Sei sulla pagina 1di 5

R. 0. n.

1 i del 16/0Z,2020

Oggetto: PARZIALE RIAPERTURA DEL CENTRO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEi

RIFIUTI DI GARDONE RIVIERA POSTO IN LOC. TRAINA A FAR TEMPO DAL GIORNO

17 APRILE 2020 AL GIORNO 02 MAGGIO 2020 CON GLI ORARI NORMALMENTE GIA.

PREVISTI E CIO PER IL SOLO CONFERIMENTO DEGLI SCARTI VEGETALI DELLE

UTENZE DOMESTICHE DERIV ANTI DA ATTIVITA. DI MANUTENZIONE DEL VERDE.

IL S IND A C O

VIS TI:

• il D.L. 23 febbraio 2020, n. 6 recante "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione

dell'emergenza epidemiologica daCOVID-19";

• il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2020, recante "Disposizioni

attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento

e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

45 del 23 febbraio 2020;

• il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 febbraio 2020, recante "Ulteriori disposizioni

attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento

e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

47 del 25 febbraio 2020;

• il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020, recante "Misure urgenti per il

contenimento del contagio nella Regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza,

Reggio nell'Ernilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola,

Vercelli, Padova, Treviso, Venezia";

• il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020 recante "Ulteriori disposizioni

attuative del decreto legge 23 febbraio 2020, n° 6, recante misure urgenti in materia di contenimento

e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio

nazionale";

• il DPCM 1 1 marzo 2020, recante "Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione

dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, sull'intero territorio nazionale";

• l 'ordinanza del Ministero della Salute del 20 marzo 2020;

• le ordinanze della Regione Lombardia n. 5 1 4 del 2 1 . 0 3 .2020, n. 5 1 5 del 22.03.2020 e n. 5 1 7

del 23/03/2020; n. 5 2 1 del 4 aprile 2020 e n . 522 del 6 aprile 2020 en. 528 dell'l 1/4/2020;

• il DPCM 22 marzo 2020 recante "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio

2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza

epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale";


• il decreto legge 25 marzo 2020 n. 1 9 "Misure urgenti per fronteggiare l 'emergenza epidemiologica

da Covid - 1 9 "

• il DPCM 1 ° aprile 2020, recante "Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19,

recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili

sull'intero territorio nazionale";

• Dpcm 1 0 aprile 2020 recante "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n.

1 9 , recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili

sull'intero territorio nazionale"

VISTO in particolare l'art. 191 del D.Lgs. 152/06 che prevede: "1. Ferme restando le disposizioni

vigenti in materia di tutela ambientale, sanitaria e di pubblica sicurezza, con particolare riferimento

a/le disposizioni sul potere di ordinanza di cui all'articolo 5 de/la legge 24 febbraio 1992, n. 225,

istitutiva de/ servizio nazionale de/la protezione civile, qualora si verifichino situazioni di ecceziona/e

ed urgente necessita di tutela de/la salute pubblica e dell'ambiente, e non si possa altrimenti

provvedere, ii Presidente de/la Giunta regiona/e o ii Presidente de/la provincia owero ii Sindaco

possono emettere, nell'ambito de/le rispettive competenze, ordinanze contingibili e urgenti per

consentire ii ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga a/le

disposizioni vigenti, nel rispetto comunque, de/le disposizioni contenute nelle direttive dell'Unione

europea, garantendo un elevato live/lo di tutela de/la salute e dell'ambiente.

Dette ordinanze sono comunicate al Presidente def Consiglio dei Ministri, al Ministro dell'Ambiente

e de/la Tutela def Territorio e def Mare, al Ministro della salute, al Ministro de/le Attivita Produttive,

al Presidente de/la regione e all'autorita d'ambito di cui al/'articolo 201 entro tre giorni

dall'emissione ed hanno efficacia per un periodo non superiore a sei mesi. 2.

VISTO l'art.50 D. Lgs. 18 agosto 2000 n.267 che prevede: "In particolare, in caso di emergenze

sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti

sono adottate dal sindaco, quale rappresentante de/la comunita locale. Le medesime ordinanze sono

adottate dal sindaco, quale rappresentante de/la comunita locale, in relazione all'urgente necessita

di interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado de/ territorio, del/ 'ambiente e def

patrimonio culturale o di pregiudizio de/ decoro e de/la vivibilita urbana, con particolare riferimento

a/le esigenze di tutela de/la tranquillita e def riposo dei residenti, anche intervenendo in materia di

orari di vendita, anche per asporto, e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche.

VISTO il D. Lgs. 3 1 marzo 1 9 9 8 , n. 1 1 2 che, a l l ' art . 1 1 7 (Interventi d'urgenza), prevede che "1. In

caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze

contingibili e urgenti sono adottate dal sindaco, quale rappresentante de/la comunita locale. Negli

altri casi l'adozione dei provvedimenti d'urgenza, ivi compresa la costituzione di centri e organismi

di referenza o assistenza, spetta a/lo Stato o a/le regioni in ragione de/la dimensione dell'emergenza

e dell'eventuale interessamento di piu ambiti territoriali regionali";

CONSIDERATO che la raccolta e la gestione dei rifiuti urbani e speciali di cui a l l ' art . 1 8 3 lettere n)

e o) del decreto legislativo 3 aprile, n. 1 5 2 devono essere garantiti, in quanto servizi pubblici essenziali

e pertanto, oltre alla raccolta <lei rifiuti urbani indifferenziati, deve essere anche garantito il servizio di

raccolta differenziata, da attuarsi secondo le consuete modalita adottate in ciascun contesto territoriale.

PRESO ATTO che sono pervenute numerose segnalazioni da cittadini in merito all' esigenza di

conferire i rifiuti vegetali derivanti da attivita di manutenzione del verde, attualmente stoccati presso i

rispettivi luoghi di residenza;


CONSIDERATO che l'accumulo di scarti vegetali puo determinare il formarsi di marcescenze, con

conseguenti molestie olfattive e il formarsi di habitat adatto al proliferare di insetti e/o roditori e che

pertanto potrebbero configurarsi problemi igienico sanitari sul territorio con nocumento per la salute dei

cittadini, compreso il diffondersi di fenomeni allergici ;

CONSIDERATO che alla luce dell'evolversi della situazione epidemiologia e de! carattere diffusivo

che sta assumendo l'epidemia da COVID-19 la gestione dei rifiuti costituisce servizio pubblico

essenziale, ai sensi degli articoli 177 e seguenti del decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 1 5 2 e successive

modificazioni e integrazioni, direttamente attinente alla tutela del diritto alla salute e alla tutela

dell' ambiente;

CONSIDERATO che la mancata attuazione degli interventi di sfalcio finalizzati al contenimento delle

piante responsabile di fenomeni allergici puo causare gravi affezioni alle vie respiratorie e aggravare gli

effetti da COVID-19;

RITENUTO che, in tale contesto, si impone l'assunzione senza indugio di ogni misura di contenimento

e gestione adeguata e proporzionata all'evolversi della situazione epidemiologica in atto, ivi compresa

la necessita di assicurare le condizioni igienico-sanitarie in relazione alla gestione dei rifiuti urbani e

assirnilati, tese a garantire la massima tutela della salute dei cittadini e dell'ambiente;

RITENUTO che le situazioni di fatto e di diritto riportate in premessa e motivate integrino le condizioni

di eccezionalita ed urgente necessita di tutela della sanita pubblica e dell' ambiente;

RITENUTO, pertanto, opportuno disporre la parziale riapertura del Centro Raccolta Differenziata di

posto in Loe. Traina dal giomo 1 7 Aprile 2020 fino al giomo 02 Maggio 2020 nel rispetto degli orari

sotto specificati:

Lunedi- Mercoledi e Venerdi dalle ore 14.00 - alle 17.00

Martedi - Giovedi e Sabato dalle ore 09 .00 - alle 12.00

• e cio per ii solo conferimento degli scarti vegetali provenienti da utenze domestiche in cui

NON sono presenti soggetti positivi al tampone o in isolamento o in guarantena obbligatoria,

derivanti da attivita di manutenzione del verde privato ed alle seguenti condizioni:

• accesso consentito ai soli cittadini residenti nel Comune di Gardone Riviera

• accesso consentito in auto ed al solo conducente;

• obbligo per gli utenti e di evitare assembramenti;

• accesso contemporaneo al Centro Raccolta al massimo con n. 2 autovetture con n. 1 conducente

per autovettura;

• obbligo di mantenere la distanza di 1 metro all'interno del centro di raccolta;


• obbligo di indossare la mascherina o altro indumento atto a tenere coperti naso e bocca e i guanti;

Visti gli artt. 50 c. 5 e 54 del TIJEL e richiamata pertanto la propria competenza;

ORD INA

a seguito delle criticita connesse alla gestione dei rifiuti urbani a seguito dell' emergenza epidemiologica

da COVID-19, ai sensi dell'art. 191 del D.Lgs. 152/2006, di attuare le seguenti forme straordinarie,

temporanee e speciali di gestione dei rifiuti urbani, anche in deroga alle disposizioni vigenti per garantire

la tutela della salute pubblica e dell'ambiente:

la parziale riapertura del Centro Raccolta Differenziata posto in Loe. Traina,

dal giomo 1 7 Aprile 2020 fino al giomo 02 Maggio 2020 nel rispetto degli orari sotto specificati:

Lunedi- Mercoledi e Venerdi dalle ore 14.00 - alle 17.00

Martedi- Giovedi e Sabato dalle ore 9.00- alle 12.00

e cio per il solo conferimento degli scarti vegetali provenienti da utenze domestiche in cui NON

sono presenti soggetti positivi al tampone o in isolamento o in guarantena obbligatoria, derivanti

da attivita di manutenzione del verde privato ed alle seguenti condizioni:

• accesso consentito ai soli residenti nel Comune di Gardone Riviera

• accesso consentito solo in autoed al solo conducente (divieto di accedere a piedi o in bicicletta);

• obbligo per gli utenti di non scendere dall'auto fino all'ingresso nel Centro Raccolta e di evitare

assembramenti;

• accesso contemporaneo al Centro Raccolta al massimo con n. 2 autovetture con n. 1 conducente

per autovettura;

• obbligo di mantenere la distanza di 1 metro all'intemo del centro di raccolta;

• obbligo di indossare la mascherina o altro indumento atto a tenere coperti naso e bocca e i guanti;

DIS PONE

• Il divieto di conferimento di qualsiasi altra tipologia di rifiuto da parte delle utenze

domestiche

• di consentire ii solo tragitto dall'abitazione di residenza al centro di raccolta per il

conferimento dagli scarti vegetali delle utenze domestiche, nel rispetto delle modalita e

orari sopra precisati.

• che ii personale il servizio presso il centro di raccolta venga adeguatamente formato ed

informato e dotato dei DPI necessari;


ORDINA ALTRESI'

Alla Polizia Locale e al Gruppo Comunale di Protezione Civile:

• di vigilare sulla scrupolosa osservanza della presente ordinanza, la cui violazione prevede

l'applicazione delle sanzioni previste dalla Legge;

• di vigilare affinche l'accesso al Centro Raccolta Differenziata dei Rifiuti in loc. Traina si svolga

in modo ordinato, in collaborazione con l' ente gestore, con facolta di adottare ogni misura idonea

per il pieno rispetto delle disposizioni in materia di contenimento dell'emergenza

epidemiologica, inclusa la sospensione degli accessi e/o la cbiusura anticipata del Centro

Raccolta, qualora venissero accertate modalita improprie di accesso al Centro stesso;

DISPONE ALTRESI'

• che il presente atto, immediatamente esecutivo, venga pubblicato sull' Albo Pretoria online del

Comune · e sul sito dell' Amministrazione e trasmesso agli uffici interessati ed a Garda Uno S.p.a.,

affinche, ciascuno per quanto di propria competenza, si attivi al fine di dame puntuale esecuzione;

• che le disposizioni contenute nel presente atto rimangano in vigore fino al 02 maggio 2020 e/o fino

a successivo e diverso provvedimento da assumersi in relazione al protrarsi e/o evoluzione dello

stato di emergenza da COVID-19;

• che copia della presente ordinanza sia trasmessa alla Prefettura di Brescia, al Distaccamento Polizia

di Stato di Salo, alla Compagnia dei Carabinieri di Salo, alla stazione Carabinieri di Gardone

Riviera, alla Tenenza della Guardia di Finanza di Salo, alla Polizia Locale e al Gruppo Comunale

di Protezione Civile.

INFORMA

• Ai sensi dell'art. 3 della legge n. 241/90, qualunque soggetto ritenga il presente atto illegittimo e

lesivo di un proprio interesse, puo proporre ricorso innanzi al Tribunale Anuninistrativo Regionale

di Brescia al quale debbono essere presentati i propri rilievi entro e non oltre 60 giorni dalla notifica

del presente atto.

• Nei casi presenti del D.P.R. 24.11.1971, n. 1199, e possibile presentare motivato ricorso al

Presidente della Repubblica Italiana entro e non oltre 120 giorni dalla notifica del presente atto.