Voskuil 17 (3/5, 3/10), Infante 5 (2/3, 0/3), Passera 11 (3/4, 1/3), Perego (0/2). N.e.: De Nicolao, Varrone e Mori. All.: Corani. FILENI JESI: McConnell 37 (8/9, 5/10), Brooks 15 (4/9, 2/5), Santiangeli 3 (0/2, 1/2), Hoover 16 (1/4, 4/5), Maggioli 6 (3/6, 0/1); Migliori 10 (2/4, 2/4), Valentini 2 (1/1), Di Giacomo, Battisti 2. N.e.: Dolic. All.: Cioppi. ARBITRI: Perretti, Caroti, Scrima NOTE T.l: Pia 14/20, Jes 11/12. Rimb.: Pia 32 (Amoroso 7), Jes 32 (Brooks 7). Ass.: Pia 8 (Voskuil 3), Jes 5 (Brooks 2). Progr.; 5 6-14, 15 21-38, 25 35-59, 35 57-73. Usc. 5f.: Maggioli 3504" (57-73). Spett. 1500. (m.mar)

(30-16, 50-29; 70-58) GIVOVA SCAFATI: Levin 9 (1/4, 1/2), Marigney 25 (6/9, 2/8), Ghiacci 5 (2/5), Radulovic 12 (1/2, 2/5), Thomas 20 (7/11); Casini 9 (1/1, 2/6), Sorrentino 11 (2/3, 2/4), Gueye (0/1), Rosignoli 6 (3/3). N.e.: Guadagnola, Izzo, Matrone. All.: Griccioli. MARCOPOLOSHOP.IT FORL: Wanamaker 22 (7/9, 0/1), Freeman 10 (3/10, 1/4), Natali 5 (2/4, 0/3), Huff 25 (4/9, 5/9), Casoli 8 (4/4); Marino (0/1), Lestini 3 (0/1, 0/2), Trapani 4 (2/5, 0/2). N.e.: Basile, Bianchi. All.: Vucinic. NOTE - T.l.: Sca 24/28 For 15/19. Rimb.: Sca 52 (Thomas 20), For 20 (Freeman, Huff 5). Ass.: Sca 15 (Levin 4), For 8 (2 con 3). Usciti 5 falli: Casoli 3048" (72-60), Lestini 3929" (91-77). Progr.: 5 12-10, 15 39-19, 25 59-43, 35 86-64. Spett. 2000. (m.d.c.)

(29-20, 57-40; 81-59) TEZENIS VERONA: West 21 (9/14, 0/3), Porta 26 (5/6, 1/1), Boscagin 11 (4/4, 0/2), Banti 4 (1/6), Renzi 9 (4/5, 0/1); Waleskowski 10 (3/4, 0/2), DiGiuliomaria 8 (3/3, 0/2), Mariani 7 (1/1, 1/3), Vukcevic 6 (1/1, 1/1), Colli. All.: Garelli. CONAD BOLOGNA: Kelley 15 (5/7, 1/2); Baldissarre 14 (4/6, 1/3), Blizzard 13 (2/3, 2/4), Hite 15 (2/6, 3/8), Dimsa 4 (2/3); Chiarini, Montanaro 2 (1/1, 0/1) Pecile 12 (2/7, 2/3), Canavesi 9 (3/5, 0/1). All.: Markovski NOTE - T.L.: Ver. 31/42, Bol 15/26. Rimb.: Ver 39 (West 7), Bol 23 (Hite 7). Ass.: Ver 15 (Porta 4) , Bol 22 (Kelley, Blizzard, Baldassarre 5). Progr.: 5 14-10, 15 42-29, 25 69-55, 35 90-73. Usciti 5f: Canavesi 31 (85-64), Blizzard 39 (99-84). Tecn.: panchina Tezenis 16 (42-30), Canavesi 18 (46-37). Spett. 2700. (a.pe.)

(9-6, 24-24; 37-45) AGET IMOLA: Masoni 7 (2/3, 1/3), Whiting 15 (3/11, 0/2), Prato 17 (5/7, 2/5), Bruttini 8 (3/5), Kotti 5 (17); Cournooh 5 (1/3, 1/3), Foiera 3 (1/2 da 3), Turel. N.e.: Preti, Sabattani. All.: Fuc. ENEL BRINDISI: Renfroe 9 (4/7, 0/3), Hunter 16 (3/5, 2/6), Ndoja 12 (3/9, 2/2), Callahan 3 (0/1, 1/1), Borovnjak 14 (6/11); Zerini 2 (1/1, 0/1), Formenti 3 (0/1, 1/3), Giuri 3 (0/1, 1/1), Maestrello (0/1). N.e.: Poletti, Vorzillo, Rosato. All.: Bucchi. ARBITRI: Di Francesco, Bartoli, Ranaudo. NOTE - T.l.: Imo 15/17 Bri 7/9. Rimb.: Imo 26 (Kotti 8), Bri 29 (Borovnjak 10). Ass.: 5 (Prato 3), Bri 8 (Hunter, Renfroe, Callahan 2). Progr.: 5 6-6, 15 12-14, 25 32-29, 35 49-53. (pb)

(11-21, 29-36; 46-53) CENTRALE DEL LATTE BRESCIA: Goldwire 21 (1/4, 2/3), Gergati 7 (3/5, 0/1), Thompson 8 (2/3, 0/1), Ghersetti 24 (8/13, 1/3), Busma; Bushati, 4 (1/3), Farioli 3 (0/1, 1/3), Rezzano (0/1), Scanzi Stojkov 1. All.: DellAgnello. SIGMA BARCELLONA: Green 14 (5/7, 0/3), Hicks 11 (4/7, 1/4), Bucci 6 (2/6, 0/3), Dordei 6 (3/5, 0/1), Martin 2 (1/1); Mocavero 14 (5/5), Da Ros 7 (3/6, 0/1), Piazza (0/1, 0/3), Bonessio 11 (4/6, 1/1). All.: Pancotto. ARBITRI: Masi, Di Giambattista, Gagliardi. NOTE - T.l.: Bre 26/34, Bar 11/16. Rimb.: Bre: 21 (Busma, Ghersetti 4), Bar 34 (Hicks e Bonessio 6). Ass.: Bre:7 (Goldwire 4), Bar 13 (Green 6). Progr.: 5 8-13, 15 20-27, 25 36-46, 35 53-61. Usc.5f.: Da Ros 3121". Green 3954". Spett.: 2000. (a.ban.)

(20-18, 45-46; 66-60) OSTUNI: Johnson 11 (2/4, 1/3), Jurevicius 22 (4/8, 3/6), Klobucar 18 (5/6, 1/7), Diliegro 8 (4/6), Rinaldi 11 (3/5, 1/2); Basei 4 (2/3), Carenza (0/2 da 3), Rossetti 6 (1/3 da 3), Berti 4 (1/3, 0/1). N.e.: Sirakov, Margio. All.: Marcelletti. GIORGIO TESI PISTOIA: Gurini 16 (3/4, 1/1), Toppo 4 (2/6, 0/1), Hardy 19 (2/10, 4/11), Yango 12 (4/7), Jones 19 (6/9); Galanda 8 (1/1, 2/5), Saccaggi 12 (1/2, 1/1). N.e.: Della Torre, Tuci, Della Rosa. All.: Moretti. ARBITRI: Materdomini, Beneduce, Cappello. NOTE - T.l.: Ost 21/28, Pis 28/34. Rimb.: Ost 36 (3 con 6), Pis 32 (Jones 9). Ass.: Ost 13 (Johnson 4), Pis 14 (Toppo 4).

Venerd: Veroli-SantAntimo 57-70. Ha riposato: Reggio Emilia. Prossimo turno (domenica 22/1, ore 18.15): Pistoia-Imola (20/1, ore 20.45, RaiSport 2); Reggio Emilia-Piacenza (ore 12, E Tv); Bologna-Veroli; Barcellona-Scafati; SantAntimo-Brescia; Jesi-Verona; Brindisi-Ostuni. Riposa: Forl.

44

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

* SSANGYONG KORANDO: OGGI A PARTIRE DA 20.690 EURO

IL NOSTRO P EZZO PI PREGIATO

GA

N RA Z I

ANNI

Motore 2.0 Diesel Euro 5 con DPF, 2 o 4 ruote motrici, cambio manuale o automatico a 6 rapporti, 6 Airbag e poggiatesta attivi.
www.korando.it
SYMI Societ del Gruppo Koelliker SpA

Consumi da 6,0 a 7 ,5 litri/100 Km ciclo medio combinato, emissioni CO2 da 157 a 1 99 g /Km.
QUALUNQUE SIA LA TUA STRADA

*Esclusa vernice met./nera e tassa IPT, vers. fotografata: Korando 2.0 Classy. Offerta valida no al 29/02/2012, in collaborazione con i Concessionari che aderiscono alliniziativa, solo per vetture disponibili in rete. **Garanzia 5 anni/100.000 km. Dettagli e condizioni sul sito www.korando.it e presso i Concessionari.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45

PALLANUOTO A EINDHOVEN
LA SQUADRA

TENNIS AUSTRALIAN OPEN


I 13 convocati La Croazia difende il titolo
I 13 azzurri convocati per lEuropeo sono Pastorino, Volarevic (portieri), C.Presciutti, Gallo, Perez, Aicardi, Felugo, Figari, Figlioli, D.Fiorentini, Giorgetti, N.Gitto e F.Lapenna. A Zagabria, nel 2010, vinse la Croazia: 7-3 in finale col Settebello. Bronzo alla Serbia, 10-8 sull'Ungheria che agli Europei detiene il primato di medaglie (21) e di titoli (12) e ospiter la prossima edizione di Budapest nel 2014. LItalia ha vinto loro nel 47, nel 93 e nel 95.

POLEMICA FRA BIG


Mentre scattano gli Australian Open, radio-spogliatoi azzarda un clamoroso sciopero dei giocatori per una miglior distribuzione dei premi, Nieminen (Fin, 30 anni) vince Sydney (Aus, 380.000e, cem), battendo in finale Benneteau (Fra) 6-2 7-5, e Nadal punzecchia ancora Federer sulla programmazione dei big: Lui fa la figura del gentleman perch magari finir fresco come una rosa, con quel fisico fuori dal comune. Ma n io, n Murray, n Djokovic potremo sperare altrettanto. Quando smetteremo? A 29-30 anni? Avremo ancora una vita davanti, ma io personalmente ho paura che per allora non potr sciare o giocare con gli amici a calcio.

strana coppia y La Murray-Lendl sfida Melbourne

Federico Lapenna, 24 anni, della Pro Recco BORSARELLI

Goran Volarevic, 33 anni, gioca a Savona BORSARELLI

Lex n. 1 Ivan Lendl nuova guida di Andy Murray REUTERS


DAL NOSTRO INVIATO

Italia allEuropeo Una regina e due debuttanti


Settebello oggi in acqua contro lUngheria Manca Tempesti, ecco Volarevic e Lapenna
DAL NOSTRO INVIATO

Recco ho la fortuna di allenarmi con veri fuoriclasse a cominciare da Boris Zlokovic, il compagno pi forte che abbia mai avuto, e questo mi agevola spiega Lapenna. Sar vero che non intende montarsi la testa, ma intanto glielhanno... rapata: venerd sera, alla vigilia della partenza, gli azzurri hanno celebrato cos la sua convocazione.
Esperienza Nato a Pola il 2 apri-

RICCARDO CRIVELLI MELBOURNE

FRANCO CARRELLA EINDHOVEN (Olanda)

Standard & Poors declassa lItalia, ma lEuropa della pallanuoto ci d ancora fiducia: da medaglia doro anche se non c Tempesti dicono tutti quelli che incontriamo in piscina. Tutti, nessuno escluso. lesaltante credito guadagnato col trionfo di Shanghai, per sappiamo bene che senza il miglior portiere del pianeta diventa pi difficile. A Eindhoven, la citt della Philips e di Pieter van den Hoogenband (a lui intitolato lo splendido impianto natatorio), il Settebello saffaccia senza il portiere titolare ma con la stessa determinazione mostrata nella storia recente, proiettandosi ai Giochi di Londra. Ed subito un suggestivo scontro al vertice con lUngheria: pu valere lingresso diretto in semifinale.
Le novit In Olanda da campio-

ni del mondo, tranne che per due. A luglio, Federico Lapenna era costretto a soffrire da-

vanti alla tv, mentre Goran Volarevic neanche immaginava un futuro in azzurro. Il centroboa riuscito a scavalcare Arnaldo Deserti, il portiere italo-croato stato scelto per proteggere le spalle a Giacomo Pastorino. In questi due anni sono stato nel giro senza fare il grande salto, adesso un momento bellissimo ma so quanto dura conservare il posto in una squadra del genere. Non mi monto la testa garantisce il romano della Pro Recco, 24 anni da compiere il 12 febbraio, uno abituato a metterci lanima per tradizione familiare: nella lotta greco-romana, pap Emanuele fu campione italiano e zio Antonio partecip alle Olimpiadi di Mosca 80 e Los Angeles 84. La maturazione di Federico, fratello minore di Michele che gioca nella Florentia, figlia soprattutto di un maggiore impiego nel club: Con limpegno supplementare della Lega Adriatica, e di conseguenza pi minutaggio, sento di essere cresciuto sul piano fisico e su quello tattico. Anche nelladattamento al metro arbitrale. Nel
AGENTI RAPPRESENTANTI 1.2

LA GUIDA

Vale la semifinale Partita in diretta 21.15 RaiSport 2


Nel torneo maschile (la finale il 29) ci sono due gironi da 6 squadre. Le prime approdano in semifinale, seconde e terze si incrociano nei quarti. Girone A: Macedonia, Grecia, Ungheria, Italia, Olanda, Turchia. Girone B: Serbia, Germania, Croazia, Romania, Montenegro, Spagna. Oggi: Macedonia Turchia (13), Croazia Romania (14.30), Germa nia Montenegro (16), Ser bia Spagna (17.30, dir. RaiSport 2), Olanda Grecia (19.45), Unghe ria Italia (21.15, dir. RaiSport 2). PER I GIOCHI Le prime 6 classifi cate alle qualificazioni olimpiche di Edmonton, in Canada (1 8 apri le). Lo stesso per le donne da mercoled con Grecia Italia: qua lificazioni a Trieste (15 22 aprile) e dunque il Setterosa ci sar.

le 77, Volarevic ha famiglia a Rovigno e possiede il nostro passaporto grazie alle radici di nonno Angelo, anchegli istriano (Rovigno appartenne allItalia fino al Trattato di Parigi del 47). Cinque scudetti e due Eurolega con lo Jug Dubrovnik, argento con la Nazionale croata agli Europei 2003, poi il trasferimento a Catania grazie allintuito del dirigente Francesco Scuderi che di lui dice: un professionista esemplare. Tre stagioni in Sicilia, una a Brescia, quindi dal 2010 a Savona dove ha preso proprio il posto di Pastorino (passato a Recco). Goran ha solo il torto di appartenere a una generazione in cui la concorrenza non manca, visto che si trovato davanti fior di portieri come Vican e Pavic, altrimenti avrebbe fatto una carriera diversa nella Croazia. Ora, vive questa avventura con entusiasmo: La chiamata di Campagna mi inorgoglisce. Sarei stato felice di giocare nellItalia a prescindere, figurarsi col titolo di campione del mondo. C chi mi ha chiesto quali sensazioni prover allinno nazionale, ma rispondo che ho gi vissuto un passaggio molto particolare dalla Jugoslavia alla Croazia. Dar il mio contributo di esperienza. Tempesti? Il numero uno, indiscutibilmente. Io e Pastorino cercheremo di non farlo rimpiangere troppo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

E passato da un Murray allaltro. Da giocatore, agli inizi, Ivan Lendl si sentiva come Bill nel film Il giorno della marmotta: Ogni finale di uno Slam era uguale a se stessa: perdevo e mi arrabbiavo. Dovevo per forza cambiare qualcosa, scelsi Tony Roche come tecnico e la mia carriera si impenn. Lontano dalle luci del tennis da tempo immemore ma forte di quellesperienza, un mese fa ha deciso la rentre ad effetto, accettando lofferta di allenare Andy, che ogni tanto i numeri da cinema li fa in campo, per possiede il talento e la tecnica per sfatare la maledizione di tre finali maggiori perse senza neppure conquistare un set.
Rispetto Lendl arriv a quattro tonfi prima di rifiorire, ma lunico parallelismo concesso dal destino. Separati da un paio di generazioni, hanno maturato uno la saggezza e laltro lumilt per incontrarsi e provare a crescere e a crederci insieme. In fondo, il re di otto Slam non ha mai allenato in vita sua, mentre il fresco discepolo cerca finalmente la via giusta per scalfire il dominio dei tre mostri che gli stanno davanti. Quando ci siamo incontrati confessa lex numero uno gli ho solo chiesto rispetto, come io ne avr per lui. Mi ha rivolto molte domande, stato molto curioso e questo mi ha fatto piacere, e poi abbiamo riso tanto. Negli ultimi 18 mesi ho ricevuto 10 proposte, ma solo quella di Andy mi ha convinto. Perch mi ritrovo in lui: un anno fa stato criticato per aver perso da Djokovic e guardate che stagione ha fatto Nole. Capitava anche a me: non vincevo e mi consideravano scarso. Gi, ma chi erano gli avversari? Borg, Connors, McEnroe. Un giocatore deve maturare, Murray ha le potenzialit per stare sempre al top, ma un percorso da portare avanti con calma. Scelta giusta Lendl, interverr sui muscoli o sulla testa? Io devo solo occuparmi di tennis e di rispondere alle domande su come ci si sente ad entrare in campo prima di una finale alla domenica sera. La strana coppia, intanto, ha gi fatto proseliti. McEnroe, che comment la scelta dellinglese definendola un gesto disperato, si gi ricreduto, Becker concorda. A una sola condizione, vero Andy? S: non potr mai obbligarmi a indossare quel terribile cappellino da legionario. Buona fortuna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

RESPONSABILE vendite grande esperienza creazione gestione reti vendita esamina proposte Tel. 333.53.72.947.

2
RICERCHE DI COLLABORATORI

www.piccoliannunci.rcs.it

VENDITORI E PROMOTORI

1.3

Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

MOTIVATO venditore senior ottimo comunicatore ventennale esperienza vendita, italiano scritto/parlato perfetto offresi. Non automunito. 333.34.22.102.

ufficio vendite, importante societ zona Mecenate assume con contratto tempo determinato per sostituzione maternit. Richiedesi ottimo inglese. Corriere 970-XZ - 20132 Milano

SEGRETARIA ESPERTA

VENDITORI E PROMOTORI

2.3
IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

5
5.1

CONSOLIDATA societ ricerca venditore automunito, offre ottimo compenso provvigionale, portafoglio clienti centro / nord Italia. Business Services 02.29.51.82.72.

VENDITA MILANO CITTA'

IMPIEGATI

2.1

AGENTI RAPPRESENTANTI

2.2

OPERAI
AUTOMUNITI

2.4

OPERAI

1.4

AUTISTA /fattorino/camionista, patente CQC referenziato con ventennale esperienza offresi. Anche esperienza custode. 377.25.03.270

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

1.5

AZIENDA settore sicurezza ricerca funzionari commerciali Milano o provincia max 50 anni. Cultura superiore. Automuniti. Addestramento ad personam. 02.29.53.74.35. info@secosge.com CASA EDITRICE cerca assistente commerciale per gestione traffico pubblicitario nuove testate, sviluppo clientela nuovo progetto formazione settore alimentare, gestione agenti e distributori. Inviare C.v. a: info@pviformazione.it oppure fax: 02.66.82.465.

AGENTI di commercio con esperienza contatteremmo per inserimento nostro organico sul territorio nazionale ottima retribuzione. Telefonare per appuntamento 02.32.87.640. AZIENDA internazionale ricerca 2 collaboratori vendita zona Milano e provincia. Offresi appuntamenti prefissati nostro callcenter, fisso mensile, provvigioni e premi. Alto guadagno gi primo mese. Seria possibilit di carriera. Per informazioni telefonare 035.45.22.041 oppure inviare curriculum e-mail cv@grizzly.it o fax 035.52.50.12.

cercasi per lavoro notturno di consegna quotidiani porta a porta residenti zona sub Milano. Telefonare dalle 14.00 alle 17.00 al numero 02.57.41.04.84.

1
OFFERTE DI COLLABORAZIONE

AIUTO PASTICCERE 24enne, pluriennale esperienza, serio, automunito,disponibilit immediata, offresi 392.16.77.260.

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

2.5

COLLABORATORI FAMILIARI 1.1

1.6

IMPIEGATI

ACCETTATORE /capo officina auto presso prestigioso marchio estero ventennale esperienza. Cassa integrazione disponibilit immediata esamina proposte 366.71.25.418. CAPO contabile competenze anche bilanci fiscale offresi studi strutturati o aziende. ragionierecapo2011@libero.it CONTABILE 41enne pluriennale esperienza studi co.ge. - 770 - dichiarazione Iva - Unico PF. 338.38.71.454. IMPIEGATO commerciale estero, esperienza ventennale, inglese, spagnolo, francese, portoghese. Liste mobilit. 340.28.52.094. ISPETTORE commerciale - collegamento tra azienda e rete di vendita su tutto il territorio nazionale esamina proposte. Disponibilit immediata. 338.44.60.458.

ASSISTANT personal, personal shopper, security bodyguard bella presenza, ottimo inglese. alex 27 milano@libero.it 320.67.72.549. COPPIA referenziatissima offresi come custodi, lui pratico domestico, cuoco, giardiniere, autista, lei guardaroba, cucina, pulizie. Telefonare 0546.56.02.03 333.56.54.773. DOMESTICA / guardarobiera offresi a Milano/ Saronno. Full/part-time. Referenze controllabili. 348.91.93.364. RAGAZZO 26enne salvadoregno disponibile e responsabile offresi come domestico, lavapiatti, baby sitter. Anche badante. 366.82.49.924. UOMO srilankese referenziato offresi come domestico, cameriere. Documenti in regola. anche badante. Tel. 339.32.87.352.

CASSIERA presenza capace attiva referenziata cerca subito ristorante pizzeria Milano, zona Romana. 02.55.21.26.18.

PRESTAZIONI TEMPORANEE

2.7

ACCURSIO alta efficienza, vendiamo appartamenti con ampio terrazzo, attici con solarium. Invece di 179.000 solo 129.000! No provvigioni. 339.27.83.035. ADIACENZE corso Sempione, nuovo trilocale piano alto, terrazzo. Alti standard energetici, costruttivi. Disponibilit box. 02.34.93.16.65 - www.filcasaservice.it Valore di progetto. CE: B - IPE: 50,2 kWh/ mq. ADIACENZE MM Maciachini vendiamo trilocali varie metrature, ottimo investimento. Terrazzi. Box. Pronta consegna. 02.69.90.15.65 - http://murat.filcasa.it CE: C - IPE: 85,6 kWh/mq. PAOLO LOMAZZO 52 direttamente il costruttore propone edificio prestigioso nuova realizzazione varie metrature, terrazzi, box. 02.34.59.29.72 - www.52greenway.it - CE: B - IPE: 42,7 kWh/mq.

DA OG GGI IL TUO ANNUNCI IO DIVENTA MULTIMEDIALE...

AGENZIA cerca operatrici telefoniche, anche neopensionate, richiedesi buona dialettica. Tel. 02.66.80.02.99.

ACQUISTI

5.4

3
DIRIGENTI PROFESSIONISTI

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI

6
6.2

INV VIACI TESTO FOTO E VIDEO


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it
RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

OFFERTE

3.1

RICHIESTA

PRESTAZIONI TEMPORANEE

1.7

PENSIONATO 58 anni residente Milano offresi per collaborazione anche part-time/ saltuario. Cell. 333.62.80.295 - emilgran@libero.it

MADAGASCAR Hotel Andilana Beach ricerca direttore di villaggio, responsabile reception, food & beverage ed altro con decennale esperienza in villaggi turistici e perfetto francese. Ottimi stipendi. Info su: www.nosybe.com/2012 andilana@nosybe.com

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. INGEGNERE massime referenze cerca appartamento monolocale / bilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25.

46

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

PALLAVOLO A-1 MASCHILE, 2a GIORNATA DI RITORNO

Verona stupisce Meoni la ispira Belluno crolla


Il regista arma il braccio di Gasparini e Kromm che spingono in alto la Marmi Lanza
MARCO DINCA BELLUNO

Risultati
TRENTO-PIACENZA PADOVA-MONZA SAN GIUSTINO-LATINA CUNEO-VIBO BELLUNO-VERONA MODENA-RAVENNA MACERATA-ROMA 3-0 1-3 2-3 3-1 1-3 3-0 (sabato) 3-0

HANNO DETTO

d
S

PADOVA CADE IN CASA

Classifica
SQUADRE PT G V P SV SP

In Veneto comanda Verona: magari non nella classifica, ma di sicuro a livello di scontri diretti. Dopo il successo al tie-break allandata, la Marmi Lanza si prende il lusso di sbancare la Spes Arena, dimora orogranata. Ma il Sisley non era in casa. E non aveva nemmeno inserito lantifurto. Insomma, troppo facile, per gli scaligeri, fare razzia e portarsi a Verona lintero bottino. il secondo colpaccio nello spazio di pochi giorni per la squadra Robin Hood del campionato: dopo Cuneo cade anche Belluno al cospetto della compagine di Bagnoli.
Scalpi eccellenti Incredulo, a fi-

MACERATA TRENTINO CUNEO MODENA MONZA BELLUNO VIBO VALENTIA LATINA VERONA ROMA PADOVA PIACENZA SAN GIUSTINO RAVENNA

38 38 35 32 24 22 20 19 19 18 15 14 13 8

15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

14 13 12 12 9 6 7 6 6 6 4 4 4 2

1 2 3 3 6 9 8 9 9 9 11 11 11 13

43 42 42 39 30 30 27 28 27 24 23 22 23 15

15 14 21 21 30 28 31 33 36 33 36 37 40 40

Zanini Missione compiuta per i 3 punti ottenuti. C soddisfazione per il risultato e per la prestazione della squadra, in particolar modo del muro

Il regista argentino De Cecco, il migliore di Monza

Rooney martella Monza vince e ritorna quinta


MASSIMO SALMASO PADOVA

Prossimo turno
domenica 22 gennaio TRENTO-PADOVA PIACENZA-MACERATA VERONA-LATINA VIBO-BELLUNO MONZA-MODENA ROMA-CUNEO RAVENNA-SAN GIUSTINO sabato 21

S
Daniele Bagnoli: Abbiamo usato diversi sestetti e per noi cambiare un giocatore cambia tutto: dobbiamo lavorare per trovare lequilibrio

Derby Tanti ne ha vinti Verona in questa stagione con Belluno, una vera bestia nera

ne partita, il tecnico di casa, Roberto Piazza: Non ha funzionato nulla. Sapevamo che Verona ha nella battuta il suo punto di forza, invece ci siamo fatti cogliere pi volte in errore e il nostro gioco ne ha risentito. Male la ricezione, ma anche lattacco: Fei, che di solito ci trascina, non ha trovato il suo ritmo. Pu succedere, ma dobbiamo riflettere su questa sconfitta per poi risollevarci in vista delle prossime gare. Al di l delle lacune orogranata, vanno evidenziati i meriti di una Marmi Lanza che fa onore al suo sponsor: squadra solida, compatta, in grado di invertire la rotta dopo un avvio ricco di errori. Le chiavi della riscossa? Il servizio, che ha mandato in frantumi la ricezione avversaria, i muri di Zingel (4, un dominatore sotto rete) e lapporto offensivo di Kromm e Gasparini, capaci di confezionare 36 punti in coppia.

BELLUNO VERONA
(25-18, 19-25, 22-25, 23-25)

1 3 S
Stoytchev: Questa qualit di gioco basta per avere ragione di Piacenza di oggi, contro le prime della classe non baster. Possiamo fare di pi

Il tedesco Kromm mura Fei: una giornata dura per lazzurro BARIOLI
Battuta E pensare che il derby era iniziato sotto il segno Sisley, capace di vincere il primo set con un Frantisek Ogurcak sugli scudi: lo slovacco, alla sua miglior prestazione, chiuder con 16 punti, 2 ace e 2 muri. Ma la musica cambia nel secondo: le battute di Kromm sono lanticamera della riscossa. Riscossa che si perfeziona definitivamente nel terzo set, quando sul 17-13 per Belluno, arriva il break veronese di 9-2, chiuso dal panchinaro Ten Horst e agevo-

lato da un Sisley che attacca con un misero 39%. Anche perch Fei, su 10 palloni, non riesca a timbrare nemmeno un punticino. Soddisfatto Bruno Bagnoli: Dopo un primo set bruttissimo, nel quale abbiamo sbagliato sia in attacco, sia al servizio, ci siamo ritrovati. Una volta trovato il ritmo, siamo riusciti a mettere in difficolt il muro del Sisley, uno dei migliori. Una bella vittoria, su un campo molto difficile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SISLEY BELLUNO: De Togni 11, Fei 10, Horstink 9, Kohut 11, Suxho 4, Ogurcak 16; Farina (L), Antonov 3, Abdelaziz. N.e. Curti, Szab, Dolfo, Sorato (L). All. Piazza. MARMI LANZA VERONA: Gasparini 17, Kromm 19, Zingel 11, Meoni 1, Popp 11, Patriarca 9; Smerilli (L), Casarin, Kosmina 1, Ter Horst 1. N.e. Calderan, Postiglioni. All. B. Bagnoli. ARBITRI: Bartolini e Braico. NOTE Spettatori 970, incasso 5540 euro. Durata set 24, 26, 28, 29; totale 107. Sisley Belluno: battute sbagliate 11, vincenti 6, seconda linea 4, muri 10, errori 23. Marmi Lanza Verona: battute sbagliate 19, vincenti 2, seconda linea 7, muri 7, errori 26. Trofeo Gazzetta: 6 Kromm, 5 Ogurcak, 4 Gasparini, 3 Zingel, 2 Popp, 1 Meoni.

Monza riconquista il quinto posto con una prova maiuscola per tre set, ottimamente orchestrata da De Cecco. Padova continua a soffrire del mal di PalaFabris, non riuscendo pi a muovere la classifica quando gioca in casa. La squadra di Zanini ha costruito il suo successo a muro (17 a 3!) e in battuta, costringendo spesso Gonzalez a giocare palloni scontati. Il resto lo hanno fatto la grandissima serata di Rooney (69% in attacco e 5 muri), e la presenza straordinaria di Buti al centro (91% su 11 palloni). Pi a corrente alternata Conte, con giocate fuori dalla norma e qualche errore di troppo. Padova si affidata ancora a Koshikawa nel ruolo di libero, ma il giapponese - specie in ricezione -, non ha impressionato. Gonzalez ha giocato 39 palloni su Simeonov che ha fatto come sempre il suo. A mancare stato Schwarz, sostituito da un buon De Marchi. Male la battuta: 24 errori in quattro set sono davvero troppi. Monologo brianzolo per tre set, con l'unica incursione padovana nel terzo, chiuso ai vantaggi, dopo che Monza non era riuscita a concretizzare due palle match. E invece due muri della Fidia (una rarit in questa partita), hanno prolungato. Ma nel quarto set i bianconeri sono nuovamente scomparsi. Per i bianconeri un passo indietro dopo le belle prestazioni di Roma e Piacenza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PADOVA-MONZA

| 1-3

(18-25, 22-15, 30-28, 16-25) FIDIA PADOVA: Gonzalez 2, Schwarz 3, Semenzato 8, Simeonov 21, Rosso 13, Suljagic 6; Koshikawa (L), De Marchi 10, Tiberti, Giannotti 2. N.e. Garghella, Cricca, Zingaro. All.Montagnani. ACQUA PARADISO MONZA: De Cecco 1, Conte 14, Buti 14, Gavotto 15, Rooney 17, Shumov 4; Rossini (L), Nikic, Roumeliotis 2, Kaszap, Forni 3. N.e. Molteni, Ciabattini. All. Zanini ARBITRI: Sampaolo e Frapiccini. NOTE - Spettatori 2525 , incasso 7324. Durata set: 21,27', 33', 23'. tot. 104'. Fidia: b.s. 24, v. 5, m. 3, s.l. 16, e. 31. A.Paradiso: b.s. 13, v. 4, m. 17, s.l. 12. errori 20. Trofeo Gazzetta: 6 De Cecco, 5 Buti, 4 Simeonov, 3 Rooney, 2 De Marchi, 1 Conte .

TRENTO NON SI FERMA E RAGGIUNGE MACERATA, CUNEO TIENE IL PASSO


TRENTO PIACENZA
(25-18, 25-16, 25-19) ITAS DIATEC TRENTINO: Raphael 3, Juantorena 14, Birarelli 10, Stokr 15, Kaziyski 9, Djuric 7; Bari (L), Colaci (L), Zygadlo, Sokolov, Della Lunga. Ne: Brinkman, Burgsthaler. All. Stoytchev. COPRA ELIOR PIACENZA: Zhekov, Papi 7, Tencati 3, Nikolov 12, Zlatanov 9, Holt 3; Marra (L), Sidib, Massari, Kampa. Ne: Kral, Marretta e Penchev. All. Monti. ARBITRI: Prandi e Cesare. NOTE Spettatori 3204, incasso 29.630 euro. Durata set: 24, 23, 26; tot. 73, Itas. b.s. 14, v. 7, m. 7, 2 l. 9, e. 20; Copra: b.s. 11, v. 2, m. 2, 2 l. 4, e. 15. Trofeo Gazzetta: 6 Birarelli, 5 Raphael, 4 Stokr, 3 Nikolov, 2 Djuric, 1 Papi. TRENTO LItas Diatec ha unossatura che si conosce a memoria. Ha quelle certezze che Piacenza non ha. E in campo lo si visto. Piacenza non riesce a pungere con il servizio e allora per Trento il cambiopalla arriva regolare e in attacco prendere i bombardieri di Stoytchev dura (63% di squadra). Anche in una partita nella quale Raphael prova qualche variante, chiudendo spesso il gioco con Djuric e soprattutto con Birarelli (Mvp), due centrali che per un set e spiccioli viaggiano con il 100% in attacco. Per - ammonisce Stoytchev - questa qualit di gioco basta per avere ragione della Piacenza di oggi, contro le prime della classe non baster. Possiamo fare ancora di pi in diverse situazioni. Nicola Baldo

Le A-2
2 3
MASCHILE FEMMINILE

3 0

CUNEO VIBO VALENTIA


(17- 25, 25-20, 26-24, 25-15)

3 1

MODENA RAVENNA
(25-21, 25-21, 25-16)

3 0

SAN GIUSTINO LATINA


(21-25, 25-22, 25-27, 25-15, 10-15)

Loreto 9a vittoria Citt di Castello lancia Perugia in vetta Coppia in vetta


(f.c.) Colpo grosso di Citt di Castel lo che ha sbancato Castellana fa cendo perdere ai pugliesi di Vincen zo Di Pinto il primato che ora pas sato a Perugia. Ancora in panchina sul Club Italia, Totire. Da rilevare a Cant i 6 ace di Peda (Loreto). Cos la 19 giornata: Molfetta Si digas Atripalda 3 1 (25 21, 19 25, 27 17, 25 18); CheBanca! Mila no Carige Genova 2 3 (22 25, 16 25, 25 22, 25 21, 13 15); Globo Sora Cicchetti Isernia 3 0 (26 24, 25 21, 25 17); Edilesse Reggio Emi lia Caff Aiello Corigliano 3 0 (25 22, 25 21, 25 17); Ngm Santa Croce Club Italia Roma 3 2 (25 22, 21 25, 23 25, 25 20, 15 13); Cassa Rurale Cant Ener gy Resources Loreto 0 3 (24 26, 16 25, 23 25); Bcc Castellana Grot te Gherardi Citt di Castello 1 3 (25 20, 30 32, 23 25, 15 25). Sir Safety Perugia Segrate 3 0 (saba to). Classifica: Perugia 43; Castellana 42; Segrate 40; Citt di Castello 39; Molfetta 37; Milano, Sora 34; Genova 32; Loreto 30; S. Croce 28; Corigliano 27; Isernia, C.Italia 20; Reggio Emilia 11; Cant 10; Atripal da 9. (m.l.) Loreto infila la 9 vittoria con secutiva, ma al tie break e viene agganciato in vetta da Giaveno. Pri me 8 della classifica a met della stagione regolare vanno ai quarti di Coppa Italia. Alla fine Ponteca gnano ha giocato. Cos nella 15 giornata Puntotel Sala ConsilinaReale Giaveno 0 3 (22 25, 16 25, 22 25); Mercato San SeverinoInfotel Forl 3 0 (25 18, 25 23, 25 22); Esse ti LoretoIcos Crema 3 2 (25 22, 15 25, 25 21, 17 25, 15 12); IHF FrosinoneLavoro.Doc Ponteca gnano 3 0 (25 13, 25 18, 31 29); Pom CasalmaggioreTime Matera 3 0 (25 15, 25 21, 25 20); Paradi so BusnagoBiancoforno Santa Croce 3 0 (25 18, 25 19, 25 21); Oli vieri MontichiariAssitur Soverato 1 3 (25 20, 21 25, 21 25, 21 25); Terre Verdiane Fontanellato Cedat 85 San Vito 3 2 (25 19, 22 25, 26 24, 21 25, 15 7). Classifica: Loreto, Giaveno 38; Crema, Casalmaggiore 34; Santa Croce, Busnago 29; Soverato 24; Frosinone 22; Montichiari 21; Fontanellato 19; Sala Consilina 18; S. Severino, San Vito 15; Ponteca gnano 9; Forl 7; Matera 5.

BRE LANNUTTI CUNEO: Wijsmans 16, Fortunato 5, Vissotto 3, Ngapeth 13, Mastrangelo 9, Grbic 6; Henno (L), Patriarca 1, Caceres 14, Baranowicz. N.e. Van Lankvelt Rossi, Pieri (L). All. Gulinelli. CALLIPO VIBO: Cernic 9, Barone 9, Klapwijk 9, Diaz 15, Rak 13, Serafini 2; Fanuli (L), Olli, Grassano, Falasca 3, Bander. N. e. Mignolo, Nikolov. All. Blengini. ARBITRI Zucca e Ippoliti. NOTE. Spettatori 2126, incasso 13913. Durata set: 25', 26', 31', 23'; tot. 105'. Bre Lannutti: b.s. 13, v. 4, m. 14, 2 l. 7, errori 24. Callipo: b.s. 14, v. 1, m. 11, 2 l. 4, e. 26. Trofeo Gazzetta: 6 Henno, 5 Caceres, 4 Diaz, 3 Rak, 2 Mastrangelo, 1 Ngapeth. CUNEO Cuneo tiene il passo delle prime, anche se non brilla nel gioco. Vibo si mangia le mani per il finale del terzo set (e coach Blengini recrimina anche su alcune scelte arbitrali). La sensazione che la Bre Lannutti, conscia della superiorit, abbia accelerato quando ne ha avuto davvero bisogno. In un primo set da dimenticare per i padroni di casa, giornata no per Vissotto (deve recuperare noie al ginocchio e al quadricipite destro) che lascia il posto a Caceres. Il dominicano entra nel secondo, mette subito a terra 7 punti. Non merita il titolo di Mvp solo perch cala nel finale e Henno gli ruba la scena. Diaz ha martellato da ogni angolo, prestazione deludente per Klapwijk (dentro Falasca), mentre il senatore Mastrangelo fa 9 punti col 67% in attacco. Gianni Scarpace

CASA MODENA: Esko 7, Martino 4, Yosifov 7, Kooy 12, Anderson 13, Sala 9; Mani (L), Bellei 1, Carletti, Dennis 6. N.e. Casoli, Catellani (L), Piscopo. All. D. Bagnoli. CMC RAVENNA: Mengozzi 2, Corvetta 3, Sirri 7, Brunner 7, Moro 10, Quiroga 4; Tabanelli (L); Bendandi, Gruszka 3, Verhanneman 1, Roberts. N.e. Leonardi, Gallosti. All. Babini. ARBITRI: Pessolano e Saltalippi NOTE - Spettatori 3203, incasso 20.256. Durata set: 28, 29, 24; tot. 81. Casa Modena: b.s. 16, v. 8, m. 8, s.l. 8, e. 21. Cmc: b.s. 8, v. 0, m 5, s.l. 6, e. 16. Trofeo Gazzeta: 6 Anderson, 5 Esko, 4 Kooy, 3 Sala, 2 Corvetta, 1 Dennis MODENA Un buon allenamento per Modena che pu rifiatare dopo tanti tie-break. La forza fisica e la qualit dei singoli hanno fatto la differenza in un match in cui c stata battaglia solo nel 2 set, dopo il primo dominato da Anderson in battuta e attacco. Moro e Sirri al servizio hanno permesso ai romagnoli di andare avanti in un paio di circostanze sull8-7 e sul 12-11 nel 2 parziale, prima di unaltra grandinata dal servizio di Kooy parito come opposto al posto di Dennis. Analoghi parziali (25-21) per le prime due frazioni; peggio la terza, chiusa da Modena 25-16 con Dennis di nuovo in campo al posto di un ancora deludente Martino. Bene Esko, che potrebbe avere di nuovo accanto Kooy, per le partite che contano dei prossimi giorni. Paolo Reggianini

ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO: Creus 10, Mc Kibbin 2, Rauwerdink 15, Cozzi 12, Patak 20, Urnaut 20; Giovi (L), Finazzi, Tholse 1, Sammelvuo, Lo Bianco 1. N.e. Petkovic. All. De Giorgi ANDREOLI LATINA: Rivera 17, Cester 17, Jarosz 17, Fragkos 5, Gitto 5, Sottile; De Pandis (L), Diachkov 9, Hardy-Dessources 6, Guemart, Troy 5, Tailli (L). N.e. Galabinov. All. Prandi ARBITRI: Boris e Castagna NOTE - Spett. 1500, incasso 3500. Durata set 25, 29, 30. 26, 16 ; tot. 126. E.Resources: b.s. 16, v. 5, m. 10, s.l. 6, e. 28. Andreoli: b.s. 15 , v. 2 , m. 14 , s.l. 6 , e. 33. Trofeo Gazzetta: 6 Cester, 5 Jarosz, 4 Patak, 3 Rivera, 2 Cozzi, 1 Rauwerdink. SAN GIUSTINO (PG) La pazienza di Latina di saper aspettare il crollo di San Giustino nel tie break ha permesso ai laziali di vincere una gara che pi volte sembrava poter sfuggire loro. Il muro dei laziali stato fondamentale, come lo stato un Cester autentico trascinatore (2 ace e 5 muri). Con Cozzi in campo allinizio al centro al posto di Finazzi e con Mc Kibbin ormai promosso definitivamente in regia, De Giorgi non ha guarito la sua squadra: mancano carattere e continuit. Il rammarico di non aver concretizzato la grande rimonta nel terzo set (da 20-24 a 24-24), cedendo poi con lerrore in battuta di Rauwerdink e sullace dellex Cester. A fine match ci sono stati dei momenti accesi tra le due tifoserie, con intervento della sicurezza. Antonello Menconi

48

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

LANNIVERSARIO DOMANI LEX RE DEI MASSIMI COMPIE 70 ANNI


DAL NOSTRO INVIATO

MASSIMO LOPES PEGNA LOUISVILLE (Kentucky, Usa)

Quando il Mito si affaccia dal secondo piano del suo museo personale il Muhammad Ali Center , trecentocinquanta selezionatissimi ospiti (incluso il cronista) che hanno pagato mille dollari per essergli vicini nel giorno del suo 70 compleanno, fanno scattare un lungo applauso. Ali, Ali, Ali, ruggiamo ancora schierati nella lobby sottostante. Da lass, il Pi Grande incassa lovazione con un impercettibile movimento della testa. Poi, un tremore incontrollabile lo scuote come se fosse ancora fuori al freddo pungente sotto la neve che imprevedibilmente sta cadendo su Louisville. E invecchiato ben oltre i suoi settanta anni (che compie domani), dimagrito e scavato in volto dal morbo di Parkinson. Solo gli occhi sono vivi e veloci ed emettono ancora la stessa energia dei giorni che furono. Nellascensore che viaggia veloce fino al sesto piano c il figlio minore, Asaad. Ha scelto il baseball, che gioca con profitto alluniversit, con qualche speranza di arrivare nelle Major League. Gli chiediamo se il ring sia mai stato fra le sue ambizioni di bambino: Mai, risponde sicuro. E aggiunge: Mio padre non me lo hai mai permesso: gli

Il compleanno del Pi Grande Il mito non scende dal ring


A Louisville familiari e amici per la festa di Muhammad, fiaccato dal Parkinson Lallenatore 90enne Dundee: Mi chiama e dice: "voglio venire in palestra"
la scheda
MUHAMMAD ALI 69 ANNI THE GREATEST

I NUMERI

4
1

Cassius Clay, diventato Muhammad Ali con la conversione allIslam, nato a Louisville il 17 gennaio 1942. Oro olimpico nei mediomassimi a Roma 60, ha conquistato il Mondiale dei massimi il 25 febbraio 1964 (Liston kot 7).

Oro olimpico conquistato ai Giochi di Roma 1960. Si chiamava ancora Cassius Clay.

8 marzo 71 Dopo la sospensione della licenza fallisce lassalto alla corona con Joe Frazier. 30 ottobre 74: riconquista la corona dei massimi con lo storico k.o. nello Zaire contro George Foreman.

Cerano Lennox Lewis, Meg Ryan e Mellencamp. In video i saluti di eredi e rivali
avrei procurato un grande dolore.
Tante storie La sala arredata con una trentina di tavoli e un palcoscenico dove si succederanno decine di invitati con messaggi di auguri e aneddoti. Perch tutti, nel salone delle feste, sembrano averne uno pronto. Ron Brashear, presidente di una fondazione benefica di Atlanta, ci svela il suo in anteprima: Ha visto? Sullinvito c un errore: hanno messo 2011 invece di 2012. Anni fa avrebbe fatto un macello. Dio, se era un perfezionista. Lo aiutavo a fare i programmi dei match: la sua foto non era mai bene in evidenza rispetto allavversario. Accanto a Muhammad portano la carrozzina su cui seduto il suo storico allenatore Angelo Dundee: ha novantanni e sembrano coetanei. Lo pensiamo in molti, non lo dice nessuno. Quando stringiamo la mano ad Angelo, saputa la nostra provenienza, pretende un abbraccio: Paesano mio, dice commosso. Racconta: Muhammad mi chiama una volta al mese, di mattina quando pi riposato, e allora riesce a sussurrarmi: "Angie, voglio venire ad allenarmi in palestra da te. Mi manca tanto". Cos, gli dico che non

ALI 70
1

30 settembre 75: a Manila vince la bella contro Joe Frazier (kot 14) conservando il titolo. 11 dicembre 81: a Nassau
perde lultimo match contro Berbick.

Volte campione mondiale nei massimi: dal 1964 al 67, dal 74 al 78 e ancora una volta nel 78.

COMPLEANNO IN TV

Espn gli dedica due settimane di documentari


Per celebrare Muhammad Ali, ESPN Classic (canale 216 di Sky) propone da oggi a domenica 29 gennaio, tutti i giorni alle ore 21, il meglio della propria library. La programmazione inizia con una prima visione assoluta, le immagini d'archivio relative al 69. Domani tocca aa Ali agli occhi del mondo, il documentario, diretto da Phil Grabsky, che ripercorre attraverso filmati depoca e interviste esclusive (tra gli intervistati, gli attori James Earl Jones, Billy Crystal, Rod Steiger e Billy Connolly) la sua vita. Seguiranno match famosi e altri documentari fra cui Ali Rap, programma in cui si fa largo l'ipotesi secondo cui fu lo stesso Ali a inventare a sua insaputa la musica rap, e Ali in dodici riprese. Anche Sky Sport 24 domani dar spazio al compleanno di Ali, in particolare alle 11.30, con interviste e contributi filmati.

sta l: immobile, ma presente. Al tavolo intrattiene con uno dei suoi giochi di prestigio che per non gli viene.
Commozione La torta la porta

I match vinti da Muhammad Ali in carriera, 37 dei quali per ko. Soltanto cinque le sconfitte.

56

possiamo pi farlo, ma che gli voglio un sacco di bene. Emozionante, come vedere in carne e ossa Howard Bingham, lamico fraterno e fotografo ufficiale di Ali. E senza barba e con una giacca che forse non indossava da anni. Avrebbe mille cose da raccontare, ma quando tocca a lui, sul palco simpappina e gli esce solo una frase, bellissima: I love you Muhammad: sono contento di essere stato considerato un tuo grande amico.
In famiglia Incrociamo un omo-

ne con bombetta. E il fratello pi piccolo di un anno, Rahaman, che per molto tempo gli fece da uomo ombra. Si convert allislamismo quando lo fece Muhammad, lo imitava in tut-

to, ma lasci perdere con il pugilato e si mise a dipingere come il padre: Le presento la mia moglie numero sei: lunica cosa in cui mio fratello non ha saputo battermi. Ride di gusto, confinato a un tavolo troppo lontano da quello del Mito. C John Mellencamp (accompagnato dalla sua fiamma, lattrice Meg Ryan) che fa venire i brividi quando attacca Born in a small Town. In video, Larry Holmes intona Happy Birthday; Tommy Hearns lo definisce il suo idolo; Evander Holyfield gli fa pi semplicemente gli auguri, mentre Sugar Ray Leonard ammette: Ho cercato di imitarti, Muhammad: volevo essere come te. E se sono diventato chi sono grazie a te. Ali

In alto Ali con la moglie Lonnie. 1. Il fratello minore Rahaman, come Muhammad si convert allIslam. 2. Lennox Lewis, ex campione dei massimi, ha portato la torta. 3. Ali insieme allo storico allenatore Angelo Dundee, 90 anni. 4. Ali durante la festa AP

personalmente lex campione dei massimi, Lennox Lewis, ma il soffio sulle candeline troppo lieve. Allora provvede la moglie Lonnie che da anni lo accudisce e parla per lui. Si commuove anche Lennox: Stavo incollato alla tv per i tuoi match e mi arrabbiavo quando non ti vedevo danzare sul ring. Abbozza un debole sorriso, Muhammad, toccato al cuore da quei messaggi di ex grandi della boxe (mancava quello di Tyson), dallabilit dellaffermato illusionista Shimshi o dalla frase ad effetto che pronuncia Leon Gast, il regista del documentario Quando eravamo re: Grazie per avermi accettato nella tua vita e per aver trasformato la mia in una fiaba. Il Mito ripiegato su se stesso, lo devono aiutare quelli della sicurezza per issarlo su una sedia a rotelle e portarlo fuori. Osserviamo in silenzio, tutti in piedi come in un attimo di inconsolabile tristezza. Ma i suoi occhi rassicurano: sono allegri e fieri come nelle pi belle fotografie di Bingham.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Figli di Ali avuti dalle quattro mogli: sette femmine e due maschi.

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it PRESIDENTE Piergaetano Marchetti VICE PRESIDENTE Renato Pagliaro AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE Antonello Perricone CONSIGLIERI Raffaele Agrusti, Roland Berger, Roberto Bertazzoni, Gianfranco Carbonato, Diego Della Valle, John Elkann, Giorgio Fantoni, Franzo Grande Stevens, Jonella Ligresti, Giuseppe Lucchini, Vittorio Malacalza, Paolo Merloni, Andrea Moltrasio, Carlo Pesenti, Virginio Rognoni, Alberto Rosati, Giuseppe Rotelli, Enrico Salza DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI Giulio Lattanzi

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.62821 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE PUBBLICIT Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848

Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2012

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia Divisione Quotidiani RCS MEDIAGROUP S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Editrice La Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 10134 Torino S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island City, NY 11101, USA S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

COLLATERALI * Con Ballando con le Stelle e 9,19 - con Supereroi N. 36 e 11,19 - con Soldatini dItalia N. 32 e 11,19 - con Linomania N. 21 e 11,19 - con Ferrari Racing N. 19 e 14,19 - con I Miti del Rugby N. 16 e 12,19 - con Montalbano N. 15 e 11,19 - con Bear Grylls N. 13 e 11,19 - con Lupin III Film Collection N. 12 e 11,19 - con Indistruttibili N. 11 e 11,19 - con ET Predictor card e 11,19 - con Calendario Special Olympics e 8,00 - con Megaposter Bianconeri, Nerazzurri, Rossoneri e 9,19 - con i Miti del Calcio ai Raggi X N. 30 e 4,19 - con Campionato Io Ti Amo e 14,19 - con Alberto Sordi N. 3 e 11,19 con Mai Dire Story N.3 e 11,19 PROMOZIONI ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7335 DEL 14-12-2011

La tiratura di domenica 15 gennaio stata di 348.068 copie

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 8,10; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 600; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

49

TUTTENOTIZIE E RISULTATI
Ippica A PARIGI IL PRIX DE BELGIQUE A DUE SETTIMANE DALLA CLASSICA
Atletica Che Caravelli Fa 8"09 nei 60 hs
Significativi progressi di Marzia Caravelli che ieri a Roma (Casal del Marmo), partendo dall8"21 di domenica scorsa ad Ancona, ha portato il personale dei 60 hs prima a 8"19 e poi a 8"09, terzo crono italiano all time dopo il 7"97 di Carla Tuzzi e l8"02 di Micol Cattaneo e minimo per i Mondiali di Istanbul (8"18). Personale anche nei 60: partendo dal 7"49 di sabato scorso scesa prima a 7"48 e poi a 7"41 (come Audrey Alloh). A Roma (Casal del Marmo). Donne. 60: Alloh 7"41; Caravelli 7"41; Paoletta 7"53 (b. 7"52); Draisci 7"62. Ad Ancona. Uomini. 200: Gai 21"66. 60 hs: Berdini 8"11. Alto: Tamberi 2.18. Pentathlon: Fiorini 4455. Donne. 200/60 hs: Doveri 8"60 (b. 8"53)/24"90. 800: Magnani 208"89; Vandi (all.) 212"13. Pentathlon: Bacciotti 3795. Ad Hanau (Ger). Uomini. 60 hs: Dal Molin 7"87. VALLAGARINA ETIOPE (e.b.) Al 35 cross della Vallagarina a Villa Lagarina (Tn), dominio etiope. Migliori italiani Gabriele De Nard, 8 (Stefano La Rosa ritirato per un infortunio a una caviglia) e una pimpante Agnes Tschurtschenthaler, 3. Uomini (km 8.7): 1. Atanau (Eti) 2527"; 2. Fikadu (Eti) 2536"; 3. Kassa (Eti) 2543"; 4. Gebretsadik (Eti) 2605"; 5. Lebid (Ucr) 2610"; 6. Matvichuk (Ucr) 2616"; 8. De Nard 2617"; 13. Scaini 2658". Donne (km 5.6): 1. Afera (Eti) 1916"; 2. Roman (Eti) 1919"; 3. Tschurtschenthaler 1938"; 4. Maraoui 1947"; 5. Dal R 1948"; 6. Rinicella 1951". BRAVA EJJAFINI (pe.m.) Settimo posto di Nadia Ejjafini, prima europea davanti al fresco oro continentale, lirlandese Britton, nel 30 cross di Siviglia (Spa), sotto la pioggia. Successi keniani con (a sorpresa) il 19enne Geoffrey Kipsang, iridato junior e Linet Masai con 20" su Vivian Cheruiyot. Uomini (km 10.8): 1. Kipsang (Ken) 3053"; 2. Rop (Ken) 3057"; 3. Kipsiro (Uga) 3103"; 6. Lamdasem 3123". Donne (km 8): 1. L. Masai (Ken) 2540"; 2. V. Cheruiyot (Ken) 2600"; 3. W. Ayalew (Eti) 2600"; 7. Ejjafini 2647"; 8. Britton (Irl) 2654"; 25. Roffino 2850".

Nuoto PHELPS VINCE

Varennina Lisa prudente e tonica Ready battuto, Amrique riaperto?


La vera notizia la sconfitta di Ready Cash, che manca il poker con Bretagne, Bourbonnais e Bourgogne riuscito lultima volta al grande Ourasi nel 1987-1988. Il campione francese a due settimane dallAmrique, suo vero obiettivo, cala nel finale dopo un percorso sempre al largo e finisce terzo nel Belgique vinto in 1.13.3 da Royal Dream (che conquista il pass per lAmrique) davanti a Roxane Griff. Ready era penalizzato di 25 metri come la nostra Lisa America, sfortunatissima nel subire il calo di Roc Meslois, poco prima dellingresso in retta, quando era in seconda posizione alla corda. Poi in retta rimasta tonica (finir settima), pur senza essere sollecitata da Dominik Locqueneux.
Le parole di Riordan Limpres-

La Evans stacca pass per i Trials pure negli 800 sl

vorevole. Poi Lisa ha svolto solo il previsto allenamento, senza forzare. E rimasta dovera e una volta impossibilitata a sprintare, Dominik Locqueneux lha lasciata tranquilla. Le impressioni del driver?: Mi ha detto che tra due settimane avremo una chance importante da giocarci.
Riaperto? La sconfitta di Ready Cash ha riaperto lAmrique?: Io credo che sar il grande favorito, ma un esperto driver francese mi ha detto

che fino ad ora Ready Cash aveva sempre vinto al termine di corse venute benissimo, senza dover soffrire tatticamente, come stavolta per esempio. Insomma, potrebbe non essere cos facile come sembra. Nel convegno anche sei italiani nel Prix Tenor de Baune. Tris francese con Severino che si guadagna in 1.12.9 il pass per lAmrique. Il migliore dei nostri sarebbe stato Miele dALfa (R. Andreghetti), quarto sul palo ma squalificato per rottura, lasciando il suo posto

a Main Wise As (P. Levesque). Poi sesto Mineiro As (J. Verbeeck) e settima Marielles (Ch. Martens)
Prix de Belgique - m 2850: 1 Royal Dream (J. Ph. Dubois) 1.13.3; 2 Roxane Griff; 3 Ready Cash; 4 Maharajah; 7 Lisa America; Tot. in Italia: 4,00; 1,48, 1,44, 1,12 (18,34) Trio: 67,95. Prix Tenor de Baune - m 2700: 1 Severino (Ch. Bigeon) 1.12.9; 2 Santa Rosa France; 3 Scoop dYvel; 4 Main Wise As; Tot.: 5,87; 3,40, 4,79, 3,86 (108,89) Trio: 494,64. OGGI QUINT A TOLOSA In Italia al 16 giorno di sciopero. Corsa quin odierna a Tolosa alle 18.40.

(al.f.) Michael Phelps torna a vincere i 400 misti che non nuotava dai Panpacifici del 2010: ad Austin (Usa, 50 m) fa 41695 dominando dalle prime bracciate, ma su twitter sottoli nea che non sono facili come quando aveva 15 anni. Ho nuota to bene anche se nel finale so no morto. Janet Evans (foto Ap) chiude gli 800 sl in 849"05 e centra il secondo tempo limite per i trials olimpici.
Uomini: 50 sl Adrian 2194, Bousquet (Fra) 2205, Ervin 2227; 200 sl Berens 1'4792, 5. Lochte 1'5045; 200 do Grevers 1'5776, 3. Lochte 1'5896; 400 mx Phelps 4'1695. Donne: 50 sl Weir 2523; 200 sl Schmitt 1'5583, Franklin 1'5786; 200 do Franklin 2'0818, 5. Manaudou (Fra) 2'1252.

sione di tonicit confermata da Jerry Riordan, lallenatore della Varennina: La partenza dal secondo nastro stata molto veloce e molto soddisfacente, Lisa era arrivata sui primi gi al termine della curva. Questo dettaglio, che dettaglio in effetti non , potrebbe rivelarsi fondamentale nellAmrique, dove sar fondamentale conquistare una posizione fa-

Boxe
STIEGLIST OK (r.g.) A Offerburg (Ger) Robert Stieglist (Ger. 41-2), mantiene il Wbo supermedi contro Henry Weber (Ger 15-1-1) battuto nettamente ai punti. Rientro vincente di Arthur Abraham (Ger. 33-3) contro Oscar Natalio Farias (Arg. 19-2) ko al 5. Il massimo bulgaro Kubrat Pulev (15), per lInternazionale Ibf mette Michael Sprott (Ing. 36-18) ko 9.

LUTTO Bogliasco in lutto per la scomparsa di Stefano Di Fiore: vinse lo scudetto 1981 e guid la squadra nell86-87. La figlia Lorenza gioca nella squadra femminile del club.

Royal Dream (sinistra) vince il Belgique, Ready Cash 3, Roxane Griff coperta da Royal Dream 2 FORNI

Rugby
COPPE EUROPEE Nel 5 turno delle Coppe, Petrarca travolto a Newcastle in Challenge. In Heineken, Leinster e Munster gi qualificate. Heineken. Girone 3: Glasgow-Leinster 16-23. Classifica: Leinster 20; Glasgow 11; Montpellier 10; Bath 7. Girone 5: Saracens-Biarritz 20-16. Classifica: Saracens 18; Biarritz, Ospreys 13; Treviso 6. Challenge. Girone 2: Newcastle-Padova 43-0; Tolone-Lione 29-10. Classifica: Tolone 20; Newcastle 18; Lione 10; Padova 0.

Slittino A OBERHOF (GER)

Rugby DUE SETTIMANE DI STOP

Ghiaccio IN GERMANIA

Football PLAYOFF NFL

Zoeggeler 4o Trionfa Loch


Oberhof resta indigesta per Armin Zoeggeler. Sulla pista della ex Germania Est, dove ha vinto una sola volta (1995), il 38enne azzurro ha chiuso quarto, alle spalle dellennesima tripletta tedesca. Vince ancora Loch, ormai a un passo dalla Coppa. Nella staffetta, Italia seconda dietro alla Germania. Nel prossimo weekend tappa a Winterberg (Ger).
Singolo: 1. Loch (Ger) 128"042 (43"921/1+44"121/2); 2. Moeller (Ger) a 0"209 (2+3); 3. Langenhan (Ger) a 0"289 (4+4); 4. ZOEGGELER a 0"439 (44"149/3+44"332/7); 9. D. FISCHNALLER a 0"674 (6+11); 18. RIEDER a 1"197 (19+21); 23. MAIR a 1"441 (16+30); 24. K. FISCHNALLER a 1"447 (26+22). Coppa (5 su 9): 1. Loch 485; 2. Moeller (Ger) 370; 4. Zoeggeler 305.

Treviso: Smith Nuovo doping un esempio sul sangue?


Ieri Treviso ha replicato allo stop di 2 settimane a Franco Smith, esprimendo dispiacere per una sanzione a un tecnico mai squalificato da giocatore, dal comportamento ineccepibile. Ho sempre allenato sono parole di Smith con le istruzioni, che sono anche mie convinzioni, di preparare il numero maggiore di italiani a essere competitivi e a poter sognare lazzurro. La presenza di stranieri nel Benetton, per questo, strumentale.
DERBYSHIRE STOP (i.m.) Brutto infortunio alla spalla destra per Paul Derbyshire, uscito al 18 con gli Ospreys. Oggi risonanza e prognosi: a rischio lultima di Heineken di Treviso coi Saracens e la convocazione azzurra.

Tebow a casa Rimonta 49ers


Finisce a Foxboro la stagione miracolosa di Tim Tebow. New England travolge Denver con 6 td di Tom Brady (record per i playoff), 3 dei quali ricevuti da Gronkowski (altro primato). Finisce 45-10 con il qb dei Broncos che lancia solo 9/26. Ma ad entusiasmare la sfida della Nfc, vinta da San Francisco 36-32 su New Orleans, con i Saints rimontati due volte, la prima a 211" dalla fine con td su corsa del qb Smith da 28 yard e poi, dopo il td di Graham a -137", con quello della vittoria di Davis a -9".
Risultati. Afc: New England-Denver 45-10; Baltimore-Houston 20-13. Nfc: San Francisco-New Orleans 36-32; Green Bay-NY Giants (ieri notte italiana).

Hockey ghiaccio Coppa al Cortina


(m.l.) Al Cortina la Coppa Italia (la terza dopo le due vinte negli anni 70): in finale battuto il Bolzano padrone di casa ai rigori. Bolzano-Cortina 3-4 rig. (0-1, 0-1, 3-1; 0-0; 0-1). ASIAGO K.O. (m.l.) A Rouen (Fra), finisce con tre sconfitte in tre gare (3 gol fatti e 16 subiti) la Super Final di Continental Cup dellAsiago. Ieri: Minsk (Bie)-Asiago 4-1 (2-0, 1-0, 1-1); Rouen (Fra)-Donetsk (Ucr) 5-2. Classifica: Rouen 6 (+7); Minsk 6 (+4); Donetsk 6 (+2); Asiago 0.

Una pattinatrice tedesca in pista lunga, la cui identit resta per ora segreta, da maggio al centro di uninchiesta condotta dallagenzia antidoping nazionale per aver utilizzato raggi ultravioletti al fine di migliorare la circolazione dellossigeno nel proprio sangue. Un medico del centro federale di Erfurt, con procedura illegale, a lei e probabilmente ad altri atleti (forse anche provenienti da ciclismo e atletica), avrebbe prelevato sangue, trattandolo poi coi raggi ultravioletti per infine trasfonderlo nuovamente. Il caso rischia di diventare particolarmente delicato perch introdurrebbe un nuovo doping.

Scherma
SAMELE E FIAMINGO Luigi Samele (sciabola) e Rossella Fiamingo (spada) vincono a Ravenna la 1 prova Open di qualificazione agli Assoluti. Sciabola uomini. Finale: Samele b. Tarantino 15-13. Semifinali: Samele b. Occhiuzzi 15-14; Tarantino b. Aquili 15-11. Spada donne. Finale: Fiamingo b. Del Carretto 14-11. Semifinali: Del Carretto b. Carpenga 15-11; Fiamingo b. Briasco 15-12.

Hockey prato
ITALIA SALVA (a.fr.) A Lignano (Ud), nellEurohockey indoor maschile, lItalia recupera da 0-2 a 2-2 con la Bielorussia e rimane in Championships II.

Sport invernali
SALTO DONNE A Predazzo (Tn), la statunitense Sarah Hendrickson, allenata dal trentino Paolo Bernardi, bissa il successo di sabato nella tappa italiana di Coppa. Risultati: 1. Hendrickson 285.9 (104.5 + 108 m); 2. Iraschko (Aut) 273.1; 3. Graessler (Ger) 250.8; 13. Insam 231.2; 28. Demetz 194.5; 35. Runggaldier 94.2. Coppa: 1. Hendrickson 429; 12. Insam 128. SALTO UOMINI (c.r.) Cos ieri a Tauplitz (Aut) nelle due tappe di volo uomini (HS 200, K 185). 1 tappa (1 manche): 1. Kranjec (Slo) 212.5 (206 m); 2. Morgenstern (Aut) 206.8; 3. Bardal (Nor) 201.6; 26. Morassi 161.6; 35. Bresadola 142.1; 40. Colloredo 130.8. 2 tappa (2 manche): 1. Bardal (Nor) 364.9 (197.5 + 183.5 m); 2. Ito (Gia) 363.3; 3. Stoch (Pol) 358.2; 31. Colloredo 155.5; 32. Morassi 149.3; 45. Bresadola 122.7. Coppa: 1. Kofler (Aut) 795; 29. Morassi 73. BIATHLON Cos a Nove Mesto (R.Ceca) nelle pursuit di Coppa. Uomini (km 12.5): 1. Schipulin (Rus) 3450"8 (1); 2. Fourcade (Fra) a 11"1 (3), Peiffer (Ger) a 11"1 (3); 26. Hofer; 34. M. Windisch; 46. D. Windisch. Coppa: 1. Svendsen (Nor) 474. Donne (km 12.5): 1. Berger (Nor) 3100"3 (3); 2. Ekholm (Sve) a 17"9 (0); 3. Brunet (Fra) 25"1 (0); 27. Ponza; 38. Oberhofer; 45. Haller; 48. Wierer. Coppa: 1. Neuner (Ger) 588. BOB Simone Bertazzo 19 nel bob a 4 di Koenigssee (Ger) vinto dal russo Zubkov. Bob a 4: 1. Russia 1 (Zubkov) 138"05 (1+1); 2. Germania 2 (Machata) a 0"02 (2+1); 3. Germania 1 (Arndt) a 0"14 (4+3); 19 Italia 1 (Bertazzo-Fontana-Bruno-Costa) a 1"71 (18+19). Coppa: 1. Zubkov 1054; 19. Bertazzo 478. FREESTYLE Diego Castellaz 17 ieri a Les Contamines (Fra) nello skicross di Coppa. Uomini: 1. Fiva (Svi); 2. Juell (Nor); 3. Zoricic (Can); 17. Castellaz; 43. Tomasi. Donne: 1. Luedi (Svi); 2. Baron (Fra); 3. David (Fra); 24. Teglia. OLIMPIADE GIOVANILE (s.f.) Ai Giochi invernali giovanili, secondo podio per la sciatrice francese Estelle Alphand, figlia di Luc, argento in supercombinata dietro la svedese Fjaellstroem.

Judo
BRUYERE OK Ad Almaty (Kaz), nel 3 World Master, 5 posto di Francesco Bruyere negli 81 kg. Classifiche -70: 1. Decosse (Fra). -78: 1. Aguiar (Bra). +78: 1. Qin Qian (Cina). -81: 1. Mammadli (Aze); 5. Bruyere. -90: 1. Nishiyama (Giap). -100: 1. Rakov (Kaz). +100: 1. Silva (Bra).

Nuoto

Pallavolo donne Busto rallenta con Pesaro


CHIERI V. CORTESE 1 3 BUSTO PESARO 3 2 URBINO MODENA 3 1 PIACENZA BERGAMO 3 2
(19-25, 11-25, 25-19, 20-25) CHIERI Weiss 1, Sorokaite 11, Pavlovic 3, Zetova 11, Arimattei 9, Corvese 8; Borri (L), Borgogno 5, Grazietti 1, Hippe 1. N.e. Giogoli, Vietti, Zauri. All. Beltrami. MC CARNAGHI VILLA CORTESE Bosetti L. 21, Wilson 6, Pavan 22, Cruz 7, Guiggi 11, Berg 1; Carocci (L), Puerari (L), Pincerato, Barborkova, Bosetti C. N.e. Stufi, Perinelli, All. Abbondanza. ARBITRI Tanasi e Cassarino. NOTE 3100 spettatori. Durata set: 24', 20', 25', 26'. Tot. 95'. Chieri: b.s. 8, v. 0, m. 10, e. 22. Villa Cortese: b.s. 12, v. 2, m 7, e. 20. T. Gazzetta: 6 Pavan, 5 Bosetti L., 4 Guiggi, 3 Weiss, 2 Zetova, 1 Berg. (ma.mor) Nonostante il rientro di Zetova e l'esordio di Weiss, Chieri k.o. con Villa Cortese trascinata da Pavan e Bosetti. (25-14, 25-23, 19-25, 22-25, 15-9) YAMAMAY BUSTO A. Marcon 10, Bauer 16, Lloyd 5, Havelkova 24, DallOra 2, Havlickova 21; Leonardi (L). Lotti, Caracuta, Meijners 1, Pisani 2, Bisconti. All. Parisi. SCAVOLINI PESARO Okuniewska 10, Ferretti 3, Brinker 11, Manzano 5, Ortolani 19, Klineman 23; De Gennaro (L); Agostinetto, Saccomani, Cardani, Musti De Gennaro. N.e. Ampudia. All. Pedull. ARBITRI Caltabiano, Gentile. NOTE Spett.: 4217. Incasso: 11.392. D.s.: 23, 30, 26, 28, 18;tot 125. Yamamay: b.s. 12, v. 1, m. 17, s. l. 6, e. 17. Scavolini: b.s. 12, v. 4, m. 9, s. l. 5, e. 13.Trofeo Gazzetta: 6 Havelkova, 5 Bauer, 4 Klineman, 3 Ortolani, 2 Havlickova, 1 Leonardi. (m.b.l.) Busto perde il primo punto ma resta imbattuta (22-25,26-24,25-22, 25-21) CHATEAU D'AX URBINO Skorupa 7, Tirozzi 14, Garzaro 11, Van Hecke 17, Blagojevic 12, Crisanti 9; Sirressi (L), Faucette. N.e. Mc Namee , Gentili , Devetag. All. Salvagni - 2 All. Barbato LIU JO VOLLEY MODENA Rinieri 12 , Barazza 5, Aguero 25, Barboza 5, Harmotto 17 , Ognjenovic 3; Croce (L), Ciabattoni (L), Valeriano N.e. Marinkovic, Paggi, Mari. All. Cuccarini. ARBITRI Padoan e Oranelli NOTE - Spettatori 1900. Durata set: 26', 30', 29' 25' tot. 110'. Chateau d'Ax: b.s. 14, v. 7, m. 10, s.l. 10, e. 17. Liu Jo: b.s. 16, v. 2, m. 18, s.l. 9, e. 18. Trofeo Gazzetta: 6 Garzaro 5 Van Hecke 4 Blagojevic 3 Skorupa 2 Aguero 1 Crisanti. (m.n.f.) Modena parte forte, poi Garzaro guida Urbino al 3-1. (25-16, 25-19, 20-25, 10-25, 15-12) REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA Pachale 10, Leggeri 11, Turlea 21, Lehtonen 21, Nicolini 10, DallIgna 1; Davis (L), Richards, Callegaro. All. Marchesi NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO Vasileva 17, Arrighetti 10, Quaranta 16, Piccinini 9, Nucu 13, Signorile; Merlo (L), Di Iulio 3, Serena 6, Diouf 2. All. Mazzanti ARBITRI Cardaci e Gnani NOTE Sp 2000. D.s: 22, 23, 25, 20, 14; tot. 104. Rebecchi: b.s. 5, v. 1, m. 14, 2 l. 5, e. 22; Norda: b.s. 10, v. 5, m. 13, 2 l. 9, e. 21. T.G.: 6 Davis, 5 Serena, 4 Lehtonen, 3 Quaranta, 2 Nicolini. 1 Vasileva (m.mar) Piacenza arriva 2-0 dominando, poi subisce il ritorno di Bergamo, che cambia in regia con Serena. Nel 5 break decisivo firmato da Lehtonen.

RISULTATI
CHIERI-VILLA CORTESE PIACENZA-BERGAMO PAVIA-PARMA BUSTO-PESARO URBINO-MODENA RIPOSAVA: NOVARA 1-3 3-2 1-3 3-2 3-1

CLASSIFICA
SQUADRE PT G V P SV SP BUSTO ARSIZIO 35 12 12 0 36 7 VILLA CORTESE 32 13 11 URBINO BERGAMO PIACENZA NOVARA PESARO PARMA MODENA CHIERI PAVIA 21 13 6 19 13 7 18 12 8 16 13 5 15 13 5 14 13 4 6 13 2 1 2 34 12 7 26 23 6 27 27 4 24 19 8 21 27 8 20 30 9 20 29 11 13 36 30 12 10 2 33 11

SPRINT AUSTRALIANO (al.f.) Dopo aver battuto Thorpe nei 100, il 34enne Michael Klim 9 nei 50 sl a Melbourne (Aus, 50 m). Uomini: 50 sl Targett 22"23, 9. Klim 23"60 (b. 23"45); 200 sl Killey 148"28, Ffrost 149"20, McEvoy 149"25, 5. Thorpe 150"79, 8. DOrsogna 152"56; 200 do Delaney 159"41; 100 ra Rickard 101"27; 200 ra Jamieson (Gb) 212"15; 50 fa Targett 23"51; 100 fa Wright 52"97. Donne: 50 sl Purcell (16) 25"35, 5. Trickett 25"74; 200 sl Schlanger 158"07; 400-1500 sl Boyle (N.Zel) 412"23-1635"07; 50-100 do Edington 28"46-100"56; 100 fa Gandy (Gb) 57"96, 6. Trickett 100"83; 200 mx Coutts 212"18.

Pallamano
COPPA ITALIA (an.gal.) I ritorni dei quarti di Coppa Italia: Fondi-Ambra 30-28 (and. 31-34); Teramo-Enna 30-31 (and. 33-28); C. Magnago-Fasano 28-28 (and. 30-32). Alle Final Four (in aprile, sede da definire): Ambra, Teramo, Fasano, Bolzano.

13 0 13 6 39

Pallanuoto
COPPA ITALIA Completato il primo turno della prima fase. Girone B (a Torino): Torino-Brescia 4-16; Florentia-Verona 16-13; Brescia-Florentia 12-9; Torino-Verona 6-8. Classifica: Brescia 9; Florentia 6; Verona 3; Torino 0. Girone D (a Catania): M. Antichi-Telimar Palermo 10-9; Ortigia-Catania 19-13. Classifica: Ortigia 9; Catania 6; M. Antichi 3; Telimar 0. Eliminiati: Torino e Telimar. 2 turno: 20-22/1.

PROSSIMO TURNO
Domenica 22 gennaio VILLA-URBINO PESARO-PARMA sabato 21 PAVIA-NOVARA CHIERI-BUSTO ARSIZIO MODENA-PIACENZA RIPOSA: BERGAMO

50

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

ALTRI MONDI

GLI SPOSINI SUDCOREANI SALVATI UN GIORNO DOPO LINCIDENTE Si chiamano Hye Jim Jeong e Kideok Han. Sono gli sposini sudcoreani, entrambi 29enni, in viaggio di nozze sulla nave e rimasti intrappolati in cabina. A sinistra una foto che avevano scattato a bordo, a destra il momento in cui sono stati salvati sabato notte, dopo oltre 24 ore dallincidente. Stavamo morendo di fame e freddo, hanno detto ANSA

LA RESSA PER LE SCIALUPPE La foto scattata dal turista spagnolo Carlos Carballa mostra la ressa dei passeggeri mentre aspettano di salire sulle scialuppe di salvataggio della Concordia ANSA

IL NAUFRAGIO DEL
Le ultime novit sul naufragio del Giglio sono queste: le vittime accertate sono cinque, il numero dei dispersi oscilla, a seconda della fonte, tra i 10 e i 17, ma il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, sostiene che sono 17, 11 passeggeri e 6 membri dellequipaggio. Il comandante della nave, Francesco Schettino, ha passato unaltra notte in carcere, indagato con il primo ufficiale in plancia, Ciro Ambrosio. Il procuratore di Grosseto, Francesco Verusio, piuttosto sicuro delle loro responsabilit. Parla di manovra maldestra e accusa i due di naufragio, omicidio colposo plurimo e abbandono della nave. Schettino dice di essere rimasto a bordo fino allultimo, ma lo smentisce la Capitaneria di porto, i cui membri sostengono di averlo invitato pi volte a risalire a bordo. Schettino li avrebbe rassicurati, ma sarebbe rimasto a terra, al sicuro. Ora, poi, anche la Costa sembra scaricarlo con una nota diffusa ieri sera in cui si parla tra laltro di errori di giudizio. Il comandante avrebbe anche ritardato lallarme: la scatola nera, recuperata dai soccorritori, racconta che la nave si incagliata alle 21.58 e alle 22.10 arrivata dalla Costa Concordia la segnalazione che a bordo cera un problema al generatore (nessun accenno a secche o urti). Lallarme vero e proprio stato dato alle 22.30, cio unora e mezza dopo. Ma non mai stato lanciato, per esempio, il famoso mayday, la richiesta cio di aiuto totale per via di una catastrofe.

Il fatto del giorno


DI GIORGIO DELLARTI gda@gazzetta.it

Ma quei 17 dispersi della Concordia possiamo ritenerli altrettante vittime?


Salvate tre persone (due coreani e un uomo dellequipaggio) e recuperati altri due corpi. una corsa contro il tempo. Mentre certo che lincidente colpa di errori e inefficienze
ze, Hye Jim Jeong e Kideok Han, tutti e due di 29 anni (nelle foto in alto nella pagina), rimasti intrappolati in cabina durante la prima crociera della loro vita. Per estrarli c voluta unora e mezzo di lavoro. Idem per Manrico Giampedroni, commissario di bordo ed eroe di questa vicenda (ne parliamo qui a lato), che era scivolato, sera fratturato una gamba e non riusciva pi a muoversi. Pensi che i due morti ritrovati ieri un italiano del 1926, di nome Giovanni Masia, e uno spagnolo del 1943, che si chiamava Gual Guillermo avevano addosso i salvagenti. Non ce lhanno fatta lo stesso. ovunque) e nonostante le parole di elogio ai soccorritori pronunciate da Mario Monti, lItalia esce male dalla vicenda, e questo un guaio in un momento in cui tutti sparlano di noi per via dei nostri debiti (c davvero paura, stamattina, per come reagiranno le Borse ai downgrading dellaltro giorno, e a questo punto anche alla disistima ulteriore che ci ha procurato questo disastro). Durante le ore topiche, sono partiti dai telefonini dei passeggeri centinaia di sms e di tweet che annunciavano linsipienza di un equipaggio quasi tutto straniero, che non capiva e non si faceva capire, lassenza di coordinamento, linsufficienza di scialuppe e salvagenti, eccetera (anche se la Costa nella nota di ieri sera respinge ogni accusa). E il comandante italiano che scappa! Certi turisti americani, sbarcati a Santo Stefano, ci hanno gridato contro Terroristi!. La Bild, il quotidiano pi diffuso in Germania (5 milioni di copie), non si lasciato sfuggire loccasione di dare spazio a questi messaggi e alle nostre inefficienze.

Soccorso show
Il commissario di bordo salvato in elicottero

2 A proposito di spagnoli, ho
sentito ieri alla televisione che il naufragio ha destato unenorme impressione nel mondo.

1 I diciassette dispersi (se sono


diciassette) potrebbero essere altrettante vittime?

Nonostante la generosit con cui gli abitanti di Santo Stefano hanno aiutato i naufraghi (e che c stata riconosciuta

3 Come stanno le cose relativamente alla manovra fatta da Schettino?

in quel momento Massimo Callisto Garbarino. In questa lettera lo si ringrazia per essere passato sottocosta, spettacolo unico nel suo genere. Segnalazioni analoghe arrivano da Ponza e ieri ci sono state contestazioni per questo anche a Venezia, dove una piccola folla ha dato degli inquinatori ai comandanti di questi colossi del mare.

Purtroppo, s. C il mistero delle cabine bloccate che i sommozzatori stanno forzando per vedere se dentro c ancora qualcuno. Hanno trovato cos e salvato una coppia di sudcoreani in viaggio di noz-

i morti Oltre ai tre cadaveri ritrovati in acqua sabato, ieri sono stati recuperati altri due corpi

3.208

i passeggeri Sulla Costa Concordia, che era partita da Civitavecchia, cerano 3.208 passeggeri

Sembra assodato che si fosse portato cos sottocosta per farsi vedere dalla popolazione e salutare gli amici con tre colpi di sirena. Lo so che sembra incredibile, ma queste manovre spericolate sono a quanto pare frequenti. Esiste una lettera del 9 agosto, scritta dal sindaco del Giglio, Sergio Ortelli, al comandante della Concordia,

4 Non dipender in qualche misura anche dalle dimensioni? Si tratta alla fine di grattacieli galleggianti...

Tecnologicamente, secondo le testimonianze di tutti, sono opere perfette e dotate dei pi moderni sistemi di sicurezza. Ma un mercato in espansione in forte espansione e che pratica la politica della vacan-

notizie Tascabili
Oggi il premier vede i leader politici

Merkel difende lItalia: Ho fiducia in Monti


Dopo il declassamento dellItalia di Standard & Poors, Mario Monti si prepara a una serie di incontri decisivi: oggi a pranzo il premier vedr i leader di Pdl, Pd e Terzo Polo, Alfano, Bersani e Casini, per mettere a punto la posizione dellItalia in Europa, una linea nazionale che dovr essere unitaria, condivisa e, soprattutto, certificata al pi presto in Parlamento. Quindi via agli incontri con le istituzioni europee (Van Rompuy) e i primi ministri di Gran Bretagna, Francia e Germania. E proprio la cancelliera tedesca Angela Merkel ieri si mostrata pi ottimista sul futuro economico di Italia e Spagna: Gli investitori riconosceranno le riforme adottate da Roma e Madrid. Le misure prese sul fronte della riduzione del debito convinceranno i mercati nel medio termine.

Roberto Maroni ieri a Rai 3 ANSA

Dopo la lite con Bossi

Maroni si sfoga: Colpito da fatwa incomprensibile


Pace fatta allinterno della Lega tra Umberto Bossi e Roberto Maroni. Ma il ministro dellInterno ieri si sfogato lo stesso in tv: Sono stato colpito da una fatwa incomprensibile, ha detto Maroni ospite di Fabio Fazio a

Che tempo che fa, motivando cos il divieto imposto (e poi ritirato) da Bossi di organizzazione i comizi con i militanti, dopo la vicenda della mancata autorizzazione allarresto del deputato del Pdl Cosentino (per il quale la Lega aveva dato libert di voto). Che cosa c di peggio di non poter incontrare i propri militanti, il popolo? Non so da dove sia arrivato, forse c qualcuno a cui non sono simpatico nei piani alti della Lega, ha continuato Maroni. C stata una risposta daffetto e oltre 200 inviti a partecipare a comizi, che onorer tutti. La reazione ha dimostrato laffetto che c per me. In ogni caso, lincidente con Bossi gi acqua passata: Da domenica dobbiamo fare sentire il nostro dissenso nei confronti del governo Monti: tutta la vicenda la considero chiusa.

Incidente con il padre

A Roma le targhe alterne

Svizzera, bimbo di Varese muore sulle piste da sci


Un bambino di 10 anni, residente in provincia di Varese, morto ieri mattina ad Airolo, in Canton Ticino, mentre sciava con il padre. Il piccolo, secondo le prime indagini della polizia svizzera, caduto per ragioni ancora da accertare e ha colpito violentemente un cumulo di neve: i soccorsi sono stati immediati, ma la morte arrivata unora pi tardi. La societ Valbianca SA, che gestisce gli impianti di Airolo, ha comunicato che lincidente mortale accaduto lungo la pista 3, in zona Varozzei Ravina. una pista nera, per sciatori esperti, ed era preparata e demarcata: la caduta avvenuta lungo il percorso e non in un fuoripista.

Smog: oggi a Milano apre in centro lArea C


Uno dei 43 varchi di ingresso nellArea C di Milano, operativa dalle 7.30 di oggi
ANSA

La lotta allinquinamento vive oggi un giorno molto importante. A Milano, debutta infatti lArea C, che rivoluzioner tutto il traffico: per entrare nella cosiddetta cerchia dei Bastioni, infatti, dal luned al venerd, dalle 7.30 alle 19.30, si dovranno pagare 5 euro. una scommessa che si vincer e contribuir a cambiare il Paese, ha detto il sindaco Giuliano Pisapia. attesa, comunque, la protesta dei residenti, anche loro costretti a pagare il ticket. Il Comune, per aiutare gli automobilisti, ha istituito il numero verde 800.437437. A Roma, invece, via alle targhe alterne: oggi c lo stop per le dispari, domani per le pari.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

51

IL VOLTO SOMMERSO DELLA NAVE Unimmagine scattata dai sommozzatori della Guardia di Finanza mostra i rottami nella parte sommersa della Concordia, cio poco meno della met della nave ANSA

CERCANDO I DISPERSI I gommoni dei sommozzatori della Guardia Costiera che continuano la disperata ricerca dei dispersi ANSA Manrico Giampedroni, 57 anni, sorride sulla Costa Concordia
ANSA

SI PREGA PER I MORTI In una chiesa del Giglio si prega davanti a un casco, un salvagente e una corda della Costa Concordia AFP

IL RELITTO A UN PASSO DALLISOLA La Costa Concordia giace inclinata di circa 90 gradi a 150 metri dal Giglio: i sommozzatori hanno lavorato nella parte sommersa, ieri, finch c stata luce REUTERS

GIGLIO

HA DETTO

d
S

za di massa, quindi possibilmente con prezzi sempre pi bassi. La Royal Caribbean ti fa fare 12 notti tra Grecia e Turchia per 481 euro, vuol dire 40 euro a notte. Per abbassare i prezzi, bisogna imbarcare il maggior numero di passeggeri. Ecco quindi i tremila e passa del Concordia, che non neanche la nave pi grande del settore. E come te la cavi quando devi salvare in poche ore, perch la barca sta affondando, quattromila persone? Il numero dei crocieristi era di 400 mila degli anni Settanta ed stato nel 2010 di 18,8 milioni.

TwitTwit

IL CINGUETTIO DEL GIORNO

Corrado Clini (Ministro dellAmbiente) Basta con la gestione di queste navi che vengono usate come se fossero dei vaporetti. Questo non turismo sostenibile, ma turismo pericoloso. Dobbiamo intervenire rapidamente e con decisione per evitare che queste grandi navi arrivino vicino ad aree ambientalmente sensibili

Manrico vivo Leroe riscatta la fuga del comandante


Il commissario di bordo rimasto sulla nave per aiutare i passeggeri. Lo hanno trovato, con una gamba rotta, dopo 36 ore
DAL NOSTRO INVIATO

va intorno fino a scivolare di due piani sulla nave, ha dato alla giornata un sussulto di speranza. Prima che giungesse la notizia di altri due cadaveri, proprio sul ponte 3, il luogo in cui Giampedroni sera dimenticato di se stesso per pensare a chi lo circondava. Il comandante ha 52 anni, il commissario 57. Schettino cresciuto a Meta, vicino Sorrento. Giampedroni abita ad Ameglia, un paese tra mare e collina in provincia di La Spezia. La sua vita la nave, ma anche la bicicletta e pure se conterraneo di Alessandro Petacchi, la mamma Giovanna Lazzerini, che vive con lui, giura che preferisce la salita: quando non in mare, pedala sempre. Ha tante passioni: laeromodellismo, costruisce lui i modelli e li va a provare. Poi la barca a vela. Sempre il mare. E cos si torna al freddo di quelle 36 ore. Aveva 33 di temperatura dice ancora la mamma, orgogliosa per poco fa ha telefonato per dirmi che aveva 36 gradi.
Diversi Una madre, anzi due. E

VALERIO PICCIONI ISOLA DEL GIGLIO (GR)

5 Ma la Costa italiana?
No. della Carnival Cruise, megacorporation americana che possiede dieci marchi tra cui Costa e oltre cento navi.

Il mio nome Rose, oggi venerd 13 gennaio e sono una delle sopravvissute ancora da soccorrere a bordo della nave

Rose Metcalf
@dorsetbokashi IL MESSAGGIO DI UNA BALLERINA DELLA CONCORDIA

Ora sono nella stessa citt: Grosseto. Solo che uno allospedale, una gamba rotta e una fama da eroe che sta girando mezzo mondo, laltro in galera, con laccusa gravissima di aver provocato il disastro della Costa Concordia. Eppure fino alle 21.45 di venerd erano davvero sulla stessa barca, non solo metaforicamente, facevano la stessa vita con il mare per padrone: Manrico Giampedroni era il commissario di bordo, Francesco Schettino il comandante. stata unora e mezzo a dividerli. Il commissario rimasto per ultimo sulla nave; altri racconti, per esempio quello di due turisti francesi, giurano che il comandante stato fra i primi a

Il comandante Francesco Schettino, 52 anni, in cella a Grosseto ANSA

scendere a terra: unaccusa infamante, negata subito dopo lincidente ma amplificata dalle successive parole degli inquirenti. Se Schettino stato il volto della tragedia nelle prime ore, ieri stata di Giampedroni la scena. Il suo salvataggio in elicottero dopo 36 ore, quellho freddo ma sto bene pronunciato ai soccorritori, ricostruzione del suo prodigarsi per salvare la vita di chi gli sta-

due figli. E due telefonate. Anche Rosa, la mamma di Schettino, ne ha ricevuta una, anche se diversa. Per Giovanna ascoltare il figlio stato una liberazione, per Rosa non servito a scacciare gli incubi. Giovanna ha sentito il figlio ieri allora di pranzo, Rosa alle cinque del mattino della notte maledetta. Suo figlio, il comandante, le ha detto di stare tranquilla: Ho cercato di salvare i passeggeri. quello che ha detto anche al suo avvocato: Schettino ha la consapevolezza di aver salvato centinaia di vite umane con una manovra difficile quanto impeccabile. Quella successiva alla collisione con lo scoglio incriminato. Ma il pm che indaga di tuttaltro avviso e il figlio della signora Rosa in carcere per pericolo di inquinamento delle prove. Nel pomeriggio di ieri le storie del comandante e del commissario hanno riempito i discorsi nellIsola, in mezzo a sommozzatori e speleologi, impegnati in missioni delicatissime. Sulla Costa Concordia sempre pi sdraiata, sfinita, esausta. E alla fine c una sola cosa che li unir: quella nave non la scorderanno mai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SVOLTA INCASTRATO DA ALCUNE INTERCETTAZIONI. LA POLIZIA: ORGOGLIOSI DEL RISULTATO. IL SINDACO: NON DIMENTICHEREMO NICCOL

Preso in Ungheria il killer del vigile di Milano


un nomade di 24 anni esperto di truffe: stava per scappare in Sudamerica
ELISABETTA ESPOSITO

in Italia per reati contro il patrimonio. Un truffatore, abile soprattutto a cambiare identit, ma stavolta non bastato. Merito del mandato di cattura europeo firmato dal gip Vanore con lordine di custodia cautelare dopo gli accertamenti-lampo sulla Bmw X5. Laccusa omicidio volontario e resistenza a pubblico ufficiale.
In fuga Jovanovic aveva le idee chiare. Una volta raggiunta la Serbia, dove aveva soldi e amicizie, sarebbe scappato in Sudamerica. Luomo inchiodato anche da alcune intercettazioni stato a un passo dal farla franca: la polizia ungherese lo tratteneva gi da 20 ore quando arrivato il mandato di cat-

Preso. Luomo alla guida del Suv che il 12 gennaio ha travolto e ucciso a Milano il vigile Niccol Savarino stato fermato ieri in Ungheria, a Keleiba, cittadina al confine con la Serbia. Si tratta di un nomade di origine serba con passaporto tedesco, Goico Jovanovic, 24 anni, con numerosi precedenti

tura. La magistratura locale dovrebbe procedere allestradizione nei prossimi due-tre giorni. Siamo orgogliosi di questo risultato ha detto il dirigente della squadra mobile Alessandro Giuliano , ora le indagini proseguono per definire le posizioni aperte. Resta ancora

da capire infatti perch Jovanovic, che non era ricercato, abbia reagito con una fuga assassina pur di evitare controlli. I cani e i rilievi scientifici allinterno della vettura non hanno evidenziato la presenza di droga, ma possibile che ci fossero molti soldi, forse non autentici. E poi c il nomade che era in auto con Jovanovic, accusato di favoreggiamento. Il Suv, intestato a un prestanome, risulta coinvolto in una quindicina di incidenti e avrebbe collezionato oltre cento multe, tutte a carico di persone irrintracciabili. Un delitto cos barbaro non doveva e non poteva restare impunito ha detto il sindaco Giuliano Pisapia , ma questo non diminuisce il dolore. Milano non dimenticher Niccol, il lutto cittadino nel giorno del suo funerale sar solo il primo omaggio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il luogo dellinvestimento mortale e, a sinistra, il killer Goico Jovanovic ANSA

52

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

ALTRI MONDI

LINTERVENTO RIUSCITO

Paura per don Mazzi Operato al cuore


Don Antonio Mazzi, 82 anni, stato ricoverato nella cli nica cardiologica Monzino di Milano, dove ieri mattina ha subito

un intervento urgente di angioplastica alle coronarie. anda to tutto bene, per sicurezza ora in terapia intensiva ha detto Giovanni, il nipote del sacerdote fondatore della comunit Exodus non stava molto bene da qualche giorno ma uno come lui difficile da tenere fermo.

CON BELEN CONDUTTRICE

Italias Got Talent vince il sabato in tv


Belen Rodriguez sorpassa Milly Carlucci. Alla seconda sfida del sabato sera della televisione, lo show di Canale 5 Italias Got

Talent, condotto dalla showgirl argentina, ha raccolto una media di 5 milioni 763 mila telespettatori, pari al 25.42% di share (con un picco di 7,5 milioni e del 35.5%), superando il rivale Ballando con le Stelle, che su Rai 1 arrivato a 5 milioni 266 mila con il 23,77 per cento.

Moda Milano
A sinistra, un modello di Emporio Armani. A destra, gli abbinamenti in bianco e rosso di Moncler e, pi in l, un capo di Daniele Alessandrini. In basso, lattore Willem Dafoe, modello per Prada
LAPRESSE/AP

Prada sceglie il rigore Veste luomo in divisa


Cappotti neri e pantaloni rossi per la stilista. Giacche ampie da Emporio Armani e Moncler si d alla Formula 1

MORTA LA BIMBA GENIO

A
S

ANNUNCIATI I NOMI SU 14 ARTISTI CI SONO 7 DONNE

Da Emma fino ad Arisa Il Sanremo di Morandi sar molto al femminile

FABRIZIO SCLAVI MILANO

Ieri, sulle passerelle di Milano, stato il giorno di Prada: tutti seduti intorno a un gigantesco tappeto rosso, sfilano uomini perfetti nella loro rigida eleganza. Cappotti neri indossati con pantaloni rossi scuri e beige. Cappotti in tessuto a disegno tridimensionale, tutti con unalta cintura in vita come si usa per i trench. Pulitissime e grosse scarpe nere con punta tonda. Cappotti protetti da impermeabili in spalmato di gomma: verdi, marroni e neri. E poi, dopo i cappotti, ecco una serie di candide camicie, grandi e con polsi alti, e grandi colli bianchi, che, appoggiati sui cappotti, diventano decoro quasi da divisa militare. Si

respira latmosfera rarefatta, come nella trionfante Germania degli Anni 40, quando tutto sembrava normale. Ma sfilano anche indossatori speciali, attori del calibro di Willem Dafoe e Gary Oldman, insieme a uomini qualsiasi. Miuccia Prada riesce cos a farci capire che, anche nella moda, lidea vincente il rigore mescolato a una rigorosa eccentricit.
Invenzioni In prima fila

da Emporio Armani ci sono Andrea Masi, il rugbista degli Aironi, e anche Christof Innerhofer, lo sciatore campione del mondo di superG. Ed proprio a questi uomini forti, austeri e semplici che re Giorgio si ispirato per la nuova collezione inverno. Labbigliamento semplice ma non minimalista: si vedono giacche e giacconi molto ampi, sempre in nero o color antracite, gilet
AFFARISSIMO Oltrep Pavese 69.000 euro tutto compreso (prezzo vecchio 89.000) spettacolari villini nuovi pronti subito piscina vista imperdibile colline moscato anche rate senza anticipo 295 euro mensili. A chi prenota entro gennaio in regalo l'arredamento. Capito? Pazzesco! Tel. per vedere 035.47.20.050.

con il collo alto indossati su maglie aderenti, cappe in morbido tessuto. Tanti cappotti, sia lunghi che corti indossati su pantaloni aderenti e abbinati a grosse scarpe, quasi anfibi che danno lidea di essere uomini con i piedi per terra. invece una lezione di stile la collezione di Daniele Alessandrini: perfetta in tutti i particolari, con semplici ed essenziali proporzioni delle giacche e dei giacconi; i colori sono quelli dei boschi inglesi in autunno. E anche da Missoni spariscono i colori forti: Angela, la figlia di Ottavio, direttore creativo della maison, ha creato pezzi realizzati con lavorazioni a maglia che li fanno sembrare quasi fatti su misura dal sarto. Il gran finale da Moncler: in un palazzo barocco sfila la collezione che ci scaraventa nellatmosfera dei box della Formula 1. E vincono comodit, velocit e sicurezza: in passerella, si vedono vestiti in bianco e rosso con pezzi facilmente staccabili che trasformano queste divise di stile in capi perfetti per andare a sciare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Arifa, scoperta da Gates morta a 16 anni la pakistana che nel 2004 stup Bill Gates per le sue capacit informatiche. Arifa Karim Randhawa (nella foto) deceduta in un ospedale di Lahore, in cui era ricoverata in coma da 3 settimane in seguito a un infarto. A soli 9 anni Arifa era diventata la persona pi giovane a ottenere un certificato professionale di Microsoft, primato che ha detenuto fino al 2008. Gates aveva voluto incontrarla e ieri, su Twitter, lha ricordata cos: I nostri pensieri vanno alla famiglia di Arifa per la perdita di una brillante giovane donna

Emma Marrone, 27 anni ANSA

Francesco Renga, 43 anni ANSA

Nessuna sorpresa, un solo nome nuovo, la prima polemica. Sanremo 2012, il secondo dellera Morandi e con Adriano Celentano ospite pi annunciato e atteso, sar soprattutto un Festival femminile. La met della pattuglia degli Artisti, ufficializzata ieri in diretta su Rai 1 dal cantante-conduttore, infatti donna. AllAriston, dal 14 al 18 febbraio, ci saranno innanzitutto Dolcenera, Irene Fornaciari, Nina Zilli, Emma Marrone, Noemi, Arisa e Chiara Civello. Alla jazzista, debuttante sanremese, legata la prima polemica: presenter il brano Al posto del mondo, che per sarebbe stato respinto due anni fa. Lo sostiene il manager di un ex

concorrente di X Factor 2010, Daniele Magro, per il quale la Civello aveva scritto la canzone. In gara anche quattro uomini. Pochi ma comunque buoni. Da Francesco Renga, che a Sanremo ha vinto nel 2005, a Samuele Bersani (che su Facebook ieri ha scritto Ho gi prenotato lanalista per il luned successivo!), dallex Amici Pierdavide Carone, con Lucio Dalla speciale direttore dorchestra, allimpegnato Eugenio Finardi. Poi, i gruppi, con gli outsider Marlene Kuntz e i classicissimi Matia Bazar, mai considerati dai gossip dei giorni scorsi. E lannunciato duo Gigi DAlessio-Loredana Bert: una coppia insolita, che far sicuramente discutere.

AVEVA 85 ANNI CELEBRE IN COPPIA CON LUCENTINI

Addio al giallista Fruttero Era un maestro di scrittura


Addio a Carlo Fruttero. Il giornalista e scrittore si spento ieri nella sua casa di Castiglioncello, in provincia di Livorno, a 85 anni. Era nato a Torino il 19 settembre del 1926 e il suo nome strettamente legato a quello di Franco Lucentini, con cui diede vita dal 1952 al celebre sodalizio, noto anche come Fruttero & Lucentini o F&L. Chiamati anche la ditta, sono stati un duo artistico di giallisti, cronisti e traduttori famosi anche al grande pubblico. Dal 1961 al 1986 i due romanzieri hanno diretto insieme la collana di fantascienza Urania per Mondadori. Tra i successi della coppia, La donna della domenica (1972), bestseller di ambientazione torinese. Dopo la morte di Lucentini, nel 2002, Fruttero ha smesso di scrivere per quattro anni, finch nel 2006 ha pubblicato per Mondadori Donne informate sui fatti, finalista al Premio Campiello 2007. Nel 2010 il suo ultimo libro: La Patria, bene o male (Mondadori) con il giornali sta Mas simo Gramellini.

7
IMMOBILI TURISTICI

S.AMBROGIO in prestigioso stabile ristrutturato ufficio alta rappresentanza 230 mq. Pianta regolare, flessibile. Finiture di pregio. 02.88.08.31. CE: D - IPE: 37,95 kWh/ mc. SARPI posizione prestigiosa vendiamo negozio angolare, quindici vetrine, 665 mq. ristrutturato. Posti auto. 02.34.93.07.53 http://sarpi.filcasaservice.it - Da progetto. CE: C - IPE: 19,9 kWh/mc.

SETTIMANA BENESSERE : dal 9 gennaio al 19 marzo pensione completa bevande incluse, piscina coperta termoriscaldata, idromassaggio, 1 lezione acquagym, animazione, in doppia standard: 7 notti a partire da 350,00 a persona . Riduzioni bambini 3 - 4 letto. 019.60.17.26 www.riohotel.it Finale Ligure.

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

COMPRAVENDITA

7.1

A abbisognosi grandi spazi Courmayeur, in nuovo chalet tutto rifinito pietra-legno vista, appartamento + mansarda con balcone panoramico... 99.000 euro + accollo piccolo mutuo. Esclusivissimo. 035.51.07.80. A affare sul mare 5Terre, 150 metri caletta spiaggioni casetta indipendente restauratissima, giardino attrezzato, vista mare soli euro 205.000,00 www.immobiliare5terre.com 0187.92.03.31. A euro 89.000... meno di cos? Circondato parco secolare, confinante Vittoriale, 200 metri spiaggia / lago Garda, sciccosissimo appartamento tutto arredato su musura. CE: G - IPE: 200 kWh/mq. 030.91.40.277. A Sirmione, prossimit spiaggia - terme, sciccosissimo appartamento-torretta con panoramica vista. Solo 19.000 euro anticipo... poi 590 euro mensili! CE: B - IPE: 65 kWh/mq in costruzione. 035.51.07.80. ABBIAMO Lampedusa spettacolari alloggi e villini a prezzi mai visti! Senti questi: 1) alloggio nuovo consegna 2012 zona cucina soggiorno con balcone camera con bagno solo 89.000 euro; 2) alloggio idem con una camera in pi 119.000 euro; 3) dammuso small nuovo consegna 2012 area 10.000 solo 159.000 euro; 4) dammuso medium idem 239.000 euro; 5) dammuso large 299.000 euro. E' tutto vero tutto regolare sono affari a chi prenota entro gennaio in regalo l'arredamento. Telefona per vedere 035.47.20.050.

TABLET APPARTAMENTI sul La go di Garda, incluso posto


auto e possibilit posto barca, anche vista lago. Da euro 140.000. Telefono: 0365.72.733.
CAP MARTIN lato Montecarlo. Prestigiosi appartamenti in costruzione. Vista mare mozzafiato, piscina. italgestgroup.com 0184.44.90.72. S.MARGHERITA villa 120 mq favolosi terrazzi, giardino, box. Euro 1.100.000 urge realizzo. Immagini www.portofinoimmobiliare.it 34076.49.777.

11
ARTIGIANATO TRASPORTI

10
VACANZE E TURISMO

ARTIGIANATO 10.1

11.1

ASILO nido cedesi Milano ampio giardino, bella, luminosa localizzazione. Informazioni: nidomilano@yahoo.it ATTIVIT da cedere / acquistare artigianali, industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14. RISTORANTE pizzeria avviato 60 posti zona popolosa motivi familiari vendesi affittasi referenziati. 02.55.21.26.18.

A AABAA Naturalmente relax. Fantastici massaggi rilassanti. www.tantrabodymassage.it 02.29.40.17.01 - 366.33.93.110. ABBANDONATI ai massaggi ayurvedici. Euro 40. Info 02.91.43.76.86 - www.bodyspring.it AMBIENTE elegante ti propone massaggi rilassanti antistress per le tue pause di relax. 02.39.40.00.18. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro un'ora. Milano 02.27.08.03.72. CENTRO Coccinella, zona Citt Studi, massaggi rilassanti, vasca idromassaggio, ambiente riservato. 02.39.43.47.54. DEJA VU centro italiano esclusivo, massaggi rilassanti, olistici. Zona San Siro. 02.39.56.67.75. MANZONI centro benessere, massaggi rilassanti ayurvedici, personale qualificato. Ambiente classe. Promozioni. 02.39.68.00.71.

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

SANREMO albergo centralissimo / vicino mare, conduzione familiare. Camere bagno, tv. Pensione completa euro 50. Telefono 0184.50.14.60.

DITTA edile artigiana ristrutturazione generale, modifica appartamenti, ripristino stabili, facciate, posa pavimenti, rivestimenti, posa copertura tetti. Con preventivo a domicilio senza impegno. Tel. 02.66.71.27.79.

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

18

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8
8.1

...Quotazioni

www.piccoliannunci.rcs.it
il sito per pubblicare i tuoi annunci di piccola pubblicit su

OFFERTA

MAJNO viale ufficio/appartamento, palazzo epoca prestigioso ristrutturato nuovo 160 mq. CE G - IPE 77,74 kWh/mc. Tel. 02.76.00.38.53. MM ROVERETO vendiamo laboratorio con permanenza di persone, 78 mq. 85.800,00 euro. 02.88.08.31. CE: G - IPE: 108,26 kWh/mc. QUADRONNO prestigioso contesto vendiamo/affittiamo nuovo splendido ufficio 100 mq. Possibilit box. 02.88.08.31. CE: G IPE: 69,00 kWh/mc.

ORO USATO: euro 26,75 / grammo ORO PURO: euro 38,15 / grammo ARGENTO USATO: euro 380,00 / kg ARGENTO PURO: euro 530,00 / kg DUOMO - MISSORI MM Gioielleria Curtini, via Unione 6 02.72.02.27.36. - 335.64.82.765.

CORRIERE DELLA SERA GAZZETTA DELLO SPORT e CITY


Facile e veloce. Bastano pochi click e lannuncio pronto

ACQUISTIAMO ORO Argento, Monete, Diamanti.


pagamento SUPERVALUTAZIONE, contanti. Gioielleria Curtini, via Unione 6. - 02.72.02.27.36 - 335.64.82.765.

24
CLUB E ASSOCIAZIONI
A MILANO accompagnatrici, distinta agenzia presenta eleganti, affascinanti modelle ed interessanti hostess. 335.17.63.121.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

53

LINIZIATIVA

DA OGGI IN EDICOLA

Le musiche pi belle con la Gazzetta


Da oggi, con la Gazzetta, arriva in edicola una collana legata a Ballando con le Stelle: si chiama Le pi belle musiche di

Ballando con le Stelle e contiene una selezione con i brani pi cele bri suonati dal vivo in tv durante il talent show di Rai 1. Al prezzo di 7,99 euro pi il giornale saranno in vendita 10 cd speciali dedicati ai balli della trasmissione (per ogni disco 30 tracce). Ecco qui i titoli dei cd e le uscite: 1 Tango: oggi; 2

Salsa e Salsa colombiana: 23 gennaio; 3 Merengue Lambada Chacha: 31 gennaio; 4 Samba: 6 febbraio; 5 Rumba Valzer: 13 febbraio; 6 Boogie Jive: 20 febbraio; 7 Paso e Flamenco: 27 febbraio; 8 Quick Valzer Charleston: 5 marzo; 9 Paradiso: 12 marzo; 10 Inferno: 19 marzo.

SI INIZIA COL TANGO

A
S

E vai con Ballando


Vieri, Rivera e Delvecchio Un po goffi, ma che grinta
Le maestre del talent show di Rai 1 danno le pagelle agli ex calciatori: Devono migliorare ancora, per sono motivati. I loro rivali? Gli attori
STEFANIA ANGELINI

Il primo cd Da Roxanne di Sting a Besame Mucho, il vecchio successo della dalla messicana Consuelo Velzquez: sono solo due delle 29 canzoni contenute nel primo cd della collana Le pi belle musiche di Ballando con le Stelle, in edicola da oggi con la Gazzetta a 7,99 euro pi il prezzo del giornale. Lappuntamento successivo invece con Salsa e Salsa colombiana, il 23 gennaio

Di Vaira, 23 anni, di Cecina (Livorno): dopo Ronn Moss, il mascellone di Beautiful che ha partecipato a Ballando nel 2010, le hanno affidato Delvecchio: Marco mi ha subito dimostrato di avere spirito competitivo: si presentato dicendo "Voglio fare meglio di Panucci", che aveva gareggiato due anni fa. Ma quello che mi ha colpito di lui il suo sangue freddo, non ha mai paura di buttarsi in pista. Difetti? Qualche volta un po lunatico. Per, c da dire che ha portato tanta allegria durante le prove: assieme a Vieri, ne combina di tutti i colori. I loro avversari pi agguerriti? Beh la coppia dei belloni, Sergio Assisi e Alex Belli. Il motto di Marco e Christian : "Noi siamo brutti ma piacciamo di pi".... Chi avr la meglio? Difficile dirlo ora conclude

Tre bellissime dee del ballo messe al servizio di altrettanti campioni dello sport. Il loro compito, a dire la verit, non semplicissimo, ma le maestre di Ballando con le Stelle Yulia Musikhina, Sara Di Vaira e Natalia Titova sono sicurissime che non avranno problemi a far volteggiare in pista star come Gianni Rivera, Marco Delvecchio e Bobo Vieri. I primi timidi risultati si sono gi visti nelle due puntate iniziali del seguitissimo talent show di Rai 1: la seconda, sabato sera, stata vista da oltre 5 milioni di spettatori. Ma questo solo linizio: i tre ex calciatori, pur essendo ancora un po impacciati, ci tengono a fare un figurone, dicono in coro le tre insegnanti. E proprio per questo il terzetto del pallone si messo a lavorare sodo durante le prove, per imparare tutti i balli previsti: dalla salsa al merengue, passando per la rumba e il flamenco (da oggi, con la Gazzetta, si pu trovare in edicola la collana dei cd con le pi belle musiche di Ballando con le Stelle).
A lezione La biondissima

Lautoironia il miglior pregio di Bobo: mi dice spesso che il ballo lo aiuter a dimagrire...
NATALIA TITOVA SU VIERI

la Di Vaira . Tutti noi maestri siamo convinti di avere il miglior allievo. Ma non dipende solo dalla bravura dei concorrenti. Ci che incide la capacit di farsi amare dal pubblico.
Di nuovo in forma E infine, ecco

Christian Vieri e Natalia Titova. Sotto, Gianni Rivera con Yulia Musikhina e Marco Delvecchio con Sara Di Vaira ANSA/LAPRESSE

Yulia Musikhina, 25 anni, russa, da sette in Italia, stata lultima a salire sul podio pi alto del programma: lanno scorso ha vinto Ballando in coppia con lattore Kaspar Capparoni. Ora, invece, Yulia si trova a dar lezioni a Gianni Rivera: Mi avevano detto che avrei avuto a che fare con un mito dello sport, cos sono andata su

Gianni molto positivo, accetta tutte le critiche: disciplinato e ha un gran senso del ritmo
YULIA MUSIKHINA SU RIVERA

Marco un giocherellone. In pista, per, ha sangue freddo ed tanto competitivo...


SARA DI VAIRA SU DELVECCHIO

Internet, a vedere la sua biografia. Quando ho capito chi fosse, mi cascato davvero il mondo addosso: ero un sacco intimidita. Poi, lho conosciuto, e ho capito che lavorare con lui sarebbe stato semplice: Gianni una persona splendida, che fa sembrare tutto facile, che trasmette positivit. disciplinato, ac-

cetta le critiche. E poi, ha un grandissimo senso del ritmo: usa benissimo le gambe e se la cava sia con i balli lenti, sia con quelli pi veloci. Penso che potr fare grandi miglioramenti.
Luno contro laltro passata da

un allievo-attore a uno sportivo anche la neomamma Sara

la prima pagella di Bobo Vieri, compilata della veterana di Ballando, Natalia Titova, 37 anni, di Mosca, anche lei neomamma, lunica maestra ad aver partecipato a tutte le otto edizioni del programma capitanato da Milly Carlucci e che, proprio tra i concorrenti del programma, nel 2006, ha trovato lamore (il compagno Massimiliano Rosolino): Faccio una premessa: la nostra missione non quella di trasformare dei calciatori in ballerini, dobbiamo solo insegnargli a muoversi in maniera aggraziata. Basta poco, infatti, per ballare. Christian, per esempio, ha buone possibilit, molto motivato. Per lui questa anche una bellissima occasione per tornare in forma. Me lo dice sempre, scherzando, che ingrassato e che lo devo aiutare a buttar gi qualche chilo: lautoironia di certo non gli manca....
RIPRODUZIONE RISERVATA

SOLO SU

54

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 21/1 - 19/2 23/7 - 23/8

Ariete 6La settimana inizia con gli zebedei a mo di zerbino, difficili da tirar su. Gli altri rompono, il lavoro non entusiasma. Ma sopravvivrete.
23/9 - 22/10

Toro 6Essere precisi va bene. Essere perfezionisti in modo maniacale suscita negli altri istinti antropofagi: occhio. Fornicazione sufficiente.
23/10 - 22/11

Gemelli 7,5
Parte di slancio la vostra settimana, specie nel lavoro. E ve ne infischiate se lamor olezza di sfighettina. Per non parlar del sudombelico.
23/11 - 21/12

Cancro 6Luned opaco. Perch il privato (soprattutto) e il lavoro (un po meno) non trovano soluzioni. Attendete, senza forzare. Manco suinamente.
22/12 - 20/1

Acquario 8
IL MIGLIORE Al posto delle stelle, nel vostro cielo brillano tanti gluteini, simbolo di fortuna. Cos, tutto un successo maxi. Nel lavoro e nel privato. Uau.
DAVIDE MOSCARDELLI

Leone 7
Anche se il lavoro non promette miracoli, filer liscio. Grazie alla vostra verve e al vostro tempismo. C pigrizia sudombelicale, invece.
20/2 - 20/3

DI ANTONIO CAPITANI
24/8 - 22/9

Vergine 6
Non combinate guai coi soldi e nel lavoro scongiurate lindolenza, deleteria. La forma fisica per ottima, con assist ormonali sublimi.

Bilancia 7+
Ci che nasce oggi ha un futuro solido e fulgido. Nel lavoro, in campo economico, sul fronte suinoamoroso. Non credetevi sfigati, dunque.

Scorpione 6Luned faticoso. Vi ci vorrebbe un sosia che lavori per voi. Ma non si pu. Cuocete nel vostro brodo, allora, come un dado. E state su.

Sagittario 7+
Il lavoro trionfa, anche se chiede che vi facciate un sedere come lArtemio Franchi per la fatica, Sfighine sentimentalsuine incombono.

Capricorno 6Luned sottotono. Un po perch qualcosa nel lavoro singrippa, un po perch vi girano di vostro. Be quite. And be suin, cos vi calmate.

Pesci 6
Lavoro ed economia richiedono spirito di adattamento, ma premiano. Evitate umor cupo e portasfiga. Fornicazione cerebro-suino-hard.

Il centravanti del Chievo nato a Mons, in Belgio, il 3 febbraio 1980. Ha esordito in Serie A nella stagione 2010-11

TeleVisioni in chiaro
RAIUNO
7.00 TG 1 11.05 OCCHIO ALLA SPESA 12.00 LA PROVA DEL CUOCO 13.30 TG 1 - ECONOMIA 14.10 VERDETTO FINALE 15.15 LA VITA IN DIRETTA 17.00 TG 1 17.10 CHE TEMPO FA 18.50 L'EREDIT 20.00 TG 1 20.30 QUI RADIO LONDRA 20.35 SOLITI IGNOTI 21.10 ANITA Fiction 23.15 PORTA A PORTA 0.50 TG 1 1.20 CHE TEMPO FA 1.25 QUI RADIO LONDRA 1.30 SOTTOVOCE

alla Radio
RAITRE
TG R AGOR LA STORIA SIAMO NOI APPRESCINDERE TG 3 - RAI SPORT LA STRADA PER LA... TG 3 - TG R LASSIE COSE DELL'ALTRO GEO GEO & GEO TG 3 - TG R - BLOB STANLIO E OLLIO UN POSTO AL SOLE IL MONDO DEI REPLICANTI Film 22.35 BANLIEUE 13 0.00 TG 3 - TG R 1.00 METEO 3 1.05 FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE 7.00 8.00 10.00 11.00 11.10 13.10 14.00 15.05 15.55 17.40 19.00 20.15 20.35 21.05

RAIDUE
7.15 9.30 10.00 11.00 13.00 14.00 16.15 17.50 18.45 19.35 20.30 21.05 23.10 23.25 1.05 1.15 CARTONI ANIMATI PROTESTANTESIMO TG 2 I FATTI VOSTRI TG 2 - MEDICINA 33 ITALIA SUL DUE DESPERATE HOUSEWIVES TG SPORT - TG 2 NUMB3RS SQUADRA SPECIALE COBRA 11 TG 2 SEMPRE PI CONVINTO... Variet TG 2 L' ISPETTORE COLIANDRO TG PARLAMENTO SORGENTE DI VITA

CANALE 5
8.00 8.50 10.05 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 18.50 20.00 20.30 21.10 0.15 1.00 1.30 2.15 TG 5 MATTINO CINQUE GRANDE FRATELLO FORUM TG5 BEAUTIFUL CENTOVETRINE UOMINI E DONNE AMICI POMERIGGIO CINQUE THE MONEY DROP TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA GRANDE FRATELLO Reality MAI DIRE GRANDE FRATELLO TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA UOMINI E DONNE

ITALIA 1
CARTONI ANIMATI UNA MAMMA PER... GREY'S ANATOMY STUDIO APERTO STUDIO SPORT I SIMPSON DRAGON BALL CAMERA CAF LA VITA SECONDO JIM TRASFORMAT STUDIO APERTO STUDIO SPORT C.S.I. C.S.I. NEW YORK Telefilm 23.00 WHITE COLLAR FASCINO CRIMINALE 0.50 MODAMANIA 1.25 STUDIO APERTO 1.40 THE SHIELD 7.00 8.40 10.35 12.25 13.00 13.40 14.35 15.30 16.45 17.45 18.30 19.00 19.25 21.10

RETE 4
7.30 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.15 16.50 18.55 19.35 20.30 21.10 0.10 1.15 2.25 3.30 TELEFILM BENESSERE TG 4 DETECTIVE IN CORSIA LA SIGNORA IN GIALLO FORUM HAMBURG DISTRETTO 21 SENTIERI COMMISSARIO CORDIER TG 4 TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS... TRUE LIES Film THE CORRUPTOR INDAGINE A CHINA... TG 4 PIANETA MARE VIVERE MEGLIO

LA 7
OMNIBUS TG LA7 COFFEE BREAK LARIA CHE TIRA I MEN DI BENEDETTA TG LA7 IL DOMINATORE ATLANTIDE MOVIE FLASH LISPETTORE BARNABY G DAY TG LA7 OTTO E MEZZO LINFEDELE Attualit 23.45 INNOVATION 0.20 TG LA7 0.30 (AH)IPIROSO 1.25 MOVIE FLASH 1.30 G DAY 7.00 7.30 9.45 11.10 12.30 13.30 14.05 16.15 17.25 17.30 19.20 20.00 20.30 21.10

Radio 105
11.59 Il centocinquista

Chi chiama Tony e Ross, si aggiudica Dannato vive re, nuovo cd dei Negrita (nella foto il cantante Pau)

Rmc
11.00 Teo in Tempo Reale

Film sul Digitale Terrestre

Lo Sport in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
20.45 NAPOLI - BOLOGNA
Serie A Sky Calcio 1, Sky SuperCalcio, MP Calcio e MP Calcio HD2

PREMIUM
13.30 ASTERIX ALLE OLIMPIADI JOI 15.05 L'UOMO IN PI PREMIUM CINEMA 15.35 MOBILE JOI 16.55 LA BELLEZZA DEL SOMARO PREMIUM CINEMA 17.15 LOVE NOTES MYA 18.45 A SON'S WAR PREMIUM CINEMA 19.20 I MERCENARI PREMIUM CINEMA 21.15 SHUTTER ISLAND JOI 21.15 HOLLYWOODLAND PREMIUM CINEMA 23.00 USCITA A QUATTRO MYA

21.30 MARQUETTE GOLDEN EAGLES LOUISVILLE CARDINALS


NCAA Sky Sport 2 e ESPN America

PALLANUOTO
17.25 SERBIA - SPAGNA
Europeo maschile. Da Eindhoven, Olanda. Rai Sport 2

9.10

CALCIO: JUVENTUS CAGLIARI


Serie A highlights

9.25 9.40 9.55

21.10 UNGHERIA - ITALIA


Europeo maschile. Da Eindhoven, Olanda. Rai Sport 2

23.30 MISSOURI TIGERS TEXAS AGGIES


NCAA ESPN America

CALCIO: PARMA - SIENA


Serie A highlights

20.45 PORTOGRUARO SIRACUSA


Lega Pro. 1 Divisione. Girone B. Rai Sport 1

CALCIO: CHIEVO - PALERMO


Serie A highlights

1.30

21.00 WIGAN MANCHESTER CITY


Premier League Sky Sport 1 e Sky Calcio 3

SYRACUSE ORANGE PITTSBURGH PANTHERS


NCAA ESPN America

TENNIS
7.45 9.00 1.00 AUSTRALIAN OPEN
Da Melbourne. Giorno 1 Eurosport 2

CALCIO: CESENA - NOVARA


Serie A highlights

15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA 16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO 17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI 17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS 0.30 CALCIO: NAPOLI - BOLOGNA
Serie A highlights

11.30 RUGBY: OSPREYS BENETTON TREVISO


Heineken Cup

14.00 FOOTBALL: LSU - ALABAMA


NCAA Bowl

Balotelli, Maurizio Costan zo, Tony Dallara sono alcu ni personaggi interpretati da Teo Teocoli (nella foto)

16.45 RUGBY: AIRONI RUGBY CLERMONT AUVERGNE


Heineken Cup

Virgin Radio
13.30 Investigation Bureau

AUSTRALIAN OPEN
Da Melbourne. Giorno 1 Eurosport e Eurosport 2

10.10 CALCIO: CATANIA - ROMA


Serie A highlights

SKY SPORT 3 SKY SPORT 2


7.30 9.30 GOLF: THE JOBURG OPEN
PGA European Tour

3.30

KANSAS JAYHAWKS BAYLOR BEARS


NCAA ESPN America

AUSTRALIAN OPEN
Da Melbourne. Giorno 2 Eurosport e Eurosport 2

BASKET
19.00 NEW YORK KNICKS ORLANDO MAGIC
NBA Sky Sport 2

10.25 CALCIO: GENOA - UDINESE


Serie A highlights

9.30

GOLF: THE JOBURG OPEN


PGA European Tour

BILIARDO
14.30 TRUMP - BINGHAM
Snooker Master. Da Londra. Eurosport

10.40 CALCIO: LAZIO - ATALANTA


Serie A highlights

SKY SPORT 1
9.00 CALCIO: MILAN - INTER
Serie A highlights

21.00 ZEROUNO TORINO ACEGAS TRIESTE


Serie A Dilettanti Sportitalia 2

10.55 CALCIO: FIORENTINA - LECCE


Serie A highlights

20.00 MURPHY - GOULD


Snooker Master. Da Londra. Eurosport

15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN

FOOTBALL: VIRGINIA TECH HOKIES MICHIGAN WOLVERINES


NCAA Bowl

12.00 CALCIO: MAIORCA REAL MADRID


Liga

14.00 CALCIO: CHELSEA SUNDERLAND


Premier League

LAgente Malone e Sophia intervistano Ozzy Osbourne (nella foto). Ascoltiamo Mama, Im coming home

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
3 -3 -4 2 -1 4 -3 8 -5 6 -3 -4 2 10 -5 -4 9 0 -4 -7 4 -3 13 9 4 9 3 13 3 11 7 8 4 2 9 12 6 3 10 9 5 4 6 6

Oggi
Al Nord cielo sereno o poco nuvoloso ma con nebbie in pianura. Al Centro e al Sud tempo soleggiato sulle regioni tirreniche, mentre su quelle adriatiche qualche pioggia si alterner a schiarite. Variabilit anche su Sicilia e Sardegna. Trieste
Venezia
4 6 5 3

Domani
Al Nord cielo poco o parzialmente nuvoloso con nuove nebbie in pianura. Al Centro, al Sud e in Sardegna soleggiato salvo residui addensamenti, ma con minore probabilit di precipitazioni. In Sicilia ancora qualche pioggia e varie nuvole.

Dopodomani
Al Nord ancora nebbie in pianura e tempo soleggiato in montagna, salvo degli addensamenti sulla Liguria. E pure sul resto del Paese assenza di precipitazioni e cielo sereno o poco nuvoloso, ad eccezione di locale variabilit in Puglia.

Trento Aosta
6 3 5 2

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
3 4

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino
4 4 2

Bologna Genova
5 4 5

Ancona

Firenze
3 6

Perugia
4 5

LAquila
5 2

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
2 8

Campobasso
3 1

Bari Potenza
6 1 2 6

Napoli
1 8

Cagliari
10 11

Catanzaro
3 7

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
7 13

Reggio Calabria
8 9

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania
9 10

7:59

17:05

7:35

17:03

7:59

17:06

7:35

17:04

25 dic.

1 gen.

9 gen.

16 gen.

LUNED 16 GENNAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

55

Lanniversario

Ragazzi, ecco Ali il mito che resta al centro del ring


Nemmeno il morbo di Parkinson riuscito a mettere k.o. il Pi Grande, che domani compie 70 anni

di FAUSTO NARDUCCI

Cari ragazzi, domani compie 70 anni Muhammad Ali. S, proprio lui, quello che si sempre proclamato the greatest ed stato veramente il Pi Grande, ma non solo nella boxe. Voi non avete potuto vederlo combattere perch lultimo match, il pi brutto, risale a trentanni fa ma lasciatevi dire che vi siete persi molto. Quando la boxe era popolare anche fuori dal grande schermo, Ali non ha avuto eguali: il suo stile, il suo carisma, la sua intelligenza erano riconoscibili dentro e fuori dal ring. Ne sanno qualcosa Joe Frazier e George Foreman, i leggendari avversari umiliati prima ancora di combattere. Ma lo sanno anche tutti coloro che alla domanda su chi sia il pi grande sportivo di tutti i tempi fanno il suo nome. Era lui che diceva Vola come

una farfalla, pungi come unape, la frase pi celebre della boxe immortalata dal film-documentario da Oscar When we were kings che vi consigliamo di vedere o rivedere. Gi nei suoi ultimi incontri Ali si era ritrovato a combattere contro un avversario in pi, il morbo di Parkinson. Un rivale contro cui molti finiscono k.o. ma che in 30 anni non riuscito a battere il pi grande degli esseri umani. Ali si piegato, ha socchiuso gli occhi e ha perso la parola ma continua a vivere nel suo orgoglioso ralenty. Chi lo ha visto allOlimpiade di Atlanta 96 mentre stringeva la fiaccola nella mano tremolante non avrebbe mai pensato che sarebbe arrivato a festeggiare i 70 anni. Ora sappiamo che i miti sono indistruttibili.

Il commento

TUTTO RIAPERTO MA JUVE E MILAN RESTANO FAVORITE


Limpresa dellInter ha confermato come Ranieri sia sempre pi un uomo-derby
di ALBERTO CERRUTI

TwitTwit

I gol in meno

IL CINGUETTIO DEL GIORNO

IL PROBLEMA DELLA JUVE E LATTACCO SERVE QUALITA (E UNO COME TEVEZ...)


sto. E abbastastanza curioso che Milan e Inter incrocino i guantoni sul mercato dinverno per contendersi un giocatore come Tevez che in realt servirebbe soprattutto alla Juve. Carlitos potrebbe assicurare la stessa quantit di Pepe con laggiunta di una qualit realizzativa differente: 44 gol nei 67 match col City dal 2009-10 a oggi. Di pi: Tevez uno in grado di saltare luomo e di concludere in porta con una mira apprezzabile, vizio non troppo diffuso nellattuale parco offensivo bianconero. Il limite della Juve per altri versi ammirevole sta proprio nellattacco. Le squadre di Conte non hanno mai prodotto gol in quantit zemaniane. La media di questanno (1,61 a match) superiore a quella della passata stagione nel Siena (1,59) e al campionato pi felice col Bari (1,54). La differenza che in Puglia, dove aveva Barreto, e in Toscana, dove cera Calai, gli attaccanti producevano quasi il 70 per cento delle reti, mentre nella Juve le proporzioni sono diverse. Matri ha segnato appena 7 gol in 17 presenze (uno ogni 162 minuti) e rimane il cannoniere principe di un azionariato molto popolare in fatto di realizzazioni (dieci giocatori si spartiscono il bottino dei 29 totali). Se consideriamo che i bianconeri tengono fuori rosa Amauri e Toni (oltre ad avere un Iaquinta fuorigioco), viene da dire che la Juve dovrebbe sforbiciare la quantit e reinvestire i soldi in qualit. Certe volte basta il numero di un campione per risolvere una sfida come quella di ieri col Cagliari, signora squadra. Sembra di no, ma sono punti pesanti nello sprint scudetto.

VALENTINO ROSSI
Che gusto vincere il derby... Grazie ragazzi. #amala

Il crocevia del derby diventa una croce per il Milan e un via libera per l'Inter, che vince la sesta partita consecutiva e aggiunge un posto al tavolo per lo scudetto. Con tanti ringraziamenti a Milito, l'uomo decisivo nella notte pi attesa, e a Cossu il jolly del Cagliari che frena la Juventus, sempre al comando ma soltanto a pi 1 sul Milan e a pi 6 sull'Inter. La classifica dice che davanti ai nerazzurri ci sono anche la Lazio, unica capace di mantenere il punticino di vantaggio dopo il successo sull'Atalanta, e l'Udinese avvicinata a meno 3 dopo la sconfitta a Genova. Il campo, per, suggerisce altre valutazioni, perch nessuno quest'anno aveva vinto sei gare consecutive, nessuno aveva battuto il Milan sul suo campo, nessuno sta dimostrando di avere la freschezza fisica e l'entusiasmo dell'Inter, che non aveva mai superato una grande quest'anno. E' vero che non stato un gran derby dal punto di vista spettacolare, ma il Milan avrebbe messo la firma per vincerlo, per non interrompere la serie di dodici gare senza sconfitte e soprattutto per escludere definitivamente gli avversari dalla lotta per lo scudetto. E invece tutto riaperto nel campionato pi incerto degli ultimi anni: per la corsa al vertice, anche se Juve e Milan rimangono le favorite, e soprattutto per la corsa al terzo posto. Con un vincitore a prescindere che non figura mai nel ta-

bellino dei marcatori, ma per quello che ha fatto da fine settembre a oggi il vero artefice della grande rimonta: Claudio Ranieri, pi che mai uomo derby per il risultato e per le sue scelte, perch non era facile escludere Sneijder che sembrava risparmiato proprio per il Milan. E cos al fischio finale di San Siro si moltiplicano i rimpianti della Juve, cui non basta il gol di Vucinic per salire a pi 3 sul Milan, mantenendo l'Inter a distanza. Il pareggio di Cossu e soprattutto la nuova sensazione di stanchezza della squadra, incapace di tornare in vantaggio malgrado il trapianto del tridente iniziale con Del Piero, Krasic e Borriello rispettivamente al posto di Pepe, Matri e Vucinic, riaprono gli interrogativi sulla tenuta atletica di un gruppo volato fin qui oltre ogni previsione. Senza alternative ai tre spremuti centrocampisti titolari, Conte pu consolarsi con il fatto che la "maledizione rossobl", completata dal terzo pareggio in casa dopo quelli con Bologna e Genoa, consegna alla Juve la migliore difesa del campionato e il nuovo record bianconero di gare iniziali (18) senza sconfitte. Ma attenzione a coccolare troppo questi numeri, perch gi una volta il Milan, guidato da Liedholm, ha vinto lo scudetto nel 1979 con tre sconfitte, precedendo il Perugia imbattuto per tutto il campionato. Ecco perch la Juventus deve riprendere a correre, se vuole staccare definitivamente il Milan e questa rilanciata Inter.

@ValeYellow46

WALTER ZENGA
Nasr 2 Shabab 1 Milan 0 INTER 1 the perfect day!!!! Good Night from Dubai

Da sinistra: Matri, Vucinic e Pirlo IMAGE SPORT


di ALESSANDRO DE CAL

@coachzenga

Zenga, 51 anni, allena lAl Nasr YOLANTHE CABAU


Quasi pronti a prenderci San Siro!! Sono cos eccitata per la partita di stasera! Forzzaaa INTER!!! Come pensi che sar?

La Juve ha la difesa meno battuta della A anche perch spreme molto i suoi attaccanti. La quantit di pressing che assicura Simone Pepe talvolta prima punta impressionante. Naturalmente, le energie spese per rincorrere pallone e avversari, finiscono con lessere sottratte alleconomia complessiva dei movimenti. Lo stesso vale per Alessandro Matri, per Mirko Vucinic e per i mozziconi di partita che hanno collezionato i vari Quagliarella, Krasic, Del Piero e, ieri, persino Borriello. Per questo gli attaccanti di Conte fanno tanta fatica a segnare? Probabilmente s. Anche per que-

Luomo in pi

IL FATTORE MUTU E LA VARIABILE PUO DECIDERE LA LOTTA SALVEZZA


di LUCA CALAMAI

@yolanthecabau

Francesco Facchinetti, 31 anni FRANCESCO FACCHINETTI


Sono gi seduto davanti al televisore, canale 201. Come lo zio Beppe, non mi sono fatto la barba. Forza, in nostro cuore pi grande del loro.
@frafacchinetti

Un anno fa, di questi tempi, era fuori rosa. La famiglia Della Valle aveva preso questa decisione perch Adrian Mutu si era promesso al Cesena scatenando una piccola guerra dentro lo spogliatoio viola. Nessun giocatore ci pu imporre le proprie scelte professionali spieg Andrea Della Valle. Il fuoriclasse rumeno ha avuto la pazienza di aspettare il mercato di agosto. Voleva Cesena e a Cesena andato, grazie anche al lavoro sotto traccia del suo amico Lorenzo Minotti, responsabile dellarea tecnica del club romagnolo. Matrimonio strano visto che per Adrian si erano fatti avanti club di prima fila, a cominciare dal Napoli. Matrimonio anche tormentato, allinizio. Ricordate? Brutti voti in pagella, un rigore importante sbagliato, tre turni di squalifica per unassurda gomitata rifilata a Cassani nella sfida proprio contro la sua ex Fio-

rentina. Ma questa strana storia di calcio ha resistito allipotesi di divorzio anticipato e oggi Mutu la variabile impazzita della lotta salvezza. Gi, cosa centra un giocatore del valore del rumeno in questa zona della classifica? Poco. Quasi niente. Anche ieri il buon Adrian ha fatto la differenza in campo realizzando una doppietta nello scontro diretto contro il Novara. Due reti che lo hanno fatto salire a quota 101 gol in Serie A. Ma che, soprattutto, hanno permesso alla squadra di Arrigoni di portarsi a meno tre dalla zona salvezza. Chi aveva gi individuato le tre vittime destinate alla retrocessione (Cesena, Novara e Lecce) far bene a rifare i conti. Grazie alleffetto Mutu il Cesena pu recuperare velocemente posizioni. Tutto questo a patto che Adrian riesca a conservare il giusto equilibrio tra il pallone e la vita fuori dal campo. Il Mutu vero vale almeno unaltra decina di gol e 4-5 assist. Numeri da sbattere in faccia alla retrocessione.

FRANCESCO MOLINARI
Bella prestazione di cuore e sofferenza grande Milito e adesso non siamo cos lontani.. Serve ancora Tevez? #amala #inter
@fmolinari

Ipse DIXIT...

...COSA VOLEVA dire


La giusta strada di Mutti (in auto) dopo le due sconfitte col Palermo

PHIL NEVILLE
Zanetti dellInter uno dei miei giocatori preferiti di tutti tempi. Gioca ogni partita, copre ogni ruolo, difatti ha 145 presenze nellArgentina
@fizzer18

Possiamo crescere, la strada giusta

BORTOLO MUTTI ALLENATORE DEL PALERMO

Allora: questa la valigia con le camicie e i pantaloni, questo il borsone con le scarpe, questo quello con i panni sporchi... Tutto pronto, in attesa della telefonata del presidente. Per la strada giusta ho varie soluzioni. I voli low cost per arrivare senza allungare il viaggio ci sono. Esclusa la soluzione via mare, perch con Zamparini un allenatore sempre gi oltre

lultima spiaggia. Potrei usare lauto, anche se i chilometri sono 1500, e c il traghetto da prendere, c la Reggio Calabria-Salerno, e chiss che coda a Roncobilaccio. Sosta pi, sosta meno, sono una quindicina dore di viaggio. Per, la strada sicuramente giusta: partenza da Palermo, arrivo a Trescore Balneario, terra bergamasca. Casa mia.
ROBERTO PELUCCHI

56

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 16 GENNAIO 2012