Sei sulla pagina 1di 5

Data: 20.03.2013 Giornale: ADEVARUL Non accetto ladesione della Romania allUngheria Intervista.

Victor Ponta sostiene che il monitoraggio per ladempimento degli standard democratici proposto nellUE fa riferimento allUngheria, spera che nessuno confonda Bucarest con Budapest nella valutazione dei due paesi, n andare sul principio politico uno dal partito popolare, laltro dai socialisti. In un intervista accordato al giornale Adevarul, il primo-ministro Victor Ponta vede la Romania come unisola di stabilit circondata da crisi, contesto che potrebbe essere utile per attirare degli investimenti nelleconomia. Lui spera che la Romania non sia scambiata per lUngheria, che si trova in piena crisi costituzionale. Ponta ottimista rispetto al Meccanismo di Cooperazione e Verifica ed aspetta da Bruxelles un elenco con obiettivi chiari che la Romania adempisca. Il futuro ministero della Giustizia, se Mona Pivniceru sar validata per la Corte Costituzionale, deve essere credibile a Bruxelles ed avere un profilo meno politico. Il premier ha annunciato che ha un piano anche per la crescita dellassorbimento dei fondi europei: le autorit di management saranno sotto il commando del Ministero dei Fondi Europei, e dallautunno entrer in funzione il meccanismo di prevenzione dei conflitti di interessi sui fondi europei. Ho gi presente nella mente il nuovo ministro della Giustizia Scelta. Victor Ponta dice che il portafoglio della Giustizia ha bisogno di un ministro credibile a Bruxelles, con un profilo meno politico. Adevarul: il Cyprus sullagenda europeo: quali sono i problemi che minacciano a mettere in allerta non soltanto i mercati finanziari, ma di creare anche un grave ed inedito problema sociale? Victor Ponta: La Romania non direttamente colpita dalla misura della tassazione dei depositi. Posso fare due commenti. Prima di tutto, una misura totalmente inaspettata per i principi dellUnione Europea. E se posso fare un piccolo scherzo ideologico, una misura di sinistra, tassare i depositi sul principio che l sono cittadini russi ricchi. Secondo, le cose non evolvono verso la stabilit di cui si parlava, non molto chiara la strategia dellEuropa per uscire dalla crisi. Penso che nessuno pensava una settimana fa che si prendessero soldi dalle banche. In questo contesto abbastanza negativo, dovremo constatare ed utilizzare una cosa inaspettata per noi: dopo che lestate scorso eravamo il paese-problema per lEuropa, il paese con un crisi politica, adesso siamo lunico paese stabile della regione. Sfortunatamente, la Bulgaria in crisi politica, la Moldavia in crisi politica, e mi dispiace moltissimo per questo, lUngheria in una crisi costituzionale. La Romania, con quellaccordo di co-abitazione molto sparlato fra me ed il presidente, ma che funziona, con una maggioranza sparlata perch troppo grande, ha una stabilit che non molti paesi dellUE possiedano. Utilizziamo questo contesto dinstabilit a favore della Romania, e non parlo qui

del vantaggio finanziario, cio di prestare soldi ad interessi bassi, ma di riuscire questanno a sbloccare gli investimenti. La crisi della Bulgaria iniziata con la crescita delle bollette di energia e secondo il calendario inizieranno gli aumenti per le bollette di energia anche da noi. Quanto durer questa stabilit? Le bollette sono state la scintilla, da noi stato Raed Arafat. In Bulgaria come in Romania si erano accumulate degli scontenti grandissimi. Adesso non c pi la stessa tensione accumulata, una gran parte dellenergia si consumata con le sospensioni, le elezioni. Ma i prezzi per lenergia sono un problema reale per tutta lEuropa. Per la popolazione dei paesi dellEst, come la Romania, la Bulgaria, la liberalizzazione dei prezzi difficile da supportare. A causa dei prezzi dellenergia, tutta lindustria europea non pi competitiva. La stampa riferisce sulleffetto che i prezzi hanno sulla popolazione, io in qualit di primoministro sono preoccupato anche dalleffetto sui produttori, Sidex, Alro. Questo rappresenta una bomba anche pi grande, perch se tutte queste compagnie non sono pi profittabili a causa del prezzo dellenergia, loro si possono delocalizzare o chiudere lattivit. E avremo una crisi economica doppiata da una sociale. Abbiamo un problema di calendario con lenergia rinnovabile perch la distorsione dei prezzi viene dai certificati verdi. Il principio corretto, lEuropa, la Romania lhanno assunto. Ma n la Germania non si permette pi e cambia la legislazione nel senso che scagliona un po i vantaggi per lenergia verde. Per questo motivo, questanno siamo molto prudenti con il modo in cui vengono applicate tutte le norme. Con decorrenza dal 1 luglio, applicheremo una tariffa sociale esteso. Non sovvenzioneremo pi il prezzo per lenergia per tutto il mondo, perch una parte di quello con redditi alti ce la fa. Ci sono per 600.000 700.000 famiglie che realmente non potranno supportare laumento delle bollette. E per queste famiglie dovremo trovare una formula di tariffa sociale. Ho cominciato a cambiarmi lopinione sulle fonti di energia. Penso che ogni fonte di energia sfruttabile deve considerare lambiente, per non posso non guardare gli SUA che sono diventati di nuovo competitivi con altri prezzi per lenergia. Non sono un fanatico anti-russo, ma se si pu diventare indipendente a livello dellenergia, di non avere pi quei contratti con Gazprom, non penso che si arrabbiasse nessuno. Questo apre la via dello sfruttamento e dellesplorazione dei gas di scisto. Qual la situazione del moratorio? stato ultimato in dicembre. stato ultimato in dicembre e non stato prolungato per lo sfruttamento. In Vaslui sono stati conferiti tutti i permessi e le esplorazioni iniziano. Non possiamo sapere prima di quattro-cinque anni se abbiamo gas di scisto. Forse si continuer anche da Constanta. Ho capito che a Oradea, le autorit locali hanno dichiarato di non essere daccordo con lo sfruttamento dei gas di scisto nella zona dei sorgenti termali e va bene. Sono molto ottimista rispetto ai risultati dellesplorazione off-shore, ad esempio quelli fatti da Exon Mobile, da OMV dove stato scoperto petrolio e gas. Sono contento che anche la Romgaz si coinvolta nelle esplorazioni perch bene aver anche una compagnia romena, sebbene detenesse soltanto 10%. Si deve costruire un terminal gigante, probabilmente da Constanta-Midia, perch a che cosa serve avere petrolio e

gas, se non puoi apportarli sulla terra. Ma ripeto, perch non penso di essere ancora premier nei prossimi cinque anni, come priorit per me sono i risultati da off-shore. Se si trova gas di scisto, sono convinto che in quattro-cinque anni a tecnologia sar estremamente avanzata sicch possano essere assegnate tutte le garanzie per lambiente. Il Parlamento Europeo ha richiesto una riduzione della burocrazia per lapprovazione di alcuni programmi. Come potremo accedere ai fondi europei? Quando ho parlato sui fondi europei con il presidente Barroso e gli altri premier, ho detto che ogni volta che si semplifica qualcosa a livello europeo, diventa pi complicato. Siamo stati il paese, insieme alla Bulgaria, totalmente impreparato per lassorbimento dei fondi europei, entrando nellUE insieme allesercizio finanziario, invece della Polonia, ad esempio, che ha avuto tre anni a disposizione per prepararsi. Stiamo soffrendo di due malattie interne, che esportiamo anche a Bruxelles. La fuga dalla responsabilit: nessuno vuole firmare in Romania, ogni richiesta ed ogni progetto deve raccogliere 20 firme. Siamo il paese che si auto-denunciato con il numero pi alto di frode dellEU. Per questo motivo, quelli di Bruxelles hanno detto a ragione: Signore, siete voi che quelli che affermate di aver rubato i pi soldi. Ma noi vi verifichiamo mille volte. Ogni programma in Romania verificato dieci volte di pi che un programma in un altro paese UE. Non ricominciamo con i bloccaggi del POSDRU, del Programma Operazionale Regionale, dei dossier di Bistrita in cui si provato che non stata frode, e che forse saranno sbloccati. Nel programma di trasporto, la cima delliceberg rappresentata dal contratto di Florin Iordache con Nadlac-Arad. L, la correzione finanziaria sar di 100%, perderemo tutti i soldi e dobbiamo rimborsarli dallo budget dello stato. Lanno scorso, siamo entrati al limite nella categoria di deficit di 3%, proprio a causa dei problemi con il finanziamento dei progetti europei, abbiamo rimborsato dalla tesoreria gli anticipi che non abbiamo pi ricuperato. Le autorit di management saranno subordinate al Ministero dei Fondi Europei

Quali misure si possono prendere per laumento dellassorbimento? Per i programmi attuali e con un po di flessibilit da parte della commissione, riusciremo ad aumentare di pi il grado di assorbimento. Certo, non sar del 100%, ma aumenter moltissimo. La cosa importante che per il 2014-2020, in due settimane al massimo, veniamo nella seduta del governo con un progetto di organizzazione per cercare, spero di non cercare come altri e di non riuscirci, una specie di concentrazione delle attribuzioni verso il Ministero dei fondi europei che comprendano le autorit di management. Praticamente, avere unistituzione ed una persona che gestisca e che risponda, che abbia anche la forza politica quale membro del Governo, che abbia anche contatto diretto con la Commissione Europea, e che abbia anche il potere di prendere misure dirette rispetto alle autorit di management. Alcune funzionano bene, altre male. Un tipo di organizzazione molto pi gerarchico, salvo il programma operazionale

regionale, che opera per regioni, ma gli altri devono essere in qualche modo coordinate. Ma non esister un doppio commando? Ci sar un unico commando. Ho proposto che le autorit di management siano nellambito del Ministero dei fondi europei. Nellambito del Governo stato adottato un memorandum insieme allANI con il quale viene fissato un meccanismo di prevenzione per il conflitto di interessi. Che cosa presume esso e quando entrer in vigore? Prevede che prima dellaggiudicazione della gara di appalti, i dati riguardanti alle commissioni delle gare di appalti e a quelli che partecipano, devono arrivare allANI che entro un termine ragionevole di qualche giorno, ci dica se ci sono conflitti di interessi fra alcun membro della commissione della gara di appalti e lautorit contrattante. Ad esempio, se la compagnia della sorella del sindaco, il del figlio del presidente del Consiglio Provinciale, del ministro o del segretario dello stato. Lei ha dichiarato di sostenere lidea del nuovo meccanismo di protezione dei valori fondamentali che la Commissione Europea predisporr. Alcuni hanno detto che un MCV di pi. a favore della Romania, o no? Io penso che sarebbe a favore della Romania se fossero fissati alcuni standard chiari. Da tutte le esperienze dolorose e piene di insegnamenti dellanno scorso di cui sono molto contento. Sono stato dal presidente Barroso che diceva siamo preoccupati. Gli ho detto: Signor presidente, non vuole dirmi perch preoccupato? Ed apparso il famoso elenco con i 11 punti. Ho detto: Dicami quali sono gli standard per sapere cosa rispettare. Il grande problema della Romania con il MCV che partita dal 2005 da qualcosa ed arrivata in tuttaltra parte, non ha pi nessun legame con quello che stato detto nel 2005 che la Romania doveva fare. Sono convinto che la Romania non ha nessun altra chance n altro obiettivo che di essere una parte pi dinamica possibile dellUnione Europea. Ma per questo abbiamo bisogno di alcune cose chiare. Di passare dalle accuse generali, che di solito nascono sul piano interno, a delle cose concrete che la Romania deve applicare. Ho manifestato il mio supporto perch ho capito la lettera di quelli quattro, e spero che non si arrabbi nessuno a livello internazionale, in riferimento particolare ai nostri vicini dellUngheria. In Romania stato un entusiasma cos alto guarda, succede lo stesso. Io non penso che si fossi riferito alla Romania. Ma, penso che se non fossimo attenti, si andr su un principio politico: uno da noi e uno da loro. Cio, se il sig.re Viktor Orban dal Partito Popolare, che sia qualcuno di Romania dai socialisti. Penso che sia incorretto rispetto alla Romania. Perch in Romania non si modificata nessuna virgola nella Costituzione, mentre in Ungheria la Costituzione continua a cambiare; in Romania c la libert della stampa e nessuno modifica in niente la legislazione e non modificher; perch in Romania la Banca Nazionale davvero indipendente e rispettata. Non assomiglia in niente la situazione dellUngheria con quella di Romania. Non voglio essere messi nella stessa pentola. Non sono invidioso, non mostro nessuno con il dita, ma voglio un meccanismo chiaro, che pu essere ragionato oggi per lUngheria, ma domani che dica qualcuno andiamo a mettere un altro nella stessa pentola. Spero che questa pratica sia

materializzata. Non sono troppo ottimista, perch difficile vedere un consenso a livello europeo su cosa significa gli standard. Ma, se viene realizzato, a favore della Romania. Faccio tutti gli sforzi e mi assumo pubblicamente questo meccanismo per non lasciare pi aperta la via a nessuna parallela fra la Romania e lUngheria. Alcuni dei suoi collegi da Adevarul rimarcano che niente mi arrabbia di pi che il paragone con Viktor Orban. A ragione, perch quello che succede in Romania non viene per niente paragonato a quello che succede in Ungheria. Non accetto questa adesione.