Sei sulla pagina 1di 15
LA NASCITA DELL’ONU Dall'ambizioso sforzo della Societa delle Nazioni alla nascita dell'ONU La Societa delle Nazioni é stata la prima organizzazione intergovernativa, cioé governata da stati, avente come scopo quello di accrescere il benessere e la qualita della vita degli uomini Fu fondata subito dopo la fine della prima guerra mondiale, precisamente durante la Conferenza di Pace di Parigi nel 1919/1920. II suo principale impegno era quello di prevenire le guerre, sia attraverso la diplomazia dei conflitti sia attraverso il controllo degli armamenti. Questa fu creata perché molti stati ritenevano che un’organizzazione mondiale delle nazioni potesse garantire il mantenimento della pace e prevenire il ripetersi degli orrori della guerra del 1914-18 in Europa Originariamente ne facevano parte 42 paesi, 26 dei quali non europei. Nel momento di massima estensione erano membri della Societa delle Nazioni 57 paesi che dovettero accettare il sequente patto. II Patto della Societa delle Nazioni inizia cosi: .Alfine di promuovere la cooperazione internazionale e ottenere la pace ela sicurezza Internazionale tramite l'accettazione dellimpegno a non far ricorso alla guerra, tramite 'obbligo di relazioni aperte, giuste ed onorevoli fra le nazioni, tramite la decisa affermazione dei contenuti del diritto internazionale come regola di condotta effettiva nei rapporti fra governi, etramite il mantenimento della giustizia ed un rispetto scrupoloso per tutti gli obblighi dei trattati nelle relazioni reciproche fra i popoli organizzati, accettano questo Patto della Societa delle Nazioni.” Questa societa resto operativa fino al 1946 perché il suo scopo principale era miseramente fallito con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. L'ultimo comunicato della societa ribadisce il fallimento. La fine della Societa delle Nazioni Con il dispiegarsi della seconda guerra mondiale divenne chiaro che la Societa delle Nazioni aveva fallito nel suo obiettivo principale il mantenimento della pace. Essa non aveva una propria potenza militare, ma dipendeva dai contributi degli stati membri, che non erano disposti ad usare sanzioni, né economiche né militar. L’autorita morale era insufficiente Diverse grandi potenze non diedero il proprio sostegno alla Societa delle Nazioni: gli Stati Uniti non entrarono mai a fame parte, e cid ebbe un‘importanza decisiva; la Germania ne fece parte solo per sette anni, dal 1926 al 1934, e 'URSS solo per cinque anni, a partire dal 1934; sia il Giappone che I'italia ne uscirono negli anni 30. Allora la Societa delle Nazioni si fondava principalmente su Gran Bretagna e Francia, che comprensibilmente esitavano a far uso della forza. Fu davero difficile per governi da lungo tempo abituati ad operare autonomamente. Costruire il funzionamento di questa nuova organizzazione, Nel secondo dopoguerra, sulle macerie di un conflitto senza precedenti nella storia s'impose la necessita di dar vita a una nuova assemblea che rappresentasse tutti i popoli, i loro interessi, i loro bisogni, le loro aspirazioni di giustizia e di indipendenza Nacque cosi, il 26 giugno 1945, |'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) un ente sovranazionale in cui gli stati potevano consultarsi e gestire le tensioni cercando di impedire che si trasformassero in guerra. | scopi e i principi prefissati dell’organizzazione sono riassunti negli articoli 1 e 2 dello Statuto delle Nazioni Unite. Statuto delle Nazioni Unite Articolo 1 1 fini delle Nazioni Unite sono: 1. Mantencre la pace ¢ la sicurezza internazionale, ed a questo fine: prendere efficaci misure collettive revenire e rimuovere le minacce alla pace ¢ per reprimere gli att di aggression o le altre violazioni Bef pace, e conseguire con mezai pac, in'confrmita si prinehs dela gusts ede! citrate azionale, la composizione o la soluzione delle controversie 0 delle situazioni intemazionali che j= {ebbero portare ad una violazione della 2 Svduppare tra Ie nazioni relazioni ami&hevoli fondate sul rispetto sul principio delleguaglianza dei diriti e delfauto-decisione dei popol,e prendere altre misure alte a rafforaare a pace universale; 5. Conseguire Ia qooperazione internaztonale nella soluzione dei problemi internazionali di carattere economic, sociale cuiturale od umanitario, ¢ nel promuovere ef incorapgiare il rispetto dei dita Sel'uomo ¢ delle hberta fondamentali per tutti senza distinzion! di razea, di sesso, di lingua di eligio~ 4° Costituire un centro per il coordinamento dellativits delle nazioni volta al eonseguimento di questi Adcoto2 L:Orpiniznsioos el eval Mensa, cl peregAt Til ence ele, devoao aha confor LOwmeiersiones Ae SE ca cas cen ieee cca ed FeO eee ee ee Ee eat di Fo ee ans igh an ce ea eS 3. I Membri devono risolvere le loro controversie internazionali con mezzi pacifici, in maniera che la re ore, ote i toe carer nesional com eae iid eee i Beets Jala ca ain de rin page cera ae pela pro erceemep en incompatibike con i Gini delle Nazionl Unite. Lo Statuto venne firmato il 24 ottobre 1945 da parte dei cinque membri permanenti, che sono usciti vincitori dalla Seconda guerra mondiale + Mica + EM Francia + 8B Regno Unito + mmm Russia (precedentemente mm URSS) + Stati Unit Rispetto alle Societa delle Nazioni, |'Onu disponeva di maggiori poteri, tra cui anche un esercito da utilizzare per intervenire in eventuali conflitti. Inoltre vengono istituiti cinque organi principali indispensabili per il funzionamento e il governo dell’organizzazione. Come vediamo dalltimmagine precedente i cinque organi sono: . Assemblea Generale; . Consiglio di Sicurezza; . Corte internazionale di Giustizia; |. Consiglio economico e sociale; . Caschi blu. aRONo L'Assemblea Generale é il principale e pit: rappresentativo dei cinque organi istituzionali di cui si compone l'Organizzazione delle Nazioni Unite. E formata dai rappresentanti di tutti gli Stati aderenti alle Nazioni Unite, gli Stati hanno tutti il diritto di voto. E considerata la principale Assemblea e si occupa di question’ fondamentali quali: segnalazioni di pace, adesione, sospensione o espulsione di Stati membri, problemi di bilancio. Ogni Stato ha il diritto ad avere 5 rappresentanti nell'Assemblea ma dispone di un solo voto. L'Assemblea non puo fare uso della forza contro i Paesi ma pué solo dare loro delle segnalazioni e raccomandazioni. Il Consiglio di Sicurezza é composto da 15 stati, di cui § sono i membri permanenti (Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina) e i 10 vengono eletti a rotazione ogni 2 anni dall'Assemblea generale. II Consiglio di Sicurezza @ sempre in funzione e ha il compito di adottare tutti i provvedimenti per mantenere la sicurezza internazionale. Inoltre deve intervenire per evitare che i contrasti fra i paesi degenerino in conflitti e, in caso di guerra, deve fare tutto il possibile per ristabilire la pace. Di seguito vediamo come é composto il Consiglio di Sicurezza: di sicurezza dell’Onu PERMANENT A rrotazione biennale (eletti dail Assembiea) gy Qa GP ancas xh cantina lio Economico e Sociale é composto da 54 membri nominati per tre anni ed é I'organo consultivo e di coordinamento dell'attivita economica e sociale delle Nazioni Unite e delle varie organizzazioni a esse collegate. Esso ha fondato molte organizzazioni di sussidio, tutte subordinate all'Assemblea Generale, che da loro le direttive. Alcuni esempi sono: la FAO, I'UNICEF. La Corte Internazionale di Giustizia é il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite. E situata all'Aia, nei Paesi Bassi Fondata nel 1945 la sua funzione principale é definire le polemiche fra Stati membri delle Nazioni Unite che hanno accettato la sua giurisdizione. Essa esercita una funzione giurisdizionale riguardo all’applicazione e l'interpretazione del diritto internazionale. E costituita da 15 giudici, eletti ogni 9 anni, che non rappresentano il loro Paese e che non possono avere altri incarichi né di natura politica né amministrativa. Per ultimo ma non meno importante degli altri troviamo i Caschi blu, questa @ la denominazione che deriva dal colore dell'elmetto, con cui vengono comunemente designate le forze armate dell'ONU. Tali forze, composte da militari messi a disposizione dai paesi membri, ma operanti sotto le insegne dell'ONU, sono costituite per ogni singolo intervento per decisione del Consiglio di Sicurezza e poste sotto la guida del Segretario Generale. I caschi blu possono avere compiti di semplice osservazione e controllo, oppure essere incaricati di attuare "ogni azione che sia necessaria per mantenere o ristabilire la pace e la sicurezza internazionale" (art. 42 della Carta dell'ONU) LA CRISI DI CUBA Tutto ebbe inizio nel 1952 quando Fulgencio Batista ritornd al potere a Cuba dopo il colpo di stato con l'appoggio delle grandi compagnie statunitensi dello zucchero e di Washington. Quello di Batista fu una reale dittatura con la benestare degli Usa. Il presidente cubano mise sotto il suo diretto controllo i sindacati e l'esercito, ottenendo l'appoggio della popolazione che chiedeva soprattutto stabilita. Riusci, grazie soprattutto al turismo, a rivitalizzare |'economia cubana. Tuttavia, il suo regime fu colluso e corrotto e con la crisi degli anni '50 si preparava quell'opposizione 3 derivante soprattutto dagli strati pill poveri della Fulgencio Batista popolazione, che chiedeva una democrazia liberale, e trai pensatori marxisti. Queste spinte porteranno alla famosa rivoluzione castrista del 1° gennaio 1959. Tra gli oppositori vi era Fidel Castro. Nel 26 luglio 1953 si verifica l'assalto alla caserma Moncada di Santiago de Cuba. L'assalto viene messo in atto da un gruppo di ribelli guidati da Fidel Castro. Questa offensiva falli e molti dei combattenti vengono torturati dopo la cattura e uccisi mentre Castro ei superstiti vengono condannati a pene carcerarie. In occasione del suo processo Fidel trasforma la sua autodifesa in un atto di accusa al regime. Batista, nel tentativo di scoraggiare ulteriori rivolte, ebbe I'infelice idea di mostrare in televisione i cadaveri dei eel Caste, guerriglieri uccisi dall'esercito. Quelle immagini crudeli, piti che terrorizzare i cubani, aumentarono ulteriormente |'impopolarita del regime. Malgrado la sconfitta, l'attacco della caserma dimostra che a Cuba esisteva un gruppo capace di preparare e compiere azioni di guerriglia, senza che la polizia di Batista che era considerata onnipresente e inattaccabile si accorgesse di nulla. Questo avvenimento fu celebrato in sequito come l'evento che segnd linizio della rivoluzione cubana e la data dell'episodio fu adottata da Castro come nome del movimento che prese il potere nel 1959, il Movimento del 26 luglio (M 26-7). Bandiera il Movimento del 26 luglio Fidel Castro dopo l'assalto venne imprigionato e condannato a quindici anni di carcere. Dopo due anni dalla cattura (1955), che risale all'attacco alla caserma, venne rilasciato grazie a una amnistia del popolo e ando in esilio in Messico. Durante Iesilio progettd nuovi tentativi rivoluzionari contro il dittatore Batista, che nel frattempo ha legalizzato il suo potere con una nuova truffa elettorale. In questo periodo conosce il giovane medico argentino Ernesto Guevara detto «il Che» e lo associa come medico al suo progetto rivoluzionario / Guerrighieri Castro e Guevara Castro, Che Guevara ed altri 81 rivoluzionari, salpano dal Messico a bordo di uno yacht, il Granma, e sbarcano presso Playa Las Coloradas nel 1956. MW Granma Intercettati dalla marina e mitragliati dagli aerei i superstiti si rifugiarono tra le montagne della Sierra Maestra, e da [i iniziarono la guerriglia contro il governo di Batista. Dai pochi superstiti il gruppo di guerriglieri crebbe fino a superare gli 800 uomini. Viaggio percorso dai guerriglieri con i! Granma Per risolvere una volta per tutte il problema dei guerriglieri, Batista decise allora l'inizio di una pesante offensiva contro i castristi e gli altri gruppi. Il 24 maggio 1958 le truppe di Batista vennero indirizzate sulla Sierra Maestra avevano un'enorme superiorita numerica, ma si spezzano per I'abbandono delle truppe militari. Castro inizio a mietere successi, mentre gli Stati Uniti abbandonarono definitivamente Batista. Ormai il regime viveva i suoi ultimi giorni: il 24 dicembre 1958 la guarnigione militare si arrese, aprendo ai castristi la via per la capitale. Il 1° gennaio del 1959, dopo aver festeggiato l'anno nuovo, il dittatore fuggi nella Repubblica Dominicana e le forze di Castro presero L'Avana, questa é la vittoria della rivoluzione cubana. Entrata trionfante di Castro a LiAvana Batista non tornera piu a Cuba. Si rifugio prima in Portogallo e poi nella Spagna di Francisco Franco, dove mori il 6 agosto 1973. Un mese dopo Fidel Castro diventa Primo Ministro, Che Guevara Ministro dell'Industria e Presidente della Banca Nazionale. Gli Stati Uniti mettono in atto un boicottaggio economico bloccando I'importazione di zucchero. In seguito Castro realizzo una serie di riforme radicali nel quale confisco i terreni alle grandi proprieta terriere per poi distribuirli ai contadini, nazionalizzo le raffinerie petrolifere straniere esistenti sull’isola, esproprio dei beni le numerose societa straniere. Queste misure dovevano colpire l'economia degli Stati Uniti che decreto un embargo e la rottura dei rapporti diplomatici con Cuba. La conquista dell’'Avana da parte di Castro e Guevara sconvolse |'assetto geopolitico statunitense. Nel 1960, Castro chiese e ottenne l'aiuto sia economico che militare dei paesi comunisti. In questo modo I'Unione Sovietica si aggiudicd un alleato strategico soprattutto da un punto di vista geografico. Castro e Krusciov Situata nel Mar dei Caraibi, a pochi chilometri dalla Florida, Cuba divenne la spina nel fianco degli Stati Uniti. Nello stesso anno il presidente statunitense Eisenhower pianificd un attacco per spodestare Castro, organizzando militarmente i gruppi di esuli cubani scappati dal regime. Una volta diventato presidente, John Fitzgerald Kennedy confermo I'invasione di Cuba, ma buona parte del piano iniziale fu stravolto, complici anche una serie di informazioni scorrette che giunsero a Washington. Quello che doveva essere la cacciata di Castro da Cuba si trasformé nella disastrosa invasione della Baia dei Porci Gli esuli non potettero nulla contro gli armamenti sovietici che Castro, avvertito dai servizi segreti comunisti dell'imminente invasione, aveva gia disposto a difesa dell'isola. Solo un anno dopo, il 15 John F. Kennedy ottobre 1962, si apri una nuova crisi tra Cuba e Stati Uniti La Bata dei Poret Fu allora che Krusciov credette di poter sfruttare la situazione, creando nell’isola una base di missili sovietici che avrebbe dovuto controbilanciare quelli americani puntati sull'Urss dalle basi situate in Italia e in Turchia. Nell'ottobre del 1962 degli aerei spia americani individuano le basi missilistiche sovietiche. Krusciov MEDIUM RANGE BALLISTIC MISSILE BASE IN CUBA Veduta aerea delle basi sovietiche Venuto a conoscenza di cid Kennedy lancié un ultimatum che porto a un passo dal conflitto nucleare. La situazione si trascind per quindici giorno prima di giungere a un compromesso Krusciov acconsenti allo smantellamento delle basi a Cuba, in cambio gli Usa dovevano rinunciare a ogni intervento sull'isola e a ritirare i missili in Europa Gli effetti della crisi di Cuba Il pericolo di un conflitto nucleare era stato scongiurato e la volonta delle due potenze di mantenere la guerra fredda entro i confini della coesistenza pacifica ne usci rafforzata. Pochi mesi dopo la crisi di Cuba, furono awviati negoziati per un timido disarmo o almeno per un controllo della proliferazione nucleare. II 5 agosto del 1963, gli Stati Uniti, I'Unione Sovietica e la Gran Bretagna (che possedeva |'atomica dal 1952)firmarono a Mosca un trattato che prevedeva la messa al bando degli esperimenti nucleari nell'atmosfera, nello spazio e nelle acque, ammettendo solo quelli sotterranei. A questo trattato aderirono in seguito oltre cento paesi, fatta eccezione per la Francia e per la Cina perché ancora erano sprovvisti. Inoltre nel giugno del 1963 era stata aperta tra Washington e Mosca la cosiddetta «linea rossa», vale a dire una linea di comunicazione per lo scambio di informazioni trai capi di stato finalizzata a evitare che scoppiasse una guerra a causa di eventuali errori di interpretazione. Kennedy e Krusciov si presentavano cosi come i garanti della pace del mondo. Dopo la crisi di Cuba che fine hanno fatto i personaggi chiave? A Fidel Castro rimase il Primo Ministro cubano. Ernesto Che Guevara, la vita ministeriali non fa per lui, frustato dalle difficolta del governo ed ostile nei confronti della burocrazia decise di abbandonare Cuba. La svolta awviene nel 1967 quando il Che, coerente con la sua idea di rivoluzione dell'intero continente latinoamericano, stretto nella morsa delle dittature militari e degli interessi imperialistici degli Stati Uniti decide di riprendere il fucile e di recarsi in Bolivia per unirsi ad un insurrezione organizzata da un esercito rivoluzionario clandestino. Caduto in un agguato venne ucciso dalle forze governative i| 9 ottobre 1967. John F. Kennedy venne ucciso il 22 novembre 1963 a Dallas, ancora le motivazioni dell'attentato sono sconosciute ma lipotesi piu plausibile & quella che l'assassino fosse tra coloro che si sentivano danneggiati dalla sua politica progressista cioé faceva parte delle forze conservatrici e razziste del Sud, o dei mafiosi del Nord, oppure degli esuli cubani intenzionati a rovesciare il governo castrista e delusi dal disinteresse del presidente. Un anno dopo, nel 15 ottobre 1964 Krusciov venne sostituito al vertice dello stato sovietico perché nessuno dei traguardi da lui indicati era stato raggiunto, né i] superamento degli Stati Uniti nella produzione di beni di consumo; né la trasformazione di Cuba in una base missilistica.