Sei sulla pagina 1di 1

6

DOMENICA 5 AGOSTO 2012

Argentina
Buenos Aires ha restituito ora gli ultimi 2,2 miliardi di dollari bloccati durante la crisi. Una vittoria per la presidenta che, per non riesce a oscurare le molte ombre sul suo stile politico, sempre pi autoritario e accentratore Tanto che molti parlano di chavizzazione Polemiche per gli incarichi assegnati a La Cmpora, il gruppo guidato dal figlio

Kirchner a lezione da Chavez

AMERICA LATINA
DI LUCIA CAPUZZI

ra siamo pi liberi. La frase spicca sulla pagina Web del ministero dellEconomia argentino. questo il nuovo leit-motiv del governo di Cristina Fernndez Kirchner. Coniato dopo il D-Day o meglio, il Da-C. Venerd pomeriggio (la tarda serata di ieri in Italia), in una pomposa cerimonia ufficiale, la presidenta ha chiuso definitivamente il capitolo del corralito, restituendo ai risparmiatori gli ultimi 2,2 miliardi di dollari bloccati insieme ai conti correnti in seguito alla drammatica crisi economica del 2001. Il saldo dei debiti non si festeggia ha detto la leader, per poi aggiungere col suo tono enfatico : ma forse stavolta dovremmo farlo, dato che lArgentina ha tenuto fede ai suoi impegni in un mondo dove tutto sta precipitando. Non solo una frase ad effetto. Cristina come la chiama la gente ha voluto sottolineare come la manovra rappresenti un trionfo, forse il principale, del suo secondo mandato, inaugurato a dicembre. Eppure a tanti non sfuggita linvolontaria ironia dello slogan scelto dallesecutivo: Ora siamo pi liberi. Perch in questi ultimi mesi il grado di libert nel Paese non sembra affatto aumentata. Anzi. Oppositori e intellettuali oltre ai due principali quotidiano El Clarn e La Nacin denunciano una crescente radicalizzazione del governo in senso nazionalista e populista. Tanto che alcuni analisti parlano di una chavizzazione dellArgentina e della sua presidenta. Forse unesagerazione. In ogni caso, alcune misure destano preoccupazione. In particolare, il ruolo crescente che sta assumendo il movimento giovanile ultra-kirchnerista La Cmpora, guidato dal figlio della leader, Mximo. Specie dopo lultimo scandalo fatto esplodere da uninchiesta del Clarn. Il giornale ha rivelato che vari detenuti condannati per reati gravi, dallo stupro allomicidio, tra cui un cantante che ha dato fuoco alla moglie escono regolarmente dal carcere per fare da clack ai comizi della presidenta o altri atti ufficiali. Grazie a un controverso pro-

LA NUOVA EVITA Il suo modello Evita Pern, come ha ribadito nelle recenti celebrazioni per il 60esimo anniversario della morte. Cristina Kirchner, 59 anni, (nella foto con Chavez, Reuters) stata deputata e senatrice oltre che first-lady. Nel 2007, si candidata alla presidenza come successore del marito Nestor. stata rieletta nel 2011.

Fra scandali e nazionalizzazioni la leader accumula potere


creatura politica della presidenta. Che non si mai fidata degli altri leader di spicco del peronismo spiega ad Avvenire , Di Marco, autrice del libro-inchiesta La Cmpora, pubblicato da Sudamericana . Per questo, ora che sola, dopo la morte del marito Nstor, si appoggia tanto a questorganizzazione. Che estende i suoi tentacoli nelle principali istituzioni. Nel 2011, 7mila incarichi pubblici tra cui 40 ruoli chiave nellesecutivo sono stati assegnati a persone vincolate al gruppo. Lassociazione nata dalla crisi del 2001, quando il kirchnerismo riusc a mobilitare i giovani, esclusi dal sistema dalle politiche neoliberali degli anni Novanta, continua Di Marco. Ora il suo ruolo diventato, per, determinante. Allorganizzazione appartiene, ad esempio, il viceministro dellEconomia, Axel Kichillof, considerato lartefice della nazionalizzazione di Ypf, societ petrolifera controllata dal colosso spagnolo Repsol. Le similitudini tra Cristina e il caudillo di Caracas non riguardano solo lo stile di governo. La

La stampa rivela: Ong kichneriste danno permessi ai detenuti per recarsi ai comizi
recente politica economica dirigista di Kirchner sta dilatando il ruolo dello Stato. Con misure spesso controverse. Come la riduzione delle importazioni e dellacquisto di dollari da parte dei cittadini. Il boom degli ultimi anni al ritmo del 7 per cento stato incentrato sui soia-dollari: i capitali ricavati dalle esportazioni di soia, di cui lArgentina tra i principali produttori. Per limitare i contraccolpi della recessione mondiale che comunque ha gi ridotto a meno della met la crescita , il governo ha dato un giro di vite a importazioni e compravendita di dollari. Con conseguenze spesso drammatiche: in molti ospedali mancano farmaci essenziali, di cui impossibile trovare un sostituto nazionale. E il mercato immobiliare dollarizzato fermo. Problemi a cui la presidenta non fa accenno nei suoi discorsi-fiume in tv. Mentre in sottofondo echeggiano gli applausi dei militanti de La Cmpora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MODELLO CARACAS

gramma di reinserimento gestito dallassociazione Vatalln militante, Ong creata con lobiettivo di indottrinare al kirchnerismo i carcerati della capitale. Unassociazione legata a La Cmpora, come ha dimostrato la sociologa Laura Di Marco. La Cmpora la

IL CASO REPSOL

Lintesa petrolifera bolivariana dopo il gelo con Madrid


entre in Spagna veniva accolto come una doccia gelida, tre mesi fa lannuncio della nazionalizzazione di Ypf (ex filiale delliberica Repsol) scatenava i caldi applausi del nazionalismo argentino, ma anche di Chavez. Dalle ideologie si poi passati ai fatti: pochi giorni fa la presidenta argentina e lomologo venezuelano hanno firmato una alleanza strategica fra Ypf e Pdvsa. I due gruppi petroliferi collaboreranno nella regione dellOrinoco: larea venezuelana pi ricca di greggio. La coope-

Le nazionalizzazioni sono un pilastro fondamentale della politica economica del caudillo Chavez. Il presidente ha fatto ricorso alla statalizzazione di risorse importanti: in primis, il greggio. Le compagnie petrolifere che volevano restare in Venezuela hanno dovuto firmare memorandum dintesa con lo Stato, che controlla la maggioranza delle nuove societ miste. Oltre alloro nero, le nazionalizzazioni hanno riguardato altri settori, i principali della vita economica venezuelana: dallenergia elettrica ad alcuni produttori di generi alimentari, passando per qualche hotel di lusso.

DAL GREGGIO AL CIBO: LO STATO ORA CONTROLLA LE RISORSE PRINCIPALI

razione fra le due societ statali possibile grazie al recupero della sovranit nazionale energetica dellArgentina, ha sottolineato Chavez. LArgentina ha dichiarato di pubblica utilit e soggetto allespropriazione il 51 per cento di Ypf: di questa quota, il 26,03 per cento passato nelle mani dello Stato, mentre il 24,99 sotto il controllo di alcune province. Per la spagnola Repsol la filiale argentina rappresentava il 25 per cento dei ricavi netti. Michela Coricelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

LO STUDIO
ATENEO CATTOLICO NEGA CIFRE UFFICIALI: I POVERI SONO CINQUE VOLTE DI PI

intervista
o spettro agitato da qualche analista politico anti-kirchnirista quello del terzo mandato. Ovvero, il fatto che Cristina Fernndez Kirchner forte della pioggia di voti ottenuti lo scorso ottobre abbia intenzione di far abrogare larticolo della Costituzione che consente ai presi-

Ma il Cono Sud non il Venezuela


cas. Per questo, non sagre. Ancora non magrisrebbe possibile la riprosime, per ci sono meno posizione del chavismo risorse. sullle rive del Rio de la La frenata del boom spiePlata. ga anche laumento della Al di la dei paragoni, in oconflittualit sociale? Nei gni caso, nellultimo pemesi di maggio e giugno riodo, assistiamo a una ci sono state varie proteradicalizzazione del kirste i cosiddetti cacerochnerismo. lazos nei quartieri di Dalla rielezione, il governo classe media della capitaha varato una serie di mile e delle principali citt. sure che hanno ampliato il ruolo Il calo della crescita ha spinto dello Stato nella il governo a riaggiustamenti: regolazione della vita economica. realizzate misure per ampliare Mi riferisco ai il ruolo dello Stato maggiori poteri attribuiti alla Banca centrale, alla naVari cittadini scrivono zionalizzazione di Ypf, ai lettere ai giornali contro crescenti controlli sui i limiti allacquisto di cambi con forti limitaziodollari... ni allacquisto di dollari. C un certo malessere, A che cosa dovuto il soprattutto nella classe nuovo corso? media, nei confronti delle Al fatto che la crescita caultime misure del goverla. Siamo passati da un no. Si tratta, per, ancora tasso medio annuo del 7 di un fenomeno contenuper cento a una previsioto. Il vero interrogativo : ne del 4,5, secondo il gose leconomia comincer verno. Molto meno per vaad andare davvero male ri economisti indipena causa di un calo di edenti che parlano del 2 o sportazioni di soia au3 per cento. Questo implimenter la conflittualit ca una serie di riaggiustasociale e fino a che punto? menti economici e sociaLucia Capuzzi li per far frone a una si tuazione di vacche maRIPRODUZIONE RISERVATA

un rapporto di amore e odio quello di Chavez con i mezzi di comunicazione. Il carismatico leader venezuelano ha un programma televisivo tutto suo Al presidente che va avanti da anni e ogni domenica dura diverse ore (in diretta). Chavez utilizza molto anche i social network, in particolare Twitter (durante la recente malattia e la convalescenza a Cuba era il suo altoparlante). Ma con la stampa pi critica il governo bolivariano sempre stato durissimo, come dimostrano la chiusura della televisione Rctv e la sospensione delle licenze radiofoniche di diverse piccole emittenti.

UN CAUDILLO MEDIATICO CHE USA I SOCIAL NETWORK E REPRIME I MEDIA RIBELLI

Le cifre sono da sempre uno punti dolenti del governo Kirchner, accusato di manipolarle a proprio favore. Specie quando riguardano temi caldi come povert e inflazione. Per lIndec, istituto ufficiale di statistica, gli argentini poveri sono 1,6 milioni. Il recente sondaggio eleaborato dallOsservatorio sul debito dellUniversit Cattolica ha rivelato una situazione di gran lunga differente. La quota di poveri secondo la prestigiosa istituzione cinque volte maggiore di quella governativa. Ci sono, dunque, oltre 10 milioni di argentini esclusi dallo sviluppo. Di questi, oltre due milioni vive in condizioni di assoluta indigenza. E 1,8 milioni vive in condizioni di miseria strutturale, senza le possibilit cio di migliorare la propria condizione. Ci sono due Argentina ha denunciato Augustn Silvia, che ha coordinato lo studio : una dinamica e in crescita, laltra che accumula privazioni e marginalit. (Lu.C.)

si, il tentativo di Kirchener di mantenere salde le redini del potere a discapito degli altri leader peronisti. Che fanno pressioni proprio perch la presidenta non ha la possibilit di un nuovo mandato. Per conservare il potere in questi quattro anni che le restano deve circondarsi di fedelissimi, spiega Tereschuk. I giovani de La Cmpora, Lanalista Nicols Tereschuk: dunque. Qui c da sempre una forte Che funzione svolclasse media e la societ pi gono i cosiddetti pretoriani della complessa e meno diseguale presidenta? Sono il suo braccio politico, una sorta denti un massimo di due di scudo contro le rivenincarichi consecutivi. Codicazioni degli altri espome ha fatto Hugo Chvez, nenti di lungo corso del appunto. Unaltra ipotesi peronismo. Questultimo avanzata nei circoli di una compagine politica opposizione che il reformata da esponenti cente potere attribuito ai spesso eterogenei. Con ingiovani de La Cmpora riteressi e rivendicazioni disponda a un disegno polivergenti o addirittura contico della leader per dare trastanti. La Cmpora visibilit al figlio Mximo. lunico raggruppamento Nel tentativo di presencon cui Kirchner non detarlo ai cittadini come ve negoziare, perch dalpossibile successore. Nila sua parte e la sostiene. cols Tereschuk, noto aLei non teme lo spettro nalista argentino, di didella chavizzazione delverso parere. Anzi, il polilArgentina? tologo vede nella radicaChavez un prodotto dellizzazione degli ultimi mele contraddizioni vene-

Nicols Tereschuk

Uno dei tasselli chiave del socialismo del XXI secolo di Hugo Chavez sono le cosiddette missioni: programmi sociali nelle zone pi povere del Paese sudamericano, in particolare nelle grandi citt. Il fiore allocchiello per il governo bolivariano Dentro al quartiere: medici e servizi sanitari prestano assistenza nelle aree pi emarginate. I camici bianchi che vi partecipano sono spesso cubani: fa parte di un accordo con cui LAvana paga il petrolio che gli fornisce Caracas. I sostenitori di Chavez applaudono, mentre i critici lo accusano di populismo per acquisire consensi.

LOFFENSIVA DEI MEDICI NELLE ZONE EMARGINATE PER MOBILITARE LE MASSE

zualane. La societ argentina molto diversa. Il Venezuela un Paese caraibico, con unestrema disuguaglianza: l80 per cento della popolazione vive in povert a fronte di un 20 per cento di benestanti. LArgentina come tutte le nazioni del Cono Sud ha una classe media forte. La complessit sociale , dunque, molto maggiore. Anche il modello economico differente: lo sviluppo di Buenos Aires non dipende dal petrolio a differenza di quello di Cara-

Attraverso una politica petrolifera strategica, Chavez ha allargato negli anni la cerchia dei suoi alleati. Non pi non solo latinoamericani (come i membri dellAlba: Cuba, Bolivia, Nicaragua ed Ecuador, fra gli altri), ma anche mediorientali. Provocatorio, Chavez ha puntato su relazioni pericolose, come quelle con lIran. Mahmoud Ahmadinejad un suo grande socio. Insieme lIran e il Venezuela producono mattoni, alimenti, biciclette, trattori e auto. Grazie a Chavez, Ahmadinejad ha stretto rapporti politico-economici anche con altri Paesi dellAmerica Latina. (A cura di Michela Coricelli)

ALLEANZA CON CUBA E RELAZIONI PERICOLOSE CON AHMADINEJAD