Sei sulla pagina 1di 28

Corso di Geografia a.a.

2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Lezione 10 maggio 2017

MODELLI DI SVILUPPO E CAMBIAMENTO (CAP 9)


Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Gli argomenti affrontati nelle


lezioni 29 e 30 aprile su
SVILUPPO SOSTENIBILE
DIMENSIONI dello sviluppo
ISU
Rientrano nel CAP.9
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

SVILUPPO e
SOTTOSVILUPPO
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

NORD e SUD del MONDO


Divisione non propriamente
geografica!
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Quello che rappresentato in questi


planisferi tematici non la divisione
geografica tra nord e sud del mondo
Da un punto di vista economico
abbiamo diviso il mondo in due parti,
nord e sud. Volendo per analizzare
meglio la situazione possiamo
individuare ben 4 mondi.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

I 4 MONDI Attraverso due secoli di sfruttamento


I MONDO : grande capacit produttiva e tecnologica, del lavoro e di accaparramento delle
molte materie prime risorse a livello planetario, il Nord ha
II MONDO:grande capacit produttiva e tecnologica, concentrato quasi tutta la struttura
poche materie prime. produttiva del Pianeta nella sua
parte di globo e la fa funzionare con
III MONDO: molte materie prime che per esporta materie prime a basso costo
(petrolio, risorse agricole e forestali), un po' di provenienti da tutta terra.
tecnologia. Cos, pur ospitando solo il 23% della
popolazione planetaria, si garantisce
IV MONDO: non ha n industrie n materie prime. l'84% del prodotto lordo mondiale.
Questi Paesi si trovano principalmente in Africa sub-
sahariana.
Ogni abitante del Nord dispone di
una ricchezza che quasi 19 volte
pi alta di quella di ogni abitante
del Sud.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Questa mappa
costituita in base alla
ricchezza prodotta ogni
anno in ciascuno Stato.
La ricchezza pro-capite
altissima in
Lussemburgo, Norvegia
e Svizzera; bassissima in
Etiopia, Burundi e
Repubblica Democratica
del Congo.
stridente il contrasto
tra Nord e Sud del
mondo: Stati Uniti,
Giappone ed Europa
appaiono ipertrofici; Sud
America e Africa esili
come foglie.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Analizziamo
un momento:
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Nord e Sud del Mondo


Differenza caratterizzata da 3
grandi categorie di DIVERSITA:
DIVERSITA AMBIENTALI
DIVERSITA ECONOMICHE
DIVERSITA POLITICHE

Alle quali va aggiunta la DIVERSITA


CULTURALE
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Le Diversit del
NORD e SUD del
MONDO vengono
ormai misurate
non pi solo dagli
INDICATORI
ECONOMICI ma
anche dagli
INDICATORI
SOCIALI
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Laccesso alle I 50 anni della green revolution hanno consentito di


risorse per il ottenere grandi risultati in termini di crescita della
cibo: la Terra produzione agraria, soprattutto per quanto riguarda in
basta per cereali che sono alla base dell alimentazione delle
tutti? popolazioni del mondo. Mentre la popolazione
raddoppiava..
Laumento della domanda di alimenti determinata:
- Dall incremento della popolazione mondiale
- Dalla richiesta di cibi di diversa qualit (proteine animali)
soprattutto nei Paesi in VS
- una quota rilevante di cereali viene sottratta alla -
alimentazione umana a - favore della zootecnica
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Lofferta inadeguata di alimenti Circa un miliardo di persone


Si riduce del tasso di crescita della soffre la fame, e almeno altri 2
produzione di alimenti: miliardi soffrono la c.d. hidden
undernutrition, un termine che
- Cambiamento climatico indica la malnutrizione causata
- Speculazioni economiche da carenza di micronutrienti pur
- Produzione di bioenergie in presenza di quantit
sufficiente di macronutrienti che
- Impoverimento dei terreni soddisfano il fabbisogno calorico
(Zao and Shevry, 2011).
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Il land grabbing : gli effetti Il land grabbing un fenomeno economico


negativi impetuoso, esploso nel 2008, che ha dato vita a un
La terra sta diventando una flusso di investimenti e di capitali soprattutto
risorsa scarsa. provenienti da paesi sviluppati o emergenti
finalizzato allaccaparramento di terreni agricoli nelle
I primi a essere danneggiati regioni del sud del mondo. Lobiettivo di queste
sono i piccoli agricoltori e in acquisizioni massicce, soprattutto in Africa, Asia e
particolare le donne America Latina, lacquisizione di terreni per lo
:(ricordiamoci che il 500 sviluppo di monocolture. Gli autori, i mandanti
milioni di piccoli agricoltori possono essere i governi di altri stati, i consigli di
del mondo in VS nutrono 2 amministrazione di grandi aziende o investitori
miliardi di persone ) privati. Per molti si tratta di una minaccia alla
sovranit dei paesi in via di sviluppo e alla
sopravvivenza delle comunit locali che da secoli vi
abitano. Non un caso, dunque, se il land grabbing
stato definito una nuova forma di colonialismo,
secondo alcuni esperti.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Coltivazioni intensive Estranee alla


cultura dei popoli
vengono realizzate con luso di
prodotti agrochimici (fertilizzanti e
pesticidi) con il risultato di:
- sconvolgere lorganizzazione
sociale
- Togliere il lavoro ad altissime
percentuali di lavoratori agricoli
- provocare inquinamento di terreni
e di acque sia superficiali che di falde
- causare alto consumo energetico
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

LAND GRABBING
Milioni di ettari ceduti ai privati, tra il
2006 e il 2012
Lorganizzazione non governativa Grain
che supporta i piccoli coltivatori e i
movimenti locali che si battono per la
difesa dei terreni ha pubblicato una
lista dei Paesi africani che tra il 2006 e
il 2012 hanno maggiormente subito il
fenomeno del land grabbing. Su tutti,
Liberia, Guinea, Ghana, Congo, Sierra
Leone, Nigeria, Senegal con porzioni di
terreno ceduti che vanno da 500mila
fino a circa 1,7 milioni di ettari
(Liberia).
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

La mappa qui sopra mostra i principali


accapparramenti di Terra in Africa. E' una
stima per difetto, relativa solo alle
transazioni documentate. Il confronto tra
le aree acquisite dalle multinazionali o
dagli stati e la terra totale disponibile per la
popolazione locale impressionante.
Circa 30 milioni di ettari , pari al 15% della
terra arabile africana gi in altre mani.
Per fare cosa? Coltivarci mais, grano riso,
canna da zucchero, palma da olio, jatropha
per biofuel oppure tagliare la foresta o
scavare miniere o pozzi petroliferi.
Se non si porr un freno a livello
internazionale a queste pratiche
"selvagge", le guerre per la terra faranno
impallidire quelle per l'acqua. Il land
grabbing l'esatto opposto della sovranit
alimentare, cio del diritto dei popoli a
coltivare ci che desidera per nutrirsi.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Leducazione alimentare
Per una sana alimentazione e per evitare che la
denutrizione per evitare che la denutrizione si
trasformi in unaltra forma di malnutrizione che
porta a sovrappeso e obesit
Nel mondo si muore prematuramente per
troppo o per troppo poco cibo. La causa una
non equilibrata ripartizione delle risorse tra gli
abitanti dei cosiddetti Paesi ricchi e il resto
dell'umanit.

I numeri sono eloquenti: mentre nei Paesi in via


di sviluppo 170 milioni di bambini sono
sottopeso per mancanza di cibo, nelle aree pi
sviluppate circa un miliardo di adulti sono
sovrappeso.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

Ogni anno 1,3 miliardi di tonn di cibo


sono sprecati nel mondo, una quantit
4 volte superiore a quella necessaria
per nutrire il circa un miliardo di
persone che soffrono la fame nel
Pianeta
8 miliardi di euro di cibo allanno
vengono gettati nella spazzatura;
1/3 della produzione mondiale di
alimenti viene gettato via e di questo:
32% produzione agricola, 22% post
raccolta e immagazzinaggio, 11%
distribuzione, 22% consumo domestico.
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

La Commissione Europea ha
individuato, inoltre, le seguenti La risoluzione del problema spreco di risorse
principali cause di perdita e spreco alimentari mentre parte del mondo soffre la
alimentare in Europa: fame un dovere non solo economico ma
Sovrapproduzione alimentare. soprattutto morale.
Elevati standard estetici del mercato.
Inefficienze nella gestione dei
magazzini e delle scorte.
Danni alle confezioni.
Strategie di marketing che
incoraggiano acquisti eccessivi.
Inefficienze nella filiera.
Abbondanti porzioni standard nella
ristorazione.

Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017


Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani

ACCESSO A TERRA ACQUA E ENERGIA PER TUTTE LE RISORSE


1. Far crescere la consapevolezza dei diritti umani
2. Far crescere la formazione anche tecnico-scientifica
3. Promuovere modelli di sviluppo sostenibili e diffondere gerarchie di
valori corrette
Ricordando sempre che le tecnologie sono importanti ma da sole non
portano da nessuna parte
Corso di Geografia a.a. 2016/ 2017
Universit degli Studi di Genova Prof.ssa Nicoletta Varani