Sei sulla pagina 1di 6

GIUSEPPE CURVATI

IL RICERCATORE ED IL SAGGIO
Un uomo abitante in una citt come tante altre ed afflitto dai problemi normali che il vivere comporta, un bel giorno sente forte il desiderio di andare alla ricerca di un uomo a lui noto solo di fama con la convinzione che il dialogo con questa singolare persona avrebbe potuto influire in modo determinante sulla sua vita. Eun uomo che vive da solo in mezzo alle montagne, in una piccola capanna costruita con le sue mani, che si nutre di qualche bacca e delle poche erbe che riesce a racimolare nelle sue passeggiate silvestri. Il ricercatore lascia allora la citt e si inerpica tra selve e radure fino a quando non trova luomo cercato. Fu grande la sua meraviglia quando egli, avvicinandosi a tale persona, senza aver ancora proferito alcuna parola si sente dire: figlio, tu sei venuto a me perch hai nel tuo cuore dubbi ed incertezze da fugare, ti ascolto. Stordito da quanto accaduto, eppur felice per la sensazione di aver trovato una persona della cui saggezza possa istintivamente fidarsi, incomincia: ti racconto alcune vicende che hanno segnato il cammino della mia vita e che vorrei tu mi spiegassi alla luce delle tue conoscenze. Vivevo una vita comune a molti uomini, mangiavo carne, ingerivo bevande alcoliche, fumavo, facevo sesso. Davo libero sfogo ad ogni mio desiderio per procurarmi piacere, perch ritenevo che fosse tutto questo a rendere appagante la vita, ma in fondo al mio cuore sentivo di non essere felice. Tutto passava e lasciava dietro a se un senso di vuoto, di incertezza, che si accentuava quando si manifestava in me la malattia sotto una qualche forma, colpendo organi e parti diverse del mio corpo, e contro la quale ero impotente. Qualunque sforzo io facessi, non riuscivo a trovare il filo di Arianna che mi indirizzasse verso la guarigione.

Ho patito grandi sofferenze per tantissimi mesi, ingerendo tante medicine prodotte chimicamente dalluomo, ma esse hanno solo sedato gli effetti della malattia per un certo tempo, dopo di che questultima si ripresentava sistematicamente. Ad un certo punto della mia vita, avvertii in me il forte istinto di dover cambiare le cose, di dover mutare radicalmente il mio stile di vita, e, allinizio con grande sacrificio, cominciai ad eliminare le cattive abitudini alimentari, diventai vegetariano, misi al bando il fumo e le bevande alcoliche, e, dopo qualche tempo, cominciai a non avvertire pi quel forte desiderio di procurarmi piacere attraverso il sesso. Mi sentivo stranamente pi forte, anche se non sapevo spiegarmi il perch, ed al verificarsi delle malattie cominciai ad aver pi fiducia in una mia capacit di poterle sconfiggere indipendentemente dallassunzione di farmaci. Avevo fatto una grande scoperta che verificavo direttamente sulla mia pelle, anche se non riuscivo a capirne la causa: per guarire la malattia occorre innanzitutto saper scacciare la paura di non poterla vincere. Mi sono allora chiesto come mai avevo acquisito una tale inconscia consapevolezza ed una grande fiducia nelle mie capacit di successo contro la malattia mentre prima del cambiamento del mio stile di vita vivevo costantemente nella sofferenza e nella paura della morte; per avere risposta a questo quesito sono venuto da te , o saggio!. Lanziano uomo accenna ad un amorevole sorriso e risponde: hai scelto il sentiero che conduce al nostro Divino Creatore, anche se non ne sei ancora consapevole, e di questo ne sono contento. Tu hai verificato gli effetti del cambiamento determinato dal tuo nuovo stile di vita, e li reputi giustamente buoni, ma non ne capisci ancora le cause. Devi sapere che tutto composto da energia, anche ci che individuiamo come materia solida. Lenergia una forza che muove in continuazione un complesso di particelle e si manifesta come vibrazione . Le scale dei colori e le note musicali sono anchesse energie la cui velocit di vibrazione misurabile sul piano fisico come frequenza (un dato numero di cicli al secondo), cos come le emozioni ed i pensieri sono anchesse energie che fluttuano sotto forma di vibrazione, anche se noi le percepiamo soltanto inconsciamente.

Tali energie non si distruggono, ma sono in continua trasformazione, e le loro trasformazioni si manifestano sotto forma di cambi di frequenza. Come ogni altra cosa esistente nellUniverso, composto da energia anche il corpo umano. Lenergia di ogni corpo influenzata da quelle degli altri corpi presenti nellUniverso, perch le energie tra loro interagiscono. Pertanto gli aspetti della vita umana sono collegati ed influenzati da ogni altra cosa. Le energie presenti nellUniverso si possono raggruppare con diverse sfumature allinterno di due grandi classi: lamore e la paura. La prima delle due categorie caratterizzata da una maggiore velocit di vibrazione, il che indicativo della capacit di saper determinare come effetto larmonia, la salute, il benessere ecc.. La seconda, che invece caratterizzata da basse frequenze, induce pensieri negativi, malattie, blocchi, problemi e cos via. Lamore comprende tutte le energie che aprono, donano, risanano, agiscono, creano, uniscono, lasciano fluire. La paura, invece, raggruppa in s tutte le energie che chiudono, separano, trattengono, attaccano, distruggono. La vita pertanto caratterizzata dallalternarsi di questi due grandi campi di forza, e quindi la qualit di essa, misurata in termini di benessere, salute fisica, buoni pensieri, buoni sentimenti, buone azioni, dipende da quanto riusciamo ad attirare verso di noi energie amorevoli ed ad allontanare quelle di segno opposto. Poich la natura delle due forze antitetica, pi noi riusciamo ad attirare nella nostra vita energie positive, pi in modo automatico allontaniamo quelle legate alla paura. Or devi sapere, perch tu possa comprendere meglio il fatto che luomo formato da energia, che questultimo un essere complesso, composto non solo dalla materia fisica che cade sotto ai nostri cinque sensi, ma anche da energie pi sottili, a noi invisibili, che si manifestano sia in piani di esistenza diversi da quello fisico, sia sul piano fisico, perch tali energie compenetrano la materia visibile del corpo fisico e la rendono vitale come lacqua capace di impregnare la spugna rimanendo invisibile. Tali energie sono la vitalit, che alimenta di carburante il nostro corpo affinch possa compiere ogni attivit quotidiana della vita, le emozioni ed i pensieri.

Poich le energie nelluniverso sono tra loro collegate ed interagiscono, il permettere laccesso alla paura e, quindi, alle conseguenti energie negative, comporta in noi squilibri sia sul piano fisico (sotto forma di malattia fisica), sia sul nostro piano emozionale (procurandoci sentimenti disarmonici, quali, ad esempio, diffidenza, odio, invidia , rancore verso gli altri), sia sul piano mentale (provocando in noi disagi mentali, incapacit di buoni pensieri, pensieri negativi che non riusciamo a scacciare). E dovere delluomo il cercare di vincere tutte le sue paure, e ci pu fare cercando di riequilibrare le disarmonie provocate dalle energie negative, attivandosi prima di tutto nel piano a lui pi accessibile, quello fisico, per poi, una volta conseguiti i primi successi, cominciare ad agire nei piani delle emozioni e dei pensieri. Anche se inconsciamente, grazie al rifiuto dellalimentazione carnea e di altri cibi impuri, del fumo, delle bevande alcoliche e del sesso, tu hai attivato un procedimento di riequilibrio energetico che ha cominciato a dare i suoi frutti anche in termini di vittoria sulle malattie. Le basse energie indotte da una continua alimentazione carnea e dagli altri vizi determinano infatti una cristallizzazione della materia, ovvero una sua incapacit futura di lasciar fluire energie per renderla dinamica e viva. Il punto del corpo in cui si cristallizza la materia privo di vitalit ed incapace di assolvere ai suoi compiti, e, per questo, si ammalato. La febbre un fuoco energetico attivato dalla Divina Provvidenza nel tentativo di sciogliere la cristallizzazione della parte del corpo ammalata affinch in essa possano ritornare a fluire energie vitali. Rinnegando tutto ci che introduceva nel tuo corpo basse energie cristallizzatici, hai cominciato ad allontanare queste ultime da te e, di contro, hai iniziato ad attirare il fuoco energetico della Divina Provvidenza di cui ho sopra detto che ha attivato un meccanismo di scioglimento delle cristallizzazioni delle parti ammalate del tuo corpo portandoti poco a poco alla guarigione. E anche vero che talvolta la cristallizzazione della materia del corpo di tale vasta portata che solo un grande intervento di energie divine pu cambiare lo stato delle cose, e quando ci avviene si hanno i miracoli. Il ricercatore, allora, dopo aver ascoltato con attenzione le perle di saggezza rivelategli, prosegue nel dialogo:

O eccelso lume di conoscenza, adesso ho chiaro il perch di tutto quanto mi successo, ma certo ancora non sono immune n da malattie, che continuano comunque ad affliggermi, anche se adesso le so combattere di pi e meglio, e tanto meno vivo in uno stato di pace e serenit, perch, anche se in misura minore rispetto a quando ne ero afflitto nel periodo in cui vivevo in maniera dissoluta, ancor oggi mi assalgono sentimenti e pensieri negativi . Quali consigli mi dai affinch io possa conseguire una maggiore pace e serenit?; devi perseverare nel sentiero intrapreso - risponde il vecchio saggio- e pertanto devi cercare di perfezionare sempre di pi la tua vita realizzando un riequilibrio delle energie anche sul piano dei sentimenti e dei pensieri. Devi sforzarti di alimentare in te sentimenti amorevoli, quali lammirazione, lapprezzamento, la simpatia, la speranza, la divina intuizione, la fiducia sullesistenza delle cose non visibili, la carit (cio il sentire come unica la propria vita e quella degli altri attraverso il servizio e la comprensione), e devi inoltre sforzarti di alimentare pensieri positivi e di allontanare i pensieri negativi; tali risultati si ottengono allenando una grande presenza di spirito, cio una prontezza di attenzione nellesaminare momento per momento il flusso dei sentimenti e dei pensieri che investono la tua sfera di esistenza affinch tu possa selezionare quelli positivi, mantenendo su essi per quanto pi possibile la tua attenzione, e sostituendo immediatamente quelli negativi, non appena essi arrivano, con altri di segno opposto. Impara a servire i tuoi simili, ed allora con il tempo capirai che pi tu preghi per la guarigione degli altri, pi perfezioni e migliori la qualit delle tue energie; in tal modo conseguirai una buona salute in sovrappi, anche se non lo chiedi. Devi per sapere che, seguendo questo sentiero di perfezionamento spirituale, verr il momento in cui, raggiungendo con il passare degli anni determinati traguardi di perfezionamento per tappe successive, occorrer rendere pi sensibili, cio pi ricettivi di maggiori flussi di energie, alcuni tuoi organi che attualmente presentano un certo livello di cristallizzazione comunque insufficiente a determinare linterruzione totale della circolazione delle energie. Ci vuol dire che, anche se attualmente tali organi non appaiono ammalati, in quanto comunque lasciano fluire energie, in futuro, quando occorrer attivare la loro sensibilizzazione, interverr il Fuoco Divino a distruggere la cristallizzazione e ci comporter effetti fisici che appariranno come una vera e propria malattia, anche se poi,
5

cessato il periodo pi o meno lungo di logoramento della cristallizzazione, cesser ogni sofferenza fisica e la malattia sembrer scomparire nel nulla come per effetto di una guarigione miracolosa. A titolo di esempio, posso dirti che si verificher in te una forte torsione al fegato che porter dolori lancinanti e grande sofferenza, ed ancora, in un'altra fase spirituale, una grande afflizione alla laringe. In questi casi dovrai saper alimentare in te la fiducia in una completa guarigione .