Sei sulla pagina 1di 2

Scheda di Sicurezza

Detergente liquido DT0520 Microplan Group

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA’ Raccogliere il prodotto per il riutilizzo, se possibile, o per l’eliminazione.
Nome commerciale: DT0520 detergente liquido per granito Eventualmente assorbirlo con materiale inerte. Successivamente alla raccolta, lavare
Codice commerciale: DT0520 con acqua la zona ed i materiali interessati.
Tipo di prodotto ed impiego: 6.4 Riferimento ad altre sezioni
detergente liquido per la pulizia di strumenti in granito Sez.8 e Sez.13
Fornitore: Venditore [ x ]
Microplan Italia Srl, Via Monte Rosa, 7 7. MANIPOLAZIONE E IMMAGAZZINAMENTO
Zona Industriale di Roccapietra 7.1 Precauzioni per la manipolazione sicura
13019 Varallo S. (Vercelli) Italia Evitare il contatto e l’inalazione dei vapori. Vedere anche il successivo paragrafo 8.
Tel. +39-0163-54619 Fax +39-0163-564081 7.2 Condizioni per l’immagazzinamento sicuro, comprese eventuali
incompatibilità
2. COMPOSIZIONE / INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Indicazione per i locali: locali adeguatamente areati.
2.1 Classificazione della sostanza o della miscela: Si veda anche il successivo paragrafo 10.
Nessun pericolo specifico è riscontrabile nel normale utilizzo. 7.3 Usi finali specifici
Principali effetti nocivi: vedi sezioni da 9 a 12. Nessuno
2.2 Elementi dell’etichetta:
Disposizioni speciali: 8. CONTROLLO DELL’ESPOSIZIONE / PROTEZIONE INDIVIDUALE
Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta per gli utilizzatori professionali. 8.1 Parametri di controllo
Non rimuovere l’etichetta del prodotto! Valori limite per l’esposizione professionale:
2.3 Altri pericoli: Nazionali: N.D.
Nessuno. Comunitari: N.D.
Valori limite biologici: N.D.
3. IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI Procedure di monitoraggio raccomandate: N.D.
DNEL: N.D.
3.1 Sostanze: N.A. PNEC: N.D.
3.2 Miscele: 8.2 Controlli di esposizione
Nome: ALCHILALCOOL ETOSSILATO Misure di protezione individuale, quali dispositivi di protezione individuale:
Numero Registrazione: Esente - Protezione per gli occhi/il volto: Non necessaria per l’utilizzo normale.
CAS: 71060-57-6 Operare, comunque, secondo le buone pratiche lavorative.
EINECS: N.D. - Protezione della pelle:
67/548/CE: Xi; R41 Protezione delle mani: Nessuna precauzione particolare deve essere adottata
CLP: Eye Dam:1 H318 per l’utilizzo normale.
Conc. 1-3% - Protezione respiratoria: Non necessaria per l’utilizzo normale. Aerare
adeguatamente i locali dove il prodotto viene stoccato e/o manipolato.
Controlli dell’esposizione ambientale:
4. MISURE DI PRIMO SOCCORSO Limiti di esposizione delle sostanze contenute:
4.1 Descrizione delle misure di primo soccorso Nessuno.
Vie di esposizione:
- Contatto con la pelle: sciacquare immediatamente ed abbondantemente 9. PROPRIETA’ FISICHE E CHIMICHE
con acqua. 9.1 Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentali
- Contatto con gli occhi: sciacquare abbondantemente con acqua per almeno 10 Aspetto: Liquido limpido giallo-verde
minuti. Odore: Caratteristico
- Ingestione: Indurre il vomito. RICORRERE IMMEDIATAMENTE A VISITA MEDICA, Soglia olfattiva: N.D.
mostrando la scheda di sicurezza. pH: 12,0 +/- 0,5
E’ possibile somministrare carbone attivo sospeso in acqua od olio di vaselina Punto di fusione/ punto di congelamento: N.D.
minerale medicinale. Punto di ebollizione iniziale e intervallo di ebollizione: N.D.
- Inalazione: Aerare l’ambiente. Rimuovere subito il paziente dall’ambiente Punto di infiammabilità: N.D.
contaminato e tenerlo a Velocità di evaporazione: N.D.
riposo in ambiente ben areato. In caso di malessere consultare un medico. Infiammabilità (solidi,gas): N.D.
Limiti superiore/inferiore di infiammabilità o di esplosività: N.D.
4.2 Principali sintomi ed effetti, sia acuti che ritardati Tensione di vapore: N.D.
N.D. Densità di vapore: N.D.
4.3 Indicazione dell’eventuale necessità di consultare immediatamente un Densità relativa (20°C): 1,010 +/- 0,005 g/ml
medico oppure di trattamenti speciali Vedi.4.1 Solubilità(in acqua): N.D
Coefficiente di ripartizione:
5. MISURE ANTINCENDIO n-ottanolo/acqua: N.D.
5.1 Mezzi di estinzione Temperatura di autoaccensione: N.D
Estintori raccomandati: Acqua, CO2, Schiuma, Polveri chimiche a seconda dei Temperatura di decomposizione: N.D.
materiali coinvolti nell’incendio. Viscosità: N.D.
Mezzi di estinzione non idonei: Nessuno in particolare. Proprietà esplosive: N.D
5.2 Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela Proprietà ossidanti: N.D.
Nessuno in particolare. 9.2 Altre informazioni: N.D.
5.3 Raccomandazioni per gli addetti all’estinzione degli incendi:
Evitare di respirare i fumi. Usare protezioni per le vie respiratorie. 10. STABILITA’ E REATTIVITA’
10.1 Reattività:
6. MISURE IN CASO DI RILASCIO ACCIDENTALE No.
6.1 Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di 10.2 Stabilità chimica
emergenza Stabile in condizioni normali.
Allontanare dalla zona interessata le persone non addette all’intervento di emergenza. 10.3 Possibilità di reazioni pericolose
Precauzioni individuali: indossare guanti ed indumenti protettivi. Nessuna.
6.2 Precauzioni ambientali 10.4 Condizioni da evitare
Se il prodotto è defluito in un corso d’acqua, in rete fognaria o ha contaminato il suolo Nessuna in particolare.
o la vegetazione, avvisare le autorità competenti. 10.5 Materiali incompatibili
6.3 Metodi e materiali per il contenimento e la bonifica Nessuno.
Raccomandazioni sulle modalità di contenimento di una fuoriuscita: 10.6 Prodotti di decomposizione pericolosi
- Contenere le perdite con terra o sabbia. Nessuno.
Raccomandazioni sulle modalità di bonifica di una fuoriuscita:
- Se il prodotto è in forma liquida, impedire che penetri nella rete fognaria.
11. INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE Regolamento 648/2004/CE relativo ai detergenti e successive modifiche.
Non sono disponibili dati tossicologici sul preparato in quanto tale. 15.2 Valutazione della sicurezza chimica
Si tenga, quindi, presente la concentrazione delle singole sostanze al fine di N.D.
valutare gli effetti tossicologici derivanti dall’esposizione al preparato.
Sono di seguito riportate le informazioni tossicologiche riguardanti le 16. ALTRE INFORMAZIONI
principali sostanze presenti nella miscela. La presente scheda di sicurezza è stata rivista in tutte le sue sezioni in conformità del
Effetti pericolosi per la salute derivanti dall’esposizione alla miscela: Regolamento n.453/2010/UE.
vedi sezioni 2 e 4. Acronimi
11.1 Informazioni sugli effetti tossicologici ADN: accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose per
ALKYL ALCOHOL ETHOXYLATES | ALCHIL ALCOOL ETOSSILATO: vie navigabili interne.
- Tossicità acuta: LD50> 2000 mg/kg peso corporeo ADR: accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose su
- Corrosione/Irritazione cutanea: Non irritante. Metodo Draize Test strada.
- Lesioni oculari gravi/irritazioni oculari gravi: Estremamente irritante. ACGIH: American Conference of Governmental Industrial Hygienists
Metodo Draize Test. CLP: Classification, Labelling and Packaging (Classificazione, etichettatura ed
- Mutagenicità delle cellule germinali: N.D. Imballaggio)
- Mutagenesi in vitro: non mutageno. Metodo: OECD 471 CSR: Rapporto sulla sicurezza chimica (Chemical Safety Report)
DL 50: Letal dose 50 (Dose letale per il 50% degli individui)
12. INFORMAZIONI ECOLOGICHE
DNEL: Derived no effect level (Livello derivato senza effetto)
Utilizzare secondo le norme di buona tecnica evitando di disperdere il
IARC: International Agency for Research on Cancer (Ente Internazionale per la Ricerca
prodotto nell’ambiente (vedi anche sezioni 6,7,13,14 e 15).
sul Cancro)
Non sono disponibili dati eco tossicologici sulla miscela in quanto tale.
12.1 Tossicità IATA: International Air Transport Association (Associazione Internazionale del
ALKYL ALCOHOL ETHOXYLATES | ALCHIL ALCOOL ETOSSILATO Trasporto Aereo)
Tossicità ittica acuta: ICAO: International Civic Aviation Organization (Organizzazione Internazionale
LC50>1 < 10 MG PRODOTTO/l. (Analogia) dell’Aviazione Civile)
Tossicità batterica acuta: Codice IMDG: International Maritime Dangerous Goods code (Codice sul
EC0>100 MG PRODOTTO/l. (Analogia) Regolamento del Trasporto Marittimo di merci pericolose)
12.2 Persistenza e degradabilità LC50: Lethal Concentration 50 (Concentrazione letale per il 50% degli individui)
ALKYL ALCOHOL ETHOXYLATES | ALCHIL ALCOOL ETOSSILATO PBT: Persistent, bioaccumulative and toxic (sostanze persistenti bioaccumulabili e
Degradazione primaria: tossiche)
I tensioattivi contenuti nel prodotto sono prontamente biodegradabili. PNEC: Predicted no effect concentration (Concentrazione prevedibile priva di effetti).
Biodegradazione finale: RID: Regolamento concernente il trasporto Internazionale ferroviario delle merci
Facile e veloce da degradare: nei test di facile degradabilità, tutte le pericolose.
sostanze contenute nel prodotto hanno ottenuto valori > 60% BOD/COD, STEL: short term exposure limit (limite di esposizione a breve termine)
ovvero formazione di CO2, ovvero > 70% di calo DOC. Ciò rientra nei valori TLV: treshold limit value (soglia di valore limite)
limite previsti per “facilmente degradabile/readily degradable” TWA: Time Weighted Average (media ponderata nel tempo)
(ad es. metodi OECD 301). (Analogia). UE: Unione Europea
12.3 Potenziale di bioaccumulo vPvB: Very persistent very bioaccumulative (sostanze molto persistent e molto
N.D. bioaccumulabili)
12.4 Mobilità nel suolo Abbreviazioni
N.D.
N.D. = Non disponibile
12.5 Risultati della valutazione PBT e vPvB.
N.A. = Non applicabile
N.D.
12.6 Altri effetti avversi T.I. = Tecnicamente impossibile
N.D. […] = Riferimento bibliografico
Principali riferimenti bibliografici e fonti di dati
13. CONSIDERAZIONI SULLO SMALTIMENTO ECDIN - Environmental Chemicals Data and Information Network - Joint Research
13.1 Metodi di trattamento dei rifiuti Centre, Commission of the European Communities
Recuperare se possibile. Inviare ad impianti di smaltimento autorizzati o ad SAX’s DANGEROUS PROPERTIES OF INDUSTRIAL MATERIALS - Eight Edition - Van
incenerimento in condizioni controllate. Operare secondo le vigenti Nostrand Reinold
disposizioni locali e nazionali. ACGIH - Threshold Limit Values - 2004 edition

14. INFORMAZIONI SUL TRASPORTO Testo integrale delle frasi R e H utilizzate nelle sezioni 2-15
Merce non pericolosa ai sensi delle norme sul trasporto. R41 Rischio di gravi lesioni oculari.
14.1 Numero ONU H318 Provoca gravi lesioni oculari.
N.A.
14.2 Nome di spedizione dell’ONU Sostanze contenute in conformità al regolamento (CE) N.648/2004 del
N.A. Parlamento Europeo e del Consiglio del 31 Marzo 2004 relativo ai detergenti-
14.3 Classi di pericolo connesso al trasporto ALL.VII A:
N.A. - Fosfonati: conc. inferiore a 5%;
14.4 Gruppo di imballaggio - Fosfati: conc. inferiore a 5%;
N.A. - EDTA e Sali: conc.inferiore a 5%;
14.5 Pericoli per l’ambiente - Tensioattivi non ionici: conc. inferiore a 5%.
Marine pollutant: No
14.6 Precauzioni speciali per gli utilizzatori Le informazioni ivi contenute si basano sulle nostre conoscenze alla data sopra
N.A. riportata. Sono riferite unicamente al prodotto indicato e non costituiscono garanzia
14.7 Trasporto di rinfuse secondo l’allegato II di particolari qualità. L’utilizzatore è tenuto ad assicurarsi della idoneità e completezza
di MARPOL 73/78 ed il codice IBC di tali informazioni in relazione all’utilizzo specifico che ne deve fare.
No trasporto di rinfuse. Questa scheda annulla e sostituisce ogni edizione precedente.

Scheda_Sicurezza_DT0520
15. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE del 21/01/2013
15.1 Norme e legislazione su salute, sicurezza e ambiente specifiche per la Redatta dal produttore
miscela
Direttiva 67/548/CEE (Classificazione, Imballaggio e Etichettatura delle sostanze
pericolose) e successive modifiche;
Direttiva 99/45/CE (Classificazione, Imballaggio e Etichettatura dei preparati V.15/04.1
pericolosi) e successive modifiche;
Regolamento n. 1907/2006/CE (Reach)
Regolamento n.453/2010/UE
Regolamento n. 1272/2008/CE(CLP);
Regolamento n.790/2009/CE (recante modifica, ai fini dell’adeguamento al progresso Scheda di Sicurezza disponibile sul sito
tecnico e scientifico, ATP del regolamento n.1272/2008/CE) www.microplan-group.com
D.Lgs 81/2008(testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi
di lavoro) e successive modifiche e Direttiva 2009/161/UE);