Sei sulla pagina 1di 4

Classe terza

Prova 3 Testo letterario

Dino Buzzati

Una goccia

Dino Buzzati (1906-72), scrittore, giornalista, pittore, disegnatore di fumetti, svilupp unintensa attivit letteraria. Le sue opere pi importanti sono il romanzo Il deserto dei Tartari (1940) e la raccolta Sessanta racconti
(premio Strega nel 1960), dalla quale tratto Una goccia.
Buzzati predilige situazioni surreali e atmosfere angosciose: i suoi riferimenti letterari vanno ricercati nella
narrativa di Kafka e nella poetica del cosiddetto realismo magico di Massimo Bontempelli (1878-1960).

10

15

20

25

30

35

20

Una goccia dacqua sale i gradini della scala. La senti? Disteso in letto nel buio, ascolto il
suo arcano cammino. Come fa? Saltella? Tic, tic, si ode ad intermittenza. Poi la goccia si
ferma e magari per tutta la rimanente notte non si fa pi viva. Tuttavia sale. Di gradino
in gradino viene su, a differenza delle altre gocce che cascano perpendicolarmente, in
ottemperanza alla legge di gravit, e alla fine fanno un piccolo schiocco, ben noto in
tutto il mondo. Questa no: piano piano si innalza lungo la tromba delle scale lettera E
dello sterminato casamento.
Non siamo stati noi, adulti, raffinati, sensibilissimi, a segnalarla. Bens una servetta
del primo piano, squallida piccola ignorante creatura. Se ne accorse una sera, a ora
tarda, quando tutti erano gi andati a dormire. Dopo un po non seppe frenarsi, scese
dal letto e corse a svegliare la padrona. Signora sussurr signora! Cosa c? fece
la padrona riscuotendosi. Cosa succede? C una goccia signora, una goccia che vien
su per le scale! Che cosa? chiese laltra sbalordita. Una goccia che sale i gradini!
ripet la servetta e quasi si metteva a piangere. Va, va imprec la padrona sei matta?
Torna in letto, marsch! Hai bevuto, ecco il fatto, vergognosa. un pezzo che al mattino
manca il vino nella bottiglia! Brutta sporca, se credi... Ma la ragazzetta era fuggita, gi
rincattucciata sotto le coperte.
Chiss che cosa le sar mai saltato in mente, a quella stupida pensava poi la padrona,
in silenzio, avendo ormai perso il sonno. Ed ascoltando involontariamente la notte
che dominava sul mondo, anche lei ud il curioso rumore. Una goccia saliva le scale,
positivamente. Gelosa dellordine, per un istante la signora pens di uscire a vedere.
Ma che cosa mai avrebbe potuto trovare alla miserabile luce delle lampadine oscurate,
pendule dalla ringhiera? Come rintracciare una goccia in piena notte, con quel freddo,
lungo le rampe tenebrose?
Nei giorni successivi, di famiglia in famiglia, la voce si sparse lentamente e adesso
tutti lo sanno nella casa, anche se preferiscono non parlarne, come di cosa sciocca di cui
forse vergognarsi. Ora molte orecchie restano tese, nel buio, quando la notte scesa a
opprimere il genere umano. E chi pensa ad una cosa e chi ad unaltra.
Certe notti la goccia tace. Altre volte invece, per lunghe ore non fa che spostarsi,
su, su, si direbbe che non si debba pi fermare, battono i cuori allorch il tenero passo
sembra toccare la soglia. Meno male, non si fermata. Eccola che si allontana, tic, tic,
avviandosi al piano di sopra.
So di positivo che gli inquilini dellammezzato pensano di essere ormai al sicuro. La
goccia essi credono gi passata davanti alla loro porta, n avr pi occasione di
disturbarli; altri, ad esempio io che sto al sesto piano, hanno adesso motivi di inquietudine, non pi loro. Ma chi gli dice che nelle prossime notti la goccia riprender il

Classe terza

30454_Prove Invalsi_pp009-054_s4.indd 20

08/03/13 09.39

40

45

50

55

60

65

cammino dal punto dove era giunta lultima volta, o piuttosto non ricomincer da capo,
iniziando il viaggio dai primi scalini, umidi sempre, ed oscuri di abbondante immondizia? No, neppure loro possono ritenersi sicuri. Al mattino, uscendo di casa, si guarda
attentamente la scala se mai sia rimasta qualche traccia. Niente, come era prevedibile,
non la pi piccola impronta. Al mattino del resto chi prende pi questa storia sul serio?
Al sole del mattino luomo forte, un leone, anche se poche ore prima sbigottiva.
O che quelli dellammezzato abbiano ragione? Noi del resto, che prima non sentivamo niente e ci si teneva esenti, da alcune notti pure noi udiamo qualcosa. La goccia
ancora lontana, vero. A noi arriva solo un ticchettio leggerissimo, flebile eco attraverso
i muri. Tuttavia segno che essa sta salendo e si fa sempre pi vicina.
Anche il dormire in una camera interna, lontana dalla tromba delle scale, non serve.
Meglio sentirlo, il rumore, piuttosto che passare le notti nel dubbio se ci sia o meno.
Chi abita in quelle camere riposte talora non riesce a resistere, sguscia in silenzio nei
corridoi e se ne sta in anticamera al gelo, dietro la porta, col respiro sospeso, ascoltando.
Se la sente, non osa pi allontanarsi, schiavo di indecifrabili paure. Peggio ancora per
se tutto tranquillo: in questo caso come escludere che, appena tornati a coricarsi,
proprio allora non cominci il rumore?
Che strana vita, dunque. E non poter far reclami, n tentare rimedi, n trovare una
spiegazione che sciolga gli animi. E non poter neppure persuadere gli altri, delle altre
case, i quali non sanno. Ma che cosa sarebbe poi questa goccia: domandano con
esasperante buona fede un topo forse? Un rospetto uscito dalle cantine? No davvero.
E allora insistono sarebbe per caso unallegoria? Si vorrebbe per cos dire, simboleggiare la morte? o qualche pericolo? e gli anni che passano? Niente affatto, signori:
semplicemente una goccia, solo che viene su per le scale.
O pi sottilmente si intende raffigurare i sogni e le chimere? Le terre vagheggiate e
lontane dove si presume la felicit? Qualcosa di poetico insomma? No, assolutamente.
Oppure i posti pi lontani ancora, al confine del mondo, ai quali mai giungeremo?
Ma no, vi dico, non uno scherzo, non ci sono doppi sensi, trattasi ahim proprio di
una goccia dacqua, a quanto dato presumere, che di notte viene su per le scale. Tic
tic, misteriosamente, di gradino in gradino. E perci si ha paura.
(D. Buzzati, Sessanta racconti, Mondadori, Milano 2001)

1.

2.

Qual il significato di arcano (r. 2)?


a) Lontano.

c) Magico.

b) Antico.

d) Misterioso.

Trascrivi il discorso indiretto libero contenuto nelle righe 29-32 e riportane linizio e la fine.
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

3.

Quale effetto espressivo ha questo costrutto?


............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Prova 3 Testo letterario

30454_Prove Invalsi_pp009-054_s4.indd 21

21
08/03/13 09.39

4.

Una goccia dacqua sale i gradini della scala. La senti? (r. 1): a chi rivolge la domanda la voce narrante?
a) Alla persona che gli dorme accanto.
b) Al lettore, per coinvolgerlo nella narrazione.
c) Alla persona che sta in ascolto dietro la porta.
d) A un inquilino del sesto piano.

5.

Qual la funzione narrativa della scena tra la servetta e la padrona?


a) Allentare la tensione conferendo un carattere comico alla vicenda.
b) Sottolineare che langoscia per la goccia coinvolge tutte le classi sociali.
c) Descrivere la popolazione del caseggiato.
d) Accentuare il contesto quotidiano in cui avviene il fenomeno della goccia.

6.

Indica almeno quattro degli aspetti fisici che caratterizzano il caseggiato.


............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

7.

Questo ambiente suggerisce una condizione esistenziale; definiscila con almeno tre sostantivi.
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

8.

Per sottolineare la pervasivit della goccia dacqua, lautore insiste sulle categorie spaziali del basso e dellalto,
del vicino e del lontano. Indica, per ciascuna di queste dimensioni, chi sono coloro che sentono la goccia.

Dimensioni

Chi sente la goccia

basso

..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................

alto

..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................

vicino

..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................

lontano

..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................

9.

Che cosa possono rappresentare, sul piano simbolico, gli inquilini del caseggiato?
a) Il genere umano.
b) Gli abitanti di una citt moderna.
c) Gli abitanti di una nazione sotto una dittatura.
d) Gli abitanti di un quartiere povero.

22

Classe terza

30454_Prove Invalsi_pp009-054_s4.indd 22

08/03/13 09.39

10. A quale genere appartiene il racconto?


a) Horror.
b) Poliziesco.
c) Realistico.
d) Fantastico.

11. Per quale ragione lautore ha scelto la goccia dacqua come causa della paura degli inquilini?
a) Per il significato simbolico dellelemento acqua.
b) Perch la goccia quasi invisibile.
c) Perch la goccia minaccia, a lungo andare, gravi danni.
d) Per il carattere ossessivo del suo rumore.

12. Il critico Tzvetan Todorov definisce perturbante lirruzione di un elemento irreale dentro un contesto reale.
Qual nel racconto il perturbante e perch possiamo considerarlo tale?

............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

13. Nel racconto, alle righe 54-62, vengono fatte delle ipotesi sulla natura della goccia dacqua. Per ciascuna indica
di che tipo di interpretazione si tratta.

Ipotesi

Interpretazione

topo, rospetto

realistica simbolica visionaria

morte, pericolo, anni che passano

realistica simbolica visionaria

sogni, felicit, chimere

realistica simbolica visionaria

14. In questo racconto gli interlocutori del narratore sono indicati come gli altri, delle altre case. In realt a chi
si rivolge lautore?
a) Al lettore.
b) Ai vicini di casa.
c) Al genere umano.
d) Ai possibili responsabili.

15. Perch in chiusura il narratore dice che non ci sono doppi sensi, trattasi ahim proprio di una goccia dacqua,
a quanto dato presumere, che di notte viene su per le scale (rr. 64-65)?
a) Per avvertire tutti del pericolo della goccia.
b) Perch convinto della realt del fenomeno.
c) Per ironizzare e denunciare la falsit del fenomeno.
d) Per accentuare il carattere surreale del racconto.

16. Al di l delle affermazioni del narratore, qual , secondo te, il significato della goccia che sale?
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Prova 3 Testo letterario

30454_Prove Invalsi_pp009-054_s4.indd 23

23
08/03/13 09.39