Sei sulla pagina 1di 5

INTRODUZIONE

Luglio 2011
1
INTRODUZIONE
Era luglio del 2011 quando Paolo Caviezel mi chiamò per propormi, con il suo solito calibrato
entusiasmo, di collaborare con lui.
«Mi serve una scrittrice. Sai mica dove posso trovarne una?» esordì sornione come se nulla fosse.
«Per scrivere cosa?» chiesi, mentre la sottile ansia che Paolo spesso mi suscita cominciava a farsi
strada tra i sorrisi che sempre mi strappa, «come stai?»
«Bene, benissimo!» mi rispose all'istante senza risparmiare sui punti esclamativi, «ho bisogno che
tu mi scriva dei testi ottimizzati per i motori di ricerca.»
«Testi ottimizzati? »domandai spiazzata. «Io?!»
«Certo!» incalzò lui apparentemente incurante e sicuramente divertito per il mio stupore. «Sei la
mia scrittrice preferita. Sarebbe per me un onore se li scrivessi tu.»
«Addirittura un onore» mi schermii imbarazzata, «non sono capace» pigolai, «non so nulla di
ottimizzazione e di motori di ricerca» conclusi mugugnando lamentosa.
«Sai scrivere?»
«Sì...»
«Allora siamo a posto. Tu scrivi e basta. Al resto ci penso io. Ti darò lo strumento che ti permetterà
di ottimizzare per i motori di ricerca i tuoi testi. Si tratta di un'applicazione nuova, sulla quale io ed
i miei soci stiamo lavorando da tempo e che finalmente siamo riusciti a produrre. E abbiamo
bisogno di te per testarla.
Partiamo dal presupposto che chiunque ha un sito desidera avere visibilità e raggiungere la prima
pagina di Google. SEO-Magic, questa applicazione, appunto, è la soluzione ideale per riuscirci, ma,
come tutti gli strumenti, non funziona se non la si utilizza nel modo più corretto: bisogna scriverci
dentro e bisogna saperlo fare.
Visto che non siamo riusciti ad inventarci una "macchina" che sappia scrivere, ci siamo inventati la
"macchina" perfetta per chi sa scrivere.
Io ti do lo strumento e tu ci metti dentro le tue parole» concluse lapidario, pericolosamente pronto
a cambiare discorso.
«Mi stai prendendo in giro, vero? » bofonchiai per nulla convinta.
«No, assolutamente. Ascoltami. Io ti assegnerò via via degli argomenti e la tua unica
preoccupazione dovrà essere quella di scrivere contenuti belli, accattivanti e che siano inerenti a
ciò che stai descrivendo.
Utilizzerai SEO-Magic per elaborare i tuoi testi in modo che piacciano così tanto a Google che li
porterà automaticamente in prima pagina nel giro di qualche giorno. L'applicazione calcolerà e ti
guiderà; tu creerai.»
2
In quel momento mi tornò in mente quando, qualche mese prima, avevo chiesto ad un esperto
SEO un preventivo per poter ottimizzare il mio blog di attualità, cronaca, scrittura e poesia affinché
potesse essere trovato da tutti quei lettori che ancora non avevo e avrei voluto avere.
Soprattutto mi tornarono in mente l'espressione eroica del titolare della web agency a cui mi ero
rivolta, «Eh, non è mica facile, qui. È un lavorone, ma con un po' di impegno possiamo tirarci fuori
qualcosa di buono», e la cifra in grassetto, una collezione di zeri, in fondo al foglio del preventivo. Il
connubio tra entità del totale e le difficoltà espresse dal consulente mi lasciò addosso la
sensazione che le competenze necessarie per poter rendere visibile il proprio sito ai destinatari
per cui è stato creato per le chiavi di ricerca più efficaci a tale scopo siano di difficile
apprendimento ed applicazione, tanto da rendere tutto ciò che ruota intorno alla SEO un insieme
di preziose informazioni per pochi eletti, da tramandarsi con discrezione, come la ricetta della coca
cola.
Mi prese il panico. Se Paolo mi avesse chiesto di scrivere un trattato sulla semantica della lingua
italiana mi sarei sentita più all'altezza.
«Ma, Paolo, io scrivo articoli, racconti, poesie e romanzi incompiuti, non pagine ottimizzate per i
motori di ricerca» cominciai a piagnucolare.
«Non ti devi preoccupare di nulla, ti ho detto» mi interruppe senza farmi finire il teatrale pianto
«Abbiamo creato un tool che già sa come Google analizzerà il tuo testo quando lo esaminerà e ti
aiuterà a scriverlo in modo che possa passare l'esame a pieni voti ed ottenere le prime posizioni
senza dover pagare pubblicità o altro. In pratica sarà Google stesso a portare in alto le pagine da
te scritte semplicemente perché gli piaceranno.
Vedi, mentre scriverai, il tool come una sorta di correttore word, ti controllerà in tempo reale i testi
dandoti le indicazioni per scriverli correttamente nei tag che poi verranno analizzati dagli spider. E
questo, insieme alla tua capacità di scrivere, ti permetterà di creare contenuti perfetti per i motori
di ricerca.
Sarà una passeggiata. Fìdati di me.»
Ecco. Fregata.
Tool, spider, tag. Io non sapevo neanche dove mettere la lingua per pronunciarle nella mia testa,
quelle parole lì, ma il "Fìdati di me" non mi lasciò scampo.
Dal luglio 2011 ho scritto più di mille pagine che ancora mantengono nel Web le prime posizioni
con oltre diecimila keywords vincenti. E questo grazie anche al Wizard di SEO-Magic, la web
application che ho imparato ad usare e di cui vi parlerò in questo manuale, e all'aiuto di Paolo e
dei suoi collaboratori.

………
3
Luglio 2015.
Qualche settimana fa Paolo Caviezel mi ha chiamata per propormi, con il suo solito calibrato
entusiasmo, di collaborare con lui.
«Ci hanno chiesto un libro su di noi. Mi serve una scrittrice. Sai mica dove posso trovarne una?»
Vi giuro. Gli sorrideva la voce.
Ed eccoci qui, dunque.
Io ho un po' di anni da portare e qualche figlio a cui tentare di lasciare il buon esempio. Ho vissuto
l'avvento del Web come tutti quelli della mia generazione. Ero, allora, una ragazza appassionata di
parole e di tempo per poterle contenere e non riuscivo a capire "dove" stesse Internet, come fosse
possibile che esistesse uno spazio invisibile talmente grande da poter permettere a chiunque di
condividere un qualsiasi contenuto desiderasse condividere.
Sono cresciuta con le cabine telefoniche sempre occupate ed il gettone in ottone scanalato su
entrambi i lati che valeva duecento lire ed ancor oggi che, come tutti, vivo con il mio smartphone
sempre a portata di mano, mi stupisco se guardo indietro e vedo quanta strada ha fatto la
Comunicazione in questi ultimi vent'anni.
Agli albori del World Wide Web facevo la hostess nelle fiere, vendevo le connessioni di un piccolo
provider di Torino e non capivo mica bene cosa stavo vendendo. Compilavo moduli, dicevo quello
che mi avevano detto di dire e supplivo a ciò che non sapevo sorridendo ed inventando. Ma una
cosa mi è stata chiara fin da subito, e cioè che il Web è un immenso scatolone, pressoché infinito,
in cui la parola libertà assume un significato che merita di essere preso in considerazione. Libera
informazione, libero pensiero, libera parola, libero mercato. E si sa che dove c'è libertà c'è anche
confusione, pericolo, rischio, responsabilità.
Con questo spirito nasce l'idea di questo manuale: rendere fruibile a tutti la possibilità di veicolare
autonomamente le informazioni che si pubblicano sul Web in modo che arrivino a destinazione,
districandosi nella giungla dei miliardi di contenuti che ci sono in Rete.
Oggi quasi tutti hanno un sito, un blog o una semplice bacheca Facebook e ormai tanti sono i
programmi che ne permettono la creazione gratuita. Ma quasi nessuno sa come raggiungere la
prima pagina di un motore di ricerca e, soprattutto, quasi nessuno sa che può farlo in completa
autonomia con facilità e sicurezza.
Questo manuale vuole essere una guida semplice e completa di come questo può accadere grazie
a SEO-Magic. Senza supponenza e con il massimo rispetto nei confronti delle sudate competenze
di tutti i professionisti del settore.
Questo gruppo di persone desiderano mettere a disposizione le loro conoscenze tecniche, la loro
esperienza e le logiche degli strumenti che insieme hanno creato perché credono fermamente che
la visibilità sul Web debba essere libera per tutti.
Questo il loro grande sogno.
E hanno chiesto a me di trovare le parole per raccontarvelo.
4
So cosa state pensando. Lo so.
Tutte chiacchiere.
Però permettetemi di dirvi una cosa: se ce l'ho fatta io a portare nella prima pagina di Google i siti
che ho descritto spaziando nel panorama più variegato del mercato del Web, imprese di onoranze
funebri, ditte che producono software, ingrossi di oggettistica per feste e accessori per il
Carnevale, studi di fisioterapia, laboratori per la ricostruzione delle unghie, tanto per fare solo
qualche esempio, beh, dicevo, se ce l'ho fatta io, state certi... ce la farete anche voi!
Fidatevi di me.

Fiamma Larosa
5