Sei sulla pagina 1di 64

A NANASSA

da La Dame de chez Maxims, di Feydeau Commedia in tre atti.

Personaggi: Dottor Felice Sciosciammocca D. Cesare, suo zio Dottor Pasquale Cardarelli Errico Delfino D. Fortunato Palella, prete D. Nicola, sindaco Gennarino, suo figlio Eugenio Luigi affaele !lfonso "otonno, cocc#iere Ciccillo, ser$o di Felice Sal$atore, ser$o di Carmela %iase, ser$o di Carmela Clementina %ettina Giulietta Carmela !ngiolina Luisella

!ngelica Due commessi Due facc#ini Atto primo e terzo in Napoli. Atto secondo a Roccarossa. Epoca presente.

ATTO PRIMO
Camera con alcova in fondo a destra, coverta da lun he tendine. Nel fondo a sinistra un armadio a due porte con a!iti. Accanto allalcova, a vista del pu!!lico, vi sar" un vestito di seta chiara posato su di una sedia. A dritta dellalcova vi sar" una toletta con tutto loccorrente. A sinistra avanti un tavolino a #uattro piedi di noce coverto di un tappeto verde lun o. $ul tavolino una !otti lia dac#ua, un !icchiere ed un mazzo di chiavi. $ulla toletta un candeliere di ottone. Nel fondo fra lalcova e larmadio un piccolo tappeto su di un tavolino tondo. Allalzarsi della tela la scena % !uia, si vede un tavolino tondo rovesciato, come pure due sedie, diversi a!iti da uomo, e le scarpe di &elice. 're sedie. 're porte laterali e una finestra a prima #uinta a sinistra con portiere !ianche. La prima porta a dritta % la comune. $CENA (R)MA Ciccillo e (as#uale, poi &elice dallo stipone. CICCILLO *dalla prima porta a destra (as#uale lo se ue+& "rasite, signur', ma c#iano c#iano, cc( sta a lo scuro, putimmo ntupp( nfaccia a quacc#e parte. *Camminano a tentoni, lazzi.+ PASQUALE& La com)inazione non tengo manco nu fiammifero. CICCILLO& Non ser$e signur', )asta c#e tro$o la fenesta tutt*+ fatto, a me p, mi riesce facile, pecc#- canosco la tipografia della casa. PASQUALE& E#. La stamparia. CICCILLO& !#, ecco cc( la finestra. *Lapre, la scena si rischiara.+ PASQUALE& !#, meno male. /a comme, a c#est*ora, so* quase l*00 e sta durmenno ancora1 CICCILLO& Forse pecc#- ogge + festa. PASQUALE& /a c#e festa e festa. Nu dottore comme a isso c#e f( in$enzioni, sco$erte, c#*+ stato a Parigi, a Londra, almeno pe

c#ello c#e dice isso, se sta dinto a lo lietto fino a c#est*ora1 E la mugliera sta pure durmenno1 CICCILLO& Nonsignore, la mugliera + asciuta a primma matina, s*+ g#iuta a confess(. PASQUALE& E #a rimasto la cammera de c#esta manera1 Segge nterra, panne, ta$olino caduto... CICCILLO& E la mugliera c#e ne sape, c#ella dorme dinto a n*ata cammera. PASQUALE& /a c#ed*+ st*ammoina, c#e sarr( succieso dinto a sta cammera1 CICCILLO& E c#i lo ssape. 23( tro$( stanotte D. Felice c#*#a com)inato.4. *Accomoda la ro!a.+ PASQUALE& /a scetammelo, io l*aggia parl( pe nu consulto c#e tenimmo ogge nzieme. CICCILLO& !spettate signur', c#iano c#iano... si no me f( na cancariata... *,a allalcova.+ Signur'... signur'... cca nce sta l*amico $uosto D. Pascalino... signur'. PASQUALE& Ne#, Fel'... scetete c#*+ tarde... CICCILLO& Signur'... *$i ode un ru nito sordo uscire non si sa da dove.+ PASQUALE& C#i +, aggio ntiso na $oce. CICCILLO& E da do$e $ene1 PASQUALE& /e pare da c#esta parte. CICCILLO& Non p, essere, $ene da cc(. *Altro ru nito.+ 5 lo patrone c#e se sta scetanno. Signur'. FELICE *dallarmadio+& 6#. o#. o#. PASQUALE& Cicc', ma s' tuosto sa, io la $oce la sento da cc(, comme $enesse da dinto a lo stipo. CICCILLO& E $edimmo. *Apre larmadio e comparisce &elice, coricato sul cassetto, senza sopra!ito, e i capelli in disordine.+ 7#. C#illo D. Felice sta cc(. Signur'... signur'... FELICE& C#i +, c#e $u,, $oglio durm', $attenne. PASQUALE& /a comme a c#est*ora $u, durm' ancora1 FELICE& Gu+ Pascal', sta8e cc(1 %onasera. PASQUALE& E#. %onanotte, m, + g#8uorno, + tarde, te $u, sosere. FELICE *s!adi liando+& C#este so* cose c#e non se fanno... io a te non te so* $enuto mai a scet( da dinto a lo suonno. PASQUALE& /a tu non sta8e cuccato dinto a lo lietto, tu sta8e dinto a lo stipo. FELICE& 9o stongo dinto a lo stipo1 *$i alza e si stropiccia li occhi.+ /a quale stipo1 CICCILLO& Lo stipo $uosto, li panne l*a$ite menate nterra. FELICE& 2Sangue de %acco, stanotte c*aggio com)inato14. /ia moglie do$e sta1 CICCILLO& 5 gg#iuta a la c#iesa. *Ride.+ FELICE& 5 inutile c#e ride s(... non c*+ da ridere affatto. 9o stanotte sente$o troppo friddo dinto a lo lietto, e me so* c#iuso dinto a lo

stipo pe st( pi: caldo. CICCILLO& !ggio capito. /, c#e $olite, caffe, o caff+ e latte1 FELICE& Non $oglio niente, $attenne... CICCILLO *c.s.+& 29o non me faccio capace, uno sente friddo, e se mette dinto a lo stipo4. *,ia prima porta a destra.+ FELICE& 9o non saccio comme dia$olo me so* tru$ato dinto a lo stipo. PASQUALE& /a quanno aissera te ritiraste, te cuccaste dinto a lo lietto1 FELICE& Comme... non me cucca$o dinto a lo lietto... gi( $eramente non me ricordo. *-eve+. C#e )occa, c#e )occa.... PASQUALE& 3a tro$e c#e pella a$ista da pigli(, facette )uono io c#e te lassa8e e me ne 8ette. FELICE& 9o pure me $ule$o ritir(, ma fu impossi)ile, c#ella femmena quanno la tiene $icino, te fa f( cose de pazze. PASQUALE& C#i, la Nanassa1 FELICE& La Nanassa, la Nanassa. /annaggia l*arma so8a. *-eve, lazzi.+ 9o me ste$o ritiranno, quanno fu a "oledo, la ncuntra8e a lo puntone de S. Giacomo. 6#. D. Felice, come state1... "anta cerimonie... e $olette essere purtata a cen( a Pusilleco. PASQUALE& 9l locale nuo$o1 FELICE& Gi( quanno fu8eme ll(. 7#. 9o non sape$o c#e era... cc( me pare nu prese)io... /*a$iste fatto spennere un palco 0; lire, dicette io. /, c#e $ulite da me1... io figurete me mettette da dereto a essa accu$ato dinto a lo palco pe non essere $isto da nisciuno... doppo lo spettacolo dicette& 9o sento appetito, $orrei cenare, piglia8e na carrozzella, ne#, e c#ella add, me carre8e a Posilleco, a lo <Scoglio de Frisio=, accumincia8e a ordin( e non la fernette cc#i:. 6strec#e, $ermicielle a $ongole, )istecc#e, fritto de pesce, e ogne piatto na )utteglia de $ino di$erso... /adera, Frontignano, Capri )ianco, Capri rosso, C#ampagne... non saccio quanto me facette spennere. *-eve.+ Pasc( c#e acido. *Lazzi.+ P, $enettero li sunature, nce mettetteme a )all(, a cant(, a zump(... pe coppe a li di$ane cose de pazze.... PASQUALE& E p,1 FELICE& E c#i ne sape niente... non me ricordo cc#i: c#e succedette, ma pare c#e essa se $ulette ritir(... io tene$o suonno, nu dolore de capa. PASQUALE& /a c#e ora s*era fatta1 FELICE& E c#i se lo ricorda, le > e meza, le tre... c#ello c#*+ certo c#*era tarde assa8e... mannaggia l*arma so8a, io non la $ede$o da tanto tiempo, da c#e se mettette a f( la fioraia, l*a$e$a da scuntr( 8usto a8ere ssera. PASQUALE& /a Fel', tu le diciste ca te s' nzurato1 FELICE& "u s' pazzo. /e mette$o a dicere c#esto a c#ella... e p, io non lo dico a nessuno... te pare, comme m*a$esse pigliato sta )ella figliola, na $ecc#ia di ?@ anni. PASQUALE& S', ma c#e t*#a portato na dote per,.

FELICE& C#e dote e dote. 3entimila lire, misera)ili. PASQUALE& E#, so* sempe $intemila lire. FELICE& 9o tengo nu zio ricc#issimo c#e a la morte sua, lascia tutto a me. PASQUALE& !#. "u tiene nu zio ricco1 FELICE& icco1 /ilionario. Sta a Foggia, D. Cesare Sciosciammocca, negoziante di grano, nun lo $eco da ; anne, ma io lo scri$o sempe per,. 6tto mise f(, il )isogno, me facette f( c#isto matrimonio. Fortunatamente c#e muglierema + )izzoca, sta sempe dinto a na c#iesa, stamme spartute de lietto. PASQUALE& /eno male. FELICE& ! primma matina se $a a sent' la messa, a mieziuorno se $a a sent' la predica, e la sera all*@ se $a a pigli( la )enedizione. PASQUALE& E tu non l*accompagne ma8e1 FELICE& 9o1 E c#esto ce mancarrie. 9o tro$o sempe la scusa c#*aggio c#e f(, c#e tengo delle $isite importanti, dei consulti, delle operazioni. PASQUALE& ! proposito, sai c#e stammatina, all*ospedale #o fatto quell*operazione difficilissima, l*apertura del $entre. FELICE& !#, sicuro, tu me ne parlaste, ed + riuscita1 PASQUALE& /agnificamente. FELICE& E lo malato comme sta1 PASQUALE& No... lo malato + muorto... ma l*operazione + riuscita. FELICE& 3' c#e )ella cosa, lo malato + muorto, e l*operazione + riuscita... /a gi( col sistema del cloroformio... li malate #anno da mur' pe forza... 3edrai come si opera l*ammalato... senza cloroformio. $CENA $EC.NDA Clementina e detti. CLEMENTINA *d.d.+& 3a )ene, $a )ene, #o capito. FELICE& La $' cc( muglierema. Nce pare c#e tengo na )rutta faccia1 PASQUALE& Nu poco )ianca. *&elice si pizzica la faccia.+ E#, pizzica lloco... CLEMENTINA *fuori in a!ito nero con il velo sulle spalle e il li!ro di pre hiere in mano.+ Eccomi qua... !#, finalmente, $i siete s$egliato... *A (as#uale.+ %uongiorno signore. FELICE& 9l mio amico e collega, dottor Pasquale Cardelli, mia moglie.

PASQUALE& Piacere. CLEMENTINA& !nc#e c#irurgo1 PASQUALE& /edico e c#irurgo, signora. CLEMENTINA& %ra$issimo, accomodate$i. *(osa il velo e se ono.+ FELICE& /ia moglie tene$a per marito il cele)re dottor C#ierc#ia, c#e mor' ? anni f(. PASQUALE& ! C#ierc#ia !lonzo1 CLEMENTINA& L*a$ete conosciuto1 PASQUALE& No, lo s, di nome. FELICE& E#, quando si nomina$a C#ierc#ia non si anda$a pi: a$anti. CLEMENTINA& !#. Nu sant*uomo, na perla. Ed io sposai Felice, perc#- era della stessa professione, non potete credere c#e )ont(, c#e moralit(. Nelle ore di riposo, anda$amo insieme alla c#iesa, e prega$a con me. PASQUALE& Auello c#e non pu, fare Felice, perc#- sempre occupato. CLEMENTINA& !#, si capisce, n+ io lo posso pretendere. !lonzo tene$a BC anni, egli ne tiene appena la met(. FELICE& 6#, non + per c#esto, + c#e mi manca il tempo. CLEMENTINA& Lo s,, lo s,. PASQUALE& 3' ama$a molto signora, il primo $ostro marito1 CLEMENTINA& 6#, s'. FELICE& E lei pure l*ama$a... 6#. S', s'. *Lazzi.+ Figurati, c#e non #a $oluto mai lass( sta casa, pecc#- cc( spusa8e. CLEMENTINA& No pecc#- !lonzo ci tene$a una grande passione a questo quartinetto, lo rinno$, tutto a spese sue... e lui dormi$a ll( $edete, do$e adesso dorme Felice... e forse mi decider, a non farlo stare pi: in quella camera. PASQUALE& E perc#-1 CLEMENTINA& Perc#- !lonzo non $uole, mi comparisce sempre in sogno in tuono minaccioso... 9eri sera, per esempio, #o $isto un*om)ra in questa stanza... ed era lui, lui certamente. PASQUALE& !llora, amico mio, mettiti a dormire in un*altra parte, non f( pigli( collera a D. !lonzo. FELICE& /a io per me sono pronto, anzi per dirti la $erit(, mi f( impressione... a dorm' ll( dinto. /e $eco sempe a D. !lonzo nnanze. CLEMENTINA& Non + o$ero, non lo state a sent', stammatina durme$a accuss' )ello... PASQUALE& Do$e signora, in quella camera1 CLEMENTINA& Sissignore, ste$a tutto cummigliato, pure la capa, l*aggio dato nu )acio ncoppa a la spalla e me ne so* g#iuta. FELICE& /*#a8e )aciato, sopra a la spalla1 Dinto a c#ella cammera1

CLEMENTINA& Sicuro. FELICE& 2E c#esta a c#i #a $asato1 9o ste$o dinto a lo stipo14. Non me ne so* accorto... capisce... dinto a lo suonno. CLEMENTINA& %asta, t*#a8e pigliato lo caff+1 FELICE& No ancora. CLEMENTINA& E allora m, $aco io, te lo faccio con le mie mani. *$i alzano.+ FELICE& Grazie tanto, m, nce lo dico a Ciccillo. CLEMENTINA& No $ado io. !lonzo non $ole$a lo caf+ da nisciuno, solo da me. C#e uomo... c#e )ont(. *(.a. poi ritorna.+ Permettete. *,ia.+ FELICE& 2/anco se ne $a4. CLEMENTINA *a (as#uale+& 9o lo $edo sempre, tutti i momenti. PASQUALE& 9n sogno1 CLEMENTINA& 9n sogno... mi d( dei consigli, mi ricorda il passato, e poi sparisce... c#e sant*uomo quello !lonzo... c#e spirito )enedetto... $a permettete. *,ia seconda a sinistra.+ PASQUALE *ridendo+& Fate pure. 9o m, moro da le risa. FELICE& Figurete c#e )ella $ita c#e aggia pass( $icino a c#esta. PASQUALE& Dai ragione, #a8e ragione amico mio. *Dallalcova si sente un lun o s!adi lio.+ FELICE& Ne#, Pasc(... non facimmo pazzie. PASQUALE& C#i #a s)adigliato1 FELICE& S' stato tu. PASQUALE& 9o1 No. FELICE& E c#i + stato1 PASQUALE& E c#e ne saccio. *Altro s!adi lio.+ 3ene da ll( dinto. FELICE& Da ll( dinto1 E c#i ce st( dinto a lo lietto mio1 5 impossi)ile. PASQUALE& E $edimmo. *,anno ad aprire le portiere dellalcova e si vede /iulietta nel letto.+ $CENA 'ER0A /iulietta e detti, poi Clementina. FELICE& C#e. Giulietta la Nanassa dinto a lo lietto mio.

GIULIETTA *dal letto+& Signori, )uongiorno. PASQUALE& %ra$o. "i faccio i miei complimenti. "eni$e c#illo contra))ando e nom me dici$e niente1 FELICE& Ne#, c#e t*a$e$a dicere1... "u comme te truo$e dinto a lo lietto mio1 GIULIETTA& !#, a#, a#. *Ride.+ C#esta + )ella.... /a comme c#esta non + la casa mia1 C#isto non + lo lietto mio1 FELICE& Nonsignore.... Comme t*+ $enuto ncapo de $en' cc(1 GIULIETTA& 9o1 9o non ne saccio niente. *$cende dal letto, si mette il sottanino.+ FELICE& 7#. Pasc(, c#ella se sosa. 9o tengo a muglierema )izzoca. GIULIETTA *viene avanti+& 3u8e a8eressera add, me portaste$e1 FELICE& Eettemo a lo teatroF p, 8etteme a cen(, e p, addo te porta8e1 GIULIETTA& 3u8e me pare c#e diciste$e m, t*accompagno a la casa to8a. FELICE& Se#, accuss' me pareF e p,, comme $eniste cc(1 GIULIETTA& E c#e ne saccio, me purtaste$e $u8e. *(as#uale ride.+ FELICE& Pasc( non ridere, famme stu piacere. GIULIETTA& 3u8e sti$e$e m)riaco de c#ella manera. FELICE& 9o sulo1 E tu non sti$e m)riaca1 GIULIETTA& 9o non me ricordo proprio niente, me ricordo soltanto lo ritornello de c#ella )ella canzone c#e sentette a lo teatro& 3i$a $i$a, tra ll( r(. *Alza la am!a.+ FELICE& Gitta.... Ca si esce mug#erema, io so* ro$inato. GIULIETTA& C#e sento. 3u8e site nzurato1... E da quanto tiempo1 FELICE& So* @ mise, c#illo Pascale lo ssape. GIULIETTA& Da @ mise1... E me portate a lo teatro, me portate a cen(, $e im)riacate de c#ella manera, all*ultimo p, me portate pure dinto a la casa $osta1 E pe c#i m*a$i$e$e pigliata a me. 9o sono una gio$ine onesta, capite1 Giulietta la Nanassa, + conosciuta a Napole, #a fatto la fioraia onestamente. PASQUALE& D.a Giuli-, calmate$e... FELICE& 23u8e $edite c#e gua8o c#e aggio passato.4. Donna Giuli- sentite... GIULIETTA& C#e de))o sentire. Non $oglio sentir niente.... 3i$a $i$a, tra ll( r(. *Alza la am!a ridendo.+ !#, a#, a#.... /a sapete c#e c#esta + stata $eramente na cosa curiosa. 9o stanotte aggio dormuto dinto a c#illo lietto, credenno c#e era lo lietto mio... e a proposito, $u8e add, a$ite dormuto1 FELICE& Dinto a lo stipo, l*a$etta pigli( pe na cammera, l*arapette e me cucca8e. *,a a spiare seconda a sinistra.+ PASQUALE& Poco primme l*aggio scetato io.

GIULIETTA& E la mugliera add, + stata stanotte1 PASQUALE& La mogliera dorme dinto a n*ata stanza. GIULIETTA& /a + na )ella figliola1 PASQUALE& C#e figliola, c#ella tene ?@ anne. GIULIETTA& Scuse. 3e l*a$ite pigliata piccerella. *Ride.+ FELICE& Pasc( st( $enenno, sta $enenno. PASQUALE& Scappate D. Giuli-. *Laccompa na allalcova e la f" entrare.+ CLEMENTINA *con due tazze di ca1fe+& Ecco cc( lo caf+F ne #o portate due tazze, una anc#e per $oi. PASQUALE& Grazie, signora. CLEMENTINA& 5 do$ere. */iulietta di dentro allalcova fa uno sternuto.+ FELICE& Salute. PASQUALE& Salute. FELICE& Grazie. PASQUALE& Grazie. CLEMENTINA& C#ed*+ sta $este ncoppa a sta seggia, de c#i +1 FELICE& Pasc(, de c#i + c#ella $este1 PASQUALE& Sta$a sopra una sedia... questa $este... + una $este. FELICE& 2Da tro$ato na )ella scusa.4. CLEMENTINA& Do capito, + l*a)ito c#e mi #a mandato la sarta, l*aspetta$o da 0? giorni, tanto c#e a8ere le manna8e pure na lettera nu poco risentitaF ma perc#- l*#anno portato qua, $orria sap-1 *Lo prende.+ FELICE& /a come, tu ti #ai ordinato un a)ito cos' c#iaro... tu $esti sempre di nero. CLEMENTINA& /a io non s, niente, io sono solita di dire alla sarta& fammi un a)ito, poi sceglie essa la stoffa e il colore. 5 un poco troppo c#iara, s', + o$ero, ma pe sta $ota non fa niente, lo metter, il giorno della nascita tua. FELICE& 2La nasceta de mammeta.4. CLEMENTINA& Permettete D. Pascal', mi $ado a conser$are quest*a)ito. PASQUALE& Fate signora. *Clementina via a sinistra, (as#uale ride.+ FELICE& S*#a portata la $esta de c#ella, e comme se f(1... Non ridere Pasc(, c#e tu cu sta risa m*indisponi. $CENA 23AR'A

/iulietta e detti, poi Clementina. GIULIETTA& Ne# gu+. Ne# gu+. FELICE& 5 asciuto stu guaglione de mala$ita da ll( dinto& Ne# gu+. GIULIETTA& C#ella s*#a portata la $esta mia e comme faccio, c#ella + la $esta no$a c#e a8ere me consigna8e la sarta, io ancora l*aggio pag(, me porta8e la nota& >CC lire. FELICE& !))iate pazienza D. Giuli-. GIULIETTA& C#e pacienzia e pacienzia, la pagate $u8e la sarta, e# me pare c#e sia regolare. PASQUALE& 5 giusto. FELICE& 3a )ene, la $ado a pag( io, add, a)ita sta sarta, comme se c#iamma1 GIULIETTA& Strada Pace HI. /adama Spinetti. FELICE& /adama Spinetti1 3a )ene. /, aggi( a$$is( pure la sarta de muglierema. D. a Giuli-, 8ate$enne, facite am)ressa. GIULIETTA& /e ne $aco1 E comme me ne $aco1 Sulo co lo suttanino1 FELICE& !#, gi(. E comme se fa, comme se fa1 GIULIETTA& /annaggia a lo mumento c#e $enette cu $u8e aieressera, me pote$a rompere na gamma. *&elice spia alla porta di Clementina.+ E tutto pe c#i1 Pe c#ill*assassino d*Errico si l*a$esse dinto a li mmane, me lo magnarria a morze. PASQUALE& C#i + quest*Errico, scusate1 GIULIETTA& Nu gio$ene c#e face$a ammore cu me, Errico Delfino, ricc#issimo, lo quale me prummettette de me spus(, me facette mille promesse, mille giuramenti e p, tutto nzieme non se facette $ed- cc#i:, m)ruglione, assassino.... FELICE& D.a Giuli-, aggio pensato na cosa, m, dico a lo guardaporta c#e c#iamasse na carrozzella e la facesse aspett( a))ascio a lo palazzo, $u8e scennite, facite aiz( lo mantice e $e ne 8ate. GIULIETTA& E io $e faccio pazzo, mio caroF me ne scengo pe li grade de c#esta manera com)inata, e se m*incontra qualc#eduno, c#e figura me facite f(. FELICE& E gi(, la /arc#esa di Castelpic#ioc#iero. PASQUALE& E dice )ene. FELICE& /, $ide c#e punio te siente cc( ncoppa. GIULIETTA& /a pecc#- non tro$ate na scusa, e ne mannate la mogliera $osta pe nu momento, io me metto na $esta so8a e me ne $aco. FELICE& /a c#e scusa tro$o, add, la manno, m, s*+ ritirata. *$pia alla porta.+ Gitto, sta $enenno. PASQUALE& D.a Giuli-, nascondete$i.

GIULIETTA *per andare allalcova.+ FELICE e PASQUALE *vedendo aprire la porta+& No, no. *(as#uale la fa nascondere seconda porta a diritta.+ FELICE& !#. !#. CLEMENTINA *uscendo+& Fel', c#*+ stato1 FELICE& !#. !#.... Clement'... Clement'... comme me sento )rutto... aiutateme... *$i !utta nelle sue !raccia.+ CLEMENTINA& Ne#, c#ed*+ Fel'... c#e te siente1 FELICE& /*a))aglia la $ista, m*a$ota la capa... CLEMENTINA& Dott,... Dott, aiutateme, c#isto pesa... $edite c#ed*+... Fel' non me fa mettere paura... PASQUALE& !spettate, signora... non $i spa$entate... mettete$i da questa parte. *$itua Clementina con le spalle alla porta di /iulietta.+ Fatelo poggiare. Le crisi di questo genere sono $iolentissime, ma poi su)ito passano, non ci $uole niente, un poco d*acqua. *Da un !icchiere spruzza un poco dac#ua in faccia a &elice.+ Fel'... Fel'... passa1 *(i4 forte.+ Passa. */iulietta passa.+ Sta passanno1 */iulietta entra nellalcova.+ 5 passata. FELICE& 5 passata... mi sento )ene. CLEMENTINA& 3oi $edete c#e )rutta cosa, ma8e l*era $enuta accuss'. FELICE& No, me lo fa spesso, io non te lo dico mai, ma me lo fa spesso. CLEMENTINA& C#e paura, mamma mia. PASQUALE& Cara signora, lui studia troppo, specialmente $icino ai cada$eri, io ce l*#o detto, amico mio, non la$orare tanto, tu ti ro$ini. FELICE& S', da oggi in poi, $oglio la$orare meno, #ai ragione. CLEMENTINA& E poi, sentite, Dott,, isso s*#a da lu$( c#illo carattere c#e tene, c#e se mette a ridere quanno io dico c#e #o delle $isioni, non m*#a da mettere in caricatura, pecc#- a lo Cielo le dispiace. FELICE& /a c#e caricatura... CLEMENTINA& 9o per esempio, do8e notte fa me sunna8 a mariteme !lonzo, lo quale me dicette& Clement', statte attiento, quante meno lo cride t*#a da compar' n*angelo della carit(, e tu #a8e da f( tutto c#ello c#e te dice isso, perc#- si tratta di sal$are l*9talia. PASQUALE& Nientemeno.... FELICE& Sal$are l*9talia.... CLEMENTINA No, non la pigliate a pazzi(, pecc#- me piglio collera. PASQUALE& /a c#e pazzi(, io ci credo. FELICE& E io pure. CLEMENTINA& 9o le dicette& Ne#, !l,, e c#e $, st*angelo da me1 C#esto non te lo pozzo dicere, statte )ona. "utto nzieme, spar', e

nun lo $edette cc#i:. FELICE& "e pote$a dicere quacc#*ata cosa1 PASQUALE& Si pote$a spiegare meglio. GENNARINO *dallalcova f" un lun o la no+& !#..... FELICE& 2C#ella afforza me $, f( pass( nu gua8o.4. CLEMENTINA& Ne#, c#ed*+ sta $oce1 FELICE& Auale $oce1 9o non aggio ntiso niente. PASQUALE& 3i siete ingannata, signora... GIULIETTA *c.s.+& Clementina... FELICE& 2/a comme c#ella nisciuno l*accide ll( dinto.4. CLEMENTINA& 7#. a$ite ntiso1 Lo nomme mio1... 3ene da dinto a sta cammera... FELICE E PASQUALE& /a no... CLEMENTINA& Le$ate$e. *,a nellalcova.+ FELICE& 2State$e )ene.4. PASQUALE& 25 fatto lo gua8o.4. CLEMENTINA *apre la portiera dellalcova e comparisce /iulietta allimpiedi sul letto, coperta da un lenzuolo, con il volto scoperto, e con lampadina elettrica accesa sotto il lenzuolo+& C#e. C#e )eco.... FELICE& 2Puozze pass( nu gua8o.4. CLEMENTINA& Ne#, $u8e $edite c#i nce sta ll(1... Non $edite niente. FELICE& No1 PASQUALE& E c#e c*+ signora1 CLEMENTINA& Gitto... zitto... lo $eco sul*io... inginocc#iate$i. *) due ese uono.+ PASQUALE& /a perc#-1 CLEMENTINA& 9nginocc#iate$i, e zitti... *$in inocchia anche lei.+ GIULIETTA& Clementina1 9o sono $enuto per te. CLEMENTINA& !#. FELICE& 2E c#esta c#e se recrea.4. GIULIETTA& Auesti profani non possono $edermi, tu sola mi $edi... CLEMENTINA *dando unesclamazione di ioia+& !#.... S', s', te $eco c#iaro, te $eco )uono. GIULIETTA& 9o sono l*angelo c#e tu aspetti, l*angelo della carit(.

FELICE& 25 $enuto l*angelo de le c#ianc#e a la carit(.4. CLEMENTINA& !#. Cielo mio te ringrazio, m, s' c#e moro contenta.... FELICE& /a c#*+ stato1 C#*+ succieso1 PASQUALE& Con c#i state parlando1 CLEMENTINA& 3u8e non potite n+ $ed-, n+ sentere niente... Gitto... GIULIETTA& Sono $enuto dal cielo per affidarti un*alta missione. !scolta )ene... !lzati su)ito, esci, e cammina... FELICE& 2C#e galiota.4. GIULIETTA& 3( nella 3illa Nazionale, f( 0> giri intorno alla statua di Giam)attista 3ico. FELICE& 2/, me la $, f( 8 nterr( a c#ella... c#e assassina.4. GIULIETTA& Poi ti fermerai, un uomo ti parler(, tu lo sentirai attentamente, perc#- da quello c#e ti dice, ti nascer( un figlio. FELICE& 2C#ella c#e sta ammaccanno14. GIULIETTA& Auesto tuo figlio, a HC anni, sar( un grand*uomo, un grande ingegno, lo faranno Presidente dei ministri, le$er( tutte le tasse, e sal$er( l*9talia. FELICE& 2C#e te pozzano accidere.4. CLEMENTINA& E nce pozzo credere1 GIULIETTA& 3(, e non perdere tempo. Per tuo figlio, per il popolo, per la patria. CLEMENTINA& Per mio figlio, per il popolo, per la patria. Nella 3illa Nazionale1 GIULIETTA& S', non perdere tempo, $( su)ito, un uomo ti sta aspettando... !ddio Clementina, ricordati tutto, io sparisco... ):, ):, ):. *$pe ne illume e si !utta a terra dietro il letto.+ FELICE& 2L*aggia f( na cauciata comme dico io.4. CLEMENTINA& 5 sparito, + sparito... non l*a$ite potuto $ed-... non l*a$ite potuto sent'... Siente Fel'. 9o non pozzo perdere nu minuto de tiempo. 5 $enuto l*angelo, m*#a ditto c#ello c*aggia f(. FELICE& Possi)ile1 Da8e parlato cu n*angelo1 E c#e #a8e da f(1 CLEMENTINA& !ggia8 dinto a la 3illa, aggia f( 0> giri attuorno la statua de Giam)attista 3ico, po* n*ommo s*accosta e me parla... FELICE& N*ommo1. CLEMENTINA& S', n*ommo. Da c#ello c#e me dice, me nasciarr( nu figlio. FELICE& Nu figlio1. CLEMENTINA& S', nu figlio, c#e a HC anne sar( Presidente de ministri le$era tutte le tasse, e sal$er( l*italia. FELICE& /a questo figlio non sar( mio, per,1 CLEMENTINA& E c#e f(1 Non sar( lo tu8o, ma non + manco de n*ato, pecc#- c#ill*ommo dinto a la $illa me parlarr( sulamente, non

#a8e da essere geluso, + lo cielo c#e $, sta cosa per arricc#ire l*9talia. PASQUALE& /a s', caro Felice, non essere geloso, + nu miracolo, + na cosa c#e $ene da coppa. Eate sign,, 8ate.... FELICE& /a comme tu $a8e facenno figlie pe dinto a la $illa1 CLEMENTINA& Non du)it( Fel'... io nce parlo solamente... damme nu $aso... PASQUALE& Lo f( per il figlio. CLEMENTINA& Per il popolo... GIULIETTA *da dietro il letto+& Per... la... patria.... CLEMENTINA& Lo siente1 FELICE& E#. Pare c#e m, sento qualc#e cosa... CLEMENTINA& /e#, non st( accuss'... 8ammo... pozzo 81 FELICE *la !acia+& Per tuo figlio.... Per il popolo... Per la patria. 3a. 3a. 3a. *La spin e. Clementina via prima a destra.+ PASQUALE& /, moro da li risa. *Ridendo.+ FELICE& Cose de pazze, cose c#e non se credene. $CENA 23)N'A /iulietta e detti, poi &elice. GIULIETTA *si fa avanti+& Se n*+ g#iuta1... 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ FELICE& /annaggia l*arma de mammeta, c#e #a8e com)inato1 GIULIETTA& 3*+ piaciuta la penzata c*aggio fatto1 PASQUALE& /agnifica.... FELICE& 9o $aco a $ed- si tro$o na $esta, na cosa qualunque. *,ia.+ GIULIETTA& Dicite la $erit(, l*angelo l*aggio fatto )uono1 PASQUALE& E comme se pute$a f( meglio1 E c#ella $ecc#ia c#e s*#a creduto tutte cose. GIULIETTA& /a c#ella + proprio na pac#ioc#ia $'. FELICE *fuori+& Comme se f(, c#ella #a c#iuso a c#ia$e lo stipo, lo comm,, tutte cose. GIULIETTA& E allora $uol dire c#e resto cc(. Faciteme f( marenna, per,, pecc#- tengo n*appetito c#e m, moro. FELICE& C#e marenna, e riman- cc(, $u8e site pazza. C#ella m, torna muglierema, $e $ede... e $, sap- c#i site. GIULIETTA& /e $ede1 3, sap- c#i songo1 E nce lo dico, c#e f(1 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+

PASQUALE& Auanto site graziosa quando fate stu mo$imento. FELICE& /, $ide c#e mo$imento te siente dinto a li rine.... Fammo lo piacere, scinne, $( addo lo )arraccaro c#e sta a lo puntone, accatta na mantella, nu sopra)ito, nu spol$erino qualunque... po* me fa8e sap- quant*#a8e spiso... $a... PASQUALE& !#. %ellissima idea. D.a Giuli-, c#e $olite, na mantella, o nu spol$erino1 GIULIETTA& !spettate... io aggio $isto na )ella pelliccia da la inascente, pigliateme c#ella. FELICE& 3u8e qu( pelliccia, io m, $e metto dinto a nu sacco e $e ne manno, e c#ella $a tro$anno la pelliccia. GIULIETTA& %asta, pigliateme c#ello c#e $ulite $u8e. 3i$a, $i$a, tra ll( ra. *Cs.+ PASQUALE& %ella, )ella, simpaticona.... 3aco e torno su)ito. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *,ia.+ FELICE& 3edite c#ill*ato farenella, nu c#irurgo conosciuto. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. D. a Giuli-, aspettate, $oglio $ed- si pozzo apr' lo stipo, cu una de sti c#ia$e. *(rende un mazzo di chiavi che sta sul tavolo davanti.+ /, $engo... *Nellandare.+ 3u8e m*a$ite lass( st(, io aggia f( lo miedeco, non pozzo secondare le $ostre pazzie. *Entra.+ GIULIETTA *ridendo+& !#. !#. 9o non ce pozzo penz(, c#esta + stata proprio na cosa curiosa, io non me ricordo proprio niente. /e ricordo c#e isso ste$a m)riaco assa8e, s', c#esto me lo ricordo, s*appicceca$e cu tutte quante, a tutte quante conosce$a, e le de$e la mano... p, c#iano c#iano, )e$enno, )e$enno, e pazzianno, pazzianno, me so* m)riacata pur*io. *Ride.+ /a p, comme $a c#e me so* tro$ata cc( ncoppa, c#esto nun lo ssaccio, meno male c#e la mogliera dorme$a dinto a n*ata cammera, si no face$amo na )ella frittata. $CENA $E$'A D. Cesare, Ciccillo e detta. CESARE& "rase, trase, non me secc(. *D.d.+. GIULIETTA& 3ene gente, scappa scappa. *Entra nellalcova.+ CICCILLO *uscendo con Cesare+& /a scosate, come $i de))o annonziare1 CESARE& Non c*+ )isogno di annunziarmi. Dimme solamente se il Dr. Felice Sciosciammocca nce sta1 CICCILLO& /a $enite pe $isita1 CESARE& C#esto non l*aggia dicere a te. CICCILLO& 3edite sign,, c#illo le $ote, $, f( dicere c#e non c*+ in casa... CESARE& Con altre persone, ma co me no, io sono suo zio, Cesare Sciosciammocca. CICCILLO& !#. 3u8e site lo zio1

CESARE& S( c#e $u, f(1 3attenne c#e trase io dinto. CICCILLO& Facite le fatte $uoste. *,ia prima a destra.+ CESARE& !$arr( na grande sorpresa, so* tre anne c#e non me $ede, aggio saputo c#e s*#a spusato na certa Clementina, )astantemente )ruttulella, e non tanta gio$ene, perc#+ l*#a purtato >C.CCC lire de dote. E io pe $enti mila lire, a$arria passato nu gua8o de c#isto1 /anco pe nu milione. 9o da c#e murette Lucrezia, non aggio fatto ammore cc#i: cu nisciuna femmena, pecc#nisciuna femmena aggio tro$ato )ella e )ona, comme a c#ella. *Cade una sedia dentro lalcova.+ Nu rummore ll( dinto, sarr( isso. *,a ad aprire le portiere e uarda.+ 6#, scusate. GIULIETTA& 6#, niente, niente. CESARE& Perdonate il distur)o... io non sape$o... me dispiace tanto... GIULIETTA& 6#, nessun distur)o, anzi s*accomodi. CESARE& 2C#esta #a da essere la mugliera4. 9o sono Cesare Sciosciammocca, zio di $ostro marito. GIULIETTA& "anto piacere. CESARE& Non $i #a parlato mai di me1 GIULIETTA& C#i1 CESARE& Felice. GIULIETTA& No... cioe... s'... qualc#e $olta... CESARE& 9o me tro$o sta)ilito a Foggia da ; anni, e intanto m*a$e$ano detto c#e Felice a$e$a sposata una donna )rutta, e di una certa et(, ma $edo c#e non + cos', $edo c#e sono state )ugie, tutte calunnie. GIULIETTA& Ne#, mi $orrei alzare la $erit(. CESARE& /a no, state$i comoda, per carit(... $oi forse state poco )ene1 GIULIETTA& No, sto aspettanno nu $estito c#e mi de))ono portare. CESARE& Se tutte le donne )rutte e di et(, fossero come $oi, sare))e una fortuna per gli uomini. GIULIETTA& 6#, siete troppo )uono, caro zio. CESARE& 3oi gi( sapete perc#- sono $enuto1 GIULIETTA& No, non s, niente. CESARE& Non sapete niente1 E come $a1 !$ete rice$uta la mia lettera1 GIULIETTA& Non me lo ricordo, mi a$ete scritta una lettera1 CESARE& Sicuro. GIULIETTA& E non l*#o rice$uta ancora. CESARE& /i fa mera$iglia. L*#o impostata io stesso, $uol dire c#e la rice$erete pi: tardi, ma ora + inutile. 6ra $i dir, io di c#e si

tratta. Conoscete mia nipote !ngiolina1 GIULIETTA& No. CESARE& 7na )ella ragazza. orfana, po$eretta, di madre e di padre mia sorella non quando lei tene$a appena un mese, e rimase in mano della sua nutrice a occarossa un paisiello $icino Casoria. Auatto anne f(, io le comprai un casinotto, con terreno, e ce lo mo)iglia8e con molto lusso, perc#- io sono ricco, molto ricco. GIULIETTA& icco1 /a c#e uomo simpatico.... *Lazzi.+ CESARE& Ci feci mettere anc#e la luce elettrica. GIULIETTA& Pure la luce elettrica1 CESARE& Figurate$e, c#ille cafune, quando $edettene la luce elettrica... Lo dia$olo.... Lo dia$olo.... GIULIETTA& 7#. Lo dia$olo... *Ridendo.+ CESARE& E m, sta ll( assieme ad una sorella sua $edo$a. Auesta !ngiolina, c#e io $oglio )ene comme a na figlia, l*aggio proposto nu )uono matrimonio, nu )ra$issimo gio$ine c#e io conosco da tanto tiempo... un certo Errico Delfino... GIULIETTA& E#. Errico Delfino. *$iede in mezzo al letto con sorpresa.+ CESARE& C#e... lo conoscete1 GIULIETTA& Sicuro... lo cunosco. CESARE& !#. %ra$o. Forse + amico di Felice1 GIULIETTA& Cos' credo, non s,. CESARE& /a $oi forse lo conoscete prima di maritar$i1 GIULIETTA& S', era amico di pap( e di mamm(. CESARE& !mico di famiglia1 GIULIETTA& Perfettamente. Ci fa l*amore da molto tempo con $ostra nipote1 CESARE& No, non si sono ancora $isti, stasera si conosceranno, sono stato io c#e #o com)inato l*affare. GIULIETTA& 2E )ra$o.4. CESARE& Perc#- $i assicuro c#e questo Errico, + $eramente un )ra$issimo gio$ine, figlio di un mio socio negli affari, perci, #o cercato di affrettare la cosa. La ragazza sta )ene, porta pi: di >CC mila lire di dote, fra propriet( e contanti, non + tanto istruita., questo s'... GIULIETTA& 5 nu poco ciucciarella1 CESARE& Pecc#-, capite, + stata sempe in paese, miezo a cafune, a campagnuole, ma c#e fa, i denari, la )ellezza e la gio$ent:, coprono questo piccolo neo, non + cos'1 GIULIETTA& !#, sicuro.

CESARE& 9o so* $enuto a Napoli, appositamente pe stu fatto. Stasera + l*anni$ersario della nascita di Carmela, l*altra mia nipote $edo$a, danno na festa scicca, sempe co li denare miei per,. C#illi cafune, figurate$e, stanno tutte ammuinate, lo sinneco, lo consigliere municipale, lo parrocc#iano... GIULIETTA& Pure lo parrocc#iano1 CESARE& Gi(... non #anno cc#i: c#e f(. 9n questa occasione, io #o com)inato l*incontro dei due gio$ani, e quella lettera c#e $i #o mandata, + appunto l*in$ito per $oi e $ostro marito. GIULIETTA& 6#, grazie, troppo )uono. CESARE& E sapete perc#- $oglio c#e $enite $oi e mio nipote1 Pe f( $ed- nella festa una signora distinta, aristocratica, una parente c#e possa fare gli onori di casa, c#e possa dare un tuono alla festa, c#e p, fa f( insomma na )ona figura allo sposo. E do$e tro$arla meglio di $oi. Ci $enite con piacere1 GIULIETTA& 6#, grazie, per carit(, mi $olete confondere. CESARE& 3oi cerc#erete di dare una lezioncella a mia nipote, farle capire tante cose c#e non saF per esempio, di le$arle c#illo carattere scurnuso, antipatico, cercare di farla essere gentile, educata, farle capire come si de$e comportare quando $ede quel gio$ine, insomma dirozzarla un poco. GIULIETTA& Do capito, #o capito. CESARE& Sar( una seccatura per $oi, lo s,, ma do$ete farmi questo fa$ore. GIULIETTA& /a c#e fa$ore, $i pare, sar( un do$ere.... CESARE& Grazie, signora, grazie. *-acia la mano.+ GIULIETTA& Solamente, $edete, io non s, se mio marito questa sera potr( $enire. CESARE& 6#, per questo non ci pensate, de$e $enire per forza, quando ce lo dico io, de$e acconsentire, $orrei $edere c#e si rifiutasse ad un in$ito c#e gli faccio io. ! me mi preme solo di sapere se $oi acconsentite di $enirci1 GIULIETTA& /a $i pare1 Con tutto il piacere. 2"anto pe $ed- c#e faccia fa c#ill*assassino d*Errico.4 CESARE& Si tratta poi di una $ostra cugina, larga s', ma + sempre una $ostra parente. 3oi starete l( come in casa $ostra. *Le !acia la mano.+ GIULIETTA& Auanto siete )uono, ma no, sono io c#e de))o )aciar$i la mano. *-acia la mano, e la!!raccia.+ $CENA $E'')MA &elice e detti, poi Ciccillo.

FELICE *vede /iulietta a!!racciata con Cesare, con molta sorpresa+& C#e $eco1.... Giulietta a))racciata... e c#i + c#illo1 CESARE *si volta+& 6#, signor dottore, finalmente.... FELICE& 2Gi zio, state$e )ene.4. 6#, zio caro caro. *La!!raccia.+ /a comme accuss' tutto nzieme, non ce $edimmo da ; anne... assettate$e, assettate$e. CESARE& "*#a fatto piacere $ederme1 FELICE& 7#. !$ite $oglia. CESARE& Comme me truo$e1 FELICE& State meglio de primma. CESARE& E tu, te mantiene sempe lo stesso. 9o a$e$o scritto na lettera a mogliereta... facennole sap- la ragione pecc#- $ene$o a Napule ma non l*#a rice$uta ancora... so* arri$ato primma io. FELICE& E )ra$o. E )ra$o. E )ra$o.... E $e trattenite assa8e a Napule1 CESARE& 3ulesse lo cielo... Non posso, dimane matina, co lo primmo treno, me ne torno n*ata $ota a Foggia... so* $enuto nu mumento pe com)in( lo matrimonio de Ngiulina. FELICE& C#i Ngiulina1 CESARE& Gu+, c#i Ngiulina1... Nepoteme tua cugina. FELICE& !#, gi(, Ngiulina mia cugina, sposa1 CESARE& !lmeno lo spero. FELICE& E )ra$o. E )ra$o. E )ra$o. CESARE& 6gge + stata la nasceta de Carmela... FELICE& C#i, la guardaporta1 CESARE& Come. L*altra tua cugina, Carmela la $edo$a1 FELICE& !#, sicuro, Carmela... E )ra$o. CESARE& "u comme sta8e stunato ne#1 FELICE& E )ra$o... Penso alle $isite, agli ammalati... CESARE& Dunque stasera danno na gran festa a lo paese. "u non manc#erai certo. FELICE& E c#e $ulite c#e $engo pur*io1 CESARE& E se capisce... la tua presenza + necessaria. FELICE& /a io... zi zi... CESARE& Non $oglio sent' c#iacc#iere, #a8e da $en'. FELICE& 3a )ene, come $olete $oi.

CESARE& %eninteso c#e de$i portare pure tua moglie1 FELICE& Pure mia moglie1 CESARE& E c#e, la $u, riman- cc(1 FELICE& 3edete zi zi, quella + una donna... CESARE& 9o ce l*#o detto, ed #a accettato su)ito l*in$ito... FELICE& Ce l*a$ete detto1... ! c#i ce l*a$ete detto1 CESARE& ! tua moglie... Eccola l(... 5 $ero, signora, c#e $e l*#o detto ed a$ete accettato l*in$ito1 *,a da lei.+ GIULIETTA& Sicuro. Non mi pote$o negare certamente. FELICE& 2Puozze pass( nu gua8o. E io comme la com)ino14. CESARE& 29o ti faccio i miei complimenti, sai c#e mugliereta + un $ero zuccariello.4. FELICE& 23e piace14. CESARE& 2!ssa8.... %ra$o. 9ntanto m*a$e$ano ditto c#e t*a$i$e spusata na femmena )rutta, e di una certa et(4. FELICE& 2E io p, me la spusa$o14. CESARE& 2Figurete la sorpresa, quanno l*aggio $ista... aggio ntiso nu rummore ll( dinto, so* g#iuto pe $ed-, me crede$o c#e ire tu, e so* rimasto ncantato4. FELICE *fra s5& 23oi $edete la com)inazione.4. CICCILLO *con a!ito di donna avvolto in un panno !ianco+& La sarta #a mannato lo $estito nuo$o a la signora. FELICE& !#, damme cc(. *Lo prende.+ 29usto m, l*a$i$a purt( o$+14. CICCILLO& 2E io sape$o c#esto.4. *,ia.+ CESARE& Damme cc( m, ce lo d, io. *Lo prende.+ Ecco cc( l*a)ito, nipote mia. *Lo d" a /iulietta.+ GIULIETTA& Grazie caro zio, mi $esto su)ito su)ito. Permettete1 *Chiude le porte.+ FELICE& 2C#ella + la $este de muglierema.4. CESARE& C#e grazia, c#e spirito.... C#ella stasera fa rest( ncantate a tutte quante. $CENA .''A,A (as#uale e detti, poi Clementina. PASQUALE& "utt*+ fatto, lo spol$er... *Con involto con spolverino.+ FELICE& 2Statte zitto.4. Gi zi $i presento il mio amico e collega, Dr. Pasquale Cardelli J mio zio Cesare Sciosciammocca.

PASQUALE& "anto piacere. *Mettendosi linvolto dietro.+ CESARE& Fortunatissimo. Sono arri$ato questa mattina da Foggia. PASQUALE& E $i trattennete molto a Napoli1 FELICE& No parte dimane matina co lo primmo treno. PASQUALE& 6#, cos' presto1 FELICE& %ella cosa, doppo ; anni c#e non lo $ede$o, $ene a Napule pe se st( meza 8ornata... E se n*#a da 8... se n*#a da 8... 2Si no, nce lo faccio 8 io.4 *(as#uale di dietro &elice f" lazzi con linvolto.+ CESARE& "engo tanti affari a Foggia, c#e non posso trascurare. So* $enuto per com)inare un matrimonio fra mia nipote e un gio$ine... FELICE *a (as#uale+& 2Le$a stu coso da reto.4. CESARE& 7n certo Errico Delfino, tu lo canusce. FELICE& Errico Delfino1... No. CESARE& Comme mogliereta m*#a ditto c#e lo canosce, e tu no1 FELICE& !#, muglierema lo canosce1... Forse lo canosco pur*io... non me lo ricordo. PASQUALE& /a comme tua moglie sta qua1 FELICE& S'... s'... */li f" dei se ni.+ CESARE& Si sta $estendo. PASQUALE *a &elice+& Se sta $estenno1 2/, non ne capisco niente cc#i:. /a comme mugliereta + tornata14. FELICE& 2No + Giulietta... zi zio l*#a tro$ata dinto a lo lietto4. PASQUALE *ridendo+& 26#, c#esta + )ella.4. CLEMENTINA *d.d.+& 3a )ene, $a )ene, #o capito. FELICE& 2/oglierema.4. CLEMENTINA *fuori+& "utto + fatto. *&elice f" lazzi con Cesare, a!!racciandolo e ridando per non far sentire ci6 che dice Clementina.+ FELICE& Dimane se ne $a, me ne $oglio $ed- )ene... /io zio Cesare Sciosciammocca. *A Clementina.+ CESARE& Signora. CLEMENTINA& Piacere.... S', #o inteso parlare spesso di $oi. CESARE& E la signora c#i +1 *$o etto.+ PASQUALE& Signora, siete stata nella $illa1 CLEMENTINA& !ggio fatto tutto cose. Doppo fatte 0> giri attuorno a la statua de Giam)attista 3ico, m*a$ota$a nu poco la capa a la

$erit(F e me so* fermata. "utto nzieme s*+ accostata na guardia municipale. Nu )ell*ommo, alto, c#iatto... FELICE& 29l padre del Presidente dei ministri.4. CLEMENTINA& E m*#a ditto& Signora, $i sentite male1 J No, mi gira nu poco la testa. J /i dispiace. accomodate$i... m*#a fatto assett(, m*#a guardato nu poco, p, m*#a dato la mano, e se n*+ g#iuto... /, me sento stanca... me f( male la capa... #o )isogno di riposo, e di raccoglimento. FELICE& 2Clement', $attenne dinto, c#e io aggia parl( d*affari d*interesse cu ziemo, $attenne senza parl(4. CLEMENTINA& Permettete signore... $i lascio con mio marito. *,ia a sinistra.+ CESARE& Lo marito1... *A (as#uale.+ Siete $oi il marito di quella signora1 FELICE& Sissignore ziz'... PASQUALE& 2C#e stai dicenno14. FELICE& !ppunto sua moglie. *A (as#uale&+ 5 $ero1 */li fa un cenno.+ PASQUALE& Sissignore. CESARE& /i congratulo con $oi, + una )ella donna. *A &elice&+ 2E nu )ello cuofene de patane.4. $CENA N.NA /iulietta e detti, poi Ciccillo, 7 commessi, e 7 facchini. GIULIETTA& Eccomi qua, mi sono $estita... *Con la!ito di Clementina che le va un po lar o.+ FELICE& 2/ic#elina lo guardio.4. CESARE& %ra$issimo. %ra$issimo. GIULIETTA& Come mi sono sciupata da un mese a questa parte, $edete quest*a)ito come mi sta largo1 CESARE& /a no, state )enissimo. GIULIETTA& /a c#e fa1 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *c.s.+. CESARE& 7#. Auant*+ cara. 3i$a $i$a, tra ll( r(. *)mita il movimento, e sta per cadere.+ FELICE& 2E c#isto si $a nterra c#i lo sose14. CESARE& Sapite c#e aggio pensato, in$ece de part' stasera, partimmo m,, mangiammo a lo paese, ll( st( na )ella trattoria, stamme allegramente tutta la 8urnata, e stasera p, 8ammo a la festa. FELICE& Gizi... io aggio c#e f(... CESARE& Gitto... $oglio cos'. /, arri$o fino a la posta, fate$i tro$are prontiF $err, su)ito. /, $engo, m, $engo. *,ia prima a

diritta.+ FELICE& D.a Giuli-, $u8e c#*a$ite com)inato1... Dinto a qu( m)ruoglio m*a$ite mise... comme $*+ $enuto ncapo de dicere a zizi c#e io era lo marito $uosto1 GIULIETTA& C#e a$e$a dicere1 C#illo #a araputo lo portiere, e m*#a tro$ata ll( dinto. PASQUALE& C#e a$e$a f(, pu$erella. FELICE& %asta 8ate$enne... pe carit(... GIULIETTA& 9o me ne $aco a casa, me $aco a mettere nu )ell*a)ito, e $e $aco ad aspett( a la stazione... nce $olimmo spass(... FELICE& C#e spass(, c#e stazione... $u8e state pazzianno1 3aco io sulo, tro$o la scusa c#e muglierema non s*+ fidata. GIULIETTA& No... nun p, essere... io sono stata in$itata e aggia $en'. FELICE& Pasc(, dincello tu, famme stu piacere. PASQUALE& D.a Giuli-, $e ne prego io, non ce 8ate. GIULIETTA& 5 impossi)ile, nce aggia 8 pe forza, de))o conoscere lo sposo della cara cugina. Dunque io $*aspetto a la stazione. %adate, c#e si non $enite, me metto dinto a lo treno, e $aco io sola, arri$ata dinto a lo paese, addimanno, e su)eto appuro la casa qual +, a$ite capito m,1 ! ri$ederci... ciao ne#. FELICE& Ciarea te#. */iulietta via prima a destra, sorte Ciccillo e la vede.+ CICCILLO& 2E c#esta add, + asciuta14. Sign,, #anno portata na poltrona, cu n*aparecc#io elettrico. FELICE& !#, sicuro, l*a$e$ano porta da ; giorni, )asta, falla tras' cc(. *Ciccillo via.+ Pasc(, m, nce distraimmo nu poco, $edrai una )ella cosa, la famosa poltrona estatica, in$entata dal professore... Dei$eld, tedesco, la $edette ultimamente a Parigi, all*esposizione, e me la facette $en'. PASQUALE& E c#ed*+ sta poltrona1 FELICE& E#, m, $ide. Auesta + una cosa necessarissima, quanno s*#a da f( n*operazione difficile, l*ammalato s*addorme senza la )orsa, senza cloroformioF s*assetta ncoppa a c#ella poltrona e per mezzo dei raggi K s*addormenta. PASQUALE& E il contatto non te fa addurm' pure a tte1 FELICE& No, perc#- il c#irurgo mette i guanti isolatori, e opera magnificamente. CICCILLO *tornando con 7 facchini e i 7 commessi8 i 7 commessi portano lapparecchio elettrico, e i due facchini la poltrona &+ "rasiteF sign,, add, la $olite mettere1 FELICE& L*apparecc#io su questo ta$olino, e la poltrona qua $icino al ta$olino. *A destra del pu!!lico, dopo situato, da la corrente elettrica.+ I COMMESSO *d" la fattura+& Auesta + la fattura. FELICE *la prende+& Grazie. *Re ala ai facchini.+ !ndate a )ere.

I FACCHINO& Grazie eccellenza. *) 9 viano con Ciccillo.+ PASQUALE& /a famme cap', lo malato s*assetta ncoppa a sta poltrona e c#e fa1 FELICE& S*addorme, perde i sensi, $u, $ed-1 E assettate. PASQUALE& ! me1 Sarraie pazzo. Eusto cu me, $u, f( la pro$a1 FELICE& E c#e fa, io su)ito te sceto, ll( nce stanno > )ottoni, uno pe f( addurm', e l*ato pe f( scet(F 8ammo assettate. PASQUALE& Fel', non facimmo pazzie, s(. FELICE& 2/e pare na criatura4. S' c#irurgo e te miette paura1 9o l*aggio pro$ata pur*io a Parigi, t*adduorme doce, doce. *(as#uale siede. &elice accomoda il po ia testa, facendo rumore, (as#uale si alza spaventato.+ PASQUALE& C#ed*+1 FELICE& Niente, accomodo il poggia testa. PASQUALE& Non sape$o c#e era. *$iede.+ FELICE& C#esta + na cosa c#e fa riman- ncantato. Non te mo$ere, fermo. *'occa il !ottone.+ PASQUALE& C#e )ellezza, uno s*addorme doce doce. *$i addormenta dicendo altre parole.+ FELICE& Non #anno pi: c#e in$entare.... Pasc(... Pasc(1... S*+ addormuto Pascale... *Chiamando&+ Clementina1... Clementina1... $CENA DEC)MA Clementina e detti, poi Ciccillo, indi Eu enio e Lui i, poi Ciccillo ed Errico. CLEMENTINA& C#e $u, Fel'1 FELICE& Guarda l*amico mio. CLEMENTINA& 7#, e c#e f(1 FELICE& L*aggio addormuto. CLEMENTINA& !#, la poltrona c#e me diciste1... *&a per toccarlo.+ FELICE& E#. */ridando.+ Nun lo tucc(, si no t*adduorme tu pure. CLEMENTINA& E c#i lo tocca. FELICE& Ll( nce sta la spiegazione, tu non l*#ai letta1 C#iunque tocca questo indi$iduo s*addormenta, fossero pure 0C persone. %asta io aggia 8 a Caserta per un*operazione, starraggio ll( fino a dimane, $a me f( le $aligie. CLEMENTINA& Su)ito. E sceta a c#illo po$er*ommo... *,ia a sinistra.+ FELICE& Pasc(1... Pasc(... E#, m, fa notte... *'occa il !ottone. (as#uale si sve lia.+

PASQUALE& !dd, stongo1 FELICE& Dinto a la casa mia. PASQUALE& C#e aggio fatto1 FELICE& Dai dormito magnificamente. PASQUALE *alzandosi+& E pecc#- m*#a8e scetato, io me ste$o sunnanno c#e g#ie$o ncarrozza cu na )ella figliola. CICCILLO *con 7 !i lietti da visita+& Signur', fore nce stanno du8e signure c#e $e $onno parl(, c#isti so* li )igliette de $isita lloro. FELICE *le e+& E io nun li conosco1 %a#... fallo tras'. CICCILLO& Fa$orite signori. *)ntroduce e via.+ EUGENIO& Grazie. LUIGI& %uongiorno signore. FELICE& %uongiorno. PASQUALE& Fel', io me ne $aco, ce $edimmo, dimane. 2Statte attiento... Giulietta t*a$essa da f( cc#i: gua8e...4. FELICE& 2/annaggia l*arma de la mamma.4. PASQUALE& Signori. *) 7 sinchinano, via.+ FELICE& Con c#i #o l*onore di parlare1 EUGENIO& Eugenio oselli, arc#itetto... LUIGI& Ca$. Luigi Cotognetti, a$$ocato. FELICE& !ccomodate$i, prego. EUGENIO& Grazie. *$iede, Lui i siede sulla poltrona estatica.+ Noi $eniamo per il fatto a$$enuto stanotte sulla trattoria a Posillipo. FELICE& E c#e fatto1... 9o non me ricordo. LUIGI *nervoso, parla forte+& 5 inutile c#e negate, perc#- ci sono cento testimoni. 3oi sta$ate u))riaco... ma non al punto di dimenticare i fatti. FELICE& 7n po* di calma. Discutiamo. LUIGI& /a c#e discutere. 9o non discuto, io $engo a fare il mio do$ere. Non ammetto c#iacc#iere. Scegliete due amici, e fateci mettere d*accordo. FELICE& 2/a perc#- grida stu signore14. EUGENIO& 25 un po* ner$oso, capite14. FELICE *a Lui i+& !$ete detto, due amici1 /a dunque si tratta di un duello1 LUIGI& Proprio. 7n duello. FELICE& /a scusate, con c#i mi de))o )attere1

EUGENIO& Ecco qua, signore, $oi stanotte a$ete detto delle parole ingiuriose ad un nostro amico... LUIGI& Cio+, $ostro, perc#- io non lo cunosco, io sta$o l( cenando, sono stato presente agl*insulti, e il $ostro amico mi #a pregato di fargli da secondo. Do assistito a L duelli, tutti consumati, io non ammetto accomodamenti, non posso fare una catti$a figura, #o accettato il mandato, e il signore si de$e )attere, e si )atter(. EUGENIO& Ca$ali+, $i prego, siate pi: calmo. FELICE& /a scusate, c#e #o detto a st*amico $ostro1 LUIGI& 7n sacco di $illanie, e in ultimo gli a$ete detto& m, te mengo na )utteglia nfaccia. Auesto + stato un grande insulto. FELICE& Ca$ali+ calmate$e. 3oi do$ete sapere, signori, c#e io stanotte aggio passato nu sacco de gua8e, e $i posso assicurare c#e questo fatto dell*amico $ostro io non me lo ricordo proprio, mi ricordo c#e #o a$uto una quistione con un tale, ma non saprei dir$i c#e + questo tale, e perc#- nce simme appiccecate. LUIGI& Aueste sono scuse c#e io non posso ammettere. FELICE& Ca$ali+, scusate... EUGENIO& L*amico mio + irritatissimo... $oi $i siete troppo spinto. FELICE& /a non sono stato io, + stato il $ino. LUIGI& /a c#e $ino, e $ino. */ridando.+ !nc#e nel $ino )isogna essere educato. La prima cosa per l*uomo, + l*educazione. 3oi $e ne $enite, nfaccia a c#illo& m, te mengo na )utteglia nfaccia. Auesto il galantuomo non lo dice, non lo pensa, non lo f(. *Altre parole a so etto. &elice tocca il !ottone.+ FELICE& !#. /e l*aggio lu$ato da tuorno. EUGENIO& C#e + successo1 FELICE& L*aggio addormuto. EUGENIO& 6#, questa s' c#*+ graziosa. FELICE& E#, c#illo non ce face$a dicere na parola... Prima di tutto, fatemi sapere c#i + quest*amico $ostro. EUGENIO& 9l signor Errico Delfino. FELICE& Errico Delfino1 5 un gio$ine c#e gli + stato proposto un matrimonio1 EUGENIO& S', un matrimonio d*interesse, no di passione. FELICE& Perfettamente, e la sposa + mia cugina, $i pare, noi do))iamo essere parenti... e pecc#- s*+ appiccecato cu me stanotte1 EUGENIO& Ecco qua. Lui pure #a confessato di a$er )e$uto un po* troppo. FELICE& Ste$a pur*isso m)riaco1 EUGENIO& 7))riaco no, un po* allegro. 3i #a $isto insieme ad una donna c#e + stata la sua amante... si + indisposto 2$oi $e ne siete accorto, egli si + infuriato, $oi pi: di lui4, e cos' + nata la quistione.

FELICE& 3i posso assicurare, c#e non ricordo niente. CICCILLO *annunziando+& 9l signor Errico Delfino. *,ia.+ FELICE& !#, )ra$o, a tempo a tempo, a$anti. ERRICO& 9l Dottor Felice Sciosciammocca1 FELICE& Sono io a ser$im$i. ERRICO& Nipote di D. Cesare Sciosciammocca1 FELICE& Perfettamente. ERRICO& Scusate allora, conosco tanto $ostro zio, se a$essi potuto supporre... capirete, $edendo$i unito con una donna, c#e un giorno mi appartene$a, e a$endo )e$uto un poc#ino... FELICE& Capisco, capisco, non se ne parl( pi:. 3oi do$ete sposare una mia cugina1 ERRICO& Forse. *A Eu enio&+ Grazie, amico mio. C#i + quel signore1 EUGENIO& L*a$$ocato Cotognetti, l*altro tuo secondo. ERRICO& !#, gi(. FELICE& 23' comme ste$a c#isto, c#e non se ricorda manco lo secondo su8o.4. ERRICO& E perc#- sta cos'1 FELICE& L*aggio addormuto pecc#- non ce face$a parl(. ERRICO& E non sente niente1 FELICE& 5 insensi)ile. 3edete, io ne faccio quello c#e $oglio. *$trappa i capelli a Lui i, lazzi.+ /, lo s$eglio. *'occa il !ottone. Lui i si sve lia e si ratta la testa.+ /, se lo sente. LUIGI& C#i +1... Do$e sto1... !#. Dunque si fa questo duello1 FELICE& 2/, l*assetto n*ata $ota.4. ERRICO& Sig. !$$ocato, $i ringrazio, tutto + c#iarito, tutto + finito. LUIGI& 9l duello non si fa pi:1 "anto piacere. /a $i prego un*altra $olta di non incomodare la gente, queste sono figure c#e io non l*#o fatte mai, capite mai. *,ia a destra.+ FELICE& 2No, me aggio pigliato meza lira de capille.4. 9nsomma c#illo me $ole$a f( accidere afforza. *) due ridono.+ ERRICO& %asta, perdonate se $i lascio, #o tante cose da s)rigare. !rri$ederci dunque. FELICE& ! ri$ederci. *Errico via.+ EUGENIO& ! ri$ederci, signore. *D" la mano.+ FELICE& ! ri$ederci, signor osina. EUGENIO& oselli, non osina.

FELICE& !#. Gi( oselli. *Eu enio via.+ 3u8e $edite c#ello cancaro de $ino c#e m*#a fatto com)in( stanotte. /eno male c#*+ stato c#isto, si era n*ato me pute$a nquit( )uono. $CENA 3ND)CE$)MA Clementina e detto, poi Cesare, poi Ciccillo e 'otonno, indi Ciccillo. CLEMENTINA *con vali ie e lettera aperta in mano+& Ecco cc( le $aligie. FELICE& Lasseme pigli( lo cappiello... gi( aggio fatto tarde... *,ia a sinistra.+ CLEMENTINA *le e la lettera fra s5+& 6#, c#esta + )ella, D. Cesare Sciosciammocca m*in$ita per questa sera alla festa c#e si dar( a occarossa in casa della nipote, e pecc#- non me l*#a ditto poco primma1 9ntanto $edite la com)inazione, 8usto ogge Felice adda 8 a Caserta, )asta ce $aco io sola. FELICE *con cappello+& Dunque Clement', io $aco. CLEMENTINA& !spetta andi$ina c#i mi scri$e1 FELICE& /, $aco de pressa, non me f( perdere tiempo. CLEMENTINA& /a un momento. FELICE& /e fa8e s)agli( lo treno1... CESARE *d.d.+& Fa $en' na carrozzella, e falle aspett( a))ascio a lo palazzo. FELICE& 2Gizio, sangue de %acco, e comme faccio14 3iene cc(. *La tira per un !raccio.+ Primme de part' te $oglio da nu )acio. CLEMENTINA !spetta nun me tir(... FELICE& "u me fai manc( lo treno. *La!!raccia e la fa sedere sulla poltrona.+ CLEMENTINA& Auanno ma8e m*#a8e $uttata accuss'... pienze sempe a na cosa... FELICE *tocca il !ottone e laddormenta+& "utte le com)inazioni. *(rende il tappeto dal tavolo e la copre.+ CESARE *fuori+& Ne#, Fel', 8ammuncenne. FELICE& !ndiamo zizi. CESARE& E mugliereta1 FELICE& S*+ a))iata a la stazione. CESARE *indica la poltrona+& E c#ed*+ ll(1 FELICE& 5 un preparato anatomico, m*aggia pigli( la coratella. CESARE& E#. *,ia poi torna.+

CICCILLO& Sign,, st*ommo dice c#e #a da parl( cu $u8e. *Esce 'otonno con frusta. Ciccillo via.+ FELICE& C#i +1 TOTONNO& %ongiomno oscellenza. Sign,, io songo "otonno, lo cocc#iere affitto, c#e stanotte $*aggio portato dinto a la carrozzella fino a cc(. FELICE& E c#e $u,1 TOTONNO& Comme c#e $oglio1 3u8e quanno site scise, a$ite ditto& s' nu cocc#iere o$ero simpatico, dimane $iene a magn( cu mico, e io so* )enuto. FELICE& 9o t*aggio ditto $iene a magn( cu mmico1 TOTONNO& Sissignore, non $e ricordate1 !nze, a$ite ditto& Si nun $iene me fa8e pigli( collera, nun me faccio ser$' cc#i: da te. FELICE& !#, gi(, me ricordo... 23' c#e pella tene$o io stanotte.4. /a io aggio pazziato te pare, $eni$e a mangi( a casa mia1 Del resto, m, rimedio io... "iene c#este so* do8e lire, te le $a8e a magn( a na parte de c#esta. *Le d".+ TOTONNO& Grazie oscellenza... FELICE& Per,, m*#a8e da f( nu piacere1 TOTONNO& Comannate. FELICE& /, c#e me ne $aco, tocca stu )ottone c#e sta cc( $icino, lo $'. *)ndicandolo.+ Cc( nce sta uno a diritta, e uno a sinistra, tu tuocc#e c#illo a sinistra, premilo #a8e capito1 TOTONNO& 3a )ene. CESARE *uscendo+& Gu+ Fel', ce ne $ulimmo 81 FELICE& Eammuncenne. 2"ot, te raccomando. C#illo a sinistra... premilo4. TOTONNO& 2Nun ce penzate4. *,ia &elice e Cesare.+ /a pecc#- aggia f( c#esto1 %asta accuss' m*#a ditto, e accuss' faccio, m*#a dato do8e lire. *'occa il !ottone.+ CLEMENTINA *si sve lia, si alza, ed afferra il !raccio di 'otonno+ & Fel', marito mio, pecc#- me fa8e sti cose1... Pecc#- m*#a8e cummigliata cu stu panno1 TOTONNO& C#i +1... Lasse.... CLEMENTINA *che si % scoverta+& C#e $eco1 E c#i s' tu1 */ridando.+ /ariuole, mariuole... TOTONNO& Au( mariuole, io so* nu galantuomo. *&u e.+ CICCILLO *uscendo corre dietro a 'otonno, ridando con Clementina.+ A DUE& /ariuole. /ariuole. *Clementina fu e a sinistra e Ciccillo corre dietro a 'otonno prendendolo a calci fino a prima porta a destra ridando sempre.+

*Cala la tela.+ Fine della o !ri"o

ATTO SECONDO
/iardino con 9 porte laterali e due in fondo8 le porte illuminate a luce elettrica, in fondo, in mezzo, un puttino con lo!o in mano, con lampadina accesa. La porta in fondo a destra % la comune. A sinistra un pianoforte. $edie e tavolini di iardino. Lampadaro a luce elettrica al centro. $CENA (R)MA Allalzarsi della tela la !anda suona di d o. 'utti linvitati escono dalla destra a !raccetto passe iando, poi nel terminare il pezzo di musica, viano per la porta in fondo a sinistra8 esce dalla destra -iase con uantiera di dolci e $alvatore dalla sinistra correndo, si urtano, indi Carmela e Luisella. SAL#ATORE *che si % urtato con -iase+& /a c#e s' cecato1 $IASE& 9o so* cecato1 "u te mine comme a nu ciuccio. SAL#ATORE& 3all( $att-, $( f( lo craparo. $IASE& Sal$at, pe tutto stasera te sciacco. *,ia.+ SAL#ATORE& /, $edimmo c#i fa cc#i: ampressa. CARMELA& Sal$at, c#e fa8e lloco1 "*aggio ditto statte fore pe rice$ere l*ati in$itate c#e #anna $en'. SAL#ATORE& 3a )ene. 2 ,ia fondo a destra.+ CARMELA& !#, c#ella sora mia, me f( proprio a$ut( lo stommaco, s*+ miso a uno pizzo tutta mpupazzata, e non dice na parola. LUISELLA& 3a )ene c#*+ piccerella, e se mette scuorno, ma me pare troppo, la $erit(. CARMELA& /a c#e piccerella, c#e scuorno, io quanno tene$o l*et( so8a, asce$o da dinto a lo fuoco, me prude$a la capa de na mala manera. LUISELLA& C#e c*entra, tu p, S' n*ata cosa. CARMELA& C#e saccio, c#ella non me pare ma8e sora... ma c#ed*+ stu scuorno. 7#. 9o non a$e$a nascere dinto a stu paisiello, miezo a sti turze, scuse s(, io non parlo de te parlo de l*ate. /amma mia, nisciuno sape accucc#i( quatti parole pulite, nisciuno sape

leggere, sulo lo Sinneco e ; consigliere sanno leggere e scri$ere nu poco, ma appena appena quacc#e cosarella. !#, me parene mille anne c#e c#ella stupeta de sorema se mmarita, ne $oglio f( zumpe. LUISELLA& Comme. "e ne $a8e da cc(1 CARMELA& Se capisce, c#e $oglio mur' Luisella mia, me ne $aco a Napule, $oglio $ed- facce )elle, allegre... cc( stasera l*in$itate pe f( troppo li signure, me parene tanta mazze de scope. LUISELLA& Da8e ragione. $CENA $EC.NDA $alvatore e dette, poi Errico, indi Luisella. SAL#ATORE& 9l signor Errico Del... fico. CARMELA& Siente a c#ill*ato animale. Errico Delfino. SAL#ATORE& !#. Gnors'... Delfino. CARMELA& Fallo tras'. SAL#ATORE& Su)ito. *,ia.+ CARMELA& C#isto + lo sposo de Ngiulina, proposto da zi z'. Se#, e tro$a sta )ella con$ersazione. Luis+ agge pacienza, $( c#iamme a c#ella scema, dincelle c#e $enesse, e non se mettesse scuorno, dincello pure a z' pre$ete c#e la facesse $en', cercammo de non f( macra figura. LUISELLA& Non te n*incammic(, m, la faccio $en'. *,ia a sinistra.+ CARMELA& Gi zio a$e $oglia de f(, ma io so* sicura c#e a c#ella nun la marita. SAL#ATORE *uscendo+& Fa$oresca. *,ia.+ ERRICO& 5 permesso1... La signora Carmela Piretti1 CARMELA& Sono io a ser$irla. ERRICO& 9l signor Cesare $ostro zio1 CARMELA& Non + $enuto ancora, ma poco potr( tardare. Gi zio m*#a parlato tanto )ene di $oi, ed io sono certa c#e sposando$i mia sorella, sarete pi: c#e contento. ERRICO& Lo spero. /io padre + amico intimo di $ostro zio e sono stati loro c#e #anno com)inato tutto. CARMELA& "utto, scusate, non se p, dicere ancora, perc#- $oi non a$ete $ista ancora la ragazza, e non sappiamo se $i piacere))e o no. Essa, so* sicura c#e appena $e $ede, zumparr( pe la priezza, perc#- $u8e site $eramente nu simpatico gio$ene.

ERRICO& %ont( $ostra pe carit(. CARMELA& /, c#e la $edite, nce parlate, $e dicite quacc#e parolella azzeccosa, e allora se p, dicere c#e s*accommencia a com)in( quacc#e cosa. Dico )ene, o no1 ERRICO& %enissimo. CARMELA& Auello c#e $e pre$enisco per,, non $e credete de tro$( na figliola s$elta, spiritosa. 6#, no, tutt*altro. /ia sorella, non faccio per dire, + una )ella gio$ine, simpatica, per, + stata cresciuta dinto a la stu paese, mmiezo a li cafune, gente c#e non sa neanc#e quant*+ nata, e per conseguenza + nu poco scurnosa, nun sape parl(, non se sape present(, insomma + nu poco inceppata, $u8e c#iano c#iano, l*a$ita da f( sciogliere, la do$ete scozzoniare, capite1 ERRICO& Do capito, #o capito. 2Scozzoniare. E c#e significa14. CARMELA& Noi a))iamo dato questa piccola festa, primma pecc#- ogge + stato l*anno anni$ersario della mia nascita. ERRICO& 6#, auguri per questo anni$ersario. *D" la mano.+ CARMELA& Grazie, e poi perc#- $eni$ate lei per la prima $olta in casa nostra. Do$ete per, compatire se gl*in$itati non sono persone no)ile, aristocratic#i, sono tutti )uoni amic#i, a)itanti di questo paeso. ERRICO& 6#, sar, fortunatissimo di tro$armi in s' )ella compagnia. SAL#ATORE *uscendo+& /, $ene, m, $ene, la sta portanno z' pre$ete. CARMELA& !#, )ra$o. Ecco qua mia sorella. $CENA 'ER0A D. &ortunato, An iolina e detti. FORTUNATO *da prete+& !ndiamo Ngiul', e c#e significa stu scuorno, me pare na criatura, aiza la capa. ANGIOLINA *veste da festa caricata, con la testa !assa, uanti !ianchi, al#uanto lar hi, e venta lio con lun o laccio, se ue &ortunato.+ FORTUNATO& Ecco qua D.a Ngiolina, non ci $ole$a $enire, #a ceduto alle mie preg#iere. CARMELA& /a allora tu a stu gio$ene non lo $edi$e ma8e1 Auesto + il nostro parrocc#iano. FORTUNATO& Fortunato Palella, ai $ostri comandi. ERRICO& Preg#iere. Errico Delfino. FORTUNATO& Piacere. Do$ete compatire + una ragazza piena di soggezione, non #a contrattato mai con nessuno, sempre in casa, sempre dinto a lo paese. !ngiol', questo + quel gio$ine, c#e do$r( essere tuo marito... ti piace1... Parla, d' qualc#e parola...

ANGIOLINA& 9o non aggia dicere niente, pecc#- non saccio dicere niente. Si stu gio$ene me $, spus(, si le so* simpatica... c#e ser$e a parl(, se caccene le carte, damme parola, p, 8ammo a lo municipio, 8ammo a la c#iesa... e state$e )ene. FORTUNATO& /a ecco qua, questo gio$ine $orre))e sapere se lo tro$i di tuo gusto, se ti piace1 ANGIOLINA& S' me piace1 E c#e me l*aggia mangi( forse1... *Ride.+ CARMELA& Capite, non + na gio$ine esperta, + geno$a. ERRICO& 2No,+ /ilano.4. FORTUNATO& 5 carta )ianca. ERRICO& "roppo )ianca, $eramente. FORTUNATO& Non te l*#a8e mangi(, c#esto se sape, $ulimmo sap-, si te lo spuse cu piacere1 ANGIOLINA& 9o m, c#e ne saccio... non saccio c#e aggia dicere. CARMELA& 7#. Sora mia. E parle, parle, fatt*asc' lo spirito... 9o quanno $edette a maritemo la primma $ota, tanta de la priezza, me mettetto a c#iacc#ier( e non la fernette cc#i:, e tu pe t*asc' na parola da la $occa nce $onno de spuntunate. !#, c#e )rutto carattere ne#1 %asta D. Err', io $aco ad annunzi( dinto c#e site $enuto. C#e $*aggia dicere, c#esta + la figliola, si $e piace, si lo carattere su8o $e con$iene, se com)ina lesto lesto tutto cose, e si no a$immo pazziato, c#e s*#a da f(. Eammo, Luis-, 8ammo dinto... !#. Non me fido cc#i: de resistere... 7#. Scusate... me f( scurd( pure de parl( pulito. *,ia a sinistra.+ LUISELLA& Da$e ragione proprio... c#e )rutto carattere. *,ia appresso.+ ERRICO *a &ortunato+& 27na sorella tutto fuoco, e l*altra tutto g#iaccio4. FORTUNATO& 2Caro signore, do$ete capire, c#e quello + un fuoco c#e + stato gi( appicciato, questo non ancora1 E perci,...4. ERRICO& 2Lo s,, ma fino ad un certo punto per,4. Signorina, se continuerete ad agire cos', mi fate comprendere c#iaramente c#e non $i sono simpatico affatto, e c#e non a$ete piacere di sposarmi. C#e ne dite1 ANGIOLINA& !ddimannatelo a zi pre$ete. ERRICO& Lo domando a $oi. FORTUNATO& E io c#e ne saccio1 2Lasciatela st( m,, a n*ato poco nce parlo a sulo a sulo, e $edimmo c#e me dice4. ERRICO& 23a )ene, ma me pare troppo fredda la $erit(4. FORTUNATO& 25 una ragazza ritirata, c#e $olete.4. ANGIOLINA& 2D. Fortun(, c#e $*#a ditto14. FORTUNATO& 2Niente, c#e m*a$e$a dicere, sta dispiaciuto, c#e tu non lo rispunne a do$ere4. ANGIOLINA& 2C#*aggia f(& io me metto scuorno... ma me piace, + simpatico assa8e4. FORTUNATO& 2E dincello, c#e nce aspiette14.

$CENA 23AR'A $alvatore, poi Nicola, -ettina e /ennarino, indi Carmela. SAL#ATORE& 5 arri$ato D. Nicola lo Sinneco, col famiglio. *,ia.+ FORTUNATO& !#, )ra$o. Fa$oriscano, fa$oriscano. NICOLA * rossa iacca, il% !ianco, camicia con collo !asso, uanti a piacere, nastro rosso alla iacca, inse ne di Cav., porta sotto il !raccio -ettina vestita caricata da festa. /ennarino li se ue vestito come Nicola+ & D. Fortunato )ello. !$ita scus( si a$immo tricato nu poconiello, pecc#- moglierema, #a a$uta f( nu poco de toletta, dico a $oi. */ennanno !acia la mano a &ortunato.+ $ETTINA& Em)+ c#e dia$olo, simme state in$itate a na festa, e certamente nce a$e$amo present( a do$ere. ERRICO& 23eri figurini di moda4. CARMELA *uscendo+& 6#, )en $enuti. Signor Sindaco, signora Sindac#essa. $ETTINA& /ille auguri con prosperit( e salute. CARMELA Grazie. NICOLA& E denare assa8e. Dico a $oi. CARMELA& Grazie, grazie. $ETTINA& E tu comme sta8e Ngiul', sta8e )ona1... %ra$a cu stu $estito, sta8e proprio aggraziata. Stasera dice c#e fa8e conoscenza co lo sposo, + o$ero1 CARMELA& Sissignore, eccolo l(, $e lo presento. 9l signor Errico Delfino. NICOLA !#, $oi siete lo sposo1 %ra$o, tanto piacere. ERRICO& Fortunato. NICOLA& Nicola Pagliuc#ella, Ca$aliere sindaco di questo paese. /ia moglie %ettina, e mio figlio Gennanino.... Auesto ragazzo l*aggio tenuto dinto a lo culleggio ? anne, lo $ule$o mpar( la museca, ma non #a $oluto proprio ncuorpo, e c#e face$o tene$o un spesato inutilmente, ne l*aggio le$ato, e aggio ditto, f( c#ello c#e )u, tu. ERRICO& !$ete fatto )ene. NICOLA& L*aggio mannato paricc#ie $ote a Napule, pe le f( pigli( idee, conoscenze, pe non lo f( $en' nu turzo. Dico a $oi. ERRICO& E $i piace Napoli1 GENNARINO& 6#, molto. 9o starei sempre in Napoli. C#e cielo. C#e citt(. C#e $ita. C#e allegria. "utte le $olte c#e ritorno da NapoliF questo paese mi sem)ra una tom)a, ci sto, perc#- ci de))o stare, perc#- ci sta pap( e mamm(, ma per me non ci starei

nemmeno un minuto. C#e monotonia, c#e silenzio, c#e tristezza, c#e noia, c#e seccatura. 3i$a Napoli. 3i$a la gran citt(. Ll( si $i$e. Aua si muore. ERRICO& 23' c#e )ello tipo c#*+ c#isto.4. NICOLA& 2C#e ne dicite1 C#e spirito. C#e s$eltezza.4. ERRICO& 2!#, sicuro4. CARMELA& Ne#, $ulite tras' dinto1 $ETTINA& Come credete. ANGIOLINA& S', s', 8ammo, permettete1 ERRICO& !ccomodate$i. $ETTINA& Nicola, $iene. *,ia con Carmela e An iolina a sinistra.+ NICOLA& "i perseguito. FORTUNATO& 3enite$e a pigli( primma nu )icc#ierino e quacc#e cosa cc(, dinto a lo )uff+. NICOLA& S', dicite )uono, a me faciteme st( lontano de la folla. FORTUNATO& D. Err', onorateci anc#e $oi. ERRICO& No, grazie, io attendo D. Cesare in giardino. *)n fondo a sinistra.+ FORTUNATO& D. Nic,, fa$orite. NICOLA& Senza cerimonie. *Lazzi e viano seconda a diritta.+ GENNARINO& 9o pe me, non $oglio niente, $oglio una cosa, $oglio st( miezo le figliole... so* $enuto p*a))all(, pe zump(... e spezzuli(. *,ia prima a sinistra.+ SCEN! A79N"! Cesare, /iulietta e &elice. Di dentro si sente una forte risata di /iulietta. CESARE *portando a !raccetto /iulietta, con a!ito da festa di ran lusso. &elice li se ue portando sul !raccio la mantella di /iulietta. Cesare ha in mano delle carte di musica+ & Da8e ragione de ridere, la gente de stu paese, + accuss' curiosa, c#e uno a guardarla #a da ridere afforza. GIULIETTA& Specialmente c#illu ser$itore c#e a$immo tro$ato fora la sala. *Ridendo.+ CESARE& Sal$atore, Sal$atore. *Ride.+

GIULIETTA& /e l*accattarria proprio. *Ridendo.+ E p, a$ite $iste, tutte quante pe la strada me guarda$ano ncantata, comme fosse stata na cosa no$a pe lloro. CESARE& E pe lloro na cosa no$a +, quanto mai #anno $iste na signora tanto )ella, e $estuta de c#esta manera1 GIULIETTA *seria+& Fel', c#e #ai marito mio, perc#- stai tanto di catti$o umore1 FELICE& 9o no, anzi sto allegnissimo. CESARE& S', pur*io me so* accorto c#e stai nu poco ner$oso, seccato... pecc#-1 FELICE& E#, penzo a le malate, pu$erielle, m*aspetta$ano, e io non ce so* g#iuto. CESARE& /a te pare c#e putimmo penz( le malate m,, c#e nce ne preme... pensiamo a noi, pensiamo a di$ertirci. GIULIETTA& 3i$a, $i$a, tra lla r(. *Movimento.+ FELICE& 2D.a Giuli-, cc( $*a$ita da st( sodo co la gamma.4. CESARE& !spettate, $ado ad a$$isare le altre mie nipoti, m, $ide quante te $edono c#e succede cc(, )ella, simpaticona mia. 9o si tenesse na mugliera accuss', zumparria pe la priezza... e c#illo pare c#*#a passato l*ultimo gua8o.... "e#.... Guardannola sulamente te f( friccec( lo sango dinto a li $ene. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *&a il movimento, lazzi, entra a sinistra, /iulietta ride.+ FELICE& D. Giuli-, non redite c#e me facite attacc( li nier$e. GIULIETTA& Non potite credere comme me sto di$ertendo. FELICE& E $u8e non potite credere, comme me sto ntussecanno... $u8e m*a$ite miso dinto a nu )rutto gua8o.... 9o aggio rimasto muglierema a casa durmenno, non saccio si lo cocc#iere l*#a scetata o no. E si appura c#e io so* $enuto cc( cu )u8e, e $*aggio passata pe essa... add, me $aco a mettere1 GIULIETTA& /a c#e de$e fare, c#e de$e dire. !lla fine io non #o preso il suo posto per sempre, appena appena fino a domani mattina. Se poi $ogliamo seguitare... FELICE& ! c#i1 Site pazza1 9o aggio passato c#illi gua8e stanotte, e c#i sa quante n*aggia pass(... Lo ssapite c#e ste$o facenno pure nu duello1 GIULIETTA& E cu c#i1 FELICE& Col $ostro antico amante, il Sig. Errico Delfino, c#e fortunatamente, sapenno c#e io ero nipote a D. Cesare, amico di suo padre, #a mpattate le carte, e non #a parlato cc#i:. GIULIETTA& E pecc#- a$e$a f( stu duello cu $u8e1 FELICE& Pecc#- stanotte, a la trattoria a Posillipo, $*#a $isto nzieme cu me, s*#a attaccato li nier$e, e c#e saccio c#e m*#a ditto, io l*aggio risposto, nce simme appiccecate, e all*ultimo io le $ule$o men( na )utteglia nfaccia. GIULIETTA 7#. E io non me ricordo niente. FELICE& E c#e $ulite ricurd(, c#illo l*appicceco + stato quanno nu8e tene$eme lo $ino fino a cc(. *)ndica la ola.+

GIULIETTA& Guardate c#e com)inazione. /e dispiace c#e m*#a $isto m)riaca... FELICE& No, c#illo pur*isso ste$a miezo fatto. GIULIETTA& E stasera, sapite, isso sta cc(. FELICE& Lo ssaccio, + $enuto a conoscere a mia cugina c#e se l*#a da spus(. GIULIETTA& E io pirci, aggio $oluto $en', $oglio $ed- c#e faccia f(, quanno me $ede. FELICE& E si c#illo dice a zi zio c#e non me site mugliera io comme la com)ino1 GIULIETTA& E c#e $ulite da me, c#*aggia f(1 FELICE& !ppena lo $eco le conte tutto lo fatto, e m*aggia f( promettere c#e non dice niente. D. a Giuli-, non facimmo pazzie, sapete1 3u8e quanno lo $edite nun lo date retta, ricordate$i c#e siete mia moglie, non me facite scumpar'. GIULIETTA& 6#, $u8e pe c#i m*a$ite pigliata1 9o la moglie la so* fare, capite1 FELICE& /e ne so* addunato, quanno + $enuto zi zio a la casa mia... E c#ello c#e $e raccumanno non )e$ite $ino, liquore... si no cc( stasera facimmo n*ato gua8o, $u8e $e 8ate a cucc( sotto a nu pagliato e io ncoppa a n*al)ero de pigne.... GIULIETTA& 6#, non ce penzate. FELICE& Gi(... io non $e lasso li pede... Gitto... $enene tutte quante... nu poco de cuntegne D. a Giuli-, un poco d*importanza... pensate c#e siete una signora. GIULIETTA& Lassate f( a me. *$i soffia col venta lio, con ran sussie o.+ $CENA $E$'A Cesare, Carmela, Luisella, An iolina, -ettina, An elica, /ennarino, Alfonso, (eppino, Raffaele poi Nicola, &ortunato e detti. CESARE& 3enite, $enite a $edere c#i $i presento. *'utti sinchinano.+ /ia nipote la signora Sciosciammocca, napoletana. CARMELA& Signora. GIULIETTA& "anto piacere. CARMELA& Caro Felice... non ci $ediamo da tanto tempo. FELICE& C#e $uoi gli affari, la professione... CESARE& Auesta + l*altra mia nipote !ngiolina. ANGIOLINA& Ser$a $ostra. GIULIETTA& Auesta + quella )ella ragazza c#e si de$e maritare1 CARMELA& Perfettamente, e si prende un )ellissimo gio$ineF ma + tanto spruceta c#e non potete immaginare.

GIULIETTA& Spruceta1 E c#e significa spruceta1 FELICE& 3uol dire, un poco sc#izzignosa, ritrosa. CESARE& C#e $olete, po$era ragazza, + stata sempre in questo paese, ma adesso ci penser( mia nipote qua presente, se mettarr( $icino a essa... e le darr( na leziuncella. FELICE& 2E sta fresca.4 GIULIETTA& S', s', penser, io, penser, io a... rinsanguarla... CARMELA& Sar( un onore per noi... Auesti sono tutti amici del paese. *)nchini di tutti.+ $ETTINA& 9o sono la consorta del Ca$aliere Nicolo Pagliuc#ella, Sindico di questo comuno. GIULIETTA& !#, )ra$issimo, per conseguenza siete la sindac#essa. GENNARINO& E io sono l*unico loro figlio Gennaro Pagliuc#ella, ai $ostri pregiatissimi comandi. GIULIETTA& 6#, grazie, per carit(. CESARE& Auesto gio$anotto poi + l*opposto di !ngiolina, + s$elto, intelligente, spiritoso, $a sempre a Napoli. GIULIETTA& 3e piace Napule1 GENNARINO& 6#, molto, io starei sempre in Napoli. C#e cielo. C#e citt(. C#e $ita. C#e allegria. "utte le $olte c#e ritorno da Napoli, questo paese mi sem)ra una tom)a. Ci sto perc#- ci de))o stare, perc#- ci sta pap( e mamm(, ma per me non ci starei nemmeno un minuto. C#e monotonia, c#e silenzio, c#e tristezza, c#e noia, c#e seccatura. 3i$a Napoli. 3i$a la gran citt(. Ll( si $i$e. Aua si muore. GIULIETTA& 2Ne#, quant*+ )ello c#isto.4. FELICE& 2No, a c#isto m*accatto.4. CESARE& Auesto + ricc#issimo, sai, il padre + milionanio, a quell*et( gi( tiene sei o settecentomila lire de le sue, + $ero1 GENNARINO& Gi(, mi furono lasciate da mia nonna, poi tengo ;CC lire al mese c#e mi passa pap(, e >CC me ne passa mamm( e sono ?CC... non c*+ male, $i$o discretamente. GIULIETTA& !#, )ra$o. *A &elice&+ 2D. Fel', c#isto putarria accunci( li fatti miei nu poco.4. FELICE& 2Puozze scul(, statte zitta.4. GENNARINO& !#, ecco appunto pap( il sindaco. NICOLA *esce se uito da &ortunato+& Signori rispetta)ili. CESARE& D. Nic,... *Lazzi.+ 3i presento la signora Sciosciammocca, moglie di mio nipote Felice. NICOLA& Piacere. Nicola Pagliuc#ella Ca$. sindaco di occarossa... 9l nostro parrocc#iano Fortunato Palella. FORTUNATO& !i $ostri comandi. GIULIETTA& Signor sindaco, sta$amo parlando di $ostro figlio, + da$$ero un gio$ine distinto ed intelligente.

NICOLA& %ont( $ostra per carit(. Sulo c#illo aggio fatto, e m*+ riuscito. FELICE& 2Da fatto lo tortano co la nzogna.4. NICOLA& No pecc#- m*+ figlio, ma + nu gio$inotto c#e fa onore al paese. C#e ne facite sti turze, sti sciadde8e, c#e non so* )uone a niente. 9o ogne parte de mise lo faccio st( na settimana a Napule, e s*+ mparate cose c#e non le sape nisciune dinto a lo paese. Lo mettite a ta$olino a f( cunte1 Non ce sta c#i l*appasse, legge e scri$e meglio de nu prufessore. Dinto a f( na festa de )allo p,, meglio non ce p, st(... a))alla, sona, canta, zompa, li gioc#e... GIULIETTA& %ra$issimo. FELICE& 2/a c#*+ na scigna14. GENNARINO /a no, pap( esagera. GIULIETTA& 9nsomma sa $i$ere, conosce il )onton. /a cos' )isogna essere per farsi apprezzare in societ(. 7n gio$ine c#e sia )ello, simpatico, ricco, non $uol dir nulla, de$e tener dello spirito e de$e essere c#ic, per farsi amare e )en $olere da tutti... e specialmente poi dalle donne. 6#, la donna non si attacca mica alla ricc#ezza o alla )ellezza, la donna si attacca allo c#ic, ed infatti, c#e cosa $ediamo oggi nell*alta aristocrazia1 Delle donne di alto )ordo, amic#e mie, sapete1 C#e perdono la testa, non pensano pi: ai titoli, ai )lasoni, al sangue )l: c#e tengono nelle $ene, e s*innamorano facilmente di un gio$ine, po$ero forse, ma c#e sia c#ic, e spiritoso. *Ad An iolina&+ E cos' de$i essere anc#e tu, carina. NICOLA& 2Come parla )ene, com*+ distinta4. FORTUNATO& 2La signora, + sempre signora4. ANGELICA& 2Comme + )ella c#ella $esta4. LUISELLA& 2C#este so* tolette, ati c#e c#iacc#iere4. $ETTINA& 2Pe causa to8a aggia f( c#esti figure, #a8e ditto& ll( non ce sta nisciuno, miettete na $este qualunque, io si lo ssape$o, me mette$o l*a)ito celeste coi pallottolini ricamati4. NICOLA& 29o sape$o c#esto, n*ata $ota te miette la $este co li palluottele.4. LUISELLA& 2Si stato tanta $ote a Napule, m*a$isse mai accattato nu $entaglio comme a c#illo4. ALFONSO& 2E gi(, c#illo comme stesse nu paro de lire c#elle so* tutte penne de gallottole, non le $ide14. PEPPINO& 2/a + proprio na sciasciona.4. RAFFAELE& 2"ene du8e uocc#ie, c#e fanno perdere la capa.4. GENNARINO& 2Forse pigliarraggio nu s)aglio, ma c#ella me pare tale e quale Giulietta la fioraia c#e ste$a a Napule, a))ascio a lo Salone /arg#erita, pe soprannome la c#iamma$ano la Nanassa, #a da ten- nu nie$o addereto a la spalla4. *,a a parlare con /iulietta.+ CESARE& Ne#, facciamo qualc#e cosa, un poco di canto. Carmela, c#i canta1

CARMELA& G' z' c#e $*aggia dicere, qua in paese... $oi lo sapete... non c*+ nessuno c#e canta. CESARE& Lo s,, lo s,, c#isto + stato un. paese sempre nemico della musica. CARMELA 2C#e figura. C#e figura.4. CESARE& Fel', f( cantare qualc#e cosa alla tua signora, qualc#e )ella romanza. FELICE& /a io non s,... C#e ne dici moglie mia1... /oglie mia1... *La vede che parla con /ennarino.+ 2Se sta com)inanno lo figlio de lo Sinneco.4. /oglie mia1 GIULIETTA& C#e )u, Fel'1 FELICE& Auesti signori ti $ogliono far cantare, c#e ne dici1 GIULIETTA& 9o #o portato con me qualc#e romanza, ma non mi sento tanto )ene di $oce. CESARE& 6#, noi ci contenteremo di tutto. GIULIETTA& /a non posso, credetemi. FORTUNATO& 3e ne prego, signora... NICOLA& 3e ne preg#iamo tutti. GENNARINO& 3e ne prego caldamente anc#*io. *Cesare prende le carte di musica.+ GIULIETTA * uarda le carte di musica+& !llora canter,, come posso questa qui. *Mostrandola.+ GENNARINO& ! me, a me. *Le e iltitolo&+ ! San Francisco. TUTTI& %ra$a, )ra$a. FORTUNATO& Sar( un*aria religiosa. NICOLA& Aualc#e cosa dedicata a San Francisco. FELICE& 2C#ella + la canzona de li carcerate.4. NICOLA& Sentiamo, sentiamo. GIULIETTA *canta+& 9. Femmene )elle c#e da cc( passate Fermate$e nu poco e nce guardate Pe causa $osta nu8e passammo li gua8e C#iuse cc( dinto se patisce assa8e Fermate$e nu poco si potite /enatece nu $aso si $ulite

E quanno p, ce danno la li)ert( 7#, mare c#i $e tocca, lo pa$arr( ! San Francisco Se sona lo ris$eglio C#i dorme e c#i $eglia C#i fa nfamit(. TUTTI *applaudiscono+. 99. /e tro$o dinto cc(, dinto a sti pene, pe na guagliona c#e $ule$o )ene. C#e me dicette cu na faccia tosta Non fa8e pe me nenn', tienete la posta ! "ore Guerra c#isto tradimento Non ce $edette cc#i: a c#illu momento !#, scellerata. Em)+, c#esto se fa1 9o l*addurmetto.... E m,... me tro$e cc(. ! San Francisco "u siente nu fisco *$i sente un fischio.+ Lo paniello cc#i: fnisco Nce fanno magn(. TUTTI& %ra$a. %ra$a. CESARE& %allo, signori, )allo. *$i suona e si !alla la #uadri lia, meno /iulietta.+ <Complimant $u dam. "our de me. !na$( le premier, anari+. Le premier c#anc+ dam. Le second ana$(, anari+, c#ance dam, grand rond a druat, a c#ass, form+ mulin+ ca$ali+ donn+ men druat a $o dam e forme gran scene a druat=. */iulietta !alla il cancan.+ TUTTI& %ra$a. %ra$a. FELICE& 23' c#e m*#a com)inata c#esta.4.

CESARE& Auesto si c#iamma )allo.... ! proposito, c#illo gio$inotto D. Errico + $enuto1... CARMELA& S', poco prima sta$a qua. FORTUNATO& !#, + in giardino c#e $*aspetta. CESARE& %ra$issimo. *Ad An iolina.+ C#e impressione t*#a fatto, d' la $erit(1 ANGIOLINA& /e piace assai, assai, ma non l*aggio ditto niente, pecc#- me metto scuorno de ce parl(. CARMELA& /i #a fatto fare una tristissima figura. CESARE& Clement' famme lo piacere, portatella tu, dalle na )ona lezione. GIULIETTA& /a s' con piacere. 3ieni cuginetta mia. CESARE& F( tutto c#ello c#e dice essa, esattamente. E#, si tutte le femmene de stu paese, imitassero questa gio$ine, sare))e una fortuna per loro. FELICE& 2Po$ero paese.4. CESARE& Non + la )ellezza c#e ci fa innamorare, come giustamente dice$a lei, + il parlare corretto, la grazia, lo spirito. FORTUNATO& 6#, ma certamente... GIULIETTA *ad An iolina+& "u, cuginetta mia, ti de$i specc#iare in questo gio$anotto, egli col suo spirito, con la sua s$eltezza, guadagna su)ito la simpatia di tutti, e specialmente, ripeto... la simpatia delle donne. GENNARINO& /a grazie, ella mi $uol mortificare, ella + la gentilezza personificata. GIULIETTA& !#, non c*+ di c#e. *Ad An iolina.+ !ndiamo, $ieni, ti dir, tante )elle cose, ti far, sem)rare pi: )ella agli occ#i del tuo fidanzato. /a su, allegra, alza la testa, fisonomia $i$ace, eleganza, decac#+, e sopratutto )rio, mo$imento nella persona. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *Alza la am!a, via con An iolina a sinistra. &elice le se ue.+ FELICE& 23edite c#e le $a a mpar(.4. *,ia.+ CARMELA& C#este so* femmene... Scusate zi zi, ma pecc#- #a aizato la gamma1 CESARE& E c#e ne saccio, add( essere nu mo$imento dell*alta aristocrazia. Lassatela st( nu poco sola cu Ngiulina, c#ella soltanto la po f( cam)i( de carattere. 9o $aco a pigli( lo sposo dinto a lo giardino. *,ia pel iardino.+ CARMELA& C#e )ella cosa, c#e sc#icc#eria. LUISELLA& "u c#e me strille sempe quanno parlo pulito. ALFONSO& C#e c*entra, tu s' n*ata cosa. PEPPINO& E nu8e $icino a c#ella c#e simmo dinto a stu paese1 RAFFAELE& C#e a$imma da essere1 "anta pulice. GENNARINO& 2Auant*+ ))ona, comme me guarda$a, si putesse...4. $ETTINA *a Nicola+& "*aggio ditto tanta $ote 8ammoce a sta)il' a Napule, nonsignore, a$imma da st( dinto a stu presepio... /a si

me $ene ncape, me ne $aco io sola. NICOLA& /a $edite c#e pensiero. /e ne $aco da cc(1 9o songo lo sinneco, e c#esto ce mancarria. FORTUNATO& 3u8e pazziate, e senza $u8e, nu8e c#e facimmo1 NICOLA& C#ella $eramente f( $en' lo gulio de st( a Napule, mmiezo a la no)ilt(, in mezzo ai signori... + n*ata cosa, + altro agire... nu8e per esempio, c#ell*aizata de gamma non la tenimmo. 3i$a, $i$a, tra #a r(. *Alza la am!a.+ FORTUNATO& 5 un mo$imento scic# di no)ilt(. NICOLA& C#esta n*atu poco c#e sta, nu8e s( quanta cose ce mparammo. FORTUNATO& 7#. !$ite $oglia. $CENA $E'')MA Cesare, Errico e detti, poi Clementina e $alvatore. CESARE& /a $iene cc( dimme francamente, Ngiulina te piace1 ERRICO& S', me piace, ma + fredda... inceppata... figurate$i c#e non + stata )ona a dirmi nemmeno na parola. CESARE& Se sape, la primma $ota c#e t*#a $isto, c#e $uli$e1 Piano piano, piglianno confidenza, $edrai c#e ti parler( con pi: coraggio. C#ella sta ricca s(, tene >CC mila lire di dote, e stu palazzo + rro))a so8a. Si p, non te piace, io non te $oglio forz(, dicimmo a pateto c#e non + cosa, e non ne parlammo cc#i:F ma io sono sicuro c#e il matrimonio si far( e sarai contento. ERRICO& Speriamo, CESARE& D. Gennanino $oi c#e siete tanto s$elto, offrite qualc#e cosa al Sig. Errico... qualc#e )icc#ierino di cognac, fate $oi gli onori di casa. GENNARINO& Con piacere, fa$orisca signore. ERRICO& Grazie. 2 ,iano a destra seconda porta.+ SAL#ATORE& Fa$orite, fa$orite. CLEMENTINA& Signori, )uona sera a tutti. CARMELA& %uonasera. CESARE& 6#, a$anti. 2E a c#esta c#i l*#a in$itata1... Ne#, Carm+ l*#a8e in$itata tu a c#esta14. CARMELA& 2No4. CESARE& 2E c#*+ $enuta a f( cc(14 CLEMENTINA& Signor Cesare, do$ete scusare se mio marito non #a potuto $enite, perc#- #a do$uto andare a Caserta per

un*operazione, sono $enuta io sola, non credo c#e $i dispiace1 CESARE& No, anzi ci fa piacere. *A li altri.+ 2Auesta + una signora napoletana, moglie di un c#irurgo, amico e collega di mio nipote Felice4. CARMELA& Presentateci. CESARE& /ia nipote Carmela. CLEMENTINA& "anto piacere. CARMELA& Signore... 3i$a, $i$a, tra lla r(. *Alza la am!a.+ CESARE& Auesto + il sindaco del paese, Ca$aliere Nicola Pagliuc#ella. NICOLA& Ser$o $ostro. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ CLEMENTINA& %ra$issimo. CESARE& Sua moglie %ettina. $ETTINA& Fortunatissima. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ ALFONSO& !lfonso Canario, consigliere municipale. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ LUIGI& Ed io sono Luisa, sua moglie. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ CESARE& %ra$issimo. %ra$issimo. CLEMENTINA 2/a c#iste c#e so*, pazze.4. FORTUNATO& E io sono il parroco, Fortunato Palella. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *Lazzi.+ TUTTI * linvitati inchinandosi+& Signora... 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *C.s.+ CLEMENTINA& 2!ggio capito, #a da essere n*usanza de stu paese.4. Sig. Cesare, senza cerimonie, se $olete c#e faccio qualc#e cosa, ditemelo francamente, $oi non mi do$ete trattare come un*in$itata, ma come una parente. CESARE& 6#, siete troppo )uona. CLEMENTINA& E do$ere. 3ostra nipote, per esempio, mi de$e trattare come una sorella. CESARE& !#, sicuro, sicuro... 2/a c#esta pecc#- s*ammuina tanto, $orria sap-4. CLEMENTINA& Do$e de))o andare per aggiustarmi un poco, pulirmi alla meglio, dalla stazione fino a qua non #o tro$ata una carrozzella, me l*#o do$uta fare a piedi, sono tutta impol$erata. CESARE& Sal$atore, accompagna la signora nella stanza da toletta. SAL#ATORE& Su)eto. "rasete. *Entra con Clementina prima a destra.+ CESARE& 5 )astantemente seccante la signora. CARMELA& Ne#, 8ammo nu poco fore a lo giardino. 3enite. *,iano tutti linvitati con lei pel iardino.+ NICOLA& Eammo D. Fortun(.

FORTUNATO& Sono con $oi. *A so etto viano pel iardino.+ CESARE& 9o non capisco a c#ella c#i l*#a fatto $en' cc(1... !#, aggio capito, sarr( stato Felice e la mugliera c#e l*#anno in$itata. $CENA .''A,A &elice e detto, poi (as#uale. FELICE& /a c#e )ella lezione c#e sta a$enno sorema cucina... + nu piacere. CESARE& Fel', dinime na cosa, c#ella signora, la mogliera de c#illo amico tu8o e collega, non me ricordo comme se c#iamma,,. FELICE& !#, Pasquale Cardelli. CESARE& Se#, la mog#iera, c#ella c#iatta c#iatta, l*#a8e fatta $en' tu cc(. FELICE& No, pecc#- sta cc(1 *$orpreso.+ CESARE& /, proprio + $enuta, s*+ presentata accuss' senza c#e nisciuno l*#a ditto niente, m*+ parsa na cosa curiosa. FELICE& /a comme, c#ella c#iatta c#iatta c#e a$ite $iste a casa mia1 CESARE& Se#, la mog#iera de c#illo amico tu8o. FELICE& E sta cc(1 CESARE& Sta cc(, s'. /, s*+ g#iuta a pulezz(, a le$( nu poco de pol$ere... io me crede$o c#e l*a$i$e in$itata tu. FELICE& 9o1 No.... 9o m, me ne $aco. CESARE& "e ne $a8e1 FELICE& Gi zi, io dimane m*aggia sosere priesto per le $isite ai malati. CESARE& /, stamme a lo meglio, e tu te ne $u, 8... 9o $olarria sap- proprio a c#ella c#i l*#a fatta $en' cc(1 FELICE& Forse muglierema. CESARE& /ogliereta1 Da fatto )uono. C#ello c#e fa, f( tutte cose )uone. FELICE& 2C#ella fa tutte gua8e.4. CESARE& Eamme nu8e pure fore a lo giardino. FELICE& No zi zi, io aggia st( $icino a muglierema, c#ella + gelosa... CESARE& 5 gelosa1... 5 gelosa1... 3iate a te.... *Lazzi, vie pel iardino.+ FELICE& /uglierema cc(. E comme + $enuta1 C#i l*#a fatta $en'1 E c#isto + nu gua8o. Comme la com)ino1 PASQUALE& Gu+, Fel' sta8e cc(1 /eno male c#e t*aggio tro$ato. FELICE& Gu+... + stato lo cielo c#e t*#a mannato... c#*+ succieso1

PASQUALE& Nu gua8o.... 9o ogge so* tornato a la casa to8a, e aggio tro$ata a mogliereta c#e se ste$a $estenno pe $en' cc(, allora senza perdere tiempo m*aggio pigliata na carrozzella e so* corruto a la stazione, me so* mise dinto a lo treno e te so* $enuto ad a$$is(, aggio fatto )uono1 FELICE& Da8e fatto )uono, ma c#ella + arri$ata primme de te. PASQUALE& Gi( sta cc(1... !ggio capito, sarr( partita co lo diretto, io so* partito co lo misto. FELICE& E a$immo fatto stu fritto misto. Comme faccio, comme arreparo1 Compagno, aiutame tu. Cc( si s*appura sta cosa io passo nu gua8o cu muglierema, cu zi zio, cu tutte quante. Cc( non $oglia ma8e lo cielo, stasera se re$ota la casa, nce sta pure lo sinneco, li consigliere municipale, add, me $aco a mettere1 PASQUALE& E zitto, calmete, m, $edimmo de tru$( nu mezzo. Essa add, sta1 FELICE& Nun lo ssaccio, dice c#e se sta pulezzanno, se sta le$anno la pol$ere. Nu8e a$imma st( sempe nzieme, appena la $edimmo, nce la pigliammo, e nce la portammo dinto a na cammera, e ll( $edimmo comme la putimmo m)rugli(, c#e scusa putimmo tro$(1 C#ella sape c#e io stongo a Caserta. PASQUALE& "ro$ammo na scusa qualunque. FELICE& 7#. /amma mia, cc( nce sta pure lo parrocc#iano. PASQUALE& Pure lo parrucc#iano1 FELICE& 9o so* ro$inato. Compagno, non me lass(. PASQUALE& Compagno, non te lasso. 2 ,iano pel iardino.+ $CENA N.NA /iulietta, poi /ennarino. GIULIETTA *esce ridendo+& !#, a#, c#esta + )ella, la guagliona se sta passanno essa sola a lezione c#e l*aggio data, comme me sto spassanno. /a Errico per, non lo $eco, forse non sar( $enuto ancora. GENNARINO *uscendo, parla internamente+& /a ser$ite$i, ser$ite$i, senza complimenti. *,ede /iulietta.+ 2Eccola qua, quanto + )ella.4. Signora... GIULIETTA& 6#, carissimo. GENNARINO& 2Carissimo.4. C#e $e ne pare di questo paese infelice, di questi curiosi a)itanti1 GIULIETTA& Eppure, io ci sto )ene, mi di$erto assai. Non c*+ la $ita di Napoli, si sa, ma gli a)itanti per, sono tutte persone simpatic#e.

GENNARINO& 3eramente1 GIULIETTA& 3eramente. GENNARINO& !llora + una fortuna per noi. 2Comme a$arria f( pe $ed- si tene lo nie$o1...4. C#e )ell*a)ito c#e a$ete, c#e )ella stoffa, $eramente di gusto. GIULIETTA& 3i piace1 GENNARINO& 6#, molto. La $ostra sarta forse + Parigina1 GIULIETTA& S'... /adama !$anz. GENNARINO& /adama !$anz1 5 un )rutto cognome la $erit(. GIULIETTA& E perc#-1 GENNARINO& Pare comme dicesse& /adama a$anze denare. GIULIETTA *ride+& !#, a#, sicuro, io non ce a$e$o )adato... Eppure guardate la com)inazione, cosi +, de))o pagare ; note. GENNARINO& ; note1 GIULIETTA& Sicuro, saranno un paio di migliaia di lire, $oi $i credete sette, ottomila lire1 No, sono > mila lire. GENNARINO& E#, aggio capito. 2No, io me crede$o niente4. Eccome, $ostro marito $i f( tenere de)iti con la sarta. GIULIETTA& 6#, mio marito non si occupa della mia sarta. 6gni > o ; mesi, mi d( una somma, e io pago tutto quello c#e )isogna. !lle $olte si dimentica, e succede c#e si attrassano le note. GENNARINO& 6#, $edete, $edete. /a quest*a)ito $i st( proprio a pennello, come + tagliato )ene la $ita, le spalle. */ira intorno e uarda le spalle.+ 2Lo $' cc( lo nie$o, lo $', + essa, sangue de %accoF + la Nanassa.4. Eppure, signora, $oi somigliate perfettamente ad una gio$ine fioraia, c#e io $idi a Napoli l*anno scorso, tale a quale, sem)rate proprio due sorelle. GIULIETTA& 3eramente1 GENNARINO& Parola d*onore, ma nella persona per,, non gi( nel carattere, spiegamoci )ene. 3oi siete una signora, e quella era una feminuccia di strada, ineducata, ci$etta, attaccata all*interesse, senza amor proprio, scenza scuorno. E pe soprannome la c#iamma$ano... GIULIETTA& La Nanassa.... La Nanassa. GENNARINO& La Nanassa... )ra$o.... GIULIETTA& C#e song#*io.... 9o proprio.... E non te piglio a pacc#ere, pec#- s' nu guaglione im)ecille, e me fa8e compassione, #a8e capito1. GENNARINO& /*a$ite consolato.... 9o l*aggio fatto apposta... GIULIETTA& E quanto s' )ellillo... 2Comme simme )elle tutt*e du8e.4. GENNARINO& 9o #o fatto questo per sapere se era$ate $oi. /a $oi non sapete quello c#e #o fatto a Napoli, per $oi a $ostra insaputa,

io $e so* $enuto appresso le ore intere, ma me mette$a sempe scuorno de $e ferm(, me mette$a a nu pizzo a))ascio a lo Salone /arg#erita, e $e guarda$a ncantato. GIULIETTA& !spettate, $u8e forse site c#illo gio$ine c#e $e piglia$e$e sempe un garofano e me di$e$e nu ? franc#e argiento1 GENNARINO& Perfettamente, nu ? franc#e argiento... e pe scuorno $e lo mette$o dinto a lo panaro. GIULIETTA& Sicuro, m, me ricordo, acala$e$e sempe da coppa pe non $e f( guard(. *Ride.+ GENNARINO& Perfettamente. !$e$o una soggezione di $oi c#e non potete credere. !llora per,, ma m, no, m, me faccio guard(, m, $e dico c#e site )ella, simpatica, c#e $aco pazzo pe $u8e.... 3e site mmaretata1 C#e fa, io $e $oglio sempe )ene. GIULIETTA& 3eramente1 E nce pozzo credere1 GENNARINO& Nce #a8e la credere... Nanassella, Nanass+... GIULIETTA& Gitto, $enene gente. 3enite a Napole, a casa mia e parlammo. GENNARINO& La casa1 3a )ene.... 2/, $aco a dicere a pap( c#e dimane $ogl*8 a Napule4. Permettete1 *,ia pel iardino.+ $CENA DEC)MA An iolina e detta, poi Errico, poi Clementina e $alvatore. ANGIOLINA& Sign,, m*a$ite rimasta sola, add, site 8uta1 GIULIETTA& Sono $enuta a cercare mio marito. ANGIOLINA& 7#, sign,, c#illo gio$ene c#e me $, spus(. D. Errico $ene da c#esta parte. GIULIETTA& 9sso1... !llora ti raccomando la lezione, m, nce $edimmo. *$i nasconde a sinistra in fondo, e fa capolino, An iolina passe ia con ran sussie o, facendosi vento col venta lio.+ ERRICO *uscendo+& 6#, signorina. ANGIOLINA& 6#, )uonasera, $i$a, $i$a, tra ll( r(. *Alza la am!a.+ ERRICO& %ra$issima. ANGIOLINA& S:, $ia, datemi questa mano... *La prende.+ Stringetela, cos', forte, comme se dice assanguato.... ERRICO& 2E c#ed*+ ne#14. ANGIOLINA& /e parene mill*anne c#e spusammo, non me fido aspett( cc#i:, quanno na figliola se fa de na certa et(, lo marito + necessario come lo ppane, e io lo $oglio, lo $oglio, lo $oglio. ERRICO& 2Gu+, $' c#e nce tene$a ncuorpo c#esta.4. ANGIOLINA& Specialmente p, quanno nu marito + s$elto, e pazzariello, quanno nu marito le fricceca lo sango dinto a li $ene. !#.

na figliola se consola. Eamme dimme quacc#e cosa, cerc#eme nu $asillo, n*a))raccio, c#e non simme spusate1 E c#e fa.... Pizzic#e, e $ase non fanno pertose.... Erricuccio mio, $olimmo camp( cient*anne, $olimmo st( sempe allegramente. 3i$a, $i$a, tra ll( r(. *Alza la am!a. /iulietta dalla sinistra passa seconda a diritta, porta in mano un mazzetto di arofani.+ ERRICO& 2/a song#*io, o non song#*io c#esta fosse asciuta pazza.4. ANGIOLINA& Dunque io me ne $aco, te raccomanno, spusammo am)resse, e non perdimmo tiempo. ERRICO& S', s', al pi: presto possi)ile. 2E sta8e fresca.4. ANGIOLINA& /aretiello mio aggraziato.... Guccariello mio te#... */li mena dei !aci e via pel iardino.+ ERRICO& !ll*arma de la carta )ianca.... E c#i se la piglia1 /anco si tenesse nu milione. CLEMENTINA& Eccomi qua. *$alvatore la se ue.+ Do$e sta D. Cesare1 SAL#ATORE& Eamme a $ed- fore lo giardino. CLEMENTINA *a Errico+& Signore, )uonasera. ERRICO& %uonasera. CLEMENTINA& 3i$a, $i$a tra ll( r(. *Alza la am!a e via pel iardino con $alvatore.+ ERRICO& E c#esta add( essere n*ata pazza. $CENA 3ND)CE$)MA /iulietta e detto, poi &elice, Clementina e (as#uale. GIULIETTA& Signor Delfino, $i saluto. ERRICO& C#e.... Giulietta.... "u cc(1... GIULIETTA& E#, mio caro amico, se dice, montagne e montagne non se confrontene ma8e. 9o m*a$e$a miso l*anema npace, e non ce penza$o cc#i: a te, e la com)inazione stasera nce ncuntrammo cc( ncoppa, #o conosciuta la $ostra futura, e $e ne faccio i miei sinceri complimenti, a$ete saputo scegliere. ERRICO& /a c#e scegliere, scegliere, io non spusarraggio ma8e c#ella f'gliola. E tu cu c#i s' $enuta1 GIULIETTA& E c#e $e ne mporta a $u8e1 6#, c#esta + )ella, sono $enuto col mio amante. ERRICO& Giuli-... non me tratt( accuss', pecc#- si no me fa8e f( cose de pazze. GIULIETTA& Fa8e cose de pazze1 S' stato tu, c#e doppo tanta promesse, tanta giuramenti, sei mise fa spariste, senza nisciuna ragione. E te cride c#e io me pigliaie collera1 Niente affatto. Dicette& %ra$oF #a fatto na )ella cosa, na )ell*azione. 9o $ole$o essere na f'gliola onesta, me $ule$o mmaret(, $ole$o essere na mogliera affezionata, non #a potuto succedere, lo cielo non #a $oluto, e

non ne parlammo cc#i:. Fortunatamente io non era scema, e non ce perdette nienteF ma tu per, nce perdiste assai, pecc#- na femmena comme a me, t*assicuro c#e non la truo$e. ERRICO& S', + o$ero, #ai ragione, ma non so* stato io. Giuli-, crideme, so* state li pariente miei c#e non me face$ano sta ma8e quieto pe stu fattoF ma io ti giuro c#e a te $oglio )ene... si, te $oglio )ene cc#i: de primme. Stanotte aunito a c#ill*ommo, m*+ sagliuto lo sango ncape, e ste$o facenno nu gua8o. Perdoname Giuli+, facimmo pace. GIULIETTA& E la sposa, p,1 ERRICO& /a c#e sposa e sposa. 9o ero forzato a f( stu matrimmonio, ma... non ce ste$a nisciuna intenzione... pensa$o sempe a tte. GIULIETTA& !llora ne $oglio na pro$a. ERRICO& C#e pro$a1 GIULIETTA& Lasse sta casa m, proprio, e $ienetenne a Napule cu me. ERRICO& Eammuncenne, anze aspetteme fore a lo canciello, quanto scri$o do8e parole a D. Cesare, e $engo. GIULIETTA& So* necessarie sti parole1 ERRICO& /e dispiace de lassarlo accuss', senza manco du8e rig#e. GIULIETTA& !llora io t*aspetto fore. *(rende la mantella e se la mette.+ ERRICO& S', tesoro mio. *Le !acia la mano.+ GIULIETTA *arriva alla comune e si volta+& Err', io $aco, $ide de $en', pecc#- sta $ota si non $iene, te sciacco. *,ia.+ ERRICO& C#e sciasciona. C#e zucc#ero.... 5 impossi)ile, non me la pozzo scurd(. /, scri$o a D. Cesare c#e non me $oglio nzur( cc#i:, nce aggio pensato meglio. *'ira fuori un taccuino e scrive.+ CLEMENTINA *se uendo &elice, e (as#uale appresso a lei+& Felice mio, c#i se pute$a credere c#e te piglia$e tanta collera. FELICE& Non sento ragioni. CLEMENTINA& !lla fine io non so* $enuta in casa di estranei. FELICE& Aualunque fosse stata a casa, tu non a$i$a $en' mai senza di me, + segno c#e nc*+ a$uta essere na ragione pe $en' sola. CLEMENTINA& Nisciuna ragione... PASQUALE& /a cara signora, $u8e a Felice pe c#i l*a$ite pigliato, c#illo tene ; dete de cer$elle, c#illo #a ditto c#e g#ie$a a Caserta per fare un*operazione, l*#a fatto apposta pe $ed- $u8e c#e faci$e$e quanno isso non nce ste$a. 9nfatti, $oi leggermente Fel', scuse c#e dico sta parola, ma tua moglie + leggera. FELICE& Sicuro na $ota. 2/, pesa > quintali.4 PASQUALE& Dunque $oi leggermente, appena isso + partito, site $enuta cc(, io c#e lo ssape$o, ce lo so* g#iuto a dicere, e $*#a ncucciata. FELICE& E c#e ero scemo io. 3ergogna. Doppo lo fatto c#e $a facenno figli pe dinto a la 3illa.

CLEMENTINA& /a io tanto so* $enuta pecc#- era a casa de lo zio, a n*ata parte non ce 8e$o certo. PASQUALE& 3a )uono. Fel'F se $ede c#e non l*#a fatto pe male. CLEMENTINA& N*ata $ota c#iudeme da dinto, + fatto... /e#, facimmo pace. FELICE& Non facimmo a$ut( lo stommaco la gente. Pasc(, miettatello sotto a lo $raccio... non la lass( cc#i:... te l*affido a tte. PASQUALE& Non du)it(, non la faccio parl( manco cu li femmene $enite sign,. FELICE& Ll( sta lo )uff+... falle $e$ere Pasc(... PASQUALE& !#, sicuro... $enite, $enite. *$e la mette a !raccetto.+ CLEMENTINA& 3' c#e )ir)antiello, $i comme #a fatto la parte naturaleF famme le $aligie, pecc#- aggia 8 a Caserta per un*operazione, e m, te credo cc#i:, stai frisco. FELICE& E#, doppo a lo fatto de la statua de Giam)attista 3ico me sto attiento... Pasc( falle $e$ere... falle $e$ere. PASQUALE& Non du)it(. *,ia con Clementina seconda destra.+ FELICE& Non saccio comme me so* sal$ato. /a c#e amico c#illo Pascale, $( nu regno. ERRICO& Scusate, faciteme lo piacere, date stu )iglietto a D. Cesare, ma su)ito per,. *Lo d".+ FELICE& 3a )ene, $i ser$o. ERRICO& Grazie, grazie, a ri$ederci. *,ia per la comune.+ $CENA D.D)CE$)MA /ennarino e detto, poi Cesare, indi $alvatore. GENNARINO& 2Pap( #a ditto c#e s'. /, $aco a casa, me faccio la )alice, e dimane a primma matina $aco a Napule, ma l*indirizzo non lo saccio... !#, cc( sta lo marito....4. C#e )ella serata, + $ero1... Come ci stiamo di$ertendo. FELICE& !#, sicuro, specialmente io me sto di$ertenno assai. GENNARINO& La signora do$e sta1 FELICE& Non lo so, forse in giardino. GENNARINO& No, nel giardino non c*+... ! proposito, io quando mi sono presentato a $oi, non #o data la mia carta da $isita, scusate, eccola qua. *La d".+ FELICE& Grazie. *Le e&+ <Gennaro Pagliuc#ella=. GENNARINO& Posso a$ere l*onore di tenere la $ostra1 FELICE& Sicuro. Eccola. *La prende, e la d".+

GENNARINO *le e+& <Professor Felice Sciosciammocca, medico e c#irurgo. !scensione a C#iaia HH=. Grazie. *(.a.+ FELICE& Spero c#e non a))iate mai )isogno di me. GENNARINO& E perc#-1 !nzi... !#, #o capito, come medico, gi(... dite )ene. !#. !#. *Ride.+ /a non... e#, $a )uono s'... *,ia per la comune.+ FELICE& E#, $a )uono... c#e )ello tipo. CESARE *dal iardino+& Fel', mogliereta #a fatto perdere la capa a tutte quante, tutte $onno f( lo mo$imento co la gamma... comme so curiuse. *Ride.+ FELICE& ! proposito, zi zi, D. Errico Delfino, m*#a dato stu )iglietto pe $u8e... CESARE& Nu )iglietto pe me1 E c#e ),1 *Le e&+ <Carissimo signor D. Cesare. Scusate se $ado $ia da questa casa senza salutare nessuno. Do riflettuto c#e questo matrimonio, mi a$re))e reso infelice e #o creduto fuggire per e$itare il $ostro giusto risentimento. 9o amo un*altra donna, c#e mi + stato impossi)ile dimenticare. Perdonatemi. Errico=. Comme1... E c#e significa c#esto1 E pecc#- non me l*#a ditto primme, c#e figura me fa f(, pe c#i m*#a pigliato1 Da quanto tiempo se n*+ g#iuto1 FELICE& Poco primma. CESARE *chiamando+& Sal$at,... Sal$at,...1 SAL#ATORE& Comannate1 CESARE& !rri$a a D. Errico lo sposo, fallo $en' su)eto cc(. SAL#ATORE& E comme l*arri$o sign,, c#illo s*+ miso dinto a na carrozzella, e la signora #a ditto nfaccia a lo cocc#iere& curre, portece su)eto a la stazione... a c#est*ora saranno pure partite. CESARE& Comme, ste$a na signora cu isso1 E c#i era1 SAL#ATORE& Lo pozzo dicere1 CESARE& C#i era1 SAL#ATORE& La mogliera de D. Felice, la nepota $osta... FELICE& C#e1..... 2/*#a fatto l*ultimo gua8o.4 CESARE& Possi)ile... #a8e $isto )uono1 SAL#ATORE& Era essa, proprio essa. CESARE& 3a )uono $attenne. *$alvatore via.+ Ne#, Fel'... tu non dici niente1... Non te muo$e1 FELICE& E c#*aggia f( zizi1 CESARE& Comme c#*#a8e da f(1 /ugliereta se ne fu8e cu nu giu$inotto, e tu te ne sta8e accuss', friddo, friddo. FELICE& E m, corro... CESARE& E me consigne tu stesso lo )iglietto de lo nnammurato, tu c#e ommo s'. "u c#e puorco s'.

FELICE& Giz', )adate come parlate, sapete, io non sape$o c#e nce ste$e scritto dinto a lo )iglietto. CESARE& Eesce m, proprio da dinto a sta casa, non te $oglio $ede cc#i:. */ridando.+ $CENA 'RED)CE$)MA Carmela, tutti li invitati e detti, poi Clementina, poi (as#uale. CARMELA C#*+ stato, c#*+ succieso1 *La !anda suona di do piano.+ CESARE& L*aggio cu stu )ello galantomo de nepoteme c#e me fa f( c#esti figure, ed io in pu))lico, $oglio s$ergognare tutto. !$ita da sap- c#e c#illo gio$ene c#e io $ule$o f( spus( a Ngiulina, face$a ammore co la mogliera, e poco primma se n*+ fu8uto cu essa. TUTTI& C#e.. CESARE& S', ma io le tro$o per,. *Esce Clementina in ascolto.+ FORTUNATO& Come. La signora Sciosciammocca1 CESARE& C#e signora, e signora. La signora Sciosciammocca + na femmena senza scuorno nfaccia, + na sgualdrina qualunque. CLEMENTINA& ! c#i. */ridando.+ La signora Sciosciammocca, + una donna onesta. CESARE * ridando+& 5 na zantraglia.... CLEMENTINA& Gantraglia. E te#. */li d" un forte schiaffo e via pel fondo a destra se uita da &elice. Esce (as#uale.+ CESARE& C#e. ! me nu sc#iaffo1 Lassateme. CARMELA ED ALTRI: Fermate$e pe carit(... calmate$e. CESARE& Dai ragione c#e s' femmena. *,edendo (as#uale.+ !# cc( sta lo marito.... Sai c#e aggio a$uto nu sc#iaffo1 PASQUALE& 3u8e1... E c#*aggia f(1 CESARE& !#, c#*#a8e da f(1 Essa l*#a dato a me, io lo dongo atte. */li da un forte schiaffo.+ Eesce fore. *Mettendo mano dietro.+ PASQUALE& !ll*arma de mammeta. *La !anda suona pi4 forte di dentro fino che cala la tela.+ TUTTI* ridando+& Fermate$e. CESARE& Lassateme, sangue de %acco. NICOLA& ispettate il Sindaco. *$alendo su di una sedia.+ FORTUNATO& Pace. Pace. Calmate furorem.... *'utti ridano.+ *Cala la tela.+

Fine della o se%ondo

ATTO TER&O
La stessa scena delprimo atto. La poltrona estatica, % al medesimo posto. $CENA (R)MA Clementina, poi Ciccillo, poi Cesare ed Errico, indi Ciccillo. CLEMENTINA *dalla sinistra+& Ciccillo, Ciccillo1 CICCILLO *dalla destra+& Comandate1 CLEMENTINA& Felice s*+ ritirato1 CICCILLO& No ancora, sign,. CLEMENTINA& 3a )ene. *Ciccillo via.+ C#e nottata, c#e nottata, non aggio potuto c#iudere uocc#ie, c#elli parole de D. Cesare, non me l*aggio potuto le$( da le recc#ie& Senza scuorna nfaccia, sgualdrina.... Sgualdrina a me1 Non ce $edette cc#i: a la $erit(, e co tutte c#*era lo zio de Felice, le suna8e nu )uono pacc#ero, me pare c#e nce $ole$a. Fortunatamente, tro$a8e lo treno pronto, e me ne $enette a Napule. /a non aggio potuto appur( pecc#- me c#iamma8e sgualdrina.... Felice + arri$ato stanotte all*una e meza, e non m*#a $oluto d' niente, #a ditto& m, tengo suonno, dimane se ne parla, in$ece p, stammatina + asciuto mentre io ste$o durmenno. /a m, c#e $ene $oglio sap- tutto. "utto.... E p, $oglia sap- pecc#- m*addormette ncoppa a sta poltrona, cc( nce #a da st( quacc#e cosa c#e quanno se tocca... *'occa il !ottone.+ 7#. S*+ appicciato c#illo tu)o1... E m, come faccio1... %asta quanno $ene Felice, se lo $ede isso... *,ia.+ CICCILLO *uscendo+& 3a tro$a a D. Felice c#e l*+ succieso, appena fatte 8uorne + asciuto. Auanno ma8e, c#illo la matina si non songo le diece non se sceta. CESARE *se uito da Errico+& Lo patrone tu8o ce sta1 CICCILLO& Nonsignore eccellenza. CESARE& E a c#e ora se retina1 CICCILLO& ! n*ata poco lo $edite de $en', pecc#- c#esta + l*ora de la colazione, si lo $ulite aspett(1 CESARE& Se capisce c#e l*aspettammo. 3attenne. CICCILLO& Si caso ma8e $ulite quacc#e cosa...

CESARE& 3attenne, t*aggio ditto, lassece parl(. CICCILLO& 3a )ene. *,ia a destra.+ ERRICO& D. C+, scusate, ma pecc#- m*a$ite purtate cc(, senza dirmi ancora la ragione. /e site $enuto a pigli( a casa con tanta premura. 3*aggio cercato scuse, io aggio fatto na )estialit(, s', lo capisco, ma non so* stato io, + stato lo core. /, c#e $ulite da me1 C#e m*a$ite da dicere1 Pecc#- m*a$ite portato cc(1 CESARE& Pecc#- t*aggio portato cc(1 C#e t*aggia dicere1... "*aggia dicere c#e #a8e fatto nu gua8o, un precipizio.... E io come amico stretto di tuo padre, de))o cercare tutti i mezzi per sal$arti. ERRICO Per sal$armi1 CESARE& S', per sal$arti.... C#e non te $uli$e pigli( a Ngiulina, non me sarria mportato niente, c#ella + guagliona, + )ella, sta ricca, e nu )uono matrimonio non le mancarr(F ma scapp( cu c#ella femmena, significa ro$inarsi. ERRICO& /a pecc#- tanto c#*+ malamente c#ella figliola1 CESARE& No, anzi, pecc#- + troppo )ona, pecc#- e na signora te si mise dinto a nu gua8o. ERRICO& /a c#e gua8o, scusate... CESARE& Gu+, c#e gua8o1 /a te cride c#e sia na cosa de niente a scapp( cu na femmena mmaretata1 ERRICO& /maretata1 CESARE& /maretata, s'.... Capisce c#e lo marito te po* f( na querela, e te l*#a da f(, sar, io c#e ce l*impongo, #a da f( l*ommo si no c#e figura fa. ERRICO& /a $u8e lo ssapite certo c#*+ mmaretata1 CESARE& Certissimo. Si non era certo non te lo dice$o, e non me piglia$o tanta collera... + mmaretata. ERRICO& 2Possi)ile. E m*a$arria potuto ngann( de c#esta manera.4. CESARE& E lo marito sai c#i +1 ERRICO& C#i +1 CESARE& /a per,, rifliette c#ello c#e fa8e s(, pecc#- tu m, nce sta8e da sotto, c#illo te p, f( 8 ngalera. 5 mio nipote Felice. ERRICO& Lo nepote $uosto1 CESARE& Gi(... lo quale ne so* certo, m, sarr( 8uto a la quistura, pe se mettere in regola, ma io cerc#er, di calmarlo. ERRICO& 2Perci, l*ata notte ste$ene dinto a la tratturia tutte e du8e4. !#. Nfama scellerata, m*#a fatto c#esto pe se $endic(, pe me f( tru$( dinto a nu m)ruoglio. CESARE& /a se capisce, mio caro Errico, la femmena + terri)ile. ERRICO& E da quanto tiempo s*#a spusato... lo nepote $uoste1 CESARE& So* otto mise.

ERRICO& Da otto mise1 !ppena nce lassa8eme. CESARE& "u m,, si $u, f( na cosa $eramente da ommo, e te $u, le$( la preta da dinto a la scarpa, $a la piglia e portela cc(. Si non nce $, $en', portala afforza, quanno l*#a8e portata cc(, la consigne a lo marito e le dice& estate qua, questo + il $ostro posto. Fa8e na )ella figura, e sparagne nu gua8o. ERRICO& S' dicite )uono, $aco e torno su)eto, non $e mo$ite da cc(. *(.a.+. CESARE& Se capisce. ERRICO *torna+& !$ite da dicere c#e io a8ere mannaie a sfid( pure lo marito, lo tru$a8e troppo )uono, si era n*ato, m*a$arrie pigliate a cauce.... /, $engo, m, $engo. *,ia a destra.+ CESARE& /a c#e cos*+ la donna.... Gu+, a proposito de donne, io $orria sap- pecc#- c#ella $ecc#ia aissera me consigna8e c#illo sorte de sc#iaffe, se piglia8e collera c#e io c#amma8e sgualdrina la mogliera de Felice... e c#e le mporta$a a essa1 /a per, io sfucale co lo marito, le dette c#illo panesiglio, me crede$o c#e stammatina me 8e$a tro$anno per a$ere soddisfazione, e in$ece non s*+ $isto, #a da essere nu carugnone qualunque. *A Ciccillo che esce.+ 9o aspetto dinto a stu salotto, quanno se retira Felice me c#iamme. CICCILLO& 3a )ene. *Cesare via seconda a destra.+ Fa$orite... fa$orite... *A /ennarino+ 2Auant*+ )ello c#isto.4. $CENA $EC.NDA /ennarino e detto, poi Ciccillo e Clementina. GENNARINO *ele antemente vestito in caricatura con !uch% e !astone, esce+& Grazie. CICCILLO& 2E#, niente $a c#isto ncoppa a na cunzola.4. C#i siete1... C#i $olete1 GENNARINO& Desidero parlare con la signora Sciosciammocca le de))o dare una preg#iera. CICCILLO& /a adesso non s, se $i pu, rice$ere1 GENNARINO& 6#, mi rice$er(. Ditele c#e io sono Gennanino Pagliuc#ella, la persona delle ? lire nel paniere. CICCILLO& La persona delle ? lire nel paniere1 GENNARINO& Perfettamente. Auella su)ito capisce... CICCILLO& 3a )ene. GENNARINO& "ieni, te $oglio d( na lira. *(rende la lira e la mostra.+ CICCILLO& Non ser$e, non C*+ )isogno. *$i prende la lira e via a sinistra.+ GENNARINO& Non ser$e, non c*+ )isogno, e me la scippa de c#ella manera da mano... comme me sta s)attenno mpietto, me parene

mill anne c#e la $eco. Auant*+ )ona.... Si $ene lo marito a tiempo, io dico c#e tengo un forte dolore dinto a sta gamma, e non saccio c#ed*+. E#, io non me perdo de curaggio. Auanno se tratta de femmene )elle, me metto a qualunque risc#io, e p,... tengo na fu8arella c#*+ na )ellezza, appena succede quacc#e cosa, me metto a correre, e nisciuno me p, arri$(... /, se presentarr( cu nu camice ricamato, tutta scollata, tutto profumata... 7#, c#e piacere.... E#, ma io pure sto )ene... io pure sto galante. CICCILLO& Ecco cc( la signora. *,ia a destra.+ GENNARINO *si accomoda la cravatta+& Coraggio. CLEMENTINA *uscendo+& %uongiorno. GENNARINO& 2E c#i + c#esta1 Sarr( la mamma, e gi(, io aggio ditto la signora Sciosciammocca, e c#ill*animale #a capito la mamma.4. "anto piacere, signora. CLEMENTINA& 9l ser$o mi #a detto c#e $oi siete il signor Gennanino Pagliuc#ella. GENNARINO& Perfettamente, signora. CLEMENTINA& E poi, mi #a detto c#e siete la persona delle ? lire nel paniere. GENNARINO Gi(, per farmi conoscere meglio. CLEMENTINA& /a io, caro signore, non $i conosco affatto, e non s, c#e cosa sono queste ? lire nel paniere1 GENNARINO E#, lo capisco, $oi non sapete niente, ma c*+ c#i lo sa, c*+ c#i capisce tutto, il ser$o #a preso uno s)aglio, $i #a fatto incomodare inutilmente. CLEMENTINA& No, io credo c#e $oi a$ete s)agliato. GENNARINO& No, io non #o s)agliato. Auesta + la casa del Dottor Felice Sciosciammocca1 CLEMENTINA Sissignore. GENNARINO& E dunque non #o s)agliato. 9o non #o da fare, attender, se non $i dispiace. *$iede sulla poltrona estatica, e si addormenta.+ CLEMENTINA& La quistione, caro signore, c#e attenderete molto... *Lo uarda.+ 7#. C#illo s*+ assettato ncoppa a la poltrona e s*+ addormuto1 E comme se fa m,1... Signore... *(assa a sinistra.+ Signor Pagliucc#ella... *Lo tocca e resta ferma.+ $CENA 'ER0A Cesare, poi Errico, poi Ciccillo, indi &elice. CESARE *uscendo+& 3a tro$a s' Felice s*+ ritirato... c#e $eco1 D. Gennanino Pagliuc#ella... e c#e sta facenno cu c#ella... *Avvicinandosi.+ Signora, io conosco questo gio$ine e $i prego... signora... D. Gennar'. *Lo tocca e resta fermo.+

ERRICO *uscendo+& D. C+, diciteme na cosa... e c#ed*+ ne#... D. C+... *Lo tocca e resta fermo.+ CICCILLO *uscendo+& Ne# signori miei... 7#. Auante so* )elle c#iste.... Statue al naturale signori. *$uona la lanterna ma ica colla !occa, poi ad Errico.+ Ne#, sapete1 Gu+ c#illo non risponne... Ne#, sapite... *Lo tocca e resta fermo.+ FELICE *d.d.+& Ciccillo1 Ciccillo1 !dd, sta c#ella )estia non se tro$a ma8e. *&uori.+ 7#. C#e #anno com)inato c#iste1 Lo sepolcro1 E c#i #a toccato lo )ottone1 9o assolutamente aggia le$( sta poltrona da cc(. *'occa il !ottone, i cin#ue si sve liano.+ CESARE& 6#, c#e )ellezza. GENNARINO& C#e gioia. ERRICO& C#e delizia. CICCILLO& 6#, dolce $olutt(. FELICE * li tira un calcio+& Lete da lloco, $olutt(. *Ciccillo via.+ CESARE& /a c#*+ stato, c#e a$immo fatto1 FELICE *a /ennarino+& 3u8e pecc#- $e site assettato ll( ncoppe1 Auesta + la poltrona estatica. GENNARINO& E io c#e ne sape$o, scusate. 6#, c#e cosa graziosa. FELICE& /a c#e $ulite da cc(1 Pecc#- site $enuto1 GENNARINO& !#... io c#e so* $enuto a fare1... Ecco, $i ero $enuto a fare una $isitaM ma m, s*+ fatte tarde $err, un*altra $olta. ! ri$ederci. *,ia di fretta.+ ERRICO& D. C+, io so* tornato pe $e dicere c#e io la porto cc(, ma )adate c#e lo marito non m*#a da d' manco na parola, si no lo piglio a pacc#ere. CESARE& Non ci pensate, sto io qua, $(, f( am)ressa. ERRICO& D. C+, ma scusate, nu8e nce simme addurmute allerta allerta1 CESARE& E io c#e ne saccio1 ERRICO& /, $engo. *,ia.+ CESARE *a Clementina+& Signora $i saluto. CLEMENTINA& Caro signore. FELICE& 2/, $ide c#e passo n*ato gua8o.4. CESARE& E )ra$a, fuste$e capace aieressera de darme nu pacc#ero, non aggio a$uto mai nu paccaro in $ita mia, c#i me l*a$e$a dicere c#e a ?@ anni, l*a$e$a a$- da na femmena. CLEMENTINA& /a $e lo mereta$e$e, scusate, c#elle non so* parole c#e se dicene. CESARE& /a pecc#- $e pigliaste$e collera1... CLEMENTINA& 6#, c#est*+ )ella, pecc#- me piglia8e collera1 /*a$e$a pigli( collera, afforza, scusate.

CESARE& 3oi siete donna, e alle donne si perdona tutte cose. Per, lo sc#iaffo c#e me diste$e, io lo dette a lo marito $uosto, $oglio $ed- comme se regola. CLEMENTINA& 2Po$ero Felice, a$ette nu sc#iaffo pe causa mia4. FELICE& 2Gu+, Pasquale a$ette nu )uffo4. CESARE& Fel', a me m*#a8e da dicere la $erit(, tu s' stato a la questura1 FELICE& 9o1 Nonsignore. CESARE& "u s' stato a la questura pe f( querela, ma io $oglio c#e sta querela... te l*#a8e ritir(. FELICE& /a io... CESARE * ridando+& "e l*#a8e retir(... $oglio accuss'. FELICE& E io me la retino. CLEMENTINA& 2!$arr( fatto querela pe lo sc#iaffo c#e a$ette4. /a se capisce c#e se l*#a da retir(, c#e c*entra sta querela. CESARE& %ra$o, signora... 9o a8eressera te trapazza8e nu poco, te dicette parole c#e non t*a$e$a dicere, feci male, ma c#e )u,, lo carattere mio accuss' +. Auanno m*attacc#ene li nier$e, se c#iudene l*uocc#ie, e non capisco niente cc#i:. "u certamente non sapi$e niente c#e nce ste$a scritto dinto a c#illo )iglietto, se no non me l*a$isse dato, + $ero1 FELICE& E se capisce. CESARE& "u lo ssaccio, non te puti$e ma8e aspett( c#illo dispiacere. /a c#e ce $, f(, lo munno accuss' cammina, c#e te cride c#e s' sulo1 Da8e $oglia quante ce ne stanno comme a te. /ogliereta p, in fondo, + na )ona femmena, e comme l*aggio perdonata io, l*#a8e perdon( pure tu. CLEMENTINA& 2!#, parla de lo sc#iaffo c#e l*aggio dato4. CESARE& Se capisce, t*+ piaciuto de te pigli( la mogliera )ella. *Clementina si pavone ia.+ E qualc#e dispiacere l*#a8e d*a$- pe forza. FELICE& 2Gi z', state$e zitto nnanze a c#esta, io non $oglio f( sap- sti cose4. CESARE& 2E me promiette de perdon( a mogliereta14. FELICE& 2Sissignore, la perdono4. CESARE& 2%ra$o. 9o aggia accunci( tutte cose e p, parto, $( te retira la querela4. FELICE& 2Sissignore, m, $aco. !spettateme dinto a lo salotto4. CESARE& 2F( am)ressa, c#ella m, $ene4. FELICE& 2C#i14. CESARE& 2/ogliereta4. *$orpresa di &elice.+ FELICE& 23ene cc(14.

CESARE& 2S', la porta isso stesso, D. Errico4. FELICE *fra se+& 2E stongo frisco.4. Sentite zi z', m, s*#a pigliata e se la tenesse. CESARE& 2E#, isso t*#a da cerca scuse... se capisce, sta soddisfazione te la faccio a$-.4. C#e cosa, statte zitto... 9o t*aspetto dinto a lo salotto. *,ia.+ FELICE& 23a )ene trasite4. *Cesare via seconda a destra.+ 2E comme faccio, comme arreparo cc#i:.4. CLEMENTINA& /a comme, Fel', tu s' g#iuto a f( querela, pe lo sc#iaffo c#e #ai a$uto1 FELICE& C#illo se l*#a creduto isso, ma te pare, io face$o querela a ziemo1 $CENA 23AR'A Ciccillo e detti. CICCILLO *con lettera+& Sign,, c#illo giu$inotto de poco primma + tornato, e m*#a dato sta lettera pe $u8e. CLEMENTINA& Pe me1 *La prende.+ FELICE& C#illo gio$inotto de poco primma1 E c#i +1 CLEMENTINA& E nu pazzo. "e#, $ide tu stesso. FELICE *prende la lettera e le e sulla !usta+& <!lla gentilissima signora Sciosciammocca, e per non s)agliare la moglie del Professore=. 3' c#e auto indirizzo curiuso. *Apre la lettera e le e&+ <"esoro mio.= te c#iamma tesoro1 CLEMENTINA& ! me1 FELICE& 2E c#i + stu cecato14. *Le e&+ <Sono $enuto secondo l*appuntamento c#e mi deste ierisera, ma non #o a$uto la fortuna di poter$i parlare. Ditemi, per carit(, quando potr, $eder$i, io non #o paura di $ostro marito, sono troppo risoluto, se $oi mi amate, sono pronto a portar$i anc#e in !merica, e l( sposare...=. /a + o$ero, o non + o$ero. E c#i +, st*a))andunato da tutte de femmene, c#e se $, purt( a c#esta in !merica1 7#, e io non ce la faccio purt(. *Le e&+ <...!ttendo una risposta c#e spero sia fa$ore$ole. "utto $ostro, Gennarino, la persona delle cinque lire nel paniere=. *A Ciccillo.+ Stu gio$inotto sta fore1 CICCILLO& Nonsignone, #a ditto c#e a n*ato poco torna pe la risposta. FELICE& Auanno torna, dincello& La signora $*aspetta, fa$orite. CICCILLO& E lo faccio tras'1 FELICE& Lo fa8e tras'. CICCILLO& 3a )ene. *,ia.+ FELICE& %ra$a, )ra$a, la signora Clementina, la signora onesta, la moglie fedele.

CLEMENTINA& /a io ti giuro... FELICE& Gitto, non parlate, non mi pote$o mai credere una cosa simile. C#i + questo Gennanino, al quale ieri sera, a$ete dato un appuntamento. Parlate, c#i +1 CLEMENTINA& C#i lo sape. 9o non lo conosco. FELICE& Non lo conoscete1 E $i scri$e questa lettera1... 3ergogna. L*a$ete conosciuto ieri sera alla festa perci, andaste $oi sola senza di me, e mio zio s*a$ette accorgere de qualc#e cosa, perci, dicette& La signora Sciosciammocca, non tene scuorno nfaccia, perci, $i c#iam, sgualdrina.... 2Auant*+ g#iuta )ella sta lettera.4. CLEMENTINA& /a no, Felice mio, io te giuro c#e so* innocente. FELICE& 9nnocente. 9nnocente. Con questa pro$a, con questo documento.... E poi $oglio sapere c#e cosa sono sti cinc#e lire dinto a lo panaro1 Lo $oglio essere spiegato, e poi uscite di casa mia. CLEMENTINA& C#e t*agg'a pieg( si non saccio niente. Forse stu gio$inotto aissera s*a$ette nnammur( de me senza c#e me n*adduna8e, sar( un amore platonico. FELICE& 2Le$ete da lloco.4. CLEMENTINA& "u #a8e ditto a Ciccillo c#e m, c#e torna, lo facesse tras'1 Em)+ quanne trase, te faccio $ed- comme lo tratto. 9o so* innocente, crideme1 FELICE& Auesto lo $edremo.... Per ora allontanate$i da me. CLEMENTINA& No, no, Felici-, io non te lasso. *La!!raccia.+ FELICE& Lasciatemi. 3i #o detto allontanate$i da me. *La spin e e lei siede sulla poltrona estatica.+ $CENA 23)N'A (as#uale e detti, poi Cesare, poi Errico e /iulietta. PASQUALE& Fel', tu m*#a8e da dicere assolutamente c#illo pazzo de zieto add, sta1 *Cesare esce in ascolto.+ 9o a8essera a$ette nu paccano e non me lo pozzo ten+. FELICE& 2Statte zitto Pasc(4. PASQUALE& C#e m*aggia sta zittoF Fel' agge pacienzia, c#illo lo sc#iaffo fu8e forte, me fa male ancora la faccia, pe c#i m*#a pigliato zieto pe quacc#e ser$itore forse1 9o so* na persona conosciuta a Napule, c#e figura faccio quanno s*appura stu fatto1 CESARE *avvicinandosi+& 3u8e + inutile c#e facite lo ferlocco pecc#- cu me nce stanno poc#e c#iacc#iere da f(. Primme di tutto $u8e non $*a$i$e$e da present( dinto a na festa, senza essere in$itato da nisciuno. E poi quando non $olete a$ere quelle

mortificazioni, do$ete insegnare la creanza a $ostra moglie. PASQUALE /ia moglie. Au( moglie1 *&elice tocca il !ottone, e Clementina saddormenta.+ CESARE& !#, quale moglie1 /, facite $ed- c#e non sapite niente, facite $ed- c#e cadite da li nu$oleF ma + inutile, mio caro amico, il fatto + noto a tutti. 3ostra moglie, la $edite ll(, aissera me dette nu sc#iaffo senza ragione, io me lo tenette, pecc#- se tratta$a de na femmena, ma per, $e lo turna8e a $u8e. Eamme, c#e m*a$ite dicere. PASQUALE& !#, #o capito, mia moglie c#e + quella l(, a8eressera senza ragione $e dette nu sc#iaffo, e $u8e non potenno sfuc( cu essa, pecc#- era femmena me lo diste$e a me c#*ero lo marito1 CESARE& Perfettamente. FELICE& E tu non l*a$i$e capito ancora1 PASQUALE& !ggio capito, aggio capito... 2Da8e da nun de su))eto tu e mugliereta.4. FELICE& 2"u e essa.4. CESARE& Se credete c#e #o fatto male, sono a $ostra disposizione. PASQUALE& Nonsignore, a$ete fatto )ene $i siete regolato )enissimo. ERRICO *esce portando per mano /iulietta che esce ridendo+& "rase, trase, e non ridere. GIULIETTA& /a c#este so* cose $eramente curiose. !#. !#. *Ride.+ CESARE& Signora, questa $ostra risata, + indegna di una donna onesta. 3oi c#iedete scusa a mio nipote. *A &elice.+ E tu, perdona a mogliereta. GIULIETTA& /a qu( mogliereta1... 3u8e c#e dicite1 D. Felice non + stato ma8e marito mio.... 3u8e aiere, me tru$aste$e cc(, me pigliaste$e pe la mogliena, e io non a$enno c#e d', facette cammen( l*equi$oco. CESARE& Possi)ile. Ne#, Fel'1 FELICE& Sissignore zi z', questa gio$ine, a8ere pe na com)inazione, se tru$a8e dinto a la casa mia, pe non $e f( pigli( collera, e pe non a$- na mortificazione, facette seguit( la finzione, ma moglierema + c#esta cc(, la $edite. *)ndica Clementina.+ CESARE& Lo cuofene de patane1 FELICE& Sissignore. PASQUALE& E siccome $u8e me pigliaste$e pe lo marito, nu8e pe f( una pazzia dicetteme c#e s'. ERRICO E GIULIETTA& *Ridono.+ !#. !#. !#. CESARE& /annaggia l*arma $osta. E )ra$o, m*a$ite m)rugliato de c#esta manera.... !llora, Err', agge pacienza. ERRICO& /a niente, per carit(. GIULIETTA& Da8e fernuto de d'& 3ieni, ti porto io stesso da tuo marito. *Errico ride.+ CESARE *a &elice+& 3uoi dire c#e lo sc#iaffo l*a$i$e a$- tu1

FELICE& Se capisce. PASQUALE& E l*aggio a$uto io, non fa niente. CESARE& /a comme, mogliereta sente tutte sti cose, e se sta zitta1 FELICE& C#e #a da sentere, c#ella sta assettata sulla poltrona elettrica c#e mi ser$e per le operazioni $u8e parla$e$e de mugliere e non mugliere, io pe non la f( sentere, l*aggio addormuta. *'utti ridono.+ CESARE& E scetela c#esto cos*+. $CENA 3L')MA Ciccillo, poi /ennarino e detti. CICCILLO& 9l signor Gennaro Pagliuc#ella. FELICE& Fallo entrare. CICCILLO *a parte+& 2D. Fel', ma cc( nce sta nu s)aglio, c#illo la signora Sciosciammocca, se crede c#e + c#ella ll(4. *)ndica /iulietta.+ FELICE& 2E tu comme lo ssa8e14. CESARE& 2/e l*#a ditto isso, c#e poco primme l*#a $isto mpezz( dinto a stu palazzo4. FELICE& 2Gitto, $a )uono, fallo tras'4. CICCILLO *alla porta+& ! $oi, fa$orite. GENNARINO *entrando col !uch%+& 2C#e )eco. Lo marito.4. FELICE *tocca il !ottone della poltrona, Clementina si sve lia+& ! $oi, signora, alzate$i, $edete questo gio$ine c#e $uole da $oi1 CLEMENTINA *si alza+& C#i1 *,edendo /ennarino.+ 3oi1. Signore, uscite di casa mia, e non ci mettete pi: il piede, io non $i conosco, io sono una donna onesta, sono maritata e non posso corrispondere al $ostro amore, uscite... GENNARINO& /a scusate, io parla$o... FELICE& D. Gennar' 8ate$enne, si no $e faccio ruculi( pe li grade. GENNARINO& Nonsignore, me ne $ado. 2/a c#ella c#e ),, c#i l*#a ditto niente.4. *,ia di fretta.+ CESARE& /a c#*+ stato, ne#1 FELICE& Niente, + il figlio del sindaco di occarossa, c#e #a tentato di sedurre mia moglie. CLEMENTINA& E io p, me face$a sedurre1 6#, mai.... FELICE& %asta. %asta, non me parlammo cc#i:, zi z' $u8e partite stammatina, e )uon $iaggio. *A Errico e /iulietta.+ Signori, $oi mi

$olete a casa $ostra per una $isita1 3a )ene, oggi $err,. Se si tratta di operazione per,, do$ete fa$orire qui da me, a sedere su questa poltrona. CESARE& /a comme, sta poltrona o$ero fa addurm' la gente1 FELICE& !ppena si tocca il )ottone, quello c#e non far, mai con questo rispetta)ile pu))lico.... *Cala la tela.+ Fine della o er'o

FINE DELLA COMMEDIA