Sei sulla pagina 1di 15

1

UMBERTO
VIAJES CARLOTA

ECO
D AY E R J E S U S T E L L O G U A R D A

M
2

UMBERTO ECO
VIAJES CARLOTA

Semiologo e scrittore italiano. Ha


conseguito un dottorato di ricerca in
f i l o s o f i a p r e s s o l ' U n i v e r s i t à d i To r i n o ,
con L. Pareyson.

M
3

UMBERTO ECO
La sua tesi trattava del problema estetico
in Santo Tomás (1956), e il suo interesse
per la filosofia di Santo Tomás de Aquino
e la cultura medievale sarebbe diventato
VIAJES CARLOTA

più o meno presente in tutte le sue opere,


fino a quando non è emerso
esplicitamente nel suo romanzo "El nome
della rosa ”(1980). Dal 1971 ha lavorato
come professore all'Università di
Bologna, dove ha ricoperto la cattedra di

M Semiótica.
4

LA
VIAJES CARLOTA

PRODUZIONE
DELL'ATTORE
M
5

Le due ipotesi chiave possono essere definite


nella vasta produzione dell'autore: in primo
luogo, la convinzione che ogni concetto
filosofico, ogni espressione artistica e ogni
manifestazione culturale, qualunque essa sia,
deve essere collocata nel suo ambito storico;
e in secondo luogo, la necessità di un metodo
di analisi unico, basato sulla teoria semiotica,
VIAJES CARLOTA

che consenta di interpretare qualsiasi


fenomeno culturale come un atto di
comunicazione governato da codici e, quindi,
a parte qualsiasi interpretazione idealistica o
metafisica.

M
6

La varietà di Umberto

• Copre dalla produzione artistica • Alla sistematizzazione della teoria


d'avanguardia, come in Open Work semiotica ha dedicato, soprattutto,
(1962), alla cultura di massa, come il Trattato di semiotica generale
in Apocalittico e integrato (1964) o (1975), pubblicato quasi
VIAJES CARLOTA

in The Mass Superman (1976). contemporaneamente negli Stati


Uniti con il titolo di Una teoria
della semiotica, un'opera in cui
l'autore ha sviluppato una teoria dei
codici e una tipologia delle
modalità di produzione dei segni.

M
7

CONTRO TUTTI
Durante gli anni dell'ascesa dello strutturalismo,
Umberto Eco scrisse, di fronte a una concezione
VIAJES CARLOTA

ontologica della struttura dei fenomeni naturali e


culturali, La struttura assente (1968), che avrebbe
raggiunto la sua continuazione ottimale continuazione in
Reader in fabula (1979).

M
8
VIAJES CARLOTA

In effetti, in quest'ultima opera, si afferma


che la comprensione e l'analisi di un testo
dipendono dalla cooperazione interpretativa
tra l'autore e il lettore e non dalla
preparazione e determinazione delle
strutture sottostanti, fissate una volta per
M tutte.
9

Alcuni concetti di base.

• Alcuni concetti di base del Trattato • Il concetto di segno, in particolare,


VIAJES CARLOTA

di semiotica generale, d'altra parte, abbandonando il modello


sono stati nuovamente studiati, "dizionario" corretto per un
discussi e, a volte, modificati modello "enciclopedia", non appare
dall'autore stesso in una serie di più come il risultato di
articoli scritti per l'Enciclopedia un'equivalenza fissa, stabilita dal
Einaudi e successivamente raccolti in codice, tra espressione e contenuto,
Semiotica e filosofia del linguaggio ma il risultato di inferenza, cioè,
(1984). della dinamica della semiosi.

M
10

Il nome della rosa

Nel 1980 ha pubblicato il romanzo Il nome della


rosa, citato sopra, di atmosfera medievale e
ispirato al sottogenere della polizia, le cui pagine
combinano perfettamente tutti i temi teorici del
VIAJES CARLOTA

lavoro di Eco, con un'adeguata ricostruzione


storica come palcoscenico di una trama
fantasiosa e una solida arte narrativa.

M
11
VIAJES CARLOTA

Questa è una fitta storia che si svolge in


un'abbazia medievale italiana e dove, con una
struttura simile a quella dei romanzi
polizieschi, il protagonista, un frate inglese di
nome Guillermo de Baskerville, indaga su una
serie di omicidi e scopre l'autore e gli induttori
M di tutti loro.
12

Gran parte del successo dell'opera, diventata un bestseller europeo,


risiede nella perfezione della scrittura, che mescola abilmente
citazioni con materiali originali, dando forma a un paradossale
catalogo di postmodernismo, in cui qualsiasi creazione nasce dal
sentimento, secondo Eco, che "tutto è già stato detto e scritto".
VIAJES CARLOTA

M
13

Pendolo di
Foucault

Il pendolo di Foucault (1988), secondo


VIAJES CARLOTA

racconto dell'autore, tentò di ricreare la


tradizione ermetica, occulta e massonica
come metafora per sopravvivere
all'irrazionalità nei movimenti terroristici
contemporanei e nelle mafie economiche.

M
14

Anche se tradotto e venduto in tutto il


mondo, non godeva del favore di critici e
lettori, né svegliarono giudizi così favorevoli
L'isola del giorno prima (1994) o dei suoi
VIAJES CARLOTA

romanzi successivi. Nel maggio 2000 gli è


stato assegnato il Prince of Asturias Award.

M
15
VIAJES CARLOTA

GRAZIE MILLE!
M